PROVINCIA DI LECCE. SETTORE SVILUPPO SOCIO- CULTURALE Servizio Politiche Sociali REGOLAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI LECCE. SETTORE SVILUPPO SOCIO- CULTURALE Servizio Politiche Sociali REGOLAMENTO"

Transcript

1 PROVINCIA DI LECCE SETTORE SVILUPPO SOCIO- CULTURALE Servizio Politiche Sociali REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI VIDEOLESI approvato con delibera C.P. n. 16 del ed adeguato, nei valori finanziari, in esecuzione della delibera G.P. n. 446 del

2 2 INDICE PREMESSA.... Pag. 3 ART. 1 FONTI NORMATIVE... Pag. 4 ART. 2 SOGGETTI ASSISTIBILI Pag. 4 ART. 3 INTERVENTI SOCIO ASSISTENZIALI.... Pag. 4 ART. 4 AFFIDAMENTO AD ISTITUTI SPECIALIZZATI... Pag. 5 ART. 5 CONDIZIONI PER L ASSISTIBILITA IN FAVORE DEI VIDEOLESI.. Pag. 6 ART. 6 ASSISTENZA DIDATTICA INTEGRATIVA... Pag. 6 ART. 7 CRITERI DI NOMINA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO.. Pag. 7 ART. 8 LIQUIDAZIONE DEL COMPENSO AGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO Pag. 7 ART. 9 CORSI DI FORMAZIONE.. Pag. 8 ART. 10 CONSULENZA.... Pag. 8 ART. 11 SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO... Pag. 9 ART. 12 CONTRIBUTI ECONOMICI.. Pag. 9 ART. 13 CONTRIBUTI PER STUDENTI VIDEOLESI PRIVATISTI. Pag. 10 ART. 14 PROCEDIMENTO PER LA RICHIESTA DEGLI INTERVENTI SOCIO ASSISTENZIALI.. Pag. 10 ART. 15 ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE... Pag. 10 ART. 16 SOSPENSIONE DELL ASSISTENZA DIDATTICA ONTEGRATIVA. Pag. 11

3 3 PREMESSA La Provincia di Lecce, nell ambito dei compiti obbligatori posti a suo carico dalle normative vigenti, per assicurare la rieducazione e la formazione scolastica e professionale dei videolesi, ha finora attuato, in favore degli stessi, la forma assistenziale indiretta, consistente nell assunzione dell onere relativo al ricovero preso istituti specializzati, o quella diretta (istituita e regolamentata con delibera della G.P. n del 26/10/73, ratificata dal Consiglio Provinciale con delibera N. 71 del 18/12/73), consistente nell erogazione di un contributo economico in favore dei non vedenti, che frequentino le scuole dell obbligo, le scuole superiori l Università e i Corsi di qualificazione professionale. La Provincia di Lecce, con il presente Regolamento, istituisce nuovi servizi in alternativa alle forme assistenziali finora erogate, allo scopo di favorire l integrazione scolastica dei portatori dell handicap sensoriale, oggetto del presente Regolamento, ed evitare per quanto possibile l istituzionalizzazione degli stessi. Tale orientamento, peraltro in linea con lo spirito della Legge 104/92, rispetta le esigenze soprattutto psicologiche del minore. Sono infatti noti gli aspetti negativi che produce sullo sviluppo della personalità del minore il vivere in un istituto, che, per quanto attrezzato possa essere, limita fra l altro i suoi rapporti con la famiglia, lo esclude dall ambiente sociale di origine, impedendogli una aperta socializzazione con gli stessi coetanei normo vedenti. La scelta di istituire forme socio assistenziali rispondenti a più qualificate indicazioni terapeutiche ed educative che, attraverso l erogazione di servizi e prestazioni evitino il ricovero di minori e contemporaneamente assicurino loro la formazione scolastica, è sorretta e stimolata anche dai risultati registrati in altre Province, nonché dalle richieste degli stessi utenti e dei loro familiari. ART. 1

4 FONTI NORMATIVE 4 - R.D n ( art. 80) - T. U n. 383 della Legge Comunale e Provinciale ( art. 144 lett. G) - R.D n (Riordinamento dell istruzione professionale per videolesi) - Legge n. 142 (Abrogazione dell art. 144 lett. G del su citato TULCP) - Legge n. 104 ( Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate) - Legge n.67 -art.5 (restituzione alle Province delle competenze esercitate alla data di entrata in vigore della Legge n. 142, tra cui l assistenza ai videolesi, cui è riferito il presente Regolamento) ART. 2 SOGGETTI ASSISTIBILI Sono assistibili da parte della Provincia di Lecce i minorati della vista che: - risiedano nel territorio provinciale; - frequentino scuole di ogni ordine e grado (comprese la scuola materna e l università) o Corsi di qualificazione professionale; - dispongano di un residuo visivo non superiore ad 1/10 con eventuale correzione; - non abbiano superato il 45 anno di età; - abbiano un reddito, essi stessi ed i loro familiari, che non consenta di sostenere le spese connesse alla loro formazione scolastica e professionale Al fine di stabilire la sussistenza dello stato di disagio economico del nucleo, e quindi il diritto all assistenza da parte del videolesi, si pone come limite massimo di reddito netto annuo l importo di ,00 Nel caso in cui il reddito complessivo annuo netto del nucleo familiare del videolesi sia superiore all importo su citato, non si ha diritto alla fruizione di alcun beneficio economico e/o intervento. ART. 3 INTERVENTI SOCIO ASSISTENZIALI In favore dei soggetti assistibili di cui all art. 2 del presente Regolamento, la Provincia di Lecce, al fine di assicurare loro la formazione scolastica e professionale, istituisce i seguenti servizi e prestazioni miranti, in via prioritaria, a favorire l integrazione scolastica degli assistiti, evitando, nel possibile, il ricorso all istituzionalizzazione presso strutture specializzate: 1) ASSISTENZA DIDATTICA INTEGRATIVA a domicilio per la durata dell anno scolastico e per un numero di ore da stabilire in rapporto all esigenza di ogni utente, effettuata da insegnanti, preferibilmente di sostegno, preparati con la frequenza di appositi CORSI di FORMAZIONE;

5 5 2) CORSI DI FORMAZIONE tenuti da esperti e indirizzati agli insegnanti che dovranno affiancare i videolesi nelle attività extrascolastiche; 3) CONSULENZA ai non vedenti ed ai loro familiari da parte di un esperto in tiflologia, il quale tra l altro, in collaborazione con il Servizio Sociale della Provincia, provvederà a coordinare e verificare gli interventi e la loro efficacia; 4) ORGANIZZAZIONE di un servizio di accompagnamento, avvalendosi sia degli assistenti materiali assicurati dalle AA.SS.LL. ai portatori di handicap, sia di eventuali risorse del territorio, quali associazioni di volontariato, etc.; 5) CONTRIBUTI ECONOMICI per: l acquisto di sussidi didattici e di strumenti tecnici necessari per lo studio e non forniti da altri Enti (Comuni, AA.SS.LL., etc.), nonché materiale tiflodidattico indispensabile per lo studio (carta per scrittura Braille, CUBA RITMO per lo studio della matematica, carta per il disegno) e la manipolazione, etc.; la realizzazione di attività integrative, quali lo studio della musica, attività ginnico - sportive, etc.; la frequenza di Corsi di qualificazione professionale e dell Università. L importo totale delle spese sostenute per ogni videolesi, di cui ai punti 1 e 5 del presente articolo, non dovrà superare, per ogni anno scolastico, la misura della retta media richiesta dagli istituti specializzati per l assistenza convittuale dei non vedenti. La Provincia, ai sensi dell art. 27 della Legge 8/6/1990 n. 142, potrà procedere ad un ACCORDO DI PROGRAMMA da stipulare con gli altri Enti interessati all integrazione scolastica dei videolesi, come previsto dall art. 13 della Legge Quadro n. 104 del 5/02/92 relativa all assistenza, all integrazione sociale e ai diritti della persona handicappata. Tale ACCORDO DI PROGRAMMA darebbe, altresì, l opportunità di individuare le modalità con cui gli Enti aderenti possano rilevare, fin dalla sua prima manifestazione, l handicap sensoriale insorto nel territorio provinciale, consentendo alla Provincia un MONITORAGGIO del fenomeno, onde permettere: - ai sensi dell art. 14 della Legge 142/90, un azione di coordinamento e di promozione degli interventi di competenza dei vari Enti, in favore della categoria in discussione; - la promozione di interventi di prevenzione, attraverso campagne educative, screening relativo all insorgere della retinite pigmentosa, etc. ART. 4 AFFIDAMENTO AD ISTITUTI SPECIALIZZATI Si fa salvo, comunque, il diritto del videoleso e dei suoi familiari ad optare per l istituzionalizzazione, pur riconoscendo carattere prioritario e di pubblica utilità agli interventi assistenziali alternativi, rivolti a consentire forme di educazione e di istruzione più adeguate ed a facilitare l inserimento del videoleso nelle scuole, nell ambiente produttivo e nella società. L affidamento del videoleso ad istituto specializzato sarà autorizzato solo dopo attenta valutazione delle motivazioni della richiesta da parte del Servizio Sociale dell Ente.

6 6 ART. 5 CONDIZIONI PER L ASSISTIBILITA IN FAVORE DEI VIDEOLESI L assistenza didattica integrativa a domicilio, la consulenza, il servizio di accompagnamento, di cui ai punti 1, 3 e 4 del precedente art. 3, sono garantiti ad ogni minorato della vista, che frequenti la scuola materna, la scuola dell obbligo, le scuole superiori, l Università o i Corsi di qualificazione professionale. Fermo restando i requisiti richiesti circa il visus e l età, i servizi su precisati vengono erogati indipendentemente dal reddito familiare del videoleso, in quanto costituiscono dei supporti basilari al servizio di sostegno assicurato dal Ministero della Pubblica Istruzione durante le ore scolastiche. Il tutto in conformità al principio teso a favorire l integrazione scolastica, riconosciuto ed espresso dalla Legge 104/92. I contributi economici, di cui al punto 5) lett. a, b, c, dell art. 3 potranno essere erogati, su richiesta, ai minorati della vista il cui reddito netto familiare non superi ,00. Il reddito limite potrà essere elevato nei casi in cui il Servizio Sociale dell Ente accerti la sussistenza di particolari situazioni familiari che incidano notevolmente sul bilancio del nucleo. L erogazione dei servizi socio assistenziali previsti dall art. 3 non potranno essere condizionati dal profitto scolastico negativo del videoleso. ART. 6 ASSITENZA DIDATTICA INTEGRATIVA Ogni minorato della vista che frequenti la scuola materna, la scuola dell obbligo, le scuole superiori, l Università o i Corsi di qualifica professionale potrà usufruire dell assistenza didattica integrativa a domicilio, effettuata da insegnanti preparati con la frequenza di appositi Corsi di Formazione, per la durata dell anno scolastico, dell anno accademico o del Corso di qualificazione professionale e per un numero di ore che verrà stabilito dall esperto tiflologo, in seguito a valutazione delle esigenze individuali del videoleso, rapportate all entità del deficit presentato, alla scuola frequentata, etc., e comunque per un minimo di 6 ore ed un massimo di 18 ore settimanali. Per gli alunni frequentanti le scuole dell obbligo, che presentino altre minorazioni oltre quelle visive e, quindi, abbisognino di un maggiore sostegno, l assistenza didattica integrativa potrà essere autorizzata fino ad un massimo di 20 ore settimanali. Detto intervento dovrà essere valutato dall esperto filologo, in collaborazione con il Servizio Sociale dell Ente, che indicherà le modalità di attuazione e ne verificherà i risultati.

7 7 Il compenso per le prestazioni professionali di ciascun insegnante è fissato in 15,50 omnicomprensivi, al lordo delle ritenute di legge, per ogni ora di insegnamento autorizzato ed effettivamente prestato. L insegnante di sostegno è tenuto a seguire il videoleso a domicilio nell esecuzione dei compiti e in tutte quelle attività integrative utili al decondizionamento dai limiti imposti dalla minorazione. Lo stesso insegnante, al termine dell anno scolastico, redigerà un apposita relazione sull attività svolta, sui risultati conseguiti, sulle prospettive ipotizzabili per il singolo assistito. La Provincia pretende che l attività di sostegno avvenga con la massima professionalità, impegno e serietà. ART. 7 CRITERI DI NOMINA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO La Provincia conferirà incarichi, a convenzione, per la durata dell anno scolastico a liberi professionisti per il sostegno extra scolastico ai videolesi, ad avvenuta selezione degli insegnanti tramite avviso pubblico. Per l ammissione alla selezione i partecipanti dovranno essere in possesso del seguente titolo di studio: a) Maturità Magistrale, per espletare attività didattica integrativa a videolesi frequentanti la scuola materna e la scuola elementare; b) Diploma di Laurea, per espletare attività didattica integrativa a studenti videolesi di scuole medie di 1 e 2 grado, di Università e di Corsi di Qualificazione Professionale. Ad avvenuta selezione si procederà, per motivi di opportunità e di efficienza, a costituire due graduatorie, comprendenti insegnanti residenti nel territorio di competenza delle due AA.SS.LL. della provincia di Lecce. Tanto al fine di far coincidere, per quanto possibile, i bisogni di ogni zona con le risorse della stessa. Le graduatorie avranno validità fino ad un massimo di tre anni e comprenderanno gli insegnanti da utilizzare per i diversi corsi di studi come innanzi precisato. ART. 8 LIQUIDAZIONE DEL COMPENSO AGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO La liquidazione del compenso previsto per gli insegnanti di sostegno preposti all assistenza didattica integrativa, di cui all art. 6, si effettuerà, a mensilità posticipate, su

8 8 presentazione di una dichiarazione dell insegnante, sottoscritta anche da un familiare dell assistito e dal consulente tiflologo, attestante le ore di lezione prestate. La suddetta dichiarazione dovrà pervenire all Ufficio Servizi Sociali entro il 10 del mese successivo a quello cui si riferiscono le prestazioni. ART. 9 CORSI DI FORMAZIONE La Provincia di Lecce provvederà ad effettuare, possibilmente annualmente, e comunque nel periodo antecedente l avvio dell attività didattica integrativa, brevi corsi preliminari di preparazione all insegnamento ai videolesi indirizzati agli insegnanti, selezionati con i criteri precisati dall art. 7 del presente Regolamento, ed eventualmente anche agli altri insegnanti inclusi nelle graduatorie previste dallo stesso art. 7. Ogni Corso, che sarà rivolto ad un massimo di 40 insegnanti, avrà una durata di n. 80 ore e sarà tenuto da un esperto tiflologo, cui verrà corrisposto un compenso orario lordo di 41,30. L espletamento del Corso richiede l utilizzo di alcuni sussidi didattici (in particolare macchine dattilobraille, tavolette per scrittura braille, Cubo ritmo, materiale specifico quale carta per scrittura braille, piano in gomma per il disegno, etc.). I sussidi didattici, diventando patrimonio della Provincia, potranno essere dati in comodato, durante l anno scolastico, a quegli Istituti Scolastici che ne siano sprovvisti, pur avendovi integrati minorati della vista. ART. 10 CONSULENZA La Provincia di Lecce conferirà l incarico di consulente, a convenzione, ad un esperto in problemi tiflologici di comprovata capacità professionale, che fornirà consulenza ai non vedenti ed ai loro familiari, agli insegnanti impegnati nelle attività integrative extra scolastiche, ed eventualmente alle scuole interessate, favorendo, fra l altro, con un apporto qualificato sia dal punto di vista pedagogico che psicologico, l integrazione scolastica e sociale del minorato della vista. L esperto tiflologo dovrà, altresì, in stretta collaborazione con il Servizio Sociale della Provincia, coordinare e verificare gli interventi soci-assistenziali erogati dall Ente, nonché valutare periodicamente l esito dell attività svolta dagli insegnanti di sostegno impegnati nell assistenza didattica integrativa. Il Consulente svolgerà la propria attività per 18 ore settimanali, con un compenso lordo di 20,70 per ogni ora di effettivo servizio effettuato, più IVA se dovuta e rimborso spese di viaggio sostenute per trasferte (commisurate al costo del mezzo pubblico).

9 9 Il Consulente avrà frequenti contatti sia con gli insegnanti preposti all assistenza scolastica integrativa al fine di programmare e verificare gli interventi in favore dell assistito, sia con gli insegnanti scolastici. Al termine dell anno scolastico il consulente relazionerà circa l attività svolta e i risultati raggiunti relativamente alle finalità programmate. ART. 11 SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO La Provincia di Lecce, in collaborazione con gli altri Enti interessati all integrazione scolastica dei videolesi, favorirà l organizzazione di un servizio di accompagnamento, onde consentire al minorato della vista di raggiungere la struttura scolastica, quando è situata in luogo diversa dal Comune di residenza, e di rientrare giornalmente in famiglia, onde evitare il ricorso all istituzionalizzazione. Il servizio di accompagnamento si avvarrà sia degli assistenti materiali assicurati dalle AA.SS.LL. ai portatori di handicap, sia di eventuali risorse del territorio, quali associazioni di volontariato, etc.. ART. 12 CONTRIBUTI ECONOMICI Qualora il reddito familiare annuo del videoleso non superi al netto ,00 come previsto all art. 5 del presente regolamento, la Provincia provvederà a: a) rimborsare le spese documentate, sostenute per l acquisto di sussidi didattici e di strumenti tecnici necessari per lo studio e non forniti da altri Enti (Comuni, AA.SS.LL., etc.), nonché di materiale tiflo - didattico indispensabile per lo studio (carta per scrittura Braille, CUBO RITMO per lo studio della matematica, sussidi per il disegno, etc.), preventivamente autorizzate dalla Provincia dopo averne accertata l utilità e la mancata partecipazione alle spese da parte di altri Enti, avvalendosi del parere dell esperto tiflologo e del Servizio Sociale dell Ente; b) rimborsare le spese documentate sostenute per la realizzazione, da parte del videoleso, di attività integrative quali lo studio della musica, attività ginnico sportive, etc., preventivamente autorizzate della Provincia, avvalendosi del parere dell esperto tiflologo e del Servizio Sociale dell Ente; c) erogare un contributo economico ai videolesi che, per la frequenza di Corsi di qualificazione professionale, di tirocinio pratico e di specializzazione in genere, nonché dell Università., dovranno sostenere spese non coperte da altri Enti (quali Regione, etc.). Il contributo economico, la cui entità verrà stabilita in base alla richiesta, motivata e documentata, presentata dall interessato, non dovrà, comunque, superare: ,00 per favorire la frequenza dei Corsi di qualificazione o di perfezionamento professionale o di specializzazione; ,00 per favorire la frequenza dell Università. Ai fini dell erogazione del sussidio i Corsi dovranno comportare l obbligo della frequenza e avere una durata non inferiore ai tre mesi e non superiore ai tre anni.

10 10 Gli studenti universitari potranno ottenere un contributo economico limitatamente alla frequenza di un solo corso di laurea e per un periodo che non superi quattro anni di iscrizione a fuori corso. Il contributo economico verrà corrisposto direttamente agli aventi diritto, o nel caso questi siano minorenni, all esercente la patria potestà o al tutore legale, previo accertamento della regolare frequenza, da parte dello stesso, dell Università o dei Corsi di qualificazione professionale oggetto della concessione. Il contributo annuo verrà corrisposto in tre soluzioni trimestrali posticipate per i frequentanti i Corsi di laurea, mentre per i frequentanti i Corsi di qualificazione professionale il contributo verrà rateizzato in base alla durata del Corso stesso. ART. 13 CONTRIBUTI PER STUDENTI VIDEOLESI PRIVATISTI I minorati della vista non istituzionalizzati, con un reddito familiare annuo al netto non superiore a ,00, che si presentino agli esami come privatisti e che non abbiano usufruito di altri interventi socio assistenziali previsti dall art. 3, possono richiedere entro il 30 Settembre di ogni anno un contributo forfetario (una tantum), che verrà stabilito caso per caso dal Servizio Sociale dell Ente, unitamente all esperto tiflologo e che non potrà comunque essere superiore a 1.300,00=. ART. 14 PROCEDIMENTO PER LA RICHIESTA DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI L interessato o, se trattasi di minorenne, l esercente la patria potestà o il tutore legale, al fine di poter usufruire degli interventi socio assistenziali, dovrà inoltrare annualmente richiesta motivata al Presidente della Provincia allegando alla stessa: a) certificato medico attestante il visus di entrambi gli occhi, rilasciato da specialista dell A.U.S.L. di appartenenza; b) fotocopia del codice fiscale del richiedente; c) dichiarazione sostituiva, ai sensi di legge, in cui dovranno essere riportate le seguenti voci: 1) dati anagrafici del videoleso; 2) situazione di famiglia; 3) residenza dell interessato o del genitore qualora il minorato sia minorenne; 4) iscrizione scolastica o universitaria o frequenza di Corsi di qualificazione professionale; 5) reddito annuo percepito, al netto delle detrazioni, dell intero nucleo familiare. L istanza di cui sopra dovrà pervenire a questa Provincia non appena sia stata effettuata l iscrizione scolastica, e comunque entro e non oltre il 31 luglio di ogni anno.

11 11 Per coloro che intendano frequentare i Corsi di qualificazione professionale, di tirocinio pratico o di specializzazione, il termine di accettazione delle domande è prorogato fino al 1 giorno di inizio dei Corsi. Coloro, invece, che intendano frequentare Corsi di laurea dovranno presentare domanda entro il 30 novembre di ogni anno. ART. 15 ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE L istruttoria delle domande è affidata all Ufficio Servizi Sociali, che provvede all esame preliminare e sommario di sussistenza dei presupposti per poter fruire degli interventi socio assistenziali richiesti. Dove da tale esame risulti esclusa in modo non equivoco la competenza assistenziale della Provincia, la domanda verrà archiviata previa comunicazione scritta agli interessati. Nel caso, invece, che dalla documentazione presentata risultino sussistere le condizioni di assistibilità previste dall art. 5 del presente Regolamento, il Servizio Sociale dell Ente valuterà ogni richiesta di intervento socio assistenziale, avvalendosi anche del parere dell esperto tiflologo, e redigerà apposita relazione sociale con relative proposte di intervento. ART. 16 SOSPENSIONE DELL ASSISTENZA DIDATTICA INTEGRATIVA L assistenza didattica integrativa sarà sospesa o revocata nel caso in cui il videoleso interrompa, senza giustificato motivo, la frequenza della scuola pubblica. ************* Il presente Regolamento, che sostituisce il precedente del 1997, potrà essere in qualsiasi momento integrato per quanto in esso non confermato e/o modificato sia per definire più appropriate modalità di intervento in base alle future esigenze di funzionalità ed efficienza del servizio, sia per aggiornare i compensi previsti per il tiflologo e per gli insegnanti incaricati di prestare l assistenza didattico integrativa. Si auspica la collaborazione dell Unione Italiana Ciechi per la realizzazione dei servizi istituiti con il presente Regolamento.

Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014)

Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014) Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014) ****************************** REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA AI CIECHI ED AI SORDI RIEDUCABILI ******************************

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012 E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 BANDO PER

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 83 del 30.09.1997 1/6 SOMMARIO : ARTICOLO 1 - FINALITA DEL

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

SETTORE 4 POLITICHE SOCIALI

SETTORE 4 POLITICHE SOCIALI PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA SETTORE 4 POLITICHE SOCIALI Prot. n.2914/2001 REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI A FAVORE DI NON VEDENTI E NON UDENTI RIEDUCABILI. (L.R. n. 33/91

Dettagli

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Via Vicenza, 7-00185 Roma REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Approvato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

ACCORDO IN TEMA DI PERMESSI STUDIO

ACCORDO IN TEMA DI PERMESSI STUDIO ACCORDO IN TEMA DI PERMESSI STUDIO sottoscritto l 11.12.2007 in Roma 1 Le delegazioni sottoscrivono la seguente ipotesi di accordo: PER L INPS Il Presidente della delegazione trattante Avv.Gian Paolo SASSI

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A STUDENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 52 del 30/10/2009 CAPO

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

Avviso di Concorso Bonus Bebè Cod. 04/2013

Avviso di Concorso Bonus Bebè Cod. 04/2013 Avviso di Concorso Bonus Bebè Cod. 04/2013 800 contributi per bambini nati nell anno 2012, figli a carico di dipendenti del Gruppo Poste Italiane S.p.A. CONCORSO per l assegnazione di 800 contributi di

Dettagli

Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità

Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità I presenti criteri disciplinano l accesso, la gestione e l erogazione degli interventi economici di assistenza sociale

Dettagli

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi.

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Giovani Under 30 svantaggiati L. 99/13 Aziende Interessate Possono accedere al beneficio tutti i datori di lavoro che : -Risultano in regola con obblighi contributivi

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI Approvato con Deliberazione C.d.A. N. 12 del 31/05/2004 REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI PREMESSA La legge n.184 del 4 maggio 1983, così come modificata dalla Legge n.149 del 28 marzo

Dettagli

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE Sommario DICHIARAZIONI DELL AZIENDA 2 N. 1 - Comodo di cassa 2 N. 2 - Interesse sul c/c intestato ai familiari dei dipendenti 2 N. 3 - Prestiti

Dettagli

Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso. Art.1 Premesse

Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso. Art.1 Premesse Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso Art.1 Premesse L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3, comma 3, dello

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA TITOLO I NORME DI CARATTERE GENERALE Articolo 1 Forme di assistenza 1.1. Le forme di assistenza di cui all art. 3, comma 3, dello Statuto e dell art. 32 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO ASSISTENZA AI MINORI RICONOSCIUTI DA UN SOLO GENITORE, ABBANDONATI OD ESPOSTI ALL ABBANDONO SUSSIDI AI DISABILI SENSORIALI

REGOLAMENTO ASSISTENZA AI MINORI RICONOSCIUTI DA UN SOLO GENITORE, ABBANDONATI OD ESPOSTI ALL ABBANDONO SUSSIDI AI DISABILI SENSORIALI Approvato con Deliberazione A.C. N. 16 del 29/11/2007 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE FUNZIONI GIA DI COMPETENZA PROVINCIALE E TRASFERITE AL CISS-CUSIO IN BASE ALLA L.R. 1/2004 IN MATERIA DI ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Regolamento per la concessione di prestiti a breve termine.

Regolamento per la concessione di prestiti a breve termine. Regolamento per la concessione di prestiti a breve termine. (approvato dall Assemblea Consortile il 12.7.96 delibera n. 12 e successivamente modificato con deliberazioni di Assemblea Consortile n. 8 del

Dettagli

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP Legge Legge n. n. 388/00, 388/00, art. art. 80, 80, c. c. 2 D.lgs D.lgs n. n. 151/01, 151/01, art. art. 42, 42, c. c. 5 Legge Legge

Dettagli

Sostegno alla formazione dei giovani artisti. Soggetto competente: Servizio attività culturali.

Sostegno alla formazione dei giovani artisti. Soggetto competente: Servizio attività culturali. 4.d) Sostegno alla formazione dei giovani artisti. Soggetto competente: Servizio attività culturali. 1. FINALITÀ DELL INTERVENTO L intervento ha lo scopo di sostenere la formazione dei giovani, nell ambito

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Chioggia Settore Servizi Sociali CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE allegato C alla deliberazione G.M. n. 163 del 13.04.2001 modificato con D.G. 141 del 28-03-2003

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI approvato con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti In esecuzione della deliberazione della G.P. n. 131 del 9.6.2011, dichiarata immediatamente eseguibile,

Dettagli

REGOLAMENTO PRINCIPI PER LA UTILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI PER ATTIVITA CULTURALI, ASSISTENZIALI E RICREATIVE AL PERSONALE DEL CONSIGLIO REGIONALE.

REGOLAMENTO PRINCIPI PER LA UTILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI PER ATTIVITA CULTURALI, ASSISTENZIALI E RICREATIVE AL PERSONALE DEL CONSIGLIO REGIONALE. REGOLAMENTO PRINCIPI PER LA UTILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI PER ATTIVITA CULTURALI, ASSISTENZIALI E RICREATIVE AL PERSONALE DEL CONSIGLIO REGIONALE. PREMESSO CHE: Il Consiglio regionale, stanzia annualmente

Dettagli

REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D'AOSTE

REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D'AOSTE REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D'AOSTE C O M U N E D I M O R G E X C O M M U N E D E M O R G E X REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA Approvato

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO. Provincia di Catania. Regolamento per la disciplina degli interventi di assistenza economica

COMUNE DI RIPOSTO. Provincia di Catania. Regolamento per la disciplina degli interventi di assistenza economica COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per la disciplina degli interventi di assistenza economica Adottato con deliberazione C.C. n 86 del 13/07/1999 Modificato con deliberazione C.C. n 056

Dettagli

Servizio accoglienza studenti con disabilità Carta dei Servizi (Approvata dal Consiglio di Amministrazione Adunanza Ordinaria Del 22 luglio 2011)

Servizio accoglienza studenti con disabilità Carta dei Servizi (Approvata dal Consiglio di Amministrazione Adunanza Ordinaria Del 22 luglio 2011) Servizio accoglienza studenti con disabilità Carta dei Servizi (Approvata dal Consiglio di Amministrazione Adunanza Ordinaria Del 22 luglio 2011) Art. 1 Principi generali Il Servizio Accoglienza Studenti

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) 1 COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA A FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI INDIGENZA Approvato

Dettagli

COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PREMESSA Il Comune di CARVICO istituisce il SAD Servizio di Assistenza Domiciliare a favore di anziani

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO PARTE I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 OGGETTO Articolo 2 DESTINATARI DEGLI INTERVENTI PARTE II ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Provincia di Cagliari

Provincia di Cagliari Approvato Delib.C.P. n.34 del 4/06/2007 Provincia di Cagliari Regolamento Nidi Provinciale ART.1 PRINCIPI Il presente Regolamento disciplina il funzionamento dei Nidi pedagogici gestiti dalla Provincia

Dettagli

Regolamento per l esercizio del Diritto Allo Studio del Personale Non Dirigente del Comparto Sanità dell Area Vasta Pordenonese

Regolamento per l esercizio del Diritto Allo Studio del Personale Non Dirigente del Comparto Sanità dell Area Vasta Pordenonese Regolamento per l esercizio del Diritto Allo Studio del Personale Non Dirigente del Comparto Sanità dell Area Vasta Pordenonese Art. 1 Premessa Normativa 1. Il presente Regolamento disciplina, con le precisazioni

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio Sede legale: Via Lusardi 26 22017 Menaggio (Co) Sede operativa:

Dettagli

REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali

REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali C O M U N E DI L A N C I A N O SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali

Dettagli

Delibera del Consiglio di Amministrazione n.11 del 16 luglio 2014

Delibera del Consiglio di Amministrazione n.11 del 16 luglio 2014 BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO DI MERITO A.A. 2014/15 Delibera del Consiglio di Amministrazione n.11 del 16 luglio 2014 Determinazione del Direttore del Servizio Assistenziale

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15

Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15 Prot. 2008/A20C 12/05/2015 Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15 BANDO di CONCORSO Assegnazione n. 12 Borse di Studio Il presente concorso, per soli titoli,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI FORMAZIONE. Art. 1 OGGETTO E DEFINIZIONI

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI FORMAZIONE. Art. 1 OGGETTO E DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI FORMAZIONE Art. 1 OGGETTO E DEFINIZIONI Il presente documento individua e disciplina le procedure per l assegnazione di borse di formazione che Porto Conte Ricerche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Art. 1 - DEFINIZIONE L assistenza domiciliare è costituita dal complesso di prestazioni di

Dettagli

Bando di concorso per interventi in favore di studenti disabili

Bando di concorso per interventi in favore di studenti disabili Bando di concorso per interventi in favore di studenti disabili approvato con delibera n. 29 del 16/06/2015 SOMMARIO Interventi in favore di studenti disabili Oggetto art. 1 Destinatari art. 2 Capo I

Dettagli

Regolamento asilo nido Comunale

Regolamento asilo nido Comunale Allegato E CITTA DI OLGIATE COMASCO Provincia di Como TEL.031 994611 FAX 031 944792 Regolamento asilo nido Comunale Approvato con deliberazione di C.C. n. 16 del 15.4.2003 Modificato con deliberazione

Dettagli

IL DIRIGENTE. Art. 1 Oggetto L operatore dovrà svolgere le seguenti prestazioni:

IL DIRIGENTE. Art. 1 Oggetto L operatore dovrà svolgere le seguenti prestazioni: Avviso di selezione pubblica, per titoli, per la creazione dell Albo degli operatori a cui affidare l assistenza specialistica in favore di alunni con disabilità sensoriali e/o psicofisiche frequentanti

Dettagli

In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013

In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013 In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013 AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI PERSONALE DISPONIBILE A SVOLGERE LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PRESSO I

Dettagli

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore)

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore) Criteri e modalità per l attivazione dei tirocini formativi e di orientamento ai sensi dell articolo 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19. Articolo 1 (Oggetto e ambito di applicazione) Nel

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI.

REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI. REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 28 aprile 1997

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI Art. 1. (Istituzione del Servizio) Il presente Regolamento disciplina gli interventi a sostegno della mobilità

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E PROMOZIONE SOCIALE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E PROMOZIONE SOCIALE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E PROMOZIONE SOCIALE 1 INDICE TITOLO I - Principi ispiratori Art. 1 Concetti ispiratori del presente regolamento TITOLO II Servizio Sociale

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E PROMOZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E PROMOZIONE SOCIALE REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E PROMOZIONE SOCIALE INDICE TITOLO I - Principi ispiratori Art. 1 Concetti ispiratori del presente regolamento TITOLO II Servizio Sociale Professionale

Dettagli

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio PROT. 1542 BANDO PER L ATTIVAZIONE Provincia di Olbia DEL Tempio PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA - ANNO 2014. LA RESPONSABILE DEL SETTORE CULTURA, PUBBLICA ISTRUZIONE, SPORT, SPETTACOLO, POLITICHE

Dettagli

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI E DELLE PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL PAGAMENTO DELLA RETTA POSTA

Dettagli

AGENZIA PER Il DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI FIDUCIARI - ANNO ACCADEMICO 2008/2009 - ARTICOLO 1

AGENZIA PER Il DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI FIDUCIARI - ANNO ACCADEMICO 2008/2009 - ARTICOLO 1 AGENZIA PER Il DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI FIDUCIARI - ANNO ACCADEMICO 008/009 - ARTICOLO OGGETTO DEL BANDO. Il presente bando disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 417 del 24 marzo 2015) INDICE Pag. Art. 1 Oggetto 2 Art. 2 Caratteristiche dei corsi 2 Art. 3 Istituzione - attivazione - rinnovo 2 Art.

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CONTRASSEGNO INVALIDI E DELLE CONCESSIONI DI AREE DI PARCHEGGIO RISERVATE AGLI INVALIDI

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CONTRASSEGNO INVALIDI E DELLE CONCESSIONI DI AREE DI PARCHEGGIO RISERVATE AGLI INVALIDI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CONTRASSEGNO INVALIDI E DELLE CONCESSIONI DI AREE DI PARCHEGGIO RISERVATE AGLI INVALIDI Titolo I CONTRASSEGNO PER INVALIDITA Articolo 1 Finalità del Regolamento 1. Il Presente

Dettagli

Disciplinare - tipo Mod. AAC14/15 all. A DISCIPLINARE TIPO

Disciplinare - tipo Mod. AAC14/15 all. A DISCIPLINARE TIPO Disciplinare - tipo Mod. AAC14/15 all. A DISCIPLINARE TIPO per il servizio di assistenza per l autonomia e la comunicazione degli studenti disabili gravi frequentanti le scuole superiori della provincia

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza AVVISO PUBBLICO IL SINDACO rende noto che, ai sensi e per effetto della Delibera di Giunta Comunale n. d Ord. 63

Dettagli

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI Allegato alla Delibera N. 9 del 27/05/2011 NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI CAPO I - CRITERI OMOGENEI DI ACCESSO ALL INTERVENTO Art.

Dettagli

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Istituzione 1. E istituito nel Comune di Brienno il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.). Detto servizio è costituito

Dettagli

Per fruire dell Assegno di Incollocamento devono essere rispettati i seguenti requisiti:

Per fruire dell Assegno di Incollocamento devono essere rispettati i seguenti requisiti: 1 2 Il Comune di Boville Ernica eroga il servizio di assistenza specialistica in favore degli alunni con disabilità frequentanti le scuole primarie e secondarie di primo grado. Tale servizio si realizza

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE COMUNE DI VERBANIA REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AL COSTO DELLA RETTA DI RICOVERO SOCIO ASSISTENZIALE NELL AMBITO DI PERCORSI ASSISTENZIALI INTEGRATI DI

Dettagli

PRESTAZIONI DEL FONDO. 6. Interventi a favore dei dipendenti

PRESTAZIONI DEL FONDO. 6. Interventi a favore dei dipendenti PRESTAZIONI DEL FONDO 6. Interventi a favore dei dipendenti DIPENDENTI: RIDUZIONE - SOSPENSIONE DELL ATTIVITÀ Riduzione - sospensione dell attività lavorativa Contratti di solidarietà Malattia di lunga

Dettagli

CITTA DI CONEGLIANO (PROVINCIA DI TREVISO)

CITTA DI CONEGLIANO (PROVINCIA DI TREVISO) CITTA DI CONEGLIANO (PROVINCIA DI TREVISO) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE - Approvato con del. C.C. n. 12-65 del 13.12.2007, pubblicata il 4.01.2008; - Data entrata in vigore: 4.01.2008.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 31 dicembre 2008 - Deliberazione N. 2111 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria Disciplina dei ricoveri in Italia o allo Estero e

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO Pagina 1 di 13 LEGGE 21 gennaio 2004 n.5 REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare la seguente

Dettagli

BIENNIO 2014 2015. Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013

BIENNIO 2014 2015. Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013 Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135

Dettagli

C O M U N E D I BURCEI

C O M U N E D I BURCEI C O M U N E D I BURCEI Provincia di Cagliari BANDO DI CONCORSO Per la concessione di: - contributi a sostegno delle spese sostenute dalle famiglie per l istruzione nell anno scolastico 2013/2014 (legge

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI COMUNE DI CASINA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA P.zza IV Novembre, 3-42034 CASINA (Reggio Emilia) Tel. 0522/604711 - Telefax 0522/609464 - P.IVA 00447820358 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO SERVIZI SOCIALI INDICE Art. 1: OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 3 Art. 2: INTERVENTI E PRESTAZIONI... 3 Art. 3: AMBITO DI APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA...

Dettagli

Università degli Studi di Pavia

Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Pavia SERVIZIO SEGRETERIE STUDENTI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA A.A. 2011/2012 PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA LA CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA E COSTITUITA DA UNA PARTE

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 30 Marzo

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AGLI STUDENTI UNIVERSITARI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. approvato con delibera n.

BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AGLI STUDENTI UNIVERSITARI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. approvato con delibera n. BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AGLI STUDENTI UNIVERSITARI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA approvato con delibera n. 33 dell 8/06/2010 Prestiti SOMMARIO Prestiti fiduciari Oggetto art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI MENSA E TRASPORTO SCOLASTICI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.37 del 05/08/2011 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 25 del 29/09/2004 Parte Prima - INTRODUZIONE ART. 1- DEFINIZIONE Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

COMUNE DI RHO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSITENZA DOMICILIARE E DEI VOUCHER ASSISTENZIALI PER ANZIANI

COMUNE DI RHO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSITENZA DOMICILIARE E DEI VOUCHER ASSISTENZIALI PER ANZIANI COMUNE DI RHO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSITENZA DOMICILIARE E DEI VOUCHER ASSISTENZIALI PER ANZIANI Approvato con Deliberazione Commissariale di Consiglio Comunale n. 97 del 29/03/2011

Dettagli

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S.

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. REGOLAMENTO MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 13 del 22-12-2014

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463.

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463. L. 162/98 Anno di presentazione Piani presentati Piani finanziati Piani esclusi Costo annuale 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco allegato alla deliberazione dell Assemblea consortile n. 13 del 18.12.2009 C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco REGOLAMENTO SUI CRITERI PER LA COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE N.

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE N. ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 99 d'ord. DEL 22.07.2002 REGOLAMENTO di attuazione degli interventi in materia di assistenza scolastica e diritto allo studio ex Art. 28, 1 comma L.R. 09.03.1988

Dettagli

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E LA CONCESSIONE DI ASSEGNI DI STUDIO NEL SETTORE DELL'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ED ARTISTICA, SCUOLA MEDIA INFERIORE,

Dettagli

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Torino, 11 novembre 2013 Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Prestazioni Assistenziali a favore dei Dottori Commercialisti In caso di Gravidanza: -Indennità di maternità -Interruzione

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 All. A AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 IL RESPONSABILE AREA SERVIZI ALLA PERSONA In attuazione della deliberazione di Giunta Comunale n. 6 del 15/07/2015 e della determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO FAMIGLIE - APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Azzano San Paolo Assessorato Pubblica Istruzione P.zza IV nov. Tel. 035/530130 Fax 035/530073 C.F./IVA n. 00681530168 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA Comune di Castel Maggiore (Provincia di Bologna) CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA INDICE - I servizi di aiuto e sostegno alla persona nel sistema locale dei servizi sociali a rete - I

Dettagli

SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA

SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA TRACCE DI RISPOSTE AI QUESITI RICORRENTI A CURA DI IVONNE ALBANI (Aggiornato a Giugno 2000) La malattia mentale coinvolge

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO SULLA COMPARTECIPAZIONE DA PARTE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI D ASSISTENZA DOMICILIARE, PASTI A DOMICILIO E RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

Dettagli