SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag Criteri per serie a termini positivi... pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag."

Transcript

1 SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag Serie a termii di sego altero... pag La proprietà commutativa elle serie... pag. C.d.L i Fisica Lecce, a.a. 00/ 0

2 LE SERIE NUMERICHE (C. De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati Quato fa ? Zeoe di Elea (V secolo a.c., ei suoi famosi paradossi, o era eache miimamete sfiorato dal dubbio che il risultato potesse essere fiito. A be vedere, prima di domadarci quato fa ua somma co ifiiti addedi, dobbiamo chiederci che sigificato attribuire ad ua tale operazioe. Nel caso di u umero fiito di addedi, per otteere la somma si cosidera dapprima la somma dei primi due, al risultato si aggiuge il terzo, al uovo risultato si aggiuge il quarto, e così via fio ad arrivare all ultimo. Nel caso che gli addedi siao ifiiti si otterrà ua successioe ifiita di risultati parziali, e si rederà ecessario evidetetemete u passaggio al limite per mettere fie all operazioe. La ozioe di serie che adiamo a defiire formalizza i modo rigoroso il cocetto ituitivo di somma di ifiiti termii. Defiizioe.. Data la succ/e umerica (a IN, si dice serie ad essa associata, o serie di termie geerale a, la succ/e (s IN, dove, IN, s = a k. k= La serie è idicata co a oppure co a + a a +... ; per ogi IN, il umero s è chiamato somma parziale eesima o ridotta di ordie. La serie si dice covergete, divergete, idetermiata (e si parla di carattere della serie, se tale risulta essere rispett/te la succ/e (s IN. I caso di covergeza, e per estesioe ache i caso di divergeza, il l i m s è chiamato somma della serie ed è idicato co a oppure co a + a a +... (gli stessi simboli co cui è idicata la serie. La serie geometrica. Dato x IR, si chiama serie geometrica di ragioe x la serie x = + x + x + x , =0 Qui è possibile esprimere la somma parziale s i modo da potere facilmete calcolare il limite: se x = si ha che s = = ; se x è oto che s = +x+...+x = x x {. = + se x Si coclude allora che l i m s = x se x <. o esiste se x Torado al quesito posto all iizio del paragrafo, si può ora rispodere che = ( = / =. =0 Proposizioe. (proprietà di liearità. ( ( c IR \ {0} c a è regolare a = a è regolare c a = c b ( a è regolare, a + b b è regolare a = ( (a + b è regolare (a + b = a + b Dim. Basta cosiderare le somme parziali delle serie i oggetto, teer coto della liearità delle somme fiite e far tedere all ifiito applicado i teoremi sulle operazioi co i limiti

3 Esercizi. Scrivere il umero 0, 36 i forma frazioaria. Risulta 0, 36 = 0, = = = ( = = = ( = = = Sia α l agolo acuto formato dalle semirette r ed s usceti da O. Si preda su r il puto P 0 tale che OP 0 =. Siao P la proiezioe di P 0 su s, P la proiezioe di P su r, P 3 la proiezioe di P su s, e così di seguito. Calcolare la lughezza della spezzata P 0 P P P Si tratta i sostaza di calcolare la somma P P + = P 0 P + P P + P P =0 Si ricoosce che IN P P + = P P cos α, e iterado questa uguagliaza si ricava che P P + = P 0 P cos α = se α cos α. Risulta allora =0 P P + = =0 se α cos α = La serie di Megoli e le serie telescopiche. Megoli. Si ricoosce che IN s = k= se α cos α = cotg α. k(k+ La serie ( = k= (+ k k+ è ota come serie di = +, e da qui, passado al limite, si ricava che (+ =. I geerale, soo chiamate serie telescopiche quelle serie che possoo essere scritte ella forma (b b +. Cosiderato che IN s = (b k b k+ = b b +, possiamo affermare k= che: la serie (b b + è regolare se e solo se l i m b, e i tal caso risulta (b b + = b l i m b. Osservazioe. (sul umero di Nepero. Dallo sviluppo di Mac Lauri di e x si ricava, per x =, che IN c ]0, [ tale che e = k=0 k! + ec!. Ne segue che 0 < e k=0 k! = ec! < 3! (, e duque e = l i m k=0 k!, vale a dire e = =0! = + +! + 3! + 4! Basta osservare attetamete la ( per avere ua idea della velocità co la quale la succ/e s = k=0 k! approssima il umero e. Ivero, posto E = e s, da ( si ha ad esempio che E 0 < 3 0!, cosicché s 0 approssima e co u errore iferiore al milioesimo. Si calcola s 0 = + +! ! =, (metre e =, Si sa che ache la succ/e (( + coverge ad e, ma essa è talmete leta che per = IN 0 o si raggiuge la precisioe eache ella prima cifra decimale, risultado ( =, ; per avere il 7 come prima cifra decimale bisoga attedere il 74 o termie! La ( cosete ache di dimostrare che e / lq. Se per assurdo fosse e = p q > max{, q} si avrebbe 0 < p q ( (! + +! (! impossibile dato che fra 0 e o vi soo umeri iteri. Proposizioe. (codizioe di covergeza di Cauchy. ( ( a coverge ε IR + ν IN > ν p IN +p a k < ε k=+ co p, q IN, preso (! < 3, e ciò è Dim. Applicado la ota codizioe di covergeza di Cauchy alla succ/e (s IN, si ha che (s IN coverge se e solo se ε IR + ν IN t.c. m, > ν s m s < ε, ossia, equivaletemete, > ν p IN s +p s < ε

4 La serie resto. Data la serie a e dato p IN, la serie a = a p+ + a p+ + a p =p+ è detta serie resto di idice p relativa alla serie data. I sostaza la serie resto di idice p è otteuta dalla serie di parteza sopprimedoe i primi p termii. Proposizioe.3 (teorema del resto. La serie resto a e, i caso di regolarità, risulta =p+ a = =p+ a p Dim. Idicado co s la somma parziale eesima della serie a a. ha lo stesso carattere della serie a e co σ quella della serie resto, si vede che σ = a p+ + a p a p+ = p+ a k = s p+ s p, da cui segue che k=p+ l i m σ se e solo se l i m s e, i caso affermativo, risulta l i m σ = l i m s s p La somma della serie resto di idice p, quado esiste, è chiamata resto p esimo della serie data; l uguagliaza appea dimostrata stabilisce i sostaza che il resto p esimo coicide co l errore che si commette approssimado la somma totale co la somma parziale d ordie p. Cosegueza del teorema è che il carattere di ua serie o cambia se se e modifica u umero fiito di termii, cioè se si passa dalla serie a alla serie b ella quale a = b p+; ifatti le due serie hao i comue la serie resto d idice p. Si può provare altresì, e del resto lo si ituisce facilmete, che di ua serie o cambia il carattere, e eache la somma, se se e sopprime u umero, ache ifiito, di termii ulli. I criteri atti a stabilire il carattere di ua serie sarao formulati, per maggiore semplicità, richiededo codizioi su tutti i termii a, ma co l itesa che gli stessi criteri, grazie al teorema del resto, potrao essere applicati ache i quei casi i cui le stesse codizioi soo soddisfatte soltato defiit/te (. Proposizioe.4 (regolarità delle serie a termii di sego costate. Ogi serie a termii di sego costate è regolare. Se a 0 0 IN, allora a = s u p s = i f s. IN IN Dim. L ipotesi assicura che la succ/e (s IN è mootoa e quidi regolare. Se a 0 0 IN, allora (s IN è crescete decrescete e risulta l i m s = s u p s = i f s IN Proposizioe.5 (codizioe ecessaria di covergeza. ( a coverge = ( l i m a = 0 Dim. Posto S = l i m s, essedo a = s s Esercizi. IN si ha che l i m a = S S = 0 La serie diverge (posit/te. Ifatti essa è regolare perché a termii positivi, ed è + escluso che sia covergete per macaza della cod. ec. (il l i m a esiste ma o è 0. Stesso discorso vale per la serie se (solo che qui il l i m a o esiste eache. Il fatto che l i m a = 0 è codizioe ecessaria ma o sufficiete per la covergeza della serie, come mostra l esempio che segue. ( Ricordiamo che, se IN P è u predicato ella variabile, si poe P defiitivamete def k IN > k P. 3

5 La serie armoica. La serie, detta serie armoica, è divergete. Per provarlo, osserviamo che IN s s = Se si suppoe per assurdo che l i m s = S IR, allora deve risultare l i m (s s = S S = 0, e duque s s < defiit/te.. Criteri per serie a termii positivi I criteri che seguoo riguardao serie a termii positivi, ma è chiaro che risultati aaloghi a quelli che esporremo valgoo per serie a termii egativi e, più i geerale, per serie a termii di sego defiit/te costate. Più avati vedremo come i criteri sulle serie a termii positivi potrao essere utilizzati ache per serie a termii di sego variabile. Ricordiamo che tutte le serie a termii positivi soo regolari. Proposizioe. (criterio di Cauchy o di codesazioe. Se la succ/e (a IN è a termii positivi e decrescete, allora le serie e a hao lo stesso carattere. a =0 Dim. Idicate co s e σ le somme parziali eesime delle due serie i oggetto, e precisamete s = a + a a +... e σ = a + a + a a +..., si vede che: a a = 0 a 0, a + a 3 a = a, a 4 + a 5 + a 6 + a 7 4a 4 = a,, a + a a a, da cui segue, sommado membro a membro, che s σ ; aalogamete si ha: a a 0, a 0 a, a 3 + a 4 a 4 = a, a 5 + a 6 + a 7 + a 8 4a 8 = a 3,, a + + a a a, da cui segue, sommado membro a membro, che s σ. Dalla a relazioe trovata discede che, se lim σ IR, ache lim s (= lim s IR; dalla a relazioe trovata discede che, se lim σ = +, ache lim s (= lim s = + La serie armoica geeralizzata. Dato α IR +, si chiama serie armoica geeralizzata di ordie α la serie. E facile ricooscere che vi soo le codizioi per applicare il criterio α ( di codes/e; si passa così alla serie geometrica =0 = α, la quale coverge se α =0 α > e diverge se α <. I seguito, co abuso di liguaggio, useremo la stessa deomiazioe ache per la serie co α 0; i questo caso è evidete che la serie diverge, perché maca α la ota cod. ec. di covergeza. I risultati sulla serie armoica geeralizzata, il cui termie geerale è l if/mo campioe di ordie α, fao sorgere u sospetto: se la succ/e (a tede a 0 i modo sufficietemete veloce, allora la serie Σ a coverge. Sarà così? Vedremo più avati. 4

6 Esercizio. La serie = log Più i geerale, x IR + la serie coverge se e solo se x >. ha il carattere della serie = (log x log = ha il carattere della serie log, che diverge. ( log x, e questa Proposizioe. (criterio del cofroto. Siao Σ a e Σ b due serie a termii positivi. Se IN a b, allora la covergeza di Σ b implica la covergeza di Σ a (ossia, i forma cotroomiale, la divergeza di Σ a implica la divergeza di Σ b. N.B. Se IN a b, si suol dire che la serie Σ a è maggiorata dalla serie Σ b, oppure che la serie Σ b è miorata dalla serie Σ a. Dim. Idicate co s e σ le ridotte rispett/te di Σ a e Σ b, dall ipotesi segue che IN 0 < s σ, e duque, se lim σ IR, allora ache lim s IR Esercizi. La serie La serie log(+se log(+se coverge, dato che IN 0 < log 3. se diverge, dato che IN se. 3 La serie coverge. Ifatti, essedo log log > defiit/te, risulta 0 < = (log log = < (log log log log defiit/te. Proposizioe.3 (criterio del cofroto asitotico. Siao Σ a e Σ b due serie a termii positivi. Se a b per, allora le due serie hao lo stesso carattere. a Dim. Poiché lim b =, risulta a b 3 defiit/te, e duque b a 3 b defiit/te. Dopo di ciò basta ivocare il criterio del cofroto Esercizi. La serie 5 coverge, dato che per. Si osservi che i termii della serie data o soo tutti positivi (ma è chiaro che lo soo defiit/te. La serie ( diverge, dato che = e log log per e log defiit/te. Qui soo iterveuti sia il criterio del cofroto sia il criterio del cofroto asitotico. Osservazioe.. Nella Prop/e.3 l ipotesi che i termii della serie siao positivi (o, più precisamete, di sego defiit/te costate, è idispesabile. Ad esempio la serie è covergete (come vedremo più avati e la serie ( è divergete (vedi Prop/e., oostate che le succ/i siao tra loro asitotiche. ( ( Proposizioe.4 (criterio della radice. Sia Σ a ua serie a termii positivi. a Se k ]0, [ t.c. IN a k, allora Σ a coverge. b Se a freq/te (, allora Σ a o coverge (per macaza della ota cod. ec.. Dim.(a. L ipotesi è che IN a k, e la tesi segue i virtù del criterio del cofroto. (b. Dall ipotesi si ricava che a freq/te, e ciò impedisce che (a sia if/ma ( Ricordiamo che, se IN P è u predicato ella variabile, si poe P frequetemete def k IN > k P. 5 +

7 Proposizioe.5 (criterio del rapporto. Sia Σ a ua serie a termii positivi. a Se k ]0, [ t.c. IN a + a k, allora Σ a coverge. b Se IN a + a, allora Σ a o coverge (per macaza della ota cod. ec.. Dim.(a. Dall ipotesi segue che a ka, a 3 ka k a, e così si ottiee i geerale che IN a k a. Dato che la serie Σ a k coverge, ache la serie Σ a coverge. (b. Dall ipotesi segue che la succ/e (a è crescete, e duque IN a a > 0. Ciò impedisce che (a sia if/ma Osservazioe.. Nella (b di Prop/e.4 o sarebbe sufficiete l ipotesi freq/te. Ciò è provato ad esempio dalla serie ; i effetti questa serie coverge, dato che la sua ridotta di ordie è s = σ, dove σ è la ridotta d ordie della serie geometrica di ragioe, cosicché lim s = lim σ = 4. a + a 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi Defiizioe 3.. Si dice che la serie Σ a coverge assolutamete se coverge la serie Σ a. E evidete che, el caso di serie a termii di sego costate, o c è differeza fra covergeza e covergeza assoluta. Comuque, el caso geerale, sussiste la seguete Proposizioe 3.. ( Σ a coverge assol/te = ( Σ a coverge e Σ a Σ a N.B. L ultima parte della tesi mostra che la disuguagliaza triagolore del valore assoluto si estede al caso delle somme co ifiiti addedi. Dim. Per dimostrare la prima parte della tesi possiamo utilizzare la codizioe di covergeza di Cauchy: fissato ε IR +, dato che Σ a coverge, ν IN > ν p IN +p a k < ε; e k=+ segue, teedo coto della disuguagliaza triagolare, che > ν p IN +p a k < ε. Oppure la dimostrazioe si può fare utilizzado le serie a termii o egativi Σ a + e Σ a associate alla serie Σ a ( : se la serie Σ a è assol/te covergete, allora le serie Σ a + e Σ a soo covergeti, essedo IN a +, a a ; da ciò segue, per la proprietà di liearità, che coverge ache la serie Σ a, essedo a = a + a. Per la secoda parte della tesi, posto s = a k e σ = a k, basta osservare che, per la k= k= disuguagliaza triagolare, s σ, e poi passare al limite per k=+ Si è visto el corso della dimostrazioe che, se la serie Σ a è assol/te covergete, allora le serie Σ a + e Σ a soo covergeti. Aggiugiamo che, viceversa, se le serie Σ a + e Σ a soo covergeti, allora la serie Σ a è assol/te covergete, dato che IN a = a + + a. { 0 ( Ricordiamo che, dato x IR, si poe x + se x < 0 = max{x, 0} = x se x 0 e x = max{ x, 0} = { x se x 0 0 se x > 0, e risulta x = x+ x, x = x + + x e 0 x +, x x. 6

8 Esercizio. La serie se(x coverge x IR. e x Ifatti: se x = 0 la serie è a termii ulli; se x 0 la serie coverge assol/te, dal mometo che a (x = se(x = (e x e che la serie (e x coverge. e x e x Osservazioe 3.. Nella prop/e precedete o vale l implicazioe iversa. Ad esempio la serie ( è covergete (lo vedremo più avati, seza essere assol/te covergete. Le serie che soo covergeti seza essere assol/te covergeti si dicoo semplicemete covergeti. Si ricoosce facilmete, ragioado per assurdo, che, se la serie Σ a è sempl/te covergete, allora le serie Σ a + e Σ a soo etrambe divergeti. Dai criteri della radice e del rapporto discedoo i segueti criteri per serie a termii di sego qualsiasi, che euciamo ella forma più idoea per le applicazioi. Proposizioe 3. (criterio della radice per la covergeza assoluta. Sia data la serie Σ a. a Se lim a <, allora Σ a coverge assol/te. b Se lim a >, allora Σ a o coverge (per macaza della ota cod. ec.. Dim.(a. Sia l = lim a <. Preso k = l+, risulta a < k defiit/te, ossia a < k defiit/te, da cui segue per il criterio del cofroto che la serie Σ a coverge. (b. Dall ipotesi segue che a > defiit/te, ossia a > defiit/te, e ciò impedisce che la succ/e (a sia if/ma Proposizioe 3.3 (criterio del rapporto per la covergeza assoluta. Sia data la serie Σ a, co a 0 IN. a Se lim a + a <, allora Σ a coverge assol/te. b Se lim a + a >, allora Σ a o coverge (per macaza della ota cod. ec.. Dim. Basta ricordare che, se lim a + a = l, allora lim a = l, e poi ivocare il criterio precedete All iizio della dim/e è stato ricordato che, se lim a + a = l, allora lim a = l; a causa di ciò si può affermare che il criterio della radice è più forte del criterio del rapporto, dato che ciascua delle ipotesi del primo è più debole della corrispodete ipotesi del secodo. Osservazioe 3.. E oto che, data la succ/e (x, soo defiiti il suo miimo limite, mi lim x o brevemete lim x, ed il suo massimo limite, max lim x o brevemete lim x : { se i lim IN f x = x { = + se s u p s u p i f x se i f x >, x = + lim IN x = i f s u p x k IN k IN k IN se s u p x < + k IN per i quali valgoo le segueti proprietà: lim x lim x ; dato l IR, lim x = l lim x = lim x = l; 3 dato l IR, lim x = l ε IR + l ε < x defiit/te e x < l + ε freq/te, lim x = l ε IR + l ε < x freq/te e x < l + ε defiit/te. Ciò premesso, si ricoosce facilmete che le ipotesi i (a delle Prop/i 3. e 3.3 possoo essere sostituite rispett/te dalle codizioi più deboli che max lim a < e max lim a + a < ; aalogamete le ipotesi i (b possoo essere sostituite rispett/te dalle codizioi più deboli che max lim a > e mi lim a + a >. 7

9 Esercizi. Per la serie = (log log il criterio della radice è iefficace, dato che risulta lim a =. Il problema si risolve se si effettua prelimiarmete ua codesazioe, passado alla serie. Ifatti, posto b ( log log =, si ha che lim ( log log b = 0 <. Pertato la serie data coverge. ( La serie x x 3 x è defiita per x IR \ { 3 }. Si calcola lim x a (x =. Risulta: x 3 x x 3 x 3 x < x < x > 3, e per tali x la serie coverge assol/te; > < x < 3, e per tali x la serie o coverge. x Ifie = x = x = 3: per x = la serie è 3 x la serie è 3 La serie (, che coverge assol/te. 3 Ifatti IN a quato, posto b = (! se( (! (! (! 4 Cosideriamo la serie coverge assol/te., e la serie (! (! (! (!, si ha che lim b + + b = lim + x! (x IR. Per x = 0 la serie coverge. Per x 0 si vede che lim a +(x a (x = lim x (+/ assol/te; se x > e la serie o coverge. Per x = e e per x = e si ottegoo rispett/te le serie, che o coverge; per x = 3 coverge per il criterio del rapporto, i ( + = e <. = x e, cosicché: se x < e la serie coverge e! ( e!, per le quali il criterio del rapporto i forma asitotica o può essere applicato; tuttavia i etrambi i casi, risultado a + e a = (+/ > IN, è applicabile alla corrispodete serie dei valori assoluti la Prop/e.5, che esclude il verificarsi della cod. ec. di covergeza. 5 La serie del rapporto. Risulta ifatti a = e ( coverge. Ad essa si può applicare il criterio della radice ma o quello { { se è dispari e a + se è pari a = 8 se è dispari, se è pari per cui lim a =, metre max lim a + a = > e mi lim a + a = 8 <. Il criterio che segue, basato sul cofroto co la serie armoica geeralizzata, coferma l ituizioe che il comportameto di questa serie aveva a suo tempo geerato, e e precisa le codizioi. Proposizioe 3.4 (criterio dell ordie di if/mo. Sia data la serie Σ a. a Se α > t.c. (a sia if/ma d ordie maggiore di α o uguale ad α, allora Σ a è assol/te covergete. b Se (a è if/ma d ordie miore di o uguale ad, allora Σ a o è assol/te covergete. Dim.(a. Suppoiamo che (a sia if/ma d ordie maggiore di α >. Dal fatto che a lim / = 0 segue che a α / < defiit/te, ossia che a α < defiit/te, cosicché Σ α a coverge. Se poi (a è if/ma d ordie α, si prede β ], α[ e si ricade el caso precedete. 8

10 (b. Se (a è if/ma d ordie miore di, vuol dire che lim a / che a = +, da cui segue / > defiit/te, ossia che a > defiit/te, cosicché Σ a diverge. Se poi (a è if/ma d ordie, allora h IR + a t.c. / h defiit/te, da cui segue che a h defiit/te, e di uovo Σ a diverge Osservazioe 3.3. Si ricoosce subito che: a l ipotesi i (a equivale alla seguete: α > t.c. lim α a < + ; b l ipotesi i (b è i particolare soddisfatta se (a è if/ma e lim a > 0. Esercizi. La serie La serie ( log coverge assol/te, dato che (a è if/ma d ordie maggiore di 3. log diverge, dato che (a è if/ma d ordie miore di. 3 Si è visto, usado il criterio di codesazioe, che la serie = log diverge. A questa serie o può essere applicato il criterio dell ordie di if/mo, dato che la succ/e (a o soddisfa é l ipotesi i (a é l ipotesi i (b. Da otare ache che la serie o coverge, oostate che la succ/e (a sia if/ma d ordie maggiore di. 4 La serie e coverge, dato che la succ/e (a è if/ma d ordie ifiitamete grade. ( 5 Si cosideri la serie tg α, co α IR. Posto a (α = tg α, si ha che: se α < è a (α per, cosicché la serie diverge per α e coverge per α > ; α se α = è a = o ( per, e la serie coverge; se α > è a (α per, e la serie coverge. 4. Serie a termii di sego altero Proposizioe 4. (criterio di Leibiz. Sia data la serie ( b, co b > 0 IN. Se (b è decrescete e if/ma, allora la serie ( b è covergete. Nelle stesse ipotesi, se s ed S soo rispett/te la somma parziale eesima e la somma della serie, allora IN S s b +. Dim. La succ/e (s è decrescete, dato che IN s + s = b + b 0; la succ/e (s è crescete, dato che IN s + s = b + + b + 0. Ioltre queste due succ/i soo limitate, dato che IN s s = s b < s s. Ne segue che lim s = if s = S IR ed lim s = sup s = S IR. Risulta poi S S = lim (s s = lim b = 0, e duque S = S. Posto S = S = S, si coclude che lim s = S IR. Proviamo che IN S s b +. Se = m, la disuguagliaza diveta s m S b m, ossia s m S, che è vera; se = m, la disuguagliaza diveta S s m b m+, ossia S s m+, che è vera 9

11 Proposizioe 4.. Sia data la serie ( b, co b > 0 IN. Se (b è crescete, allora la serie ( b è idetermiata. Dim. Si ricoosce che le succ/i (s e (s soo la prima crescete e la secoda decrescete. Ioltre risulta s = b b < s. Pertato lim s = sup s s > s if s = lim s, cosicché la succ/e (s o può essere regolare La serie armoica alterata. La serie (, detta serie armoica alterata, coverge i virtù del criterio di Leibiz. Detta S la sua somma, risulta S s 00 0, cosicché s 00 = 0, costituisce ua approssimazioe (per difetto di S a meo di u cetesimo. Possiamo dimostrare che S = log = 0, Ifatti dallo sviluppo di Mac Lauri di log( + x si ricava, per x =, che IN c ]0, [ t.c. log = ( k ( k= k + (+(+c ; + e segue che log ( k k = (+(+c < + + e duque lim ( k k = log. Esercizi. La serie k= ( log, che o è assol/te covergete, coverge i virtù del criterio di Leibiz. Quato alla decresceza di b = log, si vede che b + b log( + ( ( + log ( + + +, e questa relazioe è vera almeo defiit/te, ( dato che lim + = 0. Del resto, calcolado il sego della derivata, facilmete si ricoosce che la fuzioe f(x = log x x, x, è decrescete i u itoro di +. La serie log ( + ( = o è assol/te covergete, dato che b = log ( + ( per. Tuttavia essa coverge i virtù del criterio di Leibiz (per provare la decresceza di (b, bisoga valutare la relazioe b b + distiguedo i casi pari ed dispari. La stessa serie può essere studiata più agevolmete se si fa ricorso allo sviluppo di Taylor log ( + ( = ( + o ( per e poi si tiee coto della proprietà di additività di Prop/e.. Oppure si lavora direttamete sulle sommme { parziali, osservado che IN s = log 3 +log 3 + ( ( log log log + ( + + = log + + se è dispari e deducedoe che 0 se è pari lim s = 0. Osservazioe 4.. Nel criterio di Leibiz o è possibile riuciare all ipotesi ( che la succ/e (b sia decrescete. Lo dimostra ad esempio la serie, divergete, ( +, dove apputo la succ/e b = ( + = + ( o è decrescete. Da otare ache che ( la succ/e decresce, pur essedo asitotica alla succ/e (b. Il risultato che segue geeralizza il criterio di Leibiz. k= Proposizioe 4.3 (criterio di Dirichlet. Se la succ/e delle somme parziali della serie Σ c è limitata e la succ/e (b è decrescete e if/ma, allora la serie Σ c b coverge. Dim. Si omette 0

12 5. La proprietà commutativa elle serie E oto che = log ; moltiplicado ogi termie per e atepoedoe uo 0 si ha = log ; sommado termie a termie si ottiee = 3 log. Eppure quest ultima serie è formata dagli stessi termii della prima (ogi termie egativo si preseta dopo due termii positivi. Duque la proprietà commutativa dell addizioe o si estede alle serie, almeo o a tutte. Prima di esporre i risultati più importati sull argometo, precisiamo il sigificato di cambiameto dell ordie dei termii di ua serie: date le serie Σ a e Σ α, si dice che la secoda è u riordiameto della prima se j : IN IN bigettiva t.c. IN α = a j(. Proposizioe 5.. Se la serie Σ a è a termii o egativi, allora ogi suo riordiameto Σ α e coserva sia il carattere sia la somma. Dim. Premettiamo che le due serie Σ a e Σ α, essedo a termii o egativi, soo regolari. Sia j : IN IN ua applicazioe bigettiva t.c. IN α = a j(. Idicado co s, σ, s e σ le somme parziali e totali rispett/te di Σ a e Σ α, posto m = max{j(, j(,..., j(}, si vede che IN σ = α + α α = a j( + a j( a j( s m s, da cui segue che σ s. Scambiado i ruoli fra le due serie si ricava che s σ. Pertato s = σ Proposizioe 5.. Se la serie Σ a è assol/te covergete, allora ogi suo riordiameto Σ α è assol/te covergete ed ammette la stessa somma. Dim. L ipotesi assicura che le serie Σ a + e Σ a covergoo. Ne discede, per la prop/e precedete, che i rispettivi riordiameti Σ α + e Σ α covergoo ach essi e mategoo ivariata la somma. Pertato la serie Σ α = Σ (α + + α coverge ed ioltre Σ α = Σ α + Σ α = Σ a + Σ a = Σ a La prop/e precedete stabilisce i sostaza che la proprietà commutativa vale quado le serie Σ a + e Σ a soo etrambe covergeti. Co aalogo ragioameto si dimostra che la proprietà vale ache el caso i cui le due serie risultao ua covergete e l altra divergete. Be diverso è il caso i cui le due serie soo etrambe divergeti. Sussiste i particolare il seguete teorema. Proposizioe 5.3 (teorema di Riema Dii. Se la serie Σ a coverge sempl/e, allora σ IR esiste almeo u riordiameto che ha somma σ, e e esiste almeo uo o regolare. Dim. Si omette E che dire ifie della proprietà associativa? A questo proposito ci limitiamo ad osservare che, se la proprietà fosse valida, ci sarebbe di che preoccuparsi, dato che risulterebbe 0 = = ( + ( + ( +... = + ( + + ( = =!

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)).

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)). Calcolo differenziale Il teorema di Rolle TEOREMA DI ROLLE Ipotesi f continua su [a, b] f derivabile per lo meno su (a,b) f(a) = f(b) Tesi Esiste almeno un punto c in (a, b) tale che Giustificazione con

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

IL PROBLEMA DELLO SHORTEST SPANNING TREE

IL PROBLEMA DELLO SHORTEST SPANNING TREE IL PROBLEMA DELLO SHORTEST SPANNING TREE n. 1 - Formulazione del problema Consideriamo il seguente problema: Abbiamo un certo numero di città a cui deve essere fornito un servizio, quale può essere l energia

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli