Info Rai TV N 207 del 29 gennaio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Info Rai TV N 207 del 29 gennaio 2013"

Transcript

1 Gruppo Aziendale UILCOM-UIL Rai Rai Way Milano Info Rai TV N 207 del 29 gennaio Crisi: crescita lenta salari, a minimi da Rai: 'Teca Aperta' anche in corso Sempione a Milano 3. Frequenze tv, fuori Rai, Mediaset e Telecom 4. Rai: «Sisma, si può disdire l abbonamento» 5. I film di Rai Cinema nati per la rete gratis sul web dal 31 gennaio 6. L Europa e Internet super veloce: è italiano il coordinatore del progetto 7. Tecnologia: ecco i 10 trend del Focus Ascolti Borsino delle Reti: Settimana gennaio Nuova classificazione Agcom per i ricevitori digitali: torna il miraggio del decoder unico 10. Il mistero de La7 11. Digitale terrestre Biella: risolto il problema delle frequenze Rai 12. Rai: Gubitosi accelera sui pensionamenti. Mezzo Tg1 a rischio 13. Fisco, Gdf scopre 6,5 miliardi di danni. Denunciati in Cassa integrazione: 4,2 miliardi di ore negli ultimi 4 anni, + 370% 15. Prometeia: nel 2013 pressione fiscale a 45%. E record 16. Confindustria: "Abbiamo toccato il fondo. Si va verso la ripresa" Crisi: crescita lenta salari, a minimi da retribuzioni-2012-minimo-1983_ html ROMA - Le retribuzioni contrattuali orarie nella media del 2012 sono aumentate dell'1,5% rispetto all'anno precedente. Lo rileva l'istat, aggiungendo che si tratta della crescita media annua più bassa dal Nella serie Istat sulle retribuzioni contrattuali orarie per l'intera economia, che riporta i valori medi annui dal 1983, mai si era registrato un livello così basso. Infatti il 2012 segna un incremento inferiore anche a quello del già 'nero' 2011, quando l'indice era salito dell'1,8%, il minimo dal Tornando al 2012, parlando del dato più basso dal 1983, ovvero da 29 anni quindi del record assoluto negativo, si deve tenere conto delle condizioni molto differenti che caratterizzavano gli anni Ottanta, con un'inflazione molto più alta, c'era ancora la lira. Nella media del 2012 la forbice tra l'aumento delle retribuzioni contrattuali orarie (+1,5%) e l'inflazione (+3,0%), su base annua, è stata di 1,5 punti percentuali. Lo rileva l'istat. Quindi la crescita dei prezzi è stata doppia rispetto a quella dei salari. Si tratta del divario maggiore, a sfavore delle retribuzioni, dal Le retribuzioni contrattuali orarie a dicembre restano quasi ferme rispetto a novembre, salendo solo dello 0,1%, mentre crescono dell'1,7% su base annua (dal +1,6% del mese precedente). Lo rileva l'istat. Il dato tendenziale, il più alto dall'ottobre 2011 (terzo aumento consecutivo), nonostante la frenata dei prezzi, rimane sotto il livello 1

2 d'inflazione (+2,3%), ma il divario si restringe a 0,6 punti percentuali (il gap era di 0,9 punti a novembre). CONSUMATORI, POTERE ACQUISTO -540 EURO A FAMIGLIA - I dati diffusi oggi dall'istat in merito alle retribuzioni nel 2012 "certificano la disastrosa situazione economica in cui versano le famiglie italiane", che subiscono una perdita del potere d'acquisto pari a 540 euro l'anno. E' quanto calcolano Federconsumatori e Adusbef. "Mentre i prezzi - spiegano le due associazioni basandosi su dati dell'osservatorio Federconsumatori - aumentano in maniera incontrollata, raggiungendo, per lo scorso anno, un totale di euro e di euro nel 2013, le retribuzioni aumentano appena dell'1,5% a fronte di un tasso di inflazione che ha raggiunto il 3%. Tale andamento negativo intacca gravemente il potere di acquisto dei cittadini, che ad oggi risulta in calo del -13,3%". Particolarmente colpite sono le famiglie a reddito fisso: "Alla luce dei dati odierni sulle retribuzioni la diminuzione della capacità di acquisto nel 2012 è pari al -1,5%, livello che segna un nuovo record della forbice tra l'aumento delle retribuzioni ed il livello di inflazione. Per una famiglia media (di 2,5 componenti) monoreddito si tratta di 450 euro annui, mentre per una di tre componenti la diminuzione di potere d'acquisto sarà pari a 540 euro l'anno". Tale perdita della capacità di acquisto, secondo Federconsumatori e Adusbef, equivale a circa un mese di spesa alimentare di una famiglia. Rai: 'Teca Aperta' anche in corso Sempione a Milano Nostalgia del commissario Maigret o di Rischiatutto? Curiosità per i grandi varietà del passato o per le pagine di storia raccontate da Tg, Giornali Radio e programmi di approfondimento della Rai? Andare a lezione dal maestro Manzi o rivedere i grandi sceneggiati del passato e i mitici Studi della Fiera? Per farlo, a Milano, basta un click, nella nuova Teca Aperta, creata dalla direzione Teche Rai con la collaborazione del Centro di Produzione Tv di Milano in corso Sempione 27. Un nuovo servizio gratuito e aperto al pubblico che mette a disposizione di cittadini, professionisti del settore, docenti, studenti, enti e istituzioni l accesso al Catalogo Multimediale della Rai; una banca della memoria in cui rivedere e riascoltare quanto realizzato dalla Rai nella sua storia: milioni di documenti e oltre tre milioni di ore di programmi radiofonici e televisivi, insieme a trentacinquemila fotografie, ottantamila copioni, oltre duemila manifesti storici, l intera raccolta del Radiocorriere dal 1925 al 1995 e il contenuto completo degli archivi storici testuali di documentazione dei programmi. Tutto materiale che è visibile esclusivamente presso la Teca Aperta e non attraverso il web pubblico. Gli orari del servizio - con le postazioni multimediali per l accesso al Catalogo - sono dal lunedì al giovedì dalle 9.30 alle e il venerdì dalle 9.30 alle 16.00, per appuntamento chiamando il numero o scrivendo all indirizzo mail A Milano - dice Barbara Scaramucci, direttore di Teche Rai - questo accesso alla consultazione del catalogo Teche era possibile finora presso la Mediateca di Santa Teresa, ma la città e la realtà lombarda non potevano fare a meno di una struttura di teca aperta nella storica sede Rai di Corso Sempione. Gherardo Colombo - consigliere d amministrazione della Rai - si è soffermato sul fatto che se una persona volesse rivedere e riascoltare i tre milioni di ore di radio e di tv del passato disponibili nel catalogo multimediale delle Teche Rai e ci dedicasse otto ore al giorno, finirebbe nel

3 Frequenze tv, fuori Rai, Mediaset e Telecom 8&chkAgenzie=TMFI&tipoNews=CAL Cambia l asta delle frequenze tv e, come anticipato da MF-Milano Finanza, restano fuori i big della televisione generalista: Rai, Mediaset e Telecom Italia. L Agcom ha concluso il primo giro di consultazioni per redigere ex novo il bando di gara per la vendita dei mutiplex digitali (il governo Berlusconi aveva stabilito l assegnazione gratuita delle frequenze MegaHertz, l esecutivo Monti ha deciso di venderle al miglior offerente). Cosa cambia rispetto alla prima bozza dell Autorità per le comunicazioni? I lotti messi all asta non sono più di cinque multiplex ma solo di tre piattaforme di canali: verranno vendute solo le frequenze che coprono oltre il 90% del territorio e che danno luogo ad una concessione ventennale e non quinquennale. La decisione di Marcello Cardani e colleghi tira fuori tutti i network preesistenti sulla piattaforma televisiva digitale (appunto Rai, Mediaset e Telecom Italia) e permetterà solo ai nuovi entranti, Sky e Discovery Channel in primis, di partecipare all asta. Il governo si attendeva un miliardo di euro da questa asta ma è lecito ridurre di almeno la metà l incasso previsto. Gli altri due multiplex che inizialmente erano stati messi all asta andranno invece agli operatori telefonici e quindi in questo caso rientrerà in gioco Telecom Italia. Il Consiglio dell'autorità, ha poi ricordato il presidente Cardani in una nota, ha approvato lo scorso 17 dicembre uno schema di provvedimento che è stato tempestivamente trasmesso alla Commissione europea. In quella sede l'agcom si è riservata di concludere gli approfondimenti tecnici volti a migliorare la qualità dei multiplex messi a gara attraverso la soluzione di problemi di interferenze che sono stati segnalati nel corso della consultazione pubblica. L Agcom punta al "miglioramento del grado di concorrenza tra operatori esistenti e soggetti nuovi entranti, in linea con quanto emerso nell'interlocuzione condotta con la Commissione, anche attraverso la soluzione delle criticità evidenziate e il miglioramento dei lotti a gara riservati ai nuovi entrantii": una conferma che ai nuovi entranti saranno alla fine riservati i tre multiplex Rai: «Sisma, si può disdire l abbonamento» La Rai è stata subissata di richieste e ieri sera ha annunciato che gli abbonati con abitazione inagibile e ordinanza di sgombero «possono comunicarlo allo Sportello Abbonamenti Tv e richiedere l annullamento dell abbonamento stesso». Inoltrando dunque l opportuna richiesta, niente più canone Rai da pagare per il La protesta si era levata forte e chiara nei giorni scorsi, quando decine e decine di sfollati della Bassa modenese avevano iniziato a ricevere il bollettino per pagare il canone della Rai per l anno in corso. Da Novi a Cavezzo, da Mirandola a San Felice, da Concordia a Finale, tantissime persone si sono viste chiedere il denaro per una televisione che sta in una casa attualmente inagibile o che probabilmente è rimasta distrutta sotto le macerie; abitazioni dove da otto mesi non possono entrare a causa dei danni prodotti dal terremoto. Ieri è arrivata la risposta della Rai. «La sospensione prevista per legge dei termini dei versamenti tributari per il recente sisma dell Emilia Romagna è scaduta il 30 novembre 2012 e non è stata prorogata - esordiscono dalla tv nazionale - pertanto tutti gli abbonamenti privati che non hanno comunicato all Agenzia delle Entrate - Sat Sportello Abbonamenti Tv - casella postale Torino, l inagibilità del proprio appartamento, supportata da conseguente ordinanza di sgombero - o la distruzione 3

4 dell apparecchio televisivo a seguito dell evento calamitoso, hanno ricevuto il bollettino per il rinnovo dell anno 2013 che il Sat invia a tutti gli abbonati. Naturalmente gli abbonati che si trovassero nelle situazioni sopra indicate possono comunque ancora comunicarlo al Sat e richiedere l annullamento dell abbonamento». Ieri la Regione aveva chiesto ai vertici Rai la sospensione del pagamento del canone 2013 per chi aveva subìto danni alle abitazioni. L assessore Gian Carlo Muzzarelli ha inviato una lettera al presidente Rai e al direttore generale. La Rai nella sua risposta si è detta disponibile non a concedere sospensioni, ma ad accogliere richieste di annullamento dell abbonamento dietro esplicita richiesta da parte dei diretti interessati che dovrà essere corredata dalle dichiarazioni di inagibilità e ordinanza di sgombero dell abitazione. I film di Rai Cinema nati per la rete gratis sul web dal 31 gennaio Inviato da Alessio Marino Notizia 28/01/2013 ( ore 17:19 ) : I film del progetto Web Movies, prodotti da Rai Cinema, pensati e realizzati per la rete, saranno disponibili in streaming gratuitamente a partire dal 31 gennaio Per la prima volta sarà possibile guardare film inediti direttamente attraverso varie modalità web: un titolo al mese gratis in streaming su Rai Cinema Channel, il nuovo canale web di Rai Cinema inserito nel sistema dei portali Rai e sul canale YouTube Rai. Il progetto Web Movies - ideato nel 2010 da Rai Cinema e presentato in occasione del Festival Internazionale del Film di Roma rappresenta la prima linea editoriale di film di genere, destinati alla circuitazione in rete. L'obiettivo è quello di sostenere la creatività di giovani registi e di testare il mercato cinematografico su una realtà distributiva alternativa alla sala, creando una filiera di sfruttamento diversa da quella tradizionale per capire se il potenziale del web rappresenta un'opzione valida, meno costosa e più semplice, soprattutto per quei film di genere più orientati all'intrattenimento e più vicini ai gusti di chi frequenta abitualmente la rete.questo testimonia l'attenzione che la Rai rivolge ai giovani, ai nuovi talenti e alle nuove forme di sfruttamento per raggiungere tutti i tipi di pubblico.dopo un primo passaggio su Cubovision, la Tv di Telecom Italia, i 10 web movies saranno disponibili in modalità streaming gratis dal 31 gennaio su Rai Cinema Channel (www.raicinema.rai.it) e su YouTube Rai (www.youtube.com/user/rai). Esaurito il primo periodo di lancio, i film saranno visibili a pagamento su itunes, lo shop on-line di Apple, e su altre piattaforme dello stesso tipo, e in seguito distribuiti in home video.a seguire saranno trasmessi su Rai Movie. Il primo titolo visibile online dal 31 gennaio 2013 sarà "Fairytale" di Ascanio Malgarini e Christian Bisceglia. A seguire, ogni ultimo del mese, tutti gli altri film del progetto: "True Love" di Enrico Clerico Nasino "Circuito chiuso" di Giorgio Amato "Andare via" di Claudio Di Biagio "Aquadro" di Stefano Lodovichi "La voce dei cani" di Mario Amura "L'ultimo weekend" di Domenico Raimondi "Neverlake" di Riccardo Paoletti "Happy Days Motel" di Francesca Staasch "The President's Staff" di Massimo Morini 4

5 L Europa e Internet super veloce: è italiano il coordinatore del progetto Di Dario Caputo :00 CET L'Italia e la formazione, l'italia e il mondo della ricerca. Un contatto e un mondo che purtroppo stenta a decollare sul nostro territorio anche a causa delle politiche disastrose attuate su questi temi dai governi. Molti giovani ricercatori italiani, a causa dei continui e ingenti tagli al mondo della ricerca, sono costretti ad andare fuori confine per potersi esprimere al meglio quando potrebbero rappresentare un vanto per la nostra nazione rimanendo a fare il proprio lavoro in Italia. Uno di questi è Marco Ruffini, studente e ricercatore marchigiano in architetture in fibra ottica, lavora alla Facoltà di "Computer Science" di Dublino. Coordina, insieme ad un altro collega, un progetto che ha in mente di rivoluzionare il rapporto tra Tlc, le case e le imprese. Il progetto si chiama "Discus" e l'europa ha deciso di finanziarlo con 8,1 milioni di euro. A questo progetto lavoreranno ricercatori e ricercatrici del Centro di ricerca nazionale delle Tlc ospitato dal Trinity College. Mira a lavorare su nuovi sistemi di utilizzo della fibra ottica in una rete a banda larga semplificata, così da offrire un Internet super veloce sia nelle aree urbane che in quelle rurali. Sia Ruffini sia l'altro coordinatore del progetto, l'ingegnere elettronico presso il Trinity David Payne, credono che si possa arrivare a trovare una nuova tecnologia, denominata Long-Reach Passive Optical Network, in grado di aumentare la distanza, paragonandola agli standard attuali, fra le case e le centrali Tlc da 20 a 100 chilometri. Gli utenti potrebbero aumentare dagli attuali 32 fino a e gli snodi centrali si ridurrebbero da a 20. L'intero progetto avrà una durata di tre anni e tra i partecipanti ci sarà anche Telecom Italia. Proprio tutto questo si muove nel solco che già l'europa ha tracciato creando la "Grand Coalition for Digital Skills and Jobs" in grado di riunire le proposte di stage, tirocini, corsi, programmi per startup. Tutto questo perché, secondo uno studio, in Europa mancano figure professionali appropriate per coprire 700mila posti di lavoro nel settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Lo stesso vicepresidente della Commissione europea responsabile per l'agenda digitale europea, Neelie Kroes, ha ricordato che, tra il 2006 e il 2010, c'è stato un calo dei titoli di studio in tecnologie dell'informazione e della comunicazione (Ict) del 10% rispetto al dato del +3% annuo di aumento di espansione dell'area. Tecnologia: ecco i 10 trend del Il dono dell ubiquità, l archiviazione sulla nuvola, il BYO(D), un assistente virtuale in auto: questi sono alcuni dei dieci trend nell ambito delle comunicazioni e della tecnologia previsti da Siemens Enterprise Communications per il nuovo anno. Il 2013 segnerà l inizio dell era bio-mediatica: internet, social network, smartphone e tablet sono ormai parte della nostra vita, rappresentando appendici tecnologiche della nostra quotidianità Le parole chiave riguardo alla comunicazione e alla tecnologia saranno sempre di più, nel prossimo futuro, mobilità, social e Cloud: dall intersezione di questi fenomeni derivano anche i 10 trend che Siemens Enterprise Communications ha previsto per il Quella che si prospetta è infatti un era bio-mediatica in cui individuo e tecnologia saranno talmente sinergici da integrarsi perfettamente in un tutt uno in cui la persona sarà al centro di ogni dinamica comunicativa, semplicemente dotata di appendici 5

6 tecnologiche: dal pagamento in cassa tramite smartphone all assistente che legge e risponde agli sms in auto, dall archiviazione virtuale sulla nuvola all ubiquità dei team virtuali, la nuova tecnologia velocizza e rende più sicuri tutti i processi sia professionali che privati. Siemens Enterprise Communications, leader globale nelle comunicazioni aziendali con oltre 160 anni di storia, ha previsto in particolare dieci elementi innovativi che caratterizzeranno il 2013: 1) PAGARE CON LO SMARTPHONE Decollo dello standard NFC ( Near Field Communications ). Il protocollo NFC sarà sempre più utilizzato per effettuare pagamenti e transazioni con lo smartphone in sostituzione della carta di credito ( contactless mobile ). Nel prossimo futuro si rivelerà utile anche nella Unified Communication, ad esempio nello scambio di informazioni sui contatti, impostazioni di presenza automatiche, aggiornamenti social, trasferimento dati, applicazioni per la sicurezza attraverso tag. Nuovi accessori utilizzati con gli smartphone permetteranno di preservare l utente da comunicazioni indesiderate e da hacker, rendendo questo dispositivo più sicuro. 2) COMUNICAZIONI REAL TIME DAI BROWSER I browser web installati nel 2013 avranno integrate funzionalità di comunicazione in tempo reale. Grazie allo sviluppo dell open source WebRTC si potranno avere audio e video integrati nel browser, funzionalità interessante sia sul versante del consumatore che su quello delle aziende. Questo incoraggerà i fornitori di soluzioni di comunicazione per le imprese ad annunciare il supporto della WebRTC, probabilmente interoperando con le loro offerte già disponibili. 3) SEMPRE PIÚ SULLA NUVOLA La C di C-Drive starà per Cloud. Le realtà B2B e B2C si intrecceranno sempre di più, mentre i fornitori aumenteranno l integrazione delle soluzioni aziendali sicure con gli archivi personali gestiti sul Cloud e le soluzioni di spazi di lavoro condivisi. I dipendenti avranno un unico punto di accesso per i loro dati personali e lavorativi, integrato da applicazioni che permettano di ricominciare quel che avevano lasciato in sospeso, da qualsiasi luogo, network o dispositivo che hanno a disposizione. Il Cloud personale sostituirà la chiavetta USB e le come metodo preferito per salvare e archiviare dati, immagini e informazioni velocemente, ma anche per condividere contenuti per la collaborazione con il proprio team professionale. 4) UN SOCIAL NETWORK PER IL BUSINESS Il Social Media 1.0 cambia pelle. Nel 2013, milioni di utenti dei social network si sentiranno sempre più frustrati e appesantiti dall opprimente pressione dei contenuti degli attuali social media. Se il fastidio è oggi inevitabile con questi social media, potrà però emergere un nuovo modello di social media, più strutturato, strategico e produttivo, che sia realmente performante ed utile per gli utenti business che cercano di entrare in contatto con i loro clienti. La qualità supererà la quantità in tutti i parametri dei social media, poiché le aziende chiedono che aumenti notevolmente la quota di rilevanza e valore del rapporto segnale-rumore. 5) L AUTO DIVENTA ASSISTENTE DI GUIDA La tua prossima auto sarà anche il tuo assistente, sicuro ovviamente. Oltre a disporre in modo standard del Bluetooth, le auto acquistate dalla seconda metà del 2013 avranno una sede sul cruscotto per tablet/smartphone, o un display LCD che riporti i loro contenuti. Una conseguenza positiva sarà la capacità di questi dispositivi di ridurre le distrazioni alla guida: infatti avanzate tecnologie di lettura da testo (text-tospeech) ridurranno la tentazione di leggere messaggi mentre si guida, e la traduzione da voce a testo (speech-to-text) permetterà ai guidatori di rispondere ai messaggi mentre tengono le mani sul volante e gli occhi alla strada. 6

7 6) L NON MUORE, ANZI RISORGE Cresce l uso globale dell . Contro ogni pronostico, cresce l uso della mail nel Nonostante le previsioni di morte dell per mano dei social network, continuerà invece ad essere il metodo centrale di comunicazione elettronica per il lavoro, grazie alla sua natura strutturata, verificabile, familiare ed ubiqua. La crescita di componenti aggiuntivi per la , come gli strumenti di produttività e filtro, avrà un picco nel Ironicamente, la maggior parte dei lavoratori continuerà a ricevere il flusso di aggiornamenti dei social media nella propria casella . 7) UN NUOVO FLUSSO DI DATI DISPONBILE PER L AZIENDA La registrazione delle comunicazioni crea una nuova fonte di Big Data. Ogni telefonata e conference call, scambio in chat, sessione collaborativa video e web, è un flusso di dati potenzialmente catturabile e gestibile per le necessità dell azienda. Registrare, trascrivere, indicizzare e catalogare le comunicazioni porterà una nuova spinta produttiva, con il supporto dei cosiddetti big data. Una volta organizzate, filtrate e rese ricercabili, le comunicazioni contestuali inizieranno a diventare più semplici soprattutto per gli utenti che patiscono un sovraccarico di comunicazione e informazione. Gli utenti potranno contare sul sistema per monitorare quello che è rilevante e recente, recuperare i contenuti che prima erano irrintracciabili per migliorare le performance del team. 8) PIÚ VICINI AL DONO DELL UBIQUITÁ Gli utenti saranno l ultimo ostacolo per l ubiquità delle videoconferenze aziendali. Quando si combinano l impatto dei server software per videoconferenze (i cosidetti MCU ), i servizi Cloud per le videoconferenze (alcuni dei quali gratis) e le webcam integrate in modo standard nei dispositivi informatici, molti dei tradizionali ostacoli alle videoconferenze ubique scompaiono rapidamente. Entro la fine del 2013, anche gli schermi TV saranno predisposti per videoconferenze multi-party. L ultima sfida sarà spingere i partecipanti a mettersi davanti alla videocamera! 9) DAL BYOD AL BYO_ L ormai noto fenomeno del BYOD (Bring your own device, letteralmente porta con te il tuo dispositivo ) si estenderà ad altre categorie (porta con te il tuo... sistema, applicazione, archivio, cloud). La metà delle decisioni di fruizione di soluzioni IT saranno guidate da utenti e dirigenti delle linee di business, al di fuori del tradizionale dipartimento IT dell azienda. Per la realtà IT, la logica conseguenza di questo trend sarà il cambio di focus dalla fornitura di stazioni di lavoro configurate alle politiche di centralizzazione, agli standard di sicurezza e al controllo nell utilizzo conesso alla proliferazione del BYO_. 10) EFFICACIA DEI TEAM VIRTUALI Le aziende scoprono vantaggi competitivi non ancora sfruttati nelle performance dei team virtuali. Dopo anni di ristrutturazione, ridimensionamento, taglio dei costi, offshore e out-sourcing, nel 2013 le aziende scopriranno le potenzialità non ancora utilizzate per incrementare notevolmente le performance dei loro team attraverso l uso effettivo delle tecnologie per la collaborazione. Questa amplificazione dello sforzo collettivo avrà particolare impatto sullo stile lavorativo - dove i team virtuali, remoti e distribuiti, sono già diventati la norma per i progetti più critici, con i membri del team dispersi nei vari uffici o residenze, in paesi o addirittura continenti diversi. L ERA BIO-MEDIATICA, I DATI I dati sull Italia per l anno appena trascorso vanno nella direzione di una piena sinergia tra individuo e tecnologia. L esplosione del mobile ne è una delle prove: almeno il 28% degli utenti accede ad internet da un dispositivo mobile, grazie anche all aumento della diffusione degli smartphone (+10% nel 2012). Il dato naturalmente influenza anche l uso dei social network: il 46% degli utenti accede ai social media dal mobile, e più di un utente su due pubblica informazioni, foto e video sul proprio profilo (il 30,7% sulle proprie attività quotidiane, il 7% sulla propria vita 7

8 sentimentale) facendo nascere la necessità, nel prossimo futuro, di social network più performativi, professionali ed adatti a dinamizzare un mercato del lavoro che peraltro già sfrutta questi nuovi mezzi (solo negli USA, nel 2012 sono stati pubblicati 65 mila annunci di lavoro sui social media) eliminando il rumore di fondo dei social network più generici. Anche i servizi di Cloud si configurano come strumenti potenzialmente rivoluzionari per il settore professionale: nel 2012 hanno già aiutato le aziende di tutto il mondo a risparmiare, secondo uno studio di IDC, 400 miliardi di dollari e hanno aiutato 1,5 miliardi di persone a trovare lavoro (e ne dovrebbero aiutare 7 miliardi entro il 2015). Non a caso, tra le sette nuove priorità per l'economia e la società digitali che la Commissione europea ha adottato a fine 2012, compare la necessità di accelerare il cloud-computing: se l Agenda digitale aggiornata venisse attuata appieno, nei prossimi otto anni il PIL europeo aumenterebbe del 5%, e a lungo termine si arriverebbe alla creazione di 3,8 milioni di posti di lavoro in tutti i settori dell'economia. Focus Ascolti Borsino delle Reti: Settimana gennaio Pubblicato il 28 gen 2013 da Hit Nuova appendice della nostra rubrica di Focus Ascolti che ogni lunedì stilerà il borsino delle reti televisive italiane, raffrontando il dato relativo al totale individui e totale giornata con quello della settimana precedente. Terremo così monitorati i dati delle varie reti settimana dopo settimana e vedremo anche la differenza percentuale, in positivo oppure in negativo, che ogni rete realizzerà. Partiamo dunque con i dati relativi alla settimana che va da domenica 20 a sabato 26 gennaio Iniziamo dunque dalle reti che hanno guadagnato rispetto ai dati della settimana precedente, quella che va dal 13 al 19 gennaio La rete che ha guadagnato di più è Canale5, che ha incrementato il suo dato nel totale giornata-individui dello 0,53% di share. Segue Rai3 che è salita rispetto alla settimana precedente dello 0,40% di share. Segno più anche per Italia1 che guadagna lo 0,18% di share. In salita anche il dato di La7 che guadagna lo 0,09% di share. Anche Rete4 ottiene un segno positivo, seppur di poco, guadagnando rispetto alla settimana precedente lo 0,02% di share. Segno in rosso per Rai2 che perde lo 0,58 di share rispetto alla settimana scorsa. Segno meno anche per Rai1 che perde lo 0,79 di share rispetto alla settimana precedente. Il totale delle reti Rai (generaliste e digitali) è questa settimana pari al 38,87% di share, mentre il totale delle reti Mediaset (generaliste e digitali) è del 34,36% di share. Vediamo le percentuali di share di ciascuna delle 7 reti generaliste della settimana appena terminata (20-26 gennaio 2013) nei dati totale individui-totale giornata (02:00-01:59). Settimo posto per La7 con il 3,92% di share. Sesto posto per Rete4 con il 5,44% di share. Al quinto posto troviamo Rai2 con il 6,64% di share. Quarto posto per Italia1 con il 6,85% di share. Vediamo ora il podio. Al terzo posto troviamo Rai3 con il 7,87% di share. Medaglia d argento e secondo posto per Canale5 con il 16,74% di share, quindi al primo posto e medaglia d oro troviamo Rai1 con il 18,05% di share. 8

9 Nuova classificazione Agcom per i ricevitori digitali: torna il miraggio del decoder unico Dodici anni e più dopo l'emanazione della prima normativa sull'argomento (Delibera 216/00/CONS), si torna a parlare di rendere disponibile ai consumatori un singolo apparecchio che sia in grado di ricevere tutte le piattaforme televisive digitali, libere o ad accesso condizionato: ovvero del mitico decoder unico, cavallo di battaglia delle associazioni dei consumatori e bestia nera di operatori e regolatori. Nel frattempo la situazione si è notevolmente complicata, complice l'evoluzione tecnologica che, soprattutto nel nostro paese, ha tempi inarrivabili per la burocrazia. Così, se all'inizio degli anni duemila si parlava solo di piattaforme satellitari, si sono poi aggiunte quelle digitali terrestri, e infine è arrivata internet e la televisione sul web. Fino a quando si è parlato solo di standard DVB, l'unificazione tra ricevitori satellitari e terrestri era impresa tecnicamente facile. Ciò nonostante, di decoder unici se ne sono visti veramente pochi, mentre è proliferata la popolazione di scatolette volte ognuna alla decodifica preferenziale di questa o quella pay-tv. Con l'avvento della rete, il paradigma è completamente cambiato: IP e Web TV comportano l'adozione di tecnologie di trasmissione completamente diverse e dei più disparati sistemi di codifica e controllo degli accessi. Oggi l'autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom), dopo un anno dall'annuncio di affidamento alla Fondazione Ugo Bordoni dell'incarico di studiare la classificazione dei decoder, ha annunciato di aver predisposto una nuova serie di etichette di qualità, che troveremo prossimamente apposte sui prodotti atti alla ricezione dei programmi televisivi. La differenza rispetto ai precedenti sistemi di marcatura, in particolare al noto bollino proposto dall'associazione di emittenti DGTVi, sta in due aspetti principali: innanzitutto il carattere pubblico della classificazione Agcom, che almeno teoricamente non è influenzata dai produttori di hardware e contenuti; poi, l'accento sulle caratteristiche multipiattaforma dei dispositivi. Quest'ultima caratteristica vorrebbe riportare al centro dell'attenzione degli utenti, frastornati dalla molteplicità di offerte dei vari operatori, la possibilità di accedere ai contenuti indipendentemente dal canale di distribuzione e dalle politiche di accesso. L'impresa non sarà comunque facile, dato che rimane una discreta dose di incertezza nelle definizioni dei bollini. Una su tutte: la prescrizione di adottare (per le classi dalla 2 alla 3) almeno due tra le quattro piattaforme definite, ovvero digitale terrestre, satellite, IP TV e Web TV. Si tratta di una scelta che facilita notevolmente i produttori, che potranno tranquillamente continuare a produrre decoder separati per lo standard DVB (T-S) e per la rete, potendo comunque fregiarsi dei bollini di qualità, mentre sicuramente non aiuta il consumatore tecnicamente poco evoluto ad effettuare una selezione consapevole. Solo la classe 1 prevede l'adozione di almeno tre piattaforme, prefigurando una categoria di decoder quasi universali che però, si suppone, avranno un costo non certo alla portata di tutte le tasche. Anche la definizione di servizi interattivi fa riferimento al collegamento ad internet solo in termini opzionali, quando è ormai evidente che l'erogazione dei suddetti servizi tramite la sola piattaforma televisiva, nata già obsoleta ai tempi dell'introduzione sul mercato dei primi decoder, è ora stata definitivamente abbandonata causa totale disinteresse degli utenti. Altri elementi di distinzione tra le varie classi sono la definizione (HD o SD), il numero dei sistemi di accesso condizionato disponibili, la presenza di uno slot CI (Common Interface) e dell'epg (Electronic Program Guide). I nuovi bollini, peraltro, tra poco saranno rivisti: si è appena conclusa la consultazione pubblica su un provvedimento che emenderà la Delibera 255/11/CONS (di definizione dei criteri di classificazione), aggiungendo il segno + al numero della classe, in base alla presenza della tecnologia DVB-T2 o DVB-S2 con codifica MPEG-4. Ciò a seguito della Legge 44/2012 che impone, a partire da gennaio 2015, la presenza di tali standard su televisori e decoder. Insomma, la sofferenza dei teleutenti, nonostante gli interventi (sempre tardivi) degli organismi di regolazione, non è destinata a finire presto: l'evoluzione tecnologica e le leggi di mercato sono fattori che continuano ad essere 9

10 strutturalmente in contraddizione con l'idea stessa del decoder universale. (E.D. per NL) Il mistero de La7 Un attenta analisi, sia pur molto personale, del nostro illustre collaboratore Dom Serafini che si chiede le ragioni per cui la vendita di La7 sia così laboriosa. E individua tutta una serie di risposte Dom Serafini 23 Gennaio 2013 La rete Tv di Telecom Italia, La 7, é un mistero. Perde soldi senza un motivo industriale. Nessuno la vuole comprare, nemmeno scontata a 100 milioni di euro. L'audience é stranamente bassa, con uno share massimo del 4.43%. Con oltre 200 milioni di euro l'anno, i costi di gestione sono stranamente alti, come pure le perdite accumulate di 206,9 milioni. Al confronto, una piccola rete Tv cavo, per la maggior parte sconosciuta ed anche in vendita da molti anni, come, ad esempio, Current Tv di Al Gore, con ricavi di 101 milioni di dollari, l'anno scorso ha guadagnato 12 milioni. Recentemente Current Tv é stata acquistata da Al Jazeera per una somma stimata a 500 milioni di dollari. Le informazioni trovate per la vendita de La 7 ci hanno permesso di fare un po' di luce. Si è detto che il contratto pubblicitario de La7 con la sua concessionaria è oneroso, pertanto ne ostacola la vendita. Ma non é cosí. La Cairo Pubblicitá (concessionaria fondata da Urbano Cairo, ex assistente personale di Silvio Berlusconi) prende in media il 35% sul lordo, ma si pensa che sia a scalare con un minimo del 30 ad un massimo del 40, a seconda della campagna e se si tratti di spot o sponsorizzazione. La concessionaria paga poi lo sconto del 15% al cliente e si accolla anche i diritti di negoziazione con le centrali media. Pertanto l'accordo é tipico e si puó rescindere pagando una penale. Nel 2008 la Cairo fu l'unica ad assicurare a La7 un minimo garantito di 120 milioni di raccolta pubblicitaria l'anno, per uno share del 3%. Nel 2011, la raccolta pubblicitaria é stata di 168 milioni, con uno share medio del 3,8%. Nel 2012 i ricavi lordi sono stati di oltre 175 milioni, mentre le perdite nei primi 9 mesi sono state di 54 milioni. Perdite incluse dell'accumulo di 206,9 milioni. In effetti, considerando il basso share, la rete genera una buona raccolta pubblicitaria, e l'esempio fornito da Current Tv dimostra che i profitti si possono ottenere anche con meno share. Il fatto che La7 illumini solamente l'80% del territorio non é rilevante, perché la rete raggiunge quasi tutta la popolazione. Allora i motivi per la mancata vendita e per le perdite sono da ricercare altrove. É possibile che le perdite forniscano un motivo strategico per renderla meno appetibile. Il che significa che il management é molto scaltro, oppure completamente incompetente. Non ci sono vie intermedie. La scaltrezza servirebbe a non rischiare di vendere a societá vicine a Silvio Berlusconi e anche alla Telecom per tenersi le frequenze che, in un vicino futuro, potrebbero servire piú alla broadband che al broadcast. Nel primo caso, si fa notare che dei 15 potenziali acquirenti iniziali, ne sono rimasti due: Cairo ed il Fondo Clessidra. Le offerte d'acquisto si sono aggirate dai 100 milioni (da parte della Discovery) a 300 milioni (Cairo) e a 400 milioni (Fondo Clessidra). E qui potrebbe esserci uno dei problemi: l'acquisto di Cairo, magari con l'appoggio di Tarak Ben Ammar (parte del CdA di Telecom e socio storico di Berlusconi) e del fondo Clessidra (vicino a Berlusconi), significherebbe entrare nell'orbita delle reti Tv di Berlusconi. Sotto questo spettro, la Telecom potrebbe decidere di non vendere e di accollarsi quei 206,9 milioni di perdite. Per meglio capire la saga de La 7 bisogna fare un piccolo riepilogo della sua storia (sempre caratterizzata da un management dubbio). La 7 nasce nel 1974 come TeleMonte Carlo (Tmc), una rete Tv in lingua italiana con sede nel Principato di 10

11 Monaco. Nel 1985 la famiglia brasiliana Marinho acquista il 90% di Tmc (il restante 10% rimane alla Rai) - per interesse particolare del promogenito, Roberto Irineu - pagando un dollaro simbolico ed accollandosi 5 milioni di dollari di debiti. Per acquistare Tmc, Globo crea una societá italiana, sposta la sede a Roma (temporaneamente a P.zza Tempio di Diana) ed estende la copertura acquistando molti ripetitori. Un particolare: Irineu é da sempre innamorato dell'italia, tanto che parla un ottimo italiano (la nonna paterna faceva di cognome Pisani ed era originaria da Napoli). A Roma Irineu compró casa e stabilí la sede della divisione vendita dei programmi della sua Rede Globo (la principale rete Tv del Brasile) sotto il napoletanobrasiliano Roberto Filippelli. É persino possibile che la seconda moglie di Irineu lo abbia conquistato anche perché parlava italiano meglio di lui, pur non essendo mai stata in Italia. Nel 1990 i Marinho vendono il 49% di Tmc al Gruppo Ferruzzi e, nel 1994 cedono a Ferruzzi tutta la proprietá, dopo perdite stimate a 250 milioni di dollari, che il patriarca dei Marinho (dottor Roberto) non perdona al figlio. In Italia, Irineu si era dapprima scontrato con la bizantina politica italiana e, secondo, aveva puntato su cavalli sbagliati per il management della rete. Nel 1995 Ferruzzi vende Tmc al gruppo Cecchi Gori, appoggiato indirettamente da Berlusconi, tanto che i manager di Mediaset si lamentavano di dover vendere programmi a Tmc sottocosto. Nel 2000, dopo una gestione disastrata, Cecchi Gori vende Tmc al gruppo Telecom Italia, all'epoca sotto il controllo del centro-sinistra. La nuova gestione permette a Tmc di raggiungere uno share del 5%. Nel 2001, Tmc cambia nome e diventa La7, cioé la settima rete Tv italiana dopo le tre ciascuna di Rai e Mediaset. Con il cambio di guardia alla Telecom, in quello stesso periodo, La7 passó sotto il controllo del centro-destra (guidato da Berlusconi) e lo share venne fatto scendere al 2%, ma con saltuari picchi al 6%. A vegliare sulla linea berlusconiana de La7 venne messo Giuliano Ferrara. Ed infatti, nel 2007, causa la cancellazione dello show 'Decameron' del comico Daniele Luttazzi, per aver criticato pesantemente sia Berlusconi che Ferrara. Sempre nel 2007, Telecom Italia passa dalla Pirelli a Telco con Franco Bernabé come amministratore delegato (ora presidente esecutivo), e quindi, seppur La7 torni nell'area di centro-sinistra, le perdite continuano. Anzi, aumentano, a causa degli alti costi di produzione, specialmente per i talk show, costi che non si registrano neppure per realizzare quelli delle grandi reti americane. Infatti La7 offre cachet ricchissimi anche a personaggi che non sono proponibili su altre reti, quindi non sono giustificati. Ed ecco quindi il dubbio se il management de La7 sia molto scaltro oppure, come da tradizione, incompetente. Digitale terrestre Biella: risolto il problema delle frequenze Rai 28 gen di quezal (Matteo Bayre) Torna (forse) la Rai in provincia di Biella. Le squadre di tecnici inviate dalla tv pubblica e dal Ministero delle Comunicazioni hanno ultimato la loro missione nel Biellese. Ora bisognerà solo aspettare la fisiologia dei tempi burocratici per riavere indietro un teleschermo perfetto. L obiettivo dei sopralluoghi, durati un paio di giorni, era risolvere il pasticcio scoppiato con la riassegnazione delle frequenze televisive alla fine dell anno scorso. L operazione ha accavallato troppi segnali in uno spazio ridotto. E per i biellesi da tempo è impossibile vedere la Rai: sul canale piemontese, il 22 UHF, il segnale del servizio pubblico è «sporcato» dalla presenza delle onde su cui viaggia Telelibertà. Così i biellesi sono costretti a utilizzare quello lombardo, il 23 UHF, dove il traffico è doppio lo stesso visto che lì si appoggia anche Telecupole. Dura così da mesi. E nel frattempo sono fioccati esposti, denunce e ricorsi da parte di interessati e danneggiati. Ora i tecnici hanno scoperto che risolvere la questione non è 11

12 poi così impossibile. Già in questi giorni le frequenze del canale 22 stanno cominciando a essere liberate. Quindi i biellesi che avevano predisposto il proprio impianto per ricevere il segnale dal ripetitore locale potranno vedere in pace la Rai e il Tgr di Raitre dalla frequenza «giusta». Buone notizie anche per chi riceve il segnale dalla frequenza 23 UHF: in questo caso Telecupole (costretta a spegnere le trasmissioni in dicembre) ha traslocato su un altra frequenza, in attesa della riassegnazione di un nuovo canale (forse il 42 UHF) in seguito alla recente sentenza del Tar del Lazio. In questo caso basterà risintonizzare il decoder per una visione ottimale sia della Rai (col Telegiornale Regionale della Lombardia) sia di Telecupole. Secondo quanto riporta La Stampa di Biella, la soluzione per la tv di Cavallermaggiore è comunque provvisoria. I tecnici stanno stilando una relazione con i verbali di tutti i controlli compiuti sui ripetitori del Biellese e del resto del Piemonte. Ci vorrà tempo prima di una decisione definitiva degli uffici romani. Grazie alle pressioni e agli appelli lanciati dalla Provincia di Biella sono quindi scattati i controlli sul segnale della tv digitale terrestre che sin dal suo avvento, nel lontano 2010, ha creato innumerevoli disagi alla popolazione biellese, a causa della complessa morfologia del territorio e dei pasticci del Ministero. Nel frattempo ognuno è corso ai ripari come ha potuto. Mai come in questi mesi i tecnici antennisti veri sono stati bersagliati di richieste e critiche, mai come ora proliferano quelli improvvisati. Multiplex e scanning sono divenute parole d ogni giorno. C è chi ha provveduto ad installare e a riadeguare più volte l impianto tv. Il tutto dopo aver messo in preventivo i 113,50 euro di canone che la Rai ha chiesto nel Sia a coloro che ricevono i programmi della tv pubblica e sia a quelli che non vedono proprio nulla. Fonte: La Stampa Biella Rai: Gubitosi accelera sui pensionamenti. Mezzo Tg1 a rischio 26 gen di quezal (Matteo Bayre) Dicono che non sia un esperto di televisione, eppure vuole rivoltare la Rai come un calzino. E lo desidera fare al più presto (forse anche perché dopo le elezioni Mario Monti potrebbe avere meno poteri). Sta di fatto che il d.g. Luigi Gubitosi ha ingranato la quarta. La circolare del ripristino di un solo incarico per giornalista è stata fatta e tra qualche giorno i diretti interessati dovranno scegliere a cosa rinunciare (al Tg1 Susanna Petruni si terrà la vicedirezione e lascerà la conduzione delle 20, Francesco Giorgino farà il contrario: non sarà più il capo del politico ma si terrà ben stretto la permanenza in video nell edizione più vista del tiggì diretto da Mario Orfeo). Come se non bastasse Gubitosi è pronto a dare un accelerata anche sulla questione dei pensionamenti. A riguardo ha dato il via al piano straordinario di incentivazione all esodo volontario, a cui è interessato tutto il personale che vanta un contratto a tempo indeterminato (operai, impiegati, quadri, orchestrali, dirigenti e giornalisti). I tagli lineari del d.g. potrebbero dare un ulteriore mazzata proprio al Tg1, la cui redazione verrebbe ridotta di un numero sensibile di giornalisti se il grande interventismo di Gubitosi dovesse andare a regime. Una cosa è certa: Gubitosi è un decisionista e i suoi interventi li fa dopo aver contattato in prima persona i diretti interessati. Come sta accadendo nel caso della trasmissione di Raidue del dopo Michele Santoro. I papabili conduttori del talk vengono convocati all insaputa dei direttori di rete (ieri Pasquale D Alessandro, oggi Angelo Teodoli). Attualmente sembra tramontata anche l ipotesi Giuseppe Cruciani. Fonte: ItaliaOggi 12

13 Fisco, Gdf scopre 6,5 miliardi di danni. Denunciati in Scritto da Angelo Sanna Nell ambito dei controlli su finti poveri e falsi invalidi, la Gdf nel 2012 ha ipotizzato oltre 6,5 miliardi di euro "persi" tra frodi e danni all erario. Rispetto a questi ultimi, la cifra si aggirerebbe sui 5 miliardi. I militari, in un anno di serratissime indagini hanno scoperto più di 3500 finti poveri, più di 1000 falsi invalidi e quasi 1300 dipendenti pubblici con doppi lavori le denuncie ai danni di presunti truffatori, con un recupero di beni stimato in 348 milioni di euro. In totale, le denunce inoltrate hanno raggiunto una cifra esorbitante, circa , come una media cittadina di provincia. A rendere noti i dati è stata la stessa Guardia di Finanza, che ha diffuso il bilancio del lavoro svolto nel Frodi pesanti anche rispetto ai finanziamenti pubblici, statali e comunitari. In questo ambito il danno si aggirerebbe sul miliardo di euro (1,1). Per quanto riguarda le frodi previdenziali ed assistenziali (falsi invalidi, falsi braccianti, soggetti deceduti), quelle accertate hanno provocato un danno di oltre 103 milioni di euro in un anno. La perdita per il SSN invece (Servizio Sanitario Nazionale) è stata identificata in 72 milioni di euro (1781 denunciati). Va detto che, i soldi frodati, finiscono per essere presi in carico, pur involontariamente, dal contribuente onesto. E proprio a sua tutela infatti che la le fiamme gialle agiscono in modo sempre più mirato: Da un lato - ha spiegato il comandante Saverio Capolupo - continueranno ad essere aggrediti fenomeni come le frodi ai sistemi previdenziali ed assistenziali, dall'altro ha continuato - è nostra intenzione mantenere alta l'attenzione sulle frodi di maggiore spessore e sui settori che l'esperienza operativa individua come più remunerativi, come gli incentivi per le energie rinnovabili, la spesa sanitaria convenzionata e le misure finanziate con i fondi dell'unione europea. Cassa integrazione: 4,2 miliardi di ore negli ultimi 4 anni, + 370% Scritto da Angelo Sanna Nel 2012 la cassa integrazione guadagni ha superato il 1,1 miliardi di ore. Nel 2010 si era arrivati a 1,2 miliardi. Tra il 2009 e il 2012, le ore di cassa sono state 4.2 miliardi, un dato nemmeno lontanamente paragonabile a quello del quadriennio precedente ( ), in cui l ammortizzatore sociale è stato utilizzato per 888,2 milioni di ore. Un incremento pesantissimo, più del 370%. Per ogni anno, tra il 2005 e il 2008 la cassa integrazione non ha mai superato quota 250 milioni di ore. In due dei quattro anni dell ultimo periodo invece, per ben due volte ha superato il miliardo di ore. E quanto emerge dai dati Inps, rielaborati dall agenzia di stampa AdnKronos. L incremento più alto, è stato registrato nel settore del commercio, nel quale le ore di Cig sono aumentate del 2198,2% ( da 18.8 a 432 milioni di ore). A ruota il settore dell artigianato (+1.967,9%). A ricorrere in misura minore alla Cig è stato il settore edilizio che ha comunque registrato un incremento del 120%. Al settore dell industria invece va il primato di ore assegnate (circa 3 miliardi) con un aumento rispetto al periodo precedente di oltre il 356%. Territorialmente, è stato il Nord Italia ad usufruire maggiormente della Cassa integrazione: 2,6 miliardi di ore e +452,8%. Dati non raffrontabili con quello del Centro (669,9 milioni di ore e +388,8%) e del Sud (872,8 milioni e+217,4%). L incremento al sud è percentualmente dimezzato rispetto a quello verificatosi al Nord, mentre quello registrato al Centro risulta essere più prossimo ai dati che caratterizzano il Nord Italia; solo però, se calcolato sulla percentuale d incremento. In senso assoluto infatti, le ore di Cassa integrazione autorizzate non sono paragonabili (669,9 milioni del Centro contro i 2,6 miliardi del 13

14 Nord) I dati però vanno letti anche in ottica di percentuale di industrializzazione del territorio. Prometeia: nel 2013 pressione fiscale a 45%. E record Scritto da Angelo Sanna Non è un record di cui essere contenti, ma tant è. La pressione fiscale nel 2013 raggiungerà il record storico del 45% del Pil, a causa soprattutto delle imposte indirette, la cui incidenza è stata aumentata anche dall ultima legge di stabilità. Il dato, piuttosto preoccupante è stato diffuso dall associazione Prometeia, specializzata nelle previsioni sull andamento dell economia italiana. Nostante la crisi ancora in essere, c è anche una bella notizia. Nell ultimo trimestre del 2013 infatti, dovrebbero esserci i primi (deboli) segnali di ripresa che, sempre secondo l associazione, sarà comunque molto lenta, anche a causa del grosso debito pubblico che affligge l Italia. L associazione stima che tra il 2013 e il 2015, grazie al drastico abbassamento dello spread, si riuscirà a risparmiare una cifra pari a 8,4 miliardi di euro (sugli interessi dei titoli di stato). Di contro, va tenuto in considerazione il dato negativo sull occupazione, o meglio, sulla disoccupazione, che resterà, secondo le stime, sopra il 12% fino alla prima metà del A parte la questione della mancanza di lavoro (sulla quale recentemente anche l'ue ha detto la sua) e della contrazione dei redditi, sarà ancora la pressione fiscale a limitare fortemente i consumi nel 2013 (-1,5%), ma il suo peso si farà sentire in modo significativo anche sulle imprese. Quelle attive nel mercato delle esportazioni potranno respirare a causa di un probabile aumento (pur molto debole) della domanda estera, generato da una globale (ma comunque faticosa) ripresa economica. Confindustria: "Abbiamo toccato il fondo. Si va verso la ripresa" L'economia italiana "sta toccando il fondo della dura recessione, la seconda in cinque anni. Si delineano i presupposti di un rimbalzo che puo' dare avvio alla ripresa". E' quanto si legge nella Congiuntura flash di Confindustria. "La sfiducia ha infatti compresso la domanda interna ben oltre quanto giustificato dalla situazione oggettiva dei bilanci familiari e aziendali - si legge nell'analisi mensile - gli acquisti di beni durevoli sono scesi molto piu' del reddito reale disponibile, gli investimenti sono ai minimi storici in rapporto al Pil e le scorte sono bassissime". Contemporaneamente, spiega il Csc, "vengono meno o si allentano le tre cause del regresso: credit crunch, iper-restrizione dei bilanci pubblici e frenata della domanda globale". L'attivita' industriale italiana "e' salita dello 0,4% in dicembre su novembre; risulta cosi' del 2,1% la diminuzione nel quarto trimestre (-6,2% nel 2012, stime Csc). Tale dinamica e' coerente con un calo del Pil nel quarto trimestre di nuovo marcato (-0,6% almeno), dopo il -0,2% nel terzo". Cattive notizie anche sul fronte del lavoro. In novembre i disoccupati hanno superato i 2,8 milioni, pari all'11,1% della forza lavoro (quota invariata rispetto a ottobre), mentre il numero delle persone attive e' rimasto quasi stabile (-44mila unita' la variazione mensile). Rispetto al trimestre precedente, gli occupati sono invece diminuiti dello 0,4% (-80mila unita'). Le imprese rivelano aspettative in peggioramento sull'occupazione del trimestre in corso, con un aumento di 6 punti percentuali (dal 24,7% in settembre) della quota di quelle che rivedono al ribasso il numero degli addetti (indagine Banca d'italia-il Sole- 24 Ore). Dopo il picco registrato nel luglio scorso (equivalente a 390mila unita' di lavoro standard), è diminuito il bacino di utilizzo della Cig. Il Csc stima che a dicembre 14

15 siano state utilizzate 340mila unita', l'1,0% in meno rispetto al mese precedente. Uno sgonfiamento non riconducibile, pero', a un miglioramento del quadro occupazionale, semmai alla perdita del lavoro da parte dei cassintegrati. La minore occupazione sta ulteriormente erodendo il reddito disponibile delle famiglie, gia' sceso in termini reali dello 0,1% nel terzo trimestre (-1,9% nel secondo). Il tasso di risparmio e' risalito dai minimi storici (8,9% da 8,1%), spinto all'insu' dall'incertezza che frena la spesa. Consumi ancora in diminuzione, mentre i saldi invernali non decollano: la quota di consumatori disposta a fare acquisti e' inferiore di 8 punti percentuali rispetto al 2012 (60,5%) e la spesa media e' piu' bassa del 12,5% (Confcommercio). Secondo l'indagine Confesercenti- Swg solo il 16% degli intervistati si attende un miglioramento delle condizioni economiche nel 2013 (era il 32% l'anno scorso). Per mantenere i volumi di vendita, le imprese riducono prezzi e margini. "Basilare per la ripartenza e' che si sollevi la cappa di paura creata dalla situazione politica interna; percio' e' cruciale che l'esito delle imminenti elezioni dia al Paese una maggioranza solida, che abbia come priorita' le riforme e la crescita, fornendo cosi' un quadro chiaro che infonda fiducia nel futuro e orienti favorevolmente verso la spesa le decisioni di consumatori e imprenditori". Lo chiede Confindustria nella nella Congiuntura flash. Nel sistema globale l'incertezza politica si e' quasi dissolta (all'appello manca il voto autunnale in Germania). Si registrano, prosegue il Csc, continui segnali di progresso, alcuni perfino nell' Eurozona, grazie al "contagio positivo" innescato dalle decisioni dello scorso anno di Bce (che rimane pero' timida sui tassi) e governi. Cio' ha messo in moto un "drammatico miglioramento" mondiale delle condizioni finanziarie e una ritirata dell'avversione al rischio, destinati a proseguire; ne beneficeranno soprattutto i Piigs, stressati dal prosciugamento della liquidita'. Tra gli emergenti, la Cina e' ripartita; gli altri seguiranno. In Usa, grazie alla potente azione della Fed e ai coraggiosi deficit pubblici, e' risorta l'edilizia residenziale, nei prezzi e nei volumi, e questo sosterra' fiducia e spesa dei consumatori; il manifatturiero riguadagna peso nel tirare lo sviluppo. Il mero annuncio della nuova politica economica in Giappone ha provocato scaramucce valutarie, con movimenti anche del 20% di alcuni tassi di cambio; fin qui l'unica vera vittima e' la Corea e l'area euro inizia a subire danni collaterali ingenti; urge piu' coordinamento. Le materie prime, specie il petrolio, fiutano il riavvio mondiale. 15

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 Relazione trimestrale Marzo 2004 Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 La relazione trimestrale

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati La relazione trimestrale è redatta su base consolidata in quanto la

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 La riduzione delle copie vendute nel quinquennio è stata di 400 milioni, oltre un milione di copie al giorno. Lievemente meno accentuato il calo degli abbonamenti, passati da circa 380mila

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report L ANALISI DELLE DINAMICHE DELL EROGAZIONE DEL CREDITO CONFERMA IL TREND IN RIPRESA DELL IMMOBILIARE ANCE SALERNO: CAMPANIA LEADER NELLA RIPARTENZA DEI MUTUI I prestiti concessi alle

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Economia Aziendale. Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli. Nº matricola: 708079

Economia Aziendale. Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli. Nº matricola: 708079 Economia Aziendale Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli Nº matricola: 708079 Corso A-D 2014-2015 Fonte: IL SOLE 24 ORE: http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-10-07/

Dettagli

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre?

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Il digitale terrestre, la cui sigla è DTT, è il nuovo sistema che sarà utilizzato per diffondere il segnale televisivo e che adotta la tecnica digitale, simile

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CENTRALINO IN CLOUD E LA PIATTAFORMA CHE INTEGRA TUTTI I PROCESSI DI COMUNICAZIONE AZIENDALE

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CENTRALINO IN CLOUD E LA PIATTAFORMA CHE INTEGRA TUTTI I PROCESSI DI COMUNICAZIONE AZIENDALE LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CENTRALINO IN CLOUD E LA PIATTAFORMA CHE INTEGRA TUTTI I PROCESSI DI COMUNICAZIONE AZIENDALE Il Voice Management Cloud è pensato per Manager, consulenti, professionisti

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO III Edizione Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche la Tv Analogica DIGITALE CHIARO L Adiconsum spiega come prepararsi alla transizione verso la tv digitale 2011: LIGURIA, TOSCANA, UMBRIA e MARCHE

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Che cos è TivùSat? Che differenza c è fra la tv digitale terrestre e la tv digitale satellitare? Quando parte TivùSat?

Che cos è TivùSat? Che differenza c è fra la tv digitale terrestre e la tv digitale satellitare? Quando parte TivùSat? Che cos è TivùSat? TivùSat è la piattaforma digitale satellitare gratuita italiana realizzata da Tivù s.r.l. (Rai 48,25%, Mediaset 48,25% e Telecom Italia Media 3,5%). TivùSat nasce come piattaforma complementare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Quanto vale l Unione dei Comuni?

Quanto vale l Unione dei Comuni? Quanto vale l Unione dei Comuni? La domanda che viene spontanea nell'accingersi a valutare cinque anni di attività del'unione dei Comuni della Bassa Romagna è: quanto vale la scelta organizzativa Unione

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

RASSEGNA STAMPA &DQRQH 5$, 23 IHEEUDLR 201

RASSEGNA STAMPA &DQRQH 5$, 23 IHEEUDLR 201 RASSEGNA STAMPA 23 201 Agenzia Dire (ER) RAI. CNA: DIETROFRONT SU CANONE PER PC, LA PROTESTA PAGA ALLA SODDISFAZIONE SI SOMMA STOP SENATO A NORMA RISARCIMENTO AUTO (DIRE) Bologna, 22 feb. - "La dura presa

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 VERONA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni

Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni La tua azienda è perfettamente connessa? È questa la sfida cruciale dell attuale panorama aziendale virtuale e mobile, mentre le

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero IEM-Fondazione Rosselli La mission Quinto Summit sull Industria della Comunicazione IL DECIMO RAPPORTO IEM Riunire

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio PROGETTO LOCAL CASA Il mercato immobiliare ha trovato in internet un utile alleato per dare risposte rapide ed efficaci come mai era stato possibile in passato. Il trend degli ultimi anni conferma tale

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

ITALIAN SPREAD OVVERO LA DIFFERENZA TRA RICCHEZZA, REDDITI DICHIARATI E TENORE DI VITA

ITALIAN SPREAD OVVERO LA DIFFERENZA TRA RICCHEZZA, REDDITI DICHIARATI E TENORE DI VITA ITALIANSPREAD OVVERO LADIFFERENZATRARICCHEZZA,REDDITIDICHIARATIETENOREDIVITA Con la crisi economica oltre allo spread sui titoli di Stato cresce anche quello tutto italiano tra ricchezza reale,redditidichiaratietenoredivitadellefamiglieitaliane,undifferenzialeche,soprattuttonelleregioni

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e. telefono: stima del risparmio

Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e. telefono: stima del risparmio Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e telefono: stima del risparmio Indice: Introduzione 1 Il panorama delle Telecomunicazioni in Italia 1 L'evoluzione delle tariffe

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? 2014 riscaldamento pompa di calor clienti tariffa dedicata risparmiare tariffazione calcolo

Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? 2014 riscaldamento pompa di calor clienti tariffa dedicata risparmiare tariffazione calcolo Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? di Maghdi Abo Abia - 12/01/2014 - L'Autorità per l'energia elettrica ed il gas ha dato il via libera ad una tariffa sperimentale studiata per questi sistemi con

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI per IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI ELEMENTI DI SINTESI INVESTIMENTI IN OPERE PUBBLICHE: 3,9 miliardi il valore degli investimenti in opere pubbliche

Dettagli

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Debiti sovrani PRIMA, Crescita o Recessione DOPO. L' incertezza Continua? 1) In scia ai timori di una ricaduta dell'economia globale sta proseguendo la "fuga dal rischio"

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

MARZO 2012: SKY LIFE, IL MAGAZINE CHE TI PORTA DENTRO I NOSTRI PROGRAMMI.

MARZO 2012: SKY LIFE, IL MAGAZINE CHE TI PORTA DENTRO I NOSTRI PROGRAMMI. MARZO 2012:, IL MAGAZINE CHE TI PORTA DENTRO I NOSTRI PROGRAMMI. Da Marzo 2012 sarà Sky Pubblicità ad occuparsi della raccolta pubblicitaria per il magazine ufficiale di Sky. MARZO 2012:, IL MAGAZINE CHE

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore.

Vodafone Case Study UnoPiù. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. Utilizziamo Vodafone da quando in azienda ci sono i cellulari. E da allora abbiamo sempre avuto un unico operatore. L esperienza di Vodafone ci è utile anche per comprendere meglio quali tra le tante tecnologie

Dettagli

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Il seguente report è stato realizzato da Physeon, sintetizzando i rapporti cinesi che ci sono pervenuti in lingua inglese ed è da considerarsi

Dettagli

Quel buco nero chiamato fiscal cliff

Quel buco nero chiamato fiscal cliff Quel buco nero chiamato fiscal cliff Nell agenda del rieletto presidente Obama è sicuramente l argomento più importante da affrontare entro la fine dell anno. Il punto da cui dipenderà buona parte dell

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy db contocarta. Guida all uso. db contocarta. Le caratteristiche. db contocarta è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

DL 112 (legge 133) Una cronistoria

DL 112 (legge 133) Una cronistoria DL 112 (legge 133) Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro del Tesoro On. Tremonti, il Consiglio dei Ministri approva (all unanimità, Ministro dell Università On. Gelmini compresa!)

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE Tv digitale terrestre, internet a banda larga, ricezione dei telefoni cellulari, ma anche possibilità di

Dettagli

Elementi di Valutazione per l affidamento del servizio di cassa dell Università di Pisa

Elementi di Valutazione per l affidamento del servizio di cassa dell Università di Pisa Allegato 1 alla Convenzione ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELL UNIVERSITÀ DI PISA Il concorrente dovrà presentare un offerta relativamente agli elementi e

Dettagli

Tutto il mondo nel tuo negozio. Diventa parte della comunità di shopping mondiale weeconomy! Ottieni maggior presenza sul mercato. wee benefit people

Tutto il mondo nel tuo negozio. Diventa parte della comunità di shopping mondiale weeconomy! Ottieni maggior presenza sul mercato. wee benefit people Tutto il mondo nel tuo negozio Diventa parte della comunità di shopping mondiale weeconomy! Ottieni maggior presenza sul mercato. wee benefit people 01 Commercianti al dettaglio, artigiani, prestatori

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER ADSL E TELEFONIA DOMESTICA: LE MIGLIORI SOLUZIONI PER CONNETTERSI E TELEFONARE DA CASA INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. I profili di consumo: l utilizzo di

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario

La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario di Francesca Vannucchi La presente ricerca focalizza l attenzione sul ruolo che la rete ha assunto nella distribuzione del libro. L obiettivo

Dettagli

LA GUIDA DEI VINI ITALIANI DI QUALITA A COLORI IN INGLESE E ONLINE UNO STRUMENTO INEDITO. Gian Piero Staffa

LA GUIDA DEI VINI ITALIANI DI QUALITA A COLORI IN INGLESE E ONLINE UNO STRUMENTO INEDITO. Gian Piero Staffa UNO STRUMENTO INEDITO I vini italiani di qualita presentati a piu di 20.000 Importatori, Riviste specializzate, Wine Brokers e Masters of Wine di 140 paesi del mondo con una immagine senza precedenti ed

Dettagli

Trimestrale Class Editori: Ricavi A 26,9 milioni di euro Costi a 23,2 milioni di euro, in calo del 5,7%

Trimestrale Class Editori: Ricavi A 26,9 milioni di euro Costi a 23,2 milioni di euro, in calo del 5,7% Informazione al pubblico ai sensi della Delibera Consob n.11971 del 14 maggio 1999 Trimestrale Class Editori: Ricavi A 26,9 milioni di euro Costi a 23,2 milioni di euro, in calo del 5,7% Milano 15 maggio

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

Guadagnare con Internet con. guida pratica per scegliere il modello giusto per te. www.acquisireclienti.com

Guadagnare con Internet con. guida pratica per scegliere il modello giusto per te. www.acquisireclienti.com Guadagnare con Internet con i modelli di business online: guida pratica per scegliere il modello giusto per te. www.acquisireclienti.com Internet e business Molte persone guardano a Internet come strumento

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti.

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti. Il mensile dell Unasca. L Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica. Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1,

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli