IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011"

Transcript

1 IL PIANO DELLA PERFORMANCE 2011

2 D.Lgs. 150/2009 "Ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni"

3 PRINCIPI GENERALI PIANO DELLA PERFORMANCE = DOCUMENTO PROGRAMMATICO in cui sono esplicitati: - gli obiettivi - gli indicatori - i valori standard su cui si baserà la misurazione la valutazione la rendicontazione della performance.

4 GLI ATTORI il vertice politico amministrativo la dirigenza il nucleo di valutazione e, all esterno la Commissione per la valutazione, la trasparenza e l integrità delle pubbliche amministrazioni (Civit).

5 I RISULTATI Attraverso la gestione della performance sarà possibile: pianificare meglio misurare meglio valutare meglio premiare meglio rendicontare meglio Si pone dunque in una ottica di risultato (un concreto miglioramento per l'ente) e di trasparenza (la messa a disposizione, anche su internet, dei risultati).

6 I PRESUPPOSTI PROGRAMMA DI MANDATO RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011 BILANCIO PREVENTIVO 2011

7 L'ALBERO DELLA PERFORMANCE MAPPA LOGICA rappresenta anche graficamente l'azione camerale, tradotta in obiettivi di vari livelli e diversa natura Il tutto si ricompone in un quadro omogeneo di sintesi del mandato istituzionale e della missione

8

9 AREA STRATEGICA 1 PROMOZIONE DELLE IMPRESE OBIETTIVO OPERATIVO FACILITAZIONE DELL'ACCESSO AL CREDITO MEDIANTE L'AZIONE DI SOSTEGNO AI CONSORZI-FIDI Indicatore A: pubblicazione del bando entro il Indicatore B: adozione del provvedimento di erogazione dei contributi ai consorzi-fidi relativi al primo semestre entro il

10 AREA STRATEGICA 1 PROMOZIONE DELLE IMPRESE OBIETTIVO OPERATIVO (assegnato all'azienda Speciale Pro-Brixia) FAVORIRE LA PROGRESSIVA APERTURA DELLE IMPRESE A RELAZIONI COMMERCIALI CON NUOVI MERCATI ESTERI Indicatore A: realizzazione di almeno 27 iniziative fieristiche in programma nel 2011 Indicatore B: organizzazione di almeno 20 Missioni BtoB previste per il 2011 Indicatore C: grado di soddisfazione delle imprese per i servizi offerti

11 AREA STRATEGICA 2 SERVIZI ALLE IMPRESE E REGOLAZIONE DEL MERCATO OBIETTIVO OPERATIVO IMPLEMENTAZIONE E CONSOLIDAMENTO DEL SERVIZIO DI EMISSIONE CERTIFICATI D'ORIGINE PER L'EXPORT RICHIESTI TELEMATICAMENTE E FORMAZIONE/INFORMAZIONE ALL'UTENZA Indicatore A: aumento del 100% del totale dei certificati di origine telematici emessi nel 2010 Indicatore B: almeno 200 pagamenti on-line per i certificati di origine telematici Indicatore C: realizzazione di 4 eventi di formazione per gli utenti inerenti l'export Indicatore D: realizzazione di 4 schede tematiche di approfondimento per l'export e relative comunicazioni alle imprese della mailing-list

12 AREA STRATEGICA 2 SERVIZI ALLE IMPRESE E REGOLAZIONE DEL MERCATO OBIETTIVO OPERATIVO EROGAZIONE CONTRIBUTI PREVISTI DAI BANDI CAMERALI IN SICUREZZA E IN TEMPI BREVI Indicatore A: 5% di verifiche ispettive sul totale delle domande ricevute per l'acquisto di beni strumentali Indicatore B: istruttoria entro il 31 luglio 2011 del 42% delle domande ricevute Indicatore C: istruttoria entro il 31 dicembre 2011 del 43% delle domande ricevute

13 AREA STRATEGICA 2 SERVIZI ALLE IMPRESE E REGOLAZIONE DEL MERCATO OBIETTIVO OPERATIVO TRASMISSIONE TELEMATICA CON IL PROCEDIMENTO COMUNICA MEDIANTE SCIA DIRETTE AL SUAP Indicatore A: realizzazione di 30 corsi agli utenti convenzionati Indicatore B: soluzione di almeno 150 casi problematici nei relativi prontuari Indicatore C: aggiornamento del 100% della modulistica in uso

14 AREA STRATEGICA 2 SERVIZI ALLE IMPRESE E REGOLAZIONE DEL MERCATO OBIETTIVO OPERATIVO RAFFORZAMENTO AZIONI DIRETTE ALLA SOLUZIONE DEI CONFLITTI TRA IMPRESE, E TRA IMPRESE E CONSUMATORI, PER CONTRIBUIRE ALLA COSTRUZIONE DI UN MERCATO EQUILIBRATO, TRASPARENTE E CORRETTO Indicatore A: mantenimento dell'iscrizione nel Registro dei soggetti abilitati alla mediazione obbligatoria entro il 2011 Indicatore B: formazione e selezione nuovi conciliatori entro il 2011

15 AREA STRATEGICA 2 SERVIZI ALLE IMPRESE E REGOLAZIONE DEL MERCATO OBIETTIVO OPERATIVO VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI DI QUALITÀ DEL TERRITORIO, IN PARTICOLARE IL VINO, ASSICURANDO LA CERTIFICAZIONE DI IDONEITÀ ALLE D.O.C. E D.O.C.G. Indicatore A: rilascio dei certificati di idoneità alle D.O.C. e D.O.C.G. entro 15 giorni lavorativi dalla richiesta

16 AREA STRATEGICA 2 SERVIZI ALLE IMPRESE E REGOLAZIONE DEL MERCATO OBIETTIVO OPERATIVO RAFFORZAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI VIGILANZA E CONTROLLO DEL MERCATO A TUTELA DEL CONSUMATORE E SICUREZZA DEL PRODOTTO Indicatore A: almeno 38 verifiche ispettive Indicatore B: almeno 9 controlli documentali Indicatore C: almeno 16 prelievi da inviare ai laboratori Indicatore D: almeno 5 iniziative formative destinate ai soggetti esterni

17 AREA STRATEGICA 3 AFFARI GENERALI E RAPPORTI ISTITUZIONALI OBIETTIVO OPERATIVO SUBENTRARE A REGIONE LOMBARDIA NELLA GESTIONE DEI PROCEDIMENTI FORMATIVI ABILITANTI NEL SETTORE DEL COMMERCIO, DELEGATI CON LA DGR 9/887 DEL , ENTRO IL 2011 Indicatore A: conclusione della fase di subentro a Regione Lombardia nella gestione dei procedimenti formativi abilitanti nel settore del Commercio entro il 2011 Indicatore B: pubblicazione prontuario illustrativo della nuova disciplina sul sito internet camerale entro il 2011

18 AREA STRATEGICA 3 AFFARI GENERALI E RAPPORTI ISTITUZIONALI OBIETTIVO OPERATIVO GESTIONE DEI RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI PUBBLICHE E PRIVATE Indicatore A: 100% degli eventi previsti dal piano di comunicazione 2011 Indicatore B: 100% dei progetti realizzati in convenzione con enti pubblici e privati rispetto a quelli programmati

19 AREA STRATEGICA 3 AFFARI GENERALI E RAPPORTI ISTITUZIONALI OBIETTIVO OPERATIVO CREAZIONE DI UN SISTEMA ORGANICO DI GESTIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETA' PARTECIPATE Indicatore A: predisposizione di un regolamento che disciplina i rapporti con le società partecipate entro il 30 giugno 2011 Indicatore B: caricamento in un software di tutte le società partecipate Indicatore C: elaborazione di un report con i dati delle 20 società strategicamente rilevanti

20 AREA STRATEGICA 3 AFFARI GENERALI E RAPPORTI ISTITUZIONALI OBIETTIVO OPERATIVO CURA DELLE PUBBLICAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO-STATISTICO Indicatore A: 100% del numero di pubblicazioni effettuate rispetto a quelle programmate Indicatore B: pubblicazione sul sito camerale dei listini prodotti a seguito delle Commissioni entro il primo giorno lavorativo successivo alla riunione

21 AREA STRATEGICA 4 GESTIONE RISORSE UMANE FINANZIARIE E STRUMENTALI OBIETTIVO OPERATIVO EFFICIENZA ENERGETICA Indicatore A: consumo inferiore di KWH calore rispetto al consumo 2010 Indicatore B: consumo inferiore di KWH elettrici rispetto al consumo 2010

22 AREA STRATEGICA 4 GESTIONE RISORSE UMANE FINANZIARIE E STRUMENTALI OBIETTIVO OPERATIVO PAGAMENTO DELLE FATTURE Indicatore A: mantenimento del tempo medio di pagamento delle fatture rispetto al biennio , al netto dei tempi richiesti per gli adempimenti Durc e dal D.Lgs. n.136/2010

23 AREA STRATEGICA 4 GESTIONE RISORSE UMANE FINANZIARIE E STRUMENTALI OBIETTIVO OPERATIVO REVISIONE CRITICA DEI CONTRATTI IN SCADENZA NEL 2011 Indicatore A: 100% dei contratti rivisti di pertinenza del Provveditorato rispetto a quelli in scadenza Indicatore B: almeno 7% di risparmio rispetto ai contratti stipulati in precedenza

24 AREA STRATEGICA 4 GESTIONE RISORSE UMANE FINANZIARIE E STRUMENTALI OBIETTIVO OPERATIVO FORMAZIONE DEL PERSONALE CAMERALE Indicatore A: più del 50% del personale coinvolto rispetto al 2009 Indicatore B: più del 50% del numero di interventi formativi rispetto al 2009 Indicatore C: almeno il 25% delle iniziative di formazione in web-conference (n.b. Per disposizione di legge le risorse economiche destinate alla formazione non possono essere superiori al 50% della spesa del 2009)

25 AREA STRATEGICA 4 GESTIONE RISORSE UMANE FINANZIARIE E STRUMENTALI OBIETTIVO OPERATIVO RIFORMA SUL LAVORO PUBBLICO E PER L'EFFICIENZA E LA TRASPARENZA DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Indicatore A: maggior numero di obiettivi operativi monitorati rispetto alla fase sperimentale dell'anno precedente Indicatore B: maggior numero di responsabili di progetto coinvolti rispetto alla fase sperimentale dell'anno precedente

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI VOBARNO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE

Dettagli

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa RESPONSABILE: ANNA BRUZZO 2. Sportello Unico Attività Produttive-Edilizia e pratiche sismiche RESPONSABILE: NARA BERTI

Dettagli

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza)

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) DIREZIONE GENERALE Servizio programmazione e sviluppo organizzativo Servizio informatica Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1 Introduzione:

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE

INTERNAZIONALIZZAZIONE Allegato n. 3 al Piano delle Performance 2014/2016 Linea Strategica 1 INTERNAZIONALIZZAZIONE Ipotesi di programma / 1.1. Supportare le imprese nei loro progetti di internazionalizzazione volti alla penetrazione

Dettagli

Città di Lecce SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA

Città di Lecce SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA Città di Lecce SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA INDICE 1. Introduzione... 4 2. Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa... 4 2.1. L Albero

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI BOTTICINO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Giugno 2013 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE DELL

Dettagli

Allegati seconda parte

Allegati seconda parte Allegati seconda parte Nella seconda parte degli allegati sono stati individuati sulla base della Relazione previsionale programmatica, del bilancio preventivo e del budget, gli obiettivi dell ente nel

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

C O M U N E D I VILLANOVA MONFERRATO Provincia di Alessandria SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

C O M U N E D I VILLANOVA MONFERRATO Provincia di Alessandria SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE C O M U N E D I VILLANOVA MONFERRATO Provincia di Alessandria SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1 1. Pianificazione e Programmazione. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano PIANO DELLE AZIONI 2015 Gennaio 2015 Il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2014-2016 ( di seguito anche PTPC o Piano) dell'agenzia

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. (revisione Luglio 2012)

IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. (revisione Luglio 2012) IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (revisione Luglio 2012) 1 INDICE i. PREMESSA pag. 4 ii. DEFINIZIONI E CONCETTI BASE pag. 6 1. LA PIANIFICAZIONE DELLA

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

Comune di VICCHIO (FI) Scheda progetto esercizio 2011 Servizio: Urbanistica-Edilizia-Ambiente

Comune di VICCHIO (FI) Scheda progetto esercizio 2011 Servizio: Urbanistica-Edilizia-Ambiente Linea di indirizzo: Linee di mandato amministrativo Relazione previsionale e programmatica Triennio 0/0 Responsabile del progetto: Arch. Riccardo Sforzi N. Nome Progetto: Smaltimento del carico pregresso

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) PROCESSO DI VALUTAZIONE delle prestazioni (PERFORMANCE INDIVIDUALE) rese dal personale Il sistema di valutazione permanente intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni

Dettagli

CCIAA DI REGGIO EMILIA

CCIAA DI REGGIO EMILIA CCIAA DI REGGIO EMILIA RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITA DEI CONTROLLI INTERNI (ART.14, COMMA 4, LETTERA A E LETTERA G, D.LGS. 150/2009). 1 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

Servizio Bilancio e Controllo di Gestione

Servizio Bilancio e Controllo di Gestione Servizio Bilancio e Controllo di Gestione Responsabile settore: Mara Fabbiani Telefono: 0522 610 214 e mail: m.fabbiani@comune.castelnovo-nemoti.re.it Dotazione organica Loretta Marciani Rossella Tognetti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 : Comune di Samugheo Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 Indice 1 INTRODUZIONE 2- STATO DI ATTUAZIONE 1. Dati già pubblicati sul sito 2. "Trasparenza, valutazione

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013. Dal 01.01.2013 al 31.10.2013

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013. Dal 01.01.2013 al 31.10.2013 PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 Dal 01.01.2013 al 31.10.2013 Segretario Generale Dott. Antonina Liotta Caltanissetta, 30 Gennaio 2014 1 Provincia Regionale

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 7 del

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Liceo Classico Statale M. Minghetti Via Nazario Sauro, 18 40121 Bologna Tel. 051.2757511 Fax 051.230145 www.liceominghetti.gov.it mail: bopc030001@istruzione.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E

Dettagli

LINEE GUIDA DEL SISTEMA DI QUALITA DELL UNIVERSITA TELEMATICA INTERNAZIONALE UNINETTUNO

LINEE GUIDA DEL SISTEMA DI QUALITA DELL UNIVERSITA TELEMATICA INTERNAZIONALE UNINETTUNO LINEE GUIDA DEL SISTEMA DI QUALITA DELL UNIVERSITA TELEMATICA INTERNAZIONALE UNINETTUNO L'Università Telematica Internazionale Uninettuno ha individuato nel Sistema di Assicurazione Interna della Qualità

Dettagli

COPTE DU CONTI //. VISTO il decreto legislativo 20 dicembre 2009, n.198, concernente l'attuazione dell'articolo 4 della legge 4

COPTE DU CONTI //. VISTO il decreto legislativo 20 dicembre 2009, n.198, concernente l'attuazione dell'articolo 4 della legge 4 i COPTE DU CONTI -SC I - UFFfCf0 CEI ; 7- -5 Bftì, 201? //. VISTO il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, recante "Attuazione della Legge 4 marzo 2009, n, 15, in materia di ottimizzazione della

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE VII SOCIO CULTURALE DIRIGENTE Dott. Ignazio Merlisenna Tel 0935/521205 Fax 0935/521209 e-mail:socioculturale@provincia.enna.it

Dettagli

Piano Anticorruzione It.City S.p.A.

Piano Anticorruzione It.City S.p.A. Piano Anticorruzione It.City S.p.A. 2014 2016 Indice Premessa... 2 Organizzazione... 4 Referenti... 5 Compiti operativi dei Referenti... 7 Aree di rischio... 8 I Controlli... 9 La Trasparenza... 10 Codice

Dettagli

Il Sistema della performance e le direttive CIVIT. Università di Cagliari monfardini@unica.it

Il Sistema della performance e le direttive CIVIT. Università di Cagliari monfardini@unica.it Il Sistema della performance e le direttive CIVIT Dott. Patrizio Monfardini Università di Cagliari monfardini@unica.it Art. 4 (ciclo di gestione della performance) 2 comma 1: [.] le amministrazioni pubbliche

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA

STRUTTURA ORGANIZZATIVA STRUTTURA ORGANIZZATIVA ORGANIGRAMMA SEGRETARIO GENERALE F.F. (Cristina D Ercole) Segreteria e affari generali (ad interim Segretario Generale) Personale e controllo di gestione (ad interim Segretario

Dettagli

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2012-2014 PIANI OPERATIVI PER IL RAGGIUNGIMENTO DI OBIETTIVI

Dettagli

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD)

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA www.comune.vigonza.pd.it Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) 2012-2014 Il Piano, sulla base dei principi del Ciclo delle Performance comunale si articola

Dettagli

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Dott.ssa Paola BULFON SEGRETARIO COMUNALE TITOLARE DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA ECONOMICO - FINANZIARIA RESPONSABILE DEI SERVIZI

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014/2016

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014/2016 A.S.P. Laura Rodriguez y Laso De Buoi Via Emilia, 36 40068 San Lazzaro di Savena (BO) Tel. 051 6270172 Fax 051 6279067 E-mail asplaurarodriguez@asplaurarodriguez.it PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto l art.11, comma 2, del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n.150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n.

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Bozza di Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014

LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014 LA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ESERCIZIO 2014 La Relazione sulla performance prevista dall art. 10, comma 1, lettera b), del decreto legislativo n. 150 del 2009 costituisce lo strumento mediante il quale

Dettagli

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda 1 Finalità dell intervento... 2 2 Modello di riferimento... 2 3 Soggetti abilitati

Dettagli

TABELLA RELATIVA AL REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI del SERVIZIO CONTABILITA'

TABELLA RELATIVA AL REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI del SERVIZIO CONTABILITA' ELENCO DEI PROCEDIMENTI del SETTORE III TABELLA RELATIVA AL REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI del SERVIZIO CONTABILITA' DENOMINAZIONE PROCEDIMENTO STRUTTURA ORGANIZ- ZATIVA COMPETENTE RESPONSABILE

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE RELAZIONE SEMESTRALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2014-2016 PER LA TRASPARENZA

Dettagli

PROGETTI A CARATTERE SPECIALE

PROGETTI A CARATTERE SPECIALE Relazione sulla performance: progetti,attività, risultati, risorse - anno 2013 Allegati: Obiettivi divisi per area dirigenziale e portafoglio servizi AREA SEMPLIFICAZIONE E INFORMAZIONE ALLE IMPRESE OBIETTIVI

Dettagli

PERFORMANCE ORGANIZZATIVA LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO AREA, PROGRAMMA, PROGETTI, OBIETTIVI STRATEGICI

PERFORMANCE ORGANIZZATIVA LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO AREA, PROGRAMMA, PROGETTI, OBIETTIVI STRATEGICI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO AREA, PROGRAMMA, PROGETTI, OBIETTIVI STRATEGICI AREA STRATEGICA 1 Individuare soluzioni e metodi in grado di apportare miglioramenti e innovazioni

Dettagli

Relazione Bilancio di previsione 2016

Relazione Bilancio di previsione 2016 Relazione Bilancio di previsione 2016 Il bilancio di previsione 2016, così come era stato fatto nel 2015, è stato costruito sulla base di linee di indirizzo ritenute strategiche da questo Consiglio che

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE

PIANO DELLA PERFORMANCE PIANO DELLA PERFORMANCE PROGRAMMI E PROGETTI DELL AMMINISTRAZIONE PER IL PERIODO 2011-2012 - 2013 L Albero della Performance Consiglio Comunale Piano di mandato Sindaco e Giunta Comunale Piano della Performance

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

CDR 16 Gioventù e Servizio civile nazionale

CDR 16 Gioventù e Servizio civile nazionale CDR 16 Gioventù e Servizio civile nazionale MISSIONE 001 Organi Costituzionali a rilevanza Costituzionale e Presidenza del Consiglio dei Ministri Programma 003 Presidenza del Consiglio dei ministri MISSIONE

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi INDICE - Sezioni 1. LA GESTIONE REGIONALE DEL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE 2. I PRINCIPALI CAMBIAMENTI

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio - dsga D. Di Lascio Promemoria per il personale amministrativo assegnato ai progetti P.O.N. 2000/2006 A cura del Direttore Servizi Generali e Amministrativi DI LASCIO Domenico Ogni progetto dovrà essere

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

LINEE GUIDA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE LINEE GUIDA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato alla deliberazione di G.C. n. 79 del 26/05/2011 Ente certificato: Palazzo Comunale via I Maggio 20090 - Segrate Telefono 02/26.902.1

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 Pag: 1 di 12 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 Approvato dal Presidente del Consiglio di Amministrazione con provvedimento d urgenza n 3 del 29 gennaio 2016. Seguirà ratifica

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. GEMELLI - SANT AGNELLO (NA) PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ TRIENNIO 2016-2018 Anno 2016 - VERSIONE 1.03 PREMESSA L'Istituto

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità Anni 2015-2017 Le novità normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli enti locali la revisione e la

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI

RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI Organismo indipendente di valutazione RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI (art.14, co.4 lett.

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

UFFICI DEL SETTORE ECONOMICO- FINANZIARIO E TRIBUTARIO SERVIZIO FINANZIARIO E RAGIONERIA

UFFICI DEL SETTORE ECONOMICO- FINANZIARIO E TRIBUTARIO SERVIZIO FINANZIARIO E RAGIONERIA UFFICI DEL SETTORE ECONOMICO- FINANZIARIO E TRIBUTARIO SERVIZIO FINANZIARIO E RAGIONERIA Ufficio Supporto adempimenti fiscali Responsabile dei procedimenti sotto elencati i dipendenti Lipira Giuseppina

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune 2. Il processo di pubblicazione dei dati 3. Le iniziative per l integrità

Dettagli

COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA

COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA ALLEGATO A) ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 5 DEL 29.01.2014 COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA PIANO DELL INTEGRITA E DELLA TRASPARENZA PROGRAMMA TRIENNALE ANNO 2014 2016 INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA

Piano. Anticorruzione. Pianoro Centro SpA Piano Anticorruzione Pianoro Centro SpA 2015-2017 Indice Premessa..... 2 Attività ed Organizzazione Aziendale 4 Referenti.. 5 Compiti operativi del Responsabile 5 Aree di rischio. 5 I Controlli 6 La Trasparenza...

Dettagli

Camera di Commercio di Pavia

Camera di Commercio di Pavia PIANO DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE ANNO 2013 Si richiama preliminarmente quanto evidenziato nella Relazione Previsionale e Programmatica 2013 approvata dal Consiglio camerale con deliberazione n. 10

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1. LIVELLO STRATEGICO Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1.1 POLITICA DELLA QUALITÀ La dirigenza di Unindustria Perform Srl intende perseguire, quale mission dell Organizzazione, il miglioramento

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 22 del 20.04.2011 in vigore dal 26.05.2011 TITOLO

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ALLEGATO B COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ************ REGOLAMENTO SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE E SULLA ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL'ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (O.I.V.)

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO PROVINCIA DI FIRENZE ALLEGATO A) a PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013-2015 PREMESSA La recente normativa, nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione, impone agli Enti Locali

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO DISCIPLINARE TECNICO per l affidamento del servizio di analisi e progettazione del sistema di programmazione, di bilancio e controllo dell I.N.A.F. Pagina 1 di 10 INDICE DEI CONTENUTI ARTICOLI Pag. 1 Premessa...

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000)

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) TITOLO I PARTE GENERALE...- 2-1.1. Premessa e presupposti teorici del sistema

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

SARDEGNA IT SRL. Relazione concernente l andamento della società nel primo semestre 2014

SARDEGNA IT SRL. Relazione concernente l andamento della società nel primo semestre 2014 SARDEGNA IT SRL Registro Imprese 03074520929 Rea 244574 Società unipersonale Sede in VIA DEI GIORNALISTI, N. 6-09122 CAGLIARI (CA) Capitale sociale Euro 100.000,00 i.v. Relazione concernente l andamento

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 2015-2017 CITTA DI SANTENA Provincia di Torino ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 75 IN DATA 18.06.2015 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 2015-2017 Ente con Sistema Qualità

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA. Adottato con deliberazione di consiglio comunale Pg. n. 25940/25 nella seduta del 28/02/2013. Pagina 1 di 17

COMUNE DI RAVENNA. Adottato con deliberazione di consiglio comunale Pg. n. 25940/25 nella seduta del 28/02/2013. Pagina 1 di 17 COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DEL SISTEMA INTEGRATO DEI CONTROLLI INTERNI Adottato con deliberazione di consiglio comunale Pg. n. 25940/25 nella seduta del 28/02/2013 Pagina 1 di 17 REGOLAMENTO DEL SISTEMA

Dettagli

ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano

ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Milano, Via Juvara, 22 Telefono 02/74.87.2.211 E-mail c.testai@arpalombardia.it Nazionalità Italia Data di nascita 30 AGOSTO

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE POLITICHE ECONOMICHE FINANZIARIE E TRIBUTARIE REG. GEN.LE N. 81300DEL 10/10/2014 REG. SERVIZIO N. 970DEL 09/10/2014

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE COMUNE DI GHISALBA (Provincia di Bergamo) Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 111 del 13/10/2014 REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 1 Sommario Art. 1 -

Dettagli

ELENCO DELLE TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTO SVOLTE ALL INTERNO DELL UFFICIO V R.U.

ELENCO DELLE TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTO SVOLTE ALL INTERNO DELL UFFICIO V R.U. Istituto Superiore di Sanità ELENCO DELLE TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTO SVOLTE ALL INTERNO DELL UFFICIO V R.U. L Ufficio V Organizzazione Formazione e sviluppo delle risorse umane, ogni anno al fine di predisporre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ATTESTAZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI D. LGS 231/2001 I & F BUREAU VERITAS ITALIA

REGOLAMENTO PER LA ATTESTAZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI D. LGS 231/2001 I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO ATTESTAZIONE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. IMPEGNI DI BUREAU VERITAS... 2 3. IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE... 2 4. PROCEDURA DI ATTESTAZIONE... 2 5. RICHIESTA

Dettagli

Valutare gli esiti di una consultazione online

Valutare gli esiti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Valutare gli esiti di una consultazione online Autore: Antonella Fancello, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 ( RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA D IMPRESA) La norma

Dettagli