INDICE DEGLI ARGOMENTI 0.0 NOTIZIE GENERALI 1.0 PREMESSA 2.0 CONDIZIONI AL CONTORNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE DEGLI ARGOMENTI 0.0 NOTIZIE GENERALI 1.0 PREMESSA 2.0 CONDIZIONI AL CONTORNO"

Transcript

1

2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 0.0 NOTIZIE GENERALI PREMESSA CONDIZIONI AL CONTORNO SCELTA AREA - UBICAZIONE DESTINAZIONE D USO DEGLI EDIFICI CIRCOSTANTI TIPOLOGIA DELLA VIABILITA DI ACCESSO ACCESSO AREA PER I MEZZI DI SOCCORSO TEMPO DI ARRIVO DEI MEZZI DI SOCCORSO AUTORIMESSA DESCRIZIONE GENERALE GENERALITA CLASSIFICAZIONE CARATTERISTICHE ISOLAMENTO ALTEZZA DEI PIANI SUPERFICIE SPECIFICA DI PARCAMENTO RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI SUI PERCORSI DI USCITA COMUNICAZIONI SEZIONAMENTI COMPARTIMENTAZIONI CORSIE DI MANOVRA ACCESSI PAVIMENTI VENTILAZIONE MISURE PER LO SFOLLAMENTO DELLE PERSONE IN CASO DI EMERGENZA 3.15 CLASSIFICAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO IMPIANTI TECNOLOGICI SEGNALETICA DI SICUREZZA GRUPPO ELETTROGENO GESTIONE DELLA SICUREZZA REGISTRO DEI CONTROLLI pag.1

3 0. 0 NOTIZIE GENERALI ATTIVITA' PRINCIPALE D.M N 92: Autorimessa pubblica D.M N 64 : Gruppi per la ATTIVITA' SECONDARIA produzione di energia elettrica sussidiaria con motori endotermici di potenza complessiva superiore 25 kw UBICAZIONE Piazza Vittorio Veneto Firenze RAGIONE SOCIALE E DENOMINAZIONE Firenze Parcheggi s.p.a. con sede in Firenze, via Giorgio La Pira, 21 Dott. MARCO CARRAI in qualità di RESPONSABILE LEGALE Amministratore delegato della Firenze Parcheggi s.p.a. residente per la carica presso Firenze Parcheggi s.p.a Dott. Arch. MARIO FEI con studio in Firenze Viale dei Mille, 73, iscritto all'albo degli PROGETTISTA PREVENZIONE INCENDI Architetti della Provincia di Firenze al n 2989 e nell'albo del Ministero dell'interno ai sensi del D.M.I codice FI2989A00182 Parere di conformità prot del PRECEDENTI VVF Parere di conformità prot del PARCAMENTO TOTALE 595 posti auto PRINCIPALI NORMATIVE INTERESSATE 1) D.P.R. 577 del :Regolamento concernente l espletamento dei servizi di prevenzione e vigilanza antincendi. 2) D.M :Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi. 3) DPR n 37: Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma art.20 c.8 L n 59 4) D.M.I n 64:Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro. 6) D.M.I : Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi ed di opere da costruzione 7) D.M.I :Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco. 8) D.Leg.vo n 81:Attuazione dell art. 1 della L , n 123, in pag.2

4 materia) di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e succ. integrazioni D.Leg.vo n 106 9) D.M. 37 del 22/1/2008 Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici 10) D.M : Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento ubicati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi. Di carattere specifico: 1) Attività 92 : D.M Norme di sicurezza antincendio per la costruzione e l esercizio di autorimesse e simili, Lett. Circ. P1563/4108 sott.28 del , Lett. Circ. P713/4108 sott.22/3 del ) Attività 64: D.M : Regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o ad altra macchina operatrice di unità di cogenerazione a servizio, di attività civili,industriali agricole,artigianali, commerciali e di servizi. 1.0 PREMESSA Per la realizzazione del parcheggio e stato rilasciato dal Comando dei Vigili del Fuoco di Firenze parere di conformità antincendio ai sensi art. 2 DPR 37/1998 prot del FAVOREVOLE alle seguenti condizioni: 1) Con esclusione delle porte facenti parte dei sistemi di protezione passiva non potranno essere posti in opera ulteriori cancelli, inferriate o sbarre che limitino la circolazione dei veicoli all interno dell autorimessa costituendo essi un impedimento alla prestazione di soccorso tecnico o sanitario. 2) La gestione della sicurezza, essendo alcune zone dell autorimessa destinate alla vendita a privati, dovrà essere affidata ad un unico soggetto cui dovrà essere intestato il Certificato di Prevenzione Incendi In fase di progettazione definitiva, vengono proposte alcune varianti di carattere funzionale in conseguenza del mutato assetto urbanistico della viabilità di superficie pag.3

5 derivato dalla realizzazione della linea 1 della tramvia Firenze-Scandicci, il recepimento di alcune prescrizioni imposte dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici di Firenze relativamente alla tutela del parco delle Cascine e la futura presenza del costruendo Parco della Musica. Vengono inoltre recepite le indicazioni espresse in sede di Conferenza dei Servizi del relative alla richiesta di adeguamenti normativi a seguito dell entrata in vigore dei D.M e relativi alla valutazione della resistenza al fuoco delle strutture (abrogazione Circolare 91/1961) e del D.M relativo all installazione dei gruppo elettrogeno (abrogazione Circolare 31/1978 e DM ). Dal punto di vista architettonico la varianti consistono nella modifica della dislocazione delle scale di emergenza (quelle a prova di fumo con ascensore diametralmente opposte) a seguito del futuro collegamento pedonale sotterraneo (escluso nel progetto di parere di conformità) tecnici. dal parcheggio al Parco della Musica, una diversa distribuzione dei locali Le varianti proposte, oltre ad osservare le condizioni imposte nei pareri precedenti NON modificano di fatto l impianto del precedente progetto anche ai fini del rispetto delle normative di prevenzione incendi che di cui al DM In conseguenza del nuovo assetto vengono modificate leggermente le superfici lorde di alcuni compartimenti e di conseguenza le superfici di ventilazione. 2.0 CONDIZIONI AL CONTORNO 2.1 SCELTA DELL AREA - UBICAZIONE Il parcheggio, totalmente interrato, sarà inserito nell area sottostante la Piazza ad emiciclo che sarà ricostruita attorno al monumento equestre di Vittorio Emanuele II secondo il progetto ottocentesco dell Arch. Giuseppe Poggi, all ingresso del parco delle Cascine, area interessata ad un riassetto globale della viabilità (sottopasso stradale, tramvia Firenze-Scandicci). Per tali caratteristiche l'attività non è inserita in prossimità, di attività che comportino rischi di incendi e/o esplosioni. pag.4

6 2.2 DESTINAZIONE D'USO DEGLI EDIFICI CIRCOSTANTI Il parcheggio risulterà isolato da altri edifici che distano alcune centinaia di metri sul lato opposto della Piazza. 2.3 TIPOLOGIA DELLA VIABILITA DI ACCESSO L'accessibilità all'area sarà contraddistinta dalla Piazza Vittorio Veneto con la nuova viabilità che circoscriverà l emiciclo. 2.4 ACCESSO AREA PER I MEZZI DI SOCCORSO Per consentire l'intervento dei mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco, è di primaria importanza l'avvicinamento del mezzo all'edificio con la massima rapidità alfine di non ritardare eccessivamente le operazioni di spegnimento; la viabilità perimetrale avrà i seguenti requisiti minimi, normati dal punto 2.2 DM n 246: - larghezza : ml. 3,50; - altezza libera ml.: 4,00; - raggio di volta ml : 13,00 (escluso gli incroci delle pubbliche vie); - pendenza non superiore al 10 %; - resistenza al carico almeno 20 t ( 8 sull'asse anteriore e 12 sull'asse posteriore; passo ml.4,00); 2.5 TEMPO DI ARRIVO DEI MEZZI DI SOCCORSO La sede operative più vicina dei Vigili del Fuoco è il distaccamento di Firenze Ovest; in caso di chiamata di emergenza, le squadre di soccorso possono raggiungere il luogo entro 10 minuti. 3.0 AUTORIMESSA 3.1 DESCRIZIONE GENERALE Il parcheggio pubblico sarà realizzato su due piani interrati con accesso da rampa direzione Porta a Prato ed uscita lato Ponte alla Vittoria ed occuperà una superficie lorda di circa mq con un parcamento totale di 595 posti compresi 9 posti destinati a disabili. L impianto tipologico si svilupperà a forma di ellissoide che ricalca il disegno della grande aiuola in superficie. I due piani, costituenti singolarmente compartimento pag.5

7 antincendio, saranno realizzati rispetto al piano di riferimento (superficie Piazza) a quota 4,70 ml al piano primo e 7,85 al piano secondo. Si accederà direttamente al piano primo interrato da rampa a senso unico di marcia lato Porta a Prato immettendosi nella corsia di manovra che distribuisce il primo subcompartimento; i locali cassa, e i servizi igienici pubblici saranno inseriti nei due vani scala a prova di fumo diametralmente opposti, ciascuna per comparto con inseriti i due ascensori che collegano i piani dell autorimessa; il piano sarà suddiviso da setto trasversale di separazione con il secondo comparto dove si accede alla rampa di comunicazione con il piano secondo a unico senso di marcia. Sui lati l ampio scannafosso di ventilazione che ospiterà le scale a prova di fumo di emergenza. In adiacenza della rampa di uscita lato Ponte alla Vittoria troveranno ubicazione i vani tecnici con il gruppo elettrogeno, la centrale idrica antincendio con annessa vasca di accumulo, il locale quadri elettrici e contatori e cabina ENEL. Il piano secondo interrato possiede caratteristiche tipologiche simili al piano primo; le aree centrali dei subcompartimenti 3 e 4 saranno destinate al parcamento privato. La tabella riassume la distribuzione dei comparti: LIV. PIANO INTERRATO SUPERFICIE LORDA MQ. PARCAMENTO PREVISTO PRIMO SUB PRIMO SUB SECONDO SUB SECONDO SUB TOTALI Per la progettazione si è fatto riferimento al D.M per le autorimesse pubbliche con capacità di parcamento superiore a 9 autoveicoli. 3.2 GENERALITA' CLASSIFICAZIONE - CARATTERISTICHE a) Tipo: ISOLATA b) Ubicazione: INTERRATA c) Configurazione: CHIUSA d) Esercizio: SORVEGLIATA con servizio durante l orario di apertura e) Organizzazione spazi interni: A SPAZIO APERTO pag.6

8 f) Superficie specifica di parcamento (Ssp): MQ. 10 g) Superficie lorda totale di parcamento: MQ h) Capacità di parcamento: n AUTOVEICOLI i) Parcamento effettivo totale : n 595 AUTOVEICOLI l) Numero dei compartimenti: due piani ciascuno suddiviso in due sub-compartimenti 3.3 ISOLAMENTO L autorimessa risulterà isolata da altre attività con strutture aventi resistenza al fuoco REI 90 in quanto ogni sub-compartimento sarà protetto da impianto fisso di spegnimento. I compartimenti non risultano sottostanti ad attività descritte al punto 3.1, ai sensi del D.M ALTEZZA DEI PIANI L altezza libera dei due piani misurerà ml. 2,55, con minimo di ml. 2, SUPERFICIE SPECIFICA DI PARCAMENTO Il parcamento delle autovetture verrà eseguito direttamente dagli utenti che dopo aver ritirato il biglietto posteggeranno negli spazi delimitati. Non è previsto il parcheggio nelle aree di manovra e viene assunta come superficie specifica di parcamento il valore di 10 mq. in quanto autorimessa sorvegliata. VERIFICA CAPACITA' DI PARCAMENTO Ai sensi del D.M p.3.3., la capacità di parcamento è data: Sup. lorda Cp = = = 1622 autoveicoli. > 595 previsti Ssp RESISTENZA AL FUOCO DESCRIZIONE La struttura portante sarà costituita da telai di pilastri e travi prefabbricate in cemento armato precompresso con solai di separazione il lastre di c.a.p di altezza di cm. 60 compreso pavimento. pag.7

9 Le strutture in elevazione perimetrale controterra saranno realizzate in cemento armato, come pure le scale interne e il setto verticale di compartimentazione trasversale. I locali tecnici che costituiranno compartimenti antincendio saranno realizzati con murature in elevazione in blocchi in calcestruzzo intonacati su entrambe le facce. VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO Per la determinazione della resistenza al fuoco delle strutture portanti si fa riferimento al DM (Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione) secondo gli allegati B (modalità per la classificazione in base ai risultati di prove), C (modalità per la classificazione in base ai risultati di calcoli), D (modalità per la classificazione in base a confronti di tabelle). La struttura portante costituita da pilastri e travi in cemento armato precompresso, possiede una conduttività termica relativamente bassa nel calcestruzzo di rivestimento che ha funzione di protezione delle armature in acciaio. Il calcolo strutturale sarà eseguito in conformità del D.M La ditta produttrice delle strutture prefabbricate certificherà i seguenti valori di resistenza al fuoco desunti per via analitica con metodo di calcolo conforme agli Eurocodici alla EN , EN o UNI CNNVVF n 9502 Pilastri in c.a.v. R 120 Travi di banchina in c.a.p R 120 Solai interpiano e di copertura R 120 Le murature perimetrali in calcestruzzo armato, di spessore minimo a cm. 30 ed il setto di separazione verticale tra due sub-compartimenti possiedono una resistenza al fuoco almeno R 90, valore desunto per via analitica o tabellare. Le porte e portoni dei compartimenti e delle rampe a prova di fumo di accesso ed uscita saranno del tipo tagliafuoco REI 90 omologate a norma UNI 9723 UNI EN I maniglioni antipanico per l apertura a spinta, di tutte le porte di uscita, certificati alla UNI EN Le altre strutture in cemento armato, costituenti le scale a prova di fumo interne, rampe interne, avranno resistenza al fuoco pari a REI 120 come specificato nel punto del DM. pag.8

10 Le murature in elevazione dei locali tecnici che costituiranno compartimenti avranno resistenza al fuoco EI 120 valutati in via sperimentale. CONCLUSIONI Le strutture pertanto possedendo resistenza al fuoco maggiore di R/REI 90, e REI 120 per le strutture di collegamento, risultano conformi a quanto stabilito dai punti e del D.M REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI SUI PERCORSI DI USCITA In conformità con all. III del D.M n 64 verranno adottate misure per la limitazione della propagazione dell incendio nei percorsi di esodo. Ai fini della determinazione della combustibilità dei materiali in caso di incendio viene presa in considerazione la presenza di materiali combustibili che potrebbero ostacolare il regolare deflusso in caso di incendio. Per i prodotti da costruzione si applicano le norme contenute nei DM e DM e DM a) aree di ingresso, corridoi, scale di emergenza, : - pavimenti rivestiti in materiali lapidei classe A1 FL di reazione al fuoco; - pareti in muratura tinteggiate, in materiale cementizio incombustibili classe A1. b) altri ambienti dell autorimessa: - pavimento industriale in cemento al quarzo o marmo, gres, ceramica classe A1 FL ; - pareti in muratura tinteggiate, in materiali cementizi incombustibili. classe A1. c) materiali di rivestimento ed isolanti - nel caso siano previsti materiali o isolanti combustibili gli stessi saranno posti in aderenza a strutture incombustibili. d) controsoffitti - qualora previsti risulteranno in classe di reazione al fuoco A1 e) barriere passive - gli attraversamenti di impianti tecnologici tra strutture tagliafuoco (canalizzazioni, impianti elettrici, tubazioni di scarico in PVC ecc) saranno protetti con opportune barriere passive (cuscini, collari, lastre) omologate e certificate per un valore di resistenza al fuoco pari a quello delle strutture attraversate. pag.9

11 3.8 COMUNICAZIONI Trattandosi di autorimessa isolata non esistono comunicazioni con altre attività ad esclusione delle aree a rischio specifico a servizio dell autorimessa stessa. 3.9 SEZIONAMENTI COMPARTIMENTAZIONI Come specificato nelle generalità, l autorimessa classificata di tipo sotterraneo chiuso ed isolata sarà suddivisa in due compartimenti (uno per piano) a loro volta suddivisi in due sub- compartimenti. Le superfici lorde dei sub-compartimenti risulteranno inferiori a quanto previsto dal punto in presenza di impianto di spegnimento automatico sprinkler che consente il raddoppio di tali superfici: LIVELLO DI PIANO INTERRATO SUPERFICIE LORDA MQ. TABELLA P D.M. CON IMPIAN SPRINKLER PRIMO SUB PRIMO SUB SECONDO SUB SECONDO SUB CORSIE DI MANOVRA Le corsie di manovra consentiranno l agevole circolazione degli autoveicoli per il parcamento con la larghezza minima di 6,00 mt, superiori a 4,50 antistanti i posti auto e ml. 5,00 negli altri passaggi ACCESSI Gli ingressi al parcheggio saranno realizzati attraverso rampe inclinate, una di accesso dal lato Porta a Prato a doppio senso di marcia e di uscita dal lato Ponte alla Vittoria. Le rampe immettono al primo piano interrato a sua volta collegato con due rampe interne di comunicazione una per ogni senso di marcia con il secondo interrato. RAMPE Le caratteristiche delle rampe di ACCESSO ED USCITA risulteranno: pag.10

12 Tipologia: a prova di fumo con filtro realizzato nel primo tratto, lunghezza di circa 12 mt. protetto da strutture verticali e portoni tagliafuoco REI 90 del tipo sempre aperto collegati con impianto di rivelazione incendi per chiusura rapida; i filtri risulteranno permanentemente ventilati con aereazione a soffitto costituita da grigliato della superficie netta di mq. 29 per la rampa di accesso (> 30% della superficie della rampa pari a 95 mq) e mq. 17 per la rampa di uscita (> 30% della superficie della rampa pari a 56 mq). Larghezza minima ml. 6,00 (accesso) divisa in due corsie a senso unico di ml. 3,00 e ml (uscita) divisa in due corsie a senso unico di ml.3,25 Pendenza minore 20% Andamento : rettilineo con curve con raggio > 7,00 mt. per rampe a senso unico di marcia Le caratteristiche delle rampe di COMUNICAZIONE risulteranno conformi al p : Tipologia: aperta, protetta da strutture verticali e portoni tagliafuoco REI 120 del tipo sempre aperto collegati con impianto di rivelazione incendi per chiusura rapida; la superficie di 106 mq con aereazione laterale costituita da grigliato della superficie netta di mq. 42, superiore al 30% della superficie in pianta (106x30% =32mq < 42 mq) Larghezza minima ml. 3,50 (accesso) ad unica corsia di marcia Pendenza minore 20% Andamento : rettilineo La porzione del grigliato sottostante le rampe di accesso sarà protetto da elemento parapioggia ribassato per evitare l infiltrazione di acqua meteorica nel parcheggio rendendo innalterata la superficie di ventilazione PAVIMENTI Le pavimentazioni interne saranno di tipo impermeabile ed antisdrucciolevole con pendenza sufficiente per il convogliamento delle acque in griglie di raccolta. Le soglie degli accessi dei compartimenti saranno sopraelevate di circa 3 cm per evitare lo spargimento dei liquidi da un compartimento all altro. pag.11

13 Le vasche di raccolta delle acque meteoriche sono state dimensionate per raccogliere l acqua precipitata in 15 durante un acquazzone estivo e proveniente dalle griglie di aerazione naturale. La raccolta di acque meteoriche e di lavaggio del piano 1 interrato saranno convogliate, le prime in 4 colonne di scarico ubicate in prossimità delle griglie di aerazione naturale per quel piano, mentre le seconde lungo l asse maggiore della pianta ellittica del parcheggio verso il quale il pavimento presenta pendenza. Al piano secondo interrato le meteoriche saranno raccolte similmente al primo interrato, mentre quelle di lavaggio saranno raccolte lungo il perimetro verso il quale il pavimento presenta pendenza. La rete di raccolta delle acque di lavaggio dei pavimenti, saranno invece convogliate all'interno di due pozzetti di sedimentazione ispezionabili, di capacità lt., posizionati in prossimità delle vasche suddette. A valle di tali pozzetti, in prossimità degli stessi e quindi in posizione facilmente accessibile per operazioni di manutenzione, saranno installati due filtri separatori di olio e benzina, dotati di tutti i regolamentari dispositivi. I due filtri saranno dimensionati in modo da far fronte alla massima portata derivante dal funzionamento contemporaneo di 4 idrantini di lavaggio. All'uscita dal filtro disoleatore le acque di scarico andranno a confluire nel pozzetto per le acque meteoriche con le due pompe di sollevamento. Per garantire la totale affidabilità dell'impianto di sollevamento, per i gruppi elettropompa è prevista l'alimentazione da Gruppo Elettrogeno, in caso di mancanza di tensione da rete ENEL VENTILAZIONE VENTILAZIONE NATURALE Il parcheggio sarà dotato di un sistema di ventilazione naturale costituito da grigliati perimetrali ai compartimenti e da altre griglie al centro della piazza. Il sistema di ventilazione dei piani sarà indipendente in quanto le aperture perimetrali costituiscono spazio scoperto come definito dal punto 1.12 del D.M : Presenza di grigliato superiore Superficie minima in pianta non inferiore a quella calcolata moltiplicando per tre pag.12

14 L altezza della parete che lo delimita Distanza tra le strutture verticali ml 3,60 (> 3,50). La superfici risulteranno uniformemente distribuite e tra loro a distanza non superiore a 40 mt. e tutte le aperture saranno prive di serramento anche in presenza di impianti di ventilazione meccanica. Verifica della superficie di ventilazione (> 1/25 delle superficie in pianta dei compartimenti): LIVELLO DI PIANO INTERRATO SUPERFICIE LORDA MQ. PARAMETRO 1/25 s.l. SUPERFICE EFFETTIVA PRIMO SUB ,88 178,00 PRIMO SUB ,22 171,00 SECONDO SUB ,08 171,00 SECONDO SUB ,64 162,00 Risulta soddisfatto il requisito di aereazione permanente di 0,003 mq per mq di pavimento per l assenza di infissi. In ogni compartimento le superfici di ventilazione risultano ampiamente verificate. Le superficie sono state depurate dalle strutture in ferro pieno dei grigliati mediante diminuzione del 20% di quella effettiva. I filtri a prova di fumo delle scale saranno aereati con camini di ventilazione naturale sfocianti all esterno, indipendenti per ogni piano, della superficie minima di 0,10 mq (p. 1.7 DM ). VENTILAZIONE MECCANICA Il parcamento per ogni piano supera i 125 autoveicoli al primo interrato e 100 al secondo e pertanto, e in totale supera le 500 unità. In base al DM 1/2/86, la capacità di parcamento dei due piani del parcheggio è tale da imporre un impianto di ventilazione meccanica ad integrazione dell aerazione naturale esistente, ed in particolare, essendo il numero di posti auto superiore a 500, sarà previsto un doppio impianto di ventilazione meccanica, per l'immissione ed l'estrazione. I due piani interrati del parcheggio sono suddivisi nei seguenti compartimenti antincendio: Piano primo interrato: n. 2 compartimenti; Piano secondo interrato: n. 2 compartimenti; pag.13

15 Per il piano primo interrato sono previsti n. 4 ventilatori di immissione e n. 4 ventilatori di estrazione (2 per ogni compartimento) e per il piano secondo interrato sono previsti n. 4 ventilatori di immissione e n. 4 ventilatori di estrazione (2 per ogni compartimento). In totale saranno pertanto installati per l'intero parcheggio sotterraneo, n. 8 ventilatori di estrazione aria e n. 8 ventilatori di immissione aria; le posizioni relative di tutti i ventilatori, sono rappresentate sulle planimetrie di progetto. Tutti i ventilatori per l'immissione dell'aria saranno di tipo assiale a semplice velocità, mentre quelli di estrazione dell'aria, saranno sempre di tipo assiale ma a doppio avvolgimento per funzionamento a due velocità e con motore isolato dal flusso d aria primario. Tutte le reti di estrazione aria provvederanno a prelevare aria dall'interno del parcheggio sia a livello soffitto che a livello pavimento. In tal modo, avendo in tutte le zone del parcheggio, un sistema di immissione di aria di ventilazione dall'alto, ed una espulsione in parte prelevata dal basso in parte dall'alto, è garantito un lavaggio ottimale di tutto l'ambiente, ed è anche assicurata l'espulsione all'esterno dei fumi e dei gas di scarico più pesanti dell'aria. La portata dei ventilatori di immissione, sarà calcolata in modo da assicurare un numero di ricambi orari pari a 3 volumi ambiente/ora, come prescritto dalle normative di prevenzione incendi. La portata totale dei ventilatori di espulsione, dotati di doppia velocità, corrisponde alla massima velocità a 3 volumi ambiente/ora, mentre alla bassa velocità si garantirà un lavaggio pari a circa 1,2/1,5 volumi ambiente/ora. La logica di funzionamento degli impianti di ventilazione meccanica sarà la seguente: - Normalmente saranno mantenuti in funzione alla bassa velocità tutti i ventilatori di estrazione, che assicureranno un sufficiente lavaggio dell'ambiente provocando una introduzione di aria esterna dalle aperture di ventilazione naturale. - Alla segnalazione di intervento dei rilevatori di concentrazione di Ossido di Carbonio e di vapori infiammabili, automaticamente si avrà l'avviamento dei ventilatori di immissione ed il passaggio alla massima velocità di quelli di estrazione: questo autonomamente per ogni zona in cui è suddiviso l'impianto. Anche in questo caso le zone interne del parcheggio saranno mantenute in leggera depressione rispetto all'esterno, e si avrà pertanto una continua immissione di aria pag.14

16 esterna attraverso le aperture di ventilazione. In caso di intervento dell'impianto di rilevazione incendi di una zona, automaticamente si arresterà il ventilatore di immissione di quella zona, mentre i ventilatori di estrazione si porteranno alla massima velocità di funzionamento, in modo da assicurare una rapida evacuazione dei fumi dell'incendio. Tutti i ventilatori di immissione e di espulsione saranno del tipo assiale, per installazione diretta su canalizzazione d'aria, accoppiati a motore chiuso in esecuzione IP 54. I ventilatori di estrazione dovranno essere forniti di certificazione da parte del costruttore che ne garantisca la durata di funzionamento per 2 ore, in presenza di una temperatura di 200 C. Sulla bocca di uscita di tutti i ventilatori di espulsione, dovranno essere installati dei silenziatori a sezione circolare, opportunamente selezionati per attenuare la rumorosità prodotta dai ventilatori sia all'interno del parcheggio sotterraneo, sia e soprattutto verso l'ambiente esterno. L'aria di immissione passerà attraverso i grigliati ricavati a livello pavimento della piazza pedonabile, che forniscono anche l aerazione naturale ai due piani del parcheggio. L'aria di espulsione sarà portata all esterno attraverso canne di espulsione che espelleranno l aria in atmosfera ad altezza superiore a 1 m sopra la superficie della piazza, quale copertura dell edificio di cui trattasi, in analogia a quanto disposto dal punto del D.M. 1/2/86. I percorsi sono studiati con cura in modo da evitare interferenze o accavallamenti con altri impianti, e di rispettare le altezze minime rispetto al pavimento imposte dalle normative. Le canalizzazioni, come documentato sulle tavole di progetto, seguiranno percorsi differenti per i vari piani e per le varie zone di ciascun piano, in maniera da ottimizzare il percorso, da diminuire l impatto visivo, da limitare l ingombro in altezza. Le canalizzazioni per l'immissione e l'estrazione dell'aria, saranno realizzate in lamiera di acciaio zincata ed avranno sezione quadrangolare o circolare: i percorsi sono studiati in modo da evitare interferenze o accavallamenti con altri impianti, e rispettare le altezze minime rispetto al pavimento imposte dalle normative (nessun elemento impiantistico dovrà mai essere installato ad una altezza inferiore a 2,10 mt. rispetto al pavimento dell autorimessa). Tutte le bocchette per l'immissione e l'estrazione dell'aria dovranno essere costruite in alluminio, e comunque adatte per una atmosfera di tipo aggressivo. In corrispondenza di eventuali attraversamenti di pareti tagliafuoco, saranno installate pag.15

17 serrande tagliafuoco, dotate di certificazione di Resistenza al fuoco REI MISURE PER LO SFOLLAMENTO DELLE PERSONE IN CASO DI EMERGENZA Le condizioni di evacuazione risultano in massima parte funzione dei pericoli rappresentati dalle energie che si sviluppano in caso di incendio e dalla preparazione delle persone a fronteggiare l'evento. In linea generale in caso di esodo si classificano tre tipi di flussi: 1) Flusso ordinato : E' caratterizzato dalla perfetta padronanza delle persone dal fattore psicologico su quello fisico e si svolge in assenza o quasi di contatto fra gli individui. 2) Flusso di emergenza : E' il flusso delle persone che coscientemente lasciano l'autorimessa per sfuggire a un presunto o reale pericolo. Anche in questo caso il fattore psicologico non viene sopraffatto da quello fisico e il movimento, pur in presenza di stretto contatto fisico, avviene in modo controllato. 1) Flusso di panico : Oltre ai possibili aspetti caotici causati dalle persone che fuggono in tutte le direzioni, è quasi sempre caratterizzato dal predominio dei fattori fisici su quelli psicologici fino al punto che la pressione fisica esercitata dalle persone nell'ambiente in cui si trovano, fino all'uscita primaria, aumentando la densità di affollamento, può arrivare ad annullare la velocità di deflusso. La filosofia progettuale adottata per l'organizzazione del sistema di vie di uscita, è stata impostata per evitare il verificarsi della terza condizione. DENSITA' DI AFFOLLAMENTO La densità di affollamento per questa attività è valutata secondo quanto stabilito del punto 3.10 del DM (minimo 1 persona ogni 100 mq di superficie lorda per autorimesse sorvegliate) pertanto: PIANO PRIMO INTERRATO: PIANO SECONDO INTERRATO: Sup. lorda mq x 0,01 = 82 persone Sup. lorda mq x 0,01 = 80 persone TOTALE 162 persone La recettività massima, viene valutata al massimo per 150 persone (circa 25% del parcamento), superiore al minimo di 162. CAPACITA DI DEFLUSSO La capacità di deflusso per i due piani interrati di è 37,5 persone a modulo pag.16

18 DIMENSIONAMENTO DELLE VIE DI USCITA Il dimensionamento delle vie di uscita è stato eseguito in base al massimo affollamento ipotizzabile. I compartimenti saranno dotati di un sistema organizzato di vie di uscita per il deflusso rapido delle persone verso luogo sicuro o spazio scoperto. Le tipologie delle uscite sono riassunte nella tabella seguente; nel calcolo delle uscite non sono state considerate le rampe carrabili in quanto a prova di fumo e quindi di fatto non utilizzabili in caso di incendio. Tipologia Uscita Numero Largh. ml. Tot. Senso di apertura Luogo Sicuro Mod. porta accesso Scala laterale dx 1 1,40 2 A spinta verso esodo Piazza Veneto lato P.te Vittoria Scala laterale sx 1 1,40 2 A spinta verso esodo Piazza Veneto lato P.te Vittoria Scala laterale di 1 1,40 2 A spinta verso esodo Piazza Veneto lato Porta a Prato Scala laterale sx 1 1,40 2 A spinta verso esodo Piazza Veneto lato Porta a Prato Totale 4 4,80 8 I dispositivi di apertura a spinta delle porte di emergenza, ai sensi del DM saranno forniti in marcatura CE conformi alla EN 1125 (direttiva 89/106/CEE) LARGHEZZA DELLE VIE DI USCITA La larghezza totale delle uscite in ogni compartimento risulterà ampiamente sufficiente all'affollamento ipotizzabile in quanto : 8 moduli x 37,5 = 330 persone > 162 densità di affollamento > 150 previste. UBICAZIONE E NUMERO DELLE USCITE In ogni compartimento i percorsi risulteranno sempre inferiori a 50 mt, misurati come percorsi reali tenendo conto degli ingombri delle auto per compartimenti dotati di impianto di spegnimento automatico. Ai fini di agevolare l esodo sicuro in caso di emergenza sono previsti i seguenti interventi migliorativi: pag.17

19 1) Realizzazione delle scale a prova di fumo interne in modo da calcolare i percorsi di esodo dal punto più lontano fino all ingresso dei filtri, escludendo i percorsi verticali di salita alla pubblica Piazza; 2) Utilizzazione delle fasce laterali definite ai sensi del DM come spazi a cielo libero, senza rientro nell autorimessa. Tali condizioni saranno realizzate mediante: PIANO INTERRATO 2 La fascia laterale lato Ponte alla Vittoria verrà direttamente utilizzata attraverso accesso diretto da ogni sub compartimento con percorso a cielo libero (superiormente grigliato) fino alla scala a prova di fumo disimpegnata da filtro a su grigliato lato sinistro. PIANO INTERRATO 1 Accesso alla fascia laterale esterna (spazio a cielo libero) lato Ponte alla Vittoria attraverso passerella (lato sinistro) aerea in grigliato metallico della larghezza di ml. 1,40 (2 moduli) che in quota raggiungerà la scala interna di sinistra. Per gli utenti del sub-compartimento 1, accesso alla passerella attraverso filtro a prova di fumo (realizzato ai sensi p.1.7 del DM ), in quanto la fascia laterale di destra non permetterebbe l intero percorso a cielo libero. Accesso alla fascia laterale esterna (spazio a cielo libero) lato Porta a Prato attraverso passerella (lato sinistro) aerea che raggiungere la scala a prova di fumo Ogni compartimento avrà un minimo di due uscite diametralmente opposte tra loro, che si immetteranno all esterno. SCALE I vani scala compreso saranno del tipo a prova di fumo interne con strutture di contenimento e porte REI 120 realizzate con materiali di rivestimento in classe 0 di reazione al fuoco; le scale che contengono gli ascensori saranno collegate direttamente all esterno e protette esclusivamente da tettoie parapioggia; le restanti di emergenza termineranno con grigliati a cielo libero facilmente apribili dall interno attraverso automatismi ad azione meccanica. pag.18

20 IMPIANTI DI ASCENSORI A seguito dell entrata in vigore del DM (regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento ubicati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi) gli ascensori previsti risponderanno al regolamento di attuazione direttiva 95/16/CE. Sono previsti due impianti inseriti all interno delle scale a prova di fumo di cui uno utilizzabile anche come montalettighe (lato rampa di uscita) non utilizzabile in caso di incendio. Caratteristiche Ascensore azionato da gruppo oleodinamico indiretto - Categoria C (montalettighe/ascensore lato Porta a Prato) ed A (ascensore lato sinistro lato Ponte allavittoria) Corsa: ml. 7,50 N Fermate ai piani 3 Vano Corsa Inserito nel vano scala a prova di fumo,in calcestruzzo armato in elevazione spessore cm 20 avente resistenza al fuoco R 120, valore desunto con i metodi di cui al DM Superficie vano 4,70 mq (montalettighe) e 3,60 (ascensore) corsa Profondità fossa 1,50 mt circa Altezza testata 3,00 mt circa Aereazione vano Camino di ventilazione sfociante sulla piazza mq 0,20 mq. ( 3% corsa sezione vano corsa) Porte di accesso al Pannelli di lamiera incombustibile scorrevoli, classe di reazione al vano fuoco 0. Cabina ascensore In lamiera preverniciata con rivestimento in laminato, classe 0 Trattandosi di impianto ad azionamento oleodinamico, il locale si trova in adiacenza del vano corsa ed ad esso separato in cemento Locale macchinario armato resistenza al fuoco REI 120, con acceso dall esterno tramite spazio scoperto e su filtro scala. Ospiterà la centralina di regolazione del flusso dell'olio idraulico che alimenta il pistone centrale; Superficie locale mq. 27 (ascensore) e 25 mq (ascensore/montalettighe) macchinario Aereazione locale Finestra sulla parete esterna mq.0,72 (100x100) a soffitto dotata di macchinario griglia metallica permanente (3% sezione vano) Porta di accesso Incombustibile e di resistenza al fuoco R 30 apribile verso l'esterno. macchinario Presidi antincendio All'interno del locale macchine sarà installato un estintore a polvere chimica avente capacità estinguente 21A 89BC. Impianto elettrico L'impianto elettrico sarà realizzato in conformità della legge 186 del e norme CEI. L interruttore di emergenza sarà posizionato in prossimità del locale macchinario ed in pag.19

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli.

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli. Relazione tecnica relativa alla realizzazione di autorimessa annessa a nuovo edificio di civile abitazione (DM 1 febbraio 1986 G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) 1.1 Classificazione Trattasi di autorimessa

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona SAVONA - maggio 2013 Corso di aggiornamento di Prevenzione Incendi per il mantenimento iscrizione nell Elenco del Ministero Interno (art.7 D.M. 05.11.2011) Autorimesse Attività n 75 dell allegato I del

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE 1.8 RELAZIONE ANTINCENDIO PROGETTAZIONE: DOTT. ING. GIANCARLO CASULA COLLABORATORI: DOTT. ING. BASILIO SECCI DOTT. ING. DAVIDE MARRAS Pag. 2 di 1.8 - RELAZIONE TECNICA

Dettagli

s.r.l. società di ingegneria progettazione di opere civili ed infrastrutturali ingegneria geotecnica ed idraulica udine tel.

s.r.l. società di ingegneria progettazione di opere civili ed infrastrutturali ingegneria geotecnica ed idraulica udine tel. 1416 DE 10 01 00 0 R0 D alpe progetti s.r.l. società di ingegneria progettazione di opere civili ed infrastrutturali ingegneria geotecnica ed idraulica udine tel. 0432 526179 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983) Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO VISTA la

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA Materiale Il componente (o i componenti variamente associati) che può (o possono) partecipare alla combustione

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

DECRETO 22 ottobre 2007

DECRETO 22 ottobre 2007 DECRETO 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice

Dettagli

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1 1 Edilizia scolastica e sicurezza nella scuola: lo stato degli adempimenti Le 10.798 scuole statali sono dislocate in 41.328 edifici ove studiano e lavorano oltre 10 milioni di persone. Come si sa, ai

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DM 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere esistenti di cui al decreto 9 aprile

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

Misure di prevenzione incendi per le autorimesse: orientamenti della nuova bozza di decreto

Misure di prevenzione incendi per le autorimesse: orientamenti della nuova bozza di decreto Milano - 26 settembre 2012 Misure di prevenzione incendi per le autorimesse: orientamenti della nuova bozza di decreto Dott.Ing. Michele De Vincentis Gruppo di lavoro Aggiornamento D.M. 01 febbraio 1986

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Caneva Provincia di Pordenone LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA CENTRO STUDI DI VIA MARCONI PROGETTO ESECUTIVO ALL. E: RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AI DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI RICADENTI NELLE SEGUENTI ATTIVITA DEL D.M. 16/02/1982 Punto 43) Depositi

Dettagli

perseguito DICHIARA N.B: In caso di variazioni in attività già esistenti, riportare di seguito i dati corrispondenti alla nuova situazione

perseguito DICHIARA N.B: In caso di variazioni in attività già esistenti, riportare di seguito i dati corrispondenti alla nuova situazione B7 Locali di pubblico trattenimento e svago - 04/01/10 Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO B-7 Locali di pubblico trattenimento e svago R.D. n 773/1931 e s.m.i. artt. 68/69/80 1. Dati

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte.

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO MEZZI ED IMPIANTI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI Generalità Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. Estintori

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attivita' ricettive turistico-alberghiere esistenti

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Gli impianti di ascensori Ing. G. Sola 1 File: ascensori Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 28 novembre 2005 Attività specifica

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

ha notizia che un progetto analogo o pressoché uguale si ritiene opportuno che venga fatta questa segnalazione ai soli fini della trasparenza.

ha notizia che un progetto analogo o pressoché uguale si ritiene opportuno che venga fatta questa segnalazione ai soli fini della trasparenza. INDICE 1.0 Premessa progetto già presentato 2.0 Composizione della pratica di prevenzione incendi 3.0 Accesso da parte dei mezzi dei Vigili del Fuoco 4.0 Caratteristiche costruttive classificazione ai

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

Comune di Taggia. Provincia di Imperia

Comune di Taggia. Provincia di Imperia Comune di Taggia Provincia di Imperia RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA OGGETTO: LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO PARCHEGGIO SU LIVELLI TRA LE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI DI TAGGIA E NUOVO CAMPO SPORTIVO

Dettagli

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI VARESE VENERDI 07 Maggio 10 - ore 8,30 Sede: UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - Villa Toeplitz Relatore: Ing.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a servizio delle attività svolte all interno dell edificio

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE D.M. 16 maggio 1987 n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) Legenda: - In corsivo

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA 1 STRUTTURA SEDE MENSA UNIVERSITARIA MARTIRI VIA DEI MARTIRI PISA DESCRIZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS BY SISTEMA PROGETTATO IN RIFERIMENTO ALLA UNI 11292 Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per antincendio. Quest ultima specifica i requisiti costruttivi e

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

COMUNE DIMESSINA AREA TECNICA DIPARTIMENTO MANUTf,NZIONE IMMOBILICOMUNALI

COMUNE DIMESSINA AREA TECNICA DIPARTIMENTO MANUTf,NZIONE IMMOBILICOMUNALI COMUNE DIMESSINA AREA TECNICA DIPARTIMENTO MANUTf,NZIONE IMMOBILICOMUNALI PROGETTO ESECUTIVO Adeguamento dei locali archivio degli uffici comunali ubicati nel Real Convitto Dante Alishrerl RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Relazione Tecnica per la richiesta di valutazione del progetto di prevenzione incendi

Relazione Tecnica per la richiesta di valutazione del progetto di prevenzione incendi Relazione Tecnica per la richiesta di valutazione del progetto di prevenzione incendi D.P.R. 1/8/2011 n. 151, art. 3 D.M. 7/8/2012, art. 3 Indice B1 SCHEDA INFORMATIVA GENERALE... 6 1.1 A) Informazioni

Dettagli

Impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi e da combustibili liquidi

Impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi e da combustibili liquidi «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi e da combustibili liquidi arch. Antonio Esposito Comando Provinciale

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di motore a combustione

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI Provincia di Genova ORDINE DEGLI ARCHITETTI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PREVENZIONE INCENDI Ai fini dell iscrizione dei Professionisti Negli elenchi del Ministero dell Interno Di cui all art. 1 della Legge

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 20 novembre 1981. Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio delle autorimesse e simili (G.U. 3 /12/ 1981, n. 333).

DECRETO MINISTERIALE 20 novembre 1981. Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio delle autorimesse e simili (G.U. 3 /12/ 1981, n. 333). DECRETO MINISTERIALE 20 novembre 1981 Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio delle autorimesse e simili (G.U. 3 /12/ 1981, n. 333). IL MINISTRO DELL'INTERNO Visto l'art. 63 della legge - di

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

Generalità... 2. Stato dei Luoghi... 2. Locali A1 e A2... 2. Locale B... 2. Soluzioni Progettuali... 3. Spogliatoi-servizi igienici...

Generalità... 2. Stato dei Luoghi... 2. Locali A1 e A2... 2. Locale B... 2. Soluzioni Progettuali... 3. Spogliatoi-servizi igienici... RELAZIONE GENERALE Generalità... 2 Stato dei Luoghi... 2 Locali A1 e A2... 2 Locale B... 2 Soluzioni Progettuali... 3 Spogliatoi-servizi igienici... 3 - Locali SP1 e SP2... 3 - Servizi igienici (S)...

Dettagli

Comune di: Provincia di: Oggetto:

Comune di: Provincia di: Oggetto: Manuale d'uso Comune di: Provincia di: Oggetto: Corigliano Calabro Cosenza LAVORI DI RIPRISTINO E DI ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL'IMPIANTO D'ILLUMINAZIONE AREE PORTUALI E DI ALIMENTAZIONE SEGNALAMENTI MARITTIMI

Dettagli

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO CITTÀ DI MELISSANO Provincia di Lecce RISTRUTTURAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELL'EDIFICIO SCOLASTICO "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - SCUOLA SECONDARIA I GRADO" DI VIA FELLINE - MELISSANO (LE) PROGETTO

Dettagli

Indice GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Scopo della ''Guida Alla Progettazione...2 Organizzazione della Guida...2 Campo di Applicazione della Guida...3 Riferimenti Legislativi...3 Elenco Schede Tecniche...4 Sezione

Dettagli

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA LOCALI FISSI CON CAPIENZA PARI O INFERIORE A 200 PERSONE DOMANDA DI PARERE PREVENTIVO Tutti i documenti allegati alla richiesta devono essere in originale od in copia autenticata

Dettagli

2. ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA - ANTINCENDIO

2. ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA - ANTINCENDIO 1. INTERVENTI IN PROGETTO Il progetto in sintesi prevede: la realizzazione di una serie di opere finalizzate al conseguimento del Certificato di Prevenzione Incendi; l abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 APPROVAZIONE DELLA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

Dettagli

ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2. 1. Premessa... 4. 2. Scopo del progetto... 5

ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2. 1. Premessa... 4. 2. Scopo del progetto... 5 SOMMARIO ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2 1. Premessa... 4 2. Scopo del progetto... 5 2.1. Impianti di rivelamento fumi e segnalazione incendio... 5 2.2. Scala di sicurezza esterna in

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

EDIFICIO PRIVATO AMBITO PRIMA TRAVERSA

EDIFICIO PRIVATO AMBITO PRIMA TRAVERSA COMUNE DI CERVIA Provincia di Ravenna EDIFICIO PRIVATO AMBITO PRIMA TRAVERSA I DIRIGENTI DI SETTORE PROGETTO DEFINITIVO EDIFICIO PRIVATO PROGETTO PREVENZIONE INCENDI Relazione tecnica 12/09/2013 Rev 01

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli