REGOLAMENTO CONCESSIONE LEGNAME USO INTERNO E LOTTI LEGNA DA ARDERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO CONCESSIONE LEGNAME USO INTERNO E LOTTI LEGNA DA ARDERE"

Transcript

1 AMMINISTRAZIONE SEPARATA BENI DI USO CIVICO DI JAVRÈ Casa Guste, 65 - Javrè Villa Rendena (TN) C.F P.IVA APPROVATO CON DELIBERA N. 31 di data integrato con delibera n. 32 di data 30 luglio 2012 modificato con delibera n. 35 di data 24 ottobre REGOLAMENTO CONCESSIONE LEGNAME USO INTERNO E LOTTI LEGNA DA ARDERE La cessione del legname uso interno per i censiti di Javrè è regolata dalle seguenti norme: 1) Il legname uso interno spetta a tutti i censiti, per qualsiasi casa, sita sul territorio del Comune di Villa Rendena, nel caso di rifabbrico vero e proprio, per una quantità max di mc. 15, previa presentazione di tutta la documentazione elencata nel successivo art ) Il legname uso interno spetta a tutti i censiti, per la prima casa, sempreché la stessa sia destinata ad abitazione di colui che ha ottenuto dal Comune la concessione di edificare, e con esclusione quindi delle abitazioni destinate ad uso turistico. 3) Il legname ad uso interno spetta a tutti i censiti per la casa da mont, e per la II^ casa, per le case vecchie, e ancorato alle superfici della casa e del tetto per le case nuove, purchè adibite ad uso del proprietario, che ha ottenuto il necessario nulla osta edilizio, al prezzo stabilito dal verbale d assegno forestale.

2 4) Il legname può essere concesso al prezzo uso interno, o gratuito, o ad un prezzo da destinarsi: alle Associazioni o gruppi della frazione di Javrè, al gruppo dei Vigili del fuoco di Villa Rendena,. 5) Legname gratuito o a prezzi più bassi può essere concesso in caso di pubbliche calamità (incendi, alluvioni, frane, valanghe ). 6) Legname per la costruzione o l ampliamento di industrie artigiane, agricole, alberghiere e commerciali, per un max di 15 mc., può essere concesso ad un prezzo non inferiore a quello uso interno stabilito dal verbale d assegno forestale. 7) Il legname uso interno può essere concesso, per un max di 15 mc., per la manutenzione ordinaria delle abitazioni esistenti: realizzazione di finestre, serramenti esterni, poggioli, scale esterne e recinzioni, dietro presentazione di preventivo predisposto da un tecnico o da un artigiano del settore. E esclusa esplicitamente ogni concessione di legname per sistemazione interne degli edifici. 8) Le stanghe con diametro inferiore o pari a cm. 15 possono essere assegnate presentando domanda al Comitato A.S.U.C. che valuterà caso per caso. 9) Il prezzo di cessione del legname uso interno viene stabilito nel 50 % della stima forestale del lotto. La richiesta di assegnazione del legname uso interno dovrà essere presentata entro e non oltre il 31 gennaio di ogni anno, e comunque prima della Sessione Forestale. 10) Il richiedente potrà fare domanda di legame uso interno una sola volta per ogni proprietà. 2

3 11) Per la richiesta di legname uso interno per la costruzione o riparazione di case, è necessario venga prodotta la seguente documentazione: a) domanda in carta semplice firmata dal/i proprietario/i dell edificio, con indicata la casa, la via, il numero civico o la località, nonché la particella edificiale: b) preventivo analitico e dettagliato del legname occorrente, firmato da un tecnico o dal carpentiere, la percentuale di aumento per lo sfrido da segagione è fissata nel 25 %. c) schizzo del tetto, firmato da un tecnico o dal carpentiere, nonché dal richiedente, con indicate le misure del coperto per il quale si chiede la concessione del legname, specificando chiaramente la superficie del tetto. d) presentando copia dell autorizzazione ai lavori, ove richiesta, concessa dagli Uffici competenti. 12) Il legname deve essere tagliato, salvo proroga motivata, entro sei mesi dalla data della consegna dello stesso in piedi. 13) Il pagamento del legname concesso avverrà a presentazione di relativa fattura al momento dell asporto del legname. Nel caso di mancato pagamento, saranno applicati gli interessi di mora nella misura pari a quella applicata dalla Tesoreria. 3

4 APPROVATO CON DELIBERA N. 31 di data La cessione del lotto di legna da ardere per i censiti di Javrè è regolata dalle seguenti norme: 14) Hanno diritto all assegnazione di un lotto di legna da ardere (incant - part) i Capifamiglia residenti nella frazione di Javrè. 15) Le richieste del lotto di legna da ardere devono essere presentate all A.S.U.C. L avente diritto deve presentare richiesta in carta semplice personalmente o su modulo già predisposto dall Amministrazione. 16) Il lotto di legna da ardere può essere distribuito in forme diverse: in piedi nel bosco, pianta con bostrico, pianta sradicata, pianta secca, ramaglie e scarti dal lotto di legname ad uso commercio; con preventivo avviso all albo frazionale ed informatico per almeno 15 giorni. 17) Il lotto è individuato all interno di una o più zone stabilite dall Amministrazione su indicazione del Custode Forestale, dell Ispettorato Forestale distrettuale e/ dal censita richiedente. 18) Il lotto di legna da ardere è assegnato entro il 31 marzo o entro il 30 settembre di ogni anno, sono esclusi dall assegnazione per 5 (cinque) anni, coloro che non hanno fatturato il lotto assegnato. 19) Il prezzo del lotto di legna da ardere è stabilito in. 10,00 (diecivirgola/00) e tale somma deve essere versata al Tesoriere. 20) Il lotto assegnato deve essere fatturato entro e non oltre i diciotto mesi dalla data dell assegnazione. Scaduto tale termine, il lotto di legna da ardere, torna di proprietà dell Amministrazione e l assegnatario decade da ogni diritto sullo 4

5 stesso e, in tal caso, non viene restituito il prezzo del lotto versato in precedenza. 21) Gli aventi diritto devono attenersi alle norme forestali vigenti, specialmente quelle sulla sicurezza durante le operazioni di taglio, esbosco e trasporto della legna. Inoltre devono provvedere alla pulizia del bosco, delle strade, comprese le canalette di deflusso dell acqua piovana, dei sentieri, dei rii d acqua nonché all accatastamento delle ramaglie non asportate, secondo le modalità prescritte di volta in volta dal Custode Forestale. Gli assegnatari saranno responsabili di eventuali danni causati a persone e/o cose nelle operazioni di taglio, esbosco e trasporto. 22) L A.S.U.C. declina ogni responsabilità per danni arrecati a persone e/o cose e il richiedente dovrà firmare, per presa visione e per accettazione il presente regolamento. 23) Il Comitato d Amministrazione è delegato all esecuzione della presente normativa nell ambito dei principi sopra prefissati. Data e firma per presa visione e per accettazione 5

COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI

COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 61 del 21.12.2011 ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEI DIRITTI E IL GODIMENTO DEI BENI D'USO CIVICO

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEI DIRITTI E IL GODIMENTO DEI BENI D'USO CIVICO AZIENDA FORESTALE TRENTO SOPRAMONTE Azienda Speciale Consorziale PEFC/18-21-02/137 38121 TRENTO - Via Lunelli, 48 Tel. 0461 420578 Fax 0461 825881 E-mail: info@aziendaforestale.tn.it Cod.fisc. 80016510226

Dettagli

Verbale di Deliberazione n. 11/2014

Verbale di Deliberazione n. 11/2014 AMMINISTRAZIONE SEPARATA USI CIVICI DI DERCOLO COMUNE DI CAMPODENNO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione n. 11/2014 OGGETTO: Realizzazione sorti legna esercizio 2014 a favore dei Frazionisti di

Dettagli

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. NR. 12 DEL 27.02.1997

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE n. 3/2015 del Comitato di Amministrazione

VERBALE DI DELIBERAZIONE n. 3/2015 del Comitato di Amministrazione AMMINISTRAZIONE SEPARATA BENI USI CIVICI DI SEGNO COMUNE DI PREDAIA (Provincia di Trento) con sede in Via Barbacovi 4 frazione Taio -38012 PREDAIA - Tel. (0463) 468114 - Fax 468521 Codice fiscale e p.iva

Dettagli

AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino

AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino L'Istituto per le Piante da Legno e l'ambiente (IPLA S.p.A.), in qualità di comodatario della "Tenuta Millerose" sede dell Istituto di Proprietà

Dettagli

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana 1 Tarvisio, 8 marzo 2013 Studio Tecnico Forestale Provincia di Trento 6.206 km2

Dettagli

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Regolamento dell azienda comunale acqua potabile e fognatura Pagina 1 di 7 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO COMUNE DI VIGOLO VATTARO (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE A TERZI DI TERRENI DI USO CIVICO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 35 del 29.12.1999 Modificato con delibera

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

Comune di Oristano. Provincia di Oristano CONTRATTO PER LA VENDITA DI LEGNA DI EUCALIPTO DA PRELEVARE

Comune di Oristano. Provincia di Oristano CONTRATTO PER LA VENDITA DI LEGNA DI EUCALIPTO DA PRELEVARE Comune di Oristano Provincia di Oristano CONTRATTO PER LA VENDITA DI LEGNA DI EUCALIPTO DA PRELEVARE ALL INTERNO DEL PERIMETRO DELL AREA DI PROPRIETA COMUNALE SITA IN LOCALITA PABARILE REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI

COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI DIRITTI DI USO CIVICO DEL LEGNATICO Approvato con Delibera Consigliare n. del Articolo 1 Principi 1) Il Comune individua

Dettagli

DIRETTIVE PER LA VENDITA DI ASSORTIMENTI LEGNOSI INERENTI L EUCALIPTETO POSTO IN AGRO DI SILI REGIONE PABARILE LOTTO A DI CUI ALLA

DIRETTIVE PER LA VENDITA DI ASSORTIMENTI LEGNOSI INERENTI L EUCALIPTETO POSTO IN AGRO DI SILI REGIONE PABARILE LOTTO A DI CUI ALLA DIRETTIVE PER LA VENDITA DI ASSORTIMENTI LEGNOSI INERENTI L EUCALIPTETO POSTO IN AGRO DI SILI REGIONE PABARILE LOTTO A DI CUI ALLA PROCEDURA NEGOZIATA ESPERITA IN DATA 20.03.2014 APPROVATA CON DETERMINAZIONE

Dettagli

PARERE PREVENTIVO. Tempi di attesa: Il parere verrà espresso entro 30 giorni dall arrivo della richiesta al Servizio SPISAL.

PARERE PREVENTIVO. Tempi di attesa: Il parere verrà espresso entro 30 giorni dall arrivo della richiesta al Servizio SPISAL. PARERE PREVENTIVO Richiesta di parere preventivo: il privato cittadino, il libero professionista o la ditta possono richiedere un parere preventivo per la realizzazione di nuova costruzione, ampliamento,

Dettagli

COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P.

COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P. COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 3 del

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA in materia di Attività Produttive. ai sensi dell art. 19 della Legge n. 241 del 07.08.1990 e s.m.i.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA in materia di Attività Produttive. ai sensi dell art. 19 della Legge n. 241 del 07.08.1990 e s.m.i. S.C.I.A. N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA in materia di Attività Produttive ai sensi dell art. 19 della Legge n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI RELATIVI ALLA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI RELATIVI ALLA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI RELATIVI ALLA RIMOZIONE DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 21del 19.04.2002 Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI COMUNE DI CASTELLO - MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI Approvato con deliberazione del

Dettagli

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento.

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. Distinguendo a seconda che

Dettagli

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 PREMESSA La Regione Lombardia, con deliberazione di Giunta regionale del 28 novembre 2003 n. 7/15276,

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE

PERMESSO DI COSTRUIRE PERMESSO DI COSTRUIRE - Dove si presenta : L istanza per l autorizzazione alla realizzazione di nuova costruzione, ampliamento, variante o cambio d uso di edifici da adibire ad attività lavorative deve

Dettagli

Regolamento esecutivo delle Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della C.E.I. per i beni culturali ecclesiastici

Regolamento esecutivo delle Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della C.E.I. per i beni culturali ecclesiastici Regolamento esecutivo delle Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della C.E.I. per i beni culturali ecclesiastici ART. 1 Destinazione dei contributi 1. I contributi finanziari

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE 2 RENDE NOTO

IL DIRIGENTE DEL SETTORE 2 RENDE NOTO Prot. n. 55093 del 01.10.2015 COMUNE DI SCHIO (Provincia di Vicenza) Via F.lli Pasini n. 33 36015 Schio Tel. 0445/691317 Fax 0445/691437 E-mail: ambiente@comune.schio.vi.it Sito internet http: www.comune.schio.vi.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FIERA PROVINCIALE DEL TARTUFO

REGOLAMENTO DELLA FIERA PROVINCIALE DEL TARTUFO COMUNE DI BORGOFRANCO SUL PO PROVINCIA DI MANTOVA AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO SVILUPPO SOCIOECONOMICO REGOLAMENTO DELLA FIERA PROVINCIALE DEL TARTUFO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 27

Dettagli

RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE)

RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE) Prot. N... Rich. N. /.. O.d.L. N... RICHIESTA DI PREVENTIVO PER ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA (E RILASCIO DI NULLA OSTA IN CASO DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILATE) Il sottoscritto (1)

Dettagli

PARERE IGIENICO SANITARIO

PARERE IGIENICO SANITARIO (C.E. per frazionamento) Istanza in bollo Al Responsabile di P.O. N. 4 Settore Urbanistica Del Comune di Casteltermini Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per frazionamento. Il sottoscritto.., nato

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE AVVISO DI ASTA PUBBLICA Vendita e utilizzazione del materiale legnoso assegnato al taglio nella particella forestale n. 17 del P.A.F. Bosco Comunale Santa Giulia Estensione di circa Ha 31,65.63 IL RESPONSABILE

Dettagli

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 000 n. 7, artt. 4 e 5 PREMESSA La Regione Lombardia, con deliberazione di Giunta regionale del 30 luglio 004 n. 7/8396 ha

Dettagli

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n.

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n. CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE approvato con delib. del Commissario Straordinario n.723 del 25/10/1984 TITOLO I GESTIONE DELL ACQUEDOTTO E SISTEMA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

CITTA DI TORRE DEL GRECO 3^ AREA

CITTA DI TORRE DEL GRECO 3^ AREA CITTA DI TORRE DEL GRECO 3^ AREA Regolamento per la concessione in uso delle palestre coperte e degli spazi aperti adibiti ad attività sportive annessi alle scuole cittadine di proprietà comunale CITTA

Dettagli

LAVORI FORESTALI 2014

LAVORI FORESTALI 2014 LAVORI FORESTALI 2014 Durante l anno 2014 da parte di questa Regola sono stati fatturati e poi venduti mc. 2.889 di legname provenienti dalle seguenti zone: - Lotto Zaluna mc. 87 fatturato dalla ditta

Dettagli

COMUNE DI LANUSEI Provincia dell Ogliastra

COMUNE DI LANUSEI Provincia dell Ogliastra COMUNE DI LANUSEI Provincia dell Ogliastra AREA SERVIZI TECNICI Prot. n. 4196 / OP. 118/B Lanusei, 13.04.2015 AVVISO PUBBLICO PER LA VENDITA ALL'IMPOSTO DI LEGNA DA ARDERE Il Comune di Lanusei, in esecuzione

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

Comune di SAINT-MARCEL

Comune di SAINT-MARCEL Comune di SAINT-MARCEL Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI POSTI AUTO COPERTI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 13 del 11.04.2011 INDICE

Dettagli

COMUNE DI FORLI DEL SANNIO Provincia di I S E R N I A

COMUNE DI FORLI DEL SANNIO Provincia di I S E R N I A COMUNE DI FORLI DEL SANNIO Provincia di I S E R N I A Piazza Municipio, 18 Telefono 0865 84301 Fax 0865 84203 E-mail: forlidelsannio@tin.it CF: 80050230947 P.Iva 00205770944 Prot. n. 2329 UFFICIO TECNICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI Via Vittorio Emanuele II n.1 20039 Varedo (MI) tel. 0362.5871 fax 0362.544540 - c.f. 00841910151 - p.i. 00696980960 REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI 1 CAPO I - PRINCIPI Art. 1 - INDIVIDUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280)

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) PROT.N. 1248/2012 li 22.03.2012 OGGETTO: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NEL PORTO COMUNALE E SULLA RIVA GRANDE SCADENZA

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE. a cura di Paola Martina

AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE. a cura di Paola Martina AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE a cura di Paola Martina RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 1 co, 87 Legge di stabilità 2014 D.L. 4 giugno 2013 n. 63, convertito, con modifiche, dalla L. 3

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 60 del 02 dicembre 2002 PROVINCIA DI NAPOLI - Città Metropolitana Area Attività Produttive Ufficio di Coordinamento Via Don Bosco 4/f - 80144 Napoli - Tel.

Dettagli

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F.

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F. REGOLAMENTO INTERNO della FUTURHAUS Società Cooperativa Edilizia a r.l. Sede in Roma Lungotevere di Pietra Papa, 95 00146 Capitale Sociale versato e sottoscritto Euro 1.750,00 Iscritta al n. 07456230585

Dettagli

PARERE PREVENTIVO. - Tempi di attesa: Il parere verrà espresso entro 30 giorni dall arrivo della richiesta al Servizio SPISAL.

PARERE PREVENTIVO. - Tempi di attesa: Il parere verrà espresso entro 30 giorni dall arrivo della richiesta al Servizio SPISAL. PARERE PREVENTIVO - Richiesta di parere preventivo: il privato cittadino, il libero professionista o la ditta possono richiedere un parere preventivo per la realizzazione di nuova costruzione, ampliamento,

Dettagli

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione Modificata con L.R. 1 agosto 1977, n. 79 Modifiche alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI.

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI. Comune di Caltagirone Provincia di Catania Servizio Politiche Energetiche Via S.Maria di Gesù,90 95041 Caltagirone (CT) 0933 41410-41448 fax 0933 41461 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

All UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI ALBIANO Via S. Antonio, 30 38041 ALBIANO (TN)

All UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI ALBIANO Via S. Antonio, 30 38041 ALBIANO (TN) Modello A CONTRIBUTO FACCIATE PROTOCOLLO MARCA BOLLO DA EURO 14,62.= All UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI ALBIANO Via S. Antonio, 30 38041 ALBIANO (TN) DOMANDA DI CONCESSIONE CONTRIBUTO PER INTERVENTI DI

Dettagli

INFORMATIVA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) ANNO 2013. Novità acconto 2013

INFORMATIVA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) ANNO 2013. Novità acconto 2013 Comune di Piacenza Servizio Entrate INFORMATIVA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) ANNO Novità acconto Con il D.L. n. 102/ il legislatore ha escluso dal pagamento dell acconto dell IMU: le abitazioni principali

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

ARCA: OPPORTUNITÀ DI MERCATO DELLE COSTRUZIONI IN LEGNO

ARCA: OPPORTUNITÀ DI MERCATO DELLE COSTRUZIONI IN LEGNO ARCA: OPPORTUNITÀ DI MERCATO DELLE COSTRUZIONI IN LEGNO Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento 24 ottobre 2011 CHE COS E ARCA? ARchitettura Confort Ambiente E il primo esempio

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA (ai sensi della Legge 23.12.1996 n. 662 e della L.R. 23.10.2009 n. 4 e ss.mm.ii)

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA (ai sensi della Legge 23.12.1996 n. 662 e della L.R. 23.10.2009 n. 4 e ss.mm.ii) DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA (ai sensi della Legge 23.12.1996 n. 662 e della L.R. 23.10.2009 n. 4 e ss.mm.ii) Al Responsabile Ufficio Edilizia Privata Comune di Capoterra Il/La sottoscritto/a Cognome

Dettagli

Comune di Roccaromana

Comune di Roccaromana Comune di Roccaromana Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI POSTI AUTO COPERTI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 37 del 29/09/2014 INDICE ART. 1

Dettagli

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni.

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni. REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI MUSICALI, DELLE APPARECCHIATURE TECNOLOGICHE E DELLA DOTAZIONE DELLE AULE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. VERDI DI COMO. (art. 14, comma 4 del D.P.R.

Dettagli

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono:

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono: (C.E. per ristrutturazione) Istanza in bollo Al Responsabile di P.O. N. 4 Settore Urbanistica Del Comune di Casteltermini Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per ristrutturazione. Il sottoscritto..,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessore all urbanistica e ambiente Via Jacopo Aconcio, n. 5-38100 Trento Tel. 0461 493202- Fax 0461 493203 e-mail: ass.urbambiente@provincia.tn.it Trento, 8 MAGGIO 2006 Prot.

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono:

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono: Istanza in bollo Al Comune di Bagheria Direzione 9 Edilizia Privata Servizio Edilizia Privata Corso Umberto I, 165 Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per ristrutturazione. Il sottoscritto.., nato

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIVALENTE PALAINCONTRO IN VIA A. MORO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 21.06.2007

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali SCHEMA Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali CORPO FORESTALE DELLO STATO Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Pistoia Rep. n ATTO DI CONCESSIONE tra il Mi.P.A.A.F - C.F.S. -

Dettagli

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015.

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015. Marca da bollo Euro 14.62 Spett.le CONSORZIO DEL LARIO E DEI LAGHI MINORI P.zza V. Emanuele, 4 22017 MENAGGIO OGGETTO: ISTANZA PER L OCCUPAZIONE DI AREA DEMANIALE MEDIANTE ORMEGGIO AI SENSI DELLA L.R.

Dettagli

CITTA DI NOVI LIGURE REGOLAMENTO DI CUSTODIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI

CITTA DI NOVI LIGURE REGOLAMENTO DI CUSTODIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI CITTA DI NOVI LIGURE REGOLAMENTO DI CUSTODIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 32 in data 11/6/2001 Art. 1 1 - Il presente regolamento disciplina la custodia

Dettagli

Oggetto: Avviso Pubblico per potatura e vendita delle olive sulla pianta per l'anno 2014.

Oggetto: Avviso Pubblico per potatura e vendita delle olive sulla pianta per l'anno 2014. JESI, 17 febbraio 2014 AVVISO PUBBLICO Oggetto: Avviso Pubblico per potatura e vendita delle olive sulla pianta per l'anno 2014. Il CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RENDE NOTO La Soc. Agr. Arcafelice srl,

Dettagli

COMUNE DI VALVASONE ARZENE PROVINCIA DI PORDENONE

COMUNE DI VALVASONE ARZENE PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI VALVASONE ARZENE PROVINCIA DI PORDENONE C.A.P. 33098 Tel. 0434 89044 P.IVA/Cod. Fisc. 01772920938 Fax 0434 899315 Pec: comune.valvasonearzene@certgov.fvg.it AVVISO PUBBLICO OGGETTO: Manifestazione

Dettagli

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari 1 COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari DISCIPLINALE PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN CAPANNONE PER ESSERE ADIBITO

Dettagli

OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO

OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO Via Pio VII n 9-10135 TORINO OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO to con

Dettagli

COMUNE DI PAULARO REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLO SFALCIO DEI PRATI.

COMUNE DI PAULARO REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLO SFALCIO DEI PRATI. COMUNE DI PAULARO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20 del 29/06/2007 Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 19 del 28/05/2009 REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLO SFALCIO DEI PRATI.

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO DELLA PROCEDURA

ART. 1 - OGGETTO DELLA PROCEDURA CAPITOLATO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE D USO DEI LOCALI DI STR.NICOLINI ALTO N.10 -FRAZIONE TRE STELLE DA ADIBIRSI A PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE, PREVIA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO PER SVOLGIMENTO ATTIVITA DI LABORATORIO ARTIGIANALE PER LA PRODUZIONE DI

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO PER SVOLGIMENTO ATTIVITA DI LABORATORIO ARTIGIANALE PER LA PRODUZIONE DI CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO PER SVOLGIMENTO ATTIVITA DI LABORATORIO ARTIGIANALE PER LA PRODUZIONE DI GELATO DA ASPORTO TRA: Il Comune di Samarate, Partita IVA 00504690124, con sede in Samarate,

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI Provincia Autonoma Trento RELAZIONE CARTOGRAFIA Via Diaz 5 38100 TRENTO (TN) Tel. 0461.984000 Fax 0461.223133 http://www.risorseambiente.it E-mail: info.trento@risorseambiente.it AGGIORNAMENTO:

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI,

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI GLI INTERVENTI AGEVOLATI

DETRAZIONI FISCALI GLI INTERVENTI AGEVOLATI DETRAZIONI FISCALI Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia può fruire della detrazione d imposta Irpef pari al 36%. Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014 (termine

Dettagli

Comune di Moncenisio Regolamento Comunale pascoli

Comune di Moncenisio Regolamento Comunale pascoli Comune di Moncenisio Regolamento Comunale pascoli Allegato alla delibera di C.C. 1 del 10/04/2007 INDICE Art. 1 Finalità...2 Art. 2 Costituzione Commissione Consultiva pascoli...2 Art. 3 Diritto di pascolo...2

Dettagli

Comunità delle Regole di Spinale e Manez BILANCIO DI PREVISIONE PARTE ENTRATA - ANNO 2013

Comunità delle Regole di Spinale e Manez BILANCIO DI PREVISIONE PARTE ENTRATA - ANNO 2013 PARTE ENTRATA - ANNO 2013 PAG. 1 AVANZO FINANZIARIO DI AMMINISTRAZIONE 0,00 1.905.758,11-1.495.980,00-409.778,11 0,00 FONDO PRESUNTO INIZIALE DI CASSA 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00-1.495.980,00-0,00 1.905.758,11

Dettagli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli Barzio 6 ottobre 2011 Quanto legname possono fornirci? Incremento corrente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO Art. 1 Finalità Il presente regolamento ha lo scopo di promuovere il risanamento e la salvaguardia dell ambiente

Dettagli

COMUNE DI CROVIANA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI CROVIANA PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI CROVIANA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER PIANO COLORE E PITTURE MURALI DEL COMUNE DI CROVIANA. (allegato alla Deliberazione Consiliare n. dd

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A LA GIUNTA COMUNALE Vista la proposta di deliberazione avanzata dall'ufficio Patrimonio, relativa al seguente oggetto: UFFICIO PATRIMONIO. APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DEGLI ASSEGNATARI. ASSEGNAZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari Tel.080/5548739 Fax 080/5548742 E-Mail: baps060001@istruzione.it - C.F.80016760722 PREMESSO Che l art.

Dettagli

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi da parte dei Vigili del Fuoco

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale AREA TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO AGRICOLTURA E FORESTE TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO Per la concessione di sussidi finalizzati a ridurre

Dettagli

PRESTITI ACQUISIZIONE ALLOGGIO

PRESTITI ACQUISIZIONE ALLOGGIO Sportello ARCA SE/04 (indicare Sportello e regione di appartenenza) PRESTITI ACQUISIZIONE ALLOGGIO DOMANDA PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO Il/La sottoscritto/a Codice fiscale (Cognome) (Nome) residente

Dettagli

Provincia di Trento COMUNE di CEMBRA

Provincia di Trento COMUNE di CEMBRA Provincia di Trento COMUNE di CEMBRA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE STRUTTURE E ATTREZZATURE SCOLASTICHE E DELLE PALESTRE PRESSO L ISTITUTO COMPRENSIVO DI CEMBRA IN ORARIO EXTRASCOLASTICO Approvato con

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - =====================================================================

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 del 16.06.2008 COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== REGOLAMENTO

Dettagli

RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO

RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO RAFFORZARE LA FILIERA DEL LEGNO LOCALE: IL CASO PRATICO DELLE VALLI DI LANZO Fernanda Giorda dottore forestale PREMESSA Le Valli di Lanzo sono situate in provincia di Torino, tra Valle di Susa e Canavese.

Dettagli

SCHEDE LOTTI INEDIFICATI

SCHEDE LOTTI INEDIFICATI COMUNE di SARSINA PROVINCIA di FORLI' - CESENA Adottato Approvato con Del. C. C. n.20 del 03.04.2008 con Del. C. C. n. ALLEGATO SCHEDE LOTTI INEDIFICATI E SCHEDE RELATIVE ALLE PREVISIONI DEL PRG PREVIGENTE

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana)

REGOLAMENTO. PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana) C O M U N E D I A Z Z A T E Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana) Approvato con delib. C.C. n. 18 del 10.03.2006 Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CESSIONE IN PROPRIETA E CONCESSIONE IN DIRITTO DI SUPERFICIE DI AREE COMPRESE IN PIANI PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE

REGOLAMENTO PER LA CESSIONE IN PROPRIETA E CONCESSIONE IN DIRITTO DI SUPERFICIE DI AREE COMPRESE IN PIANI PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE REGOLAMENTO COMUNALE n. 54 REGOLAMENTO PER LA CESSIONE IN PROPRIETA E CONCESSIONE IN DIRITTO DI SUPERFICIE DI AREE COMPRESE IN PIANI PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (di cui alla legge 18 Aprile 1962

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento.

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il Centro socio-culturale di Azzanello di Pasiano di Pordenone (di seguito nominato

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 60 del 17/05/2000 REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DEL PARCO ANGELO DELLA TORRE E DELLE RELATIVE STRUTTURE. ART.1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l uso del Parco della Villa

Dettagli

COMUNE DI VALDOBBIADENE (Provincia di Treviso)

COMUNE DI VALDOBBIADENE (Provincia di Treviso) COMUNE DI VALDOBBIADENE (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER L USO AL PUBBLICO DELLA VILLA DEI CEDRI, DI ALTRI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE MOBILI DI PROPRIETA COMUNALI Testo vigente Approvato con deliberazione

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA.

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. Art. 1 Oggetto del Disciplinare Il presente disciplinare regola l uso dei locali di proprietà

Dettagli

AVVISO DI VENDITA DI IMMOBILI

AVVISO DI VENDITA DI IMMOBILI Direzione Regionale Toscana Agente della riscossione per la Provincia di Firenze Pratica n. 1311 AVVISO DI VENDITA DI IMMOBILI Equitalia Centro SpA, quale Agente della Riscossione per la Provincia di Firenze,

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR

REGOLAMENTO GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE DELLA GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 27 del 29 febbraio 2000 1. Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEGLI ORTI URBANI A FINALITA' SOCIALE

REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEGLI ORTI URBANI A FINALITA' SOCIALE REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEGLI ORTI URBANI A FINALITA' SOCIALE Art. 1 DEFINIZIONE Per orto urbano a finalità sociale s intende un appezzamento di terreno destinato alla sola coltivazione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e Ricerca REGOLAMENTO PER IL PRESTITO E L'UTILIZZO DEGLI STRUMENTI MUSICALI DI PROPRIETA' DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI L. BOCCHERINI Art. 1 Ambito

Dettagli

SCHEMA PER LA SUBCONCESSIONE n. 2 SPIAGGIA ATTREZZATA CON BALNEAZIONE, BAR, BARCHETTE A REMI

SCHEMA PER LA SUBCONCESSIONE n. 2 SPIAGGIA ATTREZZATA CON BALNEAZIONE, BAR, BARCHETTE A REMI SCHEMA PER LA SUBCONCESSIONE n. 2 SPIAGGIA ATTREZZATA CON BALNEAZIONE, BAR, BARCHETTE A REMI Tra: -L Isola dei Renai S.p.a., con sede in Signa, P.za della Repubblica n. 1, P.IVA qui di seguito indicata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZAZIONE DI SPAZI NEI CENTRI CIVICI E NEGLI ALTRI IMMOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZAZIONE DI SPAZI NEI CENTRI CIVICI E NEGLI ALTRI IMMOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZAZIONE DI SPAZI NEI CENTRI CIVICI E NEGLI ALTRI IMMOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE (Approvato con delibera consiliare n. 23 del 15.02.2005) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE di MAGNAGO. Provincia di Milano

COMUNE di MAGNAGO. Provincia di Milano COMUNE di MAGNAGO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO DEGLI EDIFICI AD USO CIVILE, PRODUTTIVO, COMMERCIALE,

Dettagli

RE GoLEm SPINALE EMANEZ. PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 della COMUNITA' delle REGOLE DI SPINALE E MANEZ e RELATIVI ALLEGATI

RE GoLEm SPINALE EMANEZ. PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 della COMUNITA' delle REGOLE DI SPINALE E MANEZ e RELATIVI ALLEGATI l RE GoLEm SPINALE EMANEZ dal1249 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 della COMUNITA' delle REGOLE DI SPINALE E MANEZ e RELATIVI ALLEGATI Premessa l sottoscritti revisori dei conti Castellani Ezio (Ragoli),

Dettagli

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E Padova, 8/11/2010 Circolare n. 12 Ai gentili Clienti Loro sedi 1. VERSAMENTO DEGLI ACCONTI

Dettagli