RELAZIONE VV.FF. APPROVATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE VV.FF. APPROVATA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO Appalto Concorso per la fornitura di arredi, impianti e attrezzature per l allestimento dell Aula Magna della Università degli Studi del Piemonte Orientale presso la Facoltà di Scienze M.F.N. sita in Via Bellini, n. 25/g- Alessandria RELAZIONE VV.FF. APPROVATA Il Rettore Prof. Paolo Garbarino Il Responsabile del Procedimento Arch. Laura Gili Vercelli, maggio 2007 Via Duomo, Vercelli Tel. 0161/ Fax 0161/210729

2

3 INDICE 0 Premesse. 1. Variante al Lotto A. 1.1 Elenco tavole. 1.2 Classificazione dell edificio e compartimentazione rispetto ad altre attività. 1.3 Accessi. 1.4 Separazioni. 1.5 Comportamento al fuoco delle strutture. 1.6 Materiali di rivestimento e arredo. 2. Sezionamenti. 2.1 Compartimentazioni. 2.2 Scale. 2.3 Ascensori e montacarichi. 3. Misure per l evacuazione in caso di emergenza. 3.1 Affollamento. 3.2 Capacità di deflusso. 3.3 Sistema di vie di esodo. 3.4 Lunghezza delle vie di esodo. 3.5 Larghezza totale delle uscite di ogni piano. 4. Spazi a rischio specifico. 4.1 Deposito. 4.2 Aula Magna. 5. Impianti elettrici. 5.1 Impianto elettrico d emergenza. 5.2 Sistemi di allarme. 6. Mezzi ed impianti fissi di protezione ed estinzione incendi. 6.1 Rete idranti. 6.2 Estintori. 6.3 Impianti fissi di rilevazione incendi e gas. 7. Segnaletica di sicurezza. 8. Norme di esercizio. 9. Leggi e norme di riferimento. 10. Parere di Conformità al Progetto Preliminare. Relazione VVFF 1

4 0. PREMESSE ALLA RICHIESTA DI PARERE DI CONFORMITA PER LA VARIANTE DI PROGETTO RELATIVA AL SOLO LOTTO A. La richiesta di parere per la sicurezza e prevenzione incendi discende dall applicazione dell art. 81. del D.P.R. n 616 del che recita al 2 comma: Per le opere da eseguirsi da Amministrazioni Statali omissis l accertamento della conformità alle prescrizioni delle norme e dei piani urbanistici ed edilizi omissis è fatta dallo Stato d intesa con la Regione interessata, omissis che deve comunque sentire preventivamente gli Enti Locali nel cui territorio sono previsti gli interventi: in questo caso specifico Comune, ASL e VVF. Nel caso specifico il progetto definitivo dei tre Lotti venne approvato dal Comitato Tecnico Amministrativo in data con parere favorevole del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Alessandria, prot. 330 del 10/01/2000. L intervento previsto in 3 Lotti distinti A, B e C è attualmente in costruzione. In particolare sono in fase di realizzazione i Lotti B e C mentre il Lotto A è ancora da appaltare. Per la predisposizione del progetto esecutivo del Lotto A da appaltare, l Università ha richiesto alcune variazioni al progetto definitivo approvato e precisamente: - aumento della capienza dell Aula Magna da 250 a 450 persone e destinazione a locale di pubblico spettacolo (attività n 83 di cui al D.M. n. 098 del ); - riduzione dello spazio e del volume destinato al deposito libri che passa da mq 180 a mq 140 e da mc a mc 540; - formazione di un secondo alloggio custode. A causa di tali richieste l Università, in accordo con il Provveditorato per le Opere Pubbliche per il Piemonte e la Valle d Aosta, ha reputato di dover ripetere l iter approvativo del progetto definitivo per quanto attiene il Lotto A: perciò è necessario acquisire, prima della seduta del Comitato Tecnico Amministrativo, i pareri di tutti gli Enti chiamati a verificare che l intervento sia conforme alle norme urbanistiche, igienico-sanitarie e di sicurezza antincendio. L insediamento universitario in oggetto, realizzato in Alessandria nel quartiere denominato Orti ed ubicato nella periferia a settentrione del concentrico storico di Alessandria, occupa l area dell ex Foro Boario. Il lotto su cui avviene l edificazione è delimitato a nord da via Vinzaglio, a sud da viale Teresa Michel e piazza Perosi, ad ovest da via Bellini ed a est da via Rossini; ha forma rettangolare, ove il rapporto tra i lati è quasi 1 a 2; la superficie complessiva è di circa mq. L insediamento universitario, di cui è parte il lotto A, non è contiguo a nessuna diversa attività, occupa una superficie coperta di circa mq , con una capienza complessiva di 1730 persone, ed è destinato ad ospitare: LOTTO A: Presidenza e servizi generali di Facoltà., Aula Magna, Biblioteca di Facoltà; LOTTO B: spazi per la didattica (aule, laboratori didattica, locali di studio e per attività studentesche, aula magna); LOTTO C: spazi dipartimentali (studi, laboratori di ricerca, servizi generali di dipartimento). Relazione VVFF 2

5 1. VARIANTE AL LOTTO A. 1.1 Elenco tavole - Tav. 01: pianta piano terra - Tav. 02: pianta piano primo - Tav. 03: pianta piano secondo - Tav. 04: pianta piano terzo - Tav. 05: pianta piano tecnico - Tav. 06: sezioni Negli elaborati grafici di progetto, sono riportate le destinazioni d uso dei singoli o gruppi di locali. 1.2 Classificazione dell edificio e compartimentazione rispetto ad altre attività. L edificio è classificato quale edificio di tipo 5: scuole con numero di presenze contemporanee oltre le persone. Con riferimento alla scelta dell area non sono presenti nelle immediate vicinanze attività che comportino gravi rischi di incendio/esplosione. In linea generale rientra tra le attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco di cui al D.M , quale attività n Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti ed in particolare per quanto attiene l Aula Magna quale attività n. 83 Locali di spettacolo e di trattenimento in genere con capienza superiore ai 100 posti. Premesso quanto sopra la variante al progetto è stata predisposta sulla base delle norme di sicurezza previste dal D. Min. Int. 26 agosto 1992 che integra e recepisce quanto previsto da: Legge , n. 1570; Legge , n. 469, art. 1-2; Legge , n. 966, art. 2; D.P.R , n. 577, art In particolare per l Aula Magna la variante al progetto recepisce il D.M. del La presente relazione viene pertanto redatta al fine di: a) illustrare tutte le principali misure e gli apprestamenti di sicurezza che si intendono adottare per la prevenzione degli incendi e la sicurezza delle persone; b) dimostrare che le misure, i provvedimenti e gli accorgimenti operativi di cui al precedente punto a) consentono di garantire un grado di sicurezza equivalente a quello richiesto dai criteri generali di prevenzione incendi di cui all art. 3 del D.P.R. m. 577/1982 e da altre norme specifiche di prevenzione incendi vigenti; c) rendere evidente che, oltre ciò, saranno garantiti i requisiti essenziali stabiliti per gli edifici e le opere di ingegneria civile all Allegato 1 della Direttiva 89/106 CEE relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli stati membri concernenti i prodotti da Relazione VVFF 3

6 costruzione, in particolare per quanto attiene al requisito sicurezza in caso di incendio oltrechè della circolare del Ministro dell Interno n. 91 del Data la complessità dell opera in progetto, nell ambito di una realizzazione che possa garantire in totale sicurezza eventuali futuri ampliamenti, trasformazioni e rilocalizzazioni delle attività, è doveroso, prima di illustrarne le caratteristiche, elencare ed evidenziare i principi ed i requisiti fondamentali di sicurezza che saranno conferiti ai vari ambienti costituenti l opera affinchè la medesima risulti fruibile in sicurezza e possieda, sia nelle sue singole parti che nell insieme, i requisiti di cui ai precedenti punti a), b) e c). Trattasi, in particolare: 1. della realizzazione di un sistema organizzato di vie di esodo dinamiche che consentono agevolmente di raggiungere luoghi sicuri da cui si accede alle scale a prova di fumo interne; 2. della costituzione dell organizzazione interna preposta alle attività di protezione e di prevenzione, richiesta dalla Legge 626/94, concernente l attuazione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul posto di lavoro, anche ai fini di lotta antincendio e di evacuazione dei lavoratori, composta da un congruo numero di lavoratori appositamente addestrati ed equipaggiati; 3. dell impiego di materiale di arredo conformi al D.M ed al D.M e comunque con classe di reazione al fuoco non superiore alla classe 1; 4. della realizzazione, in accordo con la già citata Legge 626/94, di un affidabile piano di emergenza da attuare in presenza di un evento incidentale; 5. della realizzazione di un accurato programma di manutenzione degli impianti di sicurezza e di prevenzione. 1.3 Accessi. Dal parcheggio a piano terra, servito attraverso 4 accessi carrabili e pedonali situati sulle vie Bellini, Vinzaglio e Rossigni ed appartenenti ai lotti in fase di costruzione si accede ai piani del lotto A, in condizioni di ordinario funzionamento, a mezzo di scale ed ascensori dotati di filtri a prova di fumo, sfocianti in ulteriori zone calme separate dai corridoi di distribuzione da strutture REI 90. Su piazza Perosi è collocato l ingresso principale esclusivamente pedonale, da cui si raggiungono, attraverso una rampa elicoidale con pendenza minore 8%, la Presidenza, i Servizi Generali di Facoltà e l Aula Magna. Per i portatori di handicap è prevista una piattaforma elevatrice che consente loro di raggiungere la Presidenza, i Servizi Generali di Facoltà e l Aula Magna. L intervento dei mezzi dei Vigili del Fuoco è assicurato da un accesso (od uscita) situato sulla via Bellini, che consente di raggiungere i tre cortili centrali, presenti nei lotti A, B e C, garantendo così l accostamento delle autoscale a tutti i corpi di fabbrica, compresi quelli trasversali di collegamento. L uscita o l ingresso su via Bellini appartiene al sistema di accesso e di uscita dei mezzi dei VV.FF. previsto nel progetto generale. L accesso (uscita) ha i seguenti requisiti minimi: larghezza: 3.50 m. Relazione VVFF 4

7 altezza libera: 4 m. raggio di volta: 13 m. pendenza: non superiore al 10% resistenza al carico: almeno 20 tonnellate (8 sull asse anteriore e 12 su quello posteriore); 1.4 Separazioni. Al fine di garantire la massima sicurezza sono realizzate zone sicure separate con strutture REI 90 in corrispondenza delle tre vie di esodo principali (scale a prova di fumo). Tutte le aperture occorrenti su queste separazioni per il passaggio di condutture, tubazioni e simili saranno dotate di serrande tagliafuoco ovvero di sistemi atti ad impedire la propagazione del fuoco e del fumo in caso di incendio. Gli alloggi per i custodi hanno accesso indipendente da area a cielo libero e sono separati dai locali pertinenti l attività scolastica con murature aventi caratteristiche R Comportamento al fuoco delle strutture. Avendo un altezza antincendio inferiore a m. 24, tutte le strutture portanti del Lotto A hanno resistenza al fuoco pari a R60 (orizzontamenti) e REI 60 (strutture separanti), fatta eccezione per il solaio sovrastante il parcheggio e il solaio di copertura del deposito libri che hanno resistenza al fuoco pari a R120 e per le murature delimitanti il deposito libri, pari a REI120. Le caratteristiche costruttive delle strutture relative a dimensionamenti delle medesime, ricoprimenti delle armature, eventuali intonaci protettivi, vernici intumescenti e quanto altro necessario per conferire e garantire alle strutture il sopraccitato tempo di resistenza, saranno oggetto di apposita documentazione tecnico-illustrativa che sarà fornita dai costruttori e prodotta in sede di sopralluogo di controllo. In particolare le verifiche sulla resistenza al fuoco delle strutture saranno effettuate seguendo le norme UNI VV.FF per le strutture in c.a. e le norme UNI VV.FF per quelle in acciaio. 1.6 Materiali di rivestimento e arredo. Per la classificazione di reazione al fuoco dei materiali si fa riferimento al D.M. 26 giugno 1984, per cui è previsto l impiego di materiali di classe I in ragione del 50% massimo della loro superficie totale (pavimento + pareti + soffitto + proiezioni orizzontali delle scale) negli atri, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale, nelle rampe in genere. Non essendo previsto impianto di spegnimento automatico in tutti gli altri ambienti sono utilizzati materiali di rivestimento di classe 1 indipendentemente che siano o meno suscettibili di prendere fuoco su entrambe le facce. Le caratteristiche dei materiali impiegati e le relative certificazioni di prova rilasciati dai tecnici installatori e/o produttori, saranno prodotti all atto del collaudo. Relazione VVFF 5

8 2. SEZIONAMENTI. 2.1 Compartimentazioni. I compartimenti sono di modeste dimensioni, con superfici massime non superiori a 500 mq. 2.2 Scale. Sono previste tre scale interne, a prova di fumo, che costituiscono compartimento antincendio, in quanto raggiungibili da ogni piano con un filtro a prova di fumo. Le strutture portanti avranno resistenza al fuoco pari a R90 e le strutture separanti REI90. La larghezza minima delle scale è pari a m. 1.20, le rampe sono rettilinee, non presentano restringimenti ed hanno non meno di 3 e non più di 15 gradini. I gradini sono a pianta rettangolare, con alzate e pedate costanti, rispettivamente non superiore a 17 cm. e non inferiore a Ascensori e montacarichi. Le caratteristiche di resistenza al fuoco dei vani ascensori e montacarichi sono conformi a quelle previste per i vani scala. Gli ascensori rispettano le norme antincendio previste dal punto 2.5 del D.M , n Le porte di piano sono del tipo REI 60. Il vano corsa ha superficie netta di aerazione permanente in sommità non inferiore al 3% dell area della sezione orizzontale del vano stesso e comunque non inferiore a 0.20 mq. Nel vano corsa non saranno messe in opera canne fumarie, condutture o tubazioni che non appartengono all impianto ascensore. 3. MISURE PER L EVACUAZIONE IN CASO DI EMERGENZA. 3.1 Affollamento. Così come indicato dal D.M , sarà necessaria l indicazione del numero di persone effettivamente presenti che dovrà risultare da apposita dichiarazione del titolare dell attività. Tuttavia, ai fini del calcolo del massimo affollamento ipotizzabile, sono state distinte 6 aree specifiche: Area 1 Deposito al piano terreno Area 2 Aula Magna, il cui uso potrà essere del tutto autonomo e non contemporaneo all uso delle rimanenti parti della struttura oppure con un massimo affollamento contemporaneo di 450 persone Area 3 Biblioteca e sala di lettura, affollamento massimo pari a 0,4 persone per mq. (mq. 400 x 0,4) e cioè pari a 160 persone Area 4 Segreteria studenti (1 piano), affollamento massimo pari a 0,4 persone per mq. (mq. 300 x 0,4) e cioè pari a 120 persone Area 5 Servizi (1 piano), affollamento massimo pari al n. delle persone effettivamente presenti maggiorato del 20% (20 persone x 1,2) e cioè pari a 24 persone Area 6 Presidenza e Direzione di Dipartimento (2 piano), affollamento massimo pari al n. delle persone effettivamente presenti maggiorato Relazione VVFF 6

9 del 20% (30 persone x 1,2) e cioè pari a 36 persone 3.2 Capacità di deflusso. La capacità di deflusso, presa a base dei calcoli, così come previsto al punto 5.1 del D.M.I. del , è stata assunta pari a 60 per le aree 2, 3, 4, 5 e 6 e pari a 37,5 per l area Sistema di vie di esodo. Il sistema delle vie di esodo è dimensionato in base al massimo affollamento ipotizzabile per ogni singola area. Tutte le uscite sfoceranno all aperto e tutti gli spazi frequentati dagli studenti, dal personale docente e non docente, sono dotati di scale a prova di fumo interne. 3.4 Lunghezza dei percorsi di uscita. La lunghezza dei percorsi di uscita è inferiore a 60 m., misurata dal luogo sicuro alla porta più vicina allo stesso e 50 m per l Aula Magna. 3.5 Larghezza totale delle uscite di ogni piano. La larghezza totale delle uscite di ogni piano è stata determinata dal rapporto fra il massimo affollamento ipotizzabile per ciascuna area e la capacità di deflusso sopra indicata. Ne consegue pertanto il seguente conteggio: AREE PERSONE CAPACITA DI DEFLUSSO N. MODULI A NORMA N. MODULI DI PROGETTO , ,7 2 0,4 0, SPAZI A RISCHIO SPECIFICO. Gli spazi a rischio specifico sono: Deposito al piano terreno Aula Magna 4.1 Deposito. E prevista la realizzazione di un deposito di circa 422 mq. al piano terra del lotto A sottostante l Aula Magna e da questa separato tramite strutture orizzontali di resistenza al fuoco pari a R 120. Le murature a chiusura dello stesso sono realizzate con blocchi cavi di cls. certificati R 120. Il suddetto locale avrà aperture di aerazione pari ad 1/40 della superficie protette da griglie a maglia fitta. Il carico di incendio massimo consentito è pari a 30 Kg./mq. Ad uso del locale sono previsti tre estintori di tipo approvato di capacità estinguente pari a 21A. Relazione VVFF 7

10 4.2 Aula Magna. L Aula Magna occupa il lato sud-ovest del lotto A ed è situata al 1 piano fuori terra. Ha una capienza complessiva di 450 persone ed è destinata ad ospitare attività congressuali di vario genere: rientra tra le attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco di cui al D.M , quale attività n. 83: Locali di spettacolo e di trattenimento in genere con capienza superiore a 100 posti. Premesso quanto sopra, il progetto è stato realizzato sulla base delle norme di sicurezza previste dal D.M ACCESSI L accesso dell Aula Magna avviene dall ingresso principale del complesso universitario e raggiunge la quota 3,80 attraverso una rampa elicoidale con pendenza non superiore all 8%. La stessa rampa serve anche l accesso alla Segreteria Studenti. Gli accessi all Aula Magna e alla Segreteria Studenti sono separati tra loro e avvengono attraverso due distinti filtri a prova di fumo aerati naturalmente con canne di ventilazione tipo Shunt. STRUTTURE Le strutture portanti hanno una resistenza al fuoco pari a R 120 e le strutture separanti hanno resistenza al fuoco pari a REI 120. MATERIALI D ARREDO Per la classificazione di reazione al fuoco dei materiali si fa riferimento al D.M. 26 giugno USCITE E VIE DI ESODO Il numero e la larghezza delle uscite sono conformi a quanto previsto al Titolo IV, art. 4.1, 4.2, 4.3, 4.4 del D.M (vedi Tab. pag. 7, par. 3,5). In particolare il sistema di esodo è organizzato con 5 porte REI 120 (dimensioni 180x210), di cui n 2 con uscita diretta all esterno, piattaforma di accumulo per portatori di handicap e scala di discesa in acciaio, n 1 con uscita in una scala di sicurezza a prova di fumo, n 2 con uscita sulla rampa elicoidale attraverso il filtro. IMPIANTI DI SPEGNIMENTO L Aula Magna, così come il resto dell edificio, è dotata di impianti di spegnimento fissi e mobili. In particolare l area è protetta da una rete idrica antincendio comprendente idranti UNI 45 distribuiti in modo tale da poter battere con i getti tutti i punti interni. Saranno inoltre installati n. 4 estintori portatili in corrispondenza delle vie di fuga. 5. IMPIANTI ELETTRICI. Gli impianti elettrici del Lotto A, così come quelli del complesso Relazione VVFF 8

11 universitario, sono realizzati in conformità ai disposti di cui alla Legge 1 marzo 1968, n Sarà possibile, attraverso un interruttore generale posto in posizione segnalata, togliere tensione all impianto elettrico dell attività o di parte dell attività. Tale interruttore, munito di comando a distanza, sarà posto nella Control Room situata nella vicinanza dell ingresso principale in posizione presidiata. 5.1 Impianto elettrico d emergenza. Il Lotto A è asservito al gruppo elettrogeno a gas installato sulla copertura del Lotto B che alimenta le utenze privilegiate in caso di black-out elettrico e la stazione di continuità per le utenze sotto continuità assoluta. L impianto elettrico di sicurezza alimenta le seguenti utilizzazioni, strettamente connesse con la sicurezza delle persone: a) illuminazione di sicurezza, compresa quella indicante i passaggi, le uscite ed i percorsi delle vie di esodo e garantirà un livello di illuminazione non inferiore ai 5 lux; b) impianto di diffusione sonora e impianto d allarme. Nessun altra apparecchiatura verrà collegata con l impianto elettrico di sicurezza. L alimentazione dell impianto potrà essere inserita anche con comando a mano posto in posizione conosciuta dal personale. L autonomia della sorgente di sicurezza sarà superiore ai Sistemi di allarme. Il Lotto A è munito di un sistema di allarme atto ad avvertire tutti gli studenti ed il personale presenti in caso di pericolo. E previsto inoltre un impianto di diffusione sonora nei corridoi e nelle aule ed un posto centrale intercollegato con un centro di controllo per l invio automatico dei segnali di allarme. 6. MEZZI ED IMPIANTI FISSI DI PROTEZIONE ED ESTINZIONE DEGLI INCENDI. 6.1 Rete idranti. In ciascun vano scala dell edificio viene predisposta una rete di idranti costituita da tubazioni e colonna montante da cui, ad ogni piano, compreso il piano piloties, vengono derivati degli idranti con attacco UNI 45 a disposizione per eventuale collegamento di tubazione flessibile. La tubazione flessibile sarà costituita da un tratto di tubo, di tipo approvato, con caratteristiche di lunghezza tali da consentire di raggiungere con il getto ogni punto dell area protetta. L idrante sarà installato nel locale filtro, laddove le scale saranno a prova di fumo interne. Al piano terra, in corrispondenza degli accessi dei mezzi di soccorso, sono Relazione VVFF 9

12 previsti 2 attacchi per autopompa oltreché 4 idranti UNI 70 a protezione delle zone parcheggio. L impianto sarà dimensionato per garantire una portata minima di 240 l/min. (UNI /b.23 area di rischio 1) per ogni colonna montante ed il funzionamento contemporaneo di almeno 2. L alimentazione idrica dovrà assicurare l erogazione di 2 idranti idraulicamente più sfavoriti di 120 l/min. cad., con una pressione residua al bocchello di 2.5 bar per un tempo di almeno 30 min. Qualora l acquedotto, al momento della realizzazione non garantisca le precedenti condizioni, dovrà essere installata una idonea riserva idrica alimentata da acquedotto pubblico e/o da altre fonti. Tale riserva dovrà essere costantemente garantita. Le elettropompe di alimentazione della rete saranno alimentate elettricamente da una propria linea preferenziale, il gruppo di pompaggio sarà costituito da due pompe, una di riserva all altra alimentate da fonti di energia indipendenti; l avviamento sarà automatico. Le tubazioni di alimentazione e quelle costituenti la rete saranno protette dal gelo e dagli urti. Correranno incassate in appositi alloggiamenti con resistenza al fuoco REI Estintori. Saranno installati estintori portatili di capacità estinguente del tipo BA, 89B, C di tipo approvato dal Ministero dell Interno, in ragione di almeno uno ogni 200 mq. di pavimento o frazione e comunque in tutti i locali a rischio specifico. 6.3 Impianti fissi di rilevazione incendi e gas. Il Lotto A è dotato, come tutti gli altri lotti, di un impianto di rilevazione incendi esteso a tappeto su tutta l area, con rilevatori ottici a diffusione della luce (effetto TYNDALL). I pulsanti di allarme sono sistemati lungo le vie di fuga. Gli impianti sono dotati di camere di analisi nei canali di distribuzione e serrande tagliafuoco sui canali aria. Tutti i rilevatori, le camere, i pulsanti, sono ad indirizzo singolo per consentire l immediata individuazione da parte del centro di controllo ed una continua verifica della funzionalità. 7. SEGNALETICA DI SICUREZZA. Per quanto riferito alla segnaletica di sicurezza, saranno applicate le vigenti disposizioni di cui al DPR , n NORME DI ESERCIZIO. In conclusione e per quanto riferito alle norme di esercizio, si riporta in forma integrale l art. 12 del D.M.I , contenente le norme cogenti per l esercizio del complesso universitario in oggetto: Relazione VVFF 10

13 A cura del titolare dell attività dovrà essere predisposto un registro dei controlli periodici ove sono annotati tutti gli interventi ed i controlli relativi all efficienza degli impianti elettrici, dell illuminazione di sicurezza, dei presidi antincendio, dei dispositivi di sicurezza e di controllo, delle aree a rischio specifico e dell osservanza della limitazione dei carichi d incendio nei vari ambienti dell attività. Tale registro deve essere mantenuto costantemente aggiornato e disponibile per i controlli da parte dell autorità competente Deve essere predisposto un piano di emergenza e devono essere fatte prove di evacuazione, almeno due volte nel corso dell anno scolastico Le vie di uscita devono essere tenute costantemente sgombre da qualsiasi materiale E fatto divieto di compromettere la agevole apertura e funzionalità dei serramenti delle uscite di sicurezza, durante i periodi di attività delle scuole, verificandone l efficienza prima dell inizio delle lezioni Le attrezzature e gli impianti di sicurezza devono essere controllati periodicamente in modo da assicurare la costante efficienza Nei locali ove vengono depositate o utilizzate sostanze infiammabili o facilmente combustibili è fatto divieto di fumare o fare uso di fiamme libere I travasi di liquidi infiammabili non possono essere effettuati se non in locali appositi e con recipienti e/o apparecchiature di tipo autorizzato Nei locali della scuola, non appositamente all uopo destinati, non possono essere depositati e/o utilizzati recipienti contenenti gas compressi e/o liquefatti. I liquidi infiammabili o facilmente combustibili e/o le sostanze che possono comunque emettere vapori o gas infiammabili, possono essere tenuti in quantità strettamente necessarie per esigenze igienico-sanitarie e per l attività didattica o di ricerca in corso come previsto al punto (6.2) Al termine dell attività didattica o di ricerca, l alimentazione centralizzata di apparecchiature o utensili con combustibili liquidi o gassosi deve essere interrotta azionando le saracinesche di intercettazione del combustibile, la cui ubicazione deve essere indicata mediante cartelli segnaletici facilmente visibili Negli archivi e depositi, i materiali devono essere depositati in modo da consentire una facile ispezionabilità, lasciando corridoi e passaggi di larghezza non inferiore a 0.90 m Eventuali scaffalature dovranno risultare a distanza non inferiore a m dall intradosso del solaio di copertura Il titolare dell attività deve provvedere affinchè nel corso della gestione non vengano alterate le condizioni di sicurezza. Egli può avvalersi per tale compito di un responsabile della sicurezza, in relazione alla complessità e capienza della struttura scolastica. (6.2) Per esigenze didattiche ed igienico-sanitarie è consentito detenere Relazione VVFF 11

14 complessivamente, all interno del volume dell edificio, in armadi metallici dotati di bacino di contenimento, 20 l. di liquidi infiammabili. 9. LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO - L. 46/90 Norme per la sicurezza degli impianti - DPR 447/91 Regolamento di attuazione L. 46/90 - L. 10/91 Norme per il risparmio energetico - DPR 412/93 Regolamento di attuazione L. 10/91 - DM Sicurezza per apparecchiature contenenti liquidi caldi di pressione - DM 12/04/96 Regola tecnica di prevenzione incendi per impianti tecnici a gas - DM 19/08/96 - Norme UNI - L. 186/68 Norme per l esecuzione a regola d arte degli impianti elettrici - L. 46/90 Norme per la sicurezza degli impianti - Norme CEI - Circolare n. 31 del 31/08/ MISA (78)11 - Norme di sicurezza per l installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica. 10. PARERE DI CONFORMITA AL PROGETTO PRELIMINARE. Si allega il Parere favorevole al Progetto Preliminare del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Alessandria, pratica n , prot. n. 330 del ing. Vittorio Cappato Relazione VVFF 12

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli