Osservatorio Netics. White Paper. L infrastruttura IT della PA italiana. Stato dell arte, prospettive, scenari evolutivi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio Netics. White Paper. L infrastruttura IT della PA italiana. Stato dell arte, prospettive, scenari evolutivi."

Transcript

1 White Paper Osservatorio Netics L infrastruttura IT della PA italiana Stato dell arte, prospettive, scenari evolutivi. Osservatorio Netics maggio 2014

2 Sommario Sommario L infrastruttura IT della PA italiana: stato dell arte... 3 Il piano di razionalizzazione dei data center pubblici... 6 I modelli di intervento nel piano di razionalizzazione... 8 Le caratteristiche dei data center razionalizzati... 9 Il ruolo delle Regioni e delle ICT in-house Scenario: gli Shared Service Centre L approccio Oracle al Government Cloud Il G-Cloud I benefici del G-Cloud Quali sono i requisiti di un Cloud di successo? Progettare Valutare Design Costruire

3 L infrastruttura IT della PA italiana: stato dell arte L infrastruttura IT della pubblica amministrazione italiana (comprendendo anche il perimetro relativo alla Sanità pubblica e le entità territoriali della PA centrale) è caratterizzata da un livello sicuramente eccessivo di frammentazione. Secondo i dati Netics (aggiornati a tutto il 2013), risultano attivi oltre data center con un numero complessivo di server vicinissimo alle unità. Figura 1: l'infrastruttura IT della PA italiana La conduzione di questa complessa e sovrabbondante infrastruttura genera costi interni (personale addetto alla conduzione/gestione dei data center e del parco /software) pari a 2,2 miliardi di Euro all anno. Figura 2: i costi interni di conduzione 3

4 La somma dei costi esterni (approvvigionamento di beni e servizi, al netto dell IVA) e di quelli interni (personale addetto alla conduzione dei data center e alla gestione del parco PC) genera una spesa complessiva pari a 8,1 miliardi di Euro all anno (quasi 10 miliardi considerando il costo non deducibile riferito all IVA). Figura 3: la spesa IT della PA italiana (2013) In assenza di dati statisticamente significativi sul livello di maturità del parco hardware lato server, e accontentandosi di una stima effettuata su un campione ridotto di enti rilevati, si rileva una situazione di prossimità all obsolescenza soprattutto per quanto riguarda un numero considerevole di amministrazioni di medie dimensioni e qualche grande ente anche della PA centrale. Anche lato client la situazione non è tra le più confortanti: l età media del parco PC rilevata dall Osservatorio Netics è vicina ai 5,5 anni. Anche il software che gira in questa variegata infrastruttura non è distante dal potersi dire vicino all obsolescenza : la situazione rilevata qualche anno fa dall allora DigitPA (oggi AgID) relativamente alla PA centrale e quella rilevata da Netics nel 2013 in PA locale e sanità evidenziano un parco software la cui consistenza complessiva si avvicina ai 2 miliardi di righe di codice. Poco meno della metà di questo codice è scritto in linguaggi ormai obsoleti. Sovente, secondo le dichiarazioni di molti CIO intervistati, è proprio l obsolescenza del software a ritardare l aggiornamento dell hardware. 4

5 Figura 4: il parco software Siamo quindi in presenza di una piuttosto considerevole criticità relativa a gran parte dell infrastruttura IT della pubblica amministrazione, con punte di elevata criticità riscontrabili soprattutto tra gli enti locali e buona parte delle aziende sanitarie e ospedaliere. Risultano anche sovrabbondanti i data center della PA centrale: il fenomeno è dovuto alla presenza di CED territoriali riferiti a enti centrali quali INPS, Trasporti, Giustizia, Lavoro, eccetera. In qualche sporadico caso, risultano addirittura data center differenti all interno di amministrazioni fisicamente collocate in un'unica sede o in sedi comunque non eccessivamente distanti fra loro: è il caso di un paio di Regioni, di alcuni grandi Comuni e di una decina di ASL. Risulta fortemente critica anche la situazione relativa alla sicurezza fisica: secondo AgID ( Linee guida per la razionalizzazione dell infrastruttura digitale della PA, 2014) il 15% dei CED della PA Centrale e il 50% di quelli della PA locale non dispongono di un sistema per il controllo degli accessi. 5

6 Il piano di razionalizzazione dei data center pubblici L AgID ha dato vita, su spinta del governo Monti (2012), a un piano di razionalizzazione dei data center pubblici. Nel già citato documento di linee guida (pubblicato a inizio 2014) essa si identifica come necessaria e urgente, e vengono fissate le milestone per un piano triennale ( ) di attività. Per quanto riguarda la PAC, il piano prevede una soluzione operativa che ridisegni il nuovo scenario di riferimento, promuovendo aggregazioni dei CED secondo le medesime logiche previste nelle presenti linee guida ovvero incentivando i processi di razionalizzazione in atto. Il relativo fabbisogno finanziario per la realizzazione del processo di razionalizzazione sarà reperito nell ambito delle previsioni di spesa IT delle Amministrazioni. Per quanto riguarda PA locale e Sanità, AgID affida alle Regioni un ruolo di coordinamento dei data center pubblici del territorio. Ciascuna Regione, in collaborazione con AgID, predisporrà un piano regionale specifico. I piani regionali triennali dovranno prevedere: una sezione dedicata alla descrizione ed analisi dello scenario attuale di infrastrutture e servizi sul territorio regionale; una sezione con la descrizione dello scenario di collaborazione tra Amministrazioni diverse che verrà a instaurarsi a fine progetto (fine 2016) con evidenza delle eventuali costituzioni/aggregazioni di soggetti economici; una sezione con la descrizione dello scenario di infrastrutture e servizi a fine progetto (tre anni) con eventuali passaggi intermedi; una sezione dedicata all organizzazione e alla specializzazione delle risorse umane coinvolte, anche in considerazione delle future e nuove necessità di dotarsi di expertise per la manutenzione e assistenza; una sezione dedicata ai piani finanziari ed alla copertura, finalizzata ad un risparmio complessivo sulle infrastrutture IT almeno del 20% rispetto alla spesa dichiarata per dicembre 2014,anche ai sensi dell articolo 20, Legge 7 agosto 2012, n. 134, che dispone l Agenzia svolge le funzioni assegnate attenendosi al principio dell ottimizzazione e razionalizzazione della spesa in materia informatica, al fine di ottenere significativi risparmi, comunque garantendo, a decorrere dal 2013, un risparmio di spesa non inferiore a 12 Milioni di Euro all anno, rispetto alla spesa complessiva affrontata dalle Amministrazioni pubbliche nel settore informatico nell anno 2012 ; 6

7 una sezione dedicata al cronoprogramma con evidenza dei passaggi formali ed iter amministrativi e degli interventi tecnici previsti. Secondo dati Netics, un piano di razionalizzazione dell infrastruttura IT della PA e Sanità esaustivo e portato a totale compimento è in grado di generare (al netto degli ammortamenti relativi all investimento iniziale) risparmi complessivi stimabili intorno agli 1,5 miliardi di Euro. Figura 5: stima dei risparmi conseguibili attraverso la razionalizzazione dell'infrastruttura AgID evidenzia, oltre a quelli economici, i benefici derivanti dall incremento della disponibilità, della ripristinabilità e della gestione dei dati, una maggiore affidabilità dei sistemi di storage e una gestione notevolmente ottimizzata della sicurezza fisica e logica dei sistemi. 7

8 I modelli di intervento nel piano di razionalizzazione Secondo le linee guida AgID, sono tre i possibili modelli di intervento per la realizzazione del piano di razionalizzazione: MODELLO A Diretto - Pubblico In questo modello l intervento è completamente realizzato con finanziamenti pubblici volti all acquisto di hardware o software necessari per l upgrading dei CED o per la costruzione di nuovi Data Center. L Amministrazione deve individuare una stazione appaltante che dovrà gestire le procedure di acquisto. Tali infrastrutture rimarranno di proprietà pubblica e, contestualmente o separatamente alla procedura di cui sopra, potranno essere affidate in concessione a un soggetto privato che si obbliga a fornire l accesso e a conservare i dati secondo modalità definite nei bandi di gara. MODELLO B Misto Partnership Pubblico Privata Questo modello prevede un rapporto di partnership tra il soggetto pubblico e uno o più soggetti privati individuati mediante una gara a evidenza pubblica, che coinvestono, anche sotto forma di conferimento di beni immobili o facility già esistenti, per la costruzione (e la gestione/manutenzione/ ) di CED. La proprietà dell infrastruttura realizzata potrà essere conferita a un entità giuridica separata, società (mista) o consorzio, ma al soggetto privato è garantita la possibilità di sfruttarne spazi e capacità nei modi e nei tempi definiti negli appositi bandi di gara. Nei predetti bandi di gara verranno anche individuati tipologia di servizi e attività, obblighi e responsabilità facenti capo rispettivamente alla parte pubblica e a quella privata. MODELLO C Indiretto - Chiavi in mano Il modello chiavi in mano prevede il ricorso a CED di esclusiva proprietà di soggetti privati, individuati attraverso procedure competitive ad evidenza pubblica, che assumono la responsabilità della gestione e della connessa organizzazione della attività necessaria ad assicurare le esigenze della Amministrazione relative al CED. 8

9 Le caratteristiche dei data center razionalizzati AgID stabilisce un set minimo di caratteristiche per questi nuovi data center pubblici: - CED avviato o ristrutturato dopo il 2008; - garanzia di conformità a tutti i permessi necessari (agibilità, VVFF, ecc.) e a tutte le norme cogenti previste (legge 81/2008, legge 388/2003); - garanzia di corretta localizzazione sotto il profilo: della anti-sismicità, che deve essere coerente col livello sismico del luogo; della immunità da fenomeni naturali (allagamenti, alluvioni, frane, ecc.) e meteorologici; - presenza di procedura di accesso alle aree per limitare l accesso alle persone autorizzate dal responsabile, con almeno le seguenti classi di accesso: personale dell Amministrazione; personale delegato dal prestatore (ad esempio personale che esegue manutenzione/riparazione, visitatori, ecc.); - superficie totale adeguata per accogliere i sistemi da migrare, e con occupazione percentuale non superiore al 80% (residuo riservato a sviluppi futuri); - presenza di sistema di sorveglianza e/o reception; - protezione esterna dell edificio con sistema anti-scavalcamento e illuminazione; - sistema di raffreddamento e condizionamento; - infrastruttura elettrica protetta con UPS (o altri sistemi di continuità) e gruppo elettrogeno per tutti gli impianti; - esistenza della pavimentazione flottante; - alloggiamenti TLC dedicati; - infrastruttura elettrica ridondata; - valore di PUE non superiore a

10 Nell arco di un periodo massimo di 2 anni dovranno poi essere effettuati i seguenti interventi di miglioramento: - presenza impianto luci emergenza ; - sistema di rilevazione antiallagamento; - presenza di punti manuali di attivazione allarmi; - presenza di segnalatori acustici per gestione emergenze; - doppia sorgente alimentazione per server e/o rack; - sistema di condizionamento centralizzato con diffusori nelle sale CED; - sistema di monitoraggio continuo e relativi allarmi per la temperatura nell intero CED.; - sistemi di videosorveglianza h24; - definizione formalizzata delle aree del CED (accesso primario, accesso forniture, uffici e sale riunioni, sale impianti e controlli, sale macchine con relativi sistemi di controllo accessi anche biometrico e sbarramento). Entro i 3 anni dall adozione del piano, AgID prevede che i CED ospitanti debbano garantire: - livelli di servizio end-to-end non inferiori a quelli garantiti dai CED prima della razionalizzazione; - occupazione dei rack non superiore al 50% dello spazio totale del CED; - percentuale di virtualizzazione non inferiore al 60%; - SO in versioni posteriori al 2012; - rapporto FTE/Server gestiti inferiore a 1/30 per i server fisici e 1/100 per i server virtuali; - massimo valore di PUE non superiore a

11 Il ruolo delle Regioni e delle ICT in-house Come ben evidenziato dal documento di linee guida AgID, le Regioni (e le loro rispettive società in-house laddove presenti e dotate di infrastrutture proprie di data center) avranno un ruolo centrale rispetto alla razionalizzazione delle infrastrutture IT delle PA locali e degli enti sanitari attuata configurandosi come cloud service provider nei confronti degli enti territoriali (comuni e aziende sanitarie). Netics ha identificato tre possibili modelli di provisioning, schematizzati nella figura seguente. Figura 6: i possibili modelli per un "G-Cloud" (Scenario Netics, 2012) Si passa da un ruolo light di pura catalizzazione del mercato, dove la in-house (o direttamente l amministrazione regionale) si limita a orchestrare una pluralità di offerta fornita da soggetti di mercato a un modello più evoluto di provisioning che vede la in-house erogare un mix di servizi propri e di mercato. 11

12 Un terzo possibile modello (che sarà trattato nel capitolo seguente) è quello dello shared service centre : la in-house si configura come erogatrice di servizi (IT, ma anche di business process) secondo una logica di sourcing ibrida : viene messa a fattor comune l infrastruttura fisica (server, storage, connettività, sicurezza) e contemporaneamente si costruisce un catalogo servizi realizzato anche attraverso robuste iniziative di partenariato con ISV e system integrator di mercato. 12

13 GENERAZIONE DEL VALORE L infrastruttura IT della Pubblica Amministrazione italiana WP Netics 2014 Scenario: gli Shared Service Centre Lo scenario shared service centre è quello che con ogni probabilità risulta maggiormente adeguato e confacente ai bisogni della PA locale e della Sanità, soprattutto se lo si vede anche in una logica di esternalizzazione di processi di business (servizi contabili, gestione del personale, ecc.). E ragionevole presupporre che la realizzazione di questi shared service centre passi attraverso un percorso graduale, raffigurato qui di seguito. Shared Service in 4 mosse TRASFERIMENTO DELLA COMPLESSITA STANDARD DEFINITI E CONDIVISI FOCUS SULLE ECONOMIE DI SCALA CREAZIONE DI UN CATALOGO SERVIZI A VALORE AGGIUNTO E BPO «TRASLOCO» STANDARDIZZAZIONE CONSOLIDAMENTO VAS E BPO Figura 7: RoadMap per gli Shared Service Centre (Scenario Netics, 2014) In una prima fase, definita di trasloco o di consolidamento degli spazi, le eventuali infrastrutture di enti locali e sanitari vengono trasferite nel data center regionale così come sono. Di fatto, si risolve un primo problema di sicurezza mantenendo immutata (provvisoriamente) la complessità fisica e applicativa. Nel frattempo si avvia un processo di standardizzazione: vengono eliminate le macchine obsolete, possibilmente facendo coincidere questa migrazione con quella relativa al software. 13

14 La terza fase è quella del consolidamento e della virtualizzazione dei server e dello storage. In questa fase si cominciano a manifestare i più rilevanti benefici in termini di economia di scala: riducendo i sistemi hardware si riducono i costi ricorrenti ad essi correlati ma anche il numero di istanze di sistemi operativi, database, altro middleware e (in molti casi) software operativo, con conseguente diminuzione dei costi di licenza e manutenzione. Si rende possibile a questo punto anche il consolidamento dei servizi di assistenza e gestione dei sistemi, con ulteriori risparmi diretti. La fase di consolidamento si conclude con la predisposizione dei siti alternativi destinati al disaster recovery. Risulta ragionevole ipotizzare uno scenario che veda i singoli data center regionali federarsi tra loro in modo da garantire la realizzazione una rete di infrastrutture mutuamente intercambiabili in caso di malfunzionamenti o crash. L ultima è la fase che vede la realizzazione di un vero shared service centre, attraverso la creazione di un catalogo di servizi IT ma anche di gestione di processi aziendali caratterizzati da un elevato livello di standardizzazione, quali ad esempio la contabilità, la gestione delle risorse umane, eccetera. In questo modo si realizza il massimo beneficio (anche in termini di economicità gestionale) per tutti gli enti riferiti a ciascun data center regionale e di riflesso - per i cittadini e le imprese utenti dei servizi della PA e della Sanità. 14

15 L approccio Oracle al Government Cloud Il G-Cloud I tagli del governo alla spesa pubblica hanno limitato i budget a tutti i livelli. Questa situazione non può essere affrontata intervenendo su piccole inefficienze ma è necessario rivedere il modo di operare mantenendo inalterati i servizi offerti e, dove possibile, incrementarli agendo su leve diverse da quelle usate sin qui. È in questo contesto che le risorse IT del settore pubblico devono essere utilizzate applicando nuovi paradigmi che garantiscano infrastrutture sempre più efficienti. Alla luce di questo scenario, la domanda è: come fare di più spendendo meno? È possibile identificare 3 macro-aree su cui agire: Evoluzione verso architetture orientate alla condivisione delle risorse in modalità sempre più flessibile Contratti che garantiscano flessibilità e mettano al riparo da spese non pianificate Standardizzazione delle componenti infrastrutturali come leva per il riuso delle migliori pratiche applicative. In questo contesto si colloca la strategia Oracle per supportare la pubblica amministrazione in modo sempre più efficace a fronte di una continua riduzione dei costi. I benefici del G-Cloud Governance: forte controllo sulla sicurezza, sull applicazioni di policy, normative e continuità operativa (privacy sui dati sensibili, protocollazione, gestione dei ruoli e delle utenze, alta disponibilità). Facilità di integrazione e riuso: grazie alla standardizzazione delle piattaforme software (PaaS) viene facilitata l interoperabilità tra le applicazioni garantendo nello stesso tempo il processo di riuso delle stesse tra le diverse organizzazioni. Abbattimento dei costi totali: riduzione a lungo termine per il gestore del private (break-even in due anni), mentre i fruitori che affittano le risorse ottengono immediati benefici economici. Migliore distribuzione dei costi di capitale e operativi. Utilizzo di contratti che permettono un abbattimento degli investimenti. 15

16 Grazie alla flessibilità fornita dalla tecnologia l ottimizzazione e la condivisione dell uso delle risorse informatiche portano notevoli risparmi in acquisti di hardware e software. Do More With Less and Get It Done Right Away Il Cloud Computing ha al suo interno diverse connotazioni che coinvolgono concetti che vanno dal pagamento per la fruizione di un servizio alla semplificazione dell accesso alla tecnologia. Nonostante le molte definizioni - a volte ambigue e imprecise - il Cloud è unanimemente riconosciuto come rivoluzionario nell Information Technology. Le promesse di costi ridotti, tempi di risposta più rapidi e maggiore flessibilità hanno fatto del Cloud un tema attuale e di grande interesse. Quali sono i requisiti di un Cloud di successo? Le realtà che desiderano trasformare il proprio IT ed evitare di incappare in problemi lungo il processo devono prendere in considerazione un approccio strutturato e pragmatico; l approccio al Cloud di Oracle è per questo strutturato in fasi: 16

17 Progettare - Identificare le motivazioni e le forze che guidano la strategia Cloud. Definire i principali modelli di utilizzo che dovranno essere supportati e i principali workload da sviluppare secondo i modelli definiti. Valutare Valutare la maturità e i livelli di adozione degli elementi esistenti e necessari all implementazione del Cloud. Scomporre e valutare i workload necessari allo sviluppo del Cloud. Valutare i modelli di servizio possibili per i modelli e i workload di riferimento. Stimare e confrontare i costi e i benefici dei possibili modelli di implementazione. Validare l utilizzo dei modelli di riferimento e dei workload con gli utenti attuali e potenziali. Definire un budget preliminare e le competenze necessarie. Design - Espandere e perfezionare i modelli di utilizzo. Scegliere il modello di servizio/i. Attribuire priorità ai workload e alle funzionalità desiderate. Definire building block architetturali e modelli di sviluppo dettagliati. Definire l interdipendenza dei diversi progetti. Identificare le aree maggiormente interessate dalle trasformazioni operative e organizzative. Validare il progetto con i fornitori e prestatori di servizi. Creare la roadmap. Costruire Implementare il progetto. Monitorare i progressi rispetto alla roadmap dello sviluppo delle funzionalità, delle scadenze e del budget necessario. Costruire - Transizione verso l implementazione e la messa in produzione. Monitorare i progressi rispetto agli obiettivi - impatto sugli utenti e sul budget. Nell approccio al Cloud di Oracle una particolare attenzione è riservata alle prime fasi della pianificazione, il cui successo garantisce che l'iniziativa Cloud abbia basi solide. Progettare Prima di definire un architettura o di proporre una soluzione per un iniziativa Cloud è importante chiarire quali sono le aspettative, se sono di natura tattica o piuttosto strategica. Oltre a chiarire se l approccio è tattico o strategico, la visione di Oracle incorpora anche ulteriori elementi che devono essere considerati: Motivazione: riduzione dei costi vs maggiore agilità del business Controllo del progetto: controllato dall IT vs controllato dal business Modello del business per l IT: IT come funzione di supporto vs IT come business Adozione della tecnologia: adozione precoce vs adozione tardiva Modello operativo aziendale: valutazione dei livelli di standardizzazione dei processi di business e integrazione degli stessi. 17

18 Valutare L approccio al Cloud di Oracle comprende anche l Oracle Cloud Maturity Model che descrive nel dettaglio più di 60 caratteristiche per adottare con successo il Cloud. Applicare il Modello di Maturità Cloud per verificare le capacità di una organizzazione consente di identificare la aree in cui è necessario un miglioramento. Le azioni correttive diventano così parte della Cloud Roadmap Design L architettura adatta a un progetto Cloud deve riflettere i fattori identificati nella fase di progettazione. L approccio Oracle include una Cloud Reference Architecture completamente definita per accelerare la definizione dell'architettura Cloud. La preparazione di una architettura Cloud richiede molte decisioni archietetturali tra cui: Modello di servizio: Software-as-a-Service (SaaS), Platform-as-a-Service (PaaS), Infrastructureasa-Service (Iaas) o una combinazione di essi. Pattern di utilizzo: modalità in cui il Cloud sarà utilizzato Modello di distribuzione: Cloud pubblico, privato, community Cloud o ibrido. Modello Multi-Tenancy: come garantire l isolamento tra gli utilizzatori del Cloud Cross-Cloud Security: garantire sicurezza negli scambi tra due o più Cloud. 18

19 L approccio al Cloud di Oracle prevede anche l utilizzo di un Cloud Candidate Selection Tool (CCST) per determinare quale assetto IT (workloads) dovrebbe essere passato in Cloud e se è meglio un Cloud privato o pubblico. Prima di passare alla fase di costruzione è necessario definire una roadmap dettagliata che organizzi le attività di alto livello (per esempio la definizione della Cloud Reference Architecture, le principali trasformazioni ecc.) e che coordini i piani di implementazione che determineranno nel tempo di benefici promessi dal Cloud. Costruire Un Cloud di successo richiede la trasformazione dell organizzazione IT e dei processi. Alcune delle principali trasformazioni necessarie sono: Cambio di ruoli e automatizzazione per supportare il self service, il provisioning e deprovisioning automatico, l elasticità. Metodologia DevOps che integri sviluppo e operations per supportare i cambiamenti. Deployable Entities : astrazioni logiche che semplificano il deployment dei servizi cloud Il Late Binding consente che alcuni servizi Cloud vengano implementati in fase di lancio e non in fase di progettazione. Governance della struttura e dei processi per fare in modo che la strategia Cloud segua le previsioni. 19

20 White Paper L infrastruttura IT della Pubblica Amministrazione italiana. Stato dell arte, prospettive, scenari evolutivi 14 maggio 2014 Osservatorio Netics 2014 in collaborazione con: Disclaimer I contenuti di questo documento sono di proprietà NetSquare / Osservatorio Netics. E vietata la riproduzione totale o parziale di questo documento in assenza di un autorizzazione preventiva da richiedere a NetSquare. Autori Paolo Colli Franzone Cofondatore e Direttore dell Osservatorio Netics, coordinatore del Centro Studi Catalis (Federsanità ANCI), autore di numerose ricerche sui modelli di governance dei sistemi informativi sanitari nei principali Paesi OCSE e di rapporti di ricerca sul mercato IT della PA e Sanità italiana. Strategic Advisor di alcune tra le principali aziende ICT operanti sul mercato del Public Sector e dell Healthcare. 20

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare maggio 2014 E giunto il momento di allontanare per sempre l idea che la Nuvola possa identificarsi unicamente come un collage di soluzioni e servizi IT standard o commodity. Un sempre maggior numero di

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

8. Le scelte che determinano impatti sui costi

8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8.1 INTRODUZIONE Per valutare e controllare i costi di una soluzione e-learning è necessario conoscere in maniera approfondita i fattori da cui dipendono

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY L evoluzione dell IT attraverso il Cloud White Paper per www.netalia.it Marzo 2015 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta

Dettagli

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Versione 2.0 del 28 giugno 2012 Sommario Premessa... 3 Contesto... 3 Obiettivi... 3 Destinatari... 3 Prossimi

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

UN ARCHITETTURA UNITARIA. - Il nuovo modello di cooperazione SPC - PER L AGENDA DIGITALE

UN ARCHITETTURA UNITARIA. - Il nuovo modello di cooperazione SPC - PER L AGENDA DIGITALE UN ARCHITETTURA UNITARIA PER L AGENDA DIGITALE - Il nuovo modello di cooperazione SPC - documento.: INDICE ACRONIMI... 3 GLOSSARIO... 5 1. SCOPO E STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 6 2. INTRODUZIONE... 7 2.1.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli