Ospedale "Cristo Re"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ospedale "Cristo Re""

Transcript

1 ROMA CAPITALE Ospedale "Cristo Re" Ospedale CRISTO RE sito in Roma, Via delle Calasanziane n. 25 PREVENZIONE INCENDI PARERE DI CONFORMITA PROGETTO (D.M. 1/08/2011 n. 151) Relazione Tecnica SEIP srl Engineering & Project Management 2013 Via Tiberio Imperatore Roma Ing. Giovanni Martinazzoli Maggio

2 Sommario Premessa... 4 Descrizione Generale dell attività... 5 Riferimento normativo... 6 CLASSIFICAZIONE DELLE AREE DELLE STRUTTURE SANITARIE... 7 UBICAZIONE... 8 Caratteristiche Costruttive... 9 Padiglione A Padiglione B Padiglione C Padiglione D Padiglione E Padiglione F Padiglione G Locali adibiti a depositi e servizi generali Depositi di sostanze infiammabili Locali adibiti a servizi generali (laboratori di analisi e ricerca, laboratori o locali ove si detengono, impiegano o manipolano sostanze radioattive, lavanderie, sterilizzazione, inceneritori, ecc Impianti di distribuzione dei gas Distribuzione dei gas combustibili Distribuzione dei gas medicali Servizi tecnologici Impianti di condizionamento e ventilazione Mezzi ed impianti di estinzione degli incendi Generalità Estintori Impianto di estinzione incendi Impianti di rivelazione, segnalazione e allarme Generalità Caratteristiche Sistemi di allarme Segnaletica di sicurezza Organizzazione e gestione della sicurezza antincendio Generalità Procedure da attuare in caso di incendio Centro di gestione delle emergenze Informazione e formazione Istruzioni di sicurezza Istruzioni da esporre a ciascun piano Attività specifiche Sala Conferenze Normativa di riferimento D.M. 19 Agosto Strutture e materiali Pagina 2

3 Misure per l evacuazione in caso di emergenza Sistema delle vie di uscita Centrali termiche normativa di riferimento D.M. 12 aprile 1996 Att. 74 Cat. B e C (ex att. 91) Premessa CENTRALE TERMICA Impianto interno di adduzione del gas Gruppo di misurazione Intercettazione Prova di tenuta dell'impianto interno Canale da fumo Canne fumarie Impianto elettrico Mezzi di estinzione degli incendi Segnaletica di sicurezza Esercizio e manutenzione CENTRALE TERMICA Impianto interno di adduzione del gas Gruppo di misurazione Intercettazione Prova di tenuta dell'impianto interno Canale da fumo Canne fumarie Impianto elettrico Mezzi di estinzione degli incendi Segnaletica di sicurezza Esercizio e manutenzione Cucina normativa di riferimento D.M. 12 aprile 1996 Att. 74 Cat. B e C (ex att. 91) Impianto interno di adduzione del gas Gruppo elettrogeno normativa di riferimento D.M. 13 luglio 2011 Att. 49 cat. B (ex att. 64) PREMESSA Sistema di gas combusti Installazione Rischio formazione di atmosfere esplosive Mezzi di estinzione portatili Segnaletica di sicurezza Istanza di Deroga Valutazione del rischio Pagina 3

4 PREMESSA La presente relazione è parte integrante del progetto di Prevenzione Incendi relativo alla struttura sanitaria Ospedale "Cristo Re sito in Via delle Calasanziane, n Roma. Le attività soggette al Certificato di Prevenzione Incendi sono state classificate secondo la nuova normativa, DPR 1 Agosto 2011 n. 151 Regolamento recante semplificazioni della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi. Le attività presenti nella struttura sono: Principale: n. 68 cat. C Ospedali, Case di Cura e simili con più di 100 posti letto (ex attività 86) Secondarie: n. 65 cat. C Locali di pubblico spettacolo o di trattamento in genere con capienza superiore a 100 persone ovvero con superficie lorda > 200 mq (ex attività 93) n. 74 cat. C centrale termica con potenza superiore a 700 kw CT01 (ex attività 91) n. 74 cat. B centrale termica con potenza compresa tra 350 kw e 700 kw CT 02 (ex attività91) n. 74 cat. A cucina utilizzante gas metano con potenza paria a 202 kw (ex attività 91) n. 49 cat. B Gruppo Elettrogeno potenza superiore a 350 kw ed inferiore a 700 kw(ex attività 64) Attività secondarie che rientrano nell attività principale sono: deposito gas medicali depositi ed archivi. In allegato alla presente sono i seguenti elaborati grafici: tav. VVF01 planimetria generale tav. VVF02 identificazione aree e comparti antincendio tav. VVF03 compartimentazione vie di esodo livello -2 tav. VVF04 compartimentazione vie di esodo livello -1 tav. VVF05 compartimentazione vie di esodo livello 0 tav. VVF06 compartimentazione vie di esodo livello 1 tav. VVF07 compartimentazione vie di esodo livello 2 tav. VVF08 compartimentazione vie di esodo livello 3 tav. VVF09 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello -2 tav. VVF10 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello -1 tav. VVF11 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello 0 tav. VVF12 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello 1 tav. VVF13 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello 2 tav. VVF14 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello 3 tav. VVF15 sezioni con altezze antincendio tav. VVF16 impianto antincendio idranti UNI 45 tav. VVF17 impianto antincendio ubicazione centrali e schema funzionale tav. VVF18 sala conferenze tav. VVF19 cucina tav. VVF20 centrale termica n. 1 tav. VVF21 centrale termica n. 2 tav. VVF22 gruppo elettrogeno. Pagina 4

5 DESCRIZIONE GENERALE DELL ATTIVITÀ Il complesso Ospedale Cristo Re è costituito da più padiglioni all interno di un area delimitata da Via Cardinal Garampi e Via delle Calasanziane in Roma. Sono presenti 7 padiglioni principali più un edificio non di pertinenza dell Ospedale utilizzato dalle Suore ed un corpo di fabbrica seminterrato destinato alle centrali tecnologiche. Parte dei padiglioni sono collegati tra loro tramite percorsi orizzontali ai piani in elevazione e/o ai livelli interrati. Planimetria dell Ospedale La capienza della struttura è di 258 p.l. così suddivisi: posti letto degenze 208 culle reparto neonatale 30 posti letto terapia intensiva 4 posti letto day surgery 16 Pagina 5

6 RIFERIMENTO NORMATIVO La normativa di riferimento per l attività principale è il D.M. 18 settembre 2002 "Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private Titolo III Strutture esistenti che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero e/o in regime residenziale. Ulteriori norme prese a riferimento sono: D.M. 30/11/1983. Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi. DECRETO 4 MAGGIO Disposizioni relative alle modalità di presentazione ed al contenuto delle domande per l'avvio dei procedimenti di prevenzione incendi, nonché all'uniformità dei connessi servizi resi dai comandi provinciali dei vigili del fuoco. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 01 agosto 2011 n 151 Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi. D.M. 10 MARZO Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro. DECRETO del MINISTERO DELL'INTERNO del 3 novembre Disposizioni relative all'installazione ed alla manutenzione dei dispositivi per l'apertura delle porte installate lungo le vie di esodo, relativamente alla sicurezza in caso d'incendio. DECRETO del MINISTERO DELL'INTERNO del 7 gennaio Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili di incendio. DECRETO del MINISTERO DELL'INTERNO - 16/02/2007. Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione. DECRETO del MINISTERO DELL'INTERNO - 9/03/2007. Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti elettrici all'interno degli edifici. D.LVO 81 DEL 09/04/2008. Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. RETE IDRANTI Norma UNI VVF RILEVAZIONE FUMI norma UNI VVF 9795 EN 54. RETE SPRINKLER norma UNI EN D.M. 12 APRILE Pagina 6

7 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi - Lettera Circolare DCPST/A5 prot. n del 31/03/2010 Certificazione della resistenza al fuoco di elementi costruttivi murature. Lettera Circolare Ministero dell Interno n. P1275/4134 del 30/11/2000 Attestazione ed aerazione dei locali di installazione di impianti termici alimentati a gas chiarimenti. D.M. 19 AGOSTO Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo. D.M. 13 LUGLIO Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice o altra macchina operatrice e di unità di cogenerazione a servizio di attività civili, industriali, agricole, artigianali, commerciali e di servizi. D.M. 15 SETTEMBRE Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento ubicati nelle attività soggette a controlli di prevenzione incendi. CLASSIFICAZIONE DELLE AREE DELLE STRUTTURE SANITARIE L Ospedale è accreditato per 258 posti letto. Le aree presenti all interno dell Ospedale sono state individuate in base alle seguenti classificazioni: Tipo A - aree od impianti a rischio specifico, classificati come attività soggette al controllo del C.N.VV.F. ai sensi del D.M. 16/02/1982 (G.U. n. 98, del 9/04/1982) e del D.P.R. 26/05/1959, n. 689 (G.U. n. 212, del 4/09/1959) (impianti di produzione calore, gruppi elettrogeni, cucine, locali assimilabili a pubblico spettacolo.). Tipo B aree a rischio specifico accessibili al solo personale dipendente (laboratori di analisi e ricerca, depositi, lavanderie, ecc.) ubicate nel volume degli edifici destinati, anche in parte, ad aree di tipo C e D. Tipo C aree destinate a prestazioni medico-sanitarie di tipo ambulatoriale (ambulatori, centri specialistici, centri di diagnostica, consultori, ecc.) in cui non è previsto il ricovero. Tipo D aree destinate a ricovero in regime ospedaliero e/o residenziale nonché aree adibite ad unità speciali (terapia intensiva, neonatologia, reparto di rianimazione, sale operatorie, terapie particolari, ecc.). Tipo E aree destinate ad altri servizi pertinenti (uffici amministrativi, scuole e convitti professionali, spazi per riunioni e convegni, mensa aziendale, spazi per visitatori inclusi bar e limitati spazi commerciali). Pagina 7

8 UBICAZIONE Generalità Il complesso sanitario Cristo Re si sviluppa su più edifici realizzati in tempi e con modalità costruttive diverse collegati tra loro mediante percorsi orizzontali. Più in dettaglio gli edifici che costituiscono l ospedale sono: Padiglione A che si sviluppa su 4 livelli, tre fuori terra più un livello seminterrato. L edificio è collegato tramite percorsi orizzontali agli edifici B e D. L altezza antincendio risulta inferiore a 12 metri. L ultimo piano dell edificio è destinato ad alloggio delle Suore Padiglione B che si sviluppa su 5 livelli, quattro fuori terra più un livello seminterrato. L edificio è collegato tramite percorsi orizzontali agli edifici A e D. L altezza antincendio è inferiore a 24 metri Padiglione C che si sviluppa su 4 livelli, tre fuori terra più un livello seminterrato. L edificio è collegato tramite un percorso orizzontale interrato all edificio G/E e ad un edificio non di pertinenza ai piani fuori terra. L edificio ha una altezza antincendio inferiore a 24 metri. Il piano terra dell edificio è destinato ad attività non di pertinenza della struttura sanitaria Padiglione D che si sviluppa su 6 livelli, cinque fuori terra più un livello interrato. Il sesto livello è destinato a refettorio delle Suore. L edificio è collegato tramite percorsi orizzontali agli edifici A e B. L edificio ha una altezza antincendio inferiore a 24 metri Padiglione E che si sviluppa su 1 solo livello interrato ed è destinato a Chiesa ed a sala conferenze. Il padiglione è collegato tramite il corridoio di collegamento agli altri padiglioni. Al di sopra di tale edificio sono presenti manufatti prefabbricati destinati all ufficio tecnico ed all archivio cartelle cliniche Padiglione F che si sviluppa su 2 livelli fuori terra. L edificio ha una altezza antincendio inferiore a 12 metri Padiglione G che si sviluppa su 2 livelli, uno fuori terra ed un livello interrato. In relazione all altimetria dell area i livelli seminterrati dei diversi edifici risultano sullo stesso piano ma non alla stessa quota. Separazioni - Comunicazioni All interno del complesso è presente una sola attività non pertinente e più precisamente una casa di riposo per le Suore presenti nell Istituto. Tale attività interessa il Padiglione C che è destinato in parte alle attività ospedaliere ed in parte a tali attività non accreditate. La comunicazione con tali aree è realizzata tramite filtri a prova di fumo con caratteristiche REI90. Accesso all area La viabilità esterna è caratterizzata da strade di ridotta dimensione che non consentono un agevole accesso ai mezzi di soccorso. Pagina 8

9 Accostamento mezzi di soccorso Pur non essendo richiesta al Titolo III del DM 18/09/2002, la possibilità di accostamento agli edifici delle autoscale dei Vigili del fuoco è assicurata, per gli edifici A, B e D ad almeno una finestra di ogni piano ed al terrazzo di copertura del Padiglione A e del Padiglione B. Essendo i tre edifici collegati tra loro conseguentemente è possibile raggiungere tutti i locali di piano tramite percorsi interni. È inoltre prevista una scala esterna di sicurezza che consente di accedere direttamente ai piani primo e secondo dell edificio A ed una scala esterna che consente di accedere a tutti i livelli dell edificio D conseguentemente è possibile raggiungere attraverso i percorsi interni tutti i livelli degli edifici. Per la restante parte degli edifici l accesso avviene attraverso la viabilità interna dell Ospedale Per l edificio C è presente una scala di sicurezza esterna che consente di raggiungere tutti i piani. L edificio C è tra l altro destinato ad attività di tipo C dove non è previsto il ricovero. Gli altri edifici sono caratterizzati da limitate altezza (1 o 2 piani). CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Resistenza al fuoco 1. Le strutture ed i sistemi di compartimentazione in base al D.M. 22/02/2006 nel caso di edifici esistenti e altezza inferiore a 24m., devono garantire il requisito di resistenza al fuoco pari a R/REI60 per i piani fuori terra e R/REI90 per i piani interrati. Relativamente alle strutture ed ai sistemi di compartimentazione relativi alle singole aree a rischio specifico (centrali termiche, cucina, depositi etc.) si applicano le disposizioni specifiche previste dalle normative. I requisiti di resistenza al fuoco dei singoli elementi strutturali e di compartimentazione saranno valutati in conformità al Decreto del 16/02/2007, alla Lettera Circolare Prot del 15/02/2008 e alla successiva Lettera Circolare Prot del 31/03/2010. Reazione al fuoco 1. I prodotti da costruzione saranno rispondenti al sistema di classificazione europeo di cui al decreto del Ministro dell'interno 10 marzo 2005 (Gazzetta Ufficiale n. 73 del 30 marzo 2005), e saranno installati seguendo le prescrizioni e le limitazioni previste al comma successivo, tenendo conto delle corrispondenze tra classi di reazione al fuoco stabilite dal Decreto del Ministro dell'interno 15 marzo 2005 (Gazzetta Ufficiale n. 73 del 30 marzo 2005). 2. I materiali installati: a. negli atri, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale, nelle rampe, è consentito l'impiego di materiali di classe 1 in ragione del 50% massimo della loro superficie totale (pavimento + pareti + soffitto + proiezioni orizzontali delle scale). Per le restanti parti saranno impiegati materiali di classe 0 (non combustibili). b. in tutti gli ambienti è consentito che le pavimentazioni compresi i relativi rivestimenti siano di classe 2 e che gli altri materiali di rivestimento siano di classe 1 oppure di classe 2 se in presenza di impianti di spegnimento automatico o di smaltimento fumi asserviti ad impianti di rivelazione incendi. c. i materiali di rivestimento combustibili, nonché i materiali isolanti in vista, ammessi nelle varie classi di reazione al fuoco, saranno posti in opera in aderenza agli elementi costruttivi di classe 0 escludendo spazi vuoti o intercapedini. Ferme restando le limitazioni previste Pagina 9

10 alla precedente lettera a), è consentita l'installazione di controsoffitti e di pavimenti sopraelevati nonché di materiali di rivestimento e di materiali isolanti in vista posti non in aderenza agli elementi costruttivi, purché abbiano classe di reazione al fuoco non superiore a 1 o 1-1 e siano omologati tenendo conto delle effettive condizioni di impiego anche in relazione alle possibili fonti di innesco; d. i materiali suscettibili di prendere fuoco su entrambe le facce (tendaggi, ecc.) di nuova installazione saranno di classe di reazione al fuoco non superiore ad 1; e. i materassi saranno di classe 1 IM; f. i materiali isolanti in vista, con componente isolante direttamente esposto alle fiamme, saranno di classe di reazione al fuoco non superiore ad 1. Nel caso di materiale isolante in vista, con componente isolante non esposto direttamente alle fiamme, sono ammesse le classi di reazione al fuoco 0-1, 1-0, 1-1. I materiali isolanti installati all'interno di intercapedini saranno incombustibili. 3. L impiego di prodotti di costruzione per i quali sono prescritti specifici requisiti di reazione al fuoco, deve avvenire conformemente a quanto previsto all art.4 del decreto del Ministro dell interno 10 marzo I restanti materiali non ricompresi fra i prodotti da costruzione devono essere omologati ai sensi del decreto del Ministro dell interno 26 giugno 1984 (Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n.234 del 25 agosto 1984) e successive modifiche ed integrazioni. È consentita la posa in opera di rivestimenti lignei delle pareti e dei soffitti poiché trattati con prodotti vernicianti omologati di classe 1 di reazione al fuoco. Compartimentazione I diversi corpi di fabbrica che costituiscono la struttura ospedaliera sono suddivisi in compartimenti, di superfici non eccedenti quelle indicate nella seguente tabella: Piani Sup. max compartimento sul medesimo livello da Normativa mq. Area tipo C fuori terra REI 90 interrati Area tipo D fuori terra 90 interrati Area tipo E Per aree omogenee 60 fuori terra Aree tipo B Da norma specifica 90 interrati Area tipo B (depositi) Fino a 10 mq REI 30 Fino a 50 mq REI 60 Fino a 500 mq REI 90 Pagina 10

11 Limitazioni alle destinazioni d uso dei locali Non sono presenti locali ubicati a quote comprese tra -7,5 e -10 m al piano di uscita dall edificio nè piani oltre il 2 piano interrato. Ai piani interrati non sono presenti aree destinate a degenza. Le aree tecniche contenenti laboratori di analisi e ricerca ed apparecchiature ad alta energia ubicate ai piani interrati sono separate mediante filtri a prova di fumo dalle vie d accesso ai piani sovrastanti. I locali destinati ad apparecchiature ad alta energia non sono ubicati in contiguità ad aree di tipo D. Pagina 11

12 PADIGLIONE A Caratteristiche costruttive L edificio si sviluppa su 3 piani fuori terra ed un piano seminterrato. Il piano seminterrato è caratterizzato dall avere un affaccio fuori terra. La struttura portante è di tipo in muratura piena con blocchi in tufo con finitura interna ed esterna ad intonaco. I solai sono in laterocemento e la copertura è di tipo piano con terrazzo praticabile. Lo spessore della muratura risulta variabile dal piano seminterrato al piano 4 è variabile tra 40 e 30 cm. Sulla base della classificazione indicata dalla Lettera Circolare Prot 1968 del 15/02/2008 per la definizione delle pareti di muratura portante resistenti al fuoco in edifici esistenti che indicano uno spessore minimo di 17 cm per la R60 e di 25 cm per la R90, i requisiti di resistenza al fuoco risultano soddisfatti. Destinazione d uso e compartimenti Le destinazioni presenti nel Padiglione A sono: piano seminterrato: camera mortuaria (comparto 44 mq) ufficio informatico (comparto 33 mq) depositi (vedi paragrafo specifico) spogliatoi (comparto 76 mq) mensa dipendenti (comparto 130 mq) piano terra: laboratori di analisi (comparto 190 mq) radiologia (comparto 300 mq) uffici cappella (comparto 710 mq) piano primo: sale operatorie (comparto 170 mq) degenze chirurgiche (comparto 950 mq) piano secondo: terapia subintensiva (comparto 185 mq) degenze day hospital (sup. 985 mq) piano terzo: alloggio religiose (comparto 530 mq). Scale L edificio è dotato di due scale di tipo protetto, con caratteristiche di resistenza al fuoco congrue con quanto richiesto dall edificio REI60 ai piani fuori terra e REI90 al piano interrato. È inoltre prevista una scala di sicurezza esterna. Poiché l edificio ha altezza < a 24 m le scale di tipo protetto possono essere a servizio anche delle aree di tipo D. Trattandosi di un edificio esistente oltre alle scale con larghezza minima pari a 1,20 sono presenti scale con larghezza non inferiore a 0,90 m che sono state considerate nel computo delle vie di esodo in misura di un modulo. In particolare una scala che collega il piano seminterrato al piano terra. Pagina 12

13 Le due scale di tipo protetto immettono all esterno in luogo sicuro tramite un percorso protetto al piano terra dell edificio. Tale percorso è stato realizzato prevedendo murature e porte tagliafuoco REI60 sul corridoio di uscita al piano terra. L ultimo livello destinato ad alloggio delle Suore è servito da una sola scala ed utilizza, quale seconda via di esodo, un percorso esterno dal terrazzo a cielo libero per raggiungere la scala di sicurezza esterna dell edificio D. Le rampe delle due scale presenti nel Padiglione A sono rettilinee, hanno non più di quindici gradini mentre per alcuni interpiani sono presenti, due gradini, in luogo dei tre minimi previsti dalla norma. Per tale condizione si richiede deroga. I gradini sono a pianta rettangolare, di alzata e pedata costanti, rispettivamente non superiore a 17 cm e non inferiore a 30 cm. I vani scala saranno dotati di aperture di aerazione su parete esterna e saranno provvisti di aperture di aerazione in sommità di superficie non inferiore ad 1 mq, con sistema di apertura degli infissi comandato sia automaticamente da rivelatori di incendio che manualmente mediante dispositivo posto in prossimità dell entrata alle scale, in posizione segnalata. Le caratteristiche delle scale sono riportate nella seguente tabella: Identificazione Larghezza Tipologia Protezione A1 1,3 Protetta R60/R90 interrato A2 1,3 Protetta R60/R90 interrato A3 1 Protetta R60/R90 interrato A4 2,4 Esterna Ascensori e montacarichi L edificio è dotato di due ascensori ed un montacarichi. Tutti gli ascensori ed i montacarichi avranno il vano corsa di tipo protetto, con caratteristiche di resistenza al fuoco congrue con quanto previsto per l edificio ovvero REI60 ai piani fuori terra e REI90 al piano interrato. Gli ascensori non devono essere utilizzati in caso di incendio non avendo le caratteristiche di ascensori antincendio. Le caratteristiche di ascensori e montacarichi debbono rispondere alle specifiche disposizioni vigenti di prevenzione incendi. Nel caso specifico non essendo possibile per gli ascensori dell edificio A realizzare ai piani un filtro a prova di fumo nonché immettere all esterno con percorso protetto piano si prevede che l esodo dei pazienti in barella potrà avvenire tramite l ascensore antincendio previsto nel Padiglione D collegato ad ogni piano mediante percorsi orizzontali, dove è prevista un area dedicata di 5 mq protetta da un filtro a prova di fumo con resistenza al fuoco pari a REI120. Affollamento Il massimo affollamento é stabilito in: a) aree di tipo B: persone effettivamente presenti incrementate del 20%; b) aree di tipo C: - ambulatori e simili: 0,1 persone/m2; Pagina 13

14 - sale di attesa: 0,4 persone/m2; c) aree di tipo D: - 3 persone per posto letto in strutture ospedaliere; d) aree di tipo E: - uffici amministrativi: 0,1 persone/m2; - spazi per riunioni, mensa aziendale, scuole, convitti e simili: numero dei posti effettivamente previsti; - spazi riservati ai visitatori: 0,4 persone/m2. Capacità di deflusso Ai fini del dimensionamento delle uscite, le capacità di deflusso non devono essere superiori ai seguenti valori: 50 per piani con pavimento a quota compresa tra più o meno un metro rispetto al piano di uscita dall edificio; 37,5 per piani con pavimento a quota compresa tra più o meno 7,5 m rispetto al piano di uscita dall edificio; 33 per piani con pavimento a quota al di sopra o al di sotto di più o meno 7,5 m rispetto al piano di uscita dall edificio. Esodo orizzontale progressivo Tutti i piani che contengono aree di tipo D del Padiglione A, sono stati suddivisi in modo da consentire l'esodo orizzontale progressivo. Per conseguire tale obiettivo ciascun piano è stato suddiviso in tre compartimenti. Ciascun compartimento conterrà in situazioni di emergenza, oltre ai suoi normali occupanti, il numero di persone previste per il compartimento adiacente con la capienza più alta, considerando una superficie media di 0,70 mq/persona. Tale superficie è stata elevata a 1,50 mq/persona poiché l'evacuazione dei degenti deve necessariamente avvenire con letti o barelle. Livello Piano Superfici subcomparti area D (mq) Posti Letto Affollamento superficie per esodo progessivo A-D1 A-D2 A-D3 D1 D2 D3 D1 D2 D3 D1+D2 D2+D3 2 secondo x1,5= 139,5 102x1,5= primo x1,5 = x1,5 = 139,5 Tutti i comparti risultano idonei in quanto hanno superficie superiore alla somma delle superfici dei comparti adiacenti. Pagina 14

15 Sistemi di vie d uscita I compartimenti in cui risultano suddivise le aree presenti nel Padiglione A sono provvisti di un sistema organizzato di vie d'uscita, dimensionato in base al massimo affollamento previsto per i singoli compartimenti in funzione della capacità di deflusso e che adduca verso un luogo sicuro. I percorsi del sistema di vie di uscita comprendono corridoi, vani di accesso alle scale e di uscita all'esterno, scale, rampe e passaggi in genere, avranno in ogni punto larghezza almeno pari a 1,20 metri. Nella predisposizione dei sistemi di vie di uscita sono state tenute presenti le disposizioni vigenti in materia di superamento ed eliminazione delle barriere architettoniche di cui al decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 (supplemento ordinario Gazzetta Ufficiale n. 227 del 27 settembre1996). Lunghezza delle vie d uscita al piano Il percorso di esodo è misurato a partire dalla porta di ciascun locale nonché da ogni punto dei locali ad uso comune, non sarà mai superiore ai 40 m per raggiungere un'uscita su luogo sicuro o su scala di sicurezza esterna; 30 m per raggiungere un'uscita su scala protetta. Nei piani destinati ad aree di tipo D, progettati in modo da garantire l'esodo orizzontale progressivo risulta possibile raggiungere, partendo da qualsiasi punto di un compartimento, un compartimento attiguo od un percorso orizzontale protetto ad esso adducente, con percorsi di lunghezza non superiore a 30 m. Le porte avranno dispositivo di autochiusura. Le porte normalmente aperte avranno un dispositivo di rilascio in caso di incendio. Tutti i materiali avranno caratteristiche di reazione al fumo di classe 0. Caratteristiche delle vie d uscita La larghezza utile delle vie d'uscita deve essere misurata deducendo l'ingombro di eventuali elementi sporgenti con esclusione degli estintori. Tra gli elementi sporgenti non sono considerati quelli posti ad altezza superiore a 2 m ed eventuali corrimano lungo le pareti, con ingombro non superiore ad 8 cm. L'altezza dei percorsi delle vie d'uscita deve essere, in ogni caso, non inferiore a 2 m. I pavimenti ed i gradini non devono avere superfici sdrucciolevoli. E' vietato disporre specchi che possano trarre in inganno sulla direzione dell'uscita. Le porte che si aprono sulle vie di uscita non devono ridurre la larghezza utile delle stesse. Le vie di uscita devono essere tenute sgombre da materiali che possano costituire impedimento al regolare deflusso delle persone. Larghezza delle vie d uscita La larghezza utile delle vie di uscita sarà multipla del modulo di uscita e non inferiore a due moduli (1,20 m). Trattandosi di edificio esistente è ammessa la presenza di uscita con larghezza pari a 0,90 m che verrà computata come un modulo. La misurazione della larghezza delle uscite deve essere eseguita nel punto più stretto della luce. Pagina 15

16 Larghezza totale delle vie d uscita Si avrà, la seguente necessità di moduli, derivante dal calcolo effettuato con la formula: moduli necessari = (max affollamento del piano) / (capacità di deflusso del piano) Livello Piano Max Affollamento Moduli richiesti Moduli previsti -1 Seminterrato 50 50/37,5 = 1, Terra /37,5 = 2, Primo (46 p.l.) /37,5 = 3, Secondo(48 p.l.) /33 = 4, terzo 53 53/33 = 1,6 2 6 Essendo il padiglione a più di due piani fuori terra il dimensionamento delle vie di fuga verticali tiene conto della somma dell affollamento dei due piani con maggior numero di persone. Massimo affollamento previsto per i due piani: Livello Piano Max Affollamento Moduli richiesti Moduli previsti 1 Primo (46 p.l.) Secondo (48 p.l.) 144 totale /37,5 = 7, Poiché le scale hanno un numero di moduli totali pari a 8 la verifica dell esodo verticale risulta positiva. Pagina 16

17 PADIGLIONE B Caratteristiche costruttive L edificio si sviluppa su 4 piani fuori terra ed un piano seminterrato. Il piano seminterrato è caratterizzato dall avere un affaccio fuori terra sulla rampa di accesso ai piani del livello seminterrato (livello -2). La struttura portante è di tipo in cemento armato con travi e pilastri e pareti in laterizio a doppia parete. La finitura esterna è ad intonaco. I solai sono in laterocemento e la copertura è di tipo piano con terrazzo praticabile. Là dove la struttura in c.a. (travi e pilastri) non rispetti i valori di protezione dei ferri indicati dal DM 16/02/2007 si provvederà alla placcatura con intonaco antincendio o pannelli in calcio silicato. Destinazione d uso e compartimenti Le destinazioni presenti nel Padiglione B sono: piano seminterrato: ambulatori (comparto 580 mq) medicina nucleare (comparto 160 mq) piano terra: ambulatori (comparto 729 mq) piano primo: degenze maternità ginecologia (comparto 549 mq) piano secondo: degenze ortopedia urologia (comparto 549 mq) piano terzo: degenze paganti (comparto 549 mq). Scale L edificio è dotato di una scala di tipo a prova di fumo in comune con l edificio D, due scale protette, con caratteristiche di resistenza al fuoco congrue con quanto richiesto dall edificio REI60 ai piani fuori terra e REI90 al piano interrato. Poiché l edificio ha altezza < ai 24 m le scale di tipo protetto possono servire anche gli edifici destinati ad aree di tipo D. Le scale immettono in luoghi sicuri all esterno dell edificio. Le rampe della scala principale sono rettilinee, hanno non meno di 3 gradini e non più di quindici. La scala in comune con l edificio D a prova di fumo ha una rampa intermedia con due gradini in luogo dei tre previsti dalla normativa, di tale situazione si richiede deroga. I gradini sono a pianta rettangolare, di alzata e pedata costanti, rispettivamente non superiore a 17 cm e non inferiore a 30 cm. I vani scala saranno dotati di aperture di aerazione su parete esterna, e saranno provvisti di aperture di aerazione in sommità di superficie non inferiore ad 1 mq, con sistema di apertura degli infissi comandato sia automaticamente da rivelatori di incendio che manualmente mediante dispositivo posto in prossimità dell entrata alle scale, in posizione segnalata. Identificazione Larghezza Tipologia Protezione B1 1,4 Protetta R60/R90 interrato B2 0,9 Protetta R60/R90 interrato D1 1,2 Prova di fumo R60/R90 interrato Pagina 17

18 Ascensori e montacarichi Il padiglione è dotato di due ascensori e di un montacarichi. Tutti gli ascensori ed i montacarichi avranno il vano corsa di tipo protetto, con caratteristiche di resistenza al fuoco congrue con quanto previsto per l edificio ovvero REI60 ai piani fuori terra e REI90 al piano interrato. Le caratteristiche di ascensori e montacarichi debbono rispondere alle specifiche disposizioni vigenti di prevenzione incendi. Affollamento Il massimo affollamento é stabilito in: a) aree di tipo B: persone effettivamente presenti incrementate del 20%; b) aree di tipo C: - ambulatori e simili: 0,1 persone/m2; - sale di attesa: 0,4 persone/m2; c) aree di tipo D: - 3 persone per posto letto in strutture ospedaliere; d) aree di tipo E: - uffici amministrativi: 0,1 persone/m2; - spazi per riunioni, mensa aziendale, scuole, convitti e simili: numero dei posti effettivamente previsti; - spazi riservati ai visitatori: 0,4 persone/m2. Capacità di deflusso Ai fini del dimensionamento delle uscite, le capacità di deflusso non devono essere superiori ai seguenti valori: 50 per piani con pavimento a quota compresa tra più o meno un metro rispetto al piano di uscita dall edificio; 37,5 per piani con pavimento a quota compresa tra più o meno 7,5 m rispetto al piano di uscita dall edificio; 33 per piani con pavimento a quota al di sopra o al di sotto di più o meno 7,5 m rispetto al piano di uscita dall edificio. Esodo orizzontale progressivo Per i piani del Padiglione B che contengono aree di tipo D, è stata prevista la suddivisione del comparto in due aree in modo da consentire l'esodo orizzontale progressivo. Ciascun compartimento conterrà in situazioni di emergenza, oltre ai suoi normali occupanti, il numero di persone previste per il compartimento adiacente con la capienza più alta, considerando una superficie media di 0,70 mq/persona. Tale superficie è stata elevata a 1,50 mq/persona poiché l'evacuazione dei degenti debba necessariamente avvenire con letti o barelle. Pagina 18

19 Livello Piano Suddivisione comparti area D (superficie mq) Posti Letto Affollamento Superficie per esodo progressivo mq D1 D2 D1 D2 D1 D2 D1+D2 2 terzo x1,5= secondo x1,5= primo x1,5= 144 Tutti i comparti risultano idonei in quanto hanno superficie superiore alla somma delle superfici dei comparti adiacenti. Sistemi di vie d uscita I compartimenti in cui risultano suddivise le aree dell edificio B sono provvisti di un sistema organizzato di vie d'uscita, dimensionato in base al massimo affollamento previsto per i singoli compartimenti in funzione della capacità di deflusso e che adduce verso un luogo sicuro. I percorsi del sistema di vie di uscita comprendono corridoi, vani di accesso alle scale e di uscita all'esterno, scale, rampe e passaggi in genere, avranno in ogni punto larghezza almeno pari a 1,20 metri. Nella predisposizione dei sistemi di vie di uscita sono state tenute presenti le disposizioni vigenti in materia di superamento ed eliminazione delle barriere architettoniche di cui al decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 (supplemento ordinario Gazzetta Ufficiale n. 227 del 27 settembre1996). Lunghezza delle vie d uscita al piano Il percorso di esodo è misurato a partire dalla porta di ciascun locale nonché da ogni punto dei locali ad uso comune, non sarà mai superiore ai 40 m per raggiungere un'uscita su luogo sicuro o su scala di sicurezza esterna; 30 m per raggiungere un'uscita su scala protetta. Nei piani destinati ad aree di tipo D, progettati in modo da garantire l'esodo orizzontale progressivo risulta possibile raggiungere, partendo da qualsiasi punto di un compartimento, un compartimento attiguo od un percorso orizzontale protetto ad esso adducente, con percorsi di lunghezza non superiore a 30 m. Le porte avranno dispositivo di autochiusura. Le porte normalmente aperte avranno un dispositivo di rilascio in caso di incendio. Tutti i materiali avranno caratteristiche di reazione al fumo di classe 0. Caratteristiche delle vie d uscita La larghezza utile delle vie d'uscita deve essere misurata deducendo l'ingombro di eventuali elementi sporgenti con esclusione degli estintori. Tra gli elementi sporgenti non sono considerati Pagina 19

20 quelli posti ad altezza superiore a 2 m ed eventuali corrimano lungo le pareti, con ingombro non superiore ad 8 cm. L'altezza dei percorsi delle vie d'uscita deve essere, in ogni caso, non inferiore a 2 m. I pavimenti ed i gradini non devono avere superfici sdrucciolevoli. E' vietato disporre specchi che possano trarre in inganno sulla direzione dell'uscita. Le porte che si aprono sulle vie di uscita non devono ridurre la larghezza utile delle stesse. Le vie di uscita devono essere tenute sgombre da materiali che possano costituire impedimento al regolare deflusso delle persone. Larghezza delle vie d uscita La larghezza utile delle vie di uscita sarà multipla del modulo di uscita e non inferiore a due moduli (1,20 m). Trattandosi di edificio esistente è ammessa la presenza di uscita con larghezza pari a 0,90 m che verrà computata come un modulo. La misurazione della larghezza delle uscite deve essere eseguita nel punto più stretto della luce. Larghezza totale delle vie d uscita Si avrà, la seguente necessità di moduli, derivante dal calcolo effettuato con la formula: moduli necessari = (max affollamento del piano) / (capacità di deflusso del piano) Livello Piano Posti letto Max Affollamento Moduli richiesti Moduli previsti -2 Seminterrato 96 96/37,5 = 2, Terra /50 = 2, Primo /37,5 = 2, Secondo /37,5 = 2, Terzo /33 = 2, Essendo il padiglione a più di due piani fuori terra il dimensionamento delle vie di fuga verticali tiene conto della somma dell affollamento dei due piani con maggior numero di persone. Massimo affollamento previsto per i due piani: Livello Piano Posti letto Max Affollamento Moduli richiesti Moduli previsti 0 Primo Secondo totale /37,5 = 4, Pagina 20

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain ED. FEBBRAIO 2012 Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Nell ambito edile, la protezione dal

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Protezione antincendio nell edilizia in legno

Protezione antincendio nell edilizia in legno Protezione antincendio nell edilizia in legno Manuale per la progettazione Nozioni di base Soluzioni pratiche Catalogo degli elementi costruttivi La forza naturale della roccia Sommario Progettare una

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Ogni giorno si registrano più di 50 allarmi incendio Pagina 4 Ecco cosa blocca la propagazione di un incendio Pagina 7 Combustibile

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

CIRCOLARE MINISTERO DELL'INTERNO 15 FEBBRAIO 1951, N. 16

CIRCOLARE MINISTERO DELL'INTERNO 15 FEBBRAIO 1951, N. 16 CIRCOLARE MINISTERO DELL'INTERNO 15 FEBBRAIO 1951, N. 16 Norme di sicurezza per la costruzione, l'esercizio e la vigilanza dei teatri, cinematografi e altri locali di spettacolo in genere TITOLO I Capo

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? CEI 64-8 -CAP. 563. CIRCUITI DI ALIMENTAZIONE DEI SERVIZI DI SICUREZZA Parte 563.3: La protezione

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico.

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico. "Esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande: i controlli della Polizia Municipale sulla sorvegliabilità dei locali e sulle uscite di sicurezza" Magg. Centrone dott. Giovanni Comandante

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA DEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE INCENDI

LA NUOVA NORMATIVA DEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE INCENDI LA NUOVA NORMATIVA DEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI DVD PAOLO CICIONE 1 REGOLAMENTI DI PREVENZIONE INCENDI E SEMPLIFICAZIONE DPR 689/ 59 e DPR 37/ 98 e DPR 214/06 e DM 16/02/82 DPR 151/ 11 DVD PAOLO

Dettagli

SEMPLIFICAZIONE PROCEDURE DI PREVENZIONE DI INCENDI DEPOSITI DI G.P.L.

SEMPLIFICAZIONE PROCEDURE DI PREVENZIONE DI INCENDI DEPOSITI DI G.P.L. SEMPLIFICAZIONE PROCEDURE DI PREVENZIONE DI INCENDI DEPOSITI DI G.P.L. DPR 12 aprile 2006 n. 214: Regolamento recante semplificazione delle procedure di prevenzione di incendi relative ai depositi di G.P.L.

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

Norme per l illuminazione di sicurezza

Norme per l illuminazione di sicurezza E C O O S 1 Norme per l illuminazione di sicurezza Informazioni pratiche sull illuminazione di emergenza, segnaletica di sicurezza, tecniche d installazione e protezione antincendio in conformità alle

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli