KickOff 2015 Output finali degli 11 Play Team - Riassunto sintetico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "KickOff 2015 Output finali degli 11 Play Team - Riassunto sintetico"

Transcript

1 KickOff 2015 Output finali degli 11 Play Team - Riassunto sintetico Proprietà riservata FIGC Pagina 1

2 PLAY TEAM 1 Responsabilità Si parla di socialità, responsabilità, appartenenza. Si gioca la partita della prevenzione del disagio, non di quello tangibile di cui si occupano la medicina ma di quelle ferite invisibili che, quando inflitte anche involontariamente, riducono la felicità individuale di un gruppo e di una collettività. Il calcio così capillarmente diffuso fino ai bambini che lo giocano deve essere messo nella condizione di poter agire positivamente sul senso comune aristotelico, quell istinto sociale comunemente sentito da un intera nazione o gruppo. Il calcio offre la grande opportunità di poter contribuire alla costruzione identitaria e di valori di individui, sistemi e culture. In modo attivo perché, oltre a funzionare da potente enzima che facilita momenti di concreta aggregazione empatica e conviviale, diventa un marcatore del tempo sociale quotidiano. In modo passivo, perché il calcio contribuisce alla formazione del "sogno esistenziale" di individui e gruppi sociali, alla costruzione di quell'io Ideale che muove le fantasie di ragazzi e genitori. A livello di sistema il calcio va incluso nelle azioni riguardanti le future sfide morali, educative e sociali e nel dibattito sui valori comuni poiché, ipotizzando le giuste policies che potrebbero guidarne lo sviluppo e la regolamentazione, contribuirebbe a incrementare il livello di "felicità" delle generazioni a venire. Il calcio italiano, in questo senso, si sta già muovendo da tempo nella giusta direzione, tanto che recentemente è aumentato in modo significativo l impegno della FIGC e delle Leghe per l organizzazione di momenti di incontro e di educazione al tifo corretto nelle scuole, coinvolgendo i giovani studenti e gli stessi calciatori (anche e soprattutto a livello professionistico). Il sistema calcio può costituire un potente strumento per supportare gli scambi positivi. Gli interventi che può compiere in modo responsabile attraverso un impegno sociale non devono limitarsi a scissi finanziamenti spot a vantaggio di situazioni svantaggiate, ma contribuire a collocare il calcio non soltanto come centro di un sistema sportivo ma anche come nodo di una rete che unisca diversi ambiti che nell insieme partecipano a definire l ambiente culturale. Sarà attraverso una condivisione di risorse e obiettivi che il sistema implementerà la tendenza alla sostenibilità, che non sarà soltanto empatica ma anche economica, contribuendo a forgiare gli adulti del futuro. Il calcio deve connettersi in modo importante al territorio, anzitutto sistema sanitario e universitario, prevedendo specifici protocolli d'intervento a favore dei vulnerabili. Una tal collaborazione potrebbe contribuire a ridurre il fenomeno della dispersione scolastica, l'uso di droghe e la criminalità nonché sviluppare maggiormente quell'empatia che la pratica di un gioco di squadra favorisce senza eguali. Come potente veicolo d'inclusione sociale per migranti (si veda ad esempio il progetto RETE!, recentemente sviluppato dalla FIGC attraverso l organizzazione di un torneo di calcio al quale hanno partecipato 114 giovani migranti, provenienti da 16 centri di accoglienza di otto diverse regioni italiane) potrebbe riuscire a sconfiggere la "solitudine" degli stranieri che ancora oggi è uno dei principali responsabili della vulnerabilità dei popoli in transito. E dunque necessario uno stretto raccordo di network fra gli stakeholder, uno stimolo ad educare al calcio come sport, incontro con l'altro, inclusione sociale (giovani, genitori e i tecnici) per il benessere e la felicità soggettiva e collettiva. L obiettivo, in sintesi, è quello di arrivare a costruire un immagine positiva ed una strategia condivisa a livello nazionale. Una possibile proposta potrebbe riguardare l istituzione all interno della realtà FIGC di una vera e propria Commissione Etica di implementazione della felicità, che possa costantemente e in modo strutturato e multidisciplinare riflettere, elaborare e inviare proposte e feedback alla FIGC e alle altre componenti del sistema calcio. Proprietà riservata FIGC Pagina 2

3 PLAY TEAM 2 Partecipazione Il calcio, considerato la più grande fede laica al mondo, presenta alcuni numeri importanti che sono la base da cui partire per costruire un valore aggiunto che aumenti il grado di partecipazione a tutti i livelli. L obiettivo è quello di valorizzare la base della piramide del sistema calcio, ma anche il calcio del dopo lavoro, quello dei colleghi o degli amici che si incontrano per giocare e divertirsi insieme nel tempo libero, quindi target diversi anche per età. Un patrimonio inestimabile per qualsiasi startupper. A quest ultimo riguardo, l era digitale dovrebbe essere vista come un opportunità più che una minaccia (ampliamento dell audience e rimozione dei limiti - VoD/archivio). Questo comporta la creazione di un Hub attraverso il quale incorporare contenuti autoprodotti provenienti dalle diverse componenti del calcio di base, nonché pubblicarne altri creati ad hoc riguardo vari argomenti. Si crea così un canale bidirezionale di comunicazione con i tesserati e tutti gli appassionati, a cui possono essere trasmessi i valori sani del calcio. In particolare, i contenuti da sviluppare ed offrire potrebbero essere: - Education - video di lezioni tenute da allenatori vincenti, che possano essere d aiuto per tutti coloro che vogliono imparare e migliorare il proprio approccio nella gestione dei gruppi; - Valori - un canale sociale, attraverso il quale trasmettere messaggi di sensibilizzazione riguardo a temi quali salute (ad es. il problema dell obesità giovanile), etica, legame con il proprio territorio ecc; - Long Tail - trasmissione in streaming delle partite delle selezioni nazionali giovanili non coperte da diritti tv; - Memoria - un archivio storico, grazie al quale poter reperire informazioni, referti di vecchie gare e pillole riguardanti gli inizi di calciatori celebri. Il messaggio da veicolare al pubblico, in definitiva, è quello di una Federazione vicina a tutti, attraverso una maggiore attenzione ai servizi offerti. In tal modo dovrebbe passare un nuovo concetto di FIGC, riferimento naturale per chi ama condividere cose di calcio e che organizzi engagement, offrendo premi fortemente esperienziali. Ci può essere infine la possibilità di estendere il format di KickOff, organizzando un TEDx (Technology Entertainment Design), ideas worth spreading e creando continuità in rete nella forma di una great conversation di 24 h, al fine di allargare il dibattito e arrivare attraverso il crowd sourcing ad ulteriori forme di proposte condivise. Proprietà riservata FIGC Pagina 3

4 PLAY TEAM 3 Pre-visione L uso dei dati e la loro rappresentazione per mezzo di reti può aiutare a creare prospettive di sviluppo per la FIGC. Fidelizzazione di chi segue la Nazionale attraverso l utilizzo dell hashtag #FIGC, e raccolta utenti following e retwitting. Uso di questi contatti per comunicazione in tempi reali con tifoseria (es. evitate quelle strade ci sono disordini o incidenti), gratificazione utenza (es. la città che twitta di più ospita la Nazionale), sconti su materiale e biglietti. Creazione di valore a partire dal calcio attraverso scuole calcio, pacchetti corporate, piattaforme informatiche con immagini, filmati e racconti (aperte e in grado di vendere pubblicità), piattaforma dati in uso (a pagamento) ad aziende, piattaforma social focalizzata sui volontari. Caratterizzazione dei tifosi attraverso la vendita di biglietti personalizzati, tracciabilità degli acquirenti e lotta ai bagarini, gestione della reputazione della tifoseria, raccolta dati sugli interessi dei tifosi per produrre materiale di merchandising, scommesse, fornendo tramite bitcoin o altro mezzo individuato dal tifoso un premio per i comportamenti virtuosi. Dal lato tecnico e pedagogico, utilizzo dati tesserati per raccogliere informazioni su giocatori e tecnici, creazione di una griglia per quantificare punti di forza e debolezze ottimizzando il settore tecnico in maniera da selezionare i migliori giocatori e la miglior gestione dei team. Uso delle informazioni raccolte per gratificare i tesserati, mettere in contatto tecnici e giocatori, migliorare la tecnica e il valore atletico. Si dovrebbe cominciare a pensare ad una piattaforma di e-learning, orientata anche e soprattutto al mercato internazionale, con l obiettivo di valorizzare (e monetizzare) ulteriormente gli straordinari asset tecnici e il know-how a disposizione della FIGC. I contenuti di tale piattaforma riguarderebbero in particolare lezioni, testimonianze ed esperienze di rappresentanti di primo livello provenienti dal settore arbitrale e dal mondo degli allenatori e dei preparatori atletici. Molti dei contenuti possono essere già reperiti all interno della Federazione. Molte le sfide da affrontare nel passaggio dal cartaceo al digitale, come la creazione di know how che veda attive partnership per creare e valorizzare la piattaforma, fino al non trascurabile impatto sugli appassionati (Open Source Software) e l utilizzo della passione (dei genitori per esempio) per la raccolta dati. Proprietà riservata FIGC Pagina 4

5 PLAY TEAM 4 Condivisione Le valenze positive e socializzanti del calcio sono legate alla dimensione ludica. E una dimensione che si tende a perdere quando il calcio diventa altro, sfogo di malessere, motivo di fanatismo, business ecc. Il gioco porta con sé quella moderatezza così difficile da conciliare con la passione, si basa su regole (sottolineandone il valore), significa divertimento puro. Lo spirito relazionale del calcio è più forte dell antagonismo. E un piacere che coinvolge gli avversari al di là delle loro differenze e ha un potere attrattivo che unisce più di quanto divide, attirando mondi anche diversi tra loro. La capacità del calcio di unire attorno a un grande gioco ha un potenziale economico non sfruttato che richiede competenze manageriali e di marketing, andando oltre ai percorsi formativi specialistici. Solo il calcio come brand (e di conseguenza attraverso le squadre di conseguenza) può estrarre valore aggiunto moltiplicandolo e declinandolo su prodotti e servizi. Il mondo del calcio deve aprirsi alla società riducendo le distanze tra l ambiente degli addetti ai lavori (federazione, calciatori, giornalisti, tifoserie forti) e la società in cui il calcio viene vissuto, giocato, visto, seguito (la grande e la vera comunità del calcio ). Bisogna far emergere il mondo sociale intorno al calcio, governato dalla condivisione. E necessario dare più visibilità al mondo amatoriale, attraverso contaminazioni tra il mondo alto e quello basso. Portare i campioni tra i giovani e nelle manifestazioni sul territorio e creare occasioni di link tra il calcio spettacolo e i mondi satellite (calcio femminile ed altri sport). Il calcio di alto livello, con la forza delle passioni che scatena, è polo d aggregazione d altre esperienze, apparentemente minori ma che sommate fanno la coda lunga del calcio. Sarebbe importante adottare una comunicazione istituzionale sui piaceri della condivisione. Un nuovo story-telling multicanale, dalle fiction ai parchi tematici, che leghi il calcio (sia seguito che giocato) ai momenti importanti della vita e della socializzazione Calcio e (amore, amicizia, crescita, svago, passione..) Occorre sviluppare il concept del fuori stadio con intrattenimento dentro e fuori l impianto e la gestione di pacchetti turistici integrati. In sintesi: condivisione intesa come dialogo e relazione. Dall utilizzo della profilazione e gestione di database, fino ad una nuova mappatura degli stakeholder. L obiettivo deve anche e soprattutto essere quello di creare nuovi modelli di aggregazione dei diversi modi di fare calcio : Calcio a 11, Calcio a 5, Beach Soccer, Calcio Femminile e Calcio Amatoriale. Proprietà riservata FIGC Pagina 5

6 PLAY TEAM 5 Benessere In tutto il mondo occidentale si osserva una crescente mobilitazione per affrontare quella che l Organizzazione mondiale della sanità considera un'epidemia globale silenziosa, l obesità infantile. L Italia è il Paese della dieta mediterranea, che rappresenta il nostro modello socio-nutrizionale per eccellenza. Occorrono azioni tese a far crescere la cultura negli adulti, in sinergia interattiva fra il calcio ed altre agenzie dell educazione, promuovendo campagne di sensibilizzazione. Prioritario è anche programmare interventi per lo sviluppo di conoscenze relative alle abitudini alimentari, tenendo conto delle routine comportamentali dei bambini e degli adolescenti che, sempre più, utilizzano smartphone e social network come sistemi di comunicazione (mediante, ad esempio, la creazione di piattaforme digitali a tali scopi dedicate). È stato scientificamente provato che il gioco calcio, oltre alla sua matrice ludica, esercita una forte azione sul condizionamento fisico dei soggetti di tutte le età, in special modo rivelando un azione preventiva e terapeutica verso patologie cardiovascolari e del metabolismo in genere. Il sistema calcio e le istituzioni demandate ad organizzare le attività costituiscono lo spazio ideale per poter fornire linee guida al fine di elaborare programmi di lavoro e dare indicazioni che garantiscano stimoli sufficienti (quantità e qualità dell esercizio). E necessaria una strategia organica di interventi, finalizzata alla sostituzione nella dieta di cibi potenzialmente dannosi con alimenti altrettanto buoni e sani. Emerge anche la necessità di coinvolgere nell azione di contrasto al fenomeno del sovrappeso e dell obesità le scuole calcio, alla luce della loro capillare presenza sul territorio: esse devono avere un ruolo attivo nella vita di piccoli e piccolissimi, fare da educatori. Bisogna esaltare il profilo degli allenatori e tecnici, di cui va capitalizzato il ruolo trainante sul piano della psicologia dell età evolutiva, rispetto ai genitori e a figure del mondo della scuola, nel trasmettere norme e consigli da seguire. Per poter fare un salto di qualità bisogna poi ammodernare e rivalutare l impiantistica sportiva nelle scuole: gli istituti devono aprirsi al contesto sociale per permettere la pratica e il movimento. In quest ottica, accordi tra soggetti diversi ed enti locali volti alla creazione di playground liberi e pubblici (oltre la visione tradizionale degli oratori) farebbero da volano per la diffusione dell attività fisica. Il concetto in sintesi è riuscire a garantire il movimento per ogni tasca ed età. Tutti concordano poi nel rimarcare un deficit di conformazione urbanistica e la grande quantità di impianti malgestiti sul territorio, con la conseguenza di vedere aumentato il gap delle famiglie meno abbienti nel sostenere i costi per la partecipazione allo sport. Una buona ragione, questa, perché si promuova un azione di lobby per arrivare a soluzioni legislative e amministrative percorribili al fine di garantire maggiore fruibilità delle strutture. Inoltre sarebbe sbagliato inoltre non considerare l impatto comunicativo di cui dispongono le celebrità sportive, rispetto ai giornalisti, nel trasmettere una adeguata educazione alimentare ai più piccoli. Una linea di sviluppo in capo alla realtà del calcio organizzato potrebbe essere rappresentata dalla realizzazione di campagne sui media per incoraggiare le fasce giovani alla pratica sportiva. Il tutto in un linguaggio il più possibile chiaro e comprensibile, non tecnico. Un altro possibile progetto di riferimento riguarderebbe lo studio di una piattaforma on-line, a disposizione degli oltre giovani tesserati nell ambito dell attività del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC e dei loro genitori (oltre un milione di persone) e finalizzata alla promozione della cultura dell educazione alimentare (es. come ci si alimenta prima, durante e dopo un allenamento di calcio). Proprietà riservata FIGC Pagina 6

7 PLAY TEAM 6 Rigore Analizzando le problematiche inerenti ai rapporti tra le società ed i sostenitori e le positive novità normative in materia, con particolare riferimento ai contenuti dell art. 12 comma 8 del C.g.s. nonché all adozione di linee guida per favorire lo sviluppo di relazioni tra la tifoseria, i club e i tesserati emerge la necessità d affiancare alle politiche di natura repressiva, politiche fondate sul dialogo e l inclusione, implementando meccanismi che garantiscano l accreditamento/riconoscimento delle associazioni dei sostenitori che aderiscono ai principi e valori dell Ordinamento sportivo. Bisogna inoltre favorire la partecipazione alla governance della società per step progressivi dei rappresentanti delle associazioni accreditate/riconosciute (partecipazioni in qualità di uditori, costituzione di organismi endosocietari con funzioni di natura consultiva). Sostenere, particolarmente nell ambito dilettatistico, l azionariato popolare (attraverso lo strumento delle società cooperative dittantistiche) od i Supporters Trust. Valutare in chiave prospettica la possibilità di riconoscere alle associazioni dei sostenitori accreditate/riconosciute cittadinanzasportiva ossia il riconoscimenti agli aderenti alle predette associazioni dello status di soggetti dell ordinamento sportivo. Da un ampia disamina delle diverse responsabilità previste dal vigente Codice di Giustizia Sportiva, con riferimento in particolare alla responsabilità oggettiva rispetto allo status quo, bisogna passare ad una rivisitazione delle normative vigenti indicando le seguenti linee-guida: 1. Operare una netta distinzione tra le ipotesi di responsabilità oggettiva inerente alle condotte riferibili ai sostenitori e quella inerente alle condotte riferibili ai tesserati e, specificatamente, alla responsabilità da illecito sportivo. 2. Specificare con un maggior grado di puntualità i contenuti delle circostanze attenuanti/esimenti di cui all art. 13 del C.G.S. ed in particolare dell art. 13 comma 1 lett. a) individuando specifiche linee guida a cui dovranno attenersi le società nella predisposizione dei modelli organizzativi e di gestione di prevenzione. 3. Prevedere, nell ipotesi di responsabilità oggettiva per illecito sportivo, un sistema omologo a quello di cui all art. 13 C.g.s. attraverso la tipizzazione di plurime circostanze attenuanti (a titolo meramente esemplificativo l adozione ed attuazione dei modelli ex L. 231, l assenza di effettivo vantaggio), ricavabili anche dalla prassi applicativa degli Organi di Giustizia Sportiva, che ove congiuntamente accertabili possano esimere da responsabilità limitando, pertanto, a poche fattispecie concrete la responsabilità senza colpa. 4. Affrontare il tema della responsabilità presunta di cui all art. 4, comma 5, del C.G.S. La norma mira ad impedire che la società commetta illeciti, o tragga vantaggio da illeciti di cui essa era a conoscenza, commessi da soggetti ad essa estranei, dei quali non debba altrimenti rispondere, a titolo di responsabilità diretta od oggettiva non essendo coinvolti propri tesserati. Rispetto all attuale assetto normativo il gruppo propone di ricondurre la fattispecie dell illecito perpetrato da soggetti terzi a vantaggio delle società. Il tema della durata del vincolo sportivo nell ambito dell attività non professionistica porta a ritenere che si debba operare un più attento contemperamento tra le esigenze delle società e delle associazioni sportive e quelle degli atleti, rivisitando la normativa: Proprietà riservata FIGC Pagina 7

8 1. Rideclinazione del tesseramento nella fascia di età compresa tra i 6 e 16 anni quale patto educativo-formativo tra società e/o associazione, atleta e famiglie di durata pari alla singola stagione sportiva; 2. Previsione della durata annuale del vincolo per i tesseramenti successivi al compimento dei 16 anni in ambito non professionistico; per quanto attiene, per contro, le società professionistiche facoltà, al compimento dei 16 anni di stipulate contratto di lavoro ex art. 4 L. 91/1981 od in alternativa di un contratto di apprendistato per la qualifica nonché per l assolvimento dell obbligo di istruzione fino al compimento dei 19 anni; 3. Creazione di meccanismi indennitari e/o premiali in favore delle società e/o associazioni di puro settore giovanile e L.N.D. che hanno partecipato al percorso formativo educativo dell atleta nell età compresa tra i sei e i sedici anni. In occasione di ogni tesseramento successivo al compimento degli anni sedici e fino al compimento dei 21 anni la società che procede al tesseramento sarà tenuta a corrispondere alla Federazione una somma di danaro (parametrata alla categoria di appartenenza). La Federazione provvederà alla redistribuzione della somma ripartendola tra tutte le società e/o associazioni che hanno contribuito alla educazione e formazione (6-16 anni) dell atleta in misura percentuale e ponderata all incidenza nel processo educativo-formativo. Proprietà riservata FIGC Pagina 8

9 PLAY TEAM 7 Creatività Il calcio, fatto di cultura, è un pezzo epico della nostra storia, una leva di riscatto popolare. Etnico, come sintesi tra etica ed identità nazionale Il calcio, patrimonio etico culturale, come forma di globalizzazione del senso estetico, un linguaggio, emozioni, bellezza atletica, che hanno radici più profonde nei sogni e nelle riflessioni condivise. Un fenomeno culturale e identitario di rebranding della Nazionale, in termini di heritage, valori e leve. Attraverso un processo di rafforzamento dell identità istituzionale e ridefinizione di identità nazionale. Il mito della maglia e le bandiere che l hanno sostenuto ed edificato. Importante l idea di un utilizzo attivo della memoria, come costruzione di un luogo fisico e culturale della nostra storia e della nostra cultura; va quindi analizzato il ruolo degli impianti sportivi e degli stadi nell identificazione di luoghi fisici e l influenza dei fattori di spettacolarizzazione e contaminazione. Entrando all interno dei progetti delle scuole, guardare all insegnamento dello sport ed in particolare del calcio come più complessa metafora della vita, guardando ad esperienze di school federation cup. Rivisitando alcuni meccanismi di gestione della passione come la tessera del tifoso, pensare ad una tessera della famiglia, per tifosi ed appassionati non solo per le partite del proprio club ma per l intero mondo degli eventi federali, aperti e non chiusi, delle manifestazioni sportive e ludiche afferenti al sistema calcio. Un laboratorio Italia, un gruppo di lavoro permanente affianco alla federazione, fucina di idee e progetti, estro e creatività ma soprattutto spinta ad una nuova progettualità. Un lavoro di sintesi e definizione di un nuovo modello paese da comunicare e da esportare fuori dall Italia ma che parli italiano nello stile e nella sostanza. Proprietà riservata FIGC Pagina 9

10 PLAY TEAM 8 Spettacolarità Nel dibattito sull impiantistica e le infrastrutturazione sportiva, emerge l assoluta impossibilità di definire un modello univoco, standard e categorizzato di stadio italiano, in termini di progettazione, richiesta di servizi, funzionalità e capienza, in quanto ogni realtà locale e territoriale presenta peculiarità e specificità proprie. Gli stessi casi esteri di riferimento - in particolare Germania e Inghilterra - non possono costituire modelli importabili acriticamente. Se, tuttavia, il modello italiano non può essere definito in modo univoco per quanto concerne gli aspetti più di natura tecnico-progettuale e morfo-tipologica, è allo stesso tempo plausibile individuare alcune linee guida virtuose. Una sorta di individuazione di un DNA dello stadio italiano in grado di costituire il filo rosso che lega i singoli interventi nei differenti contesti. Stadio come luogo, in contrapposizione all impianto concepito unicamente come oggetto, sempre più capace di esprimere architettura, funzionalità e spazialità che siano in grado di valorizzarne presenza sul territorio, riconoscibilità, senso d appartenenza, funzionalità trasversale e anche responsabilità didattica su comportamenti e abitudini. Elemento caratterizzante dell area circostante, polo di aggregazione non solo per i tifosi bensì per l intero contesto locale. Stadio urbano concepito come vero e proprio pezzo di città, perfettamente integrato nel tessuto urbano circostante e in grado di creare occupazione e fornire prodotti e servizi alle diverse comunità di residenti ed eventualmente (soprattutto nel caso di investimenti in nuovi impianti) agire come catalizzatore per un processo di riqualificazione. Manifesto del concetto del non consumo di suolo, principale paradigma del costruire contemporaneo. Occorrerà rafforzare il meccanismo della consultazione tra la società e gli stakeholder. La parola chiave in questo caso è condivisione. Uno stadio, in sintesi, in grado di creare relazioni e rappresentare elemento di condivisione, anziché divisione, valorizzando la figura del Community Liaison Officer, magari all interno di un Project Monitoring Committee (PMC) composto da rappresentanti dell ente proprietario dell impianto, dell amministrazione comunale e delle diverse comunità di residenti. Un meccanismo virtuoso, che, come nel caso dell Aviva Stadium di Dublino, ha permesso di attenuare le prime resistenze da parte della comunità locale rispetto al progetto del nuovo impianto e di eliminare alcune criticità progettuali per realizzare un infrastruttura personalizzata al luogo. Fondamentale risulta anche il livello e la qualità dei servizi da offrire all interno degli stadi, secondo alcune principali dimensioni di riferimento come sociologia, tecnologia e multimedialità. A livello architettonico e ingegneristico seguire una logica di flessibilità, adattabilità, versatilità e modularità. Il tema della sostenibilità dovrà sempre rappresentare l elemento centrale, particolarmente l aspetto ambientale: aziende appartenenti al settore della green economy stanno sempre più investendo nel calcio, sia a livello di sponsorizzazioni che in termini di sviluppo di sinergie e iniziative congiunte. Da qui l esigenza di organizzazione workshop tematici, fiere, convegni e altri momenti di incontro tra le società calcistiche e aziende. Sostenibilità economica: in questo senso, le nuove tecnologie e le nuove tipologie di servizi (es. stadium app) potranno apportare un significativo valore aggiunto. Con investimenti minimi si potrebbe aumentare esponenzialmente il livello di servizi e di fruibilità degli stessi all interno degli stadi già esistenti: wi-fi, considerando CRM, applicazioni personalizzate e social network. Ancora workshop e momenti di incontro per uno Stadio-Smart, che permetta agli utenti di approcciare lo stadio - il luogo - con modalità, mezzi, ritmi eco-compatibili e, appunto, sostenibili, al fine di vivere un esperienza dall elevato valore aggiunto e una corporate hospitality di qualità. Uno stadio ispirato alla logica della Proprietà riservata FIGC Pagina 10

11 plurifunzionalità, aperto il maggior numero possibile di giorni alla settimana per iniziative, attività ed eventi corporate ma anche specificatamente indirizzati ai diversi stakeholder presenti nella comunità locali. Si segnala inoltre la possibilità di elaborare delle linee guida di valore strategico per la progettazione, costruzione e gestione degli impianti calcistici italiani sulla falsariga di quelle che la UEFA ha già proposto e indicato a livello internazionale (UEFA Guide to Quality Stadiums). Una ultima proposta, forse la più attuabile, elaborata all interno del Play Team 8 riguarda la creazione di un vero e proprio laboratorio tecnico permanente, costruito con la presenza di manager FIGC, esperti del settore e del mondo accademico (ad esempio il Politecnico di Milano) che possa costituire un vero e proprio punto di riferimento (in termini di consulenza e supporto) per tutti quei soggetti che intendono investire in un nuovo impianto o riqualificare lo stadio già esistente, in una logica di eccellenza e di formazione continua. Proprietà riservata FIGC Pagina 11

12 PLAY TEAM 9 Equilibrio La formula è 5x7, esistono cioè cinque specificità dell industria calcio, che si sviluppano su di un continuum positivo/negativo, da cui scaturiscono sette raccomandazioni per il futuro del sistema calcio. Del totale delle caratteristiche analizzate, tre sono tipiche del Sistema Paese Italia: 1. La peculiarità (positiva) del prodotto calcio: il suo successo è legato alla capacità di poter rappresentare per ogni consumatore una fonte potenziale di soddisfazione al contempo alta e variabile (un prodotto alto rischio/alto rendimento ); 2. La peculiarità (positiva) del mercato: il mix tra globalizzazione e innovazione tecnologia allarga in modo inedito il perimetro dei mercati di fruizione, in qualunque dimensione (geografica, culturale, temporale); 3. La peculiarità dell offerta: il prodotto calcio è offerto da una pluralità di società calcistiche, assolutamente eterogenee per obiettivi, caratteristiche produttive e di governo, dimensioni; 4. Una peculiarità (negativa) delle regole: l incapacità di garantire l assenza di squilibri economici e finanziari; 5. Una peculiarità del regolatore: nell assetto di governo del regolatore (la FIGC) sono rappresentati i regolati. La dimensione delle regole e la relativa inefficacia nell applicazione delle stesse rappresenta un rischio rilevante per l industria calcio Italia, in quanto può minare le dimensioni maggiormente positive, sia la peculiarità di prodotto sia quella relativa al mercato. Squilibrio genera squilibrio, minimizzando i ritorni di sistema. Per affrontare tale rischio, ed assumendo che la peculiarità dell eterogeneità nell offerta non la si voglia cambiare (scelta politica), si raccomanda di individuare e/o rafforzare, per ogni tipologia di società calcistica: 1. Regole sulla trasparenza, correttezza e comprensibilità della situazione reddituale, patrimoniale ed organizzativa, anche più stringenti di quelle previste per le società non calcistiche; la certificazione obbligatoria potrebbe essere finanziata anche con meccanismi mutualistici; 2. Regole sulla sostenibilità economica e finanziaria, attuale e prospettica, anche basate su meccanismi di rating; 3. Regole sulla professionalità ed onorabilità di amministratori e proprietari, inclusa la trasparenza dell assetto della proprietà e del controllo; 4. La definizione delle regole di cui ai punti 1-3 nonché delle relative regole automatiche di sanzione per le violazioni devono essere affidate ad un organismo dotato dei requisiti di indipendenza ed accountability, se del caso, esterno e professionale; 5. Regole mutualistiche finalizzate al rispetto della sostenibilità economica e finanziaria devono essere caratterizzate anche da meccanismi ad incentivo efficaci, in termini di mantenimento della peculiarità del prodotto e del mercato 6. Il meccanismo delle regole ai punti 1-5 deve essere esportabile a livello internazionale, in quanto esempio di buone pratiche, e nel contempo difendibile, rispetto a normative internazionali che viceversa ne intacchino l efficacia 7. Regole efficaci nate dall industria calcio, aumentandone la robustezza e la credibilità, che possano contribuire a rafforzarne la legittima domanda di migliori regole generali, quali quelle legate: all attrattività rispetto ad investimenti esteri, inclusi quelli connessi a manifestazioni internazionali; alle infrastrutture, con particolare attenzione agli stadi; alla tutela dei marchi; in generale allo sviluppo dell industria medesima. Proprietà riservata FIGC Pagina 12

13 PLAY TEAM 10 Valore La FIGC è chiamata a produrre Valore e a destinarlo ai propri interlocutori, così come ha la necessità di spiegare, proprio perché soggetto cardine del sistema calcio, quali forme di Valore le sono proprie, tramite quali attività e progettualità le produce, quali risorse (capitali) impiega per poterle concretizzare, quali rischi possono comprometterne la capacità realizzativa. Analizzando le interconnessioni esistenti tra Valore, attività, capitali e rischi si ottengono spunti utili alla rappresentazione organica, ma sintetica, di come la FIGC declini i propri obiettivi strategici. Partendo da un inquadramento statutario e dalla mappa degli stakeholder presentata nel Bilancio Sociale 2014, si possono individuare le forme di Valore che l attività federale è tenuta a produrre: esse sono di natura diversa e fanno riferimento alla sfera dei valori intangibili (es il brand, l immagine e la reputazione, la coerenza comportamentale mantenuta al proprio interno piuttosto che monitorata e richiesta agli altri attori del sistema), finanziari (es l equilibrio piuttosto che la massimizzazione del risultato da attività commerciali), sociali (es l aggregazione e l inclusione, la lotta alla violenza e alle discriminazioni, la tutela dei minori, la salute fisica dei tesserati) o organizzativi (es i risultati sportivi, le qualifiche tecniche dei tesserati, l innovazione e lo sviluppo delle infrastrutture e l incremento del profilo di competenza delle risorse umane che ne compongono la struttura). Tra le risorse (i capitali), la cui rilevanza è maggiore per poter produrre quei Valori individuati, ci sono sicuramente il capitale finanziario (le cui fonti sono sia effetto delle politiche contributive e del tesseramento sia risultato di una gestione commerciale efficace di diritti TV, sponsorizzazioni, eventi e merchandising), il capitale umano (i circa 480 tra dipendenti e collaboratori), il capitale intellettuale (il know-how e l organizzazione con le proprie regole di funzionamento, il brand FIGC e gli asset le squadre nazionali, i sistemi informativi e il sito internet come snodo nella comunicazione esterna), il capitale sociale e relazionale (l insieme dei rapporti istituzionali, sul territorio, con le organizzazioni internazionali oltre che la catena che dalla Federazione, per il tramite, delle Leghe e delle Componenti Tecniche, delle squadre, dei tesserati e delle famiglie raggiunge gli oltre 40 milioni di appassionati di calcio in Italia), il capitale produttivo (il Centro Tecnico Federale di Coverciano, le sedi e le strutture formative e ricettive). Meno rilevante, per la natura stessa dell attività federale, il capitale naturale (quanto consumato dal capitale produttivo in termini di risorse naturali). Il collegamento tra quelle forme di Valore (in output) e i capitali necessari per generarle (in input) transita per le iniziative, le attività e la progettualità necessaria a rendere concretamente realizzabili gli obiettivi definiti. Tra queste risultano rilevanti le iniziative per aumentare la managerialità interna e, in un ottica di indirizzo, delle società sportive. Gli interventi che, sfruttando le continue novità tecnologiche e lo sviluppo della rete come media di riferimento di un pubblico sempre più nativo digitale, mirano a migliorare la percezione su cosa la FIGC è, su cosa si impegna e con quali risultati, sviluppando così il bacino potenziale degli appassionati e dei tifosi. Ripensare la relazione con il sistema scolastico dell obbligo consentirà di ampliare lo stesso bacino degli appassionati e di veicolare ai giovani i primi insegnamenti sul valore dello sport, della vita sana e di un adeguato stile alimentare. Interventi sulla riconoscibilità degli asset proprietari consentiranno di aumentare il senso di appartenenza delle persone, di riconoscibilità degli stessi come centri di eccellenza e di prevederne di nuovi quale strumento utile allo sviluppo di iniziative di merchandising e di valorizzazione del brand. Infine, ancorché sia in realtà prioritaria, la gestione tecnica finalizzata al raggiungimento dei risultati sportivi nelle competizioni alle quali le nazionali Proprietà riservata FIGC Pagina 13

14 partecipano. Quanto è stato prodotto dal Play Team 10 Valore costituisce la base per la progettualità sulla quale la FIGC si è già impegnata ponendosi tra gli obiettivi del 2015 la predisposizione del primo Bilancio Sociale integrato: evolvere dalla logica multi-stakeholder del bilancio sociale verso la focalizzazione sulla creazione del valore rappresenta la sfida che, come primo passo nel KickOff 2015, è stata intrapresa, per la prima volta al mondo, da una Federazione sportiva. Proprietà riservata FIGC Pagina 14

15 PLAY TEAM 11 Futuro L Italia ha l occasione di candidarsi a diventare laboratorio di innovazione del calcio come modello culturale, sociale ed economico. Una nuova fase costituente, che definisca una chiara divisione di ruoli tra Federazione e Leghe, prendendo ad esempio il modello di rapporto tra Banca Centrale indipendente e Banche Commerciali con separazione tra controllato e controllore, per evitare fenomeni di cattura regolatoria, con lo scopo di promuovere democrazia e meritocrazia. Leghe minori trasformate in agenzie di servizio con la responsabilità di implementare le direttive, così da assicurare economie di scala e trasparenza. Piattaforme tecnologiche abilitanti per Leghe e squadre, che facilitino le funzioni di indirizzo e controllo nella gestione del fair play finanziario con processi cloud, che garantiscano vigilanza e governance centralizzate, e piattaforma informativa tecnico-atletica interoperabile. Innovare l intero ecosistema con un approccio da digital platform, ridisegnare un modello della domanda in logica esperienziale, prendendo atto che i metadati di tifosi e tesserati sono un asset importante. Affiliazione al team e appartenenza al movimento devono costituire congiuntamente momenti inscindibili della nuova social experience, standardizzata centralmente affinché possa essere operativamente sfruttata dalle Leghe e dalle rispettive squadre. L idea, in sintesi, è quella di creare una vera e propria Piattaforma Digitale a disposizione della FIGC. Tale piattaforma sarà orientata alla valorizzazione dei seguenti ambiti: Processi di governance B2B (Business to Business, finalizzato alla gestione dei rapporti con gli altri principali portatori di interesse): introduzione di una piattaforma tecnologica che possa razionalizzare e facilitare le funzioni di governance, indirizzo e controllo della FIGC (con riferimento ad esempio alla gestione delle Licenze Nazionali, delle Licenze UEFA e del Financial Fair Play). Processi B2C (Business to Consumer, ovvero la gestione delle relazioni con i clienti finali): questa piattaforma, trasversale all intero movimento calcistico di tifosi e praticanti, dovrà abilitare il life-cycle management per massimizzare il senso di appartenenza ma anche la creazione e l appropriazione di valore economico, attraverso gli effetti di complementarietà sia in termini di prodotti (merchandising, wearable devices, editoria e strumentazione tecnica, etc.) sia in termini di servizi (pratica, infrastrutture e attrezzature di leisure and wellness, software di analisi e di profilazione, etc.). Il calcio italiano ha numeri e potenzialità per diventare fattore trainante di crescita globale dell economia e della società italiana: football come quarta F dell eccellenza italiana insieme a fashion, food & furniture (4F). Pianificazione di tournee all estero per gare ufficiali, da collegare con la promozione dei diritti gratuiti di streaming video a fronte dell iscrizione alla piattaforma di affiliati alla Federazione. Un altra proposta potrebbe riguardare la realizzazione, su licenza da concedere da parte della FIGC, di un Parco Tematico dedicato al Calcio Italiano, finalizzato alla valorizzazione a livello nazionale ed internazionale degli asset storici, tecnici ed esperienziali di tutto calcio italiano e della Nazionale. Il valore dei Prezzi moltiplicati per Volumi di servizi in logica tradizionale (ingressi e diritti televisivi) Proprietà riservata FIGC Pagina 15

16 è strutturalmente inferiore al valore implicito di Affiliati moltiplicati per un valore medio di Sottoscrizione, non necessariamente monetario (secondo la formula P x V < A x S). Solo aggregando e governando l enorme patrimonio delle identità e dei profili comportamentali, il calcio può recuperare un terreno di sostenibilità economica e organizzativa, nel rispetto dei principi sportivi di competizione collaborativa. La somma delle singole squadre non sarà mai superiore al tutto dell intero movimento. Il massimo valore si genera attirando il massimo livello di attenzione umana da parte degli utenti di tutto il mondo. E opportuno utilizzare modelli freemium che prevedano l accesso gratuito, sussidiato dalla pubblicità, di grandi masse di utenti ai servizi di base, con meccanismi di pricing crescente e progressivo al crescere di servizi e di esperienze. Contro la pirateria la fruizione universale dell esperienza di base è un obiettivo razionale per massimizzare il valore del movimento, legalizzata attraverso lo scambio di metadati trasparenti, che poi l intero ecosistema potrà sfruttare a scopi commerciali. Questo approccio potrebbe essere sperimentato offrendo a Paesi esteri crescenti diritti in streaming digitale, in modalità freemium, a condizione che gli utenti siano certificati e autenticati. Proprietà riservata FIGC Pagina 16

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli