Linee guida per il tirocinio e per l esame finale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per il tirocinio e per l esame finale"

Transcript

1 Corso di Specializzazione per il Sostegno Linee guida per il tirocinio e per l esame finale Il presente documento intende fornire le informazioni necessarie allo svolgimento del tirocinio e dell esame finale previsti per il corso di specializzazione per le attività di sostegno dalla normativa di riferimento 1. Esso, in considerazione della generalità della citata normativa, intende costituire una proposta operativa, una sorta di modello personalizzato dalla, suscettibile di interventi di labor limae e miglioramenti sostanziali che ci si augura provengano da tutti i soggetti che ne verranno coinvolti. Il documento si compone di due parti: la prima dedicata al tirocinio, la seconda all esame finale di cui il tirocinio costituisce parte sostanziale. 1. TIROCINIO Premessa Per poter realizzare in termini consapevoli lo svolgimento delle attività di tirocinio previste nel corso di specializzazione per le attività di sostegno si rende necessario esplicitare l impostazione teorica entro cui è stato formulato il modello proposto. Non si può prescindere, pertanto, dal focalizzare il ruolo e il significato che il tirocinio assume nella formazione della professione docente in generale e di quella dell insegnante di sostegno in particolare. Per la vicinanza alla nostra concezione e al nostro scopo del tirocinio torna utile richiamare la definizione di apprendistato fornita già qualche tempo fa da H. Gardner, il quale lo concepisce come «un istituzione che educa, un momento essenziale nella vita della persona» 2. Tale identificazione suggerisce l idea che il tirocinio debba andare oltre gli aspetti puramente tecnici dell empiria a 1 Decreto Ministeriale, Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto 10 settembre 2010, n. 249, 30 settembre 2011, art. 9 e allegato B. 2 H. Gardner, Educare al comprendere Stereotipi infantili e apprendimento scolastico, Milano, Feltrinelli, 1993, p /14

2 cui talvolta viene riduttivamente associato e, al contrario, debba veicolare l esplorazione e la comprensione di entità e categorie pedagogiche di alto profilo, quali, l istituzione formativa, l educazione, l essenzialità, la vita, la persona. Ciò postula che il tirocinante attui un lavoro continuo di riconduzione dell esperienza vissuta alle conoscenze pluridisciplinari acquisite; che le rielabori in termini applicabili al contesto esperienziale e alle sue evoluzioni in configurazioni situazionali nuove e impreviste 3. In questa strutturazione il tirocinio si propone come un attività ricorsiva in cui la conoscenza da astratta e concettuale diviene contestualizzata e personalizzata e si traduce in azione mirata e consapevole, in quanto si confronta criticamente con i saperi convenzionali, con i loro linguaggi e le loro pratiche e al contempo si giustifica teoricamente. Si tratta, dunque, di una rilettura critica dell esperienza e di una re-interpretazione dell attività svolta, da intendersi nell ottica del pensiero riflessivo, in grado, cioè, di muovere dall esperienza sapendo trovare il giusto distanziamento da essa per riferirla ad un punto di vista più ampio e generale, da cui ripartire in termini nuovi e creativi 4. Come è dato considerare la connotazione del tirocinio quale rielaborazione dell esperienza diretta non contiene novità teoriche di rilievo. Si è ben consapevoli che essa trae origine dall Attivismo pedagogico dei primi decenni del secolo scorso, ma nella riproposizione si è confortati che essa trova conferma nelle ricerche psicopedagogiche e nelle teorie dell apprendimento degli ultimi decenni, concordi nel sostenere che la mente apprende in base a stimolazioni esterne e a situazioni in cui il soggetto è protagonista attivo 5. Pertanto, il futuro docente per acquisire un buon livello di professionalità da spendere nel prosieguo della sua attività deve potersi confrontare con procedure cognitive e con metodologie che facciano dell esperienza diretta il punto di forza. Deve, inoltre, apprendere processi di rielaborazione, ricerca, approfondimento in completa autonomia 6. Se questo itinerario di professionalizzazione è valido per i docenti in generale, lo è ancor più per l insegnante di sostegno. L accresciuta complessità del profilo professionale di questa figura è ancor più impegnativa, in quanto per essa si richiede di prendere ogni giorno decisioni in situazioni variegate e sempre delicate e difficili. Ne danno riprova le recentissime disposizioni normative nazionali, europee e internazionali sulla gestione dei Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) 7, dei Bisogni Educativi Speciali (BES) 8. Il 3 Ivi, p Cfr. J. Dewey, Le fonti di una scienza dell educazione, Firenze, La Nuova Italia, 1951, p. 55; D.A. Schön., Formare il professionista riflessivo, Milano, Franco Angeli, 2006; 5 Cfr. L. Trisciuzzi, G.P. Cappellari, Fondamenti di psicopedagogia. Modelli teorici e applicazioni didattiche, Firenze, La Nuova Italia, Cfr. S. Ulivieri, G. Giudizi, S. Gavazzi, Dal banco alla cattedra, Didattica e tirocinio formativo per l insegnamento nella scuola secondaria, Pisa, ETS, 2002, p. 92; L. Trisciuzzi, Manuale di didattica in classe, Pisa, ETS, Legge, Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico, 8 ottobre 2010, n Direttiva Ministeriale, Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica, 27 dicembre /14

3 pensiero che accomuna tutta la letteratura sul disagio, lo svantaggio e la minorazione insiste sulla necessità del tirocinio per la professionalizzazione degli operatori, il quale, proprio per la sua specificità di attività pratico-riflessiva costituisce parte cospicua di tutti i curricoli formativi. Finalità Il tirocinio si propone le finalità di: a) formare una professionalità docente con elevate e specifiche competenze operative; b) promuovere la capacità di attingere in modo mirato e produttivo alla riflessione teorica psicopedagogica e scientifico-culturale in generale; c) introdurre all attuazione di processi di ricerca-azione. Obiettivi Il modello di tirocinio proposto persegue i seguenti obiettivi: consapevolizzare ruolo e funzioni dell insegnante di sostegno e status di tirocinante; osservare i comportamenti e le prestazioni dell'alunno disabile in relazione agli assi neuropsicologico, cognitivo, sensoriale, affettivo, motorio, dell autonomia, delle conoscenze, degli esiti scolastici; reperire e leggere criticamente informazioni di tipo medico, psicologico e sociologico, del percorso scolastico precedente e dell ambiente di vita dell alunno disabile; rapportarsi con l'allievo disabile, con la classe e organizzare il gruppo in armonia con i docenti di classe; individuare le modalità con cui collaborare con alunni, famiglie, colleghi, personale della scuola, operatori del settore medico e psicopedagogico, con altri soggetti extra-scolastici di riferimento; progettare e sperimentare interventi educativi adeguati tenendo conto dei deficit ai punti di forza dell alunno assumendoli come punti di partenza e mirando al loro sviluppo graduale ed in prospettiva stabile; progettare e sperimentare gli interventi didattici tenendo conto della struttura epistemologica e dei nodi concettuali delle discipline, armonizzando linguaggi specifici, obiettivi, materiali e prompt in relazione ai deficit osservati e alle potenzialità emerse. 3/14

4 valutare gli aspetti problematici degli interventi; analizzare libri di testo, ridurne la complessità, facilitarne la fruizione; avere competenze avanzate riguardo agli strumenti informatici e ai sussidi specifici per facilitare l' apprendimento. Articolazione Come previsto all allegato B del D.M. 30 settembre 2013 il tirocinio si articola in: a) diretto in riferimento all esperienza dello specializzando all interno dell istituzione scolastica, per un totale di 150 ore in affiancamento al tutor del tirocinante; b) indiretto inteso come attività di rielaborazione dell esperienza diretta. Esso viene realizzato - per 25 ore di rielaborazione presso l istituzione scolastica e in sede con il tutor dei tirocinanti; - per 50 ore di supervisione in sede con il tutor coordinatore - per 75 ore di applicazione didattica delle T.I.C. con il tutor delle T.I.C. Le due forme del tirocinio, diretto ed indiretto, quindi, non si svolgono consecutivamente l una all altra, ma si integrano continuamente nell espletamento dell attività che procede per fasi. Fasi del tirocinio diretto a) Preparazione riflessioni su questioni di ordine generale riferite al tirocinio in quanto tale: finalità, obiettivi, articolazione, impostazione metodologica, strumenti, modalità di interazione con il tutor etc.; riflessioni su questioni di ordine generale riferite alla funzione del sostegno: organizzazione della scuola rispetto alla presenza di alunni disabili e con bisogni educativi speciali; finalità e obiettivi della didattica inclusiva; normative di riferimento; 4/14

5 funzioni del GLH; rapporti con le famiglie, con l Ente locale, con il privato sociale, con la AUSL; sistema e organizzazione dell assistenza specialistica etc.; socializzazione con tutte le figure dell istituzione scolastica (dirigente, insegnanti curricolari, docente di sostegno, personale ATA etc.), con la classe e con l alunno disabile con cui dovrà interagire. condivisione con il tutor del tirocinante del progetto formativo redatto in accordo con l istituzione accademica. b) Osservazione attiva osservazione guidata delle attività svolte in classe, mirata all individuazione e all analisi delle strategie educative e didattiche, nonché degli stili e metodi diversi adottati dal docente di sostegno che possano consentire allo specializzando di elaborarne in seguito di propri; osservazione dello svolgimento delle riunioni degli organi collegiali in generale e, in particolare in occasione della lettura della DF (Diagnosi Funzionale), dell elaborazione e stesura dei relativi PDF (Profilo Dinamico Funzionale) e PEI (Progetto Educativo Individualizzato); osservazione dell alunno disabile relativamente agli aspetti comportamentali, relazionali, cognitivi e alle modalità di integrazione; osservazione delle dinamiche relazionali nel contesto classe e valutazione delle loro ricadute positive e negative sugli interventi educativi; presa in esame di tutta la documentazione presente sull alunno: certificazioni, programmazioni, elaborati prodotti, valutazioni (nel rispetto della segretezza sui dati riservati); individuazione dei punti di forza e di debolezza dell'alunno (competenze, abilità, area prossimale di sviluppo etc.) sulla base dei quali si definisce l intervento educativo e didattico; osservazione della struttura scolastica rispetto alla funzionalità, accessibilità e fruibilità: dell aula; degli spazi interni ed esterni dell istituto scolastico; della strumentazione in dotazione alla scuola [presenza di tecnologie assistive, di strumenti multimediali e/o tradizionali]; 5/14

6 dell edificio scolastico (posizione urbanistica centrata/decentrata; raggiungibilità e accessibilità; presenza/interventi di rimozione di barriere architettoniche etc.); osservazione dell organizzazione dei rapporti con la famiglia dell alunno disabile, con la AUSL, con l Ente locale, con gli operatori dei servizi psico-socio-assistenziali, con le realtà del territorio nelle forme di collaborazione a vantaggio degli alunni disabili [progetti dedicati all integrazione scolastica previsti nel POF, convenzioni con associazioni, cooperative; organizzazione e/o manifestazione ad iniziative ed eventi mirati etc.]. c) Attivazione affiancamento e collaborazione nella compilazione di un PDF e di un PEI; affiancamento e collaborazione nella progettazione, realizzazione e verifica di interventi didattici rivolti all alunno disabile all interno della classe, definiti secondo obiettivi di apprendimento minimi o differenziati; elaborazione, programmazione, realizzazione e verifica di interventi didattici rivolti all alunno disabile all interno della classe, in adempimento alle indicazioni del PEI, anche con l uso di tecnologie applicate alla didattica speciale; uso di prompt e sussidi in relazione alla specificità del deficit psichico, sensoriale, motorio; valutazione dei tempi di apprendimento dell alunno disabile in relazione alle condizioni soggettive ed oggettive osservate e agli obiettivi prefissati; selezione, scelta e utilizzo di strumenti anche informatici e di materiali didattici che favoriscano e facilitino l apprendimento; verifica degli strumenti e dei materiali adottati ponendo in relazione i risultati raggiunti con i risultati attesi; analisi dei libri di testo, riduzione della complessità, facilitazione della fruizione; annotazione delle attività svolte durante l espletamento del tirocinio sull apposito registro, in cui riportare brevemente attività, osservazioni e riflessioni che costituiranno il materiale da cui sviluppare la relazione finale. 6/14

7 Fasi del tirocinio indiretto d) Rielaborazione (con il tutor del tirocinante) riflessione sul proprio coinvolgimento emotivo nel rapporto con l alunno disabile; riflessione sulla percezione di sé e del proprio ruolo come futuro insegnante di sostegno; riflessioni sulle motivazioni della scelta professionale messe alla prova nell esperienza di tirocinio; riflessione sulle competenze acquisite durante le attività condotte a scuola in rapporto alle metodologie e tecniche di intervento approfondite nelle lezioni teoriche e sperimentate nei laboratori del percorso formativo di specializzazione, consapevolizzazione del raccordo tra l esperienza di tirocinio diretto e quanto studiato; riflessione critica sulle proprie scelte professionali e sulla loro evoluzione alla luce dell esperienza di tirocinio effettuata; progettazione e stesura della relazione finale di tirocinio sulla base delle acquisizioni raccolte nel corso dell esperienza condotta nel contesto scolastico, da cui si evinca il percorso di acquisizione e maturazione di una professionalità con elevate competenze operative. e) Supervisione (con il tutor coordinatore) riflessione sul percorso di professionalizzazione effettuato nell attività di tirocinio, individuando i nuclei più pregnanti ed interrogandosi sul loro significato teorico; autoconsapevolezza di aver maturato una professionalità critica e riflessiva, capace, cioè, di interrogarsi continuamente sul proprio operato, sulle dinamiche personali in gioco e sulla molteplicità di fattori che influenzano la situazione di insegnamentoapprendimento (handicap, ambiente di vita, contesto scolastico, dinamiche interpersonali, contenuti disciplinari etc.), attingendo opportunamente alla conoscenza scientifica che così acquista significato nella pratica professionale; progettazione e stesura di un elaborato di approfondimento teorico su di un nucleo significativo scelto fra quelli individuati, discusso ed approvato dal tutor coordinatore. 7/14

8 f) Applicazione didattica T.I.C - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione] (con il tutor delle T.I.C.) attività pratica sull utilizzo delle nuove tecnologie applicate alla didattica speciale in cui saranno presentati software didattici specifici per tipologia di handicap e diversificati per grado di scuola; realizzazione di un prodotto multimediale con l applicazione dei software proposti che rappresenti un unità di apprendimento rivolta ad un caso preso in esame, preferibilmente quello di cui il candidato abbia fatto esperienza nell ambito delle attività di tirocinio diretto, la quale sia costruita in base ad obiettivi definiti in relazione alle potenzialità dell alunno disabile, tenuto conto dei deficit e delle caratteristiche del tipo di disabilità, degli obiettivi riportati nel PEI. Figure coinvolte Tirocinante specializzando: è l'insegnante in formazione che effettua il tirocinio, diretto e indiretto, il quale utilizza gli strumenti forniti/elaborati, collabora con il tutor del tirocinante presso le scuole ospitanti; rielabora con il tutor coordinatore l esperienza effettuata consapevolizzandone i raccordi con le questioni teoriche di riferimento; partecipa all attività pratica con sull uso delle tecnologie applicate alla didattica speciale con il tutor delle T.I.C. Tutor del tirocinante: è un insegnante specializzato per il sostegno che, in accordo con il dirigente scolastico e nel rispetto del progetto di tirocinio concordato con l Ateneo, introduce, affianca e supervisiona le attività dello specializzando di tirocinio diretto e quelle di tirocinio indiretto di sua competenza. Fra gli altri, ha il compito di guidare lo specializzando nella stesura della relazione finale di tirocinio. Tutor coordinatore: è uno dei docenti del corso di specializzazione (che ha condotto insegnamenti teorici o laboratori didattici) o il tutor del tirocinante, a scelta dello specializzando, il quale si occupa di supervisionare quest ultimo nel percorso di tirocinio indiretto di sua competenza. Esso inoltre, ha il compito di guidare lo specializzando nella stesura dell elaborato di approfondimento teorico su un argomento a scelta fra quelli trattati nelle lezioni proposte nel corso di specializzazione. 8/14

9 Tutor delle T.I.C.: è un esperto in tecnologie assistive che curerà l attività pratica, prevista nell ambito del tirocinio indiretto di sua competenza, sull utilizzo di software didattici diversificati per tipologia di handicap e per grado di scuola con i quali guiderà gli specializzandi nella realizzazione di un prodotto multimediale con cui progettare un unità di apprendimento per un caso tipo preso in esame. Attività del tirocinante specializzando prepararsi al primo ingresso a scuola consapevolizzando finalità e obiettivi professionalizzanti del tirocinio attraverso letture specifiche, approfondimenti normativi, colloqui e interviste con diverse figure professionali scolastiche etc.; inserirsi nel contesto scolastico e nella classe imparando ad osservare sistematicamente, ad interagire appropriatamente, a recepire adeguatamente informazioni e sollecitazioni; prendere atto della programmazione educativa individualizzata ed inserirsi gradualmente, dapprima osservando soltanto, poi in affiancamento dell insegnante di sostegno, in seguito con attività gestite in autonomia sempre maggiore, previo accordo con il proprio tutor; riflettere insieme al tutor sulle attività programmate e svolte, sul senso, le difficoltà e le acquisizioni della propria esperienza formativa; riflettere insieme con il tutor sul complesso dell attività di tirocinio svolta e darne conto nelle forme suggerite e normativamente previste; mantenere un comportamento ineccepibile nei confronti dei soggetti ospitanti ed attenersi al vincolo della assoluta riservatezza per quanto attiene a dati, informazioni o conoscenze acquisite nello svolgimento del tirocinio; riportare giornalmente sull apposito registro, una breve descrizione delle attività svolte nell espletamento del tirocinio diretto, quindi le osservazioni e le riflessioni in merito agli aspetti più significativi riscontrati; redigere, sotto la supervisione dei tutor del tirocinante, la relazione finale di tirocinio, compilando il format in dotazione; redigere, sotto la supervisione dei tutor coordinatore, un elaborato di approfondimento teorico su un argomento a scelta fra quelli trattati nelle lezioni proposte nel corso di specializzazione, compilando il format in dotazione; partecipare all attività pratica sull uso delle tecnologie applicate alla didattica speciale, proposte dl tutor delle T.I.C. nell espletamento del tirocinio indiretto, realizzando un prodotto multimediale da presentare in sede di esame finale, anche eventualmente da proporre durante la fase di attuazione de tirocinio per la sua sperimentazione sul campo. 9/14

10 Attività del tutor del tirocinante: preparare lo specializzando al suo ingresso a scuola relativamente alle finalità e agli obiettivi professionalizzanti del tirocinio, suggerendogli letture e approfondimenti che lo aiutino a comprendere il senso dell esperienza che andrà a svolgere e ad acquisire il giusto atteggiamento con cui affrontarla; ospitare lo specializzando favorendo la familiarizzazione con tutte le figure dell istituzione scolastica coinvolte, con la classe e con l alunno disabile con cui dovrà interagire; presentare allo specializzando la situazione dell alunno disabile facendogli conoscere la documentazione di interesse e la programmazione individualizzata, esplicitandone la correlazione con quella della classe e chiarendo i nessi fra attività programmate e unità didattiche in svolgimento, evidenziando aspetti e situazioni meritevoli di attenzione; favorire l osservazione mirata dello specializzando; affiancare lo specializzando nelle attività didattiche rivolte all alunno disabile nella classe; individuare e realizzare le attività che meglio si prestano al perseguimento degli obiettivi dello specializzando, discutendole e concordandole con lui; programmare insieme allo specializzando i suoi interventi attivi, aiutandolo nella costruzione di griglie di osservazione; nella elaborazione e realizzazione di un PDF, di un PEI, assegnando compiti specifici, concordando attività e modalità di lavoro; esplicitare di volta in volta allo specializzando il senso dell esperienza vissuta rendendolo consapevole del processo di insegnamento/apprendimento in atto; confrontarsi con lo specializzando sulle metodologie, tecniche e strategie didattiche adottate in modo che possa rendersi conto di come si individuano quelle più adeguate al caso specifico nella costruzione di un percorso di sostegno; permettere allo specializzando l uso delle T.I.C. nell espletamento dei suoi interventi attivi, consentendogli di sperimentare in classe le attività pratiche condotte durante il tirocinio indiretto e sulle quali dovrà realizzare un prodotto multimediale da presentare in sede di esame finale; guidare lo specializzando nella redazione della relazione finale di tirocinio fornendo spiegazioni e suggerimenti utili alla corretta compilazione del format in dotazione. 10/14

11 Attività del tutor coordinatore: aiutare lo specializzando a ricondurre sistematicamente l esperienza vissuta, esaminandola da tutti i punti di vista (metodi, tecniche, dinamiche relazionali etc.), sia alla letteratura scientifica trattata nelle lezioni teoriche, sia all attività pratica sperimentata nei laboratori, rendendolo in grado di affrontare il tirocinio in modo professionale e non dilettantistico o improvvisato; aiutare lo specializzando a rielaborare l esperienza di tirocinio da un punto di vista personale e psico-motivazionale in modo che arrivi a maturare un identità professionale coerente con la propria identità personale; guidare lo specializzando nella stesura di un elaborato di approfondimento teorico su un argomento a scelta fra quelli trattati nelle lezioni proposte nel corso di specializzazione, da presentare all esame finale, fornendo spiegazioni e suggerimenti utili alla corretta compilazione del format in dotazione. Attività del tutor delle T.I.C. - proporre un attività pratica sull applicazione delle T.I.C. alla didattica speciale, addestrando gli specializzandi all uso di software didattici diversificati per tipologia di handicap e grado di scuola attraverso i quali possano progettare interventi educativi e didattici mirati, stimolanti e innovativi; guidare lo specializzando nella elaborazione di un prodotto multimediale con l applicazione dei software proposti con cui progettare un unità di apprendimento per un caso tipo preso in esame. 11/14

12 Valutazione La valutazione del tirocinio diretto e indiretto è espressa in trentesimi e deve riportare una votazione non inferiore ai 18/30 per l ammissione all esame finale (D.M. 30 settembre 2011, art. 8). Tale valutazione risulterà dalla media dei punteggi attribuiti dal tutor del tirocinante, dal tutor coordinatore e dal tutor delle T.I.C. rispettivamente alle attività di tirocinio diretto ed indiretto di loro competenza, sulla base dei criteri riportati su schede di valutazione predisposte in corrispondenza a ciascuna delle tre prove dell esame finale: a) l elaborato di approfondimento teorico (presentazione di una questione, personaggio, autore, articolo scientifico, purché riferiti alla pedagogia speciale o alla didattica speciale); b) la relazione finale di tirocinio (report cronologico, contestualizzato e commentato); c) il prodotto multimediale (slides di documentazione, unità di apprendimento etc., purché riferite alla didattica speciale). Tra gli atri aspetti, la valutazione terrà conto: della pertinenza degli interventi realizzati nell attività didattica rispetto agli obiettivi educativi e di apprendimento prefissati; della varietà e congruenza dei materiali prodotti/utilizzati alle finalità dell attività svolta; della accuratezza nell analisi dei casi incontrati; della ricchezza di riferimenti culturali e approfondimenti critici nella rielaborazione delle attività svolte; dell originalità e innovatività degli interventi progettati con l uso di tecnologie. 12/14

13 Tabella riepilogativa Articolazione Fasi Tutor di riferimento Tirocinio diretto Tirocinio indiretto Preparazione Osservazione attiva Attivazione Tutor del tirocinante Sede Istituzione scolastica Modalità di Valutazione Relazione finale di tirocinio Punteggio ammissione min/max ORE CFU 10-17/ Rielaborazione 25 1 Supervisione Applicazione didattica T.I.C. Tutor coordinatore Tutor delle T.I.C. Sedi Elaborato di approfondimento teorico Prodotto multimediale 3-5/ / TOTALE 18/ Note - Le ore di tirocinio sono calcolate in 60'. Non e' previsto riconoscimento di crediti. 13/14

14 2. ESAME FINALE L esame finale consisterà in un colloquio in cui candidato presenterà e discuterà 9 : a) un elaborato di approfondimento teorico su un argomento a scelta fra quelli trattati negli insegnamenti e/o nelle attività laboratoriali del corso di specializzazione che dovrà essere sviluppato nei suoi aspetti applicativi in ambito scolastico. La stesura dovrà avvalersi di letture, riflessioni e approfondimenti che lo specializzando avrà fatto durante il percorso formativo. L elaborato dovrà essere redatto compilando un format opportunamente predisposto dalla direzione didattica del corso. b) una relazione sull attività di tirocinio in cui l esperienza vissuta sia riletta, approfondita e reinterpretata attraverso le conoscenze e competenze acquisite negli insegnamenti teorici e nei laboratori del corso di specializzazione, oltre ad essere integrata al bagaglio di esperienze e conoscenze pregresse e rielaborata dal punto di vista personale e psicomotivazionale. Per la sua stesura sarà predisposto dalla direzione didattica del corso un format strutturato da compilare secondo le indicazioni riportate al suo interno. c) un prodotto multimediale finalizzato alla didattica speciale con l uso delle tecnologie della comunicazione e dell informazione (T.I.C.) che dovrà rappresentare un unità di apprendimento rivolta ad un caso preso in esame, preferibilmente quello di cui il candidato abbia fatto esperienza nell ambito delle attività di tirocinio diretto, la quale dovrà essere costruita in base ad obiettivi definiti in relazione alle potenzialità dell alunno disabile, tenuto conto dei deficit e delle caratteristiche del tipo di disabilità. La valutazione dell esame finale sarà espressa in trentesimi. Roma, 15 settembre 2014 Per il coordinamento didattico Dott.ssa Silvia Capasso 9 Decreto Ministeriale, Criteri e modalità.., 30 settembre 2011, art. 9, comma 3. 14/14

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione

PAI Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E ORIENTAMENTI PER L'AZIONE Milano, dicembre 2013 Il documento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli