Sostegno ed integrazione delle diversità Percorsi didattici ed educativi. di Sabrina Scarpetta. Laboratorio Montessori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sostegno ed integrazione delle diversità Percorsi didattici ed educativi. di Sabrina Scarpetta. Laboratorio Montessori"

Transcript

1 Sostegno ed integrazione delle diversità Percorsi didattici ed educativi di Sabrina Scarpetta Laboratorio Montessori settembre 2012

2 Sabrina Scarpetta 2012 ISBN

3 La scuola come setting educativo di inserimento ed integrazione della diversità

4 INDICE. introduzione. CAP. 1. Analisi del contesto 1.1 Sede del tirocinio: profilo organizzativo e didattico 1.2 Integrazione e sostegno CAP.2. Analisi del caso 2.1 Presentazione del contesto classe 2.2 Informazioni medico-cliniche 2.3 Storyboard: osservazioni dell'attività didattica e delle percezioni del sé CAP.3. Intervento didattico educativo personalizzato 3.1 Laboratori didattici 3.2 Le microunità in bilico tra unità didattiche e unità di apprendimento 3.3 Considerazioni conclusive CAP.4. Valutazione globale dell'esperienza Bibliografìa Introduzione. Per diventare insegnante di sostegno ed essere di supporto agli alunni portatori di handicap non si può prescindere da una profonda e specifica preparazione teorica e pratica, finalità precipua del corso di specializzazione SSIS. Questo lavoro si pone pertanto come analisi e sintesi, volano di successive ricerche, delle varie attività svolte, sia teoriche sia di laboratorio, nonché del tirocinio diretto, parte integrante del corso stesso. Il tirocinio (field experience) ha rappresentato un momento forte dell'esperienza formativa, nel quale sono confluite le conoscenze e le competenze apprese, rielaborate criticamente e pronte per essere spese. Tali acquisizioni si sono sedimentate, nello specifico, su di un substrato culturale e professionale idoneo e fecondo, essendo la specializzanda una docente di discipline letterarie ed umanistiche particolarmente attenta alle dinamiche psicosociali afferenti alle problematiche dello sviluppo relazionale e apprenditivo dell'uomo, e la cura di questi aspetti è fondamentale nel rapporto con il disabile in crescita. La pratica professionale, unita saldamente al sapere, fa il resto, come ci è stato più volte sottolineato nelle lezioni di didattica speciale: l'unico vero sapere è quello che si elabora dalla, sulla e nella pratica. La didattica quindi deve nascere nella scuola, e non da solitarie riflessioni e dissertazioni. L'importanza dell'azione, dell'agire didattico, diventa di portata conoscitiva, epistemo-

5 logica, e spinge ad interpretare in modo nuovo il classico rapporto teoria/pratica in educazione. La pedagogia speciale, inoltre, ci ricorda che l'orizzonte di senso gadameriano, considerata la ricchezza/complessità della pratica didattico-educativa, riposa nella centralità del sintagma imparare lavorando. Il valore aggiunto di questo corso risiede pertanto nell'attività pratica svolta nel tirocinio, che ha consentito di scendere in campo esperendo una "epistemologia della pratica che mostra la riflessione nel corso dell'azione e che lega l'arte dell'esercizio della pratica in condizioni di incertezza e unicità all'arte della ricerca propria dello scienziato" (D.A.Schon). SCHEDA RIASSUNTIVA La professione insegnante si configura oggi con una veste del tutto nuova, lontana ormai dall'essere semplice trasmettitore culturale o mero applicatore di soluzioni: è operatore di ricerca-azione {action researcher), programmatore {curriculum maker), supervisore, elaboratore-produttore di soluzioni efficaci in contesti specifici, professionista riflessivo. È necessario che gli insegnanti assicurino ad ogni componente del gruppo-classe uno specifico itinerario di apprendimento: in una classe, infatti ci sono tante abilità e limiti e risorse nascosti quanti sono gli allievi. La scuola moderna è quella della mediazione educativa, in cui gli alunni vengono valorizzati come persone e mai omologati, rispettando gli stili individuali di crescita, al fine di promuovere apprendimenti significativi e davvero personalizzati per tutti. In questo contesto si inserisce la figura dell'insegnante di sostegno, volta a promuovere nel ragazzo diversamente abile la conquista dell'autonomia personale e sociale. Il percorso di formazione offerto da questo corso di sostegno si sedimenta, nello specifico, su di un substrato culturale e professionale idoneo e fecondo, essendo la specializzanda una docente di discipline letterarie ed umanistiche particolarmente attenta alle dinamiche psicosociali afferenti alle problematiche dello sviluppo relazionale e apprenditivo dell'uomo, e la cura di questi aspetti è fondamentale nel rapporto con il disabile in crescita. Durante l'attività di tirocinio diretto ho seguito le attività di sostegno rivolte ad un alunno di sedici anni. L'alunno Ego, in situazione di handicap certificata con diagnosi clinica di "encefalopatia metilmalonico acidemia", sta frequentando la classe III B della scuola media. L'attività di tirocinio diretto si è avvalsa della stesura puntuale e attenta del cosiddetto diario di bordo, una sorta di storyboard, orientato grazie all'ausilio di apposite schede di osservazione, fornite dall'insegnante tutor, con griglie predisposte per l'annotazione dei vari momenti della vita scolastica. Alla luce di quanto esaminato, ho ipotizzato un intervento didattico ritagliato sulle abilità dimostrate da Ego, dal titolo: La proposizione semplice in matematica e in grammatica. CAPITOLO 1; ANALISI DEL CONTESTO 1.1.Sede del tirocinio: profilo organizzativo e didattico L'esperienza di tirocinio diretto è stata svolta presso la scuola media Ugo Foscolo, che ha sede in Talsano (Taranto); informazioni di carattere organizzativo e didattico, utili per delineare i contorni entro i quali è inserito il lavoro di tirocinio diretto, sono desunte dal piano dell'offerta formativa.

6 La scuola media Foscolo è ben radicata nel territorio, dove opera da oltre 27 anni in un eterogeneo contesto socio-culturale. L'edificio è una struttura idonea alla vita scolastica, curata attraverso una adeguata manutenzione. Le aule sono confortevoli e molto luminose, e gli ampi spazi interni favoriscono la vita di collettività, anche per gestire momenti assembleari con mezzi audiovisivi e multimediali all'avanguardia. L'attività sportiva intensa è resa possibile da una grande palestra, dove si svolgono gare a livello provinciale e regionale, cui si aggiungono gli spazi esterni nell'ampio cortile-giardino, in cui i ragazzi svolgono allenamenti specifici. La scuola attiva ogni anno i giochi sportivi studenteschi. Il processo educativo può svilupparsi armoniosamente attraverso un orientamento ed una accoglienza di tutti gli alunni tale da trasmettere fiducia e serenità e favorire così una buona integrazione fra tutti gli utenti della scuola. Tale finalità viene espressamente perseguita nel progetto Accoglienza ad apertura del Pof stesso. Nel progetto formativo, la scuola dichiara come propria finalità la formazione dell'uomo e del cittadino, attraverso lo sviluppo della personalità, lo sviluppo dell'apprendimento, e la formazione del futuro cittadino. I bisogni formativi essenziali, cioè il sapere, saper fare e saper essere vengono arricchiti dai saperi essenziali trasversali: attraverso i nuclei tematici trasversali, si risponde senz'altro ad un carattere formativo interdisciplinare, ad una impostazione in rete dei programmi che mette l'alunno in grado di utilizzare i contenuti in modo strutturato e critico, tale da divenire padrone delle conoscenze e da saperle trasferire, ed infine si condivide il lavoro con le famiglie e con il territorio, tramite un dialogo aperto sulle attività proposte dalla scuola, affinché l'alunno diventi il protagonista della sua formazione. La scuola poi, di fronte alla frammentazione culturale e al disorientamento educativo della nostra epoca, si prefigge di attuare la pedagogia dei significati, per rispondere al bisogno di "senso" dei giovani, per aiutarli a rivedere criticamente modelli di comportamento incoerente che incontrano nella realtà di tutti i giorni. Si costruiranno quindi "campi di significati": centrando il processo di apprendimento sullo svolgimento di compiti che richiedono una conclusione, in modo che gli alunni si rendano conto del perché, del come e della rilevanza di quanto stanno apprendendo; attuando il lavoro scolastico in situazioni socializzate, così che gli allievi arrivino sia alla percezione dei propri limiti e possibilità sia alla consapevolezza dell importanza di lavorare in collaborazione con altri; ascoltando i ragazzi, per aiutarli a cogliere i significati della loro "storia" o della storia della loro famiglia; offrendo esempi di comportamenti coerenti. I bisogni educativi degli allievi possono essere così sintetizzati: negli alunni della scuola risultano evidenti i bisogni di autonomia (il saper fare da solo), di autostima (il saper "perdere"), di individualizzazione (il saper fare in modo personale), di socializzazione (il saper fare con gli altri), di appartenenza (il saper fare per e attraverso gli altri). Particolari richieste vengono poste alla scuola dagli alunni portatori di handicap o in situazione socio-ambientale, affettiva ed evolutiva sfavorevole. Questi alunni presentano problemi connessi all'apprendimento, alla socializzazione e allo sviluppo globale della personalità, che, senza adeguati interventi, possono limitare la piena realizzazione del loro diritto allo studio. Nella convinzione che la diversità sia una risorsa per tutti, spetta all'intera comunità scolastica di farsi carico dell' integrazione e della crescita dell'alunno disabile o svantaggiato, evitando il rischio

7 dell'emarginazione scolastica e sociale. Particolare impegno verrà quindi prestato per la soluzione delle problematiche che questi allievi presentano, attuando concrete forme di collaborazione con le strutture socio-sanitarie esistenti nel territorio e promuovendo attività mirate alle diverse esigenze di ciascuno. Il progetto educativo in continuità si propone di offrire, al bambino prima e al preadolescente poi, gli strumenti necessari per divenire realmente uomo e cittadino, cosciente di sé e del rapporto con la realtà esterna, capace di operare nel mondo, di fronteggiare le situazioni della vita, di trasformare la realtà sociale. La scuola, facendo propri gli orientamenti della Commissione dell'unesco sull'educazione del XXI secolo, che individua neh" imparare a conoscere, a fare, a vivere con gli altri, ad essere i pilastri dell'educazione, intende promuovere, in forme gradualmente sempre più complesse, la realizzazione di contesti formativi, in cui l'incontro tra gli alunni e i saperi generi la conquista dell'autonomia, la costruzione dell'identità, l'acquisizione di competenze, in una visione unitaria ed integrata della formazione personale. Pertanto l'azione educativa si propone di perseguire queste finalità formative: - rafforzare i processi cognitivi, sviluppando soprattutto il pensiero formale ed il linguaggio, ma esercitando anche le altre funzioni individuali (memorizzazione, attenzione, percezione, motivazione); potenziare la capacità di comunicare correttamente e funzionalmente, promuovere la padronanza della parola parlata e scritta e il possesso dei linguaggi non verbali; fornire un sapere articolato su "nuclei fondanti" che spiegano la realtà e che consentono di strutturare ed integrare le conoscenze progressivamente assunte; guidare alla culturizzazione, offrendo all'attenzione dell'alunno i valori e modelli del proprio gruppo e delle altre culture moderne, affinché se ne appropri in maniera critica; avviare all'acquisizione di un corretto metodo di studio e di lavoro, in modo che l'allievo impari ad imparare, ponendo così le basi per un'educazione permanente; promuovere la socializzazione, cioè la capacità di agire e interagire nel gruppo, favorendo nell'alunno la conoscenza di sé in rapporto agli altri e all'ambiente, per aiutarlo sia ad assumere un atteggiamento democratico, tollerante, disponibile verso gli altri sia a conservare l'autonomia rispetto al condizionamento dei gruppi; abituare l'alunno a gestire ordinatamente la propria emotività, in modo che raggiunga l'equilibrio dei sentimenti e la sicurezza personale; favorire l'elaborazione di un progetto di vita cui tendere deliberatamente e con costanza, abituando l'alunno all'esercizio della razionalità e della volontà nelle condotte di vita, sviluppando le capacità progettuali e decisionali, educandolo alla responsabilità personale. Le finalità indicate vengono tradotte operativamente promuovendo nell'alunno l'acquisizione di comportamenti che, in quanto si riferiscono alle aree in cui si articola la personalità umana, sono transdisciplinari, cioè trasversali a tutte le discipline. Sono state individuate quali competenze da acquisire in uscita, raggruppate in grandi aree di abilità: comprendere testi e formulari diversi comunicare ad altri idee e dati in diverse forme parlate e scritte, organizzando l'informazione elaborare ed interpretare dati quantitativi usando tecniche di tipo matematico impostare e risolvere problemi usando gli strumenti e i mezzi tecnologici, organizzando le risorse disponibili, lavorare e collaborare con gli altri in modo produttivo e critico, valorizzando le proprie e altrui competenze, anche per assumere decisioni consapevoli, avere pratiche di fruizione e minimamente di produzione di poesia, letteratura, arte, musica, teatro, cinema imparare a imparare. Questi obiettivi trasversali dell'azione educativa della scuola sono stati tradotti in esiti attesi,

8 ovviamente graduati in rapporto all'evolversi delle capacità degli alunni nella programmazione didattica di ogni classe Integrazione e sostegno. L'integrazione degli allievi dotati di diverse potenzialità è tra i principi fondamentali del Pof, che mira ad eliminare le condizioni che potrebbero ostacolare il loro armonico sviluppo e ad attuare invece il pieno diritto della persona all'apprendimento, alla comunicazione, alla relazione ed alla socializzazione, facendo della diversità una risorsa nella dimensione della collaborazione e della cooperazione. Pertanto acquistano particolare valore l'accoglienza, l'incontro, l'ascolto e la conoscenza degli allievi e delle loro famiglie. Si mettono in atto strumenti ed attività utili per apprendere ed educarsi. È fondamentale il sostegno affettivo come forma di amore e di amicizia, di fiducia verso gli altri che mira a costruire la sicurezza, facilitando l'inserimento nel contesto sociale; vengono programmati percorsi e progetti che consentono a ciascun allievo di realizzare la propria identità. Lo stretto rapporto tra scuola, famiglia ed operatori delle A.S.L è fondamentale per la programmazione e la realizzazione dei piani educativi personalizzati. La scuola si adopera affinché vi sia una concreta interazione tra docenti di sostegno e docenti curriculari, nonché tra operatori scolastici ed operatori della A.S.L. Quest'anno è attivo nella scuola un laboratorio grafico frequentato da alunni e ragazzi provenienti anche dal centro territoriale di riabilitazione. La scuola fa pertanto della operatività la metodologia privilegiata per favorire l'integrazione e gli apprendimenti di tutti gli allievi. La normativa scolastica riguardante gli alunni portatori di handicaps dice che "l'integrazione deve essere "reale", cioè avvenire all'interno della classe ed in stretto collegamento col programma svolto dai docenti. Più precisamente, la legge quadro per l'handicap 104/92, all'art comma 3, afferma che, tra gli obiettivi fondamentali dell'integrazione scolastica, al primo posto vi è l'apprendimento. Non saranno di per sé, didattiche differenziali, ma nei processi di apprendimento variano i livelli di approfondimento e gli strumenti della comunicazione. I docenti che seguono gli alunni diversamente abili basano la loro azione di insegnamento seguendo un piano educativo-didattico individualizzato, che tiene conto della specificità dell'handicap, delle difficoltà e delle potenzialità del disabile, con una delicata operazione di adattamento dei programmi nei contenuti e nelle metodologie. Inoltre, i docenti collaborano strettamente con la famiglia e con i tecnici della salute, verificando continuamente l'azione didattica nel gruppo di lavoro e/o nei consigli di classe. Anche per gli alunni in difficoltà -in particolare sotto il profilo dell'apprendimento-, si attua un insegnamento individualizzato, con contenuti flessibili che si incastrano tra le varie discipline, armonizzando gli interventi dei vari insegnanti, che si pongono obiettivi minimi, nell'ambito della precisa individuazione di traguardi irrinunciabili e di tematiche portanti. CAPITOLO 2; ANALISI DEL CASO 2.1 Presentazione del contesto classe L'insegnante tutor segue un alunno, che per convenzione verrà chiamato Ego, il quale è inserito

9 in una terza classe. Dalle informazioni preliminari annotate meticolosamente nello storyboard, e dai lunghi e proficui colloqui con la stessa insegnante tutor, si apprende che Ego sta ripetendo la terza media: l'anno precedente, infatti, pur avendo frequentato le lezioni, al termine del ciclo scolastico non si è presentato agli esami di licenza. Quest'anno, dunque, Ego è stato inserito in una terza classe di una sezione differente da quella dell'anno scorso: il gruppo classe è composto da ventitre alunni, dodici ragazzi e undici ragazze, ed è dunque abbastanza corposo. Ego è seduto al primo banco, nella fila centrale, al centro tra due compagni. L'insegnante di sostegno è seduta alla cattedra, ma non sempre l'assetto è tale, perché in alcune circostanze può verificarsi che Ego vada a sedersi ad un banchetto adiacente alla cattedra, vicino quindi all'insegnante di sostegno. Ego usufruisce di 18 ore settimanali di sostegno, tutte a carico dell'unica insegnante, che le distribuisce settimanalmente a gruppi di tre rinunciando così alla giornata libera. Il tirocinio diretto svolto al fianco dell'insegnante tutor ha visto coinvolte prevalentemente le discipline di lettere e di matematica Informazioni medico-cliniche Dalla lettura della diagnosi funzionale di Ego si riscontra clinicamente una encefalopatia metilmalonico acidemia, mentre le conseguenze funzionali consistono in un ritardo e difficoltà cognitiva e degli apprendimenti di tipo medio, e in uno stato depressivo-ansioso. La previsione dell'evoluzione naturale richiede un supporto scolastico continuo per fornire maggiori stimolazioni e per fissare gli apprendimenti lenti e discontinui. L'area cognitiva presenta difficoltà nel ragionamento logico, una eccessiva lentezza. La potenzialità maggiormente compromessa riguarda l'autonomia. L'area affettivo relazionale evidenzia una immagine di sé negativa, timori del giudizio altrui, ansietà. Nel rapporto con gli altri la difficoltà è dovuta alla introversione. Le potenzialità compromesse riguardano una costruzione di una identità più stabile e indipendente. Per l'area linguistica le difficoltà riscontrate sono: una comprensione solo di messaggi poco elaborati, una povertà lessicale, una difficoltà nella comunicazione. E' tendenzialmente inibito. Le difficoltà legate all'area motorio-prassica riguardano un rallentamento motorio e una facile esauribilità, e per la motricità fine un tratto grafico marcato e discontinuo. L'area neuropsicologica: per quanto riguarda la memoria ha difficoltà nel ritenere gli elementi salienti di uno stimolo, per la attenzione si nota una discontinuità e una facile esauribilità. Inoltre si nota una difficoltà nel ragionamento logico-temporale. 23. Storyboard: osservazioni dell'attività didattica e delle percezioni del sé L'attività di tirocinio diretto si è avvalsa della stesura puntuale e attenta del cosiddetto diario di bordo, una sorta di storyboard, orientato grazie all'ausilio di apposite schede di osservazione, fornite dall'insegnante tutor, con griglie predisposte per l'annotazione dei vari momenti della vita scolastica cui ha preso parte la tirocinante: attività didattica, consigli di classe, collegio docenti, incontri con le famiglie. Un primo elemento da considerare nel contesto della classe è quello relativo alla lezione, nella quale emergono la natura contestuale del comportamento degli allievi e il linguaggio della

10 classe come codice implicito. Un secondo aspetto è la cultura (e la struttura) sociale della classe vista come un vero e proprio microsistema sociale. Un terzo aspetto, infine, riguarda le differenze culturali presenti nella classe. Il contesto appare allora sempre più come luogo di negoziazione fra apprendimento e insegnamento: School Culture, Classroome Culture, sono termini molto frequenti nella letteratura della recente ricerca didattica. In effetti, la conoscenza del contesto didattico, sia dal punto di vista strutturale sia da quello culturale, è una condizione fondamentale perché l'insegnamento risulti efficace. In particolare, la conoscenza della cultura indigena degli allievi coetanei permette di cogliere in modo assai incisivo i loro punti di vista, la loro vita sotterranea contrapposta a quella cultura ufficiale e di ricostruirne il sistema di regole, di norme, di giustificazioni, di trasgressioni, di valori. L'estrazione socio-culturale degli alunni della classe di Ego è abbastanza omogenea; sono tutti amici e gli dimostrano il loro affetto senza farlo mai sentire compatito. Ego in classe ascolta le spiegazioni dei docenti, e in seguito, l'insegnante di sostegno ritorna sulla lezione sbriciolandone i contenuti e scrivendo un testo schematico sul suo quaderno; quindi glielo fa leggere, gli pone le domande stimolo per verificarne la comprensione e scrive i quesiti da svolgere a casa Le modalità di verifica per Ugo avvengono sia in forma orale sia in forma scritta. In famiglia Ego è abbastanza seguito, e gli scambi scuola-famiglia avvengono con regolarità. CAP. 3 INTERVENTO DIDATTICO EDUCATIVO PERSONALIZZATO 3.1.Laboratori didattici Uno dei punti di forza di Ego è l'ascolto. Naturalmente, la sua capacità di ascolto e soprattutto attentive sono influenzate da una serie di fattori imprescindibili. Essi sono di natura interna e di natura esterna: i primi scaturiscono dalla componente emozionale ed emotiva, e sono legati alla sensazione piacevole emanata dalla fonte emittente. La componente empatica, infatti, fondamentale in qualsiasi tipo di rapporto comunicazionale, è maggiormente presente nei soggetti sensibili o ricettivi come Ego. I fattori di natura esterna dipendono dalle modalità di trasmissione del messaggio, oltre che dal canale scelto: nel caso della lezione orale, l'insegnante deve saper esprimersi con un certo carisma personale, e proporre i contenuti culturali facendo leva anche sulla comunicazione non verbale, come ci è stato insegnato nel laboratorio di didattica speciale nel campo linguisticoletterario. In questo modo si può sperare in una permanenza delle capacità attentive unita ad una stimolazione dei processi cognitivi e apprenditivi di una certa qualità e durata. L'esperienza di noi specializzandi all'interno dei laboratori didattici, momento formativo mediano tra le lezioni teoriche ed il tirocinio diretto, ha permesso di approfondire appunto questi aspetti, cogliendo quegli elementi utili alla climatizzazione didattica che potenziano moltissimo l'efficacia dell'approccio insegnativo. II laboratorio va inteso come luogo mentale e come struttura protetta in cui l'insegnante in formazione ha la possibilità reale di progettare (utilizzando le esperienze pregresse, i beni didattici, le esperienze di insegnamento più significative ovvero le best practices, usando materiali,simu-

11 lando le attività d'aula, provando e riprovando), elaborare, analizzare, valutare itinerari formativi (per esempio quelli del tirocinio), collaborare (inteso nel senso forte che l'etimo del termine consente) non solo con altri insegnamenti, ma anche con docenti universitari di discipline specifiche e con esperti di scienze della comunicazione, come quelli che ci hanno guidato nel corso SSIS. Infine, si costruiscono strumenti di analisi e di osservazione, si compongono e si producono ipotesi di lavoro, si approntano strumenti di verifica in itinere, si concordano criteri e modalità valutative finali. Il laboratorio infatti alimenta: situazioni che offrono l'opportunità reale di imparare ad applicare e produrre strumenti didattici, docimologici, ed anche di ricerca. Occasioni per esercitarsi a progettare a mettere in atto una gamma differenziate di strategie d'intervento. Opportunità di sperimentare condizioni di feedback sistematico e plurimo, fondato sull'osservazione, descrizione-analisi delle diverse abilità operative impiegate ed i loro effetti. Inoltre, il laboratorio si offre come modalità di lavoro che favorisce un'esperienza di riflessione sulla pratica educativo-didattica. Il laboratorio opera in accoppiata con il tirocinio, che dà sostanza operativa; se il laboratorio chiede un impegno di progettualità e di verifica critica di quanto produce anche alla luce di quanto emerge nel campo scolastico, il tirocinio chiama in causa il mondo della scuola come luogo privilegiato di attività osservative e di esperienza on the job. Non solo. Attraverso i laboratori si apprendono alcune modalità pratiche di intervento degli alunni diversabili, mediante l'utilizzo di specifici sussidi e strumentazioni tecnologiche ed informatiche con le quali, qualora la scuola che ospita i disabili dovesse esserne fornita, il docente di sostegno dovrebbe essere in grado di operare nella didattica speciale Le microunità in bilico tra unità didattica ed unità di apprendimento Un significativo cambiamento in seno alle competenze progettuali che dovrebbero accompagnare i nuovi docenti risiede nella formulazione dell'unità di apprendimento, che va a sostituire l'impianto dell'unità didattica Tale cambiamento si giustifica come necessario adeguamento della prassi insegnativa alla luce delle recenti Indicazioni nazionali per la scuola secondaria di I grado. Compito precipuo della scuola è dunque quello di declinare le indicazioni ministeriali scendendo sempre più nello specifico dell'obiettivo formativo, l'obiettivo formativo contestualizzato. Una serie concatenata di u.d.a. forma il piano di studio personalizzato: la mappa disciplinare è aperta alle altre discipline, perché ogni disciplina si apre alla interdisciplinarità, e il compito delicato e difficile dell'insegnante risiede proprio nella scelta operata sugli argomenti da svolgere. Tale compito riveste un'importanza maggiore per gli insegnanti di sostegno, in quanto essi devono saper trascegliere, all'interno dei temi da proporre agli alunni diversamente abili, quelle parti, e solo quelle, che realmente possono risultare utili per quei ragazzi. Un altro punto di forza degli o.s.a. è l'ologramma di cui deve servirsi il docente per mediare, interpretare, ordinare, distribuire e organizzare i contenuti della materia che insegna.

12 Al termine del processo di insegnamento-apprendimento, l'alunno raggiunge così la competenza, cioè la capacità di mettere in atto comportamenti da adottare in situazioni consimili a quelle proposte in classe, mentre con l'unità didattica il processo investiva il superare per problemi. Per sviluppare un processo di apprendimento significativo per l'alunno, si deve partire dalle sue abilità di partenza, intervenire ed operare nel rispetto dei suoi tempi, legare il progetto ad un piano globale di crescita nelle diverse aree, ed individuare delle priorità. È quindi in questa ottica che si ipotizza la seguente microunità da sperimentare con l'alunno Ego; essa nasce dall'esigenza di fornire un'azione insegnativa mirata, flessibile e appropriata (come emerge dalla diagnosi funzionale) alle necessità individuali del ragazzo. Questa microunità viene concepita all'interno di un percorso educativo e didattico che si snoda sul doppio binario delle discipline curriculari di lettere e di matematica, e combina insieme due argomenti che presentano caratteristiche e affinità: i rapporti tra le parole, ovvero la sintassi della frase semplice o proposizione, e la logica matematica sottesa alla formulazione di una proposizione semplice. Titolo: La proposizione semplice in matematica e in grammatica Destinatario: L'allievo è Ego, un ragazzo con ritardo mentale lieve-medio e con una compromissione del funzionamento adattivo (inteso come capacità del soggetto di fare fronte alle esigenze comuni della vita e al grado di adeguamento agli standard di autonomia personale previsti). H funzionamento adattivo è influenzato da disturbo mentale da deficit di attenzione. Il ragazzo presenta le caratteristiche già analizzate: è un soggetto che ha difficoltà a concentrare l'attenzione, è incapace a organizzarsi nella esecuzione di un compito, non riesce a compiere impegni che richiedono un ordine. Discipline e docenti coinvolti: matematica e lettere, con l'insegnante di sostegno. Collocazione cronologica del programma: inizio primo quadrimestre. Tempo stimato per la realizzazione: cinque-sei attività da un'ora ciascuna Obiettivo formativo: Questa azione didattica nasce dal riscontro di un problema di socializzazione e da una difficoltà morfo-linguistica. Le implicazioni logiche vanno oltre ambiti puramente matematici ed investono il campo di azione che serve ad Ego per superare le difficoltà quotidiane. La logica considera la forma che deve avere qualsiasi tipo di discorso che pretenda di dimostrare qualcosa, e, in genere, che voglia essere probante. La logica, mostra quindi come procede il pensiero, quale sia la struttura del ragionamento. L'allievo dopo questa unità didattica deve aver migliorato la capacità di ascoltare in modo partecipe, attento, e deve aver imparato a produrre proposizioni semplici o articolate. Adeguate alla situazione e allo scopo. Dal punto di vista affettivo relazionale l'allievo deve migliorare la sua abilità a partecipare al dialogo e alla comunicazione interpersonale. Obiettivo didattico: Lo studente deve saper organizzare la comunicazione orale nei suoi aspetti verbali. Deve migliorare la capacità di relazione e di esposizione all'interno del gruppo classe. Metodologie e strategie: L'azione didattica per essere meglio calibrata utilizza il cosiddetto micro-teaching, ovvero brevi e ripetute sedute di insegnamento onde sfruttare gli intervalli in cui l'attenzione dell'allievo è ben presente. Il contesto operativo privilegia il processo stimolo-risposta rapido e mai appesantito, puntando su ciò che l'allievo deve fare o dire, dopo aver ascoltato le indicazioni date dal docente.

13 Vengono predisposte le seguenti attività: Si sottopongono delle immagini che mostrano delle azioni in sequenza e si farà scrivere all'alunno la frase minima. Si fanno esercizi di riduzione di frasi in frasi minime. In un insieme di frasi si stabilisce se una frase è vera, falsa, o né vera né falsa. Si costruiscono frasi che abbiano il significato contrario alle frasi assegnate. Si costruiscono proposizioni composte (formate da più proposizioni elementari legate da connettivi logici [e] [o] [non] [o... o... ]. Verifica: Il controllo viene fatto step by step, e deve esserci sia un riscontro immediato e tangibile dell'azione insegnativa messa in atto, sia un momento preventivo di recupero del già fatto in vista dello step successivo (deve fungere cioè da prerequisito). Si predispongono prove fredde, come test o quiz. La misurazione deve mettere in luce se lo studio analitico delle proposizioni ha migliorato la capacità di comprensione e di conversazione dell'allievo. Valutazione: l'interpretazione dell'assessment mette in evidenza il raggiungimento dell'obiettivo in termini di requisito minimo e requisito massimo raggiungibile dall'alunno. Naturalmente, la validità di questo intervento abbraccia la sfera emotiva, oltre che relazionale o strettamente didattica, del processo di sviluppo e di apprendimento a carico dell'alunno con compromissioni non solo nelle attività cerebrali, ma anche in quelle sociali. Esso risulta pertanto tanto più produttivo quanto più eleva il livello di autostima e di autotutela nel soggetto disabile, ponendolo nelle condizioni più adatte per affrontare la vita. 3.3 Considerazioni conclusive E' evidente il ruolo fondamentale che riveste l'insegnante di sostegno nei periodo cosiddetto "formativo" del ragazzo diversamente abile. Infatti, la sua permanenza nella scuola dovrebbe prepararlo alla fase successiva della formazione professionale, insegnandogli le abilità scolastiche ed i comportamenti essenziali per il suo sviluppo futuro. E' auspicabile che gli alunni diversabili possano godere in maniera corposa e ricca delle possibilità di contatti sociali e ludici con i loro coetanei, ma nello stesso tempo è importante istituire dei percorsi didattici personalizzati. I rapporti interpersonali con i coetanei sono essenziali visto che, dopo una adeguata abilitazione, il soggetto si troverà a partecipare alla vita di comunità ed a svolgere un'attività lavorativa a tutti gli effetti. Le competenze scolastiche che essi acquisiscono sono importanti; da adulti, infatti, in un mondo in cui vige la competizione, al momento di cercar lavoro, ed essi dovranno essere in grado di leggere gli annunci economici, compilare domande di assunzione, parlare con consulenti e con i loro futuri datori di lavoro. Dovranno inoltre andare e tornare dal posto di lavoro ed anche intraprendere attività sociali. Il fine dell'insegnamento di sostegno, infatti, è proprio quello di promuovere il conseguimento dell'autonomia individuale e sociale dei ragazzi con diverse potenzialità e abilità. CAP. 4 VALUTAZIONE DELL' ESPERIENZA Grazie a questa esperienza di tirocinio, la futura docente di sostegno ha potuto osservare comportamenti operativi, individuali e collettivi, scoprire ed esaminare la dinamica delle relazioni, ed il significato e l'importanza della climatizzazione didattica, rendendo quel

14 contesto pratico un campo entro cui poter esercitare, con l'interazione dell'insegnante tutor, le proprie esperienze di apprendimento formativo. La professione insegnante si configura oggi con una veste del tutto nuova: lontano ormai dal semplice trasmettitore culturale, mero applicatore di soluzioni, molti sono gli idealtipi di insegnante: è operatore di ricerca-azione {action researcher), programmatore {curriculum maker), supervisore, elaboratore-produttore di soluzioni efficaci in contesti specifici, professionista riflessivo. L'esperienza di tirocinio (field experìence) è stata come un warm up, saldatura totale tra teoria e pratica. Bibliografia. AAW: Quaderni di Dipartimento di Scienze dell'educazione, n.2, anno V,ed. Laterza, Bari. Bion W. : Attenzione e interpretazione, Armando Roma 1973 Bloom B.S.: Caratteristiche umane e apprendimento scolastico, armando Roma 1979 Boscolo T. Psicologia dell'apprendimento scolastico. Gli aspetti cognitivi, Utet, Torino 1986 Carli R.-Paniccia R. M.: Psicologia della formazione, Il Mulino, Bologna 1999 D' Alonso L.: Diversità e apprendimento, La Scuola, Brescia 1995 De Landsheere G.: Come si insegna, Lisciani Zampetti, Teramo 1979 Fusca F. : Temi e problemi dell'handicap, Arcobaleno, Palermo 1995 Goleman D.: Intelligenza emotiva, Rizzoli, Milano 1986 La Neve C. : La didattica tra teoria e pratica, La Scuola, Brescia 2003 Levy-Strauss C: Il pensiero selvaggio, ed Est, Cuneo 1998 Pagano R: Educazione e interpretazione, La Scuola, Brescia 2002 Pellerey N.: L'agire educativo, Las, Roma 1998 Perla L.: Educazione e sentimenti. Interpretazione e modulazioni, La Scuola, Brescia 2002 Petruccelli F.: Psicologia dello sviluppo, Franco Angeli, Milano 2000 Polanyi M.: La conoscenza inespressa, Armando Roma 1979 Schon D.A.: Il professionista riflessivo. Per una nuova epistemologia della pratica professionale, Dedalo, Bari 1993 Spitzer D.: La motivazione: un fattore trascurato nella progettazione didattica, in TD Tecnologie didattiche, n UN INCONTRO PROFESSIONALE E UMANO: IL TIROCINIO CON VITO, ALLIEVO PORTATORE DI HANDICAP. Integrazione vuol dire essere l altro INDICE: Cap. 1 ANALISI DEL CONTESTO 1.1 La scuola 1.2 Le strutture Cap. 2 RIFLESSIONI SUL POF Cap. 3 ANALISI DEL CASO 3.1 Diagnosi funzionale

15 3.2 Analisi del PEI Cap. 4 OSSERVAZIONI DEL CONTESTO E DELLA CLASSE 4.1 Ricerca-azione del contesto: indagine conoscitiva Cap. 5 PROGETTO DI UNA UNITA DIDATTICA 5.1 Presentazione dell intervento 5.2 Mappa dell unità didattica Bibliografia CAP. 1 ANALISI DEL CONTESTO 1.1 LA SCUOLA L Istituto d Arte nasce nel 1887 come scuola di ceramica. Nel 1954 viene elevata ad istituto d istruzione di 2 grado e, nel 1960, la scuola assume la denominazione di Istituto Statale d Arte per la ceramica. Nel 1984 viene istituito un corso biennale di Restauro Ceramico e, nel 1985, nasce la sezione Decorazione Pittorica. In quello stesso anno l Istituto si trasferisce nella attuale struttura scolastica di via Jacopo della Quercia. Ulteriori tappe della crescita e diversificazione dell offerta formativa si hanno nel 1986 con la sezione Metalli e Oreficeria a cui si aggiunge, l anno seguente, quella di Arti Grafiche. Gli iscritti provengono sia dalla provincia di Taranto che di Brindisi. Nel 2001 la scuola ha ampliato l offerta scolastica con l avvio di due sezioni staccate, una nella sede di Laterza ed una a Massafra. L Istituto Statale d Arte ha sempre rappresentato per la città di Grottaglie la più naturale espressione culturale. La presenza di argilla nel territorio ha infatti favorito, da tempi antichissimi, lo sviluppo della ceramica. Nelle numerose botteghe del suggestivo quartiere delle ceramiche, ancora oggi ubicate nelle grotte, si producono oggetti della tradizione contadina e popolare, e prodotti sempre più raffinati e sensibili al gusto e alle tendenze del momento. L Istituto d Arte ha sempre contribuito a tenere saldo questo prezioso legame con il territorio e con la tradizione artistica. L identità culturale e progettuale dell istituzione scolastica che emerge dalla lettura del documento di offerta formativa nasce da un analisi del territorio (che come quello di altre realtà circostanti registra uno stentato dinamismo socio-economico, e dove le attività artigianali, artistiche imprenditoriali e culturali, soffrono di una mancanza di sostegno e di collegamento in network). L attenzione al patrimonio artistico ed allo sviluppo dell artigianato locale, può aiutare a creare una cultura d impresa in tanti giovani che, sul recupero del lavoro artigianale, possono fondere tradizione e innovazione. La filosofia del progetto e la cultura del fare si manifestano anche con l attenzione che ha l Istituto verso le attività di restauro delle opere architettoniche del territorio e di recupero urbanistico. L obiettivo formativo che ne discende è oltre alla formazione della persona nella sua globalità, è la formazione di un cittadino capace di operare un cambiamento nel sociale in cui vive. Un cittadino con competenze logiche, che conosce i linguaggi della comunicazione verbale e non verbale. Obiettivi educativi

16 Gli alunni dovranno aver maturato: Un comportamento partecipativo e collaborativo Un comportamento responsabile, impegnato e critico Un comportamento improntato a valori della lealtà e del rispetto delle leggi, di se stesso, dell amicizia e degli altri. Obiettivi formativi e cognitivi Acquisizione dello sviluppo adeguato delle capacità interpretative, delle abilità progettuali, operative ed organizzative; Acquisizione delle abilità di ricerca, intesa come naturale disposizione mentale a riflettere, a problematizzare, a vagliare; Capacità di comprensione e di analisi di diversi tipi di testi; Capacità di esaminare criticamente e sistemare logicamente le conoscenze acquisite; Capacità di formulare motivati giudizi critici. Soffermandoci sull aspetto più pertinente, alla circostanza quello dell integrazione degli alunni portatori di handicap, il documento fa proprio il dettato normativo basato sul concetto che la società, nel suo insieme, è tenuta a promuovere il superamento di ogni forma di emarginazione e di esclusione sociale del portatore di handicap, e obiettivo dell integrazione scolastica è lo sviluppo delle potenzialità della persona handicappata. Nell Istituto è operante un gruppo di docenti che prende visione della diagnosi funzionale e redige il profilo dinamico-funzionale degli alunni, e formula i piani educativi individualizzati. 1.2 LE STRUTTURE Ricca e articolata è la dotazione strutturale: Oltre alle aule dove si svolgono le attività didattiche di cultura generale, l Istituto dispone di aule speciali e di laboratori specifici per i vari indirizzi: La sezione Decorazione Ceramica utilizza quattro laboratori: 1 Laboratorio di foggiatura con torni elettrici per la realizzazione di oggetti 2 Laboratorio di formatura con torni per la realizzazione di modelli in gesso 3 Laboratorio di decorazione con impianto serigrafico 4 Laboratorio macchine per la preparazione dell argilla e forni elettrici per la cottura dei prodotti. La sezione Decorazione Pittorica utilizza tre laboratori: 1 Formatura e stucchi 2 Lacche e dorature 3 Tecniche murarie La sezione Metalli ed Oreficeria utilizza tre laboratori: 1 Oreficeria 2 Sbalzo e cesello 3 Smalti e incisioni La sezione Arti Grafiche utilizza due laboratori: 1 Stampa tipografica 2 Stampa litografica Sono presenti anche aule speciali di disegno geometrico, disegno dal vero, plastica, laborato-

17 rio di serigrafia, laboratori informatici con impianto di cablaggio con accesso ad internet, biblioteca, auditorium, palestra. Il documento che promuove l offerta formativa mette in risalto in particolare due aule: 1. Il museo didattico delle maioliche allestito con reperti e manufatti realizzati nel tempo a Grottaglie e nella stessa scuola. 2. Il laboratorio di prototipazione di oggetti allestito e finanziato dalla U.E. attraverso il progetto PON. L innovativo laboratorio permetterà agli studenti della sezione ceramica di utilizzare il metodo informatico per la progettazione e la realizzazione del modello ideato, attraverso la macchina fresatrice collegata al sistema computerizzato. CAP. 2 RIFLESSIONI SUL POF (anche sulla base di un lavoro svolto durante il laboratorio di progettazione di percorsi di integrazione sociale). La scuola italiana in questi ultimi anni si è dotata di un ulteriore strumento di programmazione il POF. E senza dubbio uno strumento innovativo, frutto di riflessioni, di analisi e va nella direzione di un auspicato mutamento e miglioramento qualitativo della scuola italiana. Ma come rileva lo psicosociologo Achille Orsenigo, nella pubblica amministrazione l idea del cambiamento scaturisce da un atto pubblico che il succitato autore provocatoriamente chiama atto magico. In generale nella pubblica amministrazione l atto dà la convinzione di poter attuare il cambiamento e si ritiene che l organizzazione, la gente, e gli operatori dovranno, in forza dell atto magico, cambiare il modo di agire e forse anche quello di pensare. Viene riscontrata una visione magico-feticista in cui un oggetto, dotato di poteri superiori, riesca a portare il cambiamento (adesso che avremo il nuovo POF vedrete che le cose miglioreranno). Per sostenere processi di riorganizzazione (come quelli che stanno accadendo nel mondo della scuola) è necessario realizzare rappresentazioni condivise; è necessario che ciascuno possa rappresentarsi come coautore della nuova organizzazione. Insieme si deve lavorare a costruire una nuova storia e in questo modo diventa possibile una rielaborazione del passato. CAP. 3 ANALISI DEL CASO 3.1 DIAGNOSI FUNZIONALE Lo studente portatore di handicap viene qui indicato convenzionalmente col nome di Vito, ha 18 anni e frequenta la V classe dell Istituto d Arte. Ho ritenuto opportuno soffermarmi su questo allievo perché testimonia un risultato positivo nel processo di costruzione-crescita della persona umana. La diagnosi clinica evidenzia un ritardo cognitivo medio lieve, stato depressivo ansioso. Le conseguenze funzionali sono: difficoltà di apprendimento in tutte le aree; bradipsichismo; introversione. La previsione dell evoluzione naturale richiede un supporto scolastico continuo per fornire maggiori stimolazioni e per fissare gli apprendimenti lenti e discontinui. L area cognitiva presenta difficoltà nel ragionamento logico, una eccessiva lentezza. La potenzialità maggiormente compromessa riguarda l autonomia. L area affettivo relazionale evidenzia un immagine di sé negativa, timori del giudizio

18 altrui, ansietà. Nel rapporto con gli altri la difficoltà è dovuta alla introversione. Le potenzialità compromesse riguardano una costruzione di una identità più stabile e indipendente. Per l area linguistica le difficoltà riscontrate sono: una comprensione solo di messaggi poco elaborati, una povertà lessicale, una difficoltà nella comunicazione. E tendenzialmente inibito. Le difficoltà legate all area motorio-prassica riguardano un rallentamento motorio e una facile esauribilità, e per la motricità fine un tratto grafico marcato e discontinuo. L area neuropsicologica: per quanto riguarda la memoria ha difficoltà nel ritenere gli elementi salienti di uno stimolo, per l attenzione si nota una discontinuità e una facile esauribilità. Inoltre si nota una difficoltà nel ragionamento logico-temporale. 3.2 ANALISI DEL PEI Dalla relazione finale dell anno scolastico si legge che l allievo ha seguito una programmazione differenziata insieme al progetto speciale Alternanza scuola-lavoro. Ha usufruito di 9 ore settimanali d insegnamento specializzato così ripartito: 1 ora in area umanistica, 2 ore in area scientifica, 6 ore in area tecnica. Ha frequentato con assiduità la scuola, mostrando interesse e forte entusiasmo soprattutto nelle discipline pratiche e pittoriche. L intervento delle insegnanti di sostegno è stato realizzato in classe in compresenza con i docenti curriculari e una volta la settimana nella bottega di ceramica per lo svolgimento dello stage. In particolare per l area scientifica l attività didattica ha avuto come finalità prioritaria l apprendimento dell uso dell euro e, attraverso di essa, il potenziamento delle abilità di calcolo. Nel piano educativo individualizzato presentato nell anno scolastico tra le attività scolastiche rientrava uno stage di alternanza scuola-lavoro presso una bottega artigianale di lavorazione della ceramica di Grottaglie per 3 ore settimanali, da novembre 2002 a maggio Questo progetto proseguirà anche in quest anno scolastico. Le motivazioni che hanno spinto la comunità scolastica nella progettazione di questo percorso integrato scuola/lavoro sono da ricercare: Nell attivazione di un percorso educativo individualizzato con obiettivi didattici opportunamente semplificati che non possono avere come finalità il conseguimento della qualifica di maestro d arte. Nell elaborazione per questo alunno di un progetto di vita che non prevede solamente il raggiungimento di un ceto livello di socializzazione, pur importante, ma che abbia come finalità l acquisizione di competenze di base e professionali spendibili nel mondo del lavoro. Le finalità del progetto sono: Realizzare un percorso di orientamento che preveda una graduale presa di coscienza, da parte dell alunno, delle sue capacità e del suo futuro ruolo di lavoratore. Concretizzare, attraverso esperienze pratiche, abilità e crediti formativi che saranno certificati dalla scuola al termine del ciclo scolastico. Offrire all allievo l opportunità di accrescere il proprio grado di motivazione all apprendere e di migliorare l autostima Obiettivi formativi-professionali individuabili nella proposizione di questo progetto sono:

19 Autonomia relazionale Consapevolezza delle proprie capacità e limiti Gestione ed organizzazione del lavoro scolastico in particolare nel sape riprodurre un metodo di lavoro proposto Capacità di trasferire, nell ambito della classe, le abilità acquisite nell ambito dello stage. Capacità di adattamento al contesto lavorativo Autonomia nell esecuzione di semplici mansioni Disponibilità alle correzioni altrui e al senso di responsabilità Capacità di rispettare i temi previsti Capacità di gestire direttive e istruzioni. Gli obiettivi trasversali che emergono dall analisi del progetto sono quelli di sviluppare: Una maggiore autonomia decisionale e propositiva Una migliore identità personale, quali la buona accettazione di se stesso, delle proprie capacità La capacità di chiedere informazioni o conferme durante lo svolgimento delle attività La capacità di accettare momenti di frustrazione di fronte alle difficoltà incontrate e di autovalutare il lavoro svolto. Gli obiettivi operativi-professionali ossia quelli che attengono al suo (si spera) ruolo lavorativo-sociale sono stati individuati in: Conoscere ed usare pennelli e scatolette nei diversi usi Saper distinguere i diversi colori cromatici Saper preparare i colori ceramici Conoscere e usare le diverse tecniche decorative. CAP. 4 OSSERVAZIONE DEL CONTESTO E DELLA CLASSE 4.1 RICERCA-AZIONE DEL CONTESTO:INDAGINE CONOSCITIVA Per questa fase della mia attività di tirocinante mi sono avvalso della esperienza maturata in un lavoro svolto durante le lezioni di pedagogia speciale. Il lavoro di ricerca-azione ideato e messo in atto per questo intervento ha previsto la formulazione di un protocollo di ricerca applicabile nel contesto scolastico, di cui potersi avvalere nel campo della pedagogia della ricerca e della sperimentazione. Attraverso l analisi delle risposte ottenute dalla somministrazione all insegnate del questionario e lo studio comparato dei risultati si possono avanzare ipotesi e realizzare nuove strategie di intervento nell approccio con l alunno portatore d handicap. Il test è stato sottoposto all insegnante tutor del tirocinio. L intento è quello di avvicinare il mondo della pratica e della prassi educativa che da esso scaturisce, innescando quel processo ermeneutico di comprensione tramite la ricerca che passa attraverso il tempo, e arriva a sedimentarsi nella storia. Si riporta di seguito l intervista realizzata. 1. Quale è il primo approccio relazionale che ogni giorno generalmente hai con l allievo (con handicap ritardo mentale medio-lieve)?

20 C è una emotività che bisogna accogliere. Il ragazzo può portare ancora con se un rimprovero o la sgridata della madre. Quando entra in classe aspetta che qualcuno gli dica cosa fare. Mi avvalgo della classe e coinvolgo gli altri ragazzi. Nel primo anno si isolava vicino alla porta e alcune volte vi batteva la testa. 2. Come si relaziona con gli altri, quali autonomie di base utilizza per la convivenza? Non entra in contatto facilmente con gli altri, non ha iniziative. Non ha preferenze tra i compagni di classe. 3. Individua alcuni comportamenti e collegali a stati emozionali Il dondolio (ogni tanto) evidenzia una maggiore tensione. E taciturno, sono rari i sorrisi 4. Come è stato il suo percorso scolastico? Fino al terzo anno ha seguito tutte le discipline, per alcune semplificate, per altre differenziate. Ha sempre avuto l insegnante di sostegno. Nell anno scolastico scorso è stato avviato il progetto di alternanza scuola lavoro. Dal 3 anno il consiglio di classe ha deciso di sostituire alcune discipline come chimica e fisica con decorazione ceramica. 5. Come si svolge la lezione? A prescindere dalla materia occorre sempre lavorare sul concreto, partire dal caso pratico: esempio in matematica simbolo quantità oggetto. E sempre stanco, flemmatico. Sono molto attenta ad evitare incoerenze tra ciò che dico e ciò che faccio 6. Come utilizzi gli strumenti di rinforzo? Nei primi anni abbiamo puntato molto sulla crescita dell autostima. Ci siamo accorti che così facendo non riusciva più a percepire il suo limite. Per questo è stato utile il progetto scuolalavoro. Il ragazzo ha meglio compreso le sue capacità senza soffrire di eccessive frustrazioni. 7. Quali strumenti di verifica usi? Domande semplici con risposta vero-falso. Inoltre gli elaborati grafici e la realizzazione di manufatti. CAP. 5 UNITA DIDATTICA 5.1 PRESENTAZIONE DELL INTERVENTO Questa unità didattica è nata dall esigenza di fornire un azione insegnativi mirata, flessibile e appropriata (come è emerso dalla diagnosi funzionale). Essa è stata concepita all interno di un percorso educativo e didattico che si è snodato sul doppio binario delle discipline curriculari di Lettere e di Matematica, combinando insieme due argomenti che presentano caratteristiche e affinità: i rapporti tra le parole, ovvero la sintassi della frase semplice o proposizione, e la logica matematica sottesa alla formulazione di una proposizione. 5.2 L UNITA DIDATTICA Titolo: La proposizione in matematica e in grammatica Destinatario: L allievo è Vito uno studente con ritardo mentale lieve-medio e con una compromissione del funzionamento adattivo (inteso come capacità del soggetto di fare fronte alle esigenze comuni della vita e al grado di adeguamento agli standard di autonomia personale previsti). Il funzionamento adattivo è influenzato da disturbo mentale da deficit di attenzione. Il ragazzo presenta queste caratteristiche: è un soggetto che ha difficoltà a concentrare l attenzione, è incapace a organizzarsi nella esecuzione di un compito, non riesce a compiere impegni che richiedono un ordine. Discipline e docenti coinvolti: Matematica e Lettere, con i professori di sostegno dell ambito

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Un orizzonte di senso Ripensare il curricolo alla luce di Cittadinanza e Costituzione Maria Teresa Ingicco ingiccomt@libero.it Torino 2

Dettagli

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12)

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12) Modulo di specializzazione per l attività didattica di sostegno nell ambito del Corso di laurea in Scienze della formazione primaria a.a. 2011/12 Finalità generali Divenire consapevoli della molteplicità

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE Opzione Economico-Sociale Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2013/2014 INDICE 1. Introduzione. pag. 3 2. Finalità e obiettivi

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA Scuola POLO Formazione personale docente Progettazione e valutazione per competenze nei percorsi degli Istituti tecnici e professionali Decreto

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

Verifica e valutazione del processo d apprendimento degli alunni diversamente abili e degli alunni con DSA

Verifica e valutazione del processo d apprendimento degli alunni diversamente abili e degli alunni con DSA Essere ciò che siamo e diventare ciò che siamo capaci di diventare è il solo fine della vita. Robert Louis Stevenson Verifica e valutazione del processo d apprendimento degli alunni diversamente abili

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015

Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015 Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015 Alunna/o Classe. Sezione. Data di nascita Nazionalità.. Data d arrivo in Italia. Numero degli anni di scolarità. di

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale del progetto: Laboratorio di scrittura 1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto intendeva fornire competenze lessicali, grammaticali

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

PEI. Annamaria PETITO

PEI. Annamaria PETITO PEI Annamaria PETITO 1 O.C. è un ragazzo di 19 anni, frequenta il 5 anno 5 del liceo socio-psico psico-pedagogico pedagogico di Foggia. E E affetto da una sindrome di Down con ritardo mentale medio-lieve.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado Il percorso si articola su moduli che intendono rafforzare le competenze di base ed investire sulle competenze

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE?

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE? P.A.I.S. La scuola elementare Manzoni Bolzano Mirella Tronca, assistente agli alunni in situazione di handicap PERCHE DOCUMENTARE? La documentazione è una scienza per conoscere e una tecnica per far conoscere.

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO DI CARPI ANNO SCOLASTICO 2005/2006

3 CIRCOLO DIDATTICO DI CARPI ANNO SCOLASTICO 2005/2006 Scheda allegato A) 3 CIRCOLO DIDATTICO DI CARPI PROGETTO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI NELLA SCUOLA ELEMENTARE ANNO SCOLASTICO 2005/2006 Premessa La scuola si fa portavoce dei valori fondamentali

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli