08/04/2014 PARTI COSTITUENTI UNA SCALA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "08/04/2014 PARTI COSTITUENTI UNA SCALA"

Transcript

1 PARTI COSTITUENTI UNA SCALA 1

2 Dimensionamento dei gradini Il dimensionamento dei gradini secondo la manualistica manuali tecnici vengono spesso riportati criteri di dimensionamento dei gradini, basati su studi e ricerche di carattere ergonomico: per ridurre al minimo l affaticamento alcune formule suggeriscono la pendenza da assegnare alla scala, altre invece propongono relazioni che legano i valori della pedata p e dell alzata a. Come e facile constatare, per i valori di alzata ordinari tutte queste formule conducono a risultati simili. Per alzate di 17 cm, per esempio, si ottengono i seguenti valori delle pedate: p = cm (per la [1]) p = 29 cm (per la [2]) p = 29,33 cm (per la [3]) p = 28 cm (per la [4]) I 2

3 IL RIVESTIMENTO DEI GRADINI I gradini delle scale possono essere realizzati con vari tipi di materiali. I marmi e le pietre sono di uso comune sia nelle scale esterne sia in quelle interne. Nelle scale interne si fa spesso ricorso al legno, alla gomma e ai materiali vinilici. La parete a contatto con il gradino viene di norma rifinita con il battiscopa, realizzato in genere con gli stessi materiali dei gradini e con varie forme. Per ridurre il pericolo di scivolare si ricorre talvolta a materiali antisdrucciolo posti lungo il bordo anteriore della pedata. Dimensionamento di rampe e pianerottoli La larghezza e la lunghezza delle rampe e dei pianerottoli dipendono dall afflusso di persone previsto, in relazione alla destinazione dell edificio: nel caso degli edifici pubblici tali dimensioni sono fissate da specifiche prescrizioni normative. Larghezza delle rampe Per gli edifici non soggetti a specifiche prescrizioni di legge la larghezza delle rampe deve essere calcolata in funzione del numero di persone che le percorrono contemporaneamente, considerando l ingombro di ciascuna persona di 60 cm circa. E buona norma non eccedere nella larghezza della rampa e prevedere mancorrenti posti in posizione intermedia nel caso di rampe molto larghe sulle quali transitano molte persone. 3

4 Dimensioni dei pianerottoli Per consentire il passaggio delle persone e agevolare il trasporto di mobili e di oggetti ingombranti, per la lunghezza dei pianerottoli si adottano le seguenti dimensioni : pianerottolo di sosta, lunghezza non inferiore a cm e, comunque, non inferiore alla larghezza delle rampe; pianerottolo di piano, lunghezza di almeno 150 cm, in modo da facilitare l ingresso agli alloggi, salvo prescrizioni particolari per consentire l accessibilità alle persone in carrozzella. La larghezza dei pianerottoli e legata essenzialmente a quella delle rampe e dell anima della scala: per i pianerottoli di piano possono anche intervenire altri fattori che suggeriscono dimensioni maggiori, come la necessita di dare accesso a piu alloggi. NUMERO DI GRADINI E LUNGHEZZA DELLE RAMPE 4

5 Esempio: altezza netta di piano di 2,70 m spessore di impalcato di 30 cm l altezza di interpiano H e di 3 m. Derivano 2 rampe di 9 alzate di 16,66 cm, alle quali corrispondono 8 pedate per rampa. Stabilito che il valore delle pedate e di 29 cm, la lunghezza della rampa sara di 2,32 m Lo sfalsamento dei gradini Nel progetto delle scale si può porre il problema di allineare le linee d intersezione dell intradosso delle due rampe con il soffitto dei pianerottoli. Per ottenere questo risultato e necessario prevedere un determinato sfalsamento Sf tra l ultima alzata della rampa d arrivo e la prima alzata della rampa di partenza, la cui entità dipende dallo spessore dell orizzontamento del ripiano s e dallo spessore teorico r della soletta portante i gradini di ciascuna rampa. 5

6 Scale a una rampa Le scale a una rampa sono costituite da una successione continua di gradini (in genere non piu di 15) e possono essere a rampe diritte (o rettilinee) o a rampe curvate. Scale diritte a una rampa Le scale diritte sono usate soprattutto per il collegamento verticale di case unifamiliari a due piani, oppure negli alloggi duplex: occupano una larghezza minima, ma richiedono una notevole lunghezza della rampa (di solito superiore a 4,5 m), oltre ovviamente ai due pianerottoli di estremità. Per ridurre l ingombro in lunghezza vengono talvolta impiegati particolari accorgimenti: si possono dotare di risvolti le estremità della rampa, oppure ricorrere a gradini di forma trapezoidale, detti gradini a fazzoletto, che facilitano il raccordo con l accesso ai vari ambienti. Occorre ricordare che nelle scale a una rampa, come anche negli altri tipi di scale, deve essere sempre disponibile per il passaggio un altezza netta di 2 2,20 m lungo tutto il loro percorso. 6

7 Scale curvate a una rampa A differenza delle scale diritte, nelle quali prevalgono le esigenze di linearita, le scale ad asse curvilineo consentono una più plastica modellazione degli spazi e, dove le caratteristiche degli ambienti lo rendono possibile, effetti scenografici molto suggestivi. Esse hanno gradini che non sono piu a pianta rettangolare, come quelli delle scale diritte, ma a pianta trapezoidale. 7

8 SCALE A DUE RAMPE Una scala viene detta a due rampe quando la successione dei gradini e interrotta da un pianerottolo di riposo, generalmente situato in posizione intermedia. A parità di dislivello da superare, una scala a due rampe e percorribile con minore affaticamento di quella a una rampa e si presta a svariate soluzioni tecniche e formali. Scale a due rampe diritte Le scale a due rampe diritte hanno un ingombro in lunghezza ancora maggiore di quello delle scale a una rampa, a causa della presenza del pianerottolo intermedio. Si ricorre a questo tipo di scale quando si devono superare dislivelli notevoli, oppure quando si abbiano ampi spazi a disposizione (atrii, sale d ingresso ecc.). In qualche caso possono anche dare luogo a soluzioni architettoniche interessanti, poiché formano un vano scala a forma di corridoio inclinato. Scale a due rampe piegate Le scale a due rampe piegate sono legate a soluzioni distributive particolari utilizzate in genere negli allestimenti di interni, per esempio per accedere ai soppalchi dei negozi. 8

9 Scala a due rampe parallele La scala a due rampe parallele e la soluzione tipica per il collegamento verticale negli edifici di abitazione multipiano perché occupa uno spazio relativamente contenuto e consente un razionale disimpegno e l accesso agli alloggi attraverso i Pianerottoli. Le due rampe possono essere di uguale lunghezza, come accade normalmente nei piani tipo degli edifici, oppure di diversa lunghezza, come capita qualche volta in corrispondenza del piano rialzato, quando esso e di altezza maggiore degli altri piani. Un caso particolare di scala a due rampe parallele e quello della scala dotata di gradini a fazzoletto in luogo del pianerottolo di riposo; questa soluzione riduce ancora di più lo spazio del vano, ma rende molto meno comoda e sicura la scala. 9

10 SCALE A TRE RAMPE Le scale a tre rampe consentono di realizzare spazi interni molto caratteristici e possono assumere forme differenti a seconda delle dimensioni e delle necessita. Sono molto impiegate negli edifici pubblici nei quali l accesso deve essere convogliato in varie direzioni, oppure nelle sale di spettacolo, nelle quali una rampa permette l ingresso alla platea e le altre alla galleria. Sono anche particolarmente utili quando esiste la necessita di collegare piani con altezze superiori ai 3 m. A causa della maggiore complessità di costruzione e del loro ingombro, sono raramente usate negli edifici di abitazione. SCALE A QUATTRO RAMPE E SCALE PALLADIANE Scale a quattro rampe Nella forma più comune, utilizzata nel caso di edifici con altezze di interpiano rilevanti, le scale a quattro rampe hanno le rampe disposte attorno a una tromba quadrata, che può essere vuota oppure formare un vano di assaggio di impianti. In presenza di elevato transito di persone e di notevole spazio, si prestano anche per soluzioni particolari in cui le rampe sono disposte in modo da consentire diversi percorsi in salita, in discesa e in due direzioni opposte. 10

11 Scale palladiane Le scale palladiane sono adatte soltanto nel caso di altezze di piano superiori a 5 m e sono ormai di impiego molto raro. Meritano pero di essere ricordate per la loro origine illustre: prendono, infatti, il nome dal famoso architetto vicentino Andrea Palladio che, nel Cinquecento, fece ampio uso di scale molto articolate all interno dei suoi edifici. Esse sono costituite da una coppia di scale a due rampe, che realizzano, all interno di uno stesso vano, due percorsi completamente indipendenti e accessibili da diverse direzioni: le scale a due rampe sono, infatti, sfalsate di mezzo piano, in modo tale che si sovrappongono in verticale i pianerottoli del primo percorso ai ripiani del secondo. SCALE A RAMPE CURVE Le scale a rampe curve sono realizzate con una successione di gradini a forma di settore circolare, sostenuti a sbalzo da un anima cilindrica centrale (un pilastro cilindrico) oppure sostenuti a sbalzo dalla parete esterna, senza un appoggio in corrispondenza della tromba: nel primo caso sono dette scale a chiocciola, nel secondo scale elicoidali. Le scale a chiocciola lasciate a vista, cioè non contornate da una parete perimetrale cilindrica, possono dare luogo a piacevoli conformazioni dello spazio. Un tipo particolare di scale a rampe curve e quello costituito da gradini sostenuti da travi elicoidali, situate in corrispondenza della tromba e del perimetro esterno della rampa. L andamento estremamente raccolto di queste scale permette un notevole risparmio dello spazio occupato, ma, specie nel caso di diametro esterno inferiore a 1,20 m, rende la salita alquanto disagevole e la discesa pericolosa; il passaggio e consentito a una sola persona per volta con difficolta di trasporto di oggetti voluminosi. Sono adatte in particolari situazioni, come l accesso a locali di 11

12 SCALE A CHIOCCIOLA SCALE ELICOIDALI 12

13 SCALE DI GRANDE PENDENZA Le scale di grande pendenza sono quelle con inclinazione maggiore del 100%, utilizzate per l accesso a sottotetti, a soppalchi di servizio ecc. Il loro impiego richiede particolari cautele, per evitare il rischio di cadute. La salita e la discesa di questi tipi di scale avvengono normalmente aiutandosi con le mani (cioe tenendosi saldamente al mancorrente) e, in quelle piu ripide, salendo e scendendo con la faccia rivolta verso la scala. Scale alla cappuccina Le scale alla cappuccina hanno le pedate con una forma risegata [fig. 30], oppure con una forma approssimativamente trapezoidale, con la parte piu sporgente (dove si appoggia il piede) alternativamente disposta dall una o dall altra parte dello scalino, in modo da obbligare a salire la scala iniziando sempre con lo stesso piede. Una variante delle scale alla cappuccina ha le pedate sfalsate, sostenute da piastre fissate su un montante centrale [fig. 31]. 13

14 Scale retrattili Le scale retrattili sono costituite da una struttura con elementi ripiegabili, in genere associata a una botola di chiusura inserita nel solaio. Hanno il vantaggio di limitare al massimo l ingombro in pianta e di scomparire entro lo spessore del solaio quando sono chiuse Scale alla marinara Le scale alla marinara sono scale a pioli, fissate in posizione verticale, destinate in genere al personale addetto a interventi di manutenzione. 14

15 STRUTTURA PORTANTE DELLE SCALE La struttura portante di una scala puo essere realizzata in diversi modi, riconducibili ai seguenti tipi: scale sostenute da travi e solette poggiate alle due estremità; scale sostenute da solette a sbalzo; scale con gradini poggiati alle estremità; scale con gradini a sbalzo. Scale sostenute da travi e solette poggiate alle due estremità Quando il vano scala e contornato da murature portanti, oppure da pilastri situati in posizione adeguata, le scale possono essere realizzate con le seguenti strutture di calcestruzzo armato: solette piene, poggiate su travi disposte in corrispondenza dei pianerottoli e dei ripiani, inclinate secondo la pendenza della rampa. Le solette possono avere un profilo con estradosso inclinato oppure seghettato, secondo la forma dei gradini; solai in laterocemento a ginocchio (o rampanti), poggiati su travi disposte alle estremita del vano scala e formati da due tratti orizzontali (per ripiano e pianerottolo), uniti da un tratto centrale inclinato secondo la pendenza della rampa. 15

16 Scale con gradini poggiati alle estremità In questo tipo di scale i gradini sono in genere costituiti solo dalla pedata, realizzata in lastra o massello di pietra, in legno o lamiera di acciaio, che appoggia alle estremità su due travi, inclinate secondo la pendenza della rampa, oppure su due pareti portanti, una delle quali andra ovviamente a riempire l anima della scala. Scale con gradini a sbalzo I gradini in pietra incastrati a sbalzo nei muri adiacenti alla rampa costituivano una tecnica di uso piuttosto comune in passato, che richiedeva pero un adeguato spessore del muro portante (almeno 25 cm) per realizzare un incastro sufficiente e che presentava caratteristiche di sicurezza non troppo soddisfacenti, almeno rispetto agli odierni criteri di valutazione. I gradini potevano essere realizzati con masselli di pietra incastrati in modo da formare le singole pedate (senza alzate), oppure da lastre per le pedate e le alzate incastrate e unite tra loro per creare una struttura pieghettata. Le attuali tecniche basate sull impiego dell acciaio, del legno e dei materiali lapidei permettono invece di realizzare scale nelle quali i gradini sono collegati a sbalzo a una trave a ginocchio disposta sulla loro mezzeria. 16

17 PRESTAZIONI DELLE SCALE Le scale costituiscono un elemento critico ai fini della sicurezza e vanno realizzate con tutti gli accorgimenti necessari per ridurne la pericolosità, commisurandone la rispondenza ai criteri di sicurezza e alle situazioni di emergenza, quando l inagibilità degli ascensori le rende l unica possibile via di fuga, talvolta in condizioni di panico, di grande affollamento e di scarsa visibilità. Resistenza allo scivolamento La resistenza allo scivolamento e l attitudine di una superficie (in genere di una pavimentazione) a opporsi allo scivolamento sviluppando un adeguato attrito con i corpi con cui viene a contatto (calzature, pneumatici ecc.). Viene valutata in base al coefficiente di attrito dinamico. Le pavimentazioni dei pianerottoli e le pedate dei gradini devono dunque presentare un adeguato valore del coefficiente d attrito per garantire l antiscivolosita e la sicurezza dal pericolo di cadute, specialmente nel caso delle scale esterne maggiormente esposte agli agenti atmosferici. Questo risultato dipende ovviamente dalla scelta dei materiali e dalla loro finitura superficiale, ma anche dalla presenza di bordi antiscivolo sul profilo dei gradini. Resistenza ai carichi La struttura portante delle scale deve essere in grado di sopportare i carichi di esercizio previsti in base alla destinazione dell edificio, analogamente a quanto si e detto a proposito dei solai. Gli elementi di protezione devono, inoltre, resistere ad adeguati valori di spinta orizzontale esercitata sul corrimano dei parapetti (vedi ). Resistenza all abrasione La resistenza all abrasione (o all usura) e l attitudine di una pavimentazione a non subire alterazioni dell aspetto o asportazioni di materiale a causa di azioni abrasive dovute al transito di persone o di veicoli. Viene valutata in vario modo, a seconda del tipo di pavimentazione e dei materiali impiegati. Per le ceramiche smaltate si considera, per esempio, la capacita di conservare l aspetto superficiale, cioe la resistenza dello smalto; per i materiali lapidei, si considera invece la capacita di non subire l asportazione dello strato superficiale, cioe di contenere al minimo la perdita di spessore (in mm) causata dall abrasione. Si tratta dunque di una prestazione molto importante per la durata e per l aspetto, che dipende dalla scelta dei materiali per realizzare i pavimenti dei pianerottoli e le pedate dei gradini. 17

18 Resistenza al fuoco, reazione al fuoco Il comportamento al fuoco delle scale e oggetto di norme specifiche in relazione alla destinazione e alle caratteristiche plani-volumetriche dell edificio. Ci limitiamo qui a ricordare che attraverso le scale si verificano moti ascensionali dell aria che, in caso di incendio, possono favorire il propagarsi del fumo nel vano scala, rendendo impraticabile la via di fuga dai piani superiori. In determinati edifici esiste perciò la necessita di proteggere il vano scala, separandolo dagli altri ambienti. Le norme antincendio prevedono, a seconda dei casi, le seguenti soluzioni: scala di sicurezza esterna, situata all esterno del fabbricato, munita di parapetto regolamentare e di altre caratteristiche fissate dalla normativa antincendio. La porta di accesso all edificio deve essere dotata di maniglione antipanico e di apertura nel senso della fuga; scala a prova di fumo esterna, racchiusa in un compartimento antincendio al quale si accede da ogni piano mediante porta RE (che garantisce per un determinato periodo di tempo la stabilita meccanica e la tenuta alla fiamma e ai gas), provvista di dispositivo di autochiusura, oppure da spazio a cielo aperto, o da disimpegno con almeno un lato prospiciente su spazio a cielo aperto; scala a prova di fumo interna, situata in un vano che costituisca un compartimento antincendio, accessibile da ogni piano e dotato di filtro a prova di fumo; scala protetta, situata in vano che costituisca un compartimento antincendio con accesso diretto da ogni piano, attraverso porte REI (che garantiscono per un determinato periodo di tempo la stabilita meccanica, la tenuta alla fiamma e ai gas e l isolamento termico), dotate di congegno di autochiusura. 18

19 PARAPETTI DELLE SCALE I parapetti sono gli elementi edilizi che devono impedire la caduta nel vuoto di persone o di oggetti da scale, balconi, terrazzi ecc. Per svolgere la sua funzione di protezione, il parapetto di una scala deve possedere determinati requisiti di carattere geometrico (altezza del corrimano, interasse tra gli elementi verticali ecc.) e di carattere statico (resistenza alle spinte orizzontali), particolarmente importanti in alcuni tipi di edifici. Ne consegue che per giungere a soluzioni tecnicamente e formalmente corrette, il disegno del parapetto deve essere studiato in accordo con il profilo e la pendenza delle rampe, nonchè con l anima della scala. 19

20 BALAUSTRATE Le balaustrate sono costituite da elementi caratteristici denominati balaustri, con la forma di colonnine variamente sagomate, poggiati su uno zoccolo e collegati in alto da un elemento orizzontale, detto. Le balaustrate sono state impiegate in importanti opere di architettura, specialmente a partire dal Quattrocento, per realizzare i parapetti di balconi, logge, scale ecc. In epoca successiva, esse hanno assunto anche una funzione decorativa e sono state spesso inserite nel coronamento delle facciate degli edifici, acquistando forme e dimensioni maggiori, scrupolosamente rapportate a quelle degli altri elementi delle facciate. Per la realizzazione delle balaustrate sono stati usati per lungo tempo il marmo e la pietra, poi soppiantati da manufatti di cemento gettati in apposite forme, con disegni e dimensioni standardizzati (pietra artificiale). 20

21 PARAPETTI DI MURATURA E DI CALCESTRUZZO ARMATO parapetti di muratura parapetti di calcestruzzo armato I parapetti di muratura e di calcestruzzo possono essere pieni o traforati. I parapetti pieni I parapetti traforati : parapetti di mattoni ed elementi speciali di laterizio, parapetti di pannelli traforati di calcestruzzo, Un tipo particolare di protezione, in un certo senso assimilabile ai parapetti traforati e in genere impiegato sul limite dei terrazzi, puo essere realizzato mediante fioriere per piante ornamentali, dotate di adeguate dimensioni e completate da un corrimano situato all altezza prescritta, in modo da rispettare le norme di sicurezza. PARAPETTI A RINGHIERA La ringhiera e un tipo di parapetto costituito da montanti metallici verticali che sorreggono elementi di chiusura, uniti superiormente da un corrimano. Gli elementi di chiusura delle ringhiere sono realizzati con materiali e forme disparati (bacchette di ferro, griglie metalliche, pannelli di vetro retinato ecc.). I montanti sono normalmente fissati in corrispondenza della sezione frontale del balcone, e saldati all armatura metallica della soletta o ad apposite placche di ancoraggio predisposte durante il getto. 21

22 Esistono anche altre modalità di fissaggio dei montanti: ancoraggio in corrispondenza del pavimento del balcone o della copertina di bordura. Questa soluzione comporta laboriosi accorgimenti per impedire infiltrazioni d acqua attraverso il pavimento, che si possono insinuare in corrispondenza della sede del montante; ancoraggio in corrispondenza dell intradosso della soletta del balcone; soluzione più affidabile perchè il punto di fissaggio e protetto dalla pioggia e non subisce quindi l aggressione Chimica. PRESTAZIONI DEI PARAPETTI Altezza dei parapetti I parapetti devono essere alti almeno 1 metro dal piano di pavimento, poiche si estende a essi la prescrizione, contenuta nel D.P.R n. 547, riguardante i parapetti dei ponteggi dei cantieri. Nel caso di edifici di notevole altezza e tuttavia buona norma aumentare adeguatamente l altezza dei parapetti dei balconi, in modo da ridurre il senso di vertigine che può nascere in soggetti sensibili. 22

23 Sporgenze sulla parte interna I parapetti non devono presentare nella parte interna sporgenze situate a un altezza dal pavimento tale da favorire l appoggio del piede e lo scavalcamento da parte dei bambini. Dimensione massima dei vuoti La dimensione massima dei vuoti tra gli elementi (balaustri, montanti, elementi di chiusura ecc.) dei parapetti deve essere tale da impedire il passaggio di oggetti che possano cadere sui piani sottostanti. A questo proposito, può essere generalizzabile a tutti gli edifici quanto prescritto dalla normativa per l eliminazione delle barriere architettoniche (D.M n. 236), secondo la quale i parapetti non devono lasciar passare una sfera di 10 cm di diametro. E poi opportuno considerare con attenzione la dimensione massima dei vuoti, anche in relazione a comportamenti a rischio dei bambini, come per esempio la possibilità di inserire la testa e rimanere imprigionati in posizione pericolosa. Resistenza alla spinta orizzontale Negli edifici residenziali, i parapetti di balconi, logge e terrazzi devono normalmente essere in grado di resistere a una spinta orizzontale di 1000 N/m, applicata sul mancorrente. Per altre destinazioni, per esempio per i parapetti di stadi e palazzetti sportivi, e assolutamente necessario imporre la resistenza a una spinta ben maggiore, da individuare caso per caso. 23

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute.

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. SCALE E PARAPETTI I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. Le scale sono elementi strutturali che servono per superare un dislivello ossia collegano

Dettagli

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio SCALE / nomenclatura SCALE / segni convenzionali. TIPOLOGIE DI SCALE. Problemi geometrici fra rampe successive. SCALE / RAPPRESENTAZIONE elementi di completamento. SCHEMI STRUTTURALI COMPARATIVI PER SCALE

Dettagli

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Gli elementi di comunicazione verticale hanno il compito di consentire a persone e cose di superare un dislivello, internamente o

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE: GENERALITA Le comunicazioni verticali vanno intese come elementi di collegamento tra piani a diversi livelli e di conseguenza tra gli spazi che insistono su tali piani.

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO Le scale L'insieme di tutte le strutture portanti che individuano lo spazio della scala si chiama gabbia. L'insieme delle strutture portanti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE 1 ESIGENZE DA SODDISFARE L opera deve essere progettata ed eseguita in modo che la manutenzione, la verifica o la riparazione dell opera e delle sue pertinenze, comprese le

Dettagli

Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001

Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001 Le scale Da Galiani V. (a cura di), Dizionario degli elementi costruttivi, UTET 2001 L'insieme di tutte le strutture portanti che individuano lo spazio della scala si chiama gabbia. L'insieme delle strutture

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

I COLLEGAMENTI VERTICALI

I COLLEGAMENTI VERTICALI parte 1ª 1 : I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) Possiamo distinguere: I collegamenti verticali non meccanizzati (c.v.n.m.) I collegamenti verticali meccanizzati (c.v.m.) - scale - cordonate

Dettagli

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso PARTIZIONI INTERNE PARTIZIONE INTERNA Elemento di fabbrica che ha il compito di suddividere lo spazio interno in ambienti i posti tutti sullo stesso piano d uso, separando visivamente ii ambienti i contigui

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica Università degli studi di Parma Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica 0. NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 Testo Unico

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Articolo 1 Campo di applicazione d) auditori e sale convegno; Allegato REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

TETTO SICURO. Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti. Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture

TETTO SICURO. Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti. Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture TETTO SICURO Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture Rivenditore autorizzato RICHIEDERE PREVENTIVO Un gradino alla volta ma...

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E CONTESTUALE APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI

PROVINCIA DI VENEZIA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E CONTESTUALE APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E CONTESTUALE APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI NUOVO IMPIANTO DI TRATTAMENTO E RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

SCALE A CHIOCCIOLA PREFABBRICATE IN C.A. ANTISISMICHE

SCALE A CHIOCCIOLA PREFABBRICATE IN C.A. ANTISISMICHE SCALE A CHIOCCIOLA PREFABBRICATE IN C.A. ANTISISMICHE 2 LE SCALE ELICOIDALI PREFABBRICATE Un sistema imprenditoriale, che vogliamo sottoporre a tutti coloro che devono progettare, costruire o utilizzare.

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI DI

CHIUSURE ORIZZONTALI DI CHIUSURE ORIZZONTALI DI COPERTURA INCLINATE Chiusure orizzontali di copertura discontinue - Costituite da piani inclinati (falde) La geometria dipende della pianta dell edificio e della pendenza da conferire

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq I PREMESSA La presente relazione riporta i calcoli e le verifiche relativi alle nuove strutture in progetto. Sono previste opere in acciaio (scale di sicurezza esterne, spazi calmi, passerelle) e in c.a.

Dettagli

Comune di Casalmorano

Comune di Casalmorano Comune di Casalmorano Provincia di Cremona 26020 CASALMORANO (CR) Via Roma, 13 Tel.0374/374080 Fax.0374/374037 Cod. Fisc. 00314350190 Email: commune.casalmorano@pec.regione.lombardia.it CAPPELLA CIMITERIALE

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Parapetti provvisori Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

C. Scale e ascensori

C. Scale e ascensori Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre PREVENZIONE INCENDI 167 C. Scale e ascensori Scale Il numero e la larghezza delle scale a servizio di particolari attività (ad esempio alberghi o locali di pubblico spettacolo)

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 SCAVI E REINTERRI ESECUZIONE DI SCAVO DI SBANCAMENTO ESEGUITO CON MEZZI MECCANICI, ESECUZIONE DI SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA Materiale Il componente (o i componenti variamente associati) che può (o possono) partecipare alla combustione

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. VIDEO ARKÈ: CREA LA TUA SCALA IN MEZZA GIORNATA IL TUO STILE IL RILIEVO E LE DIMENSIONI DVD Trova la scala per il tuo ambiente

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

CON GABBIA. di protezione. MONTAGGIO RAPIDO Facilitato dall innesto in PVC con anima in acciao. IVA esclusa

CON GABBIA. di protezione. MONTAGGIO RAPIDO Facilitato dall innesto in PVC con anima in acciao. IVA esclusa CON GABBIA di protezione DOC. ASS. CLIENTE N. 66 REV. 3 DEL 23/02/12 Listino 2012 IVA esclusa MONTAGGIO RAPIDO Facilitato dall innesto in PVC con anima in acciao NB: Proprietà esclusiva di Marchetti s.r.l.

Dettagli

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE del 9/1/89 n. 13, D.M. del 14/6/89 n. 236, D.P.R. del 24/7/96 n.503 Dgrv n.509 del 2/3/2010 Allegato A Dgrv n.1428 del 6/9/2011 Allegato A e B RELAZIONE Tecnico- Illustrativa

Dettagli

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale... PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...5 DESCRIZIONE INTERVENTO...6 Generalità...6 Motivazioni delle scelte

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO Capitolato delle opere Premessa Il complesso e costituito da tre edifici a destinazione residenziale, di 2 piani fuori terra e da un piano interrato adibito

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA Arch. Elena Crespi PARETI VERTICALI ELEMENTI DI PICCOLE DIMENSIONI ELEMENTI DI GRANDI DIMENSIONI SOLAI ELEMENTI SPECIALI ARMATURA LONGITUDINALE ARMATURA

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 TESTO COMPARATO Prescrizioni Tecniche atte a garantire la fruizione degli edifici residenziali privati, degli

Dettagli

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI VARESE VENERDI 07 Maggio 10 - ore 8,30 Sede: UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - Villa Toeplitz Relatore: Ing.

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Scale upi Ufficio prevenzione infortuni Le scale permettono di superare un dislivello. Lo sviluppo e l uso di nuovi metodi di costruzione e materiali permettono realizzazioni variegate

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

Giacomo Corsi Architetto giacomocorsiarchitetto@gmail.com Cel.3471979180 Viale Montegrappa 177, 59100 Prato Tel. Fax. 0574 1826304

Giacomo Corsi Architetto giacomocorsiarchitetto@gmail.com Cel.3471979180 Viale Montegrappa 177, 59100 Prato Tel. Fax. 0574 1826304 RELAZIONE TECNICA PRELIMINARE Oggetto: Nuova Club House con locali Pizzeria annessi da realizzarsi all interno dell impianto sportivo di Maliseti, sito in Via Caduti Senza Croce in località Maliseti, a

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

STORIA DELL AZIENDA TESTO ESEMPIO

STORIA DELL AZIENDA TESTO ESEMPIO STORIA DELL AZIENDA Ragusa Marmi è un azienda fondata agli inizi degli anni 70 come piccola impresa Individuale, negli anni si è ingrandita e trasformata collocandosi tra le medie industrie con un know

Dettagli

DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti

DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti PROTOCOLLO DI ISPEZIONE del sistema edificio-impianto (AUDIT) Versione 1.07.10 Ultimo aggiornamento Ottobre 2007

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali NORME DI ATTUAZIONE Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali Sulle sepolture dei campi comuni (concessione gratuita per 10 anni, come previsto nella normativa) il Comune provvede a proprie

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai 1. - Premessa In genere nei solai la zona in prossimità degli appoggi risulta particolarmente critica in quanto le sollecitazioni in gioco sono molto

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

ritorna alla home page Costruite su misura Modelli speciali: per pareti verticali per tetti piani Botola antincendio REI 60 automatica

ritorna alla home page Costruite su misura Modelli speciali: per pareti verticali per tetti piani Botola antincendio REI 60 automatica ritorna alla home page ostruite su misura Modelli speciali: per pareti verticali per tetti piani automatica otola antincendio RI 60 L S A L R T R A T T I L I SRI LIGNA3 RTRATTIL IN LGNO La scala retrattile

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI Provincia di Genova ORDINE DEGLI ARCHITETTI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PREVENZIONE INCENDI Ai fini dell iscrizione dei Professionisti Negli elenchi del Ministero dell Interno Di cui all art. 1 della Legge

Dettagli

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante Pali trivellati Fondazioni profonde Pali battuti Micropali Verifica strutture Platea Fondazioni superficiali Plinti Manutenzione fondazioni Travi rovesce Verifica statica Pilastri Travi STRUTTURE IN C.A.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI 1 PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI... 6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO

Dettagli

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione 13 LE FONDAZIONI 13.1 L elemento costruttivo fondazione Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi verticali ed orizzontali agenti sull edificio;

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli