e-skills: La dimensione internazionale e l impatto della globalizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e-skills: La dimensione internazionale e l impatto della globalizzazione"

Transcript

1 e-skills: La dimensione internazionale e l impatto della globalizzazione page 1

2 Esclusione della responsabilità Né la Commissione Europea né alcun individuo che agisca per conto della Commissione sarà responsabile per l utilizzo che potrebbe essere fatto delle informazioni seguenti. Le opinioni qui espresse appartengono ai rispettivi autori e non riflettono necessariamente quelle della Commissione Europea. Nessun elemento presente in questo opuscolo implica o esprime una garanzia di alcun tipo. I risultati dovranno essere usati soltanto come linee-guida nell ambito di una strategia globale. Editors Dott.ssa Eileen Doherty, IVI; Dott.ssa Clare Thornley, IVI; Dott.ssa Marian Carcary, IVI; Dott. Stephen Mc Laughlin, IVI; Werner B. Korte, Karsten Gareis, empirica GmbH; Marianne Kolding, Gabriella Cattaneo, IDC; Fiona Fanning, CEPIS. Design e Layout: Snap Jervis. Traduzione: Wordperfect. Comunità Europee, Riproduzione autorizzata con citazione della fonte. Imprint Il presente opuscolo è stato approntato da Innovation Value Institute, Università Nazionale dell Irlanda, Maynooth, Kildare, Irlanda in collaborazione con i seguenti partner: empirica, IDC e CEPIS per conto della Direzione Generale per le imprese e l industria della Commissione Europea. Pubblicazione del contratto di servizio europeo e-skills: The International Dimension and the Impact of Globalisation.

3 INTRODUZIONE La capacità delle imprese europee di competere e di evolversi all inizio del 21 secolo dipende sempre più dall utilizzo innovativo ed efficace delle nuove tecnologie di informazione e di comunicazione (ICT). La strategia basata sulle competenze digitali è una componente dell Agenda Digitale per l Europa e del pacchetto occupazione volta a dare impulso alla competitività, alla produttività e all impiegabilità della forza-lavoro. L Europa ha bisogno di creare condizioni strutturali migliori per l innovazione, la crescita e le nuove professioni digitali e di garantire che le conoscenze, le capacità, le competenze e l inventiva della forza-lavoro europea (inclusi i professionisti del settore ICT) soddisfino gli standard più elevati a livello globale e siano costantemente aggiornate all interno di un processo efficace di apprendimento permanente. Nonostante gli alti livelli di disoccupazione, la carenza di competenze digitali continua ad aumentare in tutti i settori. La discrepanza tra le competenze disponibili e le esigenze del mercato del lavoro riguarda tutti gli Stati membri, pure in misura diversa. Incredibile a dirsi, la domanda di professionisti nel settore ICT cresce ad un ritmo di circa il 4% l anno, superando di gran lunga l offerta. Le posizioni vacanti previste per il 2015 ammontano a circa unità, ma molte di esse rimarranno vacanti, a meno che non ci si impegni maggiormente per attirare i giovani verso le lauree nel settore informatico e per riqualificare i disoccupati. I governi europei stanno aumentando significativamente i loro sforzi per affrontare questa carenza di competenze tramite politiche, iniziative e partnership dedicate. Ulteriori segnali positivi sono dati dal fatto che gli Stati membri stanno diventando molto più attivi: per esempio, nel 2014 Grecia, Italia e Bulgaria hanno fondato delle coalizioni nazionali come parte del progetto Grande Coalizione per l occupazione nel settore digitale, lanciato dalla Commissione Europea a marzo Più di recente, la dimensione internazionale è entrata a far parte dell agenda politica europea in materia di competenze digitali: un importante evento tenuto a Bruxelles nel marzo 2013 ha visto la partecipazione di esperti provenienti da tutto il mondo. Finora i commenti sono stati molto positivi, poiché emerge un ampio consenso sui bisogni e sui vantaggi del rafforzamento del dialogo e dello scambio di informazioni a livello internazionale, per affrontare al meglio la carenza di competenze digitali, apprendere le pratiche migliori e promuovere una maggiore professionalità nel settore ICT. Il presente opuscolo evidenzia gli accertamenti e le conclusioni principali in merito alla dimensione internazionale delle competenze digitali e all impatto della globalizzazione sulle professioni digitali in Europa; inoltre fornisce un analisi tempestiva e raccomandazioni concrete e ambiziose. La questione del capitale umano, in particolare l agenda delle competenze digitali, rimane di importanza strategica cruciale per tutti i Paesi del mondo. La Commissione Europea e i governi nazionali devono continuare ad essere attivi in questo settore. Michel Catinat Capo Unità Tecnologie abilitanti ed Economia digitale Direzione Generale per le imprese e l industria Commissione Europea Pagina 1

4 Background Gli obiettivi principali del presente di servizio della Commissione Europea sono: Esplorare la dimensione internazionale delle competenze digitali (in particolare i tentativi di promozione delle professionalità nel settore ICT), includendo l analisi delle principali iniziative politiche e delle migliori pratiche a livello mondiale Valutare l impatto della globalizzazione sulle competenze digitali di alto livello In definitiva, l obiettivo del contratto di servizio è comprendere la dimensione internazionale assunta dalle competenze digitali per anticiparne al meglio i cambiamenti e per prevedere possibili opportunità di collaborazione e cooperazione. Nel fare ciò, si prevede che a lungo termine il progetto contribuirà a generare una serie di benefici per diversi gruppi di portatori di interessi. Vale la pena enfatizzare che molti degli obiettivi sopra citati sono obiettivi a lungo termine correlati alla maturazione delle professionalità del settore ICT nel loro insieme. Tali obiettivi richiedono ulteriore lavoro e collaborazione da parte di numerosi portatori di interessi; il resoconto che risulta dal presente contratto di servizio mira ad agire da trampolino per l ottenimento di tali risultati. A partire dalla fine degli anni 90, le iniziative per sostenere lo sviluppo delle competenze digitali e affrontare la penuria di competenze sono state inserite al primo posto nell agenda della Commissione Europea e degli Stati membri dell UE. Tali iniziative hanno messo pesantemente l accento sulle politiche per il potenziamento delle competenze digitali in tutta Europa. Alcuni esempi includono: Lo sviluppo da parte di CareerSpace di profili con competenze trasversali generiche, di cui il settore ICT sentiva la mancanza. L obiettivo Investire nelle persone e nelle competenze del Piano d azione eeurope 2002, con un enfasi specifica posta sull alfabetizzazione digitale in materia di ICT, sull istruzione e la formazione nel settore ICT e sulla certificazione europea delle competenze ICT di base. I datori di lavoro devono operare globalmente e cooperare per far crescere le professionalità ICT e contribuire a chiudere il divario delle competenze digitali. Christian Pagel, CIO e Direttore del Dipartimento di Gestione Informatica, ThyssenKrupp Industrial Solutions AG. L enfasi sullo sviluppo delle competenze e sulla formazione permanente all interno della politica occupazionale europea. Il Piano d azione della Commissione Europea per le competenze e la mobilità del 2002, concentrato sullo sviluppo di una forza-lavoro adattabile, competente e mobile per un economia dinamica basata sulle conoscenze. Pagina 2

5 PANORAMA DELLE COMPETENZE DIGITALI Il divario delle competenze nel settore ICT I lavoratori specializzati sono alla base delle aziende di successo. Un recente sondaggio condotto su 1700 Direttori generali d azienda in tutto il mondo ha identificato che il capitale umano si piazzava al di sopra di tutti gli altri fattori come fonte del valore economico sostenuto. Nell odierno ambiente di business altamente competitivo, la tecnologia è un fattore abilitante della comunicazione, dell innovazione e dell efficienza. Tuttavia, in numerose economie globali, la domanda di lavoratori con competenze digitali rilevanti è in aumento, mentre l offerta non riesce a soddisfare tale domanda. Un sondaggio condotto da empirica sui CIO e sui direttori delle risorse umane in otto Paesi europei nel 2012 ha stimato che la domanda di competenze digitali in tutta Europa si attesti a unità. Dei tre scenari allestiti in questo sondaggio, quello che rappresenta il futuro più probabile, ossia una crescita economica modesta, suggerisce la possibilità di una modesto aumento di posti di lavoro pari a unità entro il 2015, con una carenza strutturale di posizioni causata dalla mancanza di talenti disponibili. Le strozzature sono più ampie nel Regno Unito, in Germania e in Italia, che insieme rappresentano il 60% di tutte le posizioni vacanti in Europa. Questa tendenza crescente del numero di posizioni vacanti nel settore ICT coincide con un periodo contrassegnato dall alta disoccupazione, che implica quindi un efficienza decrescente sul mercato del lavoro. Divari simili nelle competenze ICT sono evidenti anche negli Stati Uniti, in Canada, Brasile, Australia, Russia e Sudafrica, nell America Latina, in Malaysia e in Giappone. Capitale umano Relazioni con la clientela 71% 66% Innovazione di prodotti e servizi 52% Marke(n) 43% Geschäftsmodellinnovation 33% Technik 30% Partnerschaftsnetzwerke 28% Datenzugriff, Datengesteuerte Erkenntnisse 25% FuE, Geistiges Eigentum 22% Preis-/Umsatz-Innovation 19% Asset (Beni fisici e infrastrutture) 15% Responsabilità sociale dell'azienda 13% Accesso alle materie prime 8% Figura 1: Fonti di valore economico sostenuto identificate dai Direttori generali. (Fonte: IBM, 2012) 9,300,000 8,800,000 8,300,000 7,800,000 7,300,000 6,800, Totale dei posti di lavoro Totale della domanda potenziale Figura 2: Domanda potenziale di lavoratori nel settore ICT in Europa (UE a 27) nel periodo (Fonte: empirica, 2013) Il divario delle competenze digitali è particolarmente allarmante se si prendono in esame le nuove tecnologie emergenti. Un sondaggio condotto da IBM su 1200 decisori nel settore informatico e finanziario indica che due terzi di essi ritengono che le tecnologie mobili, analitiche, cloud e sociali siano strategicamente importanti; tuttavia, il 25% di essi ha riscontrato enormi divari di competenze in ciascuna di queste aree, mentre il 60% ha riscontrato deficit da moderati a elevati. Il divario nelle competenze digitali è ulteriormente amplificato dal numero di donne partecipanti al mercato del lavoro: nei paesi dell aera OCSE, le donne rappresentano oggigiorno meno del 20% del totale degli specialisti nel settore ICT. In Europa le donne rappresentano meno del 30% della forza-lavoro nel settore ICT, mentre negli Stati Uniti solo il 23% dei lavoratori nell ambito STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica) è costituito da donne. La situazione è ancor più pronunciata salendo in cima alla gerarchia organizzativa: un recente sondaggio indica che le donne detengono appena il 9% delle posizioni di comando nel settore informatico e rappresentano soltanto il 14% dei dirigenti superiori (includendo i dipartimenti non tecnici) nelle start-up della Silicon Valley. Le ricerche condotte da noi di Forfás dimostrano che le competenze necessarie per analizzare e comprendere i big data diventeranno sempre più importanti. Gerard Walker, Consulente politico senior, Forfás, Irlanda. Pagina 3

6 Aumentare l offerta di professionisti con competenze digitali L aumento dell offerta di laureati nel settore ICT all interno del sistema di istruzione terziaria rappresenta una soluzione al problema delle competenze digitali; tuttavia, il tempo impiegato da uno studente per completare l intero processo richiede di norma 3-4 anni. Oltre a ciò, la scalabilità dell attuale sistema di istruzione è limitata. Per affrontare questa sfida, i governi e l industria stanno contemplando meccanismi alternativi volti a contrastare la carenza immediata di professionisti con competenze digitali: Istruzione primaria e secondaria: migliorare l istruzione nel comparto ICT è fondamentale per potenziare il flusso di lavoratori con competenze digitali a lungo termine. Istruzione terziaria e aspettative del mondo accademico a fronte dell industria: Alcune voci che si levano dal mondo industriale sono critiche nei confronti della qualità dei laureati usciti dall istruzione terziaria. La Commissione Europea riconosce come fattore chiave un maggiore allineamento tra mondo industriale e mondo accademico. Istruzione professionale e apprendistato: un rapporto stilato da McKinsey nel 2013, che esaminava la transizione globale dei giovani dal mondo dell istruzione a quello del lavoro, ha scoperto che il 60% dei giovani ritengono la formazione sul posto di lavoro e l apprendimento pratico come le tecniche istruttive più efficaci, ma meno della metà di essi sono iscritti a curricula che danno priorità alle succitate tecniche. Di conseguenza, si prevede un ruolo crescente dell apprendistato e della formazione professionale nella riduzione del divario delle competenze digitali. Riqualificazione continua e apprendimento permanente: Il settore ICT si reinventa di continuo e sono proprio questi rapidi cambiamenti che aiutano a spingere l innovazione e gli aumenti della produttività nelle varie organizzazioni. Di conseguenza, tali cambiamenti richiedono nuove competenze da parte dei professionisti ICT; da qui la continua necessità di un apprendimento permanente. Formazione e certificazione nel settore dell industria (IBTC): un recente rapporto di empirica del 2013 afferma che secondo il 30% dei CIO e dei Direttori delle risorse umane interpellati, dei certificati basati sull IBTC sono indispensabili per alcune posizioni vacanti o promozioni nel settore ICT. Corsi online aperti e di massa (MOOC) e apprendimento misto: Un MOOC è un corso online rivolto alla partecipazione attiva su larga scala e all accesso libero tramite il Web. I MOOC forniscono agli studenti un opportunità di accedere a materiale educativo che non sarebbe stato loro accessibile in precedenza, a causa di vincoli finanziari, della posizione geografica, dei requisiti istituzionali per l accesso e/o del piano di studi personale. L importanza di un set di competenze globali: alti e bassi della delocalizzazione Riconoscendo la natura globale del settore ICT e l importanza crescente delle catene di valore globali, aumenta la consapevolezza che i professionisti del settore ICT devono possedere competenze interculturali. Numerose organizzazioni delocalizzano il lavoro suddividendo le attività al di là dei propri confini geografici, linguistici e culturali. Mobilità e immigrazione Parte della discrepanza nelle competenze sorge dal fatto che i lavoratori qualificati sono localizzati in aree geografiche in cui la domanda di lavoro è scarsa e sono reticenti a spostarsi nelle aree in cui tale domanda è maggiore. In un sondaggio condotto nel 2012 su 500 decisori europei, un migliore mutuo riconoscimento dei gradi e delle qualifiche professionali al di là dei confini è stato identificato come la misura principale per potenziare la mobilità del trasferimento di competenze. Anche gli immigrati rivestono un ruolo chiave in numerose società: un recente rapporto dal titolo Da allora ad oggi: i nuovi imprenditori immigrati americani ha scoperto che il 24% delle aziende nel settore dell ingegneria e della tecnologia possiede tra i suoi fondatori almeno un individuo nato all estero. Nella Silicon Valley questo numero sale al 44%. Considerati il divario delle competenze esistente a livello globale e il forte contributo all innovazione di cui gli immigrati sono responsabili, si stanno analizzando le politiche sull immigrazione come una possibile soluzione volta alla crescita. Numerose voci all interno dell industria tecnologica chiedono modifiche alle politiche sull immigrazione per attenuare il divario delle competenze digitali. Le professionalità nel settore ICT possono portare l Europa all avanguardia della competitività e dell innovazione e offrire chiare opportunità di carriera ai potenziali professionisti. Declan Brady, Presidente della task force occupazionale, CEPIS. Pagina 4

7 PANORAMA DELLE PROFESSIONALITÀ ICT Il bisogno di professionalità ICT Perché è importante far maturare le professionalità del settore ICT? Oltre al succitato divario delle competenze digitali, intervengono ulteriori fattori: Immagine negativa delle professioni del settore ICT: una percezione pubblica negativa delle professioni del settore ICT provoca ripercussioni sugli individui che intendono entrare in tali professioni. Carenza di conoscenze nel settore ICT: i bassi livelli di conoscenze nel settore ICT tra i professionisti ICT e/o i silos di informazioni ostacolano la visione del quadro generale del settore ICT, le sue capacità di interconnessione e il suo ruolo nel favorire la pianificazione delle capacità organizzative. Focus e affidamento tradizionali alle lauree in Informatica: I fornitori di istruzione terziaria devono adattarsi in modo da poter soddisfare la crescente domanda industriale di professionisti nel settore ICT esperti sia in ambito economico, sia in ambito tecnico. Fallimento dei progetti ICT: numerosi progetti ICT non riescono a convogliare l efficienza e il valore da loro promessi. Noi di IEEE abbiamo sviluppato una struttura professionale in collaborazione con l industria, la quale include un ITBOK che serve da ombrello in riferimento agli altri BOK per le specializzazioni nel settore informatico. Chuck Walrad, Presidente del Consiglio sulle attività professionali, Comitato IT, IEEE Computer Society. Impatto sulla società: il grado in cui le tecnologie ICT, se qualcosa va storto, hanno il potenziale per danneggiare la società. I pilastri delle professioni nel settore ICT Il rapporto stilato da IVI e CEPIS su Competenze digitali e professionalità ICT: Promuovere le professioni del settore ICT in Europa nel 2012 ha identificato quattro mattoni di base per una professione nel settore ICT: Corpo delle conoscenze Etica professionale Istruzione e formazione Competenze Figura 3: I mattoni delle professioni nel settore ICT. Pagina 5

8 Corpi delle conoscenze (BOK): uno dei metodi per stabilire una professione è definire in primo luogo un corpo di co. Noscenze appropriato per tale professione, il quale potrà poi essere impiegato per stabilire degli standard e dei processi di certificazione. Competenze: la comprensione delle necessità dei lavoratori in vari ruoli in materia di capacità e competenze è essenziale affinché le organizzazioni selezionino e valorizzino in modo efficace dei dipendenti ad esse adatti. Istruzione e formazione: Le qualifiche e certificazioni formali, l apprendimento non formale e quello informale sono componenti che si sostengono a vicenda nello sviluppo della carriera di un professionista. Etica professionale: un aspetto significativo di qualsiasi professione implica l adesione a un codice di etica professionale. ICT professionals a working definition Non esiste una sola definizione concordata di professionista ICT : paesi e organizzazioni differenti hanno opinioni differenti in materia. La definizione utilizzata nel contesto della presente ricerca deriva da una precedente iniziativa della Commissione Europea ed è stata accettata dal consiglio di CEPIS nel Per continuare a muoversi al passo con il business globale, Intel sostiene attivamente i suoi dipendenti affinché evolvano di continuo le loro competenze nel settore ICT, per contribuire a creare un futuro migliore. Jim Kenneally, Investigatore Principale, Intel Labs Europe; Ricercatore senior, Innovation Value Institute Definizione di Professionisti ICT : Sono in possesso di un corpo di conoscenze che comprendono pienamente e al passo con i tempi. Dimostrano un continuo impegno allo sviluppo professionale tramite un appropriata combinazione di qualifiche, certificazioni, esperienze lavorative e istruzione di livello non formale e/o informale. Aderiscono a un codice etico o di condotta concordato e/o alle pratiche regolatorie applicabili; e Forniscono valore ai portatori di interessi tramite l uso di pratiche competenti. Pagina 6

9 TENDENZE TECNOLOGICHE Tasso di variazione Il tasso di variazione del settore ICT cambia rapidamente, tanto che risulta sempre più difficile stargli al passo. In quanto tali, le professionalità ICT devono essere sufficientemente agili e flessibili da adattarsi e al contempo da riuscire a individuare tali cambiamenti. I suddetti cambi repentini possono inoltre far sorgere nuove e impreviste questioni etiche, nonché problemi a livello di istruzione e formazione per mantenersi aggiornati in merito agli sviluppi tecnologici. Alcune delle principali tendenze tecnologiche includono: L Internet delle cose L «Internet delle cose» (IoT) è così definita perché all inizio si riferiva al fatto che Internet includeva sempre più cose, ossia dispositivi quali smartphone e apparecchi intelligenti. Il nostro ambiente includerà in grado sempre maggiore una pletora di sensori integrati negli oggetti (o cose ), che attiveranno servizi capaci di percepire il contesto, i quali potranno essere sfruttati dagli individui e dalle aziende. Big data I big data sono stati definiti come l imponente quantità di dati raccolti nel tempo che si rivelano difficili da analizzare e gestire utilizzando i comuni strumenti di gestione dei database. Esiste un flusso costante di nuovi contenuti che promuove la crescita dei dati, inclusi le pubblicazioni sui siti Web, i dati di utilizzo, i dati sensoriali, i contenuti generati dagli utenti, i dati GPS e RFID. I big data sono importanti in quanto forniscono idee per i dipartimenti di marketing, la finanza, i reparti operativi e la strategia aziendale, nonché per l economia e la società nel loro insieme. Tutto questo dà impulso alla domanda di dipendenti in possesso delle le competenze matematico-finanziarie necessarie per interrogare e analizzare questo tipo di dati in modi tali da poter fornire valore sia aziendale che sociale. La domanda di notevoli talenti analitici negli Stati Uniti. potrebbe rivelarsi superiore del 50-60% rispetto all offerta prevista entro il 2018 Domanda e offerta di notevoli talenti analitici entro il 2018 Per migliaia di individui % del divario relativo all'offerta nel 2018 Occupazione nel 2008 Laureati con notevole talento analitico Altri fattori talenti 1 Offerta nel 2018 Divario di talenti Domanda prevista nel Altri fattori trainanti dell offerta includono il logoramento (-), l immigrazione (+) e il reimpiego di grandi talenti analitici precedentemente disoccupati (+). Fonte: US Bureau of Labour Statstics; US Census; Dun & Bradstreet; sondaggi aziendali; analisi del McKinsey Global Institute Figura 4: Domanda prevista di talenti analitici entro il Pagina 7

10 Cloud computing Il cloud computing, o semplicemente cloud, è è ritenuto di gran importanza dalla maggioranza delle aziende. Un sondaggio compiuto nel 2011 da Accenture/LSE su oltre 1000 dirigenti superiori ha rivelato che più del 50% delle aziende interpellate riteneva che la tecnologia cloud avrebbe permesso di concentrarsi sulla trasformazione dell intera azienda e non solo del reparto informatica. I benefici della tecnologia cloud riecheggiano particolarmente forti nelle PMI, dal momento che esse sono ora in grado di sfruttare le opportunità del settore ICT, un tempo disponibili solo alle grandi multinazionali. Strumenti e tecnologie sociali Il termine tecnologie sociali si riferisce agli approcci favoriti dalla tecnologia che facilitano le interazioni tra gli individui e le organizzazioni. Alcuni esempi di strumenti e tecnologie sociali impiegati nel contesto aziendale includono i social network e i video. Tecnologie mobili Le tecnologie mobili stanno avendo un impatto notevole sulle operazioni di business a livello globale. Il gruppo IDC stima che i dispositivi mobili intelligenti daranno luogo al 57% della crescita generale del settore informatico a livello mondiale. Nonostante la domanda organizzativa di talenti nel settore mobile, un sondaggio condotto da InformationWeek nel 2012 indica che questa potrebbe non tradursi nella necessità di ulteriori assunzioni da parte delle aziende, poiché gran parte di esse sta al contrario riaddestrando i dipendenti già presenti al loro interno. Presso INSEAD, i nostri diplomati MBA imparano ad usare l analisi dei dati per affrontare le questioni aziendali tramite l apprendimento basato su progetti derivati dai dati aziendali reali, oltre ad utilizzare strumenti open-source allo stato dell arte basati sul cloud. Theodoros Evgeniou, Professore di Scienze decisionali e Gestione delle tecnologie, INSEAD elab. Pagina 8

11 TENDENZE MACROECONOMICHE E SOCIALI Tendenze Le tendenze macroeconomiche e sociali passibili di avere ripercussioni sulla domanda futura di lavoratori qualificati includono tra le altre: il tasso di crescita dell economia e del mercato del lavoro globale, la disoccupazione giovanile, i dati demografici per fasce di età e la presenza di donne nella forza-lavoro. La comprensione di queste tendenze è preziosa, poiché contribuisce a fornire alcune opinioni su come la globalizzazione potrebbe evolversi nel tempo. Tali tendenze sono state divise in tre segmenti di base: Panorama: l attuale scenario macroeconomico e sociale a livello globale. Terreno: alcuni dei fattori principali che determinano il panorama. Orizzonte: le tendenze passibili di formare parte del panorama in futuro. Panorama Mercato del lavoro globale: L ufficio Internazionale del Lavoro ha stimato un totale aggregato di 197 milioni di individui senza lavoro nel Tassi di crescita globali: i bassi tassi di crescita delle economie sviluppate sono solo una frazione dei tassi sperimentati attualmente dai Paesi in via di sviluppo. L Asia orientale, che aveva sperimentato una notevole crescita negli anni recenti, pare aver rallentato in maniera significativa. Viceversa, alcune economie europee che si trovavano in recessione mostrano ora alcuni segni di ripresa, seppure fragile. Disoccupazione giovanile: la situazione globale relativa alla disoccupazione giovanile è causa di preoccupazione. Utilizzando i dati raccolti da ILO, dall OCSE e dalla Banca Mondiale, the Economist stima che potrebbero esserci 290 In crescita ma suscettibili di rallentamento Polonia 3.4% Francia 1.2% Australia 3.1% Giappone 0.9% Canada 2.3% Regno Unito 2.1% Stati Uniti 2.4% Paesi Bassi 1.1% Germania 1.3% Irlanda 2.2% In crescita risicata Italia 0.3% Portogallo 0.5% Spagna 0.9% Grecia 0.6% Dati aggregati Eurozona 1.0% globali valori di mecato 3.5% milioni di individui tra 15 e 24 anni che non partecipano al mercato del lavoro: quasi un quarto dei giovani di tutto il mondo, un gruppo ampio tanto quanto la popolazione degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, si verifica una penuria di lavoratori qualificati entry-level. I due andamenti divergenti della disoccupazione giovanile e della disponibilità inadeguata di lavoratori qualificati entrylevel illustrano la natura del divario di competenze attuale e sottolineano l importanza e la necessità di potenziare lo sviluppo delle competenze in questa fascia d età parallelamente ai tentativi di creare posti di lavoro. Noi in Giappone produciamo un white paper sulle risorse umane in ambito informatico, che ci fornisce dati sui cambiamenti significativi nel ruolo assunto dalle risorse umane in ambito informatico nell ambiente del business, affinché possiamo basare le nostre politiche e iniziative di e-skills su solide prove. Masayoshi Tsuru, IPA, Giappone. In crescita e in accelerazione Indonesia 6.2% Brasile 4.0% Sudafrica 3.6% In crescita ma in rallentamento Cina 7.3% Corea del Sud 3.6% India 6.6% Messico 3.7% Arabia Saudita 4.2% Russia 3.8% Turchia 5.1% Figura 5: Classifiche di crescita globale. (Fonte: PWC - 16 sondaggio globale sui Direttori generali, 2013) Pagina 9

12 La mancanza di competenze è un motivo comune della presenza di posizioni vacanti all ingresso % di datori di lavoro interpellati. Il 36% dei datori di lavoro ha inoltre sostenuto che la mancanza di competenze ha causato loro problemi significativi in termini di costi, qualità e tempo o peggio La Turchia la India Brasile il Stati Uniti il Messico la Arabia Saudita Figura 6: Datori di lavoro che citano la mancanza di competenze come causa di posizioni vacanti all ingresso. (Fonte: Sondaggio McKinsey, 2012) Terreno La domanda globale di lavoratori qualificati: un resoconto del Forum Economico Mondiale del 2011 sui talenti globali è stato chiaro in merito alla sua diagnosi del problema: L emisfero boreale deve affrontare la mancanza di talenti in un ampia gamma di settori occupazionali principalmente a causa del fatto che la popolazione sta invecchiando rapidamente e gli standard a livello di istruzione sono insufficienti [...] Numerosi Paesi dell emisfero australe riportano surplus nella forza-lavoro dovuti all elevata crescita economica e ai tassi di natalità stabili. Tuttavia, sorgono questioni in merito all impiegabilità di tali lavoratori, ossia se abbiano o meno le competenze necessarie per occupare posti di lavoro e operare in modo efficace. L aumento delle donne sul posto di lavoro: il numero delle donne impiegate nella forza-lavoro nelle economie avanzate è salito di 77 milioni tra il 1980 e il 2010, rappresentando il 61% dell incremento netto di 122 milioni di individui nella forza-lavoro nelle economie avanzate. In particolare, le donne costituiscono una fetta sostanziale della percentuale di laureati nelle università delle economie emergenti, ma ciò non necessariamente si traduce appieno in livelli corrispondenti di partecipazione alla forza-lavoro. la Germania il Regno Unito il Marocco I dati demografici per fasce di età: in molti Paesi la popolazione anziana sarà costretta a lavorare ben oltre l età pensionistica attuale. Per esempio, il Ministro delle Pensioni britannico Steve Webb vede i lavoratori anziani come una risorsa non sfruttata e ha affermato che col tempo emergerà tutta una serie di lavori per cui i datori di lavoro necessiteranno di lavoratori anziani ed esperti [...] Un azienda che non cambierà la sua attitudine verso i lavoratori anziani rimarrà indietro. Orizzonte L irruzione dell Africa: L enfasi più marcata sui mercati in via di sviluppo è stata finora concentrata su Brasile, Russia, India e Cina. Tuttavia, anche l Africa cambierà verosimilmente le dinamiche occupazionali nel futuro prossimo. La Banca Mondiale ha segnalato nel 2014 che la crescita dell Africa sub-sahariana è prevista in aumento del 6% (con l esclusione del Sudafrica, la maggiore economia del continente). La digitalizzazione delle PMI: Le piccole e medie imprese (PMI) sono il fulcro dell economia europea e mondiale. La capacità di adattamento delle PMI come risultato degli sviluppi nel settore ICT avrà un impatto significativo sulla necessità di competenze digitali. Le opportunità derivate dalla globalizzazione: Anche la globalizzazione, abbinata alle fondamentali svolte tecnologiche in corso di svolgimento, presenta numerose opportunità per le imprese. Il boom delle infrastrutture che avrà luogo nei Paesi in via di sviluppo nei prossimi vent anni, previsto di gran lunga superiore ai 20 trilioni di dollari, richiederà verosimilmente la fornitura di servizi di ingegneria sostanziale, di design, di business e tecnici che potrebbe arrivare dall Europa. I benefici potenziali sarebbero condivisi sia dai Paesi in via di sviluppo, sia da quelli già sviluppati. Le ricerche del BCG indicano che le PMI basate sulle tecnologie incrementano il proprio fatturato più in fretta del 15% e crerano posti di lavoro al doppio della velocità rispetto alle loro controparti. Ralf Dreischmeier, Leader di pratica informatica globale, The Boston Consulting Group. Pagina 10

13 CONCLUSIONI DELLE RICERCHE PRIMARIE VISIONI E STRATEGIE DEI PORTATORI D INTERESSI Tendenze 33.3% Un elemento chiave del presente contratto di servizio era lo svolgimento di ricerche primarie tra i principali 31.9% portatori di interessi, in modo tale da afferrare le loro visioni e le loro strategie nel settore delle competenze digitali e delle professionalità 18.1% ICT. Tali portatori di interessi erano costituiti da CIO, dirigenti superiori nel comparto ICT e Direttori delle risorse 15.3% umane in ambito ICT provenienti da un elevato numero di industrie in tutta Europa. Qual è la Vostra opinione sulle seguenti affermazioni? Nell intera nazione sussiste un serio divario/discrepanza nelle competenze ICT tale da ostacolare la crescita delle aziende? 1.4% Totalmente in disaccordo(1) 0 0.0% 48.6% In disaccordo(2) 5 7.1% Neutrale(3) % 22.9% 21.4% D accordo(4) % Totalmente d accordo(5) % 0.0% 7.1% Nella nostra organizzazione, la mancata disponibilità di competenze ICT di alto livello sta avendo un impatto negativo sulla nostra capacità di far crescere il volume d affari. Totalmente in disaccordo(1) 1 1.4% 33.3% 31.9% In disaccordo(2) % Neutrale(3) % 18.1% 15.3% D accordo(4) % Totalmente d accordo(5) % 1.4% Figura 7: Divario/discrepanza nelle competenze ICT percepito/a dagli interpellati del sondaggio. 48.6% Le conclusioni indicano che la maggioranza (70%) degli interpellati ritiene che sussista un serio divario o una discrepanza nelle competenze ICT tale da ostacolare la crescita delle aziende. Inoltre, circa la metà (47%) degli interpellati ritiene che la mancata disponibilità di competenze ICT di alto livello stia avendo un impatto negativo sulla loro capacità di far crescere il proprio volume d affari. L impatto della delocalizzazione e dell automazione La maggioranza degli interpellati (61%) ritiene che la delocalizzazione avrà verosimilmente un impatto moderato o elevato sulla domanda futura di competenze ICT nelle proprie organizzazioni. Più di tre quarti degli interpellati (76%) ritengono che l «automazione» avrà verosimilmente un impatto sulla domanda futura di lavoratori qualificati nel settore ICT all interno delle proprie organizzazioni. L impatto delle principali tendenze professionali Solo una minoranza degli interpellati (44%) ritiene che in futuro meno professionisti del settore ICT saranno inquadrati nei dipartimenti ITC tradizionali, il che combacerà con un maggior numero di professionisti del settore ICT che lavoreranno in tutti i rami dell impresa. Più della metà degli interpellati (53%) ritiene che i corsi online 22.9% aperti e di massa (MOOC) 21.4% cambieranno in modo sostanziale il modo in cui lo sviluppo professionale continuo dei praticanti nel settore ICT sarà convogliato nei prossimi 7.1% tre anni. Questo dato è sorprendentemente alto, visto il carattere di relativa novità dei MOOC, 0.0% ma sottolinea probabilmente le grandi aspettative riposte su tale innovazione. 1Più di 2tre quarti 3 (77%) 4 degli 5 interpellati crede che l ICT sia una professione globale e che gli sforzi nazionali si debbano allineare su base globale affinché tale professione maturi in modo soddisfacente. Inoltre, la notevole maggioranza (80%) degli interpellati crede che i professionisti del settore ICT debbano condividere la comprensione comune di un corpo di conoscenze ICT fondanti (ossia un corpo di conoscenze basilari che tutti i praticanti nel settore ICT devono tenere a mente). Pagina 11

14 Altre conclusioni includono: Un incremento segnalato (a partire da un precedente studio del 2011 sulle professionalità nel settore ICT) nell impiego di strutture fondate sulle competenze ICT da parte degli interpellati. Oltre metà degli interpellati (51%) segnala che i laureati nel settore ICT in tempi recenti mancano della combinazione di competenze tecniche, economiche e interpersonali necessaria per dare un contributo all azienda senza bisogno di formazione aggiuntiva. La maggioranza (71%) dei CIO rivela che, in termini di sviluppo professionale continuo, i praticanti esperti nel settore ICT riescono cn successo a mantenere aggiornate le proprie competenze ICT tramite la formazione continua. Le principali tendenze tecnologiche che verosimilmente spingeranno in modo maggiore la crescita futura della domanda di competenze sono, in ordine di importanza: la sicurezza informatica, le tecnologie mobili, la tecnologia cloud, i big data, il business sociale e la consumerizzazione ( Porta il tuo dispositivo personale BYOD). Le capacità con maggiori probabilità di rimanere onshore : Capacità in materia di sicurezza dei sistemi informatici. Capacità di gestione dei fornitori ICT. Capacità nell ambito dell architettura d impresa. Capacità di gestione dei processi aziendali. Capacità di marketing digitale. Capacità di leadership digitale, capacità di visualizzazione e analisi dei dati, capacità informatiche ad alte prestazioni e capacità di progettazione dell esperienza utente (UX). Capacità di mantenimento della continuità aziendale. Le capacità con maggiori probabilità di essere delocalizzate: Capacità di codificazione, di ingegneria del software, di creazione delle app e di testing del software. Riassunto delle conclusioni delle ricerche primarie Nel corso di queste ricerche sono emersi numerosi temi chiave. Scendendo più nel dettaglio, la maggioranza dei portatori di interessi percepisce la presenza di un serio divario o di una discrepanza nelle competenze ICT e vede tale presenza come forza ostacolante la crescita delle aziende. Ciò è aggravato dal fatto che la maggioranza dei portatori di interessi avverte che i laureati nel settore ICT non possiedono le competenze ICT necessarie per contribuire alle operazioni aziendali. Inoltre, la ricerca in merito all impatto della delocalizzazione e dell automazione sulla domanda di competenze ICT, citata in precedenza, ha trovato conferma, laddove il 60% e il 75% degli interpellati ritiene rispettivamente che la delocalizzazione e l automazione avranno ripercussioni sulle proprie organizzazioni in futuro. Sono stati riscontrati tassi variabili della domanda di svariate competenze ICT, ciascuna delle quali con una possibilità variabile di essere delocalizzata. La comprensione della crescita o del declino futuro percepito per competenze specifiche e del grado di probabilità che esse siano delocalizzate è di vitale importanza affinché i singoli dipendenti possano pianificare le loro carriere, le organizzazioni possano pianificare le loro operazioni aziendali e i governi possano istituire politiche di sostegno. Sia i datori di lavoro che gli istituti d istruzione trarranno beneficio dalla reciproca collaborazione per garantire che i laureati abbiano le giuste competenze informatiche al momento giusto. Frits Bussemaker, Partner di CIONET, Nederland Liaison International. Pagina 12

15 L IMPATTO DELLA GLOBALIZZAZIONE SULLE FORNITURE ICT: DELOCALIZZAZIONE E GLOBAL SOURCING Servizi offshore La fornitura di servizi offshore ha acquistato popolarità nel corso degli anni 90. Mentre all inizio la spinta principale verso la delocalizzazione veniva dalla riduzione dei costi, non appena i fornitori di servizi hanno acquisito esperienza nella gestione delle operazioni offshore, questi si sono assunti in numero sempre maggiore l incarico di indirizzare i miglioramenti operativi dei processi più complessi e di trasformare e standar-dizzare tali processi per i propri clienti. È difficile svolgere un analisi perfetta di questi cambiamenti, poiché nel corso degli anni gran parte della delocalizzazione si è svolta lontano dai radar per vari motivi, come la preoccupazione da parte dei clienti per le potenziali ripercussioni del trasferimento di posti di lavoro all estero sull immagine aziendale o semplicemente perché la delocalizzazione si è rivelata parte integrante di una fornitura completa nella catena della distribuzione globale. Mancano tuttavia statistiche ufficiali in merito alla portata e alla tipologia di delocalizzazione attuata e al suo sviluppo nel corso dell ultimo decennio. Come si può dunque valutare la portata della delocalizzazione, le tipologie di attività più colpite e, di conseguenza, le tipologie di competenze da essa influenzate? Tramite l analisi dell oggetto dei contratti di servizio nel settore informatico e finanziario stipulati nel Nord America e in Europa e l analisi della composizione dei ricavi dei principali fornitori di servizi offshore indiani, risulta chiaro che le attività relative alle applicazioni sono le più comuni nell ambito della delocalizzazione del lavoro. Tuttavia, si riscontra una tendenza in aumento verso l outsourcing delle attività relative alle infrastrutture e dei processi di business. L innovazione (ossia ricerca e sviluppo) e altri fattori rappresentano costantemente la minore proporzione dei contratti nell arco di tempo considerato. basso livello coinvolti nella fornitura dell attività o dell incarico assunto. Questo è sempre più vero dal momento che la fornitura di servizi offshore è maturata e le organizzazioni non sfruttano più la delocalizzazione solo per fornire servizi a basso costo, ma piuttosto come parte di una strategia di global sourcing più complessa. Il sondaggio condotto sui CIO ai fini del presente studio offre alcuni indicatori dello sviluppo previsto nella domanda futura di competenze all estero fino al 2020 (si veda la sezione precedente). In sostanza, tali risultati indicano la continuazione delle tendenze osservate lungo loscorso decennio, senza grandi balzi in avanti previsti. È della massima importanza strategica per Avaloq assumere e formare dipendenti con nutrite competenze digitali nelle nostre sedi europee. Martin Frick, Direttore Generale BPO, Avaloq Evolution AG. Le competenze nella catena del valore dei servizi offshore In questo contesto, quali competenze vengono delocalizzate? Gli insiemi di competenze richiesti all estero sono tanto vari quanto quelli richiesti a livello locale, ma ciò riguarda naturalmente quelle attività che possono essere fornite in remoto e dove risulta meno importante l interazione in prima persona con l utente finale del prodotto o del servizio. La catena del valore per i servizi offshore è complessa e, in tutte le tipologie di attività, sono presenti lavoratori con competenze di alto e Pagina 13

16 Dall arbitraggio del lavoro alla standardizzazione, all automazione e al cloud Vista la maturità crescente della fornitura di servizi offshore, si sta verificando un allontanamento dalla visione gettare la gente in pasto al problema verso la fornitura di servizi più avanzati e di una produttività più elevata, standardizzando i processi e incrementando l automazione laddove possibile. La standardizzazione dei processi porta alla creazione di risorse non umane ripetibili e scalabili, come pacchetti di software, modelli dei processi e così via, al fine di integrare e/o sostituire l attività umana e pertanto di automatizzare i processi per quanto possibile. Il modo in cui l automazione potrà portare alla sostituzione dei lavoratori della conoscenza è già stato descritto abbondantemente. Tuttavia, la domanda principale è questa: tutto ciò porterà alla sostituzione di questi lavoratori equivalenti a tempo pieno, oppure alla loro ridistribuzione? La risposta più probabile è che si verificherà una commistione tra i due scenari, analogamente a quanto si è osservato con la delocalizzazione: non sempre un guadagno in termini di produttività implica la perdita di posti di lavoro. Un altro aspetto interessante dell automazione del lavoro cognitivo è che questa ha il potenziale di far competere ad armi pari i Paesi occidentali dai costi maggiori e le località tipiche della delocalizzazione. Se un processo o un incarico può essere svolto esclusivamente dai computer, il beneficio finanziario del trasferimento di tale processo o incarico dall altra parte del mondo viene meno. Ecco dunque la tecnologia cloud: essa rappresenta un cambiamento fondamentale nel modo in cui la potenza di calcolo viene generata e distribuita. I servizi cloud possono essere visti come un alternativa ai servizi offshore ad alta intensità di lavoro, che si possono fornire a partire da qualsiasi luogo. La standardizzazione, l automazione e la tecnologia cloud sono migliorie e sviluppi tecnologici che, combinati con la maturità e l esperienza accresciuta delle organizzazioni che li utilizzano, modificano in maniera fondamentale il modo in cui sono consumati gli incarichi e i servizi del settore ICT e dei processi di business. La delocalizzazione non può essere considerata come fattore isolato: la figura 8 illustra l uso globale e continuo delle risorse locali, nearshore, offshore e basate sul cloud per fornire processi informatici o di business integrati. La complessità della catena del valore globale evidenzia la necessità di nuove competenze onshore per gestire e/o integrare i vari elementi. La gestione di team di persone (talvolta suddivisi su vari fusi orari) onshore o tramite servizi forniti attraverso la tecnologia cloud implica che i dipartimenti IT del futuro avranno sempre più la necessità di assumere il ruolo di Service Broker o di integratori di servizi, piuttosto che di svolgere necessariamente tutte le attività da soli. Questo è l insieme delle sfide completamente nuove che i CIO dovranno affrontare. Organizzazione dell'utente finale Fornire od organizzare un settore informatico integrato, il processo di business e compiti o servizi specifici del settore Fornitura locale Centro nearshore Centro offshore Cloud Tutti i tipi di servizi Figura 8: Mix delle fonti e delle capacità complesse nella catena del valore globale. (Fonte: IDC, 2013) Pagina 14

17 L IMPATTO QUANTITATIVO DELLA GLOBALIZZAZIONE Proiezioni - Scenario 1: Crescita prudente Il mondo dell informatica sta profondamente cambiando. Le tendenze che alimentano la delocalizzazione in ambito informatico stanno mutando, poiché l utilizzo crescente di strumenti di automazione, la standardizzazione dei processi e il reimpiego delle risorse, combinati con il cloud computing, plasmano una catena del valore nell ambito del global sourcing. Di conseguenza, la domanda di competenze ICT altamente specializzate cresce sia a livello onshore, sia a quello offshore. In futuro, anche le competenze ICT oggi considerate come tipiche competenze offshore, come la programmazione, potrebbero trovare una maggiore domanda a livello onshore. È importante garantire che le competenze ICT siano sviluppate a tutti livelli della catena del valore dei servizi onshore e che siano compiuti tentativi per rendere allettanti tali carriere; altrimenti potrebbe emergere una nuova crisi dovuta al divario di competenze. La velocità di trasformazione delle aziende e delle organizzazioni, grazie ad una nuova gamma di prodotti e servizi basati sulla convergenza delle tecnologie su piattaforma 3D (mobilità, tecnologie sociali, big data e cloud computing), influenzerà direttamente l andamento della crescita socioeconomica nei prossimi anni. Tuttavia, la trasformazione digitale richiede un nuovo mix di competenze di leadership digitale in grado di sfruttare il comparto informatico ai fini dell innovazione e dello sviluppo aziendale. Pertanto, la carenza di competenze nell ambito della leadership digitale può rivelarsi uno svantaggio competitivo per l industria europea e un ostacolo alla crescita potenziale. In base alle stime ricavate dai nostri modelli, nello scenario più probabile di crescita prudente la domanda europea di competenze ICT a tutto tondo crescerà da 7,7 milioni di individui nel 2012 a 8,6 milioni nel 2020, rappresentando l 1,4% del tasso composto medio di crescita (CAGR). All interno di un simile scenario, l impatto della globalizzazione risulterà approssimativamente in posti di lavoro trasferiti all estero nel 2020, dei quali il 17-18% circa sarà in realtà perduto. Il segmento delle applicazioni, che rappresenta l area di maggior concentrazione dei progetti da delocalizzare, mostra il numero più elevato di posti di lavoro perduti nel settore ICT. Ma la cosa più preoccupante è che un tale impatto colpirebbe in maniera più che proporzionale i laureati nel settore ICT, in quanto (in base alle nostre stime) fino a 4000 posti di lavoro, corrispondenti al 9% dei laureati occupati nel settore ICT, potrebbero essere perduti a causa della delocalizzazione nel Politiche e iniziative sull'istruzione e la formazione (e-skills) Politiche per la crescita e l'innovazione e strumenti di finanziamento Focus sul settore ICT Politiche e iniziative del mercato del lavoro Tendenze macroeconomiche Tendenze del mercato IT Tendenze della delocaliz zazione Innovazione informatica, automazione e cloud Modello di previsione - Risultati principali dell'impatto della globalizzazione Domanda di posti di lavoro nel settore ICT, Stima dei posti di lavoro persi nel settore ICT Stima dei posti di lavoro per laureati persi nel settore ICT Figura 9: Ipotesi del modello di previsione sull interazione delle principali tendenze. (Fonte: IDC, 2014) Pagina 15

18 Proiezioni - Scenari 2 e 3: Vittoria dell innovazione contro la stagnazione Nel corso di questa ricerca sono stati testati due scenari ulteriori: Vittoria dell innovazione, in cui un balzo in avanti della trasformazione digitale attiva un ciclo positivo di crescita economica, e Stagnazione, in cui la recessione economica riduce i consumi e gli investimenti trascinando con sé verso il basso le dinamiche dell innovazione. In entrambi gli scenari, la globalizzazione permane come tendenza forte, pertanto la delocalizzazione continua a crescere. La proporzione dei lavori potenzialmente trasferiti varia dal 6% appena di tutte le competenze ICT richieste nel 2020 nello scenario Vittoria dell innovazione al 10% dello scenario Stagnazione (in paragone al 9% dello scenario Crescita prudente ). L incidenza della perdita di posti di lavoro sul totale delle professioni richieste è marginale, ma qualitativamente importante: la sua percentuale varia dall 1,5% dello scenario di crescita prudente allo 0,7% dello scenario di vittoria dell innovazione, con un picco del 3,4% all interno dello scenario di stagnazione. In altre parole, l impatto generale della globalizzazione e della delocalizzazione sul mercato delle competenze ICT è marginale in termini quantitativi, ma qualitativamente molto importante e comunque più rilevante in certi segmenti di mercato, come lo sviluppo di applicazioni da un lato e il mercato dei giovani laureati nel settore ICT dall altro. Cosa può fare una politica economica per promuovere lo scenario di vittoria dell innovazione ed evitare i rischi connessi allo scenario di stagnazione? Abbiamo esaminato tre insiemi di politiche che esercitano un influenza diretta sulle competenze digitali: politiche legate all istruzione e alla formazione, politiche legate al mercato del lavoro e politiche volte alla crescita e allo sviluppo dell economia digitale. Possiamo concludere che le politiche legate all istruzione hanno l impatto più rilevante a lungo termine nel plasmare l evoluzione delle competenze in risposta alle nuove tendenze della domanda, ma a breve termine le politiche di formazione e quelle legate al mercato del lavoro (quali la promozione di tirocini, la mobilità e le partnership tra pubblico e privato per colmare il divario tra le università e i luoghi di lavoro) hanno la probabilità più alta di influenzare in modo positivo il mercato. La ricerca, l innovazione e le politiche macroeconomiche a sostegno dell economia digitale rivestono un ruolo molto importante nella creazione delle condizioni strutturali che permettono una crescita basata sull innovazione in ambito informatico e uno stimolo alla domanda di competenze digitali. Crescita prudente (in migliaia) Innovazione (in migliaia) Stagnazione (in migliaia) Totale dei posti di lavoro trasferiti nel settore ICT Totale dei posti di lavoro persi nel settore ICT Figura 10: Totale dei posti di lavoro nel settore ICT trasferiti o persi lungo tre scenari. Pagina 16

19 RICHIESTE DI NUOVI CURRICULA PER COMPETENZE E POSTI DI LAVORO FUTURI LE MIGLIORI PRATICHE Richieste di nuovi curricula per competenze e posti di lavoro futuri Le tendenze emergenti nel settore ICT hanno da sempre richiesto nuove competenze e nuove professioni. Tuttavia, come risultato dell incremento di efficienza e della ristrutturazione aziendale, esse hanno comportato anche la perdita dei lavori non più rispondenti ai requisiti dettati dall industria e dal mercato. Le carenze nella formazione e nell istruzione, l accento sulle competenze sbagliate e il problema degli educatori e dei sistemi di istruzione obsoleti sono visti come le principali barriere in ambito educativo e formativo alla crescita o all influenza delle megatendenze tecnologiche emerse in tempi recenti (es. il cloud computing, le tecnologie dei social media, i big data e l Internet delle cose) che spingono la trasformazione e la crescita dell economia. Si presuppone che ciascuna delle attuali megatendenze rappresenti una nuova piattaforma tecnologica per la crescita e l innovazione. Sono queste le aree in cui l Europa e le aziende europee devono rafforzarsi in modo da potersi dimostrare innovative e competitive in futuro. Per ciascuna delle suddette megatendenze si possono identificare dei requisiti di competenze sia per l industria informatica,sia per le industrie utilizzatrici. Adattamento delle istituzioni esecutive superiori in materia di istruzione e formazione Le istituzioni esecutive superiori in materia di istruzione e formazione devono urgentemente adattarsi e sviluppare ulteriormente la propria offerta in linea con le necessità del settore. Una recente ricerca ha identificato la necessità di adattare e/o sviluppare le offerte educative superiori e quelle esecutive in modo da poter fornire capacità e competenze in grado di soddisfare le richieste di questo settore emergente. Un approccio sviluppato al fine di sostenere un simile sforzo inizia definendo i domini delle competenze digitali e dei compiti da svolgere per ciascuna delle nuove megatendenze nel settore ICT, specificando le relative competenze e capacità digitali e fondandole sulle altre competenze, come specificato dal Quadro Europeo delle competenze digitali (e-cf), nonché descrivendo i ruoli coinvolti secondo i profili lavorativi e professionali esistenti nel settore ICT basati sull e-cf e sviluppati per il CEN. Questo tipo di approccio è in linea con le opinioni degli esperti, i quali si pongono decisamente a favore di un approccio allo sviluppo di programmi di istruzione superiore basati sulle competenze nell avvicinarsi alla successiva generazione di programmi per laureati in Sistemi Informativi. Le istituzioni educative superiori ed esecutive potrebbero voler usare tale approccio e i formati sviluppati per fondare su di essi i propri corsi, in modo da identificare l eventuale allineamento con le descrizioni e le capacità richieste e quindi adattarsi ai requisiti di competenze emersi in tempi recenti e derivati dalle suddette megatendenze. Questo consentirà alle istituzioni educative superiori ed esecutive di identificare il grado in cui la loro offerta corrente soddisfa già i requisiti dell industria e/o di sviluppare ulteriormente e adattare i curricula esistenti (o svilupparne di nuovi) ai programmi che forniscono tali competenze. Ciò aiuterà a potenziare ulteriormente i sistemi di istruzione e formazione superiore in Europa, al fine di far fronte al meglio ai bisogni dei datori di lavoro e alle megatendenze emergenti, come descritto qui sopra. Insegnare ad adattarsi ai requisiti di competenze emersi in tempi recenti Le nuove competenze devono essere insegnate a differenti livelli affinché possano garantire la portata massima. Questa responsabilità ricade sulle istituzioni educative superiori e su quelle attive nel campo della formazione esecutiva e in quella superiore. Sono stati identificati differenti approcci all insegnamento delle competenze rivolte alle aree ICT emerse in tempi recenti. Tali approcci seguono le diverse tradizioni in ambito educativo presenti nei vari Paesi e includono le seguenti condotte: Insegnamento dei requisiti di nuove competenze come parte integrante di programmi di studio già esistenti in materia di Informatica o Scienze informatiche, all interno di diversi programmi di master durante gli studi di secondo livello (o nell ultimo anno di quelli di primo livello), come nelle università in Germania, Finlandia e Regno Unito. Programmi di laurea non ufficiali (titolo ufficiale) offerti in collaborazione con l industria, affiancati ai corsi di laurea di primo e secondo livello fortemente regolati, che risultano nell emissione di un certificato universitario in Paesi come la Spagna. Corsi di formazione esecutiva o di istruzione superiore presso le università e le business school, con maggiore enfasi sull ambito tecnico o su quello aziendale; quest ultimo è l ambito posto in evidenza e insegnato per esempio all INSEAD, all interno del corso di istruzione esecutiva Analisi dei dati per le aziende. Programmi specifici e dedicati di istruzione superiore in materia di big data, scienza dei dati o cloud computing, contrassegnati come tali per motivi commerciali al fine di renderli appetibili e allettanti per gli studenti e i datori di lavoro potenziali, come avviene negli USA, ma per certi versi anche nel Regno Unito. Pagina 17

20 È possibile che queste tradizioni e questi metodi d insegnamento continuino ad essere seguiti anche in futuro, adattando i programmi educativi esistenti o sviluppandone di nuovi per adattarsi meglio alle necessità di competenze da parte dell industria. In aggiunta a tutto ciò, i MOOC possono essere visti come un aggiunta che può contribuire anch essa a colmare i divari e le carenze di competenze esistenti e ad incrementare la portata e l accesso alle offerte educative appropriate, diffondendo pertanto più rapidamente le competenze richieste. Le migliori pratiche nell insegnamento dei requisiti futuri di competenze: il caso esemplare dell analisi dei big data La figura seguente fornisce un esempio di programma di istruzione superiore offerto da un università (l Università tecnica di Berlino). Università tecnica di Berlino: Corso di Master con indirizzo Analisi dei Dati (con rilascio di certificazione universitaria) Indirizzo Analisi dei Dati L indirizzo include un programma raccomandato di corsi che riflette una certa enfasi sull analisi dei dati Programmi di master per cui è disponibile l indirizzo Analisi dei Dati : 1. Informatica aziendale 2. Ingegneria informatica 3. Scienze informatiche Obiettivi dell indirizzo Analisi dei Dati : 1. Fornire agli studenti le capacità necessarie per compiere processi decisionali basati sui dati. 2. Ricavare idee da insiemi di dati vasti ed eterogenei. 3. Applicare le metodologie apprese per affrontare problemi di tipo reale in ambito economico e scientifico Profili lavorativi di riferimento: I profili lavorativi di riferimento includono posizioni come Scienziato dei dati (Data Scientist), Analista di dati (Data Analyst) e Ingegnere dei dati (Data Engineer). Durata e moduli: L indirizzo si terrà all interno di un master di quattro semestri (due anni) che prevede conferenze, seminari e tirocini (in cooperazione con i partner industriali), con una tesi di master nel quarto semestre. L indirizzo sarà strutturato sulla base di tre moduli: 1. Analisi dei dati: apprendimento automatico, statistica, text mining, ecc. 2. Gestione scalabile dei dati: Trattamento di strutture di dati vaste ed eterogenee, concetto MapReduce, nuove architetture hardware. 3. Applicazioni: specifiche per gli studi in medicina, scienze dei materiali, scienze energetiche, logistica, ecc. Certificazione Gli studenti profittevoli riceveranno una certificazione emessa dall Istituto EECS dell Università tecnica di Berlino attestante la loro specializzazione; tale certificazione sarà emessa in concomitanza con il diploma di master. Contatti: Volker Markl, Professore e Presidente del gruppo Database Systems and Information Management (DIMA), Università tecnica di Berlino Figura 11: Il programma di istruzione superiore offerto dall Università tecnica di Berlino. Pagina 18

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013.

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013. Internet of Everything (IoE) I 10 risultati principali del sondaggio IoE Value Index di Cisco, condotto su un campione di 7.500 responsabili aziendali in 12 paesi Joseph Bradley Jeff Loucks Andy Noronha

Dettagli

LA PERFORMANCE SUL LAVORO

LA PERFORMANCE SUL LAVORO kelly Global workforce index LA PERFORMANCE SUL LAVORO 120.000 PERSONE EDIZIONE: GIUGNO 2013 3 1 I P A E S PENSI DI ESSERE PAGATO/A A SUFFICIENZA? (PER COMPETENZE) SÌ 26% Scienze 24% Finanza/ Contabilità

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) - World Employment and Social Outlook 2015. The Changing Nature of Jobs ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale La prima edizione del nuovo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

Crescita globale: mondo che invecchia? Ci salverà la produttività in un. Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015

Crescita globale: mondo che invecchia? Ci salverà la produttività in un. Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015 Crescita globale: Ci salverà la produttività in un mondo che invecchia? Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015 Crescita del PIL mondiale dal 1964 al 2015 50 anni x6 1 Popolazione e

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

Superare l isolamento dell IT

Superare l isolamento dell IT Europa Superare l isolamento dell Analisi globale con approfondimento sull Europa Executive summary realizzato dalla Economist Intelligence Unit in collaborazione con BMC Software Superare l isolamento

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

Il capitale umano per il XXI secolo

Il capitale umano per il XXI secolo Il capitale umano per il XXI secolo Ignazio Visco Vice Direttore Generale Banca d Italia Bari, 8 aprile 2011 Le forze della demografia In Italia forte invecchiamento della popolazione, riflesso di calo

Dettagli

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Executive Summary Sistema integrato di iniziative formative di innovazione per la famiglia professionale ICT Febbraio 2011

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI. www.prochile.gob.cl

ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI. www.prochile.gob.cl ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI www.prochile.gob.cl Il Cile sorprende per la sua geografia diversificata. Le sue montagne, valli, deserti, boschi e migliaia di chilometri di costa

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET)

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Sintesi del rapporto EMBARGO Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Rapporto globale sui salari 2014/15 Disparità di salario e di reddito Rapporto

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

Il questionario è stato preparato

Il questionario è stato preparato PRIMO CONFRONTO DEGLI INDICATORI DEMOGRAFICI, FINANZIARI E DEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROFESSIONE Indagine Fve sulla professione medico veterinaria in Europa Le opinioni di oltre 13.000 veterinari provenienti

Dettagli

Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese

Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese Un profilo personalizzato di adozione della tecnologia commissionato da Cisco Gennaio 2014 Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese 1 Introduzione In un panorama aziendale

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione delle imprese italiane Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione produttiva delle imprese italiane Fenomeno complesso e differenziato

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Comunicato stampa - PwC Entertainment&Media Outlook 2012

Comunicato stampa - PwC Entertainment&Media Outlook 2012 Comunicato stampa - PwC Entertainment&Media Outlook 2012 ERA DIGITALE: E LA FINE DELL INIZIO. ORA LE SOCIETÀ DEL MEDIA DEVONO IMPLEMENTARE LE PROPRIE STRATEGIE DIGITAL E NON. Nel 2016 il mercato mondiale

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Nick Ockenden (IVR) 1. Introduzione: i Report Nazionali Uno dei principali risultati del

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2003-2016 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

L impatto del cloud sui modelli di utilizzo dell IT I 10 risultati principali

L impatto del cloud sui modelli di utilizzo dell IT I 10 risultati principali L impatto del cloud sui modelli di utilizzo dell IT I 10 risultati principali Joseph Bradley James Macaulay Andy Noronha Hiten Sethi Redatto in collaborazione con Intel Introduzione Nell arco di pochi

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

e-learning Pensare all'istruzione di domani

e-learning Pensare all'istruzione di domani 1 COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE e-learning Pensare all'istruzione di domani Introduzione Durante il Consiglio europeo di Lisbona, tenutosi nei giorni 23 e 24 marzo 2000, i Capi di Stato e di Governo,

Dettagli

CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE?

CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE? CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE? Simona Baggiani La scuola sono i professori, nel bene e nel male, questo è un dato incontrovertibile. In altre parole: serve un buon insegnante per fare

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B. Settembre 2014

IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B. Settembre 2014 IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B Settembre 2014 INDICE 1- Il mercato turistico: ieri ed oggi 2- Il comportamento del turista 3- Le opportunità 4- Gli strumenti

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano Education at a Glance 2010: OECD Indicators Summary in Italian Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE Sintesi in italiano Nell area OCSE, i governi stanno cercando di rendere più efficace il sistema

Dettagli

Bozza di risoluzione n 3 presentata dalla Presidenza del PPE al Congresso del PPE, Madrid (Spagna), 21-22 ottobre 2015

Bozza di risoluzione n 3 presentata dalla Presidenza del PPE al Congresso del PPE, Madrid (Spagna), 21-22 ottobre 2015 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 Bozza di risoluzione n 3 presentata dalla Presidenza del PPE al Congresso del PPE, Madrid (Spagna),

Dettagli

Adecco e INSEAD lanciano il Global Talent Competitiveness Index, il primo indice globale di competitività dei talenti

Adecco e INSEAD lanciano il Global Talent Competitiveness Index, il primo indice globale di competitività dei talenti Adecco e INSEAD lanciano il Global Talent Competitiveness Index, il primo indice globale di competitività dei talenti Svizzera e Singapore guidano la classifica mondiale (103 Paesi) per la capacità di

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

Una finestra sulla Commissione Europea A cura di Lynne Hunter

Una finestra sulla Commissione Europea A cura di Lynne Hunter Una finestra sulla Commissione Europea A cura di Lynne Hunter Da Lisbona a Barcellona al 2010. Ci siamo quasi? Il 2005 rappresenta il giro di boa per il raggiungimento degli Obiettivi di Lisbona 2010 fissati

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise 1 WP2/D.5 Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE 2 UN MODELLO PER L EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA ALLA CARRIERA RISPONDENTE ALLE ESIGENZE DI DOTTORANDI

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI Giugno 2012 Gruppo ad alto livello presieduto dal professor B. T. Bayliss SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI Il gruppo

Dettagli

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA A.A. 2011/2012 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Fabio Bartolazzi CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro Ingegneria è tradizionalmente considerata una laurea forte, un percorso di studi severo che apre al mondo del lavoro, forma professionisti in

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE AS HIO N LUXURY Internet e customer engagement omnichannel stanno trasformando le strategie dei grandi brand del mercato Fashion

Dettagli

Le 7 competenze chiave del Consulente IT

Le 7 competenze chiave del Consulente IT Le 7 competenze chiave del Consulente IT di Pierluigi Demaria Pierluigi Demaria ha partecipato a decine di progetti nazionali e internazionali supportando oltre 200 consulenti e manager nella implementazione,supporto

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Pinuccia Calia, Ignazio Drudi La diffusione e la penetrazione dell

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com

Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com News release Contact Hilary Downes, media relations, PwC Tel: +44 (0)207 213 4706 / +44 (0)7718 340 113 e-mail: hilary.n.downes@uk.pwc.com PwC: I patrimoni globali gestiti supereranno quota 100.000 miliardi

Dettagli

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile EARTH e le organizzazioni firmatarie invitano le istituzioni europee a dare avvio a uno studio su scala

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro La Nuvola Rosa Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro Girls in STEM Perché così poche? Donne nella Scienza, nella Tecnologia, in Ingegneria e in Matematica : è il titolo di un recente

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

APPUNTI E-SKILLS DIFFUSIONE, APPRENDIMENTO, FABBISOGNI LE NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE COME VOLANO DI SVILUPPO

APPUNTI E-SKILLS DIFFUSIONE, APPRENDIMENTO, FABBISOGNI LE NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE COME VOLANO DI SVILUPPO 16 a p r i l e. 2012 E-SKILLS DIFFUSIONE, APPRENDIMENTO, FABBISOGNI Le ICT hanno un ruolo crescente nelle imprese e il possesso di competenze digitali sarà sempre più indispensabile per avere maggiori

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

Informazioni su NA SVILUPPO PROGRAMMA

Informazioni su NA SVILUPPO PROGRAMMA Informazioni su NA Narcotici Anonimi è un associazione internazionale di tossicodipendenti in recupero che conta più di 58.000 riunioni settimanali in 131 paesi del mondo. SVILUPPO Narcotici Anonimi ebbe

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012 BENESSERE CASA BELLEZZA RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012 Il potenziale imprenditoriale in Italia in tempo di crisi RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ IN EUROPA E IN ITALIA ANNO 2012 CASA

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Introduzione alla sociologia

Introduzione alla sociologia Introduzione alla sociologia Le persone e il sociale La sociologia studia il rapporto di influenza reciproco che lega le persone alle strutture e ai processi sociali, i quali possono essere associati a

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli