Allegato alla delibera n 140 del 27/03/2015 PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PERMANENTE DEL PERSONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato alla delibera n 140 del 27/03/2015 PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PERMANENTE DEL PERSONALE"

Transcript

1 Allegato alla delibera n 14 del 27/3/215 PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PERMANENTE DEL PERSONALE Anno 215

2 PIANO ANNUALE DELLA FORMAZIONE OBIETTIVI AZIENDALI PER L ANNO 215 Le linee strategiche aziendali per il 215 sono state adottate tenendo conto dell assegnazione degli obiettivi regionali. Per la valutazione della performance aziendale per l anno 215 si dovrà tener conto delle seguenti condizioni necessarie (pre obiettivi): a) Valutazione economico finanziaria (equilibrio economico finanziario nel suo complesso) b) Accreditamento (rilascio del decreto di accreditamento istituzionale) c) Adempimenti LEA d) Criticità specifiche aziendali. Le sottoelencate azioni, attraverso i loro indicatori e sotto indicatori, hanno rappresentato lo strumento di contrattazione per i Dipartimenti e le strutture organizzative aziendali: Efficienza ed economicità Prevenzione Tempi di attesa Pronto Soccorso Promozione dei modelli organizzativi complessi della medicina generale (AFT) e ulteriore evoluzione della sanità di iniziativa Farmaceutica e dispositivi Semplificazione percorsi e comunicazione web Qualità delle cure (miglioramento degli esiti) Performance della sanità toscana (Sistema di valutazione Bersaglio). CRITERI E FASI PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Al fine di rendere la formazione un reale strumento di sviluppo organizzativo per il cambiamento, si è scelto, ormai da qualche anno, di attivare un processo aziendale che fin dall inizio veda tutti i livelli di responsabilità coinvolti e partecipi nella analisi del fabbisogno formativo. La ricognizione dei bisogni formativi si è sviluppata su più livelli: incontri con la Direzione Aziendale per la definizione delle linee di indirizzo, degli interventi o progetti strategici a valenza aziendale,tenuto conto degli indirizzi regionali; invio ai Responsabili di struttura di una scheda per la formazione interna; nella griglia per la segnalazione delle idee progetto si è chiesto di indicare per l anno 215 i possibili progetti o le aree sulle quali il dipartimento/la struttura intende investire o incrementare, riflettere sulle aree di debolezza a livello organizzativo, relazionale e/o tecnico professionale; molte delle proposte pervenute hanno visto coinvolta la rete aziendale degli Animatori di formazione; 1

3 consulenza a capi Dipartimento, Responsabili di U.O./U.F. per la valutazione della congruenza tra problemi e proposte formative e identificazione della migliore tipologia formativa utile al raggiungimento dell obiettivo. L Ufficio Formazione, dopo aver raccolto tutte le schede, ha proceduto ad analizzarle con l obiettivo di individuare i bisogni e le proposte trasversali o comuni a più UU.OO. o servizi, e ad integrare i programmi proposti dalla Direzione Aziendale. OBIETTIVI FORMATIVI PER IL 215 I bisogni formativi individuati richiedono iniziative tese a: sviluppare ed aggiornare le competenze tecnico di tutto il personale, nei diversi settori; promuovere una cultura manageriale di sostegno al cambiamento organizzativo in atto; garantire qualità e sicurezza nelle cure e nell assistenza (qualità delle prestazioni, valorizzazione delle aree di eccellenza, gestione rischio clinico); sviluppare l integrazione professionale ed organizzativa favorendo percorsi assistenziali condivisi fra Ospedale Territorio; sostenere il senso di appartenenza e di coesione nei vari contesti organizzativi; sviluppare e sostenere le capacità comunicativo relazionali, viste come componente fondamentale della tà, necessarie ad affrontare i rapporti interpersonali con le persone assistite e con gli altri operatori; sviluppare attività di prevenzione e protezione dei lavoratori sui luoghi di lavoro in relazione alla mappatura dei rischi; sviluppare e sostenere il processo di valutazione aziendale; sostenere l avvio e la realizzazione di progetti innovativi aziendali; attivare azioni di orientamento e inserimento lavorativo per il personale neoassegnato. Tutti gli eventi formativi progettati ai fini del riconoscimento dei crediti ECM sono riferirti ad uno degli obiettivi formativi di interesse nazionale stabiliti dalla Conferenza permanente per i rapporti Stato Regioni (Accordo del 19 aprile 212). Agli obiettivi formativi strategici vengono associati indicatori quantitativi (di realizzazione, di risultato, di impatto) e il valore che si intende raggiungere per ciascun indicatore (valore obiettivo). Sono utilizzate le seguenti tipologie di indicatori: indicatori di realizzazione degli eventi, che misurano il grado di realizzazione del programma annuale; indicatori di coinvolgimento alle attività formative (per ruoli e famiglie ); indicatori di investimento delle risorse economiche, che misurano l impiego delle assegnazioni previste a Bilancio; indicatori di risultato, che misurano il grado di raggiungimento dell obiettivo che il progetto o l intervento si propone di conseguire (gradimento, apprendimento, trasferibilità sul lavoro); indicatori di impatto, che esprimono la ricaduta che il raggiungimento degli obiettivi genera sul sistema di riferimento. 2

4 Nel paragrafo STRUMENTI DI VERIFICA sono indicati i principali criteri di analisi/valutazione con i relativi standard. LA FORMAZIONE PER L OSPEDALE DELLE APUANE La Direzione Aziendale, tenuto conto dell importanza dei nuovi assetti derivanti dal completamento e trasferimento nell Ospedale delle Apuane, ha identificato come strategica la formazione che coinvolgerà tutti i professionisti che vi andranno a lavorare entro la fine del 215. L organizzazione dell ospedale per intensità di cura richiede un ripensamento della presa in carico del paziente perché sia il più possibile personalizzata, univoca, condivisa attraverso tutti i livelli di cura. Questo determina la necessità di introdurre modelli di lavoro multidisciplinari per processi ed obiettivi, con definizione di linee guida, protocolli condivisi, percorsi diagnostico terapeutici assistenziali e presuppone la creazione e lo sviluppo di ruoli coerenti con il nuovo sistema. Priorità viene data a progetti sulle modalità di lavoro in team, sperimentando la metodologia formativa della simulazione. L Ufficio Formazione ha ricevuto il mandato di promuovere una serie di iniziative formative per coinvolgere il personale direttamente interessato su tutto quanto caratterizza la nuova struttura ospedaliera: dagli assetti progettuali al piano di trasferimento; accessi e percorsi; logistica e suddivisione degli spazi e tutto quanto necessario per capire anticipatamente come muoversi ed operare in modo adeguato, organizzato e in sicurezza. L impegnativo percorso formativo prevede anche che i dipendenti conoscano direttamente gli ambienti in cui andranno ad operare; per molti di loro sono previste simulazioni sul campo ed esercitazioni pratiche con l obiettivo che quando l Ospedale sarà in funzione tutti siano in grado di orientarsi immediatamente negli spazi così da utilizzare al meglio le nuove potenzialità. MODALITA DI DIFFUSIONE DEL PROGRAMMMA Il presente documento e tutti gli allegati da esso richiamati sono a disposizione sul sito intranet. Il Piano della formazione viene inviato a tutti i Responsabili e Coordinatori dell Azienda. Essi hanno il compito di divulgarlo tra i propri collaboratori. Successivamente a questa azione informativa generale, ciascun dipendente è tenuto a reperire le informazioni dettagliate relative agli aspetti di proprio interesse. Sono canali diretti di accesso alle informazioni: il sito intranet e la posta elettronica, gli Animatori/Referenti per la formazione del Dipartimento e della propria U.O./Servizio, altre figure che occupano posizioni organizzative e/o di coordinamento. Il personale dell Ufficio Formazione assicura la più ampia diffusione delle conoscenze maturate in occasione di ciascuna iniziativa formativa al fine di garantirne la massima ricaduta formativa. 3

5 PROCEDURE DI ACCESSO ALLA FORMAZIONE Per quanto riguarda l aggiornamento obbligatorio aziendale si confermano tutte le indicazioni e le vigenti. Anche per il 215 la formazione individuale fuori sede sarà riservata a casi particolari per i quali siano preventivamente definiti e condivisi dalla Direzione Aziendale: necessità, utilità, interesse immediato per la struttura e ricaduta aziendale. Saranno riconosciuti ed eventualmente autorizzati rimborsi limitati alla frequenza di eventi formativi organizzati dal SSN o da altre Pubbliche Amministrazioni. Per l aggiornamento facoltativo viene confermato il concorso finanziario annuale nella misura massima (anche frazionata) di euro annui per ciascun operatore, con una percentuale di rimborso fino al 9 % rispetto alle spese sostenute e documentate. STRUMENTI DI VERIFICA Gli esiti delle verifiche e delle valutazioni sono assunti come elementi oggettivi per migliorare la programmazione singola e complessiva. Riguardo ai tempi di erogazione delle attività formative sono previste due fasi: intermedia (al 3 giugno 215) e finale (al 31 dicembre 215). L Ufficio Formazione, attraverso report degli eventi svolti, curerà un analisi quantitativa e qualitativa dell apprendimento e del gradimento dei singoli percorsi formativi. Altri strumenti quantitativi, con relativo standard sono: % di eventi realizzati su quelli programmati (> 7%), % di personale coinvolto sul personale programmato ( > 7%). Inoltre viene posto l obiettivo di realizzare: 5% degli eventi programmati di tipo multiprofessionale, < 7% degli eventi con modalità formativa tradizionale, 2% degli eventi = formazione sul campo. Sono inoltre individuati alcuni eventi rispetto ai quali verrà effettuata la verifica di impatto. I percorsi formativi selezionati sono i seguenti: Titolo evento Utilizzo sistema OASIS Pronto Soccorso Ostetrico Approfondimenti di Elettrocardiografia Studio TC di perfusione nell encefalo Il Consenso informato in ambito vaccinale Facilitatori Gestione Rischio Clinico Professionisti coinvolti Ginecologi e ostetriche Radiologi e Trsm Operatori e medici Igiene Pubblica, ASC, na Legale, AFT Risultato atteso Livello di valutazione Performance operatori Impatto Utenza Informatizzazione della cartella e servizi di flussi informativi aziendali X X Potenziamento delle competenze nfermieristiche in ambito cardiologico X X X Istituzione di una Strokeunit aziendale (patologia ischemica acuta encefalica) X X X Revisione protocolli e X X X Sviluppo del sistema di incident reporting. Organizzazione coerente con le politiche regionali ed aziendali e le linee operative definite dal Centro gestione rischio clinico X X Costi 4

6 ORIENTAMENTO, INSERIMENTO E FORMAZIONE NEO INSERITI Scopo degli interventi promossi è quello di favorire l orientamento nella struttura aziendale, favorire l inserimento nelle singole realtà lavorative, favorire l addestramento alla specifica mansione, favorire la cultura della sicurezza e del lavoro. Quest ultimo intervento si realizzerà in collaborazione con l U.O. Prevenzione e Protezione dai Rischi. PERSONALE DA COINVOLGERE Il programma formativo per il 215 intende coinvolgere i seguenti professionisti: dirigenti medici e veterinari n 41 dirigenti n 75 personale infermieristico n 18 personale tecnico o n 12 personale della riabilitazione n 45 personale della vigilanza n 5 ruolo tecnico n 5 ruolo amministrativo n 2 medici convenzionati n 17 TOTALE n 2.2 Complessivamente la percentuale di professionisti che si intende formare nel 215 è superiore al 75 % (rispetto al totale del personale dipendente e convenzionato). RISORSE ECONOMICHE Richiamata la delibera aziendale n 72 del 13/2/215 di Pre assegnazione delle risorse economiche per l anno 215, i limiti sui conti economici relativi alla formazione del personale per il corrente anno sono pari sono a., euro e risultano dalla somma dei costi per aggiornamento obbligatorio collettivo in sede del personale dipendente e convenzionato, aggiornamento obbligatorio individuale fuori sede e aggiornamento facoltativo. Tale importo complessivo tiene conto delle risorse finanziarie erogate dalla Regione Toscana. Sarà possibile aggiornare il presente limite dopo l adozione da parte dell Azienda del Bilancio preventivo economico annuale 215. Al suddetto fondo saranno aggiunte le economie del Bilancio 214 riferite a fondi finalizzati e vincolati alla formazione. Vanno ad incrementare la disponibilità finanziaria, ma non possono essere definiti a priori, gli introiti derivanti da:sponsorizzazioni, nel rispetto delle normative vigenti; finanziamenti attraverso fondi vincolati per la formazione; finanziamenti regionali per progetti d area vasta o interaziendali o obiettivi di interesse specifico;vendita di pacchetti formativi su commessa;quote di iscrizione da parte di esterni a corsi aziendali. Si ritiene di destinare per l anno 215 la somma di 22., euro alle spese per la formazione obbligatoria aziendale, 5., euro all aggiornamento obbligatorio fuori sede, e 3., euro all aggiornamento facoltativo. 5

7 GLI EVENTI FORMATIVI DEL PIANO 215 (tabelle sintetiche) Nelle pagine successive sono elencate tutte le azioni previste dal Piano formativo, ripartite per macro area. Per attività di formazione non si intendono solo i corsi strutturati, attuati in sede e fuori sede, in forma obbligatoria o facoltativa, ma anche: la formazione sul lavoro, gli audit e le riunioni di struttura a scopo formativo (non indicati nei riepiloghi riportati nelle pagine seguenti). Inoltre il piano aziendale si integra con i percorsi formativi regionali e con quelli previsti all interno dell area vasta nord ovest. 6

8 ELENCO DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE IN PROGRAMMA PER L ANNO 215 n Argomento aziendale nazionale Ecm Incontri seminariali della Direzione con il Management Aziendale Ormaweb: gestione unificata del percorso chirurgico 3. Iniziamo il Cambiamento Informiamo e comunichiamo a tutti i dipendenti cosa cambia con l Ospedale delle Apuane Assistenza al malato chirurgico critico (CCrISP Care of the Critically Surgical Patient ) Il sistema di valutazione e valorizzazione dei dirigenti La valorizzazione delle posizioni organizzative Le competenze dell Animatore e Referente di Formazione Il neo inserito/neo assunto nell Asl 1 La dimensione umana della malattia attraverso il Cinema (5 edizione del Cineforum aziendale) Laboratorio teatrale Informatica (livello intermedio) 13. L uso efficace delle presentazioni 14. Piano anticorruzione: l etica e la legalità 15. Piano anticorruzione (di livello specifico) Condividere obiettivi, strategie, progetti e risultati aziendali Migliorare la qualità della prescrizione Fornire al personale competenze tecnico relazionali necessarie per la prevenzione e la gestione delle criticità legate al cambiamento verso l OdA in particolare alla capacità di lavorare in gruppo Preparare tutti i dipendenti ai cambiamenti derivanti dalla nuova realtà ospedaliera (in collaborazione con l URP) Saper valutare accuratamente il paziente chirurgico critico per conseguire accurate diagnosi, progressi clinici e precoce trattamento Conoscere, interpretare e applicare il nuovo sistema di valutazione dei dirigenti Favorire la cultura del lavoro per obiettivi e per progetti Saper condurre un analisi dei bisogni, progettare e gestire la formazione Garantire un adeguata conoscenza della realtà organizzativa e procedurale di assegnazione Migliorare la consapevolezza personale per un comportamento relazionale basato sulle capacità di ascolto e di risposta efficace Attivare potenzialità Espressive Perfezionare le conoscenze per operare su tutti gli strumenti dell office automation Saper progettare comunicazioni didattiche efficaci attraverso PowerPoint Applicazione L. n. 19/212 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità nella P.A Approfondimento delle discipline in materia di responsabilità dei procedimenti amministrativi, delle norme penali relative ai reati contro la P.A. Management o, innovazione gestionale Principi, e strumenti per il governo clinico Integrazione interprofessionale e multiprofessionale, interistituzionale Aspetti relazionali (comunicazione interna/esterna) Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle dell'ebm Sperimentazione di modelli organizzativi e gestionali Management o, innovazione gestionale Sperimentazione di modelli organizzativi e gestionali Linee guida, Aspetti relazionali e umanizzazione cure Aspetti relazionali e umanizzazione cure Informatica, argomenti di carattere generale Informatica, argomenti di carattere generale Normativa in materia a Normativa in materia a Destinatari Tutti i responsabili e, Tecnici, OSS, dell Area CHIRURGICA e DEU Tutto il personale interessato e Responsabili di struttura P.O. di nuova nomina Referenti di formazione Previsione Diversi 15 Il personale interessato Il personale interessato Operatori impegnati in settori esposti al rischio di corruzione Referenti, dirigenti e funzionari addetti alle aree a rischio

9 16. Corso Codice Privacy e trattamento dati personali 17. Indicatori di appropriatezza d uso dei farmaci e governo clinico 18. Il Project Manager nel settore o 19. Team building 2. La na basata sulla Narrazione Metodologia della ricerca nell ambito delle professioni e Il soggetto agitato e sotto l effetto di sostanze psicotrope. Aspetti normativi e Linee di indirizzo per l accesso di animali d affezione in visita a degenti presso strutture e ospedaliere 24. Omeopatia e Tossicologia 25. Corso Guida Sicura fuori strada 26. BLSD 27. BLSD retraining 28. BLSDP L utilizzo di WIN SAP nello screening cervicale Gli Screening: le problematiche attuali Cartella Clinica Informatizzata di corsia (C7) La e prescription. Finalità e vantaggi per utenti, medici e strutture e Fornire gli elementi di base per l applicazione della normativa e indicare utili linee guida Fornire elementi informativi sul Rapporto OsMed AIFA Miglioramento dei processi decisionali, maggiore integrazione fra gli attori coinvolti, trasparenza e riduzione rischi di progetto Miglioramento clima, riorganizzazione del lavoro in vista dell OdA Migliorare e umanizzare l efficacia di cura, sviluppare la capacità di attenzione verso i pazienti Sviluppare competenze innovative per condurre attività di ideazione, progettazione, conduzione e gestione della ricerca scientifica Approfondimento nomativo e condivisione protocolli di intervento (in collaborazione con la Questura) Creare un pool di operatori che, nel rispetto del benessere animale, siano in grado di condurre l osservazione dei comportamenti espressi durante le visite ai pazienti Offrire una base di conoscenza culturale e scientifica della medicina Omeopatica e Omeotossicologica Formare operatori addetti alla vigilanza e all emergenza nel settore estrattivo Formazione in rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce rivolti a Refresh formazione in rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce Formazione in rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce in età pediatrica Fornire le competenze agli operatori che utilizzano l applicativo Win Sap Aggiornamento sul programma di screening cervico vaginale Addestramento sui nuovi percorsi clinici attuati con l ausilio di sistemi ICT Conoscere le norme sulla prescrizione elettronica e dematerializzazione della ricetta medica; addestramento sul software SIRE3 Privacy e consenso informato Principi, e strumenti per il governo clinico Management o, innovazione gestionale Aspetti relazionali Aspetti relazionali (comunicazione interna/esterna) Linee guida, Linee guida, Linee guida, protocollo, Linee guida, Linee guida, Linee guida, Epidemiologia, prevenzione e promozione salute Epidemiologia, prevenzione e promozione salute Management o, innovazione gestionale Management o, innovazione gestionale Dirigenti caposala, infermieri delle strutture e Personale di Vigilanza MMG 8 e

10 Il piano per la sicurezza è proposto dal Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione in ottemperanza all art. 33 del D. Lgs. 81/28 e deve contenere l adeguata informazione e formazione prevista dai successivi artt. 36 e 37. La scelta dei percorsi formativi viene effettuata sia in relazione alle priorità evidenziate attraverso le attività istituzionali di valutazione del rischio. n Argomento aziendale nazionale Ecm Lavoratori incaricati dell attività di prevenzione incendi, lotta antincendio, evacuazione (8 ore) La movimentazione manuale dei pazienti Corso per addetti all emergenza aziendale di pronto soccorso DM 388/3 Corso FAD FORMAS sicurezza in azienda (formazione generale) Corso FAD FORMAS sicurezza in azienda(aggiornamento) 6 Formazione Preposti Formazione Dirigenti Formazione specifica sollevatori Arjo NOA Retraining formazione per squadre antincendio NOA Promuovere nei lavoratori comportamenti positivi per la prevenzione e la sicurezza sul lavoro Assumere corrette posture per ridurre l incidenza di patologie del rachide, utilizzare correttamente gli ausili, rendere le manovre più confortevoli anche per il paziente Far acquisire conoscenze teoriche ed abilità manuali di primo soccorso Illustrare gli aspetti più importanti delle attuali norme sulla sicurezza Aggiornamento in merito agli aspetti più importanti delle attuali norme sulla sicurezza Formazione Preposti sulle norme di sicurezza in azienda Formazione Dirigenti sulle norme di sicurezza in azienda e sulle responsabilità specifiche Formazione specifica nuovi sollevapazientiarjo rivolta al personale addetto alla movimentazione dei pazienti Far acquisire conoscenze adeguate relative alla nuova struttura Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro e/o patologie correlate Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro e/o patologie correlate Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro. Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro e/o patologie correlate Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro e/o patologie correlate Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro e/o patologie correlate Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro e/o patologie correlate Destinatari Previsione Rischio biologico Promuovere nei lavoratori comportamenti positivi per la prevenzione e la sicurezza sul lavoro relativamente al rischio biologico, compreso l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e la conoscenza dei dispositivi di protezione collettiva Sicurezza negli ambienti e nei luoghi di lavoro e/o patologie correlate

11 n Struttura proponente CHIRURGIA LUNIGIANA CHIRURGIA / SENOLOGIA 3. OCULISTICA Argomento aziendale nazionale Ecm Aula multimediale/laboratorio di addestramento chirurgico PDTA in Senologia, Chirurgia ricostruttiva, appropriatezza prescrittiva L ospedale per intensità di cura nell ottica del dipartimento chirurgico Videolaparocolecistectomie in daysurgery, appendicectomie urgenti in VL (pz. Donne) Miglioramento competenze Approfondire meglio delle conoscenze del funzionamento del NOA 4. OCULISTICA Il pediatra e l occhio rosso Corretta selezione pazienti 5. OCULISTICA 6. OCULISTICA Il medico di medicina generale e l occhio rosso Ruolo dell ortottistaassistente nell olfatmologia Corretta selezione pazienti Miglioramento competenze Contenuto tecnico s pecifici di ciascuna professione Linee guida, documentazio ne Integrazione interprofessio nale e multiprofessio nale Integrazione tra assistenza ospedaliera e territoriale Integrazione tra assistenza ospedaliera e territoriale Contenuto tecnico specifici di ciascuna professione Destinatari Previsione 1 MMG e Direttori U.O. Dipartimento chirurgico, Coordinatori infermieristici e Dirigenti medici Pediatri di libera scelta 36 MMG Ortottisti 7. UROLOGIA La calcolosi remoureterale Migliorare integrazione MMG e specialista ospedaliero Integrazione tra assistenza ospedaliera e territoriale MMG OTORINO LARINGOIATRIA OTORINO LARINGOIATRIA Aggiornamento IMORL pediatrica Aggiornamento in oncologia cervico cefaliche Aggiornamento su diagnosi corrette e indicazioni chirurgiche Diagnosi precoce e migliore integrazione MMG e Ospedale Applicazioni nella pratica quotidiana dei principi e delle EBM Applicazioni nella pratica quotidiana dei principi e delle EBM Pediatri di libera scelta e ospedalieri MMG OTORINO LARINGOIATRIA OTORINO LARINGOIATRIA Vertigini e ipocusia Riniti e Rinusinusiti Miglioramento terapeutico e miglior appropriatezza Miglioramento terapeutico e miglior appropriatezza Applicazioni delle EBM Applicazioni nella pratica quotidiana dei principi e delle delle EBM MMG MMG 1

12 12. OTORINO LARINGOIATRIA Nuova organizzazione a in vista del NOA Comunicazione delle novità macro Organizzative aziendali Percorsi clinicoassistenzialidiagnosticiriabilitativi, MMG ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA APUANE ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA APUANE ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA LUNIGIANA ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA LUNIGIANA CHIRURGIA A CICLO BREVE CHIRURGIA VASCOLARE CHIRURGIA VASCOLARE PDT Riabilitativo nel piede piatto infantile Criteri di diagnosi e trattamento della ComplexRegionalPainSyn drome (CRPS) La protesi di anca e ginocchio Le patologie ortopediche dell arto superiore Day Surgery e chirurgiaambulatoriale Aneurisma dell Aorta Addominale: modalità di trattamento Recupero sangue intraoperatorio Condivisione del trattamento (diagnosi e trattamento) e recupero dei casi extra percorso terapeutico ottimale Migliorare la diagnosi precoce della CRPS; condivisione di un PDT Sviluppare la condivisione di nuovi percorsi chirurgici e riabilitativi Miglioramento terapeutico e miglior appropriatezza Migliorare i percorsi clinici, garantire appropriatezza del setting assistenziale Trattamento dell AAO con tecnica chirurgica e/o endovascolare Procedura di recupero sangue intraoperatorio per gli interventi chirurgici vascolari Percorsi clinicoassistenzialidiagnosticiriabilitativi Applicazioni nella pratica quotidiana dei principi e delle EBM Contenuti tecnico Contenuti tecnico Percorsi clinicoassistenzialidiagnosticiriabilitativi Percorsi clinicoassistenziali Percorsi clinicoassistenziali Ortopedici, Pediatri, Fisiatri, Terapisti Ortopedici, Reumatologi, MMG, Fisiatri, Radiologi, Algologi, Terapisti Ortopedici e MMG Ortopedici e MMG e infermieri, tecnici e n Struttura proponente Argomento aziendale nazionale Ecm Destinatari Previsione 1. DIPARTIMENTO 2. DIPARTIMENTO NEFROLOGIA PNEUMOLOGIA Ospedale delle Apuane: preparare al cambiamento Gestione delle principali emergenze medico internistiche presso l OdA Incontro annuale paziente emodializzati e trapiantati (in collaborazione con URP) Addestramento del personale stico all esecuzione Broncoscopia e test funzionalità respiratoria Discutere i piani operativi di integrazione nei vari livelli di intensità di cure Aggiornamento sulla diagnosi e trattamento delle emergenze internistiche di frequente osservazione Favorire l integrazione del personale e dei pazienti in vista del trasferimento al NOA Rischio clinico; Inserimento della Pneumologia nel Nuovo Ospedale Apuano. Integrazione interprofessionale e multiprofessionale, interistituzionale Integrazione interprofessionale e multiprofessionale, interistituzionale specifici di ciascuna professione, specializzazione e attività ultra specialistica e e Personale U.O.C Nefrologia, pazienti emodializzati e loro familiari, cittadinanza Personale o infermieristico ed OSS Pneumologia ed altre UUOO 2 11

13 PNEUMOLOGIA FIVIZZANO PNEUMOLOGIA PNEUMOLOGIA 8. PNEUMOLOGIA MEDICINA INTERNA LUNIGIANA MEDICINA INTERNA LUNIGIANA MEDICINA INTERNA LUNIGIANA Aggiornamento sulla ventilazione meccanica non invasiva, e sulla gestione del paziente critico respiratorio Terapia integrata e Chronic Care Model nelle patologie croniche invalidanti Esperienze toscane aconfronto Follow up dei pazienti inseriti nel progetto MITO Nuovi PDT Diagnosi dei principali quadri radiografici osservati con la Tomografia assiale computerizzata del Polmone/Addestrame nto all ecografia toracica Tromboembolismo venoso: eziologia, diagnosi e terapia. Assistenza infermieristica al paziente con tale patologia Embolia polmonare: eziologia,diagnosi e terapia. Assistenza infermieristica al paziente con tale patologia Diabete in Ospedale Trialogue: eziologia, diagnosi e terapia. Assistenza infermieristica al paziente con tale patologia Percentuale di ventilazione meccanica non invasiva; (indice di performance degenza media), unificazione uuoo pneumologia e medicina Efficacia Assistenziale delle Patologie Croniche. Fare un punto sui percorsi intrapresi in Regione sulla terapia integrata nella BPCO e Scompenso cardiaco Qualità di esito, Ospedalizzazione dei cronici, Integrazione ospedale territorio Efficacia assistenziale delle patologie croniche Inserimento della Pneumologia nel Nuovo Ospedale Apuano Miglioramento conoscenze patologia tromboembolica venosa e trattamento. Miglioramento conoscenze patologia dell embolia polmonare Miglioramento conoscenze patologia del diabete Linee guida, Integrazione tra assistenza territoriale ed ospedaliera Linee guida, specifici di ciascuna professione, specializzazione e attività ultra specialistica Percorsi clinicoassistenziali diagnosticiriabilitativi, profili di assistenza, profili di cura Linee guida, Integrazione tra assistenza territoriale e ospedaliera Fisioterapisti ed operatori della sanità Progetto MITO e volontari assunti nel 215 Tutti i Dirigenti dell UO di Pneumologia o di altre UUOO infermieri infermieri e caposala del Presidio Ospedaliero della Lunigiana infermieri e caposala del Presidio Ospedaliero della Lunigiana MEDICINA INTERNA LUNIGIANA Scompenso cardiaco: eziologia, diagnosi e terapia Miglioramento conoscenze patologia dello scompenso cardiaco. Progetto MITO Integrazione tra assistenza territoriale ed ospedaliera infermieri e caposala MEDICINA INTERNA LUNIGIANA MEDICINA INTERNA LUNIGIANA Infezioni ospedaliere da germi multiresistenti Principali quadri elettrocardiografici in na Interna Miglioramento delle conoscenze sulle infezioni ospedaliere Approfondire conoscenze delle principali alterazioni del tracciato elettrocardiografico Percorsi clinicoassistenziali diagnosticiriabilitativi, profili di assistenza, profili di cura specifici di ciascuna professione, specializzazione e attività ultra pecialistica infermieri e caposala del Presidio Ospedaliero della Lunigiana infermieri, caposala del Presidio Ospedaliero della Lunigiana 12

14 MALATTIE INFETTIVE MALATTIE INFETTIVE Antibiotico giusto al momento giusto Farmacoeconomia della terapia antiretrovirale ed effetti collaterali dei farmaci Arv Appropriatezza dell utilizzo degli antibiotici Appropriatezza dell utilizzo dei farmaci antiretrovirali ed implementazione della conoscenza degli effetti collaterali degli stessi Profili di cura Farmacoeconomia biologi, tecnici di laboratorio, farmacisti, caposala di Area medica, farmacisti, infermieri e caposala MALATTIE INFETTIVE UP DATE Clostridium Difficile Procedure necessarie a prevenire e contenere l infezione da Clostridium Difficile Sicurezza nell ambiente di lavoro e patologie infettive trasmissibili, OSS, Caposala, biologi, TSLB, Farmacisti GASTRO ENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA Nuovo PDTA per le emorragie digestive Omogeneizzare il comportamento dei, creare un approccio multidisciplinare e maggiore consapevolezza in ambito delle emorragie digestive Percorsi clinicoassistenziali diagnosticiriabilitativi, profili di assistenza, profili di cura. e Anestesisti 19. GASTRO ENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA La corretta preparazione intestinale per la colonscopia Rendere più agevole la preparazione per gli inpatients, con protocolli condivisi con i reparti di provenienza Linee guida,. Caposala e infermieri di medicina e chirurgia, MMG 6.5 n Argomento aziendale nazionale Ecm Formazione sul camposcambio infermieri Rianimazione massa carrara Ecografia Clinica in Emergenza Urgenza (corso base ed avanzato) Corso base e avanzato di interpretazione e lettura ecg Ventilazione non invasiva; corso teorico pratico Gestione del paziente emorragico Contribuire al benessere organizzativo in vista dell OdA Incrementare le competenze clinico diagnostiche degli operatori dell'emergenza Incrementare le competenze clinico diagnostiche degli operatori dell'emergenza Incrementare le competenze clinico diagnostiche degli operatori dell'emergenza Incrementare le competenze clinico diagnostiche degli operatori dell'emergenza Aspetti relazionali Omogenizzazione dei percorsi clinicodiagnostico in particolare per le equipe e dei pronto soccorso di costa Omogenizzazione dei percorsi clinicodiagnostico in particolare per le equipe e dei pronto soccorso di costa Omogenizzazione dei percorsi clinicodiagnostico in particolare per le equipe e dei pronto soccorso di costa Omogenizzazione dei percorsi clinicodiagnostico in particolare per le equipe e dei pronto soccorso di costa Destinatari Rianimazione Apuanr e PS 118 e PS 118 e ps e ps Previsione

15 6. Emergenze Urgenze ipertensive up date clinico Incrementare le competenze clinico diagnostiche degli operatori dell'emergenza 7. Triage retraining governo della domanda Omogenizzazione dei percorsi clinicodiagnostico in particolare per le equipe e dei pronto soccorso di costa Percorsi clinicoassistenziali e PS 118 infermieri 6 8. Gruppi di lavoro per OdA trasferimento noa Management o 9. Alta formazione sul campo governo della domanda Percorsi clinicoassistenziali infermieri 36 Principi, e 1. strumenti per il governo La simulazione in Emergenza Integrazione multiprofessionale clinico delle attivita', Oss dei Urgenza in previsione dell OdA e Pronto Soccorso ALS (Advanced Life Support) Corsi supporto vitale avanzato 12. PTC Base Gestione pre ospedaliera di eventi traumatici Linee guida, Linee guida, n Struttura proponente Argomento aziendale nazionale Ecm Destinatari Previsione DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE ASSISTENZA OSTETRICA AZIENDALE Scenari di percorsi assistenziali nella proiezione del modello per intensità di cura Cartella Clinica Informatizzata (C7) La Rianimazione Neonatale Primaria in sala parto Biomeccanica e uso della postura come procedura nel travaglio di parto Ospedale Apuane: piena applicazione del modello organizzativo per Intensità di Cure (simulazioni) Informatizzazione della Cartella Clinica (C7) e miglioramento della trasmissione del dato clinico Lavoro in team e relazioni multi, come come approccio alla continuità della presa in carico Lavoro in team e multi professionale Cura della relazione con l utenza Percorsi clinico assistenzialidiagnosticiriabilitativi, profili di assistenza, profili di cura La comunicazione efficace, la privacy ed il consenso informato Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle dell EvidenceBasedP ractice (EBM EBN EBP) Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle dell'evidencebasedp ractice (EBM EBN EBP) e DMI Tutti gli operatori del DMI Tutti gli operatori del DMI Ginecologi ostetriche del DMI ASSISTENZA OSTETRICA AZIENDALE Lavoro corporeo in preparazione al parto Riorganizzazione de processi e percorsi ospedale territorio Cura della relazione con l utenza Aspetti relazionali (comunicazione interna, esterna, con paziente) e umanizzazione cure ostetriche dell assistenza consultoriale aziendale 6. UUFF ATTIVITÀ CONSULTORIALE Menopausa Riorganizzazione de processi e percorsi ospedale territorio Cura della relazione con l utenza Aspetti relazionali (comunicazione interna, esterna, con paziente) e umanizzazione cure Ginecologi ostetriche dell assistenza consultoriale aziendale 14

16 OSTETRICIA E GINECOLOGIA OSTETRICIA E GINECOLOGIA OSTETRICIA E GINECOLOGIA OSTETRICIA E GINECOLOGIA OSTETRICIA E GINECOLOGIA OSTETRICIA E GINECOLOGIA OSTETRICIA E GINECOLOGIA OSTETRICIA E GINECOLOGIA OSTETRICIA E GINECOLOGIA OSTETRICIA E GINECOLOGIA Refreshing in tema di cardiotocografia VII Corso avanzato teoricopratico di chirurgia protesica vaginale del pavimento pelvico Percorso teorico pratico di Digitopressione in travaglio di parto Modello per intensità di cura in ostetricia e ginecologia L intervento chirurgico di Laparoscopia endoscopica Leadership in sala parto percorso teorico pratico L intervento chirurgico LIAB Supporto all elaborazione del lutto in ostetricia Utilizzo sistema OASIS pronto soccorso ostetrico DMI L intervento chirurgico PIVER Lavoro in team e multiprofessionale Lavoro in team e multi professionale Cura della relazione con l utenza Intensità di cura Riorganizzzione dei processi e dei percorsi ospedale territorio Lavoro in team e multiprofessionale Intensità di cura Lavoro in team e multi professionale Lavoro in team e multiprofessionale Intensità di cura Cura della relazione con l utenza Informatizzazione della cartella e servizi di flussi informativi aziendali Lavoro in team e multiprofessionale Intensità di cura Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle dell'evidencebasedp ractice (EBM EBN EBP) Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle dell'evidencebasedp ractice (EBM EBN EBP) Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle dell'evidencebasedp ractice (EBM EBN EBP) Percorsi clinicoassistenzialidiagnosticiriabilitativi, profili di assistenza, profili di cura Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle dell'evidencebasedp ractice (EBM EBN EBP) La sicurezza del paziente Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle dell'evidencebasedp ractice (EBM EBN EBP) Ginecologi e ostetriche del DMI La comunicazione efficace, la privacy ed il consenso informato Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle dell'evidencebasedp ractice (EBM EBN EBP) Ginecologi e ostetriche del DMI Ginecologi ostetriche, anestesisti ed infermiere del DMI Ostetriche e ginecologi del DMI Ginecologi e ostetriche del DMI Infermiere anestesisti e ginecologi Ostetricia e Ginecologia Ginecologi e ostetriche del DMI Infermiere anestesisti e ginecologi UOC Ostetricia e Ginecologia Aspetti relazionali (comunicazione interna, esterna, con paziente) e umanizzazione cure Ginecologi e ostetriche del DMI Infermiere anestesisti e ginecologi UOC Ostetricia e Ginecologia OSTETRICIA E GINECOLOGIA Chirurgia ginecologica e ostetrica del retroperitoneo Lavoro in team e multi professionale Intensità di cura Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle dell'evidencebasedp ractice (EBM EBN EBP) Ginecologi ed infermiere del DMI 15

17 18. OSTETRICIA E GINECOLOGIA Semeiotoca ecografica in travaglio di parto 19. PEDIATRIA Rianimazione NINA 2. PEDIATRIA Tecniche di Ventilazione Neonatale per la stabilizzazione in attesa di trasferimento (aspettando lo STEN) Lavoro in team e multiprofessionale Migliorare le competenze rianimatorie neonatali Rispondere agli standard assistenziali di secondo livello neonatale Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle dell'evidencebasedp ractice (EBM EBN EBP) Linee guida, Linee guida, Ginecologi e ostetriche del DMI ed ostetriche UU.OO. Ped.Gin.Ost e Servizio di anestesia e rianimazine Ed PEDIATRIA 22. PEDIATRIA 23. PEDIATRIA La Care nell allattamento al Seno e l allattamento al seno nella care. (Le cure individualizzate a sostegno dello sviluppo S.I.N) XV Convegno di Nefro Urologia Pediatrica Addestramento Medico in Neonatologia 24. PEDIATRIA Seminario di Genetica 25. PEDIATRIA 26. PEDIATRIA 27. PEDIATRIA 28. PEDIATRIA Convegno per la settimana attuale dell allattamento Corso per operatori informati: Insieme per l allattamento: OSPEDALI E COMUNITA AMICA DEL BAMBINO, uniti per il sostegno dell allattamento materno Convegno 14 Urgenze di Pronto Soccorso Convegno Accrescimento fra endocrinologia e nutrizione 29. PEDIATRIA Corso P.A.L.S. Mantenere ed implementare le competenze in tema di alimentazione e umanizzazione delle cure neonatali Aderenza ai LEA Appropriatezza diagnosticoterapeutica Migliorare le competenze assistenziali neonatali Aderenza ai Lea appropriatezza diagnostico terapeutica Aderenza ai Lea appropriatezza diagnostico terapeutica Aderenza ai Lea appropriatezza diagnostico terapeutica Aderenza ai Lea appropriatezza diagnostico terapeutica Aderenza ai LEA appropriatezza diagnostico terapeutica Aderenza ai LEA appropriatezza Linee guida, Linee guida, Linee guida, Linee guida, Linee guida, Linee guida, Linee guida, Linee guida, Linee guida, ed ed delle UU.OO di Pediatria ed 6 2 ed Personale o e non operante all OdA ed e della U.O. Pediatria Neonatologia

18 n Argomento aziendale nazionale Ecm Destinatari Previsione Terapie complementari nella cura dei sintomi da chemioterapia Diagnosi, cura e follow up del paziente affetto da ca della vescica Corso teorico pratico in oncologia Mielomi e linfomi: II e II linee di terapie La cacchessia nel paziente oncologico Immunoterapia: la promessa mancata Appropriatezza delle prestazioni e controllo degli esiti Appropriatezza delle prestazioni e controllo degli esiti Appropriatezza delle prestazioni e controllo degli esiti Appropriatezza delle prestazioni e controllo degli esiti Appropriatezza delle prestazioni e controllo degli esiti Appropriatezza delle prestazioni e controllo degli esiti ne non convenzionali: valutazione dell efficacia in ragione degli esiti e degli ambiti di complementarietà Percorsi clinicoassistenziali diagnosticiriabilitativi, profili d assistenza, profili di cura (conoscenze e specifici di ciascuna professione, specializzazione Appropriatezza delle prestazioni e controllo degli esiti Sicurezza alimentare e patologie correlate ne non convenzionali: valutazione dell efficacia in ragione degli esiti e degli ambiti di complementarietà, tecnici laboratori analisi, tecnici radiologia medica, fisici Anatomo patologi, medici(oncologi, radiologi, radioterapisti), biologi, tecnici di laboratorio analisi, medici medicina generale, infermieri, fisici, fisici, tecnici radiologia medica, tecnici laboratorio, fisici, tecnici radiologia medica, tecnici laboratorio, fisici, tecnici radiologia medica, tecnici laboratorio, fisici, tecnici radiologia medica, tecnici laboratorio n Struttura proponente Argomento aziendale nazionale Ecm Destinatari Previsione 1 DMPO 2 FISICA SANITARIA 3 FISICA SANITARIA 4 FISICA SANITARIA Coordinamento Gruppi di lavoro per progettazione percorsi nuovo Ospedale L evoluzione Della Radioprotezione Alla Luce Della Direttiva 213/59/Euratom Il Rischio Campi Elettromagnetici In Ambito Sanitario Controlli Di Qualità Per La Radioterapia Gestione del blocco operatorio e blocco parto. Programmazione delle attività e dei percorsi di accesso ai servizi. Progettazione dei percorsi di emergenza/urgenza da PS Valutazione della dose al cristallino degli operatori esposti Caratterizzazione delle sorgenti di campi elettromagnetici In ambito ospedaliero Aggiornamento del protocollo unificato di qualità Principi, e strumenti per il governo clinico delle attività e Linee Guida, Protocolli, Procedure, Documentazione Clinica Linee Guida, Protocolli, Procedure, Documentazione Clinica Linee Guida, Protocolli, Procedure ( e non) Dirigenti Fisici, Tecnici di Radiologia Dirigenti Fisici, Tecnici di Radiologia Dirigenti Fisici, Tecnici di Radiologia

19 n Struttura proponente Argomento aziendale nazionale Ecm Destinatari Previsione 1. RADIODIAGNOSTICA 2. RADIODIAGNOSTICA 3. RADIODIAGNOSTICA 4. RADIODIAGNOSTICA 5. RADIODIAGNOSTICA 6. RADIODIAGNOSTICA 7. RADIODIAGNOSTICA 8. RADIODIAGNOSTICA 9. RADIODIAGNOSTICA 1. RADIODIAGNOSTICA 11. RADIODIAGNOSTICA 12. RADIODIAGNOSTICA 13. RADIODIAGNOSTICA Dal processo di budget al sistema di valutazione della performance Nuova realtà: OdA e Dipartimento di Diagnostica Ospedaliera Nuovo modello organizzativo della Sanità Toscana: sviluppo nelle realtà locali Formazione nello studio TC di perfusione nell encefalo Formazione nelle diagnostiche radiologiche con tomosintesi Formazione nelle diagnostiche mammografiche con Tomosintesi L Ospedale per intensità di cure La Radiologia nell Ospedale ad intensità di cure Secondo incontro clinico radiologico apuano. La spalla: dalla diagnosi al trattamento Formazione sulle nuove tecnologie introdotte in Radiologia nell Ospedale delle Apuane: TAC, Risonamza Magnetica, Radiologia Digitale diretta Patologia dei seni paranasali: quadri clinici e radiologici Patologia del collo: quadri clinici e radiologici Procedure d urgenza: aspetti pratici della gestione del paziente critico in radiologia Condivisione dei nuovi modelli organizzativi e cambiamenti in atto Preparazione delle molteplici tà afferenti al Dip.to Preparazione delle molteplici tà afferenti al Dip.to Istituzione di una Strokeunit aziendale (patologia ischemica acuta encefalica) Applicazione di nuova tecnologia introdotta nell Ospedale delle Apuane Applicazione di nuova tecnologia introdotta nell Ospedale delle Apuane Preparazione del Personale alla nuova organizzazione del lavoro, in relazione all avvio dell ospedale delle Apuane Preparazione del personale alla nuova organizzazione del lavoro Miglioramento della qualità del servizio.confronto con i clinici per lo sviluppo di percorsi Preparazione del personale all utilizzo delle nuove apparecchiature acquisite per l Ospedale delle Apuane PDT, integrazione professionale PDT, integrazione professionale PDT, integrazione professionale Management o Management o Management o Percorsi clinico assistenzialidiagnosticiriabilitativi Innovazione tecnologica Innovazione tecnologica Management o Management o Percorsi clinico assistenzialidiagnosticiriabilitativi Innovazione Tecnologica Percorsi clinico assistenzialidiagnosticiriabilitativi Percorsi clinico assistenzialidiagnosticiriabilitativi Percorsi clinico assistenzialidiagnosticiriabilitativi dirigenti, Tecnici, Inf. e Amm.vi dirigenti, Tecnici, Inf. e Amm.vi dirigenti, Tecnici, Inf. e Amm.vi Radiologi e Trsm Radiologi e Trsm Radiologi e Trsm Radiologi e Trsm Radiologi e Trsm radiologi ed ortopedici, TSRM radiologi ed ortopedici, TSRM radiologi, TSRM, radiologi, TSRM, radiologi, TSRM,

20 14. RADIODIAGNOSTICA 15. TRASFUSIONALE 16. TRASFUSIONALE 17. TRASFUSIONALE 18. TRASFUSIONALE 19. TRASFUSIONALE 2. MEDICINA NUCLEARE 21. MEDICINA NUCLEARE 22. MEDICINA NUCLEARE 23. MEDICINA NUCLEARE 24. MEDICINA NUCLEARE ANALISI CHIMICO CLINICHE E IMMUNO ALLERGOLOGIA ANALISI CHIMICO CLINICHE E IMMUNO ALLERGOLOGIA ANALISI CHIMICO CLINICHE E IMMUNO ALLERGOLOGIA Aggiornamento su casi clinici La convalida dei processi nell ambito del percorso di accreditamento nazionale e regionale Utilizzo strumenti sala donazione La prevenzione dell errore trasfusionale: bloodsafety, trasfusionsafety Focus di Pediatria e Neonatologia: la terapia trasfusionale, la malattia emolitica del feto e del neonato Il percorso latex free in ambito o Chirurgia radioguidata e linfonodo sentinella I radio farmaci nella routine : implicazioni metodologiche ed organizzative Diagnostica per immagini cardiologica: quando la SPET Cardiaca o l Angio TC coronarica? PET nei tumori neuroendocrini Follow up dei tumori differenziati della tiroide Formazione sul campo in ematologia Formazione sul campo intra e inter Laboratorio Nuovi orientamenti nella diagnosi della gammopatia monoclonale PDT, integrazione professionale Conoscenza delle Omogeneità nella formazione Conoscenza delle Omogeneità nella formazione Conoscenza delle Omogeneità nella formazione Migliorare la sicurezza e l appropriatezza del Trasfusionale Gestire il percorso latex safe nelle strutture e aziendali Aggiornamento sulle metodiche radio chirurgiche Conoscenza dei radio farmaci, in particolare Pet correlati Condivisone delle stato dell arte sulle 2 principali metodologie diagnostiche Overview sulla metodica Follow up e terapie modulate Formazione del personale. Miglioramento della performance Formazione del personale. Miglioramento della performance Miglioramento del percorso pre analitico e diagnostico Percorsi clinico assistenzialidiagnosticiriabilitativi Accreditamento delle strutture e Sicurezza del paziente Linee guida, protocolli Sicurezza ambientale e/o patologie correlate Linee guida. Linee guida. Linee guida. Linee guida. Linee guida. professione radiologi, TSRM, dirigenti, Tecnici, dirigenti, Tecnici, dirigenti, Tecnici, dirigenti, Tecnici, e TSRM, TSRM, Farmacisti, TSRM, TSRM, Biologi, Tecnici,, Biologi, TSLB Biologi, TSLB 36 MMG, Dirigenti, TSLB, 28. ANALISI CHIMICO CLINICHE E IMMUNO ALLERGOLOGIA La gestione delle urgenze nella na di Laboratorio Confronto fra diversi modelli di gestione delle urgenze professione Dirigenti, TSLB, 19

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITÀ

PIANO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITÀ DIREZIONE REGIONALE SALUTE ED INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA AREA FORMAZIONE PIANO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITÀ conoscenza apprendimento competenza condivisione innovazione Anni 2013-2015 Pagina 2

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Allegato B - dotazione organica.xls. criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa)

Allegato B - dotazione organica.xls. criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa) rideterminazione della dotazione organica ALLEGATO 1 ALLEGATO 2 ALLEGATO 3 struttura organizzativa criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa) riepilogo per macrostruttura ALLEGATO

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana -Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana Direttore Amministrativo Paolo Gennaro Torrico 59507 direttore.amministrativo O.I.V. Organismo Indipendente di Valutazione Direttore Generale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Risultati della valutazione e azioni correttive in Ulss 13 Ottobre Novembre 2013 Ulss 13 Dolo-Mirano-Noale 2013 Irma Seminara Rischi psicosociali: stress da lavoro correlato-

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli