CHIUDI-APRIPORTA CENTRALIZZATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHIUDI-APRIPORTA CENTRALIZZATO"

Transcript

1 DA 257 A 272 OK :13 Pagina 3 Sistemi di ventilazione filtri a prova di fumo Cod UNITA MASTER Gruppo comando e controllo, da posizionare all esterno del filtro anche nel luogo a rischio specifico, composto da: - Pannello frontale, completo di: Selettore ON/OFF collocato in modo da consentirne la gestione esclusivamente al personale abilitato; Selettore MANUALE/AUTOMATICO in modo da consentire il funzionamento con attivazione manuale (sempre in funzione o sempre spento) o automatico (impianto in stand-by, attivazione da segnalazione esterna); Led luminosi per la segnalazione dello stato dell impianto Scheda sul circuito stampato predisposta per l attivazione immediata della ventola conseguente al consenso proveniente dall impianto di rivelazione fumo o, dalla mancanza di connessione con l Unità Black (Tamper), o da comando manuale. - Scheda ad attivazione temporizzata con ritardo regolabile da 02 a 120 prevista per intervenire in conseguenza dei consensi ricevuti dai proximity (sensori di stato installati tra battente e telaio della porta per rilevare situazioni di non perfetta chiusura) per avviare un pre-allarme sonoro,allarmi, luci di emergenza, targhe luminose, combinatore telefonico, segnalazioni remote di vario tipo. - Scheda con attivazione istantanea e fermo temporizzata con ritardo tarabile da 02 a 120 prevista per intervenire in conseguenza del consenso ricevuto da RADAR / INFRAROSSO a barriera al passaggio delle persone, da installarsi a circa 2 m. davanti alla porta protetta in modo da consentire la pressurizzazione del filtro prima dell apertura della porta. - Alimentatore con trasformazione della tensione 230/ V. - Accumulatore tampone 12 V. Cod UNITA' BLACK Sistema di pressurizzazione da collocarsi all interno del filtro stesso, costituito da un contenitore entro il quale sono assemblati: - Gruppo aspirante in bassa tensione c.c; - Accumulatori al piombo 24 V di tipo stagno dimensionati per garantire una autonomia al sistema superiore a 120 min, anche in mancanza di corrente in rete. - Una scheda su circuito stampato necessaria per attuare la logica del sistema, interfacciata con l UNITÀ MASTER (gestione eventi e comando sistema) e su cui sono collocati: Circuito di segnalazione inefficienza accumulatore Morsettiere di connessione per collegamenti a pulsanti di sgancio, segnalazioni remote di vario tipo. RILEVATORE MULTICRITERIO Per cadauna porta antincendio completo di base convenzionale da posizionarsi esternamente al filtro nella parte superiore della porta. CANALI Ø 180 mm REI 120 Per l aspirazione di aria pulita da posizionarsi tra UNITÀ BLACK e zona sicura a cielo libero. L aspirazione dell aria per la messa in sovrappressione del filtro verrà effettuata mediante apposite canalizzazioni certificate REI 120 connesse fra l unità black e zona sicura o a cielo libero. Lo stato del tipo di attivazione, delle linee e degli eventi sono costantemente visibili tramite led posti sul pannello frontale della centrale Master e resettabili da operatori abilitati muniti di apposita chiave. Il funzionamento del sistema viene assicurato anche in assenza dell alimentazione da rete per un periodo di oltre 2 ore tramite appositi accumulatori. Il sistema è stato testato su tre distinte volumetrie di filtro (m 52, 104, 207), con installate n. 4 porte antincendio dim. 1200x2150h ottenendo un tempo di pressurizzazione rispettivamente: , presso l'istituto Giordano s.p.a. di Bellaria(RN), cert del 25/05/2001 Blocco 1= m 52 dopo 3 P= 0,60 mbar Blocco 2= m 104 dopo 5 P= 0,60 mbar Blocco 3= m 207 dopo 9 P= 0,60 mbar CHIUDI-APRIPORTA CENTRALIZZATO

2 DA 257 A 272 OK :13 Pagina CHIUDI-APRIPORTA INTELLIGENTE CENTRALIZZATO CERTIFICATO SU PORTE REI MASTER WHITE CHIUDI-APRIPORTA INTELLIGENTE CENTRALIZZATO Certificato I. G. n del 14/04/2004 DESCRIZIONE SISTEMA 1) CONTROPIASTRA da ancorare al muro o al serramento da aprire; 2) MONOBLOCCO dimensioni 50x60x500 mm da avvitarsi sulla contropiastra; 3) DISPOSITIVO N.L costituito da particolari dischi concentrici assemblati e tenuti in posizione da idoneo sistema collegato al perno centrale del chiudiporta, supportato lateralmente da idoneo dispositivo di arresto previsto per entrare in funzione tramite pressione della leva collegata all elettromagnete realizzando, in tal modo, la chiusura o l apertura del serramento; 4) CENTRALE DI COMANDO E CONTROLLO COMPLETA DI SCHEDA DI ATTIVAZIONE che a mezzo proprio sistema di accumulo, è in grado di garantire un autoalimentazione del sistema in caso di brevi black-out, di buchi in tensione o microinterruzioni di alimentazione senza creare false ed indesiderate manovre quali l apertura o la chiusura del serramento; 5) INGRESSO 230 volt con fusibile di protezione; 6) ALIMENTATORE con trasformatore della tensione volt corredato delle relative sicurezze; 7) USCITA 24 volt con fusibile di protezione; 8) SISTEMA DI CONDENSATORI opportunamente dimensionati; 9) ELETROMAGNETE tipo sicurezza positiva 24 volt collegato tramite specifica leva di ancoraggio al perno inferiore del sistema di autochiusura; 10)CONTROPIASTRA di riscontro assemblata su adattatore snodato pluridirezionale tenuta 50 kg; 11)DISPOSITIVO DI AUTOCHIUSURA MECCANICO con forza tarabile F1 - F5; 12)PANNELLO FRONTALE con spie segnalazione correnti di rete, allarme ed interruttore di sgancio manuale. CAMPO DI APPLICAZIONE Su porte ad uso attraversamento compartimenti REI, uscita di sicurezza, ecc: Disabili: D.M. 236 del 14/06/89 Superamento barriere architettoniche: D.P.R. 503 del 24/07/96 Art. 1 punto 6 - Art. 15 punto 1 Ospedali: D.M. 18/09/02 Alberghi: D.M. 09/04/94-06/10/03 Autorimesse: D.M. 01/02/86 Edilizia scolastica: D.M. 26/08/92 Filtri a prova di fumo: D.M. 30/11/83 Circ. M.I. 30/10/2000 M.74 capitolo B CHIARIMENTO M.I. PROT. P 1382/4122 sott. 46/bis del 19/10/04 REQUISITI TECNICO PRESTAZIONALI Alimentazione 230 volt ca. Trasformatore 230 ca/24 volt Capacità fino a 4 rivelatori Gestione fino a 2 elettromagneti Ripristino tipo automatico a tempo Elettromagnete 24 volt, trazione 50 kg Dim. esterne 50x60x530 mm Cavo di collegamento 12 poli pre-cablato L=150 cm Cavo di alimentazione pre-cablato L=150 cm VERSIONI Cod CHIUDI-APRIPORTA N.L-A/C Consente alla porta di rimanere normalmente aperta e/o libera con chiusura automatica in caso d incendio, destinato alla chiusura del serramento antincendio e consigliato nelle zone di forte transito o interessate al passaggio di disabili, ospedali, scuole, ecc.. Cod CHIUDI-APRIPORTA N.L-C/A Consente al serramento di rimanere normalmente libero/chiuso e di aprirsi in caso di incendio, consigliato per l apertura di serramenti a wasistass o battente attestati su parete, adibiti a ventilazione filtri antincendio o scale a prova di fumo. Cod CHIUDI-APRIPORTA N.L. slim Sistema con le stesse caratteristiche del mod. Master White N.L., realizzato in maniera ridotta da utilizzarsi su porte e/o serramenti in genere a 1 o 2 battenti qualora esista un impianto centralizzato di rilevazione previsto per la gestione dell intero sistema oppure in abbinamento al Master White N.L. sull anta di seconda apertura per le porte a 2 battenti.

3 DA 257 A 272 OK :13 Pagina 5 FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA Il principio di funzionamento del sistema è altamente affidabile in quanto del tutto simile a quello di autochiusura automatica dei serramenti tagliafuoco mediante elettromagnete collegato a rivelatore di fumo, da tempo adottato in parecchie attività soggette a controllo VVF. Ricevuto il segnale dal rilevatore di fumo, da pulsante manuale o da comando remoto, il sistema MASTER WHITE N.L C/A smagnetizza il dispositivo magnetomeccanico mod. ISP e intervenendo sul sistema N.L, provvede all apertura del serramento in un tempo tarabile da 3 a 10, trattenendolo in posizione di massima apertura. Il ripristino del sistema e la relativa possibilità di mantenere il serramento nella posizione iniziale, sarà possibile solo manualmente, a seguito della cessata emergenza. DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 FILTRO A PROVA DI FUMO Vano delimitato da strutture con resistenza al fuoco REI predeterminata, e comunque non inferiore a 60, dotato di due o più porte munite di congegni di autochiusura con resistenza al fuoco REI predeterminata, e comunque non inferiore a 60, CON CAMINO DI VENTILAZIONE DI SEZIONE ADEGUATA E COMUNQUE NON INFERIORE A 0,10 M SFOCIANTE AL DI SOPRA DELLA COPERTURA DELL EDIFICIO, oppure vano con le stesse caratteristiche di resistenza al fuoco o MANTENUTO IN SOVRAPRESSIONE A 0,30 MBAR ANCHE IN CONDIZIONI DI EMERGENZA, oppure aerato direttamente verso l esterno con aperture libere di superficie non inferiore ad 1 m con esclusione di condotti. 261 CHIUDI-APRIPORTA CENTRALIZZATO

4 DA 257 A 272 OK :13 Pagina 9 LASTRE IN CALCIOSILICATO APPLICAZIONI Cod Cod Cod Cod Cod Lastre in Calciosilicato Supalux S 2500x Sp. 6 mm Lastre in Calciosilicato Supalux S 2500x Sp. 9 mm Lastre in Calciosilicato Supalux S 2500x Sp. 12 mm Lastre in Calciosilicato Supalux S 2500x Sp. 15 mm Lastre in Calciosilicato Supalux S 600x600 - Sp. 6 mm 265 Ideali per controsoffitti, contropareti, pareti divisorie, partizioni tecniche, rivestimento di travi e pilastri cemento e acciaio, ecc. Le lastre sono omologate dal Ministero dell Interno in Classe 0 di reazione al fuoco. Conservano per lungo tempo la stabilità alle elevatissime temperature che si sviluppano durante l incendio. Sono la soluzione ideale per realizzare protezioni passive che garantiscano una protezione effettiva. Spesso vengono prescritte per la soluzione di numerosi problemi normativi. Ideale per autorimesse, metropolitane, centrali termiche, ecc. In base agli spessori, agli elementi da proteggere ed alle modalità applicative, si ottengono gradi di protezione differenti. Certificata fino REI Il nostro servizio non si ferma alla sola fornitura del materiale, ma offriamo posa ed assistenza con i nostri tecnici specializzati o con personale esterno altamente qualificato da noi selezionato. ESEMPI APPLICATIVI Controsoffitto SUPALUX-S 6 mm su orditura in vista 600x600 - REI 120 Descrizione di Capitolato Controsoffitto antincendio con resistenza al fuoco certificata REI 120, conformemente al certificato n CSl0727RF, costituito da lastre SUPALUX-S, omologate dal Ministero dell lnterno In Classe 0 di reazione al fuoco, in calcio silicato Idrato rinforzato con fibre di cellulosa ed additivi inorganici, esenti da amianto ed altre fibre inorganiche, dello spessore di mm 6 e dimensioni mm 600x600, pre-verniciate sulla faccia a vista con pittura lavabile. Le lastre saranno appoggiate su un orditura in vista in profilati in acciaio zincato T a scatto mm 24x38 sospesa con pendinature in filo di acciaio ø mm 1,8 alle strutture da proteggere soprastanti e completata da un profilo perimetrale ad L mm 30x30 in acciaio. Sopra alle lastre sarà steso un pannello in lana di roccia densità kg/m 3 40 per uno spessore di mm 50. Controsoffitto SUPALUX-S 12 mm su orditura nascosta - REI 120 Descrizione di Capitolato Controsoffitto antincendio con resistenza al fuoco certificata REI 120, conformemente al certificato n CSl0393RF, costrtuito da lastre SUPALUX-S, omologate dal Ministero dell lnterno in Classe 0 di reazione al fuoco, in calcio silicato idrato rinforzato con fibre di cellulosa ed additivi inorganici, esenti da amianto ed altre fibre inorganiche, dello spessore di mm 12. Le lastre saranno fissate con viti passo massimo mm 200, ad un orditura di supporto, principale, in profilati di acciaio zincato, di interasse non superiore a mm 600, sospesa con pendinature in filo di acciaio ø mm 2,0 alle strutture da proteggere sovrastante. Lungo il perimetro verrà fissata una cornice ad L in acciaio mm 30x30. Sopra alle lastre sarà steso un pannello in lana di roccia densità kg/m 3 50 per uno spessore di mm 50. Tutti I giunti e gli spigoli saranno trattati con garza ed opportuna rasatura. LASTRE IN CALCIOSILICATO

5 DA 257 A 272 OK :13 Pagina 10 LASTRE IN CALCIOSILICATO APPLICAZIONI 266 Il nostro servizio non si ferma alla sola fornitura del materiale, ma offriamo posa ed assistenza con i nostri tecnici specializzati o con personale esterno altamente qualificato da noi selezionato. ESEMPI APPLICATIVI Protezione di parete in muratura SUPALUX-S 9 mm - REI 120 Descrizione di Capitolato Protezione antincendio di pareti in muratura, con resistenza al fuoco certificata REI 120, conformemente al certificato no CSl0524RF, costituita da uno strato in lastre SUPALUX-S, omologate dal Ministero dell interno in Classe 0 di reazione al fuoco, in calcio silicato idrato rinforzato con fibre di cellulosa ed additivi inorganici, esenti da amianto ed altre fibre inorganiche, dello spessore di mm 9. Le lastre saranno fissate alla muratura da proteggere mediante almeno n /m 2 4 tasselli ad espansione metallici. Parete SUPALUX-S 8 mm su struttura metallica - REI 120 Descrizione di Capitolato Parete antincendio con resistenza al fuoco certificata REI 120, conformemente al certificato n CSl0708RF, costituita da 2 lastre SUPALUX-S, omologate dal Ministero dell lnterno in Classe 0 di reazione al fuoco, in calcio silicato idrato rinforzato con fibre di cellulosa ed additivi inorganrci, esenti da amianto ed altre fibre inorganiche, ciascuna dello spessore di mm 8 con interposta struttura di sostegno in profilati di acciaio zincato atta a sopportare le azioni orizzontali prescritte dal D.M Il fissaggio delle lastre alla struttura è ottenuto per mezzo di viti in acciaio zincato a passo non superiore a mm 200. L intercapedine tra le lastre conterrà pannelli in lana di roccia di densità kg/m 3 100, per uno spessore di mm 70. Partizione tecnica autoportante SUPALUX-S 15x3 mm - REI 120 Descrizione di Capitolato Partizione antincendio con resistenza al fuoco certificata REI 120, conformemente al certificato n CSl0389RF, costituita da 3 lastre SUPALUX-S, omologate dal Ministero dell lnterno in Classe 0 di reazione al fuoco, in calcio silicato idrato rinforzato con fibre di cellulosa ed additivi inorganici, esenti da amianto ed altre fibre inorganiche, ciascuna dello spessore di mm 15. Le lastre saranno sovrapposte a giunti sfalsati e fissate tra loro ed alla struttura di ancoraggio perimetrale in acciaio zincato, con viti a passo non superiore a mm 200.

6 DA 257 A 272 OK :13 Pagina 11 RESISTENZA DELLE STRUTTURE R R.E.I RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE REAZIONE AL FUOCO RIQUALIFICAZIONE ANTINCENDIO DI STRUTTURE PORTANTI ESISTENTI 267 RIQUALIFICAZIONE STRUTTURA CEMENTO VERNICI - R e R.E.I. RIQUALIFICAZIONE TIRANTI IN METALLO COPPELLE - R e R.E.I. RIQUALIFICAZIONE COMPLETA DI CAPANNONI LASTRE CALCIOSILICATO R.E.I. RIQUALIFICAZIONE STRUTTURA METALLICA INTONACO - R e R.E.I. PRODOTTI TERMOESPANDENTI

7 DA 257 A 272 OK :13 Pagina 12 AMONN FIRE IL GRUPPO ITALIANO LEADER NELLA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO 268 VERNICI INTUMESCENTI E COMPARTIMENTAZIONI CAMPO DI APPLICAZIONE Strutture metalliche, a quelle lignee, dal cemento armato a quello precompresso ad ogni tipo di muratura. Protezione passiva dal fuoco di materiali e strutture, può soddisfare le richieste di reazione che di resistenza al fuoco in funzione del supporto che si intende proteggere. OFFRE PER LA RESISTENZA AL FUOCO R Vernici intumescenti (a base acquao solvente), intonaci a base cemento o gesso e polistiren, mastici, giunti, collari. OFFRE PER LA REAZIONE AL FUOCO CLASSE Vernici ignifughe pigmentate (a base acqua o solvente), vernici ignifughe trasparenti (a base acqua o solvente). INTONACI A BASE GESSO E CEMENTO CAMPO DI APPLICAZIONE Intonaci per la protezione al fuoco delle strutture R90 - R180. I PRODOTTI PROTHERM LIGHT Intonaco leggero per la protezione al fuoco di strutture in acciaio, cemento armato precompresso e murature. MONOKOTE E uno dei sistemi per la protezione antincendio di strutture, più richiesto nelle specifiche e più usato a livello mondiale. Monokote é un sistema protettivo a base di gesso, da applicare a macchina. Adatto per la protezione di strutture in cemento ed acciaio.

8 269AMONN FIRE DA 257 A 272 OK :13 Pagina 13 SERVICE Su richiesta si effettuano sopralluoghi di fattibilità e metodi di applicazione, preventivi, analisi, classe di resistenza, tempistiche UNA SOLUZIONE AD OGNI PROBLEMA Conoscere un problema non vuol dire avere la soluzione pronta. I prodotti del Gruppo AMONN FIRE nascono dall osservazione attenta del mercato e dal dialogo continuo con i progettisti, applicatori e con il Comando dei Vigili del Fuoco e con chiunque operi professionalmente nel settore. Tutte le linee di prodotti sono testate e certificate da laboratori ufficiali, sia nazionali che internazionali. Particolare attenzione é posta soprattutto nei confronti delle norme comunitarie e nella marcatura CE, conformemente alla direttiva EN 89/106 prodotti da costruzione. Per il corretto dimensionamento dei protettivi, rivolgersi ai nostri quadri tecnici, alla documentazione e al servizio Ingegneria z Assistenza. LE CERTIFICAZIONI con le applicazioni dei vari materiali, si ottengono: - Resistenza al fuoco fino a R / REI 240 (dipendenti dalle strutture; - Reazione al fuoco CLASSE 1 su legno e derivati. VERNICI INTUMESCENTI CAMPO DI APPLICAZIONE Acciaio, strutture resistenti al fuoco, legno e derivati reazione e resistenza, muratura in cemento armato, ecc. resistenza al fuoco Linea Acciaio Protezione passiva dal fuoco di elementi e strutture in acciaio ai fini della RESISTENZA AL FUOCO Linea Legno Protezione passiva dal fuoco di elementi e strutture in legno e derivati ai fini della REAZIONE E RESISTENZA AL FUOCO Linea Muratura, c.a e c.a.p Protezione passiva dal fuoco di elementi e strutture in muratura, cemento armato e cemento armato precompresso ai fini della RESISTENZA AL FUOCO

9 DA 257 A 272 OK :13 Pagina 14 EVACUATORI DI FUMO - CALORE 270 EVACUATORE DI FUMO - CALORE EXS: MENO FUMO, PIÙ SICUREZZA Quando scoppia un incendio, la prima cosa da fare è favorire l uscita del fumo e del calore. Si riducono al minimo, così, i rischi di intossicazione o di incidenti dovuti al deflusso disordinato delle persone in preda al panico e si agevolano le operazioni di soccorso. Grazie all apertura azionata in automatico da un sistema di rilevazione, EXS, il nuovo evacuatore di fumo-calore studiato e brevettato dal Basso Lucernari, crea, a livello del terreno, uno strato libero da fumi e permette un intervento più rapido ed efficace dei soccorritori. Naturalmente, nell uso quotidiano, EXS agisce da lucernario apribile per l aerazione di ambienti industriali e commerciali. EXS, certificato secondo la norma EN , provvisto di marcatura CE, è il frutto più avanzato della ricerca di Basso Lucernari, un prodotto innovativo sul piano tecnologico e una risorsa in più per la sicurezza dell ambiente di lavoro. CARATTERISTICHE DEI COMPONENTI SISTEMA DI APERTURA PER LA VENTILAZIONE GIORNALIERA EXS utilizza un sistema di apertura con un unico attuatore elettrico e un doppio sistema di levaraggio. VANTAGGI Con un solo punto di spinta si evita il sincronismo-parallelismo di due attuatori (utilizzati nei sistemi tradizionali). Con l utilizzo di un unico attuatore e del sistema di levaraggio, l Efc in apertura è stabile anche in caso di folate di vento. Il doppio sistema di levaraggio neutralizza il carico di depressione permettendo di scaricare le forze, in caso di spinta del vento, dall interno verso l esterno, non sullo stelo dell attuatore ma sul sistema di leve, più robusto e stabile. Il sistema di apertura può essere installato in qualsiasi momento anche con Efc già montato in copertura. BASAMENTO Il telaio di base è realizzato in acciaio zincato pressopiegato dello spessore di 15/110mm altezza 300 mm. TELAIO APRIBILE È realizzato con un doppio telaio in alluminio naturale della sezione di 45x30x2 mm, per quello fisso,e 45x58x2 mm, per quello apribile. I due telai sono uniti tra loro per mezzo di cerniere in alluminio provviste di perni in acciaio inox. SISTEMA DI APERTURA L apertura dell Efc avviene per mezzo di un cilindro pneumatico azionato da un circuito di sicurezza e frenato da una molla a gas in apertura. Il meccanismo è attivato da un ampolla termosensibile ad una temperatura di 68/93 C, che fa innescare il meccanismo di perforazione della bomboletta di CO2, aprendo l Efc di circa 165. COPERTURA La copertura è costituita da una cupola termoformata,parete singola, doppia, tripla, forma a Vela, in polimetacrilato originale di sintesi. La cupola viene fissata alla base d appoggio con staffe, realizzate in lega di alluminio anodizzato argento, Easy block (brevetto di Basso Lucernari), studiate per un installazione veloce, a scatto, senza utilizzo di viti. La copertura può essere in policarbonato alveolare curvato a freddo sostenuto da centine in alluminio, oppure con pannello sandwich e astra piana in policarbonato.

10 271EVACUATORI DI FUMO - CALORE DA 257 A 272 OK :13 Pagina 15 SERVICE Su richiesta forniamo ed installiamo: Lucernari, Cupole, Areatori, EFC. Sopralluoghi di fattibilità con progettazione e preventivazione.

MASTER WHITE. ISOL SACK REI 180

MASTER WHITE. ISOL SACK REI 180 SISTEMA MASTER WHITE ISOL SACK REI 180 SISTEMA CHIUDI-APRIPORTA INTELLIGENTE CENTRALIZZATO CERTIFICATO SU PORTE REI 120 CAMPO DI APPLICAZIONE Su porte ad uso attraversamento compartimenti REI, uscita di

Dettagli

SEDE E STABILIMENTO 12100 MADONNA DELL OLMO (CN) V. M. DEL LAVORO 22 SCHEDA TECNICA UNITA BLACK UNI ATTENZIONE!!!!

SEDE E STABILIMENTO 12100 MADONNA DELL OLMO (CN) V. M. DEL LAVORO 22 SCHEDA TECNICA UNITA BLACK UNI ATTENZIONE!!!! V M DEL LAVORO 22 Nome commerciale Principali applicazioni Descrizione del funzionamento SCHEDA TECNICA UNITA BLACK UNI UNITA BLACK UNI L esigenza della messa a punto del sistema di pressurizzazione Mod

Dettagli

MASTER BLACK. SISTEMA DI PRESSURIZZAZIONE FILTRI A PROVA DI FUMO MOD. MASTER BLACK in conformità al D.M. 30/11/83 ed alle norme UNI EN 12101-6:2005

MASTER BLACK. SISTEMA DI PRESSURIZZAZIONE FILTRI A PROVA DI FUMO MOD. MASTER BLACK in conformità al D.M. 30/11/83 ed alle norme UNI EN 12101-6:2005 MASTER BLACK Certificato I.G. N. 148370 del 25-05 - 01 SISTEMA DI PRESSURIZZAZIONE FILTRI A PROVA DI FUMO MOD. MASTER BLACK L esigenza della messa a punto del sistema di pressurizzazione MASTER BLACK è

Dettagli

UNITA MASTER WHITE Mod. SLIM

UNITA MASTER WHITE Mod. SLIM SCHEDA TECNICA UNITA MASTER WHITE Mod. SLIM Nome commerciale Principali applicazioni UNITA MASTER WHITE Mod. SLIM L unità MASTER WHITE SLIM è un sistema da applicare a serramenti interni ed esterni che

Dettagli

Relatore : Valter Pastorino. Via Maestri del Lavoro 22 12100 cuneo Tel 0171 411300. www.sacop.it

Relatore : Valter Pastorino. Via Maestri del Lavoro 22 12100 cuneo Tel 0171 411300. www.sacop.it Relatore : Valter Pastorino Via Maestri del Lavoro 22 12100 cuneo Tel 0171 411300 www.sacop.it DECRETO MINISTERIALE D.M. 30/11/83 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 (in Gazz. Uff., 12 dicembre, n. 339)

Dettagli

CAPITOLO E.17 CONTROSOFFITTI, PARETI DIVISORIE E PROTEZIONI ANTINCENDIO

CAPITOLO E.17 CONTROSOFFITTI, PARETI DIVISORIE E PROTEZIONI ANTINCENDIO 179 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 9 SPECIALE DEL 9 FEBBRAIO 2009 AVVERTENZE CONTROSOFFITTI CAPITOLO E.17 CONTROSOFFITTI, PARETI DIVISORIE E PROTEZIONI ANTINCENDIO I controsoffitti devono

Dettagli

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA Ordine degli Ingegneri della provincia di Taranto Corso di specializzazione in prevenzione incendi ai sensi della Legge 818/1984 e del D.M. 25/3/1985 MODULO C Tecnologie dei materiali e delle strutture

Dettagli

IMPIANTO DI SOVRAPRESSIONE NO SMOKE DS PER ZONE FILTRO FUMO

IMPIANTO DI SOVRAPRESSIONE NO SMOKE DS PER ZONE FILTRO FUMO IMPIANTO DI SOVRAPRESSIONE NO SMOKE DS PER ZONE FILTRO FUMO Certificato secondo D.M. DEL 30/11/1983 I.G. 188202 L impianto di sovrapressione NO SMOKE DS serve a mandare in sovrapressione le zone filtro

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO - COMPLESSO SCOLASTICO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

PROVINCIA DI PRATO - COMPLESSO SCOLASTICO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Cod. C.M.E. Voce E.P. Descrizione sintetica U.M. Quantità 1 CIV-001 2 CIV-002 3 CIV-003 4 CIV-004 5 CIV-005 6 CIV-006 PROVINCIA DI PRATO - COMPLESSO SCOLASTICO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE - Via Galcianese

Dettagli

REI 180. REI BLOCK e REI PAnnel In caso di incendio. REI 120

REI 180. REI BLOCK e REI PAnnel In caso di incendio. REI 120 REI 180 REI BLOCK e REI PAnnel In caso di incendio. REI 120 Schiedel CANNE REI Una risposta globale per tutti i fumi Sistemi SCHIEDEL REI 180 e REI 120 Camino e Canna fumaria collettiva ramificata in refrattario,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI OPERE CIVILI 1 PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI...6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI...

Dettagli

715_1 ASILO NIDO ARCOBALENO _ MONTE SAN VITO Computo INTERVENTI PREVENZIONE INCENDI Capitolo: PROTEZIONI PASSIVE

715_1 ASILO NIDO ARCOBALENO _ MONTE SAN VITO Computo INTERVENTI PREVENZIONE INCENDI Capitolo: PROTEZIONI PASSIVE Capitolo: PROTEZIONI PASSIVE 07.03.013 Controsoffitto per protezione antincendio di solaio. 1 07.03.013 001 Fornitura e posa in opera di controsoffitto per protezione antincendio di solaio, con resistenza

Dettagli

CODICI COrSa 300 mm COrSa 500 mm COrSa 700 mm COrSa 1000 mm 40083L 40085N 40087P 40090K

CODICI COrSa 300 mm COrSa 500 mm COrSa 700 mm COrSa 1000 mm 40083L 40085N 40087P 40090K CIlINDrI PNeuMatICI Sistemi pneumatici per evacuazione fumo e calore Costruiti con materiali resistenti alla corrosione e caratterizzati da un elevato rendimento ottenuto grazie al minimo attrito generato

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

ANALISI PREZZI PER LA VOCE IN ELENCO

ANALISI PREZZI PER LA VOCE IN ELENCO PA.1 Lastra antincendio di gesso rivestito, spessore mm. 25, per applicazione su pareti o solai in c.a. atta a garantire una resistenza al fuoco REI 120. Fornito e posto in opera inclusi materiali di fissaggio,

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) Compartimentazione Distanze di sicurezza Ing. Silvano BARBERI Corpo Nazionale

Dettagli

Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011. 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori

Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011. 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori CONTROSOFFITTI Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011 Prof. Arch. Frida Bazzocchi 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori UNI EN 13964:2007 Controsoffitti. e metodi

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE PRODOTTI

CARATTERISTICHE TECNICHE PRODOTTI CARATTERISTICHE TECNICHE PRODOTTI LASTRE FIREGUARD 13 Utilizzo: protezioni strutturali, riqualificazioni, pareti, contropareti, controsoffitti. Descrizione: le lastre FIR G ARD 13 sono costituite da silicati

Dettagli

Porte Antincendio ed Accessori

Porte Antincendio ed Accessori ed Accessori Porte Antincendio UNI9723 a Norma UNI EN1634 in Acciaio EI2 60 EI2 120 Mis. foro muro 800 x 2050 h RV Cod. 0501 Mis. foro muro 800 x 2050 h RV Cod. 0509 Mis. foro muro 900 x 2050 h RV Cod.

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO ESECUTIVO PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

FORNITURA E POSA IN OPERA DI PROTEZIONI PASSIVE AL FUOCO

FORNITURA E POSA IN OPERA DI PROTEZIONI PASSIVE AL FUOCO FORNITURA E POSA IN OPERA DI PROTEZIONI PASSIVE AL FUOCO Soluzioni passive al fuoco 2 Soluzioni passive al fuoco srl opera da anni con professionalità e competenza nell ambito della protezione passiva

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO

LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO VALORIZZAZIONE DELLA RISORSA LEGNO NELL AMBITO DELLE COSTRUZIONI ATTRAVERSO L INDIVIDUAZIONE DI MODALITA PER IL RAGGIUNGIMENTO DI ELEVATI STANDARD DI SICUREZZA

Dettagli

SCHEDE - Prodotti, finiture e colori - LASTRE IN CALCIOSILICATO LASTRE IN CALCIOSILICATO LE LASTRE ANTINCENDIO

SCHEDE - Prodotti, finiture e colori - LASTRE IN CALCIOSILICATO LASTRE IN CALCIOSILICATO LE LASTRE ANTINCENDIO 14 LASTRE IN CALCIOSILICATO Tutte le lastre in calciosilicato proposte da ERACLIT sono costituite da una matrice di calciosilicato idrato fatto maturare in autoclave ad alta pressione, rinforzata con speciali

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

Analisi dei Nuovi Prezzi Aggiunti

Analisi dei Nuovi Prezzi Aggiunti Analisi dei Nuovi Prezzi Aggiunti Premessa Per le forniture e le opere compiute di cui non è stato individuato un articolo specifico nell Elenco Prezzi di riferimento (Elenco Prezzi di riferimento per

Dettagli

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale 2 L AZIENDA Lafarge Gessi è una società del Gruppo multinazionale Lafarge, nata in seguito alla rapida crescita dei sistemi costruttivi a secco che si è registrata

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI OPERE CIVILI PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI... 6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI...

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 1727 Analisi E.17.10.10.a Controsoffitti piani in rete metallica e intonaco, assicurata all'armatura propria portante in legno, da pagarsi a parte, con chiodi, grappe, filo di ferro zincato, compreso l'intonaco

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE PARETI PORTANTI IN MURATURA Reazione al fuoco: A1 Resistenza al fuoco: REI 180

RIQUALIFICAZIONE PARETI PORTANTI IN MURATURA Reazione al fuoco: A1 Resistenza al fuoco: REI 180 RIQUALIFICAZIONE PARETI PORTANTI IN MURATURA Resistenza al fuoco: REI 180 Supporto: parete in laterizio sp 115 mm e intonaco su ambo i lati Rivestimento protettivo: lastre FIREGUARD 13 spessore 1x12,7

Dettagli

Barriere antifiamma FIRE-STOP

Barriere antifiamma FIRE-STOP Barriere antifiamma FIRE-STOP 1. Barriera antifiamma in sacchetti intumescenti FIRE STOP-BAG Sacchetti incombustibili intumescenti per il tamponamento al fuoco di varchi di attraversamento di divisorie

Dettagli

PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO

PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE CRS8 Pannello sinottico La centrale antincendio mod. CRS8, controllata a microprocessore, è stata progettata per alimentare e gestire

Dettagli

Edifici industriali in acciaio

Edifici industriali in acciaio Le coperture industriali e i capannoni in acciaio zincato a caldo vengono sempre studiati, progettati e realizzati dalla GIESSE completamente su misura secondo le necessità del cliente, sempre con elevati

Dettagli

SMOKE MASTER SMRA» SISTEMA DI SOVRAPRESSIONE PER VANI FILTRO A PROVA DI FUMO

SMOKE MASTER SMRA» SISTEMA DI SOVRAPRESSIONE PER VANI FILTRO A PROVA DI FUMO FIRE SAFETY ROOM PRESSURIZATION SMOKE MASTER SMRA» SISTEMA DI SOVRAPRESSIONE PER VANI FILTRO A PROVA DI FUMO Sistema 1 di sovrapressione per vani filtro a prova di fumo Smoke Master SMRA 1 SISTEMA DI SOVRAPRESSIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI OPERE CIVILI PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI... 6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI 1 PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI...6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO

Dettagli

Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre

Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre il corretto uso dei rapporti di prova europei e del relativo fascicolo tecnico. Funzione tecnico-commerciale Ing. ZAMUNER Edoardo D.M. 16 febbraio

Dettagli

CLASSIC CLASSIC. CLASSIC rever REI 60 - REI 120 MULTIUSO CARATTERISTICHE DI ALTA QUALITÀ DEL PRODOTTO:

CLASSIC CLASSIC. CLASSIC rever REI 60 - REI 120 MULTIUSO CARATTERISTICHE DI ALTA QUALITÀ DEL PRODOTTO: 2 CLASSIC CLASSIC REI 60 - REI 120 MULTIUSO CARATTERISTICHE DI ALTA QUALITÀ DEL PRODOTTO: - Telaio molto robusto. - Luce tra battente e paramento molto ridotta. - Simmetria del telaio su tre lati a montaggio

Dettagli

PORTE TAGLIAFUOCO PORTE SU MISURA CON PARETI IN CARTONGESSO

PORTE TAGLIAFUOCO PORTE SU MISURA CON PARETI IN CARTONGESSO METALLICA TAGLIAFUOCO CARTONGESSO con telaio abbracciante ad angolo arrotondato ed altri vantaggi aggiuntivi: Resistenza REI 120 Una e due ante Formati standard ed a misura fino a 2545 x 2500 H Senza o

Dettagli

Calcolo sommario della spesa

Calcolo sommario della spesa Azienda certificata in conformità alla norma UNI EN ISO 9001:2000 Sede Legale : 15100 Alessandria - Via Venezia, n. 16 - C. F. - Partita I.V.A.: 01640560064 OPERE DI COMPARTIMENTAZIONE DI N. 3 VANI SCALA

Dettagli

Caratteristiche Vetrate fisse in acciaio

Caratteristiche Vetrate fisse in acciaio Caratteristiche Vetrate fisse in acciaio Vetrate fisse acciaio REI 30 o REI 60 con telaio in vista Telaio costruito con profilo portante in tubolare d acciaio dello spessore di 15/10 mm formato a freddo,

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

IMPIANTO DI PRESSURIZZAZIONE FILTRI A PROVA DI FUMO -STABILIMENTO GRAFICO MILITARE-GAETA - Progetto Esecutivo - Manuale Uso e Manutenzione

IMPIANTO DI PRESSURIZZAZIONE FILTRI A PROVA DI FUMO -STABILIMENTO GRAFICO MILITARE-GAETA - Progetto Esecutivo - Manuale Uso e Manutenzione 1. INFORMAZIONI UTILI ALLA SICUREZZA 1.1 ALIMENTAZIONE La derivazione del sistema dovrà avvenire da circuito con presenza di tensione permanente a 230 Vca, 50 Hz con classe di isolamento I. Il morsetto

Dettagli

Portoni saliscendi NINZ tagliafuoco

Portoni saliscendi NINZ tagliafuoco la protezione al fuoco arriva dall alto Portoni NINZ tagliafuoco Caratteristiche 190 PORTONE SALISCENDI REI 120 191 OPTIONAL - Accessori obbligatori 192 Verniciatura 193 Tutte le misure indicate si intendono

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA Materiale Il componente (o i componenti variamente associati) che può (o possono) partecipare alla combustione

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2. 1. Premessa... 4. 2. Scopo del progetto... 5

ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2. 1. Premessa... 4. 2. Scopo del progetto... 5 SOMMARIO ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2 1. Premessa... 4 2. Scopo del progetto... 5 2.1. Impianti di rivelamento fumi e segnalazione incendio... 5 2.2. Scala di sicurezza esterna in

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

THERMALPANEL. Per il risanamento e la riqualificazione termo-acustica degli interni con prodotti naturali in basso spessore.

THERMALPANEL. Per il risanamento e la riqualificazione termo-acustica degli interni con prodotti naturali in basso spessore. THERMALPANEL Per il risanamento e la riqualificazione termo-acustica degli interni con prodotti naturali in basso spessore. Prodotti naturali in basso spessore, 100% riciclabili e rispettosi della persona

Dettagli

principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici

principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici LE PARETI INTERNE Sono elementi costruttivi che hanno principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici secondo dimensioni adatte alla destinazioni funzionali che devono essere realizzate

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona PROROGA APPLICAZIONE D.P.R. 151/11: D.L. 21 giugno 2013, n. 69. Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 giugno 2013, n. 144, S.O. Art. 38 Disposizioni in materia

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma Oggetto: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma Sede Motorizzazione Civile di Roma Nord Sede M.C.T.C. Roma Nord - Via

Dettagli

Amico Progettista, abbiamo creato per te questo strumento di lavoro per dare una risposta a tutti i tuoi dubbi.

Amico Progettista, abbiamo creato per te questo strumento di lavoro per dare una risposta a tutti i tuoi dubbi. Amico Progettista, abbiamo creato per te questo strumento di lavoro per dare una risposta a tutti i tuoi dubbi. Girando pagina troverai la soluzione a situazioni nelle quali si richiede una decisione della

Dettagli

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti FERMACELL L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti EDIZIONE 00 0 buone ragioni scegliere l alta qualità FERMACELL! Le lastre in gessofibra FERMACELL hanno le carte in regola per soddisfare

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO

PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO COMUNE DI CARAGLIO Provincia di Cuneo SETTORE LAVORI PUBBLICI PROGETTO ESECUTIVO Artt. 33 e segg. D.P.R. 7/0 ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO COD. CUP:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI 1 PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI... 6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO

Dettagli

ALLEGATO B3) LOTTO 3

ALLEGATO B3) LOTTO 3 Servizio di verifica periodica, pronto intervento, manutenzione ordinaria e straordinaria non programmabile di impianti e presìdi di sicurezza degli edifici dell Università degli Studi di Ferrara. ALLEGATO

Dettagli

Safety. Elettromagneti di Sicurezza Antipanico

Safety. Elettromagneti di Sicurezza Antipanico r l l - R 2 Elettromagneti di Sicurezza Antipanico Elettromagnete MICRO Versione: da infilare Corpo in acciaio inox protetto contro l'umidità Dimensioni del corpo: mm. 170 x 32 x 24 Dimensioni totali con

Dettagli

PREZZO DA APPLICARE arrotondato euro m2 6,50

PREZZO DA APPLICARE arrotondato euro m2 6,50 pag. 1 Nr. 1 arch01 Rimozione di listellatura, materiale isolante, telo impermeabilizzante, rivestimento canale di gronda, messicani, griglie parafoglie e quant'altro ritenuto non idoneo dalla D.L., compresa

Dettagli

SVP. REIDUCT Condotte aerauliche EI120. Sistemi di pressurizzazione per locali filtri fumo. Dal 1970 la ventilazione made in Italy

SVP. REIDUCT Condotte aerauliche EI120. Sistemi di pressurizzazione per locali filtri fumo. Dal 1970 la ventilazione made in Italy SVP Sistemi di pressurizzazione per locali filtri fumo Dal 1970 la ventilazione made in Italy REIDUCT Condotte aerauliche EI120 SVP Sistemi di pressurizzazione per locali filtri a prova di fumo Certificato

Dettagli

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione Linee Guida per la progettazione della sicurezza nelle Gallerie Stradali secondo la normativa vigente Ottobre 2009 Pag. 71 di

Dettagli

PLACCA CARRARO GF 25 la soluzione per tutte le esigenze

PLACCA CARRARO GF 25 la soluzione per tutte le esigenze PLACCA CARRARO GF 25 la soluzione per tutte le esigenze PARETI DIVISORIE PLACCA CARRARO GF 25 per pareti divisorie di qualsiasi spessore da avvitare alla struttura portante in profili d acciaio, con o

Dettagli

Porte Antincendio ed Accessori

Porte Antincendio ed Accessori Valigette, Archiviatori, Casseforti Casseforti Ignifughe/Anfibie Cassaforte ignifuga verticale con chiusura elettronica Con possibilità di tre codici a 5 cifre ciascuno; bloccaggio a tempo dopo l inserimento

Dettagli

Seminario professionale dell Possibilità d utilizzazione FERMACELL e FERMACELL-AESTUVER

Seminario professionale dell Possibilità d utilizzazione FERMACELL e FERMACELL-AESTUVER Seminario professionale dell Possibilità d utilizzazione FERMACELL e FERMACELL-AESTUVER Rossetti Paolo Tecnico del Legno ST Responsabile settore legno Regusci Reco SA FERMACELL lastra in gessofibra - Pareti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA 1 PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI...6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI... 7 IMPERMEABILIZZAZIONI...

Dettagli

Proget tagliafuoco. l eccellenza tagliafuoco, flessibilità su misura. www.ninz.it

Proget tagliafuoco. l eccellenza tagliafuoco, flessibilità su misura. www.ninz.it Proget l eccellenza, flessibilità su misura www.ninz.it Caratteristiche Qualità fuori ogni discussione Porta particolarmente robusta per una sicura funzionalità nel tempo Ideale per applicazioni su pareti

Dettagli

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso PARTIZIONI INTERNE PARTIZIONE INTERNA Elemento di fabbrica che ha il compito di suddividere lo spazio interno in ambienti i posti tutti sullo stesso piano d uso, separando visivamente ii ambienti i contigui

Dettagli

Pareti e rivestimenti ERACLIT

Pareti e rivestimenti ERACLIT 32 Le pareti ed i rivestimenti antirumore ed antincendio ERACLIT rappresentano uno dei sistemi più interessanti e completi presenti sul mercato, in quanto: non hanno limitazioni di altezza e sono di grande

Dettagli

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F.

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. IL D.M. 16/2/07 E LE PRESTZIONI DI RESISTENZ L FUOCO DEI PRODOTTI dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. CMPO DI PPLICZIONE Classificazione prodotti per r.a.f. Il D.M. 16/2/07 si applica ai prodotti ed agli

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO. Caminetti

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO. Caminetti ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Caminetti Indice 1. Introduzione 3 2. Verifica dell imballo 3 3. Corretto posizionamento del caminetto 4 4. Trasporto sul cantiere 4 5. disposizione del caminetto 5 6. Smontaggio

Dettagli

Elenco di verifica del capitolato secondo CPN. Rigitop Rivestimenti per soffitti - sospesi -CD-DAJ 27 + 27 / 18 RB

Elenco di verifica del capitolato secondo CPN. Rigitop Rivestimenti per soffitti - sospesi -CD-DAJ 27 + 27 / 18 RB Elenco di verifica del capitolato secondo CPN Rigitop Rivestimenti per soffitti - sospesi -CD-DAJ 27 + 27 / 18 RB Oggetto: 0813047BR I Planerheft Rigips-CD-DAJ 27 + 27 / 18 RB Pagina 1 000 Condizioni.

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. 1. Descrizione dell intervento da realizzare

RELAZIONE GENERALE. 1. Descrizione dell intervento da realizzare RELAZIONE GENERALE 1. Descrizione dell intervento da realizzare 1.1 Ubicazione dell intervento L intervento prevede la realizzazione di laboratori scientifici eterogenei: laboratorio di chimica ambientale,

Dettagli

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI VARESE VENERDI 07 Maggio 10 - ore 8,30 Sede: UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - Villa Toeplitz Relatore: Ing.

Dettagli

L ingresso automatico: I perché di una scelta

L ingresso automatico: I perché di una scelta L ingresso automatico: I perché di una scelta La porta d ingresso di un hotel, di un negozio o di un ufficio rappresenta il biglietto da visita per l attività stessa, accogliendo ed offrendo il benvenuto

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 40 D.P.R. 554/99)

MANUALE D'USO (Articolo 40 D.P.R. 554/99) Comune di Settimo Torinese Provincia di Torino PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Intervento di nuova edificazione della casa della musica da destinarsi prevalentemente

Dettagli

Elenco di verifica del capitolato secondo CPN. Alba top rivestimento di soffitti CD-A 27 / 40

Elenco di verifica del capitolato secondo CPN. Alba top rivestimento di soffitti CD-A 27 / 40 Elenco di verifica del capitolato secondo CPN Alba top rivestimento di soffitti CD-A 27 / 40 Oggetto: 0707105B I Planerheft Alba CD-A-27/40 EI90 Pagina 1 000 Condizioni 090 Prescrizioni.. Posizioni di

Dettagli

caratteristiche tecniche prodotti

caratteristiche tecniche prodotti caratteristiche tecniche prodotti CARATTERISTICHE TECNICHE PROOTTI LASTRE FIREGUAR 13 Utilizzo: protezioni strutturali, riqualificazioni, pareti, contropareti, controsoffitti. escrizione: le lastre FIREGUAR

Dettagli

New Dedalo parete divisoria

New Dedalo parete divisoria New Dedalo parete divisoria Modulo standard cieco L 100 P 10 da 104 al mq. (esclusa posa) PRONTA CONSEGNA Finiture arredi e pareti CARATTERISTICHE TECNICHE Struttura portante La struttura interna della

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO - EDIFICIO B - ADEGUAMENTO ANTINCENDIO 1 DEM.020 Rimozione pannelli prefabbricati in cls tamponamento perimetrale del n 2 aperture larghezza 6 metri e altezza 8,26 2 x 6 x 8,26 99,12 n 1 apertura larghezza

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI E UTENZE ENERGETICHE

Dettagli

SUPALUX. versione 1.0

SUPALUX. versione 1.0 SUPALUX versione 1.0 SUPALUX PRINCIPI DI PREVENZIONE INCENDI La scienza moderna studia l incendio al pari degli altri rischi, attraverso l analisi dei dati disponibili e, soprattutto, utilizzando l arma

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA

RELAZIONE SPECIALISTICA STUDIO TECNICO PROFESSIONALE Per. Ind. VENEZIANI MAURO 010 2518410 333 9280962 veneziani@studiovenezianimauro.it Residenza Socio Assistita (RSA) Commendator Angelo Caprile, Via Roma 25 Uscio (GE) PROGETTAZIONE

Dettagli

DIMENSIONI: 350 x 800 x 2250 H mm 488 x 1250 x 4300 H mm 600 x 1650 x 6300 H mm PENSILINE

DIMENSIONI: 350 x 800 x 2250 H mm 488 x 1250 x 4300 H mm 600 x 1650 x 6300 H mm PENSILINE PENSILINE ACCESSORI 182 TIMPANO PENSILINA DESCRIZIONE DIMENSIONI 3 MODULI 4 MODULI Policarbonato alveolare trasparente con telaio in alluminio Policarbonato alveolare trasparente con telaio in alluminio

Dettagli

PARETI CON SINGOLA LASTRA PER LATO

PARETI CON SINGOLA LASTRA PER LATO PARETI CON SINGOLA LASTRA PER LATO TIPOLOGIA E.I. REAZIONE AL FUOCO DESCRIZIONE N / EI30 PARETE W111 orditura metallica C 50x50. rivestimento 1+1 lastra GKB 12,5 Hmax= 3,00 m 06/32301111 20/09/2006 EI

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

L UNICA. COME NESSUNA.

L UNICA. COME NESSUNA. GESSI LADURA Pregy LaDura L UNICA. COME NESSUNA. Lastra in gesso rivestito rinforzata con fibra di legno. Naturale. LaDura. Indice 3 Il vostro partner di fiducia 4-5 Dati tecnici 6-7 Vantaggi e valore

Dettagli

SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE. Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato

SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE. Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato è predisposta per l installazione di una struttura interna o esterna a sostegno

Dettagli

THE INDEX LE SOLUZIONI ANTINCENDIO CLASSE A1

THE INDEX LE SOLUZIONI ANTINCENDIO CLASSE A1 THE INDEX LE SOLUZIONI ANTINCENDIO CLASSE A1 CONTROSOFFITTI E PROTEZIONE ANTINCENDIO DI SOLAI 2 [00813 EN] Controsoffitto a membrana ERACUSTIC-S - EI 60, ΔRw=15/20dB, fonoassorbente Controsoffitto antincendio,

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

4 Mobili prodotto SCALA

4 Mobili prodotto SCALA Il nostro sistema di arredo da laboratorio SCALA offre una vasta scelta di varianti per lo stoccaggio con facile accesso e conservazione sicura. Tutti i mobili prodotti sono equipaggiabili in modo variabile

Dettagli

9V_R 6\[a_\Y. S i c u r e z z a i n. o n e. E v o. Elettromagneti di Trattenuta per Porte Tagliafuoco

9V_R 6\[a_\Y. S i c u r e z z a i n. o n e. E v o. Elettromagneti di Trattenuta per Porte Tagliafuoco 9V_R 6\[a_\Y Elettromagneti di Trattenuta per Porte Tagliafuoco elettromagneti ed accessori per porte tagliafuoco centraline e rivelatori per la gestione delle porte tagliafuoco S i c u r e z z a i n o

Dettagli

INTRODUZIONE I SIDERSHED modulari si propongono all industria come risposta ad una duplice esigenza: la semplicità di costruzione unita alla

INTRODUZIONE I SIDERSHED modulari si propongono all industria come risposta ad una duplice esigenza: la semplicità di costruzione unita alla 2 INTRODUZIONE I SIDERSHED modulari si propongono all industria come risposta ad una duplice esigenza: la semplicità di costruzione unita alla versatilità di impiego ed il basso costo rispetto alle soluzioni

Dettagli

Sistemi Rilevazione Incendio

Sistemi Rilevazione Incendio stemi Rilevazione Incendio stemi antincendio convenzionali - pag. 32 stemi antincendio analogici indirizzati - pag. 36 Organi di segnalazione - pag. 41 Rilevatore termico lineare - pag. 43 stemi ad aspirazione

Dettagli