Osservatorio egovernment egovernment & PA: l'italia fa squadra!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio egovernment egovernment & PA: l'italia fa squadra!"

Transcript

1 Osservatorio egovernment egovernment & PA: l'italia fa squadra! Giugno 2013 CON IL SUPPORTO DI

2

3 Agenda del Convegno 13 Giugno Registrazione partecipanti 9.30 Introduce e presiede Giuliano Noci Responsabile Scientifico dell Osservatorio egovernment, Politecnico di Milano Cosa funziona e cosa meno nell innovazione della PA? Esperienze a confronto Claudio Fornaro Responsabile Ufficio Prodotti e Servizi per la Pubblica Amministrazione Intesa Sanpaolo Claudio Cipollini Direttore Generale Retecamere Liliana Fratini Passi Direttore Generale Consorzio CBI Antonella Galdi Responsabile Area Ambiente, Cultura e Innovazione per ANCI Lucia Pasetti Vice-presidente CISIS Qual è il futuro della Governance dell Innovazione della PA? Corrado Ghirardelli Coordinatore Nazionale degli Assessori Provinciali all Innovazione Tecnologica per UPI Agostino Ragosa Direttore Generale Agenzia per l Italia Digitale Sergio Rossetti Assessore Regione Liguria e Coordinatore Vicario della II Commissione Affari finanziari della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome Andrea Sammarco Vice Segretario Generale di Unioncamere Rappresentante ANCI Chiusura dei lavori Mauro Bonaretti Capo di Gabinetto del Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie WEB TV Nella Web Tv degli Osservatori è possibile rivedere le riprese integrali del convegno egovernment & PA: l Italia fa squadra!. I video sono facilmente consultabili on demand tramite rapide ricerche di contenuti suddivisi per argomento e indicizzati per parola chiave. 1

4

5 Osservatorio egovernment Introduzione Executive Summary Giugno 2013

6

7 Introduzione Lo sviluppo dell innovazione organizzativa e tecnologica della Pubblica Amministrazione Locale nel nostro Paese è stato sino a ora sostanzialmente guidato e stimolato da interventi normativi e dall erogazione di finanziamenti pubblici da parte degli organismi centrali, privilegiando la libera iniziativa e le capacità di innovazione dei singoli Enti. Dalla Ricerca promossa nell ambito della terza edizione dell Osservatorio egovernment emerge quanto sia sempre più necessario definire meccanismi efficienti per la gestione dell innovazione nella Pubblica Amministrazione. Si tratterebbe in realtà di una priorità assoluta dal momento che la lentezza e la complicazione della macchina burocratica è additata non solo da cittadini e imprese, ma anche da organismi internazionali, come una delle cause della ridotta competitività del sistema Paese. Occorre sottolineare come negli oltre dieci anni di progetti di egovernment realizzati vi siano numerose esperienze virtuose da cui è possibile trarre spunti, ma si tratta di un panorama in cui la frammentarietà delle azioni di innovazione rappresenta un tema ricorrente che contribuisce ad aumentare il divario nella fruibilità e nella qualità dei servizi che gli Enti Locali sono oggi in grado di offrire all utenza del proprio territorio, mentre in realtà, le indagini evidenziano come il bisogno di innovazione da parte dei cittadini non sia condizionato dall area geografica di riferimento, bensì piuttosto dal profilo personale e psicologico di ciascun individuo. La sempre maggior esiguità di risorse economiche a disposizione rende necessario, alla luce di quanto detto, individuare modelli organizzativi ed economici che rendano l innovazione capace di trovare il proprio sostentamento. In questo scenario, un formato centrale per il futuro dell egovernment è rappresentato dal tema del riuso : la possibilità di rendere fruibili ad altri Enti progetti che si sono dimostrati di successo sembra però non decollare a causa soprattutto della mancanza di una panoramica completa sull of- Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 5

8 Introduzione ferta di prodotti a riuso, della difficoltà di fare il match fra esigenze degli Enti riusatori e la possibile soluzione del cedente, della mancanza di disponibilità di tempo e di personale da dedicare alla diffusione dei propri applicativi. Emerge in questo senso come, pur esistendo già un catalogo del riuso a cui gli Enti possono attingere, questo non preveda alcun tipo di qualificazione dei progetti iscritti. Sarebbe invece importante che venisse definito un sistema di classificazione dei progetti, in termini di qualità dei progetti stessi e livello di riusabilità, inoltre risulterebbe utile la definizione di meccanismi amministrativi e incentivi adeguati per l Ente che mette a riuso il progetto. Le iniziative che nel Paese hanno sortito i risultati più soddisfacenti, (si faccia riferimento ad esempio al Programma ELISA), a oggi sono rappresentate dai progetti multi-ente ma, anche in questo caso, caratterizzate dalla frammentazione geografica. Frammentazione rilevabile anche facendo riferimento a temi come lo Sportello Unico delle Attività Produttive (SUAP), o l integrazione delle banche dati. L indagine sullo stato della digitalizzazione dei SUAP mostra come questo vari notevolmente sul territorio nazionale: la semplicistica rappresentazione del divario Nord-Sud non spiega le differenze rilevate, bensì la discriminante è rappresentata dalla singola realtà regionale in cui operano i Comuni o le loro forme associate. Per quanto attiene l integrazione delle banche dati, sebbene siano numerosi gli interventi, sia di tipo normativo, sia di tipo tecnologico e organizzativo, che hanno cercato di affrontare più o meno efficacemente il tema dell integrazione dei dati in possesso delle PA e delle modalità per renderli fruibili, la Ricerca fotografa come i passi da fare siano ancora molti: in un caso su due infatti, gli Enti si affidano ancora a comunicazioni con soggetti terzi in formato cartaceo. Le cause sono solo marginalmente legate alle soluzioni tecnologie utilizzate, appare invece come l ostacolo maggiore nell integrazione verso l esterno sia dato dalla difficoltà a interagire con gli altri Enti coinvolti nei processi di lavoro. Partendo dagli ostacoli di natura tecnologica, una possibile soluzione potrebbe arrivare, ancora una volta, da un maggior ricorso a soluzioni open source o a riuso, mentre il superamento delle difficoltà di relazione sarebbe possibile grazie ad un approccio sistemico, governato da una regia. Regia da parte di chi e a che livello? Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da 6

9 Introduzione La Ricerca rileva come secondo i Comuni, un ruolo cruciale, non solo di coordinamento, ma anche di indirizzo e formulazione di linee guida operative, possa e debba essere svolto dalle Regioni, soprattutto nel ruolo di soggetti attuatori per eccellenza, ritenendo che il loro contributo sia molto utile se non indispensabile nel determinare il successo di un iniziativa di egovernment. Ma gli Enti Locali, indicano la forte necessità di una regia nella gestione dell innovazione che dovrebbe trovare naturale collocazione a livello nazionale. Oggi, grazie anche alla recente costituzione della dell Agenzia per l Italia Digitale, sembrano emergere le condizioni di contesto perché si affermi un sistema integrato di governance dell innovazione articolato a tre livelli: centrale, di indirizzo e definizione delle macro-strategie, incardinato nell Agenzia; territoriale, per il raggiungimento di economie da massa critica, imperniato sulle Regioni; infine locale, per la gestione dei servizi di consulenza ai singoli Comuni, costituito da centri servizi e/o consorzi di Enti. Se quanto auspicato si realizzasse, allora potremo finalmente dire egovernment & PA: l Italia fa squadra! Giuliano Noci Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 7

10

11 Executive Summary egovernment sostenibile: è possibile? Se c è accordo sul fatto che l indiscusso obiettivo dell egovernment sia quello di migliorare i servizi all utenza attraverso l utilizzo appropriato delle tecnologie ICT, è invece ancora dibattuto, anche a livello internazionale, se l egovernment debba essere misurato anche in funzione dei risparmi che è capace di generare per la Pubblica Amministrazione. È tuttavia un dato di fatto che un innovazione capace di autosostenersi è un innovazione che ha più possibilità di essere attuata e di essere poi mantenuta nel tempo. Questo anche e soprattutto a fronte dell attuale congiuntura economica. Inoltre, come emerge dall analisi condotta nell ambito della Ricerca 2012, la mancata preventiva analisi delle corrette modalità di introduzione delle tecnologie all interno dei processi organizzativi porta spesso a un aggravio dei costi di gestione dei servizi piuttosto che a un risparmio. È per queste ragioni che, sulla scia di quanto già sviluppato l anno precedente, si è scelto di prendere in considerazione due macro tipologie di dimensioni di risparmio potenzialmente generate dall introduzione di soluzioni informatiche all interno delle organizzazioni pubbliche: l abbattimento di costi vivi connessi al consumo di specifiche risorse e il risparmio di tempo-uomo associato all espletamento delle diverse attività che compongono il processo. Il modello utilizzato è stato quindi configurato in modo da consentire il dimensionamento analitico dei risparmi potenzialmente ottenibili attraverso la completa digitalizzazione dei due servizi comunali oggetto di approfondimento della Ricerca 2012: il processo sanzionatorio gestito dai Comuni, ossia le multe, e la gestione delle pratiche di Sportello Unico delle Attività Produttive tenendo in considerazione tutti gli Enti coinvolti nel procedimento. Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 9

12 Executive Summary Con riferimento al processo sanzionatorio, un primo dato che emerge è che la digitalizzazione non è sempre portatrice di risparmi. Nel caso del SUAP, ad esempio, emerge curiosamente che in numerose realtà, all aumentare del livello di digitalizzazione delle attività aumenta anche il tempo dedicato dagli operatori alla gestione delle pratiche. Invece, nel caso della gestione delle multe, per i Comuni che notificano meno di contravvenzioni l anno (solitamente di dimensione inferiore ai abitanti), i costi da sostenere per la digitalizzazione completa non sembrano essere compensati dai benefici potenzialmente da questa generabili. Ecco quindi che diventa indispensabile capire su quali attività attuare interventi di digitalizzazione e studiare come attuarli perché non aumentino l onerosità dei processi, oppure trovare soluzioni per generare economie di scala, ad esempio introducendo forme di gestione associata delle funzioni. Infatti, con riferimento al processo sanzionatorio, all aumentare del numero di pratiche da gestire aumentano anche i benefici derivanti dalla digitalizzazione: per un Comune che notifica multe l anno (mediamente con una dimensione tra i 15 e i 40 mila abitanti) i risparmi sono dell ordine dei all anno e di 0,4 FTE; con una gestione di circa multe l anno, i risparmi salgono a circa e a 2 FTE. Per un Comune al di sopra dei abitanti (circa multe all anno) la completa digitalizzazione dei processi porterebbe a risparmi per all anno e a 6,5 FTE di personale dedicato alla gestione della sola parte amministrativa legata al processo di rilevazione dell infrazione e di incasso di una multa. Per le grandi città, sopra i abitanti, che gestiscono annualmente circa multe, i risparmi possono arrivare a quasi 1,6 milioni di Euro l anno e 37 FTE. Con un livello di digitalizzazione ottimale, i Comuni italiani potrebbero pertanto ottenere benefici dell ordine di 55 milioni di Euro annui e FTE, per un controvalore complessivo di circa 105 milioni di Euro. Per quanto riguarda gli Sportelli Unici delle Attività Produttive, i benefici sarebbero differenti a seconda della tipologia di pratiche da gestire e della numerosità degli Enti coinvolti 10 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

13 Executive Summary nella gestione dei pareri. Con riferimento alla digitalizzazione delle attività gestite dallo Sportello Unico e delle sole interazioni con gli Enti Terzi coinvolti nel procedimento, si stimano possibili risparmi fino a 6,8 milioni di Euro annui e FTE per le segnalazioni certificate (SCIA) in ambito terziario, fino a 5 milioni e FTE per quelle in ambito edilizio e 3,6 milioni e FTE per le pratiche di permesso di costruire per un controvalore complessivo di circa 270 milioni di Euro all anno. Ma a che punto si trovano gli Enti locali in questo processo di digitalizzazione? Attraverso un indagine puntuale sulla modalità di gestione delle singole fasi che compongono il processo sanzionatorio, dalla rilevazione delle violazioni sino alla gestione delle contestazioni, è stato possibile rilevare che ormai l 80% degli Enti utilizza un sistema informatico per la registrazione delle infrazioni. Anche il 49% dei Comuni inferiori ai di abitanti dichiara di utilizzare un software gestionale dedicato. Scende invece al 60% la percentuale dei Comuni che effettua le verifiche con il Ministero dei Trasporti tramite soluzioni informatizzate; i Comuni di piccole dimensioni generalmente preferiscono ancora contattare telefonicamente o recarsi di persona agli uffici provinciali del PRA. Notevolmente inferiore la diffusione di soluzioni digitali nelle fasi successive del processo: il 28% dei rispondenti utilizza un sistema informativo per la verifica dei pagamenti (percentuale che sale però al 65% per gli Enti con più di abitanti) e solo il 12% degli Enti Locali che ha informatizzato le precedenti fasi invia le pratiche al soggetto notificatore (le Poste nel 70% dei casi) in formato digitale. Interessante notare come solo il 2,2% degli Enti Locali abbia sperimentato l invio diretto della notifica al cittadino tramite Posta Elettronica Certificata: in questo caso il dato positivo viene dai Comuni sotto i abitanti che lo usano già nel 10% dei casi. La fase del processo meno digitalizzata appare quella relativa alla gestione dei ricorsi, che per il 2,6% delle sanzioni notificate riguardano il Prefetto e per il 3,6% il Giudice di Pace. In particolare, gli Enti che hanno attivato Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 11

14 Executive Summary una comunicazione in formato elettronico con il Prefetto sono il 16%, sfruttando la piattaforma documentale messa a disposizione dal Ministero, mentre la percentuale cala al 5,3% per le interazioni con il Giudice di Pace. Complessivamente, solo lo 0,6% degli Enti Locali afferma di gestire in modalità digitale la totalità delle attività legate al processo sanzionatorio. Per quanto riguarda l analisi della digitalizzazione delle attività dello Sportello Unico, il 60% degli Enti Locali dispone di una piattaforma telematica, il 37% adotta soluzioni per la conservazione sostitutiva delle pratiche e il 35% gestisce il back office in modalità digitale. Più basso il livello di digitalizzazione della modalità di gestione dei rapporti con gli Enti Terzi (10%), mentre solo il 4% dei rispondenti dichiara di condurre Conferenze dei Servizi in modalità digitale. Complessivamente, solo l 1% degli Enti Locali afferma di gestire in modalità digitale la totalità delle attività. egovernment e Governance Quali i fattori che ancora oggi frenano l introduzione e la gestione del cambiamento nella Pubblica Amministrazione? L indagine condotta nel 2012 attraverso il coinvolgimento di 155 Enti tra Regioni, Province e Comuni al di sopra dei abitanti evidenzia come le criticità riguardino diversi aspetti, non identificando un unico problema, ma un insieme di fattori che generano una condizione sfavorevole alla diffusione dell egovernment: vincoli di spesa imposti dal Patto di Stabilità (82%) e più in generale la mancanza di adeguate risorse, siano esse economiche (78%) o di personale (68%), l inadeguatezza o il disallineamento delle soluzioni con la normativa (51%), la difficoltà di coordinamento con altri soggetti, siano essi interni all Ente (63%) o esterni (Ministeri e loro Agenzie (67%), altri Comuni (57%), Regioni (46%). 12 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

15 Executive Summary Riguardo quest ultimo punto, l attuazione di azioni di formazione e sensibilizzazione sui temi della gestione del cambiamento rivolta al proprio personale è ritenuta abbastanza o molto utile da oltre l 80% degli intervistati. Ciò potrebbe consentire anche ad attenuare la forte resistenza al cambiamento denunciata dai dirigenti intervistati nei confronti degli utenti (72%), siano essi interni (personale) o esterni (cittadini e imprese), sebbene appaia contraddittorio il fatto che circa tre quarti dei rispondenti affermi di non aver attivato alcun sistema di monitoraggio e valutazione delle soluzioni implementate. Gli Enti si stanno però sempre più organizzando per gestire il processo di cambiamento, perlomeno dal punto di vista operativo: circa il 72% ha segnalato di disporre di un unità organizzativa dedicata alla gestione dell innovazione; il rimanente 28% ha affidato tale funzione prevalentemente alla struttura Sistemi Informativi o agli Affari Generali. Rispetto al 2010 la percentuale di quanti hanno istituito questa funzione è aumentata del 7%. Invece, a livello di gestione strategica, la tendenza sembrerebbe essere invertita: mentre due anni fa il 65% degli Enti aveva individuato un assessore per gestire le politiche d innovazione, nel 2012 tale valore scende al 56%. Ed è forse per questo che ben due Enti su tre denunciano, tra le principali criticità nel gestire i processi di innovazione, la mancanza di adeguato commitment politico. Emerge inoltre in maniera abbastanza evidente come la frammentazione dei compiti e la mancanza di un chiaro ruolo dei diversi livelli istituzionali spesso renda ancora meno efficiente ed efficace l azione dei singoli Enti (50%). A questo proposito, se le Regioni rivendicano il proprio ruolo centrale nella definizione delle strategie di cambiamento (72%), la maggior parte dei Comuni sembrerebbe individuare il proprio riferimento principale nell azione dei Ministeri (42%), anche se sono in numerosi a rivendicare una totale autonomia (25%), Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 13

16 Executive Summary anche tra quelli di più piccole dimensioni. Al contrario, sembra invece esserci maggior accordo su chi dovrebbe coordinare le azioni di cambiamento. La maggioranza assoluta degli Enti (53%) elegge, infatti, le Regioni a soggetti attuatori per eccellenza e nel 60% delle volte ritiene che il loro contributo sia molto utile se non indispensabile nel determinare il successo di un iniziativa di egovernment. Per quanto riguarda le tecnologie abilitanti, la quasi totalità dei rispondenti ritiene che il processo di introduzione della Firma digitale e della Posta Elettronica Certificata sia ormai stato traguardato. I sistemi di autenticazione digitale sono sempre più utilizzati: il 26% degli Enti, contro il 9% del 2010, dichiara di averli ormai adottati mentre il 28% lo sta sperimentando, questo anche grazie a una riduzione del costo della loro implementazione e della complessità di utilizzo. Riuso: un percorso da costruire Per Riuso si intende la possibilità per una Pubblica Amministrazione di riutilizzare gratuitamente programmi informatici o parte di essi, sviluppati per conto e a spese di un altra Amministrazione, adattandoli alle proprie esigenze. Introdotto inizialmente nel 2000, il Riuso trova la sua articolazione nel Codice dell Amministrazione Digitale: non solo ogni Amministrazione, nell acquisizione di applicativi software, può optare per il Riuso, ma deve anche favorirlo, prevedendo che i programmi sviluppati al suo interno siano facilmente portabili su altre piattaforme, in modo da poterli dare in uso gratuito (in formato sorgente, completi della documentazione disponibile) ad altri Enti. 14 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

17 Executive Summary La PA non è totalmente disinteressata al Riuso. Già oggi, nella scelta di possibili soluzioni ICT, il 42% degli Enti prendono sempre in considerazione soluzioni implementate da altre realtà, il 24% lo fa in casi specifici, come in progetti che coinvolgono numerosi Enti, e solo il 34% non lo fa mai. I vantaggi, per l Ente che sceglie il Riuso, sono molteplici: si va dalla maggior rispondenza alle esigenze (72%), ai minori costi (70%), fino alla semplificazione dei processi di affidamento (52%) e la riduzione dei tempi di introduzione della soluzione (46%). Oggi però mancano ancora alcuni presupposti perché la procedura di diffusione delle buone pratiche applicative, così come indicato dall Agenda Digitale, possa diventare una consuetudine. In particolare, vi sono difficoltà nel capire se la soluzione individuata possa realmente rispondere alle esigenze (84% dei rispondenti), nella gestione della manutenzione correttiva della soluzione (72%), nella gestione di nuovi sviluppi della soluzione (68%), nel venire a conoscenza delle soluzioni effettivamente a Riuso (68%). Inoltre, si rileva spesso inadeguatezza nella documentazione correlata alla soluzione (54%), nel supporto organizzativo e tecnico da parte dell Ente cedente (48%), oltre che di competenze specifiche da parte del personale dell Ente riusante (48%). La Ricerca evidenzia quindi come, da un lato, gli Enti riusanti non abbiano una panoramica completa sull offerta di prodotti a Riuso, né facile accesso alle competenze o conoscenza sulla soluzione, elementi molto spesso posseduti solo dal cedente, e questo rende difficile fare il match fra le loro esigenze e la possibile soluzione. Dall altro lato, la pratica del Riuso non rientra ancora nella mission istituzionale degli Enti cedenti, semplificando: non ci sono disponibilità di tempo né di personale da dedicare alla diffusione dei propri applicativi, ma soprattutto non sono palesi i vantaggi nel cedere una soluzione a Riuso. Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 15

18 Executive Summary La gestione associata dell ICT: i piccoli diventano grandi Sull onda della Spending Review, i Comuni, soprattutto quelli di piccole dimensioni, sono sempre più sollecitati ad approntare forme associative finalizzate alla gestione delle funzioni e dei servizi comunali. Già oggi sono diverse le esperienze, nella maggior parte dei casi nate dalla libera iniziativa di Comuni, Province o Regioni e sostenute da finanziamenti regionali o nazionali (come il bando CST/ALI), avviate con lo scopo di gestire in forma associata i servizi ICT per ridurre i costi e mettere a sistema le competenze di un dato territorio. Partendo dalla necessità di dover implementare e gestire i nuovi servizi di egovernment, le forme associate che sono riuscite a superare la fase di start up oggi si stanno gradualmente evolvendo sino ad arrivare, in alcuni casi, a sostituire completamente le unità organizzative deputate alla gestione ICT dei singoli Comuni. Tutti i casi esaminati dalla Ricerca 2012 dell Osservatorio egovernment hanno evidenziato come queste iniziative siano però maturate solo dopo processi lunghi e non semplici da gestire. Numerose sono, infatti, le criticità. Innanzitutto di tipo infrastrutturale: legate non solo alla banda, che deve essere sufficientemente ampia per supportare il flusso di dati necessari per l erogazione a distanza dei servizi ai Comuni, a volte ubicati in zone poco servite, ma anche alle reti degli stessi Comuni, mediamente in situazioni non rispondenti a standard di sicurezza accettabili. Un ulteriore problema è relativo alle carenze formative del personale che si è spesso tradotto anche nella poca consapevolezza da parte dei Comuni delle ripercussioni di questa tipologia di iniziative non solo sugli aspetti tecnici ma anche organizzativi. Per quanto riguarda la governance, spesso di competenza di un assemblea dei Sindaci che nella maggior parte dei casi analizzati ha costituito un Consiglio Direttivo e raramente designato un unico Direttore, le maggiori criticità sono principalmente riferibili alla scarsa propensione degli Enti più piccoli a prendere parte alle fasi decisionali, indice di una bassa sensibilità degli ammini- 16 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

19 Executive Summary stratori locali a questi temi. Invece, le criticità gestionali e organizzative riguardano principalmente la raccolta delle risorse economiche e solo in seconda battuta le difficoltà a fornire adeguato supporto operativo. Sebbene la maggioranza del finanziamento derivi dai canoni pagati dai Comuni, esistono differenze sulle modalità con cui vengono determinati i contributi che gli Enti devono erogare alla forma associata anche se in generale a fianco di una quota fissa di base, di solito calcolata in funzione della popolazione residente, si aggiungono quote variabili definite sulla base dei servizi usufruiti. È da evidenziare che, se nelle Regioni del centro-sud il contributo economico viene sostenuto per la gran parte da Enti sovracomunali, nel nord la percentuale dei canoni comunali è generalmente più elevata. Nonostante queste criticità, laddove la gestione associata è riuscita a consolidarsi, l adesione dei Comuni afferenti allo stesso bacino territoriale, generalmente provinciale, a queste iniziative è pressoché totale con un livello di soddisfazione mediamente alto e che ha portato, in alcuni casi, ad una diminuzione dei costi complessivi pari al 50% grazie alle economie di scala che si è riusciti a mettere in atto. Integrazione delle banche dati: quando collaborare non è più un opzione Il rinnovamento dell azione della Pubblica Amministrazione trova tra i suoi principali prerequisiti la necessità di razionalizzare e gestire in maniera efficiente ed efficace l enorme patrimonio informativo a sua disposizione, che oggi si trova frammentato su più di Enti. A questo riguardo, sono numerosi gli interventi, sia di tipo normativo sia di tipo tecnologico e organizzativo, che hanno cercato di affrontare, più o meno efficacemente, il tema dell integrazione dei dati in possesso delle PA e delle modalità per renderli fruibili. Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 17

20 Executive Summary Se le banche dati dei vari Enti venissero integrate, infatti, si garantirebbe una maggiore accuratezza dei dati stessi che genererebbe non solo una loro analisi più affidabile, con un automazione delle verifiche sulle dichiarazioni dei cittadini e un accesso più agevole ad elementi di supporto decisionale, ma anche un aumento della produttività all interno degli Enti stessi: minor dispendio di tempo e costi per erogare i servizi per i dipendenti, maggior controllo della spesa, maggiore qualità della programmazione (soprattutto per gli Amministratori e Dirigenti). Tutti vantaggi che, a cascata, si riverbererebbero anche sulla migliore qualità nei servizi offerti ai cittadini e alle imprese, con risposte più rapide e una minore richiesta di fornire più volte le stesse informazioni a Enti diversi o a settori diversi del medesimo Ente. A fronte di tutti questi benefici, anche di natura economica, sia per gli Enti che per il cittadino, qual è ad oggi la situazione in Italia? Secondo l indagine dell Osservatorio egovernment gli Enti sino ad ora si sono maggiormente focalizzati sulle integrazioni da realizzare al loro interno che non verso l esterno: il 63,9% degli intervistati ha attivato progetti finalizzati all integrazione delle banche dati gestite internamente contro il 37,1% di quelli che ne ha attivati per l integrazione con le banche dati gestite da altri Enti, sia pubblici che privati. In ugual modo, se nelle interazioni tra settori di uno stesso Ente il ricorso alla trasmissione dei dati in digitale equivale al 76% dei casi (in particolare non certificata 52,38%, sistemi documentali 28,51% e solo 10% cooperazione applicativa, 6,23% PEC-to-PEC, 1,85% FTP e 0,98% cloud storage), nelle comunicazioni con soggetti esterni questa percentuale scende al 51% (in particolare non certificata 53,69%, PEC-to-PEC 26,97% e solo 6,75% FTP, 6,94% sistemi documentali, 4,67% cooperazione applicativa e 0,98% cloud storage), che significa che le Pubbliche Amministrazioni, in un caso su due, si affidano ancora a comunicazioni in formato cartaceo. 18 Il Rapporto con i risultati completi della Ricerca è scaricabile da

21 Executive Summary Importanti differenze si rilevano poi anche a seconda delle dimensioni dell Ente, con i più grandi che mostrano una maggior propensione all integrazione delle banche dati rispetto a quelli più piccoli: il 73% delle Regioni intervistate, per esempio, ha attivato progetti finalizzati all integrazione delle banche dati gestite da altri Enti pubblici e privati, mentre si attestano rispettivamente a 88% e 66% le percentuali di trasmissione dei dati in formato digitale rispettivamente verso soggetti interni e verso soggetti esterni. Se quindi, seppur lentamente rispetto ad altri settori, anche la Pubblica Amministrazione sta abbandonando la carta, affidando al digitale le proprie comunicazioni, la strada verso la condivisione e l integrazione dei dati digitali appare ancora lunga, soprattutto se si considera che solo il 29,6% degli intervistati ha dichiarato di voler avviare, nei prossimi mesi, progetti di integrazione. Analizzando i dati raccolti dall Osservatorio, infatti, emerge chiaramente una resistenza al cambiamento e una diffidenza verso l esterno che ostacola questo percorso, che può essere riconducibile a due diversi ordini di motivazioni: da un lato, gli Enti hanno evidenziato, sia che si tratti di integrazioni all interno dello stesso Ente sia di integrazioni tra Enti diversi, la difficoltà a mantenere aggiornate le banche dati (rispettivamente 60% e 51,6%) e l eccessivo sforzo per la bonifica dei dati (rispettivamente 50% e 38,7%). Quelli che si evidenziano, quindi, sono problemi legati solo marginalmente alle soluzioni tecnologiche utilizzate e più alla tipologia e alla qualità di dati raccolti che spesso richiedono all Ente o al settore ricevente un impegno considerato gravoso sia dal punto di vista del tempo che dei costi. Dall altro lato, in almeno un caso su due grosse difficoltà emergono sul piano relazionale: se nell integrazione all interno di uno stesso Ente risultano problematiche le resistenze del personale (circa 50% dai casi) e delle figure apicali (circa 30%), l ostacolo maggiore nell integrazione verso l esterno è dato dalla difficoltà a interagire con gli altri Enti coinvolti (51,6%) nei processi di lavoro. Le riprese dell evento sono disponibili in video on demand su 19

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli