La verifica della resa di calore di una stufa a legna. German p.i. Puntscher

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La verifica della resa di calore di una stufa a legna. German p.i. Puntscher"

Transcript

1 La verifica della resa di calore di una stufa a legna German p.i. Puntscher

2 Collaudi Nei collaudi si dividono le 3 diverse categorie: stufa o caminetto inteso come apparecchio singolo stufa o caminetto inteso come impianto termico del D.L. 311 impianto di centrale termica ai sensi del D.L. 152 Per tutti gli impianti è comunque sempre indispensabile CONSEGNARE IMPIANTI SICURI dalla presa d aria fino allo scarico dei fumi in atmosfera usando sempre le norme specifiche del settore di appartenenza, perché l art del Codice Civile e l art. 40 del Codice Penale valgono per tutti! 2

3 Collaudi Per consegnare un impianto sicuro si eseguiranno le seguenti verifiche: verifica della canna fumaria verifica del locale d installazione verifica della sufficiente ventilazione e apporto di aria comburente verifica delle distanze di sicurezza da materiali combustibili misura del tiraggio e della temperatura fumi analisi di combustione (impianti termici ai sensi D.L. 311) analisi di combustione e polveri (per impianti termici del D.L. 152) CO ambiente per evitare ogni pericolo d intossicazione controllare il funzionamento e la taratura degli accessori 3

4 La verifica delle canne fumarie La verifica delle canne fumarie è forse la più complessa delle verifiche che l installatore deve eseguire. Le caratteristiche tecniche che deve avere una canna fumaria sono regolate dalla norma UNI EN 1443/2005: camino sistema: tutti i componenti sono forniti da un unico produttore camino composito: i componenti provengono da diversi fornitori, comunque devono essere tutti certificati (anche il cavedio) per il proprio impiego. 4

5 La verifica delle canne fumarie Inoltre si distinguono gli interventi della UNI (per analogia): Camino intubato: è una forma del camino composito ma con il cavedio esistente e non marchiato CE. Il tubo interno deve essere certificato o marchiato CE, mentre il cavedio deve essere conforme UNI ma di uso esclusivo della canna fumaria Camino risanato: è una canna fumaria certificata che ha subito una riparazione mediante la sigillazione interna con materiali dichiarati idonei da parte del produttore. 5

6 La verifica delle canne fumarie Prima dell installazione dell apparecchio Prima di installare un apparecchio di combustione si deve controllare che l impianto fumario sia adatto per l apparecchio: Dimensione (fare dimensionamento come visto prima) Temperatura fumi (verificare i certificati e misurare la effettiva temperatura fumi) Tipo del combustibile Visione interna (videoispezione) Tenuta (fare prova di tenuta) Distanze di sicurezza da materiali combustibili (indicazione del costruttore e dichiarazione di conferma della ditta che ha eseguito la posa della canna fumaria), Comignolo e parte terminale camino (distanze) Accessori necessari per il coretto uso, per ridurre le emissioni e gli accessori richiesti dalla norma 6

7 Verifica della apertura di ventilazione UNI cm 2 oppure 200 cm 2 Calcolo dell apertura: Secondo le istruzioni del produttore oppure Per apparecchi con focolare chiuso minimo 80 cm 2 Per apparecchi con focolare aperto minimo 200 cm 2 Verifica strumentale: Per gli impianti particolari impianti di aspirazione ecc. si consiglia di eseguire le verifiche con metodo 4PA Micromanometro: Collegare i capillari al micromanometro Il capillare può essere posto verso l esterno oppure nel caso di vento anche nel giroscale Attivare il programma di misura 4 PA 7

8 Verifica della apertura di ventilazione 1,8 Pa La misura 4PA: La misura dura 5 min. Fare cicli di misura di 30 secondi, con finestra chiusa, poi finestra aperta, poi di nuovo chiusa ecc. La stampa della misura: Al termine si deve stampare la prova su stampante grafica Verificare il grafico della misura e la differenza tra i valori con finestra aperta e chiusa non deve superare 4Pa Verifica positiva: La verifica è positiva se il valore (punte escluse) non supera i 4 Pa e se durante la prova non si hanno rigurgiti sugli apparecchi (analisi CO ambiente) Eseguire contemporaneamente la verifica del rigurgito fumi 8

9 La videoispezione con telecamere digitali Prima di andare sul tetto si deve controllare: il buon funzionamento dell attrezzatura La memoria disponibile sulla CF-Card Rotazione testata Inserire la telecamera nella canna fumaria e regolare: Intensità Luminosità Luci (spot, supplementari) Azzerare i metri digitali sul display premendo il pulsante Zero 9

10 La videoispezione con telecamere digitali Fotografare i particolari: 1. Fermo immagine 2. Registrazione foto Al termine filmare tutto: 1. Registrazione filmato 2. Fine filmato su OK Controllare le foto e i filmati prima di lasciare l impianto 1. Premere Inde per vedere 2. con OK per grande immagine 3. Vedere tutte le foto e filmati 10

11 In ufficio si farà la relazione della videoispezione Tratto verticale perfettamente verticale e senza segni di deterioramento Alla profondità 0,7 m dal comignolo c è un ostruzione completa dovuta ad un nido Alla profondità 3,7 m si nota una giunzione tra due blocchetti senza sigillante Estrarre la CF-Card e inserirla nel lettore USB per il PC fornito insieme Sul PC registrare: foto in formato JPEG filmati in Quicktime Relazione della videoispezione: preparare una tabella in Word inserire a sinistra le foto inserire a destra i commenti 11

12 Esempio di una prova di tenuta Inserire il soffietto terminale con l aspo Gonfiarlo per tappare l uscita della canna fumaria Inserire la sonda nella canna fumaria L analizzatore esegue l analisi in automatico e quando ha finito si ferma da solo Si inseriscono i dati di altezza e diametro della canna fumaria e si stampa il rapporto pressione 12

13 L importanza della tenuta della canna fumaria Uscita fumi 66 m3/h a 85 C Tiraggio statico 26,0 Pa Camino tipo N1 (p. es. senza guarnizioni) Funzionamento: Pressione di collaudo: Perdita ammessa: Installazione tipo: depressione +40 Pa 2 lt./s m2 (=7,2 m3/h) esterno/interno aspirazione aria tot. 33 m3/h temperatura aria 20 C Tiraggio statico a 150 C = 43,0 Pa Uscita fumi 33,2 m3/h a 145 C Tiraggio statico 41,0 Pa Camino tipo P1 (con guarnizioni o giunzioni speciali) Funzionamento: Pressione di collaudo: Perdita ammessa: Installazione tipo: aspirazione aria tot. 0,2 m3/h temperatura aria 20 C pressione/depressione +200 Pa 0,006 lt./s m2 (=0,02 m3/h) esterno/interno mandata fumi 33 m3/h temperatura fumi 150 C La canna fumaria tipo P1 tira molto di più solo perché è più a tenuta! 13

14 La verifica della canna fumaria Al collaudo dell apparecchio Dopo l installazione dell apparecchio di combustione si deve controllare che l impianto fumario è sia funzionante per l impiego previsto: Tiraggio e rigurgito per tipo B Assenza di fuoriuscita fumi, cioè tenuta dello scarico fumi in pressione Tutti gli accessori necessari e richiesti dalla norma, che siano installati correttamente e funzionanti taratura 14

15 La verifica della canna fumaria Su apparecchi tipo B si esegue ora la misura del tiraggio e la verifica del rigurgito con appositi strumenti, micromanometri o analizzatori secondo UNI 10845: Strumento deve avere una risoluzione min. 0,1 Pa ed una precisione min. 0,5 Pa Si deve controllare la stabilità del tiraggio (3 prove) Si deve registrare la temperatura esterna Convertire la misura di tiraggio al tiraggio alle condizioni più gravose (+20 C esterni) con la formula indicata nella norma UNI all art. B Confrontare il risultato con il fabbisogno di tiraggio Verificare il rigurgito su tutte le aperture con il CO Controllare il montaggio del canale da fumo 15

16 La verifica della canna fumaria Su apparecchi a flusso forzato (p.es. tipo C) si esegue la verifica di tenuta dello scarico fumi secondo UNI 10845: Lo scarico fumi (a vista) deve avere la tenuta per il tipo P1 alla pressione di 200 Pa Inoltre per la verifica finale di corretto collegamento: Scarico coassiale verifica con sonda speciale multiforo e l analizzatore di combustione e caduta O 2 <0,5% Scarico sdoppiato verifica di CO nelle immediate vicinanze dello scarico e nessun sostanziale aumento valore CO 16

17 Collaudi dell apparecchio Come si può stabilire la resa di una stufa o un caminetto? Quasi settimanalmente i giudici incaricano dei periti per stabilire la resa di calore degli apparecchi domestici a biomassa, perché gli utilizzatori si lamentano che la stufa non riesce a scaldare la stanza. Questo succede purtroppo, perché molti fumisti ancora non eseguono le necessarie verifiche prima di consegnare un impianto, cioè le dovute verifiche con analisi di combustione, come per es. negli impianti termici è ormai richiesto da anni. Se il fumista facesse questa semplice prova si accorgerebbe da subito del difetto e potrebbe rimediare prima della consegna dell impianto, per esempio intervenendo sul tiraggio 17

18 WIT Wöhler Institute of Technology Convegno progetto Fuoco 2008 Collaudi dell apparecchio L analisi energetica di una stufa o caminetto: L analisi energetica su una stufa o sul caminetto si esegue attraverso l analisi di combustione conforme D.P.R 412 e consigliamo il metodo della pren kg di legna (ca. un pezzo di legna da ardere) con l umidità relativa di 20% (contenuto d acqua 16,7%) ha ca. 4,0 KWh di energia verificare dal calcolo pren per le stufe ad accumulo o dalle istruzioni del produttore per i modelli industriali, la carica riferita ad ogni ora e per ogni singola carica Misurare l umidità della legna o dei bricchette di legno che verranno utilizzati per la prova Pesare il combustibile della carica Inserire l analizzatore di combustione nel foro predisposto, posizionandolo nella vena dei fumi principale alla massima temperatura Fare la carica ed accendere il fuoco registrando l ora Dopo minuti controllare che la temperatura fumi sia regolare ed iniziare la registrazione dell analisi per 15 minuti dell analisi18 Verificare i valori medi dell analisi di combustione

19 Collaudi dell apparecchio Il potere calorifico della legna varia in funzione dell umidità (contenuto dell acqua) e per cui prima di ogni analisi di combustione si deve sempre misurare l umidità della legna. 19

20 Collaudi dell apparecchio Il calcolo della resa energetica: Calcolo del calore prodotto dalla fiamma Q fiamma = massa legna potere calorifico Q fiamma = consumo pellet potere calorifico Rendimento della combustione ETA = 100 [(Tf - Ta) (A2 / 21 - O2) B)] Umidità relativa misurata 0% 11% 25% 43% 67% 100% Contenuto d'acqua 0% 10% 20% 30% 40% 50% Fattore A2 0,6572 0,6682 0,6824 0,7017 0,729 0,7709 Fattore B 0,0083 0,0107 0,0125 0,0149 0,0183 0,0235 Potere calorifico ca. 5,2 KWh 4,6 KWh 3,9 KWh 3,3 KWh 2,6 KWh 1,9 KWh Calore reso all ambiente Q Ambiente = Q fiamma ETA / ore di riscaldamento 20

21 Collaudi dell apparecchio Esempio: Calcolo della resa di una stufa in maiolica con 2 cariche di legna da 10 kg/cad. = 20 kg e irraggiamento di calore per 24 ore e legna con umidità relativa 11%. Q fiamma = 20 kg 4,6 kwh/kg = 92 KWh Analisi di combustione secondo pren 15378, media di 15minuti: Umidità legna = 10%, Tf = 273 C, Ta = 25 C, O 2 =5,3% ETA = [(273-25) (0,6572 / 21,0 5,3%) + 0,0083)] = 87,46% Q Ambiente = 92 KWh 87,46% / 24 h = 3,35 kw (Consumo combustibile 150 giorni = kg) Questa stufa potrà riscaldare un ambiente con un fabbisogno di massimo W. Per una Casaclima tipo B con fabbisogno di 40 W/m 2 significherebbe che si può riscaldare un appartamento di circa 83 m 2. 21

22 Collaudi dell apparecchio Confronto stufe, una ad alto rendimento con una minimo Lombardia: Fabbisogno energetico della casa costruita con criteri Casaclima B = 40 W/m 2 Fabbisogno totale per una casa di 80 m 2 = 3,2 KW (3.200 Watt) Stufa con alto rendimento 87,46% (come dell esempio di prima) confrontata con una stufa che sarebbe ancora secondo Regione Lombardia: rendimento = 63% Portata termica focolare stufa 87% = 3,7 KW = 2 carica 44,4 KWh = 9,65 kg Portata termica focolare stufa 63% = 5,1 KW = 2 carica 61,2 KWh = 13,3 kg Consumo di legna umidità 11% stufa 87% = 19,3 kg /giorno = kg/anno Consumo di legna umidità 11% stufa 63% = 26,6 kg / giorno = kg/anno Costo annuo legna (0,121 /kg*) stufa 87% = 350,4 /, stufa 63% = 482,9 (+37%) Consumo di legna 30% stufa 87% = 23,6 kg /giorno, stufa 63% = 33,1 kg / giorno (solo per aver usato legna di scarsa qualità serve una stufa maggiorata del 22% e il consumo di combustibile e i costi aumentano di 78 Euro/anno per la stufa 87% e di 118 Euro per la stufa 63%, oltre al fatto di avere immissioni inquinanti maggiori Consigliamo di scegliere con cura la stufa e la legna da ardere! * Tratto dalla tabella della lega consumatori di Bolzano - Situazione: ottobre

23 Collaudi dell apparecchio Le verifiche del collaudo alla consegna dell apparecchio: 1. Tiraggio della canna fumaria 2. Distanze di sicurezza della stufa 3. Temperatura fumi per assicurarsi di non superare la temperatura massima consentita dallo scarico fumi o canale da fumi e dai materiali della canna fumaria 4. Tutte le verifiche della canna fumaria prima descritte 23

24 La manutenzione periodica La stufa o il caminetto sono soggetti alla manutenzione periodica obbligatoria come la caldaia domestica a gas? La stufa o il caminetto rientrano nelle norme degli impianti termici? Indipendentemente dal fatto se la stufa o il caminetto sono considerati impianto termico, si devono rispettare gli articoli 2050 del Codice Civile e art. 40 del Codice Penale. Per rispettare questi articoli si dovrà eseguire tutte le operazioni per evitare ogni pericolo e si dovrà: rispettare tutte le prescrizioni delle norme tecniche e della legislazione vigente (p.es. norma UNI 8364 all art. 1 chiede una manutenzione annua per tutti gli impianti a legna oltre 4 KW) Rispettare tutte le prescrizioni e i tempi indicati dai produttori dei materiali impiegati (apparecchio, sistema fumario ecc.). Attenzione: sulle canne fumarie alcuni costruttori chiedono una manutenzione ogni 3 mesi o altri addirittura ogni mese. Si deve vedere sempre i libretti d istruzione ed informare il cliente! 24

25 Stufa e caminetto impianto termico? La direttiva 89/106/CEE, recepita con D.P.R. 246 comunemente indicata semplicemente CPD, si applica ai materiali da costruzione intesi come: Capitolo 1, art. 1, comma 2: qualsiasi prodotto fabbricato al fine di essere permanentemente incorporato in opere di costruzione, le quali comprendono gli edifici e le opere d ingegneria civile. A seguito a questa direttiva le canne fumarie e le stufe, i caminetti e le cucine vengono sottoposti a certificazione CE con le proprie norme di riferimento. 25

26 Stufa e caminetto impianto termico? Il D.L. 311 richiama nell allegato 1 art. 14 le stufe e i caminetti nel seguente modo: 26

27 La manutenzione periodica La manutenzione periodica è prevista dal D.L. 311 e dalla norma UNI 8364 su impianti termici a biomassa con apparecchi di potenzialità al focolare superiore a 4 KW minimo una volta all anno. Inoltre si deve osservare le prescrizioni dei produttori, per es. dell apparecchio o della canna fumaria e nelle istruzioni di alcuni prodotti è prevista una manutenzione spesso anche mensile. L installatore (fumista) che non indica al suo cliente l obbligo della manutenzione se ne fa carico ai sensi del codice civile art o codice penale art

28 La manutenzione periodica Per la messa in funzione e la manutenzione di apparecchi domesticiimpianto termico consigliamo usare i seguenti moduli: modulo della norma UNI per la verifica finale impianto modulo G del D.L. 311 per la messa in funzione e manutenzione periodica modulo della norma UNI per la verifica della canna fumaria 28

29 Dal controllo della documentazione si può controllare lo stato iniziale e le operazioni necessarie Verifica secondo norma UNI Vietato lo scarico a parete Verifica visiva coibentazioni e verifica tiraggio 29

30 Gli strumenti per i controlli dell allegato G Verifica visiva Rigurgito ( ) Solo se collegato al circuito acqua coassiale sdoppiato oppure 30

31 Gli strumenti per i controlli dell allegato G 1 Pa Con analizzatore di combustione automatico l analisi si esegue con le modalità della pren

32 Analisi combustione su combustibili solidi Esecuzione analisi secondo D.P.R 412 e consigliamo pren Misura dell umidità: Inserire il misuratore umidità nella legna e leggere il valore di umidità La pren identifica i fattori di calcolo in funzione dell umidità della legna Analisi di combustione: Pulire la griglia ed accendere il fuoco Inserire la quantità (ma.) di legna indicata dal produttore attendere ca. 20 fino ad avere stabilità di valori Analisi di combustione: Registrale l analisi di combustione per 15 min. Fare la media dei 15 min. e calcolare il rendimento come da pren

33 Attenzione agli apparecchi a scambio diretto Particolare attenzione dovrà essere posta nella verifica dei generatori a scambio diretto a camera aperta o chiusa e si deve verificare l assenza di prodotti della combustione nelle bocchette della mandata d aria, causata da infiltrazioni dovute alla mancata tenuta degli apparecchi. Vedere le indicazioni del produttore per la tenuta delle giunzioni dell apparecchio e della camera di combustione. Per il controllo si dovrà eseguire un accurata analisi dell aria di mandata, per es. con analizzatore CO ambiente oppure analizzatore CO2 ambientale. Aria da scambio diretto Aumento CO = 0 ppm 33

34 Analisi polveri (solo caldaie del D.L. 152) Esecuzione analisi polveri per misura in campo La preparazione: Prendere il filtro di misura, asciugarlo in un fornello a 140 per 15 e poi pesarlo sulla bilancia con risoluzione 0,01 g Inserire il filtro di misura nella sede della sonda Inserire la sonda fumi dell analizzatore polveri nel 2. foro di analisi (Ø20 mm) Il campionamento polveri: Accendere l analizzatore e procedere con la misura automatica Al termine inserire l ossigeno O 2 per il calcolo D.L. 152 estrarre il filtro di misura, nuovamente asciugarlo nel forno e pesarlo La differenza di peso moltiplicato con il fattore 7 è la concentrazione polveri in mg/m 3 Il risultato rapido: Con l sistema DPS è possibile determinare il valore di soglia per misura indiretta Si collega il manometro DPS all analizzatore polveri e dopo i 15 di prova si stampa il risultato della resistenza del filtro 34

35 Grazie dell attenzione German p.i. Puntscher Convegno Progetto Fuoco

Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS 11278. German p.i. Puntscher

Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS 11278. German p.i. Puntscher Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS 11278 German p.i. Puntscher L importanza della canna fumaria La canna fumaria viene sempre citata nei regolamenti edilizi

Dettagli

CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE. Convegno ANIC a Fiera di Primiero

CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE. Convegno ANIC a Fiera di Primiero CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE Convegno ANIC a Fiera di Primiero Lotta all inquinamento atmosferico L Italia deve ridurre le emissioni del gas ad effetto serra CO 2 e vincere anche la lotta

Dettagli

Le verifiche per valutare una canna fumaria in

Le verifiche per valutare una canna fumaria in Le verifiche per valutare una canna fumaria in appoggio alla, UNI TS 11278, UNI EN 1443. German Puntscher 1 Le problematiche dei camini I camini/canne fumarie sono dei componenti degli impianti termici

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa ETA Info... il mio sistema di riscaldamento LE CANNE FUMARIE Normative di riferimento per una corretta realizzazione e manutenzione dei sistemi fumari al servizio di caldaie a Biomassa La passione per

Dettagli

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC Canne fumarie per impianti domestici fino 35 kw La canna fumaria sicura

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico

UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico German Puntscher Wöhler Italia srl, 39100 Bolzano gpu@woehler.it Bolzano, il 18.1.2013 Ogni volta che vedrete questa bandiera parliamo

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

Esempio con un altro settore

Esempio con un altro settore Gli impianti fumari in Italia Gli impianti fumari in Italia Le verifiche di legge a carico dell installatore e del manutentore Le verifiche sulle canne fumarie di stufe a legna e pellets Esempio con un

Dettagli

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC UNI 10389-1 le novità sulle analisi di combustione di caldaie a gas Cosa

Dettagli

Le verifiche e la manutenzione degli impianti a biomassa

Le verifiche e la manutenzione degli impianti a biomassa Le verifiche e la manutenzione degli impianti a biomassa WIT Wöhler Istituto tecnico German Puntscher e Marco Scisci 1 Le sfide del settore biomassa Il mercato della biomassa in Italia ha bisogno di una

Dettagli

Le verifiche e la manutenzione

Le verifiche e la manutenzione Le verifiche e la manutenzione su impianti fumari e di ventilazione WIT Wöhler Institute of Technology www.woehler.it Le verifiche e la manutenzione 1 La sede italiana di Wöhler Kutzner & Weber Ass. Europea

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845 ; Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di Verifica; Risanamento/Ristrutturazione; Intubamento. Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n.

Dettagli

Corso CNA-Wöhler sulle analisi di combustione con la nuova UNI 10389-1 e le verifiche di sicurezza previste dall allegato G

Corso CNA-Wöhler sulle analisi di combustione con la nuova UNI 10389-1 e le verifiche di sicurezza previste dall allegato G Corso CNA-Wöhler sulle analisi di combustione con la nuova UNI 10389-1 e le verifiche di sicurezza previste dall allegato G German Puntscher div. WIT Wöhler Institute of Technology Cosa rappresenta il

Dettagli

4. TERMINI, DEFINIZIONI

4. TERMINI, DEFINIZIONI PREMESSA Normalmente si defi nisce camino una componente della casa. Il sistema fumario è l insieme di tutti i sistemi per l espulsione dei fumi dall apparecchio di combustione al comignolo. Il camino

Dettagli

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco Menu del giorno Il sistema camino UNI 10641:2013 UNI EN 13384-1:2008 1:2008 UNI EN 13384-2:2009 Uso software Progetto Camino Normative di riferimento

Dettagli

Aria primaria regolabile Aria secondaria regolabile Aria terziaria pretarata - Canna fumaria - altezza (m) 4. Canna fumaria - diametro (mm)

Aria primaria regolabile Aria secondaria regolabile Aria terziaria pretarata - Canna fumaria - altezza (m) 4. Canna fumaria - diametro (mm) Stufe a Legna CARATTERISTICHE TECNICHE DORELLA_L8_PT DATI Aria primaria regolabile Aria secondaria regolabile Aria terziaria pretarata - Canna fumaria - altezza (m) 4 Canna fumaria - diametro (mm) 200x200

Dettagli

Linee Guida Camino. Marabelli Walter. Puntscher German. Resch Christian. Sezione degli Spazzacamini

Linee Guida Camino. Marabelli Walter. Puntscher German. Resch Christian. Sezione degli Spazzacamini 2011 Linee Guida Camino Marabelli Walter Puntscher German Resch Christian Sezione degli Spazzacamini Autori : Marabelli geom. Walter Membro del gruppo di lavoro GLM 611 Camini del CTI (Comitato Termotecnico

Dettagli

Estratto della Norma UNI 10845

Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della NORMA UNI 10845 - Febbraio 2000 Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento

Dettagli

LINEA GUIDA. Consigli per il riscaldamento con la legna Fuoco e fiamme senza fumo. Versione 2008/2009

LINEA GUIDA. Consigli per il riscaldamento con la legna Fuoco e fiamme senza fumo. Versione 2008/2009 LINEA GUIDA Consigli per il riscaldamento con la legna Fuoco e fiamme senza fumo Versione 2008/2009 Elaborazione congiunta delle sezioni di mestiere dei fumisti spazzacamini In collaborazione con l Agenzia

Dettagli

Dlgs 128/10. Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128

Dlgs 128/10. Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 Modifi che ed integrazioni al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale, a norma dell articolo 12 della legge 18 giugno 2009,

Dettagli

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Incontro

Dettagli

Estratto della. Norma UNI TS 11278

Estratto della. Norma UNI TS 11278 Estratto della Norma UNI TS 11278 Estratto della NORMA UNI TS 11278 Maggio 2008 Camini/canali da fumo/condotti/canne fumarie metallici. Scelta e corretto utilizzo in funzione del tipo di applicazione e

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO 4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Dichiarazione di conformità n Committente Punto di riconsegna (PDR) (1) Impresa / Ditta Responsabile Tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Seminario

Dettagli

LINEA GUIDA. Consigli per il Camino multistrato versione 2007. Elaborazione congiunta delle categorie artigiani

LINEA GUIDA. Consigli per il Camino multistrato versione 2007. Elaborazione congiunta delle categorie artigiani LINEA GUIDA Consigli per il Camino multistrato versione 2007 Elaborazione congiunta delle categorie artigiani lattonieri edili ed artistici conciatetti fumisti installatori di impianti termosanitari spazzacamini

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO (Allegato alla dichiarazione di conformità o all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui al modello I allegato alla Delibera AEEG n 40/04)

Dettagli

Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing.

Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing. CANNE FUMARIE Collana prodotta dalla Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l Energia Testi: a cura di ing. Daniele Biasioni Edizione: settembre 2014 Progetto grafico:

Dettagli

CALORE. Sistemi produzione. In tutti i Paesi sviluppati, la lotta contro gli incendi

CALORE. Sistemi produzione. In tutti i Paesi sviluppati, la lotta contro gli incendi Sistemi produzione CALORE di Marco Albanese, responsabile Ufficio Salute, Sicurezza e Ambiente - Rimessaggio del Tirreno Srl La prevenzione degli incendi garantisce la sicurezza degli edifici In tutti

Dettagli

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 29 - Marcatura Prodotti per sistema camino - Canne Fumarie metalliche La norma definisce i requisiti di prestazione per i condotti rigidi e flessibili, canali da fumo e raccordi

Dettagli

SMART 150 500 kw. Orange is the new green. Purezza naturale Risparmio al cliente Comfort per l utente

SMART 150 500 kw. Orange is the new green. Purezza naturale Risparmio al cliente Comfort per l utente Orange is the new green Purezza naturale Risparmio al cliente Comfort per l utente CALDAIE AUTOMATICHE A BIOMASSA SMART 0 00 kw Caldaie completamente automatiche con eccellenti prestazioni Soluzioni tecniche

Dettagli

ECOMONOBLOCCO PALAZZETTI

ECOMONOBLOCCO PALAZZETTI ECOMONOBLOCCO PALAZZETTI V K F A E A I FOCOLARI PER IL RISCALDAMENTO AD ARIA CON FUNZIONAMENTO A LEGNA UN FOCOLARE SICURO, RESISTENTE ED ECOLOGICO, CHE SVILUPPA UNA NOTEVOLE POTENZA TERMICA E PUÒ RISCALDARE

Dettagli

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO Gentile Cliente la ringraziamo per aver scelto un nostro prodotto e la invitiamo a leggere attentamente quando di seguito riportato -Affidare l installazione

Dettagli

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A.

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. Norma 7129:2008 Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. UNI 7129-2 ed. 2008 Seconda parte: Installazione apparecchi

Dettagli

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova Caldaie a legna ad alta efficienza Solo Innova Caldaie a legna L ampia proposta di prodotto Baxi, accoglie un articolata scelta di caldaie a legna per il comfort ed il riscaldamento domestico. Baxi infatti

Dettagli

I camini e le loro verifiche (UNI 7129, UNI 10683, D.L. 152/06) German per.ind. Puntscher Gianni geom. Cardamone

I camini e le loro verifiche (UNI 7129, UNI 10683, D.L. 152/06) German per.ind. Puntscher Gianni geom. Cardamone I camini e le loro verifiche (UNI 7129, UNI 10683, D.L. 152/06) German per.ind. Puntscher Gianni geom. Cardamone La nostra visione...è una buona e intensa collaborazione tra progettisti e le categorie

Dettagli

Multi Heat - Solo Innova

Multi Heat - Solo Innova Multi Heat - Solo Innova Caldaie per biocombustibili ad alta efficienza Indice Caldaie a biocombustibile 3 Multi Heat 4 Solo Innova 6 Dati tecnici 8 Consumi-Aspetti Economici 10 2 Multi Heat - Solo Innova

Dettagli

Il Presidente di Assocosma Dante Bozzetto

Il Presidente di Assocosma Dante Bozzetto PERCHE RISCALDARE CON LA LEGNA USARE SOLO LEGNA COME COMBUSTIBILE IL CORRETTO STOCCAGGIO DELLA LEGNA VARIETA DEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO I GENERATORI DOMESTICI PRODOTTI O INSTALLATI DAI FUMISTI SCEGLIERE

Dettagli

Relazione di calcolo

Relazione di calcolo Relazione di calcolo Software EC750 - Aperture e scarichi EDIFICIO INDIRIZZO INTERVENTO Villetta singola via Roma, 25-28021 Borgomanero (NO) Sostituzione generatore COMMITTENTE Alberto Rossi INDIRIZZO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA RELATIVA A RITUBAMENTO DI CANNA FUMARIA PER SCARICO FUMI DI GENERATORE DI CALORE

RELAZIONE TECNICA RELATIVA A RITUBAMENTO DI CANNA FUMARIA PER SCARICO FUMI DI GENERATORE DI CALORE STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: PMerizzi@gmail.com RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Canne fumarie e apparecchi a combustibile solido; regole per un utilizzo sicuro. Il punto di vista dei produttori.

Canne fumarie e apparecchi a combustibile solido; regole per un utilizzo sicuro. Il punto di vista dei produttori. Canne fumarie e apparecchi a combustibile solido; regole per un utilizzo sicuro. Il punto di vista dei produttori. I settori I produttori di camini e canne fumarie 2 I settori UNICALOR I produttori di

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 "AL TETTO"

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 AL TETTO TESTO COORDINATO D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 - "Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia...

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia... LIBRETTO IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) 2 Libretto impianto

Dettagli

IMPIANTI VADEMECUM SULLA CORRETTA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

IMPIANTI VADEMECUM SULLA CORRETTA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI IMPIANTI VADEMECUM SULLA CORRETTA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI Via S. Giovanni in Laterano, 152-00184 Roma www.confartigianato.it/fedimpianti - impianti@mail.confartigianato.it - raffaele.cerminara@confartigianato.it

Dettagli

Accendi. Misura. Stampa. testo 310. Analizzatore di combustione base.

Accendi. Misura. Stampa. testo 310. Analizzatore di combustione base. Accendi. Misura. Stampa. testo 310. Analizzatore di combustione base. testo 310 Massima semplicità di utilizzo. Ottimo rapporto qualità-prezzo. L'analizzatore di combustione testo 310 combina semplici

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 1 Paros HM Guida al capitolato Paros HM C.S.I. caldaia

Dettagli

Caldaia a legna a gassificazione con combustione a fiamma rovesciata ECOBiovent Serie C

Caldaia a legna a gassificazione con combustione a fiamma rovesciata ECOBiovent Serie C Tecnologia Abitativa Avanzata ECOTRIBE Tecnologia Abitativa Avanzata di Giancarlo Avataneo - Str. Miravalle 24/4-10024 Moncalieri (TO) P. IVA 09183030015 - Codice fiscale VTNGCR52R08L219B - Cell. 0039

Dettagli

S3 Turbo Caldaia a legna. S3 Turbo ORA ANCHE CON SONDA LAMBDA A BANDA LARGA E SERVOMOTORI. www.froeling.com

S3 Turbo Caldaia a legna. S3 Turbo ORA ANCHE CON SONDA LAMBDA A BANDA LARGA E SERVOMOTORI. www.froeling.com S3 Turbo Caldaia a legna S3 Turbo ORA ANCHE CON SONDA LAMBDA A BANDA LARGA E SERVOMOTORI www.froeling.com Un marchio di eccellenza Froling si occupa da oltre cinquant anni dell utilizzo efficiente del

Dettagli

- P. IVA 09183030015 - C. F. VTNGCR52R08L219B

- P. IVA 09183030015 - C. F. VTNGCR52R08L219B * Dati : Tecnologia Abitativa Avanzata ECOTRIBE Tecnologia Abitativa Avanzata di Giancarlo Avataneo - Str. Miravalle / 00 Moncalieri (Torino) ITALIA - Tel. 09 (0) - Cell. 009 8 9 9 E-mail: ecotribe00@yahoo.it

Dettagli

Supplemento per sistemi di scarico fumi

Supplemento per sistemi di scarico fumi Supplemento per sistemi di scarico fumi Caldaie murali a gas a condensazione 6 720 615 740-00.1O Logamax plus GB042-14 Logamax plus GB042-22 Logamax plus GB042-22K Per i tecnici specializzati Leggere attentamente

Dettagli

remiata con l e ichetta ecologic www.froeling.com

remiata con l e ichetta ecologic www.froeling.com Premiata con l etichetta ecologica! www.froeling.com Riscaldare con la legna Un marchio di eccellenza Sin dall inizio della sua attività Froling si è specializzata nell utilizzo efficiente del legno come

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO A BIOMASSA

LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO A BIOMASSA Ing Gianluca Farina Sistemi di produzione e distribuzione del calore LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO A BIOMASSA Le principali tipologie di caldaie per la combustione di biomasse per il riscaldamento

Dettagli

corbellini Venerdì 28 Febbraio Palestra Corbellini

corbellini Venerdì 28 Febbraio Palestra Corbellini corbellini Venerdì 28 Febbraio Palestra Corbellini Cos è il pellet? Il legno in pellet è un combustibile ricavato dalla segatura essiccata E solo compressa in forma di piccoli cilindri con un diametro

Dettagli

caldaia a pellet biodom 27

caldaia a pellet biodom 27 riscaldamento a biomassa caldaia a pellet biodom 27 Il riscaldamento ecologico che offre risparmio e comfort 27 LA CALDAIA BIODOM 27 RAPPRESENTA UN MODO EFFICACE, ECONOMICO ED ECOLOGICO DI RISCALDAMENTO

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA Rev : 10-04-12 SISTEMA LE-GA10/10 LE-GA12/10 LE-GA15/10 MONOPARETE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA MANUALE DII MONTAGGIIO E MANUTENZIIONE Indice Introduzione..Pag. II Riferimenti normativi Pag II Caratteristiche

Dettagli

UNI 11071/03. Impianti a gas per uso domestico asserviti ad apparecchi a condensazione e affini.

UNI 11071/03. Impianti a gas per uso domestico asserviti ad apparecchi a condensazione e affini. Impianti a gas per uso domestico asserviti ad apparecchi a condensazione e affini. Criteri per la progettazione, l installazione, la messa in servizio e la manutenzione. Redatto da Per. Ind. Marco Martinetto

Dettagli

Modulo A) Dati identificativi di carattere generale. Generalità dell'impresa/operatore che ha eseguito l'intervento

Modulo A) Dati identificativi di carattere generale. Generalità dell'impresa/operatore che ha eseguito l'intervento Pagina 1 UNI 10845 - Verifica dei sistemi per l'evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento, ristrutturazione e intubamento Modulo A) Dati

Dettagli

S4 Turbo Caldaia a legna. S4 Turbo. www.froeling.com

S4 Turbo Caldaia a legna. S4 Turbo. www.froeling.com Caldaia a legna S4 Turbo Premiata con il marchio di qualità ecologica! www.froeling.com Riscaldare con la legna Froling si occupa da oltre cinquant anni dell utilizzo efficiente del legno come fonte di

Dettagli

Riunione agenti 2015

Riunione agenti 2015 Riunione agenti 2015 2. Dielle Carinci Progetto stufe a pellet 2. Filosofia Dielle Dielle è ricerca, innovazione, rispetto della natura, miglioramento continuo, per una totale soddisfazione del cliente.

Dettagli

Principali norme che interessano il settore degli scarichi dei prodotti della combustione a cura Ufficio Tecnico canne fumarie ESSEBLOCK S.C.M. S.r.l.

Principali norme che interessano il settore degli scarichi dei prodotti della combustione a cura Ufficio Tecnico canne fumarie ESSEBLOCK S.C.M. S.r.l. Principali norme che interessano il settore degli scarichi dei prodotti della combustione a cura Ufficio Tecnico canne fumarie ESSEBLOCK S.C.M. S.r.l. Il seguente riepilogo, non comprende tutte le norme

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

Garbin Danny LINEE GUIDA CAMINO. Raggi Laura. Resch Christian. Sezione degli Spazzacamini

Garbin Danny LINEE GUIDA CAMINO. Raggi Laura. Resch Christian. Sezione degli Spazzacamini 2013 Garbin Danny Raggi Laura Resch Christian Sezione degli Spazzacamini LINEE GUIDA CAMINO Autori: Garbin Geom. Danny Esperto formatore nell ambito delle canne fumarie Raggi Ing. Laura Esperto normativo

Dettagli

Un marchio di eccellenza

Un marchio di eccellenza www.froeling.com Un marchio di eccellenza Froling si occupa da quasi cinquant anni dell utilizzo efficiente del legno come fonte di energia. Oggi il marchio Froling è sinonimo di moderna tecnica per il

Dettagli

Specifiche tecniche. PELLEMATIC Smart 4 14 kw ITALIANO. www.oekofen.com

Specifiche tecniche. PELLEMATIC Smart 4 14 kw ITALIANO. www.oekofen.com Specifiche tecniche PELLEMATIC Smart 4 14 kw ITALIANO www.oekofen.com Specifiche tecniche PELLEMATIC Smart 4 8kW Denominazione PELLEMATIC Smart Potenza nominale kw 3,9 6,0 7,8 Carico parziale kw Impianto

Dettagli

Guida alla sostituzione

Guida alla sostituzione I II A B C B E F G B C B E F G A A A A ENERG A YZ db A L YI JA IE IA YZ kw 811 XYZ/2013 Guida alla sostituzione Direttiva ERP Quali sono i coinvolgimenti pratici pag. 2 Quadro Legislativo Italiano ErP:

Dettagli

CAMINETTI STUFE E CANNE FUMARIE DALLA PARTE DEL PRODUTTORE

CAMINETTI STUFE E CANNE FUMARIE DALLA PARTE DEL PRODUTTORE CAMINETTI STUFE E CANNE FUMARIE DALLA PARTE DEL PRODUTTORE IL GRUPPO PRODUTTORI ASSOCIATO AD ANFUS RAPPRESENTA 43 AZIENDE CHE A LORO VOLTA RAPPRESENTANO IL 25% DEL MERCATO SIAMO TUTTI PRODUTTORI NATI DA

Dettagli

UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA

UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA Attività in materia di impianti termici Verifiche impianti di riscaldamento ad acqua calda DM 1/12/1975 Verifiche impianti su segnalazioni

Dettagli

PRODOTTI A PELLET LINEA ACQUA TERMOSTUFE

PRODOTTI A PELLET LINEA ACQUA TERMOSTUFE indice CALUX SERVICE 3 PRODOTTI A PELLET LINEA ACQUA TERMOSTUFE ERGOFLAM IDRO STEEL 15 kw ERGOFLAM IDRO PLUS 15 kw DAFNE IDRO STEEL 20 kw DAFNE IDRO PLUS 20 kw HYDRA STEEL 27 kw HYDRA PLUS 27 kw HYDRA

Dettagli

Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente. Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012

Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente. Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012 Le misure negli impianti Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012 Sommario Prova tenuta impianti

Dettagli

Convegno Regione Lombardia ARPA Lombardia ISPRA 23 maggio 2011

Convegno Regione Lombardia ARPA Lombardia ISPRA 23 maggio 2011 Convegno Regione Lombardia ARPA Lombardia ISPRA 23 maggio 2011 Le emissioni della combustione della legna in piccoli impianti domestici e la qualità dell'aria titolo intervento : La sicurezza degli impianti

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 1 Mynute Special Guida al capitolato Mynute Special

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL centopercento Made in Italy 1 Dati Tecnici Installazione, uso e manutenzione della caldaia combinata nella quale è possibile bruciare gasolio, gas

Dettagli

SOFFIATORI NILA GLI ATTIVATORI DI TIRAGGIO E ANTIVENTO PER CAMINI A LEGNA

SOFFIATORI NILA GLI ATTIVATORI DI TIRAGGIO E ANTIVENTO PER CAMINI A LEGNA SOFFIATORI NILA GLI ATTIVATORI DI TIRAGGIO E ANTIVENTO PER CAMINI A LEGNA Pag. 2 SCHEDA TECNICA DEI SOFFIATORI NILA pag. 3 DESCRIZIONE I soffiatori Nila non sono aspiratori, ma attivatori di tiraggio per

Dettagli

Fuoco e fiamme senza fumo

Fuoco e fiamme senza fumo Fuoco e fiamme senza fumo Una campagna d informazione dei fumisti e degli spazzacamini dell APA in collaborazione con l Agenzia provinciale per l ambiente In guten Händen. In buone mani. Hanspeter Munter

Dettagli

Fuoco e fiamme senza fumo

Fuoco e fiamme senza fumo Fuoco e fiamme senza fumo Una campagna d informazione dei fumisti e degli spazzacamini dell APA in collaborazione con l Agenzia provinciale per l ambiente In guten Händen. In buone mani. Michl Laimer Klaus

Dettagli

ARITERM CALDAIE A LEGNA ASPIRATE A FIAMMA INVERSA E GASSIFICAZIONE. 34, 55 kw

ARITERM CALDAIE A LEGNA ASPIRATE A FIAMMA INVERSA E GASSIFICAZIONE. 34, 55 kw ARITERM CALDAIE A LEGNA ASPIRATE A FIAMMA INVERSA E GASSIFICAZIONE 34, 55 kw ARITERM Le caldaie indistruttibili con un solo obiettivo: l eccellenza Le caldaia a Legna, aspirata a fiamma inversa e gassificazione

Dettagli

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria ARPA FVG Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia DAL LEGNO AL FUOCO come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria Fumo della legna

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) SEZIONE 1 Quadro A: dati dell impresa installatore IMPRESA / DITTA

Dettagli

MONOSTADIO PLUS DI PRODOTTO. monostadio a basse emissioni inquinanti

MONOSTADIO PLUS DI PRODOTTO. monostadio a basse emissioni inquinanti MONOSTADIO monostadio a basse emissioni inquinanti Bruciatori di gasolio monostadio a basse emissioni di NOx (< 90 mg/kwh) e sonore (< 60 dba). Sono dotati di corpo in alluminio, struttura con un sistema

Dettagli

Analizzatori di combustione per professionisti.

Analizzatori di combustione per professionisti. Testo AG LPG Fuel value boiler 122.3 C AT 5.8% qa Options Start Values Analizzatori di combustione per professionisti. Soluzioni complete per tutte le esigenze di misura. Analizzatori di combustione per

Dettagli

Mynute Sinthesi. Condensazione / Murali RENDIMENTO. Residenziale. secondo Direttiva Europea CEE 92/42.

Mynute Sinthesi. Condensazione / Murali RENDIMENTO. Residenziale. secondo Direttiva Europea CEE 92/42. Mynute Sinthesi RENDIMENTO secondo Direttiva Europea CEE 92/42. Condensazione / Murali Residenziale SEZIONE 1 Guida al capitolato 1.1 Mynute Sinthesi caldaia murale a condensazione per impianti unifamiliari

Dettagli

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO LIBRETTO di IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) Conforme

Dettagli

ORIZZONTE 2020. Verso sistemi di riscaldamento a gas a condensazione. Guida pratica all installazione e suggerimenti

ORIZZONTE 2020. Verso sistemi di riscaldamento a gas a condensazione. Guida pratica all installazione e suggerimenti ORIZZONTE 2020 Verso sistemi di riscaldamento a gas a condensazione. Guida pratica all installazione e suggerimenti 1 5 - Check list delle varie verifi che di preinstallazione e FAQ Indice generale 1 Introduzione

Dettagli

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data Allegato a: Dichiarazione di Conformità (ai sensi della Legge 46/90) Attestato di corretta esecuzione impianto gas di cui al modello "B" (Del. N 40/04 dell'aeeg) Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENTO Il buon funzionamento di un impianto termico, è strettamente legato al corretto dimensionamento della sezione interna del condotto fumario che dovrà evacuare i fumi di combustione. In ambito

Dettagli

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt)

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell ambiente UFAM Protezione dell aria e prodotti chimici N. registrazione/dossier: M143-0633

Dettagli

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Sessione 1 Biogas, Biomassa: La filiera della legna per il riscaldamento domestico: dal bosco al caminetto Ing. Roberta ROBERTO - Ricercatrice

Dettagli

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA 2003 DECRETO 17 marzo 2003 AGGIORNAMENTI AGLI ALLEGATI F e G DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio MAGIC K4 Si raccomanda di leggere attentamente le istruzioni contenute nel presente fascicolo e di far installare il caminetto da personale qualificato È necessario attenersi a

Dettagli

I REQUISITI DEI CAMINI A SERVIZIO DELLE CENTRALI TERMICHE

I REQUISITI DEI CAMINI A SERVIZIO DELLE CENTRALI TERMICHE MONDO GAS DI FABIO BONALUMI* E MARCO MARTINETTO** I REQUISITI DEI CAMINI A SERVIZIO DELLE CENTRALI TERMICHE L articolo evidenzia le problematiche che gli operatori del settore, in particolare i progettisti,

Dettagli

UNI 10485. Ai fini della presente norma si applicano le definizioni seguenti:

UNI 10485. Ai fini della presente norma si applicano le definizioni seguenti: Impianti a gas per uso domestico. Sistemi per l evacuazione dei prodotti alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento, ristrutturazione ed intubamento 1 Scopo e campo di applicazione La presente

Dettagli

UNI 10845 PREMESSA. UNI 7129 - Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione - Progettazione, installazione

UNI 10845 PREMESSA. UNI 7129 - Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione - Progettazione, installazione UNI 10845 Impianti a gas per uso domestico. Sistemi per l evacuazione dei prodotti alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento, ristrutturazione ed intubamento 1 Scopo e campo di applicazione PREMESSA

Dettagli