Sezione giurisdizionale Sicilia, Sent. n del 27/06/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sezione giurisdizionale Sicilia, Sent. n. 2516 del 27/06/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI"

Transcript

1 Sezione giurisdizionale Sicilia, Sent. n del 27/06/2013 Sent. n. 2516/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA SICILIA composta dai Magistrati: dott. Vincenzo LO PRESTI Presidente f.f. dott. Antonio NENNA Consigliere dott. Giuseppe GRASSO Referendario ha emesso la seguente : SENTENZA 2516/2013 nel giudizio di responsabilità amministrativa, iscritto al numero del Registro di Segreteria, promosso dal Procuratore Regionale nei confronti di SGARITO Giusepp, rappresentato e difeso dall avv. Enrico Quattrocchi. Uditi, alla pubblica udienza del , il relatore Consigliere Dr. Vincenzo Lo Presti, il Pubblico Ministero nella persona del Sostituto Procuratore Regionale dr.ssa Maria Concetta Carlotti e l avv. Antonino Gulotta, delegato dall avv. Quattrocchi. Esaminati gli atti e documenti di causa. FATTO Il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Termini Imerese, in relazione al pag. 1 di 20

2 procedimento penale n. 769/05 RGNR, emetteva richiesta di rinvio a giudizio nei confronti del sig. Giuseppe Sgarito, il quale, al fine di essere incluso nelle graduatorie per le supplenze in diversi istituti scolastici, avrebbe presentato un falso diploma di specializzazione polivalente per l insegnamento di sostegno, asseritamene rilasciato dall Associazione Nazionale Famiglie Emigrati ( A.N.F.E.). In particolare, il sig. Sgarito risultava aver utilizzato detto titolo di studio per essere incluso nelle graduatorie dei supplenti negli istituti scolastici IPAA di Castelbuono, ITCG di Prizzi, M. Picone di Lercara Friddi, ITC di Alia, Liceo Classico di Valledolmo, ITG di Vicari. In sede di indagini la Polizia Giudiziaria procedeva a sentire a s.i. il sig. Paolo Genco, delegato regionale dell A.N.F.E. il quale dichiarava che: il sig. Sgarito non aveva mai frequentato alcun corso presso l Associazione; al n. 32 del registro di rilascio diplomi relativo ai corsi biennali di specializzazione polivalente ( biennio 1995/97- corsi di Favara ed Agrigento) ed al corrispondente n. 152 del Provveditorato agli Studi di Agrigento, corrispondeva il nominativo di tale sig. Giuseppe Randazzo e non dello Sgarito; il nominativo dello Sgarito non risultava nei verbali degli esami finali dei corsi di Favara e Agrigento, unici corsi svolti nella provincia nel periodo di riferimento; pertanto il diploma in questione era da ritenere falso e che all esame erano da non ritenere autentiche le firme del direttore del corso di Favara e del Provveditore agli Studi. Veniva sentito anche il sig. Randazzo il quale dichiarava di aver conseguito, presso l A.N.F.E. di Favara, l attestato per l insegnamento di sostegno in data 23/9/1997; di ricordare tutti i cognomi dei colleghi di corso e di poter affermare con certezza che il signor Sgarito non aveva frequentato quel corso. pag. 2 di 20

3 In sede istruttoria, il PM presso questa Corte acquisiva, quindi, presso la Direzione Territoriale - Palermo del Ministero dell Economia e delle Finanze la documentazione relativa alle somme liquidate al sig. Sgarito per gli incarichi espletati (c.d. cedolini) nel periodo dal gennaio 2001 al febbraio 2009, quantificate in complessivi ,10 (come risulta dalla nota prot. n /09 del 9/4/2009 e relativi allegati). Tutto ciò considerato, ritenuto sussistere un danno quantificabile in ,10 ascrivibile al comportamento doloso del sig. Sgarito, in data 27 aprile 2009, veniva emesso invito a dedurre, ritualmente notificato. A seguito di richiesta di quest ultimo di essere sentito, in data 10 luglio 2009,il PM procedeva ad audizione dello stesso. Nell atto di citazione il PM ha osservato che, in base alla specifica normativa in materia, l'insegnante di sostegno è un insegnante in possesso dell'abilitazione/idoneità per l'insegnamento nella scuola elementare o per una delle classi di concorso per l'insegnamento nella scuola secondaria, e che ha conseguito lo specifico titolo di specializzazione, al termine di un corso biennale. In quanto tale, l'insegnante di sostegno è un insegnante a tutti gli effetti, con funzione docente e didattica in senso proprio, assegnato a tutta la classe (e non al singolo alunno portatore di handicap) che partecipa alla programmazione educativa, avendo la contitolarità dell'insegnamento e curando la programmazione delle attività scolastiche. La sua presenza, in classi con soggetti portatori di handicap, rappresenta la risorsa in più che, congiuntamente a tutti gli altri insegnanti, cura la programmazione dell'attività di insegnamento sia per l'alunno certificato handicap che per gli altri alunni ed elabora insieme agli altri insegnanti il progetto educativo individualizzato (Piano Educativo Personalizzato). In ciò la sua figura si differenzia dalla figura dell'assistente educatore, il quale non pag. 3 di 20

4 svolge attività didattica, ma una semplice attività di supporto materiale individualizzato, che nulla ha a che vedere con l'attività didattica propriamente intesa, per consentire all'alunno disabile la piena partecipazione alle attività scolastiche e formative. Si tratta, quindi, di un'attività di supporto alla didattica e non invece di attività didattica in senso stretto, essendo tale attività un semplice supporto materiale rivolto al singolo per tutto quanto gli possa essere utile alla sua piena partecipazione alle proposte scolastiche formative. Come tale detto servizio non può, quindi, essere equiparato all'attività dell'insegnante di sostegno, la quale è prestata da insegnanti in possesso del titolo di specializzazione, in aggiunta al diploma di laurea), quale imprescindibile requisito prescritto dall ordinamento. Peraltro, la giurisprudenza amministrativa, in materia, ha affermato che l'attività di sostegno prestata da un insegnante in favore di alunni handicappati in carenza del titolo di specializzazione non può essere valutata come servizio pre-ruolo (Cons. Stato, Sez. VI, 07/05/2004, n.2808) e che il servizio svolto dall'insegnante in attività di sostegno, in assenza del titolo di specializzazione previsto dal D.P.R. 31 ottobre 1975 n. 970, non è valutabile ai fini dell'inquadramento nel ruolo del personale docente (Cons. Stato, Sez. VI, 20/03/2001, n Cons. Stato, Sez. VI, 16/11/2000, n.6119), con ciò ribadendo l imprescindibilità del possesso del titolo specialistico quale requisito per l accesso a tale tipologia di docenza ( Cons. Stato, Sez. VI, 19/02/2003, n. 937). Ciò premesso, nel caso in esame le risultanze documentali, come esposte nella parte in fatto, proverebbero inequivocabilmente, ad avviso del PM, che la condotta tenuta dal sig. Sgarito, oltre ad integrare una fattispecie penalmente rilevante, ha cagionato anche pag. 4 di 20

5 un danno erariale corrispondente alle retribuzioni percepite dallo stesso. Invero, lo stesso al fine di conseguire, negli anni dal 2001 al 2009 gli incarichi di supplenza presentava falsa documentazione attestante il conseguimento del titolo specialistico. Tale comportamento doloso che non è stato certamente connotato da requisiti di lealtà e correttezza cui sono tenuti tutti i cittadini in generale, ed in particolare i pubblici dipendenti, integra anche gli estremi di una fattispecie di responsabilità contabile. Infatti, il legittimo esercizio di un attività professionale, per la quale l ordinamento richiede specifici titoli di studio, consegue all esigenza che determinate professioni, richiedenti ben individuati requisiti siano esercitati soltanto da chi, avendo seguito un apposito corso di studi universitari risulti in possesso delle qualità culturali richieste dalla legge. Il possesso del diploma di specializzazione costituisce requisito imprescindibile per l accesso all insegnamento quale docente di sostegno, né può riconoscersi un residuo valore all attività comunque prestata in assenza del titolo specifico, giacché si tratterebbe di altra e diversa tipologia di supporto, riconducibile ad una distinta figura professionale. Trattandosi, quindi, di attività prestata in assenza del titolo di studio previsto e come tale non riconducibile ad accertate conoscenze culturali e capacità professionali, la prestazione resa non può essere considerata in alcun modo utile ai fini del perseguimento dell interesse pubblico cui la stessa è preordinata. Al riguardo, recente giurisprudenza di questa Corte, chiamata a pronunciarsi in proposito, ha affermato che la percezione di emolumenti da parte di soggetto privo del titolo di studio richiesto costituisce indebita percezione di somme, trattandosi di retribuzione corrisposta senza giusta causa corrispettiva. Esclude, altresì, che l attività pag. 5 di 20

6 prestata possa aver recato alcun vantaggio patrimonialmente quantificabile all ente medesimo (Corte dei Conti, Sez Appello per la Sicilia, n. 154/A/ Sez. Giuris. Sicilia n.1737/2009 e n. 1794/2009 ). Ciò premesso il PM ha ritenuto che non possano sussistere ragionevoli dubbi sulla responsabilità dello Sgarito che poneva in essere la sua condotta dolosa, mediante presentazione del suddetto certificato falso, al fine trarre utilità personale derivante dall ingiusto profitto. Tale condotta, sicuramente penalmente rilevante, integra anche fattispecie di responsabilità amministrativo contabile, poiché attuata in dispregio ed in violazione di ogni norma di carattere generale inerente i doveri di correttezza, lealtà e fedeltà che gravano su tutti i pubblici dipendenti; ciò aggravato dalla considerazione che una maggiore coscienza delle funzioni che avrebbe dovuto svolgere e del ruolo rivestito avrebbero certamente richiesto alla stessa maggior coscienza e senso responsabilità. Per tali ragioni il PM ha chiesto la condanna del convenuto al pagamento, in favore del Ministero della Pubblica Istruzione della somma di ,10 oltre interessi legali e rivalutazione monetaria. Con memoria depositata il , il convenuto ha chiesto la sospensione del processo contabile in attesa della definizione del processo penale. Inoltre ha affermato che: il diploma da lui prodotto non è falso; per conseguire la supplenza era sufficiente il diploma di ragioniere ed il titolo di specializzazione è servito solo per conseguire un punteggio aggiuntivo (tanto risulterebbe dalla circolare emessa dal Dipartimento per l Istruzione Direzione Regionale per il personale della scuola prot. N Uff. III del e dalla nota del Ministero della P.I: del riguardante la pubblicazione delle pag. 6 di 20

7 graduatorie d istituto di II e II fascia definitive per le supplenze del personale docente delle scuole di ogni ordine e grado); dopo l inizio del procedimento penale egli ha conseguito altro titolo di specializzazione nel 2007; ha svolto l attività di insegnante di sostegno con una valutazione ampiamente positiva dei capi d istituto. Successivamente questa Corte, con Ordinanza disponeva la sospensione del giudizio contabile in attesa della definizione del processo penale pendente per i medesimi fatti. Quindi il PM riassumeva il giudizio facendo presente che il processo penale era stato definito con sentenza del Tribunale di Termini Imerese n.140/201 del , divenuta irrevocabile in data Dall esame di detta sentenza si evince che nei confronti dell odierno convenuto è stato dichiarato non doversi procedere per prescrizione (Capo A dell imputazione) per il delitto previsto dagli artt. 62 n. 2, 476 e 482 del c.p. (per avere formato un falso diploma di specializzazione polivalente, apparentemente rilasciato dall A.N.F.E.). Inoltre lo stesso: è stato dichiarato colpevole (Capo B dell imputazione) del delitto previsto dagli artt. 81 e 640 co. 2, n. 1 del c.p.,limitatamente ai fatti concernenti gli istituti scolastici IPAA di Castelbuono e M. Picone di Lercara Friddi, e condannato alla pena di mesi 8 di reclusione ed 800,00 di multa oltre al pagamento delle spese processuali con pena sospesa; è stato assolto dalla stessa imputazione di cui al capo B limitatamente ai fatti concernenti gli ulteriori istituti scolastici indicati in detto capo d imputazione (ITCG di Prizzi, ITC di Alia, Liceo Classico di Valledolmo, ITG di Vicari) in quanto il giudice penale ha accertato che non risulta, in alcun modo ( né in forza delle deposizioni pag. 7 di 20

8 assunte, né in forza della documentazione acquisita) che lo Sgarito abbia mai presentato domanda di insegnamento e/o espletato attività lavorativa presso gli istituti scolastici da ultimo citati.. Con memoria depositata il il difensore del convenuto ha fatto presente che il convenuto è stato prosciolto per intervenuta prescrizione dal reato di cui al capo A) della rubrica, vale a dire dall'imputazione di falsificazione del diploma di specializzazione polivalente per l'insegnamento di sostegno, nel procedimento penale definito con sentenza n. 140/2011 del Tribunale di Termini Imerese, mentre è stato condannato per il reato di cui al capo B) - vale a dire per il reato di truffa limitatamente all'attività di insegnamento prestato presso gli istituti scolastici di Castelbuono e Lercara Friddi. Ha inoltre rappresentato che la mancata impugnazione in termini della sentenza è stata dovuta ad un disguido è perciò la stessa è passata in giudicato. Le risultanze processuali, ad avviso del difensore, hanno dimostrato l'autenticità del titolo di studio di specializzazione perchè riconosciuto dalla Direttrice del Corso che lo aveva rilasciato, come attesta la testimonianza resa dalla Direttrice Didattica dott.ssa Maria Mannone. Il Tribunale avrebbe dovuto assolvere l'imputato riconoscendone l'innocenza anziché limitarsi a rilevare l'intervenuta prescrizione, stante l'acquisizione della prova certa dell'insussistenza della falsificazione del titolo e di conseguenza del suo utilizzo. In ogni caso l'inesistenza della falsificazione del diploma di specializzazione ad opera dei comparente e il fatto che lo steso fosse in possesso del titolo di geometra lo abilitava alla attività di insegnante di sostegno. Il diploma di specializzazione ha semmai favorito il convenuto solo nel collocamento utile nelle graduatorie. pag. 8 di 20

9 In conseguenza nessun ingiusto profitto ha conseguito il convenuto. Ciò si evince dalla Circolare emessa dal Dipartimento per l'istruzione Direzione Regionale per il personale della scuola - prot. n Uff. 1/1 del e dalla Nota del del Ministero della Pubblica Istruzione riguardante la pubblicazione delle graduatorie d'istituto di II e III fascia definitive per le supplenze del personale docente delle Scuole di ogni ordine e grado. Le supplenze possono essere attribuite infatti anche ad aspiranti privi di titolo di specializzazione. Le prestazioni di attività lavorative da parte del deducente sono state regolari ed hanno conseguito risultati soddisfacenti, apprezzati sia da parte del Dirigente dell'istituto che dei familiari dei soggetti seguiti. A fronte dell'imputazione che gli era stata elevata il convenuto aveva frequentato nuovamente altri corsi di specializzazione conseguendo il relativo titolo nell'anno Se un danno economico può supporsi che sia derivato dalla condotta contestata al comparente questo potrebbe in ipotesi riguardare eventuali concorrenti superati nella graduatoria ingiustamente dallo Sgarito in virtù del maggiore punteggio fatto valere dalla presentazione del titolo specializzante, e non altri. Il Diploma di specializzazione non é stato ritenuto falso dal Tribunale che non ne ha disposto la distruzione, come risulta dal dispositivo di sentenza in quanto pienamente accreditato dal riconoscimento di autenticità della firma che ne ha fatto la Direttrice del Corso ISEF che aveva rilasciato quell'attestato, la dott.ssa Mannone Maria, assunta quale teste dell'accusa nel corso dell'inchiesta dibattimentale. Il che rende maggiormente evidente la legittimità delle prestazioni didattiche fornite dal convenuto e del corrispondente diritto dello stesso di percepire le retribuzioni per pag. 9 di 20

10 l'insegnamento prestato, valutato dai capi di istituto interessati positivamente. Non sussiste una reale offesa patrimoniale patita dal Ministero della Pubblica Istruzione ad opera del convenuto, che al contrario verrebbe a soffrire un grave ed ingiusto depauperamento perché avrebbe prestato valida attività didattica senza ricevere la giusta ricompensa in violazione delle disposizioni dettate dall'art.36 della Costituzione. Per i detti motivi la difesa ha chiesto il rigetto della domanda risarcitoria. In via istruttoria, ha chiesto autorizzarsi il convenuto a richiedere copia degli attestati dell'attività didattica prestata presso i predetti istituti ed il giudizio espresso dai capi di Istituto. Successivamente questa Corte ha disposto un supplemento istruttorio, da eseguirsi a cura del PM, per accertare con precisione, in relazione ai fatti di cui si discute nell odierno giudizio, l importo delle retribuzioni complessivamente percepite dal convenuto nel periodo, in relazione ai fatti di causa, in cui ha insegnato presso gli istituti scolastici IPAA di Castelbuono e M. Picone di Lercara Friddi. Quindi il PM, esperito il supplemento istruttorio, con istanza del , ha chiesto la fissazione della odierna udienza ed ha allegato la nota n del del Ministero dell Economia e delle Finanze dalla quale risulta che il convenuto, in relazione ai fatti di causa, nel periodo in cui ha insegnato presso gli istituti scolastici IPAA di Castelbuono e M. Picone di Lercara Friddi, ha percepito la somma complessiva di ,07. Con memoria depositata il , la difesa del convenuto ha fatto presente che, nel corso del giudizio penale, era stata assunta la testimonianza della dott.ssa Mannone Maria, direttrice del Corso ANFE che aveva riconosciuto l'autenticità del titolo e della propria firma apposta sul diploma conseguito da Sgarito Giuseppe. pag. 10 di 20

11 Quest'ultimo aveva in effetti frequentato il Corso ANFE tenuto ad Agrigento dal Prof. Carmelo PATTI - Corso che non era stato convalidato dall'associazione ANFE per ragioni economiche, ma che era stato espletato sotto il controllo del Provveditorato degli Studi di Agrigento e della direttrice Maria Mannone. Il convenuto ha agito in assoluta buona fede e comunque era in possesso di un titolo di studio ( diploma di ragioneria) che di per sé lo abilitava a questo tipo di insegnamento. Ne consegue che poteva al più ritenersi danneggiato chi lo seguiva nella graduatoria e non certamente lo Stato, che ha beneficiato del lavoro regolarmente prestato - con profitto e con lode dall'ins. Sgarito Giuseppe. Avverso la graduatoria non venne interposto alcun gravame perchè chi seguiva sapeva della regolarità e validità del titolo di specializzazione posseduto dal collega Sgarito Giuseppe, il quale vantava un più lungo periodo di insegnamento e non lo precedeva semplicemente per il possesso del titolo di specializzazione. Infatti, il convenuto è sempre stato in possesso di titolo di diploma che lo abilitava a svolgere l'attività professionale di insegnante di sostegno, indipendentemente dal diploma di specializzazione conseguito nel corso tenuto dall'associazione A.N.F.E. in Favara, che è stato oggetto di contestazione. Tale titolo di specializzazione ha avuto solo carattere aggiuntivo, in quanto è valso, come detto, solo ad accrescere il punteggio vantato dal comparente, e certamente non dargli titolo per espletare l'attività di insegnante di sostegno, in quanto tale possibilità gli era consentita dal titolo di studio posseduto. A fronte dell'imputazione che gli è stata elevata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Termini Imerese, il convenuto ha frequentato comunque altri corsi di specializzazione ed ha riconseguito altro diploma di specializzazione nell'anno 2007, rilasciato dall'università degli Studi di Catania (allegato alla memoria), a pag. 11 di 20

12 dimostrazione della sua idoneità a potere espletare l'attività di insegnante di sostegno. L'indagine dibattimentale ha comunque provato l'assunto difensivo di Sgarito Giuseppe, di avere partecipato al corso A.N.F.E. tenutosi in Agrigento, perchè riconosciuto dalla teste direttrice del corso, Mannone Maria, e di avere legalmente conseguito il diploma di specializzazione, che non è stato riconosciuto fals,. tanto vero che la sentenza penale, che ad ogni ragione fa stato, non dispone la distruzione del titolo, proprio perchè non se ne riconosce la falsità. Di guisa che non sussiste il reato di falso e il comparente non è stato condannato per il reato di falso e non ricorre l'ipotesi di truffa ai danni dello Stato, perchè tale fattispecie di reato è condizionata essenzialmente dal conseguimento di un ingiusto vantaggio patrimoniale avvalendosi di una azione ingannevole, azione che in questo caso non sussiste perchè manca la falsità del titolo. Tale diploma, infatti, è stato riconosciuto autentico dalla direttrice scolastica dott.ssa Maria Mannone che aveva curato il corso e rilasciato quel titolo ed il Tribunale di Termini Imerese non.ne ha disposto la distruzione, cosa che avrebbe necessariamente statuito ove avesse riconosciuto con certezza la falsità del titolo. Pertanto, Sgarito Giuseppe non ha tenuto una condotta dolosa causativa di danno erariale per un importo pari al compenso percepito per le mansioni di insegnante di sostegno svolte negli anni in contestazione. Il compenso percepito dal convenuto è stato legittimamente erogato e trova un essenziale presupposto nel possesso da parte dello stesso delle competenze specialistiche richieste per tale mansione e nel lavoro effettivamente svolto. Se si considera che si è trattato di poche ore di insegnamento e per potersi recare nei detti istituti, il comparente doveva spostarsi dal proprio comune di residenza (Favara) con un proprio mezzo, non essendo la zona raggiungibile in modo adeguato con mezzi pag. 12 di 20

13 pubblici, il costo effettivo di spesa che lo stesso ha dovuto sostenere è pari o forse superiore al ricavato, ma si è sobbarcato a tale impegno, anche fisico, con i rischi che comportava il continuo spostamento in macchina, solo perchè aveva interesse a conseguire dei punteggi che gli permettessero di progredire nella carriera e di assicurarsi un impiego duraturo e assicurare di che vivere alla propria famiglia composta dallo stesso, dalla moglie e da tre figli. Per tali ragioni la difesa ha chiesto il proscioglimento del suo assistito. DIRITTO L art. 8 del D.P.R , n.970, e l art. 325 del D.L.vo , n.297, e successive modificazioni, hanno espressamente stabilito che gli insegnanti di sostegno, incaricati di svolgere attività didattica nelle classi in cui sono inseriti alunni portatori di <handicap>, debbono essere in possesso di uno specifico diploma di specializzazione, che può essere conseguito soltanto al termine della frequenza di un apposito corso teorico-pratico di durata biennale presso Istituti di rango universitario, riconosciuti dal Ministero della Pubblica Istruzione. In base a tale normativa appare evidente che l espletamento dell attività d insegnante di sostegno a favore di alunni disabili presuppone il possesso di una preparazione professionale di tipo specialistico, la quale deve aggiungersi a quella ordinariamente richiesta al docente comune. Proprio per questo motivo gli aspiranti insegnanti di sostegno vengono inseriti in appositi elenchi, stilati e tenuti dall Ufficio Scolastico Provinciale, a seconda della specializzazione da essi rispettivamente conseguita e delle particolari tipologie di alunni che dovranno seguire. Le specializzazioni possono essere, infatti, di vario tipo: monovalente per minorati psicofisici in genere; monovalente per soggetti affetti da menomazioni visive; pag. 13 di 20

14 monovalente per soggetti affetti da menomazioni uditive; polivalente; finalizzato all applicazione del metodo Montessori ecc.. Pertanto, quando l Amministrazione scolastica affida un incarico di sostegno ad un insegnante, essa non si limita a richiedere l espletamento di una qualsiasi attività didattica bensì pretende che sia resa una prestazione professionale particolarmente qualificata, per l esecuzione della quale la legge impone, come regola generale, il possesso di uno specifico titolo di studio. Ne consegue che: la prestazione resa dal soggetto privo delle particolari cognizioni tecnico-culturali, tassativamente prescritte dalla legge e conseguibili soltanto attraverso la frequenza dell apposito corso di specializzazione, non può affatto qualificarsi come insegnamento di sostegno in senso tecnico; l attività lavorativa che sia stata, in qualche modo, svolta non può ontologicamente aver prodotto (a causa dell oggettiva carenza dello <standard> di capacità professionale occorrente) la specifica utilità che l Amministrazione aveva preventivato di ricevere in sede di stipulazione del contratto individuale di lavoro. Passando all esame della fattispecie oggetto del presente giudizio, risulta inequivocabilmente provato che il convenuto ha ottenuto il conferimento di incarichi di supplenza come insegnante di sostegno soltanto mediante la produzione di false dichiarazioni sul possesso del titolo di specializzazione prescritto dalla legge; ciò risulta accertato con sentenza n. 140/2011 del Tribunale di Termini Imerese, passata in giudicato con la quale il convenuto è stato condannato per il reato di cui al capo B) - vale a dire per il reato di truffa limitatamente all'attività di insegnamento prestato presso gli istituti scolastici di Castelbuono e Lercara Friddi; per altro i fatti come acclarati nel processo penale conclusosi con sentenza passata in giudicato non possono pag. 14 di 20

15 essere oggetto di alcuna contestazione in questa sede, giusto il disposto dell art. 651 c.p.p.; in virtù di tale norma, l efficacia vincolante del giudicato penale di condanna nel processo per la responsabilità amministrativa che concerne l accertamento dei fatti che hanno formato oggetto del relativo giudizio, intesi nella loro realtà fenomenica ed oggettiva, quali la condotta, l evento e il nesso di causalità materiale che sono stati assunti a presupposto logico-giuridico della pronuncia penale, restando, quindi, preclusa al giudice contabile ogni valutazione e statuizione che venga a collidere con i presupposti, le risultanze e le affermazioni conclusionali di quel pronunciamento. Inoltre, nella fattispecie, l accertamento del giudice penale si è esteso anche, al fine di poter pronunciare la sentenza di condanna per truffa, a verificare la sussistenza dell elemento soggettivo per dolo. Deve, pertanto, affermarsi che: il rapporto sinallagmatico tra la prestazione lavorativa specializzata (che avrebbe dovuto essere resa dal convenuto ai fini del soddisfacimento dell interesse pubblico prefissato dalla legge) ed il compenso correlativamente pattuito con l Amministrazione (in conformità al C.C.N.L. di categoria) risulta irrimediabilmente inficiato dalla carenza nel docente incaricato della peculiare professionalità richiesta dalla normativa vigente; non può esservi alcun dubbio sul fatto che le retribuzioni percepite dal convenuto (per effetto del fraudolento conseguimento da parte sua, in violazione di norme imperative, degli incarichi come insegnante di sostegno) siano giuridicamente prive di giusta causa. Né può assumere rilevanza in contrario l argomentazione addotta dallo stesso, secondo cui, sulla base della Circolare emessa dal Dipartimento per l'istruzione Direzione Regionale per il personale della scuola - prot. n Uff. 1/1 del e dalla pag. 15 di 20

16 Nota del del Ministero della Pubblica Istruzione, sarebbe stato possibile, ove fossero risultati ormai esauriti gli elenchi dei docenti specializzati, il conferimento di supplenze in qualità d insegnante di sostegno a soggetti ancora privi dell apposito diploma prescritto dalla legge. Infatti l ipotesi contemplata in tale circolare avrebbe, comunque, un carattere d eccezionalità (in quanto verosimilmente correlata all impossibilità di provvedere altrimenti ad una, sia pur limitata e provvisoria, tutela degli interessi scolastici degli alunni disabili) rispetto alla regola generale della necessità che l incarico come insegnante di sostegno venga conferito soltanto a chi sia già in possesso del diploma di specializzazione prescritto dalla legge. Nella fattispecie oggetto del presente giudizio non risulta, comunque, dimostrato che, alle epoche in cui il convenuto ottenne gli incarichi di supplenza come insegnante di sostegno, gli elenchi tenuti dall Ufficio Scolastico Provinciale fossero esauriti e, quindi, non vi fossero più docenti specializzati disponibili. In ogni caso l art. 325 del citato decreto legislativo prevede chiaramente, infatti, che il personale docente nelle classi delle scuole comuni che accolgono alunni portatori di handicap deve essere fornito di apposito titolo di specializzazione da conseguire al termine di un corso teorico-pratico di durata biennale presso scuole o istituti riconosciuti dal Ministero della pubblica istruzione. E vero che l art. 127, 4 comma, del medesimo decreto ammette l'utilizzazione in posti di sostegno di docenti privi dei prescritti titoli di specializzazione, ma ciò è consentito unicamente qualora manchino docenti di ruolo o non di ruolo specializzati e nei modi previsti dal successivo articolo 455. Quest ultima disposizione (comma 12 ) impone che i posti relativi al sostegno degli alunni portatori di handicap vengono coperti prioritariamente con personale specializzato, secondariamente con personale di pag. 16 di 20

17 ruolo, compresi i titolari di dotazioni organiche aggiuntive, che ne faccia domanda, ed infine con personale eventualmente in soprannumero. Nessuno di tali presupposti risulta sussistente nella fattispecie e, d altra parte, la falsificazione del titolo di specializzazione è avvenuta proprio perché l insegnante non si trovava in alcuna delle condizioni previste dalla norma per essere legittimamente nominato. Circa la presunta utilità, prospettata dalla difesa, che la prestazione resa dal convenuto, comunque, prodotto alla scuola, ritiene il Collegio che l attività svolta, proprio perché non collegata al possesso di un titolo di studio, che allo stato attuale della legislazione è requisito fondamentale ed indispensabile per l attività dell insegnamento di sostegno, non possa avere recato alcun vantaggio. Si rileva, in proposito, che la giurisprudenza costante di questa Corte ha affermato che le prestazioni professionali svolte da un dipendente pubblico assunto illegittimamente su presentazione di falso titolo di studio o comunque di un titolo di studio non legittimamente conseguito, comportano un danno risarcibile per l Amministrazione non operando al riguardo la compensatio lucri cum damno di cui all'art. 1, comma 1-bis, legge 14 gennaio 1994, n. 20, se non limitatamente alla quota di retribuzione riconducibile a mansioni generiche e non professionalmente caratterizzate dal possesso di uno specifico titolo di studio e/o di specializzazione (C. Conti, Sez. III, 20/02/2004, n. 151). Possono, quindi, essere legittimamente retribuite solo quelle attività lavorative che, per la loro assoluta genericità e fungibilità, non trovano un essenziale presupposto per un utile svolgimento nel possesso di conoscenze specialistiche. Nel caso in esame, il possesso di requisiti professionali si pone come necessaria premessa per l'utile svolgimento dell intera attività di insegnante di sostegno svolta pag. 17 di 20

18 dallo Sgarito, cosicchè la mancanza del titolo di specializzazione esclude che anche solo una parte delle prestazioni da lei rese possano essere in alcun modo compensate. Nella valutazione dell assenza di utilità del lavoro svolto, occorre, altresì, considerare che l attività fraudolenta posta in essere dal convenuto ha impedito che insegnanti maggiormente preparati potessero meglio sviluppare e sostenere l integrazione scolastica degli alunni portatori di handicap, violando così il loro diritto all'educazione e all'istruzione. Aggiungasi che la violazione di norme imperative, come quelle che regolano la specifica materia dell insegnamento, costituenti principi basilari del nostro ordinamento giuridico, comportano un illiceità della causa del contratto di lavoro, con impossibilità di applicare l art c.c. Ne consegue che la circostanza di avere svolto la prestazione lavorativa negli anni in contestazione non può acquisire alcuna rilevanza, giacché la specifica prestazione richiesta prevedeva il possesso di apposito titolo, non conseguito dall interessata, né alcuna utilità o arricchimento ne sono derivati per la P.A. Da quanto sopra esposto si evince che nella fattispecie dedotta in controversia è dato, pertanto, riscontrare tutti gli elementi di natura oggettiva e soggettiva che compongono la struttura dell illecito erariale, ovvero una condotta, nello specifico attiva, etiologicamente connessa ad un evento dannoso ed ascrivibile sul piano psicologico ad un soggetto agente, a titolo di dolo. Va, pertanto, affermata la responsabilità del convenuto per l indebita percezione delle retribuzioni contestate. Con riferimento alla quantificazione del danno operata dalla Procura, ritiene questo Collegio che la stessa debba essere condivisa. Non soltanto deve escludersi l applicabilità dell art.1, comma 1-bis, legge 14 gennaio pag. 18 di 20

19 1994, n. 20, come sopra ampiamente esposto, ma nemmeno può riconoscersi validità alla tesi difensiva secondo cui dovrebbe tenersi conto delle spese sostenute per svolgere l attività di insegnamento. Infatti, a fronte di una condotta dolosa dell interessato, è evidente che non può tenersi conto di asserite e non dimostrate spese sostenute proprio per il compimento di tale condotta. Si rileva, altresì, che la condotta dolosa dell interessato esclude in radice la possibilità di esercitare il potere di riduzione dell addebito, di cui all art. 52 co. 2 del regio decreto 12 luglio 1934 n e all art. 83 del regio decreto 18 novembre 1923 n In conseguenza va affermata la responsabilità del convenuto e quest ultimo va condannato al pagamento della somma di ,07 in favore del Ministero della Pubblica Istruzione ( oggi Ministero dell Istruzione, Università e ricerca ) oltre: 1)alla rivalutazione monetaria su tale somma, da determinarsi secondo gli indici I.S.T.A.T., a decorrere dalla data dei singoli pagamenti (effettuati a titolo di retribuzione nel periodo in contestazione in favore del convenuto) e fino alla data di pubblicazione della presente sentenza; 2)agli interessi legali su detta somma, rivalutata come sopra, a decorrere dalla data di pubblicazione della presente sentenza e fino al soddisfo. 3)alle spese di giudizio, in favore dello Stato. P.Q.M. La Corte dei Conti, Sezione Giurisdizionale per la Regione Siciliana, condanna il sig. Sgarito Giuseppe al pagamento, in favore del Ministero della Pubblica Istruzione ( oggi Ministero dell Istruzione, Università e ricerca ), della somma di ,07, oltre alla rivalutazione monetaria su tale somma, da determinarsi secondo gli indici pag. 19 di 20

20 I.S.T.A.T., a decorrere dalla data dei singoli pagamenti (effettuati a titolo di retribuzione nel periodo in contestazione in favore del convenuto) e fino alla data di pubblicazione della presente sentenza, ed agli interessi legali su detta somma, rivalutata come sopra, a decorrere dalla data di pubblicazione della presente sentenza ora detta e fino al soddisfo. Condanna inoltre detto convenuto alle spese di giudizio che si liquidano in EURO 444,82. Così deciso in Palermo nella Camera di Consiglio del Il Presidente f.f. estensore F.to Vincenzo Lo Presti Depositata in segreteria nei modi di legge Palermo, 27 giugno 2013 Il Funzionario C2 F.to Dr.ssa Claudia Chiarello pag. 20 di 20

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279 R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE D APPELLO PER LA REGIONE SICILIANA composta dai magistrati: dott. Salvatore CILIA dott. Salvatore

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. 26329/2015 Selezione pubblica per l assunzione a tempo indeterminato di 892 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009

RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO IN UNA GRADUATORIA ACCETTO SU SOSTEGNO HO AVUTO IL RUOLO SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 SECONDO LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 25 AGOSTO 2009 a cura di Laura Razzano RINUNCIO IN UNA GRADUATORIA PER QUEST'ANNO (2009/2010)O NON POTRO' PIU' LAVORARE NELLA GRADUATORIA DI QUELLA PROVINCIA POTRO'

Dettagli

Pagina 1 di 13 N. 01842/2015REG.PROV.COLL. N. 08855/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15.

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15. Istituto Tecnico Statale Settore Tecnologico Via Tronconi, 22-31100 Treviso tel. 0422.430310 fax 0422.432545 mail: pallad@tin.it dirigente@palladio-tv.it pec: itspalladio@pec.palladio-tv.it url: www.palladio-tv.it

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P.

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Roma Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma sito: http:/www.lazio.istruzione.it/csa/csa_roma.shtml

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli