( 0)^2 QUASI ZERO A QUASI ZERO EDIFICI DI NUOVA REALIZZAZIONE AD ENERGIA QUASI ZERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "( 0)^2 QUASI ZERO A QUASI ZERO EDIFICI DI NUOVA REALIZZAZIONE AD ENERGIA QUASI ZERO"

Transcript

1 ( 0)^2 QUASI ZERO A QUASI ZERO EDIFICI DI NUOVA REALIZZAZIONE AD ENERGIA QUASI ZERO Prof. E. De Angelis, Ing. G. Pansa, Ing. E. Serra Politecnico di Milano Dipar6mento ABC

2 Obie=vo della collaborazione con la rete di imprese bresciane ABITARE : Definire uno standard costrufvo per gli edifici di nuova costruzione: Fa=bile (problemi di can6ere an6cipa6 e risol6) O=mizzato (con cosh di realizzazione ragionevoli) Affidabile (con cosh di geshone prevedibili e con rischi di realizzazione contenu6). Definire uno standard di intervento anche per la riqualificazione del patrimonio costruito

3 I DETTAGLI COSTRUTTIVI Fino ad oggi: Valutazione DETTAGLIATA del comportamento dell involucro: PONTI TERMICI adesso: O=mizzazione costru=va (fa=bilità tecnica) Ricaduta sul fabbisogno di ENERGIA PRIMARIA Eph (kwh/m2y) Dipende (ovviamente) dai COSTI

4 Lo spazio dell analisi 200 CLASSE A CLASSE B CLASSE C 150 Δ /m2 100 Spendendo il minimo possibile (quasi zero in più) Limite EP H 50 Dobbiamo arrivare a zero (quasi zero) EPH [kwh/m2/y]

5 Lo spazio dell analisi Δ /m CLASSE A CLASSE B CLASSE C Profifo Valore dell incremento prestazionale Limite EP H EPH [kwh/m2/y]

6 2 piani riscalda6 da 67 m 2 lordi (per 104 m 2 di superficie u6le) Altezza nefa interna 2,70 m Copertura in legno non isolata a 2 falde sezione Il caso di studio Prospefo EST

7 Piano terra Piano primo N Il caso di studio S/V = 0.80 Superficie lorda = m 2 EP H limite Superficie nefa = m 2 90 kwh/m 2 y Volume lordo = m 3 Volume nefo = m 3

8 VANTAGGI RESISTENZA MECCANICA Malta premiscelata di allettamento di Classe M10 a prestazione garantita, con resistenza a compressione superiore a 10 MPa (100 kg/cm²), adatta anche alla realizzazione di murature portanti in zona sismica. UWALL = 0.30 W/(m2K) ISOLAMENTO TERMICO DANESI MTM10 ha una conducibilità termica certificata di 0,24 W/mK. Il suo im- piego permette di eliminare i ponti termici generati dai giunti di malta tradizionale, S/V.80 termica globale della parete. UWINDOW = 1.4 W/(m2K) migliorando del 15%=la 0 prestazione UGROUND = 0.6 W/(m2K) UROOF = 0.3 W/(m2K) solaio vs sofotefo POROTON P800 TS a Setti Sottili per muratura portante in zona sismica blocco 40 cm con malta termica PVC, doppio vetro non isolato 10 cm isolam. POROTON P800a TS c Caldaia ondensazione, pannelli radian6 CODICE DIMENSIONE cm P H L NR TIPO portante FORATURA PESO PEZZI PESO PACCO SPESSORE PEZZI PEZZI % Kg per pacco Kg muro per m2 per m3 F45 17, STABILIMENTO 48 Lugagnano Trasmittanza parete con malta tradizionale e intonaco tradizionale (sp. 1,5 cm) W/m2K 0,354 Trasmittanza parete con malta isolante* e intonaco tradizionale (sp. 1,5 cm) W/m K 0,302 2 CARATTERISTICHE TERMICHE TRASMITTANZA PARETE CON MALTA TERMICA DANESI MTM10 E INTONACI ISOLANTI À NOVIT TS P800 TON PORO NUOVO ONA PER Z A SISMIC Intonaco interno tradizionale cm Poroton P800 TS cm Intonaco esterno isolante cm Spessore totale parete cm 1,5 40 2,0 3,0 4,0 5,0 43,5 44,5 45,5 46,5 Trasmittanza parete con malta tradizionale e intonaco esterno isolante λ=0,075 W/mK W/m K 0,325 0,311 0,299 0,287 Trasmittanza parete con malta isolante* e intonaco esterno isolante λ=0,075 W/mK W/m2K 0,281 0,271 0,261 0,252 Trasmittanza parete con malta tradizionale e intonaco esterno isolante λ=0,045 W/mK W/m2K 0,307 0,287 0,270 0,255 Trasmittanza parete con malta isolante* e intonaco esterno isolante λ=0,045 W/mK W/m2K 0,267 0,252 0,239 0,227 Massa superficiale al netto degli intonaci kg/m2 * Malta Termica Danesi MTM10 Conducibilità λ=0,24 W/mK Classe di resistenza M

9 S/V = 0.80 U WALL = 0.30 W/(m 2 K) blocco 40 cm con malta termica U WINDOW = 1.4 W/(m 2 K) PVC, doppio vetro U GROUND = 0.6 W/(m 2 K) non isolato U ROOF = 0.3 W/(m 2 K) 10 cm isolam. solaio vs sofotefo Caldaia a condensazione, pannelli radian6 PONTI TERMICI COME DA ABACO ISO 14683

10 S/V = 0.80 U WALL = 0.30 W/(m 2 K) blocco 40 cm con malta termica U WINDOW = 1.4 W/(m 2 K) PVC, doppio vetro U GROUND = 0.6 W/(m 2 K) non isolato U ROOF = 0.3 W/(m 2 K) 10 cm isolam. solaio vs sofotefo Caldaia a condensazione, pannelli radian6 PONTI TERMICI COME DA ABACO ISO U6le Finale Primaria kwh/m2y Fabbisogno Solari Interni Dispersioni Appor6 Ven6lazione Trasmissione Fabbisogni di energia [kwh/m 2 ]

11 S/V = 0.80 U WALL = 0.30 W/(m 2 K) blocco 40 cm con malta termica U WINDOW = 1.4 W/(m 2 K) PVC, doppio vetro U GROUND = 0.6 W/(m 2 K) non isolato U ROOF = 0.3 W/(m 2 K) 10 cm isolam. solaio vs sofotefo Caldaia a condensazione, pannelli radian6 PONTI TERMICI COME DA ABACO ISO U6le Finale Primaria Eph lim= kwh/m 2 /y

12 La situazione iniziale CLASSE A CLASSE B CLASSE C 160 Δ /m Limite EP H EPH [kwh/m2/y] 92.3 kwh/m 2 /y

13 La situazione iniziale CLASSE A CLASSE B CLASSE C Δ /m kwh/m 2 /y Limite EP H EPH [kwh/m2/y] 92.3 kwh/m 2 /y

14 Nodo parete solaio controterra A) Isolamento terreno DA SOTTO A) Isolamento terreno DA SOPRA 8 cm 8 cm Ug = 0.30 W/(m 2 K) Ug = 0.30 W/(m 2 K)

15 Nodo parete solaio controterra A) Isolamento terreno DA SOTTO A) Isolamento terreno DA SOPRA 8 cm 8 cm Ug = 0.30 W/(m 2 K) Ug = 0.30 W/(m 2 K) ISO U g = 0.55 W/(m 2 K) U g = 0.33 W/(m 2 K) ΔEPh = 13.2 kwh/(m 2 y)

16 Nodo parete solaio controterra A) Isolamento terreno DA SOTTO A) Isolamento terreno DA SOPRA 8 cm 8 cm Ug = 0.30 W/(m 2 K) Ug = 0.30 W/(m 2 K) ψ = 0.55 W/(mK) 8 cm ψ = W/(mK) 8 cm U g = 0.57 W/(m 2 K) U g = 0.27 W/(m 2 K) ΔEPh = 18 kwh/(m 2 y)

17 Nodo parete solaio controterra A) Isolamento terreno DA SOTTO A) Isolamento terreno DA SOPRA 8 cm 8 cm Ug = 0.30 W/(m 2 K) Ug = 0.30 W/(m 2 K) ψ = 0.15 W/(mK) 8 cm ψ = W/(mK) 8 cm U g = 0.37 W/(m 2 K) U g = 0.26 W/(m 2 K) ΔEPh = 4.5 kwh/(m 2 y)

18 O=mizzazione del defaglio 1: solefa controterra PARETE MONOSTRATO 40 cm Uwall = 0.26 W/(m 2 K) Ug = W/(m 2 K) Massefo CA 8 cm Isolante EPS 8 cm Solefa CA 20 cm Magrone 10 cm Ug = W/m2K ψ = W/mK U g = W/m2K ΔEPh = 3.6 kwh/(m 2 y) PARETE 30 cm + CAPPOTTO 8 cm Uwall = 0.26 W/(m 2 K) Ug = W/(m 2 K) Massefo CA 8 cm Isolante EPS 8 cm Solefa CA 20 cm Magrone 10 cm Ug = W/m2K ψ = W/mK U g = W/m2K ΔEPh = 3.7 kwh/(m 2 y)

19 O=mizzazione del defaglio 2: vespaio aerato PARETE MONOSTRATO 40 cm Uwall = 0.26 W/(m 2 K) Ug = W/(m 2 K) Sofofondo alleggerito 10 cm Isolante EPS 8 cm Solefa integra6va CA 10 cm Trave di fondazione 80x50 cm Isolamento in XPS 8 cm Vespaio aerato con 4 tubi φ120 mm Ug = W/m2K ψ = W/mK MONOSTRATO U g = W/m2K ΔEPh = 1.1 kwh/(m 2 y)

20 O=mizzazione del defaglio 2: vespaio aerato PARETE MONOSTRATO 40 cm Uwall = 0.26 W/(m 2 K) Ug = W/(m 2 K) Sofofondo alleggerito 10 cm Isolante EPS 8 cm Solefa integra6va CA 10 cm Trave di fondazione 80x50 cm Isolamento in XPS 8 cm Vespaio aerato con 4 tubi φ120 mm Ug = W/m2K ψ = W/mK MONOSTRATO + CORREZIONE CON VETRO CELLULARE U g = W/m2K ΔEPh = 1 kwh/(m 2 y)

21 O=mizzazione del defaglio 2: vespaio aerato PARETE 30 cm + CAPPOTTO 8 cm Uwall = 0.26 W/(m 2 K) Ug = W/(m 2 K) Trave di fondazione 80x50 cm Isolamento in XPS 8 cm Massefo CA 8 cm Isolante EPS 8 cm Sofofondo alleggerito 10 cm Solefa integra6va CA 10 cm Vespaio aerato con 4 tubi φ120 mm Ug = W/m2K ψ = W/mK CAPPOTTO U g = W/m2K ΔEPh = 1.1 kwh/(m 2 y)

22 O=mizzazione del defaglio 2: vespaio aerato PARETE 30 cm + CAPPOTTO 8 cm Uwall = 0.26 W/(m 2 K) Ug = W/(m 2 K) Trave di fondazione 80x50 cm Isolamento in XPS 8 cm Massefo CA 8 cm Isolante EPS 8 cm Sofofondo alleggerito 10 cm Solefa integra6va CA 10 cm Vespaio aerato con 4 tubi φ120 mm Ug = W/m2K ψ = W/mK CAPPOTTO + CORREZIONE CON VETRO CELLULARE U g = W/m2K ΔEPh = 1 kwh/(m 2 y)

23 O=mizzazione del defaglio 3: prodo= innova6vi

24 Nodo parete serramento POSIZIONE PONTE TERMICO APPORTI SOLARI Serramento filo esterno ψ = W/mK In mezzeria è la posizione ofmale ψ = W/mK ΔEPh = 1.3 kwh/(m 2 y) ψ = W/mK Con falsotelaio LEGNO - ALLUMINIO

25 Iniziamo ad o=mizzare: Calcolo i pon6 termici CLASSE A CLASSE B CLASSE C 160 Δ /m Limite EP H Incremento di costo = 0,00 0,00 /kwh y EPH [kwh/m2/y]

26 Isolamento del solaio a terra CLASSE A CLASSE B CLASSE C Δ /m Incremento di costo = Limite EP H Isolante terra 8 cm U ground = 0.30 W/(m2K) EPH [kwh/m2/y] 0.86 /kwh y

27 Correggiamo i Pon6 Termici CLASSE A CLASSE B CLASSE C Δ /m Incremento di costo = Limite EP H /kwh y Correzione Pon6 Termici Solaio e balconi EPH [kwh/m2/y]

28 Incremen6amo la resistenza termica dell involucro (opaco) U6lizzare un blocco spesso 30 cm, con malta tradizionale e cappofo in EPS (6 cm) costa meno (uguale) a u6lizzare blocco sp. 40 cm con malta termica! 200 CLASSE A 180 CLASSE B CLASSE C 160 Limite EPH 140 Δ /m Incremento di costo = Incremento di costo = /kwh y /kwh y Blocco sp. 30 (con malta tradizionale) + EPS 6 cm EPH [kwh/m2/y] Blocco sp. 30 (con malta tradizionale) + MW 6 cm Isolante roof 15 cm U roof = 0.23 W/(m2K)

29 Incremen6amo la resistenza termica dell involucro (opaco) CLASSE A CLASSE B CLASSE C Δ /m Incremento di costo = /kwh y Limite EP H EPH [kwh/m2/y] Blocco sp. 40 riempito EPS con grafite (con malta tradizionale) Isolante roof 15 cm U roof = 0.23 W/(m 2 K)

30 Incremen6amo la resistenza termica dell involucro (opaco) CLASSE A CLASSE B CLASSE C Δ /m Incremento di costo = Limite EP H /kwh y EPH [kwh/m2/y] Blocco AAC 30 cm + Isolante 8 cm U parete: 0.26 W/(m 2 K) Isolante roof 15 cm U roof = 0.23 W/(m 2 K)

31 Con malta tradizionale si avrebbero incremenh di costo maggiori Δ /m CLASSE A CLASSE B CLASSE C Cappofo MW 6 cm 5.01 /kwh y Blocco riempito 4.37 /kwh y Cappofo EPS 6 cm 2.48 /kwh y Blocco AAC + cappofo minerale 8 cm 5.01 /kwh y Limite EP H Minore costo iniziale (malta tradizionale) EPH [kwh/m2/y] Maggiore EP H iniziale U wall = 0.35 W/m 2 K

32 Incremen6amo la resistenza termica dell involucro (trasparente) CLASSE A CLASSE B CLASSE C 160 Δ /m Limite EP H Incremento di costo = /kwh y U finestra: 0.75 W/(m 2 K) g = 0.45 (minori appor6 solari) EPH [kwh/m2/y]

33 Miglioramento ulteriore dell isolamento della parete CLASSE A CLASSE B CLASSE C 160 Δ /m Cappofo in PSE da 14 cm Copertura MW 20 cm Pavimento 18 cm U = 0.18 W/(m 2 K) Incremento di costo tot = Cappofo in PSE da 6 cm Copertura MW 15 cm U = 0.23 W/(m 2 K) Incremento di costo tot = Limite EP H /kwh y /kwh y EPH [kwh/m2/y]

34 Incremen6amo la resistenza termica dell involucro (trasparente) Δ /m CLASSE A CLASSE B CLASSE C Come prima + triplo vetro U w = 0.75 W/(m 2 K); g = 0.45 Incremento di costo = /kwh y 2.76 /kwh y Limite EP H EPH [kwh/m2/y]

35 VenHlazione Meccanica Controllata con RECUPERATORE Δ /m CLASSE A CLASSE B CLASSE C Efficienza recuperatore η=0.75 Ven6latore 60 W (u6lizzo 24h) Ricambi d aria n=0.3 Incremento di costo = /kwh y 4.65 /kwh y Limite EP H EPH [kwh/m2/y]

36 POMPA DI CALORE ELETTRICA Δ /m /kwh y CLASSE A CLASSE B CLASSE C Pompa di calore elefrica COP = 3.5 Sovracosto = /kwh y Limite EP H EPH [kwh/m2/y] Eph < 27 kwh/m 2 Eph < 18 kwh/m 2

37 Alcuni commen6 Abbiamo valutato, insieme, sia le prestazioni, sia i cos6. Abbiamo ridofo dell 85% circa il fabbisogno iniziale (che già rispefa gli standard) Abbiamo u6lizzato un METODO

38 Con pompa di calore elefrica e Fotovoltaico Zero Net Energy Δ /m m 2 di PV 8.4 m 2 di PV 2.2 /kwh y Esposizione: EST Inclinazione: 15 Producibiltà annua: 1000 kwh el /kwp /kwp EPH [kwh/m2/y]

39 Edificio con pompa di calore elefrica fin dove riusciamo ad arrivare Δ /m Sovracosto della pompa di calore [ ] - 52 [ /m 2 ] 1.00 [ /kwh y] Zero Net Energy Per il solo impianto EPH [kwh/m2/y] kwh/m 2 /y senza migliorare le prestazioni dell involucro

40 Si arriva a ZERO NET ENERGY con il fotovoltaico? Quanto ne serve? Quanto cost<wa? Zero Net Energy Δ /m m 2 di PV 8.4 m 2 di PV 2.2 /kwh y 14.6 m 2 di PV EPH [kwh/m2/y] kwh/m 2 /y senza migliorare le prestazioni dell involucro Esposizione: EST Inclinazione: 15 Producibiltà annua: kwh el /kwp /kwp

41 Quasi Zero energy = quasi zero spese ma dipende dalla fonte u6lizzata!! Δ /m Δ /m 2 Δ /m [ /y] Spesa termica Spesa elefrica EPH [kwh/m2/y]

42 Quanto spazio serve per installare il fotovoltaico? Moduli policristallini 6.5 m 2 /kwp /kwp Sud: kwh/kwp Est/ovest 990 kwh/kwp Una famiglia consuma circa 3500 kwh/a di energia elefrica Per compensare, nell anno, tale consumo, devo avere circa à m 2 di PV

43 Quanto spazio serve per installare il fotovoltaico? Moduli policristallini 6.5 m 2 /kwp /kwp Sud: kwh/kwp Est/ovest 990 kwh/kwp Se volessi compensare anche il consumo di energia elefrica di una pompa di calore per produrre l ACS (che si presume consumi una famiglia media) con un rendimento medio stag. 2,0 (circa altri 1000 kwh), mi servono: à m 2 di PV e inoltre: COOLING? VENTILATION? 100% copertura? Lo spazio disponibile per il servizio Riscaldamento si riduce significa6vamente e può essere insufficiente

44 Conclusioni Grazie alla riduzione dei cosh del fotovoltaico e la scelta di impian6 a costo basso, non è difficile raggiungere una classe zero energia nefa annua per il solo riscaldamento con incremen6 di costo dell ordine del 10% - 20%

45 Conclusioni Grazie alla riduzione dei cosh del fotovoltaico, l energia rinnovabile è più conveniente dell energia risparmiata, anche senza il conto- energia di una volta Ma questa scelta dipende da quanta area di copertura ho effe=vamente a disposizione per il fotovoltaico (la superficie di copertura non è infinita e quindi è opportuno migliorare l involucro) Afenzione deve essere posta anche ai cos6 di ges6one

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013 Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/6/213 Figura 1. Prospetto est (sinistra) e vista sud-ovest (destra). Figura 2. Pianta piano terra (sinistra) e piano primo (destra): indicate con tratteggio

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008 RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008 IMPEGNI PER RIDUZIONE EMISSIONI CO2 1993: SOTTOSCRIZIONE PROTOCOLLO DI KYOTO IMPEGNI ENTRO 2012 EUROPA - 5%! ITALIA - 6,5%! Dati ITALIA 1990-2003

Dettagli

4RI: RIQUALIFICARE RINNOVARE RECUPERARE RICOSTRUIRE

4RI: RIQUALIFICARE RINNOVARE RECUPERARE RICOSTRUIRE RISPARMIO ENERGETICO UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L EDILIZIA DI OGGI E DI DOMANI 4RI: RIQUALIFICARE RINNOVARE RECUPERARE RICOSTRUIRE L INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI

Dettagli

CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO

CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO P.G. Comune di Montorfano Provincia di Como Area Tecnica - Ufficio Tecnico CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO (allegato obbligatorio alla relazione tecnica di cui all art. 28 della L. 10/91 come definita dall

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli

APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E

APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E TECNICI PUNTO ENERGIA L Attestato di Prestazione Energetica alla luce del Decreto Legge 63/2013. Esempi di calcolo. Prof. Ing. Dimitrios

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it Pianoro 13 giugno 2007 L isolamento degli edifici: un esempio dell

Dettagli

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing.

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Francesco Cocco DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI PER UN EDIFICIO RESIDENZIALE A PATIO

Dettagli

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE DETRAZIONI FISCALI DEL 55% PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE NEL 2010 DISTRIBUZIONE DEL NUMERO DELLE RICHIESTE DI DETRAZIONE

Dettagli

Comportamento dinamico dell involucro opaco

Comportamento dinamico dell involucro opaco Comportamento dinamico dell involucro opaco Prof. Ing. Pietro Stefanizzi Politecnico di Bari E-mail: pietro.stefanizzi@poliba.it Bari, 3 ottobre 2014 CONDUTTIVITA TERMICA? UNI 10351:1994 Materiale solido

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

TEST DI AUTOVALUTAZIONE Non valido ai fini dell abilitazione finale.

TEST DI AUTOVALUTAZIONE Non valido ai fini dell abilitazione finale. 5 Il fabbisogno di energia trasmissione Q h,tr di cui alla parte della UNITS 00:008 è funzione: Nella UNITS00 il coefficiente b tr di correzione dello scambio termico dipende: Il rendimento globale medio

Dettagli

Milano Milano, 18 Giugno 2015

Milano Milano, 18 Giugno 2015 Milano, 18 Giugno 2015 Distribuzione proprietà ERP per anno di costruzione anni70/80 12% anni 90 6% anni 2000 4% 752 stabili anni 50/60 78% 29.000 alloggi CLASSE ENERGETICA TIPICA PER PERIODO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it

Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it Gli attuali consumi energetici degli edifici Il consumo di energia per il riscaldamento, per l acqua calda sanitaria e per il raffrescamento

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO Immobile Alloggi E.R.P.S. INDIRIZZO Via Cerruti BIOGLIO ( BI ) COMMITTENTE INDIRIZZO Comune di Bioglio Via Cerruti

Dettagli

KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro

KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro Esempio di CasaClima A Nature: dettagli e costi OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE PER LA CERTIFICAZIONE "CASACLIMA A" Efficienza dell involucro

Dettagli

Pannelli solari l ampiezza e la luminosità degli spazi interni camini di luce frangisole 10 cm di coibentazione e 4 cm di ventilazione

Pannelli solari l ampiezza e la luminosità degli spazi interni camini di luce frangisole 10 cm di coibentazione e 4 cm di ventilazione CENNI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO casi studio Guglielmina Mutani e-mail: guglielmina.mutani@polito.it Guglielmina Mutani Progetto Scienza attiva 2009 1 ALCUNI ESEMPI SMARTHOUSE: PREFABBRICATA E

Dettagli

DIAGNOSI E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

DIAGNOSI E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE Convegno DIAGNOSI E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE Ferrara, Castello Estense, Sala Imbarcadero - 20 giugno 2008 VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI ESISTENTI

Dettagli

PONTI TERMICI DISPERDIMENTI E TECNOLOGIE. di: Enrico De Angelis, Andrea Giovanni Mainini dipartimento BEST - POLITECNICO DI MILANO

PONTI TERMICI DISPERDIMENTI E TECNOLOGIE. di: Enrico De Angelis, Andrea Giovanni Mainini dipartimento BEST - POLITECNICO DI MILANO PONTI TERMICI DISPERDIMENTI E TECNOLOGIE di: dipartimento BEST - POLITECNICO DI MILANO Cosa sono i ponti termici 2 Il concetto di ponte termico si introduce per due motivi: QUALITATIVO: per indicare le

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere del sistema edificio-impianto

Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere del sistema edificio-impianto Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere del sistema edificio-impianto L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle

Dettagli

Corso di aggiornamento 1

Corso di aggiornamento 1 REGIONE LOMBARDIA - Accompagnamento e formazione degli Enti Locali nella predisposizione di Piani d Azione Locali per l attuazione del Protocollo di Kyoto nell ambito dei processi di Agenda 21 Locale Tecniche

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Villetta monofamiliare Via Roma - Milano (MI) Edilclima srl MILANO Rif.

Dettagli

Il recupero energetico del patrimonio edilizio esistente

Il recupero energetico del patrimonio edilizio esistente BARI, 19 MARZO 2012 Politecnico di Bari - Aula Magna Attilio Alto Il recupero energetico del patrimonio edilizio esistente sede legale via neghelli 85 ~ 70022 altamura/ba sede operativa via nicola tridente

Dettagli

Strumento di valutazione della sostenibilità energetico ambientale degli edifici. Manuale Modulo Strumenti di calcolo

Strumento di valutazione della sostenibilità energetico ambientale degli edifici. Manuale Modulo Strumenti di calcolo Strumento di valutazione della sostenibilità energetico ambientale degli edifici Manuale Modulo Strumenti di calcolo Copyright 2009 ITC-CNR Alcuni Diritti Riservati Quest opera è rilasciata ai termini

Dettagli

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 CORSO DI FORMAZIONE PER CERTIFICATORE ENERGETICO DELLA REGIONE LIGURIA Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 Docente: Prof. Ing Paolo CAVALLETTI 1/41 Software di Diagnosi

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO 1. LA TRASMITTANZA TERMICA La grandezza più importante per caratterizzare il comportamento termico dell involucro

Dettagli

ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL

ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL CORSO PER CERTIFICATORE ENERGETICO IN REGIONE LOMBARDIA ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL 13/12/2007 Gabriele Masera Nota:

Dettagli

2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3

2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3 INDICE GENERALE: 1. Introduzione pag. 3 2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3 3. Stratigrafia del divisorio di copertura e caratteristiche tecniche dei prodotti pag. 5 4. Calcolo della trasmittanza

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60

DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60 DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60 ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) ASSEGNA UNA CLASSE ENERGETICA ALL EDIFICIO E SERVE PER LOCARE/VENDERE UNA PORZIONE O UN EDIFICIO

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Ubicazione dell edificio: Anno di costruzione: Proprietà dell edificio: Destinazione d uso: Quartiere La Madonnina - via Pisino - 73024 MAGLIE (LECCE) Edificio via

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

ESEMPIO APPLICATIVO n 1

ESEMPIO APPLICATIVO n 1 ESEMPIO APPLICATIVO n 1 1 TIPOLOGIA COSTRUTTIVA: MURATURA IN BLOCCHI DI TUFO (36cm) SOTTOFINESTRA RIDOTTI (20 cm) FINESTRE DOPPIE CON VETRI SEMPLICI TETTO IN LATEROCEMENTO (20cm) CORDOLI PERIMETRALI IN

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

Isolamento Resistenza Silenzio TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE. BioPLUS

Isolamento Resistenza Silenzio TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE. BioPLUS Isolamento Resistenza Silenzio TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE BioPLUS SISTEMA BREVETTATO BIOPLUS TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE termica+acustica+antisismica BIOPLUS è un sistema costruttivo brevettato, composto

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche dei supercondominio di via Cividali/via Pasubio Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl

Dettagli

Edificio di classe :

Edificio di classe : ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1 Codice Certificato 2011_06_21-80016450480-001 Validità Riferimenti catastali Foglio: 16 Particella: 9,10,46,143

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale Emilia Romagna n.1362 del 20/09/10- ALLEGATO 4

Deliberazione della Giunta Regionale Emilia Romagna n.1362 del 20/09/10- ALLEGATO 4 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 09.01.91 N. 10 ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Deliberazione

Dettagli

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo 1-Efficaci elementi di schermatura delle superfici vetrate ( esterni o interni) 2-Ottimizzare la ventilazione naturale 3-Eventuale ventilazione

Dettagli

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio Tesi di laurea triennale in Architettura per il progetto, Politecnico di Torino; Candidata: Elisa Sirombo Relatore: Guglielmina

Dettagli

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO Clara PISTONI - Giovanna CARIA IMPIANTO DATI GENERLI CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO INFORMAZIONI INTRODUTTIVE 2 COMUNE CERMENATE

Dettagli

Riqualificare risparmiando

Riqualificare risparmiando Climatizzazione L efficienza energetica non si attua solo sugli edifici nuovi, ma conviene anche, e soprattutto, sugli edifici esistenti. In questa residenza privata a Ranica, in Provincia di Bergamo,

Dettagli

Efficienza energetica degli edifici: strategie operative

Efficienza energetica degli edifici: strategie operative Attività di di FORMAZIONE tecnici comunali Efficienza energetica degli edifici: strategie operative Arch. Arianna Palano Dipartimento BEST, Politecnico di Milano 1. TECNICHE PER LA VAUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere

Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti geometria

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche sul condominio di via Saffi n 2, 4 e 6 Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl Documento

Dettagli

Centro Edile per la Sicurezza e la Formazione

Centro Edile per la Sicurezza e la Formazione Centro Edile per la Sicurezza e la Formazione Il presente depliant è stato stampato su carta riciclata. I PRODOTTI DA COSTRUZIONE A BASSO CONSUMO ENERGETICO I PRODOTTI DA COSTRUZIONE A BASSO CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno LA TRASMITTANZA TERMICA DI STRUTTURE OPACHE La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni

Dettagli

Questionario di consapevolezza

Questionario di consapevolezza Questionario di consapevolezza Il presente questionario è stato ideato come strumento per permettere al cittadino di acquisire consapevolezza sulle prestazioni energetiche di massima della propria abitazione.

Dettagli

VERIFICA ENERGETICA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA

VERIFICA ENERGETICA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA Committente Indirizzo Comune sig. Via.. Monte San Pietro edificio Villetta composta da 2 unità immobiliari e 2 piani fuori terra, costruito negli anni 70. Involucro Pareti

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

Isolamento termoriflettente per la coibentazione termica Ing. Francesco Cosentino

Isolamento termoriflettente per la coibentazione termica Ing. Francesco Cosentino Unedificiocon con unità abitative in classe energetica A: l esperienza di Montemarciano (AN) Unedificiocon con unità abitative in classe energetica A: l esperienza di Montemarciano (AN) Indice argomenti:

Dettagli

Il vespaio aerato già isolato

Il vespaio aerato già isolato Il vespaio aerato già isolato PATENT PENDING Il primo vespaio aerato con coibentazione integrata che isola anche le fondazioni con prestazioni termiche migliorate Via Clauzetto, 20-33078 San Vito al Tagliamento

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE INDICAZIONI TECNICHE, REQUISITI E DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER L ACCESSO AGLI INCENTIVI

PROVINCIA DI UDINE INDICAZIONI TECNICHE, REQUISITI E DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER L ACCESSO AGLI INCENTIVI PROVINCIA DI UDINE 1 PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI AI SOGGETTI PRIVATI PER LA PROMOZIONE E L INCENTIVAZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Allegato D INDICAZIONI

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SECONDO Dlgs 192/05 E Dlgs 311/06 AGEVOLAZIONI DELLE FINANZIARIE 2007 E 2008 INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SECONDO Dlgs 192/05 E Dlgs 311/06 AGEVOLAZIONI DELLE FINANZIARIE 2007 E 2008 INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SECONDO Dlgs 192/05 E Dlgs 311/06 AGEVOLAZIONI DELLE FINANZIARIE 2007 E 2008 INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI Ing. Roberto Bussolino (matr. 6406X ord. Ingegneri di

Dettagli

Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding

Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding Ing. Marco Citterio ENEA Metodologia di indagine 1. Acquisizione informazioni Documentazione cartacea Piante edificio Bollette Sopralluoghi

Dettagli

L incidenza prestazionale del serramento. serramento. Le proprietàtermiche termiche del. Per. Ind. Roberto Ponzini. Milano 30 novembre 2011

L incidenza prestazionale del serramento. serramento. Le proprietàtermiche termiche del. Per. Ind. Roberto Ponzini. Milano 30 novembre 2011 L incidenza prestazionale del serramento Le proprietàtermiche termiche del serramento Per. Ind. Roberto Ponzini Milano 30 novembre 2011 Fabbisogno termico e involucro edilizio Dispersioni Calore di Ventilazione

Dettagli

Impianti termici integrati: solare, caldaie a condensazione, biomasse, pompe di calore

Impianti termici integrati: solare, caldaie a condensazione, biomasse, pompe di calore Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Padova Impianti termici integrati: solare, caldaie a condensazione, biomasse, pompe di calore Simulazioni dinamiche per la gestione ottimale

Dettagli

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ)

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) La situazione edilizia in Italia è particolarmente anziana. Circa due terzi degli edifici esistenti sono antecedenti

Dettagli

Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti

Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti 1 Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti 1 - DATI GENERALI UBICAZIONE: ANNO DI COSTRUZIONE:... PROPRIETARI: RESIDENZA:.... C.F.:......DATI

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

Isolanti e edifici intelligenti per non consumare. Fabio Raggiotto

Isolanti e edifici intelligenti per non consumare. Fabio Raggiotto Isolanti e edifici intelligenti per non consumare Fabio Raggiotto Stiferite e l isolamento termico Pionieri negli anni 60 1963 La STIFER (Soc. Ferdinando Stimamiglio) avvia, per prima in Europa, la produzione

Dettagli

1. Le ESCo: cosa sono e come operano 2. Determinazione della prestazione energetica degli edifici: diagnosi e certificazione 3. La diagnosi elettrica

1. Le ESCo: cosa sono e come operano 2. Determinazione della prestazione energetica degli edifici: diagnosi e certificazione 3. La diagnosi elettrica ESCo E CERTIFICAZIONE ENERGETICA Dott.sa Francesca Gaburro Dott.sa Monica Porcari Università degli Studi di Parma, 10 novembre 2010 INDICE 1. Le ESCo: cosa sono e come operano 2. Determinazione della prestazione

Dettagli

PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO. www.homesolar.it

PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO. www.homesolar.it PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO HOME SOLAR Il progetto è un abitazione monofamiliare con superficie pari a 220 m² totalmente ristrutturata, nel periodo 2010-2011, volto ad un risparmio

Dettagli

LE PROBLEMATICHE E LE CRITICITÀ DELLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EIDFICI

LE PROBLEMATICHE E LE CRITICITÀ DELLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EIDFICI 1/93 - Verona 21 Ottobre 2008 - LE PROBLEMATICHE E LE CRITICITÀ DELLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EIDFICI Parte 2: Criticità e aspetti pratici ANIT Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e

Dettagli

Risparmio energetico degli edifici:

Risparmio energetico degli edifici: Risparmio energetico degli edifici: FOCUS SULLA NORMATIVA REGIONALE Relatore: Arch. SIMONA ALAURIA Certificatore Energetico per la Regione Liguria Studio Tecnico Amatori Sanremo (IM) 1. Concetto di risparmio

Dettagli

Ing. Alessandro MARCIANO

Ing. Alessandro MARCIANO e del Lazio Meridionale Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Modulo 4 Certificazione energetica degli edifici scolastici Parte seconda Esempi applicativi Ing. Alessandro MARCIANO a.marciano@unicas.it

Dettagli

da hotel tradizionale a ClimaHotel

da hotel tradizionale a ClimaHotel da hotel tradizionale a ClimaHotel Concetto energetico Progetto impianti termoidraulici ed elettrici Direzione lavori impianti Consulenza e calcoli CasaClima Energytech INGEGNERI s.r.l. www.energytech.it

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

basso consumo energetico

basso consumo energetico Impianti radianti a pavimento negli edifici a basso consumo energetico Verona, 4 ottobre 2012 Prof. Michele De Carli Dipartimento di 2 Dipartimento di Edifici a basso consumo, definizione: Edifici a basso

Dettagli

METODO DI CALCOLO SEMPLIFICATO DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA GLOBALE EPgl DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI ESISTENTI V 1.0

METODO DI CALCOLO SEMPLIFICATO DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA GLOBALE EPgl DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI ESISTENTI V 1.0 docente: Ph.D. Domenico Tripodi Corso di Laurea in Edilizia Corso di Certificazione Energetica e Sostenibilità Edilizia a.a. 2011/2012 collaboratore: Ing. Nunziata Italiano Esercitazione METODO DI CALCOLO

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

Arch. Bruno Salsedo. Ordine degli Architetti P.P.C.. Sportello consulenze on-line Progettazione sostenibile e certificazione energetico-ambientale

Arch. Bruno Salsedo. Ordine degli Architetti P.P.C.. Sportello consulenze on-line Progettazione sostenibile e certificazione energetico-ambientale Arch. Bruno Salsedo. Ordine degli Architetti P.P.C.. Sportello consulenze on-line Progettazione sostenibile e certificazione energetico-ambientale Sintesi dello Studio del Mi.S.E. Applicazione delia metodologia

Dettagli

La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda. Dott. Ing. Mauro CAPPELLO

La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda. Dott. Ing. Mauro CAPPELLO La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda Dott. Ing. Mauro CAPPELLO 1 Unità didattica: 4 La trasmittanza termica 2 La trasmittanza termica: introduzione La prestazione termica dei materiali,

Dettagli

Uso dell acqua sostenibile: i nuovi paradigmi per gli edifici a energia zero

Uso dell acqua sostenibile: i nuovi paradigmi per gli edifici a energia zero CONVEGNO Acqua ed uso razionale dell energia Uso dell acqua sostenibile: i nuovi paradigmi per gli edifici a energia zero Prof. Giuliano Dall O Presidente del Comitato Scientifico MCE - Mostra Convegno

Dettagli

MARCOTHERM LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SISTEMA DI ISOLAMENTO TERMICO ESTERNO A CAPPOTTO

MARCOTHERM LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SISTEMA DI ISOLAMENTO TERMICO ESTERNO A CAPPOTTO MARCOTHERM LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SISTEMA DI ISOLAMENTO TERMICO ESTERNO A CAPPOTTO NORME DI RIFERIMENTO SULL EFFICIENZA ENERGETICA A livello comunitario, le normative di riferimento in materia di

Dettagli

La progettazione dell involucro edilizio per edifici in classe A Metodi costruttivi e soluzioni tecniche

La progettazione dell involucro edilizio per edifici in classe A Metodi costruttivi e soluzioni tecniche La progettazione dell involucro edilizio per edifici in classe A Metodi costruttivi e soluzioni tecniche Dipartimento BEST 2 Come incidono le scelte progettuali e tecnologiche sul bilancio energetico (EPH)?

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico FIERA NUOVA BERGAMO Alta efficienza e basso consumo: analisi economiche e soluzioni intelligenti Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico D.Lgs n.

Dettagli

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI ALLEGATO 2 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Edifici ad alte prestazioni energetiche

Edifici ad alte prestazioni energetiche Edifici ad alte prestazioni energetiche Gli edifici della residenza il Sole sono progettati e costruiti secondo i più moderni standard in fatto di risparmio energetico e sfruttamento delle energie rinnovabili,

Dettagli

COMPLESSO EDILIZIO A ENERGIA QUASI ZERO. Relatore TIZIANO TERLIZZESE

COMPLESSO EDILIZIO A ENERGIA QUASI ZERO. Relatore TIZIANO TERLIZZESE ALTERNATIVE TITOLO PRESENTAZIONE IMPIANTISTICHE, 29 / 10 / 2012 COSTI ENERGETICI Relatore NOME ED COGNOME ECONOMICI DI UN COMPLESSO EDILIZIO A ENERGIA QUASI ZERO Relatore TIZIANO TERLIZZESE COMPLESSO EDILIZIO

Dettagli

LEGGEREZZA E COMFORT

LEGGEREZZA E COMFORT I TEMI TRATTATI STRUTTURALE ABITATIVO steelmax by TM INNOVATIVO CONCETTO DI COSTRUZIONE steelmax PERCHE INNOVATIVO? SISTEMA COSTRUTTIVO LEGGERO: 1) costituito profili sottili in acciaio formati a freddo

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici e l auditl energetico: l esperienza l Certiquality

La certificazione energetica degli edifici e l auditl energetico: l esperienza l Certiquality La certificazione energetica degli edifici e l auditl energetico: l esperienza l di Certiquality Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality S.r.l. m.locati@certiquality.it Tel. 02 80 69

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche sul condominio di via Mercadante 2 e 4 Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl Documento

Dettagli

Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI E UTENZE ENERGETICHE

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA 3 2 SITO DI INTERVENTO 4 3 OBIETTIVI 5 4 LEGGI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 7 5 STATO DI FATTO INVOLUCRO EDILIZIO 9

INDICE 1 PREMESSA 3 2 SITO DI INTERVENTO 4 3 OBIETTIVI 5 4 LEGGI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 7 5 STATO DI FATTO INVOLUCRO EDILIZIO 9 INDICE 1 PREMESSA 3 2 SITO DI INTERVENTO 4 3 OBIETTIVI 5 4 LEGGI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 7 5 STATO DI FATTO INVOLUCRO EDILIZIO 9 6 STATO DI PROGETTO INVOLUCRO EDILIZIO 16 7 CONCLUSIONI 24 2/24

Dettagli

ALLEGATO C Audit energetico del corpo C

ALLEGATO C Audit energetico del corpo C ALLEGATO C Audit energetico del corpo C OSPEDALE DI MANZONI DI LECCO Via Dell Eremo, 9/11 Redatto da: Revisione Data 1 INDICE A1. ANAGRAFICA E DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 3 A1.1 GENERALITÀ... 3 A1.2 DESCRIZIONE

Dettagli

soluzioni per l isolamento termico e il risparmio energetico

soluzioni per l isolamento termico e il risparmio energetico soluzioni per l isolamento termico e il risparmio energetico IL DECRETO LEGISLATIVO 311/06 Decreto Legislativo 29 Dicembre, n. 311 Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 19 Agosto

Dettagli

Costituiscono una discontinuità geometrica o di materiale dell involucro edilizio Rappresentano una «via preferenziale» di trasmissione del calore

Costituiscono una discontinuità geometrica o di materiale dell involucro edilizio Rappresentano una «via preferenziale» di trasmissione del calore I PONTI TERMICI Costituiscono una discontinuità geometrica o di materiale dell involucro edilizio Rappresentano una «via preferenziale» di trasmissione del calore Il loro contributo sulla quota di energia

Dettagli

LA CASA DUE LITRI/MQ NON E PIU UNA RARITA

LA CASA DUE LITRI/MQ NON E PIU UNA RARITA LA CASA DUE LITRI/MQ NON E PIU UNA RARITA Previsti consumi per 18,66 kwh/m 2 anno in una abitazione di 110 m 2 Dettaglio del sistema costruttivo con casseforme a perdere in polistirene espanso CLI- MABLOCK,

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

l conce'o di edificio NZEB: aspe3 norma6vi e i limi6 di consumo energe6co in area mediterranea Prof. Costanzo Di Perna

l conce'o di edificio NZEB: aspe3 norma6vi e i limi6 di consumo energe6co in area mediterranea Prof. Costanzo Di Perna EDIFICI A ENERGIA QUAZI ZERO VERSO IL 2020 Il roadshow per l efficienza energetica l conce'o di edificio NZEB: aspe3 norma6vi e i limi6 di consumo energe6co in area mediterranea Prof. Costanzo Di Perna

Dettagli

BENIMPACT Suite. Piattaforma Software per la progettazione integrata di edifici sostenibili. M.Zanato, S.Dematté, A.Messina

BENIMPACT Suite. Piattaforma Software per la progettazione integrata di edifici sostenibili. M.Zanato, S.Dematté, A.Messina BENIMPACT Suite Piattaforma Software per la progettazione integrata di edifici sostenibili M.Zanato, S.Dematté, A.Messina Sommario 1 BENIMPACT Suite Progetto BENIMPACT BENIMPACT Suite: supporto alla progettazione

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI Scheda: MR1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI Codice Struttura: Descrizione Struttura: MR.01 Muratura perimetrale composta da blocco in laterizio da 12 cm, strato d'aria di

Dettagli

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam Pregyver sistema lastre- Pregyroche PANNELLI ACCOPPIATI I PANNELLI ACCOPPIATI SINIAT I pannelli preaccoppiati Siniat

Dettagli

Raccolta dati sull esistente, rilievi sul posto, dati tabellari di riferimento e casi particolari

Raccolta dati sull esistente, rilievi sul posto, dati tabellari di riferimento e casi particolari I DATI DA REPERIRE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DELLA REGIONE LOMBARIDA Raccolta dati sull esistente, rilievi sul posto, dati tabellari di riferimento e casi particolari Como, 22 Febbraio 2008 Il software

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca

PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca 1RIEMPIMENTI, ALLEGGERIMENTI, ISOLAMENTI Argilla espansa a Argilla espansa basso assorbimento antirisalita di Argilla espansa. d acqua. umidità. Leca Lecapiù

Dettagli

SOSTENIBILE DEL CONDOMINIO

SOSTENIBILE DEL CONDOMINIO LA RIQUALIFICAZIONE SOSTENIBILE DEL CONDOMINIO Lecco 21 aprile 2012 Milano BENESSERE ABITATIVO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Isolamento dell involucro edilizio: risparmio energetico e benessere abitativo

Dettagli