Gestione della creatività e dell innovazione nelle piccole e medie imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione della creatività e dell innovazione nelle piccole e medie imprese"

Transcript

1 Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. Gestione della creatività e dell innovazione nelle piccole e medie imprese A CURA DI REGIONAL DEVELOPMENT AGENCY OF NORTHERN PRIMORSKA LTD. NOVA GORICA

2 Questo manuale è pensato per i dirigenti delle piccole e medie imprese che vogliono padroneggiare con maggior successo i processi innovativi nella propria realtà imprenditoriale. Presenta diversi compiti innovativi nonché metodi e strumenti che rendono possibili la strutturazione e l attuazione di efficaci processi innovativi. L innovazione non deve essere considerata un fenomeno casuale bensì un processo costante e misurabile che genera idee e concetti competitivi a livello globale. Informest, aprile

3 Indice: 1. INTRODUZIONE INVENZIONE, INNOVAZIONE E CREATIVITÀ INNOVATIVA GESTIONE DEI PROCESSI INNOVATIVI MIGLIORAMENTO DEI PRODOTTI E PROCESSI ATTUALI SVILUPPO DI UN NUOVO PRODOTTO O PROCESSO GESTIONE DEI RISCHI NEI NUOVI SISTEMI O IN QUELLI ATTUALI ANALISI DEL MERCATO E DELLE TECNOLOGIE PROGETTAZIONE DELLE STRATEGIE PER LA GESTIONE DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE STRUMENTI E METODI CONCLUSIONI E CONSIGLI NOTE SULL AUTORE QUESTIONARIO SUL FABBISOGNO INNOVATIVO Informest, aprile

4 1. Introduzione Solo un impresa su dieci uscirà rinforzata dalla crisi economica. La recessione è uno dei periodi più ardui per l economia. La domanda di prodotti e servizi inizia a calare, la pressione sui prezzi di vendita è sempre più forte, il finanziamento dell impresa rincara e gli stati d insolvenza aumentano. In tali condizioni le imprese cercano di controllare l esercizio riducendo notevolmente le spese, il che dall altra parte rende impossibile l aumento delle entrate. C è bisogno di qualcosa di più. Almeno così la pensa l 85% dei dirigenti di imprese provenienti dall India, dalla Cina e dal Brasile che considera l acceleramento dell innovazione nelle imprese uno dei tre principali orientamenti strategici. Anche negli Stati Uniti il 58% delle direzioni aziendali è dello stesso parere. In una realtà imprenditoriale così dinamica si verificano continui cambiamenti sia all interno delle imprese sia nei bisogni e nel potere d acquisto dei clienti, con nuovi metodi che appaiono per soddisfare le loro esigenze. I cambiamenti sono così veloci che ancor prima di poter effettuare un accurata analisi della situazione, l ambiente economico non è più lo stesso. Per far fronte a una situazione talmente competitiva e ottenere vantaggi competitivi non basta solo investire nei processi innovativi. Esistono almeno altre otto buone prassi, rappresentate in Figura 1, che permettono agli operatori economici di conseguire vantaggi competitivi e la crescita degli affari. I modi in cui un impresa compone queste prassi in un insieme commerciale sono ovviamente molteplici e dipendono da numerosi fattori. Inoltre, sono i dettagli quelli che contano poiché la mera trasposizione delle buone prassi altrui non comporta i giusti risultati. Ovviamente non è da aspettarsi che ogni impresa saprà padroneggiare con maestria tutte le nove buone prassi: certe imprese, ad esempio, si orientano verso lo sviluppo tecnologico e l implementazione della produzione snella, mentre altre favoriscono il design dei prodotti, i servizi aggiuntivi per i clienti e la cura delle relazioni con gli ultimi. Le combinazioni sono davvero innumerevoli. L importante è che si instauri una combinazione di parassi tale da poter raggiungere gli obiettivi strategici e continuare la crescita dell impresa. Informest, aprile

5 Quali sono queste buone prassi imprenditoriali? 1. Investire nelle nuove tecnologie sia attraverso gli investimenti nello sviluppo sia attraverso l acquisto di tecnologie disponibili sul mercato. Lo sviluppo e la gestione delle tecnologie in proprio sono forse meno prevedibili, ma perciò più vantaggiosi a lungo termine. Se una certa tecnologia è presente sul mercato, la potete sì semplicemente comprare, ma il vostro concorrente può fare lo stesso. 2. Investire nell automazione e così ridurre i costi del lavoro. Il costo della manodopera in Slovenia e in Italia è notevolmente più alto del costo nei Paesi meno sviluppati perciò, se la produttività rimane la stessa, i conti non tornano. È quindi indispensabile mirare all eccellenza imprenditoriale. 3. La produzione snella nella produzione di massa sta diventando un presupposto indispensabile per garantire la migliore gestione dei processi di produzione, la giusta qualità dei prodotti e spese più basse durante l intero ciclo di vita del prodotto. Inoltre si sta sempre più affermando la metodologia Sei Sigma ovvero l aggiornamento della produzione snella. 4. La riprogettazione dei processi aziendali è un procedimento necessario sia in conseguenza del cambiamento dei bisogni dei clienti sia a causa dello sviluppo delle tecnologie di produzione o dell introduzione di nuove tecnologie informatiche o di telecomunicazione. Anche tali riprogettazioni hanno bisogno di approcci innovativi, non tanto nel senso di introdurre cambiamenti tecnologici quanto di ottimizzare i processi aziendali. 5. Collaborazione industriale e networking. La cooperazione orizzontale in forma di centri di eccellenza, cluster industriali, centri tecnologici ecc. è particolarmente interessante per le piccole e medie imprese (PMI). Le PMI possono compensare efficacemente le proprie proporzioni limitate con una maggiore flessibilità e la collaborazione con altre imprese. In questi casi è estremamente importante che l impresa si renda conto delle proprie competenze chiave e che le protegga adeguatamente. Informest, aprile

6 Figura 1 6. Con i servizi aggiuntivi per i clienti si intendono le attività offerte ai clienti prima, durante e dopo la vendita dei propri prodotti o servizi. I clienti ricordano bene il modo in cui abbiamo cercato di soddisfare i loro bisogni. Questi servizi possono essere forniti in modo semplice e veloce con l ausilio di strumenti informatici. Un feedback tempestivo da parte dei nostri clienti ci consente di apportare ai prodotti i cambiamenti necessari prima che i clienti vadano altrove. 7. Design come valore aggiunto è un approccio alla soddisfazione delle esigenze dei clienti che sta diventando sempre più pronunciato. Oltre alla funzionalità e ai prezzi ragionevoli, i clienti richiedono un prodotto estetico o una piacevole soddisfazione dei loro bisogni. In questa direzione si verificheranno in futuro i maggiori cambiamenti nel mondo degli affari con una notevole crescita di professioni creative. In poche parole: si venderanno storie, non più solo prodotti. 8. Educazione e formazione professionale. Gli investimenti nell educazione e nell aggiornamento professionale dei propri impiegati sono sempre stati molto importanti e lo saranno ancora di più nel futuro. L innovazione e la creatività nella realtà imprenditoriale non sono possibili senza una squadra di collaboratori istruiti. Informest, aprile

7 9. La customer relationship management (CRM) è una strategia sempre più diffusa per la gestione delle interazioni con i propri clienti, i soci in affari e le attività di vendita. Questi processi possono essere efficacemente organizzati e automatizzati attraverso l uso di tecnologie informatiche e di telecomunicazione, sincronizzando così i processi aziendali. Molte di queste buone prassi necessitano dell innovazione e della creatività che sono gli argomenti centrali di questa ricerca. Un introduzione così lunga solo per capire meglio che l innovazione non è un processo autonomo, separato dagli altri processi nell impresa, ma deve essere un attività attentamente integrata nell impresa che insieme alle altre ci permette di battere sia la concorrenza attuale sia quella futura. Le piccole e medie imprese hanno inoltre un organizzazione meno rigida e le diverse funzioni si spesso sovrappongono, il che però non vuol dire che non vengono svolte. Le direzioni di queste imprese devono perciò avere una visione più centralizzata delle singole fasi del processo decisionale. Uno dei principali errori spesso commessi dalle PMI è di copiare le forme organizzative delle aziende maggiori. Il risultato è un processo decisionale gerarchicamente troppo complesso con costi fissi relativamente elevati. In breve, il personale dirigente delle PMI deve essere integrato nei processi innovativi dell impresa non solo sul piano strategico ma anche su quello operativo. Non sono pochi i casi in cui il direttore di un impresa sia anche il direttore esecutivo nel campo delle innovazioni. L innovazione deve servire alla strategia dell impresa e non può essere considerata solo il risultato di avvenimenti fortuiti. Lo scopo della presente ricerca è di presentare ai dirigenti delle piccole e medie imprese in modo conciso l importanza dell innovazione, il modo in cui attuarla nella prassi quotidiana nonché le metodologie e gli strumenti per un efficace avviamento dei processi innovativi. La ricerca è composta da cinque capitoli. In questo primo capitolo introduttivo abbiamo cercato di collocare l innovazione all interno di un quadro strategico aziendale più ampio. Nel secondo capitolo ci soffermeremo sulle definizioni dell invenzione, dell innovazione e del processo creativo nonché sui compiti innovativi più ricorrenti nelle imprese in generale, mentre il terzo capitolo sarà dedicato ai diversi compiti innovativi nelle PMI. Nel quarto capitolo analizzeremo gli strumenti che abbiamo a disposizione per sollecitare l innovazione all interno di un impresa. Infine, il quinto e ultimo capitolo cercherà di ricapitolare i Informest, aprile

8 principiali suggerimenti per i dirigenti delle PMI in quanto alla gestione dei processi innovativi. Informest, aprile

9 2. Invenzione, innovazione e creatività innovativa Iniziamo con alcune definizioni che ci aiuteranno a comprendere i processi creativi e innovativi. Ci soffermeremo solo su qualche concetto di base, ad esempio l invenzione, l innovazione e la creatività innovativa. L invenzione si riferisce alla scoperta di una novità, ad esempio un apparecchio, un processo o un sistema. Un invenzione può essere qualcosa di radicalmente nuovo oppure può solamente introdurre in un modo diverso soluzioni già note o creare un nuovo bisogno sul mercato. Le invenzioni vengono spesso brevettate. In termini commerciali l invenzione rappresenta una spesa. Con la gestione dei processi innovativi cerchiamo di trasformare un invenzione in un investimento o di valorizzarla sul mercato. Il termine innovazione deriva dal verbo latino innovare che significa rinnovare o cambiare. È quindi chiaro già dal significato etimologico che l innovazione non si riferisce alla scoperta di qualcosa di nuovo. L innovazione è ciò che in un impresa genera nuove fonti di profitto e aumenta il suo vantaggio competitivo. La commercializzazione delle invenzioni attraverso l introduzione delle innovazioni rappresenta l obiettivo strategico e operativo dell impresa. Informest, aprile

10 Nikola Tesla, ad esempio, fu un brillante inventore, che però non seppe commercializzare le proprie invenzioni. Thomas Edison, dall altra parte, fu un ottimo innovatore in grado di riconoscere e sfruttare il potenziale di mercato delle proprie invenzioni. Un esempio contemporaneo potrebbe essere l Apple, che non è artefice di grandi invenzioni, è però abilissima a riconoscere e soddisfare i bisogni dei clienti. Nella letteratura si possono trovare diverse definizioni dell innovazione. Soffermiamoci su quelle che inquadrano l innovazione nel mondo dell imprenditoria: L innovazione è un idea sfruttata con successo che conferisce un nuovo valore all utente e un valore economico all autore dell innovazione. 1 L innovazione [ ] viene di solito intesa come una riuscita affermazione di una cosa o un metodo [ ]. L innovazione è l incarnazione, la combinazione o la sintesi delle conoscenze in nuovi prodotti, processi o servizi originali e rilevanti che hanno un valore. 2 L innovazione è un processo composto da più fasi in cui le imprese trasformano le idee in nuovi o migliori prodotti, processi o servizi con lo scopo di migliorare, competere e distinguersi dai concorrenti sul mercato. 3 Le innovazioni di solito includono la creatività, non sono però la stessa cosa. L innovazione potrebbe essere definita come la riuscita attuazione di idee creative nella 1 Beswick, C. e Gallagher, D. (2010) The Road to Innovation. LTB Publishing. UK. p Luecke, R. e Katz, R. (2003) 3 Baregheh A., Rowley J. e Sambrook S.(2009) Towards a multidisciplinary definition of innovation. Management decision. Vol. 47, n. 8, pp Informest, aprile

11 realtà imprenditoriale. La creatività di un individuo o un gruppo è il punto d inizio del processo innovativo; è un elemento necessario ma non sufficiente. Come descrivere un processo creativo? Figura Slika 23 Confronteremo il mito che le grandi idee vengono generate da menti geniali in un momento di particolare ispirazione con il fatto che nessun idea è fine a se stessa e che le invenzioni succedono al tempo giusto. Gli esperti in scienze cognitive e neuroscienze comprendono sempre di più i processi mentali che portano alle idee innovative: Dall analisi dei problemi e dalle associazioni tratte dalle conoscenze rilevanti nascono la sintesi e la creazione di una soluzione innovativa. 4 (Figura 2) Le capacità innovative si possono apprendere. Non addentrandoci troppo nei dettagli, vorremo presentare un fatto interessante. La maggioranza degli esistenti posti di lavoro richiede capacità analitiche e attenzione per i dettagli: tutti processi mentali che si verificano nell emisfero sinistro del cervello. Anche gli istituti di istruzione tendono a valorizzare tali abilità. Tuttavia, i processi creativi, la capacità di avere una visuale più 4 Todhunter, J. (2010) Driving Corporate Value Through Innovation. Invention Machine. Informest, aprile

12 ampia, l innovazione ecc. si svolgono nell emisfero destro del cervello. Per poter produrre un innovazione di successo è perciò necessario completare i processi mentali dell emisfero sinistro (pur sempre di massima importanza) con la creatività dell emisfero destro. 5 Inoltre, non si hanno soluzioni innovative di un problema senza le giuste conoscenze dalle quali si possono ricavare. Si può aumentare la probabilità di creare soluzioni innovative con l uso di metodi ripetibili per risolvere i problemi, la documentazione delle conoscenze interne ed esterne nonché una chiara visione aziendale. In questo modo si rafforzano le connessioni nervose tra l emisfero sinistro e quello destro e la creatività si sviluppa in un abilità sempre più pronunciata. I metodi educativi e formativi sia nelle università sia nell industria e in particolare negli USA e in Giappone stanno subendo profondi cambiamenti negli ultimi tempi poiché è in aumento la richiesta di posti di lavoro creativi. È conseguenza della globalizzazione anche il fatto che sempre più posti di lavoro che richiedono competenze analitiche vengono trasferiti nei Paesi con una manodopera più numerosa e meno costosa (Cina, India, Turchia, Brasile ecc.). In poche parole, i processi innovativi vanno integrati nella strategia dell impresa ed è compito del personale dirigente gestire questi processi, non solo a livello strategico ma anche operativo. Gli ingegneri, gli sviluppatori e i ricercatori devono conoscere perfettamente gli obiettivi innovativi e il modo in cui sono inseriti nella strategia dell impresa nonché i parametri di riferimento per i processi innovativi. Le innovazioni non devono essere avvenimenti isolati e occasionali. A causa delle nuove tecnologie, dei nuovi concorrenti e dei nuovi clienti e infine dei nuovi modelli di business, l impresa e il mercato sono in continuo cambiamento ed è perciò necessario che l innovazione diventi un processo costante all interno dell impresa. 5 Pink, D. H. (2006) A Whole New Mind. Penguin Books. Informest, aprile

13 3. Gestione dei processi innovativi Come mostra il quadrante viola, una tecnologia che conosciamo a fondo ed è competitiva a livello globale può servire da ottima base per la diversificazione dell impresa ovvero per il riuso di questa tecnologia sotto nuove forme. L identificazione e la realizzazione di un nuovo uso in modo innovativo sono indispensabili per il successo commerciale delle imprese in questo quadrante. Un nuovo uso comporta un nuovo mercato che però non conosciamo bene e sul quale c è già una forte concorrenza. Per adottare una decisione del genere abbiamo bisogno di attendibili ricerche del mercato e di sufficienti risorse finanziarie per le attività del marketing. L andamento temporale in questo segmento dipende fortemente dal tipo e dall uso della tecnologia in questione. Figura La situazione 4 ideale sarebbe riuscire a identificare un uso completamente nuovo della nostra tecnologia che soddisfa dei nuovi bisogni sul mercato. Il quadrante verde fa parte dello sviluppo tecnologico. Conosciamo il mercato e i bisogni dei clienti, siamo però costretti dalla concorrenza a perseguire lo sviluppo tecnologico per liberarci della pressione sui prezzi, diminuire le spese e guadagnare così tempo per dedicarci al miglioramento delle altre attività critiche nell impresa. Attraverso questo processo otteniamo prodotti, processi o servizi con un maggiore valore aggiunto. La creatività del Informest, aprile

14 processo innovativo e la gestione della proprietà intellettuale sono gli elementi chiave del successo commerciale in questo segmento. L ultimo quadrante, il quadrante blu, potrebbe essere chiamato il quadrante magico o blue heaven in inglese. Molti uomini d affari sono ossessionati dall idea di trovare la via più breve verso una soluzione tecnologica innovativa che nessuno ha ancora scoperto e allo stesso tempo identificare per primi un nuovo bisogno sul mercato. L idea è senza dubbio interessante, il problema è realizzarla. La probabilità di riscuotere successo nel diretto passaggio dal quadrante rosso in quello blu è minima. Dobbiamo intraprendere qualche decina di tali progetti killer per poter raggiungere il successo commerciale con uno solo di loro. Che situazione spietata! Si occupano di simili attività, con più o meno successo, i fondi di capitale di rischio, gli incubatori universitari e tecnologici o gli imprenditori idealistici che investono i mezzi della famiglia o degli amici. Al centro della Figura 3 si trova un rettangolo arancione più piccolo con un interessante affermazione: il 98% delle innovazioni si basa su fatti noti. Questo forse non vale per il vostro campo di specializzazione, è però una delle più importanti scoperte fatte negli anni Cinquanta del secolo scorso da Genrich Altshuller, autore della teoria TRIZ ovvero la teoria per la soluzione inventiva dei problemi. Troverete maggiori informazioni sul TRIZ e sui metodi che permettono di identificare il 98% dei fatti già noti nei seguenti due capitoli. Il pezzo forte, dunque, sta ancora per arrivare. In seguito dettaglieremo i più frequenti compiti innovativi intrapresei dalle aziende. Probabilmente conoscerete già la maggioranza di loro, sarà però forse nuova la classificazione di questi compiti in cinque categorie: Miglioramento dei prodotti e processi attuali Con i miglioramenti si mira a ottimizzare il modo attuale in cui si soddisfano i bisogni: Migliorare il prodotto con l intenzione di raggiungere un determinato obiettivo, ad esempio: Cambiare l attuale prodotto (o piattaforma) in modo che sia utile per un nuovo gruppo di clienti o che soddisfi nuovi bisogni. Probabilmente non è difficile decidere se cambiare un prodotto oppure abbassare il suo prezzo. Anche le grandi corporazioni, come l HP, cambiano l offerta dei propri computer ogni paio di mesi. I cambiamenti dei prodotti o dei Informest, aprile

15 processi sono spesso dettati da nuove misure ambientali o da regolamenti tecnici emendati. Aggiungere o rimuovere caratteristiche, elementi, processi. I bisogni e le esigenze dei clienti cambiano di continuo. I fornitori sviluppano nuovi e migliori componenti. Adeguarsi a tali cambiamenti è un attività innovativa indispensabile. Dalle analisi dei cambiamenti tecnologici risulta che le nuove versioni dei prodotti sono di solito composte da meno componenti e soddisfano meglio le esigenze dei clienti o che sono più accessibili. Sostituire i materiali attuali con alternative migliori. I nuovi materiali che appaiono sul mercato sono migliori e più convenienti o addirittura escludono l uso di altri materiali o processi che fanno parte del prodotto in questione. Se sostituiamo, ad esempio, il normale vetro per finestre con il vetro autopulente eliminiamo la necessità di pulire le finestre difficilmente accessibili. Riusare o usare più a lungo i materiali attuali. Anche se i materiali attuali vengono usati per prodotti pensati per un certo gruppo di clienti è tuttavia possibile che gli stessi materiali possano essere usati per altri scopi. Il processo di produzione ottimizzato per un determinato tipo di materiale può forse essere usato anche per altri materiali. Un produttore di parti meccaniche per l industria automobilistica può iniziare a produrre con gli stessi materiali elementi utili nella cantieristica, industria aerea ecc. Superare gli ostacoli e cercare compromessi. Ottenere vantaggi competitivi con nuovi approcci in modo da soddisfare i bisogni dei clienti. Spesso ci si trova di fronte a contraddizioni tecniche e fisiche: quando, ad esempio, la modifica di un parametro provoca un altro cambiamento non voluto o quando si vuole che un parametro abbia allo stesso tempo un valore alto e uno basso. Se, ad esempio, aumentiamo il numero dei passeggeri, aumentano per forza anche le misure del veicolo. Un altro esempio è un tazzone pieno di caffè bollente che rimane freddo sulla superficie per poterlo tenere nelle Informest, aprile

16 mani. Per tali contraddizioni spesso esistono soluzioni assai eleganti, delle quali parleremo più in dettaglio nel prossimo capitolo, dedicato al TRIZ. Riconoscere e correggere gli errori. Riconoscere le principali cause dell insuccesso di determinati prodotti o processi e generare soluzioni efficaci e durevoli. Quando vogliamo correggere i vizi presenti nei prodotti, siamo molto spesso soggetti a limitazioni di tempo, personale e mezzi finanziari. Ci accontentiamo in fretta delle soluzioni che rimuovono le cause puramente apparenti cosicché gli stessi problemi riappaiono dopo un certo periodo di tempo. La ricerca delle cause principali può essere un compito assai complesso che talvolta richiede un cambiamento nel modo di pensare: è infatti molto difficile risolvere un problema concepito all interno degli stessi orizzonti. Il raddoppiamento delle attività è un altra questione spinosa: almeno il 30% dei problemi è già stato risolto almeno una volta all interno dell impresa, non si sa però dove o da chi si possono trovare queste informazioni. Sviluppo di un nuovo prodotto o processo Creare prodotti o processi completamente nuovi: Soddisfare le richieste o ravvisare le opportunità sul mercato che attualmente non sono ancora sfruttate. Nel lasso di cinque anni, il 70% dei nostri prodotti sarà superato dal tempo: le esigenze dei clienti cambieranno oppure saremo battuti dalla concorrenza in un modo o nell altro. La capacità di sviluppare nuovi prodotti e processi è una delle principali competenze di ogni impresa. Questo sviluppo deve essere il più innovativo possibile e capace di offrire ai clienti qualcosa che gli altri non hanno. Al giorno d oggi, essere diverso e distinguersi dalla concorrenza è una delle condizioni fondamentali per conseguire il successo commerciale. Unire le migliori caratteristiche da due o più sistemi: Informest, aprile

17 Creare un nuovo sistema, comparando, scegliendo e combinando le caratteristiche da prodotti competitivi o da altre applicazioni sul mercato. Quando si concepiscono nuovi prodotti, si analizzano spesso le caratteristiche dei prodotti competitivi o si cerca comunque di utilizzare ragionevolmente nei propri prodotti le caratteristiche di altre applicazioni. Per un prodotto più complesso potrebbe essere sensato condurre un analisi del valore in cui si attribuisce un valore misurabile a ogni caratteristica e in merito a questi valori si cerca di ottimizzare il prodotto dal punto di vista funzionale. Sintetizzare le caratteristiche dei prodotti competitivi o di altre applicazioni. Una sintesi del genere può rivelare concetti molto interessati attraverso i quali si possono creare nuove linee di prodotti o nuovi modi di soddisfare i bisogni. Gestione dei rischi nei nuovi sistemi o in quelli attuali Identificare e determinare le priorità nell analisi dei rischi di guasto nei nuovi sistemi o in quelli attuali. Ogni industria ha le proprie metodologie standardizzate per analizzare i rischi, ad esempio FMEA, FMECA, HAZOP, HACCP ecc. Le analisi dei rischi stanno diventando indispensabili nella gestione della qualità dei prodotti e delle spese relative al loro ciclo di vita. Nelle fasi della concezione e dello sviluppo viene incorporato nel prodotto più del 70% dei vizi che impediscono di conseguire un accettabile tasso di guasto sia durante la produzione sia durante lo sfruttamento. Insomma, non basta che le soluzioni siano innovative, devono per forza garantire la massima qualità, evitando eventuali guasti. Nella produzione di massa sono sempre più frequenti i sistemi di garanzia di qualità, ad esempio la produzione snella e il Sei Sigma. Preparare progetti per la riduzione di rischi e di eventi imprevisti. Il mondo degli affari è pieno d imprevisti, alcuni dei quali possono avere conseguenze devastanti per l impresa. Le analisi dei rischi e la preparazione dei progetti per ridurli sono investimenti che convengono. Si possono così identificare le principali risorse necessarie per la gestione del rischio e anche i dipendenti Informest, aprile

18 sono più consapevoli dei potenziali rischi che cercano così di fronteggiare già nella fase dello sviluppo, spesso con soluzioni molto innovative. Analisi del mercato e delle tecnologie Identificare ed esaminare i bisogni, le opportunità e i pericoli. Riconoscere le tendenze tecnologiche. Comprendere la portata delle singole tecnologie e il loro potenziale di mercato. Una tecnologia può essere sfruttata in vari modi e scoprire una nuova modalità d uso può rappresentare una possibile strategia dell impresa. I dirigenti che la progettano si devono inoltre interessare di informazioni importanti, quali le tendenze nello sviluppo tecnologico, i partecipanti in questi processi e le attività dei concorrenti ecc. Progettare le tendenze dello sviluppo tecnologico e dei prodotti. Come si svilupperà il prodotto o la tecnologia? Lo sviluppo delle tecnologie o dei prodotti segue certi principi, dei quali ci occuperemo più in dettaglio nel prossimo capitolo, parlando del TRIZ e delle curve logistiche (dette anche curve a S) dell evoluzione dei sistemi. Conoscere il punto in cui si trova il nostro prodotto o la nostra tecnologia e saper prevedere in quale direzione si verificheranno i cambiamenti è indubbiamente un informazione molto utile per il corso degli affari. Come prevedere le nuove generazioni dei prodotti attuali? Se le tendenze dello sviluppo tecnologico vengono monitorate, si può decidere con più chiarezza quali tendenze sono importanti per l impresa. Con l aiuto di queste informazioni è possibile capire se un prodotto attuale abbia un sufficiente potenziale di mercato o se sia necessario passare a una nuova piattaforma tecnologica che aumenterà la sua competitività. Tutte queste sono informazioni assai importanti e molti dei vostri concorrenti se ne rendono conto. Riconoscere, monitorare e analizzare i partner, i fornitori, i concorrenti, i candidati per acquisti e fusioni. Informest, aprile

19 Quali sono le imprese leader in certi settori tecnologici o segmenti di mercato? La dinamica della nostra realtà imprenditoriale è caratterizzata da bruschi cambiamenti. Nuovi concorrenti nonché nuove tecnologie o nicchie di mercato alle quali non abbiamo prestato abbastanza attenzione possono apparire da un giorno all altro. Spesso le imprese decidono di acquistare o fondersi con altre aziende per creare così un effetto combinato, ottenere l accesso a determinate tecnologie o aumentare la quota di mercato. Progettazione delle strategie per la gestione della proprietà intellettuale Acquisire e tutelare le capacità di soddisfare i bisogni sul mercato. Questa è l ultima delle cinque categorie in cui abbiamo suddiviso i compiti innovativi ma non è affatto la meno importante. Al contrario, si tratta di una delle competenze chiave di un impresa che vuole essere presente sul mercato a lungo termine e offrire prodotti competitivi. La gestione della proprietà intellettuale deve diventare una delle principali attività dell impresa. I processi innovativi non possono essere solo un insieme di occasionali lampi di genio ma devono stimolare la competitività dell impresa. Identificare i settori inesplorati del mercato. Identificare le competenze tecniche e le nuove opportunità sul mercato alle quali le possiamo applicare. Per quali altri scopi si può usare la nostra tecnologia? Esistono brevetti che impediscono di usare le nostre soluzioni in nuove applicazioni? Dobbiamo ulteriormente sviluppare le nostre competenze tecniche e, se è così, in quale direzione? Quali sono le nostre soluzioni innovative? Queste domande probabilmente si trovano spesso sulle agende delle direzioni aziendali. Identificare le possibilità della vendita o dell acquisto della proprietà intellettuale. Verrà sviluppata interamente all interno dell impresa o sarà forse più conveniente e opportuno comprarla, almeno in parte, sul mercato? C è della proprietà intellettuale della quale l impresa non ha bisogno e si potrebbe cercare di venderla? Di cosa si tratta? A chi Informest, aprile

20 sarebbe adatta? In quest ambito ci sono probabilmente più domande che soddisfacenti immediate risposte. Identificare o creare soluzioni per superare o aggirare gli attuali ostacoli relativi alla tutela brevettuale. La proprietà intellettuale dei concorrenti spesso limita la libertà di introdurre qualsiasi soluzione nei propri prodotti o processi. Come procedere con gli impedimenti relativi al diritto di brevetto? Siamo capaci di trovare soluzioni più innovative di quelle attuali? Basta forse solo cambiare leggermente i brevetti degli altri? Intraprenderemo questa strada in modo proattivo o aspetteremo l eventuale esito giudiziario? A quali mercati dovremo rinunciare? Quali pene potranno essere inflitte? Frapporre ostacoli brevettuali intorno ad attuali o futuri prodotti o processi. Spesso le imprese fanno saliti di gioia quando ottengono un brevetto. Tuttavia, è possibile proteggere con questo brevetto l intero spazio innovativo e impedire ai concorrenti di eludere la tutela della nostra proprietà intellettuale con minimi cambiamenti? Che senso ha investire tanti mezzi per tutelare qualcosa che si può facilmente eludere? Si potrebbe tutelare l innovazione chiave in qualche altro modo, con un altro brevetto o sarebbe forse meglio del tutto rinunciare alla tutela brevettuale? Siamo finalmente giunti fino in fondo alle cinque categorie dei compiti innovativi. Come avete potuto notare, sono numerose le attività che necessitano di soluzioni innovative o della loro gestione. Tutte queste attività innovative rafforzano la competitività dell impresa, il che dovrebbe ulteriormente motivare le dirigenze delle imprese a non lasciare che l innovazione rimanga un avvenimento fortuito. Gli ingegneri, gli sviluppatori e i ricercatori devono conoscere perfettamente gli obiettivi innovativi e il modo in cui sono inseriti nella strategia dell impresa nonché i parametri di riferimento per i processi innovativi. In seguito alle nuove tecnologie, ai nuovi concorrenti, ai nuovi bisogni o clienti e infine ai nuovi modelli di business è necessario che l innovazione diventi un processo costante all interno dell impresa. Non tutti i compiti innovativi vengono intrapresi con la stessa frequenza all interno di un impresa. La Figura 4 mostra la stima dell autore riguardo alla frequenza dello svolgimento delle azioni innovative. Non è detto che la situazione sia identica in ogni realtà imprenditoriale: la vostra piramide potrebbe essere diversa. Cercate di tracciare la piramide Informest, aprile

21 dei compiti innovativi necessari nella vostra impresa: probabilmente scoprirete fatti interessanti, in particolare se assegnerete ai compiti il necessario personale e le risorse finanziarie. Alla presente ricerca è allegato un questionario che vi aiuterà a costruire la propria piramide innovativa. L analisi delle risposte dei vostri dipendenti mostrerà quali conoscenze sono ancora necessarie per rendere i vostri processi innovativi più efficaci. Figura 5 Frequenza dello svolgimento dei compiti innovativi Nel secondo capitolo abbiamo menzionato che dall analisi dei problemi e dalle associazioni tratte dalle conoscenze rilevanti nascono la sintesi e la creazione di una soluzione innovativa. Ognuno dei compiti innovativi sopraccitati ha bisogno di un contenuto diverso e di un approccio analitico per conseguire soluzioni innovative. Ciò ci fa pensare che l accesso alle conoscenze rilevanti sia indispensabile per un innovazione di successo. Maggiori informazioni a seguire. Informest, aprile

22 Figura Figura Strumenti e metodi Troppo spesso gli imprenditori pensano che l innovazione sia un avvenimento fortuito e difficile da prevedere, e che tutto ciò che la direzione di un impresa può fare per stimolare le innovazioni è aumentare il numero delle ore di ricerca per un determinato progetto. Nel capitolo precedente sono stati descritti i diversi compiti innovativi che influiscono sulla competitività dell impresa. È però troppo rischioso lasciare attività così importanti a processi casuali. Dall altro lato le imprese difficilmente si possono permettere di aumentare il numero dei dipendenti incaricati di creare idee innovative. Un metodo più efficace è organizzare i processi innovativi in modo da renderli più veloci e di migliore qualità, rilevanti, ripetibili e accordati con le necessità dell impresa. Tuttavia, per raggiungere gli obiettivi dell innovazione sostenibile abbiamo bisogno di strumenti e metodi per gestire i processi innovativi. È già stato menzionato un paio di volte che per le innovazioni di successo si devono avere il giusto personale e le rilevanti conoscenze. Come facilitare ai dipendenti l accesso alle conoscenze? Le conoscenze interne, cioè quelle dei dipendenti o quelle in forma cartacea o digitale, sono, a dire la verità, parecchie. Alcune ricerche hanno mostrato che il 30% dei problemi da affrontare urgentemente nell impresa era già stato risolto in precedenza. Se solo sapessimo dove o da chi trovare queste informazioni! Un altro tipo di conoscenze sono quelle che l impresa acquisisce da fonti esterne. Al giorno d oggi è molto attuale il mito che basti avere l accesso alla rete per trovare le Informest, aprile

23 necessarie conoscenze. Esaminiamo i risultati offerti da Google per il termine di ricerca innovation. Google copre solo il 5% del world wide web, eppure ci bombarda con 130 milioni di occorrenze: un numero impressionante che ci fa capire l importanza del tema innovazione. Abbiamo acquisito qualche nuova conoscenza? No, abbiamo solo trovato una montagna di dati, da cui dobbiamo estrarre le informazioni attraverso le quali poi sviluppiamo le adeguate conoscenze. Questo potrebbe essere un ragionevole impiego di tempo se vogliamo solo copiare i concetti, prodotti o processi già noti. E se vogliamo diventare o rimanere un impresa che offre prodotti o servizi competitivi a livello globale? Con la mera copiatura delle soluzioni note probabilmente non avremo successo. Abbiamo bisogno di conoscenze ben più approfondite, anche se allo stesso tempo c è il 98% di probabilità che la nostra innovazione si basi su soluzioni già conosciute al di fuori del nostro ambito professionale. Fa senso cercare queste informazioni in rete? Dubito che la vostra impresa possa permettersi abbastanza risorse umane, tempo e denaro da generare conoscenze rilevanti attraverso la ricerca online. Nemmeno le maggiori aziende mondiali possono permetterselo perché gli effetti di tali attività non sono sufficienti. Gli esperti che ci aiutano nella ricerca delle informazioni e delle soluzioni innovative si possono trovare anche al di fuori dell impresa. Un approccio del genere e particolarmente lecito nei casi in cui vogliamo applicare le proprie soluzioni tecnologiche a qualche altro ambito d uso o introdurre soluzioni alternative. Tali forme di collaborazione si basano sul concetto dell Open Innovation formatosi negli USA negli anni Sessanta del secolo scorso. L Open Innovation (innovazioni aperte) è un modello di generazione di idee assai diffuso. Ne parleremo di più in seguito, qui vorremo solo avvertire che copiare automaticamente i concetti altrui non si rivela mai produttivo. Con l inclusione degli Informest, aprile

24 esperti esterni si ha sicuramente un notevole aumento del numero delle soluzioni innovative all inizio della collaborazione. Tuttavia, se l impresa non possiede i giusti meccanismi per la gestione della proprietà intellettuale, anche in migliori approcci possono fallire. Spesso infatti succede che un impresa dipende sempre di più da conoscenze esterne e quando la direzione se ne accorge diventa assolutamente più prudente: inizia a cercare pareri da altri esperti esterni, sorgono dubbi sul conflitto d interessi, le decisioni vengono protratte. Dopo l euforia iniziale spesso segue il momento della verità. Quale sbaglio è stato commesso dalla direzione dell impresa? Le principali competenze tecnologiche e di mercato hanno iniziato a defluire dall impresa verso i collaboratori esterni. In questo modo non si possono compiere durevoli svolte nell innovazione. Le competenze chiave devono restare tra le mura dell impresa. Così arriviamo di nuovo al problema iniziale, cioè come facilitare ai propri esperti i processi innovativi e l accesso alle conoscenze interne ed esterne. Con lo sviluppo di programmi informatici per l estrazione di informazioni da database elettronici le imprese possono ridurre considerevolmente il tempo necessario per l identificazione delle conoscenze rilevanti. Gli avanzati strumenti di ricerca semantica rappresentano uno di questi approcci. La Figura 5 mostra il tipico elenco dei risultati di un web browser per i termini di ricerca alternative fuel. Il browser ha trovato documenti che contengono questa frase e sta a noi processare questa enorme quantità di dati. Guardiamo adesso l elenco della Figura 6 che risulta dall uso di avanzati strumenti di ricerca semantica i quali sono capaci di interpretare il significato tecnico del documento. Gli strumenti semantici sanno strutturare i dati in diverse categorie relative al contenuto che hanno già gli attributi della conoscenza e dalle quali è possibile trarre associazioni che corrispondono ai nostri obiettivi innovativi. Di quanto tempo avrebbero bisogno i vostri dipendenti per estrarre dai database queste conoscenze, solo leggendo articoli e facendo appunti? Informest, aprile

25 Lo strumento per la ricerca semantica mostrato in Figura 6 usa circa 40 criteri semantici che si basano prevalentemente sulla teoria per la soluzione inventiva dei problemi ovvero il TRIZ (Figura 7). La teoria venne elaborata negli anni Cinquanta del secolo scorso dallo scienziato russo Genrich Altshuller 6. Dopo aver analizzato migliaia di brevetti scoprì che le soluzioni dei problemi tecnici si potevano strutturare in logiche categorie. Iniziarono così a formasi una matrice delle contraddizioni tecniche e una serie di possibili soluzioni. Figura 8 Processo della soluzione dei problemi TRIZ Il TRIZ venne poi man mano aggiornato con strumenti più complessi, ad esempio l ARIZ. Con lo sviluppo dei programmi informatici per la ricerca semantica il TRIZ si ravvivò e diventò più facile da usare. La generalizzazione di un problema concreto non è semplice e spesso anche gli esperti del TRIZ non concordarono riguardo alla contraddizione tecnica chiave. Il TRIZ semantico per lo più elimina questo problema poiché l utente rimane al livello del problema 6 Preoccupato della situazione in cui si trovava la ricostruzione economica dell Unione sovietica nel secondo dopoguerra, Altshuller, assieme a un collega, scrisse a Stalin, sollecitandolo a iniziare a usare il TRIZ. Inoltre, la lettera criticava duramente la politica d innovazione nell Unione Sovietica. Altshuller fu arrestato e condannato a 25 anni di lavoro forzato. Fu rimesso in libertà nel 1953, dopo la morte di Stalin. Pubblicò il suo primo articolo sul TRIZ nel All università di Baku, Altshuller addestrò un gruppo di allievi che si sparse per il mondo dopo il crollo dell Unione Sovietica. Nel 1995 è stato fondato a Boston negli USA un istituto per la ricerca del TRIZ, che oggigiorno viene insegnato ad alcune delle più importanti università tecniche del mondo. Informest, aprile

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG Avete un progetto d installazione, acquisto,

Dettagli

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese delle imprese presentazione Le imprese che avviano un attività di esportazione hanno la possibilità di cogliere una serie importante di opportunità di sviluppo e prosperità quali ad esempio: aumento del

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT CUSTOMER SUCCESS STORY Ottobre 2013 AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT PROFILO DEL CLIENTE Settore: Manifatturiero Azienda: AT&S Dipendenti: 7500

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN Idee e metodologie per la direzione d impresa Ottobre 2003 Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. REALIZZARE UN

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito Vivere il Sogno Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito VIVERE IL SOGNO!!! 4 semplici passi per la TUA indipendenza finanziaria (Vision Personal Marketing)

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ LEAN INNOVATION LA PROGETTAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ M I X L articolo vuole mostrare come con il lavoro di gruppi interfunzionali e con l utilizzo di tecniche e metodologie

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA...

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) PRIMO AVVIO... 1 3) BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... 2 4) DATI AZIENDALI... 3 5) CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA... 4 6) ARCHIVIO CLIENTI E FORNITORI... 5 7) CREAZIONE PREVENTIVO...

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Cos e un disegno o un modello?

Cos e un disegno o un modello? Disegni e modelli La forte propensione all innovazione ed i repentini mutamenti di scenario, che caratterizzano il contesto economico attuale, rendono gli interventi di tutela e valorizzazione della Proprietà

Dettagli

Il massimo dei risultati, con il minimo sforzo e nel minor tempo possibile! Creative Consulting

Il massimo dei risultati, con il minimo sforzo e nel minor tempo possibile! Creative Consulting Il massimo dei risultati, con il minimo sforzo e nel minor tempo possibile! Creative Consulting La maggior parte della nostra attività di consulenza ruota intorno a un Framework che abbiamo ideato e perfezionato

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Supply Intelligence. Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali

Supply Intelligence. Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali Supply Intelligence Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali Ancora in alto mare? Le forniture, specialmente se effettuate a livello globale, possono rivelarsi un vero e proprio viaggio

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

I SERVIZI DI INNOVENTUALLY. OI Needs

I SERVIZI DI INNOVENTUALLY. OI Needs Innoventually è una società che opera nel campo della creazione, gestione e monetizzazione dell innovazione. Tramite la piattaforma di Open Innovation collega tutti coloro che hanno idee innovative (imprenditori,

Dettagli

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE MANUALE PRATICO SU E INDICE INTRODUZIONE 1. MARCHI: E 2. BREVETTI: E 3. DESIGN: E 4. COPYRIGHT: E 5. SEGRETO INDUSTRIALE: E Introduzione Ogni impresa, sia essa una start-up o un azienda consolidata, possiede

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE

CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE Innovazione e ostacoli relativi L innovazione è il fattore chiave per la creazione di valore nell economia del 21 secolo e determina significativamente

Dettagli

Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale)

Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale) Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale) Indice Pag 2 - Cos è l attività di ricerca di informazioni nel settore della Proprietà Intellettuale? Pag 4

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Professional Services per contact center Mitel

Professional Services per contact center Mitel Professional Services per contact center Mitel Una struttura rigorosa per un offerta flessibile Rilevamento Controllo dello stato Requisiti della soluzione Architettura Roadmap strategica Ottimizzazione

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO 1 Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO O A S I 2005 2 SESSIONI DEL QUESTIONARIO 1. Il processo di analisi 2. Informazioni sull'impresa ID 3.

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Macchine e capitale (prima parte)

Macchine e capitale (prima parte) Macchine e capitale (prima parte) 4 Febbraio 2015 1 Nascita del macchinario Connessione tra divisione del lavoro e macchine (Ch.Babbage) è di rilievo analizzare la proporzione che esiste tra lavoratori

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Una crescita sostenibile attraverso il potenziamento dei clienti più redditizi 2012 Microsoft Dynamics AX con il modulo Professional Services offre una soluzione

Dettagli

"Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te?

Gli Elementi del Successo non sono per Tutti. Sono per te? "Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te? Stiamo cercando persone che possano avere successo nel MLM. Come abbiamo fatto noi. E come vogliamo fare ancora quando c'è il "business perfetto

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

leaders in engineering excellence

leaders in engineering excellence leaders in engineering excellence engineering excellence Il mondo di oggi, in rapida trasformazione, impone alle imprese di dotarsi di impianti e macchinari più affidabili e sicuri, e di più lunga durata.

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

LA GESTIONE DEL TEMPO E LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVITA

LA GESTIONE DEL TEMPO E LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVITA LA GESTIONE DEL TEMPO E LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVITA - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile,

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

.EVERYWHERE LOGIN. entra nel futuro. partnership signed

.EVERYWHERE LOGIN. entra nel futuro. partnership signed .EVERYWHERE LOGIN entra nel futuro. partnership signed Sinergia per l innovazione. Studio Ferroli e Acknow Per essere competitivi e vincenti in un mercato sempre più dinamico e globalizzato, che richiede

Dettagli

L IMPORTANZA DEI BREVETTI E DELLE RICERCHE BREVETTUALI PER LA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE

L IMPORTANZA DEI BREVETTI E DELLE RICERCHE BREVETTUALI PER LA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE L IMPORTANZA DEI BREVETTI E DELLE RICERCHE BREVETTUALI PER LA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE ALESSANDRO ZAMPAGNA Direttore Centuria RIT - Romagna Innovazione Tecnologia L INNOVAZIONE E IL BREVETTO QUALI FATTORI

Dettagli

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni COACHING CREATIVO la metodologia per liberare soluzioni La metodologia per liberare soluzioni Il Coaching Creativo è la metodologia che abbiamo elaborato in anni di ricerca e sviluppo per progettare e

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009 IL WEB WRITING di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale 15 0ttobre 2009 PARTE PRIMA Perché gli studi professionali sottovalutano ciò che viene riportato nei testi del loro

Dettagli

Decine di imprese innovative simili rivelano però un altro lato della stessa medaglia: dopo anni di crisi, disoccupazione ed erosione dei salari

Decine di imprese innovative simili rivelano però un altro lato della stessa medaglia: dopo anni di crisi, disoccupazione ed erosione dei salari IMPRENDITORI ONLINE ESIGENZA La disoccupazione giovanile in Italia supera il 42%, quasi un record mondiale. Numeri come questi sono anche il risultato di un sistema che non riesce più a produrre merci

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo

La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo CORSO ABC DEL BUSINESS PLAN - VENEZIA La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo a cura di Stefano Micelli Aprile 2005 Business Plan Che cos è il BP? Il BP può

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 Bari 21/11/05 Prot. n. 38/A/7899 Alla Commissione Europea STATEAIDGREFFE@CEC.EU.INT

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Un Partner qualificato sempre al vostro fianco

Un Partner qualificato sempre al vostro fianco Un Partner qualificato sempre al vostro fianco Un Partner qualificato sempre al vostro fianco Uffix Srl è una realtà attiva nella vendita, assistenza e noleggio di sistemi per l ufficio, a cui si aggiungono

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Questa guida è stata messa a punto come parte della campagna di sensibilizzazione paneuropea in materia di CSR,

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA Factoring tour: Brescia - Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa (10 ottobre 2006 ) Giuseppe Masserdotti - Stefana S.p.A. Il factoring come soluzione ad alcune problematiche

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

La gestione dei reclami

La gestione dei reclami La gestione dei reclami - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via Madonna della Neve, 2/1 24021 Albino (BG)

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING gno Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING COSA

Dettagli

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE 3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è un articolazione del Liceo Scientifico. Oltre agli obiettivi propri del Liceo Scientifico tradizionale, il Liceo

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Cambiare il Sistema Informativo

Cambiare il Sistema Informativo Cambiare il Sistema Informativo avvertenze e consigli per la partenza ex-novo o per la sostituzione di quello esistente Febbraio 2008 1 Contenuti Premessa Caratteristiche di un buon Sistema Informativo

Dettagli