Ospedale "Cristo Re"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ospedale "Cristo Re""

Transcript

1 ROMA CAPITALE Ospedale "Cristo Re" Ospedale CRISTO RE sito in Roma, Via delle Calasanziane n. 25 PREVENZIONE INCENDI PARERE DI CONFORMITA PROGETTO (D.M. 1/08/2011 n. 151) Relazione Tecnica SEIP srl Engineering & Project Management 2013 Via Tiberio Imperatore Roma Ing. Giovanni Martinazzoli Maggio

2 Sommario Premessa... 4 Descrizione Generale dell attività... 5 Riferimento normativo... 6 CLASSIFICAZIONE DELLE AREE DELLE STRUTTURE SANITARIE... 7 UBICAZIONE... 8 Caratteristiche Costruttive... 9 Padiglione A Padiglione B Padiglione C Padiglione D Padiglione E Padiglione F Padiglione G Locali adibiti a depositi e servizi generali Depositi di sostanze infiammabili Locali adibiti a servizi generali (laboratori di analisi e ricerca, laboratori o locali ove si detengono, impiegano o manipolano sostanze radioattive, lavanderie, sterilizzazione, inceneritori, ecc Impianti di distribuzione dei gas Distribuzione dei gas combustibili Distribuzione dei gas medicali Servizi tecnologici Impianti di condizionamento e ventilazione Mezzi ed impianti di estinzione degli incendi Generalità Estintori Impianto di estinzione incendi Impianti di rivelazione, segnalazione e allarme Generalità Caratteristiche Sistemi di allarme Segnaletica di sicurezza Organizzazione e gestione della sicurezza antincendio Generalità Procedure da attuare in caso di incendio Centro di gestione delle emergenze Informazione e formazione Istruzioni di sicurezza Istruzioni da esporre a ciascun piano Attività specifiche Sala Conferenze Normativa di riferimento D.M. 19 Agosto Strutture e materiali Pagina 2

3 Misure per l evacuazione in caso di emergenza Sistema delle vie di uscita Centrali termiche normativa di riferimento D.M. 12 aprile 1996 Att. 74 Cat. B e C (ex att. 91) Premessa CENTRALE TERMICA Impianto interno di adduzione del gas Gruppo di misurazione Intercettazione Prova di tenuta dell'impianto interno Canale da fumo Canne fumarie Impianto elettrico Mezzi di estinzione degli incendi Segnaletica di sicurezza Esercizio e manutenzione CENTRALE TERMICA Impianto interno di adduzione del gas Gruppo di misurazione Intercettazione Prova di tenuta dell'impianto interno Canale da fumo Canne fumarie Impianto elettrico Mezzi di estinzione degli incendi Segnaletica di sicurezza Esercizio e manutenzione Cucina normativa di riferimento D.M. 12 aprile 1996 Att. 74 Cat. B e C (ex att. 91) Impianto interno di adduzione del gas Gruppo elettrogeno normativa di riferimento D.M. 13 luglio 2011 Att. 49 cat. B (ex att. 64) PREMESSA Sistema di gas combusti Installazione Rischio formazione di atmosfere esplosive Mezzi di estinzione portatili Segnaletica di sicurezza Istanza di Deroga Valutazione del rischio Pagina 3

4 PREMESSA La presente relazione è parte integrante del progetto di Prevenzione Incendi relativo alla struttura sanitaria Ospedale "Cristo Re sito in Via delle Calasanziane, n Roma. Le attività soggette al Certificato di Prevenzione Incendi sono state classificate secondo la nuova normativa, DPR 1 Agosto 2011 n. 151 Regolamento recante semplificazioni della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi. Le attività presenti nella struttura sono: Principale: n. 68 cat. C Ospedali, Case di Cura e simili con più di 100 posti letto (ex attività 86) Secondarie: n. 65 cat. C Locali di pubblico spettacolo o di trattamento in genere con capienza superiore a 100 persone ovvero con superficie lorda > 200 mq (ex attività 93) n. 74 cat. C centrale termica con potenza superiore a 700 kw CT01 (ex attività 91) n. 74 cat. B centrale termica con potenza compresa tra 350 kw e 700 kw CT 02 (ex attività91) n. 74 cat. A cucina utilizzante gas metano con potenza paria a 202 kw (ex attività 91) n. 49 cat. B Gruppo Elettrogeno potenza superiore a 350 kw ed inferiore a 700 kw(ex attività 64) Attività secondarie che rientrano nell attività principale sono: deposito gas medicali depositi ed archivi. In allegato alla presente sono i seguenti elaborati grafici: tav. VVF01 planimetria generale tav. VVF02 identificazione aree e comparti antincendio tav. VVF03 compartimentazione vie di esodo livello -2 tav. VVF04 compartimentazione vie di esodo livello -1 tav. VVF05 compartimentazione vie di esodo livello 0 tav. VVF06 compartimentazione vie di esodo livello 1 tav. VVF07 compartimentazione vie di esodo livello 2 tav. VVF08 compartimentazione vie di esodo livello 3 tav. VVF09 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello -2 tav. VVF10 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello -1 tav. VVF11 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello 0 tav. VVF12 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello 1 tav. VVF13 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello 2 tav. VVF14 impianto rivelazione incendi ed illuminazione emergenza livello 3 tav. VVF15 sezioni con altezze antincendio tav. VVF16 impianto antincendio idranti UNI 45 tav. VVF17 impianto antincendio ubicazione centrali e schema funzionale tav. VVF18 sala conferenze tav. VVF19 cucina tav. VVF20 centrale termica n. 1 tav. VVF21 centrale termica n. 2 tav. VVF22 gruppo elettrogeno. Pagina 4

5 DESCRIZIONE GENERALE DELL ATTIVITÀ Il complesso Ospedale Cristo Re è costituito da più padiglioni all interno di un area delimitata da Via Cardinal Garampi e Via delle Calasanziane in Roma. Sono presenti 7 padiglioni principali più un edificio non di pertinenza dell Ospedale utilizzato dalle Suore ed un corpo di fabbrica seminterrato destinato alle centrali tecnologiche. Parte dei padiglioni sono collegati tra loro tramite percorsi orizzontali ai piani in elevazione e/o ai livelli interrati. Planimetria dell Ospedale La capienza della struttura è di 258 p.l. così suddivisi: posti letto degenze 208 culle reparto neonatale 30 posti letto terapia intensiva 4 posti letto day surgery 16 Pagina 5

6 RIFERIMENTO NORMATIVO La normativa di riferimento per l attività principale è il D.M. 18 settembre 2002 "Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private Titolo III Strutture esistenti che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero e/o in regime residenziale. Ulteriori norme prese a riferimento sono: D.M. 30/11/1983. Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi. DECRETO 4 MAGGIO Disposizioni relative alle modalità di presentazione ed al contenuto delle domande per l'avvio dei procedimenti di prevenzione incendi, nonché all'uniformità dei connessi servizi resi dai comandi provinciali dei vigili del fuoco. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 01 agosto 2011 n 151 Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi. D.M. 10 MARZO Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro. DECRETO del MINISTERO DELL'INTERNO del 3 novembre Disposizioni relative all'installazione ed alla manutenzione dei dispositivi per l'apertura delle porte installate lungo le vie di esodo, relativamente alla sicurezza in caso d'incendio. DECRETO del MINISTERO DELL'INTERNO del 7 gennaio Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili di incendio. DECRETO del MINISTERO DELL'INTERNO - 16/02/2007. Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione. DECRETO del MINISTERO DELL'INTERNO - 9/03/2007. Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti elettrici all'interno degli edifici. D.LVO 81 DEL 09/04/2008. Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. RETE IDRANTI Norma UNI VVF RILEVAZIONE FUMI norma UNI VVF 9795 EN 54. RETE SPRINKLER norma UNI EN D.M. 12 APRILE Pagina 6

7 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi - Lettera Circolare DCPST/A5 prot. n del 31/03/2010 Certificazione della resistenza al fuoco di elementi costruttivi murature. Lettera Circolare Ministero dell Interno n. P1275/4134 del 30/11/2000 Attestazione ed aerazione dei locali di installazione di impianti termici alimentati a gas chiarimenti. D.M. 19 AGOSTO Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo. D.M. 13 LUGLIO Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice o altra macchina operatrice e di unità di cogenerazione a servizio di attività civili, industriali, agricole, artigianali, commerciali e di servizi. D.M. 15 SETTEMBRE Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento ubicati nelle attività soggette a controlli di prevenzione incendi. CLASSIFICAZIONE DELLE AREE DELLE STRUTTURE SANITARIE L Ospedale è accreditato per 258 posti letto. Le aree presenti all interno dell Ospedale sono state individuate in base alle seguenti classificazioni: Tipo A - aree od impianti a rischio specifico, classificati come attività soggette al controllo del C.N.VV.F. ai sensi del D.M. 16/02/1982 (G.U. n. 98, del 9/04/1982) e del D.P.R. 26/05/1959, n. 689 (G.U. n. 212, del 4/09/1959) (impianti di produzione calore, gruppi elettrogeni, cucine, locali assimilabili a pubblico spettacolo.). Tipo B aree a rischio specifico accessibili al solo personale dipendente (laboratori di analisi e ricerca, depositi, lavanderie, ecc.) ubicate nel volume degli edifici destinati, anche in parte, ad aree di tipo C e D. Tipo C aree destinate a prestazioni medico-sanitarie di tipo ambulatoriale (ambulatori, centri specialistici, centri di diagnostica, consultori, ecc.) in cui non è previsto il ricovero. Tipo D aree destinate a ricovero in regime ospedaliero e/o residenziale nonché aree adibite ad unità speciali (terapia intensiva, neonatologia, reparto di rianimazione, sale operatorie, terapie particolari, ecc.). Tipo E aree destinate ad altri servizi pertinenti (uffici amministrativi, scuole e convitti professionali, spazi per riunioni e convegni, mensa aziendale, spazi per visitatori inclusi bar e limitati spazi commerciali). Pagina 7

8 UBICAZIONE Generalità Il complesso sanitario Cristo Re si sviluppa su più edifici realizzati in tempi e con modalità costruttive diverse collegati tra loro mediante percorsi orizzontali. Più in dettaglio gli edifici che costituiscono l ospedale sono: Padiglione A che si sviluppa su 4 livelli, tre fuori terra più un livello seminterrato. L edificio è collegato tramite percorsi orizzontali agli edifici B e D. L altezza antincendio risulta inferiore a 12 metri. L ultimo piano dell edificio è destinato ad alloggio delle Suore Padiglione B che si sviluppa su 5 livelli, quattro fuori terra più un livello seminterrato. L edificio è collegato tramite percorsi orizzontali agli edifici A e D. L altezza antincendio è inferiore a 24 metri Padiglione C che si sviluppa su 4 livelli, tre fuori terra più un livello seminterrato. L edificio è collegato tramite un percorso orizzontale interrato all edificio G/E e ad un edificio non di pertinenza ai piani fuori terra. L edificio ha una altezza antincendio inferiore a 24 metri. Il piano terra dell edificio è destinato ad attività non di pertinenza della struttura sanitaria Padiglione D che si sviluppa su 6 livelli, cinque fuori terra più un livello interrato. Il sesto livello è destinato a refettorio delle Suore. L edificio è collegato tramite percorsi orizzontali agli edifici A e B. L edificio ha una altezza antincendio inferiore a 24 metri Padiglione E che si sviluppa su 1 solo livello interrato ed è destinato a Chiesa ed a sala conferenze. Il padiglione è collegato tramite il corridoio di collegamento agli altri padiglioni. Al di sopra di tale edificio sono presenti manufatti prefabbricati destinati all ufficio tecnico ed all archivio cartelle cliniche Padiglione F che si sviluppa su 2 livelli fuori terra. L edificio ha una altezza antincendio inferiore a 12 metri Padiglione G che si sviluppa su 2 livelli, uno fuori terra ed un livello interrato. In relazione all altimetria dell area i livelli seminterrati dei diversi edifici risultano sullo stesso piano ma non alla stessa quota. Separazioni - Comunicazioni All interno del complesso è presente una sola attività non pertinente e più precisamente una casa di riposo per le Suore presenti nell Istituto. Tale attività interessa il Padiglione C che è destinato in parte alle attività ospedaliere ed in parte a tali attività non accreditate. La comunicazione con tali aree è realizzata tramite filtri a prova di fumo con caratteristiche REI90. Accesso all area La viabilità esterna è caratterizzata da strade di ridotta dimensione che non consentono un agevole accesso ai mezzi di soccorso. Pagina 8

9 Accostamento mezzi di soccorso Pur non essendo richiesta al Titolo III del DM 18/09/2002, la possibilità di accostamento agli edifici delle autoscale dei Vigili del fuoco è assicurata, per gli edifici A, B e D ad almeno una finestra di ogni piano ed al terrazzo di copertura del Padiglione A e del Padiglione B. Essendo i tre edifici collegati tra loro conseguentemente è possibile raggiungere tutti i locali di piano tramite percorsi interni. È inoltre prevista una scala esterna di sicurezza che consente di accedere direttamente ai piani primo e secondo dell edificio A ed una scala esterna che consente di accedere a tutti i livelli dell edificio D conseguentemente è possibile raggiungere attraverso i percorsi interni tutti i livelli degli edifici. Per la restante parte degli edifici l accesso avviene attraverso la viabilità interna dell Ospedale Per l edificio C è presente una scala di sicurezza esterna che consente di raggiungere tutti i piani. L edificio C è tra l altro destinato ad attività di tipo C dove non è previsto il ricovero. Gli altri edifici sono caratterizzati da limitate altezza (1 o 2 piani). CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Resistenza al fuoco 1. Le strutture ed i sistemi di compartimentazione in base al D.M. 22/02/2006 nel caso di edifici esistenti e altezza inferiore a 24m., devono garantire il requisito di resistenza al fuoco pari a R/REI60 per i piani fuori terra e R/REI90 per i piani interrati. Relativamente alle strutture ed ai sistemi di compartimentazione relativi alle singole aree a rischio specifico (centrali termiche, cucina, depositi etc.) si applicano le disposizioni specifiche previste dalle normative. I requisiti di resistenza al fuoco dei singoli elementi strutturali e di compartimentazione saranno valutati in conformità al Decreto del 16/02/2007, alla Lettera Circolare Prot del 15/02/2008 e alla successiva Lettera Circolare Prot del 31/03/2010. Reazione al fuoco 1. I prodotti da costruzione saranno rispondenti al sistema di classificazione europeo di cui al decreto del Ministro dell'interno 10 marzo 2005 (Gazzetta Ufficiale n. 73 del 30 marzo 2005), e saranno installati seguendo le prescrizioni e le limitazioni previste al comma successivo, tenendo conto delle corrispondenze tra classi di reazione al fuoco stabilite dal Decreto del Ministro dell'interno 15 marzo 2005 (Gazzetta Ufficiale n. 73 del 30 marzo 2005). 2. I materiali installati: a. negli atri, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale, nelle rampe, è consentito l'impiego di materiali di classe 1 in ragione del 50% massimo della loro superficie totale (pavimento + pareti + soffitto + proiezioni orizzontali delle scale). Per le restanti parti saranno impiegati materiali di classe 0 (non combustibili). b. in tutti gli ambienti è consentito che le pavimentazioni compresi i relativi rivestimenti siano di classe 2 e che gli altri materiali di rivestimento siano di classe 1 oppure di classe 2 se in presenza di impianti di spegnimento automatico o di smaltimento fumi asserviti ad impianti di rivelazione incendi. c. i materiali di rivestimento combustibili, nonché i materiali isolanti in vista, ammessi nelle varie classi di reazione al fuoco, saranno posti in opera in aderenza agli elementi costruttivi di classe 0 escludendo spazi vuoti o intercapedini. Ferme restando le limitazioni previste Pagina 9

10 alla precedente lettera a), è consentita l'installazione di controsoffitti e di pavimenti sopraelevati nonché di materiali di rivestimento e di materiali isolanti in vista posti non in aderenza agli elementi costruttivi, purché abbiano classe di reazione al fuoco non superiore a 1 o 1-1 e siano omologati tenendo conto delle effettive condizioni di impiego anche in relazione alle possibili fonti di innesco; d. i materiali suscettibili di prendere fuoco su entrambe le facce (tendaggi, ecc.) di nuova installazione saranno di classe di reazione al fuoco non superiore ad 1; e. i materassi saranno di classe 1 IM; f. i materiali isolanti in vista, con componente isolante direttamente esposto alle fiamme, saranno di classe di reazione al fuoco non superiore ad 1. Nel caso di materiale isolante in vista, con componente isolante non esposto direttamente alle fiamme, sono ammesse le classi di reazione al fuoco 0-1, 1-0, 1-1. I materiali isolanti installati all'interno di intercapedini saranno incombustibili. 3. L impiego di prodotti di costruzione per i quali sono prescritti specifici requisiti di reazione al fuoco, deve avvenire conformemente a quanto previsto all art.4 del decreto del Ministro dell interno 10 marzo I restanti materiali non ricompresi fra i prodotti da costruzione devono essere omologati ai sensi del decreto del Ministro dell interno 26 giugno 1984 (Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n.234 del 25 agosto 1984) e successive modifiche ed integrazioni. È consentita la posa in opera di rivestimenti lignei delle pareti e dei soffitti poiché trattati con prodotti vernicianti omologati di classe 1 di reazione al fuoco. Compartimentazione I diversi corpi di fabbrica che costituiscono la struttura ospedaliera sono suddivisi in compartimenti, di superfici non eccedenti quelle indicate nella seguente tabella: Piani Sup. max compartimento sul medesimo livello da Normativa mq. Area tipo C fuori terra REI 90 interrati Area tipo D fuori terra 90 interrati Area tipo E Per aree omogenee 60 fuori terra Aree tipo B Da norma specifica 90 interrati Area tipo B (depositi) Fino a 10 mq REI 30 Fino a 50 mq REI 60 Fino a 500 mq REI 90 Pagina 10

11 Limitazioni alle destinazioni d uso dei locali Non sono presenti locali ubicati a quote comprese tra -7,5 e -10 m al piano di uscita dall edificio nè piani oltre il 2 piano interrato. Ai piani interrati non sono presenti aree destinate a degenza. Le aree tecniche contenenti laboratori di analisi e ricerca ed apparecchiature ad alta energia ubicate ai piani interrati sono separate mediante filtri a prova di fumo dalle vie d accesso ai piani sovrastanti. I locali destinati ad apparecchiature ad alta energia non sono ubicati in contiguità ad aree di tipo D. Pagina 11

12 PADIGLIONE A Caratteristiche costruttive L edificio si sviluppa su 3 piani fuori terra ed un piano seminterrato. Il piano seminterrato è caratterizzato dall avere un affaccio fuori terra. La struttura portante è di tipo in muratura piena con blocchi in tufo con finitura interna ed esterna ad intonaco. I solai sono in laterocemento e la copertura è di tipo piano con terrazzo praticabile. Lo spessore della muratura risulta variabile dal piano seminterrato al piano 4 è variabile tra 40 e 30 cm. Sulla base della classificazione indicata dalla Lettera Circolare Prot 1968 del 15/02/2008 per la definizione delle pareti di muratura portante resistenti al fuoco in edifici esistenti che indicano uno spessore minimo di 17 cm per la R60 e di 25 cm per la R90, i requisiti di resistenza al fuoco risultano soddisfatti. Destinazione d uso e compartimenti Le destinazioni presenti nel Padiglione A sono: piano seminterrato: camera mortuaria (comparto 44 mq) ufficio informatico (comparto 33 mq) depositi (vedi paragrafo specifico) spogliatoi (comparto 76 mq) mensa dipendenti (comparto 130 mq) piano terra: laboratori di analisi (comparto 190 mq) radiologia (comparto 300 mq) uffici cappella (comparto 710 mq) piano primo: sale operatorie (comparto 170 mq) degenze chirurgiche (comparto 950 mq) piano secondo: terapia subintensiva (comparto 185 mq) degenze day hospital (sup. 985 mq) piano terzo: alloggio religiose (comparto 530 mq). Scale L edificio è dotato di due scale di tipo protetto, con caratteristiche di resistenza al fuoco congrue con quanto richiesto dall edificio REI60 ai piani fuori terra e REI90 al piano interrato. È inoltre prevista una scala di sicurezza esterna. Poiché l edificio ha altezza < a 24 m le scale di tipo protetto possono essere a servizio anche delle aree di tipo D. Trattandosi di un edificio esistente oltre alle scale con larghezza minima pari a 1,20 sono presenti scale con larghezza non inferiore a 0,90 m che sono state considerate nel computo delle vie di esodo in misura di un modulo. In particolare una scala che collega il piano seminterrato al piano terra. Pagina 12

13 Le due scale di tipo protetto immettono all esterno in luogo sicuro tramite un percorso protetto al piano terra dell edificio. Tale percorso è stato realizzato prevedendo murature e porte tagliafuoco REI60 sul corridoio di uscita al piano terra. L ultimo livello destinato ad alloggio delle Suore è servito da una sola scala ed utilizza, quale seconda via di esodo, un percorso esterno dal terrazzo a cielo libero per raggiungere la scala di sicurezza esterna dell edificio D. Le rampe delle due scale presenti nel Padiglione A sono rettilinee, hanno non più di quindici gradini mentre per alcuni interpiani sono presenti, due gradini, in luogo dei tre minimi previsti dalla norma. Per tale condizione si richiede deroga. I gradini sono a pianta rettangolare, di alzata e pedata costanti, rispettivamente non superiore a 17 cm e non inferiore a 30 cm. I vani scala saranno dotati di aperture di aerazione su parete esterna e saranno provvisti di aperture di aerazione in sommità di superficie non inferiore ad 1 mq, con sistema di apertura degli infissi comandato sia automaticamente da rivelatori di incendio che manualmente mediante dispositivo posto in prossimità dell entrata alle scale, in posizione segnalata. Le caratteristiche delle scale sono riportate nella seguente tabella: Identificazione Larghezza Tipologia Protezione A1 1,3 Protetta R60/R90 interrato A2 1,3 Protetta R60/R90 interrato A3 1 Protetta R60/R90 interrato A4 2,4 Esterna Ascensori e montacarichi L edificio è dotato di due ascensori ed un montacarichi. Tutti gli ascensori ed i montacarichi avranno il vano corsa di tipo protetto, con caratteristiche di resistenza al fuoco congrue con quanto previsto per l edificio ovvero REI60 ai piani fuori terra e REI90 al piano interrato. Gli ascensori non devono essere utilizzati in caso di incendio non avendo le caratteristiche di ascensori antincendio. Le caratteristiche di ascensori e montacarichi debbono rispondere alle specifiche disposizioni vigenti di prevenzione incendi. Nel caso specifico non essendo possibile per gli ascensori dell edificio A realizzare ai piani un filtro a prova di fumo nonché immettere all esterno con percorso protetto piano si prevede che l esodo dei pazienti in barella potrà avvenire tramite l ascensore antincendio previsto nel Padiglione D collegato ad ogni piano mediante percorsi orizzontali, dove è prevista un area dedicata di 5 mq protetta da un filtro a prova di fumo con resistenza al fuoco pari a REI120. Affollamento Il massimo affollamento é stabilito in: a) aree di tipo B: persone effettivamente presenti incrementate del 20%; b) aree di tipo C: - ambulatori e simili: 0,1 persone/m2; Pagina 13

14 - sale di attesa: 0,4 persone/m2; c) aree di tipo D: - 3 persone per posto letto in strutture ospedaliere; d) aree di tipo E: - uffici amministrativi: 0,1 persone/m2; - spazi per riunioni, mensa aziendale, scuole, convitti e simili: numero dei posti effettivamente previsti; - spazi riservati ai visitatori: 0,4 persone/m2. Capacità di deflusso Ai fini del dimensionamento delle uscite, le capacità di deflusso non devono essere superiori ai seguenti valori: 50 per piani con pavimento a quota compresa tra più o meno un metro rispetto al piano di uscita dall edificio; 37,5 per piani con pavimento a quota compresa tra più o meno 7,5 m rispetto al piano di uscita dall edificio; 33 per piani con pavimento a quota al di sopra o al di sotto di più o meno 7,5 m rispetto al piano di uscita dall edificio. Esodo orizzontale progressivo Tutti i piani che contengono aree di tipo D del Padiglione A, sono stati suddivisi in modo da consentire l'esodo orizzontale progressivo. Per conseguire tale obiettivo ciascun piano è stato suddiviso in tre compartimenti. Ciascun compartimento conterrà in situazioni di emergenza, oltre ai suoi normali occupanti, il numero di persone previste per il compartimento adiacente con la capienza più alta, considerando una superficie media di 0,70 mq/persona. Tale superficie è stata elevata a 1,50 mq/persona poiché l'evacuazione dei degenti deve necessariamente avvenire con letti o barelle. Livello Piano Superfici subcomparti area D (mq) Posti Letto Affollamento superficie per esodo progessivo A-D1 A-D2 A-D3 D1 D2 D3 D1 D2 D3 D1+D2 D2+D3 2 secondo x1,5= 139,5 102x1,5= primo x1,5 = x1,5 = 139,5 Tutti i comparti risultano idonei in quanto hanno superficie superiore alla somma delle superfici dei comparti adiacenti. Pagina 14

15 Sistemi di vie d uscita I compartimenti in cui risultano suddivise le aree presenti nel Padiglione A sono provvisti di un sistema organizzato di vie d'uscita, dimensionato in base al massimo affollamento previsto per i singoli compartimenti in funzione della capacità di deflusso e che adduca verso un luogo sicuro. I percorsi del sistema di vie di uscita comprendono corridoi, vani di accesso alle scale e di uscita all'esterno, scale, rampe e passaggi in genere, avranno in ogni punto larghezza almeno pari a 1,20 metri. Nella predisposizione dei sistemi di vie di uscita sono state tenute presenti le disposizioni vigenti in materia di superamento ed eliminazione delle barriere architettoniche di cui al decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 (supplemento ordinario Gazzetta Ufficiale n. 227 del 27 settembre1996). Lunghezza delle vie d uscita al piano Il percorso di esodo è misurato a partire dalla porta di ciascun locale nonché da ogni punto dei locali ad uso comune, non sarà mai superiore ai 40 m per raggiungere un'uscita su luogo sicuro o su scala di sicurezza esterna; 30 m per raggiungere un'uscita su scala protetta. Nei piani destinati ad aree di tipo D, progettati in modo da garantire l'esodo orizzontale progressivo risulta possibile raggiungere, partendo da qualsiasi punto di un compartimento, un compartimento attiguo od un percorso orizzontale protetto ad esso adducente, con percorsi di lunghezza non superiore a 30 m. Le porte avranno dispositivo di autochiusura. Le porte normalmente aperte avranno un dispositivo di rilascio in caso di incendio. Tutti i materiali avranno caratteristiche di reazione al fumo di classe 0. Caratteristiche delle vie d uscita La larghezza utile delle vie d'uscita deve essere misurata deducendo l'ingombro di eventuali elementi sporgenti con esclusione degli estintori. Tra gli elementi sporgenti non sono considerati quelli posti ad altezza superiore a 2 m ed eventuali corrimano lungo le pareti, con ingombro non superiore ad 8 cm. L'altezza dei percorsi delle vie d'uscita deve essere, in ogni caso, non inferiore a 2 m. I pavimenti ed i gradini non devono avere superfici sdrucciolevoli. E' vietato disporre specchi che possano trarre in inganno sulla direzione dell'uscita. Le porte che si aprono sulle vie di uscita non devono ridurre la larghezza utile delle stesse. Le vie di uscita devono essere tenute sgombre da materiali che possano costituire impedimento al regolare deflusso delle persone. Larghezza delle vie d uscita La larghezza utile delle vie di uscita sarà multipla del modulo di uscita e non inferiore a due moduli (1,20 m). Trattandosi di edificio esistente è ammessa la presenza di uscita con larghezza pari a 0,90 m che verrà computata come un modulo. La misurazione della larghezza delle uscite deve essere eseguita nel punto più stretto della luce. Pagina 15

16 Larghezza totale delle vie d uscita Si avrà, la seguente necessità di moduli, derivante dal calcolo effettuato con la formula: moduli necessari = (max affollamento del piano) / (capacità di deflusso del piano) Livello Piano Max Affollamento Moduli richiesti Moduli previsti -1 Seminterrato 50 50/37,5 = 1, Terra /37,5 = 2, Primo (46 p.l.) /37,5 = 3, Secondo(48 p.l.) /33 = 4, terzo 53 53/33 = 1,6 2 6 Essendo il padiglione a più di due piani fuori terra il dimensionamento delle vie di fuga verticali tiene conto della somma dell affollamento dei due piani con maggior numero di persone. Massimo affollamento previsto per i due piani: Livello Piano Max Affollamento Moduli richiesti Moduli previsti 1 Primo (46 p.l.) Secondo (48 p.l.) 144 totale /37,5 = 7, Poiché le scale hanno un numero di moduli totali pari a 8 la verifica dell esodo verticale risulta positiva. Pagina 16

17 PADIGLIONE B Caratteristiche costruttive L edificio si sviluppa su 4 piani fuori terra ed un piano seminterrato. Il piano seminterrato è caratterizzato dall avere un affaccio fuori terra sulla rampa di accesso ai piani del livello seminterrato (livello -2). La struttura portante è di tipo in cemento armato con travi e pilastri e pareti in laterizio a doppia parete. La finitura esterna è ad intonaco. I solai sono in laterocemento e la copertura è di tipo piano con terrazzo praticabile. Là dove la struttura in c.a. (travi e pilastri) non rispetti i valori di protezione dei ferri indicati dal DM 16/02/2007 si provvederà alla placcatura con intonaco antincendio o pannelli in calcio silicato. Destinazione d uso e compartimenti Le destinazioni presenti nel Padiglione B sono: piano seminterrato: ambulatori (comparto 580 mq) medicina nucleare (comparto 160 mq) piano terra: ambulatori (comparto 729 mq) piano primo: degenze maternità ginecologia (comparto 549 mq) piano secondo: degenze ortopedia urologia (comparto 549 mq) piano terzo: degenze paganti (comparto 549 mq). Scale L edificio è dotato di una scala di tipo a prova di fumo in comune con l edificio D, due scale protette, con caratteristiche di resistenza al fuoco congrue con quanto richiesto dall edificio REI60 ai piani fuori terra e REI90 al piano interrato. Poiché l edificio ha altezza < ai 24 m le scale di tipo protetto possono servire anche gli edifici destinati ad aree di tipo D. Le scale immettono in luoghi sicuri all esterno dell edificio. Le rampe della scala principale sono rettilinee, hanno non meno di 3 gradini e non più di quindici. La scala in comune con l edificio D a prova di fumo ha una rampa intermedia con due gradini in luogo dei tre previsti dalla normativa, di tale situazione si richiede deroga. I gradini sono a pianta rettangolare, di alzata e pedata costanti, rispettivamente non superiore a 17 cm e non inferiore a 30 cm. I vani scala saranno dotati di aperture di aerazione su parete esterna, e saranno provvisti di aperture di aerazione in sommità di superficie non inferiore ad 1 mq, con sistema di apertura degli infissi comandato sia automaticamente da rivelatori di incendio che manualmente mediante dispositivo posto in prossimità dell entrata alle scale, in posizione segnalata. Identificazione Larghezza Tipologia Protezione B1 1,4 Protetta R60/R90 interrato B2 0,9 Protetta R60/R90 interrato D1 1,2 Prova di fumo R60/R90 interrato Pagina 17

18 Ascensori e montacarichi Il padiglione è dotato di due ascensori e di un montacarichi. Tutti gli ascensori ed i montacarichi avranno il vano corsa di tipo protetto, con caratteristiche di resistenza al fuoco congrue con quanto previsto per l edificio ovvero REI60 ai piani fuori terra e REI90 al piano interrato. Le caratteristiche di ascensori e montacarichi debbono rispondere alle specifiche disposizioni vigenti di prevenzione incendi. Affollamento Il massimo affollamento é stabilito in: a) aree di tipo B: persone effettivamente presenti incrementate del 20%; b) aree di tipo C: - ambulatori e simili: 0,1 persone/m2; - sale di attesa: 0,4 persone/m2; c) aree di tipo D: - 3 persone per posto letto in strutture ospedaliere; d) aree di tipo E: - uffici amministrativi: 0,1 persone/m2; - spazi per riunioni, mensa aziendale, scuole, convitti e simili: numero dei posti effettivamente previsti; - spazi riservati ai visitatori: 0,4 persone/m2. Capacità di deflusso Ai fini del dimensionamento delle uscite, le capacità di deflusso non devono essere superiori ai seguenti valori: 50 per piani con pavimento a quota compresa tra più o meno un metro rispetto al piano di uscita dall edificio; 37,5 per piani con pavimento a quota compresa tra più o meno 7,5 m rispetto al piano di uscita dall edificio; 33 per piani con pavimento a quota al di sopra o al di sotto di più o meno 7,5 m rispetto al piano di uscita dall edificio. Esodo orizzontale progressivo Per i piani del Padiglione B che contengono aree di tipo D, è stata prevista la suddivisione del comparto in due aree in modo da consentire l'esodo orizzontale progressivo. Ciascun compartimento conterrà in situazioni di emergenza, oltre ai suoi normali occupanti, il numero di persone previste per il compartimento adiacente con la capienza più alta, considerando una superficie media di 0,70 mq/persona. Tale superficie è stata elevata a 1,50 mq/persona poiché l'evacuazione dei degenti debba necessariamente avvenire con letti o barelle. Pagina 18

19 Livello Piano Suddivisione comparti area D (superficie mq) Posti Letto Affollamento Superficie per esodo progressivo mq D1 D2 D1 D2 D1 D2 D1+D2 2 terzo x1,5= secondo x1,5= primo x1,5= 144 Tutti i comparti risultano idonei in quanto hanno superficie superiore alla somma delle superfici dei comparti adiacenti. Sistemi di vie d uscita I compartimenti in cui risultano suddivise le aree dell edificio B sono provvisti di un sistema organizzato di vie d'uscita, dimensionato in base al massimo affollamento previsto per i singoli compartimenti in funzione della capacità di deflusso e che adduce verso un luogo sicuro. I percorsi del sistema di vie di uscita comprendono corridoi, vani di accesso alle scale e di uscita all'esterno, scale, rampe e passaggi in genere, avranno in ogni punto larghezza almeno pari a 1,20 metri. Nella predisposizione dei sistemi di vie di uscita sono state tenute presenti le disposizioni vigenti in materia di superamento ed eliminazione delle barriere architettoniche di cui al decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 (supplemento ordinario Gazzetta Ufficiale n. 227 del 27 settembre1996). Lunghezza delle vie d uscita al piano Il percorso di esodo è misurato a partire dalla porta di ciascun locale nonché da ogni punto dei locali ad uso comune, non sarà mai superiore ai 40 m per raggiungere un'uscita su luogo sicuro o su scala di sicurezza esterna; 30 m per raggiungere un'uscita su scala protetta. Nei piani destinati ad aree di tipo D, progettati in modo da garantire l'esodo orizzontale progressivo risulta possibile raggiungere, partendo da qualsiasi punto di un compartimento, un compartimento attiguo od un percorso orizzontale protetto ad esso adducente, con percorsi di lunghezza non superiore a 30 m. Le porte avranno dispositivo di autochiusura. Le porte normalmente aperte avranno un dispositivo di rilascio in caso di incendio. Tutti i materiali avranno caratteristiche di reazione al fumo di classe 0. Caratteristiche delle vie d uscita La larghezza utile delle vie d'uscita deve essere misurata deducendo l'ingombro di eventuali elementi sporgenti con esclusione degli estintori. Tra gli elementi sporgenti non sono considerati Pagina 19

20 quelli posti ad altezza superiore a 2 m ed eventuali corrimano lungo le pareti, con ingombro non superiore ad 8 cm. L'altezza dei percorsi delle vie d'uscita deve essere, in ogni caso, non inferiore a 2 m. I pavimenti ed i gradini non devono avere superfici sdrucciolevoli. E' vietato disporre specchi che possano trarre in inganno sulla direzione dell'uscita. Le porte che si aprono sulle vie di uscita non devono ridurre la larghezza utile delle stesse. Le vie di uscita devono essere tenute sgombre da materiali che possano costituire impedimento al regolare deflusso delle persone. Larghezza delle vie d uscita La larghezza utile delle vie di uscita sarà multipla del modulo di uscita e non inferiore a due moduli (1,20 m). Trattandosi di edificio esistente è ammessa la presenza di uscita con larghezza pari a 0,90 m che verrà computata come un modulo. La misurazione della larghezza delle uscite deve essere eseguita nel punto più stretto della luce. Larghezza totale delle vie d uscita Si avrà, la seguente necessità di moduli, derivante dal calcolo effettuato con la formula: moduli necessari = (max affollamento del piano) / (capacità di deflusso del piano) Livello Piano Posti letto Max Affollamento Moduli richiesti Moduli previsti -2 Seminterrato 96 96/37,5 = 2, Terra /50 = 2, Primo /37,5 = 2, Secondo /37,5 = 2, Terzo /33 = 2, Essendo il padiglione a più di due piani fuori terra il dimensionamento delle vie di fuga verticali tiene conto della somma dell affollamento dei due piani con maggior numero di persone. Massimo affollamento previsto per i due piani: Livello Piano Posti letto Max Affollamento Moduli richiesti Moduli previsti 0 Primo Secondo totale /37,5 = 4, Pagina 20

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

Ministero dell 'Interno. COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - POTENZA audere in ardore DISPENSA

Ministero dell 'Interno. COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - POTENZA audere in ardore DISPENSA Edizione: Ottobre 2002 Ministero dell 'Interno COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - POTENZA audere in ardore DISPENSA STRUTTURE SANITARIE E STRUTTURE RICETTIVE PER ANZIANI D.M. 18.9.2002 Entrata in vigore:

Dettagli

Relatore: Ing. Luigi Abate

Relatore: Ing. Luigi Abate Le soluzioni di mitigazione del rischio incendio per le strutture sanitarie alla luce del nuovo disposto normativo Evoluzione Normativa: dal DM 18.09.2002 al DM 19.03.2015 «UTILITA SOCIALE DEL NUOVO DECRETO

Dettagli

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO Settore Patrimonio e Demanio Servizi Progettazione Manutenzione Fabbricati Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295111 Fax 0341.295444 AMPLIAMENTO I.P.S.S.C.T.S. G. FUMAGALLI IN CASATENOVO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia Decreto del Ministero dell Interno 18 settembre 2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DM 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere esistenti di cui al decreto 9 aprile

Dettagli

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 APPROVAZIONE DELLA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attivita' ricettive turistico-alberghiere esistenti

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI dott. ing. Emilio Milano pagina 1 COS E LA PREVENZIONE INCENDI Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139 - Capo III - Art. 13 (S.O.G.U. Serie

Dettagli

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Articolo 1 Campo di applicazione d) auditori e sale convegno; Allegato REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

Dettagli

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA La relazione tecnica è redatta a dimostrazione dell'osservanza

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.148 del 27.06.1987

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

TITOLO III STRUTTURE ESISTENTI CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME DI RICOVERO OSPEDALIERO E/O IN REGIME RESIDENZIALE A CICLO CONTINUATIVO E/O DIURNO

TITOLO III STRUTTURE ESISTENTI CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME DI RICOVERO OSPEDALIERO E/O IN REGIME RESIDENZIALE A CICLO CONTINUATIVO E/O DIURNO ALLEGATO I TITOLO III STRUTTURE ESISTENTI CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME DI RICOVERO OSPEDALIERO E/O IN REGIME RESIDENZIALE A CICLO CONTINUATIVO E/O DIURNO 13 - DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI 13.1 -

Dettagli

Il testo riportato è aggiornato con l emanazione del D.M. 16 febbraio 1982 che ha sostituito il D.M. 27 settembre 1965

Il testo riportato è aggiornato con l emanazione del D.M. 16 febbraio 1982 che ha sostituito il D.M. 27 settembre 1965 Circolare n 75 del 03/07/1967 Criteri di prevenzione incendi per grandi magazzini, empori, ecc. TESTO COORDINATO E' noto che al n. 87 del Decreto Interministeriale del 16 febbraio 1982, emanato ai sensi

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI*

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI A distanza di più di vent anni dall emanazione delle norme di prevenzione

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

Art. 3 Disposizioni tecniche

Art. 3 Disposizioni tecniche MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 18 SETTEMBRE 2002 (G. U. n. 227 del 27 settembre 2002) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015

Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015 Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015 LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE NEL REGIME TRANSITORIO Ing. Rosario Caccavo Direttore vice dirigente Comando Provinciale Vigili del fuoco Viterbo rosario.caccavo@vigilfuoco.it

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero dell Interno 22 febbraio 2006 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici.

Dettagli

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile DECRETO MINISTERO DELL INTERNO 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2 marzo 2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO IL MINISTRO DELLA SALUTE IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL INTERNO IL MINISTRO DELLA SALUTE IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 19 marzo 2015. Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private di cui al decreto 18 settembre

Dettagli

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Centri commerciali e locali di vendita Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it Gli esercizi commerciali sono luoghi frequentati quotidianamente da

Dettagli

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2/03/2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RAGUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RAGUSA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RAGUSA DIRETTORE GENERALE Dott. Maurizio ARICO' DIRETTORE DEL SERVIZIO TECNICO Ing. Lorenzo APRILE PROGETTO DELL'INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLA CENTRALE DI SUB-STERILIZZAZIONE

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 18 settembre 2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private.

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 19 marzo 2015 Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private di

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987 DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n 246 Gazzetta Ufficiale n 148 del 27 giugno 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre

Dettagli

L ATTIVITA OSPEDALIERA E SICURAMENTE DA COLLOCARE FRA QUELLE CON ALTO PROFILO DI RISCHIO PER I SEGUENTI MOTIVI:

L ATTIVITA OSPEDALIERA E SICURAMENTE DA COLLOCARE FRA QUELLE CON ALTO PROFILO DI RISCHIO PER I SEGUENTI MOTIVI: LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI OSPEDALI 1. LA PROBLEMATICA OSPEDALIERA L ATTIVITÀ OSPEDALIERA È CONTEMPLATA AL N. 86 DELL ELENCO ANNESSO AL D.M. 16.02.1982.. IN UNA ATTIVITÀ OSPEDALIERA GENERALMENTE POSSIAMO

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia AZIENDA USL 3 PISTOIA ZONA DISTRETTO VALDINIEVOLE Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE PER LIVELLI DI ASSISTENZA DEL PRESIDIO LAVORI DI SPOSTAMENTO DEL PRONTO

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Le gestione della sicurezza antincendio nelle fasi di adeguamento

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

4.b) Criteri utilizzati per procedere alla valutazione dei rischi di incendio.

4.b) Criteri utilizzati per procedere alla valutazione dei rischi di incendio. RELAZIONE SPECIALISTICA ANTINCENDIO OSTELLO DELLA GIOVENTU 1) - PREMESSA. La presente relazione, redatta ai sensi del DECRETO MINISTERIALE 9 aprile 1994 (G.U. n. 95 del 26/4/1994) - APPROVAZIONE DELLA

Dettagli

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari I SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. GENERALITÀ... 3 2.1. SCOPO... 3 2.2. DESTINAZIONE D USO... 3 2.3. CLASSIFICAZIONE... 4 3. UBICAZIONE... 4 3.1. GENERALITÀ... 4 3.2. ACCESSO ALL AREA... 4 4. SEPARAZIONI -

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

Il Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, in in collaborazione con la Direzione Centrale per la la

Il Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, in in collaborazione con la Direzione Centrale per la la Il Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, in in collaborazione con la Direzione Centrale per la la Prevenzione e la e Sicurezza la Sicurezza Tecnica Tecnica del Corpo del Corpo Nazionale Nazionale dei

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETO 22 febbraio 2006 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici. GU n. 51 del 2-3-2006 IL

Dettagli

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI Disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico - alberghiere, con numero di posti letto superiore a 25 e fino a 50, esistenti alla data di

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 22 febbraio 2006 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio di edifici e/ o locali destinati ad uffici.

Dettagli

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1 1 Edilizia scolastica e sicurezza nella scuola: lo stato degli adempimenti Le 10.798 scuole statali sono dislocate in 41.328 edifici ove studiano e lavorano oltre 10 milioni di persone. Come si sa, ai

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO UFFICI D.M.

TESTO COORDINATO E COMMENTATO UFFICI D.M. TESTO COORDINATO E COMMENTATO UFFICI D.M. 22 febbraio 2006 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero dell interno 26 agosto 1992 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 16 settembre 1992) IL MINISTRO DELL INTERNO Vista

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 22 Febbraio 2006 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici. Data Emanazione: 22/02/2006

Dettagli

Comando Provinciale Vigili del Fuoco P E R U G I A. Asili Nido

Comando Provinciale Vigili del Fuoco P E R U G I A. Asili Nido Comando Provinciale Vigili del Fuoco P E R U G I A Asili Nido D.P.R. 151/2011 Att.67 Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie con oltre 100 persone presenti; Asili nido con oltre 30 persone

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

FF 11 ATP PROGETTO ANTINCENDIO - RELAZIONE TECNICA ELABORATI DI RIFERIMENTO STATO DELLE REVISIONI ROMA. Via di Grottarossa, 1035/1039

FF 11 ATP PROGETTO ANTINCENDIO - RELAZIONE TECNICA ELABORATI DI RIFERIMENTO STATO DELLE REVISIONI ROMA. Via di Grottarossa, 1035/1039 COMUNE DI INDIRIZZO ROMA VOLUME PROGRESSIVO FF 11 PROGETTO PROGETTO LAVORI DI ADEGUAMENTO PREVENZIONE INCENDI AZIENDA OSPEDALIERA SANT'ANDREA SCALA FOGLI NTS FORMATO DATA EMISSIONE A4 44 30/01/2014 ELABORATO

Dettagli

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010)

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010) MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE

Dettagli

ANTEPRIMA. NEWS Milano Via Grandi, 29 20090 Vimodrone (MI) Tel. 0039 02 250 341. Prevenzione incendi: novità per gli uffici. periodico di informazione

ANTEPRIMA. NEWS Milano Via Grandi, 29 20090 Vimodrone (MI) Tel. 0039 02 250 341. Prevenzione incendi: novità per gli uffici. periodico di informazione ANTEPRIMA del Gruppo Silaq Anno 4 n 2 - Settembre 2006 NEWS Milano Via Grandi, 29 20090 Vimodrone (MI) Tel. 0039 02 250 341 periodico di informazione Torino Via Chambery, 119 10142 Torino (TO) Tel. 0039

Dettagli

Roma, 27 luglio 2010 Il Ministro: Maroni

Roma, 27 luglio 2010 Il Ministro: Maroni D.M. 27 luglio 2010 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio delle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq (GU n. 187 del

Dettagli

UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (D.M. 22/02/2006)

UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (D.M. 22/02/2006) UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (DM 22/02/2006) Michele Messina Consulente di sicurezza Vice Presidente AIPROS Nell ultimo decennio, in epoca postindustriale, il settore dei servizi ha

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti

Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti DPR 151/11 attività soggette a controllo VV.F. Attività n 67 Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti Asili nido con oltre 30 persone presenti DPR

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 27 luglio 2010 (1). Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio delle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (2) (1) Pubblicato

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE UNIVERSITA PISA SCIENZA E TECNICA DELLA PREVENZIONE INCENDI LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE PISA, 28/03/2015 Dr Ing Fabio Bernardi Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. Aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico - alberghiere con numero di posti letto superiore a 25 e fino a 50, esistenti alla data di entrata in vigore

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Gli impianti di ascensori Ing. G. Sola 1 File: ascensori Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 28 novembre 2005 Attività specifica

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. Il Ministro

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI BARI - "ASL BA PROGETTAZIONE PRELIMINARE E DEFINITIVA CLINICO GESTIONALE DELL'INTERVENTO DI REALIZZAZIONE DEL NUOVO OSPEDALE MONOPOLI - FASANO

Dettagli

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA Materiale Il componente (o i componenti variamente associati) che può (o possono) partecipare alla combustione

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO:

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: Dal progetto alla gestione Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: elementi tecnici e aspetti procedurali alla luce della Nuova Regola Tecnica di Prevenzione incendi per i Centri Commerciali di Mario

Dettagli

4 - TERMINI,DEFINIZIONI E TOLLERANZE DIMENSIONALI

4 - TERMINI,DEFINIZIONI E TOLLERANZE DIMENSIONALI C.C.T.S.P.I. - Comitato Centrale Tecnico Scientifico di Prevenzione Incendi ESTRATTO DALLA BOZZA DI REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA COSTRUZIONE E L ESERCIZIO DI OSPEDALI, CASE DI CURA E SIMILI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 26 agosto 1992 (G. U. n. 218 del 16 settembre 1992) Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica IL MINISTRO DELL INTERNO VISTA la legge 27 dicembre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SISTEMAZIONE ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA SISTEMAZIONE ANTINCENDIO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA SISTEMAZIONE ANTINCENDIO La presente relazione si riferisce, in relazione alle attuali normative antinfortunistiche e di prevenzione incendi,

Dettagli