Computer Assisted Transla2on (CAT) Cris%na Bosco Informa%ca applicata alla comunicazione mul%mediale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Computer Assisted Transla2on (CAT) Cris%na Bosco Informa%ca applicata alla comunicazione mul%mediale 2014-2015"

Transcript

1 Computer Assisted Transla2on (CAT) Cris%na Bosco Informa%ca applicata alla comunicazione mul%mediale

2 Breve storia L idea di sistema di CAT nasce negli anni 60, quando la European Coal and Steel Community (ECSC) sviluppa un sistema per la ricerca di termini e del loro contesto in traduzioni memorizzate in formato eleeronico. Il principale obieivo è di mostrare i termini nel Linguaggio Sorgente (LS) ed i loro equivalen2 nel Linguaggio Target (LT) all interno dei loro rispeivi contes2.

3 Breve storia L idea moderna di sistema consiste invece nel cercare le unità di traduzione uguali per riu2lizzarle, e la si trova per la prima volta all inizio degli anni 70, nel modello sviluppato da Krollman per l esercito tedesco. For revised new edi2ons of transla2ons only the changed passages would have to be retyped. Inser2on of changes and correc2ons into the old text would automa2cally be done by computer. (Krollmann 1971)

4 Breve storia Alla fine degli anni 70 Arthern, un tradueore della EC, propone un ulteriore sviluppo, nell ambito di una discussione sull uso dei database terminologici e l introduzione di Systran. Arthern suggerisce di sviluppare il sistema in modo che possa trovare non solo le unità di traduzione uguali al testo da tradurre, ma anche quelle simili.

5 Breve storia Accanto all idea di exact match nasce quindi l idea di fuzzy match (the nearest available equivalent), ma anche la proposta di integrare sistemi di CAT e di MT, per poter oeenere come risultato la maggior quan2tà di materiale tradoeo e limitare l intervento umano. Realizzare quindi, in accordo con ALPAC, sistemi di traduzione con al centro il tradueore invece della macchina.

6 Breve storia Solo all inizio degli anni 80 la ricerca di exact matches viene implementata da ALPS Incorporated, in una semplice componente deea repe22ons processing del Transla2on Support System (TTS), un sistema di MT. L idea del fuzzy matching è implementata per la prima volta all inizio degli anni 90, nei primi sistemi commercializza2 di TM, IBM Transla2on Manager e SDL Trados.

7 I sistemi di TM Componen2 di un sistema di TM: Editor mul2lingue serve a leggere il testo in LS e a scriverne la traduzione in tui i forma2 necessari Manager della terminologia per ges2re tueo ciò che riguarda la memorizzazione e modifica dei termini organizza2 per soggeeo, cliente e progeeo Riconoscitore di termini per orientare la ricerca nel database terminologico

8 I sistemi di TM Componen2 di un sistema di TM: Riconoscitore di concordanze per cercare tuee le istanze di una stringa di ricerca nel loro contesto Calcolatore sta2s2che per avere una panoramica quan2ta2va sulla TM e sapere ad es. quanto del materiale esistente è riu2lizzato nella nuova traduzione

9 I sistemi di TM Componen2 di un sistema di TM: Strumento di allineamento per creare la TM con dentro i documen2 precedentemente tradoi, confrontarli con i tes2 da tradurre facendo il match dei segmen2 corrisponden2, e legare insieme le unità di traduzione.

10 I sistemi di TM Alcuni sistemi offrono anche gli strumen2 per la creazione e ges2one di basi terminologiche, e per l integrazione con sistemi di MT che comportano quindi la ges2one di vari 2pi di file all interno di progei complessi. In sostanza dagli anni 90 i sistemi di MT sono rimas2 sostanzialmente uguali, con l eccezione degli algoritmi di matching e l aggiunta di funzioni più sofis2cate.

11 I sistemi di TM

12 I sistemi di TM In sostanza dagli anni 90 i sistemi di MT sono rimas2 sostanzialmente uguali, con l eccezione degli algoritmi di matching e l aggiunta di funzioni più sofis2cate. Quello che è cambiato è però il processo traduivo viene organizzato e il modo in cui le persone coinvolte in esso possono interagire grazie all architeeura client/server e grazie al cloud compu2ng e crowd sourcing.

13 Cloud compu2ng Con cloud compu%ng si indica un paradigma di erogazione di risorse informa2che (archiviazione, elaborazione e trasmissione di da2) on demand tramite il web. Le risorse non vengono pienamente configurate e messe in opera dal fornitore apposta per l'utente, ma gli sono assegnate, rapidamente e convenientemente, grazie a procedure automa2zzate, a par2re da un insieme di risorse condivise con altri uten2 lasciando all'utente parte dell'onere della configurazione.

14 Crowdsourcing Con crowdsourcing (da crowd, "folla", e outsourcing "esternalizzazione di una parte delle proprie aività ) si indica un modello di business per cui si affida la progeeazione, la realizzazione o lo sviluppo di un progeeo, oggeeo o idea ad un insieme indefinito di persone non organizzate precedentemente, solitamente tramite si2 e portali web. Questo modello è molto applicato per lo sviluppo di risorse linguis2che, e consente di oeenere da2 che non risentono di bias e sono quindi condivisi.

15 Tipi di sistemi di TM Una Transla2on Memory (TM) è solitamente un database in cui ogni record con2ene una Transla2on Unit (TU), che consiste in una coppia di segmen2 in LS e LT e in varie informazioni sulla TU (data di creazione, autore, progeeo, cliente). Una TM è un database dinamico, che può essere popolato in diversi modi.

16 Tipi di sistemi di TM Esistono tre modi di popolare il database TM: Mentre si traduce ogni TU tradoea viene salvata nella TM Importando una TM sia creata con lo stesso sistema di TM, sia creata con un altro, ma con un formato compa2bile Allineando un testo con una traduzione esistono strumen2 di allineamento per meeere insieme tes2 tradoi ad es. in altri progei

17 Tipi di sistemi di TM Alcuni sistemi di TM non sono database, ma ges2scono il testo nel loro complesso. RispeEo ai sistemi basa2 su database hanno il vantaggio di meeere a disposizione maggiori informazioni sul contesto. Per questo mo2vo nei sistemi basa2 su database le TU vengono arricchite con informazioni sul contesto, senza le quali le TU sono completamente decontestualizzate.

18 MT e TM MT e TM sono due cose dis2nte, ma hanno certe cose in comune: TM trae spunto dalla MT example- based e dalla sta2s2cal MT, entrambi approcci rivol2 alla ricerca del best matching per la frase da tradurre. Ci sono però differenze sostanziali di obieivo tra TM da un lato e MT example- based e sta2s2cal MT dall altro.

19 MT e TM Un sistema di TM svolge una forma di Informa2on Retrieval che delega al tradueore la decisione su quanto e come u2lizzare e modificare il risultato che il sistema produce. Un sistema di MT example- based o sta2s2cal MT invece producono traduzioni selezionando le informazioni necessarie nella loro base di conoscenza cos2tuita da tes2 tradoi.

20 MT e TM TM e MT si possono u2lmente integrare in diversi modi: Batch processing in un sistema che provi a valutare per ogni TU i match (esai e fuzzy) prima dell intervento del tradueore, è possibile far intervenire un sistema di MT per tuee quelle TU che non hanno nessun match, segnalando il faeo che si traea di una traduzione non ricavata dalla TM.

21 MT e TM Batch processing, una nota Alcuni sistemi di TM valutano la TU nel momento in cui il tradueore la seleziona per iniziare a tradurre Altri sistemi valutano tuee le unità del testo da tradurre prima che il tradueore inizi il suo lavoro.

22 MT e TM TM e MT si possono u2lmente integrare in diversi modi: Interac2ve processing in un sistema di TM che è in comunicazione con un sistema di MT, il tradueore può richiamare la MT su ogni TU su cui la TM non gli offre suggerimen2 per la traduzione, e poi se serve può modificare il risultato offerto dalla MT.

23 MT e TM L integrazione di TM e MT risulta par2colarmente produiva quando il sistema di MT viene addestrato su grandi corpora e precisamente su quelli che contengono le TU che u2lizza il sistema di TM. I vantaggi si vedono in termini di velocità, costo, qualità più stabile e quindi aumento della produività.

24 Vantaggi e limi2 delle TM L uso di TM aumenta la produività dei tradueori e la qualità dei materiali tradoi garantendo l omogeneità sopraeueo terminologica. I report mostrano aumen2 di produività tra il 25 e il 60%. Il numero di parole tradoee al giorno si aeesta intorno ad un massimo di

25 Vantaggi e limi2 delle TM L uso di TM ha però anche effei nega2vi sulla qualità della traduzione. Il principale problema è che le TU sono viste come isolate dal contesto e questo rende difficile ad es. la traduzione correea di legami anaforici cross sentenziali.

26 Vantaggi e limi2 delle TM L uso di TM ha però anche effei nega2vi sulla qualità della traduzione. Un altro problema è il faeo che la nozione di similarità tra TU di un tradueore e di un computer possono essere sensibilmente diverse tra loro e quindi il sistema può presentare come exact match delle traduzione errate dal punto di vista del tradueore, oppure come fuzzy macth delle cose che non c entrano.

27 Migliorare l IR delle TM I sistemi di IR che stanno dietro le TM non sono molto cambia2 nel tempo. Il principale loro limite consiste nel faeo che si basano su caraeeri e stringhe, senza u2lizzare aspei linguis2ci come quelli derivan2 da analisi morfologica, sintaica e seman2ca per determinare il match tra TU.

28 Migliorare l IR delle TM Ad esempio, i sistemi di TM non sono in grado di riconoscere il match tra due TU quando ci sono semplici cambiamen2 nell ordine degli elemen2 della frase. ES. Il cane dorme da oltre un ora dentro la sua cuccia in giardino Il cane dorme in giardino dentro la sua cuccia da oltre un ora

29 Migliorare l IR delle TM L uso di conoscenza linguis2ca potrebbe notevolmente migliorare le prestazioni dei sistemi di TM per due mo2vi: Migliorare la precision e recall del retrieval monolingue Aumentare la riusabilità delle TU suddividendole in par2 più piccole

30 Migliorare l IR delle TM ES. A[Il cane dorme] B[da oltre un ora] C[dentro la sua cuccia] D[in giardino] A[Il cane dorme] D[in giardino] C[dentro la sua cuccia] B[da oltre un ora]

31 Migliorare l IR delle TM L uso di conoscenza linguis2ca è quindi l obieivo dei sistemi di TM di seconda generazione, che integrano metodi di analisi linguis2ca e di shallow parsing per aumentare le possibilità di match. Questo ha effei posi2vi sopraeueo per certe coppie di lingue.

32 Migliorare l IR delle TM Empirically documented knowledge about the nature and applica2ons of TM systems and translators interac2on with them is both scarce and fragmented. In par2cular, more research is needed on how translators interact with TM technology and on how it influences translators cogni2ve processes. The transla2on profession itself will also welcome more knowledge about the translators perspec2ve on TM technology. (Christensen and Schjoldager 2010, 99)

Traduzione e computer (3) Cris%na Bosco Informa%ca applicata alla comunicazione mul%mediale 2014-2015

Traduzione e computer (3) Cris%na Bosco Informa%ca applicata alla comunicazione mul%mediale 2014-2015 Traduzione e computer (3) Cris%na Bosco Informa%ca applicata alla comunicazione mul%mediale 2014-2015 Tipi di sistemi Fino alla metà degli anni 90 esistono solo due ;pi di sistemi di MT: Sistemi su mainframe

Dettagli

Accesso all'informazione da Mobile

Accesso all'informazione da Mobile Accesso all'informazione da Mobile nel Document Management e nell'informa2on Management Pino Grimaldi Technical Office Manager ICT Trade 22 Maggio 2013 Cosmic Blue Team CBT - Cosmic Blue Team è la capo

Dettagli

Nuove Tecnologie per la Traduzione

Nuove Tecnologie per la Traduzione Nuove Tecnologie per la Traduzione 2. I corpora, le basi di dati terminologiche e testuali, le memorie di traduzione e il processo traduttivo 05-04 09:00-11:00 T12B Roma, Tor Vergata,LINFO Giuseppe Forte

Dettagli

Soluzioni e Proge-! Datakey Software Engineering Srl 1

Soluzioni e Proge-! Datakey Software Engineering Srl 1 Soluzioni e Proge- 1 Datakey 30 anni di SoSware Datakey nasce Nel 1985, avente ad ogge0o l a2vità di proge0azione di servizi informa:ci opera trasformazioni orientate alla crescita; E cer:ficata ISO 9001

Dettagli

Applicazioni di NLP per il Semantic Web

Applicazioni di NLP per il Semantic Web Università degli Studi di Salerno Dipar1mento di Scienze Poli1che, Sociali e della Comunicazione Applicazioni di NLP per il Semantic Web Tra$amento delle polirema/che terminologiche nel dominio della A.

Dettagli

Nuove Tecnologie per la Traduzione

Nuove Tecnologie per la Traduzione Nuove Tecnologie per la Traduzione Roma, Tor Vergata,LINFO Giuseppe Forte María Lozano Zahonero Sandra Petroni Contenuti del seminario TEORIA 1. Dalla traduzione automatica alla traduzione assistita 2.

Dettagli

La cartella web del dolore cronico non oncologico. Do#. Marco Viscon. Presidente Commissione Informa.ca ANCoM

La cartella web del dolore cronico non oncologico. Do#. Marco Viscon. Presidente Commissione Informa.ca ANCoM La cartella web del dolore cronico non oncologico Do#. Marco Viscon. Presidente Commissione Informa.ca ANCoM Il proge#o IMPACT prevede da parte dei Medici di Famiglia la registrazione di un set di da.

Dettagli

Il Valore Aggiunto del Sistema dei Controlli Interni Integrato

Il Valore Aggiunto del Sistema dei Controlli Interni Integrato Il Valore Aggiunto del Sistema dei Controlli Interni Integrato La vista dell Organizzazione e la vista dell Audit Milano, 24 Aprile 2015 LA VISTA DELL ORGANIZZAZIONE Massimo Barazzetta, Responsabile Direzione

Dettagli

Social Museum and Smart Tourism

Social Museum and Smart Tourism Social Museum and Smart Tourism Cluster Smart Communi3es Ing. Marco Ber-ni - MICC- Media Integra-on and Communica-on Centre - Univ. di Firenze marco.ber.ni@unifi.it www.micc.unifi.it 1 The Social Museum

Dettagli

Traduzione e computer (4) Cris%na Bosco Informa%ca applicata alla comunicazione mul%mediale 2014-2015

Traduzione e computer (4) Cris%na Bosco Informa%ca applicata alla comunicazione mul%mediale 2014-2015 Traduzione e computer (4) Cris%na Bosco Informa%ca applicata alla comunicazione mul%mediale 2014-2015 Problemi nel valutare la MT Prima di affrontare il problema della valutazione della MT occorre chiarire

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matema9ca. Corso di Laurea in Matema1ca Dipar9mento di Matema9ca e Fisica

Università degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matema9ca. Corso di Laurea in Matema1ca Dipar9mento di Matema9ca e Fisica Corso di Laurea in Matema1ca Dipar9mento di Matema9ca e Fisica Sistemi per l elaborazione delle informazioni 6. Data warehouse Dispense del corso IN530 prof. Marco Liverani Sistemi operazionali e informazionali

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEI COSTI NEL MONDO DEI SERVIZI

OTTIMIZZAZIONE DEI COSTI NEL MONDO DEI SERVIZI OTTIMIZZAZIONE DEI COSTI NEL MONDO DEI SERVIZI INFRASTRUTTURA IT E PROCESSI DI BUSINESS Alessio Maria Braccini abraccini@luiss.it Cos4 & Business 2011, 24/25 O>obre, Roma Produzione industriale Frederick

Dettagli

Modello ISO- OSI. Modelli di re* Livelli (L5, L6) Livelli (L3, L4) A. Ferrari

Modello ISO- OSI. Modelli di re* Livelli (L5, L6) Livelli (L3, L4) A. Ferrari Modello ISO- OSI Modelli di re* A. Ferrari L OSI (Open System Interconnec*ons) è un progeao formulato dall ISO (Interna*onal Standard Organiza*on) alla fine degli anni 70 con lo scopo di proporre un modello

Dettagli

MANUALE INTRODUTTIVO

MANUALE INTRODUTTIVO MANUALE INTRODUTTIVO Scaricamento da internet e installazione Fenice è liberamente disponibile su internet, all indirizzo h#p://www.fenicex.it/downloads.html, cliccando sul pulsante Download posto sulla

Dettagli

Le re> sociali sono spesso usate come base di studi interculturali in sociologia, in antropologia, in etologia.

Le re> sociali sono spesso usate come base di studi interculturali in sociologia, in antropologia, in etologia. Social Network Social Network Una rete sociale (in inglese social network) consiste di un qualsiasi gruppo di individui connessi tra loro da diversi legami sociali. Per gli esseri umani i legami vanno

Dettagli

Il CRM in pratica: scopriamo insieme SugarCRM

Il CRM in pratica: scopriamo insieme SugarCRM Il CRM in pratica: scopriamo insieme SugarCRM Giugno 2012 Iniziative strategiche e CRM Alcuni inizia+ve appaiono assolutamente prioritarie per le aziende, anche PMI: Ado

Dettagli

Fenice Newsle er La nuova versione 6.0.01.01 #1 - Fa ura di interessi per ritardato pagamento Genera fa ura di interessi

Fenice Newsle er La nuova versione 6.0.01.01 #1 - Fa ura di interessi per ritardato pagamento Genera fa ura di interessi Spe.le Cliente, noi di SEI - Servizi Informaci siamo molto lie (e un po orgogliosi) di iniziare la pubblicazione di questo noziario, denominato Fenice Newsleer, entro il quale troverete le ulme novità

Dettagli

Preventivo a parola, a cartella: aspetti da considerare nella valutazione

Preventivo a parola, a cartella: aspetti da considerare nella valutazione Preventivo a parola, a cartella: aspetti da considerare nella valutazione Cosa è cambiato negli ultimi 25 anni Le aziende italiane si sono trovate a dover fare fronte in maniera crescente alla domanda

Dettagli

Laboratorio CAT Corso di Laurea Magistrale in: Traduzione Tecnico-Scientifica e Interpretariato a.a. 2015-2016

Laboratorio CAT Corso di Laurea Magistrale in: Traduzione Tecnico-Scientifica e Interpretariato a.a. 2015-2016 Laboratorio CAT Corso di Laurea Magistrale in: Traduzione Tecnico-Scientifica e Interpretariato a.a. 2015-2016 Traduzione e computer: un po di storia Ing. Alberto Bucciero, Ing. Marco Zappatore Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA ANALISI E CONFRONTO DI SISTEMI EBMT PER LA TRADUZIONE ASSISTITA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA ANALISI E CONFRONTO DI SISTEMI EBMT PER LA TRADUZIONE ASSISTITA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Sistemi Informativi I ANALISI E CONFRONTO DI SISTEMI EBMT PER LA TRADUZIONE ASSISTITA Tesi di Laurea di:

Dettagli

AGENDA. q Gli obie0vi delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car list mul@nazionali

AGENDA. q Gli obie0vi delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car list mul@nazionali Analisi e scelte di car policy per le flotte multinazionali Laura Echino Membro del Comitato Dire0vo A.I.A.G.A. Corporate General Services Manager Lavazza A.I. A. G. A. Associazione Italiana Acquiren4

Dettagli

Gare di appalto della PA per forniture so2ware. Alessandra Donnini

Gare di appalto della PA per forniture so2ware. Alessandra Donnini Gare di appalto della PA per forniture so2ware Alessandra Donnini Premesse Forniture so2ware Punto di vista del fornitore Valutazioni qualita;ve sui documen; di gara Sono escluse le aste ele?roniche 2

Dettagli

ISO 27036. Information technology Security techniques Information security for supplier relationships. Ing. Bruno Bernardi Padova 29/04/2015

ISO 27036. Information technology Security techniques Information security for supplier relationships. Ing. Bruno Bernardi Padova 29/04/2015 ISO 27036 Information technology Security techniques Information security for supplier relationships Ing. Bruno Bernardi Padova 29/04/2015 THIENE ROMA PARMA CUNEO BARI TRENTO SASSARI UK POLAND CROATIA

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

IL WEB NON SI LIMITA A COLLEGARE MACCHINE.

IL WEB NON SI LIMITA A COLLEGARE MACCHINE. IL WEB NON SI LIMITA A COLLEGARE MACCHINE. CONNETTE DELLE PERSONE PROPONENTI Egidio Murru, CEO, Founder, Comunica1on Manager Elia Con/ni, CTO, Founder, User Expirience Designer / Front End Engineer Sassari,

Dettagli

Cristina Bosco Corso di Informatica applicata alla comunicazione multimediale (a.a. 2013-2014) Guida rapida a TRADOS Studio 2009 e Multiterm

Cristina Bosco Corso di Informatica applicata alla comunicazione multimediale (a.a. 2013-2014) Guida rapida a TRADOS Studio 2009 e Multiterm Cristina Bosco Corso di Informatica applicata alla comunicazione multimediale (a.a. 2013-2014) Guida rapida a TRADOS Studio 2009 e Multiterm Questa sintetica guida ha lo scopo di aiutarvi ad orientarvi

Dettagli

Parte 1 Parte 2 Parte 3 Parte Trasversale

Parte 1 Parte 2 Parte 3 Parte Trasversale STRUTTURA Parte 1: Motivazioni e sfide per la migrazione di applicazioni Parte 2: Metodologia di migrazione delle applicazioni nel cloud Parte 3: Casi di studio Parte Trasversale: Comunicazione PASSAGGIO

Dettagli

La sfida che si può vincere: innovare ed essere più competitivi riducendo i costi IT Brunello Bonanni Center of Excellence Manager IBM Italia

La sfida che si può vincere: innovare ed essere più competitivi riducendo i costi IT Brunello Bonanni Center of Excellence Manager IBM Italia La sfida che si può vincere: innovare ed essere più competitivi riducendo i costi IT Brunello Bonanni Center of Excellence Manager IBM Italia Le aziende sono sotto pressione Le aziende sentono la pressante

Dettagli

Moduli conjectfm www.fmpool.it 1

Moduli conjectfm www.fmpool.it 1 8.0 / 3.12 Gestione, utilizzo e ottimizzazione superfici e spazi Analisi delle superfici secondo la Norma DIN 277 o altre norme in vigore Acquisizione automaca dei da degli spazi da analizzare araverso

Dettagli

LA RICERCA NEI SOCIAL MEDIA

LA RICERCA NEI SOCIAL MEDIA LA RICERCA NEI SOCIAL MEDIA La RICERCA è fondamentale per prendere decisioni e individaure linee strategiche per gli operatori di marke>ng. Cosa monitorare? Tu/o ciò che è PUBBLICO Da# Primari: metodi

Dettagli

PROGETTO GRAN SASSO IN RETE. Esperienze e buone pratiche di e-learning per le PMI in Abruzzo. Franca Masciulli Servizio Alta Formazione INFN - LNGS

PROGETTO GRAN SASSO IN RETE. Esperienze e buone pratiche di e-learning per le PMI in Abruzzo. Franca Masciulli Servizio Alta Formazione INFN - LNGS PROGETTO GRAN SASSO IN RETE Esperienze e buone pratiche di e-learning per le PMI in Abruzzo Franca Masciulli Servizio Alta Formazione INFN - LNGS L Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e i Laboratori

Dettagli

A"vazione Integrata: 1+1=3 A"vazione Integrata

Avazione Integrata: 1+1=3 Avazione Integrata a"vazione integrata A"vazione Integrata: 1+1=3 A"vazione Integrata training consul8ng 2 Un caso reale di A"vazione Integrata Cliente con l obie-vo strategico di sviluppare la Forza Vendita, cambiando il

Dettagli

Donato Ma(urro Marke'ng & Web Communica'on Consultant

Donato Ma(urro Marke'ng & Web Communica'on Consultant Donato Ma(urro Marke'ng & Web Communica'on Consultant Presidente Associazione Joomla!lombardia Ceo & founder E-mail: presidente@joomlalombardia.org Web: www.joomlalombardia.org Premessa: Considerato che:

Dettagli

VALUTARE IL BENEFICIO DELL IMPLEMENTAZIONE DI ITIL Analisi di Andrea Cavazza, Manager di HSPI Adoare ITIL: un inves mento u le?

VALUTARE IL BENEFICIO DELL IMPLEMENTAZIONE DI ITIL Analisi di Andrea Cavazza, Manager di HSPI Adoare ITIL: un inves mento u le? ANALISI 3 oobre 2011 VALUTARE IL BENEFICIO DELL IMPLEMENTAZIONE DI ITIL Analisi di Andrea Cavazza, Manager di HSPI Adoare ITIL: un inves mento u le? Nell auale periodo di crisi economica, è sempre maggiore

Dettagli

Informa(ca Appun% dal laboratorio 2

Informa(ca Appun% dal laboratorio 2 Informa(ca Appun% dal laboratorio 2 Conce- fondamentali Esistono programmi, come Microso8 Word oppure Acrobat Reader, che vengono usa% dagli uten% per far eseguire al computer determinate operazioni (come

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Living Labs transfrontalieri nel proge1o ALCOTRA Innovazione

Living Labs transfrontalieri nel proge1o ALCOTRA Innovazione Living Labs transfrontalieri nel proge1o ALCOTRA Innovazione 1 Indice L approccio Living Lab Componen' essenziali U/lità dell approccio LL La rete ENoLL Alcune esperienze italiane ed europee Legi4me eccezioni

Dettagli

CHI SIAMO. NOVIGOS in pillole ENERGY' 'SERVIZI'DI'ENERGY'MANAGEMENT'PER'IL'RISPARMIO'ENERGETICO'

CHI SIAMO. NOVIGOS in pillole ENERGY' 'SERVIZI'DI'ENERGY'MANAGEMENT'PER'IL'RISPARMIO'ENERGETICO' CHI SIAMO NOVIGOS' ENGINEERING' È' UN' TEAM' di Professionis, che proge1ano da oltre 14' ANNI' SOLUZIONI' PER' LA' GESTIONE' DEI' PROCESSI' DELLE'MEDIE'E'GRANDI'IMPRESE.' NOVIGOS in pillole ' BIM' 'ANAGRAFICA'TECNICA'CON'DOPPIO'OUTPUT'

Dettagli

RUBRICA ERP L implementazione e la gesone di un ERP può seguire i principi dell IT Governance? L IT Governance applicata ai sistemi ERP

RUBRICA ERP L implementazione e la gesone di un ERP può seguire i principi dell IT Governance? L IT Governance applicata ai sistemi ERP RUBRICA ERP L implementazione e la gesone di un ERP può seguire i principi dell IT Governance? L IT Governance applicata ai sistemi ERP INDICE Introduzione Intervista all Ing. Paolo Di Mar!no, Responsabile

Dettagli

inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h;p//www.inxpire.it commerciale@inxpire.it

inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h;p//www.inxpire.it commerciale@inxpire.it CRM inxpire Un mercato che cresce a passo doppio Da il sole 24 ore: Il business delle soluzioni so4ware di customer rela9onship management è des9nato a sorpassare quest'anno gli 8,9 miliardi di dollari

Dettagli

Introduzione allo sviluppo ed alla gestione self-service di applicazioni software e database in cloud con piattaforma apaas.

Introduzione allo sviluppo ed alla gestione self-service di applicazioni software e database in cloud con piattaforma apaas. 2015 Corso di formazionef Contenuto: Introduzione allo sviluppo ed alla gestione self-service di applicazioni software e database in cloud con piattaforma apaas. [CORSO: SOFTWARE E DATABASE SELF-SERVICE

Dettagli

Accademia G. Aliprandi - F. Rodriguez Sessione Culturale - Firenze, 2 marzo 2014. La filiera della multimedialità della comunicazione

Accademia G. Aliprandi - F. Rodriguez Sessione Culturale - Firenze, 2 marzo 2014. La filiera della multimedialità della comunicazione Accademia G. Aliprandi - F. Rodriguez Sessione Culturale - Firenze, 2 marzo 2014 La filiera della multimedialità della comunicazione La filiera della tecnologia della traduzione Federico Gaspari fgaspari@sslmit.unibo.it

Dettagli

Dall Intranet al Cloud Content Management

Dall Intranet al Cloud Content Management Dall Intranet al Cloud Content Management Dallo sviluppo su pia+aforme all u1lizzo di servizi. È possibile e sostenibile? Chi ci guadagna e chi ci perde? Come cambia lo scenario per il fornitore? Quale

Dettagli

La materia di cui sono fa0 i sogni digitali. Gian Luigi Ferrari Dipar7mento di Informa7ca Universita di Pisa

La materia di cui sono fa0 i sogni digitali. Gian Luigi Ferrari Dipar7mento di Informa7ca Universita di Pisa La materia di cui sono fa0 i sogni digitali Gian Luigi Ferrari Dipar7mento di Informa7ca Universita di Pisa Presentazioni! Gian Luigi Ferrari o Informa7co! Di cosa mi occupo (ricerca) o Linguaggi di Programmazione!

Dettagli

Manuale di Lokalize. Nick Shaforostoff Traduzione italiana: Pino Toscano

Manuale di Lokalize. Nick Shaforostoff Traduzione italiana: Pino Toscano Nick Shaforostoff Traduzione italiana: Pino Toscano 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Editor 6 2.1 Finestra principale..................................... 6 2.2 Barre degli strumenti....................................

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

Il Ruolo di ACEA e delle proprie reti per lo sviluppo SMART

Il Ruolo di ACEA e delle proprie reti per lo sviluppo SMART Il Ruolo di ACEA e delle proprie reti per lo sviluppo SMART Roma 20/03/2014 in Italia: un opportunità per una nuova qualità della vita intelligente è una Contesto: sfida tecnologica urbanizzazione e sociale

Dettagli

SEO. Visibilità a cos, contenu, Tante soluzioni per i migliori risulta, SEO - ADV - Campagne web e virali

SEO. Visibilità a cos, contenu, Tante soluzioni per i migliori risulta, SEO - ADV - Campagne web e virali Tante soluzioni per i migliori risulta, - ADV - Campagne web e virali La nostra società si occupa di pianificare budget per campagne On- line ADV tradizionali, garantendo obie in termini di

Dettagli

Panoramica, Risulta5, Dimostrazioni

Panoramica, Risulta5, Dimostrazioni Panoramica, Risulta5, Dimostrazioni Spin- Off Prof. Andrea Tonello tonello@wi)kee.com www.wi)kee.com Secondo Open Event MONERGY Centro Congressi - Villach 2 Febbraio 2015 Contenu5 q Descrizione del partner

Dettagli

Le 4 nuove leve per far crescere il Business

Le 4 nuove leve per far crescere il Business Le 4 nuove leve per far crescere il Business Come costruire un Digital Nervous System proattivo e vincente Ilenia Boschin 1 Di cosa parliamo oggi? Il mercato oggi offre un'unica certezza: il cambiamento.

Dettagli

Gli strumen, social e l usabilità al servizio della scuola. Da MatchPoint a La Buona Scuola

Gli strumen, social e l usabilità al servizio della scuola. Da MatchPoint a La Buona Scuola Gli strumen, social e l usabilità al servizio della scuola Da MatchPoint a La Buona Scuola premessa Social media: tecnologie online che le persone u7lizzano per interagire e condividere contenu7 Potenzialmente

Dettagli

GOOGLE APP FOR EDUCATION. Elisabe(a Molinaro 09.09.2015

GOOGLE APP FOR EDUCATION. Elisabe(a Molinaro 09.09.2015 GOOGLE APP FOR EDUCATION Elisabe(a Molinaro 09.09.2015 Docen4 elisabe(a.molinaro@ferrarispancaldo.net Tu= i docen> hanno abilitata la mail Email : nome.cognome@ferrarispancaldo.net Password : ferrarispancaldo

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

Metodi, tecniche e strumen0 del problem solving. Temi: Problem Solving: Metodo e approccio, Tecniche e strumenti Concetti base di statistica

Metodi, tecniche e strumen0 del problem solving. Temi: Problem Solving: Metodo e approccio, Tecniche e strumenti Concetti base di statistica EQDL Start Metodi, tecniche e strumen0 del problem solving Temi: Problem Solving: Metodo e approccio, Tecniche e strumenti Concetti base di statistica Syllabus da 3.3.1.1 a 3.3.3.3 La patente europea della

Dettagli

La Ripar(zione Informa(ca nel prossimo triennio. A5lio Santocchia Perugia 18.04.2013

La Ripar(zione Informa(ca nel prossimo triennio. A5lio Santocchia Perugia 18.04.2013 La Ripar(zione Informa(ca nel prossimo triennio A5lio Santocchia Perugia 18.04.2013 I grandi proge5 Il sistema U- GOV G- Pod è morto I verbali degli esami online Il sistema documentale integrato L anello

Dettagli

Mission. Affidabilità Imprese. Supporto Rintraccio Ra?ng /Scoring Report /Dossier Integra?

Mission. Affidabilità Imprese. Supporto Rintraccio Ra?ng /Scoring Report /Dossier Integra? Mission Nata nel 2001 per soddifsfare le esigenze delle agenzia di informazioni commerciali e dei distributori ufficiali di InfoCamere, oggi la suite DataBrain è u?lizzata sia in contes? di analisi di

Dettagli

Regolamento Sisal Poker Academy

Regolamento Sisal Poker Academy Regolamento Sisal Poker Academy 1. Iscrizione 1.1. L iscrizione alla Sisal Poker Academy è gratuita e riservata ai

Dettagli

TRADUZIONI INTERPRETARIATO MANUALISTICA GRAFICA. MODENA 41126 via Carlo Cattaneo,54 Tel +39 059 2924611 fax +39 0742 320433

TRADUZIONI INTERPRETARIATO MANUALISTICA GRAFICA. MODENA 41126 via Carlo Cattaneo,54 Tel +39 059 2924611 fax +39 0742 320433 Spett. le 1 SOMMARIO PAG.3 CHI SIAMO Qualità e Sicurezza Certificato ISO 9001:2008 Certificato UNI EN 15038:2006 PAG.7 IL PROCESSO DI TRADUZIONE Tecnologie Cattol & SDL Worldserver PAG. 9 I NOSTRI SERVIZI

Dettagli

CALL PER SUMMER SCHOOL 2012 Robo2ca educa2va - Corso avanzato Parco Naturale del Beigua, Genova, 23, 24, 25 luglio 2012

CALL PER SUMMER SCHOOL 2012 Robo2ca educa2va - Corso avanzato Parco Naturale del Beigua, Genova, 23, 24, 25 luglio 2012 Parco Naturale del Beigua CALL PER SUMMER SCHOOL 2012 Robo2ca educa2va - Corso avanzato Parco Naturale del Beigua, Genova, 23, 24, 25 luglio 2012 La robo'ca educa'va è oggi un se2ore maturo. In molte Nazioni,

Dettagli

Terminologia agroalimentare del Patrimonio Immateriale AESS: stru6urazione dei termini a6raverso lessici e thesauri disponibili on- line

Terminologia agroalimentare del Patrimonio Immateriale AESS: stru6urazione dei termini a6raverso lessici e thesauri disponibili on- line Terminologia agroalimentare del Patrimonio Immateriale AESS: stru6urazione dei termini a6raverso lessici e thesauri disponibili on- line ITC CNR sede staccata di Milano Maria Teresa Artese Isabella Gagliardi

Dettagli

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce La potenza di Ariba per i clienti SAP I vantaggi del Collaborative Commerce Contenuti 4 9 10 12 14 18 20 22 24 Potenziare il Networked Business Una combinazione efficace Collaborative Commerce con Ariba

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE TEORIA E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE INSEGNAMENTO DI COMUNICAZIONE DIGITALE AA 2014-2015

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE TEORIA E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE INSEGNAMENTO DI COMUNICAZIONE DIGITALE AA 2014-2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE TEORIA E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE INSEGNAMENTO DI COMUNICAZIONE DIGITALE AA 2014-2015 COMUNICAZIONE DIGITALE Questo Corso ha l obie0vo di formare una nuova generazione

Dettagli

ENEA ICT per i Beni Culturali

ENEA ICT per i Beni Culturali Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile ENEA ICT per i Beni Culturali Ing. Silvio Migliori Unità Tecnica Sviluppo Sistemi per l informatica e l ICT- ENEA

Dettagli

SDL Trados Studio. Manuale per. Versione 2014

SDL Trados Studio. Manuale per. Versione 2014 Manuale per SDL Trados Studio Versione 2014 CONSULENZA E FORMAZIONE PER L INDUSTRIA DELLA TRADUZIONE LINGUATECH SNC - Via Beato Angelico 21 - Arezzo www.cat-trainer.it Informazioni generali Tutti i marchi

Dettagli

Bleen Per le Aziende White Paper. Indice

Bleen Per le Aziende White Paper. Indice BLEEN PER L'AZIENDA Indice Perchè Bleen...2 Cosa fa Bleen...2 File sulla rete aziendale...3 Sistemi di Email...3 Database applicativi...3 ERP...3 CMS e sistemi documentali...4 Pagine WEB...4 Bleen user

Dettagli

So.ware. Insieme di programmi che perme6ono al calcolatore di eseguire determinate funzionalità Si dis,ngue tra:

So.ware. Insieme di programmi che perme6ono al calcolatore di eseguire determinate funzionalità Si dis,ngue tra: Sistemi opera,vi So.ware Insieme di programmi che perme6ono al calcolatore di eseguire determinate funzionalità Si dis,ngue tra: So.ware di sistema: Sistema Opera,vo So.ware applica,vo: Applicazioni Programma

Dettagli

SAP Business Objects XI R3.1

SAP Business Objects XI R3.1 SAP Business Objects XI R3.1 Sistemi Informa;vi Avanza; Anno Accademico 2012/2013 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Ges3onale Reggio Emilia, 12 aprile 2013 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO

Dettagli

Italia PER il Mondo e Kids PER Kids. Il sistema mul+mediale

Italia PER il Mondo e Kids PER Kids. Il sistema mul+mediale Italia PER il Mondo e Kids PER Kids Il sistema mul+mediale Titolo Titolo Titolo Titolo Titolo Titolo luogo e data Italia PER il Mondo e Kids PER Kids Il sistema mul3mediale 16/03/2012 Il sistema mul5mediale

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

Smart City nel mondo, in Italia e a Roma. Prof. Dott. Ing. Fabio Pompei

Smart City nel mondo, in Italia e a Roma. Prof. Dott. Ing. Fabio Pompei Smart City nel mondo, in Italia e a Roma Prof. Dott. Ing. Fabio Pompei Execu6ve Summary Obie:vo è quello di presentare lo stato a?uale della ricerca Smart City in Europa e nel mondo Indice Execu6ve Summary

Dettagli

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO A STEP FORWARD IN THE EVOLUTION Projecta Engineering developed in Sassuolo, in constant contact with the most

Dettagli

Società del Gruppo. Valorizza i tuoi. processi

Società del Gruppo. Valorizza i tuoi. processi Società del Gruppo Valorizza i tuoi processi Overview Gruppo FDM nasce alla fine del 1999, diventando rapidamente punto di riferimento per la ges:one degli archivi cartacei ed ele

Dettagli

Business WFM: dalla gestione per funzioni, alla gestione per processi. Metodo Day Bologna 14.11.2013

Business WFM: dalla gestione per funzioni, alla gestione per processi. Metodo Day Bologna 14.11.2013 : dalla gestione per funzioni, alla gestione per processi Metodo Day Bologna 14.11.2013 Il ruolodel BPM Da un recente report 1 dell IBM si possono estrarre alcuni elementi chiave che rappresentano l orientamento

Dettagli

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo" Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali 01.02 - streaming Introduzione alla compressione e allo streaming Maurizio Maffi ISTI Informa1on Science and Technology

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED Presentato all ul-mo Google I/O: Google Drive for Work Marcello Pellicelli, elocal Group Google area manager OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL GOOGLE DRIVE FOR WORK Lavorare senza limi?:

Dettagli

Click to edit Master title style

Click to edit Master title style Click to edit Master title style Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti e PA Francesco Tortorelli 22 Gennaio 2010 Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti

Dettagli

WEB - INTERNET L OGGI DELLA COMUNICAZIONE

WEB - INTERNET L OGGI DELLA COMUNICAZIONE WEB - INTERNET L OGGI DELLA COMUNICAZIONE La dieta mediatica degli italiani Indagine Censis I media personali nell era digitale luglio 2011 1. La dieta mediatica 1. Crolla la TV analogica, esplode la

Dettagli

Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014. NETVAL Winter School 27 marzo 2015

Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014. NETVAL Winter School 27 marzo 2015 Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014 NETVAL Winter School 27 marzo 2015 Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le poli3che

Dettagli

Transforming for Results

Transforming for Results Transforming for Results Il nuovo paradigma per un efficace gestione del Capitale Umano 26 settembre 2013 Why deloitte? This is you This is you, Aligned This is you, Transformed Deloitte Business-Driven

Dettagli

L ambiente di sviluppo WebRa4o BPM

L ambiente di sviluppo WebRa4o BPM Sviluppo Model Driven di Web Applica4on per l Automazione dei Business Process L ambiente di sviluppo WebRa4o BPM 04/11/2009 Emanuele Molteni, Consul0ng & Support Manager di Web Models I Bisogni Creare

Dettagli

EDI Manuale Sistemista. EDI Manuale Sistemista

EDI Manuale Sistemista. EDI Manuale Sistemista EDI Manuale Sistemista Paragrafo-Pagina di Pagine 1-1 di 12 Versione 44 del 11/11/2011 SOMMARIO 1 A Chi è destinato... 1-3 2 Pre requisiti... 2-3 3 Obiettivi... 3-3 4 Durata della formazione... 4-3 5 Introduzione

Dettagli

La traduzione automatica e la sua integrazione negli strumenti per la traduzione assistita

La traduzione automatica e la sua integrazione negli strumenti per la traduzione assistita Tendenze evolutive dei servizi linguistici in Europa: nuove (e vecchie) sfide viste da prospettive diverse UNINT Placement La traduzione automatica e la sua integrazione negli strumenti per la traduzione

Dettagli

Business white paper. Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali

Business white paper. Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali Business white paper Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali Indice 3 Sommario esecutivo 3 Introduzione 3 Best practice a livello aziendale 5 Best practice a

Dettagli

LOGISAN S.p.A. Company Profile

LOGISAN S.p.A. Company Profile Company Profile tel.0552373019 - fax tel. 0552374069 - Pag. 1/7 Chi Siamo Nata nel 2004 dall'esigenza di un gruppo di strutture sanitarie Logisan è un azienda che aggrega il potere di acquisto e mette

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

La gestione del documento

La gestione del documento Operatore giuridico d impresa Informatica Giuridica A.A 2002/2003 II Semestre La gestione del documento prof. Monica Palmirani Il documento A differenza del dato il documento è solitamente un oggetto non

Dettagli

File System. File System. Hard disk. Disco a stato solido. A. Ferrari

File System. File System. Hard disk. Disco a stato solido. A. Ferrari File System File System A. Ferrari Il file system è la parte del Sistema Opera6vo che perme;e la ges6one delle informazioni memorizzate in modo permanente (i file sui vari sistemi di memorizzazione di massa).

Dettagli

Introduzione al Configura1on & Source Management. Ingegneria del So-ware e Lab. Università di Modena e Reggio Emilia Do<.

Introduzione al Configura1on & Source Management. Ingegneria del So-ware e Lab. Università di Modena e Reggio Emilia Do<. Introduzione al Configura1on & Source Management Ingegneria del So-ware e Lab. Università di Modena e Reggio Emilia Do

Dettagli

Product Presenta-on. O"obre 2012 marke.ng@esqogito.com

Product Presenta-on. Oobre 2012 marke.ng@esqogito.com Product Presenta-on O"obre 2012 marke.ng@esqogito.com Funzioni per la Ges.one dei clien. ges.one mul- sede (gerarchia Aziende) ges.one tra0a-ve commerciali (modulo Opportunità) su anagrafica possibilità

Dettagli

Informazioni*chiave*per*gli*inves3tori# Obie@vi*e*poli3ca*d'inves3mento# Profilo*di*rischio*e*di*rendimento#

Informazioni*chiave*per*gli*inves3tori# Obie@vi*e*poli3ca*d'inves3mento# Profilo*di*rischio*e*di*rendimento# Informazioni*chiave*per*gli*inves3tori Il presente documento con/ene le informazioni chiave di cui tu6 gli inves/tori devono disporre in relazione a questofondo.nonsitra;adiundocumentopromozionale.leinformazionicontenutenelpresentedocumento,

Dettagli

Apprendimento Automatico

Apprendimento Automatico Metodologie per Sistemi Intelligenti Apprendimento Automatico Prof. Pier Luca Lanzi Laurea in Ingegneria Informatica Politecnico di Milano Polo regionale di Como Intelligenza Artificiale "making a machine

Dettagli

TRADUZIONI TECNICHE E SICUREZZA

TRADUZIONI TECNICHE E SICUREZZA TRADUZIONI TECNICHE E SICUREZZA Localizzazione ed utilizzo della terminologia di settore nel processo di corretta redazione della documentazione tecnica. Dott.ssa Carlotta Aristei Sales Manager Divisione

Dettagli

Traduzione di TeamLab in altre lingue

Traduzione di TeamLab in altre lingue Lingue disponibili TeamLab è disponibile nelle seguenti lingue nel mese di gennaio 2012: Traduzioni complete Lingue tradotte parzialmente Inglese Tedesco Francese Spagnolo Russo Lettone Italiano Cinese

Dettagli

Company Profile Formazione

Company Profile Formazione Company Profile Formazione MBH Siamo un network internazionale di professionis4 e aziende altamente qualificate che supporta imprese, is4tuzioni e territori nei processi di cambiamento e di ada;amento

Dettagli

Antropologia culturale - Prof.ssa Sabrina Tosi Cambini METAFORE E ANALOGIE

Antropologia culturale - Prof.ssa Sabrina Tosi Cambini METAFORE E ANALOGIE Antropologia culturale - Prof.ssa Sabrina Tosi Cambini METAFORE E ANALOGIE Le scienze cogni+ve dimostrano (dagli anni 70 circa) che la metafora è un fenomeno cogni+vo (non linguis+co: espressione metaforica,

Dettagli