Riscaldare con la legna. Schemi idraulici Messa in funzione: Impianto di Laboratorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riscaldare con la legna. Schemi idraulici Messa in funzione: Impianto di Laboratorio"

Transcript

1 Caldaie a Legna

2 Riscaldare con la legna Aspetti tecnologici generali delle caldaie a legna Esempi di caldaie a fiamma diretta e a fiamma inversa Dimensionamento della caldaia in funzione del carico Accumulatore inerziale Dimensionamento del puffer in funzione del carico e della caldaia Sicurezze Dimensionamento canna fumaria Schemi idraulici Messa in funzione: Impianto di Laboratorio Diapositiva n 2

3 Riscaldare con la legna Diapositiva n 3

4 Riscaldare con la legna La combustione della legna da ardere è tuttora la forma più diffusa di uso delle biomasse per il riscaldamento domestico. Data la necessità di carica manuale dei ciocchi, le caldaie a legna hanno una potenza limitata a qualche decina di kw, e trovano l'impiego ottimale per il riscaldamento di case isolate comprendenti uno o pochi appartamenti. Un impianto basato su tecnologie avanzate è costituito da: caldaia a fiamma inversa; accumulatore inerziale del calore (puffer); (eventuale) bollitore per acqua calda sanitaria; centralina elettronica di controllo del sistema. Diapositiva n 4

5 Aspetti tecnologici generali delle caldaie a legna Diapositiva n 5

6 La combustione: fattori influenzanti Fattori interni che influenzano la combustione giusta quantità di aria; temperatura e turbolenza elevate nella camera di combustione; permanenza dei gas caldi nel focolare per un tempo sufficiente al completamento delle reazioni termochimiche di combustione. Aria primaria viene introdotta in caldaia immediatamente sopra la griglia sulla quale è appoggiata la legna. L'aria primaria consente l'avvio della combustione (fase di gassificazione), con formazione di uno strato di braci a contatto della griglia e lo sviluppo di gas combustibili derivanti dalla pirolisi del legno (soprattutto monossido di carbonio e idrogeno). I gas sprigionati vengono trascinati in basso attraverso la griglia e giungono nella camera sottostante. Aria secondaria l'aggiunta dell'aria secondaria consente il completamento della combustione. Diapositiva n 6

7 La combustione: fattori influenzanti Fattori esterni che influenzano la combustione il grado di umidità del legno influenza la potenza erogata (i valori di potenza nominale delle caldaie vengono dati di solito al 20% di contenuto d acqua umidità); anticipando l argomento, l umidità del pellets è inferiore a quella della legna (minore del 10%); inerti presenti insieme alla legna (terra, chiodi, etc ) influenzano negativamente la combustione, incrostando la caldaia per la fusione delle loro ceneri; nella caldaia a legna deve andare solo la legna, non altro; la pezzatura della legna deve essere omogenea, in modo che tutta venga uniformemente riscaldata. Diapositiva n 7

8 Tipi di configurazione del focolare costruzione semplice e robusta tutta la legna prende fuoco poca durata della combustione picco di potenza solo la parte inferiore del carico di legna brucia combustione completa con basse emissioni rendimento elevato Diapositiva n 8

9 Combustione in caldaie a fiamma diritta Le caldaie a fiamma diritta nella camera di combustione di una caldaia a fiamma diritta, tutto il legno, una volta acceso, partecipa contemporaneamente e completamente alla combustione; allo stesso momento tutto il legno produce gas e successivamente nello stesso momento tutto è ridotto in carbone; ciò significa che la regolazione dell aria, quando è adatta alla componente gassosa, non può esserlo per la parte solida; il rendimento è quindi limitato; segue Diapositiva n 9

10 Combustione in caldaie a fiamma diritta Le caldaie a fiamma diritta lo stesso accade se l aria è regolata su una condizione di combustione media (contemporanea presenza di gas e carbone residuo); in questo caso la riduzione di rendimento si verifica nelle situazioni estreme di avvio e conclusione; la eventuale regolazione termostatica o elettronica non tiene conto delle condizioni della combustione bensì della richiesta di calore di riscaldamento. Diapositiva n 10

11 Combustione in caldaie a fiamma rovescia Le caldaie a fiamma rovescia Le caldaie a fiamma inversa sono così chiamate per la posizione della camera di combustione, situata al di sotto del vano nel quale viene caricata la legna. Si tratta generalmente di caldaie provviste di una ventola per la circolazione forzata dell'aria comburente. Modelli esistenti: ad aria soffiata; la ventola è posta sul lato anteriore della caldaia e spinge l'aria all'interno facendola fluire attraverso il combustibile fino allo scarico dei fumi. ad aria aspirata. la ventola è situata posteriormente sulla bocca di uscita dei fumi e aspira i gas combusti creando una depressione in caldaia che consente il richiamo dell'aria comburente dall'esterno. segue Diapositiva n 11

12 Combustione in caldaie a fiamma rovescia Le caldaie a fiamma rovescia L'inversione della fiamma consente di ottenere una combustione progressiva della legna. La legna non prende totalmente fuoco nel vano di carico ma brucia solamente quando giunge in prossimità della griglia. La potenza erogata dalla caldaia è più stabile nel tempo, e la combustione può essere meglio controllata. Aumenta considerevolmente il rendimento e si riducono le emissioni inquinanti. I modelli più avanzati, che si avvalgono di sistemi di regolazione a microprocessore, raggiungono rendimenti termici oltre il 90%. Innovazione significativa è la regolazione dell'aria di combustione in base al fabbisogno di ossigeno, misurato nei fumi con apposita sonda lambda. E così possibile aggiustare ed ottimizzare costantemente la quantità di aria durante l'intero ciclo di funzionamento della caldaia a legna, dall'accensione fino all'esaurimento del combustibile. Diapositiva n 12

13 Combustione a fiamma rovescia Essiccamento della legna Zona di gassificazione Precombustione Brace Combustione del gas a fiamma rovesciata Servomotori aria primaria aria secondaria Diapositiva n 13

14 Combustione a fiamma rovescia Camera di combustione a zone incandescenti Ceramica altamente termostabile; Combustione ad incandescenza tra 1000 e 1200 C; Costruzione a più elementi con giunti di dilatazione. Diapositiva n 14

15 Combustione a fiamma rovescia Principio di funzionamento Le caldaie a fiamma inversa sono così chiamate per la posizione della camera di combustione, situata al di sotto del vano in cui viene caricata la legna. Le caldaie a fiamma rovescia sono generalmente dotate di ventola per la circolazione dell aria comburente. La ventola può essere posta sul lato anteriore: in tal modo spinge l aria all interno. In altri modelli la ventola è posta posteriormente sulla bocca di uscita fumi e aspira i gas combusti creando una depressione in caldaia che consente il richiamo dell aria comburente dall esterno. segue Diapositiva n 15

16 Combustione a fiamma rovescia Principio di funzionamento L aria primaria viene introdotta in caldaia immediatamente sopra la griglia sulla quale è appoggiata la legna. L aria primaria consente l avvio della combustione (fase di gassificazione), con formazione di uno strato di braci a contatto della griglia e lo sviluppo di gas combustibili derivanti dalla pirolisi del legno (soprattutto monossido di carbonio e idrogeno). I gas sprigionati vengono trascinati in basso attraverso la griglia e giungono nella camera sottostante, dove l aggiunta dell aria secondaria consente il completamento della combustione. segue Diapositiva n 16

17 Esempi di caldaie a fiamma diretta e a fiamma inversa Diapositiva n 17

18 Esempio di caldaia a legna a fiamma diretta Esempio di caldaia, caratteristiche: Aria secondaria Aria primaria Potenza resa nominale 14,8 kw Fiamma verso l alto Serranda girevole per una buona combustione Volume di carico di circa 80 litri Pulizia dal davanti Necessità non assoluta di un puffer, a causa della taglia piccola Diapositiva n 18

19 Esempio di caldaia a legna a fiamma inversa Aria primaria Aria secondaria Esempio di caldaia, caratteristiche: Potenza nominale resa a seconda della taratura di fabbrica da 16 a 33 kw Tiraggio richiesto secondo la potenza da 10 a 20 Pa Fiamma rovescia con postcombustione Adduzione aria con servomotore Volume di carico di circa 120 litri Lunghezza pezzi di legna fino a 35 cm Durata della carica 7,0 h Richiesto il puffer Diapositiva n 19

20 Dimensionamento della caldaia in funzione del carico Diapositiva n 20

21 Dimensionamento della caldaia Le caldaie a legna, a differenza di quelle a gas o a gasolio, devono per quanto possibile funzionare in continuo e senza interruzioni della combustione. Le interruzioni forzate della combustione, ottenute con l'arresto brutale del flusso d'aria comburente producono infatti una maggiore fumosità, che causa sporcamento del camino e della caldaia, e minore rendimento medio stagionale dell'impianto. Di conseguenza, va evitato il sovradimensionamento della caldaia, che avrebbe importanti conseguenze negative. Un fattore di cui tener conto è il numero di cariche di legna che si intende effettuare nell'arco della giornata, che dipende dalla capienza del vano di carico legna e dalla potenza massima della caldaia. La presenza di un accumulatore inerziale consente di aumentare considerevolmente l'autonomia, soprattutto nei periodi meno freddi, in quanto l'energia sviluppata dalla caldaia in un periodo limitato viene accumulata e ridistribuita all'impianto di riscaldamento nell'arco della giornata. Diapositiva n 21

22 Dimensionamento della caldaia 100% 3 giorni Carico termico durante l anno 90% a pieno carico per circa 150 giorni 80% (riscaldamento + acqua calda) 70% 60% 10 giorni carico 80% 50% 40% 70 giorni 30% 20% 10% carico 50% 40 giorni carico 35% 27 giorni carico 25% 0, Diapositiva n 22

23 Potenza impiegata Impiego della potenza 100 % 90 % 80 % 70 % 60 % 50 % 40 % 30 % 20 % 10 % Q max = 120 kw Caldaie a gas/gasolio 15% Caldaie a legna 85% Soluzione: caldaia a legna da 60kW + caldaia a gas da 60kW Tempo d esercizio 3650 ore = 5 mesi Diapositiva n 23

24 Accumulatore inerziale Diapositiva n 24

25 Perché un accumulatore inerziale L accumulatore inerziale accumula il calore prodotto dalle caldaie a combustibili solidi che funzionano in modo intermittente. Attraverso di esso la gestione dell impianto di riscaldamento viene migliorata nei seguenti punti: Comfort come negli altri impianti di riscaldamento moderni; Erogazione di calore ottimale anche con bassi carichi; Si possono programmare intervalli di fermata nei momenti del giorno più caldi; Nessun bisogno di una valvola di scarico termico; Funzionamento a pieno carico. Diapositiva n 25

26 Perché un accumulatore inerziale e quindi: miglior rendimento; emissioni più basse a causa delle temperature di azionamento ottimali; nessun residuo solido in camera di combustione; più alta aspettativa di durata della caldaia; costi di gestione più bassi. Diapositiva n 26

27 L accumulatore inerziale Diapositiva n 27

28 L accumulatore inerziale Funzioni dell'accumulatore inerziale: Consente alla caldaia di funzionare in modo regolare, evitando interruzioni dovute ad insufficiente richiesta di energia da parte dell'impianto di riscaldamento. In queste condizioni, invece di bloccare la combustione o surriscaldare gli ambienti, la caldaia può continuare a funzionare immagazzinando energia nel serbatoio di accumulo. Tale energia si renderà disponibile successivamente quando il progressivo esaurimento del combustibile determinerà una riduzione della potenza erogata dalla caldaia. Il funzionamento senza interruzioni riduce la fumosità delle emissioni e lo sporcamento del camino, protegge la caldaia da dannose formazioni di condensati catramosi, e aumenta il rendimento globale dell'impianto. Diapositiva n 28

29 L accumulatore inerziale Funzioni dell'accumulatore inerziale: Costituisce un volano termico per l'impianto di riscaldamento e comporta un aumento del comfort di esercizio, rendendolo del tutto simile a quello di impianti automatici a gas/gasolio. L'energia contenuta nell'accumulatore sotto forma di acqua calda viene automaticamente ceduta all'impianto nel momento in cui questo la richiede. Questo assicura alcune ore di riscaldamento anche a caldaia spenta. Diapositiva n 29

30 Dimensionamento del puffer in funzione del carico e della caldaia Diapositiva n 30

31 Metodo di calcolo statico Regola base: L accumulatore inerziale deve poter accogliere perlomeno la quantità di calore generata da una carica della caldaia! Accumulatore inerziale Caldaia Q Pu V Pu * W * cw *( Pu max Pu, min) Q Q * b K K K V 13,5* Q * b Pu K K segue Diapositiva n 31

32 Metodo di calcolo statico Q Pu V Pu * W * cw *( Pu max Pu, min) Q Q * b K K K V 13,5* Q * b Pu K K Dove: b k è il peso in kg del carico di legna secca Q k è il potere calorifico in kwh/kg V Pu è espresso il litri Si tenga presente che il peso della legna secca accatastata è di circa 200 kg/m 3, cioè un quinto dell acqua contenuta. Il coefficiente 13,5 deriva dal fattore di conversione dei kwh in kcal (1 kwh = 860 kcal) diviso per un ΔT = 64 C tra la temperatura iniziale minima del puffer e quella finale massima. Diapositiva n 32

33 Dimensionamento del puffer Quanti litri? Sempre 800 l 25 l/kw 100 l/kw Più grande possibile Diapositiva n 33

34 Dimensionamento del puffer Con quali criteri si sceglie il volume giusto? Esiste una formula pratica per il calcolo? Variazione del fabbisogno termico in giornata Comfort: ricaricare la caldaia solo 1-2 volte al giorno (mantenimento della caldaia spenta di notte) Rendimento/emissioni: peggiorano a basso carico Caldaia modulante o no? Volume del vano carico della caldaia Spazio a disposizione In pratica: V inerziale = 10 x V Legna V inerziale = 40 x P Caldaia Diapositiva n 34

35 Dimensionamento del puffer Diapositiva n 35

36 Potenza in kw Potenza in kw Puffer in esercizio invernale caldaia modulante kw Energia all accumulatore Energia dall accumulatore caldaia senza modulazione Legenda: sono carichi della legna ore ,5 ore la caldaia modulante segue il carico termico (modulante) un pieno di legna basta per circa 7h in modulazione l autonomia si prolunga fino a 15h d inverno non serve il puffer la caldaia non modulante sviluppa sempre la potenza nominale un pieno di legna basta per circa 4h (con puffer 6,5h) il puffer è indispensabile per equilibrare il carico termico d inverno serve un puffer di 1000l Diapositiva n 36

37 Potenza in kw Potenza in kw Puffer in esercizio di mezza stagione 30 caldaia modulante kw caldaia senza modulazione ore + 7 ore di riserva ore + 2 ore di riserva nonostante la modulazione, in mezza stagione ci vuole un puffer di 800l la caldaia modulante mantiene un letto di brace residua per il giorno dopo la caldaia non modulante richiede un puffer di 1500l dopo 4h la legna è finita e il fuoco si spegne Diapositiva n 37

38 Dimensionamento del puffer Diapositiva n 38

39 Comando della pompa di carico puffer Comando della pompa di carico del puffer Si comanda la pompa di carico del puffer in vari modi. Tramite: temperatura dei fumi; temperatura dell acqua di caldaia; temperatura dell acqua di caldaia e temperatura della parte bassa del puffer (regolazione della differenza di temperatura). Diapositiva n 39

40 Puffer collegato in alternativa alla caldaia a gas/gasolio Quando il puffer è caldo, la caldaia è esclusa dal circuito idraulico, quando è freddo la caldaia entra nel circuito e viene escluso il puffer stesso La regolazione deve commutare sul puffer quando questo raggiunge la temperatura richiesta. La caldaia a gasolio/gas viene contemporaneamente esclusa. Diapositiva n 40

41 Puffer collegato, se è caldo,in serie ad una caldaia a gas/gasolio Controllore del ritorno Quando la temperatura del puffer è più bassa della temperatura di ritorno dall impianto, il controllore del ritorno aziona la valvola a tre vie ed il puffer viene bypassato. Quando la temperatura del puffer è invece più alta, il ritorno dell impianto viene fatto transitare attraverso il puffer. La caldaia a gas o a gasolio non riceve alcun comando. Idraulicamente la caldaia a gas/gasolio è sempre inserita nel circuito (in serie). Diapositiva n 41

42 Sicurezze Diapositiva n 42

43 Sicurezza funzionale sul ritorno di caldaia Innalzamento della temperatura di ritorno Tenendo una temperatura minima di ritorno: A B AB si evita la condensazione e la formazione di catrame nel corpo caldaia e nel camino; si favorisce una combustione completa a basse emissioni. Diapositiva n 43

44 Sicurezza funzionale sul ritorno di caldaia Innalzamento della temperatura di ritorno Regolazione di temperatura: con servomeccanismo a espansione di liquido con servomeccanismo elettrico B A AB Valvola miscelatrice a tre vie Caldaia a legna Diapositiva n 44

45 Controllo della temperatura di ritorno sulle varie caldaie a legna Minima temperatura di ritorno 65 C! Minima temperatura di ritorno 60 C! Valvola a tre vie termostatica Valvola miscelatrice gestita dalla regolazione della caldaia Diapositiva n 45

46 Sicurezze impianto Diapositiva n 46

47 Sicurezze termiche ISPESL Caldaia a legna A differenza delle caldaie a gas/gasolio, le caldaie a ciocchi di legna sono caratterizzate dalla presenza di una considerevole quantità di combustibile solido che, una volta acceso, continua a sviluppare calore con una inerzia considerevole, difficilmente controllabile nel breve termine. Di conseguenza, le caldaie a legna possono trovarsi in condizioni di criticità. Queste condizioni sono fondamentalmente due: interruzione dell'alimentazione elettrica; guasto della pompa di circolazione della caldaia. segue Diapositiva n 47

48 Sicurezze termiche ISPESL Caldaia a legna L'effetto delle suddette situazioni è il blocco pressoché totale della circolazione di acqua in caldaia a cui consegue l'interruzione nell'asportazione del calore generato dalla combustione della legna. La temperatura dell'acqua può salire fino a superare i 100 C, soglia oltre la quale avviene produzione di vapore che causa un brusco aumento della pressione dell'impianto. In mancanza di dispositivi di sicurezza adeguati si può rapidamente giungere ad una situazione di pericolo. Per scongiurare questo rischio, oltre che del termostato di sicurezza in dotazione a tutti i tipi di caldaia, le caldaie a legna sono dotate di uno scambiatore di calore di emergenza, costituito da un tubo a serpentina immerso nell'acqua della caldaia. Questo scambiatore deve essere collegato da un lato a una presa di acqua fredda, direttamente connessa all'acquedotto; dal lato in uscita lo scambiatore di emergenza va collegato a uno scarico. segue Diapositiva n 48

49 Sicurezze termiche ISPESL Caldaia a legna Tra la presa di acqua fredda e la caldaia va interposta una valvola di sicurezza termica. Questa valvola, è dotata di una sonda a bulbo di mercurio da inserire in un apposito pozzetto sulla caldaia. In caso di emergenza, prima che la temperatura della caldaia raggiunga la soglia dei 100 C, la valvola di sicurezza si apre mediante un dispositivo meccanico che non richiede alimentazione elettrica, e acqua fredda inizia a fluire nello scambiatore di sicurezza, asportando il calore in eccesso e convogliandolo allo scarico. Viene così scongiurato il rischio di ebollizione nella caldaia. La valvola di sicurezza termica fornisce una protezione molto efficace dell'impianto a legna purché vi sia una disponibilità continua di acqua fredda anche in mancanza di corrente elettrica. La valvola di sicurezza termica va controllata almeno una volta all'anno per verificarne l'efficienza e la tenuta, e va sostituita tempestivamente qualora si riscontrassero dei difetti. Diapositiva n 49

50 Sicurezze termiche ISPESL Caldaia a legna 1) Vaso d espansione aperto 9 2) Tubo alimentazione vaso di espansione 3) Tubo di sicurezza 1 4) Termometro, con pozzetto per termometro di controllo 5) Manometro, con flangia per manometro di controllo ) Dispositivo di limitazione della temperatura a riarmo automatico 4 7) Dispositivo di limitazione della temperatura di sicurezza a riarmo manuale 8 8) Dispositivo di dissipazione della potenza residua con scambiatore interno (o valvola di scarico termico) 9) Dispositivo di allarme acustico e/o ottico 6 7 Diapositiva n 50

51 Sicurezze termiche ISPESL Caldaia a legna Impianti con caldaie a legna richiedono sempre il vaso aperto (Circolare ISPESL 1/04). Impianti a vaso d espansione chiuso: generatori di calore a combustibili solidi con sistema di combustione a disinserimento rapido, anche solo parziale cioè con una porzione di potenza termica residua dopo l interruzione dell alimentazione. Diapositiva n 51

52 Dimensionamento canna fumaria Diapositiva n 52

53 Evacuazione fumi Dimensionamento della canna fumaria La funzione del camino non è solamente quella di allontanare e disperdere i fumi, ma di assicurare, grazie ad un tiraggio adeguato, il buon funzionamento della caldaia. Il tiraggio è tanto migliore quanto più caldi rimangono i fumi che percorrono il camino. buon isolamento termico (si evita così che la temperatura dei fumi scenda al di sotto della soglia di condensa). Ottime prestazioni sono fornite dalle canne fumarie in acciaio inossidabile coibentate. Questi camini vanno dotati alla base di uno scarico per la condensa e producono un buon tiraggio già a temperature dei fumi relativamente basse. Nei modelli di caldaie a legna tecnologicamente più avanzati, la temperatura dei fumi può essere abbassata fino a poco al di sopra della soglia dei 100 C, aumentando considerevolmente la resa dell'impianto. Diapositiva n 53

54 Evacuazione fumi Dimensionamento della canna fumaria Si tratta di una formula semplificata e approssimata che vale per camini con temperatura dei fumi di almeno 300 C. Dove: S è la sezione del camino (cm 2 ) K è una costante di proporzionalità (pari a 0,0258 nel caso di combustibili solidi e 0,00206 nel caso di combustibili liquidi) P è la potenza del focolare (Kcal/h) h è l'altezza del camino (dall uscita dalla caldaia al tetto) (m) Le sezioni dovranno essere incrementate almeno del: 50% nel caso di impiego di lignite o torba; 25% nel caso di impiego di carboni da vapore a lunga fiamma; 10% per ogni 500 m di altitudine della località sul livello del mare. La sezione minima non dovrà essere in nessun caso inferiore a 220 cm 2. Diapositiva n 54

55 Evacuazione fumi Dimensionamento della canna fumaria Il valore h da introdurre nella formula è dato dall'altezza di costruzione dei camini diminuita come segue: delle perdite di carico proprie dell'apparecchio di cui fa parte il focolare servito, espresse in millimetri di colonna d'acqua nella misura di un metro per ogni mm d'acqua; di 0,50m per ogni cambiamento di direzione o T; di 0,50m per ogni cambiamento di sezione; di 1,00m per ogni metro di sviluppo con andamento suborizzontale (pendenza minima 3 4%). Diapositiva n 55

56 Evacuazione fumi Dimensionamento della canna fumaria (formula rigorosa) Per i combustibili solidi, legna o carbone, è raccomandabile, per ricavare la sezione necessaria del camino, l'utilizzo della formula estesa: Dove: S è la sezione del camino (cm 2 ) K è una costante caratteristica del tipo di combustibile (per combustibile solido vale 0,03) P è la potenza al focolare (Kcal/h) h è l'altezza utile del camino (m) L è la lunghezza dei tratti suborizzontali del camino o del canale da fumo (m) c è il numero complessivo delle curve del camino e del canale da fumo p una costante che esprime le perdite di carico del dispositivo (nel caso di potenza inferiore alle Kcal/h si pone uguale ad 1) Il valore ottenuto va aumentato di un 10% per ogni 500 m di altitudine sul livello del mare. Per consentire l'impiego di elementi prefabbricati per la realizzazione del camino è ammessa una oscillazione della sezione ottenuta dal calcolo compresa tra un -10% ed un +30% Diapositiva n 56

57 Evacuazione fumi Dimensionamento della canna fumaria (legna) kcal/h Tabella indicativa della sezione in cm 2 della canna fumaria in funzione di altezza, altitudine e consumo. Diapositiva n 57

58 Schemi idraulici Diapositiva n 58

59 Schemi idraulici Diapositiva n 59

60 Schemi idraulici Caldaia a legna controllata termostaticamente e funzionanante in modo autonomo Ovvero qualsiasi caldaia a legna con regolazione termostatica che produce calore per il solo riscaldamento o per riscaldamento e acqua sanitaria assieme. Il calore viene erogato direttamente sui radiatori, che devono assorbire l intera potenza. Diapositiva n 60

61 Schemi idraulici Il calore viene erogato verso il puffer e da qui, quando serve, la pompa lo preleva su comando del cronotermostato. Caldaia a legna controllata termostaticamente e funzionanante in modo autonomo La centralina gestisce pompa e ventilatore Si può aggiungere il sanitario attraverso un bollitore Combi Il serpentino dell accumulatore separa circuito aperto e chiuso Diapositiva n 61

62 Schemi idraulici Caldaia a legna controllata termostaticamente e funzionanante in modo autonomo La regolazione vede il suo compensatore idraulico nell accumulatore inerziale, dove viene posizionata la sonda. Si può aggiungere il sanitario attraverso un bollitore Combi La regolazione di caldaia porta calorie all accumulatore; il 4121 gestisce i circuiti a partire dal calore presente Il serpentino dell accumulatore separa circuito aperto e chiuso Diapositiva n 62

63 Schemi idraulici Caldaia a legna controllata termostaticamente e caldaia a gas murale Regolazione con sonda esterna e puffer. Caldaie perfettamente in parallelo, con quella a gas che integra, contemporaneamente al funzionamento di quella a legna. L acqua della caldaia a legna, quando è più fredda del puffer, viene deviata tramite la regolazione differenziale RW. Il serpentino dell accumulatore separa circuito aperto e chiuso Sanitario solo da caldaia a gas segue Diapositiva n 63

64 Schemi idraulici Caldaia a legna controllata termostaticamente e caldaia a gas murale Il sanitario si può fare, attraverso il bollitore Combi, con la caldaia a legna, in combinazione con la produzione rapida della caldaia a gas. Il serpentino dell accumulatore separa circuito aperto e chiuso Diapositiva n 64

65 Schemi idraulici Sistemi completi Sistemi di generatori perfettamente cooperanti in parallelo, dove la caldaia a condensazione integra solo se manca calore e dove l acqua di ritorno dall impianto entra nell accumulatore inerziale solo se questi è in grado di dare contributo. Diapositiva n 65

66 Schemi idraulici Sistemi completi Regolazione con sonda esterna e accumulatore inerziale. La caldaia a condensazione a gas interviene solo se necessario. L acqua di caldaia non disturba l accumulatore inerziale attraverso la regolazione differenziale RW. Il carico del bollitore con pompa consente di sfruttare anche il calore generato dalla caldaia a legna Aggiungendo i pannelli solari, si può usare un accumulatore combinato Diapositiva n 66

67 Schemi idraulici Sistemi completi Puffer inserito o meno attraverso un organo di commutazione; Caldaia a basamento, sempre attraversata dal flusso ( in serie ); Solare per sanitario e appoggio al riscaldamento. Diapositiva n 67

68 Schemi idraulici Sistemi completi Puffer inserito o meno attraverso un organo di commutazione; Caldaia a basamento, inserita in esercizio alternato al puffer (puffer e caldaia in parallelo ); Solare per produzione sanitaria. Diapositiva n 68

69 Schemi idraulici Sistemi completi Inserimento del puffer in serie al flusso con una caldaia murale che agisce in integrazione in parallelo ; Solare per produzione sanitaria. Diapositiva n 69

70 Schemi idraulici Diapositiva n 70

71 Schemi idraulici Caldaia a legna con puffer in serie, produzione a.c.s. e due circuiti (uno miscelato ed uno diretto) Scambiatore a piastre Soluzione alternativa segue Diapositiva n 71

72 Schemi idraulici Caldaia a legna con puffer in serie, produzione a.c.s. e due circuiti (uno miscelato ed uno diretto) Attenzione! Assicurarsi che il calore ceduto dallo scambiatore sia pari alla potenza nominale della caldaia! Si evita lo scambiatore a piastre Diapositiva n 72

73 Schemi idraulici Caldaia a legna con puffer in parallelo, produzione a.c.s. e due circuiti (uno miscelato ed uno diretto) Scambiatore a piastre Vantaggio rispetto a soluzioni in serie: sistema più veloce a caldaia appena accesa; l acqua va verso il puffer solo quando non c è richiesta di calore. Diapositiva n 73

74 Schemi idraulici Caldaia a legna con puffer, produzione acs, due circuiti (uno miscelato ed uno diretto) e integrazione solare a.c.s. Si evita lo scambiatore a piastre Diapositiva n 74

75 Schemi idraulici Caldaia a legna con puffer, produzione acs, due circuiti (uno diretto ed uno miscelato) ed integrazione solare a.c.s. + riscaldamento Si evita lo scambiatore a piastre Diapositiva n 75

76 Messa in funzione: Impianto di Laboratorio Diapositiva n 76

77 Messa in funzione impianto Laboratorio Schema idraulico laboratorio Scuola Energia Termotecnica Diapositiva n 77

78 Messa in funzione impianto Laboratorio Diapositiva n 78

79 Messa in funzione impianto Laboratorio Caldaia a legna modulante + solare per a.c.s. + caldaia condensazione per intervento ausiliario Diapositiva n 79

80 Collegamenti elettrici su Caldaia a Legna Schema d insieme scheda AEC 6 + scheda di espansione 12-0 (AEH 6) Morsettiera a bassa tensione Morsettiera a 230 V Diapositiva n 80

81 Collegamenti elettrici su Caldaia a Legna Visione d insieme scheda AEC 6 + scheda di espansione 12-0 (AEH 6) Scheda AEC6 Scheda espansione 12-0 (AEH6) Diapositiva n 81

82 Collegamenti elettrici su Caldaia a Legna Dettaglio collegamenti su scheda AEC 6 Pompa carico accumulatore sanitario Sonda acc. Sanitario alta Funzione scelta per commutazione a caldaia Gas o per ricircolo sanitario Alimentazione scheda di espansione 23-0 Sonde puffer Sonda ritorno caldaia Sonda caldaia Pompa circuito riscaldamento 1 Pompa puffer + pompa valle scambiatore Collegare il CAN BUS alla scheda di espansione 12-0 (AEH6) Ventilatore Miscelatrice innalzamento ritorno Diapositiva n 82

83 Collegamenti elettrici su Caldaia a Legna Dettaglio collegamenti su scheda AEC 6 1) Commutazione a caldaia condensazione a gas GB162 Possibilità utilizzo funzione scelta su S3 Collegare COM ed NO sul Morsetto verde AW della UBA 3.5 della GB162 e 2) Ricircolo sanitario (impostato su scheda espansione 12-0) Diapositiva n 83

84 Messa in funzione impianto Laboratorio Diapositiva n 84

85 Messa in funzione impianto Laboratorio Schema idraulico laboratorio Scuola Energia Termotecnica Diapositiva n 85

86 Messa in funzione impianto Laboratorio Diapositiva n 86

87 Messa in funzione impianto Laboratorio Caldaia a legna NON modulante + solare per a.c.s. + caldaia condensazione in funzionamento seriale Diapositiva n 87

88 Collegamenti elettrici su Caldaia a Legna Porzione di schema Alimentazione 230V-50Hz SU valvola controllo del ritorno Ventilatore Pompa di carico puffer Diapositiva n 88

89 Collegamenti elettrici su Caldaia a Legna Porzione di schema Ingressi sonde Diapositiva n 89

90 Collegamenti elettrici su Caldaia a Legna Porzione di schema Diapositiva n 90

91 Collegamenti elettrici su Caldaia a Legna Porzione di schema Collegamento tra regolazione 2114 e regolazione 4121 Diapositiva n 91

92 Collegamenti elettrici su Caldaia a Legna Porzione di schema Quando la caldaia S151 è in funzione, ed il puffer è carico a sufficienza (cioè la temperatura misurata dalla sonda FPU è Collegamento tra regolazione 2114 e regolazione 4121 superiore alla soglia di commutazione impostata) per poter soddisfare la richiesta di calore da parte dell impianto, la regolazione 2114 mette in parallelo una resistenza da 1K alla sonda del compensatore, ingannando così la regolazione 4121 che sente una temperatura di 90 C sul compensatore, e tiene quindi ferma la caldaia a condensazione a gas/gasolio. Diapositiva n 92

93 Pannello di comando Caldaia a Legna Diapositiva n 93

94 Pannello di comando Caldaia a Legna Tasti per visualizzazione temperature Temperatura caldaia (FK) Temperatura Puffer Alto (FK) Temperatura Puffer basso (FPU) Temperatura fumi (FAG) Diapositiva n 94

95 Pannello di comando Caldaia a Legna Tasti per funzioni estese Selezione tasto programmazione Soglia commutazione acqua calda Tasto Info Livello di servizio Diapositiva n 95

96 Pannello di comando Caldaia a Legna Livello di programmazione Diapositiva n 96

97 Pannello di comando Caldaia a Legna Livello di servizio Per modificare un qualsiasi parametro, una volta selezionato il parametro interessato premere il contemporaneamente il tasto PROG e girare la manopola per scegliere l impostazione desiderata, quindi rilasciare il tasto PROG. Diapositiva n 97

98 Pannello di comando Caldaia a Legna Impostazioni del livello di programmazione per Laboratorio ScuolaEnergia Diapositiva n 98

99 Pannello di comando Caldaia a Legna Impostazioni del livello di servizio per Laboratorio ScuolaEnergia Diapositiva n 99

Corso di Impianti Meccanici Laurea Magistrale. Modulo 1. Biomasse. Sezione 1.3 Caldaie a biomassa

Corso di Impianti Meccanici Laurea Magistrale. Modulo 1. Biomasse. Sezione 1.3 Caldaie a biomassa Corso di Impianti Meccanici Laurea Magistrale Modulo 1. Biomasse Sezione 1.3 Caldaie a biomassa Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Department of Industrial

Dettagli

PiroVas ThermoVas. Caldaie a legna a combustione tradizionale e pirolitica

PiroVas ThermoVas. Caldaie a legna a combustione tradizionale e pirolitica PiroVas ThermoVas a combustione tradizionale e pirolitica 2 PiroVas - ThermoVas a combustione tradizionale e pirolitica PiroVas - ThermoVas Bongioanni Caldaie da sempre sensibile ai problemi energetici

Dettagli

INDICAZIONI DI BASE PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI A LEGNA LOHE S.R.L.

INDICAZIONI DI BASE PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI A LEGNA LOHE S.R.L. 1 INDICAZIONI DI BASE PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI A LEGNA 2 Indice La legna La caldaia Il collegamento idraulico La gestione del calore Allacciamento camino Impianti FINE 3 La legna EQUIVALENZE ENERGETICHE

Dettagli

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova Caldaie a legna ad alta efficienza Solo Innova Caldaie a legna L ampia proposta di prodotto Baxi, accoglie un articolata scelta di caldaie a legna per il comfort ed il riscaldamento domestico. Baxi infatti

Dettagli

PIROLISI A LEGNA VENTILATORE IN ASPIRAZIONE

PIROLISI A LEGNA VENTILATORE IN ASPIRAZIONE AIREX S PIROLISI A LEGNA VENTILATORE IN ASPIRAZIONE Valorizzare l'énergia verde Fiscale Recupero AIREX S costituisce l evoluzione della gaa di caldaie a legna: a gasificazione totale a fiaa rovesciata

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO A BIOMASSA

LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO A BIOMASSA Ing Gianluca Farina Sistemi di produzione e distribuzione del calore LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO A BIOMASSA Le principali tipologie di caldaie per la combustione di biomasse per il riscaldamento

Dettagli

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112 MASAJA - MASAJA INOX Le caldaie a legna MASAJA e MASAJA INOX possono essere alimentate con tronchetti di lunghezza massima, a seconda dei modelli, da 500 a 1.060 mm. Corpo caldaia costituito da due elementidi

Dettagli

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO RACCOMANDAZIONI E consigliabile applicare schemi semplici e di provata efficacia e dotare il sistema di elementi utili a verificare il buon

Dettagli

Multi Heat - Solo Innova

Multi Heat - Solo Innova Multi Heat - Solo Innova Caldaie per biocombustibili ad alta efficienza Indice Caldaie a biocombustibile 3 Multi Heat 4 Solo Innova 6 Dati tecnici 8 Consumi-Aspetti Economici 10 2 Multi Heat - Solo Innova

Dettagli

Caldaie per usi civili. Costruzione. Classificazione

Caldaie per usi civili. Costruzione. Classificazione Caldaie per usi civili Negli usi civili le caldaie si distinguono in base alla potenza termica nominale (Pn). Un altro parametro che compare tra i dati di targa delle caldaie è la portata termica nominale,

Dettagli

(BO) T. - 40053-051/831147 - F.

(BO) T. - 40053-051/831147 - F. ENERGIA DA BIOMASSE ECONOMIC 000 * CALDAIA A LEGNA La serie ECONOMIC 000 è una rivisitazione della caldaia di tipo Cornovaglia a tiraggio naturale con tubi di ritorno orizzontali. La costruzione si avvale

Dettagli

SPIRENOX: l evoluzione del Gasogen

SPIRENOX: l evoluzione del Gasogen SPIRENOX: l evoluzione del Gasogen Una scelta ecocompatibile Unical, dopo anni di ricerca, introduce una nuova gaa di caldaie che sfrutta completamente l energia naturale sprigionata da un combustibile

Dettagli

LAMBDALENIA PIÙ QUALITÀ ALLA LEGNA

LAMBDALENIA PIÙ QUALITÀ ALLA LEGNA PIÙ QUALITÀ ALLA LEGNA risparmio energetico Riscaldarsi con è il modo migliore per valorizzare l come risorsa energetica rinnovabile. Questa nuova gaa è dotata di sonda Lambda per il controllo totale della

Dettagli

La nuova dimensione del calore

La nuova dimensione del calore DIAGRAMMA DELLE POTENZE PER MODELLO POTENZA Kw Potenza di utilizzo consigliata 160 150 140 130 120 110 120 100 90 90 80 70 60 50 40 30 20 10 25 12 33 16 43 22 65 30 40 55 30 40 50 80 115 150 LA SCELTA

Dettagli

Duo-tec HT GA. Caldaie murali a gas a condensazione

Duo-tec HT GA. Caldaie murali a gas a condensazione Duo-tec HT GA Caldaie murali a gas a condensazione Semplicità e prestazioni: la caldaia ideale per la sostituzione La nuova gamma di caldaie a gas a condensazione Duo-tec HT GA è stata specificatamente

Dettagli

Duo-tec HT GA. Caldaie murali a gas a condensazione

Duo-tec HT GA. Caldaie murali a gas a condensazione Duo-tec HT GA Caldaie murali a gas a condensazione Semplicità e prestazioni: la caldaia ideale per la sostituzione La nuova gamma di caldaie a gas a condensazione Duo-tec HT GA è stata specificatamente

Dettagli

DETRAZIONE FISCALE 50%

DETRAZIONE FISCALE 50% DETRAZIONE FISCALE 50% L AZIENDA Il marchio MTR Caldaie nasce dall esperienza trentennale della Montresoro F.lli, azienda attiva da sempre nel settore caldaie per uso civile ed industriale. La nostra azienda

Dettagli

- P. IVA 09183030015 - C. F. VTNGCR52R08L219B

- P. IVA 09183030015 - C. F. VTNGCR52R08L219B * Dati : Tecnologia Abitativa Avanzata ECOTRIBE Tecnologia Abitativa Avanzata di Giancarlo Avataneo - Str. Miravalle / 00 Moncalieri (Torino) ITALIA - Tel. 09 (0) - Cell. 009 8 9 9 E-mail: ecotribe00@yahoo.it

Dettagli

Caldaia a gassificazione HVS

Caldaia a gassificazione HVS Ci curiamo del vostro futuro Caldaia a gassificazione HVS Riscaldamento ecologico con il massimo comfort Sistemi tecnologici made in Baviera HVS E ECONOMIC HVS LC LAMBDA CONTROL Caldaie da 16 kw a 100

Dettagli

ARITERM CALDAIE A LEGNA ASPIRATE A FIAMMA INVERSA E GASSIFICAZIONE. 34, 55 kw

ARITERM CALDAIE A LEGNA ASPIRATE A FIAMMA INVERSA E GASSIFICAZIONE. 34, 55 kw ARITERM CALDAIE A LEGNA ASPIRATE A FIAMMA INVERSA E GASSIFICAZIONE 34, 55 kw ARITERM Le caldaie indistruttibili con un solo obiettivo: l eccellenza Le caldaia a Legna, aspirata a fiamma inversa e gassificazione

Dettagli

Caldaia a legna a gassificazione con combustione a fiamma rovesciata ECOBiovent Serie C

Caldaia a legna a gassificazione con combustione a fiamma rovesciata ECOBiovent Serie C Tecnologia Abitativa Avanzata ECOTRIBE Tecnologia Abitativa Avanzata di Giancarlo Avataneo - Str. Miravalle 24/4-10024 Moncalieri (TO) P. IVA 09183030015 - Codice fiscale VTNGCR52R08L219B - Cell. 0039

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 1 Mynute Special Guida al capitolato Mynute Special

Dettagli

Regovent. Regovent Combi. Regovent. Regovent Combi. Regovent Combi Inox. Regovent Inox. Versione con. focolare in acciaio Inox Garanzia 10 anni

Regovent. Regovent Combi. Regovent. Regovent Combi. Regovent Combi Inox. Regovent Inox. Versione con. focolare in acciaio Inox Garanzia 10 anni Regovent Regovent Combi Versione con focolare in acciaio Inox Garanzia 10 anni Elettronica predisposta per la gestione di Pannelli Solari DIRETTIVA 97/23 MODULO B1 Certificata in Conformità EN 303.5 Classe

Dettagli

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP Caldaie in acciaio per la produzione di acqua calda ad inversione di fumi, funzionanti a scarti di legno, trucioli, pelet, segatura, cippati, bricchetti, gasolio,

Dettagli

DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE SYSCON XLI - XLE 115 SYSTEM. DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE Pagina 1

DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE SYSCON XLI - XLE 115 SYSTEM. DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE Pagina 1 DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE SYSCON XLI - XLE 115 SYSTEM DOSSIER TECNICO GENERATORI DI CALORE DI TIPO MODULARE Pagina 1 INTRODUZIONE RIELLO S.p.A produce moduli termici a condensazione

Dettagli

S1 Turbo Caldaia a legna. S1 Turbo. www.froeling.com

S1 Turbo Caldaia a legna. S1 Turbo. www.froeling.com S1 Turbo Caldaia a legna S1 Turbo www.froeling.com Riscaldare con la legna Froling si occupa da oltre cinquant'anni dell'utilizzo efficiente del legno come fonte di energia. Oggi il marchio Froling è sinonimo

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL centopercento Made in Italy 1 Dati Tecnici Installazione, uso e manutenzione della caldaia combinata nella quale è possibile bruciare gasolio, gas

Dettagli

17/10/2013. calda alimentati a biomassa SOLIDO

17/10/2013. calda alimentati a biomassa SOLIDO 1 1 1 Questa presentazione illustra i principali elementi contenuti nella legislazione e nelle norme tecniche di volta in volta richiamate Questa presentazione ma non sostituisce gli atti richiamati e

Dettagli

RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX

RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX Serie mod. da ø a ø MODELLI DISPONIBILI SOLO IN VERSIONE TRM u u u u SIGNIFICATO DELLE SIGLE IDENTIFICATIVE Recuperatore acqua

Dettagli

Serie Hola. Caldaie a basamento in ghisa con bruciatore a gasolio o a gas

Serie Hola. Caldaie a basamento in ghisa con bruciatore a gasolio o a gas Serie Hola Caldaie a basamento in ghisa con bruciatore a gasolio o a gas Caldaie a basamento in ghisa per solo riscaldamento e per riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria Serie Hola La gamma

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 1 Paros HM Guida al capitolato Paros HM C.S.I. caldaia

Dettagli

Duo-tec HT GA. Caldaie murali a gas a condensazione

Duo-tec HT GA. Caldaie murali a gas a condensazione Duo-tec HT GA Caldaie murali a gas a condensazione Semplicità e prestazioni: la caldaia ideale per la sostituzione La nuova gamma di caldaie a gas a condensazione Duo-tec HT GA è stata specificatamente

Dettagli

Caldaie murali a condensazione FORMAT DEWY.ZIP

Caldaie murali a condensazione FORMAT DEWY.ZIP Caldaie murali a condensazione FORMAT DEWY.ZIP Caldaie murali FORMAT DEWY.ZIP La condensazione compatta Sime, da sempre al passo con i tempi nell innovazione di prodotto, è presente sul mercato con un

Dettagli

Tecnologie innovative

Tecnologie innovative Tecnologie innovative Valvole termostatiche ed Impianto a condensazione Ing. Laurent SOCAL 23/06/2007 Ing. SOCAL - Impianti a condensazione 1 La valvola termostatica E una valvola la cui apertura è proporzionale

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Principio di funzionamento 7 Installazione 9 Accessori 17

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Principio di funzionamento 7 Installazione 9 Accessori 17 Sistema solare ad incasso Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Principio di funzionamento 7 Installazione 9 Accessori 17 1 Solar Box Guida al capitolato Solar Box Sistema integrato

Dettagli

SEZIONE 1 Guida al capitolato

SEZIONE 1 Guida al capitolato SEZIONE 1 Guida al capitolato 1 1.1 Solar Box Sistema integrato ad incasso per la produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento SOLAR BOX SOLUZIONE CON CALDAIA A CONDENSAZIONE COMBINATA Descrizione

Dettagli

Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale

Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale www.pentaproject.ch Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 1 Meteo BOX Guida al capitolato Meteo MIX C.S.I.

Dettagli

Duo-tec HT GA. Caldaie murali a gas a condensazione

Duo-tec HT GA. Caldaie murali a gas a condensazione Duo-tec HT GA Caldaie murali a gas a condensazione Semplicità e prestazioni: la caldaia ideale per la sostituzione La nuova gamma di caldaie a gas a condensazione Duo-tec HT GA è stata specificatamente

Dettagli

Lista di controllo per la messa in servizio

Lista di controllo per la messa in servizio Sempre al tuo fianco Lista di controllo per la messa in servizio Thesi R Condensing 45 kw - 65 kw Tecnico abilitato Sede dell impianto Tecnico del Servizio di Assistenza Clienti Nome Nome Nome Via/n.

Dettagli

Dossier Caldaie a Biomasse per impianti di riscaldamento domestico Progetto RES & RUE Dissemination

Dossier Caldaie a Biomasse per impianti di riscaldamento domestico Progetto RES & RUE Dissemination Dossier Caldaie a Biomasse per impianti di riscaldamento domestico Progetto RES & RUE Dissemination Realizzato da ITABIA A cura di: Dott. Vittorio Bartolelli Ing. Giorgio Schenone Dott.ssa Chiara Artese

Dettagli

LPA Duo Matic. LPA Duo Matic LPA Duo Matic Inox. Funzionamento Legna- Pellet in Automatico. Versione con. focolare in acciaio Inox Garanzia 10 anni

LPA Duo Matic. LPA Duo Matic LPA Duo Matic Inox. Funzionamento Legna- Pellet in Automatico. Versione con. focolare in acciaio Inox Garanzia 10 anni LPA Duo Matic Versione con focolare in acciaio Inox Garanzia 10 anni Funzionamento Legna- Pellet in Automatico DIRETTIVA 97/23 MODULO B1 Certificata in Conformità EN 303.5 Classe di prestazione 3 approvato

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere IMPIANTI TERMICI Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere Secondo lutenza da servire gli impianti di riscaldamento si dividono in: IMPIANTI

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

Patented. autopulente. rendimenti oltre 90% bassi consumi elettrici

Patented. autopulente. rendimenti oltre 90% bassi consumi elettrici Patented autopulente rendimenti oltre 90% Certificata in Conformità EN 303.5 Classe di prestazione 3 bassi consumi elettrici Caldaia a pellet di legno naturale Alimentazione automatica Accensione automatica

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Principio di funzionamento 6 Descrizione 8 Installazione 11 Accessori 14

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Principio di funzionamento 6 Descrizione 8 Installazione 11 Accessori 14 Solare Termico Sistemi Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Principio di funzionamento 6 Descrizione 8 Installazione 11 Accessori 14 1 Solar BOX Guida al capitolato Solar Box Sistema integrato

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

KONDINOX: l evoluzione dell inox

KONDINOX: l evoluzione dell inox CONDENSAZIONE... D ACCIAIO KONDINOX: l evoluzione dell inox Performante e compatta KONDINOX con potenza di 26,5 kw utili (in regime di condensazione) è la caldaia murale compatta a condensazione a premiscelazione

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. IV IMPIANTO RISCALDAMENTO DEI LOCALI DI ABITAZIONE

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. IV IMPIANTO RISCALDAMENTO DEI LOCALI DI ABITAZIONE Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. IV IMPIANTO RISCALDAMENTO DEI LOCALI DI ABITAZIONE Comfort Termico Un impianto di riscaldamento è un impianto termico per la produzione e

Dettagli

LA NOSTRA TECNOLOGIA NEL RISPETTO DELL AMBIENTE

LA NOSTRA TECNOLOGIA NEL RISPETTO DELL AMBIENTE LA NOSTRA TECNOLOGIA NEL RISPETTO DELL AMBIENTE ALTI RENDIMENTI BASSI CONSUMI SV - SB Caldaie a Nocciolino e pellet con accensione in ceramica Da più di trentanni tutto made in Italy L Azienda nasce nel

Dettagli

SOLUZIONI DI IMPIANTO G e n n a i o 2 0 1 1 www.arcacaldaie.com

SOLUZIONI DI IMPIANTO G e n n a i o 2 0 1 1 www.arcacaldaie.com SOLUZIONI DI IMPIANTO Gennaio 2011 www.arcacaldaie.com 2 La ditta ARCA s.r.l. declina ogni responsabilità per le possibili inesattezze se dovute ad errori di stampa o di trascrizione. Si riserva altresì

Dettagli

CAPITOLATO CALDAIE SCILIAR 18-40

CAPITOLATO CALDAIE SCILIAR 18-40 CAPITOLATO CALDAIE SCILIAR 18-40 KA30180-202 ALMAR Sciliar 18 Caldaia a legna ALMAR caldaia a gassificazione di legna Sciliar 18 " incluso scambiatore di calore di 10,2-20,5 kw e 10.2-18,0 kw Caldaia specifica

Dettagli

LA COMBINAZIONE DI PIU'COMBUSTIBILI

LA COMBINAZIONE DI PIU'COMBUSTIBILI LA COMBINAZIONE DI PIU'COMBUSTIBILI 23 Gruppo termico predisposto a funzionare con doppio combustibile (mais e pellet) Massima semplicità d' uso grazie all' economizzatore, un sistema di pulizia automatica

Dettagli

Il termocamino CARINCI, è l ultima novità tecnologica nel campo, frutto di studi innovativi, associati ad un esperienza trentennale nel settore, per

Il termocamino CARINCI, è l ultima novità tecnologica nel campo, frutto di studi innovativi, associati ad un esperienza trentennale nel settore, per Il termocamino CARINCI, è l ultima novità tecnologica nel campo, frutto di studi innovativi, associati ad un esperienza trentennale nel settore, per darvi le massime prestazioni che avete sempre desiderato.

Dettagli

TERMOCUCINE A LEGNA NOVITÀ 2014

TERMOCUCINE A LEGNA NOVITÀ 2014 TERMOCUCINE A LEGNA NOVITÀ 2014 LINEA TERMOCUCINE LINEA TERMOCUCINE calore più sano, cielo più pulito EKB110 rosso EKB110 blu Installazione semplice e in sicurezza Acqua calda sanitaria istantanea Facile

Dettagli

Tower GREEN 21 BSI 200 Tower GREEN 21 BSI 200 Tower GREEN 21 BSI 200 Tower GREEN 21 BSI 200

Tower GREEN 21 BSI 200 Tower GREEN 21 BSI 200 Tower GREEN 21 BSI 200 Tower GREEN 21 BSI 200 Tower Green S Tower GREEN 21 BSI 200 è una caldaia a basamento a condensazione predisposta per il solare termico. La caldaia ha di serie la centralina solare con sonde, il gruppo idraulico solare di mandata-ritorno

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI L impianto a condensazione Laurent SOCAL 31/01/2011 Ing. SOCAL - Impianti a condensazione 1 La condensazione Nella caldaia, dopo la combustione si deve trasferire

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 12

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 12 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 12 1 Meteo Guida al capitolato Meteo MIX C.S.I. AG

Dettagli

S1 Turbo Caldaia a legna. S1 Turbo NOVITÀ: UNITÀ PELLET ESPANDIBILE IN QUALSIASI MOMENTO. www.froeling.com

S1 Turbo Caldaia a legna. S1 Turbo NOVITÀ: UNITÀ PELLET ESPANDIBILE IN QUALSIASI MOMENTO. www.froeling.com S1 Turbo Caldaia a legna S1 Turbo NOVITÀ: UNITÀ PELLET ESPANDIBILE IN QUALSIASI MOMENTO www.froeling.com Riscaldare con la legna Froling si occupa da oltre cinquant'anni dell'utilizzo efficiente del legno

Dettagli

S3 Turbo Caldaia a legna. S3 Turbo ORA ANCHE CON SONDA LAMBDA A BANDA LARGA E SERVOMOTORI. www.froeling.com

S3 Turbo Caldaia a legna. S3 Turbo ORA ANCHE CON SONDA LAMBDA A BANDA LARGA E SERVOMOTORI. www.froeling.com S3 Turbo Caldaia a legna S3 Turbo ORA ANCHE CON SONDA LAMBDA A BANDA LARGA E SERVOMOTORI www.froeling.com Un marchio di eccellenza Froling si occupa da oltre cinquant anni dell utilizzo efficiente del

Dettagli

Impianti a biomassa di piccole dimensioni < 0.5 MWt

Impianti a biomassa di piccole dimensioni < 0.5 MWt Impianti a biomassa di piccole dimensioni < 0.5 MWt Dr. Giorgio Schenone Comitato Termotecnico Italiano HOME 1 Le utenze I combustibili Tecniche di valutazione dei costi dell energia prodotta Valutazione

Dettagli

CALDAIE DOMESTICHE A GASOLIO MMM

CALDAIE DOMESTICHE A GASOLIO MMM CALDAIE DOMESTICHE A GASOLIO MMM Sistemi Integrati MultiEnergia Serie AQUA MMM L' estetica La gamma delle caldaie domestiche della serie AQUA FS è dedicata ai consumatori più attenti ed esigenti. L estetica

Dettagli

RinNOVA COND. Caldaie murali a condensazione compatte nelle dimensioni grandi nelle prestazioni

RinNOVA COND. Caldaie murali a condensazione compatte nelle dimensioni grandi nelle prestazioni RinNOVA COND Caldaie murali a condensazione compatte nelle dimensioni grandi nelle prestazioni CALDAIE MURALI RinNOVA COND Biasi presenta una nuova caldaia a condensazione premiscelata: RinNOVA COND è

Dettagli

Scambiatore Condensing

Scambiatore Condensing Mynute Green S Caratterizzata da una nuova estetica particolarmente elegante che contraddistingue la nuova family line delle caldaie Beretta, la gamma Mynute Green S si avvale di due versioni combinate

Dettagli

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione **** CE in acciaio inox 316 a basamento Con produzione ACS Solare Bruciatore modulante premiscelato Potenza

Dettagli

ISOTWIN CONDENS. Caldaia murale a condensazione con accumulo dinamico ISOTWIN CONDENS F30 A1 ISOTWIN CONDENS F35 A/1

ISOTWIN CONDENS. Caldaia murale a condensazione con accumulo dinamico ISOTWIN CONDENS F30 A1 ISOTWIN CONDENS F35 A/1 ISOTWIN CONDENS Caldaia murale a condensazione con accumulo dinamico ISOTWIN CONDENS F30 A1 ISOTWIN CONDENS F35 A/1 Rendimento energetico Classe di rendimento energetico secondo la direttiva 92/42/CEE

Dettagli

PELLEXIA BENESSERE ECOCOMPATIBILE

PELLEXIA BENESSERE ECOCOMPATIBILE PELLEXIA BENESSERE ECOCOMPATIBILE Valorizzare il pellet Benessere ecocompatibile vuol dire utilizzare risorse energetiche alternative, sostenibili e nel contempo, accrescere il comfort abitativo. Ispirandosi

Dettagli

Caldaie murali a gas con microaccumulo PLANET AQUAQUICK

Caldaie murali a gas con microaccumulo PLANET AQUAQUICK Caldaie murali a gas con microaccumulo PLANET AQUAQUICK Caldaie murali PLANET AQUAQUICK Il comfort a lungo cercato Planet Aquaquick è la nuova caldaia murale Sime con microaccumulo in grado di soddisfare

Dettagli

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170)

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) Caldaia a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatta per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria in abbinamento ad un sistema

Dettagli

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa ETA Info... il mio sistema di riscaldamento LE CANNE FUMARIE Normative di riferimento per una corretta realizzazione e manutenzione dei sistemi fumari al servizio di caldaie a Biomassa La passione per

Dettagli

Fuego. Fuego Combi. Fuego Duotech. Caldaie. A legna-pellet in automatico. A legna gasolio-gas. Focolare spessore 5 mm Inox oppure 8 mm Acciaio

Fuego. Fuego Combi. Fuego Duotech. Caldaie. A legna-pellet in automatico. A legna gasolio-gas. Focolare spessore 5 mm Inox oppure 8 mm Acciaio Elettronica predisposta per la gestione di Pannelli Solari Fuego Caldaie Focolare spessore 5 Inox oppure 8 Acciaio A legna-pellet in automatico Fuego Duotech A legna Fuego A legna gasolio-gas Fuego Combi

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 9 Aspirazione aria e scarico fumi 14 Accessori 16

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 9 Aspirazione aria e scarico fumi 14 Accessori 16 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 9 Aspirazione aria e scarico fumi 14 Accessori 16 1 Exclusive Guida al capitolato Exclusive MIX C.S.I.

Dettagli

RISCALDAMENTO A BIOMASSA CENNI TECNICI E NORMATIVI

RISCALDAMENTO A BIOMASSA CENNI TECNICI E NORMATIVI RISCALDAMENTO A BIOMASSA CENNI TECNICI E NORMATIVI SOMMARIO INTRODUZIONE BIOMASSE LEGNOSE CALDAIE A BIOMASSA CALDAIE A PELLET / CIRCUITI IDRAULICI LEGGI E NORMATIVE ASPETTI ECONOMICI BIOMASSA Introduzione

Dettagli

Caldaia a legna AgroLyt (20-50)

Caldaia a legna AgroLyt (20-50) Caldaia a legna AgroLyt (20-50) La più moderna tecnologia per il riscaldamento a legna. Ecologica ed efficiente. 1 AgroLyt (20-50). I punti di forza in sintesi. La tecnologia della gassificazione a legna

Dettagli

I generatori di calore

I generatori di calore Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl I generatori di calore Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Generatore di calore: macchina comprendente le

Dettagli

Caldaie murali a basse emissioni. PLANET LOW NOx

Caldaie murali a basse emissioni. PLANET LOW NOx Caldaie murali a basse emissioni PLANET LOW NOx Caldaie murali PLANET LOW NOx Planet Low NOx: l ecologica Sime La gamma di caldaie murali Planet si arricchisce di notevolmente le emissioni di ossidi di

Dettagli

Accumulatore termico inerziale per riscaldamento ECOPuffer

Accumulatore termico inerziale per riscaldamento ECOPuffer Tecnologia Abitativa Avanzata ECOTRIBE Tecnologia Abitativa Avanzata di Giancarlo Avataneo - Str. Miravalle 24/4 10024 Moncalieri (Torino) ITALIA - Tel. 039 (0)11 647 21 75 - Cell. 0039 338 92 23 319 E-mail:

Dettagli

Caldaia combinata legna/pellet completamente automatica

Caldaia combinata legna/pellet completamente automatica Caldaia combinata legna/pellet completamente automatica thermodual TDA Ein Unternehmen von Bayerischer Staatspreis 2011 Innovazione al servizio del calore da legno L unica vera caldaia combinata con due

Dettagli

TERMOCAMINI A LEGNA & PELLET

TERMOCAMINI A LEGNA & PELLET ClimacaloR srl Zona Ind.le Taccoli Via Orazio Marziario, 18 62027 San Severino Marche (MC) Tel. 07 6147 _ 07 6059 Fax 07 64594 www.climacalor.it www.caminetticlimacalor.it ClimacaloR@ClimacaloR.it TERMOCAMINI

Dettagli

LE CALDAIE I MANUALI TECNICI

LE CALDAIE I MANUALI TECNICI I MANUALI TECNICI LE CALDAIE Dalle caldaie tradizionali fino alle efficienti caldaie a condensazione, panoramica di un dispositivo tra i più diffusi nelle nostre abitazioni ECCO Energy Solution by Carniato

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO

NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO La combustione del legno E la reazione chimica di ossidazione del legno che cede la propria energia liberando rapidamente calore. Il processo di combustione

Dettagli

Caldaie standard. Murali con bollitore. Comfort sanitario. Pr EN 13203. Rendimento. Dir. 92/42/CEE (caldaie versioni ie FF) Sfera 24 ie 24 ie FF

Caldaie standard. Murali con bollitore. Comfort sanitario. Pr EN 13203. Rendimento. Dir. 92/42/CEE (caldaie versioni ie FF) Sfera 24 ie 24 ie FF Caldaie standard Murali con bollitore Comfort sanitario Pr EN 13203 Rendimento Dir. 92/42/CEE (caldaie versioni ie FF) Sfera 24 ie 24 ie FF Acqua calda senza attese SFERA è la caldaia ad accumulo di Sylber

Dettagli

Caldaie Faci MOD. ECO QUANDO LA TECNOLOGIA INCONTRA LA QUALITA

Caldaie Faci MOD. ECO QUANDO LA TECNOLOGIA INCONTRA LA QUALITA Caldaie Faci QUANDO LA TECNOLOGIA INCONTRA LA QUALITA Tutte le caldaie sono realizzate con i migliori acciai, studiate e realizzate per utilizzare come combustibili materiali solidi allo stato granulare

Dettagli

caldaia murale a gas a condensazione istantanea

caldaia murale a gas a condensazione istantanea caldaia murale a gas a condensazione istantanea Ecologica ed economica con la tecnologia a condensazione Compatta con il nuovo scambiatore primario Silenziosa con il mantello fonoassorbente e il silenziatore

Dettagli

Caldaia a pellet di legno naturale Alimentazione automatica Accensione automatica Potenzialità da 14 a 250 kw. autopulente.

Caldaia a pellet di legno naturale Alimentazione automatica Accensione automatica Potenzialità da 14 a 250 kw. autopulente. Patented autopulente bassi consumi elettrici rendimenti oltre 90% Caldaia a pellet di legno naturale Alimentazione automatica Accensione automatica Potenzialità da 14 a 250 kw Granvia automatica E una

Dettagli

Condensazione Low Nox

Condensazione Low Nox Condensazione Low Nox La tecnologia della Condensazione Solo questa tecnologia, semplice nel concetto e articolata nel progetto, permette di avere un funzionamento senza inerzie termiche. Inerzie termiche

Dettagli

PARVA RECUPERA. Caldaie murali a condensazione pe r impia nti tradizionali

PARVA RECUPERA. Caldaie murali a condensazione pe r impia nti tradizionali PARVA RECUPERA Caldaie murali a condensazione pe r impia nti tradizionali CALDAIE MURALI PARVA RECUPERA Parva Recupera è la caldaia a condensazione pensata per gli impianti tradizionali e facilmente adattabile

Dettagli

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO Gentile Cliente la ringraziamo per aver scelto un nostro prodotto e la invitiamo a leggere attentamente quando di seguito riportato -Affidare l installazione

Dettagli

Catalogo generale 1/2014 Il clima Italiano. Caldaie e Stufe a legna e pellet

Catalogo generale 1/2014 Il clima Italiano. Caldaie e Stufe a legna e pellet Catalogo generale 1/2014 Caldaie e Stufe a legna e pellet IDRO NEW Sistema brevettato 5 CLASSE LINEA PELLET TREVIMATIC è un ottima soluzione per chi deve riscaldare grandi ambienti risparmiando. Le caldaie

Dettagli

La premiscelazione e la modulazione

La premiscelazione e la modulazione La premiscelazione e la modulazione Continua la crescita della famiglia Genio tecnic. Dalla presentazione ad oggi il cuore del sistema Genio tecnic (bruciatore e camera di combustione brevettati) ha trovato

Dettagli

ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330)

ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330) ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330) Caldaie a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatte per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria. Corpo caldaia lamellare in

Dettagli

PRIME NEW. Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali

PRIME NEW. Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali PRIME NEW Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali Ideale per la sostituzione di caldaie convenzionali La nuova gamma a condensazione Prime si articola in

Dettagli

Caldaie murali a gas a condensazione premiscelate per solo riscaldamento o con produzione sanitaria ECONCEPT 15-25 - 35

Caldaie murali a gas a condensazione premiscelate per solo riscaldamento o con produzione sanitaria ECONCEPT 15-25 - 35 Caldaie murali a gas a condensazione premiscelate per solo riscaldamento o con produzione sanitaria ECONCEPT 15-25 - 35 Generalità Per installazioni interne ed esterne in luoghi parzialmente protetti.

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 12

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 12 Murali Condensing Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 12 1 Exclusive Sinthesi Guida al capitolato Exclusive

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli