L INSEGNANTE DI SOSTEGNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L INSEGNANTE DI SOSTEGNO"

Transcript

1 L INSEGNANTE DI SOSTEGNO 1. La formazione Con l avvio dell integrazione generalizzata furono istituiti dei corsi di specializzazione della durata biennale e di tipo monovalente, limitati quindi alla formazione per singole tipologie di minorazione: vista, udito, psicofisica (DM 26/06/76). Dopo quasi 10 anni di esperienza i corsi monovalenti sembrarono inadeguati a rispondere ai bisogni dell integrazione generalizzata, dal momento che non era semplice creare per i minorati della vista e dell udito posti per attività di sostegno, con un docente, di regola, ogni quattro alunni con la stessa minorazione. Con DM del 24/04/86 furono quindi pubblicati i programmi dei corsi di specializzazione polivalente. Tali programmi, sempre della durata globale di 1300 ore di lezioni teoriche e attività di tirocinio, erano ridotti per la parte sanitaria, dominante nei precedenti programmi e nelle singole specificità per le tre minorazioni. Venivano in essi ampliate le tematiche generali di carattere metodologico e didattico, in modo da consentire agli specializzati di concentrare i loro interventi solo in campo didattico, ma ampliandoli a qualsiasi tipologia di minorazione di cui gli alunni fossero portatori. Dopo la sentenza della Corte costituzionale n. 215/87 che aveva ribadito l apertura anche le scuole superiori agli alunni in situazione di handicap, si provvide ad un ulteriore riforma dei contenuti dei programmi, approvati con DM n. 226/95 e le cui modalità organizzative sono state regolate con OM n. 169/96. Questi programmi sono anche frutto di una riflessione più attenta alle caratteristiche dell integrazione fra gli alunni in situazione di handicap e i loro compagni. L insegnante specializzato viene visto sempre più come un mediatore dell integrazione e su questo aspetto si concentra l attività formativa dei corsi, che puntano ad evidenziare gli aspetti di professionalità non tanto con interventi didattici per specifiche minorazioni, quanto con interventi didattici con tutta la classe e di consulenza a tutti i colleghi curricolari. Questi nuovi programmi prediligono quindi una formazione metodologica più che specifica e attività seminariali più che lezioni frontali. Essi possono considerarsi anche il frutto di una più attenta lettura della L. 104/92, che prevede una formazione universitaria completa dei docenti specializzati per sostenere con nuova professionalità il loro ruolo di mediatori dell integrazione (Nocera S., Il diritto all integrazione nella scuola dell autonomia, Erikson, p. 162). L art. 14 della L. 104/92 prevede che la specializzazione per le attività didattiche di sostegno avvenga presso le università. I programmi contenuti nel DM 226/95 e le norme per l istituzione e organizzazione dei predetti corsi sono transitoriamente adottati dalle SSIS Interateneo per gli insegnanti destinati alla scuola media e superiori e dalle Facoltà di Scienze della Formazione delle università per gli insegnanti delle scuole materne ed elementari. I punti cardini dei predetti corsi sono: - l integrazione scolastica deve impegnare tutti gli operatori scolastici; - la formazione di un insegnante specializzato non esclude la riqualificazione di tutti gli altri docenti; - i programmi devono essere concepiti come strumento di formazione iniziale e aggiornamento permanente e ricorrente. Gli obiettivi sono quelli di preparare docenti che agiscono come supporto ai colleghi per evidenziare nodi metodologici e didattico-disciplinari in cui più si inceppa l azione di educazione e istruzione nei confronti di soggetti in condizione di handicap. Secondo lo spirito degli attuali corsi di formazione, gli insegnanti di sostegno devono collaborare alla programmazione facendo interagire gli obiettivi educativi con quelli disciplinari propri dell istruzione. 2. Nomina e assegnazione di docenti specializzati Le modalità di assegnazione di docenti specializzati, previste dalla normativa precedente, per la scuola primaria e secondaria di 1 grado, nella misura di un docente ogni quattro alunni disabili ed il massimo di n. 20 alunni per la classe nella quale era inserito l alunno

2 diversamente abile, sono state modificate dalla L. 449/1997 che attribuisce, nell ambito dell organico provinciale, un insegnante specializzato per ogni gruppo di 138 alunni complessivamente frequentanti gli istituti scolastici statali della provincia (L. 27/12/1997, n. 449, art. 40, comma 3). E però consentito alle istituzioni scolastiche, per casi gravi, la deroga mediante stipula di contratti a tempo determinato per l assunzione di docenti di sostegno (L. 449/1997), art. 40, comma 1). I dirigenti scolastici possono in questo caso, con l approvazione dell Amministrazione Scolastica che richiede l accertamento di adeguate motivazioni, procedere alla nomina di docenti secondo il bisogno (L. 20/08/2001, n. 333; cm 04/10/2001, n. 146). Riguardo alle nomine degli insegnanti di sostegno per le supplenze annuali e temporanee: per dare la massima applicazione al principio contenuto nella legge 104, per il quale le attività di sostegno devono essere garantite con l assegnazione di docenti specializzati la CM , n. 245 stabilisce il seguente ordine di attribuzione: 1. aspiranti specializzati inclusi in graduatorie permanenti; 2. aspiranti inclusi in graduatorie permanenti che hanno conseguito la specializzazione dopo l iscrizione; 3. aspiranti specializzati inclusi in graduatorie di istituto; 4. aspiranti specializzati inclusi nelle graduatorie di istituto viciniori; 5. aspiranti specializzati che hanno presentato domanda in coda nelle graduatorie di istituto; 6. aspiranti specializzati che hanno presentato domanda in coda nelle graduatorie di istituto viciniori. 3. Il ruolo dell insegnante di sostegno L insegnante di sostegno è un insegnante specializzato che viene assegnato, in piena contitolarità con gli altri docenti, alla classe in cui è inserito il soggetto diversamente abile per attuare forme di integrazione a favore degli alunni portatori di handicap e realizzare interventi individualizzati in relazione alle esigenze dei singoli alunni. L insegnante di sostegno ha un ruolo determinante nel processo di integrazione quanto più abbandona posizioni marginali e si prospetta come risorsa competente e mediatrice. Integrato nell organizzazione della scuola, l insegnante di sostegno non si limita al rapporto esclusivo con l allievo in situazione di handicap, ma lavora con la classe, così da fungere da mediatore tra l allievo disabile e i compagni, tra l allievo disabile e gli insegnanti, tra l allievo disabile e la scuola. E solo in questo modo che l insegnante di sostegno può abbandonare la tendenza così spesso riscontrata, di porre se stesso e l allievo in posizione di centralità satellitare che si autoreferenzia; perché solo in questo modo si fa obbligo agli altri docenti di condividere anche la gestione e l indirizzo del progetto d integrazione (L. Carelli, L handicap fa bene alla scuola, in Dirigere la scuola, ottobre 2003, p. 6) L insegnante di sostegno dovrebbe lavorare con gli insegnanti di classe in sede di programmazione e di individuazione di strategie atte alla realizzazione di processi integranti di insegnamento. Nel team teaching, questo insegnante speciale si dovrebbe pertanto trovare a pianificare con i colleghi l attività d insegnamento per tutta la classe ed assumersi, in rapporto a sue specifiche competenze didattiche, alcune responsabilità d insegnamento per i diversi alunni. Il compito dell insegnante di sostegno dovrebbe essere quello di collaborare con gli altri insegnanti al fine di adattare il curricolo pensando a tutti gli studenti, esaminando i problemi che si potrebbero incontrare e sviluppando metodi di insegnamento e materiali che permettano il loro superamento e, trattando, nel fare ciò, le difficoltà dei soggetti disabili come aree problematiche del curricolo stesso più che bisogni speciali di un solo soggetto. Sempre in collaborazione con gli altri docenti dovrebbe partecipare alla programmazione del quotidiano

3 insegnamento, contribuire alla scelta di strategie di insegnamento utilizzabili con tutta la classe e collaborare alla predisposizione dei materiali e dei supporti didattici facilitanti l apprendimento dei diversi alunni, partecipare attivamente all erogazione di insegnamenti nei confronti dell intera classe. Competenze del docente specializzato Livello PEDAGOGICO Livello NORMATIVO DOCENTE SPECIALIZZATO conoscenze competenze capacità Capacità (proprietà) PROFESSIONALI Competenze Competenze conoscenze RELAZIONALI DISCIPLINARI e METODOLOGICHE Si esplica attraverso:.. Competenze CULTURALI Un appropriato CODICE DEONTOLOGICO Un adeguato approccio professionale che permetta: a) di ascoltare e fruttuosamente raccogliere le istanze dei colleghi. doti naturali nella dimensione affettiva del rapporto educativo per soddisfare i valori prescritti a livello normativo di UGUAGLIANZA, PARI DIGNITÀ, SOLIDARIETÀ, RISPETTO DELLE DIFFERENZE Esaltazione della specializzazione nell'ottica di una mentalità rivolta all'integrazione, privilegiando l'attività di natura educativa e la dimensione culturale delle capacità di argomentare in chiave soprattutto pedagogica Mentalità rivolta all'integrazione Surplus di vocazione che permetta di superare le frustrazioni sia legate alla professione docente, sia dovute alla contingenza propria della disabilità

4 Il profilo dell insegnante specializzato è uno degli ingredienti che costituiscono una possibile teoria per le attività di sostegno delineata dalle norme in vigore. Gli altri contenuti teorici possono essere ricavati dai principi costituzionali, dai programmi dei corsi di formazione per gli insegnanti destinati alle attività per l integrazione degli alunni in condizioni di handicap accolti nelle classi ordinarie, da come si è sviluppato in senso storico questa idea pedagogica e scolastica di riguardo nei confronti dei medesimi alunni, ed infine di quali dotazioni concettuali, morali, etiche e deontologiche necessita un servizio di istruzione, educazione e formazione fornito dal personale addetto a questi scopi. PRINCIPI COSTITUZIONALI Il diritto all istruzione tutelato dalla Costituzione è integrato dal diritto all integrazione della Legge Quadro COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Articoli che riguardano in particolare la scuola: - art. 9 promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica. - Art. 30 del diritto dei figli ad essere mantenuti, istruiti ed educati, dai genitori o dalla legge. - Art. 33 del libero insegnamento, della competenza dello Stato a dettare norme sull istruzione ed istituire scuole di tutti gli ordini e gradi, del diritto di istituire scuole private, della prescrizione degli esami di Stato, del diritto di autonomi ordinamenti concessi alle Università. - Art. 34 la scuola è aperta a tutti, l istruzione obbligatoria e gratuita per otto anni, lo Stato provvede con borse di studio per i meritevoli e capaci privi di mezzi a garantire il diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. Vengono sanciti principi civili di SVILUPPO DELLA CULTURA SVILUPPO DELLA RICERCA DIRITTO ALL ISTRUZIONE ED EDUCAZIONE LIBERTA D INSEGNAMENTO OBBLIGATORIETA E GRATUITA DELL ISTRUZIONE DI BASE Vengono prescritte supremazie dello Stato su NORME SCOLASTICHE ISTITUZIONE DELLE SCUOLE ESAMI DI AMMISSIONE E CONCLUSIONE DEI VARI ORDINI DI SCUOLE ESAMI DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE Articoli a tutela della persona : - art. 2 riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo e richiede l adempimento dei doveri di solidarietà politica, economica e sociale. - art. 3 delle pari dignità. - art. 4 del diritto al lavoro - art. 13 della libertà personale - art. 31 a protezione della maternità, dell infanzia e gioventù. - art. 32 per la tutela della salute Articoli riguardanti l handicap. - art. 38 per il diritto all educazione e avviamento professionale CRITERI PEDAGOGICI Una teoria della specializzazione trova i suoi fondamenti nei concetti di integrazione e sostegno FALCUCCI CM.227/75 La scuola si fa carico del problema dell emarginazione, anche se ciò può significare rivedere il raggiungimento delle mete culturali minime in virtù di un grado di maturazione raggiunto riconoscendo a pieno titolo qualsiasi tipo di apprendimento, sia esso dovuto ad intelligenza logico/astratta o senso/motoria oppure al processo di socializzazione. Essa deve rivedere i propri criteri di valutazione, le proprie strutture organizzative, subordinare i mezzi ai fini. Viene suggerito un modello di scuola per l integrazione aperto all intervento di più operatori con gli insegnanti per fornire a questi ultimi.. un organica visione delle dimensioni psicologiche e relazionali del fatto scolastico e degli ambienti nei quali l alunno vive.

5 Condizione essenziale è il lavoro d equipe e chiarire e ricercare le condizioni che, stabilendo tra operatori diversi comuni riferimenti di linguaggio, di prospettive, di finalità, rendono possibile il necessario lavoro interdisciplinare, volto alla definizione e alla realizzazione di progetti educativi comuni. Altri provvedimenti suggeriti: raggruppamento di scuole, svolgimento di attività speciali ed extracurricolari, organizzazione in gruppi di lavoro, classi a numero ridotto. L INTEGRAZIONE Il ponte che favorisce il passaggio di attività e partecipazione sul fiume delle disabilità ed handicap Matrici L. 1859/62 Ordinamento scuola media L. 118/71 Documento Falcucci CM. 227/75 L. 517/77 (v.sotto) Sentanza Corte costituzionale 215/87 (v. sotto) Ambiti teorico/concettuali e ricadute sul sistema scolastico concetto democratico provvedimento socio-umanitario affrontato in termini pedagogici e giuridici stimolo allo sviluppo del sistema e personale estensione del principio a tutto il sistema scolastico (percorsi individualizzati crediti formativi approccio ai problemi partendo dai bisogni valutazione formativa - orientamento) scolarizzazione (agli esordi) sordi e ciechi classi differenziali per altre minorazioni istituzione scuole private Motivazioni secondarie ed esiti indotti genericità delle norme di riferimento occupazione esuberi del personale mobilità pieno sfruttamento delle risorse umane completamento orario coinvolgimento di diverse amministrazioni L. 517/77 Artt con la programmazione educativa collegiale possono essere attuate attività di integrazione e sostegno a favore di alunni portatori di handicaps inseriti in classi con massimo 20 alunni. Sono previsti insegnanti specializzati, forme particolari di sostegno, assistenza dei servizi socio-psico-pedagogici. Le matrici della legge: Costituzione (in part. Art. 3) L.1859/62 istitutiva della scuola media Decreti delegati del 74 DPR 970/75 in materia di scuole speciali Finalità : Abbattimento dell insuccesso scolastico Limitazione delle disuguaglianze Provvedimenti: - istituisce i giudizi di valutazione in luogo dei voti, - detta norme particolari per eventuali prove suppletive in sostituzione degli esami di riparazione,

6 - istituisce il sostegno in luogo delle classi di aggiornamento e differenziali, - istituisce le attività integrative e di sostegno in sostituzione delle attività sussidiarie, complementari e di doposcuola - ripropone al Collegio Docenti e Consiglio di Classe competenze di programmazione. - Assicura supporto specialistico secondo programma del Consiglio Scolastico Distrettuale Commento: - prima di questa legge tra le due istituzioni scuola e famiglia sembrava esistere una separazione di competenze che attribuiva alla prima l istruzione l educazione e la formazione ed alla seconda le assistenze, gli aiuti, i sussidi; - mirando ad assicurare particolari interventi per colmare le differenze, la scuola viene delegata ad occuparsi dell uguaglianza dei risultati che dovrebbe portare all uguaglianza dei cittadini. - i principi costituzionali di libera iniziativa senza oneri per lo stato, del merito e delle capacità riconosciuti ed assistiti, dell istruzione obbligatoria, si coniugano meglio, nel rapporto scuola/ società, con quello del compito dello stato di rimuovere gli ostacoli alla libertà ed uguaglianza dei cittadini. SENTENZA 215/87 (CM. 262/88) Capacità e merito vanno valutati secondo parametri peculiari adeguati alle rispettive situazioni di minorazione. Devono essere assicurate le adeguate intese scuola-sanità-enti locali. Devono essere garantite le necessarie certificazioni, diagnosi e profili dinamico-funzionali. Nelle iscrizioni va data la precedenza agli alunni handicappati. Devono essere previsti i necessari corsi di aggiornamento per il personale docente e non docente. Deve essere particolarmente curata la continuità tra gli ordini di scuola. La programmazione degli insegnamenti può prevedere, per il primo biennio, programmi semplificati e diversificati. Ove i programmi ministeriali non siano rispettati, può essere consentita la continuazione con la classe di appartenenza per non perdere la socializzazione acquisita, rilasciando al termine un attestato di frequenza. Devono essere garantiti i necessari ausilii per lo svolgimento delle prove scritte e pratiche. Il consiglio di classe con una relazione rispondente al Piano Educativo Individualizzato predisporrà eventuali prove di valutazione differenziate per gli alunni con handicap psichico. Viene istituito l Osservatorio Permanente per le problematiche interistituzionali e interprofessionali relative all integrazione scolastica. Modulo n. 1 Teoria della specializzazione per le attività di sostegno I attività Definire le seguenti frasi: (3-4 righe al massimo per ogni punto) 1. "Principio della frequenza scolastica" e sue ricadute per l'alunno diversamente abile. 2. Risorse di docenza aggiuntive e specializzate (loro principi ispiratori). 3. Quali compiti per la Scuola? (Documento Falcucci) 4. Frequenza assicurata e/o facilitata? 5. Inserimento ed integrazione. 6. Sostegno alla Scuola?

7 II attività La situazione di integrazione che troviamo nelle nostre classi rispecchia quanto prescrivono le norme e quanto si legge negli studi e commenti di settore? Oppure: Come sarà possibile migliorare ancora l integrazione scolastica: comparazione tra dati di fatto e possibili interventi mediante riflessioni su esperienze personali.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

L'insegnante per le attività di sostegno.

L'insegnante per le attività di sostegno. CONSULTA PER L HANDICAP REGIONALE COMUNALE E PROVINCIALE DI GENOVA COMMISSIONE SCUOLA Via Fieschi 15 16121 GENOVA - Via Ilva 3-16128 GENOVA Tel 010548492 fax 0105484894 - Tel. 0105577211 Fax 0105577313

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

La formazione e il profilo professionale del docente di sostegno specializzato Relazione a cura di Maria Assunta Barbieri

La formazione e il profilo professionale del docente di sostegno specializzato Relazione a cura di Maria Assunta Barbieri La formazione e il profilo professionale del docente di sostegno specializzato Relazione a cura di Maria Assunta Barbieri 1. La formazione dei docenti di sostegno La legge 517 sancisce, oltre all integrazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione degli alunni disabili, definisce

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA I CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORE PARALIMPICO L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA Mauro Esposito Uff. Ed. Fisica e Sportiva

Dettagli

Approfondimenti e-book: I laboratori come strategia didattica autore: Antonia Melchiorre

Approfondimenti e-book: I laboratori come strategia didattica autore: Antonia Melchiorre Approfondimenti e-book: I laboratori come strategia didattica autore: Antonia Melchiorre Breve excursus delle risoluzioni giuridiche introdotte per garantire il diritto al Successo formativo nella scuola

Dettagli

Il 5 Febbraio 1992 viene approvata la Legge-quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate

Il 5 Febbraio 1992 viene approvata la Legge-quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate L. 104/92 legge quadro sull handicap Il 5 Febbraio 1992 viene approvata la Legge-quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate Già dal titolo si capisce che il

Dettagli

LABORATORIO FORMATIVO INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEI DISABILI (parte prima) E CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (parte seconda) FINALITA

LABORATORIO FORMATIVO INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEI DISABILI (parte prima) E CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (parte seconda) FINALITA LABORATORIO FORMATIVO INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEI DISABILI (parte prima) E CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (parte seconda) FINALITA Accompagnare i docenti neo-immessi a cogliere gli elementi e le dimensioni

Dettagli

LA SCUOLA DIRITTI DEL DISABILE

LA SCUOLA DIRITTI DEL DISABILE LA SCUOLA DIRITTI DEL DISABILE L' Assemblea Generale delle Nazioni Unite adotta, nel dicembre 1966, un documento sui diritti economici, sociali e culturali, dove, (tra l'altro), viene affermato: "... il

Dettagli

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento Corso di formazione docenti neo immessi Anno scolastico 2011/2012 Neri Patrizia _ Gallarate,, 16-05 05-2012 L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI

Dettagli

Documentazione che il Consiglio di classe deve preparare per la Commissione d esame

Documentazione che il Consiglio di classe deve preparare per la Commissione d esame Agli insegnanti delle classi con allievi dislessici e/o diversamente abili GUIDA AGLI ESAMI DI STATO PER GLI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI Con suggerimenti e fase operativa Le finalità dell esame di Stato

Dettagli

Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla

Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla La legge 517/77 è stata l inizio di un effettivo processo di integrazione dei disabili a scuola. Prima di allora avevano diritto all istruzione impartita

Dettagli

L Insegnante di Sostegno (Formazione e Staff Sezioni a Didattica Potenziata)

L Insegnante di Sostegno (Formazione e Staff Sezioni a Didattica Potenziata) Istituto Comprensivo Lodi Terzo - Lodi Via Salvemini, 1-26900 Lodi (LO) - Tel: 0371 30657 - Fax: 0371 431369 C.F. 92559860157 Cod. Mecc. LOIC814001 www.loditerzocircolo.gov.it loic8140001@istruzione.it

Dettagli

FADIS Federazione Associazioni Docenti per l Integrazione Scolastica. LA FORMAZIONE DEI DOCENTI DI SOSTEGNO a cura Maria Assunta Barbieri

FADIS Federazione Associazioni Docenti per l Integrazione Scolastica. LA FORMAZIONE DEI DOCENTI DI SOSTEGNO a cura Maria Assunta Barbieri FADIS Federazione Associazioni Docenti per l Integrazione Scolastica LA FORMAZIONE DEI DOCENTI DI SOSTEGNO a cura Maria Assunta Barbieri Raccolta cronologica delle disposizione normative inerenti la specializzazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LINEE DI INDIRIZZO Partecipazione dei genitori e corresponsabilità educativa Pagina 1 di 8 Premessa La nostra Costituzione assegna alla famiglia e alla scuola la responsabilità di educare e di istruire

Dettagli

ATTIVITA' D'ISTITUTO PER L'INCLUSIONE A.S. 2014/15

ATTIVITA' D'ISTITUTO PER L'INCLUSIONE A.S. 2014/15 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE GUIDO MONACO DI POMPOSA ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUIDO MONACO DI POMPOSA LICEO SCIENTIFICO STATALE TULLIO LEVI CIVITA Viale della Resistenza,

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo Tel 035243373 Fax: 035270323- c.f. 95118530161 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO da VINCI 30173 Mestre - Venezia PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Premessa Nel

Dettagli

La valutazione degli alunni con BES e disabilità

La valutazione degli alunni con BES e disabilità Formazione UTS-NES: PROGETTARE E VALUTARE PER COMPETENZE PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La valutazione degli alunni con BES e disabilità Relatrice: Antonietta Centolanze FUNZIONI DELLA VALUTAZIONE DIAGNOSTICA

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI (quadro riepilogativo delle norme di riferimento) Riferimenti normativi. C.M. 22.09.1983 N. 258, C.M. 3.9.1985 N. 250, C.M. 4.1.1988 N. 1, C.M. 22.9.1988 N. 262, L. 5.2.1992

Dettagli

PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA. Obiettivi educativi

PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA. Obiettivi educativi PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA L integrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della persona disabile nell apprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Di Assistenza Specialistica Scolastica Ed Extra Scolastica. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0

Carta Dei Servizi. Servizio Di Assistenza Specialistica Scolastica Ed Extra Scolastica. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Carta Dei Servizi Servizio Di Assistenza Specialistica Scolastica Ed Extra Scolastica Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 FINALITÀ DELLA CARTA DEI SERVIZI La realizzazione di una carta dei

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO 1 FINALITA Questo documento denominato PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA è una guida d informazione riguardante

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012 1 La Scuola Italiana accoglie nelle sue classi da più di trent anni tutti i bambini e le bambine, le ragazze e i ragazzi con problemi di

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA La valutazione: il quadro comune e le specificità per i disabili Il P.E.I. come strumento di conoscenza e di valutazione Isp. Luciano Rondanini LA VALUTAZIONE

Dettagli

Regolamento TFA speciale -scheda tecnica

Regolamento TFA speciale -scheda tecnica Regolamento TFA speciale -scheda tecnica Testo definitivo 25 marzo 2013 commenti REGOLAMENTO RECANTE MODIFICHE AL DECRETO DEL MINI- STRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA 10 SETTEMBRE 2010,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE INSEGNANTI DI SOSTEGNO

ISTRUZIONI PER LE INSEGNANTI DI SOSTEGNO Pag 1/5 INCONTRI DI INIZIO ANNO SCOLASTICO Al più presto il docente di sostegno, non appena assegnato a nuovi casi, dovrà curare alcuni incontri: Con il gruppo docente dell anno precedente Con i genitori

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD)

LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD) ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI A. S. 2010/2011 LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD) Dario Paparella 1 Definizione della persona diversamente

Dettagli

ITC PIERO CALAMANDREI - PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni diversamente abili

ITC PIERO CALAMANDREI - PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni diversamente abili ITC PIERO CALAMANDREI - PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni diversamente abili Questo documento, approvato dal Consiglio d Istituto e deliberato dal Collegio dei Docenti, contiene informazioni, principi, criteri

Dettagli

I PROBLEMI DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO SPECIALIZZATI NELL'INTERVENTO FADIS ALLA RIUNIONE DELL OSSERVATORIO PERMANENTE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

I PROBLEMI DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO SPECIALIZZATI NELL'INTERVENTO FADIS ALLA RIUNIONE DELL OSSERVATORIO PERMANENTE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA I PROBLEMI DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO SPECIALIZZATI NELL'INTERVENTO FADIS ALLA RIUNIONE DELL OSSERVATORIO PERMANENTE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA di Nicola Quirico, presidente nazionale della FADIS,

Dettagli

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Premessa Questo documento definisce tutte le azioni con cui attuare l inserimento scolastico degli alunni stranieri, sia di quelli che si iscrivono prima dell

Dettagli

I NOSTRI PRINCIPI I PRINCIPI FONDANTI

I NOSTRI PRINCIPI I PRINCIPI FONDANTI I NOSTRI PRINCIPI I PRINCIPI FONDANTI Il Piano dell Offerta Formativa dell Istituto colloca la propria fonte di ispirazione negli articoli 3, 30, 33, 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, laddove

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)*

Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)* Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)* E' atto successivo alla Diagnosi Funzionale (a cura della NPI) e indica in via prioritaria, dopo un primo periodo di inserimento scolastico, il prevedibile livello

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica Istituto Comprensivo di Battaglia Terme (PD) LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La personalizzazione dell insegnamento Per realizzare il potenziamento delle competenze degli alunni rispetto alla situazione

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ. I presupposti legislativi

LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ. I presupposti legislativi LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ I presupposti legislativi La costituzione art.3 e art.34 :coniugano il diritto allo studio con un idea di eguaglianza sostanziale Legge

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO I N D I C E LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO Capitolo 1: La dimensione sociale nell infanzia 1. Quadro teorico

Dettagli

Protocollo di accoglienza alunni stranieri dell Istituto Comprensivo Calasanzio

Protocollo di accoglienza alunni stranieri dell Istituto Comprensivo Calasanzio Protocollo di accoglienza alunni stranieri dell Istituto Comprensivo Calasanzio Il Protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti. Contiene criteri, principi, indicazioni riguardanti

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Ciò che conta non è il fatto che una persona in situazione di handicap trovi una collocazione all'interno dell'istituzione scolastica,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale C. Govoni:

Istituto Comprensivo Statale C. Govoni: Istituto Comprensivo Statale C. Govoni: Scuola secondaria di primo grado T. Tasso Scuola primaria C. Govoni Scuola Primaria M. Poledrelli Scuola Primaria G. Leopardi Scuola Primaria A. Volta-Doro 1 PREMESSA

Dettagli

Breve excursus sulle leggi dell'integrazione scolastica dei disabili

Breve excursus sulle leggi dell'integrazione scolastica dei disabili Breve excursus sulle leggi dell'integrazione scolastica dei disabili In Italia, fino al 1971 i disabili, a seconda della gravità dell'handicap, venivano inseriti o in scuole speciali o in classi differenziali

Dettagli

LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) 1 LE NORME Per una civile convivenza, ogni società (quindi anche quella scolastica) deve avere delle regole. Esistono

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Il Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni diversamente abili e lo sviluppo di una cultura

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

Protocollo di accoglienza/permanenza dell allievo straniero

Protocollo di accoglienza/permanenza dell allievo straniero ALLEGATO 4 Protocollo di accoglienza/permanenza dell allievo straniero Il presente protocollo chiarisce quali sono gli organi e le relative funzioni per l inserimento e la permanenza nell Istituto degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PROGETTO PER UN AZIONE DI SOSTEGNO EDUCATIVO E DIDATTICO EFFICACE competenza, accoglienza, progettualità, funzionalità, inclusione, condivisione,

Dettagli

Disturbi Specifici di Apprendimento. A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbria

Disturbi Specifici di Apprendimento. A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbria Disturbi Specifici di Apprendimento A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbria Legge 8 ottobre 2010 n. 170 D.M. 5669 Linee Guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato COSTANTINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato COSTANTINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1134 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTANTINI Disposizioni in materia di insegnamento di sostegno, per garantire l esercizio

Dettagli

Come valutare e svalutare la disabilità

Come valutare e svalutare la disabilità Come valutare e svalutare la disabilità Probabilmente per una questione di deformazione professionale, mi piaceva introdurre questo mio contributo con l etimologia del termine che fa da chiave di volta

Dettagli

PERCORSO DELL INCLUSIONE

PERCORSO DELL INCLUSIONE PERCORSO DELL INCLUSIONE Favorire l inserimento, promuovere l integrazione scolastica e lo sviluppo delle potenzialità dell alunno disabile o in situazione di svantaggio nell apprendimento, nella comunicazione,

Dettagli

Il sistema scolastico italiano

Il sistema scolastico italiano Il sistema scolastico italiano Prof. Antonella Centomo Corso di formazione per mediatori culturali ULSS 5 La scuola nella Costituzione Art.9. La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca

Dettagli

Protocollo di Orientamento

Protocollo di Orientamento Allegato 10 Protocollo di Orientamento Indice 1. Definizione di Orientamento 2. Motivazioni del progetto del nostro Istituto 3. Azioni/attività nelle singole classi 4. Risorse interne ed esterne 5. Documentazione

Dettagli

Docente: dott.ssa Valentina Dalla Villa

Docente: dott.ssa Valentina Dalla Villa autovalutazione valutazione Si sollecita lo studente, affinchè si dica competente, ovvero assuma la padronanza metodologica e operativa, la consapevolezza di quanto ha appreso Didattica, affidata al docente

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Legnago ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO Amministrazione Finanza e Marketing - Relazioni Internazionali per il Marketing - Sistemi Informativi Aziendali - Turismo LICEO ARTISTICO PER LA GRAFICA

Dettagli

PROGETTO INTEGRAZIONE

PROGETTO INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento degli alunni diversamente

Dettagli

Le norme e l handicap ( e un po di DSA)

Le norme e l handicap ( e un po di DSA) Le norme e l handicap ( e un po di DSA) Appunti normativi per insegnanti di sostegno Novembre 2011 CTI VERONA ( A cura di Enrico A. Cherubini, dirigente scolastico IC Verona 04) Niente appunti, tranquilli

Dettagli

I Bisogni Educativi Speciali. Insegnare e apprendere nella speciale normalità

I Bisogni Educativi Speciali. Insegnare e apprendere nella speciale normalità I Bisogni Educativi Speciali Insegnare e apprendere nella speciale normalità I Bisogni Educativi Speciali. Insegnare e apprendere nella speciale normalità Io voglio fare come gli altri. Io vorrei andare

Dettagli

Disturbi Specifici di Apprendimento. A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbrial

Disturbi Specifici di Apprendimento. A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbrial Disturbi Specifici di Apprendimento A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbrial Legge 8 ottobre 2010 n. 170 D.M. 5669 Linee Guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Istituto Comprensivo di Bagolino novembre 2014 Maria Rosa Raimondi Il percorso 1. Presupposti teorici e normativa di riferimento per l inclusione 2. Strategie e strumenti di

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Fondamenti legislativi L art. 3 della legge quadro (L. 104/92) stabilisce che disabile è: "colui che presenta una minorazione

Dettagli

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI.

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LINEE GUIDA L Istituto Comprensivo attua percorsi significativi in sinergia con le ASL, con

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA primo ciclo d istruzione Lo sfondo comune e il quadro normativo Il PEI come strumento di progettazione e di valutazione Isp. Luciano Rondanini LA VALUTAZIONE

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

Alunni con disabilità 1

Alunni con disabilità 1 Alunni con disabilità 1 L integrazione scolastica degli alunni con disabilità costituisce un punto di forza della scuola italiana, che vuole essere una comunità accogliente nella quale tutti gli alunni,

Dettagli

Super Luned ìncontri

Super Luned ìncontri Ufficio Scolastico Provinciale di Verona Linee guida per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità Super Luned ìncontri Cosa sono Un documento tecnico del MIUR uscito nel 2009 Raccoglie una

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO PARTE I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 OGGETTO Articolo 2 DESTINATARI DEGLI INTERVENTI PARTE II ORGANIZZAZIONE

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA ARCOBALENO

ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA ARCOBALENO OGGETTO: SCHEMA DI CONVENZIONE CON LA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA ARCOBALENO DI RONAGO PER L ATTUAZIONE DEL DIRITTO DEL BAMBINO ALL EDUCAZIONE. Il Comune di RONAGO,

Dettagli

Allegato 10 INCLUSIONE L integrazione scolastica delle persone con Bisogni Educativi Speciali vede il nostro Paese in posizione di avanguardia rispetto agli altri e il supporto normativo sancisce in modo

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano DSA (Disturbi Specifici dell Apprendimento): LA LEGISLAZIONE. Premessa Le due idee principali da cui muove il seguente contributo sono il concetto di interesse superiore del minore e l importanza della

Dettagli

CIRCOLARE REGIONE VENETO 20 OTTOBRE 1993, N. 33

CIRCOLARE REGIONE VENETO 20 OTTOBRE 1993, N. 33 CIRCOLARE REGIONE VENETO 20 OTTOBRE 1993, N. 33 «INDIRIZZI SULL'INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DELLA PERSONA CON HANDICAP» Pubblicata nel B.U.R. 29 ottobre 1993, n.91. (Indirizzata a: Province, Ulss,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

Dati di carattere generale

Dati di carattere generale Dati di carattere generale La legge 104/92 Risponde ad un esigenza di condivisione fra tutte le componenti della società (scuola, famiglia, lavoro, ASL, Enti Locali.) per ricostruire l unità dell idea

Dettagli

Il PEI, uno strumento per l inclusione scolastica PEI Diagnosi Funzionale Profilo Dinamico Funzionale 20 marzo 2008 insegnanti

Il PEI, uno strumento per l inclusione scolastica PEI Diagnosi Funzionale Profilo Dinamico Funzionale 20 marzo 2008 insegnanti Il PEI, uno strumento per l inclusione scolastica di Salvatore Nocera Avvocato, vicepresidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell Handicap) Il Piano Educativo Individualizzato o Personalizzato

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Prot. n. 624/P Napoli, 1 marzo 2006 Ufficio IV Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO Scuola (denominazione) Indirizzo REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO ALUNNO CLASSE-SEZIONE MODULO/CLASSI ANNO SCOLASTICO / INDICE Intestazione Indice Agenda della scuola ai fini dell integrazione Operatori

Dettagli

Circ.N. 45 Ferrara,06/10/2015

Circ.N. 45 Ferrara,06/10/2015 Istituto Comprensivo Statale N. 6 Cosmè Tura Via Montefiorino, 32 - Ferrara - 0532.464544 0532461274; fax 0532463294 Codice Fiscale: 93053580382 www.comune.fe.it /http://scuole.comune.fe.it/ - E_mail:

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti PAROLE PER ORIENTARSI DEFICIT HANDICAP - DIVERSABILITA - DISABILITA Deficit : per indicare

Dettagli

VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO

VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE SEVERI-GUERRISI GIOIA TAURO/PALMI Via Galluppi,1 89013 GIOIA TAURO (RC) TEL. SEGR. 0966/51810 fax 0966/504179 Cod. Fisc. 82000920809 VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO

Dettagli

Premessa Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza

Premessa Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza Protocollo di Accoglienza Premessa Il Protocollo di accoglienza è un documento che nasce da un'esigenza d informazione relativamente all integrazione degli alunni disabili all interno del nostro Istituto Comprensivo. Esso viene

Dettagli

PREMESSA RISORSE PER L INTEGRAZIONE

PREMESSA RISORSE PER L INTEGRAZIONE PREMESSA Il presente protocollo vuole essere una traccia di lavoro nell ottica dell integrazione degli alunni diversamente abili, facendo riferimento alla documentazione e alla legislazione in vigore ma

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Nuove norme in materia di diritto allo studio degli alunni con disabilità e di insegnanti di sostegno

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Nuove norme in materia di diritto allo studio degli alunni con disabilità e di insegnanti di sostegno Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1561 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI FARINA Nuove norme in materia di diritto allo studio degli alunni con disabilità e

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali la normativa

Bisogni Educativi Speciali la normativa Bisogni Educativi Speciali la normativa 27 DICEMBRE 2012 DIRETTIVA MINISTERIALE «Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica»

Dettagli

INSEGNANTE DI SCUOLA DELL INFANZIA

INSEGNANTE DI SCUOLA DELL INFANZIA INSEGNANTE DI SCUOLA DELL INFANZIA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie... 7 Conoscenze... 10

Dettagli

PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE.

PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE. LEZIONE: GLI STRUMENTI GIURIDICO-METODOLOGICI DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA PROF. CARMINE PISCOPO Indice 1 PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE. ----------------------------------------------------------------

Dettagli