PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO ADOTTATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO ADOTTATE"

Transcript

1

2 INDICE Principali norme di riferimento adottate 1 - Introduzione e Generalità 2 - Descrizione attività 3 - Ubicazione e viabilità 4 - Articolazione planivolumetrica 5 - Descrizione generale degli interventi da realizzare 6 - Strutture 7 - Compartimentazione 8 - Resistenza al fuoco 9 - Reazione al fuoco 10 - Classe dell edificio 11 - Esodo 12 - Scale 13 - Ascensori 14 Spazi a rischio specifico 15 Spazi per l informazione e le attività parascolastiche 16 Impianti elettrici 17 Sistema allarmi 18 Impianto idraulico e antincendio fisso e mobile 19 Impianti termici 20 Norme di esercizio 21 Abbattimento delle barriere architettoniche 22 Adeguamento igienico sanitario

3 PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO ADOTTATE D.M.I. 16/02/1982 D.M.I. 30/11/1983 D.P.R. 12/01/1998 n. 37 Determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma dell art.20, co.8, della L.15/03/1997 n.59 D.M.I. 04/05/1998 Disposizioni relative alle modalità di presentazione ed al contenuto delle domande per l avvio dei procedimenti di prevenzione incendi, nonché all uniformità dei servizi resi dai Comandi provinciali dei Vigili del Fuoco D.M.I. 16/02/2007 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti costruttivi di opere da costruzione D.M.I. 09/03/2007 Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco Lettera circolare Ministero dell Interno n. P.414/4122 sott. 55 DM 9 marzo 2007 Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del CNVVF Chiarimenti ed indirizzi applicativi D.M.I. 26/08/1992 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Lettera circolare Ministero dell Interno n. P.2244/4122 sott. 32 Decreto ministeriale 26 agosto 1992 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Chiarimenti applicativi e deroghe in via generale al punti 5.0 e

4 D.M.I. 12/04/1996 D.M.I. 18/03/1996 Legge 9 gennaio 1989 n.13 D.M. 14 giugno 1989 n.236 D.P.R. 24 luglio 1996 n.503 D.M. del 18/12/1975 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi Norme di sicurezza per la costruzione e l esercizio degli impianti sportivi Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati Prescrizioni Tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici"; Norme tecniche aggiornate sull edilizia scolastica, ivi compresi gli indici minimi di funzionalità didattica, edilizia ed urbanistica 3

5 1 INTRODUZIONE E GENERALITA La Scuola Secondaria di Primo Grado Filippo Mazzei è ubicata nel Comune di Poggio a Caiano, in Via Don Milani nn.2/4. L edificio è di proprietà del Comune del Comune di Poggio A Caiano ed al suo interno si svolgono le attività scolastiche proprie dell Istituto Comprensivo Statale F.Mazzei ; ovvero non solo la didattica vera e propria ma anche le attività istituzionali dell Istituto quali Segreteria Didattica, del Personale ed alla Presidenza, che trovano sede anch esse all interno del plesso. Per quanto consta al Progettista, la manutenzione degli impianti idro-termo-sanitari della scuola è affidata al Consiag. All interno dell area scolastica si trova anche la struttura della Palestra, di Proprietà della UISP, separata dall edifico scolastico, la quale viene utilizzata anche degli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado. Vista l entità della popolazione scolastica nonché del Personale presente all interno dell edifico scolastico, la Scuola Secondaria di Primo Grado Filippo Mazzei risulta essere compresa tra le attività soggette al rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi ai sensi del D.M.I. 16/02/1982; le attività previste all interno dell edificio oggetto della presente relazione, ai fini della prevenzione incendi, sono dunque quelle in appresso indicate, così come definite nell allegato al D.M.I. 16/02/1982: n. 85: Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti n. 91: Impianti per la produzione di calore alimentati a combustibile solido, liquido o gassoso con potenzialità superiore a Kcal/h 2 - DESCRIZIONE ATTIVITA L attività di scuola media inferiore prevede un numero di presenze contemporanee pari a circa 510 persone, ed è quindi classificata di tipo 3 : scuole con numero di presenze contemporanee da 501 a 800 persone. 3 - UBICAZIONE E VIABILITA Il plesso scolastico, ubicato in Comune di Poggio a Caiano, Via Don Milani, facilmente raggiungibile dai mezzi dei VVF per eventuale soccorso di emergenza, sia dall accesso principale che da quello tergale situato in Via G. Donizetti, ha i seguenti confini: Nord : via Don Milani e spazio scoperto verde Est : spazio scoperto verde privato Sud : via Donizetti e spazio scoperto verde privato Ovest : Via A. Vivaldi Le vie di accesso sono conformi a quanto previsto nel D.M.I. del 26/08/1992. In particolare: larghezza 3.50 ml altezza 4.00 ml raggio di volta ml pendenza inferiore al 10% resistenza al carico di 20 tonnellate 4

6 4 - ARTICOLAZIONE PLANIVOLUMETRICA Il plesso scolastico è costituito da due corpi di fabbrica originari, uno rappresentato dall infilata delle aule disimpegnate da un corridoio rettilineo, posto parallelamente a Via Don L. Milani ed uno, ortogonale alla strada, composto dall androne di ingresso principale e dai locali destinati al Personale Docente, alla Presidenza, al Personale non docente. L edificio è articolato su due piani fuori terra. Dal cancello posto su Via Don L. Milani percorrendo un tratto pavimentato si accede al piano terra dell edificio. La zona antistante l ingresso è protetta dalla copertura stessa dell atrio. La distribuzione del piano terra avviene secondo le due direttici costituite dall atrio stesso, il quale consente di accedere ai locali della Segreteria Didattica, del Personale ed alla Presidenza disimpegnati da un corridoio interno, e dal grande corridoio sul quale si aprono le aule del piano. Ogni aula è dotata di un servizio igienico posto in adiacenza della porta di accesso all aula stessa, ed ogni gruppo aula-servizio è ripetuto secondo uno schema modulare scandito dalla maglia strutturale dell edificio. All interno dell ampio atrio d ingresso, per esigenze funzionali alle attività scolastiche saranno realizzati nuovi locali di servizio per i Docenti ed il ricevimento dei genitori, un aula di Sostegno, mediante la posa in opera di pareti attrezzate di classe 1 di resistenza la fuoco e controsoffitti anch essi di classe 1 per il passaggio degli impianti necessari. In fondo al corridoio delle aule, nella zona che curva verso il giardino tergale, si trova la mensa, completa di dispensa e locale per lo sporzionamento dei pasti; la mensa è dotata di apposite uscite direttamente all esterno. Proseguendo lungo il corridoio si arriva alla pensilina coperta di collegamento con l adiacente Palestra di proprietà della UISP, utilizzata durante l orario scolastico per le attività degli alunni, oltre che per altre attività sportive da svolgersi in orari extra scolastici a cura della stessa UISP. La palestra è costituita da una copertura tensostatica e dalla struttura prefabbricata contenente il gruppo servizi e spogliatoi. Il collegamento verticale tra i due piani avviene tramite quattro vani scala collocati rispettivamente a destra dell entrata principale (Scala C), al termine dell atrio d ingresso nella zona di cerniera tra i due corpi di fabbrica (Scala A), al centro del corridoio di distribuzione delle aule (Scala B), all estremo dello stesso corridoio (Scala D - Esterna), contrapposto al precedente. Di fronte alla Scala B si trova l ascensore che serve i due piani. Al secondo piano la distribuzione dei locali avviene secondo lo stesso schema del piano terra, salvo per l area soprastante la zona destinata al personale, che al piano primo ospita due aule e la Biblioteca-Sala Video-Aula Magna. In apposito locale all interno del giardino, isolato rispetto all edificio scolastico, si trovano la centrale termica ed il locale elettropompe dell impianto idrico antincendio. La composizione della Scuola Media è la seguente: Piano terra N. 9 aule didattiche, il refettorio con annessi locale distribuzione pasti e dispensa, tutti locali con attiguo gruppo servizi igienici composto da antibagno e bagno, n. 4 ripostigli, n. 3 locale deposito di materiali didattici vari, n. 1 locale per il Personale con annessi servizi e spogliatoio, n. 1 servizio per Disabili, n. 1 infermeria con adiacenti servizi igienici, n. 2 uffici della Segreteria Didattica, la Presidenza, il locale quadri elettrici, il locale ristoro con distributore bevande calde. L aula professori, l aula di sostegno, l aula per il ricevimento genitori. Piano primo 5

7 N. 9 aule didattiche, n. 1 aula di scienze, n. 1 aula di informatica, n. 1 aula di musica, n. 1 aula di lingue, n. 1 aula di musica, tutti locali con attiguo gruppo servizi igienici composto da antibagno e bagno; n. 1 locale adibito a laboratorio teatrale, n. 1 biblioteca sala videoaula magna, n. 1 archivio, n. 1 locale deposito di materiali didattici vari, n. 1 locale per il Personale non docente, n. 1 ufficio della Direzione Didattica. 5 DESCRIZIONE GENERALE DEGLI INTERVENTI DA REALIZZARE Il presente progetto esecutivo di II stralcio ha come obiettivo l adeguamento normativo, funzionale e igienico della Scuola Media Filippo Mazzei, pertanto tutti gli interventi che saranno di seguito descritti hanno come finalita la rispondenza alle norme di sicurezza vigenti, anche in termini di igiene, di articolazione planivolumetrica dell edificio, che di fruizione dei locali, nonché in merito ai materiali utilizzati ed alla loro corretta posa in opera. Sarà dunque obbligo dell Impresa la certificazione di tutti i materiali, la loro posa in opera ed il loro eventuale collaudo, secondo quanto richiesto dai Vigili del Fuoco non solo in sede di rilascio di Parere di Conformità ma anche in sede di Sopralluogo, sia in termini di modulistica da presentare che di eventuali as-built di quanto realizzato, anche se non già necessario per legge. A tale scopo si riporta integralmente nei capitoli a seguire la Relazione di rispondenza alle Norme di Prevenzioni Incendi per la Scuola Media Filippo Mazzei. Gli interventi da eseguire consistono nello specifico: - Compartimentazione di locali per la realizzazione di nuovi di archivi e depositi, come descritto nei grafici di progetto, mediante la fornitura e posa in opera di pareti di resistenza la fuoco almeno REI60, controfodera almeno REI60, controsoffitti almeno REI60, porte almeno REI60, fornitura e posa in opera di evacuatori di fumo e calori dotati apertura manuale ed automatica, comprese le opere murarie necessarie; - Compartimentazione dei vani a rischio specifico quali le strutture del vano ascensore mediante la fornitura e posa in opera di controfodera almeno REI60 e del locale quadri mediante la fornitura e posa in opera di controfodera almeno REI60 e porte almeno REI60; - Realizzazione del filtro a prova di fumo a piano terra, necessario per la separazione tra l attività della Scuola e quella della Palestra, ricavato mediante la realizzazione di pareti di resistenza la fuoco almeno REI60, la fornitura e posa in opera di porte almeno REI60 e la costruzione di apposito camino di ventilazione; - Realizzazione del filtro a prova di fumo a piano primo, necessario per la rendere sicuro l esodo dalla Biblioteca Aula Magna, ricavato mediante la demolizione delle pareti esistenti e la realizzazione di pareti di resistenza la fuoco almeno REI60, la fornitura e posa in opera di porte almeno REI60 e la costruzione di apposito camino di ventilazione; - Sistemazione dei locali ad ufficio a piano terra ed a piano primo, così come descritto nei grafici esecutivi di progetto e consistenti nell ampliamento di alcuni locali, rifacimento delle pavimentazioni, tinteggiature, il tutto così come richiesto dall Amministrazione Comunale in vista dell allestimento degli uffici della Direzione Didattica dell Istituto, comprendente tra l altro la realizzazione di nuovi locali all interno dell ampio atri d ingresso mediante la fornitura e posa in opera di nuove pareti attrezzate di classe 1, controsoffitti di classe 1 e nuovi impianti elettrici e meccanici; 6

8 - In concomitanza con la realizzazione dei lavori di adeguamento della scuola, su richiesta dell Amministrazione Comunale, si prevede il rifacimento di tutti i servizi igienici della scuola, sia per gli Alunni che per il Personale, i quali ad oggi si presentano in stato di degrado, privi di acqua calda, con rivestimento lavabile fino a 1,60 ml pertanto non idoneo. All interno dei servizi saranno dunque sostituiti tutti i sanitari completi delle relative rubinetterie nonché realizzati nuovi rivestimenti fino a 2,00 ml, e verranno dotati di nuovo impianto idrico, sia per acqua fredda che calda; - Saranno inoltre realizzati n.3 servizi igienici fruibili anche da Disabili, rispettivamente uno per ogni piano a servizio delle aule, ed uno a piano terra nei pressi dell aula di sostegno. - Sarà modificato l impianto di riscaldamento esistente, in funzione dalla nuova distribuzione interna dei locali, utilizzando ove possibile, secondo le indicazioni del Direttore dei Lavori, i corpi scaldanti già presenti, al fine di ridurre al minimo gli interventi murari. In particolare nella zona dell atrio d ingresso dove saranno realizzati i nuovi locali mediante la fornitura e posa in opera di pareti attrezzate, dovranno essere forniti e montati in opera n.2 nuovi fan-coil con caratteristiche similari a quelli già presenti e collegati all impianto esistente secondo le indicazioni del Direttore dei Lavori. All interno dei servizi igienici per Disabili si procederà inoltre allo spostamento come indicato nei grafici esecutivi di progetto, dei radiatori esistenti, accorpando i rispettivi elementi. - In ogni caso, relativamente all impianto esistente verrà fatta una revisione totale comprendente: o svuotatura impianto esistente o rimozione di porzione dell'impianto nelle zone oggetto di lavorazioni e accecamento delle tubazioni o lavaggio delle tubazioni e verifica di tenuta o lavaggio interno degli elementi e verniciatura degli stessi, nonché fornitura e posa in opera di nuovi termosifoni ove necessari secondo le indicazione del D.L. o fornitura e posa in opera di una valvola termostatica nel per ciascun nuovo corpo scaldante e per quelli esistenti secondo le istruzioni del D.L.. - Messa in sicurezza dell impianto di produzione di aria calda della Palestra mediate realizzazione di un setto separatore avente una resistenza al fuoco almeno REI120; - Saranno installati all interno dell intera scuola Estintori di capacità estinguente non inferiore a 34A, 144B, C a polvere posizionati in modo da non costituire pericolo per i bambini e pertanto preferibilmente attaccati alle pareti ad una altezza di circa 150 cm da terra, ed in numero come da grafici esecutivi di progetto e comunque non meno di uno ogni 200 mq di pavimento o frazione di superficie. - Sarà inoltre realizzata e/o integrata la segnaletica di sicurezza attuale al fine di indicare correttamente le attività svolte ed i percorsi necessari per raggiungerle, al fine di facilitare l orientamento e la fruizione degli ambienti ai portatori di handicap, nonché la segnaletica di sicurezza. Si applicano le vigenti disposizioni in materia di segnaletica di sicurezza, espressamente finalizzate alla sicurezza antincendio (D. leg. 14 agosto 1996, n 493, D. lgs 626/94) I progettisti tengono a segnalare che sulla copertura della scuola media, nell area indicata anche negli elaborati grafici, sarà realizzato, da parte di altre imprese, un impianto fotovoltaico composto indicativamente da moduli fotovoltaici installati su apposite strutture di sostegno reticolari. Con un altro intervento sara invece provveduto alla posa in opera di accorgimenti necessari da garantire la protezione dalle cadute dall'alto, sia per gli addetti ai lavori e sia per gli interventi manutentivi successivi. Tali accorgimenti saranno costituiti da 7

9 montanti collegati tra loro in senso orizzontale da tre tondini di ferro, il tutto da formare una ringhiera perimetrale alla copertura. 6 - STRUTTURE Le strutture portanti del fabbricato della scuola sono costituite da pilastri e travi in calcestruzzo armato, solai e copertura in struttura mista di c. a. e laterizio. Il fronte tergale dell edificio, costituito dal corpo delle aule, è caratterizzato da finestrature continue che garantiscono un illuminazione ed un aerazione più che sufficienti alle aule. 7 - COMPARTIMENTAZIONE L edificio nel quale è ubicata l attività scolastica, di altezza antincendi inferiore a ml 12 e di superficie totale pari a circa mq 3000, sarà suddiviso in 9 compartimenti antincendio ai sensi del D.M. 09/03/2007: - 1 sarà costituito dagli ambienti destinati all attività scolastica vera e propria; - 1 sarà costituito dal locale macchine ascensore; - 4 saranno rappresentati dai locali adibiti a deposito; - 1 sarà costituito dall archivio; - 1 sarà l ambiente protetto costituito dal laboratorio teatrale; - 1 sarà l ufficio di piano primo luogo sicure, adiacente la Biblioteca; Sono inoltre previsti n.2 filtri a prova di fumo: - 1 lungo la via di esodo dal locale Biblioteca a p.1 ; - 1 di separazione tra l edifico scolastico ed il passaggio coperto di collegamento con la Palestra. 8 - RESISTENZA AL FUOCO Ai fini della valutazione delle caratteristiche di resistenza al fuoco si applicano le modalità previste dal D.M.I. 16/02/2007 e successivi aggiornamenti. - Strutture portanti Le strutture portanti, come già evidenziato, sono costituite da pilastri e travi in calcestruzzo armato, solai e copertura in struttura mista di c.a. e laterizio, di caratteristiche di resistenza al fuoco pari almeno a R Strutture separanti Le strutture separanti sono costituite muratura in foratoni legati con calce bastarda completa di intonaco da ambo i lati, di caratteristiche di resistenza al fuoco pari almeno a EI REAZIONE AL FUOCO Negli atri, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale, nelle rampe, nei passaggi in genere, i materiali di rivestimento (esistenti e/o di nuova installazione) saranno di classe di reazione al fuoco non superiore ad 1, in ragione di non più del 50% della relativa superficie totale; per le restanti parti saranno di classe di reazione al fuoco 0. In particolare per quanto attiene ai nuovi locali realizzati all interno dell atrio d ingresso, di servizio per i Docenti per il ricevimento dei genitori e l aula di Sostegno, saranno realizzati mediante la posa in opera di pareti attrezzate di classe 1 di resistenza la fuoco e controsoffitti anch essi di classe 1 per il passaggio degli impianti necessari. 8

10 In tutti gli altri ambienti, per le pavimentazioni ed i relativi rivestimenti (esistenti e/o di nuova installazione), saranno impiegati materiali di classe non superiore a 2 e per gli altri tipi di rivestimento materiali di classe non superiore ad 1. Per i tendaggi saranno utilizzati materiali di classe di reazione al fuoco non superiore ad 1. In nessun locale il carico d incendio sarà superiore a 30 Kg/mq, e non saranno presenti locali in cui verranno depositate e/o manipolate sostanze infiammabili o esplosive CLASSE DEDELL EDIFICIO La classe di ciascun compartimento dell edificio è stata valutata tenendo conto dei materiali combustibili di arredo e di rivestimento nonché dei materiali combustibili facenti parte della struttura. La classe del complesso scolastico è calcolata utilizzando il D.M.I. 09/03/2007: q f,d = δ q1 x δ q2 x δ n x q f dove: δ q1 δ q2 = 1,6 (circa 3000 mq superficie edificio) = 1 (rischio moderato) δ n = 0,88 con δ n3 = 0,9 δ n4 = 0,85 δ n6 = 0,9 δ n9 = 0,9 q f è il carico nominale di incendio totale (in Mj/mq) CARICO D INCENDIO q La determinazione del carico d incendio dei singoli compartimenti è stata effettuata tenendo conto della presenza di materiali combustibili, anche in riferimento alle tabelle pubblicate da C.I.P.I., i cui valori sono calcolati utilizzando i seguenti poteri calorifici: 4050 Cal/Kg per quanto riguarda i prodotti cartacei ed a 4400 Cal/Kg per quanto riguarda gli altri prodotti. g = massa dell iesimo materiale combustibile in Kg h = potere calorifero inferiore dell iesimo materiale combustibile, in Kcal/Kg - Arredo di un aula composto da 26 sedie = Kcal 25 banchi = Kcal 1 scrivania = Kcal (g x h) = Kcal - Prodotti cartacei in un aula, considerando 3 libri per ogni persona (g x h) = Kcal - Computer (g x h) = Kcal - Armadio a due ante contenente materiali cartacei e cancelleria (g x h) = Kcal - Lettino da infermeria o materassino da palestra (g x h) = Kcal - Classificatore d archivio, 1mq (g x h) = Kcal 9

11 - Scaffale in legno contenente libri (biblioteca), 1 mq - Sedie imbottite (g x h) = Kcal (g x h) = Kcal Carico d incendio totale q : La determinazione del carico d incendio viene effettuata tenendo conto della presenza dei seguenti materiali nei vari locali: aule (un arredo e prodotti cartacei) = x22 = Kcal mensa (due arredi) = Kcal aula pc (un arredo,prodotti cartacei,26 pc) = Kcal segreteria (un armadio,1 pc,1 scrivania,1 sedia) = x6 = Kcal biblioteca (65 sedie,1 scrivania,8 mq scaffali, 1 video) = Kcal depositi = 30x4400x105 = Kcal q totale edificio = Kcal x 1 x 1 = 6.95 Kglegna/mq 4400Cal/Kgx3000mq q totale edificio = 6.95 Kglegna/mq = 122 MJ/mq 0,057 La determinazione della classe dell edificio scaturisce da: q f,d = 1,6 x 1 x 0,88 x 122 = 172 Mj/mq Livello III di prestazione 172 Mj/mq si arrotonda per eccesso a 200 Mj/mq conseguentemente: C = ESODO Ipotizzando un massimo affollamento di 26 persone/aula (25 alunni ed 1 Docente) e la presenza di un massimo di ulteriori 24 Docenti e 18 Persone non Docenti (10 segreteria, 4 custodi, 4 servizio mensa, etc.), dato che l attività scolastica è organizzata in sei cicli di tre classi ciascuno, è prevista la presenza contemporanea complessiva di 510 persone per l esodo delle quali sono a disposizione 10 moduli complessiva di uscita. In particolare per ogni piano è comunque possibile il verificarsi delle seguenti condizioni. Al piano terra della scuola, considerando la permanenza di 320 persone così calcolate: 9 aule per attività didattiche ordinarie (26pers/aula) 234 pers. Refettorio - 50 pers. Personale non docente - 12 pers. Personale docente ulteriore - 24 pers. sono presenti cinque vie di esodo, rispettivamente: di lunghezza inferiore a ml 60 e poste in posizione ragionevolmente contrapposta; dotate di porte aprentesi nel senso dell esodo fornite di maniglioni antipanico o apribili a semplice spinta e di larghezza non inferiore a due moduli; sfocianti su spazio esterno; per una larghezza totale pari a 10 moduli; 10

12 permettendo l uscita di 600 persone, quindi più che sufficienti per l esodo relativo all affollamento ipotizzato. Il locale destinato a refettorio, di superficie pari a 125 mq e quindi, considerando un indice di affollamento pari a 0,4 persone/mq, avente affollamento massimo di 50 persone, sarà dotato di due ulteriori uscite: con porte aprentesi nel senso dell esodo, di larghezza non inferiore a 1,20 ml, e dotate di maniglioni antipanico, le quali adducono all esterno, quindi in luogo sicuro; per una larghezza totale pari a 4 moduli; Al piano primo, considerando la permanenza di 457 persone così calcolate: 9 aule per attività didattiche ordinarie (26pers/aula) 234 pers. 4 aule con presenza di 25 persone massimo/cad 100 pers. 2 laboratori (26pers/aula) 52 pers. Biblioteca/sala video/aula magna - 65 pers. Personale non docente - 6 pers. sono presenti quattro vie di esodo, rispettivamente: di lunghezza inferiore a 60 ml; poste in posizione ragionevolmente contrapposta, delle quali una sarà costituita dalla scala di sicurezza esterna, alla quale si accederà, attraverso una porta di larghezza pari a due moduli aprentesi nel senso dell esodo e dotata di maniglione antipanico; costituite dalle scale interne di tipo aperto, Scala A, Scala B, scala protetta Scala C e dalla scala di sicurezza esterna Scala D, ciascuna di larghezza non inferiore a 1,20 ml, per una larghezza totale pari a 8 moduli; permettendo l uscita di 480 persone, quindi più che sufficienti per l esodo relativo all affollamento ipotizzato. La palestra, quando utilizzata ad uso didattico, è dotata di due uscite, per una larghezza complessiva pari a 4 moduli, con porte aprentesi nel senso dell esodo e dotate di maniglioni antipanico, che adducono all esterno, quindi in luogo sicuro, permettendo il deflusso di 240 persone. I singoli locali dell edificio sono dotati delle seguenti uscite: - le aule didattiche sono attualmente dotate di porte aprentesi nel senso dell esodo, di larghezza di 114 cm, che, per effetto dell Art.5 del D.M.I. 30/11/1083, può essere assimilato a 120 cm con una tolleranza del 5%; - le 4 aule poste a piano primo, denominate rispettivamente locale 65, 69, 102 e 102bis sono ciascuna dotate di porte di larghezza 80 cm e aprentesi verso l interno dell aula, in modo da non ridurre la larghezza del corridoio; in queste aule viene dunque limitata la presenza a 25 persone; - la biblioteca-sala video- aula magna posta a piano primo è attualmente dotata di tre porte contrapposte, di cui due di larghezza 83 cm aprentesi verso l interno del locale, ed una di larghezza 120 cm aprentesi nel senso dell esodo, per un ampiezza pari a 2 moduli, che addurrà in luogo sicuro, attraverso un filtro a prova di fumo con caratteristiche REI60 per giungere poi attraverso la Scala Protetta C direttamente all esterno; 12 SCALE Le quattro scale presenti nell edificio, già denominate Scala A, Scala B, Scala C e Scala D hanno tutte le seguenti caratteristiche: - larghezza non inferiore a cm 120; - rampe rettilinee con numero di gradini compreso fra tre e quindici; - alzate e pedate costanti, rispettivamente non superiori a cm 17 e non inferiori a cm 30; - caratteristiche di resistenza al fuoco R60; 11

13 - corrimano su entrambi i lati, prolungato di 30 cm oltre il primo e l ultimo gradino; - rampe dotate di fasce antisdrucciolo e di fascia di materiale per non vedenti al fine di segnalare l inizio e la fine della rampa; - la ringhiera, ove presente, sarà resa inattraversabile da una sfera di 10 cm; inoltre, le scale di tipo aperto, non presentano superficie di areazione in sommità ASCENSORI Nell edificio è presente un ascensore il cui numero di matricola è Tale ascensore è di tipo oleodinamico, con portata 860 Kg ed 11 Persone, avente corsa di circa 4 ml e provvisto di 2 fermate, installato da Delta Ascensori S.r.l., installato nel Giugno del 2000, ed è dotate delle seguenti certificazioni: - dichiarazione di conformità dell installatore - attestato di certificazione di tipo CEE - dichiarazione di idoneità delle strutture Il vano corsa in c.a. dell ascensore già esistente, così come le pareti del relativo locale macchine, saranno resi REI 60 mediante la posa in opera di idonea controfodera; Il locale macchine, di superficie 3 mq, è ubicato a piano primo in adiacenza al vano corsa, è dotato di porta di accesso avente caratteristiche di resistenza al fuoco REI 120, come si evince dal marchio presente sull anta, e di camino di ventilazione di sezione 30 x 30 cm, dunque superiore a 0,005 mq e pari al 3% della superficie del locale. 14 SPAZI A RISCHIO SPECIFICO SPAZI PER ESERCITAZIONI Il laboratorio teatrale ubicato a piano primo verrà compartimentato mediante la posa in opera di controsoffitto in estradosso del solaio di calpestio e la posa in opera di controfodera alle pareti, entrambi con caratteristiche di resistenza al fuoco almeno REI 60, nonché attraverso la sostituzione dell attuale porta di accesso con un infisso avente caratteristiche di resistenza al fuoco almeno REI 60. Per una migliore areazione dell ambiente, saranno realizzati due lucernari evacuatori di fumo e calore sulla copertura, aventi un ampiezza complessiva maggiore di 1/40 della superficie in pianta del locale, con azionamento di apertura a gas e rilevatore di fumo collegato ad apposita centralina per il comando a distanza. L aula sarà inoltre dotata di rilevatori di fumo collegati ad una centralina di controllo ubicata in locale presidiato da personale. SPAZI PER DEPOSITI I depositi di materiale per uso didattico saranno compartimentati mediante la posa in opera di controsoffitti e di controfodera alle pareti, entrambi con caratteristiche di resistenza al fuoco almeno REI 60. Le attuali porte di accesso saranno sostituite con un infissi aventi caratteristiche di resistenza al fuoco almeno REI 60. Negli archivi per la conservazione del materiale amministrativo, la collocazione avverrà in modo da lasciare passaggi di 90 cm e le scaffalature avranno una distanza di 60 cm dall intradosso del solaio di copertura. Il carico d incendio di ogni locale non sarà in ogni caso superiore a 30 Kg/mq. I depositi presenteranno inoltre le seguenti dotazioni: - rilevatori di fumo collegati ad una centralina di controllo ubicata in locale presidiato da personale, vicino all ingresso; 12

14 - evacuatori di fumo e calore di superficie non inferiore a 1/40 della superficie in pianta, con azionamento di apertura a gas e rilevatore di fumo collegato ad apposita centralina per il comando a distanza; - almeno un estintore di capacità estinguente non inferiore a 21 A 89B C. Per esigenze didattiche ed igienico-sanitarie saranno presenti complessivamente all interno del volume dell edificio, in armadi dotati di bacino di contenimento, un massimo totale di 20 litri di liquidi infiammabili. SERVIZI TECNOLOGICI IL locale quadri posto a piano terra vicino all ingresso principale, sarà compartimentato mediante la posa in opera di controfodera, avente caratteristiche di resistenza al fuoco almeno REI 60, alle pareti e la sostituzione della attuale porta con una avente caratteristiche di resistenza al fuoco almeno REI 60. Il locale sarà inoltre dotato di un estintore di tipo omologato 13A 89B C. 15 SPAZI PER L INFORMAZIONE E LE ATTIVITA PARASCOLASTICHE Anche nella Biblioteca-Sala video-aula magna posta a piano primo i posti a sedere eventualmente necessari nel caso di lezioni agli studenti o piccole conferenze, saranno distribuiti in settori con massimo 16 posti per fila e 10 file; tra i vari settori e tra i posti a sedere e le pareti laterali sarà lasciato un passaggio non inferiore a 90 cm. Come già descritto in precedenza la Biblioteca-Sala video-aula magna è attualmente dotata di tre porte contrapposte, di cui due di larghezza 83 cm aprentesi verso l interno del locale, ed una di larghezza 120 cm aprentesi nel senso dell esodo, per un ampiezza pari a 2 moduli, che addurrà in luogo sicuro, attraverso un filtro a prova di fumo con caratteristiche REI60 per giungere poi attraverso la Scala Protetta C direttamente all esterno IMPIANTI ELETTRICI Gli impianti elettrici saranno realizzati in conformità alla Legge n. 186 del 01/03/1968: - non costituiranno causa primaria d incendio o di esplosione; - non favoriranno la propagazione dell incendio; - saranno opportunamente sezionati; - disporranno di apparecchi di manovra, con chiare indicazioni dei - circuiti cui si riferiscono, posti in posizioni protette. Sono previsti i seguenti tipi di utenza: - illuminazione; - allarme acustico ed ottico; - rivelazione automatica d incendio. La scuola sarà munita di un interruttore generale, posto in posizione segnalata vicino all ingresso, al fine di interrompere l attività dell impianto in caso di emergenza. La scuola sarà dotata di un impianto di sicurezza alimentato da apposita sorgente, distinto da quello ordinario in grado di alimentare le seguenti utilizzazioni: lampade di sicurezza, compresa quella indicante i percorsi di uscita con un livello di illuminazione non inferiore a 5 lux; l impianto di diffusione sonora e l impianto d allarme. Il funzionamento dell impianto di sicurezza sarà garantito per 30 minuti e sarà possibile inserirlo anche con un comando a mano posto in luogo presidiato del personale. Sarà installato un impianto fisso di rivelazione e segnalazione automatica degli incendi collegato mediante apposita centrale a dispositivi di allarme ottici e acustici idonei ad avvertire le persone delle condizioni di pericolo. 13

15 La rispondenza alle norme di sicurezza sarà attestata ai sensi del Decreto Ministeriale n. 37 del 22 gennaio 2008 e s.m.i. e regolamenti di applicazione. 17 SISTEMA ALLARMI La scuola sarà dotata di un apposito sistema di allarme in grado di avvertire i presenti in caso di pericolo, costituito da impianto di altoparlanti, oltre che dalla normale campanella IMPIANTO IDRAULICO E ANTINCENDIO FISSO E MOBILE Il complesso scolastico sarà dotato di una rete di idranti, allacciata all acquedotto cittadino e dotato di riserva idraulica come meglio precisato in appresso, costituita da una rete di tubazioni che prevede quattro colonne montanti poste in corrispondenza dei vani scale, ed una ulteriore posta in prossimità dell ingresso principale, dalle quali saranno derivati, a ciascun piano, un idrante con attacco UNI 45 collegato ad una tubazione flessibile; conseguentemente saranno presenti n 5 idranti al piano terra e n 4 idranti al piano primo. La tubazione flessibile sarà di tipo approvato e di lunghezza pari a 30 ml tale da raggiungere ogni punto dell area protetta. All esterno dell edificio, sul lato Via Don Milani, è inoltre prevista l installazione di un attacco di mandata per autopompa UNI 70. L impianto sarà dimensionato per consentire una portata minima di 360 l/min ad ogni colonna montante, ed il funzionamento contemporaneo di almeno due colonne, nonché per garantire l alimentazione idrica ai tre idranti idraulicamente più sfavoriti di 120 l/min ciascuno, con una pressione residua al bocchello di 1.5 bar, per un tempo di almeno 60 minuti. Al fine di assicurare tali caratteristiche idrauliche verrà utilizzata la riserva idrica costituita da un serbatoio interrato presente vicino alla centrale termica, in adiacenza della quale è ubicato il locale di alloggio delle elettropompe antincendio ad avviamento automatico ed alimentate da linea elettrica preferenziale. All interno dei locali saranno installati n. 24 estintori portatili a polvere, omologati dal M. I. ai sensi del D.M.I. 20/12/1982, aventi caratteristiche estinguenti almeno 13A, 89B, C, equamente distribuiti all interno dei locali ed a distanza reciproca tale da poter essere efficacemente usati su un principio d incendio in ogni area dell attività. CENTRALE TERMICA 19 - IMPIANTI TERMICI In apposito locale realizzato all esterno del fabbricato è installato l impianto termico alimentato a gas metano a servizio della scuola. Nel locale centrale termica, già oggetto di apposito Parere di Conformità Antincendio, sono presenti due caldaie aventi le seguenti caratteristiche: - Lamborghini Calor S.p.A. Mod. SUPERPREX 90/300 con potenzialità termica utile 344,3 Kw - Lamborghini Calor S.p.A. Mod. NP360 con potenzialità termica utile 393 Kw La centrale termica presenta le seguenti caratteristiche: - dimensioni in pianta del locale pari a: mq (6.75 x 5.2) = mq 35.1; - le caldaie sono installate in modo tale che i dispositivi di sicurezza e di controllo siano facilmente raggiungibili ed in modo tale che sia possibile un agevole manutenzione; 14

16 - i vari componenti degli impianti posizionati in modo tale da evitare il rischio di formazione di sacche di gas in misura pericolosa; - strutture realizzate con c.a. e laterizio; - lunghezza della parete confinante con spazio scoperto: l = ml > ml = 15% p dove p = perimetro = ml [( ) x 2] = ml 23.90; - strutture di separazione dall attiguo locale pompe antincendio di caratteristiche di resistenza la fuoco non inferiori a REI 120; - altezza minima del locale pari a ml 3.00 > ml 2.90, misura minima per impianti di portata termica superiore a 580 Kw; - l aerazione sarà maggiore del valore sottodeterminato: Q 1 = Q x 10; Q 1 = x 10 = 7373 cmq; infatti l apertura, attestata a filo del soffitto, ha dimensioni pari a cmq (150 x 300)+(55x300) = cmq > cmq 7373; - accesso al locale da spazio a cielo scoperto mediante porta metallica aprentesi verso l esterno, di dimensioni pari a ml 0.90 x 2.00, dotata di congegno di autochiusura; All interno del locale è installato un estintore a polvere da 6 Kg, omologato dal M. I. ai sensi del D. M. I , avente caratteristiche estinguenti non inferiori a 21A,89B,C. GENERAZIONE DI ARIA CALDA DELLA PALESTRA In apposito locale realizzato all esterno del volume della palestra è installato l impianto termico ad aria calda alimentato a gas metano, avente: - potenzialità termica totale 261 Kw e potenzialità termica utile 235 Kw. L apparecchio è collegato a condotte aerotermiche di classe 0 di reazione al fuoco, dotate di serrande tagliafuoco REI120 e dispositivo spegnimento automatico del generatore in caso di intervento della serranda. Conformemente al punto del D.M. 12/04/1996 sarà realizzato un setto REI120 di separazione tra il locale del generatore ed il volume della palestra, di dimensioni tali da superare di almeno 0,50 cm in ogli lato la proiezione stessa dell apparecchio. 20 NORME DI ESERCIZIO Sarà predisposta in tutti i locali opportuna segnaletica di sicurezza espressamente finalizzata alla sicurezza antincendio ex D.P.R , n 524, in particolare sulle porte delle uscite di sicurezza sarà installata una segnaletica luminosa; saranno inoltre indicate le porte ed i percorsi di sicurezza, l ubicazione dei mezzi fissi e portatili di estinzione incendi, nonché le aree a rischio specifico. Sarà cura del titolare dell attività predisporre ed assicurare quanto segue: - predisporre un registro dei controlli periodici ove saranno annotati tutti gli interventi ed i controlli degli impianti, dei presidi di sicurezza e dell osservanza delle limitazioni dei carichi d incendio; - predisporre un piano di emergenza ; - far eseguire almeno due volte l anno prove di evacuazione; - che le vie di uscita siano tenute costantemente sgombre da qualsiasi materiale; - che le porte delle uscite di sicurezza siano mantenute perfettamente funzionanti; - nei locali dove sono depositate o utilizzate sostanze infiammabili sia fatto divieto di fumare ed utilizzare fiamme libere; 15

17 - che i travasi di liquidi infiammabili siano effettuati in appositi locali con apparecchiature autorizzate; 21 ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE In merito all abbattimento delle barriere architettoniche si fa esplicito rimando a quanto già realizzato all interno dei lavori di primo di stralcio, pertanto nell ambito dei presenti lavori saranno realizzati quegli interventi che per motivi strettamente economici non avevano trovato esecuzione. Saranno dunque realizzati n.3 servizi igienici fruibili anche da Disabili, rispettivamente uno per ogni piano a servizio delle aule, ed uno a piano terra nei pressi dell aula di sostegno, come meglio descritto negli specifici grafici di progetto esecutivo. Tutti i materiali utilizzati o posti in opera nell ambito dei lavori, saranno conformi a quanto previsto dal D.P.R. 24/07/1996 n.503, in particolare per quanto attiene ai sanitari, ai terminali degli impianti in generale ( caratteristiche e quote d installazione come riportate nella Tav. 10), ai pavimenti e rivestimenti (caratteristica antisdrucciolevole non inferiore a R9 e comunque conformi al punto del D.M. 14/06/1989 n.236), alle porta ed agli infissi ( larghezza delle porte non inferiore a 75 cm e altezza delle maniglie compresa tra 85 e 95 cm), il tutto come meglio descritto nei grafici di progetto. 22 ADEGUAMENTO IGIENICO SANITARIO Si ribadisce nel merito all adeguamento igienico sanitario dei servizi, quanto già descritto nel paragrafo n.5, per le specifiche tecniche si rimanda alla Relazione Tecnica degli Impianti idro-sanitari allegata. Per quanto riguarda i nuovi locali realizzati all interno dell atrio d ingresso, per mezzo dell inserimento di pareti attrezzate così come descritto nel paragrafo n.5 e nelle specifiche tecniche riportate nei grafici di progetto, saranno dotati, in conformità con le norme vigenti ed il Regolamento Edilizio del Comune di Poggio a Caiano, di una superficie aeroilluminanti almeno pari ad 1/8 della superficie in pianta dei locali; tale superficie di areazione sarà ottenuta mediante la modifica di una o più specchiature delle pareti vetrate già esistenti. Tali locali saranno inoltre dotati di impianto di riscaldamento costituito da n.2 nuovi fancoil, oltre a quello già esistente, collegati all impianto attuale secondo le indicazioni del Direttore dei Lavori. Geom. Franco Giordani Ing. Daniele Bogani 16

18 Poggio a Caiano, 29 Luglio 2010 Oggetto: DICHIARAZIONE ex Art.1 co.4 Legge 9/01/1989 n.13. Riferimento: Progetto Esecutivo del completamento dei lavori di adeguamento finalizzati all ottenimento del C.P.I. per la Scuola Media Statale Filippo Mazzei Poggio a Caiano, Prato. * * * * * Il sottoscritto Geom. Franco GIORDANI, iscritto all Albo dei Geometri di Prato al n.142, con studio professionale in Poggio a Caiano, Via Cegoli n 12/14, nella sua qualità di Professionista Incaricato per quanto al riferimento, DICHIARA che gli elaborati progettuali dei lavori di cui all oggetto sono conformi alle disposizioni contenute nella Legge 9/01/1989 n.13, Disposizioni per favorire il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati, nonché nel D.P.R 24/07/1996 n. 503, Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. In fede Il Professionista Incaricato Geom. Franco GIORDANI

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli