La gestione del Personale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione del Personale"

Transcript

1 1. La strategia dell Ateneo La rilevanza attribuita all attività Negli ultimi anni per l Università di Camerino, come per tutte le Università italiane, si è resa necessaria una importante fase di rimodulazione dei meccanismi interni di gestione delle risorse umane. A partire dalla finanziaria del 1993 infatti il Ministero ha iniziato a porre limiti precisi alle risorse trasferite ai singoli Atenei, responsabilizzando in modo significativo le singole Amministrazioni. Tale politica ha poi trovato concreta e definitiva applicazione con la legge sull autonomia. Il quadro è stato quindi completato con la contrattualizzazione del pubblico impiego, la ridefinizione del ruolo degli accordi decentrati e lo sviluppo di carriere interne, sia per quanto riguarda il personale docente che quello tecnico amministrativo. In tale contesto, gli Organismi di governo Unicam, hanno promosso ed avviato un faticoso percorso di modifica dell assetto organizzativo dell Ateneo. In particolare, un primo importante e significativo atto è stato quello di impostare un nuovo schema organizzativo dell Ateneo basato su Aree amministrative e tra queste l attuale Area Personale e Organizzazione. Ad essa è stato assegnato l obiettivo primario di passare da una ormai superata funzione specifica di Direzione del personale (con compiti concepiti in termini di amministrazione rispondente a criteri di controllo della legittimità degli atti) a quella di vera e propria Gestione del personale, capace quindi di concepire ed applicare politiche che rispondano a criteri di efficacia ed efficienza nell impiego delle risorse umane. A sostegno di questo complesso ed innovativo percorso l Ateneo ha anche messo in campo alcune iniziative di rilevante impatto organizzativo, in particolare vanno citati i progetti: 1) di certificazione del sistema di gestione per la qualità, secondo le norme ISO9001:2000, all interno del quale sono state progettate specifiche procedure per la gestione del personale docente e tecnico-amministrativo; 2) di classificazione delle competenze organizzative e conseguente valutazione dei dipendenti (personale tecnico amministrativo). Gli aspetti della organizzazione, gestione, formazione e sviluppo manageriale del personale, sono stati considerati da Unicam di fondamentale importanza se vissuti in modo positivo. Da un lato è stato quindi necessario fornire strumenti che consentissero al personale di favorire il cambiamento in atto; dall altro l Amministrazione si è impegnata a gestire tutte le problematiche di sviluppo e formazione del personale divenute ora strategiche. Il livello di decentramento / accentramento L impostazione della nuova organizzazione dell Ateneo ha consentito di definire meglio i ruoli chiave nella gestione del personale. Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 1/12

2 Anzitutto Unicam ha voluto rafforzare un Area organizzativa centrale cui affidare il compito della gestione amministrativa delle pratiche riguardanti il personale, unificando la Divisione del Personale con la Divisione Stipendi ed assegni accessori. Ciò ha consentito di razionalizzare l organizzazione e rendere economica la gestione complessiva che, pur in un Ateneo di piccole dimensioni, mantiene un alto livello di complessità ed articolazione. In particolare è stato possibile ottenere: - una chiara individuazione delle responsabilità per tutti i problemi del personale; - la semplificazione e accelerazione delle comunicazioni interne; - l eliminazione di inutili giri di carte; - la soppressione della duplicazione degli archivi dei documenti nelle cartelle personali; - l unificazione dei sistemi informativi. Tale impostazione ha consentito inoltre di evitare un eccessivo frazionamento delle responsabilità, causa principale, di norma, della dilatazione dei tempi di lavoro. In questo modo è stato anche possibile, almeno per quanto riguarda il personale tecnicoamministrativo, progettare e realizzare programmi di formazione con un adeguato livello di coordinamento e coerenza con gli obiettivi strategici. A livello decentrato le singole strutture - Dipartimenti e Facoltà - hanno mantenuto, attraverso le responsabilità conferite ai Direttori, ai Presidi ed agli altri Organismi competenti, un appropriata autonomia nell organizzazione e nella gestione delle attività e nella proposta di attribuzione di funzioni e responsabilità al personale. Il ricorso o meno all outsourcing La metamorfosi del proprio sistema organizzativo comporta un grande impegno nell affrontare e nel condividere le fasi di cambiamento. Per imprimere un accelerazione ad alcuni momenti ritenuti fondamentali in questo processo (ancora in corso), Unicam ha ritenuto opportuno ricorrere a risorse esterne per confrontarsi ed acquisire metodologie e competenze appropriate alle nuove esigenze dell Ateneo. Per quanto riguarda la gestione del personale vanno sicuramente ricordati due progetti già menzionati, per cui si è fatto ricorso alla consulenza di qualificati professionisti esterni di cui si dirà in seguito: - la Certificazione del sistema di gestione per la qualità, secondo le norme ISO9001:2000; - il progetto di classificazione delle competenze organizzative e la conseguente valutazione dei dipendenti (personale tecnico amministrativo). E da notare come Unicam si sia adoperata ed abbia impostato in questo settore un ricorso all outsourcing anomalo, quasi unicamente volto a favorire l acquisizione di competenze ed Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 2/12

3 alla formazione complessiva del personale interno, piuttosto che alla gestione ed allo svolgimento di servizi da parte di strutture alternative. L attenzione all efficienza vs. l attenzione all efficacia I progetti e gli obiettivi in corso sono orientati verso una migliore efficienza ed efficacia (raggiungere obiettivi nel rispetto dei tempi di esecuzione dei lavori con quantità di risorse umane e finanziarie sempre inferiori). PROGETTO COMPETENZE Il progetto di classificazione delle competenze organizzative è stato complessivamente sviluppato in tre principali direzioni: 1. formazione sul ruolo del capo e sulla gestione dei collaboratori per i Responsabili di Area; 2. comunicazione e la sensibilizzazione al cambiamento; 3. classificazione delle competenze organizzative e la conseguente valutazione delle persone, finalizzata soprattutto ad una attività di formazione mirata. L Area del Personale è stata una delle Aree pilota per la realizzazione del progetto. Il modello, dopo la fase sperimentale, opererà secondo lo schema di seguito evidenziato e consentirà alla Direzione Amministrativa di pianificare le attività formative finalizzate all acquisizione di tutte le competenze necessarie alle persone per interpretare al meglio il ruolo assegnato. Formazione Competenze di ruolo Valutazione GAP Competenze della persona Le attività svolte, documentate in un apposito data base, sono state: a) Analisi delle competenze per ogni posizione organizzativa interna all Area sulla base di un intervista semi strutturata al Direttore di Area b) Classificazione delle competenze con la costruzione di una griglia analitica validata da parte dei vertici dell Ateneo Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 3/12

4 c) Costruzione della scheda di valutazione delle competenze relative alle posizioni organizzative previo confronto con i Direttori di Area e la Direzione Amministrativa d) Individuazione dei soggetti valutanti e formazione all uso della scheda di valutazione e) Rilevazione delle competenze e valutazione da parte dei capi f) Individuazione dei gap di competenze da parte dell Area Personale e Organizzazione g) Elaborazione di un catalogo di offerta formativa con la individuazione dei fornitori e dei dipendenti oggetto dell intervento h) Attenzione agli esiti della formazione erogata. Tutto questo, consentirà, una volta a regime, di gestire gli aspetti di sviluppo manageriale e di formazione delle persone ancorando il sistema alle strategie complessive dell Ateneo e alle competenze necessarie per raggiungere gli obiettivi. L attenzione al risultato è uno degli elementi più qualificanti di un nuovo modo di organizzare e svolgere il lavoro in quanto porta gli operatori (dal responsabile all addetto) a tener presente costantemente tutto lo svolgersi del processo fino al risultato conclusivo superando con ciò la stretta visione limitata per ciascuno alla propria funzione. Si deve tuttavia constatare che le risposte all utenza ed i tempi prefissati per il raggiungimento degli obiettivi non sempre possono essere rispettati a causa delle numerose scadenze e i continui impegni che condizionano l attività dell Area. 2. Il quadro dei principali servizi erogati I principali prodotti/servizi dell attività amministrativa All interno delle politiche del personale un ruolo essenziale è stato dato alla formazione. E stata creata una posizione organizzativa all interno dell Area denominata Formazione e sviluppo manageriale con la finalità di attivare un programma di formazione mirata e selettiva, strettamente integrata a supporto dei processi di sviluppo organizzativo e innovativo. Per poter fornire le necessarie competenze agli addetti assegnati all ufficio, è stato loro affiancato un consulente che, con criteri scientifici e metodologie appropriate, ha dato l avvio ad un lavoro sistematico di individuazione e valutazione delle competenze secondo un piano formativo annuale basato su fabbisogni accertati e precisamente classificati per tipologie formative, priorità e livelli di fattibilità. Dovendo intervenire su una realtà lavorativa già esistente ed organizzata, inizialmente si è ritenuto opportuno formulare un piano formativo a partire dalle richieste dei direttori delle strutture universitarie chiedendo loro di pronunciarsi su necessità, livelli di conoscenza richiesti e priorità. Le richieste pervenute, sono state molto numerose ed hanno riguardato un po tutti gli aspetti Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 4/12

5 formativi e le professionalità presenti nell Ateneo e cioè la conoscenza di vari software necessari per il lavoro (Word, Excel, Access, Power Point, Internet e posta elettronica), la conoscenza della lingua inglese, di tecniche di relazione con il pubblico, di organizzazione del lavoro, nonché argomenti specialistici inerenti specifiche professionalità quali la legislazione vigente, la contabilità, l informatica specialistica ed un ampia serie di argomenti scientifici. Il ventaglio di tali richieste ha investito formazione di base, specialistica e trasversale. D iniziativa dell amministrazione, è stato messo in atto un programma di formazione di tipo manageriale rivolto ai Capi Area e, successivamente, anche ai Presidi di Facoltà e Direttori di Dipartimento. E interessante inoltre l ulteriore iniziativa, pianificata ed in fase di realizzazione, riguardante un ciclo di seminari di aggiornamento e formazione, nell ambito di un piano di sviluppo delle competenze di tutto il personale docente di Unicam. Tutte le attività inerenti la formazione sono state oggetto di un monitoraggio minuzioso i cui elementi sono andati a formare una banca dati nella quale è possibile rinvenire i corsi svolti, la loro tipologia, la loro durata, i lavoratori destinatari, i costi, l Ente erogatore, la presenza o meno di valutazione finale dell apprendimento e suo esito. I dati memorizzati hanno consentito all Area di elaborare ed inviare ad ogni dipendente una tabella riepilogativa di tutte le notizie inerenti la formazione ed anche di estrarre informazioni aggregate utili per poter orientare le strategie e gli interventi formativi. Il CINECA sta predisponendo un software completo che prevede anche la possibilità della gestione delle aule, la redazione delle certificazioni e la gestione dei fornitori. Per il personale tecnico amministrativo è in vigore un sistema di rilevamento dl presenze/assenze a gestione decentrata, per alcune funzioni e centralizzata per altre. Ogni lavoratore utilizzando il browser istallato può in ogni momento visualizzare la propria situazione oraria e quella delle assenze fino al giorno precedente. L Area del personale presidia tutta la procedura esercitando verifiche e monitoraggi periodici. Attualmente è allo studio dell Area Sistemi Informativi un aggiornamento della procedura che consentirà di trasferire automaticamente i dati consolidati nel data base del CINECA. 3. L organizzazione dei processi e delle attività La struttura provvede al reclutamento, alla gestione del rapporto di lavoro, allo sviluppo sia per l aspetto giuridico che per l aspetto retributivo fino all emissione degli atti inerenti il collocamento a riposo e il trattamento di quiescenza. Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 5/12

6 Struttura organizzativa I processi relativi alle macro attività sopra indicate, sono affidati ad un unico gruppo di lavoro evitando con ciò frammentazioni e dilatazione dei tempi dovuta al trasferimento delle pratiche. Un ulteriore vantaggio del lavoro per processi consiste nel fatto che gli operatori addetti intervengono in tutte le fasi avendo sotto controllo ogni aspetto (giuridico, finanziario ecc.) acquisendo con ciò maggiori competenze tecniche rispetto ad una attività articolata per funzioni. Al fine di avere un quadro completo di tutti i processi attivati nella struttura, della loro articolazione, del personale coinvolto e del suo livello di responsabilità è stata effettuata una mappatura completa di tutti i processi e di tutte le attività dell Area. Ciò consentirà di razionalizzare ulteriormente le attività e i gruppi di lavoro. L Area Personale tratta anche il personale che a vario titolo presta qualunque opera all interno dell Ateneo (collaboratori, borsisti, assegnasti di ricerca, obiettori ecc.) sia sotto il profilo della gestione individuale che sotto il profilo organizzativo generale. Alla struttura è demandato anche il conteggio dei compensi al personale assimilato( collaborazioni coordinate e continuative, Borse di Studio) gestito dalle strutture Dipartimentali. Per quanto riguarda l aspetto organizzativo la struttura si occupa della dotazione complessiva del personale di tutta l Università degli organici di struttura del rilevamento dei fabbisogni e dei piani di reclutamento e sviluppo. Tra gli obiettivi, l Area si è prefissata quello di formalizzare le principali procedure e la relativa modulistica, di dare tempestiva informazione al personale in merito alle normative inerenti il rapporto di lavoro anche attraverso rete intranet. L Area del Personale e Organizzazione è strutturata come segue: Responsabile Area Pos. n.1 Cat. EP Responsabile personale docente pos.n.3 Cat.D Resp. personale tecnico-amm.vo pos.n Responsabile.1 Cat.D Responsabile servizi generali pos.n.1 Cat.D Resp. formazione e sviluppo manageriale pos.n.1 Cat.D Di seguito vengono riportate e le attività delle posizioni organizzative: SETTORE PERSONALE DOCENTE (n. 3 pos. Cat. D) Attività: Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 6/12

7 Procedimenti relativi alle valutazioni comparative Docenti, Ricercatori ( bandi, atti concorsuali e nomine) Ricercatori a tempo determinato Gestione giuridica delle carriere del personale Docente e Ricercatori (congedi, aspettative, afferenze, opzioni tempo pieno-definito, conferme e ricostruzioni di carriera, prolungamento attività, fuori ruolo), anagrafe delle prestazioni. Affidamenti e supplenze incarichi d insegnamento Collaboratori ed esperti linguistici Obiettori di coscienza Servizio civile volontario Assegni di ricerca (bandi-selezioni- contratti) Regolamenti relativi al personale Pagamenti stipendi, accessori e indennità varie e conseguenti adempimenti fiscali e contributivi Predisposizione conto annuale previsionale/consuntivo Elaborazione di dati per predisposizione bilancio preventivo e consuntivo relativamente alle spese di personale Regolamenti relativi al personale Banca dati MIUR SETTORE PERSONALE NON DOCENTE (n. 1 pos. Cat. D) Attività: Concorsi, selezioni, chiamate ufficio lavoro e assunzioni di personale a tempo determinato/indeterminato Gestione stato giuridico e carriere (orario di servizio, ferie, malattie, congedi, assegni per il nucleo familiare, autorizzazione incarichi) Relazioni sindacali, contrattazione collettiva, applicazione e monitoraggio accordi decentrati (incentivazione, straordinari ecc ) Predisposizione del conto annuale previsionale-consuntivo Pagamenti stipendi, accessori e indennità varie e conseguenti adempimenti fiscali e contributivi Interessi legali e rivalutazioni monetarie Banca dati MIUR Regolamenti relativi al personale SERVIZI GENERALI (n. 1 pos. Cat. D1) Attività: Liquidazione trattamento di pensione provvisoria e definitiva Liquidazione e riliquidazione trattamento di buonuscita e TFR Riscatti e ricongiunzioni Infermità per causa di servizio (equo indennizzo e pensione privilegiata) Stipula di contratti di diritto privato per l espletamento di attività di docenza Stipula di contratti per collaborazioni coordinate continuative e contratti per attività di natura occasionale Liquidazioni e adempimenti fiscali e contributivi contratti di collaborazione, borse di studio, assegni di ricerca, dottorati di ricerca, supplenze-incarichi d insegnamento personale esterno Iscrizione e autoliquidazione INAIL Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 7/12

8 Modello GLA INPS Liquidazione compensi per convenzioni e prestazioni personale dipendente Liquidazione compensi commissioni concorso ed esami di stato Banca dati MIUR SETTORE FORMAZIONE E SVILUPPO MANAGERIALE (n. 1 pos. Cat. D) Attività: Raccolta e analisi delle attese e dei bisogni formativi Programmazione dei processi di formazione Organizzazione e monitoraggio attività formativa e del relativo budget Studio programmazione e gestione dei processi di riorganizzazione: mappatura delle competenze, analisi delle procedure e delle attività valutazione carichi di lavoro analisi e interventi organizzativi L Area interagisce con tutte le strutture di Ateneo per quanto riguarda gli aspetti della gestione del rapporto di lavoro dei dipendenti ed in particolare con l Area Amministrativa e Finanziaria per quanto attiene alla formulazione e monitoraggio del budget destinato alla retribuzione fondamentale ed accessoria del personale. 4. Le risorse disponibili Risorse umane La struttura dispone di n. 22 addetti di cui 17 a tempo indeterminato con regime orario a tempo pieno, n. 2 lavoratori a tempo determinato con regime orario part time 50% e n. 3 collaboratori esterni come di seguito riportato: Personale Cat. Area n. 1 EP2 Area amministrativa-gestionale n. 3 D3 Area amministrativa-gestionale n. 3 D1 Area amministrativa-gestionale n. 4 C4 Area amministrativa n. 1 C3 Area amministrativa n. 2 C2 Area amministrativa n. 2 B3 Area amministrativa n. 1 B3 Area servizi generali e tecnici n. 2 t.det.50% C1 Area amministrativa n. 3 collab. esterni Risorse Finanziarie Le risorse finanziarie per la gestione dell Area sono state le seguenti: Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 8/12

9 ANNO Inoltre per realizzare i progetti innovativi relativi alla mappatura delle competenze, analisi dei processi e all attivazione di tutto il processo della Formazione sono state destinate nel 2002 risorse per ,95 Risorse Tecnologiche Dal punto di vista delle risorse tecnologiche l Area dispone di: 22 stazioni di lavoro costituite da Personal Computer con sistema operativo, Microsoft Windows 2000, software di produttività individuale : Microsoft Office 2000, browser per la navigazione Internet Explorer, software per la posta elettronica Outlook, Antivirus Norton Symantec Corporate Edition, Acrobat Reader per la lettura dei documenti PDF e Winzip per la compressione dei documenti. 6 Stampanti laser di cui 1 a colori tutte disponibili in rete L accesso degli utenti è garantito da un sistema di autenticazione centralizzato basato su Active Directory che attribuisce a ciascuno i diritti su tutte le risorse disponibili sulla stazione e sulla rete. Ogni utente dell area ha uno spazio disco su server riservato per la condivisione dei documenti. Tutte le stazioni sono collegate in rete locale a 100 Mb. La rete dell Area è attestata sulla rete di UNICAM con collegamento in fibra ottica. Su tutte le stazioni è installato il software CSA (lato client) del CINECA per la gestione giuridica ed economica del personale. La base dati di CSA è collocata su di un server dedicato con Oracle 8ì e sistema operativo Microsoft Windows 2000 Server. Il server è collocato presso la sede dell Area Sistemi Informativi che ne cura la manutenzione. Su una di queste postazioni, dotata di lettore smart-card, è attiva la procedura per la gestione dei concorsi. La procedura per la gestione delle presenze e delle assenze si avvale del browser come interfaccia 4. I sistemi di gestione interna Semplificazioni procedurali L analisi dei processi ha consentito tra l altro di evidenziarne le criticità nelle varie fasi del suo sviluppo. Una riflessione attenta su quanto emerso consentirà di poter attivare interventi adeguati: - definizione delle posizioni organizzative in termini di aree di responsabilità e risultati attesi; Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 9/12

10 - identificazione delle fasi e dei processi operativi su cui è impegnata ciascuna posizione organizzativa. - semplificazione delle procedure anche attraverso l adozione di adeguata modulistica. Nel 2002, in applicazione del contratto collettivo integrativo, è iniziato un nuovo sistema di attribuzione del trattamento accessorio. Esso è stato attribuito in base alla produttività individuale, a quella collettiva ed all apporto partecipativo di ciascun dipendente, evitando ogni forma di erogazione a pioggia. Sistemi di incentivazione e monitoraggio Il sistema di incentivi è articolato su più livelli e con una molteplicità di parametri di misurazione e valutazione delle prestazioni. Annualmente in sede di formulazione del budget, la Direzione Amministrativa sulla base degli indirizzi definiti dal S.A. nella pianificazione strategica dell attività dell Ateneo, definisce con i Direttori delle Aree gli obiettivi strategici da conseguire. Per ogni obiettivo viene definito il monte incentivante, il responsabile del budget, il personale coinvolto e destinatario del sistema incentivi. A fine anno vengono verificati i risultati conseguiti ed attribuite le corrispondenti quote di incentivazione. I livelli di determinazione dell incentivo sono : 1) Perseguimento degli obiettivi strategici dell Università (incentivo distribuito in ragione di un riscontro oggettivo nel rapporto fra risultati conseguiti nel suo complesso e ore di lavoro svolte dal dipendente durante l anno, parametrato alle categorie retributive) 2) Specifici progetti di area ed interarea ( incentivo distribuito in base ai risultati conseguiti dal gruppo di lavoro ed il grado di partecipazione di ogni collaboratore al conseguimento del risultato prefissato) 3) Valutazione del merito individuale (distribuito in base alla valutazione del singolo individuo) Anche per i Capi Area è stato adottato un sistema di valutazione che viene applicato in fase di verifica dei risultati sugli obiettivi assegnati all inizio dell anno. La valutazione viene fatta analizzando i comportamenti: tensione al risultato, rispetto di norme e procedure, problem solving, propositività/innovazione, flessibilità, iniziativa, gestione e sviluppo dei collaboratori, pianificazione, organizzazione e controllo, cooperazione e orientamento al cliente. Alla valutazione vengono aggiunti dati quantitativi relativi all attività dell Area per avere un risultato finale. Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 10/12

11 Al termine di ogni anno ogni capo Area predispone anche una relazione analitica sull attività svolta. 5. Punti di forza e di debolezza Il sistema incentivante adottato nell Ateneo a decorrere dall anno 2002, il cui obiettivo primario è quello di premiare gli impegni e la qualità dei risultati lavorativi ottenuti, ha rispecchiato in maniera puntuale i contenuti del CCNL. In particolare il sistema incentivante è prevalentemente finalizzato ad orientare i comportamenti delle persone rafforzando il perseguimento dei risultati attesi e a correlare gli obiettivi strategici a quelli delle singole unità organizzative e di ciascun individuo. Il sistema notevolmente articolato, da luogo ad un processo di notevole complessità. Per la sua realizzazione è necessaria l attivazione delle seguenti fasi: 1) fase di individuazione progettazione degli interventi; 2) diffusione alle strutture ed ai lavoratori dei progetti e degli interventi in cui sono coinvolti; 3) monitoraggio in corso d anno; 4) raccolta, valutazione ed elaborazione dei dati finali 5) calcolo e corresponsione dei compensi. A fronte dei sistemi in vigore negli anni precedenti quello attuale impegna la struttura notevolmente, tuttavia il procedimento viene completato entro tempi ragionevoli senza fare ricorso a risorse umane aggiuntive. Al fine di offrire agli organi di governo una visione sempre più compiuta e articolata delle problematiche connesse alla programmazione del personale, tra i punti di debolezza viene riscontrata la necessità di rivedere il sistema di pianificazione del fabbisogno di personale che attualmente viene elaborato solo manualmente. Per realizzare ciò è necessario avere un software che supporti le decisioni per una politica di programmazione del fabbisogno di personale e consenta di : 1) adempiere a quanto previsto dalla legge 449/97 artt.39 e 51, dal D.Lgs 165/2001 che richiedono alle Università: a. di effettuare la programmazione triennale del fabbisogno di personale ; b. di rispettare il vincolo finanziario del non superamento del 90% del FFO per spese fisse e obbligatorie per il personale di ruolo ; 2) valutare le decisioni in materia di reclutamento e di sviluppo di carriera : a. in termini di variazione della dotazione organica; b. in termini di incremento dei costi fissi e obbligatori; Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 11/12

12 c. in termini di compatibilità della spesa corrispondente con il rispetto dei vincoli legislativi in materia di incidenza sul FFO; d. in termini di compatibilità della spesa con le disponibilità di budget 3) realizzare un sistema, con indicatori, che consenta di impostare e attivare le politiche di sviluppo e riequilibrio nella distribuzione delle risorse per il personale. Le proiezioni dei costi del personale per il nostro Ateneo sono essenziali ai fini di una corretta programmazione delle risorse finanziarie. 6. Linee di evoluzione Molteplici sono le iniziative che l Ateneo sta intraprendendo o intende intraprendere per il futuro. 1) Datawarehouse E necessario che l Ateneo si doti di un avanzato strumento software in grado di raccogliere, organizzare e razionalizzare l enorme mole di informazioni disperse nei sistemi informativi gestionali fornendone una visione integrata per condurre analisi utili (grafici, tabelle) ed avere tutte le risposte per chi ricopre ruoli decisionali. 2) Informatizzazione Nell Area Personale si rileva come indispensabile in ordine al cambiamento organizzativo, il completamento dell informatizzazione delle procedure di amministrazione del personale in particolare per quelle di carattere giuridico ( gestione carriera, stato matricolare di servizio, decreti, certificati). L obiettivo è quello di un reale snellimento delle procedure con contestuale innalzamento della qualità, riduzione degli errori, standardizzazione delle attività. Anna Maria Antonini Responsabile Area Personale e Organizzazione Università di Camerino Area Personale e Organizzazione Pag. n. 12/12

AREA RISORSE UMANE (AREA 4)

AREA RISORSE UMANE (AREA 4) Ricezione e smistamento della posta email in ingresso Nr. 2997 SEGRETERIA AFFARI GENERALI AREA 4 (UOA 09) Monitoraggio, rielaborazione e comunicazione dati in possesso degli uffici dell'area Nr. 7 Supporto

Dettagli

AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI

AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI FORMAZIONE E SVILUPPO DEL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO Piano annuale di formazione del personale tecnico e amministrativo della Scuola Attivazione dei corsi di formazione

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA LUIGI CHERUBINI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI

CONSERVATORIO DI MUSICA LUIGI CHERUBINI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze approvato dal Consiglio di Amministrazione il 28 marzo 2011 Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE servizi per la gestione delle risorse economico-finanziarie servizi di provveditorato ed economato servizi tributari servizio del personale servizi istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche.

Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL BELLO Daniela Telefono ufficio 071/8064354 Cellulare 339/2175694 Fax 071/8064405 E-mail daniela.delbello@regione.marche.it

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E

C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo luogo di lavoro Marisa Forti Piazza Unità d Italia, 26 - Formigine Telefono 059-416248 E-mail Nazionalità italiana Data di nascita 17.06.1057

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI 1 di 5 ARTICOLO 1 FINALITÀ 1. L Associazione Curia Mercatorum, (di seguito denominata

Dettagli

AVVISO DI MOBILITÀ VOLONTARIA (ai sensi dell art. 30 comma 1 del D.lgs. 165/2001 e art. 57 C.C.N.L. 2006-2009)

AVVISO DI MOBILITÀ VOLONTARIA (ai sensi dell art. 30 comma 1 del D.lgs. 165/2001 e art. 57 C.C.N.L. 2006-2009) Prot. n. 4710 del 26 marzo 2015 AVVISO DI MOBILITÀ VOLONTARIA (ai sensi dell art. 30 comma 1 del D.lgs. 165/2001 e art. 57 C.C.N.L. 2006-2009) Si rende noto che presso la Scuola Superiore Sant Anna sono

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale

Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale Roma, settembre 2012 DCSII P.za Dalmazia, 1 00198 ROMA Tel. 06 47 61 11 dcsii.dag@pec.mef.gov.it Indice Introduzione La struttura del sistema

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona)

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) SISTEMA DI APPROVAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ART. 7 COMMA 1 DEL D.LGS 150/2009. INTEGRAZIONE AL VIGENTE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI

Dettagli

Area 2 BILANCIO, PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO Settore Bilancio Unità organizzativa Responsabile: Ufficio Bilancio e contabilità economico patrimoniale

Area 2 BILANCIO, PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO Settore Bilancio Unità organizzativa Responsabile: Ufficio Bilancio e contabilità economico patrimoniale Area 2 BILANCIO, PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO Settore Bilancio Unità organizzativa Responsabile: Ufficio Bilancio e conomico patrimoniale PROCEDIMENTO Bilancio preventivo e consuntivo e relative variazioni

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

(Emanato con D.R. n.1139 del 4.9.2007 Affisso all Albo dell Ateneo l 11.9.2007 prot.n.20131)

(Emanato con D.R. n.1139 del 4.9.2007 Affisso all Albo dell Ateneo l 11.9.2007 prot.n.20131) Università degli studi di Napoli L Orientale Regolamento di Ateneo per l accesso all impiego del personale amministrativo, tecnico e dirigenziale a tempo indeterminato e determinato dell Università degli

Dettagli

IL DIRIGENTE DELL UFFICIO. VISTO il decreto legislativo 4 giugno 2003, n. 138, di riordino dell Istituto Nazionale di Astrofisica;

IL DIRIGENTE DELL UFFICIO. VISTO il decreto legislativo 4 giugno 2003, n. 138, di riordino dell Istituto Nazionale di Astrofisica; Determinazione n. 58/06 OGGETTO: organizzazione Ufficio III Gestione del Personale IL DIRIGENTE DELL UFFICIO VISTO il decreto legislativo 4 giugno 2003, n. 138, di riordino dell Istituto Nazionale di Astrofisica;

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Classificazione della spesa delle università per missioni e programmi VISTI gli articoli

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna -

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - Testo coordinato del Regolamento sulle modalità di ripartizione dei proventi di cui all Art. 66 del DPR 382/80 derivanti da attività di ricerca e consulenza, eseguite mediante contratti e convenzioni stipulati

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

CONTENUTO DELLA FUNZIONE

CONTENUTO DELLA FUNZIONE RISORSE UMANE FUNZIONE CONTENUTO DELLA FUNZIONE - Predisposizione e gestione del Bilancio e coordinamento centri elementari di costo - Aggiornamento banca dati del personale dei centri elementari di costo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA.

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. ALLEGATO N. 3 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. 1. PREMESSA Ai sensi dell art. 25, comma 1, del CCNL della dirigenza del 3 novembre 2005, la valutazione dei

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N -002 Razionalizzazione delle Risorse Umane e professionali RESPONSABILE SIG.- GUIDO PERGHEM (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione formale avverrà in sede di

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Ripartizione Personale contrattualizzato, Trattamento pensionistico e Affari speciali

Ripartizione Personale contrattualizzato, Trattamento pensionistico e Affari speciali Ripartizione Personale contrattualizzato, Trattamento pensionistico e Affari speciali 22/05/2015 0047580 UNINA FEDII U.R.P.C. VIII-1 Alle Università ed agli Istituti Universitari A tutte le Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora I poteri della dirigenza come datore di lavoro (Art. 5, comma

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

SCHEDA PER LA DESCRIZIONE DELLA POSIZIONE

SCHEDA PER LA DESCRIZIONE DELLA POSIZIONE SCHEDA PER LA DESCRIZIONE DELLA POSIZIONE Questa scheda rappresenta uno strumento utile per descrivere una specifica posizione organizzativa, illustrandone le principali attività, le principali relazioni

Dettagli

Premessa. 4) contratti per prestazioni professionali ex art. 2222 e seg. del Codice Civile;

Premessa. 4) contratti per prestazioni professionali ex art. 2222 e seg. del Codice Civile; Regolamento per l'assunzione di personale a tempo determinato e per l attivazione di collaborazioni coordinate e continuative e di prestazioni professionali nell ambito del Progetto coordinato Catania

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

CRITERI E MODALITÀ PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI CRITERI E MODALITÀ PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI Assemblea dei Fondatori 16 Ottobre 2012 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... - 3-2. DESCRIZIONE/MODALITÀ

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo

Dettagli

Divisione Gestione Risorse Umane. Tabella di dettaglio dei servizi erogati della Divisione Gestione Risorse Umane Aggiornata a gennaio 2012

Divisione Gestione Risorse Umane. Tabella di dettaglio dei servizi erogati della Divisione Gestione Risorse Umane Aggiornata a gennaio 2012 Tabella di dettaglio dei servizi erogati della Divisione Gestione Risorse Umane Aggiornata a gennaio 2012 1.Procedure di Mobilità di comparto ai sensi dell'art. 57 del C.C.N.L. del 16.10.2008, rivolti

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Dottore in Economia e Commercio Altri titoli di studio e professionali -Dottore Commercialista

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Dottore in Economia e Commercio Altri titoli di studio e professionali -Dottore Commercialista CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Silvia Generali Data di Nascita 27/08/1966 Qualifica Dirigente amministrativo Amministrazione A.O Ospedali Riuniti Marche Nord Incarico attuale Direttore UOC

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Marradi (Provincia di Firenze) DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera della Giunta comunale n. 91/2012 Modificato con delibera della Giunta comunale

Dettagli

Rossella Mondani 28 novembre 1966 Cat. D Area amministrativo gestionale Scuola Normale Superiore

Rossella Mondani 28 novembre 1966 Cat. D Area amministrativo gestionale Scuola Normale Superiore F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Telefono ufficio Fax ufficio E mail Rossella Mondani 28 novembre 1966 Cat.

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Regolamento 27 maggio 2008, n.14. Regolamento relativo alla presentazione e valutazione di progetti

Regolamento 27 maggio 2008, n.14. Regolamento relativo alla presentazione e valutazione di progetti Regolamento 27 maggio 2008, n.14 Regolamento relativo alla presentazione e valutazione di progetti volti al miglioramento della produttività e del servizio Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Al fine di

Dettagli

REGOLAMENTO CONTENENTE I CRITERI PER L EROGAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONTENENTE I CRITERI PER L EROGAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONTENENTE I CRITERI PER L EROGAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO AL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione del Consiglio dei Delegati n. 13 del 30/12/2008 Approvato dalla Provincia di

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

La nuova era dei software paghe I1001

La nuova era dei software paghe I1001 La nuova era dei software paghe I1001 ViaLibera Paghe on Line: da il Sole 24 ore la soluzione WEB facile, sicura e affidabile per la gestione del personale V ialibera Paghe On Line è la soluzione WeB garantita

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013 INTERNAL AUDIT Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013 Roma, Novembre 2013 2 Premesse Il presente documento risponde all esigenza di dare adeguata informazione al vertice aziendale sulle attività svolte

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI RETRIBUITI, RIVENIENTI DA FINANZIAMENTI EXTRA FFO, DA PARTE DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DI FOGGIA (emanato con D.R.

Dettagli

L offerta completa INAZ per la gestione e amministrazione delle Risorse Umane:

L offerta completa INAZ per la gestione e amministrazione delle Risorse Umane: Rilevazione presenze 3 5-03-2004 10:25 Pagina 1 L offerta completa INAZ per la gestione e amministrazione delle Risorse Umane: Software: - Procedura Paghe e Stipendi - Modelli 730-770 - Rilevazione Presenze/Assenze

Dettagli

dipartimento risorse umane e organizzazione

dipartimento risorse umane e organizzazione CARTA DEI SERVIZI DELL UNITA ORGANIZZATIVA AREA PENSIONI E RISCATTI Finalità e principi generali L Area Pensioni e Riscatti soddisfa le esigenze dell utenza interna all Università, Docenti, Ricercatori,

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELL ENTE LOCALE

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELL ENTE LOCALE Servizio Sviluppo risorse umane e Servizio Decentramento e Assistenza amministrativa ai piccoli Comuni Piano di formazione pluriennale per i dipendenti dei Comuni e delle Comunità Montane della Provincia

Dettagli

Direttore Dott.ssa Anna Salducci a.salducci@scf.gov.it

Direttore Dott.ssa Anna Salducci a.salducci@scf.gov.it DENOMINAZIONE :UOC TRATTAMENTO GIURIDICO Direttore Dott.ssa Anna procedimento amministrativo responsabile del procedimento responsabile dell'adozione del provvedimento termine di conclusione superamento

Dettagli

DIREZIONE PER IL PERSONALE SETTORE FORMAZIONE

DIREZIONE PER IL PERSONALE SETTORE FORMAZIONE DIREZIONE PER IL PERSONALE SETTORE FORMAZIONE DICEMBRE 2014 INDICE 1. Premessa pag. 3 2. I bisogni formativi pag. 4 3. L attività formativa realizzata nel 2015 pag. 9 4. La programmazione 2015 pag. 11

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASLINO D ERBA Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (approvato con delibera della Giunta Comunale n. 21 del 08.03.2013) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA. Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA. Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l affidamento di incarichi a personale esterno all Ateneo così come previsto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLE PRESTAZIONI DEI DIPENDENTI E DELLA PROGRESSIONE ECONOMICA

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLE PRESTAZIONI DEI DIPENDENTI E DELLA PROGRESSIONE ECONOMICA COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Provincia di Firenze REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLE PRESTAZIONI DEI DIPENDENTI E DELLA PROGRESSIONE ECONOMICA 1 INDICE ART. 1 : VALUTAZIONE PERMANENTE

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO COMUNE DI MONTEBELLO JONICO CAPO X SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE ART.57 -FINALITA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE 1. Le disposizioni contenute nel presente Titolo

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale LICEO ERASMO DA ROTTERDAM Gestione del personale Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo Erasmo da Rotterdam PQ04gestione del personale_11_2010rev2 INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI GAGGIO MONTANO Provin cia di Bologn a REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvat o c on De libe raz ione Giunt a Munic ipale n. 1 5 6 in dat

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI:

CURRICULUM VITAE DI: CURRICULUM VITAE DI: Gian Pietro ANGELINI, nato a Roma il 3 luglio 1961. PEC: gianpietro.angelini@postacertificata.gov.it e-mail: gianpietro.angelini@cnr.it FORMAZIONE Diploma di ragioniere e perito commerciale

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO Sistema di misurazione e valutazione della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009 1 Indice Presentazione... 3 Principi... 3 Articolazione del sistema... 4 1. La Valutazione

Dettagli

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 Visto il Regio Decreto 4 maggio 1925, n. 653, contenente disposizioni sugli studenti, esami e tasse negli

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli