Relazione Finale Programma di Lavoro 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Finale Programma di Lavoro 2013"

Transcript

1 Relazione Finale Programma di Lavoro 2013 Firenze,

2 PREMESSA Il presente documento intende illustrare lo stato di avanzamento del Programma di Lavoro E stato elaborato attraverso i contributi dei Dirigenti, dei Coordinatori ed ha l intento di far emergere punti di attenzione, così da individuare possibili azioni correttive, oltre che rappresentare elementi di informazione e di valutazione agli Organi di indirizzo. L anno 2013 è stato caratterizzato dall attuazione del Regolamento Organizzativo e dal conseguente esercizio di un coordinamento trasversale sui servizi rivolti agli studenti, che rispondono a logiche organizzative dirette a garantire livelli di servizio uniformi. Gli obiettivi assegnati all Area Residenze puntavano principalmente ad agevolare un processo di sviluppo del patrimonio immobiliare dell Azienda, attraverso un potenziamento delle attività di analisi e programmazione di medio e lungo periodo e puntando a una gestione regolare e attenta delle attività dirette a consentire l apertura delle nuove Residenze. A questo proposito, si rilevano alcune questioni hanno condotto a posticipare le date di apertura inizialmente previste per alcuni immobili e che sono riconducibili, da un lato, alla gestione dei rapporti con le diverse istituzioni coinvolte nelle attività propedeutiche alle aperture e nella gestione diretta di alcuni adempimenti e, dall altro, dalla tempistica connessa alla fornitura degli arredi. L Area Ristorazione è stata impegnata su obiettivi che interessavano il processo di analisi e miglioramento del gradimento del servizio, con conseguente messa in campo di azioni ed iniziative che pongono al centro dell attenzione la composizione dell offerta alimentare, gli spazi dedicati al consumo dei pasti, i tempi di attesa, perseguendo al contempo il contenimento del costo dei pasti. L Area Benefici agli Studenti è stata interessata da obiettivi che puntavano, da un lato, ad approfondire le attività di analisi dirette a comprendere ed interpretare le dinamiche che interessano le carriere universitarie dei borsisti, sia per meglio programmare e calibrare gli interventi a sostegno degli studenti universitari sia per consolidare ed ampliare i rapporti con gli Atenei con una diversificazione delle modalità di intervento. Il Progetto Sportello Unico Studenti è stato impegnato su obiettivi che intendevano realizzare una profonda riorganizzazione delle attività e delle responsabilità connesse al processo di informazione agli studenti. I punti di attenzione rilevabili sono pertanto riconducibili alla complessità del processo di revisione organizzativa e gestionale, derivante anche alla necessità di impostare il nuovo modello organizzativo in raccordo con altri servizi che fino ad oggi hanno principalmente visto la gestione del contatto diretto con gli studenti, lavorando al contempo alla definizione di possibili nuove azioni di supporto ed accompagnamento (progetti di tutoraggio e coabitazione). La Relazione tiene conto del confronto con l Organismo Indipendente di Valutazione avvenuto in data 18 febbraio Rev Pagina 2 di 36

3 INDICE Prospettiva Studenti Obiettivo strategico S1: 100% idonei =100% borsisti e incremento posti alloggio disponibili pag. 6 Obiettivo s1.1: Sviluppo del Patrimonio immobiliare pag. 6 Linee di attività collegate pag. 6 S.1.1.A ANALISI E PROGETTI DI RAZIONALIZZAZIONE RESIDENZE pag. 6 S.1.1.B PIANO DI GESTIONE E SVILUPPO DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE pag. 6 S.1.1.C - IMPIANTI SALUTE E SICUREZZA RESIDENZE pag. 7 S.1.1.D GESTIONE APERTURE/DISMISSIONE STRUTTURE pag. 7 S.1.1.E AFFIDAMENTO PROGETTAZIONE ESECUTIVA DEI LAVORI R.U SAN CATALDO pag. 8 S.1.1.F MODELLO DI GESTIONE AREE VERDI pag. 8 Obiettivo s1.2: Potenziamento informazione e comunicazione all'utenza pag. 9 Linee di attività collegate pag. 9 S.1.2.A ANALISI MODALITA INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE AGLI STUDENTI pag. 9 S.1.2.B DEFINIZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE DI UNA RETE DI SPORTELLI UNICI pag. 9 S.1.2.C COORDINAMENTO E MIGLIORAMENTO IMMAGINE SPORTELLI pag. 10 Obiettivo s1.3: Miglioramento attrattività servizio ristorazione pag. 10 Linee di attività collegate pag. 10 S.1.3. A DEFINIZIONE NUOVA OFFERTA ALIMENTARE pag. 10 S.1.3. B DEFINIZIONE MODALITA DI RILEVAZIONE TEMPI DI ATTESA MENSE pag. 11 S.1.3.C INDAGINE GRADIMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE pag. 11 S.1.3.D STUDIO FATTIBILITA E STESURA CAPITOLATO PER APPALTO MENSA AREZZO pag. 11 S.1.3.E RIMODULAZIONE PROGETTO RISTRUTTURAZIONE MENSA MARTIRI pag. 12 S.1.3.F AFFIDAMENTO LAVORI RISTRUTTURAZIONE MENSA MARTIRI pag. 12 S.1.3.G AFFIDAMENTO ALLESTIMENTO SPAZI ESTERNI MENSE CALAMANDREI/CAPONNETTO pag. 12 S.1.3:H SPERIMENTAZIONE APERTURA NUOVO PUNTO DI DISTRIBUZIONE ROSELLINI pag. 13 Obiettivo s1.4 Consolidamento sistema di sicurezza studenti alloggiati pag. 13 Linee di attività collegate pag. 13 S.1.4.A INFORMAZIONE E FORMAZIONE IN TEMA DI SICUREZZA DEGLI ALLOGGIATI pag. 13 S.1.4.B GESTIONE DELLE EMERGENZE pag. 13 S.1.4.C INDAGINE SU GESTIONE EMERGENZE pag. 14 obiettivo strategico s2 Elevato standard di integrazione sociale percepito dagli studenti beneficiari dei servizi aziendali pag. 14 S.2.1.A - ANALISI CARRIERE UNIVERSITARI BORSISTI pag. 14 S.2.1.B ANALISI PER AMPLIAMENTO TUTORAGGIO NELLE RESIDENZE pag. 15 S.2.1C NUOVI INTERVENTI MONETARI pag. 15 S.2.1.D - PROGETTI DI COABITAZIONE pag. 15 S.2.1.E PROGETTO TUO pag. 16 Prospettiva Università Comunità locale Obiettivo strategico u1: Elevato standard di riconoscimento del ruolo attrattivo dell'azienda percepito dagli istituti universitari pag.16 Obiettivo u1: Programmazione e gestione attività con modalità comuni agli Istituti Universitari pag.16 Linee di attività collegate pag.16 U.1.1.A SISTEMA DI COORDINAMENTO PER RIDURRE LA DISPERSIONE DEI BORSISTI pag.16 U.1.1.B TASSA REGIONALE DSU pag.17 U.1.1.C TASSA REGIONALE DSU pag.17 Prospettiva Processi Interni Obiettivo pi1.1: Definizione struttura organizzativa all'interno delle aree funzionali pag. 18 Linee di attività collegate pag. 18 Pi.1.1.A ANALISI DELLE ATTIVITA E PROCESSI INTERNI ALLE AREE pag. 18 Pi.1.1.B DEFINIZIONE FABBISOGNI E DEFINIZIONE STRUTTURA ORGANIZZATIVA pag. 19 Rev Pagina 3 di 36

4 Pi.1.1.C CONTRATTAZIONE DECENTRATA pag. 19 pi.1.1.d DOTAZIONE ORGANICA, AGGIORNAMENTO PIANO TRIENNALE DEI FABBISOGNI pag. 19 pi.1.1.e ASSEGNAZIONE INCARICHI DI P.O. E P.P.R. pag. 20 Obiettivo pi1.2: Miglioramento gestione informatizzata dei servizi pag. 20 Linee di attività collegate pag. 20 pi1.2.a DEFINIZIONE CARATTERISTICHE SOFTWARE INTEGRATO INTERVENTI MONETARI pag. 21 pi1.2.b DEFINIZIONE CARATTERISTICHE SOFTWARE INTEGRATO RESIDENZE pi1.2.c - DEFINIZIONE CARATTERISTICHE SOFTWARE INTEGRATO ACCESSO MENSE pag. 21 pag. 21 pi1.2.d STESURA CAPITOLATO TECNICO SOFTWARE INTEGRATO ACCESSO MENSE pag. 21 pi1.2.e AFFIDAMENTO SISTEMA INFORMATIVO ACCESSO MENSE pag. 22 pi1.2.f ADESIONE CONTRATTO APERTO REGIONE TOSCANA PER CNS pag. 22 pi1.2.g STESURA CAPITOLATO TECNICO SOFTWARE INTEGRATO RESIDENZE E INTERVENTI MONETARI pag. 22 pi1.2.h AFFIDAMENTO SOFTWARE INTEGRATO RESIDENZE ED INTERVENTI MONETARI pag. 23 pi1.2.i ORGANIZZAZIONE PRIMA FASE ACCESSI MENSA pag. 23 Obiettivo pi1.3:mantenimento e sviluppo sistemi di certificazione pag. 24 pi1.3.a CERTIFICAZIONE SISTEMA QUALITA INTEGRATO CON LE PROCEDURE PER LA SICUREZZA pag. 24 Obiettivo pi1.4: Aggiornamento sistemi informativi interni pag. 25 Linee di attività collegate pag. 25 pi1.4.a PROGRAMMAZIONE E COORDINAMENTO DELLE ATTIVITA DI INSTALLAZIONE NUOVE RELAESE pag. 25 pi1.4.b FORMAZIONE DEL PERSONALE PER LE NUOVE RELEASE pag. 25 pi1.4.c ESECUZIONE DEI TEST E VALIDAZIONE NUOVA RELEASE pag. 26 Obiettivo pi1.5: Definizione sistema di valutazione delle prestazioni pag. 26 pi1.5 DEFINIZIONE SISTEMA DI VALUTAZIONE PRESTAZIONI pag. 26 Obiettivo pi1.6: Sviluppo ristorazione diretta pag. 27 Linee di attività collegate pag. 27 pi1.6.a ANALISI LOGISTICA ED ECONOMICA STRUTTURE E SISTEMI PRODUTTIVI pag. 27 pi.1.6.b RICERCA E VALUTAZIONE NUOVE STRUTTURE PER CENTRALIZZAZIONE PRODUZIONE pag. 27 pi1.6.c RICERCA E VALUTAZIONE NUOVE STRUTTURE PER INCREMENTARE PUNTI DI DISTRIBUZIONE pag. 28 Obiettivo pi1.7: Dematerializzazione dei documenti pag. 28 Linee di attività collegate pag. 28 pi1.7.a DIGITALIZZAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE DOCUEMENTI AMM.NE E CONTABILITA pag. 28 pi1.7.b DIGITALIZZAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTI GESTIONE PERSONALE pag. 29 pi1.7.c DIGITALIZZAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTI GESTIONE ATTI E PROTOCOLLO pag.29 pi1.7.d DIGITALIZZAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE DELLE PROCEDURE DI ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI E DEI CONTRATTI DI APPALTO pag.29 Prospettiva Apprendimento e Crescita Obiettivo strategico ap1: Definizione promozione e consolidamento dei valori aziendali e positiva percezione da parte del personale aziendale pag.30 Obiettivo ap1: Formazione del Personale pag.30 ap.1.1 PROGRAMMARE ED AVVAIRE LE ATTIVITA DI FORMAZIONE pag.30 Obiettivo strategico ap2: Tirocini di studio e lavoro pag.31 Linee di attività collegate pag.31 ap.1.2 A DEFINIZIONE PROGETTI FORMATIVI pag.31 ap.1.2. B AVVISO E VALUTAZIONE CANDIDATURE pag.31 Obiettivo strategico ap3: Formazione continua pag.32 ap.1.3. A DEFINIZIONE OFFERTA ALIMENTARE E ASPETTI ORGANIZZATIVI FACULTY pag.32 Rev Pagina 4 di 36

5 Prospettiva Economico finanziaria Obiettivo strategico ecf1: Equilibrio economico Obiettivo ecf1.1: Incremento attività di accertamento requisiti di reddito Ecf.1.1 INCREMENTO ACCERTAMENTI Obiettivo ecf1.2: Gestione del Campus I Praticelli Linee di attività collegate ecf PIANO DI GESTIONE DEL CAMPUS I PRATICELLI ecf ATTIVAZIONE SPORTELLO UNICO NEL CAMPUS I PRATICELLI ecf RIDEFINIZIONE SERVIZIO MENSA CAMPUS I PARTICELLI ecf AVVIO PROCEDURE DI GARA SERVIZI DI GESTIONE CAMPUS I PARTICELLI Obiettivo ecf1.3: Incremento rendita patrimonio immobiliare ecf SVILUPPO ATTIVITA DI FORESTERIA pag.33 pag.33 pag.33 pag.33 pag.34 pag.34 pag.34 pag.34 pag.34 pag.34 pag.35 pag.35 Rev Pagina 5 di 36

6 Prospettiva Studenti Obiettivo strategico S1 100% idonei =100% borsisti e incremento posti alloggio disponibili Obiettivo operativo s1.1 Declinazione Obiettivo Sviluppo del Patrimonio immobiliare Analisi del fabbisogno, definizione target da raggiungere, apertura nuove strutture, interventi di razionalizzazione Risultato atteso posti letto al 31/12/2013 rispetto al 01/04/2013 Priorità obiettivo 1 Assegnatario/i: Area Residenze / Servizio Approvvigionamenti Lavori e Patrimonio Linee di attività collegate S.1.1.A ANALISI E PROGETTI DI RAZIONALIZZAZIONE RESIDENZE I documenti sono stati realizzati per tutte e tre le sedi, per Pisa e Siena sono stati presentati e discussi in Commissione consiliare e in CTS nonché rappresentati in Consiglio di Amministrazione; per Firenze quest'ultima fase di confronto si è svolta in ritardo rispetto alla tempistica programmata. I progetti hanno visto una prima attuazione per le sedi di Pisa e di Siena, prefigurando una sostenibilità organizzativa ed economica degli interventi di ampliamento della capacità di accoglienza degli studenti. Tra le misure attuative, a Siena è stata anche dismessa una residenza nel mese di novembre 2013, di proprietà di un soggetto terzo, che richiedeva significativi interventi di ristrutturazione. Rev Pagina 6 di 36

7 S.1.1.B PIANO DI GESTIONE E SVILUPPO DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE Si è dato avvio al Piano di razionalizzazione sulle sedi di Pisa e Siena; la parte relativa agli interventi sulla sede di Firenze non è stata completata in considerazione dei diversi indirizzi emersi in sede di Commissione consiliare Residenze e della necessità di verificare la disponibilità di utilizzo, da parte di enti pubblici, di altri immobili per le funzioni istituzionali dell Azienda. S.1.1.C - IMPIANTI SALUTE E SICUREZZA RESIDENZE Sono state fornite al settore ICT tutte le informazioni concernenti gli impianti esistenti e quanto necessario per l'organizzazione del servizio di remotizzazione in relazione allo sviluppo del modello stellare. Il documento coniuga la tutela della salute, della sicurezza e dell integrità fisica degli studenti con l estensione di un differente modello di presidio delle strutture. Tale percorso è stato anche oggetto di confronto, come buona pratica, con altri organismi del Diritto allo studio. Rev Pagina 7 di 36

8 S.1.1.D GESTIONE APERTURE/DISMISSIONE STRUTTURE Per le Residenze di Via del Mezzetta, Calenzano e Padiglione 38 (San Salvi) sono state acquisite le certificazioni urbanistiche e impiantistiche e ottenute le autorizzazioni igienico sanitarie. E stata inoltre eseguita la fase di messa in esercizio degli impianti, sono stati effettuati i necessari interventi di manutenzione straordinaria ed è stata completata la fase di sistemazione degli spazi esterni. Per la R.U. Val di Rose, l Università degli Studi di Firenze (Ente proprietario) sta completando il collaudo delle opere e deve ancora acquisire la certificazione di agibilità con conseguente indisponibilità dell'immobile da parte dell'azienda. La consegna della Residenza di Via da Buti da parte del Comune è intervenuta nei primi mesi del A Carrara è stata aperta la nuova struttura, che ha accolto gli studenti a partire dal mese di Settembre E in atto la dismissione della vecchia residenza per la quale, a fronte delle lesioni intervenute durante l ultimo evento sismico del 2013, si era già provveduto alla chiusura, con temporanea riallocazione degli studenti presso la Residenza I Praticelli. Per quanto riguarda gli arredi, è stata svolta la gara di affidamento della fornitura, è stata verificata l'offerta anomala ed è in corso la fase di espletamento del ricorso in via di urgenza contro il provvedimento di aggiudicazione. Tale impugnativa ha comportato un differimento dei tempi di consegna degli arredi e conseguentemente delle aperture previste. Rev Pagina 8 di 36

9 S.1.1.E AFFIDAMENTO PROGETTAZIONE ESECUTIVA DEI LAVORI R.U SAN CATALDO La gara è stata indetta con provvedimento n. 322 del 9 agosto S.1.1.F MODELLO DI GESTIONE AREE VERDI E' stata avviata la ricognizione conoscitiva sullo stato delle aree verdi aziendali e sono stati effettuati alcuni interventi migliorativi ritenuti prioritari. Il Piano complessivo è ancora in fase di elaborazione. Rev Pagina 9 di 36

10 Obiettivo operativo s1.2 Potenziamento informazione e comunicazione all'utenza Declinazione Obiettivo Ridefinizione e potenziamento attività e comunicazione all'utenza Risultato atteso Analisi per attivazione rete di sportelli unici Priorità obiettivo 2 Assegnatario/i: Progetto Sportello Unico Studenti/ Servizio Comunicazione e Liberalità Linee di attività collegate S.1.2.A ANALISI MODALITA INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE AGLI STUDENTI E' stato predisposto un documento contenente l'analisi delle attività degli Uffici SIOC e delle modalità di informazione e comunicazione verso gli studenti. Tale relazione è stata trasmessa al Direttore e presentata alle OO.SS. nel mese di luglio L analisi delle modalità di informazione e comunicazione agli studenti è stata inoltre condotta dall Area Benefici nell ambito della Proposta presentata alla Direzione sulla riorganizzazione dell Area stessa. La proposta contenuta nel documento di riorganizzazione delle Aree è stata recepita con Provvedimento n. 443/13 del 13 novembre S.1.2.B DEFINIZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE DI UNA RETE DI SPORTELLI UNICI Sono stati attivati alcuni punti informativi ritenuti prioritari. Di fatto, il protrarsi delle attività connesse alla riorganizzazione non ha permesso l'effettuazione dell'analisi e progettazione complessiva prevista. Rev Pagina 10 di 36

11 S.1.2.C COORDINAMENTO E MIGLIORAMENTO IMMAGINE SPORTELLI E' stata realizzata una proposta di un logo e sono state definite alcune indicazioni per realizzare un'immagine coordinata; il materiale è stato presentato alla Direzione entro il ed è attualmente in fase di valutazione. Obiettivo operativo s1.3 Miglioramento attrattività servizio ristorazione Declinazione Obiettivo Definire nuove offerte alimentari e nuove forme di distribuzione al fine di incrementare l'attrattività dei ristoranti universitari a gestione diretta, con particolare attenzione alla sostenibilità economica. Risultato atteso pasti 2013 ristoranti gestione diretta = rispetto al 2012 Priorità obiettivo 1 Assegnatario/i: Area Ristorazione/ Qualità e Sicurezza/ Servizio Approvvigionamenti Lavori e Patrimonio Linee di attività collegate S.1.3. A DEFINIZIONE NUOVA OFFERTA ALIMENTARE Sono stati elaborati i nuovi menù con la collaborazione del Personale e degli Studenti. Sono stati effettuati gli adeguamenti dei processi produttivi e degli impianti funzionali all'introduzione della nuova offerta alimentare presso la Mensa Martiri (Pisa) e la Mensa Bandini (Siena). Rev Pagina 11 di 36

12 S.1.3. B DEFINIZIONE MODALITA DI RILEVAZIONE TEMPI DI ATTESA MENSE E'stata elaborata e consegnata un'ipotesi di massima sulle possibili modalità di rilevazione dei tempi di attesa sulle tre sedi che richiede ulteriori approfondimenti e verifiche di fattibilità. La valutazione del livello di raggiungimento tiene conto della metodologia e delle soluzioni prefigurate. S.1.3.C INDAGINE GRADIMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE L indagine è stata effettuata nel corso del mese di giugno Il relativo report è stato condiviso con i Servizi coinvolti nel mese di Agosto 2013 e successivamente pubblicato sul sito aziendale. S.1.3.D STUDIO FATTIBILITA E STESURA CAPITOLATO PER APPALTO MENSA AREZZO Il capitolato è stato predisposto e sono stati avviati i confronti con l'università di Siena. L obiettivo non è valutabile in quanto le attività si sono interrotte a seguito del parere non favorevole delle Commissioni consiliari Benefici agli Studenti e Ristorazione in merito all attivazione di un punto ristorazione integrato con i servizi informativi e con aule studio all interno del Campus di Arezzo. Rev Pagina 12 di 36

13 S.1.3.E RIMODULAZIONE PROGETTO RISTRUTTURAZIONE MENSA MARTIRI Il progetto esecutivo è stato rielaborato a seguito delle direttive impartite dal C.d.A. con Delibera n. 37 del 19 giugno. Il progetto è stato completato il 30 settembre 2013 e successivamente validato; tale tempistica non ha però consentito di avviare la gara entro l anno 2013, come programmato. La revisione delle scelte progettuali è stata preceduta ed accompagnata da analisi sull attrattività dei corsi di studio universitari, sulle affluenze degli studenti, sull organizzazione dei processi produttivi a fronte della ridefinizione di una nuova offerta alimentare. S.1.3.F AFFIDAMENTO LAVORI RISTRUTTURAZIONE MENSA MARTIRI La tempistica necessaria alla validazione del nuovo progetto esecutivo non ha consentito il raggiungimento dell'obiettivo, che non si ritiene pertanto valutabile con riferimento all anno S.1.3.G AFFIDAMENTO ALLESTIMENTO SPAZI ESTERNI MENSE CALAMANDREI/CAPONNETTO La gara di appalto è stata indetta con provvedimento n. 353 del 18 settembre Rev Pagina 13 di 36

14 S.1.3.H SPERIMENTAZIONE APERTURA NUOVO PUNTO DI DISTRIBUZIONE ROSELLINI E stato raggiunto l obiettivo prefissato con l erogazione nel periodo di riferimento di un numero complessivo pari a pasti. Nel corso dell ultimo bimestre il banco di distribuzione per pietanze fredde è stato affiancato da un altro banco caldo. Obiettivo operativo s1.4 Consolidamento sistema di sicurezza studenti alloggiati Declinazione Obiettivo Promuovere la cultura della sicurezza presso gli studenti alloggiati Risultato atteso Analisi del livello di conoscenza sulla gestione emergenze da parte degli alloggiati. Priorità obiettivo 2 Assegnatario/i: Servizio Qualità e Sicurezza Linee di attività collegate S.1.4.A INFORMAZIONE E FORMAZIONE IN TEMA DI SICUREZZA DEGLI ALLOGGIATI Sono stati svolti i sei incontri informativi programmati sulle tre sedi. S.1.4.B GESTIONE DELLE EMERGENZE Rev Pagina 14 di 36

15 Sono state eseguite le tre prove di evacuazione programmate presso le tre sedi dell Azienda. S.1.4.C INDAGINE SU GESTIONE EMERGENZE L indagine è stata svolta con modalità on line, ma il target prefissato, pari al 20% degli intervistati sul totale alloggiati presso le Residenze, non è stato raggiunto. Prospettiva Studenti obiettivo strategico s2 Elevato standard di integrazione sociale percepito dagli studenti beneficiari dei servizi aziendali Obiettivo operativo s2 Misure di accompagnamento alla carriera universitaria Declinazione Obiettivo Analisi carriere universitarie borsisti, borsisti alloggiati, e messa in atto di misure per migliorare i percorsi di carriera universitaria. Risultato atteso programmazione servizi di tutoraggio e attivazione nuovi interventi monetari Priorità obiettivo 1 Assegnatario/i: Area benefici agli studenti/ progetto Sportello Unico / Sviluppo Organizzativo Linee di attività collegate S.2.1.A - ANALISI CARRIERE UNIVERSITARI BORSISTI E stata predisposta un analisi di massima delle carriere universitarie dei borsisti raffrontate con quelle della generalità degli studenti per le tre sedi di Ateneo; l analisi è stata oggetto di confronto con le Università e con la Commissione consultiva consiliare Benefici agli Studenti, che ha espresso parere non favorevole all'avvio delle iniziative. Rev Pagina 15 di 36

16 S.2.1.B ANALISI PER AMPLIAMENTO TUTORAGGIO NELLE RESIDENZE Sono stati attivati contatti con i Delegati e i Servizi all Orientamento delle Istituzioni Universitarie, ma non sono stati formalizzati accordi o convenzioni dirette alla rilevazione dei fabbisogni entro la tempistica prevista. Con l Università di Siena è stata definita una convenzione a carattere operativo per promuovere assegni di tutorato all interno delle residenze universitarie, nell intento di mettere a punto un modello di intervento che potrà essere attuato anche con la collaborazione di altre realtà accademiche. S.2.1C NUOVI INTERVENTI MONETARI Sono state definite le diverse tipologie d intervento a sostegno delle carriere universitarie, consistenti in incentivi al conseguimento del titolo. La proposta è stata illustrata agli studenti e in Commissione consiliare Benefici agli Studenti il 9 ottobre L obiettivo non si ritiene valutabile in quanto la Commissione ha espresso parere non favorevole all'avvio delle iniziative. S.2.1.D - PROGETTI DI COABITAZIONE La proposta è stata illustrata ai rappresentanti degli Studenti e alla Commissione consiliare Benefici agli Studenti il 9 ottobre 2013, quest ultima ha espresso parere non favorevole all'avvio delle iniziative. Per questo motivo l obiettivo non si ritiene valutabile. Rev Pagina 16 di 36

17 S.2.1.E PROGETTO TUO L iniziativa è stata realizzata nei giorni 29 luglio 2 agosto secondo il programma concordato con la Regione Toscana e gli Atenei Toscani. Rispetto all anno precedente, l iniziativa ha visto un incremento delle capacità di accoglienza da 100 a 120 per ogni sede universitaria. Prospettiva Università Comunità locale obiettivo strategico u1 Elevato standard di riconoscimento del ruolo attrattivo dell'azienda percepito dagli istituti universitari Obiettivo operativo u1 Declinazione Obiettivo Risultato atteso Programmazione e gestione attività con modalità comuni agli Istituti Universitari Individuare modalità di partecipazione ad incontri tra i responsabile Ardsu e i colleghi degli Atenei Formulazione di un programma comune 2013/2014, con particolare riferimento all'attivazione dei tirocini, tutoraggio ed alle modalità di incasso della tassa regionale Priorità obiettivo 2 Assegnatario/i: Tutte le Aree funzionali ed il Progetto sportello Unico Linee di attività collegate U.1.1.A SISTEMA DI COORDINAMENTO PER RIDURRE LA DISPERSIONE DEI BORSISTI Sono stati svolti incontri su tematiche specifiche con i referenti dell'orientamento dei singoli Atenei senza arrivare a definire una pianificazione che consentisse di concordare una strategia comune d intervento. Rev Pagina 17 di 36

18 U.1.1.B TUTORAGGIO ALLOGGIATI E stato definito e stipulato un accordo con l'università di Siena, unico Ateneo che ha offerto concreta disponibilità a collaborare sul tema proposto, per l avvio delle attività di tutoraggio. U.1.1.C TASSA REGIONALE DSU Sono state attivate tre nuove convenzioni con l'accademia italiana di arte, moda e design, l'opificio delle Pietre dure di Firenze e la Scuola Musicale di Fiesole. Sono in corso le attività dirette al rinnovo delle convenzioni esistenti e sono stati avviati i confronti con gli Atenei aventi il maggior numero di iscritti per la revisione degli accordi. Rev Pagina 18 di 36

19 Prospettiva Processi Interni obiettivo strategico pi1 Implementazione nuovo assetto organizzativo Obiettivo operativo pi1.1 Declinazione Obiettivo Risultato atteso Definizione struttura organizzativa all'interno delle aree funzionali Analisi delle attività e dei fabbisogni e definizione articolazioni organizzative all'interno delle aree funzionali Nuova struttura organizzativa delle aree funzionali a regime secondo semestre Priorità obiettivo 2 Assegnatario/i: Tutte le Aree funzionali /Servizio gestione del personale Linee di attività collegate Pi.1.1.A ANALISI DELLE ATTIVITA E PROCESSI INTERNI ALLE AREE Ciascun dirigente ha elaborato un documento di analisi riferito alla propria area di competenza definendo l analisi delle rispettive attività nel mese di luglio 2013; le analisi sintetiche sono state trasmesse ai Coordinatori e ai Rappresentanti Sindacali nel mese di settembre e quindi approvate con provvedimento n. 443 del 13 novembre Ogni documento ha visto confronti interni ed esterni alle singole Aree funzionali. Rev Pagina 19 di 36

20 pi.1.1.b DEFINIZIONE FABBISOGNI E DEFINIZIONE STRUTTURA ORGANIZZATIVA Le proposte di ridefinizione dei fabbisogni, predisposte a seguito delle riorganizzazione per aree funzionali, sono state trasmesse alla Direzione nei termini stabiliti e successivamente discusse ed approvate con provvedimento n. 443 del 13 novembre pi.1.1.c CONTRATTAZIONE DECENTRATA La piattaforma di CCDI è stata illustrata nel corso della delegazione trattante del 15 luglio 2013; la proposta è stata elaborata attraverso la costituzione di uno specifico gruppo di progetto, con il contributo del Professor Simone Lazzini dell Università di Pisa e della dottoressa Valentina Gemignani di Laziodisu. A seguito dell'espletamento della fase di negoziazione sindacale, l'ipotesti di CCDI è stata sottoscritta in data 5 novembre 2013 e quindi recepita con provvedimento n. 444 del 14 novembre pi.1.1.d DOTAZIONE ORGANICA, AGGIORNAMENTO PIANO TRIENNALE DEI FABBISOGNI La richiesta di presa d atto della Dotazione Organica effettiva, comprensiva anche delle posizioni dirigenziali, è stata approvata con Delibera C.d.A. n. 40 del 17 luglio 2013 e in seguito recepita con Delibera della Giunta Regionale n. 664 del 5 agosto Il Piano dei fabbisogni è stato aggiornato nel mese di luglio 2013 e autorizzato con Delibera di Giunta n. 629 del 29 luglio Rev Pagina 20 di 36

21 pi.1.1.e ASSEGNAZIONE INCARICHI DI P.O. E P.P.R. Si è concluso il percorso di revisione dell'assetto delle Posizioni Organizzative a seguito della riorganizzazione delle aree e del conseguente processo di graduazione delle aree di Posizione Organizzativa. I tempi di ridefinizione dei criteri relativi all assegnazione delle indennità per particolari responsabilità (P.P.R.) hanno risentito dei tempi della contrattazione integrativa e della fase di negoziazione dei criteri di assegnazione, con conseguente slittamento del rinnovo degli incarichi. Obiettivo operativo pi1.2 Declinazione Obiettivo Miglioramento gestione informatizzata dei servizi Analisi delle attività e dei fabbisogni,e definizione articolazioni organizzative all'interno delle aree funzionali. Disponibilità di un software per gli accessi mensa attraverso la carta nazionale dei servizi e modalità di pagamento elettronica. Disponibilità di un nuovo applicativo unico ed integrato per la gestione interventi monetari e la gestione servizio residenze Risultato atteso Prima fase applicativa Accessi mensa 1 SEMESTRE 2014 Priorità obiettivo 1 Assegnatario/i: Tutte le Aree funzionali / Vari Servizi in staff Linee di attività collegate pi1.2.a DEFINIZIONE CARATTERISTICHE SOFTWARE INTEGRATO INTERVENTI MONETARI E stata completata dal Gruppo di progetto l analisi delle caratteristiche informative e gestionali del software integrato entro la tempistica stabilita. Rev Pagina 21 di 36

22 pi1.2.b DEFINIZIONE CARATTERISTICHE SOFTWARE INTEGRATO RESIDENZE E stata completata dal Gruppo di progetto l analisi delle caratteristiche informative e gestionali del software integrato entro la tempistica stabilita. pi1.2.c - DEFINIZIONE CARATTERISTICHE SOFTWARE INTEGRATO ACCESSO MENSE E stata completata l analisi delle caratteristiche informative e gestionali del software integrato per la gestione degli accessi alle mense e dei pagamenti elettronici. La relativa gara è stata indetta entro il 30 settembre pi1.2.d STESURA CAPITOLATO TECNICO SOFTWARE INTEGRATO ACCESSO MENSE E stato predisposto il Capitolato tecnico per l acquisizione del software nei tempi programmati. La gara è stata indetta con Provvedimento n. 358/13 del 20 settembre Rev Pagina 22 di 36

23 pi1.2.e AFFIDAMENTO SISTEMA INFORMATIVO ACCESSO MENSE La gara è stata indetta con Provvedimento n. 358/13 del 20 settembre pi1.2.f ADESIONE CONTRATTO APERTO REGIONE TOSCANA PER CNS La Delibera del C.d.A. n. 36/13 del 19 giugno 2013, nell intento di limitare l impatto economico della fornitura di Carte Nazionali di Servizio con tecnologia RFID, ha previsto la lettura anche delle Carte Nazionali di Servizio a banda magnetica, già in circolazione in molte regioni, per l accredito ed il pagamento del servizio ristorazione. Di conseguenza, in questa fase del progetto, non è essenziale procedere all adesione al contratto aperto per il rilascio delle Carte Nazionali di Servizio con tecnologia RFID, con conseguente non valutazione dell obiettivo. pi1.2.g STESURA CAPITOLATO TECNICO SOFTWARE INTEGRATO RESIDENZE E INTERVENTI MONETARI Si prevede il completamento della stesura del capitolato entro il 15 febbraio Rev Pagina 23 di 36

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L articolo 28 del Decreto Legislativo n 81/2008 introduce l obbligo per il Datore di Lavoro di valutare, insieme agli altri rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori,

Dettagli

Erogare Borse di Studio ed altri Benefici e Contributi

Erogare Borse di Studio ed altri Benefici e Contributi Scopo Erogare borse di studio, servizi gratuiti e contributi economici a studenti universitari capaci, meritevoli e privi di mezzi in attuazione della normativa vigente. Responsabile Fornitore del Processo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Capitolo 2

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Capitolo 2 ORGANI E FINALITA DELL AZIENDA... 1 ORGANIGRAMMA AZIENDALE... 2 ORGANIZZAZIONE AI FINI DELLA SICUREZZA... 3... 3 RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE... 3 MEDICO COMPETENTE... 3 RAPPRESENTANTI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

Relazione sulla gestione aziendale

Relazione sulla gestione aziendale Relazione sulla gestione aziendale anno 2011 1. Andamento della gestione elementi principali L'Azienda ha proseguito l'impegno nell'erogazione delle borse di studio, alloggi, ristorazione, sostegno allo

Dettagli

VISTI CONSIDERATO CHE

VISTI CONSIDERATO CHE Convenzione tra l Università degli Studi di Siena e l Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana relativa alle modalità di riscossione della tassa regionale ed alla definizione

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA

CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA tra Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Liguria, rappresentata dal Direttore Regionale, Alberta De Sensi e Università

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento Amministrazione trasparente art. 13, comma 1, lett. b) D.Lgs. n. 33/2013 Articolazione degli uffici, competenze e risorse a disposizione di ciascun ufficio La struttura organizzativa degli Uffici dell

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Legge Regionale 26 luglio 2002, n. 32 e ss.mm. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 93/15 del 26/02/2015 Oggetto: APPROVAZIONE LAVORI DELLA

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università);

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università); Protocollo Operativo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Poste Italiane per il servizio di consegna dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola secondaria

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4 1. REQUISITI GENERALI L Azienda DSU Toscana si è dotata di un Sistema di gestione per la qualità disegnato in accordo con la normativa UNI EN ISO 9001:2008. Tutto il personale del DSU Toscana è impegnato

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca U.R.S.T. - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL COORDINAMENTO E GLI AFFARI ECONOMICI SERVIZIO PER L AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI Prot.: 1216 Roma, 8/8/2003 Ai Rettori delle Università LORO

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE N 05 Pag. 1 di 10 PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE LISTA DELLE REVISIONI REV DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 02 15.05.09 03 01.10.09 1 N 05 Pag. 2 di 10 Indice della Procedura P.to

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PIANO DEGLI INVESTIMENTI

PIANO DEGLI INVESTIMENTI 1 Scopo Lo scopo di questa procedura è quello definire le modalità operative seguite dall Azienda per la definizione del Piano degli Investimenti, quale documento integrato nella pianificazione economico-finanziaria

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra il Ministero

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

La Regione Toscana. Premesso che

La Regione Toscana. Premesso che Allegato A PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE TOSCANA, UNIVERSITA E PARTI SOCIALI PER DEFINIRE I PROFILI FORMATIVI NEI PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE FINALIZZATI AL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DOTTORE DI RICERCA

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ E CERTIFICAZIONE ISO 9001 ed. 2000 PER L'UNIVERSITÀ DI CAMERINO PROGETTO DI MASSIMA

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ E CERTIFICAZIONE ISO 9001 ed. 2000 PER L'UNIVERSITÀ DI CAMERINO PROGETTO DI MASSIMA Allegato 1 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ E CERTIFICAZIONE ISO 9001 ed. 2000 PER L'UNIVERSITÀ DI CAMERINO PROGETTO DI MASSIMA Torino, 29 maggio 2001 Progetto Università Camerino 25_05_01.ppt 1 ESIGENZE

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE

DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE RIQUALIFICAZIONE ED AMPLIAMENTO DELLE PALESTRE ALL INTERNO DELLE RESIDENZE

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Vademecum per i tirocini

Vademecum per i tirocini Vademecum per i tirocini CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN SCIENZE PEDAGOGICHE Approvato dal Consiglio di Dipartimento del 19 maggio 2015 PRESENTAZIONE E

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE Numero della delibera Data della delibera Oggetto Contenuto

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE 1. Linee guida per il Progetto di legge per il rilancio della competitività lombarda 2. Aggiornamento dei criteri attuativi di Credito Adesso: 3.

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana MONITORAGGIO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 ALLA DATA DEL 31 AGOSTO 2015

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana MONITORAGGIO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 ALLA DATA DEL 31 AGOSTO 2015 Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana MONITORAGGIO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 ALLA DATA DEL 31 AGOSTO 2015 Firenze, 15 settembre 2015 Premessa Il presente monitoraggio

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. DI TRENITALIA S.p.A. Sintesi

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. DI TRENITALIA S.p.A. Sintesi MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI TRENITALIA S.p.A. Sintesi Luglio 2014 Il Consiglio di Amministrazione di Trenitalia S.p.A. ha approvato con delibera del 23 febbraio 2005 il Modello di

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

SU CARTA INTESTATA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

SU CARTA INTESTATA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ALLEGATO 1. PATTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO DAL MESE DI SETTEMBRE 2014 AL MESE DI MAGGIO 2015 percorso in alternanza scuola-lavoro PRIMA PARTE DENOMINAZIONE PERCORSO:. PROFILO DELL INDIRIZZO DI STUDIO

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-12 / 371 del 04/04/2013 Codice identificativo 886498

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-12 / 371 del 04/04/2013 Codice identificativo 886498 COMUNE DI PISA TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-12 / 371 del 04/04/2013 Codice identificativo 886498 PROPONENTE Comunicazione - Serv. Informativi - Sp. Cittadino OGGETTO UFFICIO GESTIONE

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Legge Regionale 26 luglio 2002, n. 32 e ss.mm. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 33/16 del 25/01/2016 Oggetto: APPROVAZIONE CAMPIONE

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1 IL RETTORE Decreto n. 10416 (77) Anno 2014 VISTA la delibera del Senato Accademico del 16 gennaio 2013 che approva l adesione all Accordo di collaborazione tra la Regione Toscana, le Università degli Studi

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo ALLEGATO A CONVENZIONE tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo dei Centri di Assistenza Tecnica e iniziative per l ammodernamento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA - DECRETO DIRIGENZIALE

CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA - DECRETO DIRIGENZIALE CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA - DECRETO DIRIGENZIALE OGGETTO: Manutenzione straordinaria impianto di riscaldamento/condizionamento dei locali in uso al Consiglio regionale ubicati al piano terreno

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e integrità

Programma triennale per la trasparenza e integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani via Trieste 21 20029 Turbigo Tel 0331 899 168 Fax 0331 897 861 e-mail uffici istituto@comprensivoturbigo.gov.it

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità dell azienda è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità. n 224 del 31/05/2013. Oggetto:

Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità. n 224 del 31/05/2013. Oggetto: Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità n 224 del 31/05/2013 Struttura organizzativa : Settore bilancio e finanze Dirigente responsabile : Dirigente Mascagni Fabrizio

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

Pag. 1/6. Esercizio 2013. 11 dicembre 2013

Pag. 1/6. Esercizio 2013. 11 dicembre 2013 Pag. 1/6. DELIBERA N. 81 82 - Impianto organizzativo di ER.GO: stato di attuazione per l anno 2014 Il PRESIDENTE sottopone all'attenzione del Consiglio la seguente proposta di deliberazione IL CONSIGLIO

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. DECRETO DIRIGENZIALE N 720 del 17/12/2014

CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. DECRETO DIRIGENZIALE N 720 del 17/12/2014 CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA DECRETO DIRIGENZIALE N 720 del 17/12/2014 OGGETTO: Acquisto mediante MEPA di servizi di assistenza agli apparati telefonici in Voip: seconda fase Settore tecnologie informatiche

Dettagli

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO Multiservizio tecnologico per le strutture sanitarie della Regione Lazio Il presente caso studio riguarda l affidamento,

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

Dall obbligo all opportunità

Dall obbligo all opportunità Dall obbligo all opportunità Accreditamento secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 delle prove su attrezzature operanti sotto tensione del Laboratorio multi-sito nell ambito del Sistema di Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Emanato con D.R. n. 83 del 27 febbraio 2008 Entrata in vigore 13 marzo 2008 INDICE TITOLO I - CAMPO

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE GESTIONE SISTEMI INFORMATICI E FINANZIARI ED ESECUZIONE PAGAMENTI Decreto n. 23 del 27 febbraio 2015 Oggetto:

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 1247 / 2014 Area Staff OGGETTO: ACQUISIZIONE SERVIZIO AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO DEL SOFTWARE APPLICATIVO PER LA GESTIONE ECONOMICA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI.0001294.02-12-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRIGENTE VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 567 del 10 ottobre

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa

COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SETTORE: SETTORE 4 PERSONALE - BILANCIO - PARTECIPATE - SPUC - INFORMATICA SERVIZIO : INFORMATIZZAZIONE E SERV. STATISTICI N.

Dettagli

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI

MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI Premessa Ai sensi dell art. 2 comma 594 e 598 della Legge n.244/2007 (Legge Finanziaria 2008),

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 integra e aggiorna il precedente Programma Triennale 2014-2016

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità Articolo 1. Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, l attivazione e il funzionamento dei corsi di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente successivi

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia PROVINCIA DI SONDRIO PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia Radar dalla conoscenza allo sviluppo delle politiche attive del lavoro PROGETTAZIONE

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli