2.3 TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DEL LEGNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.3 TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DEL LEGNO"

Transcript

1 2.3 TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DEL LEGNO A cura di Valter Francescato AIEL, Associazione Italiana Energie Agroforestali IL PROCESSO DI COMBUSTIONE DEL LEGNO La combustione del legno avviene essenzialmente in tre stadi, funzione della temperatura del processo: Essiccazione Degradazione Combustione Da un punto di vista spaziale, nelle caldaie a pezzi di legna queste fasi avvengono separatamente mentre, specie nelle caldaie di maggiore taglia, con alimentazione automatica della griglia mobile, questi processi avvengono in diverse sezioni della stessa griglia. Tuttavia, negli apparecchi del primo tipo esiste una separazione anche temporale delle fasi di evaporazione dei volatili (pirolisi) e della ossidazione di questi (combustione). Da un punto di vista temporale, il grafico 1 mostra in termini qualitativi il processo di combustione di piccole particelle di biomassa; quando le particelle aumentano di dimensione si crea un certo grado di sovrapposizione tra le diverse fasi, all estremo, nel caso di caldaie a pezzi di legna, vi è un elevato grado di sovrapposizione tra fasi. 1 Degradazione 0,8 Volume (mm 3 ) 0,6 0,4 Essicazione Combustione dei gas 0, ,5 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4 Tempo (s) Grafico 1 La combustione di piccole particelle di biomassa procede in tre fasi ben distinte. Essiccazione L acqua contenuta nel legno inizia a evaporare già a temperature inferiori ai 100 C. Essendo l evaporazione un processo che usa l energia rilasciata dal processo di combustione, abbassa la temperatura in camera di combustione, rallentando il processo di combustione. Nelle caldaia a pezzi di legna, ad esempio, è stato rilevato che il processo di combustione non può essere mantenuto se il legno ha un contenuto idrico (w%) superiore al 60%. Infatti, il legno fresco richiede un tale quantitativo di energia per far evaporare l acqua in esso contenuta che porta la temperatura della

2 camera di combustione al di sotto del livello minimo richiesto per sostenere la combustione. Perciò, il contenuto idrico del legno è uno dei parametri qualitativi più importanti dei combustibili legnosi. Oltre alla combustione, il contenuto idrico del legno influenza la temperatura adiabatica 1 della combustione e il volume dei gas prodotti per unità di energia. Il legno umido ha bisogno di un maggiore periodo di permanenza durante il processo di essiccazione, prima delle due fasi successive di pirolisi/gassificazione e combustione, questo significa che è necessaria una camera di combustione più grande. Quindi la conoscenza del contenuto idrico del legno combustibile in ingresso al focolare è fondamentale per una corretta regolazione dei sistemi di aria forzata che agiscono nella camera di combustione e per una corretta progettazione dei volumi e della geometria della caldaia che assicuri un sufficiente periodo di permanenza dei gas nella calda camera di combustione per una loro completa combustione. Inoltre, il rendimento termico del processo (rapporto tra il calore prodotto dalla caldaia e il contenuto energetico del combustibile) decresce con l aumentare del contenuto idrico del legno, un fenomeno che, negli impianti di maggiore potenza, può essere parzialmente compensato insellando un unità di condensazione. Degradazione termica (pirolisi/gassificazione) Dopo il processo di essiccazione, a partire da una temperatura di 200 C circa, il legno è sottoposto ad una fase di degradazione termica che porta all evaporazione della sua componente volatile. Questa componente rappresenta in termini ponderali oltre il 75% del legno, perciò si può dire che la sua combustione significa principalmente la combustione dei gas che lo compongono. La velocità di evaporazione dei gas aumenta con l aumentare della temperatura. I primi componenti del legno ad essere degradati sono le emicellulose e successivamente la cellulosa. I legni duri (faggio, robinia) contengono più emicellulose rispetto ai legni teneri (abeti) quindi la perdita di peso che avviene durante la fase di decomposizione del legno dei primi è più precoce e accentuata rispetto ai secondi. A 400 C, la maggior parte delle sostanze volatili sono state liberate e il processo evaporativo decresce rapidamente. Tuttavia, una certa perdita di peso del legno si ha ancora tra i 400 e i 500 C dovuto alla degradazione della lignina, la quale si decompone durante tutto il processo di evaporazione ma la maggior parte della sua degradazione avviene alle più alte temperature. Il faggio, avendo il più alto contenuto in emicellulose e il più basso di lignina, produce il più basso quantitativo di residui carboniosi di combustione. Nelle caldaie questa fase viene favorita dai flussi di aria primaria pre-riscaldata. Combustione Consiste nella completa ossidazione dei gas, una fase che inizia tra i 500 e i 600 C e si protrae fino ai 1000 C circa. Nel range C il carbone solido è combusto e con lui anche il catrame. La regola delle 3 T La mancanza di adeguate condizioni causa la combustione incompleta del legno e quindi aumentano le emissioni nocive. La combustione incompleta è causata principalmente dalle seguenti condizioni negative: - inadeguata mescolanza tra aria e combustibile nella camera di combustione, - una carenza complessiva di ossigeno disponibile - temperatura di combustione troppo bassa - tempi di permanenza troppo corti Quindi la qualità della combustione è legata a tre fattori fondamentali: Tempo, Temperatura e Turbolenza. I tre parametri sono fortemente connessi tra loro. È importante un adeguato tempo di permanenza del combustibile sul focolare, dei fumi caldi nella seconda zona di combustione e negli scambiatori. 1 In termodinamica una trasformazione adiabatica è una trasformazione termodinamica nel corso della quale un sistema fisico non scambia calore con l'ambiente esterno.

3 La temperatura deve raggiungere livelli sufficientemente elevati per consentire di completare le varie fasi della combustione specie quella di ossidazione dei gas. Infine è fondamentale un sufficiente apporto d aria nelle varie zone e fasi della combustione attraverso gli apporti di aria primaria, secondaria ed eventualmente terziaria. La combustione è completa, almeno teoricamente, quando tutte le parti del combustibile hanno reagito con l ossigeno. Diversamente, se non viene apportata aria a sufficienza, parte dell energia contenuta nel combustibile rimane nei co-prodotti della combustione ad es. come ossido di carbonio, e si ha così una combustione incompleta. La quantità di aria teoricamente richiesta è la quantità di aria necessaria a produrre un processo di combustione completa, quindi tu tutte le parti del combustibile. Il rapporto tra la quantità di aria teorica e quella attuale è chiamata rapporto d aria in eccesso (λ), tale fattore per il legno varia tra 1,25 e 1,4 che in altri termini significa un surplus d aria tra il 25 e il 40%. La combustione completa è naturalmente solo un concetto teorico, specie nei combustibili solidi quale è il legno, in quanto è problematico raggiungere un corretto grado di mescolanza tra aria e combustibile in un periodo di tempo così limitato. La combustione incompleta da luogo ad una incompleta combustione dei gas e un aumento di incombusti sia organici che inorganici, questo si traduce in un aumento del contenuto di CO e polveri nei fumi esausti. Negli ultimi trentenni vi è stato un graduale aumento dell efficienza riscontrata nelle caldaie a legno che ha portato a una sostanziale riduzione dell emissione di CO e delle altre emissioni nocive (polveri, composti organici volatili, ossidi di azoto e di zolfo). I due grafici di seguito mostrano i risultati della lunga campagna di rilievi effettuata dal BLT di Wieselburg (www.blt.bmlf.gv.at), noto istituto dell alta Austria che certifica - a scala europea - le emissioni e i rendimenti degli apparecchi di combustione a legno. Nei due grafici è interessante notare come vi sia stata una diminuzione del grado di dispersione dei dati nel tempo, che testimonia un diffuso miglioramento delle tecniche costruttive delle caldaie, con rendimenti medi che si attestano, nel 2004, sopra l 85% e livelli di CO spesso, più o meno abbondantemente, sotto i 50 mg/nm 3. Oltre al CO, esistono una serie di altri parametri che caratterizzano i fumi esausti e che possono essere usati come parametri-controllo della qualità del processo di combustione. La percentuale di O 2, dovrebbe essere nel range 5-8%. La quantità di CO 2 dovrebbe essere quanto più prossima al valore teorico che per il legno è 20,4%. esiste tuttavia una forte correlazione tra O 2 e CO 2, ha valori di O 2 del 5-8% corrispondono valori di CO 2 del 13-16%. La quantità di NOx è legata principalmente alla temperatura che forma i così detti NOx termici, perciò la temperatura dovrebbe essere nel range C. Infine, un parametro importante è anche la temperatura dei fumi che dovrebbe mantenersi sotto i C.

4 Naturalmente la combustione è influenzata fortemente dalla qualità del combustibile, in funzione della tipologia di caldaia. In linea generale, tanto maggiore è l uniformità della pezzatura e del contenuto idrico nel combustibile legnoso e tanto migliore sarà la combustione.

5 2.3.2 I GENERATORI DI CALORE Le caldaie a legna possono essere suddivise nelle seguenti categorie, in funzione del tipo di combustibile legnoso impiegato, della potenza del generatore, del tipo di sistema di caricamento del focolare. caldaie a pezzi di legna di piccola taglia a caricamento manuale caldaie a pellet di piccola taglia a caricamento automatico caldaie a cippato di piccola e media taglia a griglia fissa con caricamento automatico a coclea caldaie di media e grande taglia a griglia mobile con caricamento automatico a coclea o spintore CALDAIE A LEGNA Le caldaie a pezzi di legna possono essere suddivise in due categorie in funzione del principio di combustione: combustione inferiore e combustione inversa. Le caldaie a combustione inferiore sono generalmente a tiraggio naturale (Naturzugkessel), la depressione richiama l aria primaria dall esterno la quale arriva il braciere; i gas esausti sono richiamati dalla parte inferiore del focolare (aria secondaria) e convogliati nella seconda camera di combustione. Siccome il flusso d aria attraversa da sotto il focolare risulta molto importante che la legna venga ben impilata in modo che l aria possa raggiungere in modo omogeneo la zona di combustione. Caldaia a pezzi di legna a combustione inferiore e tiraggio naturale (Guntamatic mod KOBRA). 1. Aria primaria 2. Aria secondaria 3. Camera di combustione 4. Scambiatore di calore 5. Sistema di regolazione del tiraggio Le caldaie a combustione inversa a tiraggio forzato per aspirazione (Saugzugkessel) rappresentano le caldaie più innovative sul piano tecnologico. I gas sono richiamati, dalla depressione forzata creata da un ventilatore a valle, attraverso un foro al di sotto del braciere attraverso il quale giungono nella seconda camera di combustione rivestita in refrattario. La resistenza dei flusso dei gas è piuttosto elevata perciò è necessaria la presenza di un ventilatore a tiraggio indotto a regolazione elettronica. Il ventilatore consente di modulare in modo preciso l apporto d aria primaria (generalmente pre-riscaldata) e secondaria nelle camere di combustione. Nel primo settore della canna fumaria è presente solitamente la sonda Lambda che misura in continuo la concentrazione di O 2 nei fumi esausti e regola di conseguenza il ventilatore e, nelle

6 caldaie automatiche, la velocità di caricamento del combustibile. La sonda Lambda è particolarmente utile nelle caldaie a legna e cippato nelle quali si utilizzano combustibili caratterizzati da una ampia variabilità del contenuto idrico e del contenuto energetico. Essa consente di matenere nel tempo un elevato livello di rendimento del processo di combustione e di conseguenza di minimizzare le emissioni nocive. Solitamente l accensione delle caldaie a pezzi di legna è manuale, tuttavia nei modelli più recenti è stata inserito anche il sistema di accensione automatica. Localizzazione delle tre fasi della combustione del legno in una caldaia a combustione inversa 1. ESSICAZIONE 2. DEGRADAZIONE TERMICA 3. COMBUSTIONE Caldaie a combustione inversa a tiraggio forzato per aspirazione (Guntamatic mod. BMK) 1. Aria primaria pre-riscaldata 2. Aria secondaria 3. Turbo-camera di combustione 4. Turbolatori verticali 5. Sonda Lambda 6. Ventilatore a tiraggio forzato e regolazione elettronica 7. Pannello elettronico di comando

7 Caldaie a combustione inversa a tiraggio forzato per aspirazione (KÖB mod. Pyromat ECO) 1. Aria primaria 2. Aria secondaria 3. Scambiatore di calore a turbolatori verticali 4. Sonda Lambda 5. Ventilatore a tiraggio forzato e regolazione elettronica 6. Componente elettronica collegata al pannello di comando L accumulo inerziale Nelle caldaie a pezzi di legna è fondamentale l installazione di un accumulo inerziale che deve essere correttamente dimensionato in funzione di una serie di parametri termotecnici. Infatti, la carica di legna esprime una quantità di energia termica spesso superiore al fabbisogno giornaliero di calore, specie nelle mezze stagioni e d estate, perciò per evitare di disperdere nell ambiente questa energia termica, con evidente spreco, essa può essere convogliata e stoccata nell accumulatore inerziale, detto anche puffer. Il puffer consente di: -ottimizzare la combustione allungando la vita alla caldaia, -assorbire i picchi di richiesta termica, -programmare il riscaldamento degli ambienti per le prime ore del mattino e disporre di maggiori quantità di acqua sanitaria con una sola carica di legna 2, -integrare l impianto con un sistema solare termico, che consente di tenere spenta la caldaia d estate. Il dimensionamento del puffer dovrebbe essere effettuato secondo la formula definita dalla norma EN 303-5: V Sp = 15 x T B x Q N x (1-0,3 x Q h /Q min ) V Sp Capacità del serbatoio [l] T B Periodo di combustione [h] Q N Potenza termica nominale [kw] Q min Potenza termica minima [kw] Carico di riscaldamento medio edificio [kw] Q h Esempio Casa monofamiliare T B 6 h (legno duro) Q N 20 kw Q min 10 kw (50% potenza nominale) 8 kw ca. 180 m² (Edificio nuovo) Q h 15 x 6 x 20 x (1-0,3 x 8/10) = L impianto richiede un puffer di 1500 litri 2 Quando l accumulo è ben dimensionato d estate una carica di legna può coprire il fabbisogno di acqua sanitaria di circa 4-5 giorni.

8 Il grafico seguente indica la variazione del volume inerziale in funzione dei kwh erogati dal carico di legna lungo le varie rette del rapporto fra il carico di riscaldamento medio dell edificio e la potenza termica minima, quest ultima corrisponde al 50% della potenza nominale del generatore V Sp [ l ] 2500 Q H Q min 0, ,2 1, , Q N * T B [kwh] Esempio di schema d impianto con quattro circuiti di riscaldamento e l applicazione di un accumulo inerziale e un boiler separato (Fröling). 1. Telecomando, 2. sonda di temperatura esterna, 3. rete elettrica 230 V, 4. sensore temperatura di mandata, 5. circuiti 1/2/3/4, 6. miscelatrici, 7. pompa 2, 8. sonda 1, 9. sonda 2, 10. pompa 1, 11. sonda 3, 12. acqua calda, 13. acqua fredda. Puffer Boiler Caldaia a legna Fröling FHG Turbo 3000/ECO

9 CALDAIE A PELLET Le caldaie a pellet possono coprire completamente e per tutto l anno il fabbisogno di calore di una casa mono-familiare o bi-familiare. In linea di principio si può scegliere tra impianti compatti semiautomatici e sistemi automatici. L impianto compatto semiautomatico è composto da una caldaia dotata, a fianco, di un serbatoio per il combustibile (serbatoio giornaliero o settimanale), che generalmente deve essere riempito a mano; perciò deve essere tenuta a parte una scorta di combustibile più grande (ad esempio prodotto in sacchi). Il pellet è estratto e portato nella camera di combustione della calda automaticamente per mezzo di una coclea. Il serbatoio dovrebbe essere dotato di un volume di almeno 400 litri, in questo caso, a seconda della superficie abitabile da riscaldare e della temperatura esterna, la scorta di combustibile può durare fino ad un mese. Nella condizione ideale l utilizzatore è informato da un indicatore sulla caldaia o da un indicatore a distanza sul limite di livello minimo di riempimento, e in questo caso l impianto dovrebbe rimanere in funzione per controllare la temperatura di arresto. In Austria, gli impianti compatti devono avere, come sistemi di sicurezza, un meccanismo inibitore di fiamma (MIF) e una sonda termica (ST). Guntamatic mod BIOSTAR-W 1. Portello per le ceneri 2. Griglia di pulizia del piatto 3. Aria primaria 4. Griglia autopulente 5. Aria secondaria 6. Piastra rotante 7. Condotto di caduta contro il ritorno di fiamma 8. Zona di distensione 9. Contenitore per le ceneri 10. Servomotore per la pulizia della griglia 11. Soffiante per l accensione automatica 12. Isolamento in ceramica 13. Isolamento totale 14. Scambiatore di calore 15. Tubi scambiatori di calore 16. Ventilatore per il tiraggio 17. Leva per la pulizia 18. Sonda dei fumi 19. Sonda lambda 20. Comandi con semplice interfaccia utente 21. Sonda per mostrare il livello di riempimento 22. Motore 23. Ingranaggio 24. Apertura per il riempimento 25. Serbatoio di scorta settimanale 26. Coclea di trasporto dei pellet Nell impianto automatico il silo a fianco al generatore (serbatoio settimanale) è rifornito automaticamente da una scorta di combustibile più grande (ad esempio una scorta di un anno); per mezzo di una coclea o con l ausilio di un sistema di estrazione pneumatico. In una situazione ideale il deposito, o il contenitore, è riempito da un autocisterna che consegna il pellet, ad esempio, una volta l anno. Se il trasporto del combustibile dal deposito alla caldaia avviene con una coclea, allora il deposito deve essere attiguo al locale caldaie e deve essere anche installato un dispositivo che impedisca un ritorno di fiamma dalla caldaia al deposito di combustibile. Tale dispositivo è, per esempio, una saracinesca con ruota a celle, una valvola di ventilazione o un dispositivo di spegnimento. In Austria gli impianti di riscaldamento alimentati a pellet completamente automatici devono avere un dispositivo antincendio testato e una sonda per monitorare la temperatura. Il deposito del pellet ha un fondo inclinato, spesso di legno o laminato, con una inclinazione di almeno in modo tale che i pellet possano scivolarvi senza problemi. Il piano inclinato non

10 deve essere troppo lungo e deve avere una superficie piana e liscia. Il dimensionamento del deposito può essere fatto in modo speditivo con la seguente formula: Volume del silo in m 3 = 0,9 x potenza in kw perciò una caldaia a pellet di 15 kw necessita di un serbatoio di circa 13,5 m 3. Supponendo che la stanza sia alta 2,3 m, il silo occupa una superficie di 6 m 2 (misure 2x3x2,3). Esempio di impianto a pellet automatico con sistema di caricamento pneumatico (Ökofen). Si tratta di un sistema di aspirazione (ciclone montato a destra) collegato a due tubi flessibili lunghi fino a 15 m. Silo a sacco Sono adatti ad essere collocati in stanze o esternamene. Si tratta di stoccaggi molto flessibili e pratici. Si montano facilmente e presentano una buona tenuta alla polvere e all acqua. Il silo a sacco è collegato al serbatoio settimanale per mezzo di un sistema pneumatico. Esistono diverse classi dimensionali da 2,8 a 5 t.

11 CALDAIE A CIPPATO Le caldaie a cippato si dividono in due categorie: 1. le caldaie a griglia fissa 2. le caldaie a griglia mobile LE CALDAIE A GRIGLIA FISSA Si tratta di generatori di piccola e media potenza da 25 kw fino a circa kw impiegati a scala domestica fino al servizio di mini reti di teleriscaldamento. Sono dotate di un focolare fisso alimentato in vari modi Le caldaie più diffuse sono quelle dotate di una griglia sottoalimentata a spinta (Unterschubfeuerung), dove l aria primaria agisce sotto griglia favorendo l essicazione e la gassifiazone del cippato, mentre l aria secondaria opera sopra la griglia favorendo un efficiente ossidazione dei gas. HARGASSNER W Sottoalimentazione a spinta 2. Piastra di concentrazione fiamma 3. scambiatore 4. turbolatori 5. flusso gas caldi 6. canna fumaria 7. sonda Lambda 3 8. scambiatore di sicurezza (EN 303-5) 9. motore coclee e sist. pulizia scambiatore 10. coclea asporto cenere 11. barra comando sist. pulizia scambiatore 12. cassetto cenere 13. aria primaria 14. aria secondaria pre-riscalsata Basamento di una caldaia a griglia fissa. Fori basali dell aria primaria (1) sulla griglia e fori laterali dell aria secondaria (2) sul refrattario. 3 Nello specifico la caldaia è dotata di una sonda in grado di riconoscere il potere calorifico del combustibile (cippato di legno duro/teneo, pellet, trucioli) regolando in automatico la velocità di carico delle coclee.

12 Il deposito del cippato. L impianto è composto da un silo, generalmente a pianta quadrata, nel quale il cippato è estratto con sistemi a balestra o a braccio articolato. il sistema di estrazione incanala il cippato nella coclea di trasporto collegata, per mezzo di un pozzetto di sicurezza intermedio, alla coclea di caricamento, che porta il cippato al focolare. La serranda taglia fuoco è un dispositivo di sicurezza contro il ritorno di fiamma che, in caso di superamento di una determinata temperatura soglia, chiude ermeticamente il pozzetto che separa la coclea di trasporto da quella di carico. 1. Balestra rotativa, 2. trasmissione della balestra, 3. coclea di trasporto, 4. motore della coclea di trasporto, 5. serranda taglia fuoco, 6. motore della coclea di carico del focolare, 7. coclea di carico, 8. sistema di accensione (Hargassner). Il deposito del cippato del cippato può essere disposto in vari modi rispetto al vano tecnico della caldaia. Le soluzioni più economiche sono quelle nelle quali viene ricavato in una stanza esistente oppure si crea una struttura in legno esterna adiacente al vano tecnico su una platea in cemento. Alcune aziende propongono inoltre unità mobili plug&play (Ecoenergie Srl.).

13 Il dimensionamento del silo deve garantire un periodo di autonomia invernale di almeno giorni. Nella figura a sinistra sono presentate - a titolo di esempio - le dimensioni del silo e del vano tecnico di un impianto a cippato con generatore da kw (Guntamatic). Nei piccoli impianti il sistema di estrazione rotativo traccia un cerchio con diametri da 3 fino 5 m. Indicativamente un impianto da 100 kw in inverno può consumare circa 2 msr/giorno perciò un silo di 60 m 3 da un autonomia di un mese. Il consumo giornaliero di un generatore di calore è facilmente calcolabile sulla base dei kwh erogati, del potere calorifico inferiore del legno impiegato e della sua massa sterica. Tuttavia, nei piccoli impianti, possono essere applicate, con un discreto grado di precisione, la seguenti formule speditive: Potenza caldaia in kw x 2,5 = Consumo annuo di cippato in msr/anno (legno tenero, G30, W30) Potenza caldaia in kw x 2,0 = Consumo annuo di cippato in msr/anno (legno duro, G30, W30) Importanza della qualità del cippato. Le caldaie a cippato a griglia fissa necessitano di un cippato con pezzatura omogenea (classi G30 e G50), sia per la ridotta dimensione della griglia sia perché pezzi fuori misura possono essere causa di blocchi alle coclee di trasporto e caricamento. Per ovviare a tali problemi, si ricorre a valvole stellari o frantumatori in corrispondenza del pozzetto, con inserimento della retromarcia della coclea. Pezzatura del cippato ai sensi della norma ÖNORM Classi dimensionali del cippato Massa totale 100% G 30 (fine) G 50 (medio) G 100 (grande) Sezione trasversale max. cm Frazione grossolana Lunghezza max. cm 8, max. 20% Diametro* nominale della maglia del setaccio mm grande 16 31,5 63 Frazione principale Diametro* nominale della maglia del setaccio mm dal 60% al 100% medio 2,8 5,6 11,2 Frazione fine (incluse Diametro* nominale della maglia del setaccio mm le polveri) max. 20% fine * si intende la dimensione del cippato che passa attraverso un vaglio avente fori quadrati con lato in mm pari a quelli indicati. Il contenuto idrico non deve superare il 30% (W30). Queste caldaie infatti hanno una scarsa inerzia termica, in quanto i volumi della camera di combustione e dell acqua nello scambiatore sono

14 limitati, perciò l ingresso di materiale troppo umido abbasserebbe eccessivamente la temperatura di combustione; inoltre, l eccessiva umidità può ostacolare la fase di accensione, essendo questi generatori dotati di un dispositivo di accensione automatica, per mezzo di un soffiante elettrico che soffia - sul cippato -aria a C per pochi minuti. Esempio di schema d impianto di una piccola caldaia a cippato, con un circuito di riscaldamento e l applicazione di un bollitore (Hargassner).

15 LE CALDAIE A GRIGLIA MOBILE Sono generatori di potenza medio-grande da 500 kw fino ad alcuni MW impiegati a scala industriale fino al servizio di reti di teleriscaldamento. Tuttavia, recentemente, il mercato propone caldaie a grigia mobile anche di piccola taglia. Caldaia a griglia rotativa montata su un generatore di 150 kw, in grado di bruciare cippato con contenuto idrico fino al 50% (KWB). Nelle caldaie a griglia mobile la griglia non è fissa ma si muove su un piano più o meno inclinato. Sono caldaie adatte alla combustine di cippato umido con caratteristiche dimensionali variabili ed elevato contenuto di cenere. Possono bruciare anche mescole di vari combustibili legnosi, mentre non sono tollerati mix di legno con cereali, erbacee e paglia a causa del loro diverso comportamento di combustione, basso contenuto idrico e basso punto di fusione delle ceneri. Nel caso di griglia mobile a piano inclinato gli scalini si muovono in senso orizzontale avanti-indietro, spostando gradualmente in avanti il cippato lungo la griglia. La caldaia è dotata di numerosi e complessi dispositivi che garantiscono una omogenea distribuzione del cippato e del letto di braci sopra l intera superficie della griglia. Questo aspetto è particolarmente importante per garantire un apporto di aria primaria equamente distribuita sulla superficie della griglia. Diversamente, possono crearsi scorie di fusione (figura a lato), un elevata presenza di ceneri volatili, e un troppo elevato apporto di eccesso d ossigeno Inoltre, il trasporto del cippato sopra la griglia deve essere il più tranquillo e omogeneo possibile per mantenere il letto di braci calmo e omogeneo evitando così soluzioni di continuità dello stesso che potrebbero dar vita a zone di materiale incombusto. Gli stadi della combustione avvengono in tre sezioni separate della griglia, perciò l aria primaria - apportata sotto griglia e la stessa velocità della griglia sono modulanti. La stessa griglia può essere dotata di un sistema di raffreddamento ad acqua per ridurre i fenomeni di fusione - ovvero di produzione di scorie prodotte dalla fusione delle ceneri, che si verifica quando la temperatura in camera di combustione supera quella di fusione delle ceneri del legno ( C) circa) - e allungare la vita ai materiali costruttivi, in particolare il refrattario. Gli stadi della combustione sono ottenuti separando la camera di combustione primaria da quella secondaria per evitare rimescolamenti dell aria secondaria e per separare le zone di gassificazione e ossidazione. Più efficace è il mescolamento tra aria secondaria e gas di combustione più basso sarà l eccesso d ossigeno necessario a completare la combustione e quindi più efficiente sarà il processo di combustione.

16 Moderna caldaia a griglia mobile inclinata (UNICONFORT mod. Biokraft) 1. zona di essicazione 2. zona di gassificazione 3. zona di ossidazione 4. camera primaria 5. camera secondaria 6. scambiatore 7. bruciatore ausiliario 8. spintore idraulico 9. ventilatori aria primaria 10. ventilatori aria secondaria 11. ventilatori aria terziaria 12. coclea estrazione cenere Il deposito del cippato è generalmente a pianta rettangolare con sistema di estrazione a rastrelli. Inoltre, la coclea di caricamento può essere sostituita da uno spintore idraulico, essenziale nel caso si impieghi materiale triturato molto eterogeneo, con una notevole frazione di pezzi fuori misura. Esempio di layout per una caldaia a griglia mobile di 700 kw. (UNICONFORT mod. Biotec) 1. Silo cippato 2. sistema di estrazione a rastrelli 3. Motori sistema di estrazione 4. Coclea di trasporto 5. pozzetto di carico 6. Caldaia 7. Multiciclone 8. Aspiratore fumi 9. Canna fumaria 10. Collettori

17 2.3.3 GENERAZIONE COMBINATA DI CALORE ED ENERGIA ELETTRICA A PICCOLA SCALA La generazione combinata di calore ed energia elettrica (CHP, Combined Heat and Power) dalle biomasse legnose avviene attraverso processi termici chiusi, nei quali il ciclo di combustione della biomassa e il ciclo della generazione elettrica sono separati da uno stadio di trasferimento del calore dai gas caldi della combustine al fluido di lavoro impiegato nel secondo ciclo. Questo perché la combustione delle biomasse e i gas prodotti contengono aerosol, metalli e composti del cloro che possono danneggiare i motori a combustione interna. La generazione elettrica (EE) dalle biomasse, per essere energeticamente e ambientalmente sostenibile, deve essere vincolata alla produzione di energia termica secondo questo principio: produco il kw el solo quando c è bisogno anche di quello termico! Diversamente il processo porta alla dissipazione e quindi allo spreco di enormi quantità di energia. La CHP, quindi, impone la valorizzazione contemporanea di calore ed EE, cosa non sempre facile da realizzare. In questa sede saranno descritti i seguenti tre processi cogenerativi: - Il turbogeneratore ORC (Organic Rankine Cycle) - Il motore Stirlig - Il motore a vapore IL TURBOGENERATORE ORC ( kwe) Il primo ciclo avviene in una normale caldaia a biomassa (griglia mobile) che impiega l olio diatermico come fluido termovettore di calore. Esso offre numerosi vantaggi, tra cui: la bassa pressione nella caldaia, l elevata inerzia, la stabilità nelle variazioni di carico, sistemi di regolazione e controllo semplici e affidabili. Inoltre, la temperatura utilizzata (circa 300 C) nella parte calda dell impianto assicura lunga durata all olio diatermico. L utilizzo di una caldaia ad olio diatermico consente altresì l operatività dell impianto senza un operatore patentato, come invece è richiesto per i sistemi a vapore in molte nazioni europee. Il calore di condensazione del turbogeneratore è usato per produrre acqua calda a circa C, un livello di temperatura adeguato al teleriscaldamento e ad altri usi a bassa temperatura (essiccazione del legno, essiccazione di segatura con successiva pellettizzazione, raffreddamento attraverso impianti ad assorbimento, ecc.). Il turbogeneratore ORC si basa un ciclo chiuso di Rankine, realizzato adottando come fluido di lavoro un olio siliconico.

18 I turbogeneratori ORC che utilizzano l olio siliconico come fluido di lavoro, hanno dimostrato un efficienza elettrica netta del 18% circa, quando operano con temperature nominali dell acqua di raffreddamento (60/80 C). Circa il 79-80% vengono ceduti all acqua di raffreddamento come calore cogenerato, mentre le perdite elettriche e termiche stimate ammontano a solo il 2-3%. Questo significa che l efficienza termica globale (efficienza di 1 principio) degli impianti ORC è tra il 97 e il 98%. L ORC può funzionare senza problemi a carico parziale fino al 10% del carico nominale ed ha un otima efficienza a carico parziale con rendimento pressoché costante per carichi fino al 50% del carico nominale. Il rendimento complessivo del sistema dipende dall efficienza della caldaia ad olio diatermico e dalla presenza dell economizzatore. Rendimenti della caldaia ad olio diatermico (energia disponibile all olio/ potere calorifico inferiore ) superiori all 80% sono possibili con le moderne caldaie ad olio diatermico portando ad un efficienza elettrica globale vicina al 15%. Quando l economizzatore è installato, l efficienza termica generale può raggiungere il 90%. Turbogeneratore da kwe installato a Tirano (Sondrio - Italia) nel 2003, applicato a tre caldaie a cippato per una potenza termica complessiva di 20 MWt. Il calore di condensazione è impiegato nella rete di teleriscaldamento (TURBODEN Srl). IL MOTORE STIRLING ( kwe) Il ciclo Stirling è un processo termodinamico che trasforma l energia termica in energia meccanica. Il motore Stirling fa parte del gruppo dei motori ad espansione o motore ad aria calda, in cui i movimenti dello stantuffo non derivano dalla combustione interna di gas, bensì, sono il risultato dall espansione di una massa costante di un gas rinchiuso in una camera che si espande per mezzo dell energia ceduta da una fonte di calore esterna (la caldaia a cippato). Perciò la produzione di forza è disaccoppiata dal focolare (fonte di calore), il quale può lavorare con qualsiasi tipo di combustibile e - indipendentemente dal processo di forza - può essere ottimizzato per quanto concerne le emissioni. Il motore Stirling può impiegare elio come gas di lavoro, o anche idrogeno. L uso dell elio come gas di lavoro è molto efficiente per quanto riguarda il rendimento elettrico, tuttavia è molto importante l impiego di efficaci guarnizioni per l isolamento. Nella caldaia avviene la combustione della biomassa legnosa; i gas combusti così generati sono condotti allo scambiatore di calore del motore Stirling, dove parte del contenuto energetico dei gas combusti è usata per trasmettere il calore al gas di lavoro nel motore. Il gas combusto esce dallo scambiatore di calore con una temperatura di 850 C circa.

19 Il calore residuo contenuto nel gas combusto è usato in un pre-riscaldatore d aria per il preriscaldamento dell aria di combustione. Il preriscaldatore d aria rappresenta una componente importante nel processo CHP con motore Stirling, per l aumento del rendimento elettrico. Dopo l uscita dal preriscaldatore d aria il gas combusto è condotto nell economizzatore ed il calore è convogliato alla eventuale rete di teleriscaldamento o viene impiegato come calore di processo. Il rendimento elettrico di questo impianto CHP con motore Stirling è attualmente del 12% circa. Impianto pilota CHP con motore Stirling di 75 kwel (BIOS - Bioenergiesysteme GmbH e MAWERA). Motore Stirling di 1 kwe applicato ad una caldaia a pellet di 25 kwt. (Energieumwandlungs Gmbh e KWB)

20 IL MOTORE A VAPORE ( kwe) Rappresenta un alternativa alla turbina a vapore, che trova applicazione solo nei grandi impianti. Il motore a pistoni a vapore è modulare con uno fino a sei cilindri per motore in diverse configurazioni. In base ai parametri del vapore prodotto, sono applicati motori monostadio o multistadio. Il rapporto fra pressione in ingresso e in uscita è tipicamente 3, fino ad un massimo di 6, per uno stadio di espansione. L efficienza del motore dipende dai parametri del vapore. Si va dal 6-10% fino al 12-20% rispettivamente per i monostadio e i multistadio. La pressione in ingresso è tipicamente tra 6 e 60 bar mentre in uscita può variare da 0 a 25 bar. La figura sotto illustra l applicazione del motore a vapore ad un impianto di teleriscaldamento a cippato ubicato nel Comune di Fondo e installato nel 2004 (Trento Italia). Il vapore generato dalle caldaie (3,5+2,5 MWt) fluisce attraverso il motore (220 kwe, Spilling Energie Systeme GmbH) producendo l energia elettrica attraverso il generatore. Il vapore in uscita dal motore (con pressione inferiore a 0,5 bar) viene fatto affluire ad uno scambiatore vapore/acqua per l alimentazione della rete di teleriscaldamento. La grandezza che regola il funzionamento dell impianto nell esercizio parallelo alla rete è la pressione del vapore in uscita. Al motore a vapore è collegato un tratto di esclusione (by pass) con una valvola regolatrice. Se la pressione del motore all uscita dello stesso diminuisce, nonostante la piena potenza, la valvola riduttrice si apre fino a quando si raggiunge nuovamente la pressione del vapore di scarico desiderata. A motore disattivato il vapore viene guidato attraverso la valvola riduttrice e condotto alla scambiatore vapore/acqua. Il motore a vapore viene avviato manualmente. La regolazione del numero dei giri viene effettuata dal regolatore di forza centrifuga dell albero di regolazione. La sincronizzazione sulla rete elettrica avviene, quindi, dopo l introduzione manuale da parte del dispositivo di regolazione, in modo automatico. Il gruppo motore e il relativo alternatore vengono controllati automaticamente e disattivati a distanza in caso di errore. Tutto il sistema di cogenerazione, compresa la rete di teleriscaldamento, è telegestito e telecontrollato. I rendimenti elettrici testati in loco sono circa il %, con un regime di accensione pari a circa ore/anno.

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Impianti termici alimentati da biomasse

Impianti termici alimentati da biomasse SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE PUBBLICITÀ 70% - FILIALE DI NOVARA giugno 2011 40 PUBBLICAZIONE PERIODICA DI INFORMAZIONE TECNICO-PROFESSIONALE Impianti termici alimentati da biomasse Sommario Direttore

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente.

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente. Handöl 26 Magnifici focolari Handöl 26T e Handöl 26K sono le prime stufe di grandi dimensioni della serie Handöl 20. Un magnifico focolare di produzione svedese per tutti coloro che sono alla ricerca di

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Riscaldarsi con il pellet e con la legna. Autori vari

SPECIALE TECNICO. Riscaldarsi con il pellet e con la legna. Autori vari SPECIALE TECNICO Riscaldarsi con il pellet e con la legna Autori vari OTTOBRE 2014 Questo Speciale è stato realizzato grazie al contributo di: QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / OTT 2014 ABSTRACT Riscaldarsi

Dettagli

Scheda Tecnica. Piramide Condensing K 28 S 130. Caldaie condensing. Basamento eco condensing. Rendimento SOL K 21 S 200. Dir.

Scheda Tecnica. Piramide Condensing K 28 S 130. Caldaie condensing. Basamento eco condensing. Rendimento SOL K 21 S 200. Dir. Caldaie condensing Basamento eco condensing Scheda Tecnica Rendimento Dir. 92/42/CEE Piramide Condensing K 28 S 130 SOL K 21 S 200 Piramide Condensing K 28 S 130 Piramide Condensing SOL K 21 S 200 Ogni

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE

ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE E d i z i o n e 1 d a t a t a A P R I L E 1 9 9 5 POOL AZIENDE SERVIZIO SICUREZZA GAS 53 52 51 50 49 48 47 46 351

Dettagli

Focolari ad alto livello

Focolari ad alto livello 34 & 35 1 Focolari ad alto livello Contura 34T e 35T sono due innovativi modelli di stufa in pietra ollare, caratterizzati da un desig n più moderno e slanciato, una migliore visibilità del fuoco e l usuale

Dettagli

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche:

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche: OGGETTO: Egregi, a breve verrà commercializzata una nuova gamma di caldaie a condensazione, chiamata Paros Green, che andranno a integrare il catalogo listino attualmente in vigore. Viene fornita in tre

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Nuova tecnologia solare Beretta

Nuova tecnologia solare Beretta Nuova tecnologia solare Beretta Risparmio, energia e ambiente Detrazioni fiscali del 55% Nei casi contemplati dalla normativa. 1 Beretta Clima: i professionisti del solare Beretta Clima, specializzata

Dettagli

Latina Roma Milano Dubai

Latina Roma Milano Dubai Latina Roma Milano Dubai BENEFICI E CRITICITA DELLA REALIZZAZIONE IMPIANTO A BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI ELETTRICA Ing. G. Cicerone Ing. M. Romani GENNAIO 2007 Potenza netta esportabile 5 Rif. Biomassa

Dettagli

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

VICTRIX Superior kw VICTRIX Superior kw Plus

VICTRIX Superior kw VICTRIX Superior kw Plus Pensili a condensazione VICTRIX Superior kw è la caldaia pensile istantanea a camera stagna con potenzialità di 26 kw e 32 kw che, grazie alla tecnologia della condensazione, si caratterizza per l'elevato

Dettagli

EOLO Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili istantanee

EOLO Superior kw 1 CARATTERISTICHE. Pensili istantanee Pensili istantanee EOLO Superior kw è la caldaia pensile istantanea a camera stagna e tiraggio forzato omologata per il funzionamento sia all'interno che all'esterno in luoghi parzialmente protetti; per

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli