La filiera foresta-legno-energia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La filiera foresta-legno-energia"

Transcript

1 UFFICIO PRODOTTI La filiera foresta-legno-energia IN PROVINCIA DI TRENTO anno

2 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Trento Redazione: Responsabile: A cura di: Autori: In redazione: Osservatorio del Legno - Ufficio Prodotti Area Promozione e Sviluppo Camera di Commercio I.A.A. di Trento Via SS. Trinità, TRENTO Tel , fax Marco Zanoni Mauro Leveghi Mirco Baldo, Federico Giuliani, Bruno Grisenti Maria Cristina Tomasi, Michela Rizzi, Adriano Zanotelli Copertina: Artimedia s.a.s di Trentini Valentina e c., Trento Foto Copertina: Francesco March, Boscaioli nella foresta di Paneveggjo, 1900 ca Torino, Museo Nazionale della Montagna Centro Documentazione Foto esposta alla mostra "Dal Garda alle Dolomiti. Incanti fotografici" di Palazzo Roccabruna, 25 marzo -15 maggio 2011 La pubblicazione è disponibile anche sul sito: Riproduzione, parziale o totale, e diffusione autorizzate con la citazione della fonte.

3 SOMMARIO SIGLE E ACRONIMI...5 INTRODUZIONE...7 BREVE INQUADRAMENTO DEL TRENTINO FORESTALE...8 LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSA IN TRENTINO...10 OFFERTA DI BIOMASSA IN TRENTINO...15 Offerta di biomassa legnosa da imprese d utilizzazione...15 Offerta di biomassa raccolta dai titolari di uso civico...23 Offerta di biomassa derivante dagli scarti agronomici...30 Offerta di biomassa derivante dagli scarti dell industria di prima lavorazione...45 Offerta di biomassa derivante dagli scarti dell industria di seconda lavorazione...57 lavorazione...67 Offerta di biomassa derivante dalla raccolta nei CRM E CRZ...68 Offerta di biomassa da produttori di legna da ardere...72 Offerta di biomassa dei commercianti di legna da ardere, cippato, pellet e briquette...82 DOMANDA DI BIOMASSA IN TRENTINO...90 Uso di legna da ardere in ambito domestico...90 Uso di legna da ardere negli esercizi commerciali Impiego di cippato nelle centrali di teleriscaldamento Impianti a biomassa di piccola taglia a servizio di utenze domestiche o plurifamiliari Reimpiego dei sottoprodotti nelle aziende della filiera Prima lavorazione Seconda lavorazione ANALISI CONCLUSIVE SULLO STUDIO LA FILIERA FORESTA-LEGNO-ENERGIA IN PROVINCIA DI TRENTO Premessa Un bilancio sintetico domanda/offerta di biomasse in Trentino Analisi della domanda Analisi dell offerta Indicazioni relative alle principali tipologie di biomasse in Trentino Legna in ciocchi Cippato CONCLUSIONI Le caratteristiche della filiera foresta-legno-energia in Trentino Le utilizzazioni forestali e gli usi civici Le centrali di teleriscaldamento Le caratteristiche del mercato delle biomasse BIBLIOGRAFIA RIFERIMENTI LEGISLATIVI QUESTIONARI RELATIVI ALL INDAGINE CONDOTTA

4 4

5 SIGLE E ACRONIMI APE: Agenzia provinciale per l energia. AEBIOM: Associazione Europea Industria della Biomassa. APPA.: Agenzia Provinciale Protezione Ambiente della Provincia autonoma di Trento. Art.: articolo. ASUC: Amministrazione Separata Uso Civico. CATI: indagine commissionata dell A.P.P.A al Servizio Statistica riguardante l utilizzo della biomassa a fini energetici in Provincia di Trento. CCIAA: Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura. CE: Conformité Européenne. CER: Catalogo Europeo dei Rifiuti. CNR: Consiglio Nazionale delle Ricerche CRM: Centro di Raccolta Materiale. CRZ: Centro di Raccolta Zonale. D.Lgs: Decreto Legislativo. DPCM: Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. FA.: fascicolo aziendale. GIS: Geographic Information System. GUFOR: database del Servizio Foreste e Fauna della P.A.T. Gestione delle Utilizzazioni Forestali. IASMA: Istituto Agrario di San Michele all Adige. IVALSA: Istituto per la Valorizzazione del Legno e delle Specie Arboree. LP: Legge Provinciale. mc. e o m³: metro cubo. mst: metro stero. M.te: monte. MUD: Modello Unico di Dichiarazione ambientale. Mw: megawatt. n.d.: non disponibile. n.p.: non pervenuto. n.s.: non significativo. ONORM:. Österreichische Norm Norma austriaca. PAT: Provincia autonoma di Trento. PSR: Piano di Sviluppo Rurale. R.D.: Regio Decreto. SIAP: Sistema Informativo Agricolo Provinciale. t: tonnellate. t. eq: tonnellate equivalenti. q.: quintali. q. eq: quintali equivalenti. 5

6 6

7 INTRODUZIONE L uso massiccio di combustibili fossili, principali responsabili del vertiginoso aumento della concentrazione di gas serra nell atmosfera, potrebbe drasticamente essere ridotto se i paesi industrializzati, per la produzione di energia termica ed elettrica, utilizzassero biomassa come combustibile ottenuto da materiale derivante dalle coltivazioni o dalle foreste. L AEBIOM (ASSOCIAZIONE EUROPEA INDUSTRIA DELLA BIOMASSA) afferma che le emissioni di anidride carbonica potrebbero essere ridotte ogni anno di circa milioni di tonnellate 1, se ciò avvenisse. Secondo tale rapporto inoltre la biomassa utilizzata come fonte di energia pulita potrebbe, entro il 2020, contribuire per il 15% dell energia richiesta dai paesi industrializzati; tale filiera produttiva darà origine come affermato dal rapporto sulle nuove opportunità lavorative a circa posti di lavoro entro il , distribuiti prevalentemente nelle zone rurali. L utilizzo di fonti energetiche di origine biologica sarà inoltre utile per il rispetto degli obiettivi nazionali fissati dal protocollo di Kyoto, in materia di energie rinnovabili. A titolo di esempio si cita la Svezia che, al fine di onorare l impegno assunto dal governo per abbandonare l energia nucleare, si sta convertendo alla biomassa. Questa nuova necessità evolutiva, oltre ad un elevata valenza ambientale, e, creerà pertanto nuove opportunità per il settore forestale e per quello agricolo marginale 3. In questo periodo storico si sta pertanto riconsiderando quella che è stata per troppo tempo una valutazione unidirezionale dei problemi del settore forestale, che vedeva l utilizzazione dei boschi italiani come un azione capace di pregiudicare gli equilibri ecologici del sistema. Questo tipo di approccio da un lato ha fatto sì che negli ultimi 50 anni la superficie forestale nazionale raddoppiasse passando da 5 a circa 10 milioni di ettari, ma dall altro ha ridotto le attività selvicolturali, con la conseguenza che poco meno della metà della superficie forestale risulta abbandonata o in libera evoluzione. 1 Quantitativo pari alla somma annua delle emissioni di Italia e Canada 2 Ad esempio solo nel nordest, nel sud-est e lungo la costa ovest degli Stati Uniti, l'industria della biomassa ha già fornito circa posti di lavoro. 3 marginale, che lascia scarso margine economico. 7

8 Una buona gestione forestale, ispirata ai principi della sostenibilità, può, per contro, offrire una rilevante quantità di legno da disporre per il comparto energetico e allo stesso tempo produrre notevoli benefici ambientali, sociali ed economici, senza intaccare l attuale patrimonio forestale. L abbandono della gestione attiva del bosco ha prodotto in passato uno squilibrio del sistema ambientale forestale con conseguenti effetti negativi rilevanti quali: - l aumento del pericolo di incendi; - la riduzione della fruibilità del territorio; - la perdita di valore paesaggistico; - l aumento dei rischi idrogeologici. BREVE INQUADRAMENTO DEL TRENTINO FORESTALE Il territorio Trentino è prevalentemente montano, oltre il 70% della superficie provinciale si trova infatti al di sopra dei 1000 m s.l.m.. La superficie provinciale è di ettari (PAT, 2006/b) e la sua popolazione conta abitanti (Servizio Statistica, PAT dato gennaio 2011). Le foreste occupano circa il 55% 4 del territorio e sono caratterizzate dalla prevalenza netta di formazioni ad alto fusto rispetto ai cedui. La superficie agricola occupa circa l 11% del territorio i pascoli il 17% e quella improduttiva ed urbanizzata il 16%. Circa il 76% del patrimonio forestale è di proprietà pubblica 5 ; questa realtà fondiaria consente un applicazione diffusa delle tecniche per la pianificazione delle risorse forestali nonché un controllo diffuso e continuativo delle condizioni del comparto. Negli ultimi 50 anni, accanto ad un aumento dell area a bosco si è assistito ad una forte espansione delle formazioni ad alto fusto. La biomassa media delle fustaie in termini di volume cormometrico è passata dai 148 mc/ha degli anni 50 ai 201 mc/ha del 1999 (D. Pettenella, F. Giuliani, 2002). I boschi ad alto fusto, in origine marcatamente coetanei, stanno gradualmente assumendo una maggiore stratificazione; il 50% delle fustaie presenta oggi i requisiti della struttura multiplana (fanno eccezione le aree ricadenti soprattutto nei distretti di Cavalese e Malè). 4 Pari all 11% della superficie a bosco nazionale. 5 Demanio provinciale, Comuni ed A.S.U.C. 8

9 La metà della superficie a fustaia presenta soprassuoli che per il 30% sono costituiti da piante di diametro superiore ai 50 cm (PAT, 2006 b). Imprese boschive e segherie Nel 2006 il complesso delle imprese di utilizzazione boschiva, comprendente sia quelle condotte in forma artigianale che quelle con sistema cooperativistico, erano 133. L occupazione complessiva prodotta da tale settore era pari a 309 addetti di cui 173 autonomi, 99 lavoratori dipendenti e 37 stagionali (CCIAA 2007). In termini di produttività del lavoro le rilevazioni condotte dal 1956 al 2003 mostrano un notevole aumento degli indici di produttività media giornaliera (R. Cavalli, R. Bonfioli e G. Giovannini, 2004). Anno di riferimento Quantità M³ m³/anno Addetto m³/giorno 1956 n.d , , ,7 Tabella 1: produttività medie generali (R. Cavalli, R. Bonfioli e G. Giovannini, 2004). L importante impegno da parte dell Amministrazione pubblica provinciale nel contribuire, attraverso finanziamenti specifici, all acquisto di macchinari forestali ha prodotto, negli ultimi 10 anni, un forte ammodernamento. A titolo esemplificativo si riporta un confronto sul parco macchine aziendale in due differenti periodi di riferimento. Nel 1983 la dotazione di gru a cavo riguardava il 38% delle ditte boschive, mentre nel 2003 l utilizzo di tale macchinario è salito al 66% (R. Cavalli, R. Bonfioli e G. Giovannini, 2004). Nel 2006 le aziende di 1 ª lavorazione del legname erano 143 ed occupavano 1085 addetti di cui 333 autonomi, 791 lavoratori dipendenti e 15 stagionali (CCIAA, 2007). Il numero di segherie nel 2000 risultava pari a 145, ma con solo 2 unità in grado di lavorare dai ai m³/anno, 16 unità dai ai m³/anno e 57 unità fino ai m³/anno (Servizio Foreste 2000). Si tratta quindi, per la stragrande maggioranza, di aziende di piccole-medie dimensioni (nel contesto italiano possono essere considerate segherie di medio-grandi dimensioni quelle che lavorano m³/anno M. Merlo, 1992). 9

10 LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSA IN TRENTINO Fin dal 2000 in Trentino, grazie anche all azione di sostegno attuata dalla PAT, sono state indicate due azioni principali volte alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera: la prima si riferisce al miglioramento dell efficienza energetica degli impianti, la seconda alla sostituzione dei combustibili fossili con differenti fonti energetiche alternative. A tal proposito i principali step volti alla sostituzione dell attuale sistema energetico prevedono che entro il 2012 vengano installate circa caldaie a biomassa (nel 2003 erano censiti 197 impianti) e costruite 23 centrali di teleriscaldamento (sempre nel 2003 erano attive solo 2 centrali di teleriscaldamento). Tale previsione formulata nel 2003 consentirebbe di portare l energia termica prodotta da fonti rinnovabili al 45 % del totale 6. In virtù di tali affermazioni appare evidente la necessità di un approfondimento sulle dinamiche interne ai principali settori che compongono la domanda e l offerta di biomassa in Trentino. Metodologia di indagine e fonti informative Sia che si affronti l analisi sotto il profilo della domanda che, a contrario, sotto il profilo dell offerta di biomassa che si genera all intero del territorio trentino, il presente studio si pone l obiettivo di descrive i flussi quantitativi all interno dei molteplici segmenti che compongono e determinano il mercato locale di materia legnosa destinata ad usi energetici. Il lavoro ha quindi lo scopo di descrivere la filiera foresta-legno-energia in provincia di Trento, nella sua strutturazione nel periodo compreso tra il 2008 ed il L intera indagine per semplicità viene quindi distinta nelle seguenti due parti: i. analisi dell offerta di biomassa in Trentino; ii. analisi della domanda di biomassa in Trentino. 6 Il piano energetico provinciale e il sostegno alle energie rinnovabili ; Servizio energia, Trento, 22 Maggio

11 Metodologia di analisi dell offerta di biomassa in Trentino Nel dettaglio lo studio espone i risultati quantitativi dell analisi delle seguenti aree di attività: a) scarti di lavorazione delle utilizzazioni boschive: incontri con il Servizio Foreste e Fauna della provincia di Trento per l individuazione e selezione delle informazioni utili alla quantificazione della biomassa ottenibile da tagli di utilizzazione ordinari e da interventi colturali. Verifica dei dati di produzione di biomassa forestale su sei cantieri boschivi della provincia di Trento, di cui tre di aziende che già reimpiegano gli scarti di utilizzazione boschiva e gli altri tre scelti in base a criteri concordati con la CCIAA; analisi dei dati contenuti nell indagine sulla Filiera foresta-legno in provincia di Trento (CCIAA 2007); b) biomassa raccolta dai titolari di uso civico: raccolta dati relativi alla quantificazione della biomassa utilizzata dai titolari di uso civico per la produzione di energia termica; c) biomassa derivante dagli scarti agronomici: determinazione dei parametri utili alla quantificazione degli scarti agronomici; determinazione della biomassa prodotta sulle superfici coltivate a specie legnose e destinabile a fini energetici; d) scarti dell industria di 1ª lavorazione: analisi dei dati contenuti nell indagine sulla Filiera foresta-legno in provincia di Trento ; somministrazione di un questionario ai titolari delle aziende di prima lavorazione con intervista telefonica; e) scarti dell industria di 2ª lavorazione: analisi dei dati contenuti nell indagine redatta dalla CCIAA; somministrazione di un questionario ai titolari delle aziende di seconda lavorazione con intervista telefonica; f) biomassa raccolta nei CRM e CRZ: analisi delle modalità di trattamento del rifiuto verde urbano e del legno vergine in base alla normativa vigente, intervista alle aziende municipalizzate che gestiscono i CRM e CRZ; g) produttori di legna da ardere: questionario somministrato ad un campione di aziende produttrici di legna da ardere con intervista diretta o telefonica; h) commercianti di legna da ardere, cippato, pellet e briquette: analisi dell offerta di biomassa di esercizi commerciali di combustibili legnosi, tramite questionario sottoposto ai titolari degli esercizi stessi con intervista diretta o telefonica. 11

12 Metodologia di analisi della domanda di biomassa in Trentino Nel dettaglio lo studio della domanda riguarda: a) uso di legna da ardere in ambito domestico: tramite analisi bibliografica dei dati contenuti nell indagine CATI commissionata dall APPA e redatta dalla PAT - Servizio Statistica; b) uso di legna da ardere negli esercizi commerciali (pizzerie): mediante la redazione di questionari creati ad hoc, composti dai numerosi quesiti a risposta multipla/sintetica somministrati ai titolari di attività commerciali che utilizzano combustibili legnosi. La compilazione del test è stata svolta mediante intervista telefonica; c) impiego di cippato nelle centrali di teleriscaldamento: attraverso l analisi di questionari, creati ad hoc, contenenti più quesiti a risposta multipla/sintetica e sottoposti ai responsabili delle centrali a biomassa (intervista eseguita nelle sedi delle centrali di teleriscaldamento); d) impiego di cippato/pellets negli impianti di piccola taglia: tramite l analisi di questionari creati ad hoc, contenenti più quesiti a risposta multipla/sintetica e sottoposti ai proprietari dell impianto, con somministrazione tramite intervista telefonica; e) reimpiego dei sottoprodotti nelle aziende della filiera: approfondimento sui dati riguardanti il reimpiego aziendale dei sottoprodotti di lavorazione per la produzione di energia termica/elettrica da parte delle aziende appartenenti ai segmenti della prima e della seconda lavorazione; la base dei dati per l analisi in parola è costituita dalla più volte citata indagine camerale sulla filiera foresta legno. Modalità di reperimento dei dati ed elaborazioni Lo svolgimento delle ricerche nei vari ambiti si è sviluppata principalmente attraverso le seguenti fasi: a. ricerca bibliografica su lavori analoghi, cataloghi cartacei e informatici, richiesta di informazioni agli uffici di competenza dell Amministrazione provinciale o di altri Soggetti istituzionali; b. formulazione di questionari predisposti ad hoc per ciascuna area di indagine e somministrazione degli stessi ad un campione significativo della popolazione o alla popolazione dei soggetti interessati, quando l ampiezza della stessa lo consentiva; 12

13 c. le informazioni raccolte sono state sottoposte ad inferenza statistica secondo il sistema proporzionale semplice; d. selezione e rielaborazione dei dati raccolti al fine di descrivere al meglio la realtà per ciascuna area di indagine della filiera foresta-legno-energia nella provincia di Trento. Per ogni settore soggetto ad analisi sono stati predisposti degli schemi sommari finali indicanti, oltre ai principali punti di forza e/o di debolezza, specifici indicatori sintetici descrittivi (volumi, valore economico) della situazione attuale. Durante la realizzazione del lavoro, al raggiungimento di step significativi, i risultati parziali sono stati esposti ai componenti del gruppo di lavoro appositamente predisposto. Questa metodologia operativa, caratterizzata da un processo di confronto-informazione partecipata tra più stakeholder, con formazione ed ambito professionale differente, ha garantito il perseguimento di una migliore qualità del lavoro. I componenti del tavolo di lavoro avente funzione di indirizzo, confronto e monitoraggio sui documenti prodotti sono rispettivamente: Dott. Mauro Leveghi (CCIAA TN Dirigente Area 4 Promozione e Sviluppo); Dott. Mauro Colaone Dott. Enrico Tonezzer Dott. Francesco Dellagiacoma (Servizio Foreste e Fauna - PAT); Dott. Giovanni Giovannini (Servizio Foreste e Fauna - PAT); Dott. Adriano Zanotelli (CCIAA Direttore Ufficio Prodotti); Dott.ssa Maria Cristina Tomasi (CCIAA - Ufficio Prodotti); Dott.ssa Michela Rizzi (CCIAA - Ufficio Prodotti). Nelle fasi iniziali di indirizzo e in alcune fasi esecutive del lavoro hanno collaborato: Ing. Renzo Conotter (Agenzia Provinciale Energia PAT); Dott. Gianni Picchi (CNR IVALSA); Dott.ssa Silvia Silvestri (Area Sperimentazione agraria, ambientale e forestale della Fondazione Edmund Mach - IASMA). I componenti del gruppo operativo con funzione esecutiva nell ambito dell indagine sono: Dott. Federico Giuliani; Dott. Mirco Baldo; Dott. Bruno Grisenti; Dott. Damiano Fedel; Dott. Federico Salvagni; Dott. ssa Samantha Casagranda; P.a. Nicola Angeli. 13

14 Tabelle di conversione I dati raccolti sono stati uniformati utilizzando idonei rapporti di conversione specificatamente rappresentati nelle tabelle sottostanti. Tabella 2: rapporti di conversione legno legna cippato, la tabella riporta i fattori orientativi di conversione tra i più comuni assortimenti da energia riportati in allegato alle norme austriache ONORM M7 132 E M7133 [3] da Legna e cippato manuale pratico AIEL. Tabella 3: masse volumetriche e steriche di alcune specie forestali, da Legna e cippato manuale pratico AIEL. Unità di misura Per meglio confrontare i dati fra loro è stata introdotta la tonnellata equivalente, vale a dire la trasformazione di biomassa espressa in metri cubi (mc), metri steri (mst) o in tonnellate (t.) al 40% di contenuto idrico secondo le differenti essenze legnose e formati commercializzati ( ad esempio: 1 mst di cippato forestale di abete rosso con contenuto idrico al 40% equivale a 0,26 tonnellate). 14

15 OFFERTA DI BIOMASSA IN TRENTINO Come evidenziato in precedenza si procede di seguito alla descrizione dei vari filoni di indagine che riguardano lo stato dell offerta attuale di biomassa legnosa in provincia di Trento. Offerta di biomassa legnosa da imprese d utilizzazione Le imprese di utilizzazione boschiva presenti al 2006 in provincia di Trento sono 133. L occupazione complessiva prodotta da tale settore è pari a 309 addetti di cui: 173 autonomi; 99 lavoratori dipendenti; 37 stagionali (C.C.I.A.A. 2007). In termini di produttività del lavoro il potenziale espresso appare notevole e si attesta sui 6,7 mc/giorno 7 per addetto in virtù del fatto che negli ultimi anni i si è assistito ad un forte ammodernamento del settore; ma per contro poche aziende presentano un livello di dotazioni e di occupazione tale da garantire un adeguata capacità organizzativa. Durante le fasi di analisi della filiera e della potenziale offerta di biomassa è stato pertanto individuato un elenco di aziende del settore (tramite incontri con il Servizio Foreste e Fauna della PAT) che potevano presentare attività di produzione di biomassa, estrapolando 12 nominativi rappresentativi dell intera popolazione. A queste aziende è stato somministrato un questionario telefonico che ha avuto l esito sotto evidenziato. ESITO Totale INTERVISTATO 6 50% RIFIUTA INTERVISTA 1 8% NON TROVATO 3 25% NO AZ LEGNAME 1 8% APPUNTAMENTO 0 0% N. ERRATO O MANCANTE 1 8% Tabella 4: esito interviste eseguite 7 dato riferito a metri cubi netti di legname utilizzato per giornata di lavoro e per addetto (Tesi laurea G. Giovannini Il comparto delle imprese boschive in provincia autonoma di Trento, 2004) 15

16 Le aziende di utilizzazione forestale intervistate hanno dichiarato una potenzialità produttiva, riferita al 2008 e al territorio trentino, pari a mst di biomassa; applicando l inferenza statistica si arriva ad una stima di mst ( quintali potenziali equivalenti). La biomassa ha origine forestale per l 85% in volume, agricola e da ripulitura d alveo rispettivamente per il 7% e l 8%. AGRICOLA 7% RIPULITURA ALVEI/ CORSI D'ACQUA 8% FORESTALE (conto terzi) 40% FORESTALE (diretta) 45% Grafico 1: origine della biomassa. L impiego di risorse umane e di mezzi che assolvono a tale funzione produttiva appare discontinuo e non omogeneo nell ambito del settore considerato in quanto, ad aziende che si sono specializzate nel recupero degli scarti d utilizzazione o delle ramaglie (lavoro conto terzi), si contrappongono aziende che impegnano solo marginalmente le risorse a disposizione. La disponibilità di materiale in genere la seguente origine (in % rispetto al volume complessivo lavorato): a) azioni prescrittive nel 18% dei casi; b) contratti di subappalto nei confronti di altre imprese d utilizzazione o per la valorizzazione del materiale disponibile all imposto, per il 47% dei casi; c) stimoli diretti dalla filiera a valle e mai realizzati dalla filiera a monte, nel 19% dei casi. Tale condizione sottolinea come la filiera subisca un certo rallentamento del dinamismo commerciale già nei primissimi attori, che si attivano più per forme vincolistiche piuttosto che per reale convenienza alla valorizzazione del materiale. 16

17 9% 4% 14% OBBLIGO ASPORTAZIONE IMPARTITO DAL PROPRIETARIO FORESTALE 19% OBBLIGO ASPORTAZIONE IMPARTITO DALL'ASSEGNO FORESTALE CONTRATTO DI SUBAPPALTO CON IMPRESA DI UTILIZZAZIONE VALORIZZAZIONE MATERIALE DISPONIBILE ALL'IMPOSTO RICHIESTA MATERIALE LEGNOSO INOLTRATO DALL'ACQUIRENTE 21% 33% ALTRO Grafico 2: disponibilità di materiale. I cantieri preferiti dalle imprese d utilizzazione forestale, per le operazioni di valorizzazione degli scarti di lavorazione, sono quelli gestiti in condizioni operative ordinarie, su lotti che utilizzano la gru a cavo per l esbosco di piante intere consentendo una notevole concentrazione di materiale a valle del lotto boschivo e/o su piazzale. 13% 7% 11% 5% 5% 59% VERBALE D'ASSEGNO E DISPONIBILITA' PIANTE MORTE E DEPERIENTI ESBOSCO CON GRU A CAVO DI PIANTE INTERE ANALISI SULL' ACCESSIBILITA' DEL LOTTO VOLUME MINIMO DISPONIBILE ANALISI INDISTINTA DI TUTTI I LOTTI ALTRO Grafico 3: importanza attribuita prevalentemente sulle potenzialità del lotto. 17

18 Alcune aziende dichiarano di effettuare le operazioni di valorizzazione della biomassa su cantieri ad hoc (bonifiche, miglioramenti ambientali, ) in cui la scarsa qualità merceologica del popolamento arboreo impone la sola valorizzazione del materiale come biomassa. Si evidenzia, inoltre, come, tra le caratteristiche del lotto scelto per effettuare le operazioni in oggetto, si attribuisca un importanza discreta al fatto di avere potenzialmente a disposizione una buona quantità di legno puro e quindi di lotti con una bassa rilevanza ponderale della ramaglia. Per quanto concerne la valutazione sui costi di accantieramento, riferiti ai volumi totali lavorati, si nota come le aziende dichiarino di attribuire pari importanza alle caratteristiche della viabilità, al volume disponibile e alla distanza dal punto di conferimento. Le ditte non riconoscono una sola componente di costo come vincolante, ma piuttosto indicano indistintamente un elenco di voci che partecipano alla definizione delle problematiche economiche riscontrate a livello logistico. Elevata anche la quota di materiale legnoso che viene movimentato e lavorato senza un analisi sui costi d accantieramento (14% in volume). 13% 31% 28% 28% SVILUPPO E CARATTERISTICHE VIABILITA' VOLUME MATERIALE DISPONIBILE DISTANZA DAL PUNTO DI CONFERIMENTO NESSUNA VALUTAZIONE EFFETTUATA Grafico 4: importanza attribuita ai costi di accantieramento. Alla specifica domanda se il tondame di scarto venga separato dalla ramaglia, le imprese rispondono univocamente affermando che, laddove è possibile, viene condotta una selezione del materiale al fine di ridurre le problematiche di eccessiva fermentazione del cippato (se ricco in sostanza verde), con conseguente deprezzamento del materiale. 19

19 Le aziende evidenziano, inoltre, una convenienza alla ridistribuzione in bosco delle ramaglie (intere o cippate), qualora queste siano state scartate sotto il profilo qualitativo o si trovino in punti logisticamente difficili. Ciò perché, con questi presupposti, esse quantomeno partecipano al mantenimento del sistema ambientale. La logistica preferita per il trasporto e recupero della biomassa è data dalla cippatura effettuata direttamente su piazzale con successiva consegna diretta al cliente del cippato (62% in volume). Nella restante parte dei casi la biomassa viene caricata sfusa e concentrata per la successiva lavorazione (38% in volume). 20% 52% 16% 10% 2% Grafico 5: logistica applicata nel recupero della biomassa. SFUSO SU MEZZI DI TRASPORTO VERSO PIAZZALI FORESTALI PIU' ACCESSIBILI SFUSO SU MEZZI DI TRASPORTO VERSO PIAZZALI AZIENDALI SFUSO SU MEZZI DI TRASPORTO VERSO PIAZZALI PRESENTI PRESSO CLIENTI CIPPATO SUL POSTO E TRASPORTATO VERSO PIAZZALI AZIENDALI CIPPATO SUL POSTO E TRASPORTATO VERSO PIAZZALI CLIENTE Il dato rivela, da una parte, che le aziende ritengono opportuna una riduzione delle fasi di lavoro per contrarre i costi e, dall altra, che i cantieri in cui viene effettuata la scelta di valorizzazione della biomassa risultante dalle utilizzazioni forestali, sono di per sé sempre ben strutturati logisticamente. La location consente infatti la possibilità di effettuare lavorazioni suppletive (ad indicare una filiera corta ) e, laddove l accesso ai mezzi è sempre garantito, il sistema di recupero del materiale ha quindi effettiva applicazione solo in circostanze specifiche. La destinazione prevalente della biomassa ricavata ha scopi energetici, sia che si tratti di materiale cippato o che si tratti di materiale intero o di altro tipo, questo nello specifico fa riferimento alla fornitura di materiale per un termovalorizzatore per la produzione elettrica. 20

20 82% CIPPATO PER CENTRALI DI TELERISCALDAMENTO BIOMASSA INTERA PER CENTRALI DI TELERISCALDAMENTO INDUSTRIA PANNELLO ALTRO 3% 8% 7% Grafico 6: destinazione della biomassa. Gli intervistati evidenziano come nel prossimo futuro si attendano un incremento di richiesta di biomassa attorno al 20%, ad indicare una forte aspettativa della rivalutazione del rafforzamento della filiera. La natura contrattuale che lega l impresa d utilizzazione forestale al bene ha valenza sul singolo lotto e, solo in un caso, si è registrata la presenza di un contratto di fornitura annuale. Si evidenzia inoltre come la cessione della ramaglia e degli scarti d utilizzazione all impresa che procederà alla lavorazione della stessa è per la maggior parte dei casi gratuita. 20

21 CONTRATTO DI CESSIONE GRATUITA DEL BENE 74% ACQUISTO DELLA BIOMASSA 6% PERCEPISCE PREZZO PER L'ASPORTAZIONE DELLA BIOMASSA 20% Grafico 7: natura contrattuale della prestazione. La vendita del cippato spunta un prezzo medio posto attorno ai 12 /mst, con oscillazioni di +/-2 /mst; la legna intera viene invece venduta da 1 a 3,5 /qle; degno di nota l interesse di aziende alla creazione di un listino prezzi di riferimento. Si evidenzia inoltre come il materiale venduto non venga controllato qualitativamente, se non in ordine alla presenza di terra o di materiale verde; mancano verifiche circa il contenuto idrico o la potenziale produzione di ceneri. Sommario - offerta di biomassa legnosa da imprese di utilizzazione Punti di forza: I. filiera corta; II. aspettative di mercato: le aziende si attendono un incremento della domanda; III. esistenza di aziende specializzate nel recupero degli scarti d utilizzazione: IV. il 47% dei casi di riutilizzo degli scarti d utilizzazione è legato a contratti di subappalto; V. volontà di partecipazione al mantenimento del sistema ambientale. Punti di debolezza: I. l offerta di materiale deriva da vincoli di natura contrattuale (28 % dei casi) e solo nel 19 % dei casi da esigenze di mercato; II. la valorizzazione del materiale è legata a cantieri ad hoc (esempio bonifiche, cambi coltura..) o cantieri legati all utilizzo di gru a cavo; 21

BIOMASSE FORESTALI UTILIZZATE A SCOPO ENERGETICO

BIOMASSE FORESTALI UTILIZZATE A SCOPO ENERGETICO Le prospettive di sviluppo in Trentino analizzate in un convegno specialistico BIOMASSE FORESTALI UTILIZZATE A SCOPO ENERGETICO biomasse forestali Il convegno sulla valorizzazione energetica delle biomasse,

Dettagli

LEGNO-ENERGIAENERGIA IN PROVINCIA DI TRENTO

LEGNO-ENERGIAENERGIA IN PROVINCIA DI TRENTO Dottori Forestali ed Ambientali Federico Giuliani Mirco Baldo Bruno Grisenti LA FILIERA FORESTA-LEGNO LEGNO-ENERGIAENERGIA IN PROVINCIA DI TRENTO Convegno 26.05.2011 Camera di Commercio I.A.A. di Trento

Dettagli

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO

IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO IL CIPPATO LOCALE: UN APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO SOSTENIBILE ED ECONOMICO Magnifica Comunità di Fiemme Massimo NEGRIN m.negrin@mcfiemme.eu Hotel Lagorai Cavalese 20 Gennaio 2012 Progetto BIO-EN-AREA

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Silvia Silvestri Centro Sperimentale - Unità Biomasse ed energia rinnovabile FONDAZIONE EDMUND MACH ISTITUTO AGRARIO DI SAN

Dettagli

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana 1 Tarvisio, 8 marzo 2013 Studio Tecnico Forestale Provincia di Trento 6.206 km2

Dettagli

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Centro Studi e Ricerche sul Nocciolo e Castagno Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Prof. Ing. Danilo Monarca monarca@unitus.it Giornata di Studio INNOVAZIONE

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VENETO N. 60

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE Progetto strategico n.iii Renerfor Conferenza finale Aosta 9 maggio 2013 ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE Situazione attuale e potenzialità di sviluppo della filiera

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale del tavolo Energia e agricoltura Istituto G. Fauser Novara, 19 aprile

Dettagli

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA Potenzialità di sviluppo e di investimento 1. L INDUSTRIA DEL LEGNO IN PELLET Il pellet è un combustibile densificato costituito da biomassa legnosa; il suo utilizzo

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative

Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative Giuseppe Toscano Pellet combustibile di legno e di biomasse alternative Una reale opportunità di sviluppo della green economy

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

IPOTESI DI SVILUPPO DI UN PROCESSO INTEGRATO DI FILIERA FORESTA - ENERGIA NELL AMBITO LOCALE DELLA VALLE DI FIEMME (TN) dr.

IPOTESI DI SVILUPPO DI UN PROCESSO INTEGRATO DI FILIERA FORESTA - ENERGIA NELL AMBITO LOCALE DELLA VALLE DI FIEMME (TN) dr. Torna all indice Verona 18 marzo 2004 PROGETTO FUOCO LE BIOMASSE AGRICOLE E FORESTALEI NELLO SCENARIO ENERGETICO NAZIONALE IPOTESI DI SVILUPPO DI UN PROCESSO INTEGRATO DI FILIERA FORESTA - ENERGIA NELL

Dettagli

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE Marco Bussone Uncem Piemonte I boschi in Italia 68% latifoglie e 41,8% cedui Proprietà

Dettagli

Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013. Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli

Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013. Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013 Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli Solare 11% Consumi finali di energia da fonti rinnovabili in Italia

Dettagli

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi Presentazione dei dati definitivi Valle d'aosta Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Valle d'aosta, del 5 Censimento generale dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano

Dettagli

LEGNO ENERGIA. Per il riscaldamento degli edifici

LEGNO ENERGIA. Per il riscaldamento degli edifici LEGNO ENERGIA Per il riscaldamento degli edifici Next Energy Milano 4 marzo 2004 Marino Berton Presidente dell Associazione Italiana Energia dal Legno Attuale composizione delle fonti energetiche in Europa

Dettagli

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive Walter Righini Presidente FIPER CHI SIAMO 86 Centrali di teleriscaldamento a biomassa vergine (di cui 16 cogenerative) 22

Dettagli

Impieghi della biomassa a fini energetici in provincia di Trento

Impieghi della biomassa a fini energetici in provincia di Trento CONVEGNO FIPER Milano, 16 Novembre 2011 Impieghi della biomassa a fini energetici in provincia di Trento arch. Giacomo Carlino Agenzia provinciale per l energia - Servizio pianificazione energetica e incentivi

Dettagli

LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO

LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO Relazione del Sindaco di Adrara San Rocco al convegno Factor20 Risorse locali per obiettivi globali: le piccole reti

Dettagli

Bioenergia Fiemme SpA

Bioenergia Fiemme SpA Bioenergia Fiemme SpA Cavalese dr. Andrea Ventura Amministratore Delegato Trento, giovedì 12 ottobre 2006 22/03/2007 1 Chi siamo? Prima Società a realizzare un impianto di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia

Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia Bioenergia: quali prospettive per l agricoltura e l impresa italiana Walter Righini-

Dettagli

Agricoltura Territorio Ambiente e Mercati

Agricoltura Territorio Ambiente e Mercati AGRIMERCATI Agricoltura Territorio Ambiente e Mercati Azienda della Camera di Commercio di Milano e delle Associazioni di rappresentanza per lo sviluppo delle filiere agricola e agroalimentare AGRIMERCATI

Dettagli

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Introduzione Il termine filiera legno-energia indica un insieme organizzato di fattori di produzione, trasformazione, trasporto e utilizzazione del legno

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive Convegno BioSouth Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive prof. Sanzio Baldini, Presidente ITABIA docente Utilizzazioni forestali Università della Tuscia dott. Chiara Artese,, dottorando

Dettagli

Inchiesta sulla Filiera Foresta - Legno in Primiero. Realizzata sulla base d interviste a 10 testimoni locali.

Inchiesta sulla Filiera Foresta - Legno in Primiero. Realizzata sulla base d interviste a 10 testimoni locali. Trentino Sviluppo SpA Inchiesta sulla Filiera Foresta - Legno in Primiero. Realizzata sulla base d interviste a 10 testimoni locali. Marzo 2012 Documento di discussione da sottoporre al tavolo di confronto

Dettagli

BIOMASSA: Produzione professionale di cippato: Stato dell arte e prospettive della certificazione. Massimo Negrin

BIOMASSA: Produzione professionale di cippato: Stato dell arte e prospettive della certificazione. Massimo Negrin BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Produzione professionale di cippato: Stato dell arte e prospettive della certificazione Massimo

Dettagli

Finanziato da: Promosso da: Anga Forlì-Cesena e Rimini - Giovani Coldiretti Forlì-Cesena - Giovani CIA Forlì-Cesena e Rimini

Finanziato da: Promosso da: Anga Forlì-Cesena e Rimini - Giovani Coldiretti Forlì-Cesena - Giovani CIA Forlì-Cesena e Rimini Federazione Coldiretti Forlì-Cesena Forlì-Cesena e Rimini Forlì-Cesena e Rimini PROGETTO L impiego a fini energetici della biomassa disponibile di origine agricola in Provincia di Forlì-Cesena attraverso

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

La realtà forestale della Regione Toscana. Regione Toscana

La realtà forestale della Regione Toscana. Regione Toscana Auditorium Consiglio Regionale 22 Luglio 2009 La realtà forestale della Regione Toscana Dott. Giovanni Vignozzi Resp. Settore Programmazione Forestale Direzione Generale dello Sviluppo Economico Regione

Dettagli

Addetti L-A - ripartizione per comparto

Addetti L-A - ripartizione per comparto STIMA DELLE QUANTITA DI RESIDUI LEGNOSI PRODOTTI IN ITALIA Sebastiano Cerullo* e Alessandra Pellegrini * Responsabile di AssoLegno/Federlegno-Arredo Responsabile Ufficio Normative Ambientali - Centro Studi

Dettagli

La filiera foresta legno energia in provincia di Trento La biomassa come fonte di energia

La filiera foresta legno energia in provincia di Trento La biomassa come fonte di energia 19 FEDERICO Giuliani, MIRCO Baldo, BRUNO Grisenti, MAURO Colaone, MAURO Leveghi La filiera foresta legno energia in provincia di Trento La biomassa come fonte di energia Introduzione Lo scorso maggio a

Dettagli

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso simone.blanc@unito.it Dipartimento di Scienze

Dettagli

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Torino, 05.04.2013 1 Territorio: 2.539.923 ha (2^ Regione dopo la

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica Domenico Coaloa CRA - Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura Casale Monferrato AL coaloa@populus.it

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico I consumi energetici in campo agricolo Florovivaismo Zootecnia Ortocoltura Frutticoltura. Il florovivaismo In Italia: 22.000 aziende floricole Superficie

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE Torna all indice De Luca, E.* *CO.GE.FOR. Consorzio Gestione Forestale Il CO.GE.FOR. Il Consorzio di Gestione Forestale

Dettagli

Dati censuari e agricoltura professionale in Trentino*

Dati censuari e agricoltura professionale in Trentino* Marzo 2014 Dati censuari e agricoltura professionale in Trentino* Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta un analisi approfondita dei dati rilevati attraverso il 6 Censimento

Dettagli

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso Lazio 18 ottobre 2013 Sala Tirreno, Regione Lazio - Roma

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso Lazio 18 ottobre 2013 Sala Tirreno, Regione Lazio - Roma Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso Lazio 18 ottobre 2013 Sala Tirreno, Regione Lazio - Roma Biomasse forestali: storie di successo Marino Berton presidente

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Testi ed elaborazioni a cura di: PROVINCIA DI CUNEO Settore Risorse Naturali Corso Nizza 21 12100 CUNEO www.provincia.cuneo.it

Testi ed elaborazioni a cura di: PROVINCIA DI CUNEO Settore Risorse Naturali Corso Nizza 21 12100 CUNEO www.provincia.cuneo.it Testi ed elaborazioni a cura di: PROVINCIA DI CUNEO Settore Risorse Naturali Corso Nizza 21 12100 CUNEO www.provincia.cuneo.it Coordinamento tecnico: Settore Risorse Naturali Dirigente: Dott. Ing. Fabrizio

Dettagli

La costruzione di una filiera corta dalla corretta gestione del comparto vitivinicolo e olivicolo: il caso di Castelnuovo Magra

La costruzione di una filiera corta dalla corretta gestione del comparto vitivinicolo e olivicolo: il caso di Castelnuovo Magra Altiani, 17 settembre 2015 La costruzione di una filiera corta dalla corretta gestione del comparto vitivinicolo e olivicolo: il caso di Castelnuovo Magra Sindaco: Dott. Daniele Montebello Assessore Ambiente

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Presentazione dei dati definitivi Friuli-Venezia Giulia Vengono diffusi oggi i risultati definitivi del 5 Censimento dell agricoltura in Friuli- Venezia Giulia. I dati qui presentati riguardano, in particolare,

Dettagli

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio Biomasse forestali tra istituzioni e impresa Roma 18 ottobre 2013 Regione Lazio Dr. Vanessa Gallo FIPER FIPER in

Dettagli

Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa

Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa Uno Sviluppo Energetico Sostenibile per la Provincia di Oristano Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

LEGNO ENERGIA in ITALIA

LEGNO ENERGIA in ITALIA Presentazione LEGNO ENERGIA in ITALIA www.enama.it 56 Fra le rinnovabili i combustibili legnosi rappresentano già la seconda fonte di energia primaria (30%). Nel 2009 sono stati consumati 22,8 milioni

Dettagli

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti Progetto Aniene Green Net Quadro generale e aggiornamenti Una ricchezza del nostro territorio: I boschi Produzione stimata totale annua: 35 121 tonnellate di massa legnosa (stima dell Università della

Dettagli

14/09/2010. Condino, 11 settembre 2010. Maura Gasperi -

14/09/2010. Condino, 11 settembre 2010. Maura Gasperi - Progetto pilota - ricerca per la valorizzazione del legno in Valle del Chiese Condino, 11 settembre 2010 Maura Gasperi - 1 Obiettivi ricerca Dare avvio alla sperimentazione in Valle del Chiese del Piano

Dettagli

Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici.

Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici. Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria

Dettagli

I vantaggi energetico-ambientali

I vantaggi energetico-ambientali Applicazione di una metodologia LCA (Life Cycle Assessment) per una valutazione costi/benefici di carattere ambientale nell impiego di biomasse per la produzione energetica nell Appennino tosco emiliano.

Dettagli

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo 27 del Reg. (CE) n. 1698/2005. Giustificazione logica

Dettagli

Presentazione dei dati definitivi Toscana

Presentazione dei dati definitivi Toscana Presentazione dei dati definitivi Toscana Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Toscana, del 5 Censimento dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano le caratteristiche

Dettagli

La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti

La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti 18 maggio 2012 Università degli Studi di Firenze Biomasse agro-forestali e energie alternative La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti Claudio Fagarazzi Filiera biomassa

Dettagli

Un metodo di stima delle potenzialità economiche ed ambientali delle colture energetiche: il caso dell Emilia Romagna

Un metodo di stima delle potenzialità economiche ed ambientali delle colture energetiche: il caso dell Emilia Romagna POLITECNICO DI MILANO FACOLTÀ DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E TERRITORIALE Un metodo di stima delle potenzialità economiche ed ambientali delle colture energetiche: il caso dell Emilia Romagna Parchi

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

Sottoprogetto 2.1 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi mediolunghi

Sottoprogetto 2.1 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi mediolunghi Sintesi finale del progetto Riselvitalia Sottoprogetto 2.1 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi mediolunghi Ricerca: La valutazione degli investimenti in arboricoltura da legno

Dettagli

Azienda Consorziale Servizi Municipalizzati S.p.A. Primiero (TN)

Azienda Consorziale Servizi Municipalizzati S.p.A. Primiero (TN) Azienda Consorziale Servizi Municipalizzati S.p.A. Primiero (TN) L utilizzo finale della biomassa. Impianti di teleriscaldamento a cippato nel territorio di Primiero Cavalese 20 maggio 2011 1 Sommario

Dettagli

RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO

RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO Fernanda Giorda dottore forestale PREMESSA Le Valli di Lanzo sono situate in provincia di Torino, tra Valle di Susa e Canavese.

Dettagli

regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa

regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa Le linee d azione d regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa Dott. Elisabetta Gravano Settore Programmazione Forestale Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo

Dettagli

Gestione forestale nelle Proprietà Collettive

Gestione forestale nelle Proprietà Collettive Gestione forestale nelle Proprietà Collettive L ESPERIENZA DELL AMMINISTRAZIONE BENI CIVICI DI PESARIIS E LA GESTIONE ASSOCIATA DEI PATRIMONI BOSCHIVI Luca Strazzaboschi Venzone - 19 febbraio 2015 USI

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli

per la STORICITA del distretto, documentata dalla presenza di centri di documentazione sulla cultura locale del prodotto e del lavoro

per la STORICITA del distretto, documentata dalla presenza di centri di documentazione sulla cultura locale del prodotto e del lavoro IL DISTRETTO DELLE ENERGIE RINNOVABILI La Regione Veneto, con Deliberazione della Giunta nr. 1373 del 12 maggio 2009, ha approvato il Patto di sviluppo per il Distretto delle Energie Rinnovabili,e ha individuato

Dettagli

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a Organizzazione Consiglio di Amministrazione Direzione Generale Centro Istruzione e Formazione Centro Ricerca e Innovazione Centro Trasferimento

Dettagli

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova FORESTALE I SESSIONE 2005 Prima prova 1. Il candidato illustri le condizioni di un popolamento di sua conoscenza soggetto a un quadro di dissesto di origine animate o vegetale e dopo puntuale descrizione

Dettagli

DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS

DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PROGETTUALI DELL FCS Nelle seguenti tabelle sono illustrati i dettagli relativi al costo del personale per le attività progettuali condotte dall FCS con l indicazione delle sottofasi.

Dettagli

Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico?

Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico? Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico? Giuseppe Tomassetti, FIRE mcter FOREST Milano, 25 giugno 2014 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia

Dettagli

Le biomasse. Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA

Le biomasse. Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA Le biomasse Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA Biomasse: Definizioni LA DEFINIZIONE DI BIOMASSE SECONDO LA DIRETTIVA SULLE FER La proposta di direttiva sulle fonti rinnovabili considera come

Dettagli

Data: 9 Luglio 2009. Fonte: Terre Marsicane. By Sinopia Communication

Data: 9 Luglio 2009. Fonte: Terre Marsicane. By Sinopia Communication Data: 9 Luglio 2009 Fonte: Terre Marsicane Data: 9 Luglio 2009 Fonte: Il Messaggero Data: 11 Luglio 2009 Fonte: Il Centro Data: 16 Luglio 2009 Fonte: Libero Data: 20 Luglio 2009 Fonte: Il Capoluogo d Abruzzo

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento - Servizio Statistica

Provincia Autonoma di Trento - Servizio Statistica Provincia Autonoma di Trento - Servizio Statistica Il Servizio Statistica della Provincia Autonoma di Trento autorizza la riproduzione parziale o totale del presente volume con la citazione della fonte.

Dettagli

Allegato E (ritenuta acconto per società)

Allegato E (ritenuta acconto per società) Allegato E (ritenuta acconto per società) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA' (artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Il/La Sottoscritto/a Cognome nome, nato/a a il, in qualità

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi Asti 7 marzo 2013 Gestione biomasse e sottoprodotti Dr. Franco Parola agronomo Responsabile Servizio Ambiente e Territorio Coldiretti Piemonte Le conseguenze

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE

FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE ENERGIA E TURISMO DALLE FORESTE IN VALTARO CONTESTO TERRITORIALE La Valtaro è situata in provincia di Parma, negli Appennini

Dettagli

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Torna all indice Foto: A. Raise IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Relatore Stefano Grigolato Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Università degli Studi di Padova Progetto

Dettagli

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt PER CONTATTI E INFORMAZIONI: Società Cooperativa a r.l. - C.F./P. IVA 03527850360 Via Primo Manni,1/3 41026 Pavullo nel Frignano(MO) www.garibaldini.info 4.4 ambiente ed efficienza energetica e-mail: comagri@garibaldini.info

Dettagli

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011 LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste Milano 19 ottobre 2011 I BOSCHI IN LOMBARDIA SUPERFICIE FORESTALE Il 26% della

Dettagli

Convegno FIPER La filiera del legno e lo sviluppo energie rinnovabili in Trentino arch. Giacomo Carlino

Convegno FIPER La filiera del legno e lo sviluppo energie rinnovabili in Trentino arch. Giacomo Carlino Convegno FIPER La filiera del legno e lo sviluppo energie rinnovabili in Trentino arch. Giacomo Carlino Trento, 27 Marzo 2015 Gli assi portanti dei Piani energetici provinciali Dalle competenze istituzionali

Dettagli

Il potenziale del teleriscaldamento a biomassa

Il potenziale del teleriscaldamento a biomassa Terza Conferenza nazionale Ass. sulle rinnovabili termiche Il potenziale del teleriscaldamento a biomassa ROMA 30-31 Maggio 2012 Walter Righini Presidente FIPER 78 Centrale di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 133 del 29.10.2008

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 133 del 29.10.2008 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 133 del 29.10.2008 OGGETTO: Deliberazione della Giunta Regionale nr. 1096 del 16 luglio 2008. Contributi Asse 3 del PSR 2007-2013. Approvazione progetto per la

Dettagli

Una esperienza sul campo

Una esperienza sul campo Una esperienza sul campo Roberto Sacco CEO AGO Energia Rimini, 3 Novembre 2010 Un passo avanti. Indice Introduzione ad AGO Energia Alcune esperienze significative I benefici dell impiego delle biomasse

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

SFALCI E POTATURE SONO RIFIUTI O SOTTOPRODOTTI? Inquadramento normativo corretto ai fini del contributo GSE

SFALCI E POTATURE SONO RIFIUTI O SOTTOPRODOTTI? Inquadramento normativo corretto ai fini del contributo GSE SFALCI E POTATURE SONO RIFIUTI O SOTTOPRODOTTI? Inquadramento normativo corretto ai fini del contributo GSE 1 Sommario: - nel documento che segue vengono evidenziate le importanti modifiche introdotte

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI Accordo volontario settoriale per l utilizzo delle biomasse legnose di origine agricola

Dettagli

Biocarburanti: un alternativa sostenibile?

Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria zezza@inea.it Torvergata Roma 27 NOVEMBRE 2008 Il contesto aumento del prezzo dell energia e della dipendenza

Dettagli

Proposte per un Piano Nazionale per le biomasse e la bioenergia

Proposte per un Piano Nazionale per le biomasse e la bioenergia Scenario Sostenibilità: l Autonomia Energetica dell Alto Tevere Città di Castello, 14 ottobre 2006 Proposte per un Piano Nazionale per le biomasse e la bioenergia Vittorio Bartolelli ITABIA Italian Biomass

Dettagli

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "A. ZANELLI" COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO Il perito agrario è un tecnico con competenze sulla gestione del territorio, sulla gestione

Dettagli

Le biomasse nei consumi domestici

Le biomasse nei consumi domestici Le biomasse nei consumi domestici Marino Berton Con la collaborazione di Valter Francescato ed Eliseo Antonini Energia e Biomasse Legnose Offerta di energia primaria nel mondo - Anno 2003 - Fonte IEA Renewables

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

Schema di riferimento aziende. Nome azienda Comparto e attività svolte Bisogni rilevati. Consulenza come agronomo e certificatore comparto biologico

Schema di riferimento aziende. Nome azienda Comparto e attività svolte Bisogni rilevati. Consulenza come agronomo e certificatore comparto biologico Analisi fabbisogni formativi AGRI.COM - Corso per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli Le attività che sono state messe in atto per l analisi dei fabbisogni formativi e sull utenza

Dettagli