Istruzioni per un uso ecologico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istruzioni per un uso ecologico"

Transcript

1 Istruzioni per un uso ecologico Assessorato all Ambiente Provincia di Bologna

2 Sommario FONTI RINNOVABILI PER FERMARE L EFFETTO SERRA... 5 LA LEGNA, UNA ENERGIA PULITA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI LA LEGNA NELLA MONTAGNA BOLOGNESE I COMBUSTIBILI LEGNOSI TRONCHETTI CIPPATO PELLET RENDIMENTI ENERGETICI VANTAGGI ECONOMICI LE CENERI 2 COME DIMENSIONARE L IMPIANTO: IL FABBISOGNO ENERGETICO USO DELLA LEGNA CON TECNOLOGIE AVANZATE: COME SCEGLIERE UN IMPIANTO CAMINETTO VENTILATO STUFE A LEGNA CAMINETTO DA INCASSO TERMOCAMINETTO AD ARIA O AD ACQUA STUFA CAMINETTO CALDAIE A TRONCHETTI CALDAIE A PELLET CALDAIE A CIPPATO UN CALCOLO ECONOMICO FONTI E SITI INTERNET Realizzazione tecnica: Matteo Palmieri Realizzazione editoriale: Stefano Semenzato Supervisione tecnico scientifica: Giuseppe Onufrio Impaginazione: Aslay Fotocomposizione - Rastignano (BO) Stampato nel mese di maggio 2005 da: Litosei s.r.l. - Rastignano (BO)

3 Presentazione Emanuele Burgin Assessore all Ambiente della Provincia di Bologna Questa guida è stata realizzata per promuovere l uso razionale ed ecologico della legna da ardere, fonte energetica rinnovabile di cui il nostro Appennino è potenzialmente ricco e che può essere utilizzata attraverso una gestione sostenibile dei boschi. 3 L attenzione per le energie rinnovabili è oggi in forte crescita: i danni ambientali provocati dall utilizzo sconsiderato dei combustibili fossili (petrolio e derivati) negli scorsi decenni sono ormai noti e avvertibili da tutti. La Conferenza di Kyoto ha impegnato molti Paesi del mondo a contenere il consumo di combustibili fossili per ridurre le emissioni inquinanti in atmosfera, in particolare quelle che provocano il cosiddetto effetto

4 serra, sviluppando nel contempo l utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili. Rispetto ai combustibili fossili le emissioni di CO 2 della legna si possono considerare praticamente nulle, in quanto nella fase di accrescimento delle piante viene assorbita l anidride carbonica emessa durante la combustione. 4 La legna da ardere rappresenta un antichissima fonte di energia, largamente disponibile in Appennino e che va riscoperta in quanto pulita, ecologica, economica e, grazie alle moderne caldaie ad avanzata tecnologia, in grado di garantire gli stessi confort degli impianti tradizionali. Bologna, maggio 2005

5 Fonti rinnovabili per fermare l effetto serra La legna da ardere ha rappresentato per gran parte della storia la fonte principale di energia utilizzata dall uomo per riscaldarsi, prima della scoperta e del successivo sfruttamento dei combustibili fossili. Oggi questo combustibile ritorna di grande attualità perché si tratta di una fonte rinnovabile di cui il territorio italiano è potenzialmente ricco. Tale ricchezza, così come quella proveniente da altre fonti rinnovabili abbondanti in Italia, ha la possibilità di essere sfruttata maggiormente, limitando in tal modo l approvvigionamento di combustibili fossili dall estero. LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Biomasse Salti d acqua Geotermia Vento Sole 5 Le fonti rinnovabili vengono prodotte o rinnovate in natura e possono perciò essere continuamente reintegrate. Il 60% delle energie rinnovabili utilizzate nell Unione Europea proviene dalle biomasse, fra di esse la legna ne rappresenta l elemento principale. L utilizzo delle fonti rinnovabili è necessario per limitare le emissioni di gas serra, tra cui la principale è la anidride carbonica (CO 2 ), ed adempiere agli impegni del Protocollo di Kyoto, a cui l Italia ha aderito.

6 Fonti rinnovabili per fermare l effetto serra L anidride carbonica è la forma di carbonio presente in atmosfera, e proviene a) dai processi di respirazione degli organismi viventi b) dai processi di combustione { di combustibili fossili estemporanei (incendi di boschi, eruzioni vulcaniche, ecc.) 6 Fonti di emissioni di anidride carbonica Si tratta dunque di un elemento naturalmente presente in atmosfera, ma a partire dalla rivoluzione industriale, lo sviluppo delle industrie, la comparsa e il progressivo aumento dei veicoli a motore, la diffusione dei moderni sistemi di riscaldamento, hanno determinato un enorme aumento delle combustioni e quindi un aumento del consumo di ossigeno e della quantità di anidride carbonica immessa nell atmosfera.

7 Fonti rinnovabili per fermare l effetto serra Il continuo aumento dei processi di combustione senza regole ha provocato un aumento superiore al 30% della concentrazione di CO 2 in atmosfera rispetto all epoca della rivoluzione industriale. Il grosso quantitativo di CO 2 liberato ha interagito con l atmosfera terrestre provocando a lungo andare l effetto serra ed il conseguente surriscaldamento del pianeta. Le attività umane producono inoltre anche altri gas come il metano (CH 4 ), il protossido d azoto (N 2 O), gli idrofluorocarburi (HFC), i perfluorocarburi (PFC) e l esafluoruro di zolfo (SF 6 ) che interagiscono con l atmosfera contribuendo all effetto serra. Essi vengono raggruppati, unitamente all anidride carbonica, nell insieme dei gas serra. Le emissioni di metano sono dovute al settore agricolo, ai rifiuti ed al settore energetico, mentre il protossido d azoto deriva dai processi industriali, oltre che dall agricoltura e dalla produzione di energia. La CO 2 è comunque l elemento che maggiormente contribuisce all insieme delle emissioni di gas ad effetto serra (85% del totale, dato 2002). 7 GAS SERRA Emissioni di gas serra nel 2002 ripartite per sorgente (elaborazione ISSI da dati APAT aprile 2004). La CO 2 contribuisce per l 85% al totale delle emissioni. Con il termine ALTRI si raggruppano HFC, PFC e SF 6.

8 Fonti rinnovabili per fermare l effetto serra L eccessiva quantità dei gas serra in atmosfera intrappola e riflette la radiazione solare, causando il surriscaldamento della superficie terrestre. EFFETTO SERRA 8 1) I raggi del sole attraversano l atmosfera e riscaldano la superficie terrestre 3) Circa il 30% della radiazione infrarossa si perde nello spazio 4) In condizioni naturali, circa il 70% della radiazione infrarossa è assorbito dal vapor acqueo e dagli altri gas di serra presenti in atmosfera. Tali gas agiscono come pannelli di vetro in una serra intrappolando il calore e riflettondolo di nuovo sulla superficie terrestre 5) Quando aumenta la concentrazione dei gas di serra in atmosfera, cresce la quantità di calore intrappolato e riflesso. Gli oceani si riscaldano e liberano più vapor acqueo, che a sua volta può incrementare l effetto serra 2) Dalla superficie terrestre, il calore s irradia nell atmosfera sotto forma di radiazioni infrarosse La riduzione delle emissioni di anidride carbonica (CO 2 ) è una questione sulla quale gran parte dei Paesi della Terra stanno dibattendo già dagli inizi degli anni 90, culminata con la formulazione del Protocollo di Kyoto, nel 1997, che impegna le Nazioni sottoscrittrici ad una riduzione delle emissioni di CO 2 e più in generale dei gas serra. Il protocollo di Kyoto è entrato in vigore e quindi divenuto legalmente vincolante il 16 febbraio Il metodo principale per perseguire questo obiettivo è proprio l utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, per due motivi:

9 Fonti rinnovabili per fermare l effetto serra 1. lo sfruttamento di luce solare, vento, salti d acqua e calore endogeno non prevede processi di combustione e quindi nessuna emissione di CO 2 ; 2. la combustione di biomassa (compresa la legna) ha bilancio neutro sulla CO 2 : le emissioni di anidride carbonica sviluppate durante la combustione delle biomasse vengono riassorbite dalle piante attraverso la fotosintesi, soprattutto in fase di accrescimento, ritrasformandole in biomasse. Il ciclo del legno L Italia ha ratificato il Protocollo di Kyoto e deve ridurre le proprie emissioni di gas serra del 6,5% rispetto al valore del 1990, definito come anno base di riferimento. In termini quantitativi significa passare da 508,2 Mt CO 2 eq * a 475,2 Mt CO 2 eq entro il termine massimo del Ma le emissioni in Italia aumentano soprattutto nel settore dei trasporti, nella produzione di energia elettrica e nel riscaldamento e condizionamento domestico Come mostra il grafico seguente, la tendenza attuale delle emissioni dei gas serra è ancora in crescita; ci si sta allontanando dunque dall obiettivo di Kyoto, anziché avvicinarsi. 9 * Mt CO 2 eq = milioni di tonnellate di CO 2 equivalenti (tutti i gas ad effetto serra sono convertiti in termini di potenziale di riscaldamento globale della CO 2 ; ad esempio 1 kg di metano equivale a 21 kg di CO 2 ).

10 Fonti rinnovabili per fermare l effetto serra Emissioni totali di di gas serra (elaborazione ISSI da dati APAT aprile 2004). 1990: anno base; 2003 da stime ISSI. 10 Effetti sul clima L impiego incontrollato dei combustibili fossili per la produzione di energia e per i trasporti ha provocato nel tempo un aumento a scala mondiale della concentrazione dei gas serra in atmosfera, in particolare della CO 2. Insieme ad altri fattori indipendenti dall attività umana, l effetto serra contribuisce ad un generale aumento della temperatura media del pianeta che è causa di gravi squilibri nel clima e negli ecosistemi del nostro pianeta. L allontanamento dagli attuali equilibri può condurre ad inattese transizioni verso regimi climatici diversi e caratterizzati da variabilità crescente e quindi da una maggiore frequenza di fenomeni climatici estremi, di cui si sono già avute avvisaglie in questi anni A parere di molti studiosi, il cambiamento climatico è ormai in atto ed è comunque prova dell interferenza delle attività umane con il clima. I risultati degli studi compiuti dimostrano la veridicità di questa affermazione: il Terzo Rapporto dell IPCC (Intergovernmental Panel on Cli-

11 Fonti rinnovabili per fermare l effetto serra mate Change) riporta che dall era pre-industriale il clima ha subito cambiamenti sia su scala globale che regionale, alcuni dei quali possono essere attribuiti all attività umana. Aumento di temperatura della Terra osservato (in rosso) a confronto con i valori calcolati da modelli matematici (in grigio) che valutano gli effetti combinati delle cause naturali e di quelle dovute all attività umana. Da quando si misurano le temperature l aumento registrato della temperatura media globale è di 0,6 C. Fonte:IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) 11 Gli scenari delle emissioni di gas serra per i prossimi anni analizzati dall IPCC giungono alle seguenti conclusioni: tutti gli scenari indicano durante il XXI secolo un aumento della concentrazione di CO 2 in atmosfera; aumento della temperatura tra il 1990 ed il 2025 valutato tra 0,4 C e 1,1 C; per il periodo si prevede un aumento del livello del mare tra 0,09 e 0,88 m. Per il periodo l aumento previsto è compreso tra 0,03 e 0,14 m. Si dimostra inoltre come la catena emissioni concentrazioni clima sia dotata di un inerzia tale che gli effetti sull aumento di temperatura e del livello del mare si possono prolungare per molto tempo, anche se si riuscissero a ridurre le emissioni in modo da stabilizzare la concentrazione di CO 2.

12 La legna: una energia pulita Le biomasse rappresentano in pratica la più antica e diffusa delle fonti energetiche per l umanità; tra di esse la più nota è la legna, largamente disponibile in molte parti d Italia. BIOMASSA 12 Con il termine biomassa si indica l insieme delle sostanze organiche di origine vegetale o animale e della materia da loro prodotta durante il ciclo di vita. Parte di tale materia (ad esempio noccioli di olive, pule dei cereali residui di attività agricole, ecc.) può costituire fonte di energia Attualmente le biomasse soddisfano il 15% circa degli usi energetici primari nel mondo, corrispondenti a Mtep/anno *, mostrando una forte disomogeneità fra i vari Paesi. * 1 tep = 1 tonnellata equivalente di petrolio = kcal = kwh 1 Mtep = di tep (per confrontare i vari combustibili si usa come riferimento il petrolio)

13 La legna: una energia pulita I Paesi in via di sviluppo ricavano mediamente il 38% della propria energia dalle biomasse (ovvero Mtep/anno), dove tuttavia vengono utilizzate con tecnologie a bassissimo rendimento energetico; mentre nei Paesi industrializzati le biomasse coprono appena il 3% degli usi energetici primari, equivalente a 156 Mtep/anno). In particolare, gli USA ricavano il 3,2% (pari a 70 Mtep/anno) della propria energia dalle biomasse e l Europa il 3,5%, ovvero 40 Mtep/anno, con punte del 18% in Finlandia, 17% in Svezia e 13% in Austria. L Italia copre con le biomasse solamente il 2% del proprio fabbisogno energetico, nonostante l elevato potenziale di cui dispone. 13 La legna da ardere costituisce una biomassa facilmente reperibile sul territorio, è dunque una fonte energetica rinnovabile il cui utilizzo, soprattutto per il riscaldamento domestico, va incoraggiato per i seguenti motivi: 1) Motivi ecologici: si è già detto che l energia ricavata dalla combustione della legna è neutra dal punto di vista delle emissioni di CO 2 ; l adozione di sistemi a legna riduce inoltre l utilizzo di combustibili fossili; 2) Motivi economici: contribuisce all economia locale fornendo occupazione e sostegno alla filiera forestale;

14 La legna: una energia pulita 3) Motivi pratici: i recenti impianti di riscaldamento a legna sono tecnologicamente avanzati e godono di elevata affidabilità, inoltre sono in grado di servire un utenza diversificata: abitazioni isolate, centri abitati e completamento di altri sistemi di riscaldamento; L utilizzo della legna costituisce poi un elemento di diversificazione dell approvvigionamento energetico e non comporta dipendenza dall estero. Condizione necessaria per i punti 1) e 2) è la vicinanza tra il luogo di raccolta del legno e la sede di utilizzo, altrimenti aumentano i costi e la quantità di CO2 emessa nella fase di trasporto. Il rischio è che la quantità di CO2 ed inquinamento prodotti per esempio dai camion che trasportano la legna sia maggiore di quella risparmiata usando una fonte rinnovabile. 14 Uso del legno in Italia Secondo le più recenti stime la superficie forestale italiana è di circa di ettari ed è tuttora in lenta, ma continua espansione. Tuttavia, sebbene una consistente parte del territorio nazionale risulti boscato, i boschi atti all approvvigionamento di legname sono circa 6 milioni di ettari. Le foreste italiane, presentano un volume di legname di 1,5 miliardi di m 3, che si accresce annualmente di circa 30 milioni di m 3 (fonte UN- ECE/FAO, 2000). Tale produzione biologica viene solo parzialmente utilizzata a causa di una congiuntura negativa di vari fattori (difficoltà di accesso, rispetto delle aree protette, boschi caratterizzati da bassa densità arbustiva, scarso valore economico del legname ottenibile, alti costi di utilizzazione, ecc.). In media si utilizzano ogni anno 9 milioni di m 3 di legno (circa il 30% dell incremento corrente complessivo delle foreste, fonte CFS 2000) di cui 5,4 milioni di m 3 sono di legna da ardere, mentre i restanti 3,6 milioni di m 3 di legname da opera (usato in edilizia, nel settore industriale ecc.).

15 Gestione sostenibile dei boschi Ai boschi si possono tradizionalmente attribuite tre funzioni principali: 1) di carattere produttivo economico; 2) di carattere protettivo del territorio; 3) di carattere ricreativo e turistico. La prima funzione è finalizzata al soddisfacimento della domanda di legname da opera, legna da ardere e frutti, la seconda funzione è inerente le opere di regimazione delle acque e di protezione dai fenomeni erosivi, mentre la funzione turistico ricreativa ha assunto solo negli ultimi decenni una certa importanza, a seguito della crescita dell importanza del settore turistico e delle attività ad esso collegate nella montagna. In Italia circa il 40% del patrimonio forestale è costituito da boschi cedui, cioè utilizzati per il taglio e la raccolta della legna, la cui origine è strettamente legata all impiego della legna da ardere quale combustibile a livello domestico. La domanda di queste due tipologie di prodotti ha subito una fortissima contrazione con l introduzione dei combustibili fossili a partire dal dopoguerra e con la riduzione della popolazione nelle zone di montagna. Solo nell ultimo decennio si è registrata una lieve ripresa della domanda di legna da ardere legata ai flussi turistici nelle aree montane. Oggi comunque gran parte dei boschi cedui risulta abbandonata o scarsamente utilizzata in tutte le regioni italiane, e nelle zone appenniniche in particolare, dove il ceduo rappresenta un antichissima tradizione. L abbandono ha avuto ripercussioni negative anche sulla funzione di difesa dai dissesti idrogeologici, venendo a mancare la manodopera locale che eseguiva piccole importanti opere di sistemazione dei fossi e dei versanti; inoltre la presenza di vegetazione infestante e di alberi morti ha rappresentato un altro fattore di dissesto, andando ad appesantire i versanti montuosi e contribuendo alla loro instabilità. 15

16 Gestione sostenibile dei boschi FOTOSINTESI Con le radici le piante assorbono dal terreno l acqua e i sali minerali in essa disciolti, con le foglie assorbono dall aria l anidride carbonica e per mezzo della clorofilla contenuta per lo più nelle foglie immagazzinano l energia solare. Poi a partire da queste semplici sostanze producono, grazie all energia immagazzinata, gli zuccheri liberando ossigeno nell aria. CO 2 + H 2 O + energia solare C n (H 2 O) m + O 2 16 Per quanto riguarda le metodologie di recupero del ceduo, esistono vari studi che descrivono scenari di conversione dei cedui in fustaie con l obiettivo di giungere in tempo medio lunghi alla produzione di assortimenti legnosi in grado di essere assorbiti dall industria nazionale del legno. A questi scenari si oppongono tuttavia numerosi vincoli quali la carenza di risorse finanziarie, la limitata accessibilità di molte zone nelle quali si intende operare, la scarsa presenza di imprese forestali e di manodopera specializzata e la frammentazione delle proprietà. Le operazioni di trasformazione e miglioramento dei cedui possono portare alla disponibilità di materiale legnoso da utilizzare a fini energetici in impianti di riscaldamento locali di piccola taglia: ciò consente di avviare un processo di valorizzazione del patrimonio forestale e di cura del territorio. In parallelo a queste operazioni, si può prevedere uno sviluppo di piccole imprese forestali ed un recupero delle capacità professionali di carattere forestale.

17 Gestione sostenibile dei boschi Lo sviluppo della produzione di biomasse legnose, basata su essenze autoctone, cioè di origine locale, consente di ottenere energia pulita e rinnovabile e costituisce un elemento fondamentale per tornare ad utilizzare correttamente il bosco, ridando nel contempo valore ed importanza economica alla montagna. Un ulteriore fattore di valorizzazione delle biomasse legnose può provenire dalle cure dei rimboschimenti. A partire dagli anni 30 si sono avuti estesi interventi di rimboschimento in Italia, spesso mediante impianti monospecifici di conifere, stravolgendo talvolta la diversità biologica locale. La successiva assenza di diradamenti ha portato allo sviluppo di boschi fortemente squilibrati dal punto di vista della densità e della struttura, con soprassuoli fragili, facilmente attaccabili dal fuoco e dai parassiti. Senza entrare nel dettaglio delle diverse problematiche legate ai diradamenti, va evidenziato che essi rappresentano, nei boschi creati artificialmente il presupposto per uno sviluppo di piante vigorose e resistenti alle principali avversità. Oltre ad essere utili, i diradamenti, correttamente gestiti e pianificati, possono ancora una volta fornire biomassa legnosa da utilizzarsi localmente a fini energetici. La valutazione delle potenzialità del territorio ad essere oggetto di trasformazioni o miglioramenti forestali del tipo di quelli sopra esposti richiede a priori una dettagliata valutazione di numerosi parametri sia forestali (superfici boscate, tipologia ed uso del bosco, produzione di legna, ecc.) sia di carattere socio economico (proprietà, presenza di imprese forestali, accesso al bosco, spese per raccolta e trasporto, ecc.). In molti comuni dell Appennino bolognese e pistoiese, precisamente per i 14 comuni a ridosso del crinale, dunque maggiormente boscati, sono già disponibili informazioni di questo tipo, grazie ad un programma di ricerca sulla gestione delle biomasse realizzato dal COSEA (Consorzio Servizi Ambientali) in collaborazione con l Istituto Nazionale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica sulla Montagna. 17

18 La legna nella montagna bolognese Nel territorio della Provincia di Bologna le aree boscate occupano una superficie di ha (870 km 2 ), ripartite in ha di bosco e ha di arbusteti (PROVINCIA DI BOLOGNA). La percentuale di territorio boscato per comune è raffigurata di seguito: si può notare come i comuni montani abbiano almeno la metà del territorio occupato da boschi. Per informazioni più dettagliate sul tipo e sull uso dei boschi, si può consultare ed interrogare on-line la Carta Forestale della Provincia di Bologna, disponibile all area SIT (Sistemi Informativi Territoriali) del sito web della Provincia (www.provincia.bologna.it). 18 Percentuale di superficie boscata nei comuni della provincia di Bologna

19 La legna nella montagna bolognese La forma di governo più diffusa è costituita dal bosco ceduo, dal quale si ricava legna per il riscaldamento o per la produzione di energia in generale. Nella seconda metà del 900, anche l Appennino bolognese ha visto il venir meno della domanda di legna per usi energetici e lo spopolamento delle montagne, tanto che oggi è possibile osservare estese zone di ceduo in cui la coltivazione è stata abbandonata in stato di degrado più o meno rilevante. Nell ambito del Piano Energetico Ambientale della Provincia di Bologna si sono condotte stime sulle attitudini produttive delle foreste collinari e montane del territorio, sulla base dell analisi di caratteristiche di pendenza ed accidentalità delle aree. Ne consegue che il 48% delle foreste provinciali ha attitudini anche produttive, può cioè essere potenzialmente soggetto a sistemi colturali finalizzati alla produzione legnosa. Nello stesso documento si è stimato che nel territorio provinciale, i boschi a ceduo sono in grado di fornire ad oggi una massa volumica pari a t di legna per combustibile. A partire da questo dato, si è potuto valutare il potenziale energetico teorico attualmente disponibile: assumendo un umidità del 40% ed un potere calorifico della legna di 9,44 MJ/kg, si ottengono GJ di energia primaria. Passando a dati più concreti, sono stati quantificati scenari a scadenza variabile relativi alla disponibilità futura di legna per combustibile, supponendo di sviluppare una politica di gestione forestale che accentui la funzione multipla della foresta, mediante la conversione dei cedui invecchiati in alberi ad alto fusto. Considerando la massa legnosa derivante dagli interventi di conversione nel corso degli anni, si potrebbe arrivare a poter disporre di un eccedenza di energia rispetto alla situazione attuale compresa tra 20 e 33 GWh nel breve periodo e tra i 67 ed i 111 GWh in tempi più lunghi, quando tutte le aree a ceduo saranno accessibili e disponibili. 19 SUL TERRITORIO APPENNINICO LO SFRUTTAMENTO DELLA RI- SORSA BIOMASSA È POSSIBILE E CONSIGLIABILE, PURCHÈ CON UN USO A LIVELLO LOCALE.

20 I combustibili legnosi: tronchetti, cippato, pellet Il combustibile legnoso, attraverso le fasi della filiera legno combustibile, giunge all utilizzo finale sotto forma di tronchetti di legna, scaglie o cippato e pellet. 20 Legna da ardere in tronchetti Dalle operazioni di depezzatura e sminuzzamento si ottengono i tronchetti di legna nella dimensione adatta per essere utilizzati come combustibili nei generatori di calore. La lunghezza dei tronchetti è in genere di 30, 50 o 100 cm, a seconda della dimensione interna del combustore. Una volta tagliati, i tronchetti vengono accuratamente accatastati per consentirne l essiccazione, fino a raggiungere un umidità del 20% circa calcolata sul secco *. POTERE CALORIFICO Il potere calorifico è la quantità di energia termica che si può ricavare dalla combustione completa del combustibile legnoso, per unità di peso. Si esprime in MJ/kg o kwh/kg (1 kwh = 3,6 MJ). Quasi sempre si fa riferimento al potere calorifico inferiore (P.C.I.), nel computo del quale viene sottratta l energia termica necessaria per l evaporazione dell acqua contenuta internamente. Variazione del potere calorifico in funzione del contenuto idrico sul secco (Fonte: Hellrigl) Umidità sul secco (%) P.C.I. (MJ/kg) 15,3 14,3 11,5 8,03 * Umidità sul secco: u = ((peso umido peso secco)/peso secco)*100

21 I combustibili legnosi: tronchetti, cippato, pellet Il processo di combustione nelle caldaie necessita infatti di legna con basso contenuto d acqua: il potere calorifico dei tronchetti ben essiccati è di gran lunga superiore a quello degli stessi tronchetti appena tagliati allo stato fresco. A seconda del tipo di essiccazione, l andamento della perdita di umidità nel tempo varia: ad esempio eseguendo la depezzatura in tronchetti da 30 cm subito dopo il taglio in bosco si ha un calo più rapido del contenuto idrico rispetto ai tronchi lasciati sul piano di taglio per alcuni mesi e depezzati successivamente. Comunque dopo circa 2 anni di essiccamento il tenore di umidità non cala più e si mantiene su valori variabili tra il 18% ed il 25% calcolato sul secco; con queste caratteristiche i tronchetti di legna giungono all utilizzo finale nelle apposite caldaie. ESSICAZIONE 21 Andamento della perdita di umidità calcolata sul peso umido per legni variamente preparati (REGIONE PIEMONTE) A parità di umidità, il potere calorifico del legno nelle diverse specie, di piante varia molto poco, come si può notare dalla tabella seguente.

22 I combustibili legnosi: tronchetti, cippato, pellet Specie P.C.I. (kwh/kg) Faggio 4,0 Cerro 4,2 Olmo 4,1 Pioppo 4,1 Larice 4,4 Abete rosso 4,5 Pino silvestre 4,4 Potere calorifico inferiore (P.C.I.) per diverse specie arboree con umidità sul secco del 25% 22 Legno in scaglie o cippato Il cippato è ottenuto dallo sminuzzamento o cippatura del legno tagliato per mezzo di apposite macchine cippatrici; si usano gli scarti dei tagli in bosco ma anche le potature degli alberi cittadini. Durante l essicamento i cumuli di cippato devono essere ventilati o periodicamente rivoltati, per evitare l insorgenza di muffe e consentire un essicazione uniforme del cumulo. Il cippato è in genere commercializzato con un tenore di umidità maggiore rispetto ai tronchetti di legna, variabile fra il 35% ed il 45% calcolato sul secco. Indicativamente il cippato ha un potere calorifico inferiore (P.C.I.) di 3 3,6 kwh/kg (10,8 13 MJ/kg). I vantaggi dell utilizzo del cippato sono i seguenti: prezzo d acquisto ridotto; caricamento in caldaia completamente automatizzato; sfruttamento di arbusti e ramaglie non utilizzabili come legna da ardere. Gli svantaggi sono invece dati da:

23 I combustibili legnosi: tronchetti, cippato, pellet elevati volumi di prodotto necessari, con relativi costi di trasporto e stoccaggio; costo d acquisto del gruppo silos-alimentatore della caldaia (a meno di contributi pubblici); maggiore frequenza di operazioni di pulizia e smaltimento delle ceneri rispetto alle caldaie tradizionali. Legno in pellet Il pellet deriva da un processo industriale attraverso il quale la segatura, i trucioli o le scaglie di legno vergine polverizzate appartenenti a diverse specie vengono trasformate in piccoli cilindri, per mezzo di idonee macchine pellettizzatrici che agiscono per compressione ed estrusione in continuo dei residui legnosi. I cilindretti che si ottengono hanno un diametro variabile tra 6 e 12 mm ed una lunghezza oscillante tra 12 e 18 mm, in modo da risultare idonei per l alimentazione di stufe e caldaie. I pellets sono caratterizzati da un basso contenuto di umidità (intorno al 10% calcolato sul secco, od anche inferiore), inoltre, conseguentemente al processo di formazione, la porosità è nettamente inferiore rispetto al legno. Il grande vantaggio del pellet è l elevato potere calorifico, che è intorno ai 5 kwh/kg (18 MJ/kg, 4300 Kcal/Kg), decisamente superiore a quello degli altri combustibili legnosi. Altri vantaggi del pellet sono il basso volume di ingombro ed il basso peso specifico che ne determinano la facilità di trasporto, stoccaggio ed utilizzo, e la ridottissima emissione di sostanze inquinanti. Gli svantaggi sono invece legati al costo di produzione e dal consistente quantitativo energetico impiegato dalle macchine pellettizzatrici. 23

24 I combustibili legnosi: tronchetti, cippato, pellet Rendimenti energetici Per quantificare il contenuto energetico della legna, del cippato e del pellet, si riporta nella tabella seguente un confronto tra la quantità di energia contenuta nelle biomasse legnose con i quantitativi equivalenti di combustibili cui si è comunemente abituati, ossia gasolio e metano. 24 Tipo di biomassa Equivalente Equivalente in gasolio in metano 1 kg di cippato w = 20%*, P.C.I. = 13,4 MJ/kg 0,38 litri 0,37 m 3 1 kg di cippato w = 40%*, P.C.I. = 10,46 MJ/kg 0,30 litri 0,29 m 3 1 kg di pellet P.C.I. > 16,9 MJ/kg, massa volumica > 600 kg/m 3 0,49 litri 0,47 m 3 1 kg di legna in tronchetti secca densità di 500 kg/m 3, P.C.I. di 12,6 MJ/kg 0,36 litri 0,35 m 3 * w = umidità su base umida = ((peso umido peso secco)/peso umido)*100 3 kg di legna stagionata 1 litro di gasolio Si nota che i combustibili derivanti dalle biomasse hanno un contenuto energetico inferiore a quello dei combustibili fossili; ne consegue che sono meno convenienti da trasportare, poiché un unità di energia occupa più spazio. La fase di trasporto all interno della filiera legno combustibile va quindi attentamente valutata in termini di costi, e comunque è favorito un impiego delle biomasse legnose nel luogo di produzione o nelle immediate vicinanze.

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

Impianti termici alimentati da biomasse

Impianti termici alimentati da biomasse SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE PUBBLICITÀ 70% - FILIALE DI NOVARA giugno 2011 40 PUBBLICAZIONE PERIODICA DI INFORMAZIONE TECNICO-PROFESSIONALE Impianti termici alimentati da biomasse Sommario Direttore

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Riscaldarsi con il pellet e con la legna. Autori vari

SPECIALE TECNICO. Riscaldarsi con il pellet e con la legna. Autori vari SPECIALE TECNICO Riscaldarsi con il pellet e con la legna Autori vari OTTOBRE 2014 Questo Speciale è stato realizzato grazie al contributo di: QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / OTT 2014 ABSTRACT Riscaldarsi

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA. Le fonti di energia rinnovabili nella casa

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA. Le fonti di energia rinnovabili nella casa REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA Le fonti di energia rinnovabili nella casa Q uesto opuscolo è stato realizzato nell ambito del programma SICENEA, finanziato dall Assessorato Industria della Regione

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente.

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente. Handöl 26 Magnifici focolari Handöl 26T e Handöl 26K sono le prime stufe di grandi dimensioni della serie Handöl 20. Un magnifico focolare di produzione svedese per tutti coloro che sono alla ricerca di

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Focolari ad alto livello

Focolari ad alto livello 34 & 35 1 Focolari ad alto livello Contura 34T e 35T sono due innovativi modelli di stufa in pietra ollare, caratterizzati da un desig n più moderno e slanciato, una migliore visibilità del fuoco e l usuale

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Cos è il fotovoltaico?

Cos è il fotovoltaico? Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Nuova tecnologia solare Beretta

Nuova tecnologia solare Beretta Nuova tecnologia solare Beretta Risparmio, energia e ambiente Detrazioni fiscali del 55% Nei casi contemplati dalla normativa. 1 Beretta Clima: i professionisti del solare Beretta Clima, specializzata

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI LA GUIDA DEL CONSUMATORE L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI Testi: Pieraldo Isolani Hanno collaborato i componenti del Gruppo di Lavoro Internazionale Riccardo Comini - ADICONSUM Italia Dario

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli