Città del nuovo welfare 1 Ricostituzione della consulta sportiva Barbara Giannerini Roberto Zanella Alta 5

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 2010 Città del nuovo welfare 1 Ricostituzione della consulta sportiva Barbara Giannerini Roberto Zanella Alta 5"

Transcript

1 Prog. PROGRAMMA PROGETTO Responsabile Responsabile politico tecnico Codice Descrizione Codice Descrizione Priorità Peso 1 20 Città del nuovo welfare 1 Ricostituzione della consulta sportiva Barbara Giannerini Alta 2 20 Città del nuovo welfare 2 Rivitalizzazione del bilancio partecipativo Federico Palma Media Città bene comune 1 Creare forme di cittadinanza attiva Paolo Gurgone Media Città per lo sport Città dei valori condivisi Città che dialoga e partecipa 1 Acquisizione aree per ampliamento spazi per lo sport Commemmorazione centenario Grande Guerra Revisione del regolamento sulla partecipazione Federico Palma Antonio Peritore Alta 0 Belinda Gottardi Bassa Federico Palma Alta 200 Città che dialoga e partecipa 2 Istituzione della Consulta dei Giovani Marco Boni Alta 200 Città che dialoga e partecipa Città che dialoga e partecipa Città che dialoga e partecipa Istituzione della Consulta frazionale di Sabbiuno/Castello Istituzione della Consulta frazionale di Primo Maggio Costituzione della Consulta dei talenti femminili Federico Palma Alta Federico Palma Alta Belinda Gottardi Alta

2 Prog. PROGRAMMA PROGETTO Responsabile Responsabile politico tecnico Codice Descrizione Codice Descrizione Priorità Peso 200 Città che dialoga e partecipa 30 Città di opportunità e di lavoro 1 Costituzione della consulta della mobilità dolce Agevolazioni fiscali per i giovani imprenditori e per favorire l'occupazione Paolo Gurgone Alta Francesco Baldacci Licia Crescimbeni Alta Città di opportunità e di lavoro Città che lavora ed innova 1 Rafforzare le azioni di politica attiva Francesco Baldacci Licia Crescimbeni sui temi del lavoro e della formazione Media Individuazione di un soggetto gestore del mercato contadino Francesco Baldacci Antonio Peritore Media Città che guarda avanti 1 Attivazione del FA-LAB Paolo Gurgone Alta Città connessa, intelligente, che forma e che comunica 1 Copertura gratuita WIFI del centro cittadino e delle principali zone di aggregazione Luca De Paoli Licia Crescimbeni Media 1 40 Città connessa, intelligente, che forma e che comunica 2 Copertura gratuita WIFI bando regionale Luca De Paoli Licia Crescimbeni Media 1 40 Città connessa, intelligente, che forma e che comunica 3 Superamento Digital Divide Luca De Paoli Licia Crescimbeni Bassa Città di diritti e legalità 1 Regolamentazione gioco d'azzardo Federico Palma Media Città di diritti e legalità 2 Organizzazione di incontri formativi e di approfondimento sulla presenza delle mafie Federico Palma Bassa

3 Prog. PROGRAMMA PROGETTO Responsabile Responsabile politico tecnico Priorità Codice Descrizione Codice Descrizione Adesione alla Rete Nazionale delle Città di diritti e legalità 3 Pubbliche Amministrazioni Anti Federico Palma Bassa Discriminazioni. Peso Città equa 1 Valorizzazione del patrimonio - alienazione beni mobili Francesco Baldacci Licia Crescimbeni Bassa Città equa 2 Valorizzazione del patrimonio - generale Francesco Baldacci Licia Crescimbeni Media Città equa 3 Valorizzazione del patrimonio Francesco Baldacci Licia Crescimbeni Alta Città equa 4 Potenziare i servizi ai cittadini in ambito tributario Francesco Baldacci Licia Crescimbeni Alta Città equa Incrementare la riscossione coattiva Francesco Baldacci Licia Crescimbeni Alta Città sicura 1 Istituzione albo Assistenti civici Federico Palma Alta Città sicura 2 Organizzazione incontri sulla sicurezza Federico Palma Media 2 41 Città sana 1 Adesione al progetto Carta d identità Donazione organi Belinda Gottardi Media Città sana 2 Defibrillatori Barbara Giannerini Bassa

4 Prog. PROGRAMMA PROGETTO Responsabile Responsabile politico tecnico Priorità Codice Descrizione Codice Descrizione Definizione interventi di 31 0 Città verde 1 efficientamento energetico degli Paolo Gurgone Media edifici comunali Peso 32 0 Città verde 2 Approvazione variante Piano Attività Estrattive (PAE) Paolo Gurgone Alta Città verde 3 Promuovere la cultura del risparmio energetico e lo sviluppo delle energie Paolo Gurgone Media rinnovabili 34 0 Città verde Città verde Potenziare l'educazione ambientale nelle scuole Porre in essere i principi e gli impegni della Carta Spreco Zero Paolo Gurgone Media Paolo Gurgone Bassa 3 0 Città verde Incrementare gli orti comunali Paolo Gurgone Media Città in movimento Città in movimento Città di opere pubbliche 1 Potenziamento collegamento bus con Bologna Realizzazione del tratto Corticella/Castello della Ciclovia del Navile Completamento collaudo materna CIPI Paolo Gurgone Media Paolo Gurgone Alta 1 Paolo Gurgone Media Città di opere pubbliche 2 Adeguamento normativo delle scuole Paolo Gurgone Alta 40

5 Prog. PROGRAMMA PROGETTO Responsabile Responsabile politico tecnico Codice Descrizione Codice Descrizione Priorità Peso Città di opere pubbliche Città di opere pubbliche Città di diritti e legalità Governance interna 1 Progettazione nuovo polo scolastico comparto 4M Adeguamento antincendio archivio comunale Rafforzamento delle misure di prevenzione e contrasto della corruzione e della trasparenza Attivazione processi di costumer satisfaction Paolo Gurgone Media Belinda Gottardi Media 0 Belinda Gottardi Monica Tardella Media 30 Luca De Paoli Monica Tardella Media Governance interna Città che guarda all'europa 1 Riorganizzazione della struttura comunale a seguito del trasferimento di funzioni Promuovere e sostenere progetti di cooperazione e sviluppo internazionale Luca De Paoli Monica Tardella Alta 40 Federico Palma Bassa

6 1 Affari generali e servizi istituzionali Barbara Giannerini - Federico Palma 20-1 Ricostituzione della consulta sportiva Città del nuovo welfare Individuazione componenti e convocazione della consulta 201 RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Delibera di Giunta di istituzione della Consulta 2 Apertura bando di partecipazione 3 Delibera di Giunta di nomina della Consulta 4 Convocazione Consulta ALTRI UFFICI COINVOLTI

7 Affari generali e servizi istituzionali Federico Palma Rivitalizzazione del bilancio partecipativo Città del nuovo welfare RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Presentazione alle consulte frazionali della nuova formula 2 Raccolta delle proposte 3 Screening da parte dei settori comunali Comitato Resp.li 4 Assegnazione risorse nei limiti del budget assegnato Licia Crescimbeni Progettazione partecipata Resp.le dei fondi Realizzazione di quanto progettato Resp.le dei fondi Rendicontazione alle consulte ALTRI UFFICI COINVOLTI

8 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone - Federico Palma Creare forme di cittadinanza attiva Citta bene comune Individuare uno spazio verde o altro spazio pubblico da rivitalizzare e gestire tramite cittadini singoli o associazioni RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Individuazione dello spazio 2 Individuazione dei soggetti interessati 3 Definizione del rapporto con i soggetti interessati 4 Avvio dell'intervento e della gestione ALTRI UFFICI COINVOLTI

9 Edilizia e urbanistica Antonio Peritore Federico Palma Acquisizione aree per ampliamento spazi per lo sport Città per lo sport Acquisizionone delle aree RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Definione convenzione con il Comune di Bologna Antonio Peritore 2 Approvazione in Consiglio Comunale dell'atto di Antonio Peritore cessione 3 Definione contenuti convenzione con le società Antonio Peritore sportive per gestione nuova area 4 Stipula atto di cessione Antonio Peritore Segreteria generale ALTRI UFFICI COINVOLTI

10 Affari generali e servizi istituzionali Belinda Gottardi Commemmorazione centenario Grande Guerra Città dei valori condivisi Organizzazione di una manifestazione celebrativa della Grande Guerra in occasione del centenario 201 RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Realizzazione iniziativa Staff Sindaco

11 Affari generali e servizi istituzionali Federico Palma 201 Revisione del regolamento sulla partecipazione Città che dialoga e partecipa Aggiornamento del regolamento comunale sulla partecipazione prevedendo una regolamentazione comune per le consulte. RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Definizione modifiche al regolamento 2 Approvazione consiliare del regolamento Segreteria generale 3 ALTRI UFFICI COINVOLTI

12 Affari generali e servizi istituzionali Marco Boni Istituzione della Consulta dei Giovani Città che dialoga e partecipa Istituzione della Consulta 201 RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Delibera di Consiglio di approvazione della Consulta Ufficio del Sindaco 2 Raccolta dei nominativi dei partecipanti Ufficio del Sindaco 3 Delibera di Giunta di nomina della Consulta Ufficio del Sindaco 4 Convocazione Consulta Ufficio del Sindaco

13 Affari generali e servizi istituzionali Federico Palma Istituzione della Consulta frazionale di Sabbiuno/Castello Città che dialoga e partecipa Istituzione della Consulta 201 RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Delibera di Giunta di istituzione della Consulta 2 Apertura bando di partecipazione 3 Delibera di Giunta di nomina della Consulta 4 Convocazione Consulta ALTRI UFFICI COINVOLTI

14 Affari generali e servizi istituzionali Federico Palma Istituzione della Consulta frazionale di Primo Maggio Città che dialoga e partecipa Istituzione della Consulta 201 RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Delibera di Giunta di istituzione della Consulta 2 Apertura bando di partecipazione 3 Delibera di Giunta di nomina della Consulta 4 Convocazione Consulta ALTRI UFFICI COINVOLTI

15 200-1 Affari generali e servizi istituzionali Belinda Gottardi Costituzione della Consulta dei talenti femminili Città che dialoga e partecipa Convocazione della consulta 201 RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Delibera di Giunta di istituzione della Consulta 2 Apertura bando di partecipazione 3 Delibera di Giunta di nomina della Consulta 4 Convocazione Consulta ALTRI UFFICI COINVOLTI

16 1 Affari generali e servizi istituzionali Paolo Gurgone - Federico Palma 200- Costituzione della consulta della mobilità dolce Città che dialoga e partecipa Convocazione della consulta 201 RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Delibera di Giunta di istituzione della Consulta 2 Apertura bando di partecipazione 3 Delibera di Giunta di nomina della Consulta 4 Convocazione Consulta ALTRI UFFICI COINVOLTI

17 Servizi Finanziari Licia Crescimbeni Francesco Baldacci MEDIA/ Agevolazioni fiscali Città di opportunità e di lavoro Introdurre una riduzione della Tari ai giovani imprenditori per i primi tre anni di attività e per le attività produttive, commerciali o di servizi che creino nuova occupazione Utilizzo dei f.di per almeno il 0% stanziato 1 Modifica regolamento RESPONSABILE OBIETTIVO ALTRI UFFICI COINVOLTI Stanziamento F.di 3 Predisposizione modulistica 4 Aggiornamento sito Pubblicizzazione evento Analisi domande Riconoscimento riduzione e relativo contributo

18 30-3 MEDIA/ Servizi Finanziari Licia Crescimbeni Francesco Baldacci Rafforzare le azioni di politica attiva sui temi del lavoro e della formazione Città di opportunità e di lavoro Aumento dell' utenza storica misurabile anche da un incremento dei curricula redatti e dei contratti con le imprese del territorio Accessi sportello 201> accessi curricula 201>curricula 2014 RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI Intensificare l'attività di front office aumentando l' apertura di 3 ore con l' attuale gestore 2 Affidamento ampliamento servizio 3 4

19 Edilizia e urbanistica Antonio Peritore Francesco Baldacci Individuazione di un soggetto gestore del mercato contadino Città che lavora ed innova Definizione del rapporto RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Definizione dell modalità di gestione del mercato Antonio Peritore contadino 2 Individuazione del gestore Antonio Peritore Segreteria Generale 3 Definzione del rapporto Antonio Peritore Segreteria Generale

20 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone 201 Attivazione del FA-LAB Città che guarda avanti Ristrutturare-adeguare uno spazio per la realizzazione del FA-LAB RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Individuazione dello spazio 2 Definizione degli interventi di ristrutturazione/adeguamento 3 Affidamento interventi Segreteria generale 4 Realizzazione degli interventi ALTRI UFFICI COINVOLTI

21 40-1 MEDIA 2 Servizi Finanziari Licia Crescimbeni Luca De paoli Copertura gratuita WIFI del centro cittadino e delle principali zone di aggregazione Città connessa, intelligente, che forma e che comunica Attivare la connessione Wi-fi in almeno 2 punti in parchi pubblici del centro e in un punto a Primo Maggio e Trebbo di Reno tenendo conto delle esigenze dei giovani Numero accessi medi settimanali > 0 RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI Individuazione da parte della Giunta dei punti ritenuti 1 strategici da collegare con wi fi e linee di indirizzo per Licia Crescimbeni il loro utilizzo. 2 Verifica e sopralluoghi da parte di UT e SIA U.RG SIA dell' Unione Reno presenza di infrastrutture per passaggio fibra Galliera 3 Definizione degli interventi da effettuare Lavori Pubblici Richiesta preventivi prioritariamente a Lepida e altri 4 Licia Crescimbeni operatori del settore Affidamento lavori SIA dell' Unione Reno Galliera Lavori Pubblici Esecuzione lavori Lavori Pubblici Acquisizione beni a patrimonio e destinazione degli SIA dell' Unione Reno Licia Crescimbeni stessi alla RG Galliera Comunicazione ai cittadini delle zone via via Licia Crescimbeni Ufficio del Sindaco interessate da questa opportunità

22 40-2 MEDIA Servizi Finanziari Licia Crescimbeni Luca De paoli Copertura gratuita WIFI partecipazione bando regionale Città connessa, intelligente, che forma e che comunica Ottenimento nuovi punti wi-fi attraverso bando regionale SI/NO RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI Presa visione del bando regionale. Richiesta dati ad 1 Licia Crescimbeni Tonelli, Campana altri settori 2 Istruttoria punti specifici del bando (n ) 3 Dichiarazioni per la partecipazione Licia Crescimbeni Tonelli, Campana 4 Predisposizione materiale per manifestazione di interesse Licia Crescimbeni

23 40-3 MEDIA 2 Servizi Finanziari Licia Crescimbeni Luca De paoli Superamento Digital Divide Città connessa, intelligente, che forma e che comunica Fornire servizi di connettività a banda larga e ultralarga nel territorio comunale, coprendo annualmente 1/ di quanto pianificato Miglioramento velocità di navigazione rispetto RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI Incontro con operatori di telecomunicazione per 1 capire lo stato attuale e di previsione della copertura Licia Crescimbeni Lavori Pubblici/SIA del territorio 2 Individuazione da parte della Giunta dei punti ritenuti strategici da collegare con banda larga/ultralarga Licia Crescimbeni 3 Verifica e sopralluoghi da parte di UT e SIA U.RG SIA dell' Unione Reno presenza di infrastrutture per passaggio fibra Galliera 4 Definizione degli interventi da effettuare Lavori Pubblici Richiesta preventivi prioritariamente a Lepida e altri Licia Crescimbeni operatori del settore Affidamento lavori Lavori Pubblici Esecuzione lavori Lavori Pubblici Comunicazione agli stakeholder delle zone/immobili via via interessati da questa opportunità Sergio Secondino Ufficio del Sindaco

24 Affari generali e servizi istituzionali Federico Palma - Barbara Giannerini Regolamentazione gioco d'azzardo Città di diritti e legalità Definire gli orari in cui è consentito lo svolgimento dei giochi leciti (artt. / TULPS) RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Definizione degli indirizzi 2 Ordinanza sindacale di definizione orari 3 Diffusione ordinanza Ufficio del Sindaco 4 ALTRI UFFICI COINVOLTI

25 Affari generali e servizi istituzionali Federico Palma Città di diritti e legalità 201 Organizzazione di incontri formativi e di approfondimento sulla presenza delle mafie Organizzare incontri destinati a cittadini e dipendenti sul tema delle mafie, della legalità e della corruzione 1 Programmazione nuovi incontri e appuntamenti RESPONSABILE OBIETTIVO ALTRI UFFICI COINVOLTI Attivazione interventi 3 4

26 Affari generali e servizi istituzionali Belina Gottardi Adesione alla Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni. Città di diritti e legalità Adesione alla rete e definizione interventi da porre in essere 201 RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Approvazione deliberazione di adesione alla rete Ufficio del Sindaco 2 Individuazione delle associazioni LGBTT del territorio Ufficio del Sindaco 3 Individuazione di azioni antidiscriminazione da attuare Ufficio del Sindaco nel

27 400-1 BASSA Servizi Finanziari Licia Crescimbeni Francesco Baldacci Valorizzazione del patrimonio - alienazione beni mobili Città equa Riduzione dei costi di gestione per dismissione patrimonio. Rendere disponibili gli spazi per la vendita/affitto o altra destinazione SI/NO RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI Censimento beni depositati: non utilizzati, non 1 inventariati, di cui non è reperibile il titolo di Licia Crescimbeni provenienza 2 Delibera di giunta di indirizzo della destinazione dei beni: asta pubblica o donazione o rottamazione Licia Crescimbeni 3 Asta pubblica di vendita dei beni o delibera di donazione Licia Crescimbeni 4 Sottoscrizione dell atto di vendita dei beni Licia Crescimbeni

28 400-2 MEDIA 2 Servizi Finanziari Licia Crescimbeni Francesco Baldacci Valorizzazione del patrimonio - generale Città equa Riduzione dei costi di gestione per dismissione patrimonio. Massimizzazione dei profitti da reinvestire sul conto capitale RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Delibera di giunta di indirizzo della destinazione dei Licia Crescimbeni beni 2 Richiesta di valutazione economica dei beni (valore Licia Crescimbeni affitto e vendita) prioritariamente agenzia delle entrate 3 Bando per individuazione soggetto che proceda alla Licia Crescimbeni valutazione economica dei beni (valore affitto e 4 Affidamento incarico Licia Crescimbeni Acquisizione perizie Licia Crescimbeni Delibera di Consiglio di eventuale alienazione con Licia Crescimbeni variazione di bilancio e piano triennale delle Indizione bandi Licia Crescimbeni Segreteria Generale Individuazione del notaio ed invio documentazione Segreteria Generale Sottoscrizione dell atto di vendita dei beni Licia Crescimbeni ALTRI UFFICI COINVOLTI

29 400-3 ALTA/40 2 Servizi Finanziari Licia Crescimbeni Francesco Baldacci Valorizzazione del patrimonio Città equa Riduzione dei costi di gestione per dismissione patrimonio. Massimizzazione dei profitti da reinvestire sul conto capitale RESPONSABILE OBIETTIVO Delibera di Consiglio di variazione del RUE Antonio Peritore SUE Richiesta ed acquisizione del più probabile valore di 2 Licia Crescimbeni Agenzia delle Entrate mercato dell immobile di p.zza amendola n.1; Eventuale variante urbanistica per le aree individuate 3 ai fg 23mapp. 1 di mq 3, fg. 23 mapp. di Antonio Peritore SUE mq 0, fg. mapp.4. Richiesta del più probabile valore di mercato delle 4 aree individuate ai fg 23 mapp. 1 di mq 3, fg. 23 Licia Crescimbeni Agenzia delle Entrate mapp. di mq 0, fg. mapp. 4 Bando di vendita dell immobile di p.zza amendola n.1 e delle aree individuate ai fg 23 mapp. 1 di mq Licia Crescimbeni 3, fg. 23 mapp. di mq 0, fg. mapp. 4 Nel caso di bando deserto incarico legale per parere sulla fattibilità della eventuale permuta alla luce dei vincoli normativiimposti per le acquisizioni DL Licia Crescimbeni /20, Legge di stabilità 2013 art.1 c. 13; Procedere con l interpello aperto per verificare se è presente l interesse attraverso la permuta pura dei Licia Crescimbeni beni. ALTRI UFFICI COINVOLTI

30 400-3 ALTA/40 2 Servizi Finanziari Licia Crescimbeni Francesco Baldacci Valorizzazione del patrimonio Città equa Riduzione dei costi di gestione per dismissione patrimonio. Massimizzazione dei profitti da reinvestire sul conto capitale Trasmissione all Agenzia del Demanio delle Perizie di Valutazione dei beni redatte dal Settore Tecnico dell Ente per la valutazione della congruità dei valori Licia Crescimbeni immobiliari Acquisizione della congruità dei valori di acquisto rispettivamente da parte dell agenzia delle entrate e Licia Crescimbeni del demanio Nel caso di bando deserto si procede con la valutazione delbene dell intervento urbanistico denominato P.U. sub comparto Ya già oggetto di Licia Crescimbeni istanza con prot. 11/2014 Predisposizione atto consigliare per la eventuale Licia Crescimbeni permuta "pura" Individuazione del notaio ed invio documentazione Segreteria Generale 13 Sottoscrizione dell atto di vendita dei beni Licia Crescimbeni

31 400-4 ALTA/1 2 Servizi Finanziari Licia Crescimbeni Francesco Baldacci Potenziare i servizi ai cittadini in ambito tributario Città equa Aumentare la consapevolezza dei cittadini delle attività e degli strumenti messi a disposizione per l' assolvimento dei propri obblighi tributari. Ampliare l' utilizzo dei servizi on-line/canali web per diminuire l' accesso allo sportello Questionario - custumer Incremento almeno del % degli accessi alle pagine tributi RESPONSABILE OBIETTIVO ALTRI UFFICI COINVOLTI Predisposizione materiale illustrativo Cadenzare incontri periodici con: consulta AAPP, 2 Trebbo, eventuali nuove consulte frazionali 3 Invio news letter 4 Predisposizione del questionario e sua distribuzione Analisi dei risultati ottenuti

32 400- ALTA/30 2 Servizi Finanziari Licia Crescimbeni Francesco Baldacci Incrementare la riscossione coattiva Città equa Riscossione almeno del 30% delle somme sottoposte ad ingiunzione Avvissi riscossi/avvisi emessi *0 RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI Attivazione convenzione Intercent-ER per riscossione 1 entrate e patrimoniali attroverso ingiunzione fiscale 2 Sottoscrizione convenzione e affidamento incarico. Individuazione soggetto abilitato all' ingiunzione (LT 3 Prefettura), apertura ccp, abilitazione Ente e utenti 4 Verifica tracciati, verifica fac simili Invio elenchi di prova Invio definitivo elenco riscossione patrimoniali Invio definitivo elenco riscossione tributarie

33 Affari generali e servizi istituzionali Federico Palma Città sicura Istituzione albo Assistenti civici Selezione e formazione di un gruppo di volontari da impiegare quali assistenti civici sotto la direzione della polizia municipale RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Definizione delle modalità di attuazione Polizia Municipale organizzazione e gestione degli assistenti civici 2 Pubblicazione del bando di selezione 3 Chiusura bando e valutazione concorrenti Polizia Municipale 4 Formazione volontari Polizia Municipale Nomina primi assistenti ed avvio attività Polizia Municipale

34 400-2 Ufficio del Sindaco Federico Palma Organizzazione incontri sulla sicurezza Città sicura Organizzazione di incontri informativi specifici per la sicurezza degli anziani in collaborazione con CC e PM RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Organizzazione incontri Polizia Municipale Carabinieri

35 41/1 1 Affari generali e servizi istituzionali Belinda Gottardi Città sana 201 Adesione al progetto Carta d identità Donazione organi Acquire la dichiarazione de consenso alla donazione degli organi e tessuti da parte dei cittadini al momento del rinnovo/rilascio della carta d'identità RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Adeguamento del software Comune di Bologna 2 Contatti con l'ospedale S. Orsola per formazione personale 3 Formazione personale 4 Campagna pubblicitaria di sensibilizzazione Inizio ricevimento dichiarazioni Ufficio del Sindaco

36 41-1 Unione reno Galliera/Lavori Pubblici Giannerini Barbara 201 Defibrillatori Città sana Razionalizzare la collocazione dei defibrillatori nel territorio e creare una segnaletica indicante la loro ubicazione; formare persone abilitate all'impiego RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Verifica della localizzazione dei defibrillatori e Unione RG collocazione di nuovi apparecchi 2 censimento dei soggetti abilitati all'utilizzo e Unione RG formazione di nuovo addetti 3 Realizzazione di una mappa contenente l'ubicazione Unione RG dei defibrillatori 4 Realizzazione ed istallazione di segnaletica indicante la localizzazione dei defibrillatori ALTRI UFFICI COINVOLTI

37 0-1 3 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone Definizione interventi di efficientamento energetico degli edifici comunali Città verde Definire una serie di interventi di efficentamento energetico degli edifici comunali RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Censimento consumi energetici delle strutture C.I.S.A. pubbliche in collaborazione con CI.S.A 2 Definizione di azioni per l efficientamento energetico delle strutture

38 0-2 3 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone 4 Approvazione variante Piano Attività Estrattive (PAE) Città verde Approvare entro i termini previsti la variante al Piano delle attività estrattive RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Rapporti con il progettista per la edazione e istruttoria variante PAE in contraddittorio con i soggetti interessati 2 Adozione PAE 3 Approvazione PAE 4 ALTRI UFFICI COINVOLTI

39 0-3 3 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone 4 Promuovere la cultura del risparmio energetico e lo sviluppo delle energie rinnovabili Città verde Realizzare almeno due iniziative nel corso dell'anno Monitoraggio degli accessi allo sportello RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Curare la formazione personale UT sui contenuti del Unione PAES anche attraverso la partecipazione alle iniziative promosse dall Unione Reno Galliera 2 Definire una serie di iniziative di divulgazione del PAES alla cittadinanza e nelle scuole 3 Realizzazione delle iniziative divulgative previste Ufficio del Sindaco 4 Attivare uno sportello di consulenza ai cittadini in RENO GALLIERA materia di risparmio energetico ufficio politiche energetiche

40 0-4 3 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone 4 Potenziare l'educazione ambientale nelle scuole Città verde Coinvolgere almeno il 30% delle classi di Castel Maggiore RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Adesione all'iniziativa "Puliamo il mondo" in Ufficio scuola collaborazione con le scuole e con le associazioni di volontariato del territorio 2 Incentivare l attività del piedibus, con l'anaisi della Ufficio scuola fattibiità di introdurre nuovi percorsi 3 Definire con Geovest e le scuole una serie di iniziative di promozione della raccolta differenziata x x 4

41 0-3 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone 3 Porre in essere i principi e gli impegni della Carta "Spreco Zero" Città verde Realizzare almeno due iniziative di sensibilizzazione RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Adesione alla neo costituita associazione Spreco zero net Fondata dal Comune di Sasso Marconi 2 Definire una serie di iniziative di sensibilizzazione per ufficio stampa rinforzare le promozione della lotta agli sprechi negli Enti locali 3 Realizzazione delle iniziative di sensibilizzazione ufficio stampa

42 3 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone - Federico Palma 0- Incrementare gli orti comunali Città verde Ampliare di almeno il 30% l offerta di orti comunali destinando porzioni di alcuni parchi pubblici per consentire l affidamento anche ad utenza diversa dai cittadini pensionati - Numero lotti assegnati RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Individuazione nei parchi pubblici o attraverso accordi urbanistici di nuove aree da destinare ad orti 2 Predisposizione delle aree individuate 3 Revisione del regolamento degli orti Zanella Roberto 4 Predisposizione del bando ed assegnazione dei lotti Zanella Roberto ALTRI UFFICI COINVOLTI

43 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone 201 Potenziamento collegamento bus con Bologna Città in movimento Aumento delle corse di collegamento con Bologna nelle ore serali dal Capoluogo RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Definizione convenzione con Tiper servizi aggiuntivi 2 Avvio prolungamento ultima corsa linea 2 Ufficio del Sindaco (sabato) 3 Avvio corsa serale supplementare linea Ufficio del Sindaco 4 monitoraggio della fase sperimentale ALTRI UFFICI COINVOLTI

44 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone 201 Realizzazione del tratto Corticella/Castello della Ciclovia del Navile Città in movimento Completamento dell'opera RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Acquisizione aree 2 Approvazione progetto 3 Indizione e gestione gara per affidamento lavori Segreteria Generale 4 Affidamento lavori Conclusione lavori e collaudi ALTRI UFFICI COINVOLTI

45 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone 201 Completamento collaudo materna CIPI Città di opere pubbliche Completamento procedure collaudo CIPI per incassare finanziamento provincia RESPONSABILE OBIETTIVO 1 Completamento documentazione necessaria al collaudo 2 Approvazione certificato collaudo 3 Trasmissione certificato collaudo Provincia Bologna e richiesta erogazione contributo 4 ALTRI UFFICI COINVOLTI

46 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone 201 Adeguamento normativo delle scuole Città di opere pubbliche Acquisire il CPI negli edifici scolastici entro il termine indicato dalla normativa RESPONSABILE ALTRI UFFICI OBIETTIVO COINVOLTI 1 Validazione ed approvazione progetti interventi di adeguamento 2 Gestione Gare Segreteria generale 3 Inizio Lavori 4 Conclusione lavori Presentazione SCIA antincendio

47 Lavori pubblici e ambiente Paolo Gurgone 201 Progettazione nuovo polo scolastico comparto 4M Città di opere pubbliche Realizzare internamente il progetto avvalendosi di supporti esterni solo per le progettazioni specialistiche (strutturali impiantistiche ecc.) 1 Redazione progetto preliminare RESPONSABILE OBIETTIVO ALTRI UFFICI COINVOLTI Confronti su progetto preliminare con le autorità scolastiche Revisione ed approvazione progetto preliminare Redazione del progetto definitivo Confronti sul progetto definitivo con le autorità scolastiche Approvazione progetto definitivo

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 102 del 23/10/2015 TRANSIZIONE" CONFERENZA "ALIMENTAZIONE SOSTENIBILE" IL 30 OTTOBRE 2015 L'anno duemilaquindici, addì ventitre del mese di ottobre alle

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

AVVISO PUBBLICO AI COMUNI RICADENTI NELL AREA DEL G.A.L

AVVISO PUBBLICO AI COMUNI RICADENTI NELL AREA DEL G.A.L AVVISO PUBBLICO AI COMUNI RICADENTI NELL AREA DEL G.A.L. MAIELLA VERDE PER LA PARTECIPAZIONE AD UN PROGETTO FINALIZZATO ALLA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE SOTTOUTILIZZATE PREMESSA Da molti anni il patrimonio

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE (Art. 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014 n. 90,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE DI SETTORE anno 2015. SETTORE 3 L.L.P.P. Urbanistica edilizia privata S.U.A.P. ambiente sistema informatico

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE DI SETTORE anno 2015. SETTORE 3 L.L.P.P. Urbanistica edilizia privata S.U.A.P. ambiente sistema informatico PIA ESECUTIVO DI GESTIONE DI SETTORE anno SETTORE 3 L.L.P.P. Urbanistica edilizia privata S.U.A.P. ambiente sistema informatico DIRIGENTE GIANNI ZERBINATI Obiettivi Strategici Formulazione Piani di Azione

Dettagli

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA Elenco della macro struttura: Organi di riferimento Staff Sindaco e/o Giunta Strutture di secondo livello di staff 1) Servizio Polizia Municipale 2) Servizio Legale

Dettagli

SETTORE SOCIO CULTURALE

SETTORE SOCIO CULTURALE SETTORE SOCIO CULTURALE Attività a carattere sociale Rapporti con i soggetti gestori dei servizi socio-assistenziali, coordinati a livello sovraterritoriale e gestiti dalla Fondazione Territori Sociali

Dettagli

Università degli Studi di Milano

Università degli Studi di Milano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome D ANDREA PEPPINO Indirizzo PIAZ.LE FERDINANDO MARTINI N.1, 20137 - MILANO Telefono 02/5512354 Fax 02/50313402 E-mail peppino.dandrea@unimi.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

OBIETTIVI OPERATIVI 2014

OBIETTIVI OPERATIVI 2014 OPERATIVI 1 Sviluppare politiche di incentivazione e di supporto all'autofinanziamento e all'incremento della produzione scientifica 2 Migliorare l'organizzazione di servizi volti a promuovere la 1.Definire

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA ART. 3 DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA ART. 3 DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO S O M M A R I O Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Finalità Art. 3 Definizioni di riferimento Art. 4 - Individuazione delle banche dati Art. 5 Titolarità e responsabilità della banca dati Art. 6 Soggetti incaricati

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Processo di Partecipazione Osservazioni PUC adottato DCC 92/2011. commissione consiliare 5 territorio 13 maggio 2013

Processo di Partecipazione Osservazioni PUC adottato DCC 92/2011. commissione consiliare 5 territorio 13 maggio 2013 Comune di Genova Staff di Direzione Direzione Gabinetto del Sindaco Processo di Partecipazione Osservazioni PUC adottato DCC 92/2011 commissione consiliare 5 territorio 13 maggio 2013 attuale fase del

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI Rag. Roberta Cesana Segreteria-affari istituzionali Organi istituzionali Ufficio di supporto agli organi di direzione politica Archivio messi

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 122 del 11/12/2015 INDIRIZZI PER INTEGRAZIONE PARTE VARIABILE FONDO INCENTIVANTE ANNO 2015 L'anno duemilaquindici, addì undici del mese di dicembre alle

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

Comune di VICCHIO (FI) Scheda progetto esercizio 2011 Servizio: Urbanistica-Edilizia-Ambiente

Comune di VICCHIO (FI) Scheda progetto esercizio 2011 Servizio: Urbanistica-Edilizia-Ambiente Linea di indirizzo: Linee di mandato amministrativo Relazione previsionale e programmatica Triennio 0/0 Responsabile del progetto: Arch. Riccardo Sforzi N. Nome Progetto: Smaltimento del carico pregresso

Dettagli

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA La Provincia di Venezia, CF 80008840276 con sede in Venezia,

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa RESPONSABILE: ANNA BRUZZO 2. Sportello Unico Attività Produttive-Edilizia e pratiche sismiche RESPONSABILE: NARA BERTI

Dettagli

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PER LE QUALI E PREVISTO IL RICORSO A CONTRATTI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA ASSESTATO

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PER LE QUALI E PREVISTO IL RICORSO A CONTRATTI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA ASSESTATO PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PER LE QUALI E PREVISTO IL RICORSO A CONTRATTI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA ASSESTATO ART. 3 COMMA 55 LEGGE 24 DICEMBRE 2007, N. 244 A INDIVIDUAZIONE AREE E MATERIE NELLE QUALI E

Dettagli

Comune di Terni Provincia di Terni A.T.C. & Partners Mobilità F.I.S.H. Umbria ONLUS PROTOCOLLO DI INTESA

Comune di Terni Provincia di Terni A.T.C. & Partners Mobilità F.I.S.H. Umbria ONLUS PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA per la non discriminazione e le pari opportunità attraverso il pieno riconoscimento del diritto alla mobilità e all accessibilità PREMESSO TRA Comune di Terni Provincia di Terni l

Dettagli

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (P.T.T.I.) 2014/2016 1. INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL ENTE Il Comune di Terno d Isola è

Dettagli

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: IMPRESA SOCIALE E SERVIZIO CIVILE

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: IMPRESA SOCIALE E SERVIZIO CIVILE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 6 9/04/014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 7194 DEL 17/04/014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: IMPRESA SOCIALE

Dettagli

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 Allegato A Al Programma Triennale per la 2015-2017 Di seguito i dati oggetto di pubblicazione, ai sensi di quanto previsto dalla normativa sulla di cui al 33 del 2013.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756. standard professionali, intesi come caratteristiche

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756. standard professionali, intesi come caratteristiche 30334 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 113 del 21 08 2014 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756 P.O. PUGLIA F.S.E. 2007/2013 Asse V TRANSNA ZIONALITÀ

Dettagli

Tavolo strategico e Tavolo tecnico SERVIZI AI COMUNI. 22 settembre 2015

Tavolo strategico e Tavolo tecnico SERVIZI AI COMUNI. 22 settembre 2015 Tavolo strategico e Tavolo tecnico SERVIZI AI COMUNI 22 settembre 2015 Servizi ai Comuni Centro Innovazione e Tecnologie Rete Bibliotecaria Bresciana CIT RBB EE Efficientamento Energetico (RIP, Edifici

Dettagli

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA Allegato alla Delib.G.R. n. 6/10 del 14.2.2014 PIANO DEGLI INDICATORI DI Quadro normativo: Delib.G.R. n. 34/15 del 2011 PREMESSA Punto di partenza per l elaborazione del sistema di indicatori sono la mission

Dettagli

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE

CITTA' DI CASTEL MAGGIORE CITTA' DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 20 del 29/04/2015 OGGETTO: NOMINA COLLEGIO DEI REVISORI 2015/2018 L'anno duemilaquindici, addì ventinove

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012/2014 Approvato con delibera di G.C. n. 40 del 03/08/2012 SOMMARIO ART. 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E

Dettagli

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP Documento preliminare 1. Inquadramento normativo La materia dell edilizia residenziale pubblica comprende il complesso delle attività delle

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 A.G.C. 14 Trasporti e viabilità Settore 1 Autolinee e Vie di comunicazione Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO DENOMINATO "PIANO DI RIPROGRAMMAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE INDICE Direttore di Filiale Imprese... 3 Coordinatore... 4 Gestore Imprese... 5 Addetto Imprese... 6 Specialista Estero Merci... 7 Specialista Credito

Dettagli

POLIZIA LOCALE 295.217,00 265.048,00 SERVIZI DEMOGRAFICI 127.898,00 84.251,70 COSTO SOSTENUTO PER IL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO NR.

POLIZIA LOCALE 295.217,00 265.048,00 SERVIZI DEMOGRAFICI 127.898,00 84.251,70 COSTO SOSTENUTO PER IL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO NR. AGLI UTENTI ANNO 0 * POLIZIA LOCALE 9.,00.0,00 attivita' di informazione e rilascio documenti per autorizzazioni pubblicita' fonica giorni attivita' di rilascio atti conseguenti ad incidenti stradali 0

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA

AREA SERVIZI ALLA PERSONA AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Sociale Direttore PEG ANNO 1 UNIONE RENO GALLIERA : UNIONE RENO GALLIERA : DIRETTORE Centro di costo: SETTORE SOCIALE OBIETTIVI PERMANENTI : Gestione delle attività amministrative

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC.

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. PAG. 1 OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. L anno duemilaundici, addì due del mese di marzo in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 9,00 Convocata

Dettagli

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali.

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali. Aree funzionali Presidente Gabinetto della Presidenza Polizia Provinciale Rapporti Internazionali Segretario/Direttore Generale Avvocatura Area I Amministrativa Area II Finanziaria Area III Servizi alla

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

SETTORE ENERGIA ED AMBIENTE SERVIZIO POLITICHE ENERGETICHE RESPONSABILE. dott. Sergio Cristante

SETTORE ENERGIA ED AMBIENTE SERVIZIO POLITICHE ENERGETICHE RESPONSABILE. dott. Sergio Cristante SETTORE ENERGIA ED AMBIENTE SERVIZIO POLITICHE ENERGETICHE RESPONSABILE dott. Sergio Cristante Riferimenti PEG Programma n.2 2.I Politiche energetiche Centro di responsabilità 165 1 1 ATTIVITÀ E OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

IL DIRIGENTE DI AREA. l'amministrazione comunale, con Deliberazione Consiliare n. 53 del 21 maggio 1999, ha

IL DIRIGENTE DI AREA. l'amministrazione comunale, con Deliberazione Consiliare n. 53 del 21 maggio 1999, ha Pag. 1 / 10 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CITTA' E TERRITORIO REG. DET. DIR. N. 5563 / 2012 Prot. corr. Prot. corr. N 2012/5/1

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 17 luglio 2014 Allegato E PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PREMESSA II presente documento

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515. di un programma di recupero e razionalizzazione

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515. di un programma di recupero e razionalizzazione 32941 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515 Programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 3 aprile 2001 INDICE DEGLI ARTICOLI: ART.1 FINALITA ED OGGETTO

Dettagli

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza;

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza; 1. Premessa Il Parco Valle Lambro dimostra la propria piena partecipazione al processo di attivazione delle buone prassi di trasparenza ed etica con l adozione del presente piano, intitolato Programma

Dettagli

Comune di Baranzate Provincia di Milano

Comune di Baranzate Provincia di Milano Comune di Baranzate Provincia di Milano Area Gestione del Territorio RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE PER L'ANNO 2013 Responsabile arch. Sonia Pagnacco Assessore all'urbanistica ed Edilizia privata

Dettagli

ENTE COMUNE DI BENTIVOGLIO PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014

ENTE COMUNE DI BENTIVOGLIO PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 N ORDINARIO SCADENZA: 30/06/04 0/00 Denominazione: Adempiere allo svolgimento della tornata elettorale. Elezioni Comunali, Provinciali ed Europee. Programmazione e sviluppo delle risorse- Servizi demografici-

Dettagli

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente:

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente: CURRICULUM VITAE dati anagrafici: Giuseppe DAIDONE nato a NOTO (SR) il 28 ottobre 1962 residente a AUGUSTA, in via Siracusa, 14 mail: g.daidone@plemmirio.it cell.: 3357702907 studi: - ha conseguito la

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ' ANNI 2014-2016. (art. ll,c.2 D.Lgs. 150/09)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ' ANNI 2014-2016. (art. ll,c.2 D.Lgs. 150/09) COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ' ANNI 2014-2016 (art. ll,c.2 D.Lgs. 150/09) 1 Indice 1. Introduzione 2. Dati da pubblicare

Dettagli

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Dall agenda digitale

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O C I T T À D I C O N E G L I A N O (C.A.P. n. 31015) PROVINCIA DI TREVISO Unità organizzativa competente: DIREZIONE GENERALE AREA AFFARI GENERALI E SERVIZI ALLA PERSONA Via A. Carpenè, 2 Tel. 0438-413210

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione

Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione Titolo I. Amministrazione generale, organi di governo e gestione Il titolo riguarda i documenti

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Progetto In.Volo. Iniziativa per il Volontariato in Lombardia

Progetto In.Volo. Iniziativa per il Volontariato in Lombardia Progetto In.Volo. Iniziativa per il Volontariato in Lombardia Le organizzazioni di volontariato in Lombardia La Lombardia è la regione italiana che detiene il maggior numero di organizzazioni iscritte

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING

17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING 17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING Nel 2000 è stato istituito il Sistema Comunicazione e Marketing, in applicazione di una specifica normativa ed in attuazione del Piano Sanitario Regionale 1999-2001.

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Dipartimento per gli Affari Generali e della Contabilità : Svolge le attività di autoamministrazione dell Agenzia, funzionali

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 14 in data 09 maggio 2011 1 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli