COMUNE DI POGGIO RENATICO PROVINCIA DI FERRARA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE/PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI POGGIO RENATICO PROVINCIA DI FERRARA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE/PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2014"

Transcript

1 COMUNE DI POGGIO RENATICO PROVINCIA DI FERRARA Responsabile: Geom. Gianni Rizzioli Elenco Progetti/obiettivi 2014 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE/PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI ANNO ^ AREA: Gestione del Territorio N. DESCRIZIONE PROGETTI/OBIETTIVI Punti 1 Attività di revisione completa degli strumenti urbanistici comunali a seguito dell entrata in vigore delle disposizioni di cui alla L.R. 15/13 inerenti la semplificazione in materia edilizia, comprensiva di adempimenti correlati quali formazione personale interno interessato ed informazione ad utenti esterni. Max 20 2 Installazione nuovo sotfware per il SUE integrato con SUAP nell ambito del programma di sviluppo del sistema informativo comunale tendente ad unificare i procedimenti amministrativi, anche di recente introduzione, mediante l utilizzo di applicativi integrati facenti parte di un unica software house. Obiettivo trasversale con Area AA.GG.. Max 12 3 Installazione nuovo sotfware per il Servizio Tributi nell ambito del programma di sviluppo del sistema informativo comunale tendente ad unificare i procedimenti amministrativi, anche di recente introduzione, mediante l utilizzo di applicativi integrati facenti parte di un unica software house. Obiettivo trasversale con Area AA.GG.. Max 12 4 Attività inerente l assegnazione di contributi regionali per la riparazione dei danni agli edifici privati causati dal sisma 2012, comprensiva dell aggiornamento delle procedure introdotte da nuove disposizioni normative. 1 Max 10

2 5 Trasmissione ai fini della implementazione del sito internet dell ente, di atti amministrativi e informazioni fondamentali per i cittadini connessi alla trasparenza amministrativa di cui al D.Lgs 33/2013 relativi all area di appartenenza e monitoraggio tempi procedimentali. Max 5 6 Pianificazione in collaborazione con il Responsabile Anticorruzione di corsi di formazione per il personale dipendente con riferimento alle disposizioni normative di cui alla legge 190/2012 e Piano comunale anticorruzione. Max 1 7 Rispetto protocolli di legalità ed integrità in merito alle procedure di gara, di affidamento incarichi e procedure concorsuali, con riferimento in particolare al codice di comportamento dei dipendenti pubblici, e vigilanza attuazione disposizioni in materia di incompatibilità e inconferibilità di incarichi. Max 5 TOTALE Max 65 N.B. Si veda l allegato al verbale n. 1/2002 del Nucleo di Valutazione Metodologie di valutazione dei risultati, dove vengono attribuiti Max 65 punti per i risultati conseguiti dai Responsabili di Area Max 10 punti vengono attribuiti per le qualità personali e Max 25 punti per la capacità di gestire risorse umane e tecnologiche. 2

3 OBIETTIVI/PROGETTI: RISORSE UMANE IN DOTAZIONE IMPIEGATE NEL PROGETTO/OBIETTIVO PROFILO PROFESSIONALE COGNOME/NOME CATEGORIA UNITA ISTRUTTORE DIRETTIVO RESPONSABILE DI AREA Rizzioli Gianni D 1 ISTRUTTORE DIRETTIVO TECNICO Daniela Palazzini D 1 ISTRUTTORE AMMINISTRATIVO Natali Claudia C 1 ISTRUTTORE TECNICO Pedriali Sara C 1 ISTRUTTORE TECNICO Baraldini Enrico C 1 (assegnazione temporanea SRS) ESECUTORE AMMINISTRATIVO Piccinini Patrizia B 1 (assegnazione temporanea SRS) ISTRUTTORE AMMINISTRATIVO Ronchi Daniela C 1 (assegnazione temporanea SRS) N. PROGETTO/OBIETTIVO INDICATORE DI RISULTATO VALORE DELL INDICATORE 1 Attività di revisione completa degli Tale progetto/obiettivo per l anno 2014 è posto in funzione strumenti urbanistici comunali a seguito dell emanazione da parte della Regione Emilia- Romagna di vari studio, analisi, formazione e dell entrata in vigore delle disposizioni di Atti di coordinamento tecnico redatti ai sensi della Legge Regionale redazione proposta cui alla L.R. 15/13 inerenti la n. 15/2013 inerente la semplificazione in materia edilizia. Si modifica di regolamenti e semplificazione in materia edilizia, estrinseca nello studio e partecipazione a corsi di formazione in norme comunali. comprensiva di adempimenti correlati merito, ai fini di predisporre internamente senza incarichi a quali formazione personale interno professionisti esterni, tutte le modifiche necessarie ai vigenti interessato ed informazione ad utenti esterni. strumenti edilizi-urbanistici. Il progetto proseguirà anche nel 2015 con minor impatto limitandosi alla approvazione della proposta di modifica di regolamenti e norme comunali in materia, successiva pubblicazione sul sito istituzionale e informazione agli operatore del settore, ferma restando l eventuale introduzione di ulteriori 2 Installazione nuovo sotfware per il SUE integrato con SUAP nell ambito del programma di sviluppo del sistema informativo comunale tendente ad unificare i procedimenti amministrativi, anche di recente introduzione, mediante adempimenti normativi. necessità di modificare i software esistenti per il SUE e SUAP per adeguarli alle recente variazioni normative, individuando nell ambito di un programma di sviluppo del sistema informativo comunale tendente ad unificare i procedimenti amministrativi mediante l utilizzo di applicativi integrati facenti parte di un unica 3 individuazione della software house, regolare impegno di spesa, trascodifica dati presenti su software da sostituire.

4 l utilizzo di applicativi integrati facenti parte di un unica software house. Obiettivo trasversale con Area AA.GG.. 3 Installazione nuovo sotfware per il Servizio Tributi nell ambito del programma di sviluppo del sistema informativo comunale tendente ad unificare i procedimenti amministrativi, anche di recente introduzione, mediante l utilizzo di applicativi integrati facenti parte di un unica software house. Obiettivo trasversale con Area AA.GG.. 4 Attività inerente l assegnazione di contributi regionali per la riparazione dei danni agli edifici privati causati dal sisma 2012, comprensiva dell aggiornamento delle procedure introdotte da nuove disposizioni normative. 5 Trasmissione ai fini della implementazione del sito internet dell ente, di atti software house. Le operazioni da porre in essere, in collaborazione con il Servizio Informatico del Comune, consistono nell individuazione della software house, regolare impegno di spesa, trascodifica dati presenti su software da sostituire, formazione del personale comunale addetto all uso dei software. Il progetto proseguirà anche nel 2015 con minor impatto limitandosi alla formazione del personale. necessità di modificare il software esistente per il Servizio Tributi per adeguarlo alle recente variazioni normative, individuando nell ambito di un programma di sviluppo del sistema informativo comunale tendente ad unificare i procedimenti amministrativi mediante l utilizzo di applicativi integrati facenti parte di un unica software house. Le operazioni da porre in essere, in collaborazione con il Servizio Informatico del Comune, consistono nell individuazione della software house, regolare impegno di spesa, trascodifica dati presenti su software da sostituire, formazione del personale comunale addetto all uso dei software. Il progetto proseguirà anche nel 2015 con minor impatto limitandosi alla formazione del personale. necessità di proseguire nelle attività straordinarie poste in essere dagli eventi sismici del maggio 2012 con particolare riferimento all assegnazione di contributi regionali per la riparazione dei danni agli edifici privati. L attività da porre in essere si estrinseca nello studio e partecipazione a corsi di formazione in merito alle recenti modifiche introdotte alle ordinanze commissariali che regolano l assegnazione di contributi, conseguente emanazione degli atti di competenza per l assegnazione contributi, nonché la gestione di tali pratiche fino alla conclusione dei procedimenti. Il progetto, stante lo stato di emergenza, si svilupperà con le medesime attività sia qualitative che quantitative anche nel Trasmissione tempestiva al Responsabile della Trasparenza del Comune degli atti che ai sensi del D.Lgs 33/2013 debbono 4 individuazione della software house, regolare impegno di spesa, trascodifica dati presenti su software da sostituire. studio, analisi, formazione ed evasione delle pratiche pervenute nel rispetto delle norme vigenti Massima tempestività e comunque rispetto dei

5 amministrativi e informazioni fondamentali per i cittadini connessi alla trasparenza amministrativa di cui al D.Lgs 33/2013 relativi all area di appartenenza e monitoraggio tempi procedimentali 6 Pianificazione in collaborazione con il Responsabile Anticorruzione di corsi di formazione per il personale dipendente con riferimento alle disposizioni normative di cui alla legge 190/2012 e Piano comunale anticorruzione. 7 Rispetto protocolli di legalità ed integrità in merito alle procedure di gara, di affidamento incarichi e procedure concorsuali, con riferimento in particolare al codice di comportamento dei dipendenti pubblici, e vigilanza attuazione disposizioni in materia di incompatibilità e inconferibilità di incarichi. alimentare la sezione Amministrazione Trasparente del sito comunale nonché le altre sezioni del sito interessate alla pubblicazione degli atti amministrativi di pertinenza dell area. Partecipazione a corsi di formazione dei dipendenti comunali in materia di anticorruzione, da attuare in collaborazione con il Responsabile Anticorruzione. Dare attuazione ai protocolli di legalità in occasione delle procedure di gara, di conferimento di incarichi e procedure di selezione del personale e concorsuali, facendo sempre sottoscrivere il codice di comportamento dei dipendenti pubblici e facendo sottoscrivere le dichiarazioni di incompatibilità e inconferibilità degli incarichi medesimi. Indicazione in tutti gli atti amministrativi del responsabile di procedimento ponendo la massima attenzione alla conclusione dei procedimenti nei tempi indicati in ciascuna fase di procedimento, eliminando eventuali anomalie riscontrate prima dell adozione di atti finali e della pubblicazione degli stessi. tempi indicati dalle norme di riferimento. Numero corsi organizzati e dipendenti coinvolti. Attuazione periodica e per ogni atto amministrativo adottato che presenti rischio di corruzione Il Responsabile Area Gestione del Territorio Geom. Gianni Rizzioli 5

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA Piano Anticorruzione Pianoro Centro SpA 2015-2017 Indice Premessa..... 2 Attività ed Organizzazione Aziendale 4 Referenti.. 5 Compiti operativi del Responsabile 5 Aree di rischio. 5 I Controlli 6 La Trasparenza...

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n. 16 del 15/05/2013 OGGETTO: Esame ed approvazione del Piano triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione (legge 190 del 06.11.2012). IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che ai sensi dell art.

Dettagli

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 C O M U N E DI A L I M E N A Provincia di Palermo * -------------------------------- -------------------------------- P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 Adottato dalla Giunta

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Piano Triennale di prevenzione della corruzione per il periodo 2015/2017 1/ 9 ART. 1 - Premessa COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Il Piano Triennale della prevenzione della corruzione si applica al Comune

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

ALLEGATO "A" PIANO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016

ALLEGATO A PIANO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016 1. Rendere pubblici tutti i contributi erogati con identificazione del beneficiario, nel rispetto delle regole della tutela della riservatezza; 2.Predisposizione di linee guida operative, 2. Introduzione

Dettagli

Comune di Pompiano. (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione. (Legge 6 novembre 2012, n.

Comune di Pompiano. (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione. (Legge 6 novembre 2012, n. Comune di Pompiano (Provincia di Brescia) Piano Triennale 2013-2015 di prevenzione della corruzione (Legge 6 novembre 2012, n. 190) ART. 1 Premessa e finalità del Piano di Prevenzione della Corruzione

Dettagli

COMUNE di VERZUOLO Provincia di CUNEO

COMUNE di VERZUOLO Provincia di CUNEO SCHEDA N 1 Art. 53 comma 16 ter D.Lgs. 165/2001 Nei mesi di marzo, giugno, ottobre i responsabili di posizione organizzativa inviano al Responsabile Anticorruzione apposita comunicazione con la quale danno

Dettagli

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Z.I.T.A.C. S.p.A. Zona Industriale Tecnologica Artigianale del Cittadellese Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Prima applicazione 2014-2016 Proposto

Dettagli

COMUNE DI FORLÌ SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PROGETTAZIONE ESECUZIONE OP. DETERMINAZIONE N. 673 del 02/04/2015

COMUNE DI FORLÌ SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PROGETTAZIONE ESECUZIONE OP. DETERMINAZIONE N. 673 del 02/04/2015 FASCICOLO 2009/06.05/43 1 COMUNE DI FORLÌ SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PROGETTAZIONE ESECUZIONE OP DETERMINAZIONE N. 673 del 02/04/2015 OGGETTO: INCARICO PROFESSIONALE DI CUI AL CONTRATTO REP. GEN. N. 27026/2004

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso PIANO TRIENNALE PROVVISORIO PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1126/2011 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Mercoledì 27 del mese di Luglio dell' anno 2011 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Federazione Ordini Farmacisti Italiani 00185 ROMA VIA PALESTRO, 75 TELEFONO (06) 4450361 TELEFAX (06) 4941093 CODICE FISCALE n 00640930582

Dettagli

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano PIANO DELLE AZIONI 2015 Gennaio 2015 Il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2014-2016 ( di seguito anche PTPC o Piano) dell'agenzia

Dettagli

PIANO DI DETTAGLIO DEGLI OBIETTIVI

PIANO DI DETTAGLIO DEGLI OBIETTIVI PIANO DI DETTAGLIO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2014 Area Funzionale 2^ Codifica 02 PROGRAMMI Servizi 1) Adeguamento alle norme del D.L. 33/2013 e predisposizione materiale previsto dal D.L. per la pubblicazione

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 Indice Premessa Art. 1 La strategia nazionale di prevenzione della corruzione Art. 2 Il Piano triennale di prevenzione della

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 50 in data 30/06/2008 Proposta n. 52 Oggetto: ADOZIONE DELLA SESTA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO ED EDILIZIO (RUE) VIGENTE. (LEGGE REGIONALE 24.03.2000 N. 20 E SUCC. MOD., ARTT. 29 E 33) E presente

Dettagli

SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità. Ing. Vania Passarella

SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità. Ing. Vania Passarella SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità Ing. Vania Passarella RICOSTRUZIONE POST SISMA: Regolata dalle Ordinanze del Commissario Delegato per la Ricostruzione collegate all esito di

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di POGGIO RENATICO Provincia di Ferrara DELIBERAZIONE N. 75 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI TRA IL COMUNE DI POGGIO RENATICO E

Dettagli

SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI. Programma per la Trasparenza e l'integrità

SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI. Programma per la Trasparenza e l'integrità SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI N. 1 Sotto-sezione di 1 livello Disposizioni generali Sotto-sezione di 2 livello Norma di riferimento Servizio/Responsabile

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERA N. 39 DEL 30.1.2014-OGGETTO: UOC GESTIONE DEL PERSONALE APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DELL AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA. Deliberazione del Consiglio Comunale. N. 9 del 26/02/2014

COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA. Deliberazione del Consiglio Comunale. N. 9 del 26/02/2014 COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale N. 9 del 26/02/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA VARIANTE IN CORSO D OPERA AL PROGETTO DI EDIFICIO RESIDENZIALE

Dettagli

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE Allegato A al piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del

Dettagli

ART. 2 Mappatura del rischio ed individuazione delle attività

ART. 2 Mappatura del rischio ed individuazione delle attività Piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012) ART. 1 premessa a) il piano della prevenzione della corruzione si applica al Comune ai sensi del comma LIX dell art. 1 legge 190/2012

Dettagli

LIVELLO DI RISCHIO ATTIVITÀ A RISCHIO SETTORI A RISCHIO MISURE DI PREVENZIONE

LIVELLO DI RISCHIO ATTIVITÀ A RISCHIO SETTORI A RISCHIO MISURE DI PREVENZIONE 1 ATTIVITÀ A Erogazione sovvenzioni, contributi e sussidi SETTORI A Servizi alla persona/ sport, spettacolo LIVELLO DI PROCEDIMENTI E RELATIVI FATTORI DI BASSO Motivazione generica e discrezionali Negligenza

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA ANCE IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA 2015 SCIA DIA PDC CILA CIL D i r e z i o n e L e g i s l a z i o n e M e r c a t o P r i v a t o a g g i o r n a t o a l 1 7 m a r

Dettagli

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese SEGRETERIA GENERALE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ESERCIZIO 2013

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese SEGRETERIA GENERALE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ESERCIZIO 2013 Allegato alla delib. G.C. n. 118/2013 COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese SEGRETERIA GENERALE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ESERCIZIO 2013 Il Piano delle Risorse e degli Obiettivi viene adottato

Dettagli

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 Approvato con deliberazione commissariale, adottata con i poteri della Giunta Comunale n. 28 del 04.03.2014

Dettagli

PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA

PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA ENTE DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DELL AREA METROPOLITANA DI TORINO Sede legale: Viale C. Emanuele II, 256 10078 Venaria Reale (TO) - P.I. 01699930010 - tel. 011 4993311 fax 011 4594352 PIANO PROVVISORIO

Dettagli

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 INDICE 1. PREMESSA... - 3-2. L ATTIVITÀ SVOLTA DALLA FONDAZIONE INGM... - 4-3. INDIVIDUAZIONE DELLE

Dettagli

Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014

Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014 IL COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DEL DPCM DEL 25/8/2014 Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014 Proroga dell accordo tra la Regione Emilia-Romagna e la Regione Piemonte per la realizzazione e gestione delle

Dettagli

Comune di San Zeno di Montagna

Comune di San Zeno di Montagna Comune di San Zeno di Montagna Provincia di Verona - Ufficio Tecnico Comunale - Sede : Contrada Ca Montagna, 11-37010 San Zeno di Montagna (VR) Partita I.V.A.- C.F. : 00414190231 - Tel. 045/728.59.55-728.50.17

Dettagli

Provincia di Bari Il Segretario Generale Vicario

Provincia di Bari Il Segretario Generale Vicario Provincia di Bari Il Segretario Generale Vicario Piano Triennale Trasparenza ed Integrità 2014 2016 Pagina 1 di pagine 19 Premessa La legge 6 novembre 2012, n. 190, di seguito legge, ha introdotto per

Dettagli

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 Realizzazione Palestre

Dettagli

ENTE PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO

ENTE PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO ENTE PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO Qui proteggiamo natura e cultura Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Anno 2012-2014 (Attuazione dell art. 11 comma 8, lett. a) D.Lgs. 27 ottobre 2009

Dettagli

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania )

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art.11 comma 2 del D.Lgs.vo 27/10/2009 n.150) Il presente documento si pone l obiettivo di fornire

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA (ALLEGATO AL PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE) ANNI 2014 2015 2016 PARTE I Introduzione 1.1 Organizzazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) 2015 2017 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre 2012, n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Capo I Disposizioni generali

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Capo I Disposizioni generali PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Capo I Disposizioni generali Art. 1 Responsabile per la prevenzione della corruzione 1. Il Responsabile per la prevenzione

Dettagli

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa RELAZIONE ANNUALE, A CURA del RESPONSABILE dell ANTICORRUZIONE, ai SENSI dell ART. 1, co. 14, della L. 190/2012, SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DI MILANO RISTORAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE

PROVINCIA DI VICENZA SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE PROVINCIA DI VICENZA SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE Contrà Gazzolle n. 1 36100 VICENZA Tel. 0444.908143 - Fax 0444.908541- C. Fisc. P. IVA 00496080243 Indirizzo posta elettronica: segreteria.direzione@provincia.vicenza.it

Dettagli

OBIETTIVI ANNO 2014 AREA 1 SERVIZI COINVOLTI E DI SUPPORTO. Emissione avvisi di accertamento. Ufficio Tributi e Area 5

OBIETTIVI ANNO 2014 AREA 1 SERVIZI COINVOLTI E DI SUPPORTO. Emissione avvisi di accertamento. Ufficio Tributi e Area 5 OBIETTIVI ANNO 2014 AREA 1 N. 1 Area 1 RECUPERO EVASIONE ICI- attività di recupero evasione sulle aree fabbricabili. Predisposizione atti di approvazione dei criteri e delle stime del valore delle aree

Dettagli

COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA DETERMI NAZI ONE DEL S ETTORE: Servizio Lavori Pubblici. Nr. Progr. Data: Proposta. Copertura Finanziaria

COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA DETERMI NAZI ONE DEL S ETTORE: Servizio Lavori Pubblici. Nr. Progr. Data: Proposta. Copertura Finanziaria COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA C O P I A DETERMI NAZI ONE DEL S ETTORE: Servizio Lavori Pubblici SERVIZIO TECNICO LAVORI PUBBLICI - NOMINA RESPONSABILI DEL PROCEDIMENTO Nr. Progr Data: Proposta

Dettagli

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015

Dettagli

ENTE PARCO REGIONALE DEL PARTENIO Via Borgonuovo, 25-83010 - SUMMONTE (AV)

ENTE PARCO REGIONALE DEL PARTENIO Via Borgonuovo, 25-83010 - SUMMONTE (AV) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ TRIENNIO 2014-2015-2016 Premessa ( D.Leg.vo n. 150/2009 D. Leg.vo n. 33/2013) Le novità normative nell ambito del progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA Legge regionale sulla semplificazione e trasparenza amministrativa Tempi certi e più brevi per la conclusione dei procedimenti (art.2) Tempi certi e più brevi per la conclusione dei procedimenti(art.2)

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI Prot. n. 3722 REGISTRO ON-LINE ATTO UNICO N. 6 DEL 02/02/2015 Il rilascio del presente atto è condizionato all accertamento dell avvenuto pagamento con bonifico bancario di

Dettagli

Azienda di Servizi alla Persona

Azienda di Servizi alla Persona Azienda di Servizi alla Persona AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO RELATIVO A SERVIZI CONTABILI E DI CONSULENZA FISCALE ART. 1 Indizione dell avviso L ASP CASA VALLONI indice un avviso

Dettagli

ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO

ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO Alla Giunta OGGETTO: F.P. Avviso Pubblico per la presentazione

Dettagli

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini I risultati della misurazione nazionale nel settore edilizia L attività di misurazione degli oneri nel settore dell edilizia è stata realizzata nel 2012

Dettagli

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2016 APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 9 DEL 31/01/2014

Dettagli

Piano Anticorruzione It.City S.p.A.

Piano Anticorruzione It.City S.p.A. Piano Anticorruzione It.City S.p.A. 2014 2016 Indice Premessa... 2 Organizzazione... 4 Referenti... 5 Compiti operativi dei Referenti... 7 Aree di rischio... 8 I Controlli... 9 La Trasparenza... 10 Codice

Dettagli

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DELL'AREA SERVIZI E RISORSE TERRITORIALI

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DELL'AREA SERVIZI E RISORSE TERRITORIALI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DELL'AREA SERVIZI E RISORSE TERRITORIALI Le informazioni per i procedimenti in corso sono reperibili presso il responsabile del procedimento ai recapiti indicati nel sito internet

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Premessa Il Consorzio è stato costituito ai sensi dell art. 31 del T.U di cui al D.Lgs 267/2000

Dettagli

Repubblica Italiana COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna

Repubblica Italiana COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna Repubblica Italiana COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna Copia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 55 Data Seduta 05/06/2015 OGGETTO: ORDINANZA COMMISSARIALE REGIONALE N. 20/2015. "DISPOZIONI IN

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Triennio 2015-2017 E PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015-2017 Allegato alla Deliberazione di G.C. n.

Dettagli

Ordinanza n. 5 del 30 Gennaio 2013

Ordinanza n. 5 del 30 Gennaio 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 5 del 30 Gennaio 2013 Istituzione Nuclei

Dettagli

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Allegato B alla deliberazione di Giunta comunale n. 010 del 28.01.2015 Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del Responsabile

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 37 del 17 03 2015 8883 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 209 D.P.R. N.380/2001. Modulistica di riferimento per i procedimenti relativi

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza 2015-2017

Programma Triennale per la Trasparenza 2015-2017 Delibera 2015/0000003 del 28/01/2015 (Allegato) Pagina 1 di 14 all. n.2 Programma Triennale per la Trasparenza 2015-2017 G E N N A I O 2015 1 Delibera 2015/0000003 del 28/01/2015 (Allegato) Pagina 2 di

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNIO 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNIO 2014/2016 Allegato A alla deliberazione di G.C. n. 16 del 29/01/2014 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNIO 2014/2016 ART. 1 PREMESSA 1. Il Piano della prevenzione della corruzione si applica ai Comuni ai

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di Firenze

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di Firenze DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 3 del 22-01-15 ORIGINALE Oggetto: APPROVAZIONE PIANO PER LA PREVENZIONE DELLA CORRU= ZIONE 2015/2017 E RELATIVI ALLEGATI. L'anno duemilaquindici il giorno ventidue

Dettagli

Provincia di Crotone PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

Provincia di Crotone PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Provincia di Crotone PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Approvato con D.G.P. n. 36 del 20/03/2014 INDICE 1. PREMESSA... pag. 1 2. ORGANIZZAZIONE E FUNZIONE DELL ENTE... // 3

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014 PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014 alla quale partecipano i Signori: GHERGHETTA Enrico Presidente P ČERNIC

Dettagli

Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve

Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve (Approvato con Deliberazione della Giunta n. 8 del 30/12/2010) (Modificato con Deliberazioni della

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

Oggetto: Selezione Biologo per raccolta, elaborazione e archiviazione dati della ricerca scientifica: affidamento al dott. Francesco Ferretti

Oggetto: Selezione Biologo per raccolta, elaborazione e archiviazione dati della ricerca scientifica: affidamento al dott. Francesco Ferretti DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE COPIA N. 32 DEL 23-02-2015 Oggetto: Selezione Biologo per raccolta, elaborazione e archiviazione dati della ricerca scientifica: affidamento al dott. Francesco Ferretti DIREZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014-2016 CMV Servizi s.r.l. Adottato dal Consiglio di Amministrazione in data 31 gennaio 2014 (ratificato nel C.di A di CMV Servizi s.r.l.

Dettagli

C O M U N E D I V O G H I E R A

C O M U N E D I V O G H I E R A COPIA DELIBERAZIONE N. 122 C O M U N E D I V O G H I E R A (Provincia di Ferrara) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO AFFIDAMENTO "IN HOUSE PROVIDING" AD AREA SPA DEI PUBBLICI SERVIZI

Dettagli

Come fare per. Box 1 : esempio di dati incompleti. Sono stati pubblicati i procedimenti relativi a due. Premessa

Come fare per. Box 1 : esempio di dati incompleti. Sono stati pubblicati i procedimenti relativi a due. Premessa 1 Come fare per Premessa Ancora oggi per i cittadini e per le imprese risulta particolarmente difficile reperire dai siti istituzionali delle amministrazioni pubbliche le informazioni sulle attività e

Dettagli

DETERMINAZIONE DELL AMMINISTRATORE UNICO N. 159 DEL 21 LUGLIO 2015

DETERMINAZIONE DELL AMMINISTRATORE UNICO N. 159 DEL 21 LUGLIO 2015 DETERMINAZIONE DELL AMMINISTRATORE UNICO N. 159 DEL 21 LUGLIO 2015 OGGETTO: TANGENZIALE ALLA S.S. N. 7 "APPIA" NEL COMUNE DI CISTERNA DI LATINA E S.R. 156 - VARIANTE DELLA S.R. DEI MONTI LEPINI. LAVORI

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ai sensi della L. 190/2012 Allegato 2 Revisione del 20/10/2014 Pagina 1 di 6 ALLEGATO 2 - PIANO 2014 D IMPLEMENTAZIONE DELLE MISURE TRASVERSALI E SPECIFICHE 1 PIANO

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO IN IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. ASSISTITO dall Avv. Donata Guaia con funzioni di segretario;

TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO IN IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. ASSISTITO dall Avv. Donata Guaia con funzioni di segretario; TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO IN ISTITUTO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO ASSISTITO dall Avv. Donata Guaia con funzioni di segretario; VISTA la L.R. n.12/63 e successive modifiche e

Dettagli

Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA

Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIO EMILIA Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA I.D. n. 238 in data 20-09-2011 P.G. n. 16673 L'anno duemilaundici addì 20-venti- del mese settembre alle ore

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO. Data di nascita 13 febbraio 1970

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO. Data di nascita 13 febbraio 1970 CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO Data di nascita 13 febbraio 1970 Responsabile Area Tecnica e Tecnico Manutentiva del Comune di Lombardore (posizione D2) Tel. Ufficio:

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Determinazione Dirigenziale n. 1637 del 21.10.2014 Centro di Responsabilità 68 Centro di Costo 61 Pratica n. 3311906 del 21.10.

COMUNE DI RIMINI Determinazione Dirigenziale n. 1637 del 21.10.2014 Centro di Responsabilità 68 Centro di Costo 61 Pratica n. 3311906 del 21.10. Centro di Responsabilità 68 Centro di Costo 61 Pratica n. 3311906 del 21.10.2014 Oggetto: Convenzione per il conferimento di incarico per servizi in economia allo Studio Tecnico Associato GEOGRAPHIC per

Dettagli

RMIC8FA00B@PEC.ISTRUZIONE. IT

RMIC8FA00B@PEC.ISTRUZIONE. IT MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA DEL CASALE DEL FINOCCHIO, 56 C.M. RMIC8FA00B C.F. 97713530588 Via del

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

Web: www.ersucam.it - E-mail: ersu.camerino@ersucam.it - PEC: ersu.camerino@_emarche.it

Web: www.ersucam.it - E-mail: ersu.camerino@ersucam.it - PEC: ersu.camerino@_emarche.it ERSI! di Camerino PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 ( A CARATTERE PROVVISORIO) Art.1 Oggetto 1.1. Il Piano della prevenzione della corruzione (di seguito denominato "Piano") si

Dettagli

STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 01-014 (Aggiornamento Tecnico 014 del 30 SETTEMBRE 013) Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale delle informazioni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di POGGIO RENATICO Provincia di Ferrara DELIBERAZIONE N. 149 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: POLIZZE ASSICURATIVE ANNO 2007 L anno duemilasei addì sette del mese di Dicembre

Dettagli

SCHEDA 1 MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE

SCHEDA 1 MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del Responsabile del servizio competente in apposta banca dati dell Ente. SCHEDA

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Via Napoli, n.3-00045 GENZANO DI ROMA Tel.06121125600

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Indirizzo ufficio PANCOTTO FRANCESCO VIA MARCONI 15 32012 FORNO DI ZOLDO (TV) ITALIA Telefono ufficio +39.0437.796018 Fax

Dettagli

Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014

Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014 Smontaggio e deposito

Dettagli

Le aree e le attività a più elevato rischio di corruzione

Le aree e le attività a più elevato rischio di corruzione 1 SETTORE AFFARI GENERALI SERVIZIO RISORSE UMANE Anagrafe delle prestazioni Omessa segnalazione, omessa verifica di eventuali incompatibilità Assunzioni art. 110 D.lgs 267/2000 mancanza di una normativa

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE 2013/4047 Modalità di fruizione del credito d imposta, in caso di accesso al finanziamento agevolato, per gli interventi di riparazione, ripristino o ricostruzione di immobili di edilizia abitativa e ad

Dettagli

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PER LE QUALI E PREVISTO IL RICORSO A CONTRATTI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA ASSESTATO

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PER LE QUALI E PREVISTO IL RICORSO A CONTRATTI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA ASSESTATO PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PER LE QUALI E PREVISTO IL RICORSO A CONTRATTI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA ASSESTATO ART. 3 COMMA 55 LEGGE 24 DICEMBRE 2007, N. 244 A INDIVIDUAZIONE AREE E MATERIE NELLE QUALI E

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 546 del 22/10/2014 Proposta: DAL/2014/566 del 22/10/2014 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI PREDAIA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI PREDAIA PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI PREDAIA PROVINCIA DI TRENTO Via Simone Barbacovi, 4-38012 Frazione Taio Tel. 0463-468114 Fax 0463-468521 e-mail comune@comune.predaia.tn.it pec: comune@pec.comune.predaia.tn.it Decreto n. 136

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 22/07/2014

Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 22/07/2014 Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 22/07/2014 OGGETTO : ATTO DI COORDINAMENTO TECNICO REGIONALE, APPROVATO CON DGR N. 76DEL 2014, AI SENSI DELL`ART. 12 L.R. 15/2013 SUI CRITERI DI

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ombretta Perolio Indirizzo Piazza Municipio, 16 - SALUGGIA ( Vc ) Telefono 0161-480112 int. 5 Fax 0161-480202

Dettagli