L INSEGNANTE DI SOSTEGNO. un ponte tra alunno diversamente abile e il successo scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L INSEGNANTE DI SOSTEGNO. un ponte tra alunno diversamente abile e il successo scolastico"

Transcript

1 Istituto MEME associato a Université Européenne Jean Monnet A.I.S.B.L. Bruxelles L INSEGNANTE DI SOSTEGNO un ponte tra alunno diversamente abile e il successo scolastico Scuola di Specializzazione: Relatore: Contesto di Project Work: Tesista specializzando: Anno di corso: Counselling Scolastico Dott.ssa Roberta Frison Istituto IPSSCT E. Morante Sassuolo Elisabetta Zanni Primo Modena, 04 giugno 2007 Anno accademico

2 Indice dei contenuti 1. Premessa.... pag La figura dell insegnante di sostegno.. pag Quadro cronologico sull evoluzione della normativa italiana per l integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap. pag Un nuovo profilo professionale del docente di sostegno specializzato: dalla normativa alla competenza. pag La figura dell insegnante di sostegno tra ruolo istituzionale e ruolo di facilitatore dell apprendimento.. pag Il caso di Aurora... pag Aurora vista dalla psicologa... pag Aurora vista dalla famiglia. pag Aurora vista dall istituzione scolastica: la documentazione.. pag Aurora nella scuola elementare.. pag Aurora nella scuola media inferiore... pag Aurora nella scuola media superiore.. pag Aurora vista dall insegnante di sostegno... pag L intervento.. pag L osservazione... pag Competenze e limiti di Aurora... pag L intervento... pag Il problema. pag Le finalità... pag. 45 2

3 4.3.3 Le modalità e gli strumenti. pag I risultati conseguiti.... pag Conclusioni pag. 52 Bibliografia... pag. 53 3

4 1. PREMESSA La presente tesi nasce dal desiderio di riflettere e porre chiarezza sulla figura dell insegnante di sostegno, in quanto chi scrive svolge tale professione presso un Istituto di istruzione superiore: l IPSSCT Elsa Morante di Sassuolo (MO). La finalità è quella di analizzare e riflettere sulle prassi messe in essere e sulle modalità di affrontare tale professione, per individuare come sia possibile utilizzare le conoscenze apprese sui meccanismi della comunicazione e sulle relazioni che reggono e governano i sistemi per migliorare il proprio intervento con l alunno, tenendo conto del contesto e delle premesse epistemologiche della teoria sistemico-relazionale. Si è pensato innanzitutto di analizzare la figura dell insegnante di sostegno, sia dal punto di vista della normativa riguardante l integrazione degli alunni diversamente abili all interno di ogni ordine e grado di scuole, e in particolare della scuola superiore di II grado, sia dal punto di vista del suo ruolo e delle sue funzioni, con particolare riferimento al sistema in cui si trova ad operare ed alle relazioni che deve mettere in atto per assolvere al suo compito. Si è passati poi ad illustrare il caso di un alunna, che per ragioni di privacy chiameremo con un nome di fantasia (Aurora) e frequentante la classe III dell indirizzo turistico dell istituto suddetto. Dapprima si descriverà la sua storia personale e i diversi punti di vista delle figure maggiormente coinvolte che collaborano alla realizzazione della programmazione individualizzata, quindi si analizzerà la documentazione a disposizione della scuola per ricavarne notizie utili in merito al percorso scolastico ed alle competenze ed abilità acquisite dall alunna; infine si esaminerà la documentazione prodotta (PEI) per favorire l apprendimento ed il successo scolastico di Aurora. In seguito si descriverà l intervento messo in atto per la realizzazione del PEI, mettendo in evidenza gli interventi che sono stati attuati cercando di seguire un ottica sistemica. In conclusione si cercherà di analizzare i risultati conseguiti in seguito all intervento attuato e agli strumenti metodologici utilizzati per realizzarlo. 4

5 2. LA FIGURA DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO Si vuole tentare di affrontare il problema dell integrazione scolastica di alunni diversamente abili nella scuola secondaria di secondo grado e, in particolare, riferendosi al caso di una ragazza di 17 anni, che frequenta il terzo anno di un istituto professionale per il commercio e il turismo, indirizzo turistico, certificata per un disturbo aspecifico dell apprendimento in borderline cognitivo ed episodi di epilessia. Si cercherà di analizzare le strategie utilizzate per favorire il successo scolastico della studentessa, i risultati raggiunti, gli eventuali fallimenti ed eventuali modalità di intervento che avrebbero potuto sortire una maggiore efficacia, perché improntati ad un ottica sistemica e di relazione d aiuto. Si ritiene fondamentale iniziare la trattazione partendo dalla normativa relativa all integrazione ed alla funzione che svolge l insegnante di sostegno in tale processo, per analizzare poi il caso alla luce della documentazione fornita dall azienda USL e dagli ordini di scuola precedentemente frequentati, dall osservazione diretta degli insegnanti, curricolari e di sostegno, dai colloqui con la famiglia e dall attività diretta con la ragazza, per mettere in evidenza delle modalità di intervento che possano essere utili per affrontare con successo ed efficacia tale problematica, che coinvolge un gran numero di ragazzi, famiglie e operatori del settore. 2.1 Quadro cronologico sull evoluzione della normativa italiana per l integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap 1 Attualmente l Italia è l unico paese in Europa che prevede l integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap nelle sezioni e nelle classi comuni delle scuole di ogni ordine e grado. Tale diritto è sancito dalla Costituzione della Repubblica Italiana e la sua attuazione è iniziata sul finire degli anni sessanta grazie alle sollecitazioni che pervenivano dalle famiglie degli alunni disabili. Le tappe più importanti di questo percorso, dal punto di vista normativo, dagli anni settanta ai primi anni novanta sono state: Legge 517/77 Norme sulla valutazione degli alunni e sull'abolizione degli esami di riparazione nonché altre norme di modifica dell'ordinamento scolastico. Prevede l abolizione delle classi differenziali per gli alunni svantaggiati. Consente a tutti gli alunni 5

6 in situazione di handicap di accedere alle scuole elementari e alle scuole medie inferiori. Inoltre prevede gli strumenti necessari per adempiere a tale obbligo: insegnanti di sostegno specializzati, numeri di alunni per classe non superiore a venti, interventi specialistici dello Stato e degli Enti Locali. Sentenza della Corte Costituzionale n. 215/87; Circolare Ministeriale 262/88 Attuazione della sentenza della Corte Costituzionale n. 215/87 Iscrizione e frequenza nella scuola secondaria di II grado degli alunni in situazione di handicap. E una sentenza fondamentale, per l integrazione scolastica nella scuola secondaria superiore, in quanto assicura la frequenza in questo ordine di scuola agli alunni in situazione di handicap, indipendentemente dalla tipologia e dalla gravità del deficit, perché tale frequenza è un essenziale fattore di recupero e di superamento dell emarginazione. Legge 104/92 Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. La legge 104/92 affronta in maniera organica tutte le problematiche dell handicap. Essa sancisce il diritto all istruzione e all educazione nelle sezioni e classi comuni per tutte le persone in situazione di handicap precisando che l esercizio di tale diritto non può essere impedito da difficoltà di apprendimento né da altre difficoltà derivanti dalle disabilità connesse all handicap. Decreto Ministeriale 256/92 Criteri per la stipula degli Accordi di programma fra Amministrazione scolastica, Enti Locali e Unità Sanitarie Locali, concernenti l integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap. L accordo di programma rappresenta un importante strumento per il coordinamento e la programmazione degli interventi e delle prestazione da parte delle diverse amministrazioni presenti sul territorio provinciale. 2.2 Un nuovo profilo professionale del docente di sostegno specializzato: dalla normativa alle competenza Secondo quanto previsto dalla legge 104/92 l'attività dell insegnante di sostegno specializzato è rivolta alla classe in cui è iscritto un alunno in situazione di handicap. Insieme ai docenti della classe identifica i bisogni educativi speciali dell alunno e attraverso il gruppo operativo d istituto propone e costruisce insieme alla famiglia il piano educativo individualizzato dell alunno. Il docente di sostegno specializzato ha anche il ruolo di facilitatore della comunicazione e della relazione tra docenti, alunno in situazione 6

7 di handicap, alunni della classe e altri soggetti interessati all'integrazione quali: famiglia, personale ASL, educatori, studenti mediatori, assistenti all autonomia e alla comunicazione. L insegnanti di sostegno, oltre ad assumere la con titolarità delle sezioni e delle classi in cui opera, partecipa alla programmazione educativa e didattica e alla elaborazione e verifica delle attività di competenza dei consigli di interclasse, dei consigli di classe e dei collegi dei docenti. Per quanto riguarda, poi, la formazione dei docenti di sostegno, la legge 517 sancisce, oltre all integrazione nella scuola statale degli alunni portatori di deficit, anche quella degli insegnanti specializzati che con tali alunni avevano condiviso la separazione in istituzioni a parte. Col D.P.R. n. 970/75 viene uniformata la preparazione dei docenti specializzati stabilendo che il personale di scuole e istituzioni statali che perseguono particolari finalità deve essere fornito di apposito titolo di specializzazione polivalente da conseguire al termine di un corso teorico-pratico di durata biennale presso scuole o istituti riconosciuti dal Ministero della Pubblica Istruzione. Nel giugno del 1977, vengono approvati i programmi dei corsi di specializzazione per il personale direttivo, docente ed educativo di scuole ed istituti che perseguono particolari finalità. Nella Premessa si esplicita come scaturiscano da due esigenze fondamentali: carattere polivalente della specializzazione del docente, per poter rispondere a bisogni molteplici ed a situazioni differenziate, essendo destinato a docenti ed educatori operanti nei vari ordini e gradi di scuola (materna, elementare, secondaria ed artistica) a favore tanto della generalità degli alunni, quanto, in particolare, dei soggetti con difficoltà fisio-psichico-sensoriali e/o con disturbi nella sfera affettivo comportamentale. visione unitaria dell'alunno pur nella differenziazione delle difficoltà. L'alunno con difficoltà di sviluppo o di apprendimento veniva visto come individuo totale che, al di là delle proprie difficoltà, manifestava i bisogni e i desideri degli altri coetanei, con gli stessi diritti e le stesse aspettative, commisurabili secondo il proprio pieno sviluppo. 7

8 Due mesi dopo usciva la legge 517 che, superando una visione centrata sul recupero della minorazione come presupposto per l'inserimento e passando ad una visione che considerava la situazione di inserimento come una condizione primaria per il recupero stesso, sanciva l integrazione degli alunni definiti handicappati nella scuola comune e, di fatto, dava l avvio alla chiusura delle scuole speciali. Nel 1992 il Parlamento italiano approvò la legge-quadro n. 104 che fissava i criteri direttivi ed i principi generali per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate". Questa legge, tra le altre cose, ribadiva il diritto all'educazione e all'istruzione della persona handicappata nelle sezioni di scuola materna, nelle classi comuni delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado e nelle istituzioni universitarie (art.14, comma1), e attribuiva alle scuole di specializzazione all insegnamento universitarie il compito di formare i docenti di sostegno Nel D. M. del 3 giugno 1977, col quale venivano approvati i programmi dei primi corsi biennali, tra le competenze degli insegnanti specializzati si indicavano: capacità di analisi delle proprie ed altrui motivazioni; capacità di operare vive relazioni umane; capacità di iniziativa, correlata alla disponibilità all'azione pluriprofessionale con interventi coordinati sulla realtà sociale e in ordine alla stretta integrazione tra scuola, famiglia e ambiente sociale; larga tolleranza alle frustrazioni; capacità di autodeterminazione nell'aggiornamento permanente sul campo. Nella C.M. 199/79 si sottolineava come questi compiti non fossero da interpretarsi in modo riduttivo, e cioè in sottordine all'insegnante di classe, ma come invece il personale specializzato dovesse essere pienamente coinvolto nella programmazione educativa e partecipare a pari titolo alla elaborazione ed alla verifica delle attività di competenza dei consigli e dei collegi dei docenti. L esame di esperienze di integrazione che avevano avuto successo permettevano di individuare alcune caratteristiche di questi docenti, quali: 8

9 capacità di coinvolgere non solo la classe ma tutta la scuola nel processo di integrazione; capacità di individuare gli specifici bisogni educativi di ogni alunno in situazione di handicap; capacità di rispondere ai bisogni educativi degli alunni con interventi calibrati sulle condizioni personali di ciascuno; capacità di conoscere sia la specifica situazione del soggetto, sia quelle del gruppo e della comunità scolastica in cui esso viene inserito e, pertanto, di diversificare tempi e modi di intervento in relazione alla natura e all entità dell handicap. Fu tuttavia la commissione istituita nel 1984 a individuare in modo ampio ed articolato gli aspetti caratterizzanti la figura del docente specializzato che, in sintesi, possono essere così riassunti: una preparazione polivalente; una formazione particolarmente accurata; una competenza specificamente pedagogica; la conoscenza di strategie per realizzare al meglio le esigenze curricolari, tenuto conto di bisogni di natura prevalentemente educativa. Si delineava un insegnante che fosse in grado di assumere...corretta competenza nelle problematiche dell'organizzazione scolastica, facendo valere concretamente le proprie capacità relazionali e comunicazionali, senza tuttavia prescindere dall'esercizio di specifiche competenze didattiche e curriculari e che si caratterizzava per: 1) professionalità; 2) conoscenze; 3) competenze; 4) aggiornamenti Nella premessa ai nuovi programmi dei corsi di specializzazione, approvati nel 1995, si ribadiva con forza e più volte come l integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap dovesse coinvolgere tutto il sistema scolastico. Il docente specializzato veniva indicato come una risorsa essenziale e insopprimibile, ma non 9

10 poteva tuttavia rappresentare l unica risposta ed era necessario che tutto il personale scolastico fosse messo in grado di attuare strategie e tecniche che consentissero la realizzazione di una effettiva integrazione. Si sosteneva che: la funzione del docente di sostegno non doveva essere separata da quella dei colleghi: l azione professionale-docente, da parte dell'insegnante specializzato, non poteva in alcun modo essere sostitutiva di quella normalmente esercitata dai colleghi, ma doveva essere invece una sorta di supporto, destinato ad evidenziare ai colleghi stessi i nodi metodologici e didattico-disciplinari in cui più si inceppava l'azione di educazione ed istruzione nei confronti di soggetti in situazione di handicap; non era possibile ipotizzare soluzioni di delega per il superamento delle difficoltà, bensì appariva molto importante che gli insegnanti di sostegno venissero a tutti gli effetti considerati una risorsa per un lavoro di collaborazione sia sul piano della progettualità e della programmazione dell'azione scolastica che sul piano della realizzazione operativa del progetto stesso. Il docente di sostegno non doveva essere, nelle intenzioni del legislatore, un esperto di didattica o un esperto disciplinare, bensì: - possedere la capacità di individuare e circostanziare i problemi; - provvedere ad affinare la propria funzione docente; - conseguire approfondite abilità sul piano relazionale Infine, nel 1999 apparve il Documento Berlinguer che delineava i compiti cui l insegnante specializzato era chiamato in una scuola che stava vivendo grandi trasformazioni e che restano tuttora attuali: garantire un reale supporto alla classe nell assunzione di strategie e tecniche pedagogiche, metodologiche e didattiche integrative in modo tale da giungere ad una progressiva riduzione della didattica cosiddetta frontale; svolgere un lavoro di effettiva consulenza a favore della classe e dei colleghi curricolari nell adozione di metodologie individualizzanti e quindi dirette a costruire un piano educativo personalizzato per l alunno handicappato; 10

11 condurre direttamente interventi specializzati, centrati sulle caratteristiche e le risorse dell allievo handicappato, a partire dalla conoscenza di metodologie particolari, che non sono in possesso dell insegnante curricolare. 2.3 La figura dell insegnante di sostegno tra ruolo istituzionale e ruolo di facilitatore dell apprendimento La figura dell insegnante di sostegno che emerge dal quadro normativo è indubbiamente quella più adatta per favorire una buona integrazione dei ragazzi diversamente abili nella realtà scolastica. Di fatto la situazione è un po diversa, in quanto la normativa, pur essendo nota all interno delle scuole, non è pienamente condivisa dagli insegnanti curricolari che vedono l insegnante di sostegno come l insegnante di un alunno ben preciso e non accettano interferenze o confronti sulle modalità di condurre le lezioni: lavoro di gruppo, pare education, autoformazione, approcci metodologici o relazionali particolari, semplificazione dei contenuti, modi alternativi di raggiungere gli obiettivi della programmazione di classe, modalità di verifica più strutturate e basate sulle memoria di riconoscimento piuttosto che su quella rievocativa, ecc. sono strumenti che vengono accettati se riguardano l alunno diversamente abile, ma incontrano molte resistenze quando si tratta di tutta o una parte della classe. Se la scuola dell integrazione è la scuola del superamento delle differenze individuali, grazie alla loro valorizzazione, del protagonismo degli alunni, dell ascolto e del rispetto reciproci, allora l insegnante di sostegno dovrebbe essere una figura fondamentale per consentire ai docenti curricolari di confrontarsi, sperimentare, trovare strumenti didattici e metodologici per facilitare l apprendimento, non solo degli alunni diversamente abili ma di tutti gli alunni indiscriminatamente. Purtroppo tale scuola esiste solo sulla carta e l insegnante di sostegno si trova a sostenere un ruolo marginale, che non consente di essere una risorsa per il gruppo classe e, a volte, nemmeno per l alunno in difficoltà in quanto, se questi non accetta di essere trattato diversamente dagli altri, diventa difficile mettere in atto quegli strumenti che potrebbero aiutarlo a superare le proprie difficoltà. Inoltre spesso risulta problematico attivare metodologie alternative se l insegnante curricolare non le condivide. L insegnante di sostegno si trova quindi spesso nella condizione di doversi occupare prioritariamente dell alunno diversamente abile, ritagliandosi qualche spazio 11

12 all esterno della classe e lavorando individualmente. Tale condizione per certi versi è favorevole all apprendimento in quanto gli consente di conoscere meglio il ragazzo, capirne gli stili cognitivi e d apprendimento, instaurare una relazione privilegiata con l alunno per motivarlo allo studio e, soprattutto, per aiutarlo a conoscersi meglio e a trovare il modo di dare il meglio di sé. Questo può essere utile per quei ragazzi che si trovano in una condizione di grave disabilità e che non sono in grado di seguire la programmazione della classe e quindi finirebbero per restare in classe ad annoiarsi e a sentirsi incapaci, mentre in un attività individualizzata possono acquisire quelle competenze che sono alla sua portata con effetti positivi sull autostima e sulla percezione di sé come persone capaci e, in questo, trovare soddisfazione e motivazione ad affrontare situare situazioni nuove e ad acquisire nuovi strumenti. Naturalmente è necessario ritagliare altri momenti in cui sia possibile restare in classe coi compagni perché i momenti di socializzazione e di confronto coi pari sono fondamentali per una equilibrata maturazione e per sviluppare appieno la propria personalità. Certamente è deletereo per quei ragazzi che sono in grado di seguire la programmazione della classe, anche se con difficoltà più o meno grandi, che si vedono negata la possibilità di scelta: se decidono di voler stare in classe incontrano poi difficoltà nel seguire le lezioni o nel farle proprie e finiscono per provare sentimenti di disistima, per sentirsi incapaci, per fare confronti coi compagni uscendone perdenti e quindi per demotivarsi allo studio e, in generale, a tutto ciò che propone la scuola, con effetti devastanti sulla capacità d apprendimento e sulla formazione, sia professionale che personale. Se accettano di uscire si sentono diversi dai compagni, meno capaci e meno competenti, si sentono sminuiti, poco valorizzati e soprattutto sentono di valere meno dei compagni e questo crea resistenze che si riflettono poi sulla motivazione allo studio, sulla propria autostima, sulla percezione che hanno di sé come persone e come studenti. Per l insegnante di sostegno si tratta, in entrambi i casi, di affrontare situazioni delicate, sia dal punto di vista motivazionale che formativo e relazionale, in cui diventa prioritario instaurare una buona relazione, basata sulla fiducia reciproca, sulla collaborazione e sulla stima in modo da creare un contesto in cui sia possibile mettersi in gioco senza sentirsi giudicati, in cui sia possibile sbagliare senza sentirsi in colpa ma 12

13 piuttosto valorizzando l errore come una risorsa di miglioramento, in cui ci si possa sentire a proprio agio e, pertanto, disposti a mettersi in una situazione d apprendimento. Una volta creato un contesto accogliente e accettante, risolti i problemi legati al sentirsi non in grado di, affrontato il disagio legato all accettazione delle proprie difficoltà, valorizzata la diversità come condizione dell umanità, diventa possibile cimentarsi nell ambito dell apprendimento e mettere in atto quelle strategie che consentano ai ragazzi di affrontare l apprendimento con curiosità e con successo. Ma il primo passo è sicuramente risolvere prima i problemi di tipo relazionale e personale, condizione indispensabile affinché un individuo, sia esso alunno o altro, possa affrontare una situazione di apprendimento in uno stato d animo sereno e disponibile e possa vivere, pertanto, occasioni di successo e di riuscita, in modo da sostenere l autostima e costruire un immagine di sé come persona e studente competente. 13

14 3. IL CASO DI AURORA Aurora è nata con una malformazione cardiaca per cui a sette giorni è stata operata per coartazione dell aorta con esiti positivi. In seguito, a un anno e mezzo circa ha dovuto subire un altra operazione al cuore perché presentava un bit (uno spazio) tra un ventricolo e l altro; anche quest ultima operazione ha avuto esiti positivi e dopo non si sono evidenziati altri problemi di salute. Dopo la convalescenza Aurora ha iniziato a vivere una vita normale e la mamma riferisce che era una bambina vivace, molto sveglia e chiacchierona e che parlava molto bene per essere una bambina di due anni. A quattro anni ha iniziato a frequentare la scuola materna e quindi quella elementare. A dieci anni circa hanno cominciato a manifestarsi alcuni episodi di epilessia, ancora non diagnosticati, fino a quando ha avuto un episodio più forte e accompagnato da convulsioni che è stato diagnosticato come epilessia. Non ha più avuto episodi convulsivi, ma sono stati riportati alcuni episodi di sguardo fisso, durante i quali sembrava incantata. Da allora prende farmaci per tenere sotto controllo gli attacchi, che non si sono più presentati. 3.1 Aurora vista dalla psicologa La psicologa ha visto Aurora solo poche volte: alla fine della classe II media, all inizio della classe III media e a metà anno scolastico per decidere se richiedere la figura dell insegnante di sostegno anche alla scuola superiore. Dalla documentazione in suo possesso risulta che Aurora, ai test della scala di intelligenza per bambini WISC-R, aveva conseguito punteggi sotto la media in tutti i test, con risultati migliori nei test verbali e un po inferiori in quelli di performance. Nelle prove di apprendimento MT la lettura risulta lenta ma corretta, il dettato è andato bene, con pochissimi errori di ortografia, la comprensione è risultata ai limiti della patologia; non sono state somministrate le prove di produzione spontanea. La psicologa riferisce di aver trovato Aurora molto chiusa e rifiutante sia perché non voleva avere l insegnante di sostegno alla scuola superiore sia perché doveva fare test sull apprendimento e sapeva che questo l avrebbe messa in difficoltà; perciò non è certa che Aurora si sia impegnata nello 14

15 svolgimento delle prove, in quanto le richiesta risultavano troppo simili a quelle scolastiche e Aurora non capiva che senso avesse farle in quel contesto. In ogni caso riferisce di una ragazza che si sente adeguata per quanto riguarda la sua vita di relazione, il rapporto con compagni e amici, che riesce a mantenere su un piano paritario e gli interessi che sono gli stessi dei coetanei, secondo lei Aurora vive la sua vita al di fuori dell ambito scolastico con un senso di riscatto; nell ambito scolastico, invece, aleggia un sentimento di fallimento, Aurora preferirebbe non andare a scuola ma siccome deve non fa storie, in fondo non le dispiace perché vede le amiche ma sicuramente non ha intenzione di mettersi in gioco; secondo la dottoressa è poco consapevole delle sue difficoltà, sa di avere problemi a scuola e di essere in difficoltà nello studio, ma non riesce ad avere una visione più ampia della sua situazione. È comunque una ragazza che potrà avere una vita soddisfacente, sia nell ambito relazionale che lavorativo, se prenderà coscienza di quelle che sono le richieste del mondo del lavoro e le sue reali possibilità e sarà in grado di scegliere o accettare un lavoro che sia adatto alle sue capacità. Riferisce inoltre che la famiglia sembra lasciarle molta libertà di scelta, forse anche troppa considerato che è solo una ragazzina e forse i genitori dovrebbero porre qualche limite, indirizzarla nelle scelte, invece sembrano essere incapaci di gestirla e di offrirle il sostegno di cui avrebbe bisogno. 3.2 Aurora vista dalla famiglia La famiglia di Aurora è composta dai genitori e tre figli, il fratello maggiore di 23 anni, Aurora di 17 anni e il fratello minore di 13 anni. Il padre è, la madre lavora part-time facendo pulizie, il fratello maggiore non ha concluso gli studi e fa il calciatore professionistico, Aurora frequenta il terzo anno di scuola superiore, il fratello minore frequenta il terzo anno di scuola media. Dall età di quattro anni, quando è nato il fratello minore, Aurora dorme al piano superiore con la nonna, con la quale ha un ottimo rapporto e grande confidenza. Secondo la mamma Aurora è sempre stata una ragazzina vivace ed espansiva, anche ora ha tanti amici con cui esce e che si confidano con lei, tanto che poi Aurora si preoccupa per tutti e si lascia coinvolgere dai loro problemi, di cui discute anche in famiglia sia con la mamma che, soprattutto, con la nonna. Secondo lei Aurora si lascia coinvolgere fin troppo e finisce per subire perché non riesce a prendere posizione o a disinteressarsene. Mentre è molto disponibile a parlare di sé e degli amici, dei problemi 15

16 che deve affrontare nelle relazioni con gli altri e dei suoi desideri in famiglia, è invece molto restia a parlare di scuola, non accetta intromissioni da parte dei genitori, si irrita se le ricordano di fare i compiti e risponde sistematicamente che non ne ha: sembra voler tenere la famiglia lontana da quell ambito. In famiglia sembra una ragazza abbastanza sicura di sé, chiacchierona, aperta ma anche un po irritabile e battagliera, se vuole ottenere qualcosa. Secondo la mamma va più d accordo col papà e con la nonna, dai quali riesce a ottenere tutto quello che vuole, con la mamma il rapporto è più conflittuale perché lei è meno disponibile ad assecondarla, inoltre Aurora pensa che la mamma sia più affezionata al fratello minore e ne è un po gelosa. In ogni modo si confida e si confronta più con la mamma che col papà. Coi fratelli va d accordo e non sembrano in competizione tra di loro. Il papà si dice preoccupato perché la figlia pensa solo a uscire con gli amici, coi quali si trova al parco o all oratorio e stanno tutto il tempo lì a giocare a calcio o a parlare senza fare niente di costruttivo; lui vorrebbe che Aurora avesse anche altri interessi, andasse in palestra, frequentasse altre persone, insomma vorrebbe vederla più attiva. 3.3 Aurora vista dall istituzione scolastica: la documentazione Aurora nella scuola elementare Aurora frequenta la scuola elementare con qualche difficoltà. La mamma informa che Aurora ha sempre fatto fatica a studiare, a ricordare e a capire quello che facevano a scuola, ma le maestre non hanno mai consigliato di rivolgersi al servizio di neuropsichiatria e i genitori non ci hanno pensato. Le maestre hanno sempre detto che era solo una bambina molto timida e attribuivano a tale timidezza le sue difficoltà. Comunque Aurora viene presentata dalle maestre, all ingresso nella scuola media, come una bambina estremamente timida, con brevi tempi di attenzione, facile affaticabilità, mancanza di autonomia, necessità di riduzione e semplificazione dei contenuti Aurora nella scuola media Dopo un percorso scolastico problematico e dopo un primo anno di scuola media molto difficoltoso, in cui emergono lacune nella preparazione di base e difficoltà di 16

17 relazione sia coi pari che con gli adulti, viene indirizzata al servizio di neuropsichiatria dell ASL del comune di appartenenza. Nel corso dell anno scolastico, infatti, la famiglia viene convocata e consigliata di rivolgersi a un esperto per un consulto. La famiglia accetta ma procrastina il momento fino al termine dell anno scolastico. Dalla relazione conclusiva della classe I vengono evidenziate alcune difficoltà emerse nel corso dell anno: Incapacità a rapportarsi con gli altri e a partecipare al lavoro comune. Difficoltà nei movimenti. Profonde lacune nella preparazione di base. La famiglia riferisce un unico episodio di epilessia. La famiglia rimanda l incontro con la neuropsichiatria più volte. Per quanto riguarda il profitto, nell area linguistica si evidenziano: - Lettura sillabica, spesso priva di intonazione, sforzo diretto prevalentemente alla decodifica per cui la capacità di comprensione risulta compromessa. - L esposizione orale appare come bloccata, quella scritta evidenzia estrema povertà lessicale, gravi scorrettezze ortografiche e sintattiche, considerazioni confuse e poco pertinenti. - L ascolto è condizionato dalle limitate capacità di attenzione e concentrazione e da un vocabolario limitato. Viene segnalata al termine della prima media come una bambina con grosse difficoltà relazionali e di movimento. Timida e impacciata, necessita di costante rassicurazione e di un rapporto stretto e intenso con la figura dell insegnante. Difficoltà generalizzate in tutte le discipline. Necessita di un percorso differenziato. 1 Nel giugno del 2002 Aurora ha il suo primo incontro con la neuropsichiatra che rilascia la seguente diagnosi clinica: disturbo aspecifico dell apprendimento in borderline cognitivo, con episodi di epilessia (F 87.3) e la seguente diagnosi funzionale: - Autonomia personale: piena autonomia. 1 Allegato alla certificazione dalla Preside della scuola media. 17

18 - Abilità sociali: sufficienti. - Abilità di comunicazione: buona. - Area cognitiva: 1. Livello di sviluppo raggiunto: funzionamento intellettivo valutato con WISC-R ai limiti della norma. 2. Capacità di integrazione delle competenze: insufficiente. - Area affettivo-relazionale: 1. Livello di autostima: bassa autostima ed immaturità psico-affettiva. 2. Rapporto con gli altri: sufficiente, sia coi pari che con gli adulti. - Area linguistica: 1. Comprensione: deficitaria quella del testo. 2. Produzione: lessico abbastanza povero. - Area sensoriale: nella norma. - Area motorio-prassica: nella norma. - Area neuropsicologica: 1. Memoria: lievi difficoltà nella memoria di lavoro. 2. Attenzione: modesta labilità attentiva. 3. Organizzazione spazio-temporale: nella norma. - Area dell autonomia: nella norma. Per la prima volta, all inizio della seconda media Aurora ha un insegnante di sostegno per sei ore settimanali. Classe II media 23/10/02: incontro scuola-famiglia (mamma) 18

19 La mamma riferisce che Aurora non accetta aiuti nel lavoro scolastico; a casa è nervosa, scontrosa e non parla con la famiglia e quindi si stupisce del buon comportamento a scuola. Aurora parla dell insegnante di sostegno in modo sereno e non prova vergogna o paura di fronte alla classe del bisogno di aiuto. Documentazione: Per quanto riguarda la progettazione scolastica, si farà riferimento solo agli obiettivi individuati in alcune aree: - Area della comunicazione: Migliorare la comunicazione con la classe. Sapersi integrare nei momenti di comunicazione quotidiana in classe. Saper affrontare un dialogo con gli insegnanti. - Area del sé: Migliorare l autostima. - Motivazione e interesse: Accrescere la motivazione e l interesse per lo studio. Dalla relazione conclusiva emerge che: Aurora è una ragazza educata e rispettosa dell ambiente e dei compagni. A causa dell introversione e della timidezza, incontra difficoltà nei rapporti con i compagni e gli insegnanti. Risulta pertanto fondamentale lavorare sulla maturazione emotiva, puntando sulla fiducia in se stesa e sull autostima. Sul piano didattico, all inizio dell anno scolastico mostra una partecipazione attiva e una collaborazione che pian piano scemano, probabilmente l alunna ha male interpretato l aiuto appoggiandosi completamente al lavoro svolto a scuola, tralasciando l impegno a casa. Si è notato un miglioramento nelle discipline, ma al di sotto delle sue possibilità e delle aspettative. Per il prossimo anno si sarà più esigenti e meno tolleranti, per stimolare il senso di responsabilità e di dedizione al lavoro scolastico. 19

20 Classe III media 22/10/03: incontro con la famiglia (mamma) La mamma riferisce che Aurora è poco motivata, sia a scuola che a casa. Non studia e risponde in modo polemico se sollecitata. Comunque si impegna a sollecitarla di più. 18/11/03: incontro con l insegnante di sostegno della II La collega riferisce che Aurora dimostra poco interesse e poco impegno. Era seguita in italiano, storia, matematica e inglese. 03/12/03: incontro con ASL La neuropsichiatra riferisce che Aurora, dal modo di rispondere e dalle risposte date, appare più vispa e con più grinta. Si riserva di rivederla in tempi brevi per rilasciare la certificazione per la scuola superiore. Documentazione: Dal PDF (Profilo Dinamico Funzionale) emergono le seguenti indicazioni: - Area dell autonomia: È autonoma negli spostamenti. Qualche difficoltà nell organizzazione grafica (ricomporre immagini, seguire percorsi, ecc.). - Area della comunicazione: Comunicazione verbale: linguaggio destrutturato a livello fonologico (processi di semplificazione della parola), lessicale-semantico (vocabolario scarso) e sintattico. La produzione spontanea migliora se guidata. Riesce ad esprimersi in modo chiaro e corretto. - Area del sé: Autostima: è abbastanza socievole, ma con una bassa autostima. Motivazione: sta abbastanza attenta, ma porta a termine il lavoro solo se sollecitata. Interesse e impegno discontinui. 20

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PROGETTO PER UN AZIONE DI SOSTEGNO EDUCATIVO E DIDATTICO EFFICACE competenza, accoglienza, progettualità, funzionalità, inclusione, condivisione,

Dettagli

La formazione e il profilo professionale del docente di sostegno specializzato Relazione a cura di Maria Assunta Barbieri

La formazione e il profilo professionale del docente di sostegno specializzato Relazione a cura di Maria Assunta Barbieri La formazione e il profilo professionale del docente di sostegno specializzato Relazione a cura di Maria Assunta Barbieri 1. La formazione dei docenti di sostegno La legge 517 sancisce, oltre all integrazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

PEI. Annamaria PETITO

PEI. Annamaria PETITO PEI Annamaria PETITO 1 O.C. è un ragazzo di 19 anni, frequenta il 5 anno 5 del liceo socio-psico psico-pedagogico pedagogico di Foggia. E E affetto da una sindrome di Down con ritardo mentale medio-lieve.

Dettagli

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. Alberti INDIRIZZI : AREA ECONOMICA:Amministrazione Finanza e Marketing / IGEA Turismo/ ITER LICEO SCIENTIFICO: Scienze Applicate/Liceo ScientificoTecnologico

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro 1 3.1 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro Integrazione degli alunni disabili Obiettivi

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012 1 La Scuola Italiana accoglie nelle sue classi da più di trent anni tutti i bambini e le bambine, le ragazze e i ragazzi con problemi di

Dettagli

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 Premessa L istruzione è un elemento indispensabile per qualunque società e la scuola ha il compito di assicurare a tutti il diritto allo studio e al successo

Dettagli

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare:

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare: DIDATTICA L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI La legge 104/92 (legge quadro per l assistenza, l integrazione scolastica ed i diritti alla persona handicappata) ha posto in essere una serie di adempimenti

Dettagli

Il 5 Febbraio 1992 viene approvata la Legge-quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate

Il 5 Febbraio 1992 viene approvata la Legge-quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate L. 104/92 legge quadro sull handicap Il 5 Febbraio 1992 viene approvata la Legge-quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate Già dal titolo si capisce che il

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti PAROLE PER ORIENTARSI DEFICIT HANDICAP - DIVERSABILITA - DISABILITA Deficit : per indicare

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento Corso di formazione docenti neo immessi Anno scolastico 2011/2012 Neri Patrizia _ Gallarate,, 16-05 05-2012 L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI

Dettagli

LABORATORIO FORMATIVO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LABORATORIO FORMATIVO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LABORATORIO FORMATIVO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI «DALL INSERIMENTO ALL INCLUSIONE» DI COSA PARLEREMO LA NORMATIVA ESSENZIALE I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I SOGGETTI COINVOLTI E L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Secondaria Statale di Primo Grado Via Pascoli Via G. Pascoli, 256-47521 CESENA (FC) Tel. 0547/611134 - Fax. 0547/29163 E-mail: fomm03100p@istruzione.it - www.viapascolicesena.gov.it P.E.I. PIANO

Dettagli

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI L iscrizione di alunni immigrati non è più un dato eccezionale ed occasionale, ma costituisce una realtà consolidata, per quanto variabile nelle sue dimensioni

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo Tel 035243373 Fax: 035270323- c.f. 95118530161 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE.

PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE. LEZIONE: GLI STRUMENTI GIURIDICO-METODOLOGICI DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA PROF. CARMINE PISCOPO Indice 1 PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE. ----------------------------------------------------------------

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni disabili Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione degli alunni disabili, definisce

Dettagli

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014 Indice Informazioni essenziali DSA... 2 Normativa di riferimento... 2 Elaborazione del PDP... 2 MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE... 3 PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI.

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LINEE GUIDA L Istituto Comprensivo attua percorsi significativi in sinergia con le ASL, con

Dettagli

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 2 di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DISLESSIA E DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DISLESSIA E DSA ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE, GEOMETRI e TURISMO ENRICO FERMI CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE n. 9 per l istruzione e la formazione degli adulti Via Pitagora n 42 98051 BARCELLONA P.G. (ME) Tel.

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Formattato: Rientro: Sinistro: 0 cm, Prima riga: 0 cm CM n.24/2006; Direttiva MIUR del 27.12.2012; CM n.8/2013 Intestazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI D APPRENDIMENTO 1 FINALITA Questo documento denominato PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA è una guida d informazione riguardante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015-2016 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno Scolastico 2015 2016

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno Scolastico 2015 2016 via dei Castagni, 10-19020 Bolano (SP) tel. 0187933789 - e-mail : spic80400g@istruzione.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES Per ciascuna materia o ambito di studio sono state individuate le abilità e le conoscenze fondamentali che l allievo deve acquisire, affinché sia mantenuta la validità effettiva del corso di studi, ma

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (PEI)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (PEI) PROFILO DINAMICO FUNZIONALE Materiale tratto da: http://spazioinwind.libero.it/handiscuola/index.html Per un Profilo Dinamico Funzionale esatto, occorre una corretta formulazione del Piano Educativo Individualizzato,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Finalità Questo documento contiene informazioni, principi, criteri ed indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per l inclusione

Dettagli

PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA. Obiettivi educativi

PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA. Obiettivi educativi PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA L integrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della persona disabile nell apprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e

Dettagli

Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili

Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili Linee generali per l elaborazione dei progetti e modalità organizzativa L inserimento degli alunni disabili nel nostro Istituto è finalizzato alla

Dettagli

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Premessa Questo documento definisce tutte le azioni con cui attuare l inserimento scolastico degli alunni stranieri, sia di quelli che si iscrivono prima dell

Dettagli

Che cos è il PDP? PIANO: è studio mirante a predisporre un'azione in tutti i suoi sviluppi : un programma, un progetto, una strategia.

Che cos è il PDP? PIANO: è studio mirante a predisporre un'azione in tutti i suoi sviluppi : un programma, un progetto, una strategia. La Legge 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico riconosce la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia quali disturbi

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CONSIGLIO di CLASSE E GENITORI dell

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

Come affrontare le problematiche preadolescenziali nella scuola media

Come affrontare le problematiche preadolescenziali nella scuola media Venerdì 18 febbraio 2005 Dott. Riccardo Venturini Come affrontare le problematiche preadolescenziali nella scuola media Prima parte Il nuovo protocollo del Servizio Minori di San Marino Seconda Parte Francesco:

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN MARTINO BUON ALBERGO Via Gottardi, 2B 37036 San Martino Buon Albergo (VR) 045990148 Fax 045990155 e-mail VRIC84000T@ISTRUZIONE.IT Anno scolastico 2014-2015 BISOGNI EDUCATIVI

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Il Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni diversamente abili e lo sviluppo di una cultura

Dettagli

Circ.N. 45 Ferrara,06/10/2015

Circ.N. 45 Ferrara,06/10/2015 Istituto Comprensivo Statale N. 6 Cosmè Tura Via Montefiorino, 32 - Ferrara - 0532.464544 0532461274; fax 0532463294 Codice Fiscale: 93053580382 www.comune.fe.it /http://scuole.comune.fe.it/ - E_mail:

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI DISAGIO 0 PREMESSA La scuola ha il compito di creare le condizioni che favoriscano nell alunno la costruzione di un immagine positiva di sé poiché l esperienza scolastica riveste un ruolo importante per

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM02002 - C.F. 91520902 - tel. 089/25420 Via A. Nanni - 002 OLBIA A.S. 2014/15 CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

DSA Classificazione ICD-10 (clas.internazionali OMS,1992)

DSA Classificazione ICD-10 (clas.internazionali OMS,1992) DSA Classificazione ICD-10 (clas.internazionali OMS,1992) F80 - Disturbi evolutivi specifici dell eloquio e del linguaggio F81 - Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche F82 - Disturbo evolutivo

Dettagli

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 FINALITA Questo documento denominato PROGETTAZIONE INCLUSIVA è una guida d informazione riguardante l accoglienza, l integrazione e l inclusione

Dettagli

INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia. Legge DSA Piano Didattico Personalizzato

INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia. Legge DSA Piano Didattico Personalizzato INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia Legge DSA Piano Didattico Personalizzato Dr.sa Enrica Giaroli (Centro Mazzaperlini) Dr.sa Alice Grisendi (NPI, AUSL di RE) NUOVE NORME

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP

DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP GLI STRUMENTI DELL'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP Legge 5 febbraio 1992, n. 104 "Legge-quadro per

Dettagli

LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA

LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Fra le finalità istituzionali della scuola, di primaria importanza è la valutazione,definita dal DPR 275/99 (Regolamento sull Autonomia delle Istituzioni Scolastiche) Le

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA CLASSE II A ANNO SCOLASTICO 2013/2014 La programmazione del

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/3/2013)

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/3/2013) ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S.CATERINA DA SIENA-AMENDOLA Via LAZZARELLI - 84132 SALERNO - Tel. e Fax 089333084 - Cod. Meccanografico: SAIS06900N C.F. 95 1397 60656 - E-Mail: sais06900n@istruzione.it

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica Istituto Comprensivo di Battaglia Terme (PD) LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La personalizzazione dell insegnamento Per realizzare il potenziamento delle competenze degli alunni rispetto alla situazione

Dettagli

SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24

SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24 SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24 L INSEGNAMENTO DELL ITALIANO COME L2 Esperienza di intervento in una classe 5^ (ins. Adele Bongioanni e Pinuccia Stroppiana). Analisi della situazione iniziale e interventi

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSI PRIME E SECONDE VOTI COMPETENZE -ha ottime capacità di ascolto; riconosce, scrive e legge correttamente parole\frasi in

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Ciò che conta non è il fatto che una persona in situazione di handicap trovi una collocazione all'interno dell'istituzione scolastica,

Dettagli

Il Piano Didattico Personalizzato

Il Piano Didattico Personalizzato Il Piano Didattico Personalizzato Dott. Valentina Riboni Tecnico Formatore AID Dalle linee guida, punto 6 Chi fa che cosa FAMIGLIA SCUOLA Questa sinergia di intenti deve sfociare in un PATTO EDUCATIVO-FORMATIVO

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene

Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON CERTIFICAZIONE DI DSA Alunno:.. Classe:.. Plesso:... Referente DSA...coord. di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI CONTINUITA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ: dalla SCUOLA D INFANZIA alla SCUOLA PRIMARIA alla SCUOLA SECONDARIA- Questo documento denominato Protocollo di Continuità per gli alunni

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI Art.5 D.M. n 5669 del 12.7.2011; Linee guida per il diritto allo studio degli studenti con

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO DIREZIONE DIDATTICA DI BUDRIO SCUOLA PRIMARIA A.S.

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO DIREZIONE DIDATTICA DI BUDRIO SCUOLA PRIMARIA A.S. P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES-Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013) DIREZIONE DIDATTICA DI BUDRIO SCUOLA PRIMARIA A.S. Alunno/a: Classe:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Legnago ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO Amministrazione Finanza e Marketing - Relazioni Internazionali per il Marketing - Sistemi Informativi Aziendali - Turismo LICEO ARTISTICO PER LA GRAFICA

Dettagli

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci Viale della Grande Muraglia, 37 00144 Roma Progetto SPORTELLO DI ASCOLTO A.S. 2014/2015 Per la Promozione del Benessere, per l Integrazione degli Alunni, per la Prevenzione

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

FASCICOLO PERSONALE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI. Alunno.

FASCICOLO PERSONALE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI. Alunno. UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CHIUDUNO SCUOLA PRIMARIA DI SCUOLA SECONDARIA DI FASCICOLO PERSONALE Alunno Classe Insegnanti e discipline insegnate Ass/educatore ANNO

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

PROGETTO D'INTEGRAZIONE

PROGETTO D'INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO PIAZZA MINUCCIANO ROMA PROGETTO D'INTEGRAZIONE Referenti del progetto Paola Cimino Marina Macchia Dirigente Scolastico dott.ssa Marina Todini INDICE 1. PREMESSA 2. FINALITÀ GENERALI

Dettagli

Progetto di Valutazione Dell Istituto

Progetto di Valutazione Dell Istituto Progetto di Valutazione Dell Istituto ANNO SCOLASTICO 2013/14 SCUOLA INFANZIA PRIMARIA FINALITA Il presente progetto di valutazione, da attuarsi nell anno scolastico 2013/2014, è volto al potenziamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Congresso Nazionale degli psicomotricisti LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO 1 Elettra Trucco Borgogna Il nostro gruppo opera da oltre vent anni nel Reparto Ospedaliero dell Istituto Audiologia dell

Dettagli