GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO"

Transcript

1 PARTE PRIMA GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO Gli alberi forestali della nostra Provincia Gli alberi che formano i boschi della nostra Provincia sono comuni a tutto l arco alpino, e non solo. In questo manuale compaiono le specie autoctone o naturalizzate, giudicate meritevoli di trattazione nei riguardi della loro diffusione, dell importanza economica e dell impiego del legno. Le specie trattate sono una trentina; quelle normalmente note nel mondo rurale, almeno col nome, sono circa al metà; quelle poi veramente conosciute, oltre che col nome, anche sotto l aspetto botanico, ecologico e dell impiego del legno sono veramente poche. Eppure camminando in un bosco con spirito osservatore, è facile incontrare in pochi minuti una decina di specie arboree diverse. Abete rosso, Larice, Castagno, Robinia sono tra le specie note a tutti, se non altro all impatto visivo; all atto dell utilizzazione, la maggior parte delle specie legnose finisce indistintamente nel calderone della legna da ardere, senza sapere che, con le dovute cure, un giovane albero può diventare, in qualche decennio, un fornitore di legname da lavoro di ottima qualità. All opposto, capita di vedere impianti forestali abbandonati o non correttamente curati, dai quali i proprietari si aspettano di ottenere ricavi decisamente spropositati rispetto le caratteristiche degli alberi presenti. Non è sufficiente piantare alberi di Noce per avere un reddito futuro: un cattivo Noce vale meno di una bella Betulla! La maggior parte delle specie trattate è autoctona, cioè sin dalla sua comparsa sulla Terra, si è diffusa anche sulle nostre montagne, subendo le vicissitudini sconvolgenti legate alle glaciazioni ed in generale ai cambiamenti climatici. Nei secoli l uomo ha favorito, consciamente o inconsciamente, certe specie a danno di altre, esercitando il taglio dei boschi, a volte anche in modo indiscriminato. Pensando al Castagno, è facile credere che la sua ampia diffusione sia stata sostenuta e favorita dall uomo, che per secoli lo ha coltivato. Alcune specie si sono diffuse in seguito all importazione da paesi lontani di pochi soggetti, all epoca sconosciuti; il clima ed i terreni ad esse adatte ne hanno permesso l inserimento stabile anche nei nostri boschi: pensiamo alla Robinia, che viene dagli Stati Uniti, all Ailanto e alla Buddleia, che vengono dalla Cina. Nel secolo scorso furono condotte sperimentazioni per migliorare i boschi italiani, introducendo specie esotiche dalle quali si sperava di ottenere buoni risultati in termini di produzione legnosa; ne 9

2 fu interessata anche la nostra provincia, con piantagioni di Douglasia, Cedri e Pini strobi. I risultati della sperimentazione non furono incoraggianti, e tuttora si possono osservare le piantagioni superstiti, ormai abbandonate alla libera evoluzione. La gestione del bosco I boschi in cui l uomo non esercita alcuna attività ( taglio o pascolo) o non arreca azioni di disturbo più o meno pesanti (come lo sono gli incendi), sono soggetti alla sola evoluzione naturale, o libera evoluzione. Perché si possano vedere i segni della libera evoluzione, tuttavia, è necessario che un bosco segua questo destino almeno per qualche decennio, se si tratta di bosco giovane, o tempi più prolungati in caso di boschi adulti. Molti boschi delle zone meno accessibili, come quelli dei pendii più ripidi, ostacolati dalle balze rocciose e difficili da percorrere sono attualmente soggetti alla libera evoluzione; il fatto che non sempre ospitino alberi secolari, può derivare dal fatto che il terreno fertile a disposizione sia limitato e non ne consenta la crescita, oppure che si trovino in una fase ancora giovanile. Chi osserva bene, infatti, potrà trovare qualche segno dei tagli eseguiti nel passato: ceppaie quasi decomposte, funi metalliche ( residui di vecchie teleferiche), aie carbonili ecc., testimoni dei tempi in cui lo sfruttamento del bosco era molto intenso. I boschi che periodicamente vengono tagliati, invece, sono sottoposti ad un regime selvicolturale. In seguito al taglio, lo spazio disponibile viene occupato da nuovi alberi, che si possono originare dalla germinazione dei semi, provenienti dalle piante rimaste in piedi o dalle stesse piante tagliate, quando ancora non lo erano, oppure possono originarsi dai ricacci delle gemme presenti sulla ceppaia delle piante tagliate. Inoltre, anche superfici che fino ad un determinato momento non erano bosco, possono trasformarsi in boschi, come è il caso di molti terreni agricoli abbandonati. Se nel bosco prevalgono nettamente le piante nate da seme, il bosco è una fustaia (foto 1); se prevalgono i ricacci delle ceppaie, detti polloni, il bosco è un ceduo (foto 2). Fustaia o ceduo determinano il governo del bosco. Naturalmente sono possibili, anzi sono assai frequenti, anche le situazioni miste, soprattutto quando i tagli riguardano superfici di limitata estensione e sono eseguiti in epoche diverse. Spesse volte, come sovente accade nei boschi frammentati secondo la proprietà, si susseguono su piccole superfici tratti di fustaia, di ceduo, di situazioni miste (ceduo matricinato, ceduo sotto fustaia). La scienza forestale che tratta il taglio e la cura dei boschi, cioè la selvicoltura, impartisce regole precise per la gestione dei diversi tipi di bosco; per contro, la gestione ordinaria dei boschi deriva da un mosaico di situazioni particolari, create da soggetti con competenze e finalità diverse. Il diritto di proprietà dei boschi non consente di esercitarvi qualsiasi attività. In tutte le civiltà e in tutti i paesi, gli ordinamenti giuridici riconoscono l utilità dei boschi, indipendentemente da chi ne sia il proprietario, a favore della collettività, e ne tutelano la conservazione. L ordinamento giuridico italiano fornisce le basi per la tutela dei nostri boschi già dal 1923; la legge più importante a tale riguardo era il Regio Decreto Legge 3267 del 1923, in seguito modificato ed integrato da varie leggi statali e regionali. Lo Stato Italiano inoltre ha demandato alle Regioni le funzioni amministrative che riguardano i boschi, e la Regione Lombardia, al pari delle altre, ha emanato a sua volta una serie di norme che riguardano il settore forestale. Particolare importanza assumono la legge regionale 8 del 05/04/1976 (in seguito modificata dalla L. R. 80 del 22/12/1989), che impartisce le linee della politica forestale in Lombardia, e il Regolamento Regionale 1 del 23/02/1993, che contiene le Prescrizioni di Massima e le Norme di Polizia Forestale. A chi esegue periodicamente attività selvicolturali nel bosco (tagli, ripuliture ecc.) si consiglia vivamente la lettura di queste ultime. Le fustaie possono essere coetanee, quando le piante hanno la stessa età, a meno di pochi anni di differenza. Le fustaie coetanee si possono originare a seguito di tagli che interessano tutte le piante presenti in un certo bosco: lo spazio rimasto vuoto viene occupato dalla rinnovazione naturale (foto 3), ossia dalle piantine che nascono dai semi che germogliano, e il taglio si chiama taglio raso. La rinnovazione naturale è il metodo migliore e più sicuro che permette la perpetuità dei boschi; le giovani piantine sono adatte al bosco in cui nascono, perché figlie delle piante preesistenti nello stesso luogo, che a loro volta vi si sono adattate. Le fustaie coetanee si originano anche a seguito dei tagli successivi: la rinnovazione naturale si insedia dopo dei tagli che si fanno ad intervalli. Essi consistono in taglio di preparazione, taglio di sementazione, tagli secondari, che favoriscono l illuminazione del suolo, la fruttificazione e la disseminazione delle piante mature e la nascita delle piantine, e taglio di sgombero, che elimina le rimanenti piante del vecchio ciclo quando le giovani piantine sono ormai affermate. A differenza del taglio raso, il trattamento dei tagli successivi man- 10

3 1) Fustaia di Abete rosso 4) Perticaia di Pino silvestre 2) Ceduo di Faggio 3) Rinnovazione naturale 11

4 tiene sempre una buona copertura del suolo, utile per la sua protezione. Quando si decide di impiantare un bosco nuovo, o quando la rinnovazione naturale tarda ad insediarsi, o non corrisponde alle specie desiderate, si può ricorrere alla piantagione di piantine nate nei vivai forestali. A questo riguardo è utile precisare che la provenienza del seme da cui sono nate le piantine non deve essere casuale: l abete rosso che proviene dalla Siberia può non essere adatto alle Alpi; sulla stessa catena alpina si susseguono zone con clima e terreno diversi, e l abete rosso di una zona può non essere adatto ad essere piantato in un altra. Naturalmente quanto detto per l abete rosso vale anche per tutte le altre specie. E facile intuire come le fustaie coetanee con rinnovazione naturale, nelle fasi iniziali, contengano un numero altissimo di giovani piante (foto 4), e man mano che le piante crescono, il loro numero diminuisce sensibilmente. Ciò che succede è la selezione naturale, che fa in modo che le piante superstiti siano le più vigorose e adatte al bosco in cui si trovano. Nelle fustaie coetanee sottoposte a regime selvicolturale è opportuno eseguire degli interventi che assecondino ed accelerino il processo di selezione naturale; questi interventi sono gli sfolli ed i diradamenti (foto 5), ed hanno lo scopo di eliminare le piante più deboli e di cattivo aspetto, regolando la densità del bosco a livelli ottimali. Quando la fustaia coetanea è matura si eseguono i tagli di utilizzazione, che corrispondono al taglio raso o ai tagli successivi, a seconda del trattamento adottato. Quando le piante della fustaia non hanno la stessa età, ma convivono sulla stessa superficie piante mature, piante giovani e rinnovazione naturale, si dice che la fustaia è disetanea. Durante le utilizzazioni i tagli che si eseguono riguardano piccole aree disposte a macchie sull intera superficie del bosco; il trattamento adottato è quello del taglio saltuario. Nelle aree di taglio si utilizzano poche piante mature e contigue, e all occorrenza si possono eseguire sfolli e diradi che riguardano le piante più giovani presenti in quella stessa area. La rinnovazione naturale si instaura solo nelle buche create a seguito del taglio delle piante mature. I tagli saltuari si possono eseguire ogni anni, e col tempo si percorre tutta la superficie del bosco; le buche create coi primi tagli ospiteranno piante mature, e le buche più recenti piante più giovani, determinando così il tipico aspetto della fustaia disetanea. Dalle fustaie si ricavano assortimenti legnosi di grandi dimensioni, che vengono impiegati come legname da lavoro. Il governo a ceduo può essere applicato solo a quei boschi formati da specie che hanno la capacità di riprodursi per via vegetativa, ossia che possono emettere polloni (foto 6). Abete rosso, Abete bianco, Larice e Pino silvestre, che formano gli estesi boschi di conifere delle nostre montagne, non hanno la capacità di riprodursi per via vegetativa, e per essi il governo a fustaia è l unico possibile. Al contrario la maggior parte delle latifoglie nostrane è in grado di riprodursi sia per seme che per via vegetativa: il governo scelto per i boschi di latifoglie può quindi essere sia il ceduo che la fustaia. Il taglio del bosco ceduo viene praticato durante il riposo vegetativo; le Prescrizioni di Massima stabiliscono le date di inizio e di termine del periodo di taglio, differenziate a seconda della quota del bosco. La rinnovazione avviene all inizio della stagione vegetativa successiva al taglio, grazie alle gemme presenti sulla ceppaia, che germogliano. I polloni che si originano crescono velocemente, se paragonati alle piantine nate da seme della stessa specie. Una piantina di Castagno di un anno raggiunge circa 10 cm di altezza, mentre un pollone, sempre di Castagno, al primo anno può superare il metro. I semi presenti in terra germogliano anche nel bosco ceduo, ma l ombra eccessiva proiettata dai polloni non permette lo sviluppo delle piantine, che presto deperiscono. Solo dove le ceppaie sono più rade, o dove una ceppaia perde la vitalità e non forma più polloni, le piantine si possono sviluppare ed affermarsi. La vitalità delle ceppaie dura per qualche ciclo, e poi comincia a decadere, e il selvicoltore deve fare in modo di rimpiazzare quelle esauste. I polloni, grazie alla loro rapida crescita, possono essere tagliati a intervalli piuttosto ravvicinati; il periodo di tempo che intercorre tra un taglio e l altro si chiama turno. All epoca del taglio, le piante nate da seme avranno dimensioni assai minori dei polloni nati lo stesso anno, e sarà opportuno risparmiarle; verranno tagliate nei turni successivi, quando potranno fornire gli assortimenti desiderati. Se appartengono ad una specie che può riprodursi per via vegetativa, formeranno nuove ceppaie. I semi da cui nascono le piantine possono essere prodotti sia dai polloni che dalle piante nate da seme; in entrambi i casi vengono considerate matricine. Per garantire una continua sostituzione delle ceppaie che di volta in volta si esauriscono, le Prescrizioni di Massima impongono, per certe specie, il rilascio al momento del taglio di un certo numero di matricine, che potranno essere tagliate nei turni successivi. Le matricine, oltre a produrre semi, hanno il compito di proteggere il suolo, che altrimenti subito dopo il taglio rimarrebbe scoperto. 12

5 Per questo motivo le matricine devono avere buone caratteristiche di stabilità, soprattutto nei confronti del vento e della neve. Il ceduo in cui non si allevano le matricine viene detto semplice, mentre nel caso opposto matricinato. Per le specie più vitali, come il Castagno e la Robinia, il riscoppio dei polloni dopo il taglio è molto rigoglioso: su una ceppaia sola si possono formare diverse decine di polloni. Questo numero è certamente eccessivo se si considerano i polloni che effettivamente possono raggiungere lo scadere del turno con un buon accrescimento ed una buona conformazione. Analogamente alle fustaie nelle fasi giovanili, anche per il giovane ceduo sono opportuni degli interventi di selezione dei polloni, con cui si eliminano quelli più deboli, male ancorati alla ceppaia, storti, ammalati ecc., per rilasciare solo quelli che possono raggiungere lo scadere del turno in buone condizioni (foto 7). Un particolare trattamento del ceduo è il ceduo a sterzo; in questo caso all epoca del taglio si preleva solo una parte dei polloni, scelti tra i più vecchi. Sulla ceppaia rimangono sempre dei polloni, più giovani di quelli tagliati, che garantiscono una buona protezione del suolo. Durante il taglio si esegue anche lo sfollo dei polloni più giovani in soprannumero; i tagli vengono ripetuti all incirca ogni 8-10 anni, e i polloni più vecchi raggiungono l età di anni. Questo trattamento è adatto alle specie che gradiscono l ombra, come il Faggio. Gli assortimenti legnosi che si ottengono dal ceduo sono di dimensioni inferiori a quelli delle fustaie mature; l assortimento principale oggigiorno è la legna da ardere e la paleria agricola o per bioingegneria; dalle matricine si può ottenere legno da lavoro. Caratteristiche del legno Fig. 1 - Schema dell accrescimento legnoso in sezione longitudinale (sinistra) e trasversale (destra). Le piante legnose presenti sul nostro territorio e che hanno significato per la produzione legnosa, si ripartiscono in conifere e latifoglie. Le prime prendono il nome dal frutto che producono, ossia la pigna, a forma di cono, ed hanno le foglie allungate, a forma di ago, e perciò sono dette anche aghifoglie. Le latifoglie prendono il nome dall avere la lamina fogliare più o meno espansa, e sono dette anche piante da foglia. Nel nostro clima gli alberi si accrescono secondo il ritmo delle stagioni, formando degli strati di legno che si dispongono uno sull altro, e che nelle sezioni trasversali dei tronchi appaiono come anelli (fig. 1). In primavera, quando il suolo ha una buona disponibilità di acqua, inizia l accrescimento dell anno, con la formazione, immediatamente sotto la corteccia, e quindi in posizione esterna rispetto agli altri strati, della prima parte del nuovo strato legnoso, ricco di canali che trasportano la linfa grezza dalle radici alle foglie. Il nuovo strato legnoso termina sui getti di accrescimento con la cacciata dell anno. Col progredire della stagione vegetativa prosegue l accumulo di legno, con canali di trasporto e materia di sostegno. In estate si completa l accrescimento, con accumulo di sostanza di sostegno più densa e spesso di colore più scuro. Questa successione è visibile nelle sezioni trasversali dei tronchi: la parte chiara dell anello corrisponde al legno primaverile, quella più scura o più densa al legno tardivo. Il legno delle conifere è composto soprattutto da elementi che hanno il compito di trasportare la linfa e di sostenere la pianta, che si chiamano tracheidi, 13

6 Fig. 2 - Legno di conifera in sezione radiale (ingrandito). e si sviluppano in direzione dell asse del fusto; si possono trovare inoltre i canali resiniferi, anch essi in direzione assiale, che trasportano la resina (fig. 2). Nel legno delle latifoglie il trasporto della linfa è svolto da canali detti vasi, mentre il sostegno della pianta spetta alle fibre. I raggi esistono sia nelle conifere che nelle latifoglie, e si sviluppano in senso trasversale, dal midollo verso l esterno, come i raggi di una ruota. In certi casi i canali resiniferi, i vasi ed i raggi possono essere visti a occhio nudo, o meglio con una semplice lente di ingrandimento. Per osservare il legno e riconoscere i suoi elementi, è necessario definire le direzioni e le corrispondenti sezioni fondamentali. Se si taglia un tronco lungo il proprio asse, come si fa comunemente per ricavare le tavole, si crea una sezione longitudinale; in particolare, se il taglio passa per il midollo, la sezione viene detta longitudinale radiale (fig. 3), mentre se non passa per il midollo la sezione si dice longitudinale tangenziale (fig. 4). Naturalmente il taglio radiale, su tutta la lunghezza di un tronco, a causa della non perfetta dirittezza di quest ultimo, Fig. 3 - Tronco in sezione radiale. Fig. 4 - Tronco in sezione tangenziale 14

7 Fig. 5 - Tavole in sezione trasversale. In alto: tavola radiale; in basso: tavole tangenziali. potrà non interessare sempre esattamente il midollo, ma la sezione nel complesso viene comunque detta radiale. Se il taglio del tronco viene fatto perpendicolarmente all asse, come quando si fa il taglio di abbattimento di una pianta, si ottiene una sezione trasversale (fig. 5). L osservazione del legno riesce più agevole se le superfici sono ben lisce: le sezioni longitudinali dovranno essere piallate, e la trasversale piallata o eseguita con una lama circolare di precisione. Il taglio con la motosega, a causa della superficie di taglio scabra che lascia, spesso non consente una buona osservazione. La successione degli anelli di accrescimento si osserva bene in sezione trasversale; si può inoltre rilevare la differenziazione tra alburno, che è la corona più esterna di legno, e durame, che è la parte più interna (foto 8). L alburno è di colore chiaro, mentre il durame, se è differenziato, è di colore più scuro; il limite tra le due zone può coincidere con un anello di accrescimento, oppure essere irregolare. Sempre in sezione trasversale si possono osservare la presenza di canali resiniferi, nel caso delle conifere, e la disposizione dei vasi nel caso delle latifoglie. Certe latifoglie come il Frassino e la Robinia formano i vasi con diametro maggiore nel legno primaverile, che di conseguenza risulta molto poroso, e quelli con diametro via via più piccolo nel legno tardivo, che di conseguenza risulta più compatto e denso. Questa particolare disposizione dei vasi nella cerchia annuale prende il nome di porosità anulare; quando invece i vasi si distribuiscono omogeneamente nella cerchia annuale, il legno risulta a porosità diffusa (fig. 6). Quando si prende in esame il legno di una certa specie ai fini delle lavorazioni, è importante riconoscere la tessitura e la venatura. La tessitura deriva dalla disposizione e dalle dimensioni degli elementi che costituiscono il legno: Frassino e querce, ad esempio, hanno tessitura grosso- lana, dovuta alla porosità anulare, mentre Acero e Ciliegio hanno tessitura fine. La tessitura può essere osservata sia in sezione trasversale che nelle sezioni longitudinali. La venatura è il disegno formato dalla successione delle cerchie di accrescimento annuali, ed è particolarmente evidente quando il passaggio da una cerchia a quella successiva è marcato da un cambiamento di colore, come avviene ad esempio nel Larice e nell Olmo. L effetto più appariscente della venatura si osserva nelle sezioni longitudinali: nella longitudinale radiale si ha la venatura a rigatino, mentre nella longitudinale tangenziale si ha la venatura fiammata (fig. 7). Le querce e il Faggio hanno i raggi ben visibili: in sezione trasversale appaiono piuttosto sottili e lunghi, mentre in sezione radiale appaiono come dei nastri alti qualche millimetro, che riflettono la luce in modo diverso dal restante legno. L effetto che determinano, molto evidente, sono le specchiature (foto pag. 65). Ci sono specie, come il Ciliegio, in cui i raggi sono visibili, ma molto piccoli, e l effetto delle specchiature risulta poco evidente. Le caratteristiche finora esaminate permettono di comprendere come il legno sia un materiale non omogeneo, ossia gli elementi che lo compongono hanno una ben precisa disposizione, che cambia a seconda della direzione considerata. Questo fatto influenza molte proprietà fisiche del legno: esse cambiano a seconda della direzione considerata. Ad esempio, un esperienza molto comune permette di osservare come, spaccando la legna da ardere, la resistenza allo spacco sia minore in senso assiale che in senso trasversale. La non omogeneità del legno si chiama più propriamente anisotropia. Allo stato fresco il legno ha un alto contenuto di umidità, che diminuisce lentamente dal momento in cui i fusti vengono abbattuti e seguono le successive lavorazioni; la perdita di umidità procede fin tanto che l umidità del legno si trova in equilibrio con l umidità dell ambiente in cui il legno si trova. Il processo di perdita di umidità si chiama stagionatura; è chiaro che la stagionatura dipende, nella fase finale, dall umidità ambientale: un ambiente molto secco favorirà la perdita di buona parte dell umidità del legno, e all opposto un ambiente umido favorirà il mantenimento dell umidità. Allo stato fresco, il peso di un campione di 1 m 3 di legno di Abete rosso in media si aggira attorno a 860 kg; parte di questo peso è dovuta all acqua contenuta. Se si potesse seccare completamente il campione di legno, si arriverebbe ad un peso pari a circa 390 kg, il che significa che 470 kg di peso originario erano dati dall acqua contenuta. In condizioni normali la perdita di umidità non si spinge 15

8 5) Pineta di Pino silvestre diradata 6) Ceppaia e polloni di Castagno 8) Differenziazione tra alburno e durame in un tronco di Larice 7) Giovane ceduo di Robinia dopo una ripulitura 16

9 Fig. 6 - Legno di latifoglia in sezione radiale (ingrandito). In alto: porosità diffusa; in basso: porosità anulare. sino al valore assoluto: il metro cubo di legno di Abete rosso correttamente stagionato avrà un peso di circa 440 kg, e senza dispositivi particolari è praticamente impossibile abbassare ulteriormente tale peso. Per quantificare il livello di umidità del legno, si usa rapportare il contenuto di acqua del campione col peso secco del campione, e lo si esprime in percento. Il peso di 440 kg del campione di Abete rosso di 1 m 3 corrisponde ad una umidità del 12%; questo valore, per convenzione, è detto umidità normale del legno, ed è il valore al quale corrisponde una buona stagionatura del legname da lavoro. Il legname da usare per falegnameria fine da interni dovrebbe avere un umidità ancora inferiore, attorno all 8-9%, che ne garantisce la stabilità, ed è ottenibile solo tramite gli essiccatoi. Se l umidità ambientale aumenta, il legno che si trovava in equilibrio con essa, tende a riassorbire parte dell umidità dell aria, fino a portarsi nuovamente in condizione di equilibrio, e questo accade anche in 17

10 Fig. 7 - A sinistra: venatura a rigatino in tavola radiale; a destra: venatura fiammata in tavola tangenziale. Fig. 8 - In alto: imbarcamento di una tavola radiale; in basso: trave fessurata contenente il midollo. Le frecce indicano il verso prevalente del ritiro. campioni di legno perfettamente stagionati. La possibilità di perdere o assorbire acqua è una caratteristica fondamentale del legno. Ad ogni perdita di umidità corrisponde una diminuzione delle dimensioni, detta ritiro (per l esattezza, il ritiro inizia quando l umidità del legno si abbassa sotto il 30 %; dallo stato fresco al 30% l acqua evapora senza causare ritiro); viceversa, ad ogni assorbimento di umidità corrisponde un aumento delle dimensioni, detto rigonfiamento. La componente del legno che più di tutte può scambiare acqua, assorbendola o cedendola, è la lignina. Il contenuto in lignina non è omogeneo nel legno: le zone dove più si accumula sono la parte tardiva degli anelli di accrescimento, cui conferisce il colore scuro, e i nodi. Le variazioni del contenuto di umidità del legno, perciò, sono più consistenti nei punti più ricchi di lignina, e ne consegue che le variazioni dimensionali non sono identiche in tutte le direzioni. Si usa esprimere il ritiro che subisce il legno durante la perdita di acqua, passando dallo stato fresco a quello perfettamente anidro, in percentuale rispetto allo stato fresco. Ciò che interessa in pratica è il ritiro dallo stato fresco allo stato di umidità normale del 12%, che varia dallo 0,2-0,3% in direzione longitudinale, dal 2-3% nella direzione radiale, e dal 4-5% nella direzione tangenziale. Come si vede, l entità del ritiro è diversa nelle tre direzioni fondamentali considerate. Una tavola segata allo stato fresco e lunga esattamente 1 m, subirà un accorciamento durante la stagionatura pari a 2-3 mm; nel caso di una tavola radiale larga 10 cm allo stato fresco, il ritiro nel senso della larghezza sarà pari a circa 2-3 mm; nel caso di una tavola tangenziale larga 10 cm allo stato fresco, il ritiro nel senso della larghezza sarà pari a circa 4-5 mm. Sulla tavola radiale il ritiro tangenziale agirà nel senso dello spessore; analogamente, sulla tavola tangenziale, il ritiro radiale agirà nel senso dello spessore. Sia il ritiro che il rigonfiamento hanno, come è facilmente intuibile, effetti deformanti sugli assortimenti legnosi. Uno dei primi segnali del ritiro compare già sulle teste dei tronchi pochi giorni dopo l abbattimento delle piante, con delle caratteristiche fratture che corrono in senso radiale (foto 9). Se il tronco non viene segato, le fratture possono interessare tutta la lunghezza del tronco. Nel caso di specie facilmente suscettibili allo spacco, come il Castagno, possono prendere il sopravvento 1 o poche fratture che si estendono su tutta la lunghezza del tronco, e raggiungono il midollo, con un apertura sulla superficie esterna di qualche cm. Se i tronchi allo stato fresco vengono prontamente segati, il ritiro interessa gli assortimenti ottenuti. L effetto più vistoso si ha sulle tavole tangenziali, che subiscono l imbarcamento, mentre le tavole che meno si deformano sono quelle radiali (fig. 8). Le travi contenenti il midollo sono destinate a spaccarsi, analogamente a quanto succede ai tronchi, con spaccature che vanno dal midollo verso l esterno, mentre le travi che non contengono il midollo risultano meno deformabili. La massa volumica, o densità, del legno è il peso di una unità di volume, e in pratica si esprime in kg per m 3. La massa volumica del legno non è un valore costante nel tempo, poiché dipende dalla 18

11 variazione del contenuto di acqua; per esprimere la massa volumica di un legno, è necessario specificare a quale contenuto di umidità si riferisce. La massa volumica varia inoltre da specie a specie: esistono legni molto leggeri, come il Pioppo e l Abete rosso, che hanno massa volumica ad umidità del 12% rispettivamente pari a 360 e 440 kg/ m 3, e legni decisamente più pesanti, come il Larice e il bosso, che hanno massa volumica ad umidità relativa del 12% rispettivamente pari a 660 e 990 kg/m 3. I valori espressi vanno considerati come medi di numerose prove eseguite; la massa volumica infatti, per una stessa specie e allo stesso contenuto di umidità, può variare a seconda dello spessore degli anelli di accrescimento o della porzione di fusto considerata (il legno verso la base del fusto è più pesante del restante). Per questo motivo i testi specifici possono riportare valori di massa volumica leggermente diversi tra loro. Di seguito si riporta una tabella con i valori medi di massa volumica delle specie nazionali, allo stato fresco e ad umidità relativa del 12%. 9) Spaccature radiali sulla testa di un tronco specie Massa volumica Kg/m 3 Stato fresco U = 12% Abete bianco Abete rosso Acero di monte Alloro Bagolaro Betulla Bosso Carpino Castagno Cembro Ciliegio Cipresso Faggio Frassino Gelso Ginepro Ippocastano Larice Leccio Maggiociondolo Noce Nocciolo Olivo Olmo Ontano Pino domestico Pino marittimo Pino mugo Pino nero Pino silvestre Pioppo Platano Robinia Rovere Salice Sorbo degli uccellatori Tasso Tiglio N.B. i valori di massa volumica riportati nella sezione relativa alla trattazione delle singole specie si intendono riferiti a U = 12%. 19

12 10) Taglio della tacca di direzione 11) Taglio di abbattimento 12) Inserimento del cuneo 13) Abbattimento avvenuto 14) Sramatura 20

13 Misurazione del legno Il legname viene comunemente misurato in peso o in volume. Il peso, espresso generalmente in quintali (simbolo: q), viene impiegato per misurare la legna da ardere già depezzata. Risulta comodo infatti pesare il carico dei mezzi impiegati per il trasporto; riguardo la legna da ardere giova ricordare che il peso, per una certa partita, è soggetto a calo, man mano che procede la perdita di umidità, e pertanto ha un valore momentaneo. A volte il peso viene usato per misurare il legname delle latifoglie, sia in tronco che in tavole, per il fatto che spesso i tronchi non hanno forma regolare, così come le tavole ottenute, che generalmente non vengono refilate, e di conseguenza risulta più impegnativo adottare misure volumetriche. La misura del volume viene riservata generalmente al legname delle conifere, che ha forma più regolare, ed ai segati ottenuti. In questo caso l unità adottata è il metro cubo (simbolo: m 3 ; abbreviazione: mc). Il volume viene impiegato nella misurazione sia del legname abbattuto, sia delle piante in piedi. Nel caso delle piante abbattute, queste risultano ispezionabili in ogni punto ed il reperimento delle misure non presenta problemi. Con l abbattimento (foto 10-14) si procede al taglio della pianta, che cade sul letto di caduta. Si procede quindi alla sramatura e al taglio del cimale, e ciò che rimane è il fusto da lavoro. I rami vengono tagliati il più possibile radente il fusto, mentre il cimale viene tagliato in corrispondenza di un diametro che oscilla attorno a 20 cm; nel caso in cui il taglio delle piante viene fatto a scopo commerciale, il contratto fissa, tra l altro, il diametro minimo in punta dei fusti. L operazione successiva dell allestimento è la sezionatura, con la quale si ottengono i tronchi (foto 15), preparati secondo le misure commerciali. Poiché le teste dei tronchi possono subire dei danneggiamenti durante l esbosco, è necessario lasciare il salvalegno, cioè cm di legno in più sulla lunghezza del tronco. I tronchi verranno poi intestati in segheria, eliminando il salvalegno, e con esso i residui di terra e sassi che può contenere. La misurazione del legname abbattuto può riguardare il fusto oppure i tronchi, e può essere fatta sul letto di caduta o sul piazzale di imposto. Il metodo usuale per la misurazione del fusto o del tronco consiste nel moltiplicare la sezione, rilevata a metà della lunghezza, per la lunghezza stessa (fig. 9) La sezione si ricava misurando il diametro con un Fig. 9 - Misurazione del diametro e della lunghezza. apposito calibro, chiamato cavalletto dendrometrico (foto 16). Il diametro si esprime in centimetri; può essere misurato sopra corteccia oppure sotto corteccia. In quest ultimo caso è necessario scortecciare un anello di fusto o di tronco nel punto in cui si inserisce il calibro. La misura viene approssimata per difetto al centimetro pieno: se ad esempio la misura reale è 35,7 cm, quella adottata è 35 cm. Nel caso il fusto o il tronco nel punto in cui si rileva il diametro abbiano sezione ovale, si misurano i diametri maggiore e minore, e si usa la media dei due valori, data dal rapporto D m = D 1 + D 2 2 con D m = diametro medio D 1 = diametro maggiore D 2 = diametro minore La sezione si ricava dalla nota formula S = R 2 π con S = sezione, in cm 2 R = raggio, in cm π = 3,14 Volendo operare col diametro, la formula diventa D 2 S = π 4 con D = diametro, in cm La lunghezza si rileva generalmente tramite una cordella metrica, e si esprime in metri. La misura viene approssimata per difetto al mezzo metro: se ad esempio la lunghezza reale è 13,80 m, quella adottata è 13,50 m. 21

14 Poiché il volume si esprime in metri cubi, è necessario convertire il valore della sezione in metri quadri. In sintesi la formula da applicare è la seguente: D 2 V = π L con V = volume, in m 3 D = diametro, in cm L = lunghezza, in m A seconda che il diametro venga misurato sopra corteccia o sotto corteccia, si ottiene rispettivamente il volume lordo o il volume netto. Conoscendo la massa volumica (densità) dei tronchi di una determinata specie legnosa di cui si è misurato il volume, è possibile calcolarne il peso. Esempio per un tronco di Larice fresco e scortecciato: D = 47 cm L = 5,50 m 47 2 V netto = x 3,14 x 5,50 = 0,95 m Massa volumica = 900 kg/m 3 Peso = 0,95 x 900 = 855 kg Nel caso in cui il legname misurato sia oggetto di compravendita, durante la misurazione si esaminano anche i difetti di ogni tronco che possono influire sulla qualità dei segati ottenibili. I tronchi misurati vengono quindi ripartiti in cataste distinte a seconda della specie legnosa e della qualità, o più propriamente della classe. E importante, onde evitare contestazioni, fare riferimento a norme precise che definiscono i difetti ammessi per ogni classe. La Raccolta Provinciale degli Usi, edita dalla Camera di Commercio, Industria e Artigianato di Sondrio, nel capitolo relativo alla compravendita dei prodotti, tratta anche i prodotti della selvicoltura, tra cui il legname grezzo. Sono stabiliti degli sconti in percentuale da attribuire ad ogni tronco difettoso, in funzione della misura o dell intensità del difetto. Il volume così scontato è il volume nettissimo, ed è quello che viene adottato dalle parti per il calcolo del valore del lotto di legname. La Regione Lombardia ha predisposto un capitolato per la vendita dei lotti boschivi pubblici, ove tra l altro si trova una tabella con i difetti del legname e i relativi sconti in percentuale. Per il calcolo del volume sotto corteccia, o volume netto, di una partita di legname è possibile ricorrere all applicazione di riduzioni percentuali sul volume lordo. Le Tariffe del Trentino Alto Adige, di cui si dirà più avanti, forniscono i seguenti valori relativi alla corteccia, da togliere al volume lordo: Abete rosso e Abete bianco: 10% Larice: 20% Pino silvestre: 15% Cembro: 14% Questi valori rappresentano delle medie di numerose prove, e si riferiscono all intero fusto da lavoro; poiché lo spessore della corteccia diminuisce dalla base del fusto verso il cimale, non è corretto applicare le riduzioni percentuali solo a uno o pochi tronchi. Se ad esempio il volume lordo di una partita di legname composta da Abete rosso e Larice è stato così misurato: V L Abete rosso = 57,18 m 3 V L Larice = 79,46 m 3 V L totale = 136,64 m 3 il volume netto si ricava con i seguenti calcoli: V N Abete rosso = 57,18 57,18 x 10 = 51,46 m V N Larice = 79,46 79,46 x 20 = 63,57 m V N totale = 51, ,57 = 115,03 m 3 Perdita per corteccia = 136,64 115,03 = 21,61 m 3 = 16% del V L totale Anche la legna da ardere può essere misurata in volume; è questo il caso in cui si trova all imposto, pronta per essere caricata sugli autotreni, opportunamente accatastata. In questo caso si misura il volume della catasta intera, che deve avere forma squadrata e composta solitamente da tronchetti lunghi 1 m, comprensiva sia dello spazio occupato effettivamente dal legno, sia degli spazi vuoti tra un pezzo e l altro. Si ottiene così il volume sterico; un metro stero contiene legno ed aria, e la percentuale di legno sarà tanto maggiore quanto più ordinata sarà costruita la catasta. In condizioni normali, per la legna da ardere il valore medio della quota di legno oscilla dal 50% al 60%. I grossisti spesso acquistano la legna da ardere a metro stero, mentre la vendita al dettaglio, come già ricordato, avviene generalmente a peso. La misurazione delle piante in piedi presenta degli ostacoli dovuti al fatto che, in condizioni normali, il diametro a metà altezza e l altezza non sono accessibili all operatore. Un metodo per stimare il volume di una pianta in piedi consiste nel moltiplicare la sezione del fusto, rilevata a 1,3 m da terra, per l altezza della pianta, e dividendo il risultato per due (fig. 10). L altezza della pianta viene misurata indirettamente con degli appositi strumenti, detti ipsometri; in man- 22

15 canza, l altezza viene stimata a occhio. La formula che si applica è la seguente: D 2 1,30 V = x π X H x 0, con V = volume, in m 3 D 1,30 = diametro rilevato a 1,30, in cm H = altezza della pianta, in m Dovendo procedere alla misurazione del volume di molte piante in piedi, delle quali sia noto il diametro a 1,3 m da terra, è possibile impiegare apposite tabelle dette tavole di cubatura, che forniscono il volume, per una certa specie legnosa, in funzione del diametro, e a volte anche dell altezza. L operazione di rilevamento del diametro delle piante in piedi è detta cavallettamento (foto 17). Nella nostra provincia è molto diffusa l applicazione di particolari tavole di cubatura, le Tariffe del Trentino Alto Adige, adatte per Abete rosso, Abete bianco, Larice, Pino silvestre e Faggio. La corretta applicazione di dette tavole è riservata ai Tecnici Forestali. Fig Diametro e altezza di una pianta in piedi. Segagione e stagionatura Il legname tondo o tondame è costituito da fusti o tronchi, che possono essere utilizzati tali e quali, oppure destinati alla segagione. Il tondame viene usato tale e quale, a meno di trattamenti preservanti, per travature dei tetti, linee elettriche o telefoniche, recinzioni, paleria agricola ecc.. I tronchi migliori di molte specie possono essere destinati alla tranciatura o alla sfogliatura. La prima, effettuata dalla tranciatrice, consiste nel tagliare i tronchi longitudinalmente con una grossa lama senza denti, che agisce come uno scalpello; si ottengono i tranciati, con spessore generalmente di qualche decimo di millimetro. La sfogliatura consiste nel far girare il tronco sul proprio asse contro una lama, lunga come il tronco, che asporta un sottile spessore di legno lungo tutta la lunghezza del tronco. Analogamente ai tranciati, gli sfogliati hanno spessore di qualche decimo di millimetro. La differenza sostanziale tra i due processi sta nel fatto che la sfogliatura produce fogli larghi come il tronco e molto lunghi, con venatura a rigatino, mentre la tranciatura permette di ottenere disegni dal fiammato al rigatino man mano che procede dalla periferia verso il midollo del tronco, con fogli lunghi come il tronco e larghi al massimo quanto il diametro del tronco. Tranciati e sfogliati sono impiegati nell industria del mobile, e nella produzione di pavimenti e di compensati. Spesso il tronco da trancia o da sfogliatura rappresenta l assortimento tondo più remunerativo che può essere ricavato da un fusto. I tronchi scadenti possono essere sminuzzati e destinati alla produzione di energia, cellulosa, pannelli e compost. Quando il tronco è destinato ad essere trasformato in assortimenti segati, esso prende la denominazione di toppo da sega o tondame da sega (foto 18). Il tondame da sega viene segato preferibilmente allo stato fresco, risultando così più tenero, e di seguito avviato alla stagionatura (foto 19). Il legname segato serve per la produzione di travi e tavole. Esistono diverse classificazioni relative alla denominazione degli assortimenti segati in funzione delle dimensioni e delle caratteristiche. Le travi di gran lunga più impiegate sono a spigoli vivi e facce parallele (foto 20); in carpenteria trovano uso anche travi con spigoli smussati secondo la naturale rotondità del fusto, oppure con le facce non perfettamente parallele. In particolare si distinguono: travi uso Fiume, a facce parallele e smussi su tutta la lunghezza; 23

16 15) Tronchi di Larice 16) Cavalletto dendrometrico 17) Cavallettamento in fustaia 18) Tondame da sega di Abete rosso 24

17 Fig. 11 In alto: trave uso Fiume; al centro: trave uso Trieste; in basso: trave uso Cadore. travi uso Trieste, a facce parallele nel primo terzo della lunghezza, e poi con squadratura che segue la rastremazione del tronco; travi uso Cadore, con squadratura che segue la rastremazione del tronco per tutta la lunghezza (fig. 11). La parte di tronco che sta tra la periferia e la prima faccia della trave o della tavola si chiama sciavero. Le tavole possono essere refilate a spigoli paralleli, come è il caso delle tavole di conifere, oppure non refilate, come è il caso delle tavole di latifoglie per falegnameria. Un tempo si producevano pure tavole di conifere refilate, ma a spigoli non paralleli, seguenti la rastremazione del tronco, dette tavole refilate coniche, al fine di ridurre al minimo le perdite di lavorazione; venivano impiegate per lo più nella posa di pavimenti. La segagione di un tronco in tavole può avvenire secondo diversi schemi (fig. 12). Il taglio sul tronco è il più semplice e rapido da eseguire, ma più le tavole ottenute si allontanano dal midollo, più sono soggette a deformazione durante la stagionatura; il taglio di quarto è più laborioso, poiché richiede la movimentazione del tronco ad ogni taglio, ma le tavole ottenute sono più stabili. Eseguita la segagione, i segati devono essere correttamente stoccati per procedere alla stagionatura, ossia alla perdita di umidità. Sia le travi che le tavole devono essere disposte in cataste sollevate da terra e al riparo dalla pioggia, con i vari strati intervallati da listelli ordinatamente disposti, che permettano la circolazione dell aria all interno delle cataste (foto 21). Le tavole non refilate di latifoglie vengono generalmente disposte in modo da riprendere la posizione originaria che occupavano nel tronco, sempre intervallando ogni tavola con i listelli; ciò che si forma è la boule (foto 22). Le tavole di Castagno, a causa dell elevato contenuto in tannino, vengono disposte verticalmente a V rovesciata, con particolari sostegni, senza riparo dalla pioggia, che col tempo dilava i tannini. Fig. 12 Schemi di segagione. A sinistra taglio sul tronco; a destra: taglio sul quarto. 25

18 18) Segagione di un tronco di Abete rosso 20) Catasta di tavole listellata 19) Travi refilate di Abete rosso 21) Boules di Noce 26

GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO

GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO Ideazione: Area Agricoltura della Comunità Montana Valtellina di Sondrio Testo e disegni - parte prima e parte terza:

Dettagli

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare IL LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco di legno massello Oggi: il banco di ferro e truciolare Il legno Definizione Le caratteristiche Sezione di un tronco La produzione: dal taglio alla segheria La

Dettagli

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Torna all indice Foto: A. Raise IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Relatore Stefano Grigolato Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Università degli Studi di Padova Progetto

Dettagli

PRODUZIONE DEI TRONCHI

PRODUZIONE DEI TRONCHI MATERIALI: LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco era di legno massello Oggi: il banco è di ferro e truciolare laminato QUANDO IL LEGNO ENTRAVA OVUNQUE 1) Macchinari 2) Strutture per le case 3) Mezzi

Dettagli

L albero e il tronco

L albero e il tronco IL LEGNO L albero e il tronco Ciclo di produzione Trasporto: Camion Teleferica Fluitazione Rotaie Segagione Tipi di segagione Il taglio e gli effetti del ritiro Tipi di segati Sfogliati Tranciati Prodotti

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

2 Assortimento e misurazione del legname

2 Assortimento e misurazione del legname 2 Assortimento e misurazione del legname 2.1 Assortimenti di legname In questo capitolo sono trattate le prescrizioni usate in Svizzera per l assortimento e per la misurazione. Legname tondo, tronchi Conifere

Dettagli

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso INTRODUZIONE IL LEGNO COME MATERIALE DA COSTRUZIONE Caratteristiche e struttura del legno Nel comparto edilizio le opere in legno possono impiegare non solo componenti, prodotti o semilavorati in legno

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione

Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione Protocollo ARTEA Quadro A - Azienda Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (Mod. A2) Settore forestale Dichiarazione di taglio ed opere connesse L.R. 39/00 e Regolamento Forestale Dichiarazione per interventi

Dettagli

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 7 PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri IL MATERIALE

Dettagli

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Valerio Motta Fre (Regione Piemonte) valerio.mottafre@regione.piemonte.it Pierpaolo Brenta (IPLA S.p.A.) brenta@ipla.org Pier Giorgio

Dettagli

Capitolo 11 - PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO

Capitolo 11 - PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO 1raccolta provinciale degli usi 21-07-2005 10:10 Pagina 140 Capitolo 11 - PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO Sommario a) Legno comune Sezione I Parte generale Contrattazioni in genere Clausola di approvazione

Dettagli

falegname di casa con il fai da te tipi di legno macchine lavorazioni colle incastri riparazioni tornitura curvatura finitura

falegname di casa con il fai da te tipi di legno macchine lavorazioni colle incastri riparazioni tornitura curvatura finitura falegname di casa con il fai da te tipi di legno macchine lavorazioni colle incastri riparazioni tornitura curvatura finitura Valerio Poggi falegname di casa con il fai da te www.faidatebook.it - info@faidatebook.it

Dettagli

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET PRODUZIONE E CARATTERISTICHE ENERGETICHE DI LEGNA, CIPPATO E PELLET Massimo Negrin - AIEL Valter Francescato AIEL Foreste e prelievi in Italia (D. Pettenella, L. Secco dip. TeSAF Università di Padova)

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

UNITA di MISURA di VOLUME dei COMBUSTIBILI LEGNOSI. Numeri e nozioni di Xiloenergetica. www.agriforenergy.com QUADRO DI RIFERIMENTO

UNITA di MISURA di VOLUME dei COMBUSTIBILI LEGNOSI. Numeri e nozioni di Xiloenergetica. www.agriforenergy.com QUADRO DI RIFERIMENTO Numeri e nozioni di Xiloenergetica Per richiedere il volume rivolgersi a: Settore Politiche Forestali della Regione Piemonte Corso Stati Uniti, 21-10128 TORINO E_mail: tosettore.foreste14-@regione.piemonte.it

Dettagli

Analisi dendrometriche fondamentali

Analisi dendrometriche fondamentali Esame di Gestione delle Foreste e dei Parchi, insegnamento di Misure e tecnologie forestali (parte di misure) AA 2013-2014 Una parte del materiale riprodotto è relativo al corso di "Dendrometria e Selvicoltura"

Dettagli

Capitolo XI. 445. Ordinazioni. PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO A) LEGNAME DA OPERA E DA COSTRUZIONE (LEGNO COMUNE)

Capitolo XI. 445. Ordinazioni. PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO A) LEGNAME DA OPERA E DA COSTRUZIONE (LEGNO COMUNE) Capitolo XI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO A) LEGNAME DA OPERA E DA COSTRUZIONE (LEGNO COMUNE) 445. Ordinazioni. Quando le somministrazioni di legname si fanno in base al listino dei prezzi pubblicato

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO IL LEGNO E uno dei materiali più antichi ed ha rappresentato per l uomo il modo di risolvere, per molti

Dettagli

Legname di Castagno ad Uso Strutturale

Legname di Castagno ad Uso Strutturale Legname di Castagno ad Uso Strutturale Dott. For. Luchetti Marco Ufficio Normativa Assolegno di FederlegnoArredo Tel. +39 02 80604 328; mob. +39 333 2763278 marco.luchetti@federlegnoarredo.it Introduzione:

Dettagli

Fin dall'antichità più preistorica il legno, è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione di palafitte,

Fin dall'antichità più preistorica il legno, è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione di palafitte, Fin dall'antichità più preistorica il legno, è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione di palafitte, capanne, utensili. Erano di legno i pali per costruire le capanne.

Dettagli

Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA

Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA Sommario a) Legna da ardere Sezione I Usi generali Distinzione Art. 1 Qualità 2 Pezzatura 3 Stagionatura 4 Provenienza 5 Forma del contratto 6 Prezzo 7 Contrattazione

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed.

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. Panoramica e criteri di scelta dei riscaldamenti a legna Corso Riscaldamenti a legna Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

U.D.: LEGNO Prof. ssa R. D'Imporzano

U.D.: LEGNO Prof. ssa R. D'Imporzano 1 Uso: Combustibile Uso: Costruzione mobili, case, oggetti e carta Forma: cilindro 2 Il legno è un materiale naturale, biologico, rinnovabile che si contraddistingue per le sue innumerevoli proprietà,

Dettagli

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria dell'energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni DESTEC Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Linda Giresini 8 Novembre 2012 Legno: origine

Dettagli

6. - Provenienza. - Per provenienza del legname s'intende il luogo di origine dei tronchi.

6. - Provenienza. - Per provenienza del legname s'intende il luogo di origine dei tronchi. A) LEGNAME COMUNE 1. - Categorie del prodotto. - Il legname viene commercializzato stagionato e non stagionato. Si distingue in: AI) legname da costruzione; A2) legname da falegnameria (non esotico); A3)

Dettagli

LEZIONE 8. ARCHITETTURA TECNICA II Docente: Prof. Ing. Santi Maria Cascone ANNO ACCADEMICO 2015-2016

LEZIONE 8. ARCHITETTURA TECNICA II Docente: Prof. Ing. Santi Maria Cascone ANNO ACCADEMICO 2015-2016 LEZIONE 8 I PRODOTTI IN LEGNO E A BASE DI LEGNO IL TAGLIO DEL LEGNO E possibile ottenere delle travi in legno massiccio a 4 fili a partire dalla sezione circolare del tronco in tre modi differenti: Con

Dettagli

Quadro A - Proprietario o Azienda

Quadro A - Proprietario o Azienda DICH-P Pagina 1 di 9 Settore Programmazione Forestale Quadro A - Proprietario o Azienda Sez. 00 - Documenti accessori Sez. 0 - Tipo di dichiarazione (barrare solo una casella) Settore Forestale Dichiarazione

Dettagli

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO INDICE INTRODUZIONE PREMESSA LA FINALITÀDEL PRESENTE LAVORO ÈSTATA QUELLA DI FORNIRE AGLI ALUNNI STRUMENTI E

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici IL LEGNO PER LA SOSTENIBILITÀ IN EDILIZIA Centro Congressi Lingotto, Torino 6 giugno 2007 Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Dettagli

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale.

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Convegno SICUREZZA E COMFORT NELLE ABITAZIONI CON STRUTTURE DI LEGNO Verona, 16 Giugno 2001 Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Prof. Ing. Luca UZIELLI Prof.

Dettagli

DEPOSITO CIPPATO. La passione per la perfezione. Proposte di trasporto e stoccaggio. www.eta-italia.it. ... il mio sistema di riscaldamento

DEPOSITO CIPPATO. La passione per la perfezione. Proposte di trasporto e stoccaggio. www.eta-italia.it. ... il mio sistema di riscaldamento DEPOSITO CIPPATO... il mio sistema di riscaldamento Proposte di trasporto e stoccaggio La passione per la perfezione 1 La passione per la perfezione www.eta-italia.it Il legno, una scelta etica per l ambiente

Dettagli

prof. Adolfo F. L. Baratta Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Legni

prof. Adolfo F. L. Baratta Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Legni Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Legni Roma, 11 aprile 2014 08 Classificazione degli alberi Le foreste rappresentano il 29,6% della superficie

Dettagli

IL LEGNO DI CASTAGNO, CONFRONTO CON ALTRI LEGNI

IL LEGNO DI CASTAGNO, CONFRONTO CON ALTRI LEGNI CICLO DI SERATE LE CASTAGNE OCCASIONE PER IL TERRITORIO IL LEGNO DI CASTAGNO, CONFRONTO CON ALTRI LEGNI Cassano Valcuvia 05 marzo 2014 Dott. Agronomo Massimo Raimondi Consulente Tecnico del Consorzio Castanicoltori

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

INTRODUZIONE AL LEGNO LAMELLARE

INTRODUZIONE AL LEGNO LAMELLARE INTRODUZIONE AL LEGNO LAMELLARE E un materiale da costruzione prefabbricato, la sua materia prima è il legno tagliato in tavole, comunemente chiamate lamelle, con limiti di larghezza e lunghezza, sovrapposte

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

LISTINO PREZZI INDICE. TAVOLAME Gruppo 1. TRANCIATI Gruppo 2. PANNELLI MONOSTRATO Gruppo 3 PANNELLI 3-STRATI

LISTINO PREZZI INDICE. TAVOLAME Gruppo 1. TRANCIATI Gruppo 2. PANNELLI MONOSTRATO Gruppo 3 PANNELLI 3-STRATI LISTINO PREZZI INDICE TAVOLAME Gruppo 1 TRANCIATI Gruppo 2 PANNELLI MONOSTRATO Gruppo 3 PANNELLI 3-STRATI ELEMENTI PER PORTE - LISTONI 3-STRATI PER FINESTRE - Gruppo 4 PORTE GREZZE PER INTERNI PANIFORTI

Dettagli

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. NR. 12 DEL 27.02.1997

Dettagli

Il legno come combustibile

Il legno come combustibile Approfondimento Il legno come combustibile Le biomasse soddisfano circa il 15% degli usi energetici primari nel mondo; tra esse la più nota è il legno, il più antico combustibile utilizzato dall uomo per

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO I

STRUTTURE IN LEGNO I Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN LEGNO I AGGIORNAMENTO 13/01/013 CONIFERE (essenze resinose) Sono alberi che vivono in alta montagna. CONIFERA

Dettagli

04/05/2015 1. CARATTERISTICHE FISICHE. Caratteristiche fisiche del legno

04/05/2015 1. CARATTERISTICHE FISICHE. Caratteristiche fisiche del legno Caratteristiche fisiche del legno Il legno per le costruzioni si ricava dalla parte interna dei grossi fusti degli alberi. È un materiale con una struttura complessa, non omogenea e anisotropa (sottoposto

Dettagli

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE IL LEGNO COME COMBUSTIBILE Il legno è uno dei materiali più preziosi offerti dalla natura. Fin dall'antichità più preistorica è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione

Dettagli

INDICE DELLE DEFINIZIONI

INDICE DELLE DEFINIZIONI Dizionario forestale INDICE DELLE DEFINIZIONI 1. BOSCO 2. MASSA AD ETTARO (o consistenza o provvigione) 3. NUMERO DI PIANTE 4. GOVERNO (forma di governo) a) Ceduo b) Fustaia 5. STRUTTURA DEL BOSCO a) monoplana

Dettagli

dataholz.com Denominazione: wsf

dataholz.com Denominazione: wsf Descrizione generale Per gli elementi di legno massiccio con incastri femmina e/o maschio si tratta di listelli di legno massiccio di conifera o di latifoglie con uno spessore (t) 14 mm, dotati in una

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

LE ESSENZE LEGNOSE ESSENZE TENERI O DOLCI Le essenze tenere o dolci sono facilmente lavorabili e si prestano bene al taglio, ma con altrettanta facilità sono sensibili a urti, graffi e scalfitture e hanno

Dettagli

Compensati - Truciolari - Tamburati - MDF Laminati- Legnami IGNIFUGO

Compensati - Truciolari - Tamburati - MDF Laminati- Legnami IGNIFUGO TRUCIOLARE TRUCIOLARE PIOPPO TRUCIOLARE IGNIFUGO TRUCIOLARE IMPIALLACCIATO mm. 4 305 x 213 mm.6 376 x 213 mm.10 425 x 210 1 lato Tanganica 9 mm. A/retro 375 x 185 5 305 x 213 8 376 x 213 14 425 x 212 2

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

STRUTTURA DEL LEGNO Il legno si divide in cinque zone differenti: corteccia: Rivestimento esterno, ha la funzione di proteggere la pianta da

STRUTTURA DEL LEGNO Il legno si divide in cinque zone differenti: corteccia: Rivestimento esterno, ha la funzione di proteggere la pianta da Prof. Carlo Carrisi INTRODUZIONE Col nome legno si intende quella parte del fusto, dai rami alle radici dei vegetali arborei che si trova al disotto della corteccia; è formato prevalentemente da fibre

Dettagli

MISURAZIONI E MISURE

MISURAZIONI E MISURE MISURAZIONI E MISURE Nel momento in cui studiamo una proprietà di un corpo materiale, vediamo se questa risponde in modo positivo o negativo alla nostra considerazione. Possiamo includerlo o escluderlo

Dettagli

Il legno (cenni di Tecnologia del legno)

Il legno (cenni di Tecnologia del legno) Il legno (cenni di Tecnologia del legno) Struttura Equilibrio igroscopico Variazioni dimensionali Anisotropia, deformazioni Umidità Del legno Di risalita Ambientale Residua Da infiltrazione Piani di posa

Dettagli

Di Elisa Rossi & Marina Capria. Le essenze legnose

Di Elisa Rossi & Marina Capria. Le essenze legnose Di Elisa Rossi & Marina Capria Le essenze legnose ESSENZE TENERE O DOLCI Le essenze tenere o dolci sono facilmente lavorabili, sono sensibili a urti, graffi e scalfitture e hanno una scarsa resistenza;

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

Il brico dalle mille idee...

Il brico dalle mille idee... Il brico dalle mille idee... IL LEGNO E SUE CARATTERISTICHE Peculiarità del legno 2 Caratteristiche del legno Il legno è il materiale ricavato dai fusti delle piante, in particolare dagli alberi ma anche

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Solai in legno. 6.1 Caratteristiche delle strutture lignee

Solai in legno. 6.1 Caratteristiche delle strutture lignee 6 Solai in legno 71 6.1 Caratteristiche delle strutture lignee Particolare importanza, nei fabbricati monumentali in muratura, assumono gli orizzontamenti a struttura lignea. Va precisato che i solai con

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI Allegato A) GARA PER LA VENDITA DI N 14 LOTTI DI BOSCO IN PIEDI E DI N. 1 LOTTO DI LEGNAME ALL IMPOSTO NEI COMPLESSI FORESTALI IN GESTIONE ALL UNIONE DI COMUNI VALDARNO-VALDISIEVE GARA DEL 17/10/2013 Il

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

Acquistare le piantine di VENETO AGRICOLTURA

Acquistare le piantine di VENETO AGRICOLTURA Acquistare le piantine di VENETO AGRICOLTURA Per acquistare piantine al Centro di Montecchio Precalcino è necessario fare un ordine scritto (via fax, email o compilandolo direttamente presso i nostri uffici).

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza sul lavoro Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani Attenzione!! Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste

Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste NORMA ITALIANA Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste UNI 11035-3 OTTOBRE 2010 Structural timber Visual strength grading

Dettagli

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova FORESTALE I SESSIONE 2005 Prima prova 1. Il candidato illustri le condizioni di un popolamento di sua conoscenza soggetto a un quadro di dissesto di origine animate o vegetale e dopo puntuale descrizione

Dettagli

Supporto freeware associato al testo di educazione tecnica Tecnica per il tuo futuro, fascicolo 06.

Supporto freeware associato al testo di educazione tecnica Tecnica per il tuo futuro, fascicolo 06. Supporto freeware associato al testo di educazione tecnica Tecnica per il tuo futuro, fascicolo 06. Tutti i contenuti freeware sono distribuiti con licenza CommonCreative. Puoi quindi visualizzarli, scaricarli,

Dettagli

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO Data/Prot. di presentazione Amministrazione Provinciale di Siena Ufficio Vincolo Idrogeologico Via Massetana, 106 53100 Siena BOLLO Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse L.R. 21.03.2000,

Dettagli

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA Potenzialità di sviluppo e di investimento 1. L INDUSTRIA DEL LEGNO IN PELLET Il pellet è un combustibile densificato costituito da biomassa legnosa; il suo utilizzo

Dettagli

Classificazione. Sono diversi i criteri di classificazione del legno, in base alla durezza si distinguono in:

Classificazione. Sono diversi i criteri di classificazione del legno, in base alla durezza si distinguono in: Classificazione Sono diversi i criteri di classificazione del legno, in base alla durezza si distinguono in: Legni dolci: - Conifere leggere, legni a scarso contenuto resinoso, si degradano facilmente

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

IL LEGNO E ISUOI DERIVATI

IL LEGNO E ISUOI DERIVATI IL LEGNO E ISUOI DERIVATI 1 INTRODUZIONE Il legno, grazie alla sua versatilità, è una materia prima utilizzata sia come combustibile sia come materiale da costruzione nell industria e nell arredamento.

Dettagli

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Allegato A Regione Toscana Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Settore foreste e patrimonio agroforestale Tariffe orarie e tempi di esecuzione

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE Torna all indice De Luca, E.* *CO.GE.FOR. Consorzio Gestione Forestale Il CO.GE.FOR. Il Consorzio di Gestione Forestale

Dettagli

Prezzo unitario. Prezzo unitario

Prezzo unitario. Prezzo unitario ANALISI PREZZI Viminata/palizzata: viminata RMD_01.1 U.M. m Manodopera specializzata h 0,35 20,87 7,30 RU.M01.001.002 Manodopera qualificata h 0,35 18,98 6,64 RU.M01.001.003 Verghe m 5 2,00 10,00 Indagine

Dettagli

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti:

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti: ALLEGATO 1 MISURA 227 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI NON PRODUTTIVI - FORESTE Azione 1 - Supporto alla rinaturalizzazione di boschi per finalità non produttive Linee guida per la redazione del progetto di

Dettagli

IPSAA de Franceschi Pistoia Opzione Gestione delle Risorse Forestali e Montane. Gestione di Parchi, Aree protette ed Assestamento Forestale.

IPSAA de Franceschi Pistoia Opzione Gestione delle Risorse Forestali e Montane. Gestione di Parchi, Aree protette ed Assestamento Forestale. IPSAA de Franceschi Pistoia Opzione Gestione delle Risorse Forestali e Montane Gestione di Parchi, Aree protette ed Assestamento Forestale Classe IV Francesco Pettinà La Quercia delle Streghe. Gragnano,

Dettagli

LE SPECIE SECONDA PARTE. Abete bianco. Nome scientifico: Abies alba Nomi dialettali: avez, vez.

LE SPECIE SECONDA PARTE. Abete bianco. Nome scientifico: Abies alba Nomi dialettali: avez, vez. Abete bianco SECONDA PARTE LE SPECIE Famiglia: Pinacee Nome scientifico: Abies alba Nomi dialettali: avez, vez. Caratteri botanici L Abete bianco è una conifera sempreverde che può superare i 40 m di altezza

Dettagli

Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1

Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1 Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1 ing. Rita D Alessandro ufficio normative EdilegnoArredo A.I.P.P.L. dr. Stefano Berti CNR IVALSA 2 Soluzioni architettoniche moderne

Dettagli

Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia

Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia Progetto Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia Regione Lombardia Iniziativa svolta nell ambito del Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 con

Dettagli

QUARTIERI CONNESSI Associazione di Volontariato Sede legale: Via Cherubini 7-04100 Latina C.F. 91100400596

QUARTIERI CONNESSI Associazione di Volontariato Sede legale: Via Cherubini 7-04100 Latina C.F. 91100400596 Prot. n. 1/09P Latina, 8 gennaio 2009 Arch. Maurizio Guercio Assessore Parchi e Giardini Via Duca del Mare 19 Latina Oggetto: Segnalazione anomalie da sistemare in Q4. Con il seguente documento fotografico

Dettagli

Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi

Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi Lezione 11 - pag.1 Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi 11.1. Dalla forza alla pressione Abbiamo visto che la Terra attrae gli oggetti solidi con una forza, diretta verso il suo centro, che si chiama

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Pomacee (melo, pero, ) - Rami misti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica IL LEGNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica IL LEGNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologia di chimica applicata Tesina IL LEGNO Docente: Prof. G. Siracusa Allievi: Giuseppe Aloini

Dettagli

I PIÙ DIFFUSI TIPI DI LEGNO PER INTERNI - MASSELLO

I PIÙ DIFFUSI TIPI DI LEGNO PER INTERNI - MASSELLO I PIÙ DIFFUSI TIPI DI LEGNO PER INTERNI - MASSELLO CEDRO Legno dolce di colore arancio chiaro viene utilizzato per costruire carcasse pannelli e fascie. L'odore caratteristico che emana tiene lontani gli

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

specie legnose e colori

specie legnose e colori 1 PINO (Pinus sylvestris) È un legno che garantisce un ottimo rapporto qualità/prezzo. Lavoranti in Legno si approvvigiona direttamente dal nord Europa e più precisamente dalla Scandinavia, dove si trovano

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE TECNOLOGIA e CALCOLO MORETTI INTERHOLZ s.r.l. dott. ing. Alberto AGOSTINI Direttore Tecnico Produzione (NTC 2008) IL MATERIALE MATERIA PRIMA: Abete rosso, Larice, Pino, Abete

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli