La filiera foresta-legno-energia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La filiera foresta-legno-energia"

Transcript

1 UFFICIO PRODOTTI La filiera foresta-legno-energia IN PROVINCIA DI TRENTO anno

2 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Trento Redazione: Responsabile: A cura di: Autori: In redazione: Osservatorio del Legno - Ufficio Prodotti Area Promozione e Sviluppo Camera di Commercio I.A.A. di Trento Via SS. Trinità, TRENTO Tel , fax Marco Zanoni Mauro Leveghi Mirco Baldo, Federico Giuliani, Bruno Grisenti Maria Cristina Tomasi, Michela Rizzi, Adriano Zanotelli Copertina: Artimedia s.a.s di Trentini Valentina e c., Trento Foto Copertina: Francesco March, Boscaioli nella foresta di Paneveggjo, 1900 ca Torino, Museo Nazionale della Montagna Centro Documentazione Foto esposta alla mostra "Dal Garda alle Dolomiti. Incanti fotografici" di Palazzo Roccabruna, 25 marzo -15 maggio 2011 La pubblicazione è disponibile anche sul sito: Riproduzione, parziale o totale, e diffusione autorizzate con la citazione della fonte.

3 SOMMARIO SIGLE E ACRONIMI...5 INTRODUZIONE...7 BREVE INQUADRAMENTO DEL TRENTINO FORESTALE...8 LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSA IN TRENTINO...10 OFFERTA DI BIOMASSA IN TRENTINO...15 Offerta di biomassa legnosa da imprese d utilizzazione...15 Offerta di biomassa raccolta dai titolari di uso civico...23 Offerta di biomassa derivante dagli scarti agronomici...30 Offerta di biomassa derivante dagli scarti dell industria di prima lavorazione...45 Offerta di biomassa derivante dagli scarti dell industria di seconda lavorazione...57 lavorazione...67 Offerta di biomassa derivante dalla raccolta nei CRM E CRZ...68 Offerta di biomassa da produttori di legna da ardere...72 Offerta di biomassa dei commercianti di legna da ardere, cippato, pellet e briquette...82 DOMANDA DI BIOMASSA IN TRENTINO...90 Uso di legna da ardere in ambito domestico...90 Uso di legna da ardere negli esercizi commerciali Impiego di cippato nelle centrali di teleriscaldamento Impianti a biomassa di piccola taglia a servizio di utenze domestiche o plurifamiliari Reimpiego dei sottoprodotti nelle aziende della filiera Prima lavorazione Seconda lavorazione ANALISI CONCLUSIVE SULLO STUDIO LA FILIERA FORESTA-LEGNO-ENERGIA IN PROVINCIA DI TRENTO Premessa Un bilancio sintetico domanda/offerta di biomasse in Trentino Analisi della domanda Analisi dell offerta Indicazioni relative alle principali tipologie di biomasse in Trentino Legna in ciocchi Cippato CONCLUSIONI Le caratteristiche della filiera foresta-legno-energia in Trentino Le utilizzazioni forestali e gli usi civici Le centrali di teleriscaldamento Le caratteristiche del mercato delle biomasse BIBLIOGRAFIA RIFERIMENTI LEGISLATIVI QUESTIONARI RELATIVI ALL INDAGINE CONDOTTA

4 4

5 SIGLE E ACRONIMI APE: Agenzia provinciale per l energia. AEBIOM: Associazione Europea Industria della Biomassa. APPA.: Agenzia Provinciale Protezione Ambiente della Provincia autonoma di Trento. Art.: articolo. ASUC: Amministrazione Separata Uso Civico. CATI: indagine commissionata dell A.P.P.A al Servizio Statistica riguardante l utilizzo della biomassa a fini energetici in Provincia di Trento. CCIAA: Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura. CE: Conformité Européenne. CER: Catalogo Europeo dei Rifiuti. CNR: Consiglio Nazionale delle Ricerche CRM: Centro di Raccolta Materiale. CRZ: Centro di Raccolta Zonale. D.Lgs: Decreto Legislativo. DPCM: Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. FA.: fascicolo aziendale. GIS: Geographic Information System. GUFOR: database del Servizio Foreste e Fauna della P.A.T. Gestione delle Utilizzazioni Forestali. IASMA: Istituto Agrario di San Michele all Adige. IVALSA: Istituto per la Valorizzazione del Legno e delle Specie Arboree. LP: Legge Provinciale. mc. e o m³: metro cubo. mst: metro stero. M.te: monte. MUD: Modello Unico di Dichiarazione ambientale. Mw: megawatt. n.d.: non disponibile. n.p.: non pervenuto. n.s.: non significativo. ONORM:. Österreichische Norm Norma austriaca. PAT: Provincia autonoma di Trento. PSR: Piano di Sviluppo Rurale. R.D.: Regio Decreto. SIAP: Sistema Informativo Agricolo Provinciale. t: tonnellate. t. eq: tonnellate equivalenti. q.: quintali. q. eq: quintali equivalenti. 5

6 6

7 INTRODUZIONE L uso massiccio di combustibili fossili, principali responsabili del vertiginoso aumento della concentrazione di gas serra nell atmosfera, potrebbe drasticamente essere ridotto se i paesi industrializzati, per la produzione di energia termica ed elettrica, utilizzassero biomassa come combustibile ottenuto da materiale derivante dalle coltivazioni o dalle foreste. L AEBIOM (ASSOCIAZIONE EUROPEA INDUSTRIA DELLA BIOMASSA) afferma che le emissioni di anidride carbonica potrebbero essere ridotte ogni anno di circa milioni di tonnellate 1, se ciò avvenisse. Secondo tale rapporto inoltre la biomassa utilizzata come fonte di energia pulita potrebbe, entro il 2020, contribuire per il 15% dell energia richiesta dai paesi industrializzati; tale filiera produttiva darà origine come affermato dal rapporto sulle nuove opportunità lavorative a circa posti di lavoro entro il , distribuiti prevalentemente nelle zone rurali. L utilizzo di fonti energetiche di origine biologica sarà inoltre utile per il rispetto degli obiettivi nazionali fissati dal protocollo di Kyoto, in materia di energie rinnovabili. A titolo di esempio si cita la Svezia che, al fine di onorare l impegno assunto dal governo per abbandonare l energia nucleare, si sta convertendo alla biomassa. Questa nuova necessità evolutiva, oltre ad un elevata valenza ambientale, e, creerà pertanto nuove opportunità per il settore forestale e per quello agricolo marginale 3. In questo periodo storico si sta pertanto riconsiderando quella che è stata per troppo tempo una valutazione unidirezionale dei problemi del settore forestale, che vedeva l utilizzazione dei boschi italiani come un azione capace di pregiudicare gli equilibri ecologici del sistema. Questo tipo di approccio da un lato ha fatto sì che negli ultimi 50 anni la superficie forestale nazionale raddoppiasse passando da 5 a circa 10 milioni di ettari, ma dall altro ha ridotto le attività selvicolturali, con la conseguenza che poco meno della metà della superficie forestale risulta abbandonata o in libera evoluzione. 1 Quantitativo pari alla somma annua delle emissioni di Italia e Canada 2 Ad esempio solo nel nordest, nel sud-est e lungo la costa ovest degli Stati Uniti, l'industria della biomassa ha già fornito circa posti di lavoro. 3 marginale, che lascia scarso margine economico. 7

8 Una buona gestione forestale, ispirata ai principi della sostenibilità, può, per contro, offrire una rilevante quantità di legno da disporre per il comparto energetico e allo stesso tempo produrre notevoli benefici ambientali, sociali ed economici, senza intaccare l attuale patrimonio forestale. L abbandono della gestione attiva del bosco ha prodotto in passato uno squilibrio del sistema ambientale forestale con conseguenti effetti negativi rilevanti quali: - l aumento del pericolo di incendi; - la riduzione della fruibilità del territorio; - la perdita di valore paesaggistico; - l aumento dei rischi idrogeologici. BREVE INQUADRAMENTO DEL TRENTINO FORESTALE Il territorio Trentino è prevalentemente montano, oltre il 70% della superficie provinciale si trova infatti al di sopra dei 1000 m s.l.m.. La superficie provinciale è di ettari (PAT, 2006/b) e la sua popolazione conta abitanti (Servizio Statistica, PAT dato gennaio 2011). Le foreste occupano circa il 55% 4 del territorio e sono caratterizzate dalla prevalenza netta di formazioni ad alto fusto rispetto ai cedui. La superficie agricola occupa circa l 11% del territorio i pascoli il 17% e quella improduttiva ed urbanizzata il 16%. Circa il 76% del patrimonio forestale è di proprietà pubblica 5 ; questa realtà fondiaria consente un applicazione diffusa delle tecniche per la pianificazione delle risorse forestali nonché un controllo diffuso e continuativo delle condizioni del comparto. Negli ultimi 50 anni, accanto ad un aumento dell area a bosco si è assistito ad una forte espansione delle formazioni ad alto fusto. La biomassa media delle fustaie in termini di volume cormometrico è passata dai 148 mc/ha degli anni 50 ai 201 mc/ha del 1999 (D. Pettenella, F. Giuliani, 2002). I boschi ad alto fusto, in origine marcatamente coetanei, stanno gradualmente assumendo una maggiore stratificazione; il 50% delle fustaie presenta oggi i requisiti della struttura multiplana (fanno eccezione le aree ricadenti soprattutto nei distretti di Cavalese e Malè). 4 Pari all 11% della superficie a bosco nazionale. 5 Demanio provinciale, Comuni ed A.S.U.C. 8

9 La metà della superficie a fustaia presenta soprassuoli che per il 30% sono costituiti da piante di diametro superiore ai 50 cm (PAT, 2006 b). Imprese boschive e segherie Nel 2006 il complesso delle imprese di utilizzazione boschiva, comprendente sia quelle condotte in forma artigianale che quelle con sistema cooperativistico, erano 133. L occupazione complessiva prodotta da tale settore era pari a 309 addetti di cui 173 autonomi, 99 lavoratori dipendenti e 37 stagionali (CCIAA 2007). In termini di produttività del lavoro le rilevazioni condotte dal 1956 al 2003 mostrano un notevole aumento degli indici di produttività media giornaliera (R. Cavalli, R. Bonfioli e G. Giovannini, 2004). Anno di riferimento Quantità M³ m³/anno Addetto m³/giorno 1956 n.d , , ,7 Tabella 1: produttività medie generali (R. Cavalli, R. Bonfioli e G. Giovannini, 2004). L importante impegno da parte dell Amministrazione pubblica provinciale nel contribuire, attraverso finanziamenti specifici, all acquisto di macchinari forestali ha prodotto, negli ultimi 10 anni, un forte ammodernamento. A titolo esemplificativo si riporta un confronto sul parco macchine aziendale in due differenti periodi di riferimento. Nel 1983 la dotazione di gru a cavo riguardava il 38% delle ditte boschive, mentre nel 2003 l utilizzo di tale macchinario è salito al 66% (R. Cavalli, R. Bonfioli e G. Giovannini, 2004). Nel 2006 le aziende di 1 ª lavorazione del legname erano 143 ed occupavano 1085 addetti di cui 333 autonomi, 791 lavoratori dipendenti e 15 stagionali (CCIAA, 2007). Il numero di segherie nel 2000 risultava pari a 145, ma con solo 2 unità in grado di lavorare dai ai m³/anno, 16 unità dai ai m³/anno e 57 unità fino ai m³/anno (Servizio Foreste 2000). Si tratta quindi, per la stragrande maggioranza, di aziende di piccole-medie dimensioni (nel contesto italiano possono essere considerate segherie di medio-grandi dimensioni quelle che lavorano m³/anno M. Merlo, 1992). 9

10 LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSA IN TRENTINO Fin dal 2000 in Trentino, grazie anche all azione di sostegno attuata dalla PAT, sono state indicate due azioni principali volte alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera: la prima si riferisce al miglioramento dell efficienza energetica degli impianti, la seconda alla sostituzione dei combustibili fossili con differenti fonti energetiche alternative. A tal proposito i principali step volti alla sostituzione dell attuale sistema energetico prevedono che entro il 2012 vengano installate circa caldaie a biomassa (nel 2003 erano censiti 197 impianti) e costruite 23 centrali di teleriscaldamento (sempre nel 2003 erano attive solo 2 centrali di teleriscaldamento). Tale previsione formulata nel 2003 consentirebbe di portare l energia termica prodotta da fonti rinnovabili al 45 % del totale 6. In virtù di tali affermazioni appare evidente la necessità di un approfondimento sulle dinamiche interne ai principali settori che compongono la domanda e l offerta di biomassa in Trentino. Metodologia di indagine e fonti informative Sia che si affronti l analisi sotto il profilo della domanda che, a contrario, sotto il profilo dell offerta di biomassa che si genera all intero del territorio trentino, il presente studio si pone l obiettivo di descrive i flussi quantitativi all interno dei molteplici segmenti che compongono e determinano il mercato locale di materia legnosa destinata ad usi energetici. Il lavoro ha quindi lo scopo di descrivere la filiera foresta-legno-energia in provincia di Trento, nella sua strutturazione nel periodo compreso tra il 2008 ed il L intera indagine per semplicità viene quindi distinta nelle seguenti due parti: i. analisi dell offerta di biomassa in Trentino; ii. analisi della domanda di biomassa in Trentino. 6 Il piano energetico provinciale e il sostegno alle energie rinnovabili ; Servizio energia, Trento, 22 Maggio

11 Metodologia di analisi dell offerta di biomassa in Trentino Nel dettaglio lo studio espone i risultati quantitativi dell analisi delle seguenti aree di attività: a) scarti di lavorazione delle utilizzazioni boschive: incontri con il Servizio Foreste e Fauna della provincia di Trento per l individuazione e selezione delle informazioni utili alla quantificazione della biomassa ottenibile da tagli di utilizzazione ordinari e da interventi colturali. Verifica dei dati di produzione di biomassa forestale su sei cantieri boschivi della provincia di Trento, di cui tre di aziende che già reimpiegano gli scarti di utilizzazione boschiva e gli altri tre scelti in base a criteri concordati con la CCIAA; analisi dei dati contenuti nell indagine sulla Filiera foresta-legno in provincia di Trento (CCIAA 2007); b) biomassa raccolta dai titolari di uso civico: raccolta dati relativi alla quantificazione della biomassa utilizzata dai titolari di uso civico per la produzione di energia termica; c) biomassa derivante dagli scarti agronomici: determinazione dei parametri utili alla quantificazione degli scarti agronomici; determinazione della biomassa prodotta sulle superfici coltivate a specie legnose e destinabile a fini energetici; d) scarti dell industria di 1ª lavorazione: analisi dei dati contenuti nell indagine sulla Filiera foresta-legno in provincia di Trento ; somministrazione di un questionario ai titolari delle aziende di prima lavorazione con intervista telefonica; e) scarti dell industria di 2ª lavorazione: analisi dei dati contenuti nell indagine redatta dalla CCIAA; somministrazione di un questionario ai titolari delle aziende di seconda lavorazione con intervista telefonica; f) biomassa raccolta nei CRM e CRZ: analisi delle modalità di trattamento del rifiuto verde urbano e del legno vergine in base alla normativa vigente, intervista alle aziende municipalizzate che gestiscono i CRM e CRZ; g) produttori di legna da ardere: questionario somministrato ad un campione di aziende produttrici di legna da ardere con intervista diretta o telefonica; h) commercianti di legna da ardere, cippato, pellet e briquette: analisi dell offerta di biomassa di esercizi commerciali di combustibili legnosi, tramite questionario sottoposto ai titolari degli esercizi stessi con intervista diretta o telefonica. 11

12 Metodologia di analisi della domanda di biomassa in Trentino Nel dettaglio lo studio della domanda riguarda: a) uso di legna da ardere in ambito domestico: tramite analisi bibliografica dei dati contenuti nell indagine CATI commissionata dall APPA e redatta dalla PAT - Servizio Statistica; b) uso di legna da ardere negli esercizi commerciali (pizzerie): mediante la redazione di questionari creati ad hoc, composti dai numerosi quesiti a risposta multipla/sintetica somministrati ai titolari di attività commerciali che utilizzano combustibili legnosi. La compilazione del test è stata svolta mediante intervista telefonica; c) impiego di cippato nelle centrali di teleriscaldamento: attraverso l analisi di questionari, creati ad hoc, contenenti più quesiti a risposta multipla/sintetica e sottoposti ai responsabili delle centrali a biomassa (intervista eseguita nelle sedi delle centrali di teleriscaldamento); d) impiego di cippato/pellets negli impianti di piccola taglia: tramite l analisi di questionari creati ad hoc, contenenti più quesiti a risposta multipla/sintetica e sottoposti ai proprietari dell impianto, con somministrazione tramite intervista telefonica; e) reimpiego dei sottoprodotti nelle aziende della filiera: approfondimento sui dati riguardanti il reimpiego aziendale dei sottoprodotti di lavorazione per la produzione di energia termica/elettrica da parte delle aziende appartenenti ai segmenti della prima e della seconda lavorazione; la base dei dati per l analisi in parola è costituita dalla più volte citata indagine camerale sulla filiera foresta legno. Modalità di reperimento dei dati ed elaborazioni Lo svolgimento delle ricerche nei vari ambiti si è sviluppata principalmente attraverso le seguenti fasi: a. ricerca bibliografica su lavori analoghi, cataloghi cartacei e informatici, richiesta di informazioni agli uffici di competenza dell Amministrazione provinciale o di altri Soggetti istituzionali; b. formulazione di questionari predisposti ad hoc per ciascuna area di indagine e somministrazione degli stessi ad un campione significativo della popolazione o alla popolazione dei soggetti interessati, quando l ampiezza della stessa lo consentiva; 12

13 c. le informazioni raccolte sono state sottoposte ad inferenza statistica secondo il sistema proporzionale semplice; d. selezione e rielaborazione dei dati raccolti al fine di descrivere al meglio la realtà per ciascuna area di indagine della filiera foresta-legno-energia nella provincia di Trento. Per ogni settore soggetto ad analisi sono stati predisposti degli schemi sommari finali indicanti, oltre ai principali punti di forza e/o di debolezza, specifici indicatori sintetici descrittivi (volumi, valore economico) della situazione attuale. Durante la realizzazione del lavoro, al raggiungimento di step significativi, i risultati parziali sono stati esposti ai componenti del gruppo di lavoro appositamente predisposto. Questa metodologia operativa, caratterizzata da un processo di confronto-informazione partecipata tra più stakeholder, con formazione ed ambito professionale differente, ha garantito il perseguimento di una migliore qualità del lavoro. I componenti del tavolo di lavoro avente funzione di indirizzo, confronto e monitoraggio sui documenti prodotti sono rispettivamente: Dott. Mauro Leveghi (CCIAA TN Dirigente Area 4 Promozione e Sviluppo); Dott. Mauro Colaone Dott. Enrico Tonezzer Dott. Francesco Dellagiacoma (Servizio Foreste e Fauna - PAT); Dott. Giovanni Giovannini (Servizio Foreste e Fauna - PAT); Dott. Adriano Zanotelli (CCIAA Direttore Ufficio Prodotti); Dott.ssa Maria Cristina Tomasi (CCIAA - Ufficio Prodotti); Dott.ssa Michela Rizzi (CCIAA - Ufficio Prodotti). Nelle fasi iniziali di indirizzo e in alcune fasi esecutive del lavoro hanno collaborato: Ing. Renzo Conotter (Agenzia Provinciale Energia PAT); Dott. Gianni Picchi (CNR IVALSA); Dott.ssa Silvia Silvestri (Area Sperimentazione agraria, ambientale e forestale della Fondazione Edmund Mach - IASMA). I componenti del gruppo operativo con funzione esecutiva nell ambito dell indagine sono: Dott. Federico Giuliani; Dott. Mirco Baldo; Dott. Bruno Grisenti; Dott. Damiano Fedel; Dott. Federico Salvagni; Dott. ssa Samantha Casagranda; P.a. Nicola Angeli. 13

14 Tabelle di conversione I dati raccolti sono stati uniformati utilizzando idonei rapporti di conversione specificatamente rappresentati nelle tabelle sottostanti. Tabella 2: rapporti di conversione legno legna cippato, la tabella riporta i fattori orientativi di conversione tra i più comuni assortimenti da energia riportati in allegato alle norme austriache ONORM M7 132 E M7133 [3] da Legna e cippato manuale pratico AIEL. Tabella 3: masse volumetriche e steriche di alcune specie forestali, da Legna e cippato manuale pratico AIEL. Unità di misura Per meglio confrontare i dati fra loro è stata introdotta la tonnellata equivalente, vale a dire la trasformazione di biomassa espressa in metri cubi (mc), metri steri (mst) o in tonnellate (t.) al 40% di contenuto idrico secondo le differenti essenze legnose e formati commercializzati ( ad esempio: 1 mst di cippato forestale di abete rosso con contenuto idrico al 40% equivale a 0,26 tonnellate). 14

15 OFFERTA DI BIOMASSA IN TRENTINO Come evidenziato in precedenza si procede di seguito alla descrizione dei vari filoni di indagine che riguardano lo stato dell offerta attuale di biomassa legnosa in provincia di Trento. Offerta di biomassa legnosa da imprese d utilizzazione Le imprese di utilizzazione boschiva presenti al 2006 in provincia di Trento sono 133. L occupazione complessiva prodotta da tale settore è pari a 309 addetti di cui: 173 autonomi; 99 lavoratori dipendenti; 37 stagionali (C.C.I.A.A. 2007). In termini di produttività del lavoro il potenziale espresso appare notevole e si attesta sui 6,7 mc/giorno 7 per addetto in virtù del fatto che negli ultimi anni i si è assistito ad un forte ammodernamento del settore; ma per contro poche aziende presentano un livello di dotazioni e di occupazione tale da garantire un adeguata capacità organizzativa. Durante le fasi di analisi della filiera e della potenziale offerta di biomassa è stato pertanto individuato un elenco di aziende del settore (tramite incontri con il Servizio Foreste e Fauna della PAT) che potevano presentare attività di produzione di biomassa, estrapolando 12 nominativi rappresentativi dell intera popolazione. A queste aziende è stato somministrato un questionario telefonico che ha avuto l esito sotto evidenziato. ESITO Totale INTERVISTATO 6 50% RIFIUTA INTERVISTA 1 8% NON TROVATO 3 25% NO AZ LEGNAME 1 8% APPUNTAMENTO 0 0% N. ERRATO O MANCANTE 1 8% Tabella 4: esito interviste eseguite 7 dato riferito a metri cubi netti di legname utilizzato per giornata di lavoro e per addetto (Tesi laurea G. Giovannini Il comparto delle imprese boschive in provincia autonoma di Trento, 2004) 15

16 Le aziende di utilizzazione forestale intervistate hanno dichiarato una potenzialità produttiva, riferita al 2008 e al territorio trentino, pari a mst di biomassa; applicando l inferenza statistica si arriva ad una stima di mst ( quintali potenziali equivalenti). La biomassa ha origine forestale per l 85% in volume, agricola e da ripulitura d alveo rispettivamente per il 7% e l 8%. AGRICOLA 7% RIPULITURA ALVEI/ CORSI D'ACQUA 8% FORESTALE (conto terzi) 40% FORESTALE (diretta) 45% Grafico 1: origine della biomassa. L impiego di risorse umane e di mezzi che assolvono a tale funzione produttiva appare discontinuo e non omogeneo nell ambito del settore considerato in quanto, ad aziende che si sono specializzate nel recupero degli scarti d utilizzazione o delle ramaglie (lavoro conto terzi), si contrappongono aziende che impegnano solo marginalmente le risorse a disposizione. La disponibilità di materiale in genere la seguente origine (in % rispetto al volume complessivo lavorato): a) azioni prescrittive nel 18% dei casi; b) contratti di subappalto nei confronti di altre imprese d utilizzazione o per la valorizzazione del materiale disponibile all imposto, per il 47% dei casi; c) stimoli diretti dalla filiera a valle e mai realizzati dalla filiera a monte, nel 19% dei casi. Tale condizione sottolinea come la filiera subisca un certo rallentamento del dinamismo commerciale già nei primissimi attori, che si attivano più per forme vincolistiche piuttosto che per reale convenienza alla valorizzazione del materiale. 16

17 9% 4% 14% OBBLIGO ASPORTAZIONE IMPARTITO DAL PROPRIETARIO FORESTALE 19% OBBLIGO ASPORTAZIONE IMPARTITO DALL'ASSEGNO FORESTALE CONTRATTO DI SUBAPPALTO CON IMPRESA DI UTILIZZAZIONE VALORIZZAZIONE MATERIALE DISPONIBILE ALL'IMPOSTO RICHIESTA MATERIALE LEGNOSO INOLTRATO DALL'ACQUIRENTE 21% 33% ALTRO Grafico 2: disponibilità di materiale. I cantieri preferiti dalle imprese d utilizzazione forestale, per le operazioni di valorizzazione degli scarti di lavorazione, sono quelli gestiti in condizioni operative ordinarie, su lotti che utilizzano la gru a cavo per l esbosco di piante intere consentendo una notevole concentrazione di materiale a valle del lotto boschivo e/o su piazzale. 13% 7% 11% 5% 5% 59% VERBALE D'ASSEGNO E DISPONIBILITA' PIANTE MORTE E DEPERIENTI ESBOSCO CON GRU A CAVO DI PIANTE INTERE ANALISI SULL' ACCESSIBILITA' DEL LOTTO VOLUME MINIMO DISPONIBILE ANALISI INDISTINTA DI TUTTI I LOTTI ALTRO Grafico 3: importanza attribuita prevalentemente sulle potenzialità del lotto. 17

18 Alcune aziende dichiarano di effettuare le operazioni di valorizzazione della biomassa su cantieri ad hoc (bonifiche, miglioramenti ambientali, ) in cui la scarsa qualità merceologica del popolamento arboreo impone la sola valorizzazione del materiale come biomassa. Si evidenzia, inoltre, come, tra le caratteristiche del lotto scelto per effettuare le operazioni in oggetto, si attribuisca un importanza discreta al fatto di avere potenzialmente a disposizione una buona quantità di legno puro e quindi di lotti con una bassa rilevanza ponderale della ramaglia. Per quanto concerne la valutazione sui costi di accantieramento, riferiti ai volumi totali lavorati, si nota come le aziende dichiarino di attribuire pari importanza alle caratteristiche della viabilità, al volume disponibile e alla distanza dal punto di conferimento. Le ditte non riconoscono una sola componente di costo come vincolante, ma piuttosto indicano indistintamente un elenco di voci che partecipano alla definizione delle problematiche economiche riscontrate a livello logistico. Elevata anche la quota di materiale legnoso che viene movimentato e lavorato senza un analisi sui costi d accantieramento (14% in volume). 13% 31% 28% 28% SVILUPPO E CARATTERISTICHE VIABILITA' VOLUME MATERIALE DISPONIBILE DISTANZA DAL PUNTO DI CONFERIMENTO NESSUNA VALUTAZIONE EFFETTUATA Grafico 4: importanza attribuita ai costi di accantieramento. Alla specifica domanda se il tondame di scarto venga separato dalla ramaglia, le imprese rispondono univocamente affermando che, laddove è possibile, viene condotta una selezione del materiale al fine di ridurre le problematiche di eccessiva fermentazione del cippato (se ricco in sostanza verde), con conseguente deprezzamento del materiale. 19

19 Le aziende evidenziano, inoltre, una convenienza alla ridistribuzione in bosco delle ramaglie (intere o cippate), qualora queste siano state scartate sotto il profilo qualitativo o si trovino in punti logisticamente difficili. Ciò perché, con questi presupposti, esse quantomeno partecipano al mantenimento del sistema ambientale. La logistica preferita per il trasporto e recupero della biomassa è data dalla cippatura effettuata direttamente su piazzale con successiva consegna diretta al cliente del cippato (62% in volume). Nella restante parte dei casi la biomassa viene caricata sfusa e concentrata per la successiva lavorazione (38% in volume). 20% 52% 16% 10% 2% Grafico 5: logistica applicata nel recupero della biomassa. SFUSO SU MEZZI DI TRASPORTO VERSO PIAZZALI FORESTALI PIU' ACCESSIBILI SFUSO SU MEZZI DI TRASPORTO VERSO PIAZZALI AZIENDALI SFUSO SU MEZZI DI TRASPORTO VERSO PIAZZALI PRESENTI PRESSO CLIENTI CIPPATO SUL POSTO E TRASPORTATO VERSO PIAZZALI AZIENDALI CIPPATO SUL POSTO E TRASPORTATO VERSO PIAZZALI CLIENTE Il dato rivela, da una parte, che le aziende ritengono opportuna una riduzione delle fasi di lavoro per contrarre i costi e, dall altra, che i cantieri in cui viene effettuata la scelta di valorizzazione della biomassa risultante dalle utilizzazioni forestali, sono di per sé sempre ben strutturati logisticamente. La location consente infatti la possibilità di effettuare lavorazioni suppletive (ad indicare una filiera corta ) e, laddove l accesso ai mezzi è sempre garantito, il sistema di recupero del materiale ha quindi effettiva applicazione solo in circostanze specifiche. La destinazione prevalente della biomassa ricavata ha scopi energetici, sia che si tratti di materiale cippato o che si tratti di materiale intero o di altro tipo, questo nello specifico fa riferimento alla fornitura di materiale per un termovalorizzatore per la produzione elettrica. 20

20 82% CIPPATO PER CENTRALI DI TELERISCALDAMENTO BIOMASSA INTERA PER CENTRALI DI TELERISCALDAMENTO INDUSTRIA PANNELLO ALTRO 3% 8% 7% Grafico 6: destinazione della biomassa. Gli intervistati evidenziano come nel prossimo futuro si attendano un incremento di richiesta di biomassa attorno al 20%, ad indicare una forte aspettativa della rivalutazione del rafforzamento della filiera. La natura contrattuale che lega l impresa d utilizzazione forestale al bene ha valenza sul singolo lotto e, solo in un caso, si è registrata la presenza di un contratto di fornitura annuale. Si evidenzia inoltre come la cessione della ramaglia e degli scarti d utilizzazione all impresa che procederà alla lavorazione della stessa è per la maggior parte dei casi gratuita. 20

21 CONTRATTO DI CESSIONE GRATUITA DEL BENE 74% ACQUISTO DELLA BIOMASSA 6% PERCEPISCE PREZZO PER L'ASPORTAZIONE DELLA BIOMASSA 20% Grafico 7: natura contrattuale della prestazione. La vendita del cippato spunta un prezzo medio posto attorno ai 12 /mst, con oscillazioni di +/-2 /mst; la legna intera viene invece venduta da 1 a 3,5 /qle; degno di nota l interesse di aziende alla creazione di un listino prezzi di riferimento. Si evidenzia inoltre come il materiale venduto non venga controllato qualitativamente, se non in ordine alla presenza di terra o di materiale verde; mancano verifiche circa il contenuto idrico o la potenziale produzione di ceneri. Sommario - offerta di biomassa legnosa da imprese di utilizzazione Punti di forza: I. filiera corta; II. aspettative di mercato: le aziende si attendono un incremento della domanda; III. esistenza di aziende specializzate nel recupero degli scarti d utilizzazione: IV. il 47% dei casi di riutilizzo degli scarti d utilizzazione è legato a contratti di subappalto; V. volontà di partecipazione al mantenimento del sistema ambientale. Punti di debolezza: I. l offerta di materiale deriva da vincoli di natura contrattuale (28 % dei casi) e solo nel 19 % dei casi da esigenze di mercato; II. la valorizzazione del materiale è legata a cantieri ad hoc (esempio bonifiche, cambi coltura..) o cantieri legati all utilizzo di gru a cavo; 21

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA

COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA INCENTIVI PREVISTI DAL P.S.R. 2007-2013 REGIONE PIEMONTE REALIZZAZIONE DI INVESTIMENTI VOLTI AL MIGLIORAMENTO DELL AMBIENTE E DELLA

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli