Linee guida per il tirocinio e per l esame finale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per il tirocinio e per l esame finale"

Transcript

1 Corso di Specializzazione per il Sostegno Linee guida per il tirocinio e per l esame finale Il presente documento intende fornire le informazioni necessarie allo svolgimento del tirocinio e dell esame finale previsti per il corso di specializzazione per le attività di sostegno dalla normativa di riferimento 1. Esso, in considerazione della generalità della citata normativa, intende costituire una proposta operativa, una sorta di modello personalizzato dalla, suscettibile di interventi di labor limae e miglioramenti sostanziali che ci si augura provengano da tutti i soggetti che ne verranno coinvolti. Il documento si compone di due parti: la prima dedicata al tirocinio, la seconda all esame finale di cui il tirocinio costituisce parte sostanziale. 1. TIROCINIO Premessa Per poter realizzare in termini consapevoli lo svolgimento delle attività di tirocinio previste nel corso di specializzazione per le attività di sostegno si rende necessario esplicitare l impostazione teorica entro cui è stato formulato il modello proposto. Non si può prescindere, pertanto, dal focalizzare il ruolo e il significato che il tirocinio assume nella formazione della professione docente in generale e di quella dell insegnante di sostegno in particolare. Per la vicinanza alla nostra concezione e al nostro scopo del tirocinio torna utile richiamare la definizione di apprendistato fornita già qualche tempo fa da H. Gardner, il quale lo concepisce come «un istituzione che educa, un momento essenziale nella vita della persona» 2. Tale identificazione suggerisce l idea che il tirocinio debba andare oltre gli aspetti puramente tecnici dell empiria a 1 Decreto Ministeriale, Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto 10 settembre 2010, n. 249, 30 settembre 2011, art. 9 e allegato B. 2 H. Gardner, Educare al comprendere Stereotipi infantili e apprendimento scolastico, Milano, Feltrinelli, 1993, p /14

2 cui talvolta viene riduttivamente associato e, al contrario, debba veicolare l esplorazione e la comprensione di entità e categorie pedagogiche di alto profilo, quali, l istituzione formativa, l educazione, l essenzialità, la vita, la persona. Ciò postula che il tirocinante attui un lavoro continuo di riconduzione dell esperienza vissuta alle conoscenze pluridisciplinari acquisite; che le rielabori in termini applicabili al contesto esperienziale e alle sue evoluzioni in configurazioni situazionali nuove e impreviste 3. In questa strutturazione il tirocinio si propone come un attività ricorsiva in cui la conoscenza da astratta e concettuale diviene contestualizzata e personalizzata e si traduce in azione mirata e consapevole, in quanto si confronta criticamente con i saperi convenzionali, con i loro linguaggi e le loro pratiche e al contempo si giustifica teoricamente. Si tratta, dunque, di una rilettura critica dell esperienza e di una re-interpretazione dell attività svolta, da intendersi nell ottica del pensiero riflessivo, in grado, cioè, di muovere dall esperienza sapendo trovare il giusto distanziamento da essa per riferirla ad un punto di vista più ampio e generale, da cui ripartire in termini nuovi e creativi 4. Come è dato considerare la connotazione del tirocinio quale rielaborazione dell esperienza diretta non contiene novità teoriche di rilievo. Si è ben consapevoli che essa trae origine dall Attivismo pedagogico dei primi decenni del secolo scorso, ma nella riproposizione si è confortati che essa trova conferma nelle ricerche psicopedagogiche e nelle teorie dell apprendimento degli ultimi decenni, concordi nel sostenere che la mente apprende in base a stimolazioni esterne e a situazioni in cui il soggetto è protagonista attivo 5. Pertanto, il futuro docente per acquisire un buon livello di professionalità da spendere nel prosieguo della sua attività deve potersi confrontare con procedure cognitive e con metodologie che facciano dell esperienza diretta il punto di forza. Deve, inoltre, apprendere processi di rielaborazione, ricerca, approfondimento in completa autonomia 6. Se questo itinerario di professionalizzazione è valido per i docenti in generale, lo è ancor più per l insegnante di sostegno. L accresciuta complessità del profilo professionale di questa figura è ancor più impegnativa, in quanto per essa si richiede di prendere ogni giorno decisioni in situazioni variegate e sempre delicate e difficili. Ne danno riprova le recentissime disposizioni normative nazionali, europee e internazionali sulla gestione dei Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) 7, dei Bisogni Educativi Speciali (BES) 8. Il 3 Ivi, p Cfr. J. Dewey, Le fonti di una scienza dell educazione, Firenze, La Nuova Italia, 1951, p. 55; D.A. Schön., Formare il professionista riflessivo, Milano, Franco Angeli, 2006; 5 Cfr. L. Trisciuzzi, G.P. Cappellari, Fondamenti di psicopedagogia. Modelli teorici e applicazioni didattiche, Firenze, La Nuova Italia, Cfr. S. Ulivieri, G. Giudizi, S. Gavazzi, Dal banco alla cattedra, Didattica e tirocinio formativo per l insegnamento nella scuola secondaria, Pisa, ETS, 2002, p. 92; L. Trisciuzzi, Manuale di didattica in classe, Pisa, ETS, Legge, Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico, 8 ottobre 2010, n Direttiva Ministeriale, Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica, 27 dicembre /14

3 pensiero che accomuna tutta la letteratura sul disagio, lo svantaggio e la minorazione insiste sulla necessità del tirocinio per la professionalizzazione degli operatori, il quale, proprio per la sua specificità di attività pratico-riflessiva costituisce parte cospicua di tutti i curricoli formativi. Finalità Il tirocinio si propone le finalità di: a) formare una professionalità docente con elevate e specifiche competenze operative; b) promuovere la capacità di attingere in modo mirato e produttivo alla riflessione teorica psicopedagogica e scientifico-culturale in generale; c) introdurre all attuazione di processi di ricerca-azione. Obiettivi Il modello di tirocinio proposto persegue i seguenti obiettivi: consapevolizzare ruolo e funzioni dell insegnante di sostegno e status di tirocinante; osservare i comportamenti e le prestazioni dell'alunno disabile in relazione agli assi neuropsicologico, cognitivo, sensoriale, affettivo, motorio, dell autonomia, delle conoscenze, degli esiti scolastici; reperire e leggere criticamente informazioni di tipo medico, psicologico e sociologico, del percorso scolastico precedente e dell ambiente di vita dell alunno disabile; rapportarsi con l'allievo disabile, con la classe e organizzare il gruppo in armonia con i docenti di classe; individuare le modalità con cui collaborare con alunni, famiglie, colleghi, personale della scuola, operatori del settore medico e psicopedagogico, con altri soggetti extra-scolastici di riferimento; progettare e sperimentare interventi educativi adeguati tenendo conto dei deficit ai punti di forza dell alunno assumendoli come punti di partenza e mirando al loro sviluppo graduale ed in prospettiva stabile; progettare e sperimentare gli interventi didattici tenendo conto della struttura epistemologica e dei nodi concettuali delle discipline, armonizzando linguaggi specifici, obiettivi, materiali e prompt in relazione ai deficit osservati e alle potenzialità emerse. 3/14

4 valutare gli aspetti problematici degli interventi; analizzare libri di testo, ridurne la complessità, facilitarne la fruizione; avere competenze avanzate riguardo agli strumenti informatici e ai sussidi specifici per facilitare l' apprendimento. Articolazione Come previsto all allegato B del D.M. 30 settembre 2013 il tirocinio si articola in: a) diretto in riferimento all esperienza dello specializzando all interno dell istituzione scolastica, per un totale di 150 ore in affiancamento al tutor del tirocinante; b) indiretto inteso come attività di rielaborazione dell esperienza diretta. Esso viene realizzato - per 25 ore di rielaborazione presso l istituzione scolastica e in sede con il tutor dei tirocinanti; - per 50 ore di supervisione in sede con il tutor coordinatore - per 75 ore di applicazione didattica delle T.I.C. con il tutor delle T.I.C. Le due forme del tirocinio, diretto ed indiretto, quindi, non si svolgono consecutivamente l una all altra, ma si integrano continuamente nell espletamento dell attività che procede per fasi. Fasi del tirocinio diretto a) Preparazione riflessioni su questioni di ordine generale riferite al tirocinio in quanto tale: finalità, obiettivi, articolazione, impostazione metodologica, strumenti, modalità di interazione con il tutor etc.; riflessioni su questioni di ordine generale riferite alla funzione del sostegno: organizzazione della scuola rispetto alla presenza di alunni disabili e con bisogni educativi speciali; finalità e obiettivi della didattica inclusiva; normative di riferimento; 4/14

5 funzioni del GLH; rapporti con le famiglie, con l Ente locale, con il privato sociale, con la AUSL; sistema e organizzazione dell assistenza specialistica etc.; socializzazione con tutte le figure dell istituzione scolastica (dirigente, insegnanti curricolari, docente di sostegno, personale ATA etc.), con la classe e con l alunno disabile con cui dovrà interagire. condivisione con il tutor del tirocinante del progetto formativo redatto in accordo con l istituzione accademica. b) Osservazione attiva osservazione guidata delle attività svolte in classe, mirata all individuazione e all analisi delle strategie educative e didattiche, nonché degli stili e metodi diversi adottati dal docente di sostegno che possano consentire allo specializzando di elaborarne in seguito di propri; osservazione dello svolgimento delle riunioni degli organi collegiali in generale e, in particolare in occasione della lettura della DF (Diagnosi Funzionale), dell elaborazione e stesura dei relativi PDF (Profilo Dinamico Funzionale) e PEI (Progetto Educativo Individualizzato); osservazione dell alunno disabile relativamente agli aspetti comportamentali, relazionali, cognitivi e alle modalità di integrazione; osservazione delle dinamiche relazionali nel contesto classe e valutazione delle loro ricadute positive e negative sugli interventi educativi; presa in esame di tutta la documentazione presente sull alunno: certificazioni, programmazioni, elaborati prodotti, valutazioni (nel rispetto della segretezza sui dati riservati); individuazione dei punti di forza e di debolezza dell'alunno (competenze, abilità, area prossimale di sviluppo etc.) sulla base dei quali si definisce l intervento educativo e didattico; osservazione della struttura scolastica rispetto alla funzionalità, accessibilità e fruibilità: dell aula; degli spazi interni ed esterni dell istituto scolastico; della strumentazione in dotazione alla scuola [presenza di tecnologie assistive, di strumenti multimediali e/o tradizionali]; 5/14

6 dell edificio scolastico (posizione urbanistica centrata/decentrata; raggiungibilità e accessibilità; presenza/interventi di rimozione di barriere architettoniche etc.); osservazione dell organizzazione dei rapporti con la famiglia dell alunno disabile, con la AUSL, con l Ente locale, con gli operatori dei servizi psico-socio-assistenziali, con le realtà del territorio nelle forme di collaborazione a vantaggio degli alunni disabili [progetti dedicati all integrazione scolastica previsti nel POF, convenzioni con associazioni, cooperative; organizzazione e/o manifestazione ad iniziative ed eventi mirati etc.]. c) Attivazione affiancamento e collaborazione nella compilazione di un PDF e di un PEI; affiancamento e collaborazione nella progettazione, realizzazione e verifica di interventi didattici rivolti all alunno disabile all interno della classe, definiti secondo obiettivi di apprendimento minimi o differenziati; elaborazione, programmazione, realizzazione e verifica di interventi didattici rivolti all alunno disabile all interno della classe, in adempimento alle indicazioni del PEI, anche con l uso di tecnologie applicate alla didattica speciale; uso di prompt e sussidi in relazione alla specificità del deficit psichico, sensoriale, motorio; valutazione dei tempi di apprendimento dell alunno disabile in relazione alle condizioni soggettive ed oggettive osservate e agli obiettivi prefissati; selezione, scelta e utilizzo di strumenti anche informatici e di materiali didattici che favoriscano e facilitino l apprendimento; verifica degli strumenti e dei materiali adottati ponendo in relazione i risultati raggiunti con i risultati attesi; analisi dei libri di testo, riduzione della complessità, facilitazione della fruizione; annotazione delle attività svolte durante l espletamento del tirocinio sull apposito registro, in cui riportare brevemente attività, osservazioni e riflessioni che costituiranno il materiale da cui sviluppare la relazione finale. 6/14

7 Fasi del tirocinio indiretto d) Rielaborazione (con il tutor del tirocinante) riflessione sul proprio coinvolgimento emotivo nel rapporto con l alunno disabile; riflessione sulla percezione di sé e del proprio ruolo come futuro insegnante di sostegno; riflessioni sulle motivazioni della scelta professionale messe alla prova nell esperienza di tirocinio; riflessione sulle competenze acquisite durante le attività condotte a scuola in rapporto alle metodologie e tecniche di intervento approfondite nelle lezioni teoriche e sperimentate nei laboratori del percorso formativo di specializzazione, consapevolizzazione del raccordo tra l esperienza di tirocinio diretto e quanto studiato; riflessione critica sulle proprie scelte professionali e sulla loro evoluzione alla luce dell esperienza di tirocinio effettuata; progettazione e stesura della relazione finale di tirocinio sulla base delle acquisizioni raccolte nel corso dell esperienza condotta nel contesto scolastico, da cui si evinca il percorso di acquisizione e maturazione di una professionalità con elevate competenze operative. e) Supervisione (con il tutor coordinatore) riflessione sul percorso di professionalizzazione effettuato nell attività di tirocinio, individuando i nuclei più pregnanti ed interrogandosi sul loro significato teorico; autoconsapevolezza di aver maturato una professionalità critica e riflessiva, capace, cioè, di interrogarsi continuamente sul proprio operato, sulle dinamiche personali in gioco e sulla molteplicità di fattori che influenzano la situazione di insegnamentoapprendimento (handicap, ambiente di vita, contesto scolastico, dinamiche interpersonali, contenuti disciplinari etc.), attingendo opportunamente alla conoscenza scientifica che così acquista significato nella pratica professionale; progettazione e stesura di un elaborato di approfondimento teorico su di un nucleo significativo scelto fra quelli individuati, discusso ed approvato dal tutor coordinatore. 7/14

8 f) Applicazione didattica T.I.C - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione] (con il tutor delle T.I.C.) attività pratica sull utilizzo delle nuove tecnologie applicate alla didattica speciale in cui saranno presentati software didattici specifici per tipologia di handicap e diversificati per grado di scuola; realizzazione di un prodotto multimediale con l applicazione dei software proposti che rappresenti un unità di apprendimento rivolta ad un caso preso in esame, preferibilmente quello di cui il candidato abbia fatto esperienza nell ambito delle attività di tirocinio diretto, la quale sia costruita in base ad obiettivi definiti in relazione alle potenzialità dell alunno disabile, tenuto conto dei deficit e delle caratteristiche del tipo di disabilità, degli obiettivi riportati nel PEI. Figure coinvolte Tirocinante specializzando: è l'insegnante in formazione che effettua il tirocinio, diretto e indiretto, il quale utilizza gli strumenti forniti/elaborati, collabora con il tutor del tirocinante presso le scuole ospitanti; rielabora con il tutor coordinatore l esperienza effettuata consapevolizzandone i raccordi con le questioni teoriche di riferimento; partecipa all attività pratica con sull uso delle tecnologie applicate alla didattica speciale con il tutor delle T.I.C. Tutor del tirocinante: è un insegnante specializzato per il sostegno che, in accordo con il dirigente scolastico e nel rispetto del progetto di tirocinio concordato con l Ateneo, introduce, affianca e supervisiona le attività dello specializzando di tirocinio diretto e quelle di tirocinio indiretto di sua competenza. Fra gli altri, ha il compito di guidare lo specializzando nella stesura della relazione finale di tirocinio. Tutor coordinatore: è uno dei docenti del corso di specializzazione (che ha condotto insegnamenti teorici o laboratori didattici) o il tutor del tirocinante, a scelta dello specializzando, il quale si occupa di supervisionare quest ultimo nel percorso di tirocinio indiretto di sua competenza. Esso inoltre, ha il compito di guidare lo specializzando nella stesura dell elaborato di approfondimento teorico su un argomento a scelta fra quelli trattati nelle lezioni proposte nel corso di specializzazione. 8/14

9 Tutor delle T.I.C.: è un esperto in tecnologie assistive che curerà l attività pratica, prevista nell ambito del tirocinio indiretto di sua competenza, sull utilizzo di software didattici diversificati per tipologia di handicap e per grado di scuola con i quali guiderà gli specializzandi nella realizzazione di un prodotto multimediale con cui progettare un unità di apprendimento per un caso tipo preso in esame. Attività del tirocinante specializzando prepararsi al primo ingresso a scuola consapevolizzando finalità e obiettivi professionalizzanti del tirocinio attraverso letture specifiche, approfondimenti normativi, colloqui e interviste con diverse figure professionali scolastiche etc.; inserirsi nel contesto scolastico e nella classe imparando ad osservare sistematicamente, ad interagire appropriatamente, a recepire adeguatamente informazioni e sollecitazioni; prendere atto della programmazione educativa individualizzata ed inserirsi gradualmente, dapprima osservando soltanto, poi in affiancamento dell insegnante di sostegno, in seguito con attività gestite in autonomia sempre maggiore, previo accordo con il proprio tutor; riflettere insieme al tutor sulle attività programmate e svolte, sul senso, le difficoltà e le acquisizioni della propria esperienza formativa; riflettere insieme con il tutor sul complesso dell attività di tirocinio svolta e darne conto nelle forme suggerite e normativamente previste; mantenere un comportamento ineccepibile nei confronti dei soggetti ospitanti ed attenersi al vincolo della assoluta riservatezza per quanto attiene a dati, informazioni o conoscenze acquisite nello svolgimento del tirocinio; riportare giornalmente sull apposito registro, una breve descrizione delle attività svolte nell espletamento del tirocinio diretto, quindi le osservazioni e le riflessioni in merito agli aspetti più significativi riscontrati; redigere, sotto la supervisione dei tutor del tirocinante, la relazione finale di tirocinio, compilando il format in dotazione; redigere, sotto la supervisione dei tutor coordinatore, un elaborato di approfondimento teorico su un argomento a scelta fra quelli trattati nelle lezioni proposte nel corso di specializzazione, compilando il format in dotazione; partecipare all attività pratica sull uso delle tecnologie applicate alla didattica speciale, proposte dl tutor delle T.I.C. nell espletamento del tirocinio indiretto, realizzando un prodotto multimediale da presentare in sede di esame finale, anche eventualmente da proporre durante la fase di attuazione de tirocinio per la sua sperimentazione sul campo. 9/14

10 Attività del tutor del tirocinante: preparare lo specializzando al suo ingresso a scuola relativamente alle finalità e agli obiettivi professionalizzanti del tirocinio, suggerendogli letture e approfondimenti che lo aiutino a comprendere il senso dell esperienza che andrà a svolgere e ad acquisire il giusto atteggiamento con cui affrontarla; ospitare lo specializzando favorendo la familiarizzazione con tutte le figure dell istituzione scolastica coinvolte, con la classe e con l alunno disabile con cui dovrà interagire; presentare allo specializzando la situazione dell alunno disabile facendogli conoscere la documentazione di interesse e la programmazione individualizzata, esplicitandone la correlazione con quella della classe e chiarendo i nessi fra attività programmate e unità didattiche in svolgimento, evidenziando aspetti e situazioni meritevoli di attenzione; favorire l osservazione mirata dello specializzando; affiancare lo specializzando nelle attività didattiche rivolte all alunno disabile nella classe; individuare e realizzare le attività che meglio si prestano al perseguimento degli obiettivi dello specializzando, discutendole e concordandole con lui; programmare insieme allo specializzando i suoi interventi attivi, aiutandolo nella costruzione di griglie di osservazione; nella elaborazione e realizzazione di un PDF, di un PEI, assegnando compiti specifici, concordando attività e modalità di lavoro; esplicitare di volta in volta allo specializzando il senso dell esperienza vissuta rendendolo consapevole del processo di insegnamento/apprendimento in atto; confrontarsi con lo specializzando sulle metodologie, tecniche e strategie didattiche adottate in modo che possa rendersi conto di come si individuano quelle più adeguate al caso specifico nella costruzione di un percorso di sostegno; permettere allo specializzando l uso delle T.I.C. nell espletamento dei suoi interventi attivi, consentendogli di sperimentare in classe le attività pratiche condotte durante il tirocinio indiretto e sulle quali dovrà realizzare un prodotto multimediale da presentare in sede di esame finale; guidare lo specializzando nella redazione della relazione finale di tirocinio fornendo spiegazioni e suggerimenti utili alla corretta compilazione del format in dotazione. 10/14

11 Attività del tutor coordinatore: aiutare lo specializzando a ricondurre sistematicamente l esperienza vissuta, esaminandola da tutti i punti di vista (metodi, tecniche, dinamiche relazionali etc.), sia alla letteratura scientifica trattata nelle lezioni teoriche, sia all attività pratica sperimentata nei laboratori, rendendolo in grado di affrontare il tirocinio in modo professionale e non dilettantistico o improvvisato; aiutare lo specializzando a rielaborare l esperienza di tirocinio da un punto di vista personale e psico-motivazionale in modo che arrivi a maturare un identità professionale coerente con la propria identità personale; guidare lo specializzando nella stesura di un elaborato di approfondimento teorico su un argomento a scelta fra quelli trattati nelle lezioni proposte nel corso di specializzazione, da presentare all esame finale, fornendo spiegazioni e suggerimenti utili alla corretta compilazione del format in dotazione. Attività del tutor delle T.I.C. - proporre un attività pratica sull applicazione delle T.I.C. alla didattica speciale, addestrando gli specializzandi all uso di software didattici diversificati per tipologia di handicap e grado di scuola attraverso i quali possano progettare interventi educativi e didattici mirati, stimolanti e innovativi; guidare lo specializzando nella elaborazione di un prodotto multimediale con l applicazione dei software proposti con cui progettare un unità di apprendimento per un caso tipo preso in esame. 11/14

12 Valutazione La valutazione del tirocinio diretto e indiretto è espressa in trentesimi e deve riportare una votazione non inferiore ai 18/30 per l ammissione all esame finale (D.M. 30 settembre 2011, art. 8). Tale valutazione risulterà dalla media dei punteggi attribuiti dal tutor del tirocinante, dal tutor coordinatore e dal tutor delle T.I.C. rispettivamente alle attività di tirocinio diretto ed indiretto di loro competenza, sulla base dei criteri riportati su schede di valutazione predisposte in corrispondenza a ciascuna delle tre prove dell esame finale: a) l elaborato di approfondimento teorico (presentazione di una questione, personaggio, autore, articolo scientifico, purché riferiti alla pedagogia speciale o alla didattica speciale); b) la relazione finale di tirocinio (report cronologico, contestualizzato e commentato); c) il prodotto multimediale (slides di documentazione, unità di apprendimento etc., purché riferite alla didattica speciale). Tra gli atri aspetti, la valutazione terrà conto: della pertinenza degli interventi realizzati nell attività didattica rispetto agli obiettivi educativi e di apprendimento prefissati; della varietà e congruenza dei materiali prodotti/utilizzati alle finalità dell attività svolta; della accuratezza nell analisi dei casi incontrati; della ricchezza di riferimenti culturali e approfondimenti critici nella rielaborazione delle attività svolte; dell originalità e innovatività degli interventi progettati con l uso di tecnologie. 12/14

13 Tabella riepilogativa Articolazione Fasi Tutor di riferimento Tirocinio diretto Tirocinio indiretto Preparazione Osservazione attiva Attivazione Tutor del tirocinante Sede Istituzione scolastica Modalità di Valutazione Relazione finale di tirocinio Punteggio ammissione min/max ORE CFU 10-17/ Rielaborazione 25 1 Supervisione Applicazione didattica T.I.C. Tutor coordinatore Tutor delle T.I.C. Sedi Elaborato di approfondimento teorico Prodotto multimediale 3-5/ / TOTALE 18/ Note - Le ore di tirocinio sono calcolate in 60'. Non e' previsto riconoscimento di crediti. 13/14

14 2. ESAME FINALE L esame finale consisterà in un colloquio in cui candidato presenterà e discuterà 9 : a) un elaborato di approfondimento teorico su un argomento a scelta fra quelli trattati negli insegnamenti e/o nelle attività laboratoriali del corso di specializzazione che dovrà essere sviluppato nei suoi aspetti applicativi in ambito scolastico. La stesura dovrà avvalersi di letture, riflessioni e approfondimenti che lo specializzando avrà fatto durante il percorso formativo. L elaborato dovrà essere redatto compilando un format opportunamente predisposto dalla direzione didattica del corso. b) una relazione sull attività di tirocinio in cui l esperienza vissuta sia riletta, approfondita e reinterpretata attraverso le conoscenze e competenze acquisite negli insegnamenti teorici e nei laboratori del corso di specializzazione, oltre ad essere integrata al bagaglio di esperienze e conoscenze pregresse e rielaborata dal punto di vista personale e psicomotivazionale. Per la sua stesura sarà predisposto dalla direzione didattica del corso un format strutturato da compilare secondo le indicazioni riportate al suo interno. c) un prodotto multimediale finalizzato alla didattica speciale con l uso delle tecnologie della comunicazione e dell informazione (T.I.C.) che dovrà rappresentare un unità di apprendimento rivolta ad un caso preso in esame, preferibilmente quello di cui il candidato abbia fatto esperienza nell ambito delle attività di tirocinio diretto, la quale dovrà essere costruita in base ad obiettivi definiti in relazione alle potenzialità dell alunno disabile, tenuto conto dei deficit e delle caratteristiche del tipo di disabilità. La valutazione dell esame finale sarà espressa in trentesimi. Roma, 15 settembre 2014 Per il coordinamento didattico Dott.ssa Silvia Capasso 9 Decreto Ministeriale, Criteri e modalità.., 30 settembre 2011, art. 9, comma 3. 14/14

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12)

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12) Modulo di specializzazione per l attività didattica di sostegno nell ambito del Corso di laurea in Scienze della formazione primaria a.a. 2011/12 Finalità generali Divenire consapevoli della molteplicità

Dettagli

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI.

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LINEE GUIDA L Istituto Comprensivo attua percorsi significativi in sinergia con le ASL, con

Dettagli

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione Scuola a.s. 2016/17_ Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) 22

Dettagli

Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali anno scolastico 2014-2015 L Istituto Alberghiero Le Streghe si propone di potenziare la cultura dell inclusione per realizzare

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro 1 3.1 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro Integrazione degli alunni disabili Obiettivi

Dettagli

Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili

Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili Linee generali per l elaborazione dei progetti e modalità organizzativa L inserimento degli alunni disabili nel nostro Istituto è finalizzato alla

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 Premessa L istruzione è un elemento indispensabile per qualunque società e la scuola ha il compito di assicurare a tutti il diritto allo studio e al successo

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione

Dettagli

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ;

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; 1. Orario 24 ore settimanali 2. Orario 27 ore settimanali 3. Orario

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Legnago ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO Amministrazione Finanza e Marketing - Relazioni Internazionali per il Marketing - Sistemi Informativi Aziendali - Turismo LICEO ARTISTICO PER LA GRAFICA

Dettagli

PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA. Obiettivi educativi

PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA. Obiettivi educativi PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA L integrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della persona disabile nell apprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO 1 La declaratoria della classe di Laurea 39 prevede che il Curriculum del Corso di laurea, oltre a rispettare i minimi indicati dalla

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

Verifica e valutazione del processo d apprendimento degli alunni diversamente abili e degli alunni con DSA

Verifica e valutazione del processo d apprendimento degli alunni diversamente abili e degli alunni con DSA Essere ciò che siamo e diventare ciò che siamo capaci di diventare è il solo fine della vita. Robert Louis Stevenson Verifica e valutazione del processo d apprendimento degli alunni diversamente abili

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015-2016 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA

STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA 1. NORMATIVA PRINCIPALE DI RIFERIMENTO - Legge n. 104/1992 - DPR n. 122 del 22 Giugno 2009: regolamento per la valutazione degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO da VINCI 30173 Mestre - Venezia PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Premessa Nel

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica Istituto Comprensivo di Battaglia Terme (PD) LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La personalizzazione dell insegnamento Per realizzare il potenziamento delle competenze degli alunni rispetto alla situazione

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di primo grado Viale Santuccio (Ex V.le Lido)

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett.

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett. Libera Università degli Studi San Pio V di Roma Anno Accademico 2009/2010 Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett.

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROTOCOLLO PER L'INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ANNO SCOLASTICO 2015-16 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L EMILIA-ROMAGNA UFFICIO XII Ambito Territoriale per la Provincia di Modena SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) C. F. 90016560923 Cod. Min. CAIC82000T Tel. 0781/854078 Fax 0781/855471

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

Vademecum dell insegnante di sostegno a.s. 2015-16

Vademecum dell insegnante di sostegno a.s. 2015-16 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI GROSOTTO 23034 GROSOTTO (SO) - Via Roma, 4 Tel.0342/887192 c.f.: 92016170141 SOIC807005@istruzione.it sito: www.icgrosotto.gov.it Prot.n.5700/C27

Dettagli

Regolamento d Istituto ALLEGATO H. Regolamento del G.L.I. (Gruppo di lavoro per l inclusione) d Istituto

Regolamento d Istituto ALLEGATO H. Regolamento del G.L.I. (Gruppo di lavoro per l inclusione) d Istituto Regolamento d Istituto ALLEGATO H Regolamento del G.L.I. (Gruppo di lavoro per l inclusione) d Istituto 2013-2014 I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U ZI O N E S E C O N D A R I A S U P E R I O

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare:

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare: DIDATTICA L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI La legge 104/92 (legge quadro per l assistenza, l integrazione scolastica ed i diritti alla persona handicappata) ha posto in essere una serie di adempimenti

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO 1 FINALITA Questo documento denominato PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA è una guida d informazione riguardante

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Scuola LICEO SCIENTIFICO STATALE E. FERMI di MASSA a.s. 2014/2015 PIA ANNUALE PER L INCLUONE Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

Piano di integrazione degli alunni diversamente abili,

Piano di integrazione degli alunni diversamente abili, Piano di integrazione degli alunni diversamente abili, con disturbi specifici di apprendimento, DSA, con Bisogni educativi speciali (BES) e degli alunni stranieri Le idee base su cui si fonda l intervento

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

IPSSAR UGO TOGNAZZI VADEMECUM INSEGNANTE DI SOSTEGNO

IPSSAR UGO TOGNAZZI VADEMECUM INSEGNANTE DI SOSTEGNO ACCOGLIENZA DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO L insegnante di sostegno sarà accolto dal Dirigente Scolastico e dalla Funzione Strumentale per l inclusività. All atto di presentazione, la F.S. consegnerà copia

Dettagli

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 FINALITA Questo documento denominato PROGETTAZIONE INCLUSIVA è una guida d informazione riguardante l accoglienza, l integrazione e l inclusione

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI -TR

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI -TR PROGETTO DI TIROCINIO DIRETTO Premessa La scuola presenta la sua candidatura per l accreditamento nell elenco delle istituzioni scolastiche che accoglieranno gli studenti universitari per lo svolgimento

Dettagli

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI All. 11. Protocollo di accoglienza alunni con disabilità PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ Il presente documento, denominato Protocollo di Accoglienza, nasce dall

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali la normativa

Bisogni Educativi Speciali la normativa Bisogni Educativi Speciali la normativa 27 DICEMBRE 2012 DIRETTIVA MINISTERIALE «Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica»

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Il Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni diversamente abili e lo sviluppo di una cultura

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO SCOPO Definire le attività, le responsabilità, le modalità, i tempi, la documentazione alla quale i docenti di sostegno devono attenersi.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo Tel 035243373 Fax: 035270323- c.f. 95118530161 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Allegato 10 INCLUSIONE L integrazione scolastica delle persone con Bisogni Educativi Speciali vede il nostro Paese in posizione di avanguardia rispetto agli altri e il supporto normativo sancisce in modo

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Pudente-Pantini Vasto (CH)

Istituto di Istruzione Superiore Pudente-Pantini Vasto (CH) Istituto di Istruzione Superiore Pudente-Pantini Vasto (CH) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Anno Scolastico / Cognome Nome nato a in data residente a provincia Via Telefono Indirizzo Classe Sezione Sede

Dettagli

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO

VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE SEVERI-GUERRISI GIOIA TAURO/PALMI Via Galluppi,1 89013 GIOIA TAURO (RC) TEL. SEGR. 0966/51810 fax 0966/504179 Cod. Fisc. 82000920809 VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INCLUSIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INCLUSIONE FINALITÀ Il presente documento contiene indicazioni riguardanti le procedure per un ottimale inserimento di alunni con bisogni educativi speciali, come indicato

Dettagli

LABORATORIO FORMATIVO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LABORATORIO FORMATIVO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LABORATORIO FORMATIVO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI «DALL INSERIMENTO ALL INCLUSIONE» DI COSA PARLEREMO LA NORMATIVA ESSENZIALE I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I SOGGETTI COINVOLTI E L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Fondamenti legislativi L art. 3 della legge quadro (L. 104/92) stabilisce che disabile è: "colui che presenta una minorazione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto del Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca recante: Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione. Anno scolastico 2014/2015

Piano Annuale per l Inclusione. Anno scolastico 2014/2015 Istituto Tecnico Statale Commerciale e per Geometri LUIGI EINAUDI Via Matilde Ceretti, 23 28845 Domodossola (VB) Piano Annuale per l Inclusione Anno scolastico 2014/2015 PREMESSE Finalità Il Piano dell

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità (nell anno scolastico 2013/2014) A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

A.S. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione. Parte I analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014/2015

A.S. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione. Parte I analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERTÀ DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Scuola Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Montalto di Castro (VT)

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO Referente alla Disabilità Prof. ssa Nardiello Paola Referente BES (bisogni educativi speciali) Prof. ssa Cappello Monica Anna INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014

Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014 Istituto Comprensivo n 2 di Imola Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014 Riferimento normativo La Direttiva ministeriale del 2012 Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M.

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002 e-mail: caee033002@istruzione.it pec: caee033002@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo Pio Fedi Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO INTEGRAZIONE-INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTI ABILI Premessa Questo documento denominato PROTOCOLLO D'ISTITUTO: integrazioneinclusione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso 01.09.2012 ALLEGATO N. 4 (VERBALE N. 3 DEL 23 /10 /2012) PROTOCOLLO ACCOGLIENZA E INDICAZIONI PER L ESPLETAMENTO DELLE PROVE D ESAME

Dettagli

Istituto Tecnico F. Viganò - Merate

Istituto Tecnico F. Viganò - Merate Istituto Tecnico F. Viganò - Merate PROTOCOLLO DI ACCOGLIEZA ALUNNI AFFETTI DA DSA E IN SITUAZIONE DI HANDICAP Premessa «L integrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della

Dettagli

Circolare n. 56 Perugia, 29 settembre 2015. Ai docenti. Sede

Circolare n. 56 Perugia, 29 settembre 2015. Ai docenti. Sede Chimica, Materiali e Biotecnologie Grafica e Comunicazione Trasporti e Logistica Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Scuol@2.0 Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06135 Perugia Centralino

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione degli alunni disabili, definisce

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE ATTIVITÀ PER L INCLUSIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE ATTIVITÀ PER L INCLUSIONE Pagina 1 di 6 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITÀ 4. PROCEDURA 4.1 Programmazione (disabilità riconducibili alla tutela L.104) 4.2 Organizzazione del lavoro 4.3 Valutazione approfondita

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP

DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP GLI STRUMENTI DELL'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP Legge 5 febbraio 1992, n. 104 "Legge-quadro per

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA La società è profondamente cambiata e la scuola non riesce a rispondere ai bisogni emergenti dei vari componenti del sistema creando, a volte, essa stessa situazioni

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA "Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili" A.S.2014/15

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili A.S.2014/15 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE "RENATO FUCINI" Scuola Infanzia-Primaria e Secondaria di I grado di Monteroni d' Arbia e Murlo Viale delle Rimembranza, 127- tel. 0577/375118- fax 0577/372049 email

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

SPELZINI GIGLIOLA. Gigliola Spelzini Docente Scuola Primaria Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Master DSA Tremezzina, 12 marzo 2015

SPELZINI GIGLIOLA. Gigliola Spelzini Docente Scuola Primaria Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Master DSA Tremezzina, 12 marzo 2015 Gigliola Spelzini Docente Scuola Primaria Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Master DSA Tremezzina, 12 marzo 2015 DIFFICOLTÀ AD APPRENDERE 1. Rilevazione del bisogno 2. Segnalazione alla famiglia

Dettagli

Protocollo alunni con Bisogni Educativi Speciali PREMESSA

Protocollo alunni con Bisogni Educativi Speciali PREMESSA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Padre Cesare Albisetti Via dei Vignali, 19 24030 Terno d Isola (Bg) Tel: 035 4940048 Fax: 035 4949672 e-mail uffici:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVARA DI SICILIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVARA DI SICILIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVARA DI SICILIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PREMESSA PROGETTO INTEGRAZIONE PER GLI ALUNNI BES Nella nostra istituzione scolastica, vi è sempre stata un attenzione ai processi di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA (P. A. I.)

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA (P. A. I.) MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO A. SCRIATTOLI DI VETRALLA (VT) - con sezione a indirizzo musicale - Sede centrale

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ: dalla SCUOLA D INFANZIA alla SCUOLA PRIMARIA alla SCUOLA SECONDARIA- Questo documento denominato Protocollo di Continuità per gli alunni

Dettagli

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003)

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Dirigente Scolastico

Dettagli

IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO

IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO LINEE GUIDA DISABILITÀ ALLEGATO 3 IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO 1. DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

COME SI RICONOSCONO I DSA? Per poter parlare di DSA è necessaria una diagnosi.

COME SI RICONOSCONO I DSA? Per poter parlare di DSA è necessaria una diagnosi. Negli ultimi anni, i continui cambiamenti legislativi riguardanti la scuola hanno portato a un proliferare di sigle fra cui può essere difficile districarsi (vedi, ad esempio, POF, PEI, PDP, BES, DSA ).

Dettagli

PIANO DI INTEGRAZIONE E D INCLUSIONE D ISTITUTO

PIANO DI INTEGRAZIONE E D INCLUSIONE D ISTITUTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI OME Scuola Primaria e Secondaria 1 gr. Statale di OME e MONTICELLI BRUSATI Via Valle, 7-25050 OME (BS) BSIC81100Q@istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Negli ultimi anni la presenza nel nostro Istituto di alunni in situazione di handicap è aumentata sensibilmente e tale presenza ha imposto la necessità di ricercare

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Primo modulo [20 CFU]

Primo modulo [20 CFU] CORSO DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE / MASTER in Didattica e Psicopedagogia per gli alunni con DISABILITÀ INTELLETTIVE Primo modulo [20 CFU] SSD DISCIPLINA CFU CONTENUTI MED/39 Disabilità

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

Il Piano Didattico Personalizzato

Il Piano Didattico Personalizzato Il Piano Didattico Personalizzato Dott. Valentina Riboni Tecnico Formatore AID Dalle linee guida, punto 6 Chi fa che cosa FAMIGLIA SCUOLA Questa sinergia di intenti deve sfociare in un PATTO EDUCATIVO-FORMATIVO

Dettagli