L'efficienza dell'involucro degli edifici in legno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'efficienza dell'involucro degli edifici in legno"

Transcript

1 ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI) L'efficienza dell'involucro degli edifici in legno prof. ing. Paolo Baggio Università di Trento

2 Efficienza Energetica Le motivazioni P. Baggio - Milano - Ott

3 La Sostenibilità Energetica L' Unione Europea e gli USA sono attualmente concentrati sul miglioramento della prestazione energetica degli edifici Anche i maggiori protocolli di certificazione assegnano a questo aspetto un'importanza rilevante ARCA valorizza la intrinseca sostenibilità della costruzione in legno unedola con l'efficienza energetica P. Baggio - Milano - Ott

4 Il traguardo: Near Zero Energy Building "near zero energy building" «edificio a energia quasi zero»: edificio ad altissima prestazione energetica,... Il fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo dovrebbe essere coperto in misura molto significativa da energia da fonti rinnovabili, compresa l energia da fonti rinnovabili prodotta in loco o nelle vicinanze (dalla Direttiva 2010/31/UE ) P. Baggio - Milano - Ott

5 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? Final energy consumption in Europe (source: EU energy and transport in figures European Communities, 2010) P. Baggio - Milano - Ott

6 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? Final energy consumption in USA (from 2008 Buildings Energy Data Book edited by NREL/DOE ) P. Baggio - Milano - Ott

7 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? Gli edifici sono responsabili del 40 % del consumo globale di energia nell Unione. Il settore è in espansione, e ciò è destinato ad aumentarne il consumo energetico. Pertanto, la riduzione del consumo energetico e l utilizzo di energia da fonti rinnovabili nel settore dell edilizia costituiscono misure importanti necessarie per ridurre la dipendenza energetica dell Unione e le emissioni di gas a effetto serra (dalla Direttiva 2010/31/UE ) P. Baggio - Milano - Ott

8 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? intensità energetica in Europa Data source: Eurostat and the European Commission's Ameco database. P. Baggio - Milano - Ott

9 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? Malgrado i leggeri miglioramenti di efficenza energetica nei nuovi edifici, il miglioramento delle condizioni di vita ha controbilanciato buona parte del potenziuale dii risparmio energetico. Il consumo medio di energia per il riscaldamento degli edifici in Europa si aggira intorno a kwh/ m 2 P. Baggio - Milano - Ott

10 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? Household energy consumption, space heating per m2, climate corrected Source: Energy and environment report EEA 1 kgoe = 11,4 kwh P. Baggio - Milano - Ott

11 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? P. Baggio - Milano - Ott

12 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? Non è difficile progettare e costruire un edificio che richieda kwh/m 2 per anno per il riscaldamento (questo è il minimo correntemente richiesto in molti stati per gli edifici di nuova costruzione) i costi addizionali sono usualmente trascurabili (meno del 2% senza considerare il costo del terreno) P. Baggio - Milano - Ott

13 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? Accettando costi iniziali più alti del % di quelli standard è possibile progettare edifici che richiedano meno di kwh/ m 2 per anno (case passive) I costi addizionali sono facilmente recuperabili in pochi anni con i risparmi sui costi di esercizio P. Baggio - Milano - Ott

14 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? P. Baggio - Milano - Ott

15 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? Il potenziale di risparmio energetico del settore edilizio è immenso, probabilmente il maggiore in assoluto. Come mai non è ancora stato sfruttato? P. Baggio - Milano - Ott

16 PERCHE' LOW ENERGY BUILDINGS? E' difficile effettuare il retrofit degli edifici esistenti (che sono la grande maggioranza). Il settore delle costruzioni è tradizionalista e conservatore, e l'innovazione procede con un passo molto lento. Vi sono studi che dimostrano che il settore è affetto da inefficienze che portano a costi per l'utente finale che sono significativamente più alti di quelli ottimali (si potrebbero ridurre del %) ARCA costituisce un'occasione importante per innovare il mercato P. Baggio - Milano - Ott

17 TOWARD LOW ENERGY BUILDINGS? Sia l'europa che gli USA sono consci della necessità di muoversi in questa direzione. In Europa è stata definitivamente approvata la Direttiva 2010/31/UE (recast della direttiva 2002/91/CE) In the US, the Government s Building America programme is focused on research and promotion of the drive towards zero energy buildings. P. Baggio - Milano - Ott

18 California has committed to achieving zero net energy for all residential construction by 2020, P. Baggio - Milano - Ott

19 ARCA qualità dell'involucro ed efficienza energetica P. Baggio - Milano - Ott

20 Le Categorie ARCA Prerequisito Totale crediti CATEGORIA PRESTAZIONI TECNICHE (PT) 50 PT.1 Sicurezza antisismica SI 6 PT.2 Resistenza e sicurezza al fuoco SI 12 PT.3 Efficienza energetica dell'edificio SI 11 PT.4 Isolamento acustico SI 9 PT.5 Permeabilità all aria dell edificio SI 7 PT.6 Ventilazione meccanica controllata NO 5 CATEGORIA GESTIONE EDIFICIO (GE) 30 GE.1 Regole della qualità costruttiva SI 24 GE.2 Piano di manutenzioni dell'edificio SI 3 GE.3 Polizza assicurativa postuma decennale NO 3 CATEGORIA EDILIZIA SOSTENIBILE (ES) 20 ES.1 Legno certificato SI 6 ES.2 Programma di progettazione integrata SI 4 ES.3 Materiali basso emissivi NO (*) 4 P. Baggio - Milano - Ott ES.4 Produzione locale NO 6 20 MASSIMO PUNTEGGIO OTTENIBILE 100

21 Il progettista architettonico/edile concepisce l'edificio. Il punto di partenza! Il progettista termotecnico dimensiona gli impianti. P. Baggio - Milano - Ott

22 Bilancio energetico dell'edificio termini inclusi Perdite per trasmissione e ventilazione dagli spazi riscaldati verso l'esterno Scambi termici per trasmissione e ventilazione verso zone adiacenti Apporti interni Apporti di energia solare Perdite (degli impianti) nella produzione distribuzione emissione e regolazione Fabbisogno di energia primaria (degli impianti) P. Baggio - Milano - Ott

23 Bilancio energetico dell'edificio procedura di calcolo Vanno definiti i confini della zona riscaldata e degli eventuali spazi non riscaldati Lo spazio riscaldato va suddiviso in zone omogenee per temperatura e apporti solari Per i dati climatici attualmente si usa la norma UNI Normalmente si effettua il calcolo su base mensile E' prevedibile l'evoluzione verso il metodo di calcolo orario (estivo / intermittenza funzion.) P. Baggio - Milano - Ott

24 Altro messaggio Al di là degli adempimenti burocratici, il progettista dovrebbe mettere a punto un modello dell'edificio che consenta di ottimizzarne le prestazioni sia in fase di progettazione che, successivamente, durante l'esercizio P. Baggio - Milano - Ott

25 SILVER BULLET Non c'è una singola tecnologia che risolva il problema Il funzionamento e l'ottimizzazione di un edificio è un problema complesso in cui entrano molti fattori Occorre quindi un attenzione sistematica a tutti gli aspetti P. Baggio - Milano - Ott

26 Low energy buildings Occorre una stretta collaborazione tra progettisti architettonici e degli impianti. Fin dalle fasi iniziali della progettazione occorre considerare il bilancio energetico complessivo dell'edificio e quindi anche l'interazione edificio impianto. P. Baggio - Milano - Ott

27 Efficienza energetica e certificazione ARCA (PT.3) Il regolamento ARCA richiede come prerequisito consumi energetici inferiori ai limiti di legge. Vengono premiati con un elevato numero di crediti (fino a 11) gli edifici che conseguono riduzioni nei consumi invernali ed estivi e che fanno uso consistente di energie rinnovabili. P. Baggio - Milano - Ott

28 L'involucro P. Baggio - Milano - Ott

29 L'involucro L'involucro e la struttura dell'edificio hanno un importanza fondamentale nel controllo del microclima interno Presumibilmente la durata dell'involucro sarà superiore a quella degli impianti (che durante la vita utile dell'edificio verranno probabilmente rimodernati più volte) Per poter soddisfare il fabbisogno dell'edificio con energie rinnovabili il fabbisogno di energia deve essere modesto P. Baggio - Milano - Ott

30 Evoluzione del bilancio energetico dell'edificio (1/3) Diminuiscono le perdite di calore per trasmissione: pareti: U da 0,6-0,7 a < 0,25 W/m 2 K finestre: U da 3,5-3,3 a <1,1 W/m 2 K Aumenta il guadagno solare delle finestre (differenza tra perdite ed ingressi di energia) specie se poste a Sud P. Baggio - Milano - Ott

31 Evoluzione del bilancio energetico dell'edificio (2/3) Diminuiscono i consumi complessivi dell'edificio: da a meno di 50 kwh/m 2. Diventano convenienti i sistemi a bassa temperatura (che possono fornire calore con superfici di scambio ragionevoli) le pompe di calore e si va verso il riscaldamento solare passivo. P. Baggio - Milano - Ott

32 Evoluzione del bilancio energetico dell'edificio (3/3) Va prestata molta attenzione al comportamento estivo (considerando, in particolare, l'entità della radiazione solare in Italia) Occorre pertanto: evitare un ingresso eccessivo di radiazione solare attraverso le superfici trasparenti assicurare un'adeguata capacità termica alle strutture evitando gli edifici leggeri. P. Baggio - Milano - Ott

33 pannello multistrato fibra di legno lana minerale cartongesso rasatura s = 25 cm Parete legno multistrato a fibre incrociate di spessore 85/95 mm; esternamente è applicato un rivestimento a cappotto termico in fibra di legno naturale compressa (spessore di 10/12 cm). Nella parte interna della parete: due pannelli di cartongesso da mm un intercapedine di 27/30 mm pannello portante multistrato

34 Caratteristiche di una parete esterna Descrizione Spessore Conducibilità Densità termica [m] [W/(m K)] [kg/m 3 ] Cartongesso 0,025 0, Lana minerale 0,03 0, Pannello multistrato 0,085 0, Fibra di legno 0,1 0, Rasatura 0,01 0, Trasmittanza termica: U = 0,24 W/(m 2 K) Dal D. Lgs. 311/06 (zona F) U min = 0,33 W/(m 2 K)

35 materiale s λ µ ρ c [m] W/(mK) [kg/m³] kj/(kg K) A 1 P.llo in cartongesso B 1 P.llo multistrato in legno C 1 P.llo in lana di roccia D 1 P.llo in lana di roccia E 1 Listelli in abete rosso F 1 Guaina G 1 Listelli in abete rosso H 1 Intercapedine d aria R U M τ=σ(rρcs) Indici di riferimento I 1 Rivestimento [(m²k)/w] di larice [W/(m²K)] 0.02[kg/m²] 0.15 [h] ,07 4,32 0,19 0, A1B1C1D2E2F1G1H1I1 A1B1C1D1E1F1G1H1I1 Modulus time [h] Report internal thermal admittance 2,626 2,48 external thermal admittance 2,797 3,15 periodic thermal transmittance 0,015-17,89 internal areal heat capacity 35993,60 external areal heat capacity 38310,91 thermal transmittance 0,1911 decrement factor 0,078

36 Esempi da UNI EN 14683

37 Calcolo con UNI EN ISO ψ L = 0,0044 W/(m K)

38 ψ L = 0,0645 W/(m K)

39 Simulations have been carried out with the TRNSYS code Reference has been made to Venice summer weather: 33 C maximum temperature, 22 C minimum temperature, 52% relative humidity, 45 N latitude Wood Insulation Bricks Internal Plaster Insulation External Plaster Insulation Tile Concrete Tile Concrete Insulation Wood Masonry slab Plaster A Building envelope components: A) wood construction; B) brick and concrete construction B

40 Specific power needed by systems Masonry Construction Wood Construction Specific power [W/m 2 ]

41 Operative temperatures Masonry Construction Wood Construction Temperature [ C]

42 edificio residenziale Vigo di TON (TN) GG = 3143 Zona F Trasmittanza termica di componenti di involucro: Muro esterno: U = 0,24 W/(m 2 K) Tetto: U = 0,27 W/(m 2 K) Geometria: Volume: 727 m 3 Area: 242 m 2 Area finestrata / Area disperdente totale = 0,08

43 Metodologia di calcolo della prestazione energetica Flussi di energia (da UNI EN 15615) P. Baggio - Milano - Ott

44 Linee generali di azione Avere chiari i flussi di energia e le interdipendenze, questo facilità la realizzazione di impianti sostenibili. Un impianto sostenibile sarà ottimizzato per risparmiare energia Un presupposto fondamentale è, però, che siano state ottimizzate le prestazioni dell'involucro dell'edificio, tenendo conto sia della trasmissione del calore per conduzione/convezione attraverso i componenti sia della radiazione solare P. Baggio - Milano - Ott

45 Linee generali di azione Negli impianti di riscaldamento e di raffrescamento, i sistemi che non richiedono fonti energetiche addizionali (elettricità) per la ventilazione (ventilazione naturale) e per lo scambio termico (convezione naturale e radiazione, cioè radiatori e pannelli radianti) vanno utilizzati ogniqualvolta è possibile. P. Baggio - Milano - Ott

46 Il rendimento globale medio stagionale Il progettista degli impianti deve curare in modo particolare l'effettivo valore assunto dal rendimento globale medio stagionale (spesso > 80%). Da questo punto di vista assume particolare rilievo una corretta regolazione che spesso manca P. Baggio - Milano - Ott

47 Riassumendo Il regolamento ARCA richiede di: Ridurre i fabbisogni (carichi) estivi ed invernali Realizzare impianti con la più elevata efficienza possibile Cercare di ottenere risparmi (anche economici) da un approccio integrato: maggiore isolamento = impianti più semplici schermi solari = gruppi frigoriferi più piccoli P. Baggio - Milano - Ott

48 Qualità delle strutture (PT.5, GE.1) P. Baggio - Milano - Ott

49 Strutture in legno e umidità Le strutture in legno presentano numerosi vantaggi anche in termini di sostenibiltà ambientale. Con le attuali tecnologie è possibile ottenere da materiali a base di fibra di legno ottime proprietà isolanti ( λ = 0,04 W m -2 K -1 ). Occorre porre molta attenzione i fenomeni di migrazione dell'umidità. P. Baggio - Milano - Ott

50 Condensazione interstiziale Migrazione del vapore p i g La migrazione del vapore attraverso le pareti è approssimabile con un processo di diffusione governato dalla legge di Fick. p e P. Baggio - Milano - Ott

51 Experimental data Computed distribution 35 w / [kg/m 3 ] Figure 2. Moisture redistribution in a wood wool slab with T = 20 C x /[mm] P. Baggio - Milano - Ott Redistribuzione dell'umidità in una lastra di legno sottoposta a T = 20 C

52 Caratteristiche dei rivestimenti superficiali esterni I rivestimenti superficiali esterni debbono proteggere dagli agenti atmosferici, in particolare dalla pioggia. Ma, per avere un buon funzionamento della struttura, debbono anche permettere la fuoriuscita del vapore (talvolta viene utilizzato il termine, tecnicamente impreciso, traspirabilità). P. Baggio - Milano - Ott

53 Verifiche termoigrometriche Il regolamento ARCA non solo richiede che l'involucro sia verificato secondo UNI EN ISO ma pone particolare attenzione alla qualità delle strutture in modo da garantirne la durata e le prestazioni. Il legno, se il contenuto di umidità sale sopra il 18%, è soggetto ad attacco biologico da parte di microrganismi fungini ( UNI EN 335-3:1998 ). P. Baggio - Milano - Ott

54 Installazione Concordare in anticipo (dovrebbe essere compito anche dei progettisti) i punti di passaggio di tubazioni e condotti per evitare di dover procedere a demolizioni/ forature in fase di messa in opera. Porre speciale attenzione nella posa in opera/attraversamento di elementi strutturali realizzati a secco (pareti di legno) per evitare di creare punti di ingresso di infiltrazioni d'aria o zone critiche per la condensazione del vapore P. Baggio - Milano - Ott

55 Installazione Installare i componenti di impianto in modo che siano facilmente accessibili, garantendo spazi adeguati per le operazioni di manutenzione che si rendano necessarie in futuro Ovunque ciò sia esteticamente accettabile, lasciare le tubazioni/condotte in vista in modo da facilitare interventi successivi di riparazione e di smontaggio/recupero P. Baggio - Milano - Ott

56 Blower Door test A fine lavori va effettuato il test di tenuta all'aria secondo UNI EN P. Baggio - Milano - Ott

57 Gli impianti Ventilazione meccanica controllata (PT.6) P. Baggio - Milano - Ott

58 Evoluzione del bilancio energetico dell'edificio La ventilazione diviene una quota importante del fabbisogno complessivo (può incidere per kwh/m 2 ) Sistemi di ventilazione controllata con recupero termico P. Baggio - Milano - Ott

59 Fabbisogno energetico ventilazione nel sett. residenziale 120,0 100,0 80,0 fabb. [kwh/mq ] 60,0 40, ,0 0,0 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 1,2 1,4 1,6 n. ric. aria [vol/h] P. Baggio - Milano - Ott

60 Ventilazione controllata In uso da tempo per edifici commerciali e uffici con indici di affollamento elevati (i.e. impianti di condizionamento) dove è ormai prassi consolidata il recupero termico (ruote entalpiche, etc.). Ultimamente vengono proposti anche per gli edifici residenziali P. Baggio - Milano - Ott

61 Ventilazione controllata Negli edifici residenziali occorre prestare attenzione a: portata aria non inferiore a 0,5 vol./h (sorgenti interne di inquinamento: cucina, persone, candele) compatibilità con cucine, stufe (in maiolica), caminetti, e le indispensabili prese d'aria (di sicurezza!). i consumi elettrici dovuti a ventilatori pompe di circolazione ed eventuale piastra di cottura P. Baggio - Milano - Ott

62 Ventilazione controllata Negli edifici residenziali occorre prestare attenzione a: manutenzione (pulizia e sostituzione filtri): chi la fa, chi la paga? il funzionamento nelle mezze stagioni: nei climi umidi potrebbero essere necessarie portate più elevate (o l'apertura delle finestre) il funzionamento estivo: il ventilatore può facilmente surriscaldare l'aria ed il raffrescamento geotermico potrebbe non essere sufficiente! P. Baggio - Milano - Ott

63 Ventilazione controllata E' una nuova opportunità, ma va studiata e messa in opera con molta cura. L'utente deve essere preparato P. Baggio - Milano - Ott

64 Impianto ventilazione P. Baggio - Milano - Ott

65 65

66 Ventilazione controllata In ogni caso è necessario progettare anche la ventilazione dell'edificio La cosa è particolarmente importante per gli edifici in legno P. Baggio - Milano - Ott

67 Linee generali di azione Quando è prevista la ventilazione meccanica, vanno ridotte al minimo le perdite di carico e le portate utilizzate ogniqualvolta è possibile, anche utilizzando sistemi a portata variabile, e vanno utilizzate apparecchiature con la massima efficienza disponibile I ventilatori hanno generalmente consumi molto elevati P. Baggio - Milano - Ott

68 Ventilazione meccanica controllata e recuperatori di calore Difficilmente i recuperatori a flussi incrociati hanno efficienze medie superiori al 50% Le migliori efficienze si ottengono con recuperatori rotanti entalpici (gli unici potenzialmente in grado di garantire recuperi anche d'estate) Nella stagione estiva, l'effetto del recuperatore può essere dannoso e pertanto va prevista la possibilità di by-pass. P. Baggio - Milano - Ott

69 Ventilazione meccanica controllata e recuperatori di calore Nelle stagioni intermedie, è in generale più efficiente ricorrere alla ventilazione naturale (apertura di finestre). Nei limiti del possibile, va sempre prevista la ventilazione ibrida o mista (l'utente sceglie se utilizzare ventilazione meccanica o naturale) installando sistemi di interblocco che arrestino la ventilazione e la climatizzazione negli ambienti in cui vengono aperte le finestre P. Baggio - Milano - Ott

70 Ventilazione meccanica controllata e recuperatori di calore In tutti gli impianti di ventilazione meccanica controllata andrebbero previsti sistemi di regolazione automatica della portata basati sulla rilevazione della qualità dell'aria (contenuto di CO2 e/o vapore) Gli impianti di ventilazione meccanica dovrebbero consentire la regolazione della ventilazione per ogni singolo ambiente P. Baggio - Milano - Ott

71 Ventilazione Nei casi più complessi è opportuno procedere a simulazioni P. Baggio - Milano - Ott

72 Prestazioni acustiche (PT.4 - Isolamento acustico) P. Baggio - Milano - Ott

73 Classificazione acustica di unità immobiliari in funzione dei requisiti prestazionali (nuova proposta) Classe Isolamento acustico normalizzato di facciata D 2m,nT,w [db] Potere fonoisolante apparente di divisori verticali e orizzontali fra ambienti di differenti unità immobiliari R w [db] Livello di pressione sonora di calpestio normalizzato fra ambienti sovrapposti e/o adiacenti di differenti unità immobiliari L nw [db] Livello sonoro corretto immesso da impianti a funzionamento continuo [db(a)] L ic,eq Livello sonoro corretto immesso da impianti a funzionamento discontinuo L ic,max, [db(a)] I II III IV Qualora un requisito abbia caratteristiche peggiori rispetto a quelle proprie della classe IV, esso si considera non classificabile e viene caratterizzato con l acronimo NC. P. Baggio - Milano - Ott

74 Il potere fonoisolante di una partizione R ( f ) = 10 Log 1 τ [db] ( I ) R= 10 Log ( I inc I tras) R= L I, inc L I,tras P. Baggio - Milano - Ott

75 Indice di valutazione del potere fonoisolante Si può descrivere in modo sintetico con un unico valore la capacità fonoisolante di una parete usando l indice di valutazione del potere fonoisolante, R w. Σ scarti < 32 db P. Baggio - Milano - Ott

76 Potere fonoisolante in funzione della massa In prima approssimazione per incidenza normale vale la seguente dipendenza nota come legge di massa, in cui M è la massa frontale della parete [kg/m 2 ] e f la frequenza: Potere fonoisolante [db] ,5 Massa superficiale [kg/m²] P. Baggio - Milano - Ott Frequenza [Hz]

77 Valori abituali del potere fonoisolante di una partizione R La legge di massa P. Pareti Baggio in - Milano legno -tradizionali Ott non hanno grandi prestazioni 77 M

78 Pareti multistrato Isolamento acustico [db] Isolamento caratteristico di una parete doppia Isolamento teorico di una parete semplice ~12 db/ B/ottava legge di massa: 6 db/ottava a) b) Frequenza, f [Hz] f f f f n Sistemi meccanici paragonabili a quelli di una parete doppia: a) Masse indipendenti separate da intercapedine d aria b) Masse indipendenti con interposizione di materiale fonoassorbente P. Baggio - Milano - Ott

79 Pareti multistrato Quando si desideri migliorare l isolamento di una parete senza aumentare in modo eccessivo il suo peso è possibile ottenere buoni risultati con pareti costituite da più strati di materiali diversi alcuni rigidi e pesanti tra i quali vengono interposti materiali leggeri aventi funzione elastico-smorzante. Quando infatti il suono che si propaga in un mezzo ne incontra un altro di caratteristiche diverse il secondo oppone una resistenza al passaggio delle onde. Il parametro che descrive la diversità dei diversi mezzi rispetto alla propagazione del suono è l impedenza acustica, prodotto di densità del mezzo e velocità del suono, ρc, [kg/(s m 2 )]. In particolare si possono utilizzare le cosiddette doppie pareti pareti costituite da un doppio tavolato in laterizio con interposta un intercapedine libera o riempita di materiale fonoassorbente. P. Baggio - Milano - Ott

80 Pareti multistrato Il parametro che descrive la diversità dei diversi mezzi rispetto alla propagazione del suono è l impedenza acustica, prodotto di densità del mezzo e velocità del suono, ρc, [kg/(s m 2 )]. ρ 1 c 1 ρ 2 c 2 ρ 3 c 3 ρ 4 c 4 a) b) P. Baggio - Milano - Ott

81 Un esempio di parete verticale in legno pannello multistrato fibra di legno lana minerale cartongesso rasatura U = 0,23 W/m 2 K R w = 57dB s = 25 cm Parete legno multistrato a fibre incrociate di spessore 85/95 mm; rivestimento a cappotto termico in fibra di legno naturale compressa (10/12 cm). Nella parte interna della parete: due pannelli di cartongesso da mm, un intercapedine di 27/30 mm, pannello portante P. multistrato Baggio - Milano - Ott

82 Pareti multistrato in legno Pareti multiple - l effetto della presenza di materiale fonoassorbente in intercapedine P. Baggio - Milano - Ott

83 L isolamento dei pannelli di rivestimento P. Baggio - Milano - Ott

84 L effetto della sigillatura P. Baggio - Milano - Ott

85 Il fiancheggiamento Rumori aerei P. Baggio - Milano - Ott

86 Disgiunzione tra diversi elementi Rumori aerei Il legno: teoria ed applicazione nelle costruzioni Treviso, 1 Marzo 2007 P. Baggio - Milano - Ott

87 Riassumendo: i fattori che influenzano il potere fonoisolante di una partizione 1) La massa specifica [kg/m 2 ] 2) La presenza di strati di materiali diversi 3) Presenza di cavità e loro riempimento con materiale fonoassorbente 4) Le connessioni ai bordi 5) La presenza di fessure, cricche 6) Il fiancheggiamento Valori abituali del potere fonoisolante di una partizione P. Baggio - Milano - Ott

88 Isolamento da rumori impattivi Il metodo efficace per ridurre il rumore da impatto (oggetti che cadono, passi, etc.) consiste nell'interporre tra gli strati del solaio un materiale in grado di smorzare le oscillazioni generate dall'urto. I materiali idonei all'uso sono i cosiddetti materiali resilienti: gomma, sughero, cartone di fibra, sabbia, segatura, lana di vetro ed analoghi; Le caratteristiche indispensabili che devono possedere i materiali resilienti sono: elevata resistenza alla compressione; modulo di elasticità dinamico basso e vicino al valore del modulo di elasticità statico. Messa in opera dei materiali resilienti: immediatamente sopra alla soletta, sotto il massetto e la pavimentazione ottenendo quello che viene definito pavimento galleggiante. P. Baggio - Milano - Ott

89 Il pavimento Il metodo efficace per ridurre il rumore da impatto (oggetti che cadono, passi, etc.) consiste nell'interporre tra gli strati del solaio un materiale in grado di smorzare le oscillazioni generate dall'urto. La riduzione del livello normalizzato di calpestio è fortemente dipendente dalla rigidità dinamica s dello strato resiliente I materiali idonei all'uso sono i cosiddetti materiali resilienti: gomma, sughero, cartone di fibra, sabbia, segatura, lana di vetro ed analoghi; le caratteristiche indispensabili che devono possedere i materiali resilienti sono: - elevata resistenza alla compressione; - modulo di elasticità dinamico basso e vicino al valore del modulo di elasticità statico. P. Baggio - Milano - Ott

90 Rumore da calpestio Luogo L n, w (db) L nt (db) Camera Cucina P. Baggio - Milano - Ott

91 Pavimenti galleggianti: esempi P. Baggio - Milano - Ott

92 L effetto della finitura P. Baggio - Milano - Ott

93 Riassumendo: i fattori che influenzano il potere fonoisolante di una partizione 1) La massa specifica [kg/m 2 ] 2) La presenza di strati di materiali diversi 3) Presenza di cavità e loro riempimento con materiale fonoassorbente 4) Le connessioni ai bordi 5) La presenza di fessure, crack 6) Il fiancheggiamento Valori abituali del potere fonoisolante di una partizione P. Baggio - Milano - Ott

94 Isolamento rumori da calpestio Scarti sfavorevoli 10 db P. Baggio - Milano - Ott

95 Grazie a tutti voi per l'attenzione! P. Baggio - Milano - Ott

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

Corso di aggiornamento 1

Corso di aggiornamento 1 REGIONE LOMBARDIA - Accompagnamento e formazione degli Enti Locali nella predisposizione di Piani d Azione Locali per l attuazione del Protocollo di Kyoto nell ambito dei processi di Agenda 21 Locale Tecniche

Dettagli

Comportamento dinamico dell involucro opaco

Comportamento dinamico dell involucro opaco Comportamento dinamico dell involucro opaco Prof. Ing. Pietro Stefanizzi Politecnico di Bari E-mail: pietro.stefanizzi@poliba.it Bari, 3 ottobre 2014 CONDUTTIVITA TERMICA? UNI 10351:1994 Materiale solido

Dettagli

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo 1-Efficaci elementi di schermatura delle superfici vetrate ( esterni o interni) 2-Ottimizzare la ventilazione naturale 3-Eventuale ventilazione

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI

CHIUSURE VER VER ICALI CHIUSURE VERTICALI In generale si definisce CHIUSURA l insieme delle unità tecnologiche e degli elementi del sistema edilizio aventi funzione di separare e di conformare gli spazi interni del sistema edilizio

Dettagli

E750. -44 db. COMFORT ABITATIVO Fattore solare 45% G. SICUREZZA E TENUTA Tenuta all acqua classe. RISPARMIO ENERGETICO Fattore termico Uw 0,7

E750. -44 db. COMFORT ABITATIVO Fattore solare 45% G. SICUREZZA E TENUTA Tenuta all acqua classe. RISPARMIO ENERGETICO Fattore termico Uw 0,7 COMFORT ABITATIVO Fattore solare 45% G SICUREZZA E TENUTA Tenuta all acqua classe E750 RISPARMIO ENERGETICO Fattore termico 0,7 mqk ISOLAMENTO ACUSTICO Potere fono isolante Rw -44 db E-save: finestre salva

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE Regione VENETO Comune di ROVIGO PROGETTO PER LA NUOVA COSTRUZIONE DI 6 EDIFICI RESIDENZIALI PER COMPLESSIVE 8 UNITA ABITATIVE RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE Proprietà:

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

Isolamento Estivo. 1. Il vantaggio di un buon isolamento termico in inverno e in estate

Isolamento Estivo. 1. Il vantaggio di un buon isolamento termico in inverno e in estate Isolamento Estivo Isolamento Estivo Abitare sostenibile implica un isolamento ottimale dal caldo e dal freddo, in grado di ridurre i consumi, far risparmiare denaro agli abitanti ed energia alla casa.

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli

Termofisica dell involucro edilizio

Termofisica dell involucro edilizio Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 Termofisica dell involucro edilizio Problematiche termoigrometriche dell elemento di involucro edilizio opaco prof. ing. Anna Magrini, Università

Dettagli

sistema DAMPER isolamento acustico

sistema DAMPER isolamento acustico sistema DAMPER isolamento acustico DAMProll 3 Materassino in gomma per isolamento rumori da calpestio SILEREX 5 Premiscelato sfuso in gomma per isolamento vibrazioni, rumori impattivi e da calpestio DAMPstrip

Dettagli

basso consumo energetico

basso consumo energetico Impianti radianti a pavimento negli edifici a basso consumo energetico Verona, 4 ottobre 2012 Prof. Michele De Carli Dipartimento di 2 Dipartimento di Edifici a basso consumo, definizione: Edifici a basso

Dettagli

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ)

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) La situazione edilizia in Italia è particolarmente anziana. Circa due terzi degli edifici esistenti sono antecedenti

Dettagli

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno LA TRASMITTANZA TERMICA DI STRUTTURE OPACHE La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante:

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: ACUSTICA EDILIZIA Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: a) definizione dei limiti di benessere; b) individuazione e caratterizzazione delle fonti di

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO 1. LA TRASMITTANZA TERMICA La grandezza più importante per caratterizzare il comportamento termico dell involucro

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO

COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO Prof. Ing. Pietro Stefanizzi Politecnico di Bari Dipartimento di Architettura ed Urbanistica Sezione Fisica Tecnica Via Orabona 4-7025 Bari p.stefanizzi@poliba.it

Dettagli

Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET ABSTRACT

Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET ABSTRACT Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET arch. Consuelo Nava A cura di R. Astorino ABSTRACT NORMATIVE TECNICHE DI RIFERIMENTO D.Lgs 19 agosto 2005, n 192 Attuazione della direttiva 2002/91CE

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SECONDO Dlgs 192/05 E Dlgs 311/06 AGEVOLAZIONI DELLE FINANZIARIE 2007 E 2008 INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SECONDO Dlgs 192/05 E Dlgs 311/06 AGEVOLAZIONI DELLE FINANZIARIE 2007 E 2008 INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SECONDO Dlgs 192/05 E Dlgs 311/06 AGEVOLAZIONI DELLE FINANZIARIE 2007 E 2008 INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI Ing. Roberto Bussolino (matr. 6406X ord. Ingegneri di

Dettagli

MARCOTHERM LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SISTEMA DI ISOLAMENTO TERMICO ESTERNO A CAPPOTTO

MARCOTHERM LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SISTEMA DI ISOLAMENTO TERMICO ESTERNO A CAPPOTTO MARCOTHERM LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SISTEMA DI ISOLAMENTO TERMICO ESTERNO A CAPPOTTO NORME DI RIFERIMENTO SULL EFFICIENZA ENERGETICA A livello comunitario, le normative di riferimento in materia di

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

una sfida da vincere anche con il legno

una sfida da vincere anche con il legno Nella direzione del cambiamento costruiamo case in legno AMBIENTE una sfida da vincere anche con il legno Problemi epocali come l inquinamento atmosferico ed il riscaldamento globale ci toccano in quanto

Dettagli

BENIMPACT Suite. Piattaforma Software per la progettazione integrata di edifici sostenibili. M.Zanato, S.Dematté, A.Messina

BENIMPACT Suite. Piattaforma Software per la progettazione integrata di edifici sostenibili. M.Zanato, S.Dematté, A.Messina BENIMPACT Suite Piattaforma Software per la progettazione integrata di edifici sostenibili M.Zanato, S.Dematté, A.Messina Sommario 1 BENIMPACT Suite Progetto BENIMPACT BENIMPACT Suite: supporto alla progettazione

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER REALIZZAZIONI AD ALTE PRESTAZIONI

SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER REALIZZAZIONI AD ALTE PRESTAZIONI SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER REALIZZAZIONI AD ALTE PRESTAZIONI COPERTURA FACCIATA VENTILATA CAPPOTTO CONTROPARETE DIVISORIO INTERNO RESIDENZA PASSIVA COLDA EST Arch. ETTORE PEDRINI IL PROGETTO Complesso

Dettagli

PER LA PARTE DIVULGATIVA: UTILIZZARE PARAGRAFI 1 E 4 PER LA PARTE SCIENTIFICA I PARAGRAFI 2 E 3 ISOLAMENTO TERMICO ESTIVO E CAPPOTTO

PER LA PARTE DIVULGATIVA: UTILIZZARE PARAGRAFI 1 E 4 PER LA PARTE SCIENTIFICA I PARAGRAFI 2 E 3 ISOLAMENTO TERMICO ESTIVO E CAPPOTTO Isolamento Estivo PER LA PARTE DIVULGATIVA: UTILIZZARE PARAGRAFI 1 E 4 PER LA PARTE SCIENTIFICA I PARAGRAFI 2 E 3 ISOLAMENTO TERMICO ESTIVO E CAPPOTTO Per abitare sostenibile noi intendiamo un ottimale

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale Emilia Romagna n.1362 del 20/09/10- ALLEGATO 4

Deliberazione della Giunta Regionale Emilia Romagna n.1362 del 20/09/10- ALLEGATO 4 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 09.01.91 N. 10 ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Deliberazione

Dettagli

STRUTTURE TRASPARENTI. Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015

STRUTTURE TRASPARENTI. Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015 STRUTTURE TRASPARENTI Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015 1 NORMATIVA TECNICA NAZIONALE UNI EN 410:2000. Vetro per edilizia - Determinazione delle caratteristiche luminose e solari delle vetrate. UNI

Dettagli

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio Tesi di laurea triennale in Architettura per il progetto, Politecnico di Torino; Candidata: Elisa Sirombo Relatore: Guglielmina

Dettagli

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

ANPE - 2a Conferenza Nazionale

ANPE - 2a Conferenza Nazionale Norme tecniche e attuazione della Direttiva UE 2010/31 arch. Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI RECEPIMENTO DIRETTIVA 31/2010/UE 2a Conferenza Nazionale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Comune di MILANO. Provincia di MILANO. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico

RELAZIONE TECNICA. Comune di MILANO. Provincia di MILANO. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Comune di MILANO Provincia di MILANO RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n.192 Decreto Legislativo 29 dicembre

Dettagli

BIOEDILIZIA E COMFORT ABITATIVO: Soluzioni progettuali e costruttive per l'involucro edilizio

BIOEDILIZIA E COMFORT ABITATIVO: Soluzioni progettuali e costruttive per l'involucro edilizio BIOEDILIZIA E COMFORT ABITATIVO: Soluzioni progettuali e costruttive per l'involucro edilizio COSE IL CELENIT? Cemento Portland grigio / bianco Lana di legno di abete rosso CaCO 3 - Carbonato di calcio

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities. Ventilazione. Paolo Baggio Univ. Di Trento

ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities. Ventilazione. Paolo Baggio Univ. Di Trento ENERBUILD WP 5.3 Killer Arguments and opportunities Ventilazione Paolo Baggio Univ. Di Trento Overview dei problemi di ventilazione nelle residenze Gli edifici ad alte prestazioni sono edifici a tenuta

Dettagli

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico FIERA NUOVA BERGAMO Alta efficienza e basso consumo: analisi economiche e soluzioni intelligenti Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico D.Lgs n.

Dettagli

LE COPERTURE VENTILATE

LE COPERTURE VENTILATE ELEMENTI DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A.A. 2007-2008 2008 Prof. Luca Venturi LE COPERTURE VENTILATE PREMESSA La copertura si configura come un sistema edilizio complesso, finalizzato a fornire determinate

Dettagli

PARETI E DIVISORIE PERIMETRALI IN MURATURA. Isolanti minerali in lana di vetro per tutte le esigenze di protezione da calore, rumore e fuoco EDILIZIA

PARETI E DIVISORIE PERIMETRALI IN MURATURA. Isolanti minerali in lana di vetro per tutte le esigenze di protezione da calore, rumore e fuoco EDILIZIA COMFORT TERMICO ED ACUSTICO NELL EDILIZIA PARETI PERIMETRALI E DIVISORIE IN MURATURA Isolanti minerali in lana di vetro per tutte le esigenze di protezione da calore, rumore e fuoco 2 Isolanti minerali

Dettagli

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA SOMMARIO - PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA 4 5 6 8 GENERALITà IL PRODOTTO Vital LE APPLICAZIONI Assorbimento

Dettagli

APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E

APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E TECNICI PUNTO ENERGIA L Attestato di Prestazione Energetica alla luce del Decreto Legge 63/2013. Esempi di calcolo. Prof. Ing. Dimitrios

Dettagli

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia Sola Ing. Pierfranco TERMOTECNICO CERTIFICATORE ENERGETICO REGIONE PIEMONTE TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA REGIONE PIEMONTE PROFESSIONISTA ANTINCENDIO ISCRITTO NEGLI ELENCHI MINISTERO INTERNI Via A. Savoia

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

ANPE - 2a Conferenza Nazionale

ANPE - 2a Conferenza Nazionale 2a Conferenza Nazionale Poliuretano Espanso Rigido ISOPA Passive House Vanessa Pereira Technical Officer Bologna, 26 Maggio 2015 Passive House I vantaggi chiave Progettata come nearly zero energy building

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

Il progettista e la sfida delle riqualificazioni

Il progettista e la sfida delle riqualificazioni Il progettista e la sfida delle riqualificazioni Un esperienza virtuosa in Classe A Relatore: ing. Michele Sardi Edificio di partenza Classe G Edificio in fase di riqualificazione energetica Classe A Contenuti

Dettagli

IMPIANTO TERMICO 1. APPARTAMENTO 1.1 2. APPARTAMENTO 2.1 3. APPARTAMENTO 2.2 4. APPARTAMENTO 2.3

IMPIANTO TERMICO 1. APPARTAMENTO 1.1 2. APPARTAMENTO 2.1 3. APPARTAMENTO 2.2 4. APPARTAMENTO 2.3 LAVORI DI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO DEGLI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VICOLO OBERDAN DA DESTINARE ALLA LOCAZIONE PRIMARIA A CANONE CONCERTATO (Legge 431/1998) IMPIANTO TERMICO 1. DATI

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA Chiara Scrosati ITC-CNR Istituto per le Tecnologie della Costruzione del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A INFORMAZIONI TECNICHE ED ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI BERGAMASCHI COSTRUZIONI BORGO DEL PARMIGIANINO N.22 43121 PARMA TEL. 0521233166 FAX 0521238024 www.bergacos.it CLASSE ENERGETICA A+ Gli edifici

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

ECO-BUILDING: le tecnologie CAE a supporto della progettazione integrata di edifici sostenibili... anche nei costi

ECO-BUILDING: le tecnologie CAE a supporto della progettazione integrata di edifici sostenibili... anche nei costi ECO-BUILDING: le tecnologie CAE a supporto della progettazione integrata di edifici sostenibili... anche nei costi Università di Trento: Prof. Antonio Frattari Dott. Ing. Maria Cristina Grillo Enginsoft:

Dettagli

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno.

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA il marchio di qualità degli edifici in legno ARCA, ARchitettura Comfort Ambiente è il primo sistema di certificazione dedicato alle costruzioni

Dettagli

EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI. Giovanni Zambon

EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI. Giovanni Zambon Milano, 22 febbraio 2010 EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI Giovanni Zambon DISAT Università degli Studi di Milano - Bicocca INTRODUZIONE Gli edifici ad uso collettivo presentano caratteristiche

Dettagli

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno.

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA il marchio di qualità degli edifici in legno ARCA, ARchitettura Comfort Ambiente è il primo sistema di certificazione dedicato alle costruzioni

Dettagli

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO Giovanni Riva 1 DECRETO REQUISITI MINIMI Servizi considerati e metodologia di calcolo La

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO Immobile Alloggi E.R.P.S. INDIRIZZO Via Cerruti BIOGLIO ( BI ) COMMITTENTE INDIRIZZO Comune di Bioglio Via Cerruti

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE 2009 STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE Arch. Riccardo Giacobazzi CISA Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale 15/09/2009 INDICE Introduzione... pag. 3 Analisi energetica della struttura.....pag.

Dettagli

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI ALLEGATO 2 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Risparmio energetico e comfort in un edificio a uso abitativo Federico Fontanili Studio Alfa Reggio Emilia

Risparmio energetico e comfort in un edificio a uso abitativo Federico Fontanili Studio Alfa Reggio Emilia Risparmio energetico e comfort in un edificio a uso abitativo Federico Fontanili Studio Alfa Reggio Emilia La verifica termica, acustica e microclimatica effettuata in sito su un edificio massivo, costruito

Dettagli

EDIFICI A ENERGIA ZERO Il protocollo SACERT ZEB. Prof. Giuliano Dall O (Politecnico di Milano) Ing. Elisa Bruni (SACERT)

EDIFICI A ENERGIA ZERO Il protocollo SACERT ZEB. Prof. Giuliano Dall O (Politecnico di Milano) Ing. Elisa Bruni (SACERT) EDIFICI A ENERGIA ZERO Il protocollo SACERT ZEB AGOMENTI TRATTATI La Direttiva europea 31/2010 e gli edifici a energia quasi zero Elementi che caratterizzano le metodologie esistenti per gli edifici ZEB

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA

RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA L accumulo di gas serra negli strati medi dell atmosfera, favorendo l intrappolamento delle energia riflessa dalle radiazioni solari, determinano l aumento della temperatura

Dettagli

Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere del sistema edificio-impianto

Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere del sistema edificio-impianto Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere del sistema edificio-impianto L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle

Dettagli

REPORT INFORMATIVO NANOTECNOLOGIE PER L EDILIZIA INDUSTRIALE & RESIDENZIALE

REPORT INFORMATIVO NANOTECNOLOGIE PER L EDILIZIA INDUSTRIALE & RESIDENZIALE REPORT INFORMATIVO NANOTECNOLOGIE PER L EDILIZIA INDUSTRIALE & RESIDENZIALE CODIS srl Italy - Catania C.so delle Province 38 tel. 095 383945 www.codis.it Le Nanotecnologie sono tecniche che consentono

Dettagli

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE DETRAZIONI FISCALI DEL 55% PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE NEL 2010 DISTRIBUZIONE DEL NUMERO DELLE RICHIESTE DI DETRAZIONE

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Villetta monofamiliare Via Roma - Milano (MI) Edilclima srl MILANO Rif.

Dettagli

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam Pregyver sistema lastre- Pregyroche PANNELLI ACCOPPIATI I PANNELLI ACCOPPIATI SINIAT I pannelli preaccoppiati Siniat

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI EDILIZI AD ALTA PRESTAZIONE ENERGETICA

TECNOLOGIE PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI EDILIZI AD ALTA PRESTAZIONE ENERGETICA TECNOLOGIE PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI EDILIZI AD ALTA PRESTAZIONE ENERGETICA PROGRAMMA Parte I - Caratteristiche tecniche e sostenibilità dei materiali isolanti Celenit Parte II - Isolamento termico

Dettagli

La verifica termoigrometrica. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia

La verifica termoigrometrica. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia La verifica termoigrometrica Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia 1 - Igrometria: l aria umida - Temperatura di rugiada, umidità specifica e umidità relativa - Il controllo dell umidità: requisiti

Dettagli

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO prof. ing. Politecnico di Torino Dipartimento di Energetica

Dettagli

LEGGEREZZA E COMFORT

LEGGEREZZA E COMFORT I TEMI TRATTATI STRUTTURALE ABITATIVO steelmax by TM INNOVATIVO CONCETTO DI COSTRUZIONE steelmax PERCHE INNOVATIVO? SISTEMA COSTRUTTIVO LEGGERO: 1) costituito profili sottili in acciaio formati a freddo

Dettagli

MARCO MARESCOTTI POSA QUALIFICATA DEL SERRAMENTO. capitolo

MARCO MARESCOTTI POSA QUALIFICATA DEL SERRAMENTO. capitolo capitolo ATLANTE PPC FINESTRA QUALITA' CASACLIMA La filosofia verde non deve essere considerata una tendenza o una moda, ma una necessità comunitaria. Le scelte aziendali devono andare nella direzione

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Per l isolamento termico e acustico di pareti e coperture imputrescibile inattaccabile da muffe, batteri o roditori anallergico riciclabile ecologico

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 2

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 2 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 2 Ing. Antonio Mazzon Descrizione sintetica procedura di calcolo - edifici nuovi Calcolo degli scambi termici per

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Per l isolamento termico e acustico di pareti e coperture imputrescibile inattaccabile da muffe, batteri o roditori anallergico riciclabile ecologico

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano SCHEDA 8 INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano 1. L inquinamento acustico Tra i problemi che riguardano la salubrità degli spazi confinati e

Dettagli

Lo scambio termico tra un corpo ad una data temperatura ed un altro ad una temperatura inferiore può avvenire per

Lo scambio termico tra un corpo ad una data temperatura ed un altro ad una temperatura inferiore può avvenire per 1 1. Scopo Scopo di questa nota tecnica è evidenziare i risultati relativi ad uno studio di caratterizzazione termica compiuto prendendo in esame isolanti termo-acustici per l edilizia cosiddetti a Barriera

Dettagli

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO SOMMARIO DATI DI PROGETTO... 3 VERIFICA POTENZA EDIFICIO ESISTENTE... 9 CARICHI TERMICI INVERNALI MANICA LUNGA... 12 CARICHI TERMICI ESTIVI MANICA LUNGA... 32 Pagina 2 DATI DI PROGETTO INTRODUZIONE La

Dettagli

Comfort termico e acustico con sistemi isolanti a secco

Comfort termico e acustico con sistemi isolanti a secco Comfort termico e acustico con sistemi isolanti a secco Pannelli isolanti con cartongesso Gexo è un sistema nato per risolvere, agendo dall interno, i problemi di isolamento degli ambienti abbinando i

Dettagli

Il bisogno di contenere il consumo energetico ha portato i progettisti a:

Il bisogno di contenere il consumo energetico ha portato i progettisti a: Un nuovo modo di vedere l edificio Il bisogno di contenere il consumo energetico ha portato i progettisti a: - Trovare soluzioni sempre più spinte per ridurre la trasmissione del calore nella fase invernale

Dettagli

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300 CONVEGNO Requisiti di rendimento energetico e procedure di certificazione energetica degli edifici, la progettazione edilizia verso la riduzione dell utilizzo di energia fossile Certificazione energetica:

Dettagli

soluzioni per l isolamento termico e il risparmio energetico

soluzioni per l isolamento termico e il risparmio energetico soluzioni per l isolamento termico e il risparmio energetico IL DECRETO LEGISLATIVO 311/06 Decreto Legislativo 29 Dicembre, n. 311 Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 19 Agosto

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

La Casa Passiva. Un lavoro: Verachi _ Rosso

La Casa Passiva. Un lavoro: Verachi _ Rosso La Casa Passiva Un lavoro: Verachi _ Rosso Le Case Passive sono edifici che hanno un fabbisogno annuale di riscaldamento minimo. La casa è detta passiva perché la somma degli apporti passivi di calore

Dettagli

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it Pianoro 13 giugno 2007 L isolamento degli edifici: un esempio dell

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60

DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60 DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60 ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) ASSEGNA UNA CLASSE ENERGETICA ALL EDIFICIO E SERVE PER LOCARE/VENDERE UNA PORZIONE O UN EDIFICIO

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

TEST DI AUTOVALUTAZIONE Non valido ai fini dell abilitazione finale.

TEST DI AUTOVALUTAZIONE Non valido ai fini dell abilitazione finale. 5 Il fabbisogno di energia trasmissione Q h,tr di cui alla parte della UNITS 00:008 è funzione: Nella UNITS00 il coefficiente b tr di correzione dello scambio termico dipende: Il rendimento globale medio

Dettagli

La NUOVA generazione di MASSETTO RADIANTE per pavimenti riscaldati. λ 2,02 W/mK

La NUOVA generazione di MASSETTO RADIANTE per pavimenti riscaldati. λ 2,02 W/mK La NUOVA generazione di MASSETTO RADIANTE per pavimenti riscaldati. λ 2,02 W/mK NUOVA FORMULAZIONE Da 10 anni il massetto specifico per sistemi di riscaldamento e raffrescamento a pavimento. 10 anni di

Dettagli