and a focus on excellence yet is overly complex. Countability in France s national innovation system.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "and a focus on excellence yet is overly complex. Countability in France s national innovation system."

Transcript

1 ...dal SETTIMANALE g 1,00 - ESTERO g 2,00 ANNO XXVIII - N LUNEDI 30 GIUGNO 2014 oecd Smarter research spending would boost French innovation Encouraging private-sector innovation, making public research institutions more accountable and channelling more funds into the most promising r&d projects would help restore France s former prowess in science and technology, a new oecd report says. the oecd s review of Innovation Policy: France recommends completing partly implemented structural changes to enable more excellence-based financing, better evaluation of public research and closer coordination between industry and the public sector. Universities should be given a greater role alongside the country s powerful public research organisations. the review finds that heavy taxation of businesses and investments is holding back privatesector r&d spending. It suggests that easing overall corporate taxes and introducing more modest r&d tax credits would be a better way to drive innovation than the current system of over-generous but unevenly distributed tax Il Sottosegretario Luca Lotti ha firmato il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in attuazione dell articolo 1 (comma 261) della legge 27 dicembre 2013 n. 147 recante l istituzione del Fondo straordinario per gli interventi di sostegno all editoria per il triennio , che ammonta a 120 milioni di euro. Il decreto disciplina i criteri e le modalità di concessione e erogazione per l anno 2014 delle risorse del Fondo (per un ammontare di circa 45 milioni di euro) destinate a incentivi agli investimenti in innovazione tecnologia e digitale, incentivi all assunzione di giornalisti, misure di sostegno ai programmi di ristrutturazione aziendale che prevedano una revisione dell organico con il ricorso ai prepensionamenti, parziale finanziamento degli ammortizzatori sociali. Questafirma- ha sottolineato Lotti - èilpuntodiarrivodiunlavoro durato diverse settimane: credits. Public sector research funds could also be spent more effectively. In line with the recommendation of the report to strengthen the cost-effectiveness of innovation policies, the French government established today the National Commission for the Evaluation of Innovation Policies (Commission nationale d évaluation des politiques d innovation). this is a welcome step in the direction of improving coordination and ac Key points in the review include: Businesses in France spend less on r&d (1.5% of GdP) than their counterparts in Germany (2% of GdP) and other leading countries. the difference can be explained by France s sectoral structure, particularly the small size of its manufacturing sector. France supports start-ups but does not do enough to help small business to grow over time. the system of state r&d funding via tax credits also favours big companies or start-ups, with midsized firms receiving very little. the government funded 37% of French r&d spending in 2010, or nearly 50% including research tax credits. that compares with around 30% for similarsized countries like Germany and the United Kingdom where private industry spends more. When measuring success in innovation by patents filed or through surveys, France holds an intermediate position internationally, behind the United States and other northern European countries like Germany but ahead of southern Europe. France has an unduly complex public research system with high operating costs. due to inconsistent procedures for allocating funds and researchers, there are cases of laboratories with money but no researchers and vice versa. Universities play little part in public research, which is mostly conducted by public research organisations like the CNrS and CEa. these tend to steer their own work and lack oversight and accountability, their funding not being excellence-based. From 2000 to 2010 France s share of research in scientific publications fell from 4.8% to 4.3% as it faced new competition from emerging countries like China and India. France s share of the 10% most frequently cited publications fell from 6.0% to 5.5%. France s Investments for the Future programme, a 10-year plan launched in 2010 to improve the research and innovation system takes the takes the right overall approach with built-in evaluations and a focus on excellence yet is overly complex. Countability in France s national innovation system. EdItorIa Nuovo fondo da 120 milioni di euro Investimentiininnovazionetecnologia edigitale,assunzioniesostegnoaiprogrammi diristrutturazioneaziendale siamodifronteaunprovvedimento che definirei innovativo. Abbiamo puntato innanzitutto al sostegnodellanuovaoccupazione, passaggio fondamentale per dare nuovaenergiaaunsettoreoggettivamenteincrisi.conildecretosi prevedono infatti sgravi fiscali al 100%per36mesiperleassunzioni a tempo indeterminato, al 50%perleassunzioniatempodeterminato e ulteriori incentivi per latrasformazionedeltempodeterminatoinindeterminatocheaquel punto avrà sgravi retroattivi. Si prevedeanchel obbligoditrasformareil20%deicontrattiatempo determinato in indeterminato, pe- nalostopall erogazionedeicon- tributi. Inoltre - ha proseguito concludendo -, afrontediunimportantecontributoperiprepensionamenti alle aziende editoriali,abbiamoinserito una norma che obbliga ad avere almeno unaassunzioneatempoindeterminato ogni tre prepensionamenti.eancoraun altranorma che impedisce a chi va in prepensionamento di avere in seguito un rapporto di lavoro dipendente o autonomo con l aziendacheharicevutoilcontributodelfondo. REK Damir Grubiša AmbasciatoredellaRepubblica dicroaziainitalia Nostra intervista apag.6 RAPPORTI AMBASCIATE Croazia a cura di Adriana Caccia Nostra intervista apag.5 Emanuela D Alessandro Ambasciatored ItaliainCroazia EUroPEaN ParLIaMENt EU countries still slow to act on economic reform recommendations the European Council will adopt the 2014 country-specific recommendations for each EU member state. MEPs regularly point out that the member state governments have been slow to act on these recommendations. this view is corroborated by a new European Parliament study showing that on average, only 18% of the 2011 and 2012 recommendations have been fully implemented. In a resolution voted in october 2013, MEPs noted that for 2012, substantive action had been taken on only 15% of the recommendations. Many member states, despite themselves endorsing the recommendations at European Council summits, often lag behind when it comes to putting their pledges into practice. delaying reform inevitably undermines the aim, set by EU heads of state, of better coordinating economic policy across the EU. a detailed study by the European Parliament services, based on analysis by the IMF, the oecd and the European Commission, shows that governments have on average "fully implemented" 18% of the recommendations for 2011 and 2012 and done very little or no work on 43% of them. during the next Parliamentary term MEPs are expected to monitor very closely how well governments deliver on their reform commitments.

2 pag. 2 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII Lunedì 30 Giugno 2014 economia interna 3 miliardi di euro a favore di imprese e famiglie Tralenovitàdelgoverno:bollettadellaluce piùleggeraeincentivifiscali Le misure varate dal governo ammontano a non meno di 3 miliardi di euro a favore di imprese e famiglie: un miliardo e mezzo - disposti tra decreto legge e successivi decreti attuativi - di tagli alle bollette e un altro miliardo e mezzo di incentivi fiscali agli investimenti produttivi e alla capitalizzazione d azienda. Risparmi per imprese e famiglie. Le misure riguardanti la bolletta della luce inserite nel decreto porteranno ad una riduzione media della spesa per l energia elettrica di un miliardo e mezzo di euro a regime. Lo sconto riguarderà prevalentemente le piccole e medie imprese (70% dei risparmi complessivi a favore di circa 700 mila soggetti) ma avrà effetti benefici anche per le famiglie (30%). Equità in bolletta. Il provvedimento ha come obiettivo una maggiore equità nella bolletta: vengono eliminati privilegi particolari che si erano accumulati nel tempo e che pesavano sulla collettività, vengono redistribuiti i costi sulla base dei consumi effettivi, vengono resi più severi i controlli sugli incentivi erogati agli operatori. Revisione dei maxi incentivi al fotovoltaico. DirettoreResponsabile Francesco Bartolini Caccia DirettorePubblicheRelazioni Adriana Caccia Graficaeimpaginazione Manuele Pollina Editore Editoriale Tribuna Economica Società Cooperativa AmministratoreUnico Pietro Capuano Stampa AF officina digitale Vicolo del Divino Amore, Roma l decreto non penalizza il fotovoltaico ma attenua i colossali incentivi (oltre 6 miliardi di euro l anno per un ventennio) erogati a favore dei grandi operatori con la stessa logica che ha portato a far pagare di più chi ha ricevuto di più, ad esempio negli investimenti finanziari speculativi (la recente maggiorazione della ritenuta sulle plusvalenze realizzate in Borsa). Gli interventi toccano soltanto gli soggetti (su un totale di operatori) che percepiscono il 60% degli incentivi e che potranno optare per una erogazione in 24 anni anziché 20 (con contestuale sostegno creditizio) oppure per una equivalente autoriduzione degli incentivi erogati su 20 anni. Per i piccoli produttori fotovoltaici vengono invece previste agevolazioni e misure di liberalizzazione. Pmi più forti. Il pacchetto di misure a sostegno del rafforzamento della competitività per le imprese consente un rilancio straordinario degli investimenti produttivi attraverso un credito d imposta del 15% e il potenziamento degli incentivi fiscali per chi aumenta il capitale della propria società. Più facile anche l emissione di obbligazioni societarie. Borsa più accessibile. Per le PMI che vogliono rafforzate il loro patrimonio quotandosi in Borsa viene introdotto un sconto fiscale maggiorato. E vengono introdotte una serie di misure destinate a semplificare e a ridurre i costi per Ilgiornalepubblicainesclusiva i servizi Rapporti Ambasciate Pubblicità Commerciale 295,00 a modulo Abbonamenti Annuale 50,00 Estero 100,00 RegistrazioneTribunalediRoma n.16/86 del 10/01/86 IscrizioneRoc N IscrizioneAGCI N Inviipostali Via Sistina, Roma Inviocomunicatistampa Sitointernet Questa testata ha usufruito del contributo statale art. 3 comma 3 legge 7 agosto 1990 nr. 250 l accesso e la permanenza in piazza affari. In particolare viene introdotta la possibilità di assegnare azioni a voto plurimo, vengono introdotte norme più flessibili sull opa obbligatoria e sulle soglie di partecipazione rilevante. Un volano per i finanziamenti alle imprese Le imprese avranno maggiore accesso al credito grazie alla possibilità che viene concessa alle compagnie di assicurazione e alle società di cartolarizzazione di fare finanziamenti diretti, grazie alle maggiori possibilità di emettere obbligazioni societarie da parte di società non quotate presso investitori qualificati e grazie alla possibilità per banche, fondi e assicurazioni localizzate all estero (purché non nei paradisi fiscali) di erogare prestiti diretti a MLt alle imprese, affiancandosi così al sistema bancario. Il complesso di queste misure dovrebbe far crescere di almeno 20 miliardi di euro il volume di crediti disponibili per le Pmi. C.V. Expo, i nuovi progetti d impresa per la cultura La rassegna musicale estiva che animerà le serate al Castello Sforzesco, un ciclo di mostre e recital dedicato a Etty Hillesum, scrittrice olandese morta ad auschwitz, documentari sui luoghi storici e la tradizione enogastronomica di Milano e itinerari culturali alla riscoperta del grottesco milanese tra Cinquecento e Novecento. Ma anche il progetto adotta un libro che finanzia il restauro di antichi volumi cinquecenteschi e i laboratori creativi dedicati ai bambini. E poi il pane, elemento base dell alimentazione, che diventa protagonista di mostre e concerti. Sono alcuni dei 20 progetti che enti culturali milanesi presentati nel corso del Business Hour cultura organizzato dalla Camera di commercio di Milano attraverso il suo Sportello sponsorizzazioni culturali. Un offertaculturalericcae articolata rappresenta una componentefondamentaledellaqualitàdellavitadiunaterritorio ha dichiarato Erica Corti, membro di Giunta della Camera di commercio di Milano. Lo Sportelloperlesponsorizzazioni culturali della Camera di Cooperazione Spaziale Italia-Francia La politica spaziale francese è stata al centro della conferenza Space priorities & positions of France, che il presidente dell agenzia spaziale d oltralpe, Jean-Yves Le Gall, ha tenuto a fine maggio, alla Facoltà di Ingegneria dell Università La Sapienza di roma. all evento è intervenuto il neopresidente dell agenzia Spaziale Italiana, p r o f e s s o r roberto Bat- Conferenza all'università La Sapienza di Roma, preceduta da un incontro bilaterale tra i presidenti di ASI e CNES tiston ed era presente anche l ambasciatore di Francia presso la repubblica Italiana, alain Le roy, a Palazzo Farnese dal gennaio a fare gli onori di casa, il professor Marcello onofri, docente di Ingegneria aerospaziale dell ateneo capitolino, mentre l astronauta italiano dell ESa Luca Parmitano, tra gli ospiti della nutrita platea, è intervenuto molto brevemente per rivolgere un saluto ai presenti e soprattutto - ha sottolineato - agli studenti. Sonofeliceperquestonuovo incontro con Roberto Battiston nella cornice storica della Sapienza ha commentato Le Gall a margine della sua lunga conferenza, in cui - dopo aver brevemente ripercorso le principali tappe della storia della CNES - ha presentato nei dettagli le priorità della politica spaziale d otralpe raccolti nella roadmap ambition CNESeASIsonopartner dilungadata-haaggiuntoilnumero uno dell Agenzia francese, cheharicordatoimoltissimiprogrammi attraverso i quali i due paesi hanno consolidato la propria cooperazione -ehannouna forte complementarità e capacità di lavorare con notevole efficienza sia a livello bilaterale che nel quadro europeo(...)c è di che ben sperare - ha concluso Le Gall - peririsultatidellaprossimaconferenzaministerialedell ESA. La conferenza della Sapienza è stata preceduta da un incontro bilaterale tra i vertici delle due agenzie, asi e CNES, nel corso del quale sono stati presi in esame tutti i principali temi sul tavolo in vista della prossima Ministeriale dell ESa, fissata per il 2 dicembre 2014 in Lussemburgo. In agenda, dunque, tutto il dossier delle relazioni ESa-UE, commercio nasce con l obiettivo dipromuoverel offertaculturale facilitando l interazione tra enti no profit e mondo delle imprese anchepermigliorarelacapacità attrattivainternazionaledimilano. Un esigenza sempre più importanteamenodiunannoda Expo2015. Iniziative culturali per Expo, 2 miliardi di produzione aggiuntiva e circa 20mila occupati sono l impatto del Fuori Expo calcolato nel quadro di una ricerca promossa dalla Camera di Commercio e dalla società Expo 2015 e affidata a un team di analisti economici guidato dal prof. alberto dell acqua di Sda Bocconi. a beneficiare saranno i settori del turismo e della ristorazione, con 1,6 miliardi di produzione aggiuntiva e occupati, ma anche il commercio con quasi mezzo miliardo di produzione aggiuntiva e 700 unità di lavoro. Questi impatti sono da considerarsi distribuiti su tutto l arco dell anno 2015, con un picco in corrispondenza dei sei mesi dell evento Expo Gloria Lupi lo sviluppo dei lanciatori europei (ariane e Vega) e il futuro utilizzo della Stazione Spaziale Internazionale. Particolare attenzione è stata data all ulteriore rafforzamento della cooperazione tra asi e CNES, forte anche del recente lancio del satellite duale di telecomunicazione italo-francese athena-fidus. Una cooperazione che in questi anni, come è stato più volte sottolineato nel corso della Conferenza alla Sapienza sia da Le Gall che da Battiston, è stata di grande valore in ambito bilaterale come in quello europeo. L opportunità del semestre UE a guida italiana - ha sottolineato roberto Battiston - offre importanti spuntidicollaborazionespaziale tra Italia e Francia per rafforzareilsistemaeuropeolegatoalleattivitàdiquestosettore. Nell incontro abbiamo trovato forti punti di convergenza che verranno sviluppati sottolineandol importanzadicomein Europa occorra procedere con chiara volontà di collaborazioneedicontinuitàstrategica.altrimenti, i grandi programmi nonpotrannoessererealizzati.i rapporti Italia-Francia - ha concluso Battiston - sono i più lunghieintensinelcampodella cooperazione in campo spaziale el incontroconilpresidentedel CNES, Jean-Yves Le Gall, ne è laconferma. Fonte: Asi

3 Terza pagina Lunedì 30 Giugno 2014 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII pag. 3 Tutti ebbero la conferma, in quel giugno del 1916, che la vittoriafinalesarebbeandataachi avessesaputorestareinpiediun attimo piu dell avversario come aveva dimostrato la grande resistenza, pagata con un alto tributo di sangue, opposta dagli italiani all orgogliosa Strafeexpedition. a rendersene conto il povero Filippo, protagonista di questo poderoso romanzo di Pietro Gattari sulla Prima guerra mondiale, che e partito volontario e si ritrova testimone di massacri terribili, a vivere terrore e morte. Filippo, che sa farsi onore e sara nominato sergente, romano doc, e cameriere di quel caffe della capitale aragno a via del Corso, ritrovo di intellettuali che lo hanno coinvolto e entusiasmato a suo tempo con i loro baldanzosi, accesi discorsi sulla necessita dell intervento dell Italia in guerra. tra questi c e Scipio Slataper, il futuro autore de Il mio Carso, che litiga con Marinetti e che Filippo ascolta come un profeta. Con lui ruggero Fauro e altri che vivono quasi come un ammissione il convincere tut- La Grande Guerra in un grande romanzo PietroGattari L ultimasettimanadimaggio ti che bisogna accorrere in soccorso e liberazione delle terre italiane ancora in mano degli asburgo. E l atmosfera della terza saletta del caffe e ben ricostruita nelle pagine iniziali di questa Ultima settimana di maggio. Il fatto e che i sogni e gli ideali sono una cosa, l illusione di una guerra breve appunto un illusione come sempre e stato nella storia, e la vita in trincea quella noia in attesa ansiosa e quell orrore di cui parlano tante testimonianze. E se Filippo e un po il filo conduttore, la narrazione appare spesso quasi corale, cerca di diventare una sorta di affresco di quegli anni, di quei momenti, ricostruendo con precisione documentaria alcune battaglie, il procedere, avanti e indietro, della guerra e del fronte. tutto questo pero non cancella la vita, anzi esalta la necessita ProGEtto CoordINato dai docenti Poesie a Rebibbia, sogni e speranze delle detenute Dalcarcereunineditoviaggio tralingueeculturediverse Non esistono barriere per la poesia, neppure quelle delle mura di un carcere: per rendersene conto basta leggere il libro aspetto l attesa e spero la speranza (Casa Editrice Pagine), che raccoglie i pensieri in forma poetica di alcune detenute del penitenziario di rebibbia. Il libro costituisce il felice esito del corso Poesie a rebibbia a cui le detenute hanno partecipato dal novembre scorso con una straordinaria adesione. Sono poesie strappate dalla vita, per questo non hanno retorica, spiega Plinio Perilli, curatore del libro e docente del corso insieme con Nina Moroccolo, e l intreccio linguistico ed emotivodiquestiscrittie lospecchio di cio che avviene nel nostro Paese. dall Italia al Burundi, dalla Nigeria alla romania fino alle Filippine: il libro offre infatti l opportunita di un inedito viaggio non solo tra le parole ma anche intorno al mondo, mescolando culture, saperi e colpe diverse. Palpabile l emozione nel piccolo teatro del carcere, dove erano presenti quasi tutte le detenute coinvolte nel progetto (sostenuto dalla Fondazione roma e che probabilmente replichera a partire da settembre prossimo). timide, impacciate, proprio nel luogo della privazione e dell assenza hanno ricevuto il dono dell ascolto, sentendo riecheggiare nell aria le parole che nei mesi scorsi hanno affidato alla pagina. tanti i temi affrontati, tra il dolore, l amore e la fiducia in un futuro ancora possibile, grazie anche a un carcere che non solo punisce ma e in grado di riabilitare alla societa. C e Grace, che consegna a un pappagallo alla finestra la speranza di arrivare ai suoi figli in africa, mentre Samanta con le sue ferite soffre in silenzio chiusa nel gelo di una cella. Per anna Maria la poesia e una supplica a dio affinche il figlio non vada in adozione. E poi ancora c e rita: e lei che in carcere si sente leggermente libera quando tutti dormono, che aspetta l attesa e spera la speranza e che ha capito che la tua vera liberta non e tra le mura ma dentro di te. Senza sovrastrutture, recuperando l essenza vera della lingua, grazie all esperienza della poesia si e riusciti a creare per queste donne un altra possibilita di relazione, scoprendo cio che di bello c e in ognuna, afferma antonella Cristofaro, docente di Lettere interna al carcere. avete tirato fuori le cose che avevamo nel cuore dice alla fine Vanessa, una ragazza rom giunta quasi al fine pena, ringraziando a nome di tutte le partecipanti. E il suo sorriso sembra davvero la promessa di quella liberta tanto agognata che ancora puo attendere tutte la fuori. di vita e Filippo, sopravvissuto alle battaglie sull Isonzo, all offensiva austriaca, in Cadore incontra l amore nella persona della bella Galilea dagli occhi azzurri, che finira per ricambiare i suoi sentimenti e introdurlo nella sua famiglia dandogli nuova energia, tanto che in seguito Filippo avrebbe ricordato l estate del 1917 come la piu bella della sua vita. Quando il 24 ottobre, a sorpresa, arriva il classico attacco a tenaglia su Caporetto ed e come il mondo crollasse, non solo nell animo di Filippo, ma tutto attorno, come ce lo descrive, ricostruisce fin con troppa precisione, l autore di questo romanzo. C era da vomitare nella cunetta e prendere per i campi senza girarsi indietro, pensava Filippo. Ma c era Galilea, forse soltanto poche case piu in la. Naturalmente, come in ogni gran romanzo che si rispetti, la forza dell amore vincera anche la guerra, che a un certo punto finisce, e Gattari, in una nota finale, ci informa che Pippo e Lea (Filippo e Galilea) sono realmente esistiti e che la loro storia l ha appresa, quand era bambino, dalla donna stessa. Una grande storia, quindi, vera come le molte pagine, in cui, anche troppo pedissequamente, l autore ricostruisce l andamento della Grande guerra e ce lo racconta, ma anche con quel minimo di sentimento che anima l azione e la vita generosa di Filippo. dalla fine della seconda guerra mondiale a oggi il mondo è cambiato profondamente e con esso anche l'arte dello spionaggio. Paul Simpson in 'Storia delle spie' (odoya edizioni, introduzione e postfazione di antonella Beccaria) racconta come le spie abbiano reagito alle nuove minacce internazionali e cosa sia cambiato, sia sul piano tecnologico che su quello strategico, in ambito bellico durante gli ultimi cinquant'anni. Gli affascinanti dettagli delle vere vite degli 007, da quelle piu famose a quelle che nell'ombra, da ogni lato della cortina di ferro fino alle ultime operazioni della guerra al terrore, hanno influito sulle scelte dei governi. Il libro arricchisce questa panoramica con la descrizione degli aspetti tecnici dell'intelligence e con approfondimenti su operazioni compiute nel corso dei maggiori conflitti internazio- Premi: Bottari Lattes Grinzane a Andrew Sean Greer Giallostresa, eccoifinalisti E andrew Sean Greer, con Le vite impossibili di Greta Wells (pubblicato da Bompiani), il vincitore del Premio Bottari Lattes Grinzane 2014 per la sezione Il Germoglio, dedicata ai migliori libri di narrativa italiana o straniera pubblicati nell ultimo anno. La cerimonia di premiazione si e tenuta al Castello di Grinzane Cavour, nel Cuneese. Gli altri finalisti al Premio erano Stefania Bertola con ragazze mancine (Einaudi); Peter Cameron con Il weekend (adelphi); Kim Leine con Il fiordo dell eternita (Guanda); alessandro Mari con Gli alberi hanno il tuo nome (Feltrinelli). Martin amis e stato premiato per la sezione La Quercia, riservata a un opera dimostratasi nel corso del tempo meritevole di apprezzamento di critica e pubblico e dedicata a Mario Lattes a novant anni dalla sua nascita. amis ha ricevuto il Premio per il libro London Fields, uscito nel 2009 per Einaudi. Il Premio Bottari Lattes Grinzane e promosso e organizzato dalla Fondazione Bottari Lattes e dall associazione Premio Bottari Lattes Grinzane. I finalisti del Germoglio e il vincitore della Quercia sono stati designati lo scorso febbraio dalla Giuria tecnica formata da Giorgio Barberi Squarotti (presidente), Valter Boggione, Gian arturo Ferrari, Paolo Mauri, Bruno Quaranta, Lidia ravera, Giovanni Santambrogio e Serena Vitale. tra marzo e maggio, i cinque libri finalisti sono stati letti e discussi dai 192 studenti delle dodici Giurie Scolastiche, una a Istanbul, presso il Liceo Italiano Statale I.M.I., e undici in Italia. Protagonisti della premiazione oggi pomeriggio sono stati gli studenti delle giurie scolastiche, che hanno interrogato gli scrittori finalisti. Uno di loro, Vittorio Corio del liceo di Istanbul, ha annunciato al pubblico il nome StorIa delle SPIE Paul Simon, la storia degli 007 Lospionaggio dallaguerrafreddaalla guerraalterrorismo nali. attraverso congegni, trappole e omicidi, l'autore ci guida alla scoperta delle verita` celate dietro agli uomini che hanno nutrito il comune immaginario, da George Smiley a Jason Bourne. Una carrellata sui diversi ruoli svolti da Cia, Kgb, Mi5, Mossad e altre agenzie nella politica internazionale. Chiudono il libro una ricca appendice sui piu importanti romanzi e sui piu celebri film ispirati al mondo dello spionaggio, oltre a una postfazione dedicata da antonella Beccaria al caso datagate. dedicato ad antonio MaNGaNELLI Presentato a Taormina Portati o pigiama di Masciopinto Ilcortometraggiotrattodaunlibro Nell ambito degli eventi del Festival di taormina al palacongressi, è stato presentato il libro di Maurizio Masciopinto dal titolo "Portati 'o pigiama" (rogiosi editore), dedicato all'ex Capo della Polizia, antonio Manganelli. da quelle pagine, che raccontano una 'vita da sbirro', h stato ideato un cortometraggio che racconta l'impegno quotidiano dei poliziotti, schierati in prima fila nella 'squadra Stato' contro criminalita e corruzione. In anteprima nazionale, volu- ta da tiziana rocca, il corto realizzato con la regia di Pappi Corsicato e interpretato da Sergio assisi, alessandro Preziosi e Serena rossi, sintetizza lo spirito del libro che racconta la quotidiania -a volte ironica a volte drammatica- di quei poliziotti che nell'anonimato garantiscono la sicurezza del nostro paese. oltre all'autore erano presenti Felice romano, segretario generale del Siulp, Margherita Gigliotta, giornalista del 'Giornale di Sicilia' e l'attore Sergio assisi. del vincitore della sezione Il Germoglio. Sono dodici i finalisti del premio Giallostresa a rendere noti i nomi e stato Franco Forte, direttore editoriale di Giallo Mondadori, che pubblichera il racconto del vincitore. L annuncio al termine di Stresa, un aperitivo con..., festival letterario giunto quest anno alla sesta edizione. tra gli oltre cinquanta racconti pervenuti sono stati selezionati quelli di Cristina Bellon, andrea dallapina, rossana Girotto, Manuela Mazzi, antonella Mecenero, Sabrina Minetti, Emile Munch, Emiliano Pedroni, Luca romanello, Giorgio Simoni, daniela Suvilla e Laura Veroni. La scelta passa ora alla supergiuria del premio, composta oltre che da Franco Forte, dalla scrittrice Mariangela Camocardi e dalla traduttrice e consulente editoriale Carmen Giorgetti Cima. Per leggere il racconto vincitore bisogna ora attendere il numero di settembre del Giallo Mondadori, che sara presentato in anteprima alla premiazione del 6 settembre. pagina a cura di Barbara Sala

4 pag. 4 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII Lunedì 30 Giugno 2014 economia estera Tunisia: per il rilancio punta sugli investimenti esteri La tunisia sta incentivando l iniziativa privata che gli investimenti diretti stranieri anche per garantire la stabilita sociale. E quanto e emerso dalla sedicesima edizione del tunisia Investment Forum cui quest anno hanno preso parte anche rappresentanti dell ocse, del World Economic Forum e di Confindustria assafrica e Mediterraneo. La formula scelta dal governo tunisino in questi ultimi tre anni e stata quella di incentivare le aziende straniere a scegliere il Paese per la loro produzione, in sostituzione a opzioni piu incerte in asia, come ha spiegato a radiocor, Luigi d agata, direttore generale di assafrica e Mediterraneo. al momento sono circa mille le aziende del nostro paese che operano in tunisia, di cui circa 800 sono piccole e medie aziende del comparto manifatturiero. Le ragioni sono semplici: il costo del lavoro e basso, la manodopera di buona qualita, le distanze rispetto all Italia ridotte e i vantaggi fiscali in termini di tassazione molto interessanti. Per chi investe poi in certe aree particolarmente disagiate della tunisia, sono previsti incentivi. In generale, ha aggiunto d agata, il governo tunisino assiste le aziende straniere nella ricerca dei terreni e dei capannoni in cui impiantare le loro produzioni e il livello di complessita burocratica e molto bassa. Nel caso delle joint venture non esistono vincoli alle quote che possono essere detenute dalle aziende straniere che dunque possono avere senza problemi il pacchetto di maggioranza. C e anche un altro cruciale aspetto dasottolineare- ha aggiunto -e cioe il fatto che la banca centrale del paese garantisce un apprezzabile flessibilita valutariarispettoall euroinquanto il tasso di cambio e fissato rispettoaunpaniereincuicompaionoeuroedollaroenone rigidamente attaccato all euro. Questo consente uno spazio di manovra importante a chi investeeproduceinquestopaese. La tunisia offre anche il vantaggio di aver siglato gia nel primo paese dell area - un accordo di libero scambio con l Unione Europea. Il rapporto dell ItaliaconlaTunisiae moltosolido - ha aggiunto d agata - basti pensare che il presidente del Consiglio Matteo Renzi e venutoproprioquiperilsuoprimoviaggiofuoridalpaesequandoe entrataincarica.ein quell occasione aveva sottolineato come Italia e Tunisia siano entrambe al momento un laboratoriopoliticoesociale. Studio pubblicato sulla rivista renewable Energy Geotermia: nella penisola iberica un potenziale da record L energia geotermica della penisola iberica sarebbe in grado, se adeguatamente sfruttata, di produrre 5 volte l energia elettrica ottenuta oggi. al mondo ci sono circa 500 centrali elettriche geotermiche, ma nessuna nella penisola nonostante l elevato potenziale e n e r g e t i c o (700 GW), sfruttabile a pieno nel caso in cui venissero utilizzati sistemi geotermici migliorati ( e n h a n c e d geothermal systems EGS). a confermarlo è uno studio condotto da un team di ingegneri dell Università di Valladolid (UVa) pubblicato sulla rivista renewable Energy. Il funzionamento di un sistema geotermico avanzato utilizzal iniezionediunfluido(acqua o anidride carbonica) per estrarreenergiatermicadalleroc- La penisola la potrebbe dire lunga se venissero diffusi i sistemi geotermici migliorati, in grado di produrre elettricità in quantità 5 volte superiori rispetto ad oggi cesituatepochemigliaiadimetri sotto la superficie terrestre, e la cui permeabilità è stata migliorata o stimolata in precedenza con processi di fratturazione, spiega César Chamorro, uno degli autori che prosegue Inseguito il fluido riscaldatoviene riportato verso l alto nella stazionegeotermica, dove si produce elettricità, generalmente tramite unciclobinario eilfluidoviene n u o v a m e n t e iniettato nel sito in un ciclo chiuso. Nonostante ci siano impianti EGS negli Stati Uniti, in australia e in Giappone una sola centrale è collegata alla rete e si trova in Francia, a Soultz-sous-Forêts. Tuttavia, le risorse EGS sono distribuite ampiamente e in maniera uniforme, nel senso che hanno un potenziale enorme che potrebbe fornire un significativo quantitativodienergianelmedioolungo termine,24orealgiorno sottolinea Chamorro proseguendo se limitiamoicalcoliadunaprofondità di 7 km il potenziale raggiungei190gw,mentreseci fermiamoa3e5kmotteniamo unapotenzadi30gw ha confermato l ingegnere specificando che i calcoli fanno riferimento al cosiddetto potenziale tecnico, che comporta un raffreddamento ad acqua alla temperatura di 10 C di rocce che sono almeno a 150 C per estrarre energia durante il periodo di funzionamento di 30 anni. Estendendo lo studio al territorio europeo un altra indagine ha invece paragonato il potenziale di ciascun paese evidenziando come turchia, Islanda e Francia siano le nazioni con il maggiore potenziale geotermico, superiore in tutto il continente a 6500 GW di potenziale elettrico. Nel caso della Spagna, i sistemi EGS potrebbero contribuire in modo significativo ad accrescere il mix energetico nazionale, alla riduzione della dipendenza energetica da altri paesi e alla riduzione dei gas a effetto serra ha concluso l ingegnere. Fonte: Rinnovabili.it Qatar acquista nuovi immobili a Milano e Roma Il Qatar torna a guardare al settore immobiliare italiano e lo fa mettendo nel mirino un palazzo uffici nel cuore del quartiere finanziario milanese, in via Santa Margherita, dove ha sede il Credit Suisse. L'edificio, di proprieta' del gruppo Usa Fishman Speyer, secondo quanto risulta a radiocor, e' pronto a passare di mano per una cifra attorno ai 100 milioni di euro, interamente cash. Il palazzo ha una superficie di circa 15mila mq, distribuiti su sette piani di cui due sotterranei, e genera affitti di poco sopra i 6 milioni di euro l'anno. Per il Qatar questa non e' l'unica operazione in dirittura d'arrivo. allo studio, infatti, c'e' anche l'acquisto dell'immobile dell'ex Zecca dello Stato a roma dove dovrebbe sorgere il primo hotel Four Season della capitale. In questo caso, tuttavia, le trattative sono solo all'inizio. Il Qatar continua quindi a guardare con interesse all'italia. Nella primavera 2012 ha acquistato da tom Barrack il progetto turistico della Costa Smeralda per 650 milioni di euro. L'anno successivo e' stata la volta del 40% di Porta Nuova a Milano. Sempre nel 2013 il Qatar compro' per 150 milioni dalla famiglia Fratini il palazzo della Gherardesca a Firenze dove ha sede l'hotel Four Season. Fonte: Radiocor Il Ministero delle Finanze cinese ha in programma di tagliare l Iva al 3% in quei settori dove l aliquota si attesta al 4% o al 6%. In un comunicato il dicastero cinese spiega che la nuova tassazione entrera in vigore dal primo luglio. Questo inciderà su un ampio numero di aziende ma la maggior parte di esse sonodipiccoledimensioniel ammontare dei ricavi colpito non sara elevato, ha spiegato Zhang Xuedan, direttore del dipartimento tasse del Ministero La Cina taglia una fetta dell Iva delle Finanze, al Wall Street Journal. Secondo Zhang, inoltre, la nuova aliquota non pesera sul settore manifatturiero, dove e in vigore un Iva al 17%. Il governo in futuro dovrebbe annunciare ulteriori tagli dell imposta sul valore aggiunto che coinvolgeranno, in particolare, societa di maggiori dimensioni.

5 RAPPORTI AMBASCIATE Lunedì 30 Giugno 2014 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII pag. 5 Quali altri strumenti esistono a favore di imprese e in- Noiciaspettiamomoltodalla presidenza italiana dell UE. Inprimoluogo,vorremmochefinalmentesimaterializzil iniziativaitalianaperlafondazionedella Macro regione adriatico-ionica, che aprira nuove occasioni di sviluppo, di cooordinazione dellepoliticheeconomiche,eche aprira anche la regione ad una politica subregionale che spostera il baricentro dell UE dal Nord Europa, dai paesi baltici a danubiani,versol EuropaMediterranea della quale facciamo parte sia noi che l Italia, che ci accomunanell interessedivisodi prosperita, solidarieta, crescita e sviluppo è quanto sostiene in apertura della nostra intervista, damir Grubiša, ambasciatore della repubblica di Croazia in Italia. Poi c e anche l aspetto dellapoliticapromossadall Italiaperlacrescitael impiegodei giovani,cheècrucialeperilbenessere di tutta l Unione, non solo dei paesi piu ricchi. Ci aspettiamo piu solidarieta e piu comprensione per i nostri problemi, - prosegue l ambasciatore - perche condividiamo con l Italiamoltiaspettidellepolitiche comuni dall agricoltura sostenibile, al turismo, alla soddisfazionedelfabbisognoenergeticoediunacomunepoliticadel traffico delle merci e quello marittimo e portuale. Dunque, ci aspettiamounaeuropapiu sensibilealbisognodeisuoicittadini e al benessere delle popolazioni, che e una precondizione anche peril mantenimentodellapacee dellasicurezzaineuropa. Ambasciatore, esattamente un anno fa, il 1 luglio 2013, la Croazia è entrata a far parte dell Ue. Che cosa e cambiato da ieri a oggi? E passato un anno dall entrata della Croazia nell UE, ed e stato un anno di cambiamento e di adattamento al funzionamento nel contesto Europeo. Questa e una nuova esperienza per la Croazia, e che ci ha fatto ritornare nei banchi di scuola: dobbiamo imparare a pensare in modo Europeo, funzionare nel contesto Europeo e riformare la nostra societa profondamente, per poter cogliere tutti i vantaggi di questa nostra nuova posizione. allo stesso tempo questo e un esame per tutta la societa croata, per gli operatori economici che devono abituarsi alla concorrenza europea, alla burocrazia che deve snellirsi per diventare un servizio dei cittadini e delle imprese, per quelli che applicano le norme europee in sede giudiziaria. dunque, siamo diventati un grande laboratorio di cambiamento, e Energia verde e solare, potenziale idrico, politica agricola sostenibile e turismo: i cavalli di battaglia dell economia croata DamirGrubiša,Ambasciatore dellarepubblicadicroaziainitalia,risponde alledomandeditribuna Economica questo e positivo per tutta la societa croata, e adesso possiamo capire meglio come si opera in un mondo interdipendente e connesso da una rete decisionale dove si deve operare efficacemente, presto e con grande competenza. Nonostante i vari sforzi, l economia risulta in recessione. Come state affrontando la situazione? L economia croata, purtroppo, soffre di una malattia disfunzionale: nel decennio della grande trasformazione dal socialismo di autogestione alla societa del mercato libero, la privatizzazione di matrice clientelistica ha portato alla ribalta una nuova classe non di imprenditori, ma di prenditori, cioe una classe che ha usato le leve del potere per appropriarsi di una gran parte del capitale sociale, delle proprieta statali e delle imprese industriali. La guerra ha tagliato fuori la Croazia dal suo mercato naturale, la regione dei Balcani occidentali, dove l industria croata esportava la maggior parte dei suoi prodotti industriali, come anche nel terzo mondo dove usufruiva della posizione privilegiata di paese non-allineato. Venendo meno tutto questo, i nuovi proprietari hanno piuttosto optato per trasformare le industrie in aziende commerciali, chiudendo le fabbriche e aprendo i centri commerciali e favorendo l importazione di beni di consumo. tutto cio ha creato l illusione di una grande crescita, che e venuta meno quando e venuto meno il credito bancario durante la crisi che e esplosa nel 2008 e della quale soffriamo ancora. I nuovi proprietari, vedendo che ormai neanche il commercio di beni di consumo non da frutta come nei primo decennio e mezzo della nostra indipendenza, hanno trasformato le imprese in aree fabbricabili, che ha favorito l industria edilizia, ma che e andata in crisi con la crisi finanziaria. d altra parte, anche gran parte dei centri commerciali oggi e vuota, e anche la speculazione degli immobili e in crisi. ora si tratta di industrializzare di nuovo il paese, di favorire gli investimenti stranieri, di aprire il mercato alla concorrenza europea, e di adottare nuove politiche economiche basate sui vantaggi comparativi del paese: l energia verde, il potenziale idrico, l energia solare, una nuova politica agricola sostenibile, ed il turismo, sono e diventati i cavalli di battaglia dell economia croata. E tutto cio favorendo le piccole e medie imprese e gli imprenditori stranieri che vengono a investire in Croazia, offrendo degli incentivi concreti, agevolazione delle tasse e un ambiente produttivo competitivo a livello europeo. Nelle scorse settimane la Bers ha messo ha disposizione un nuovo fondo per le Pmi. Di che cosa si tratta? Si tratta di una occasione di grande portata per la Croazia. I fondi europei, quelli strutturali e di coesione, sono gia aperti alla Croazia. L UE ha stanziato circa 14 miliardi di euro per il periodo , ora si tratta solo di elaborare e presentare dei progetti fattibili per poter usufruire di questi fondi. Bisogna cambiare anche la mentalita dei produttori croati: niente piu dotazioni dello stato, ma progettazione e competenza effettiva per poter competere sul mercato europeo, e di poter usufruire dei nuovi fondi delle PMI. dunque, una grande occasione, da non perdere! In base alle rilevazioni della Banca Nazionale Croata, nel periodo compreso fra il 1993 ed il 2013 l ammontare degli IdE effettuati in Croazia (stock) e stato di 26,87 miliardi di euro, di cui 1,055 miliardi nel 2012 e 436,9 milioni di euro nel Nell arco temporale il principale investitore risulta essere l austria (26,5%), seguita dai Paesi Bassi (12,4%), dalla Germania (11,9%), dall Ungheria (8,5%), dal Lussemburgo (6,6%) dalla Francia (5,5%), dall Italia (5,0%) e dalla Slovenia (4,3%). I dati divulgati dalla Banca Centrale della Croazia, che considerano i flussi finanziari provenienti direttamente vestitori? Le imprese e gli investitori hanno a disposizione una serie di misure, dalle agevolazioni del fisco fino all incentivazione diretta per la costruzione di edifici industriali, per l impiego di mano d opera, specialmente nelle regioni che sono state afflitte dallo spopolamento, e piu oltre gli sgravi fiscali anche un aiuto concreto per iniziare le attivita economiche in Croazia, lo start-up che viene tutelato per gli stranieri dal Ministero degli esteri, ministero della economia e Ministero per lo sviluppo regionale e i fondi europei. Basta fare richiesta, e l imprenditore straniero ricevera il sostegno di un funzionario che sara addetto solo ad una singola impresa, ad un singolo investitore, che verra per cosi dire preso per mano ed aiutato a scavalcare l iter burocratico che per molto tempo ha ostacolato l imprenditore straniero che ha dovuto imbattersi in una procedura complicata, lenta, e talvolta anche esposta al pericolo di corruzione. ora basta, il governo ha deciso che gli investitori sono preziosi, devono essere tutelati, aiutati, e spronati. Basta fare la richiesta, ed ogni ambasciata ed ogni funzionario del Ministero deve rispondere immediatamente alle richieste di sostegno e di semplificazione delle procedure. dieci anni di Investimenti diretti Esteri in entrata Stock pari a 26,87 miliardi di euro dall Italia, mostrano per il periodo tra il 1993 ed il 2013, uno stock di investimenti diretti pari a 1,347 miliardi di euro, posizionando l Italia al settimo posto nella graduatoria dei paesi investitori, con il 5% del totale degli IdE. Nel solo anno 2013 l Italia, con 62,3 milioni di euro investiti, Durante il corso dell anno, si terra, in Croazia, il Forum degli investimenti che verra presentato in questi giorni a Roma. Può darci un anticipazione? Quest anno verra organizzato un grande forum per gli investimenti in determinate regioni della Croazia, come ad esempio nella nostra regione Littoraneo- Montana quella che ha per capoluogo la citta di Fiume (rijeka in croato), e che si vanta della perla del turismo adriatico, la citta di abbazia (in croato opatija). Questa regione vuole diventare un esempio vivente dell offerta per investire in Croazia, per costruire nuovi partenariati e per aprire delle nuove occasioni agli imprenditori italiani. Poi, l anno prossimo, si prevede un forum economico tra Italia e Croazia, da tenersi a Zagabria, per presentare tutte le possibilita concrete che la Croazia offre all investitore straniero, e specialmente all investitore italiano. Gli italiani sono secondi per il numero dei turisti che visitano la Croazia ogni anno, ma purtroppo sono solo settimi per quanto riguarda gli investimenti. Vogliamo che gli italiani si qualifichino tra i primi tre paesi che investono in Croazia, e per questo abbiamo anche un solido appiglio: l Italia e il nostro primo partner economico, e percio vogliamo gli Italiani anche come primi investitori in Croazia e partner privilegiati. A proposito di turismo; il settore è un comparto estremamente importante per l economia del Paese; direttamente o indirettamente contribuisce alla formazione del Pil per circa il 16,5%. Quali sono i progetti per il comparto? Il turismo e diventato certamente l attivita produttiva piu redditizia, e qui e importantissimo creare un clima favorevole per gli albergatori e ristoratori italiani che sono disposti a venire in Croazia per favorire il turismo e l industria alberghiera. Lo stato ha finalmente deciso di dare in concessione e di vendere molte imprese turistiche e cosi anche il complesso turistico di Kupari, vicino a dubrovnik. Sono state indette delle gare europee, e qui ci attendiamo che gli operatori turistici italiani, che dispongono del know-how turistico dal quale anche noi possiamo trarre profitto, si (continuaapag.11) risulta il quinto investitore in Croazia preceduta dai Paesi Bassi (152,8 milioni di euro), dalla Germania (123,8 milioni di euro), dall austria (64,9 milioni di euro) e dal Lussemburgo (63,2 milioni di euro). occorre considerare, tuttavia, che numerose grandi imprese italiane hanno effettuato investimenti in Croazia attraverso triangolazioni finanziarie e gli investimenti sono transitati attraverso Paesi terzi (nella maggior parte dei casi Lussemburgo, austria e Paesi Bassi), ove vigono normative particolarmente favorevoli in materia fiscale per le holding finanziarie. Fonte: Ice Zagabria

6 pag. 6 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII Lunedì 30 Giugno 2014 RAPPORTI AMBASCIATE Nonostante la congiuntura economicanegativa,chehaportato ad una flessione nell interscambio bilaterale, i nostri rapporticommercialisonoeccellenti e da oltre un decennio l Italia conservailprimatotraipartner commerciali del Paese spiega in apertura della nostra intervista Emanuela d alessandro, ambasciatore d Italia in Croazia. Viè grande richiesta per tutti i prodottidipuntadelmadeinitaly: tessuti, abbigliamento e calzature in primis, ma anche prodotti minerali,ferro,acciaioecombustibili nonché le eccellenze della nostra industria del mobile e diverse tipologie di macchine da lavoro. Le nostre aziende mantengonounaposizionediassolutorilievoindiversisettori prosegue l ambasciatore - e continuano ad investire con successo nel Paese, garantendo un impiego stabile ad oltre 15mila lavoratori croati. Basti pensare alla presenza nel mercato croato di importanti realtà imprenditoriali italiane quali Unicredit, Banca Intesa, Eni, Edison, Benetton, Calzedonia, Florian Legno, SameDeutzFahr,DanielieDucati, tralealtre. Ambasciatore D Alessandro, nonostante qualche difficolta, oggi la Croazia è un Paese maturo. Qual è il ruolo del Paese in Europa e nei Balcani? La Croazia, al termine di un impegnativo processo di monitoraggio che ha stimolato un agenda di riforme necessarie per rispettare i parametri europei, è entrata nell Unione Europea lo scorso anno. oggi il Paese è anzitutto un esempio per tutti i vicini che, con prospettive e tempi Un Paese esempio per tutti i vicini tribuna Economica intervista EmanuelaD Alessandro, Ambasciatored ItaliainCroazia diversi, aspirano alla membership europea. Un esempio sia per le riforme adottate oggi Zagabria fornisce assistenza tecnica ai Paesi della regione - sia per la determinazione sul piano politico a raggiungere l integrazione europea. La Croazia è quindi una ferma sostenitrice del percorso di allargamento dell UE, ma anche della Nato, alleanza della quale è membro dal 2009, con all attivo la partecipazione a missioni di pace in teatri complessi quali il Kosovo e l afghanistan. CrESCIta E LaVoro Otto miliardi di euro a disposizione del Paese per il periodo Si e svolta nel marzo scorso una riunione presso la Camera dell Economia di Zagabria con lo scopo di illustrare la strategia industriale del Paese per il periodo Il Vice M i n i s t r o dell Economia e Presidente facente funzioni della Camera dell Economia di Zagabria Sabina Skrtic ha illustrato le linee guida ai consiglieri commerciali delle ambasciate straniere in Croazia: 80, fra diplomatici e consulenti economico-commerciali piu sette ambasciatori hanno partecipato all evento. La Camera di Commercio di Zagabria illustra la strategia industriale del Paese ai consiglieri economici delle Ambasciate estere a fine gennaio 2014, infatti, il Ministero dell Economia ha elaborato la Strategia Industriale della repubblica di Croazia come una delle componenti chiave del futuro s v i l u p p o economico del Paese: oggi l econ o m i a croata si basa sop r a t t u t t o sul settore dei servizi ma vantaggi comparativi interessanti sono offerti anche in altri settori: ICt, industria del metallo, elettromeccanica e farmaceutica nonche quella alimentare e di trasformazione del legno. A proposito di Balcani; l Italia ha sempre sostenuto l importanza della Penisola all interno delle dinamiche europee e internazionali. In questi giorni il nostro Paese assumera la Presidenza di turno in Europa. Quali saranno le azioni a sostegno dell Area? L Italia ha sempre guardato con estrema attenzione alla regione dei Balcani occidentali. Nel quadro del nostro Semestre di Presidenza del Consiglio dell Unione Europea, una delle nostre priorità principali è l allargamento dell UE, che rimane uno strumento fondamentale per consolidare la pace, la democrazia e la sicurezza e portare crescita economica in una regione che solo venti anni fa era lacerata dai conflitti. In questo, registriamo una convergenza d intenti con la Croazia, altro Paese tra i più convinti sostenitori dell allargamento. Siamo anche impegnati affinché entro l anno il Consiglio Europeo approvi il Piano d azione per la regione adriatico-ionica, pilastro della Strategia macroregionale, di cui sono parte Italia, Slovenia, Croazia, Serbia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, albania e Grecia, che contribuirà fortemente allo sviluppo della regione: senza creare nuove regole, nuove strutture e senza nuovi fondi, con la Strategia potrà essere ottimizzata la gestione dei fondi disponibili. Inoltre, l iniziativa ha un forte valore aggiunto sul piano politico: essa contribuisce a tenere saldamente agganciati alla prospettiva europea quei Paesi parte della Strategia che aspirano alla membership europea ma che ancora necessitano di tempi più lunghi per un tale risultato. Quali aspetti di Expo 2015 sono di maggiore interesse per la Croazia? Expo Milano 2015 sarà un evento unico che incarna una nuova idea di esposizione universale: tematica, sostenibile, tecnologica e incentrata sul visitatore. attraverso il tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita si discuterà in maniera approfondita di alimentazione e risorse a livello planetario, grazie alle più recenti scoperte tecnologiche e ai contributi di esperti nei settori dell industria, della cultura e della scienza. Per la Croazia, come I dati sull interscambio commerciale con l estero, diffusi da Zagabria, mostrano infatti una notevole crescita delle esportazioni tra gennaio e marzo, dell 8,5 per cento, rispetto alla stesso periodo del È in crescita anche l import, ma di appena il 2,6 per cento, fatto che contribuisce alla diminuzione del saldo negativo del bilancio nel commercio con l estero. In positivo, seppur di poco, sono anche la produzione industriale e le per l Italia, si tratta di un tema cardine, che si inserisce nel contesto delle azioni portate avanti in Europa e nel mondo per la salvaguardia della nostra tradizione alimentare e per la promozione di uno stile di vita equilibrato. Expo Milano 2015 ci consentirà quindi di proseguire con maggiore forza e rinnovato slancio nella tutela dei nostri prodotti regionali e nella valorizzazione della dieta mediterranea, riconosciuta dall UNESCo patrimonio culturale dell umanità e che unisce, oltre ad Italia e Croazia, anche Grecia, Spagna, Portogallo, Cipro e Marocco. Dove, come e perché investire in Croazia? Senza voler menzionare il settore turistico, che ha retto bene alla crisi ed è in continua crescita, ci sono ampi spazi per investimenti diretti a nuovi processi produttivi e tecnologici nell industria agroalimentare e della lavorazione del legno, per le caratteristiche del territorio e l abbondanza di materie prime, nonché nell industria tessile, per la collocazione geografica della Croazia e la possibilità di insediarsi all interno di distretti industriali specializzati, quale quello di Varazdin. L area del Porto di Fiume e la zona industriale di Bakar-Kukuljanovo, il principale complesso industriale della Contea litoraneo-montana, offrono altresì contesti interessanti, come anche le regioni di Krapina-Zagorje, di Koprivnica-Križevci e di Medimurje. Ne ho citate solo alcune tra le più virtuose, per quanto concerne clima imprenditoriale ed assistenza agli investitori esteri. opportunità d investimento scaturiscono inoltre dai Qualche manciata di giorni dopo, il 10 aprile, il Paese ha ottenuto l accredito del suo sistema per la gestione e il controllo dei versamenti dai fondi europei: 150 milioni di euro. I 150 milioni di euro di anticipo riguardano un terzo dei fondi a disposizione del Paese per i primi sei mesi in Ue. Per il periodo la Croazia avrà a disposizione dai fondi europei strutturali e finanziari complessivamente 10,423 miliardi di euro di cui 8,397 miliardi saranno destinati agli investimenti nella crescita e nella creazione di posti di lavoro. La Croazia ha preparato due programmi operativi entro il 2020: programma operativo dell area competitivita e coesione per il quale sono stati allocati 6,881 miliardi di euro dal Fondo Europeo per lo Sviluppo regionale e dal Fondo di Coesione e programma operativo dell area delle risorse umane con un allocazione indicativa di 1,516 miliardi di euro dal Fondo Europeo Sociale. Spese ed export iniziano a registrare segnali di ripresa spese della popolazione. Le stime per il 2014 prevedono però una contrazione del Pil della Croazia, intorno allo 0,5 per cento, per il sesto anno consecutivo, mentre una ripresa è prevista nel numerosi progetti infrastrutturali per l ammodernamento di porti, aeroporti e ferrovie e per la tutela dell ambiente e lo sviluppo sostenibile. Il miglioramento del settore dei trasporti e il rafforzamento del settore energetico costituiscono una priorità per la Croazia. Quali sono i progetti in cantiere? Nel settore dei trasporti sono previsti interventi importanti. Si parla sia dell ampliamento dei porti marittimi di Fiume, Ploce, Spalato, Sibenik, dubrovnik e Gazenica (Zara), sia di quelli fluviali di Vukovar, Slavonski Brod, Sisak e osijek. In aggiunta all ampliamento dell aeroporto della Capitale, è previsto l ammodernamento degli aeroporti di dubrovnik, Spalato, Zara, Pola, Fiume e Veglia, mentre la nuova rete europea dei trasporti ten-t accorda priorità allo sviluppo del Corridoio Mediterraneo, nelle tratte ferroviarie Fiume-Zagabria-Budapest, Lubiana-Zagabria, Lendava-Letenye (al confine con l Ungheria). Per quanto riguarda il settore energetico, oltre allo sfruttamento dei nuovi giacimenti di idrocarburi in adriatico a seguito della recente liberalizzazione del settore, si attribuisce grande importanza alla costruzione di un terminal LNG sull Isola di Veglia (Krk) e alla realizzazione del gasdotto IaP, collegato al progetto di gasdotto tap. altri interventi riguarderanno le centrali elettriche di Kozjak, Plomin, Sisak e Zakucac. Recentemente è stata costituita una nuova Associazione che prenderà il posto del Comitato Consultivo dell Imprenditoria Italiana in Croazia (CCIIC). Di che cosa si tratta? Quali sono i principali obiettivi? raccogliendo l eredità del Comitato Consultivo dell imprenditoria italiana (CCIIC), attivo dal 2004 al 2014 sotto la direzione di questa ambasciata, la nuova associazione degli Imprenditori Italiani in Croazia (aiic), dotata di autonoma personalità giuridica, vuole rappresentare in modo diretto ed indipendente gli interessi delle imprese italiane presso le istituzioni pubbliche e private croate. Si tratta di un vero e proprio salto di qualità per l imprenditoria italiana, che può finalmente confrontarsi con analoghe organizzazioni di altri Paesi, attive da tempo in Croazia, con l obiettivo di sviluppare e rinforzare i rapporti tra investitori esteri e portare avanti iniziative comuni presso le autorità locali. aiic verrà presentata pubblicamente il 6/7 novembre p.v., in occasione dell Invest Forum in cui l Italia sarà, in concomitanza con il Semestre di Presidenza, Paese ospite. Nostra intervista

7 RAPPORTI AMBASCIATE Lunedì 30 Giugno 2014 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII pag. 7 La regione litoraneo-montana, posizionata sull incrocio delle vie che portano verso l Europa Centrale, l adriatico e il Mediterraneo, con la sua diversità culturale, storica e naturale, denota un enorme potenziale di sviluppo in diversi settori, da quello energetico, del legno, navale, del trasporto fino al settore turistico. oltre all eccellente posizione geografica, alla ricchezza di risorse naturali e alla diversità, i vantaggi per gli investitori trovano spazio anche nell infrastruttura dei trasporti (marittima e altre), in un ottima rete di distributori, enti di ricerca ed educazione, in una manodopera qualificata ed esperta e nella prontezza di abbracciare nuove sfide. Non a caso, il 6-7 novembre 2014, la regione ospitera il 3 Forum Internazionale degli Investimenti di cui l Italia sara il Paese Partner. Tribuna Economica ha rivolto alcune domande a Zlatko Komadina, Presidente della regione litoraneo-montana, per meglio comprendere la struttura del Forum e la natura economica della regione stessa: Ing. Komandina, l Italia sarà Paese partner del prossimo Forum sugli Investimenti che si terrà il 6-7 novembre a Opatija in Croazia; come sarà strutturato? Quali sono gli obbiettivi finali? Il 3 Forum Internazionale degli Investimenti di quest anno che organizziamo in collaborazione con la Città di rijeka, opatija e l agenzia per gli Investimenti e la Competitività della repubblica di Croazia nell ormai tradizionale periodo autunnale (6-7 novembre a opatija), ha fatto un nuovo e significativo passo in avanti: avere un Paese partner. Sarà quindi un immenso piacere ospitare come partner la repubblica Italiana grazie all aiuto e al sostegno del Consolato Generale d Italia a rijeka, dell ambasciata d Italia nella repubblica di Croazia, e particolarmente dell ambasciatore, Sua Eccellenza Emanuela d alessandro, al quale vorrei esprimere in quest occasione i miei più sentiti ringraziamenti. Le edizioni precedenti del Forum hanno avuto più di 500 partecipanti, tra cui molti uomini d affari provenienti dalla Croazia e dall estero. Siamo convinti che questo Forum rinforzerà ulteriormente le ottime relazioni lavorative e politiche dei due paesi amici, contribuendo alla realizzazione di alcuni dei numerosi progetti e idee progettuali esposti nel Catalogo per gli Investitori della regione litoraneo-montana e della Città di rijeka. regione LItoraNEo-MoNtaNa 60 progetti per un valore pari a 10 miliardi di euro NostraintervistaaZlatkoKomadina, PresidentedellaRegione oltre ai rappresentanti del Governo e dei ministeri, delle istituzioni finanziarie croate ed estere, delle regioni, città e comuni partner e amici, delle rappresentanze diplomatiche nella repubblica di Croazia, dei fondi di investimento, degli imprenditori, delle agenzie specializzate, dei rappresentanti dell autogoverno locale e regionale, si attende un numero significativo di imprenditori e potenziali investitori provenienti dall Italia, nonché altri invitati e ospiti. Quali sono i vantaggi di investire nella Regione litoraneomontana? Come membro a pieno titolo dell Unione europea, oltre a numerose misure di sostegno agli investimenti, sia nazionali che locali, la Croazia e questa regione offrono numerose possibilità di lavoro e investimento nel Mercato Comune Europeo di merci, capitali e servizi. Inoltre, investiamo nell infrastruttura pubblica; ad esempio siamo tra i pionieri nello sviluppo della rete ottica e nell implementazione di progetti pertinenti alle fonti di energia rinnovabile e di efficacia energetica, al fine di rendere possibile lo sviluppo dei autogoverni locali e degli imprenditori, ponendo particolare accento su progetti innovativi che promuovono la competitività della regione. La Regione conta un autonomia decisionale in diversi ambiti; come si strutturano le politiche di attrazione agli investimenti? Siamo l entrata meridionale dell Europa, è questa è una qualità che ora possiamo sfruttare al meglio. Il Forum è solo la corona del nostro impegno continuo nell attirare investitori in diversi tipi di progetti, a partire da grandi progetti energetici quali ad esempio il terminale GNL sull Isola di Krk, progetti di trasporto la costruzione di nuovi terminal nel porto di rijeka, fino ad una serie di progetti turistici e zone aziendali ed industriali, motivo per il quale abbiamo messo a disposizione il territorio anche accogliendo diversi documenti di assetto territoriale. ad esempio, il Piano territoriale ha valorizzato innanzitutto la posizione geostrategica della nostra regione, soprattutto per quanto concerne il settore dei trasporti, energetico e turistico. attualmente, il nostro Catalogo per gli Investitori espone in totale 60 progetti del valore di circa 10 miliardi di euro, tra i quali ci sono anche dei grandi progetti nazionali quali la modernizzazione della tratta ferroviaria rijeka-zagreb-budapest, nuovi terminal portuali, la connessione del tratto meridionale della tangenziale di rijeka mediante l autostrada fino a Žuta Lokva, che rappresenta una direzione logica e la continuazione del Corridoio adriatico-ionico, durante la quale costruzione di sicuro riceveremo un supporto sia dai nostri vicini che dai fondi dell Unione europea. Qui vi è anche il progetto di costruzione del centro regionale sportivo, ricreativo e turistico Platak. Il nostro Piano territoriale prevede 150 nuove zone turistiche per nuovi posti letto. Inoltre, grandi sono le potenzialità nell industria di lavorazione del legno nell area di Gorski kotar. al momento stiamo preparando una nuova strategia di sviluppo per il periodo , analizzando allo stesso tempo il successo della strategia esistente per il periodo dal 2011 al Possiamo veramente essere soddisfatti. Entro la fine di quest anno dovrebbero realizzarsi in totale circa 750 progetti diversi del valore di 850 milioni di Kune croate. La regione, con le unità di autogoverno locale, ha la possibilità di incentivare direttamente gli investimenti. tuttavia, il nostro ruolo è creare delle possibilità di sviluppo territoriale pianificato, definire la strategia di sviluppo collettivo e le priorità, di offrire qualità e un servizio efficiente agli investitori interessati (ad esempio, per quanto concerne il rilascio di licenze e autorizzazioni), nonché di provare, attraverso il nostro comportamento e il modo di agire, che abbiamo tutti i diritti di essere in possesso del certificato Investor friendly region. In quali settori ci sono nuove possibilita di sviluppo? Gli investitori italiani hanno già riconosciuto la regione litoraneo-montana come una regione con grandi potenzialità di sviluppo e investimento. È nostro desiderio offrirgli nuove opportunità di collaborazione lavorativa e investimento nelle zone turistiche ed aziendali, nei porti di turismo nautico, nei progetti di maricoltura, nel settore energetico, del legno, della sanità e del turismo di salute, nonché in tanti altri settori. In qualità di autogoverno regionale siamo pronti ad offrire agli investitori interessati il nostro sostegno e i nostri servizi per la realizzazione dei progetti. Oggi, anche la Croazia, come molti altri paesi, sta risentendo dell attuale situazione internazionale; come si presenta, attualmente, il contesto economico-sociale nella Regione litoraneo-montana? La regione litoraneo-montana è una delle regioni più sviluppate della Croazia. Stiamo tuttora attraversando la transizione economica e invece della, a suo tempo dominante, industria del metallo, oggi si sviluppano altre attività, dal turismo al trasporto fino al settore energetico. L anno scorso il tasso medio di disoccupazione della regione era del 13,4 percento, tasso significativamente minore di quello dell intera Croazia. anche per quanto riguarda il prodotto nazionale lordo (PNL), abbiamo superato la percentuale nazionale. L anno scorso, ad esempio, il prodotto nazionale lordo (PNL) pro capite nella regione litoraneo-montana ammontava a euro, mentre la percentuale della repubblica di Croazia era di tutti gli indicatori ci includono tra le regioni più sviluppate della Croazia. tuttavia, il nostro obbiettivo è diventare i primi tra i migliori dato che abbiamo tutte le predisposizioni necessarie, a cominciare dalla già menzionata posizione geo-strategica fino alla forza lavoro competente e professionale, nonché le ricchezze naturali uniche, le isole, la costa e l area montuosa di Gorski kotar. S.B.

8 pag. 8 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII Lunedì 30 Giugno 2014 RAPPORTI AMBASCIATE Cooperazione economica con la Cina Il governo croato ha tentato di sfruttare al massimo la preziosa opportunità di attirare capitali freschi da una potenza economica del calibro della Cina e la squadra messa a punto per l occasione, guidata dal ministro dell Economia Ivan Vrdoljak, ha giocato tutte le sue carte. La delegazione, infatti, è approdata nelle scorse settimane nella città cinese di Ningbo, che ospitava un importante kermesse finanziaria organizzata dalle autorità locali per coinvolgere le Economie dell Europa centro-orientale. L intento è quello di investire massicciamente in questi Paesi al fine di ravvivare il tessuto economico della regione. E la pattuglia inviata dall esecutivo ha passato in rassegna numerose opportunità d investimento in Croazia durante il Forum imprenditoriale tenu- Sono molti i progetti su cui investire a Zagabria to a margine, insieme alla Fiera internazionale del consumo, della Conferenza ministeriale per la promozione dell economia e commercio tra la Cina e i Paesi dell Europa orientale. LaCroaziaavràdicertoinnumerevoli vantaggi da una salda cooperazione economica e imprenditoriale conlacina - ha spiegato S v e t l a n a Momcilovic, vicedirettrice del Centro per gli investimenti di Zagabria (Ccc) - manondobbiamo dimenticare la posizione strategicaoccupataineuropadalnostro Paese e il ricchissimo regime di fondi europei garantito da Bruxelles.Grazieall ingresso nell Ue, infatti, Zagabria è diventata una meta davvero appetibile per gli imprenditori cinesi e internazionali. Le condizioni perdegliottimiinvestimentisono sottogliocchiditutti:incroazia cisonoinfrastrutturemoderne,il settore dei trasporti è in pieno rinnovamentoelaforza-lavoroè dialtaqualità. Sono molti i progetti su cui investireazagabria- ha ricordato Harun omerbasic, fidato consigliere economico del sindaco della capitale croata - e specialmente nel settore edile, relativi allacostruzionedialcunigarage nelle zone centrali, di cinque strutture destinate ad accogliere anzianiedisabili,edialtriedifici di vario tipo. Ancora, la zona industriale di Podi offre grandi opportunità. Sonosmisurateledimensionidelmercatocinese - ha osservato Miroslav Karamarkovic, responsabili delle relazioni internazionali per il Ccc - eperquestocheleaziendecroatedevono approfittarne e collaborare con l imprenditoria asiatica, puntando anche sul mercato digitale e sulsettorealimentare.graziealle iniziative di questi giorni, Zagabria potrà attrarre, in poco tempo, investimenti importanti, ma le autorità dovranno lavorare sodo per rilanciare l economiadelpaese. SVIZZEra 45 milioni di franchi alla Croazia Il Consiglio federale svizzero, nelle scorse settimane, ha confermato la volontà di attribuire 45 milioni di franchi alla Croazia quale contributo all allargamento dell Ue. Spetta ora al Parlamento approvare il credito che verrà impiegato per progetti concreti nel Paese balcanico. Il contributo era stato congelato dopo il sì svizzero all iniziativa contro l immigrazione di massa il 9 febbraio scorso. tale decisione non era piaciuta a Bruxelles che aveva bloccato la partecipazione elvetica ai programmi Erasmus+, orizzonte 2020 e Media. Modernizzazione dei Paesi balcanici. Il Consiglio indica che l impegno della Svizzera in Croazia corrisponde alla politica perseguita negli ultimi anni nei confronti degli Stati dell Europa dell Est per sostenerli nei loro sforzi di modernizzazione. Secondo il governo, tale politica rafforza le relazioni della Confederazione con nuovi membri dell Unione europea, contribuisce a creare posti di lavoro e risponde agli interessi, anche economici, della Svizzera. La Confederazione aveva già concesso contributi ai dieci Stati (Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, repubblica ceca, Slovacchia, Slovenia e Ungheria) che hanno aderito all Ue nel 2004, come pure alla Bulgaria e alla romania nel Memorandum d intesa con l Ue. La cooperazione concreta verrà stabilita direttamente con la Croazia in una fase successiva nell ambito dell accordo bilaterale che terrà conto dei principali settori di competenza fissati nel Memorandum d intesa con l Ue, ossia: sicurezza, stabilità e sostegno alle riforme, ambiente e infrastruttura, promozione dell economia privata, sviluppo umano e sociale. L ammontare del contributo è calibrato sul numero di abitanti e sul prodotto interno lordo pro capite della Croazia (circa il 62% della media Ue). Le relazioni con il Paese balcanico hanno registrato una notevole crescita a partire dalla metà degli anni 90, per poi subire un crollo in seguito alla crisi. Nel 2013, la Svizzera presentava un eccedenza di esportazioni equivalente a circa 100 milioni di franchi. Nominati i vertici dell Associazione Imprenditori Italiani in Croazia Si e' tenuta il 17 giugno, presso la Camera dell Economia croata di Zagabria, la prima assemblea Generale dell associazione degli Imprenditori Italiani in Croazia (aiic). Nel corso dell assemblea, cui hanno preso parte l ambasciatore d Italia Emanuela d alessandro, il Console Generale a Fiume renato Cianfarani e, per la Camera dell Economia croata, il vice direttore del dipartimento relazioni Internazionali Mirjana turudić, è stato eletto il nuovo Consiglio direttivo dell aiic. Hanno partecipato al voto 42 aziende su 61 iscritti, pari ad oltre il 68,8% degli aventi diritto. Nel biennio del suo mandato il Consiglio direttivo, composto da 9 membri tra cui il suo Presidente dubravko Hoic (Calzedonia) ed il suo Vice Presidente Gabriele Pace (Privredna Banka Zagreb), avrà il delicato compito di impostare attività ed obbiettivi della neo costituita associazione. da parte dell ambasciata d Italia a Zagabria il ringraziamento agli ex membri del Consiglio direttivo del Comitato Consultivo dell Imprenditoria Italiana in Croazia (CCIIC), di cui l aiic ha preso a tutti gli effetti il posto, per il lavoro svolto in questi anni. Il 2013 per il turismo in Croazia è stato un altro anno da record dato che il settore, l unico a non risentire della crisi economica, ha generato un giro d affari di 7,2 miliardi di euro, il 5 per cento in più rispetto all anno precedente. Lo mostrano i dati della Banca nazionale croata (Hnb) diffusi a Zagabria. L anno scorso nel Pil della Croazia il turismo ha partecipato con il 16,5 per cento, un punto in più rispetto al Il ministro 2013 Un altro anno da record per il settore turismo per il turismo, darik Lorencin, si è detto molto soddisfatto di questi risultati, ricordando che la strategia di sviluppo del Paese punta a portare entro il 2020 la Croazia tra le dieci destinazioni turistiche più gettonate a livello globale.

9 EMBASSIES REPORT Lunedì 30 Giugno 2014 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII pag. 9 a hundred-year old tradition, natural diversity, intriguing historical heritage, quick access to Central and Eastern Europe and other EU countries, well-built infrastructure, trained workforce, stable economic environment and a good network of small and medium-sized suppliers, as well as many other advantages, guarantee good and profitable investment in Primorje-Gorski kotar County. the republic of Croatia, as planned, will become the 28th EU member on 1 July 2013 and, as a member of CEFta, has unlimited duty-free access to the EU market for almost all products. Geography. Primorje-Gorski kotar County is situated in the western part of Croatia with a total land surface area of 3,588 km², which is 6.3% of the total Croatian territory. the length of the coastline is 1,065 km and the number of islands is 55. this county is unique because of its very convenient geostrategic position and natural diversity including islands, coastal areas and mountain areas. a significant national and international role of this County throughout Europe is that, via the danube and adriatic areas, it connects Central and Eastern Europe. the Port of rijeka is the largest and most important Croatian port. Because of its excellent geostrategic posi- Investing in Primorje-Gorski kotar County tion, the Port of rijeka is especially important as a final point of the shortest maritime route between the Far East and Europe, which, compared to the distance of Northern European ports and depending on the port of departure, can be up to 7 days shorter. In terms of administrative activities, the County has 36 local self-government units 14 cities and 22 municipalities. rijeka is the hub of the Primorje-Gorski kotar County and the third largest Croatian city; it is spread over an area of 44 km² and has a population of approximately 145,000. Its population density rate is the highest in Croatia with 3,274 inhabitants per km². rijeka is a social and economic, transport, cultural, educational and political hub in the region. the Port of rijeka is the largest sea port in Croatia and the European gateway to the Far East. Demographic characteristics. Primorje-Gorski kotar County has a population of 296,123 which is 6.9% of the total Croatian population. the gender breakdown is 51% female and 49% male. the largest number of inhabitants live in urban areas (rijeka, opatija, Mali Lošinj, Crikvenica etc.). Economy. the gross domestic product per capita is EUr 12,305 and along with the City of Zagreb and the Istrian County, the Primorje-Gorski kotar County is among the most developed counties of the republic of Croatia. the unemployment level in 2011 was 14.2%. the average gross monthly salary is HrK 7, (EUr 946). Education. the University of rijeka has ten faculties and three departments with over 19,000 students; part of the student population is enrolled in neighbouring universities (Zagreb, trieste, Padova etc.). there are also graduate, postgraduate and doctoral courses offered in rijeka and a number of elementary schools, of which four are Italian. there are vocational high schools, grammar schools, music schools, design schools and one Italian high school. Work force. Its work force makes up 66% of the whole population, with highly qualified professionals. approximately 70% of the work force has high school, college and university degree qualifications, while 19% are qualified professionals. Women make up 48% of the working population. Quality of living. People can live very comfortably in Primorje-Gorski kotar County, working both in urban and rural areas. there are theatres, galleries, museums, state archives, libraries, cinemas, residential buildings and family houses, along with good health care facilities: hospitals, clinics, emergency centres, private practices, nursing homes, rehabilitation centres, sports and recreation facilities such as sport centres and playgrounds, diving centres, pedestrian and cycling tracks, mountain tracks, swimming pools and wellness centres. there are also many shopping malls, restaurants, hotels and campsites etc. Research and development. research and development companies may be found in the ship building, petrochemical and pharmaceutical industries and in the ICt. there is a technological and Science Park in rijeka, at the University of rijeka, along with development agencies, entrepreneurial incubators and entrepreneurial centres, as well as a very strong community of innovators. Key sectors. the structure of sectors in the County is as follows: trade 43% share, Industry 31% share, Construction industry 8% share, transport, communications and storage/ warehouse activities 9% share, Hotels and hospitality industry 5% share,technical, scientific and administrative services 4% share. Investment incentives. National investment promotion measures pursuant to the act on Investment Promotion and Improving the Investment Climate (national gazette of the republic of Croatia Narodne novine 111/12). For capital investments of at least EUr 5 million, non-refundable financial support in the amount of 10-20% of the real justified costs of investments in the long-term assets will be approved, with the condition of opening at least 50 new workplaces. For work-intensive investment projects, an increase of 25% in the support for opening new workplaces will be approved, with the condition of opening at least 100 new workplaces, an increase of 50%, with the condition of opening at least 300 new workplaces, and an increase of 100%, with the condition of opening at least 500 new workplaces. Local stimulations for operations are arranged by each local government for the land prices, communal fees, contributions, etc., and are regulated by the decisions of the local self-government units. Source: Catalogue for Investors of Primorje- Gorski kotar County Collegati al nostro Online e clicca PDF EDIZIONE CARTACEA CI TROVI ANCHE SU

10 pag. 10 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII Lunedì 30 Giugno 2014 EMBASSIES REPORT Government adopts action plan to support exports the action plan aims to build a system of quality and sustained government s support to exporters in all stages of export from product development, financing, education and cutting red tape to support abroad. It was drafted based on direct input from Croatian exporters and business associations, gathered through months of counselling and a comprehensive survey. the document was drafted by Ebrd joins private sector initiative to tackle youth unemployment in Croatia Businessesseektosupportyouthascountry remainsinrecession the International Conference Human resources Business arena 2014 brings together decisionmakers, senior managers and human resources (Hr) professionals representing the most prominent businesses across central and eastern Europe, to promote youth inclusion in the labour market. Unemployment in Croatia, the EU s newest member state, has increased sharply during the recession of recent years, standing at 22.7 per cent in February the rate of youth unemployment is particularly high, currently standing at 48.8 per cent. Speaking at the event, EBrd director for Croatia, Vedrana Jelušić Kašić, said: The private sectorplaysacrucialroleinaddressing youth unemployment and enhancing its economic inclusion.attheebrdwebelieve thatprovidingyoungpeoplewith opportunities for training and workcanpavethewayforeconomic recovery and for Croatia stransitiontoanopen-market economy. tourism generated HrK 5.73 billion in revenues in the first four months of 2014, up 21 per cent on the year, the tourism Ministry said on Wednesday, citing tax administration data. the data refers to accommodation, hospitality, travel agencies and tour operators. tourism Minister darko Lorencin said he was extremely pleased, adding that financial indicators were the measure of successful business. He said the revenue increase in hotels, camps and restaurants was a positive sign for the whole year. the Croatian Economy Internationalisation Commission, which comprises 19 state administration bodies and business associations and is coordinated by the Ministry of Foreign and European affairs. the Commission and the action plan are a part of the new model of Croatia s economic diplomacy, launched more than a year ago. the government s support for exports stems from the fact that they are one of the major driving forces behind the country s economic recovery. although only 13% of Croatian companies are exporters, they employ 50% of all employed and represent the healthiest segment of Croatian economy. the EBrd s investments are structured to open economic opportunities for women, young people or those living in regions that are economically less advanced. For example, ahead of an investment in Marina dalmacija, the largest marina on the adriatic coast, the Bank has brokered a partnership between the marina operator, Marina dalmacija Group, and the Maritime High School of Zadar to provide a sustainable, on-site training programme for graduates and young people, based on the best international practice. Businesses have a clear interest in ensuring that education and training create the skilled labour force they will need for thefuture.suchpartnershipsbetweencompaniesandeducational institutions play an important role in addressing youth unemployment and we encourage more firms to undertake similar initiatives.asthecroatianeconomy remains in recession, it is essential that young people receive support to ensure employment, concluded Jelušić Kašić. Tourism revenue in first 4 months up 21 pct y-o-y Lorencin said investments were important for positive financial results, calling on the entire sector to continue investing in their services so as to make tourism even better and more competitive. accommodation revenues in the first four months of 2014 totalled HrK 2.34 billion, up 55% on the year. (continuaapag.13) Free Trade Agreement with Korea to come into effect 26 May temporary implementation of the Protocol to the Free trade agreement between the EU and Korea in order to take into account Croatia s accession is to come into effect 25 May the Free trade agreement was signed 6 october 2010 and came into effect 1 July It liberalizes the trade in agricultural and industrial products and services, and contains provision on the origin of goods, market competition, state support, intellectual property, public procurement and investments. In order to take into account Croatia s accession to the EU, the European Commission 25 March 2014 signed a Protocol additional to the EU-Korea Free trade agreement. temporary implementation of the Protocol means all provisions from the EU-Korea Free trade agreement apply to Croatia as well, while article 9, Paragraph 2 stipulate retroactive implementation of the agreement from 1 July temporary implementation of the Protocol allows Croatian business people to use preferential customs fees for Croatian products on the Korean market, thus ensuring better competitiveness. Incentive at the local level: incentives provided by the authorities of municipalities or authorities of the towns where investment is taking place. these include, but are not limited to: reduction in communal tax, reduction in utility infrastructure installation costs, etc. Incentive at the state level: where incentive form and density is defined by the Investment Promotion and development of Investment Climate act (the act ) (og 111/2012, 28/2013). the incentive measures in the new act are aimed at strengthening production activities and the use of new technologies, supporting development research activities and stimulating employment. Incentive measures defined by the act include tax incentives decrease of corporate income tax rate, depending on the sum of European Investment Bank (EIB) provides two loans to the Croatian Bank for reconstruction and development (HBor - Hrvatska banka za obnovu i razvitak): EUr 250 million to co-finance projects of small and medium-sized companies (SMEs); EUr 150 million to support investments of the Mid- Cap companies. Both loans will contribute to implementing projects in the areas of industry services, tourism and other priority sectors. they will be combined with EU grant support provided by the European Commission under the Energy Efficiency Finance Facility in order to foster projects contributing to an increase of energy efficiency and energy savings in Croatia. EIB Vice-President dario Scannapieco stated: Better availability of long-term financing,providedincooperationwith HBOR, a well-established partneroftheeib,iscrucialforfurtherdevelopmentofthesmeand MidCap sectors, which are the backboneofthecroatianeconomy and the main drivers of growth and employment in the country. Together with HBOR, theeibisensuringthatthebenefits of granting loans on favourable terms are passed on toeligiblebeneficiariestofacilitateprojectsincludingthosecontributingtotheincreaseofenergyefficiency. Anton Kovacev, President of HBOR s Managing Board stated: The funds raised today in the amount of EUR 400 million willbeusedbyhbortoencourage new investment, particularly to introduce new products and technologies. The EIB has been supporting our efforts for thir- INVESt IN CroatIa Two possible lines of investment incentive: at state level and local level the investment and the number of new jobs created. Customs incentives customs exemption for importing machinery/equipment, depending on the customs tariff. Non-refundable aid for eligible costs of new jobs created depending on the unemployment rate in the county in which the investment is located. Non-refundable aid for eligible training costs depending on the size of the enterprise and the type of the training. additional non-refundable aid for eligible costs of new jobs created in specific business activities depending on the type of the business activity nonrefundable aid for new jobs created is multiplied by certain percentages. Non-refundable aid for the purchase of high-tech equipment/machinery for development and innovation activities nonrefundable aid of up to 20% of EIB continues to support SME and MidCap projects in Croatia with EUR 400m teen years as such investments are a key prerequisite for an increase in the competitiveness of the Croatian economy and exports.letmetakethisopportunity to thank our colleagues from theeibonceagainfortheirconfidence and for having recognisedhborasakeypartnerfor co-operationincroatia. this operation consolidates the strong and effective partnership between the EIB and HBor. the EIB has already granted credits to HBor totalling some EUr 1.8 billion. these funds have supported projects of SMEs, MidCap companies and public entities in the areas of industry and services, including tourism, and small and medium-scale infrastructure schemes promoted by local authorities. the EIB supports SME investments in Croatia in the framework of the Joint IFI action Plan for Growth in Central and South Eastern Europe, which is focused on providing better access to long-term finance for Europe s SMEs to help mitigate the effects of the financial crisis. those funds support growth by fostering economic restructuring, consolidation and diversification, as well as enhancing long-term competiveness through the increased availability of long-term credit. eligible costs of the purchase of machinery/equipment. Non-refundable aid for capital investments above 5 million euro and above 50 new jobs created depending on the unemployment rate in the county in which investment project is located. Nonrefundable aid for new jobs created in labor intensive investment projects depending on the number of new jobs created. Non-refundable aid for investment in long-term assets is granted after the first year of investment expires, while non-refundable aid for new jobs created is granted one year after new jobs are created. the recipient of incentive measures can be an entrepreneur natural person (craftsman) profit taxpayer or commercial company: 50,000 and 3 new jobs created for micro enterprises; 150,000 and 5 new jobs created for small, medium and large enterprises. an application to acquire the status of a recipient of incentive measures must be submitted before the beginning of the investment.

11 RAPPORTI AMBASCIATE Lunedì 30 Giugno 2014 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII pag. 11 (dapag.5) presentino e incomincino ad operare nel settore turistico croato. E poi, ci sono molte altre aree di possibile cooperazione, ma ci vogliono dei contatti migliori tra l Italia e la Croazia, ci vuole anche una coordinazione delle p olitiche del turismo tra i due paesi, perche noi non siamo concorrenti, ma siamo complementari e da questo bisogna trarre vantaggio. Croazia e Expo Milano 2015: che cosa vi attendete? Noi ci attendiamo dall Expo 2015 un grande stimolo per o sviluppo del settore agroalimentare in tutta l Europa, a ci apprestiamo di conoscere, apprezzare e degustare le migliori produzione agroalimentari dell Italia, scegliere l offerta piu interessante tra itinerari tematici, avere un confronto con gli attori e le realta piu all avanguardia sui temi della ricerca scientifica, dell innovazione tecnologica, della sicurezza e della qualita alimentare. Inoltre, vogliamo attraverso l Expo avviare dei partnership di produzione e ricerca di accordi commerciali, partecipare a iniziative di collegamento trai vari cluster/filiere gastroalimentari, e di interloquire con quelli che hanno gia una esperienza unica nel Intervista a Damir Grubiša, Ambasciatore della Repubblica di Croazia in Italia mondo per aver promosso la dieta mediterranea, sinonimo di vita sana, e che richiede una nuova cultura all avanguardia di nuove scoperte, nel campo delle scienze agroalimentari cosi anche nel modello di vita quotidiana. Ci attendiamo anche di ammirare e godere del patrimonio culturale unico al mondo, del patrimonio naturale e paesaggistico dei territori italiani, e di trarre profitto dallo scambio di esperienze su scala mondiale, visto il numero di partecipanti e il contenuto delle mostre, eventi, workshop e altre iniziative nell ambito dell Expo In poche parole, vogliamo far parte di questo grande dialogo sulla alimentazione e stili di vita, del legame tra cibo e cultura, di apprendere le varie tradizioni alimentari e unirle all innovazione, alla ricerca sulla sicurezza e qualita alimentari, per contribuire alla salute e al benessere del mondo al quale apparteniamo. Tribuna Economica Terzo Forum Internazionale degli Investimenti: Italia Paese partner de Komadina - chequestoforum rinforzeràulteriormenteleottime relazionilavorativeepolitichedei duepaesiamici,contribuendoalla realizzazione di almeno alcuni deinumerosiprogettiedelleidee progettuali esposti nel Catalogo pergliinvestitori;trattasidioltre 60 progetti del valore totale di circa10miliardidieuro. Ma il 3 Forum Internazionale degli Investimenti è solo una delle presentazioni patrocinate dall ambasciata di Croazia in Italia: infatti, il Forum, viene organizzato anche grazie alla Citta di Fiume, la Citta di abbazia e l agenzia per gli Investimenti e la Competitività della Croazia e, durante il corso della giornata, saranno protagoniste di vari eventi. Fiume ha già promosso numerosigrossiprogettidisviluppo allo scopo di rafforzare le vie di comunicazione e l ulteriore crescita del sapere e delle scienze perun economiaconcorrenziale commenta Vojko obersnel, Sindaco della Città di Fiume. Il corridoio fiumano, infatti, è inserito nella mappa dei corridoi europei, mentre l economia cittadina è volta verso il trasferimento delle tecnologie e delle conoscenze provenienti dall ambiziosa e dinamica università fiumana. Fiume prosegue il Sindaco - possiedeunaposizionestrategicacheha definito il suo sviluppo in quanto maggiorportocroatoeimportante nodo delle vie di comunicazione. Su decreto dell UE, Fiume è unodeipuntidipartenzadelcorridoio mediterraneo ed entro il 2020 l Unione Europea investirà nello sviluppo dei suoi corridoi piùdi26miliardidieuro. La nuova industria si sta sviluppando è quella del sapere e Città e Università stanno preparando un progetto nuovo, quello del Parco scientifico-tecnologico, che rappresenterà un impulso aggiunto ai suddetti piani di sviluppo. anche il turismo urbano deterrà un ruolo importante nella crescita di un economia basata sui servizi e sulla logistica, sull efficacia energetica e sulle fonti rinnovabili di energia. Si valuta-conclude obersnel - che per la realizzazione della nostra strategiadisviluppo,neiprossimi 7annisianonecessaricirca3miliardidieuro,contandosututtele fonti di finanziamento, sia su quelle cittadine e regionali, sia sui mezzi degli investitori e dei fondieuropei. abbazia, luogo in cui si svolgera il Forum, invece, è destinazione turistica d élite che quest anno festeggia 170 anni di turismo. Nel 2013, abbazia ha ospitato ospiti con un totale di pernottamenti, di cui il 10 % era costituito da italiani. dopo austriaci, tedeschi e croati, gli italiani si trovano al quarto posto con una crescita di pernottamenti del 5 % in confronto al La favorevole posizione geograficaestradale,l accessodiretto ed immediato al caldo mare Il 2 luglio, a roma, in occasione della Festa Nazionale croata, l ambasciata di Croazia in Italia, organizzera la presentazione di alcuni eventi legati al Forum Internazionale degli Investimenti di cui, quest anno, l Italia è il Paese partner e alla regione autonoma litoraneo-montana. Le edizioni precedenti del Forum hanno avuto oltre 500 partecipanti. Come spiega Zlatko Komadina, Presidente della regione litoraneo-motana, lanostraregione èrinomataperlasuamulticulturalità e la pacifica convivenza di numerosenazionalitàchecondinamiche diverse si sono stabilite inquest areaneisecoliscorsi.gli investitori- prosegue il Presidente - prediligeranno sempre le regioni che sono politicamente stabili, caratterizzate da uno sviluppo economico maggiore e aperte nonsoloadaccogliereilcapitale, maanchelepersone.gliinvestitori italiani hanno già riconosciuto la Regione litoraneo-montana come una regione con un grande potenziale di sviluppo e investimenti, manoivogliamooffrirgli anche nuove possibilità. Essendo una regione autonoma, siamo pronti ad offrire agli investitori interessati il nostro sostegno per la realizzazione dei progetti. Siamoconvinti - concludell Europa Centrale, la vegetazione rigogliosa e il clima piacevole spiega Ivo dujmic, sindaco della citta di abbazia - sonoleragioni più importanti che hanno contribuito inizialmente al rapido edimprovvisosviluppodelturismo diabbaziaversolafinedel19 o secolo,laqualefinoadoggihasaputo preservare l armonia con la natura. I parchi curati e le fontane, nonché il Lungomare unico chesiestendeper12km,sonoil contorno delle ville e degli alberghi di più alta categoria che riesconoadospitare7.000persone. Come culla del turismo congressuale e del benessere, abbazia oggi offre il meglio di entrambi i mondi: Abbaziavantaimigliori ristoranti della Croazia conclude il Sindaco. Le combinazioni gastronomiche creative della cucina mediterranea e continentalesonoinconcepibilisenza irigorosamentefreschiingredientiorganicilocali. Sergio Belle La due giorni del Forum LaprimagiornatadelForum, che si terrà il 6 novembre 2014 nelle ore pomeridiane, sarà dedicata all introduzione della nuova associazione di imprenditori sia italiani che croati in Croazia, con la possibilità di dialoghi bilaterali e incontri di lavoro, ed eventuali visite ad alcune aree finalizzate ai progetti che saranno presentati al Forum. LasecondagiornatadelForum, che si terrà il 7 novembre 2014 al Milenij Grand Hotel 4 opatijska cvijeta a opatija mediante sessioni plenarie divise in alcune unità tematiche pannelli dove verranno presentate le misure di sostegno agli investimenti, i quadri legislativi per gli investimenti, i progetti rilevanti a livello nazionale, regionale e locale, nonché alcuni esempi di buone pratiche degli investitori italiani in Croazia.

12 pag. 12 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII Lunedì 30 Giugno 2014 RAPPORTI AMBASCIATE Agevolazioni per gli investitori Premesso che la normativa rere dall anno d inizio dell investimento, a condizione che ven- vigente equipara gli investitori stranieri a quelli nazionali (la società costituita in Croazia anche di lavoro riferiti all investimento. gano creati almeno 3 nuovi posti con capitale al 100% straniero Agevolazioni fiscali. Gli investitori possono beneficare della diventa, a tutti gli effetti, persona giuridica di diritto croato e non riduzione dell imposta sul profitto a condizione che in tale perio- viene considerata persona giuridica straniera) non esistono agevolazioni particolari per gli stra- livelli occupazionali. do vengano garantiti determinati nieri, ma tutti i contribuenti (nazionali o stranieri) sono soggetti professionale. L investitore può Incentivi per la formazione alle stesse agevolazioni. beneficiare della sovvenzione a Conformemente alle disposizioni della Legge sugli incentivi professionale dei nuovi dipen- fondo perduto per la formazione agli investimenti e sul miglioramento del clima per gli investidenti riferiti all investimento. L ammontare della sovvenzione, menti gli investitori possono beneficiare dei seguenti tipi di in- insieme a quelle per gli investimenti e per la creazione di nuovi centivi: incentivi per micro imprenditori; agevolazioni fiscali; posti di lavoro, non può superare il 50% delle spese ammissibili incentivi per le spese ammissibili dell investimento. per la nuova occupazione - creazione di nuovi posti di lavoro ri- La formazione deve essere fornitadaterzi. Nei casi in cui la feriti al progetto d investimento; sovvenzione comprenda ambedue le forme di formazione incentivi per le spese ammissibili per la formazione professionale particolare e generale che non riferita al progetto d investimento; misure di incentivazione per è possibile distinguere in base al calcolo di intensità della sovvenzione e nei casi in cui non è pos- le attività di sviluppo ed innovazione; misure di incentivazione sibile stabilire e distinguere la tipologia generale o particolare per le attività di assistenza a supporto delle attività d affari; misure di incentivazione per le atti- della formazione viene applicato il calcolo dell intensità massima vità di servizi a maggiore valore per la formazione particolare. Le aggiunto;misure di incentivazione per le spese capitali del pro- spese ammissibili per la formazione professionale sono quelle getto d investimento (capitalcosts); misure d incentivazione per per l istruttore, di viaggio, di ammortamento per le attrezzature i progetti d investimento ad alta ed i macchinari nell ambito del intensità di lavoro. loro impiego per la formazione e Possono beneficiare delle quelle relative ai formandi fino suddette agevolazioni e misure di all ammontare totale di tutte le incentivazione gli investitori, sia altre spese ammissibili. locali che stranieri, che investono oltre alle misure di incentivazione stabilite dalla Legge sugli almeno ( se si tratta di microimprenditori), a condizione che vengano creati incentivi agli investimenti ci sono anche le agevolazioni conces- almeno 5 nuovi posti di lavoro (3 per microimprenditori) se dall amministrazione locale: Incentivi per i micro imprenditori. riguardano gli im- in determinate zone può essere agli imprenditori che investono prenditori con meno di 10 dipendenti. L importo minimo dell in- esenzione dal versamento dei concessa la parziale o totale vestimento per questa categoria contributi e delle imposte per i di imprenditori è il controvalore servizi comunali in conformità a in Kune di ; il soggetto quanto prescritto per le amministrazioni locali. Esiste inoltre la beneficiario di misure di incentivazione usufruirà di una riduzione dell imposta sul profitto pari volati per i terreni dotati di infra- possibilità di ottenere prezzi age- al 50% dell aliquota prescritta struttura (zone imprenditoriali, per un periodo di 5 anni a decor- parchi industriali, ecc.). Quello energetico è uno dei settori di maggior interesse per la Croazia il cui sviluppo è stato definito prioritario per il futuro del Paese, in considerazione delle implicazioni sulla crescita economica ed in sintonia con la politica energetica europea, il cui allineamento è stato imposto già dal processo di adesione all UE. La Croazia, quale Paese candidato, ha assunto gli obbiettivi e gli obblighi denominatiti 3 volte 20% fino al 2020 (in base alle disposizioni di cui alla ComunicazionedellaCommissionedelle Comunità Europee 2 volte per il2020 del gennaio 2008 ed alla Direttiva 2009/28/CE sulla promozionedell usodell energiada fonti rinnovabili del 23 aprile 2009). Premesso che le possibilità di sviluppo dell energia da fonti rinnovabili ed il mix energetico variano da uno Stato membro all altro, ognuno di loro è tenuto a tradurre l obiettivo complessivo comunitario del 20 % in obiettivi individuali. al riguardo ed in base alla Strategia dello sviluppo energetico(emanata nel 2009) e la successiva normativa attuativa, la Croazia ha assunto i seguenti obbiettivi ed obblighi: migliorare l efficienza energetica del 20%, portare la partecipazione di fonti rinnovabili al consumo totale di energia al 20% (incluso il 10% nel consumo totale di carburanti per il trasporto), diminuire l emissione di gas a effetto serra del 20%. La Strategia delinea gli obiettivi con una prospettiva fino al 2020) ed aumento della qualità delle strutture ricettive nei campeggi e nelle strutture a conduzione familiare. Nuovi posti di lavoro aumento dell occupazione: creazione di ca nuovi posti di lavoro nel turismo e di ca in attività affini. Investimenti. 7 miliardi di euro di nuovi investimenti nell arco di sette anni; si prevede la realizzazione di 150 potenziali progetti di investimento nel settore turistico. Gli investimenti maggiori riguardano il settore alberghiero. aumento degli introiti dal turismo per arrivare a 14,3 miliardi di euro (dagli attuali poall inizio di febbraio 2013 il Governo croato ha varato la Strategia di Sviluppo del Turismo dellarepubblicadicroaziafino all anno2020. L obiettivo principale dello sviluppo del turismo croato è l aumento della competitività onde consentire alla Croazia di posizionarsi tra le principali 20 destinazioni turistiche mondiali (in base al criterio di competitività); attualmente la Croazia occupa la 34esima posizione al mondo, ovvero la 24esima in Europa. altri obiettivi strategici dello sviluppo turistico fino al 2020 possiamo trovarli in: miglioramento della configurazione e della qualità delle strutture ricettive: continuo aumento della quota dei posti letto negli alberghi nel totale dei posti letto (dal 13,1% nel 2011 al 18,1% nel Energia - Politiche nazionali di sviluppo e investimento 2020 secondo la quale si dovrebbe giungere all autosufficienza nella produzione di energia elettrica. Più precisamente, la stessa prevede tre obiettivi principali: raggiungere la sicurezza nell approvvigionamento energetico, realizzare un sistema competitivo ed ottenere uno sviluppo eco-sostenibile. I principali obbiettivi del Governo Croato nell ambito del settore energetico sono la riforma del mercato elettrico e del gas, lo sviluppo delle fonti rinnovabili, la promozione dell efficienza, del risparmio energetico e della sicurezza degli approvvigionamenti. Prospettiva Per quanto riguarda invece la nuova prospettiva finanziaria , il quadro strategico comune risponde all esigenza fondamentale di creare sinergie tra le politiche e di tradurre gli obiettivi delle priorità dell Unione europea di crescita intelligente e sostenibile per il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESr), il Fondo sociale europeo (FSE), il Fondo di coesione (FC), il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEaSr) e il futuro Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEaMP). Il bilancio proposto per i programmi nel periodo è di 336 miliardi di euro (rispetto ai 350 miliardi di euro per il periodo in corso ) di cui Il Governo vara nuove misure a favore del turismo circa 1 miliardi di euro all anno sara allocato per la Croazia. Il Governo Croato nell agosto 2013 ha deciso sui programmi operativi per il periodo nonche sui gruppi di lavoro/organismi responsabili per la loro preparazione;. con il processo della programmazione sono stati definiti gli obiettivi di sviluppo, le aree d investimento, la documentazione strategica e la concentrazione delle risorse finanziarie. tre sono i nuovi programmi operativi: Programma operativo nell area della competitivita e coesione. Programma operativo nell area dell efficiacia delle risorse umane. Programma operativo nell area dell assistenza tecnica. Sono stati organizzati 6 gruppi di lavoro in base alle 11 priorita /obiettivi tematici della strategia Europe ; l energia come tema appare in piu obiettivi ma soprattutto nell obiettivo 4: Promozione dell efficienza energetica, dell utilizzo delle fonti rinnovabili di energia e tutela delle risorse naturali. In base alle comunicazioni ufficiali dal Governo Croato, a meta del 2014 i programmi operativi per il periodo saranno approvati dalla Commissione Europea e quindi si potra procedere con la preparazione di vari inviti a presentare progetti nella seconda meta del co più di sette miliardi) Effetti economici. Pernottamenti: 68 milioni nel 2015 e 86 milioni nel Introiti dal turismo: 9,3 milioni di euro nel 2015 e 14,3 milioni di euro nel Strutture ricettive: raggiungimento di 920 mila posti letto nelle strutture ricettive commerciali nel 2015, e di 955 mila nel Investimenti: 1,4 milioni di euro fino al 2015 e 5,6 milioni di euro nel periodo Nuova occupazione: tra 20 e 22 mila dipendenti nel settore, di cui 13 mila nel settore alberghiero/strutture ricettive ed altri 7-9 mila in altre strutture (strutture di ristorazione, golf, parchi tematici, ecc.). Vanno inoltre aggiunti ca. 10 mila persone nelle attività affini. Fonte: ICE

13 motori Lunedì 30 Giugno 2014 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII pag. 13 Il concetto originale di monovolume prevedeva una vettura squadrata che doveva possedere la massima abitabilità consentendo ai passeggeri, sia di comunicare comodamente tra loro, sia di interagire con il mondo esterno, tramite ampie superfici vetrate. L unico volume, tradizionalmente, non lasciava troppo spazio alla fantasia dei designer e le soluzioni estetico strutturali si estrinsecavano solitamente con una parte frontale estremamente spiovente, nella accessoristica e nelle rifiniture. Oggi le monovolume sono anche belle, impreziosite da soluzioni di avanguardia e linee aerodinamiche, che fanno dimenticare quei vecchi cassettoni senza anima che, a inizio anni 70, furono i precursori di un segmento che negli ultimi tempi ha conosciuto un enorme successo di vendite. La partita commerciale si gioca anche qui nella concorrenza tra Europa e Asia e l offerta è talmente numerosa e variegata che per i confronti c è solo l imbarazzo della scelta. Per rispettare questa contrapposizione geografica oggi analizziamo una classica europea come la Opel Meriva, in questo numero nella versione 1.6 CDTI, Cosmo Start&Stop, nata nell attuale configurazione nel 2010 e l ultimo modello della Kia Carens, in versione 1.7 CRDi Class, in commercio dal La Meriva è una tedesca doc, nata nel 2003, qualche anno dopo la sud coreana Carens, il cui progetto risale addirittura al 1999, entrambe cresciute e perfezionate negli anni, fino ad arrivare alle accattivanti attuali versioni. Tecnicamente sono due vetture tradizionali, con motori 4 cilindri in linea di circa 1600 cc, alimentazione a gasolio e iniezione common-rail, buone stradiste e risparmiose. La linea di entrambe, come anticipato in precedenza, pur rispettando i canoni delle monovolume, è piacevole e ricca di elementi che fanno A u t o a c o n f r o n t o la differenza. L Opel si caratterizza per un andamento ondulato della base dei finestrini e nervature nelle fiancate che la slanciano come poche altre auto di questo tipo, la Kia ha un parabrezza tanto inclinato da sembrare un prolungamento del cofano, che la rende una delle monovolume più aerodinamiche in circolazione. Le auto confrontate hanno tra i loro cavalli di battaglia la comodità e il confort, la Meriva stupisce per l originalità della apertura delle porte, a armadio, che rendono l accesso ai 5 posti ancora più comodo, la Carens ha tutto quanto si desidera da un auto da famiglia, con i rumori che restano fuori dall abitacolo e, volendo, due posti di fortuna per i bambini nel bagagliaio. Il vano bagagli della tedesca è normale, mentre quello della coreana è uno dei più capienti della categoria. Già euro 6 la Meriva, euro 5 l altra, con una esclusiva garanzia di 7 anni o km. Opel Meriva Kia Carens Modello 1.6 CDTI Cosmo S&S 1.7 CRDi Class Cilindrata cm3/alimentazione 1598 a gasolio 1685 a gasolio N cilindri 4 in linea 4 in linea Distribuzione 4 valv. x cil. 4 valv. x cil. Potenza max KW-CV/giri 100/136/ /116/4000 Accelerazione da 0 a 100 km 9,9 sec. 13 sec. Velocità max km/h 197 km/h 181 N rapporti del cambio 6 + rtm 6 + rtm Trazione anteriore anteriore Freni anteriori/posterior dischi autovent/dischi dischi autovent/dischi Peso in ordine di marcia Kg Larghezza cm Lunghezza cm Altezza cm Capacità bagagliaio lt. 370/ /1650 Pneumatici di serie 205/55/R16 225/45/R17 Emissione CO2 gr/km Consumo medio km x 1lt 22,7 19,2 in città km x 1 lt 20,8 15,9 Prezzo versione base da (euro6) (euro5) I L C O M M E N T O Oggi, la quota di mercato del segmento Monovolume ha superato il 20% del totale in Europa e i modelli proposti dalle case automobilistiche sono moltissimi e di varie dimensioni: auto monovolume compatte (con lunghezza tra i 4 e 4,30 metri), medie (tra 4,30 e 4,70 metri) e grandi (oltre i 4,70 metri); tutti contraddistinti da una spiccata versatilità, abitacoli a 5 e 7 posti, linee accattivanti e sempre più sportive. Una crescita di preferenza di tutto rispetto che rischia di scalzare la tradizionale berlina a 3 volumi, una volta preferita dalla maggior parte degli utenti automobilistici. Le auto a confronto di questo numero si possono definire di medie dimensioni con la Kia che supera in lunghezza di ben 23 cm la Opel. In questo caso, come succede per tutto il segmento, non si può parlare di stile europeo o orientale, la monovolume rispetta una sua configurazione ben precisa, che non concede ne esercizi stilistici, ne troppe variazioni sul tema; si può giocare su frontali, fari, fiancate, superfici vetrate, tecnologia e quant altro costituisca distinzione tra l uno e l altro modello, ma sempre di monovolume parliamo. La Meriva, rinnovata a inizio anno, ha un aspetto dinamico e si segnala per la sua praticità (apertura porte) e per le superfici vetrate di sagoma differente tra anteriori e posteriori. Il recente aggiornamento ha portato all utilizzo di paraurti più sagomati e all adozione di una nuova mascherina, tutta cromata, in questa versione Cosmo, la più costosa della gamma. La soglia di carico del vano bagaglio posteriore è piuttosto bassa, con 66 cm di altezza da terra e grazie all ingresso ampio e quadrato, caricare è facile. All interno l abitacolo è luminoso, accogliente e rifinito con cura, in particolare la plancia, avvolgente e ben raccordata ai pannelli porta. I sedili in tessuto e similpelle sono accoglienti e offrono numerose regolazioni, la posizione di guida è leggermente rialzata per tenere meglio sotto controllo la strada e il volante è regolabile anche in profondità. Il divano posteriore è sagomato e diviso in tre parti che scorrono singolarmente in senso longitudinale e ripiegando il posto centrale si possono spostare i sedili laterali al centro dell auto. Il motore è un nuovo 1.6, studiato nella sede torinese della GM, che offre un valido equilibrio tra prestazioni e consumi e su strada è vivace e beve poco. La guida è intuitiva e sicura e la strumentazione di aspetto semplice, è completa e protetta contro i riflessi da una ampia palpebra, al centro lo schermo del computer di bordo, di facile lettura. Dimenticate le forme poco personalizzate del vecchio modello della Carens, in questa edizione 2013 tutto l aspetto è caratterizzato da sportività, non certo le prestazioni, poco esaltanti per i soli 116 cavalli a disposizione del motore, ma soprattutto per la linea slanciata con i lunghi fari dalle luci diurne a led e dal parabrezza molto inclinato. Piacevoli le barre sul tetto cromate e lo spoilerino posteriore, che chiude il profilo molto filante. Dietro i grandi fari orizzontali, uniti da un listello cromato, e l inserto in plastica nera nel paraurti, accentuano la larghezza della carrozzeria, che chiude con un grande portellone con accesso allo spazio di carico, di tutto rispetto; in sette c è ancora spazio per valige, mentre per una famiglia di cinque persone la capienza non obbliga certo a rinunce. All interno lo spazio abbonda e l abitacolo fa sentire a proprio agio con poltrone comode e una posizione di guida rialzata che trasmette sicurezza, si apprezza la flessibilità degli interni con i sedili posteriori scorrevoli e la possibilità di avere, pagando un extra, altre due sedute a scomparsa nel baule. Svariati i portaoggetti, nel bracciolo, nella consolle e nel pavimento della seconda fila. La plancia è caratterizzata da due strumenti a lancetta con una grafica essenziale che li rende ben leggibili e da un quadrante centrale che comprende l indicatore della temperatura dell acqua e quello del livello del gasolio, oltre allo schermo del computer di bordo. Il cassetto di fronte al passeggero anteriore è capiente e refrigerato, d estate è utile per conservare le bibite. La monovolume coreana è una macchina adatta a macinare molti chilometri di fila e nei lunghi trasferimenti si fa apprezzare per il suo motore poco rumoroso che, come già detto, non è fatto per una guida brillante, ma che grazie ai rapporti al cambio non lunghi, si difende in ripresa e accelerazione. Le sospensioni sono morbide e in curva la vettura si corica poco di lato, agevolando la guida nei percorsi tortuosi, ma per affrontare con la giusta dose di grinta le salite a pieno carico servirebbe qualche cavallo in più. La visibilità non è problematica, tranne che nelle manovre di parcheggio dove è indispensabile affidarsi ai sensori di distanza posteriori e alla retrocamera che è di serie. La Carens può avere su richiesta il sistema di parcheggio assistito SMAS che consente di fare le manovre tutte con l elettronica. Meriva e Carens sono due classici esempi di moderne monovolume per la famiglia, stradiste, economiche, utilizzabili a 360 gradi, gradevoli nell aspetto e ricche nelle dotazioni di serie, vetture solide e sperimentate che non tradiscono troppi punti deboli, ma hanno tutti gli ingredienti per definire l acquisto indovinato. pagina a cura di Stefano Piermaria

14 pag. 14 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII Lunedì 30 Giugno 2014 world news Canada continues to support sustainable economic growth to reduce poverty by helping the poor to increase their income, acquire assets and be less vulnerable when unforeseen circumstances occur. We wish to thank Foreign Affairs,TradeandDevelopment Canada for renewing its confidence in DID by entrusting us with the execution of these major projects, said anne Gaboury, did s Chief Executive officer. We are very proud that we have thus been giventheopportunitytouseour expertise to promote food security, private sector development andjobcreationinthecountries involved. Quick Facts. Minister Paradis announced the following projects: the Financial Centres for Entrepreneurs initiative will give micro- and small businesses in developing countries better access to services designed to meet their needs. the Project to Support Colombia s agricultural Finance System aims to give small and medium-scale farmers in Colombia better access to credit and agricultural insurance, and to build their financial management capacities. Stimulating sustainable economic growth is one of Canada s three international development priority themes. the Government of Canada made the americas a foreign policy priority in 2007, envisioning a more prosperous, secure and democratic hemisphere. Canada has provided the americas with more than $4.5 billion in international assisthe Minister of International development and La Francophonie, the Honourable Christian Paradis, accompanied by the Honourable Steven Blaney, Minister of Public Safety and Emergency Preparedness, announced financial support for développement international desjardins (did) to promote entrepreneurship in africa and the americas. Minister Paradis made this announcement after meeting with did executives in Lévis, Quebec. Long-termdevelopmentdependsonadynamicprivatesector that can stimulate opportunities for all, including women, Minister Paradis said. It is important to support microbusinesses, as well as small and medium-sized businesses, especially in rural areas, to promoteinclusivegrowthandto deploy resources to maximize theirpositiveimpactonsustainabledevelopment. The Government has a strong partnership with Développement international Desjardins because of the work theydo,andtheresultstheydeliver. Desjardins is the guardianofcanada sco-operativemodel,andtheprojectsannounced will help create jobs, stimulate economic growth and improve food security in some of the world s poorest countries, Minister Blaney said. Sustainable economic growth is crucial to reduce global poverty. the Government of Canada is committed to promoting access to financial services such as credit, savings, insurance and payment services. access to credit and to quality financial services greatly helps (continuestopage16) the job vacancy rate in the euro area (Ea18) was 1.7% in the first quarter of 2014, up from 1.6% recorded both in the previous quarter and in the first quarter of 2013, according to figures published by Eurostat, the statistical office of the European Union. the job vacancy rate in the EU28 was 1.6% in the first quarter of 2014, up from 1.5% recorded in the previous quarter and in the first quarter of Within industry and construction, the job vacancy rate for the euro area was 1.1% in the first quarter of 2014 and 2.3% for services. In the EU28 the rate The Bulgarian community in Cyprus is a bridge between the two nations Bulgarians working and residing in the republic of Cyprus are a bridge for mutual understanding of the two nations. the Bulgarian community is very welcome in Cyprus and can serve as an example for our communities abroad. the eight Bulgarian weekend schools are an Gunnar Bragi Sveinsson, Minister for Foreign affairs and Paul LePage, Governor of Maine signed a Memorandum of Understanding between Iceland and the State of Maine. the Memorandum paves the way for increased cooperation in the fields of business cooperation and development, transport and logistics and culture. In addition, Iceland and Maine, will seek ways to increase their cooperation when it comes to mutual interests in the arctic and the North atlantic including, environmental security and search and res- EUroStat Euro area job vacancy rate up to 1.7% was 1.1% in industry and construction and 2.0% in services. Member States. among the Member States for which comparable data are available, the highest job vacancy rates in the first quarter of 2014 were recorded in Germany (2.9%), the United Kingdom (2.1%) and Belgium (2.0%), and the lowest in Cyprus (0.2%), Poland (0.4% in the fourth quarter of 2013) and Latvia (0.5%). example of keeping the connection with the homeland alive. With these words Minister Kristian Vigenin addressed our compatriots in Cyprus who gathered for the opening of the bas-relief of the patron of one of the schools Nikola Vaptsarov. the Foreign Minister gave Increased cooperation between Iceland and Maine cue cooperation. In a meeting this morning the Minister and Governor discussed new business opportunities linked to increased shipping between reykjavík and Portland, largest harbor in Maine. Little over a year ago Eimskip moved its North american shipping hub to among the Member States for which data for the first quarter of 2014 are available, the job vacancy rate rose in thirteen, remained stable in nine and fell in three compared with the first quarter of the largest increases were registered in the United Kingdom (+0.4 percentage points), denmark and Germany (both +0.3 p.p.), and the decreases in Belgium, Spain and austria (all -0.2 p.p.). certificates to the graduates of different classes. the children presented a short program that included poetry of Vaptsarov. Minister Vigenin congratulated the representatives of the Bulgarian community for the solidarity and their activity, both in terms of supporting the work of the schools and in relation to the cultural activities they develop. In the meeting participated also representatives of the association of Cypriot graduates in Bulgaria. Portland. the Governor is now on a two-day visit to Iceland joined by a trade delegation from Maine. Portland, an important center of business in Maine is also a hub for trade in seafood products. the Government of Maine is working on strengthening infrastructure connected to trade and they want to increase the cooperation with us, for example when it comes to fisheries, logistics, transport and tourism. We believe that expanding our cooperation with Maine will contribute to increase Iceland s trade with North america says Minister Sveinsson. recognising that better infrastructure is vital for asean s future, australia is hosting a workshop in Singapore to support the development of asean s infrastructure connectivity. the workshop, a joint australia-singapore initiative, will take place at the australian High Commission in Singapore and forms a key part of the celebration of the 40th anniversary of australia asean relations. It has been designed to promote a hands-on, practical and commercial approach to infrastructure development. the workshop is drawing on the resources of a range of australian companies Macquarie Group, anz, NaB and Infra- Australia supports ASEAN s infrastructure development structure australia, reflecting the australian Government s new economic diplomacy policy. Participants from governments around South East asia will learn practical strategies from practitioners with experience in areas such as prioritising, developing and financing major infrastructure projects. asean has determined that it needs to invest $600 billion to build infrastructure in coming years, if it is to realise its full economic potential. Better infrastructure will help connect goods and services to markets and improve communities access to social and health services across the region. a better-connected, open and prosperous South East asia will support australia s trade and investment in the region. the workshop has been designed to complement australia s ongoing investments in asean s infrastructure needs, such as the design and construction of the Cao Lanh Bridge in southern Vietnam. australia has invested $160 million investment in the project since it was launched last year. Fleur Pellerin welcomes the fact that France has reclaimed its position among the most attractive countries for foreign investment according to the at Kearney Foreign direct Investment Confidence Index. according to the authors of the index, France reclaims its position in the top 10 this year, while the country has embarked on an ambitious but politically fraught effort to increase its competitiveness, particularly by makingpublicspendingmoreefficient, the healthcare system morecost-conscious,andadministrativeprocessessimpler. Fleur Pellerin stated: Two consecutive years of moving up the foreign investment confidence index in order to reclaim its position among the top countriesreflectstherenewedforeign ForEIGN INVEStMENt France reclaims its position in the top 10 most attractive countries investor confidence in the economic reforms initiated by the government. She added: France, its strengths,itstalentsscorehighly in global competition every day. This ranking again shows that wedon tneedtobeashamedof our performance. Let s take a proactive approach and develop a winning mindset. That s how we will return to sustained growth.

15 world news Lunedì 30 Giugno 2014 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII pag. 15 the oecd regularly reviews countries environmental policies, evaluates the results and presents recommendations for oecd Sweden a leader in environmental policy objectives system, with its generational goal, several milestone targets and sixteen environmental quality objectives describing a green tax shift and its cohesive environmental legislation. at the same time, the oecd presented 44 recommendations for more improvements. In its latest review, presented in Stockholm, the oecd praises Sweden s work on green taxes and its success in combining emissions re- for the Environment Lena Ek. World class climate policy. Sweden s emissions of greenhouse gases have decreased by 23 per cent since 1990, with par objective. It has also set a checkpoint for climate policy in 2015 and taken part in the initiative to launch the global project New Climate Economy, the aim the desired state of Sweden s environment, is unique. the environmental objectives are a substantial commitment to achieve sustainable development, involv- effective environmental policy and for achieving the environmental objectives. As noted by the OECD, Swedenisapioneeringreentax- ductions with economic growth. ticularly sharp reductions since of which is to show the econom- ing the whole of society. In the es,whichhaveenabledustosuc- the oecd also describes Swe- the mid-2000s. the renewable ic benefits of climate action. oecd s view, the actors in the cessfully combine emissions re- den as a leader on climate issues energy target for 2020 has al- apart from the praise for and system need to be better mo- ductions with economic growth. in an international perspective ready been recommen- bilised and more resources must WewelcometheOECD srecom- and a pioneer in introducing financial policy instruments to improve the climate and the environment. It s pleasing that the OECD confirms Sweden s strong position in the environmentalfieldandthatwecontinuetobealeaderinmanyareas ofenvironmentalpolicy.it salsovaluabletoreadtheoecd s recommendations on how we can work even more effectively to achieve our ambitious environmentalpolicyobjectives.we have begun work on making Sweden s unique environmental qualityobjectivesmorespecific, but we are aware that further action is needed. So we will benefit greatly from the OECD s work, says Minister passed. the oecd notes that Sweden is aiming to retain its leading role through ambitious and long-term objectives on zero net emissions of greenhouse gases by 2050 and a fossil-free vehicle fleet by the oecd recommends phasing out exemptions from energy and carbon dioxide taxes and doing more to increase cooperation in Swedish climate policy. the Government shares the oecd s view and has appointed an inquiry on a well-defined roadmap for reaching the The Country is on the front line in action for the environment and climate. This is confirmed by the OECD in its review of Swedish environmental policy in dations on climate policy, the oecd presents around twenty other recommendations for continued environmental efforts. to achieve Sweden s other national and international commitments, taxes and subsidies in the transport sector need to be evaluated, marine protected areas need to be expanded and work on the environmental objectives needs to be reviewed. Unique environmental objectives. the oecd observes that the Swedish environmental be allocated in order to achieve the objectives. over the past year, the Government has adopted new strategies, milestone targets and concrete measures to achieve the objectives. the responsibilities of 25 government agencies concerning the environmental objectives have been clarified in instructions and the Government will soon be appointing a national coordinator to put a special focus on the role of the business sector in the work on the environmental objectives. Previous review in the oecd regularly reviews the environmental policies of its member countries. Sweden was last reviewed in on that occasion, particular emphasis was given to Sweden s work on mendations to develop financial policyinstrumentsinotherareas aswell, says Ms Ek. What has the Government done for the environment between 2010 and 2014? reduced discharges of nutrients to the Baltic Sea, reduced national greenhouse gas emissions and bans on harmful chemicals are some of the results of Swedish environmental policy over the last few years. the Government s overall environment policy during the latest electoral period is summarised in the brochure Miljöpolitiken : Insatser och resultat ( Environmental policy : action and results ) from the Ministry of the Environment (available in Swedish only).

16 pag. 16 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII Lunedì 30 Giugno 2014 world news (frompage14) Canada continues to support sustainable economic growth tance since the region was declared a priority in Canada has remained committed to the americas and is working with its partners to increase mutual economic opportunities, strengthen institutions and promote sustainable relations. From May 28 to 30, 2014, in toronto, Prime Minister Stephen Harper hosted Saving Every Woman, Every Child: WithinArm sreach, an international Summit on Maternal, Newborn and Child Health issues. the Summit brought together Canadian and international leaders and experts, Canadian charities, businesses, scientists, developed and developing countries, international organizations and global foundations to ensure that maternal, newborn and child health remains a priority of the global development agenda. at the Summit, the Prime Minister announced that over the next five years Canada will commit $3.5 billion in support of the agenda. to accomplish this, Canada is committed to harnessing the expertise, resources and innovation of the private sector to help the most vulnerable. to further accelerate progress on women s and children s health, Canada will also leverage private sector expertise and supporting partners who are finding innovative solutions to address maternal and child health issues. Still no agreement with Hungary Norway and Hungary have still not reached an agreement on lifting of the suspension of the EEa and Norway Grants to the country. a high-level meeting held, 12 June 2014, was constructive, but there is still some way to go before a solution is likely to be found. Further payments to Hungary under the EEa and Norway Grants were suspended on 9 May 2014 following a Hungarian breach of the agreements concerning implementation and monitoring of the Grants schemes. Hungarian authorities have initiated an audit of the EEa Grants-funded NGo programme strengthening civil society in Hungary. responsibility for the programme and any potential audits lies however with the donor states. this is clearly stated in Starting in September the Netherlands will provide four F 16s to patrol the Baltic states. the fighter jets will be responsible for monitoring the airspace above this eastern section of Nato territory, from a base in north-eastern Poland. this offer, which will be formally made to Nato in late May, is in addition to previous contributions, such as aerial refuelling for awacs aircraft and the minehunter which will take part in patrols and inspection missions in the Baltic Sea until the end of June. Because of the crisis in Ukraine, additional military assets are being deployed in order to reassure eastern allies that feel threatened. the Netherlands is a loyal ally, and these contributions will underscore solidarity between the members of the alliance. Reinforcements. From early September to the end of december 2014, the Netherlands will provide four F 16s to help police the airspace of Estonia, Finland pledges 2 Million Euros for Stop Rape Now initiative sentative Zainab Bangura. the initiative helps rape victims and looks for ways to put an end to sexual violence. Minister Haavisto was speaking in London at the Global Summit to End Sexual Violence the agreement with the Hungarian government and their actions undermines the independence of civil society from the authorities. Hungary must meet the requirements stipulated in the agreements, which means that the audit must be halted. at the same time, a solution must be found on the issue of the transfer of the implementation and monitoring of the Grants scheme out of the central government administration. Norwegian authorities have as a precondition that these outstanding issues must be resolved before the suspension of the EEa and Norway Grants is lifted. the Norwegian Ministry of Foreign affairs is waiting for a response from Hungarian authorities before deciding if and how further meetings will take place. NEtHErLaNdS F 16s to provide air support for Baltic states Latvia and Lithuania from a base outside the north-eastern Polish town of Malbork. the aircraft will no longer be operating solely from the Lithuanian air force base in Šiauliai, but also from Malbork and Ämari in Estonia. the F 16s will not just be deployed for the sole purpose of supporting eastern allies; they will also engage in exercises with the Polish air force and awacs radar aircraft. Baltic Air Policing. Estonia, Latvia and Lithuania do not have their own fighter jets. Consequently, patrolling the airspace above the Baltic states falls to other Nato member states who take turns in providing fighters for this Baltic air Policing mission. in Conflict, co-chaired by the Foreign Secretary William Hague and angelina Jolie, Special Envoy for the UN High Commissioner for refugees. the Summit is the largest gathering ever brought together on the subject, with a view to creating irreversible momentum against sexual violence in conflict and practical action impacting those on the ground. Women play a crucial role in prevention of violence and regulators for the pharmaceutical manufacturing sector have pledged to reduce bureaucratic burdens on firms following a government review of regulatory enforcement. the government s Focus on Enforcement review asked pharmaceutical manufacturers to identify any unnecessary, counter-productive or inconsistent demands placed on them by regulators. In response, the lead regulator for the sector, the Medicines and Healthcare Products regulatory agency (MHra) and the Home office drugs Licensing and Compliance Unit (dlcu), which is responsible for issuing licences for controlled drugs, have pledged to streamline processes, increase transparency and provide clearer advice for businesses. Business Minister Michael Fallon, who leads the government s drive to improve the delivery of regulation affecting businesses in the UK, said: the pharmaceutical manufacturing sector is worth around 13 billion to UK economy and employs over 40,000 people, so we can t afford to hold it back with unnecessary red tape. I am expecting quick and substantial reform in response to the issues raised by business through this review. the regulators have committed to: help businesses get their products to market more quickly by simplifying licence applications and variations. the Home office has already replaced the previous application portal for controlled drugs licences with a more user-friendly version; make it easier for business to track the progress of applications through the licence system; reduce the impact of multiple overlapping international inspections through continuing to work internationally to integrate inspections and harmonise rules; help businesses deal with inconsistency across EU countries by facilitating better engagement with other European regulators; reduce inconsistent advice from inspectors by considering relationship managers for individual businesses and examining a second opinion mechanism to Pekka Haavisto, Minister for International development, Finland, stresses the importance of women s participation in political processes in stopping sexual violence and building sustainable peace Finland has announced that it has made a substantial contribution of 2 Million euros to UN action against Sexual Violence in Conflict Stop rape Now initiative, led by UN Special reprebuilding sustainable peace. The world s first democratically electedfemalepoliticiansentered the Finnish parliament in 1907, andsincethenwomenhavemade a tremendous contribution to Finland s peace, stability, welfare and prosperity. We strongly feelthatitisourdutytopromote women sparticipationandactive roleinpoliticalprocesses,peace and state building around the world, says Minister Haavisto. UK Less bureaucracy for pharmaceutical firms enable businesses to raise queries about regulators decisions; give businesses more certainty and clarity over the process for signing off products to market; help businesses comply with the rules by updating and improving guidance and removing redundant guidance from their websites; increase transparency over the breakdown of the fees charged to businesses for MHra licences and inspections. the MHra and the dlcuwill give industry, including trade bodies and individual businesses, a key role in shaping these reforms and as part of an ongoing dialogue with them. MHra Chief Executive dr Ian Hudson said: We welcome this review. While we are pleased that we are recognised as a highly respected global regulator that is valued by industry, we are always looking at ways we can improve. We have been, and will continue to work with the department for Business, Innovation and Skills (BIS) to reduce the regulatory burden on industry, promote innovation and encourage the development of new healthcare products that benefit people s health. responding to the publication of the review and responses from the regulators, Stephen Whitehead, Chief Executive of the association of the British Pharmaceutical Industry said: abpi welcomes the findings of the Focus on Enforcement review, which our members took part in. We look forward to working with the regulators to take forward the agreed actions and ultimately to improve processes for the benefit of all stakeholders. the Focus on Enforcement review gathered evidence during the summer of during the review, industry raised concerns that bureaucracy and slow approval processes were unnecessarily delaying their products reaching the marketplace and, in some cases, resulted in orders being cancelled or contracts lost. Businesses also reported high volumes of visits from overseas inspectors, including reports of 7 inspections per year, with each inspection lasting up to 5 days and costing up to 10,000 per day. the sector also reported receiving conflicting advice and guidance from inspectors and highlighted the absence of clear routes for obtaining second opinions on inspectors decisions.

17 world news Lunedì 30 Giugno 2014 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII pag. 17 the Federal Council approved interim measures in response to the unresolved situation regarding Switzerland s association to Horizon 2020, the EU Framework Programme for research and Innovation. the measures are designed to support researchers in Switzerland who are involved in projects and programmes financed under Horizon 2020 and who will no longer receive any funding from Brussels. the Federal Council s stated aim remains for Switzerland to achieve full association to Horizon 2020 by the end of the year, if possible. researchers from Switzerland can currently take part in Horizon 2020, the European Union s EU Framework Programme for research and Innovation, but they do not receive funding from the EU. In response to the result of the vote on mass immigration held on 9 February 2014, the European Commission suspended negotiations on Switzerland s association to the Horizon 2020 package and Switzerland now has the status of a third country. due to the current uncertainty regarding Switzerland s status in Horizon 2020, numerous researchers from Switzerland are excluded from projects consortia. this means that researchers in Switzerland are not eligible to receive funding from other European programmes and initiatives which the European Commission co-finances via Horizon this affects the pan-european funding programme CoSt and a range of initiatives which under articles 185 and 187 of the treaty on the Functioning of the European Union (tfeu) would be possible under the Framework Programme. the federal decree of 10 September 2013 on funding of Swiss participation in the EU Framework Programmes for research and Innovation allows for the Confederation to provide direct funding to participants in HorIZoN 2020 Support for researchers in Switzerland Switzerland in the case of delayed association to the programmes. In particular, the Federal Council has approved the following interim measures for the Horizon 2020 package in 2014: direct federal funding of researchers in Switzerland who take part in Horizon 2020 cooperation projects but do not receive funding from Brussels as Switzerland is not an associate member of the programme. the State Secretariat for Education, research and Innovation (SErI) will develop and administer this funding on a project-by-project basis, as was done prior to researchers in public research institutions, organisations and companies based in Switzerland are eligible for funding for all partnership projects in the Horizon 2020 package including Era-NEt projects and European Institute of Innovation & technology (EIt) projects. NorwayandtheUShavea long history of cooperating on non-proliferation of nuclear material. The agreement we have now signed will in the first instance make it possible to assist Ukraine in securing its radioactive material, said Minister of Foreign affairs Børge Brende. Norway and the US have signed a framework agreement on cooperation in the areas of non-proliferation, counterterrorism and nuclear security. the agreement is designed to make it easier to identify, secure and remove nuclear material and to uncover smuggling of this kind of material across national borders. the agreement was signed by Foreign Minister Børge Brende and US Secretary of Energy Ernest Moniz in Washington on Funding is also available to meet the costs of managing or coordinating such projects. Federal funding for grants to Swiss researchers co-financed in other research programmes and initiatives in the case of association to Horizon this includes in particular EU contributions to CoSt and other initiatives under articles 185 and 187 of the treaty on the Functioning of the European Union (tfeu), such as the SME support programme aal, the European & developing Countries Clinical trials Partnership (EdCtP) and the European Metrology research Programme (EMrP). SErI will consider how best to provide this funding in conjunction with the other organisations responsible for these programmes and initiatives. Federal funding for individual European research Council (ErC) Horizon 2020 projects, Norway and the US sign nuclear non-proliferation agreement where the call for projects was missed: the Federal Council has requested Parliament to approve additional funds in 2014 for the Swiss National Science Foundation s temporary backup schemes. although Switzerland has third country status, researchers should ideally be able to participate in the various activities as they would if Switzerland were associated to the EU Framework Programmes. SErI will publish application forms for projectbased funding on its website in the autumn of the required legal provisions are currently being drafted and will be published as an ordinance; the funding criteria will be based as closely as possible on Horizon 2020 criteria and other research and innovation programme requirements. these measures affect Horizon 2020 calls in 2014 which missed the opportunity to receive funding from the European Commission. the Federal Council s stated aim remains for Switzerland to achieve full association to Horizon 2020 by the end of the year, if possible. Monday, 16 June. This agreementwillstrengthenourpartnershipwiththeusinthefieldof non-proliferation of nuclear material, Mr Brende said. the first projects to be implemented under the new agreement will be to assist Ukraine in securing radioactive material in the country and to strengthen border controls in order to prevent smuggling. ItisinNorway sinterestto provide assistance to Ukraine, togetherwithourcloseallies,so thatwecanpreventnuclearmaterialfromfallingintothewrong handsandbeingusedforterroristpurposes, Mr Brende said. Prime Minister Erna Solberg announced at the Nuclear Security Summit in the Hague in March 2014 that Norway would strengthen cooperation with the US in the area of non-proliferation. our nuclear security cooperation with Ukraine is a direct result of this. Norway will provide funding through its Nuclear action Plan. during Foreign Minister Brende s visit to Washington, expert-level meetings were also held on cooperation with the US department of Energy to put in place border surveillance equipment at some of the border stations on the Ukraine-Moldova border. Poland the spring of change the Council for the Promotion of Poland composed of representatives of different ministries has adopted a resolution on the concept of the logo and slogan that will promote Poland. It is the motif of a spring from the campaign Polska. Spring into new whose author is Wally olins. Rules for Communicating POLSKAbrand are beginning to apply. the Poland promotion campaign has been noticed at home and abroad. the spot has received good reviews, said Minister radosław Sikorski chairing a meeting of the Council for the Promotion of Poland on 5 June. the motif of a spring was created by the late Wally olins, one of the greatest experts on visual identification, who specialised in nation and city branding. Its concept is based on the idea of Creative tension that was coined in The anniversary of 25 years of freedom is the best possible momenttolaunchaconsistentnation brand promotion campaign. Wehopethatwithtimethislogotype will become our country s leading promotion brand, and Poles identify with it, noted Paweł tyszkiewicz, director of Sar Marketing Communication association. the logotype concept was adopted after one and a half years of work on a consistent communication strategy of the PoLSKa brand. the strategy was based on the Rulesforcommunicatingthe POLSKA brand adopted unanimously in october the rules were developed in cooperation with experts from the Sar Marketing Communication association and the association of Public relations Firms. Its last important step is the image-building campaign Polska. Spring into new that shows Poland s successful transition and changes over the last 25 years. the campaign relies on the idea of a spring as a symbol of energy driving Poles positive changes, dynamism, creativity and innovation. cidedthattheonlywaytoremain important in the world was to join the European Community, asitwascalledatthetime.iñigo Méndez de Vigo stressed that relations between Spain and Portugal, which have traditionally been very strong, were boosted and strengthened as a result of joining the European integration project thanks to a genuine pro- European spirit in the two countries, in the belief that We would only have the opportunity toplayamajorroleinhistoryby being united in Europe with our otherpartners. Besides strong economic relations, in terms of foreign trade, investment and business presence, In 2013, Portugal was Spain s third-largest client and theeighth-largestsuppliertoour country, giving their relations strategic importance. this has translated into a system of bilateral summits with a focus on practical issues, as demonstrated Excellent State of Relations between Spain and Portugal by the agreements adopted at the 27th Summit on 4 June in Vidago. the CotEC Foundation is another important area of cooperation, which aims to promote technological innovation with a view to improving economic competitiveness. Iñigo Méndez de Vigo also referred to the convergent positions between the two countries regarding the most important European issues. For example, in order to return to growth, create jobs (especially for young people), support SMEs and make the economy more competitive, Spain and Portugal have been promoting a series of structural reform programmes; they have made decisive progress on fiscal consolidation; and have restructured their financial sectors by the Secretary of State for the European Union, Iñigo Méndez de Vigo, together with the former President of the European Parliament, José María Gil-robles, took part in the 7th Summer Course organised by Universidad Complutense de Madrid in collaboration with the Jean Monnet antonio truyol Centre for Excellence and Pozuelo de alarcón town council. the conference on Contemporary diplomatic relations between Spain and Portugal in the European Union referred to the unprecedented development and dynamic nature of bilateral relations within the European Union (EU), in which the two countries have become strategic partners and proponents of greater integration. the Secretary of State pointed out that Spain and Portugal were once, Empiresthatplayed a major role in history, due to their languages and traditions, butwhichon12june1985defollowing the strategy designed by the European Council in June the Secretary of State for the European Union therefore congratulated Portugal on having successfully complied with the bail-out programme it was forced to request from the EU in May 2011, totalling 78 billion euros, and pointed out that, thanks to the policies implemented by the Spanish Government, Spain was able to recover underitsownsteam. another example of the progress achieved through the coordination of Spanish and Portuguese positions has been the inclusion in the Multiannual Financial Framework of a sufficiently large provision to continue developing the cohesion policy and the Youth Employment Initiative. Furthermore, the two countries agree on the importance of improving electricity and gas interconnections, supporting the conclusion of a transatlantic trade and Investment Partnership (ttip) between the EU and the United States, and tackling the strategic lines of action for the legislative and operational schedule of the area of Freedom, Security and Justice on migratory flows Finally, Iñigo Méndez de Vigo reiterated the words spoken by King Felipe VI in a speech during his proclamation: EuropewasaSpanishaspirationin the past; today, Spain is Europe andourdutyistohelpbuilda strong and united Europe based on solidarity that can preserve socialcohesion,reaffirmitspositionintheworldandconsolidate its leadership in the democratic valuesthatweallshare.

18 pag. 18 TRIBUNA ECONOMICA - Anno XXVIII Lunedì 30 Giugno 2014 finanza A maggio, i tassi di interesse sui prestiti si sono abbassati Arenderlonotoèl Abi,nelbollettino mensiledigiugno Come riporta il bollettino mensile, di giungo, dell abi, a maggio 2014 l ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.837,4 miliardi di euro è nettamente superiore all ammontare complessivo della raccolta da clientela, 1.724,5 miliardi di euro. a seguito del perdurare della crisi e dei suoi effetti, la rischiosità dei prestiti in Italia è ulteriormente cresciuta, le sofferenze lorde sono risultate ad aprile 2014 pari a 166,4mld, dai 164,6mld di marzo. Il rapporto s o f f e r e n z e lorde su impieghi è dell 8,8% ad aprile 2014 (6,8% un anno prima; 2,8% a fine 2007), valore che raggiunge il 14,9% per i piccoli operatori economici (12,5% ad aprile 2013; 7,1% a fine 2007), il 14,2% per le imprese (10,6% un anno prima: 3,6% a fine 2007) ed il 6,5% per le famiglie consumatrici (5,9% ad aprile 2013; 2,9% a fine 2007). anche le sofferenze nette registrano ad aprile un aumento, passando dai 75,7 miliardi di marzo ai 76,7 miliardi di aprile. Il rapporto sofferenze nette su impieghi totali è risultato pari al 4,23% ad aprile dal 4,12% di marzo 2014 (3,51% ad aprile 2013; 0,86%, prima dell inizio della crisi). a maggio 2014 in assestamento la dinamica dei prestiti bancari, prosegue la massiva abi. Il complesso dei finanziamenti registra una lieve contrazione su base annua (-2,9% lo stesso valore del mese precedente e dal -4,5% di novembre 2013, quando aveva raggiunto il picco negativo). I finanziamenti a famiglie e imprese si posizionano sul -2,1% come variazione annua a maggio 2014, lo stesso valore del mese precedente e -4,5% a novembre dalla fine del 2007, prima dell inizio della crisi, ad oggi i prestiti all economia sono passati da a 1.837,4 miliardi di euro, quelli a famiglie e imprese da a mi- In assestamento la dinamica dei finanziamenti bancari liardi di euro. In Italia diminuisce, su base annua, la raccolta a medio e lungo termine cioè tramite obbligazioni, (a maggio 2014: -7,2%, segnando una diminuzione su base annua in valore assoluto di oltre 38 miliardi di euro) il che penalizza l erogazione dei prestiti a medio e lungo termine. Mentre i depositi aumentano sempre a maggio di circa 26mld di euro rispetto all anno precedente (su base annua, +2,1% contro +1,2% di aprile 2014). L a n d a - mento della raccolta complessiva (depositi da clientela residente + obbligazioni) registra a maggio 2014 un aumento di quasi 2,5mld rispetto al mese precedente e una diminuzione di circa 12,5mld di euro rispetto ad un anno prima, manifestando una variazione su base annua di -0,7% (-1,3% ad aprile), risentendo della dinamica negativa della raccolta a medio e lungo termine. dalla fine del 2007, prima dell inizio della crisi, ad oggi la raccolta da clientela è passata da a 1.724,5 miliardi di euro, segnando un aumento in valore assoluto di quasi 212 miliardi. La Cina ha in circolazione la maggiore quantita di debito emesso dalle sue aziende non finanziarie, pari alla fine del 2013 a miliardi di dollari. Lo riporta il Financial times citando Standard & Poor s, secondo cui e avvenuto l anno scorso il sor- a maggio 2014, i tassi di interesse sui prestiti si sono assestati in Italia su livelli storicamente molto bassi. Il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni si è posizionato al 3,33% (3,34% il mese precedente e segnando il valore più basso da luglio 2011; 5,72% a fine 2007). Il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese si è posizionato al 3,32% dal 3,35% di aprile 2014 (5,48% a fine 2007). Il tasso medio sul totale dei prestiti è risultato pari al 3,88% (3,90% il mese precedente; 6,18% a fine 2007). a maggio 2014, conclude la nota, il tasso medio sul totale della raccolta bancaria da clientela (somma di depositi, obbligazioni e pronti contro termine in euro a famiglie e società non finanziarie) in Italia si è collocato all 1,74% (1,75% ad aprile 2014; 2,89% a fine 2007). Il tasso praticato sui depositi (conti correnti, depositi a risparmio e certificati di deposito) si è attestato allo 0,87% (0,89% ad aprile 2014), quello sui PCt all 1,88% (2,02% ad aprile 2014). Il rendimento delle obbligazioni è risultato pari al 3,34% dal 3,33% del mese precedente (cfr.tabella5). Lo spreadfra il tasso medio sui prestiti e quello medio sulla raccolta a famiglie e società non finanziarie permane in Italia su livelli particolarmente bassi, a maggio 2014 è risultato pari a 214 punti base (215 punti base ad aprile 2014). Prima dell inizio della crisi finanziaria tale spread superava i 300 punti (329 punti % a fine 2007). Laura Rinaldi passo da parte di Pechino sugli Stati Uniti, fermi a quota miliardi di dollari di titoli a debito emessi dalla Corporate america (banche escluse). Secondo l agenzia di rating le obbligazioni aziendali di gruppi asiatici sono viste superare anche quelle di Canarie, prima isola totalmente green Si chiama El Hierro ed oltre ad essere la più piccola isola delle Canarie è anche la prima che ha scelto di abbandonare completamente i combustibili fossili e convertirsi all energia prodotta da fonti rinnovabili, in particolare quella eolica ed idroelettrica. Una scelta verde che ha già fatto vincere all isola iberica il primato di essere la prima al molto che impiegherà solo fonti alternative. Sono stati infatti messi a punto diversi sistemi in grado di garantire energia per 365 giorni all anno grazie a nuove reti elettriche. La conversione inizierà ufficialmente a fine giugno e in un primo tempo coprirà la metà del fabbisogno energetico; successivamente la percentuale aumenterà, fino a raggiungere la copertura totale. Una bella notizia sul fronte della lotta all inquinamento ambientale, se si pensa che verranno eliminate completamente tonnellate all anno di emissioni di anidride carbonica; prima di questa conversione ecologica, delocalizzare la produzione di pannelli solari in Indonesia, Malesia e Messico. Potrebbe essere questa la mossa di Pechino per aggirare le misure antidumping imposte recentemente dal mercato statunitense. I primi di giugno il dipartimento del Commercio americano ha portato i dazi dal 18,56% al 35,21%, precisando che i produttori dell ex Impero Celeste avrebbero beneficiato di sovvenzioni sleali. Secondo quanto rende noto Energytrend, i dazi annunciati da Washington potrebbero spingere alcuni produttori cinesi a spostare in altre aree le proprie fabbriche per ritornare quindi da lì sul mercato americano. finanza etica CINa A fine 2013 debiti emessi per miliardi di dollari ogni dodici mesi venivano impiegati barili di petrolio. a nord-est dell isola sarà installato un parco eolico: 5 turbine collocate vicino alla capitale Valverde, che produrranno 11,5 MW, una capacità più che sufficiente per soddisfare le esigenze dei abitanti e degli impianti di desalinizzazione. tecnicamente ci sono altre isole sulla terra alimentate dall energia fotovoltaica o del vento, ma El Hierro è la prima ad utilizzare la combinazione eolico/idroelettrico. Juan Manuel Quintero, direttore della centrale eolica Gorona del Viento, ha precisato che il surplus di energia sarà impiegato per pompare acqua fresca da un serbatoio posizionato vicino al porto ad un altro più grande a 700 metri d altezza, situato nei pressi del cratere vulcanico dell isola. Grazie a questo sistema l isola sarà totalmente indipendente dai generatori diesel, di per sé più costosi ed inquinanti, anche se sarà mantenuta una centrale ad olio per fronteggiare qualsiasi emergenza. FotoVoLtaICo Dazi americani potrebbero spingere le imprese cinesi a produrre in altri Paesi Xiande Li, CEo di JinkiSolar, ha affermato che le barriere commerciali mal concepite come in questo caso non hanno altro risultato che ridurre la competitività solare nei confrontidellagenerazioneelettrica e sottolineato che i danni maggiori dai nuovi dazi verrebbero proprio ai consumatori statunitensi e ai lavoratori del settore. gruppi nordamericani ed europei messi insieme entro il Stando a uno studio pubblicato da S&P, da questo momento fino al 2018 le societa cinesi prenderanno in prestito dal mercato miliardi di dollari. Si tratta di un trend sostenuto dall aumento della disponibilita da parte delle autorita locali di permettere l emissione di debito a soggetti legati al governo. Per S&P, le emissioni di debito da parte di aziende cinesi non finanziarie rappresenta il 30% circa del totale nel mondo. Fino a un terzo di esse e acquistato dal settore bancario informale, motivo per cui - secondo S&P - almeno un decimo dei bond aziendali al mondo sono esposti a un rischio della contrazione delle cosiddette banche ombra cinesi.

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Un leader nella CRESCITA SOSTENIBILE UN RUOLO INTERNAZIONALE Seoul ha ospitato a novembre 2010 il Summit G20 dei Capi di

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

I RAPPORTI ECONOMICI ITALIA-SERBIA Facolta di Economia dell Universita di Nis, Mercoledi 2 aprile 2014

I RAPPORTI ECONOMICI ITALIA-SERBIA Facolta di Economia dell Universita di Nis, Mercoledi 2 aprile 2014 ("Fa' fede solo il testo effettivamente pronunciato") I RAPPORTI ECONOMICI ITALIA-SERBIA Facolta di Economia dell Universita di Nis, Mercoledi 2 aprile 2014 TRACCIA DELL INTERVENTO Introduzione I rapporti

Dettagli

Le nostre strategie. Patrizio Bianchi. Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012

Le nostre strategie. Patrizio Bianchi. Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012 Le nostre strategie Patrizio Bianchi Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012 Il cambiamento recenti approcci di politica industriale Due esempi, uno voluto ed uno non voluto

Dettagli

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori,

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, COSMIT FEDERLEGNOARREDO ISALONI (Milano, 22 Aprile 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, sono molto lieto di partecipare

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica 14 a Commissione Politiche dell Unione europea Audizione Audizione sull Atto n. 227 Affare assegnato "Il Programma di lavoro della Commissione per il 2014 e la Relazione programmatica

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria Bozza provvisoria UMBERTO GUIDONI, Deputato al Parlamento europeo. Intanto ringrazio rapidamente il ministro, il presidente e tutto il gruppo del VAST, che ha avuto la sensibilità di organizzare questo

Dettagli

Mercato Alternativo del Capitale e private equity

Mercato Alternativo del Capitale e private equity Confindustria Palermo Mercato Alternativo del Capitale e private equity interventi di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 15 novembre 2007 1 Presentazione di Vertis SGR e

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio.

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. Relazione Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. L assemblea odierna non è solo un momento di verifica e di approvazione

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- SPECIALE OTTO MARZO 2014 GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA Realizzato in collaborazione tra il Dipartimento

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO MUSICALE MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea. 1 Luglio 31 Dicembre 2011. Programma

Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea. 1 Luglio 31 Dicembre 2011. Programma Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea 1 Luglio 31 Dicembre 2011 Programma Roma, il 29 giugno 2011 1 Priorità della Presidenza Integrazione europea come fonte di crescita Europa sicura Europa

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO Politiche e strumenti di sostegno alle piccole e medie imprese Intervento del Presidente del CNEL On.

Dettagli

Lavori Commissioni Parlamentari Parlamento europeo

Lavori Commissioni Parlamentari Parlamento europeo L Ungheria inaugura la sua presidenza È l economia il primo punto in agenda dell Ungheria per il suo semestre alla presidenza del Consiglio. Infatti, secondo il Primo Ministro ungherese, il forte livello

Dettagli

Rinnovabili: costi, benefici e opportunità nei mercati mondiali

Rinnovabili: costi, benefici e opportunità nei mercati mondiali Rinnovabili: costi, benefici e opportunità nei mercati mondiali Prof. Andrea Gilardoni Presidente Osservatorio OIR Rinnovabili 2.0 Roma, 18 aprile L Osservatorio e i suoi Partner Avviato nel 2008 dalla

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

Abano Terme, 26 Ottobre 2012. Leisure, shopping & wellness: focus sul Real Estate nel Nord Est

Abano Terme, 26 Ottobre 2012. Leisure, shopping & wellness: focus sul Real Estate nel Nord Est Abano Terme, 26 Ottobre 2012 Leisure, shopping & wellness: focus sul Real Estate nel Nord Est EVOLUZIONE DEL MERCATO L Europa ha vissuto negli ultimi 50 anni un evoluzione economica, sociale e culturale

Dettagli

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON Onorevole Presidente Mucchetti, Onorevole Presidente Marinello,

Dettagli

CONTRIBUTI ALLA PROMOZIONE DELLA LINGUA E DELLA CULTURA ITALIANA ALL ESTERO

CONTRIBUTI ALLA PROMOZIONE DELLA LINGUA E DELLA CULTURA ITALIANA ALL ESTERO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 1. Un bilancio del processo d integrazione alla luce dei dati La strategia di Lisbona e il processo di Barcellona

Dettagli

IL RILANCIO DELLA MEETING INDUSTRY ITALIANA TRA IL PROGETTO DEL CONVENTION BUREAU NAZIONALE PRIVATO E LA RIFORMA DEL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE

IL RILANCIO DELLA MEETING INDUSTRY ITALIANA TRA IL PROGETTO DEL CONVENTION BUREAU NAZIONALE PRIVATO E LA RIFORMA DEL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

Laboratorio Efficienza Energetica

Laboratorio Efficienza Energetica Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti Presentazione del Progetto 1 Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti La crisi economica e la modifica strutturale

Dettagli

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa IP/03/645 Bruxelles, 7 maggio 2003 Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa La Commissione europea ha pubblicato la strategia per il mercato

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014 Oggetto: Definizione degli ambiti prioritari di intervento ed attuazione degli obiettivi di semplificazione del sistema normativo e amministrativo regionale in favore del tessuto imprenditoriale sardo.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico EXECUTIVE SUMMARY Ministero dello Sviluppo Economico 2 L Italia deve diventare un luogo più ospitale per le nuove imprese innovative. Questo perché, come dimostrano le esperienze di altri Paesi, l innovazione

Dettagli

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico...

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico... Umbria Innovazione Scarl Documento di sintesi del programma I-Start 2013 Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi Sommario Documento di sintesi del programma I-Start 2013...

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi Per la versione elettronica di questo opuscolo, consultare: http://ec.europa.eu/internal_market/publications/docs/sbi-brochure/sbi-brochure-web_it.pdf

Dettagli

Una finestra sulla Commissione Europea A cura di Lynne Hunter

Una finestra sulla Commissione Europea A cura di Lynne Hunter Una finestra sulla Commissione Europea A cura di Lynne Hunter Da Lisbona a Barcellona al 2010. Ci siamo quasi? Il 2005 rappresenta il giro di boa per il raggiungimento degli Obiettivi di Lisbona 2010 fissati

Dettagli

ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE

ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE Milano, 18/11/2014 ESSERE IL FUTURO DELLE PMI ITALIANE nasce da un gruppo di manager e imprenditori convinti che la crescita dell impresa crea profitto e valore e quindi benessere sociale. Uno spirito

Dettagli

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Intervento Gli obiettivi e i programmi di Regione Lombardia verso il sistema delle PMI e delle Reti in particolare Contesto Dott.ssa Olivia

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE COMUNICATO STAMPA Il Sistema Confidi al centro dello studio curato da Fondazione Rosselli, Gruppo Impresa, Unicredit in collaborazione con l Università degli Studi di Torino CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

La roadmap delle imprese green su energia e clima in vista della COP 21 di Parigi

La roadmap delle imprese green su energia e clima in vista della COP 21 di Parigi La roadmap delle imprese green su energia e clima in vista della COP 21 di Parigi Raimondo Orsini Direttore Fondazione per lo sviluppo sostenibile Copyright 2008 - Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile

Dettagli

LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * *

LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * * LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * * 1. Obiettivi In linea con gli obiettivi del piano d azione europeo

Dettagli

dell Assemblea Generale di Confindustria Bulgaria giovedi 17.07.2011, ore 17.30 presso Interpred, viale Dragan Tzankov, No 36, p. 1, sala Sofia.

dell Assemblea Generale di Confindustria Bulgaria giovedi 17.07.2011, ore 17.30 presso Interpred, viale Dragan Tzankov, No 36, p. 1, sala Sofia. V E R B A L E dell Assemblea Generale di Confindustria Bulgaria giovedi 17.07.2011, ore 17.30 presso Interpred, viale Dragan Tzankov, No 36, p. 1, sala Sofia. Presenti CONSIGLIERI (in ordine alfabetico)

Dettagli

Silvia Trampetti. il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta

Silvia Trampetti. il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta Silvia Trampetti il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta Riflessioni e idee per l inclusione finanziaria di studenti universitari meritevoli Prefazione a cura del Prof. Dott. G.

Dettagli

Strategia macro-regionale EUSALP

Strategia macro-regionale EUSALP Strategia macro-regionale EUSALP Roberta Negriolli Regione Lombardia 11 maggio 2015 Regione Emilia-Romagna Sala 20 Maggio 2012 Viale della Fiera 8, Bologna INDICE 1. Cos è una Strategia Macroregionale

Dettagli

Cari associati, Cari colleghi del Consiglio Direttivo,

Cari associati, Cari colleghi del Consiglio Direttivo, Cari associati, Cari colleghi del Consiglio Direttivo, ho il piacere di aprire questa quarta Assemblea Generale di Confindustria Serbia con un incontro che va a suggellare tre anni di attività intensi,

Dettagli

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI INTERNAZIONALIZZAZIONE POMPEO TRIA CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI Pompeo Tria del gruppo Step Impianti presenta la strategia per il prossimo triennio. Tre parole chiave: internazionalizzazione, innovazione

Dettagli

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione In questa edizione: Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Consumatori: inaugurato un nuovo master

Dettagli

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS Titolo documento: Progetto: ALL.1 Introduzione alla riunione di confronto con il partenariato politicoistituzionale e socio economico sui documenti di preparazione al Programma Triennale di Sviluppo Turistico

Dettagli

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Mentre i cugini iberici conquistano la vetta del Travel & Tourism Competitiveness Index, l Italia si accontenta di un ottava posizione, dopo Francia, Germania

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372 La formazione turistica universitaria in Italia 365 Amedeo Tarsia in Curia Touring Club Italiano Abstract: Il boom dei corsi di laurea in turismo sembra essersi esaurito. Dopo anni di entusiasmo, l attuale

Dettagli

Smart Specialisation e Horizon 2020

Smart Specialisation e Horizon 2020 Smart Specialisation e Horizon 2020 Napoli, 2 Febbraio 2013 Giuseppe Ruotolo DG Ricerca e Innovazione Unità Policy Che relazione tra R&D e crescita? 2 Europa 2020-5 obiettivi OCCUPAZIONE 75% of the population

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato. Quirinale, 4 dicembre 2009

Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato. Quirinale, 4 dicembre 2009 Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato Quirinale, 4 dicembre 2009 Saluto il Ministro Sacconi, il ministro Maroni, il sottosegretario

Dettagli

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro L AGROALIMENTARE ITALIANO: PROSPETTIVE DI SVILUPPO E CRITICITÀ. Forum Internazionale dell Agricoltura e dell Alimentazione. Coldiretti Antonio MARZANO Presidente

Dettagli

Quadro generale Libia

Quadro generale Libia LIBIA Real estate Quadro generale Libia La Libia si estende per un area di circa 1.775.000 kmq quadrati. Ha delle ricche riserve petrolifere e depositi di acqua e gas naturali. Ha una popolazione di poco

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Giovani Costruttori. Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere. rapporti di scambio commerciale

Giovani Costruttori. Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere. rapporti di scambio commerciale Proficuo viaggio di lavoro in Austria dell Ance insieme alla Camera di Commercio per promuovere rapporti di scambio Giovani Costruttori a Vienna commerciale Dopo la proficua esperienza dello scorso anno

Dettagli

CONFINDUSTRIA BULGARIA

CONFINDUSTRIA BULGARIA CONFINDUSTRIA BULGARIA RISULTATI DEL RAPPORTO: GLI INVESTIMENTI ITALIANI IN BULGARIA GENNAIO 2013 CONFINDUSTRIA BULGARIA World Trade Center Interpred, Boulevard Dragan Tzankov 36, 1040 Sofia Tel. +359

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO?

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? COS È GLOBAL CITY REPORT Global City Report è il primo Rapporto internazionale sul futuro delle città nei nuovi scenari economici, sociali e territoriali. Annualmente presenta

Dettagli

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ MISURE PER LA COMPETITIVITÀ Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Pier Carlo Padoan Ministro dell Economia e Finanze 18 giugno 2014 LA BOLLETTA DIMAGRISCE 2 PIÙ ENERGIA ALLA COMPETITIVITÀ Le

Dettagli

"Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva"

Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva COMMISSIONE EUROPEA Antonio TAJANI Vicepresidente della Commissione europea, responsabile per l'industria e l'imprenditoria "Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva" Piano d azione

Dettagli

F. Competitività. Competitività

F. Competitività. Competitività F. La crisi ha accentuato l importanza della competitività per la ripresa economica, così come la necessità di accordare la massima priorità a politiche europee per la crescita e la competitività. A tal

Dettagli

21 Giugno 2011 Estratto pag. 13 Sezione Salerno Il tema di quest anno è L innovazione tra rischio e opportunità e l evento è promosso dal Gruppo Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Salerno,

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa

Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa stampa chiudi 12 Luglio 2010 Scritto da: Redazione L azionista di Fondamenta SGR ha scambiato il 51% delle azioni di Fondamenta SGR con il 7,7%

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

News > Esteri > Politica - Venerdì 30 Novembre 2012, 19:41

News > Esteri > Politica - Venerdì 30 Novembre 2012, 19:41 "COP18" A Doha la conferenza dell'onu sul cambiamento climatico 17mila partecipanti e 194 nazioni per cercare un nuovo "accordo globale sul clima". Ma è polemica per la scelta del Qatar, il paese che detiene

Dettagli

PRESTO 220 MILIONI DI EURO DAL MIBACT PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ALBERGHIERE: IL CONGRESSUALE TRA LE SPESE AMMISSIBILI

PRESTO 220 MILIONI DI EURO DAL MIBACT PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ALBERGHIERE: IL CONGRESSUALE TRA LE SPESE AMMISSIBILI Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

PROGETTO SCUOLA EXPO MILANO 2015. Vademecum Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Settembre 2014

PROGETTO SCUOLA EXPO MILANO 2015. Vademecum Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Settembre 2014 PROGETTO SCUOLA EXPO MILANO 2015 Vademecum Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Settembre 2014 1. Premessa L Esposizione Universale del 2015, che avrà come tema centrale Nutrire il Pianeta, Energia

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 10 dicembre 2007 Promozione dei prodotti agricoli comunitari all esterno

Dettagli

Il fotovoltaico come motore della svolta energetica

Il fotovoltaico come motore della svolta energetica Perché continuare ad investire nel fotovoltaico Perché continuare ad investire nel fotovoltaico? Padova 16 Maggio 2013 Energy Saving Week Barbin Perché continuare ad investire nel fotovoltaico 10 buone

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Rassegna del 05/10/2015

Rassegna del 05/10/2015 Rassegna del 05/10/2015 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 05/10/2015 Si parla di noi Avvenire 30/09/2015 p. 2 IL PAPA CONFORTA L'IMPEGNO CON L'AFRICA Mario Raffaelli 1 Corriere Del Trentino 01/10/2015

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria. 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini

G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria. 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini Milano, 8 luglio 2009 L Area MeG 30 Parallelo SIMEST - BNL Gruppo BNP Paribas - ASSAFRICA & MEDITERRANEO

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese All. 1 - Prot. n. 363/13SB ASSOCIAZIONE NAZIONALE INDUSTRIALI PRIVATI GAS E SERVIZI ENERGETICI Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del

Dettagli