MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA - ATTILIO ODERO -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA - ATTILIO ODERO -"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA - ATTILIO ODERO - COSTRUIRSI IL FUTURO Genova Sestri Ponente - 4 Via Briscata Fax e mail - sito web PIANO DI EVACUAZIONE O ESODO 2014/15 Elaborato da Ing. Marco Natale ARVIGO e P.I. PUPPO Pier Giorgio rev.08/03/2015 1

2 NUMERI TELEFONICI DI UTILITA INCENDIO-CROLLO- VV.FF. 115 FUGA GAS ORDINE PUBBLICO CARABINIERI / 112 / 113 POLIZIA INFORTUNI PRONTO SOCCORSO 118 VIABILITA VIGILI URBANI 010/ Manutenzione Edile / ascensore Manutenzione Idraulica / riscaldamento Global Service SIRAM

3 DIRIGENTE SCOLASTICO (Datore di Lavoro) Giacobbe Andrea Medico Competente (MC) Barattini Riccardo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) Arvigo Marco Natale Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Simonetta Silvano Addetti Servizio Prevenzione e Protezione (ASPP) Ferraris Mauro Fracchia Marina Puppo Pier Giorgio Spinoglio Sergio Addetti gestione emergenza Primo Soccorso/ Evacuazione Bruzzone Marinella Ciurcovich Sonja Ieraci Carmela Terrile Angela Addetti gestione emergenza Antincendio / Evacuazione Berrino Santino Bombardieri Salvatore Desogus Angelo Pirlo Roberta 3

4

5 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O D EMERGENZA- MANSIONI AUSILIARI - ASSISTENTE TECNICI PIANO TERRA ( Locali L. FRIGORISTI LT0 OMU ) : Sig. re IERACI - ALOCCI e Sig. D ORO VINCENZO. Effettuare all avviso d emergenza da parte dell RSPP o delegati N. 03 suoni prolungati della SIRENA; 1. accertandosi preventivamente che non vi sia nessuna persona all interno dell ascensore, bloccare il suo funzionamento, azionando l interruttore ( IERACI - ALOCCI ); 2. aprire la porta di emergenza a loro assegnata; 3. disattivare i pulsanti di sgancio di forza motrice e illuminazione sul lato sinistro porta principale ( IERACI ALOCCI ); 4. interrompere l alimentazione del combustibile del locale caldaia e locali gas metano (IERACI ALOCCI ); 5. IL RESPONSABILE DI PIANO (D ORO per la scala principale) avvisa gli alunni delle aule/laboratori/officine e dirige il flusso degli evacuandi verso l uscita; 6. soccorrere chi si è infortunato o colto da malore; 7. accertarsi con sollecitudine che la zona assegnata risulti evacuata completamente, aprendo le porte delle aule/laboratori/officine, verificando che il locale sia effettivamente vuoto di persone, e, per ultimo, chiudendo la porta; 8. consegnare agli insegnanti provenienti dalla scala l elenco degli alunni della classe relativa. PIANO TERRA OMA LM - PORTA CARRAIA L evacuazione avviene indipendentemente tramite uscita sull ambiente esterno; mediante spinta maniglione antipanico della porta REI (ACQUILINO). 5

6 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O D EMERGENZA- MANSIONI AUSILIARI - ASSISTENTI TECNICI PRIMO PIANO SCALA PRINCIPALE (Locali Aula 1- OSA LT1- Aula 2 OAG - AREA STUDIO- BIBLIOTECA): ( Sig.ra MASCIARI ) posizionate sull angolo di discesa e viso rivolto verso il pianerottolo; SCALA SECONDARIA ( Locali LIT OE3 PALESTRA [*] ) : ( Sig. CONTARINO ) posizionato sull angolo della porta REI e viso rivolto verso il pianerottolo; 1. I RESPONSABILI DI PIANO (BERRINO per la scala principale e BOZZANO per la scala secondaria) avvisano gli alunni delle aule/laboratori/officine e dirigono il flusso degli evacuandi verso l uscita; 2. soccorrere chi si è infortunato o colto da malore; 3. accertarsi con sollecitudine che la zona assegnata risulti evacuata completamente, aprendo le porte delle aule/laboratori/officine, verificando che il locale sia effettivamente vuoto di persone, e, per ultimo, chiudendo la porta; 4. avviarsi in discesa per la scala loro assegnata; 5. uscire nel cortile nel punto di raccolta. [*] PALESTRA L evacuazione avviene indipendentemente tramite uscita sull ambiente esterno, mediante spinta maniglione antipanico della porta REI. 6

7 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O D EMERGENZA - MANSIONI AUSILIARI - ASSISTENTI TECNICI SECONDO PIANO SCALA PRINCIPALE Sig.ra GIGLIERI posizionate sull angolo di discesa della scala principale e viso rivolto verso il pianerottolo. CORRIDOIO SUD: (venendo da Ovest locali OEL1 VICEPRESIDENZA MGZ - SALA INSEGNANTI BAGNI PERSONALE - SALA MEDICA UTE - UFF. DIDATTICA - CONTABILITA D.S.G.A. - PRESIDENZA - UFF. PERSONALE; venendo da Est locali AULE ). SCALA SECONDARIA Sig.ra BOTTONI posizionata di fronte alla porta REI scala secondaria per la vigilanza e la discesa del personale e allievi. CORRIDOIO NORD- : (Locali CLASSE 2.0 -UFF. STAGES AULA 8 BIS- OEL4 SALA STAMPA AULE 7 8 AUDIOVISIVI OE2). 1. I RESPONSABILI DI PIANO (SIMONETTA per la scala principale e TERRILE per la scala secondaria) avvisano gli alunni delle aule/laboratori/officine e dirigono il flusso degli evacuandi verso l uscita; 2. soccorrere chi si è infortunato o colto da malore; 3. accertarsi con sollecitudine che la zona assegnata risulti evacuata completamente, aprendo le porte delle aule/laboratori/officine, verificando che il locale sia effettivamente vuoto di persone, e, per ultimo, chiudendo la porta; 4. avviarsi in discesa per la scala loro assegnata. 5. uscire nel cortile nel punto di raccolta. 7

8 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA - MANSIONI AUSILIARI - ASSISTENTE TECNICI TERZO PIANO SCALA PRINCIPALE (Sig.ra MORELLI) posizionata sull angolo di discesa della scala principale e viso rivolto verso il pianerottolo.; CORRIDOIO SUD : (venendo da Ovest locali SPOGLIATOIO AULA ; venendo da Est locali OE1-13) SCALA SECONDARIA: Sig.ra LOVERSO posizionata di fronte alla porta REI scala secondaria per la vigilanza e la discesa del personale e allievi. CORRIDOIO NORD-EST: ( Locali Aule OEL2 ). 1. I RESPONSABILI DI PIANO (DESOGUS per la scala principale e MEDRI per la scala secondaria) avvisano gli alunni delle aule/laboratori/officine e dirigono il flusso degli evacuandi verso l uscita; 2. soccorrere chi si è infortunato o colto da malore; 3. accertarsi con sollecitudine che la zona assegnata risulti evacuata completamente, aprendo le porte delle aule/laboratori/officine, verificando che il locale sia effettivamente vuoto di persone, e, per ultimo, chiudendo la porta; 4. avviarsi in discesa per la scala loro assegnata. 5. uscire nel cortile nel punto di raccolta. 8

9 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA - MANSIONI AUSILIARI - ASSISTENTI TECNICI QUARTO PIANO Sig. CANESI - FERRARIS(SCALA SECONDARIA): (AREA SERVER - UFFICIO STAGES Aula 17 UFFICIO ANTIDISPERSIONE - LS ) (Sig.ra PIRLO- AGUELI) (SCALA PRINCIPALE) dirige il flusso degli evacuandi verso l uscita dei lab.ri INFO2 INFO1; 1. I RESPONSABILI DI PIANO (PIRLO per la scala principale e CANESI per la scala secondaria) avvisano gli alunni delle aule/laboratori/officine e dirigono il flusso degli evacuandi verso l uscita; 2. soccorrere chi si è infortunato o colto da malore; 3. accertarsi con sollecitudine che la zona assegnata risulti evacuata completamente, aprendo le porte delle aule/laboratori/officine, verificando che il locale sia effettivamente vuoto di persone, e, per ultimo, chiudendo la porta; 4. avviarsi in discesa per la scala loro assegnata. 5. uscire nel cortile nel punto di raccolta. 9

10 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA - MANSIONI INSEGNANTI Insegnante presente in aula. A. dopo aver sentito l allarme deve mantenere la calma dentro aula/laboratorio/officina, aprire la porta, far chiudere le finestre, attendere il segnale d uscita dall aula da parte del RESPONSABILE di piano, consistente nella pronunciazione a voce alta della identificazione numerica o della SIGLA della aula/laboratorio/officina in cui si trova; B. con sottobraccio il foglio di identificazione del locale di provenienza, raccolto nel porta notebook, dopo il segnale d uscita dà la direzione di evacuazione agli allievi con il capofila avanti e attende che tutti siano usciti dall aula/laboratorio/officina con il chiudi fila per ultimo; C. deve chiudere la porta dell aula/laboratorio/officina e avviarsi dietro al chiudi fila alla scala di evacuazione; D. per ultimo, giunto insieme alla classe nel luogo sicuro del punto di raccolta fissato per la scala da cui è evacuato, provvede a fare l appello degli alunni e segnala tempestivamente i dispersi, avendo avuto cura di compilare il modulo di evacuazione, utile al fine di determinare se l evacuazione possa essere ritenuta conclusa, una volta raccolti tutti i moduli. 10

11 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA- MANSIONI:coordinatore di piano- ATA- COLLABORATORI SCOLASTICI ELENCO RESPONSABILI DI PIANO (capi scala) PIANO SCALA PRINCIPALE SCALA SECONDARIA TERRA IERACI SCAROLA D ORO- ALOCCI 1 BERRINO BOZZANO -MASCIARI - CONTARINO 2 SIMONETTA - TERRILE BOTTONI - GUGLIERI 3 DESOGUS - SANTAGADA LOVERSO MORELLI - MEDRI 4 PIRLO - AGUELI CANESI - FERRARIS a) attendere con accortezza il turno di evacuazione del piano; b) pronunciare a voce alta l identificazione numerica o a SIGLA della aula/laboratorio/officina da evacuare per prima; c) attendere che l insegnante di quell aula abbia iniziato a scendere le scale per pronunciare a voce alta l identificazione numerica o a SIGLA della aula/laboratorio/officina dell aula/laboratorio/officina successivo; d) far scendere il personale addetto; e) alla evacuazione di tutto il piano segnalare a voce alta il via all esodo del piano successivo; f) iniziare a scendere. 11

12 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA - MANSIONI personale addetto - SEGRETERIA Dopo l uscita degli allievi alla pronunciazione a voce alta segreteria da parte del coordinatore di piano, la D.S.G.A. dott.ssa CANEPA (PREPOSTO) coordina l uscita dagli uffici più lontani a quelli più vicini, in questo ordine: vicepresidenza, aula insegnanti, bagni personale, sala medica ( la segretaria ha aperto la porta per constatare la presenza o meno di allievi e/o personale, ufficio UTE, ufficio didattica, ufficio contabilità, ufficio economato, ufficio responsabile amministrativo, presidenza. PER I COLLABORATORI AMM.VI a) chiudere le finestre e aprire la porta, b) attendere la chiamata da parte della segretaria, c) uscire ordinatamente dall aprifila al chiudifila, che avrà accertato la completa evacuazione ( il personale stesso è chiamato ad organizzarsi i relativi compiti sequenziali d uscita.) 12

13 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA - MANSIONI personale addetto - INSEGNANTI DI SOSTEGNO E AUSILIARI Le insegnanti di sostegno, se presenti, a nominativo di : INSEGNANTI CLAPS D ALTO COSTANZO DE GRADO MARIANI MARROSEDDU CLASSI DI SOSTEGNO 1EM-1AT 2AT-2EM-3AT-3BM 1BM-2DEL-1CE 1AT 2AT-2DEL 3B-4A-4D- 5TIM si occuperanno dell evacuazione degli allievi portatori di handicap; con l aiuto a richiesta e nella eventuale disponibilità del personale ausiliario. Gli allievi portatori di handicap non lieve o temporaneo dovranno lasciare l edificio per ultimi, comunque accuditi e assistiti e ricondotti nei loro gruppi di appartenenza. 13

14 QUARTO PIANO CORRIDOIO SUD SCALA PRINCIPALE INFO 2 INFO 1 CORRIDOIO NORD SCALA SECONDARIA AREA SERVER AULA 17 UFFICIO ANTIDISPERSIONE BAGNI - LS TERZO PIANO CORRIDOIO SUD SCALA PRINCIPALE CORRIDOIO NORD SCALA SECONDARIA SPOGLIATOIO AULA AULA OEL2 ( EX OET ) LF OE1 (EX OEMT) AULA ( AULA AUDIOVISIVI ) SECONDO PIANO SCALA PRINCIPALE CORRIDOIO NORD SCALA SECONDARIA CORRIDOIO SUD CLASSE 2.0 OEL1 ( EX LED) UFFICIO STAGES ( VICEPRESIDENZA) AULA 8 BIS MGZ OEL4 ( EX OELT / A ) AULA INSEGNANTI (SALA.INSEGN.) SALA STAMPA SALA.MEDICA AULA 8-7 UTE AUDIOVISIVI UFFICIO DIDATTICA OE2 ( EX OEM2 ) UFFICIO CONTABILITA SEGRETERIA (RESPONSABILE AMM.VO) PRESIDENZA UFFICIO PERSONALE CORRIDOIO SUD-EST AULA

15 PRIMO PIANO SCALA PRINCIPALE AULA 1 OSA LAB. TECNOLOGICO (LT1) AULA 2 OAG SPOGLIATOIO-BIBLIOTECA CORRIDOIO NORD SCALA SECONDARIA PALESTRA LABORATORIO IDRAULICA (LIT) OE3 PRIMO PIANO - PALESTRA L evacuazione avviene indipendentemente tramite uscita sull ambiente esterno mediante spinta maniglione antipanico della porta REI. PIANO TERRA SCALA PRINCIPALE LAB. FRIGORISTI LABORATORIO TECNOLOGICO PIANO TERRA (LT0) OFFICINA MACCHINE UTENSILI (OMU) PIANO TERRA - OMA - OFFICINA MACCHINE AUTO * (OMA ) LABORATORIO MACCHINE * (LM) * La via di fuga deve avvenire verso la porta carraia dell OMA; entro l officina devono rimanere sempre sgombri corridoi che permettano a chi proviene dal laboratorio macchine di imboccare il percorso d uscita rapida e spingere verso l esterno il maniglione antipanico della porta REI. Individuata la zona dove l inconveniente di rischio è avvenuto, l evacuazione viene così avviata: il primo piano a fuoriuscire è quello in cui è in atto il fatto di rischio, dopo di ché evacuano gli altri piani con la procedura qui sopra riportata, partendo dal quarto e via via i piani stanti inferiormente; nel caso che al piano in cui è in atto il fatto di rischio vi siano più di un corridoio da utilizzare per il deflusso (vedi secondo piano), gli addetti al piano dovranno rapidamente decidere se sia il caso che il punto di rischio sia quello che dividerà il deflusso verso Sud e/o verso Nord. 15

16 ESEMPIO. Punto di rischio con incendio secondo piano davanti al locale SALA STAMPA (con scala secondaria a prova di fumo inagibile). A) Le persone a defluire per prime sono quelle del laboratorio OEL4 lungo il corridoio Sud e via via scalando di locale in locale, che, man mano, sono più vicini alla scala (OEL4, A7, A8,OEL3, ); mentre contemporaneamente possono cominciare a defluire le persone a partire appunto dal locale stampa verso il corridoio Nord, e via via scalando di locale in locale, che, man mano, sono più vicini alla scala (STAMPA, A6, A5, ); B) accertata e segnalata la fuoriuscita di tutte le persone dal 2 piano, cominciano a defluire quelle del quarto piano: tenendo presente che il locale più lontano dalla scala verso Nord è l AREA SERVER, il deflusso avverrà partendo da tale locale, e via via scalando di locale in locale, che, man mano, sono più vicini alla scala (AREA SERVER, Uff. Stages, Lab. Reti, ); C) accertata e segnalata la fuoriuscita di tutte le persone dal 4 piano, cominciano a defluire quelle del terzo piano: tenendo presente che il locale più lontano dalla scala verso Nord è l aula 16, il deflusso avverrà partendo da tale locale, e via via scalando di locale in locale, che, man mano, sono più vicini alla scala (A16, A15, A14, ); che il locale più lontano dalla scala verso Sud è lo spogliatoio dei dipendenti ATA, il deflusso avverrà partendo da tale locale, e via via scalando di locale in locale, che, man mano, sono più vicini alla scala (Spogliatoio ATA, A12, A11,..); all incrocio dei due deflussi presso la scala, essa è sufficientemente larga perché in fila indiana le due colonne possano evacuare contemporaneamente; D) a riguardo dell evacuazione ai piani primo e terra, nulla muta in quanto, anche l ingresso secondario può essere comunque utilizzato. 16

17 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO - ATTILIO ODERO - COSTRUIRSI IL FUTURO Genova Sestri Ponente - 4 Via Briscata Fax e mail - sito web REGOLAMENTO PER LA MIGLIORE ATTIVAZIONE DI UNA EVACUAZIONE. Premesso che il piano di evacuazione, con il percorso conoscitivo necessario per la sua realizzazione, può dare un contributo fondamentale alla personale preparazione di ciascun individuo delle varie componenti scolastiche nel controllo di forti emozioni, quali panico, timore, paura, oppressione, ansia, in circostanze inattese, consentendo di essere preparati a situazioni di pericolo; stimolare la fiducia in se stessi; indurre un sufficiente autocontrollo per attuare comportamenti razionali e corretti; controllare la propria emozionalità e saper reagire all eccitazione collettiva. In altre parole tende a ridurre i rischi indotti da una condizione d emergenza e facilita le operazioni di allontanamento da luoghi pericolosi. ATTEGGIAMENTI DA ELIMINARE ANCHE NELLE SIMULAZIONI DI EVACUAZIONE DALL ISTITUTO. partecipare con sufficienza ( correre e/o chiacchierare ); trascurare profusione nel migliore impegno per contribuire alla buona riuscita dell operazione; essere convinti che i criteri di addestramento adottati non siano adeguati e motivanti per raggiungere gli obbiettivi proposti; trascinarsi stati d animo che limiterebbero la propria attenzione nei compiti impartiti e/o nella normale procedura di evacuazione; sentirsi a disagio, ovvero ridicolizzare e/o drammatizzare comportamenti da mantenere durante l esodo forzato; sopravvalutare le proprie conoscenze nei confronti delle mansioni da espletare secondo l appartenenza a componente scolastica; temere di non essere all altezza di rispondere adeguatamente alle mansioni richieste; 17

18 coinvolgere altre persone in atteggiamenti scorretti; irridere sugli imbarazzi degli altri ; simulare o strafare con falsi atteggiamenti di emozionalità; non credere nella collaborazione collettiva; distrarsi. Qualora le prove di evacuazione, che periodicamente verranno effettuate nell Istituto, di volta in volta, dessero risultati sempre più soddisfacenti, sarà per merito della collaborazione fornita da ciascun individuo, il quale personalmente sarà certamente arricchito e cresciuto sul problema della conoscenza del rischio, e quindi maturato nel controllo delle proprie emozioni, lasciandosi più guidare dalla razionalità, caratteristiche atte per una migliore conduzione dei propri rapporti sociali e sulle quali si fonda l educazione civile. POSSIBILI RISCHI IN ISTITUTO Gli eventi che potrebbero richiede l evacuazione parziale o totale dell Istituto, sono generalmente i seguenti : incendi che si sviluppano all interno dell edificio scolastico ( ad es. nelle officine, nei laboratori, nella centrale termica, nella biblioteca o negli archivi ); avviso o sospetto della presenza di ordigni esplosivi; fughe di gas ; ogni altra causa che sia ritenuta pericolosa dal Capo d Istituto. INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE. Si intende per risorsa tutto ciò che può essere messo a disposizione per fronteggiare un incidente o una calamità. Ogni individuo delle varie componenti scolastiche è tenuto a leggere attentamente le piante dell Istituto, poste in visione ad ogni piano nelle vicinanze delle scale principale e secondaria, sulle quali sono individuabili le posizioni di ciascuna delle dotazioni di sicurezza antincendio e/o antinfortunio. In questo Istituto sono presenti le seguenti risorse: IMPIANTO RILEVAZIONE ANTINCENDIO (IMPIANTO RILEVAZIONE FUMO E MAGNETI) PULSANTI CONVENZIONALI PER AVVISO MANUALE D INCENDIO SU OGNI PIANO CASSETTE NASPO CON MANICHETTE E LANCIA VICINO ATRII SCALA PRINCIPALE E SCALA SECONDARIA SU OGNI PIANO AVVISATORI ACUSTICI SU OGNI PIANO IMPIANTO AUTOMATICO SPLINKER OFFICINA OMA 18

19 Al fine di attivarsi nella ricerca delle dotazioni di primo intervento in caso di incendio, la normativa prescrive che nei corridoi delle scuole vi sia un estintore portatile rintracciabile almeno ogni mt 30. Pertanto, nel caso specifico secondo la configurazione di questo Istituto, in qualunque direzione si proceda lungo i corridoi non si percorrerà più di quella distanza per recuperare un mezzo di estinzione manuale. Le cassette di pronto soccorso sono ubicate in locali dove maggiore è il rischio d infortunio, soprattutto per elettrocuzione, ma tutti i laboratori sono dotati di cassetta di primo soccorso per interventi immediati su ferite, lacerazioni, lussazioni di danno limitato. ASSEGNAZIONE DEI COMPITI. All interno dell Istituto devono essere identificati i seguenti ruoli : A) PRESIDE; B) ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE; C) INSEGNANTI; D) INSEGNANTI DI SOSTEGNO; E) ASSISTENTI TECNICI E PERSONALE AUSILIARIO; F) COLLABORATORI AMM.VI; G) LA CLASSE. A) PRESIDE E il Responsabile dell Istituto in caso di emergenza. Ad egli spetta : la decisione di far scattare l allarme, al pari di chiunque responsabilmente prenda simile iniziativa, in quei casi dove sussiste un potenziale pericolo; il compito di coordinare le operazioni di evacuazione; la decisione, dopo le dovute attente osservazioni, di concludere l emergenza; è responsabile della corretta indicazione delle vie di esodo e degli apparati antincendio e contro gli infortuni; qualora constatasse eventuali anomalie o impedimenti alle vie di esodo e agli apparati succitati ne dovrà dare tempestiva segnalazione a chi di competenza. B) ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE. Ad essi spetta : suppliscono il Preside in determinati suoi compiti secondo le mansioni loro impartite: 1. esiste il Responsabile per l emanazione dell ordine di evacuazione che, al verificarsi di una situazione di emergenza, assume il coordinamento delle operazioni di evacuazione e di primo soccorso; 19

20 2. esiste personale incaricato per l addestramento, l informazione e la formazione circa la procedura d esodo sia del personale che deve assumere compiti specifici durante l evacuazione e sia di ogni individuo di tutte le componenti scolastiche; 3. esiste personale incaricato della diffusione dell ordine di evacuazione; 4. esiste personale di piano responsabile del controllo delle operazioni di evacuazione; 5. esiste personale incaricato di effettuare le chiamate di soccorso ai Vigili del Fuoco, alle Forze dell Ordine, al Pronto Soccorso e ad ogni altro organismo ritenuto necessario; 6. esiste personale incaricato dell interruzione della erogazione dell energia elettrica, del gas, e dell alimentazione della centrale termica; 7. esiste personale incaricato dell uso e del controllo periodico dell efficienza di estintori ed idranti; 8. esiste personale incaricato ad accudire ed assistere durante l evacuazione alunni portatori di handicap; 9. esiste personale addetto al controllo quotidiano della praticabilità delle uscite di sicurezza e dei percorsi per raggiungerle. C) INSEGNANTI. In particolare il coordinatore di classe assegna compiti agli alunni capofila - chiudifila, almeno due per ognuna delle mansioni. Gli insegnanti presenti al momento della diffusione del segnale dall allarme ( acustico e luminoso ) dell evacuazione coordinano le operazioni avvalendosi dell aiuto dei ragazzi individuati nel successivo punto LA CLASSE. Essi provvedono a : 1. informare gli alunni senza allarmismi, dei potenziali pericoli e delle motivazioni di una simulazione di evacuazione; 2. premunirsi di avere con sé il registro della classe con le presenze aggiornate; 3. condurre la scolaresca nel punto di sicurezza esterno e rimanere a disposizione nella posizione individuata, 4. effettuare l appello nominale e compilare, con l aiuto di un ragazzo chiudifila, l apposito modulo di evacuazione preso insieme al cartello individuatore recuperato entro l aula/officina/laboratorio; 5. non dimenticare nella confusione nessun alunno in zona pericolo ; 6. verificare l eventuale presenza di ragazzi appartenenti ad altre classi, ma evacuati con la classe oggetto del rapporto, al fine di ricondurlo nel gruppo di appartenenza. 20

21 D) INSEGNANTI DI SOSTEGNO. Se sono presenti si occuperanno dell evacuazione degli alunni portatori di handicap, con l aiuto del personale ausiliario opportunamente incaricato. Gli alunni portatori di handicap non lieve o temporaneo dovranno lasciare l edificio per ultimi, comunque accuditi e assistiti e ricondotti nei loro gruppi di appartenenza. E) ASSISTENTI TECNICI E PERSONALE AUSILIARIO. Agli operatori scolastici spetta : segnalare tempestivamente le situazioni di pericolo ( questo vale per chiunque responsabilmente ne avverta l esigenza ); dovrà portare l ascensore al piano verificando che non vi sia nessuna persona al suo interno, bloccandone il funzionamento azionando l apposito interruttore, dirigere il flusso verso l uscita; assistere i portatori di handicap, o chiunque si trovi in difficoltà secondo le indicazioni dell insegnante di sostegno se presente; soccorrere chi si è infortunato o colto da malore e accompagnarlo all esterno; accertarsi che la zona assegnata risulti evacuata completamente; accertarsi che tutte le porte delle classi siano state chiuse effettivamente e, nel contempo, subito dopo ritirare i cartelli indicatori rimanenti dei locali che evidentemente si trovavano vuoti al momento dell incidente, al fine di stabilire che tutti i locali siano stati visionati ed eliminare il rischio di dimenticanza di qualche individuo all interno del corpo di fabbrica; aprire la porta principale e/o secondaria a lui assegnata e far defluire ordinatamente le classi, uscendo dall edificio al seguito dell ultima classe evacuata essendo uscito anche l RSPP accertarsi che non ci sia più nessuno; disattivare l alimentazione generale dell energia elettrica; interrompere l alimentazione del combustibile del locale caldaia e del gas; F) COLLABORATORI AMM.VI. L UFFICIO DEL PERSONALE deve tenere uno schema aggiornato con la situazione del personale docente e non docente ed ausiliario presente nella scuola. L UFFICIO DIDATTICA deve tenere uno schema aggiornato delle classi eventualmente in gita scolastica e/o dedite ad altre attività fuori dell edificio. La SEGRETARIA istruisce un diario di presenza ed uscita di persone estranee alla scuola custodito ed aggiornato in portineria da parte del personale addetto. 21

22 G) LA CLASSE. E indispensabile che tra i banchi, macchine utensili, banchi da lavoro non vi siano cartelle, zaini ed attrezzi che possano creare intralcio o grave pericolo nelle fasi di evacuazione; creare spazio confinato in aula per deposito di cartelle e zaini; è necessaria una corretta sistemazione degli arredi in modo da non creare ostacoli all evacuazione; in ogni classe dovranno essere individuati quattro ragazzi, più almeno una riserva per ciascun ruolo, con le seguenti mansioni: 1. due ragazzi aprifila, incaricati di aprire la porta e condurre la fila con l apposito cartello precedentemente predisposto corrispondente all aula di appartenenza; 2. due ragazzi chiudifila, con l incarico di chiudere la fila, chiudere le finestre e nell eventualità di compagni in difficoltà segnalare all insegnante tale nuova situazione. 22

23 PROCEDURA STANDARD. Al suono dell allarme ( acustico, luminoso, svincolato dalla linea principale ), messo in modo strategico su tutti i piani, protetto, da tutti riconoscibile, gli alunni devono lasciare nell aula/laboratorio/officina tutto come si trova, preparandosi ad uscire dalla stessa in fila ordinata. I ragazzi incaricati per l apertura della fila aprono la porta della propria aula/laboratorio/officina, ed uno preso da fuori la porta il cartello individuatore del locale, conduce la fila ordinatamente. Al riguardo della PALESTRA e dell OMA, da cui l evacuazione avviene in modo indipendente, dovrà comunque essere rimosso prima dell esodo l apposito cartello individuatore del locale, di cui sono dotate, conservato nel porta note-book. I ragazzi incaricati di chiudere la fila assolvono a detto compito e segnalano al personale incaricato eventuali compagni in difficoltà o pericolo, confermando al ragazzo apri-fila l inizio della fase di uscita. L incaricato capo-piano fa uscire ordinatamente le scolaresche presenti al piano che dovranno recarsi nel punto stabilito all esterno, denominato punto di sicurezza. Lo stesso incaricato capo-piano lascerà l edificio al seguito dell ultima classe evacuata, accertandosi che non ci sia più nessuno presente nell area a lui assegnata, avendo atteso l uscita del personale addetto al piano che avrà ritirato i cartelli indicatori dei locali che al momento dell incidente erano vuoti. Al momento in cui il capo-piano si avvia all uscita, segnalerà a voce alta il completamento dell esodo a quel piano, per quella scala principale e/o secondaria. L insegnante, col registro di classe, in testa alla scolaresca segue il percorso di uscita assegnato alla classe, curando che gli alunni si mantengano compatti, in fila indiana, tenendosi la mano sulla spalla del compagno davanti e l altra mano contro il muro, intervenendo laddove si determinino situazioni critiche o si manifestino reazioni di panico. Appena raggiunto il punto di sicurezza esterno, l insegnante dovrà effettuare l appello e compilare con l aiuto di un ragazzo chiudifila il rapporto/modulo di evacuazione. Se l allarme è dato tempestivamente, non vi sarà alcun inconveniente nelle procedure di evacuazione che prevedono l uscita dall edificio per piani orizzontali e verticali. Ogni ambiente frequentato dagli alunni avrà una sigla identificativa progressiva relativamente all ordine di uscita, ricordando che la qualità del tempo utilizzato è più importante della quantità del tempo speso per l evacuazione. 23

24 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA - ATTILIO ODERO - COSTRUIRSI IL FUTURO Genova Sestri Ponente - 4 Via Briscata Fax e mail - sito web MODULO EVACUAZIONE o ESODO AULA 7 FAC-SIMILE RIMUOVERE QUESTO MODULO SOLO IN CASO DI EVACUAZIONE COMPILARE LA PAGINA SUL RETRO (COMPILAZIONE A CURA DEL DOCENTE PRESENTE NEL LOCALE AL MOMENTO DELL EMERGENZA O DEL CAPO-PIANO SE IL LOCALE E VUOTO) 24

25 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA - ATTILIO ODERO - COSTRUIRSI IL FUTURO Genova Sestri Ponente - 4 Via Briscata Fax e mail - sito web MODULO DI EVACUAZIONE COMPILATORE.. DATA. PERSONE PRESENTI AL MOMENTO DELL EVACUAZIONE CLASSE PRESENTE IN AULA/LABORATORIO LOCALE SITUATO AL PIANO SECONDO PERSONE EVACUATE PERSONE FERITE PERSONE DISPERSE ZONA DI RACCOLTA CORTILE POSTERIORE ANTISTANTE USCITA LATERALE NOTE N.B. Il modulo viene raccolto dall insegnante/personale ATA presente in aula/laboratorio/officina/ufficio al momento dell evacuazione e compilato dallo stesso; nel caso in cui al momento dell evacuazione l aula/laboratorio/officina/ufficio si trovasse vuota sarà il capo-piano a ritirare il cartello e a compilarlo. 25

PIANO DI EVACUAZIONE Premessa

PIANO DI EVACUAZIONE Premessa PIANO DI EVACUAZIONE Premessa In caso di emergenza la struttura organizzativa deve essere in grado di reagire rapidamente e nel modo più uniforme possibile per fronteggiare il pericolo. Il Piano di Emergenza

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F.

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F. M.I.U.R. - Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

PIANO DI.EVACUAZIONE ai sensi della D.Lgs. n 81/2008

PIANO DI.EVACUAZIONE ai sensi della D.Lgs. n 81/2008 Direzione Didattica Statale di II Circolo C. Collodi Scuola elementare G.Marconi Via Val Di Cecina (Li) Tel. (0586) 660133 e-mail : marconi@circolodidattico-cecinamare.it FUNZIONE Datore di lavoro Preposto

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE C 1 - Compiti della Squadra di Evacuazione per funzione SCHEDA 1 - COMPITI DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di "inizio emergenza" il Coordinatore

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013 Istituto Tecnico Commerciale e per Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere V. Bachelet Via Mons. Ruggero Bovelli, 7/13-44121 FERRARA Tel. 0532.20.9.346 20.32.66; Fax:0532.20.23.65; Via Azzo

Dettagli

prot.n. 2415/A22 GENOVA, 12/11/2015 PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA CESARE BATTISTI E SCUOLA INFANZIA PICCOLO PRINCIPE DOCENTI

prot.n. 2415/A22 GENOVA, 12/11/2015 PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA CESARE BATTISTI E SCUOLA INFANZIA PICCOLO PRINCIPE DOCENTI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova Tel. 010352712 fax 0105220210 e-mail: geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it prot.n. 2415/A22 GENOVA,

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA

PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA DOCENTI 1. ADEMPIMENTI PREPARATORI AL PIANO DI EVACUAZIONE A CUI TUTTI I DOCENTI SONO TENUTI AD ATTENERSI Tutti devono conoscere

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S.

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 7/a Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 1. Il Dirigente Scolastico (o in sua vece il collaboratore del Dirigente Scolastico), una volta valutata la necessità di abbandonare rapidamente l edificio:

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE Allo scopo di ottenere una più adeguata conoscenza dell ambiente di lavoro/studio, soprattutto per i nuovi allievi, e di attivare i necessari automatismi nelle operazioni

Dettagli

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza MODULO 1a Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza (da inserire all interno del registro di classe) Da consegnare immediatamente al Responsabile Emergenza una volta raggiunto il Punto

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via P. TOGLIATTI N 1-01033 IVITA ASTELLANA (0761 513390 fax 0761

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno Documento aggiornato al 27/10/2014 IL DATORE DI LAVORO Prof.ssa Lucia Castellana Mod Sic 01/0

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE EVACUAZIONE Direzione Didattica Statale di II Circolo C. Collodi Via Sforza, 6 57023 (Li) Tel. (0586) 620.167 Fax (0586) 620.565 e-mail : info@collodicecinamare.it liee06100b@istruzione.it segreteria@collodicecinamare.it

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini SEDE CENTRALE di via XXV aprile n 86 Centro Scolastico Vigili del fuoco Ala sud Arezzo Veduta aerea Ingresso

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI per l anno scolastico 2012-2013 Nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie in cui sono evidenziate

Dettagli

COMUNE DI GENOVA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA

COMUNE DI GENOVA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA COMUNE DI GENOVA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA Realizzato da Luciano D Amato - Pasquale Cavanna - Giampiero Bruni In collaborazione con il Comando Provinciale

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Istituto Comprensivo Cena Latina

Istituto Comprensivo Cena Latina MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Istituto Comprensivo Cena Latina Centro Risorse Territoriale Via Lepanto 2 04100 Latina ( 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu * ltic847002@istruzione.it

Dettagli

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania Il piano di emergenza e di evacuazione Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania L emergenza Cos è l emergenza? Una condizione insolita e pericolosa che può presentarsi in modi e tempi non

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Revisione n.04 febbraio 2012 Piano emergenza 1 di 24 PREMESSA Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione.

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale "G.Parini" Via Roma - 21055 Gorla Minore (VA) Tel. e fax : 0331 601650 e-mail uffici: comprensivogorla@libero.it

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE PIANO DI EVACUAZIONE Il presente piano di evacuazione, inserito nel Documento di Valutazione dei rischi (affisso all'albo dell'istituto) è stato compilato a cura del D.S. Dott.ssa Cristina Grieco con la

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA ELEMENTARE DANTE ALIGHIERI TORREBELVICINO PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1- Introduzione 2- L edificio scolastico 3- Disposizione dei locali 4- Mensa scolastica 5- Emanazione ordine

Dettagli

Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008

Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008 a.s. 2013/2014 Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008 Gli istituti scolastici di ogni ordine e grado sono AMBIENTI DI LAVORO I lavoratori della scuola sono il personale docente e ATA e gli

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

SICUREZZA DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO 106/2009

SICUREZZA DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO 106/2009 PIETRO FARINATO ENNA Pagina 1 di 17 SICUREZZA DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO 106/2009 ALLEGATII CLASSE SEZ.. LE ATTIVITA PREVISTE NEL PRESENTE DOCUMENTO SARANNO ESEGUITE PRESSO IL SEGUENTE

Dettagli

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di:

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di: Circ. n. 310 Milano, 28 maggio 2015 AL PERSONALE DOCENTE AL PERSONALE ATA LORO SEDI Oggetto: D.L.vo 81/08 s.m.i. Procedura evacuazione degli edifici scolastici in caso di emergenza o di prova di evacuazione.

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Scuola primaria G.Leopardi Via Crivelli a.s. 2012/13

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Scuola primaria G.Leopardi Via Crivelli a.s. 2012/13 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Scuola primaria G.Leopardi Via Crivelli a.s. 2012/13 IL REFERENTE DEL S.P.P. Corato Patrizia Assegnazione incarichi per emergenza Emanazione ordine di evacuazione e

Dettagli

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione:

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015

Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015 Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015 Al docente collaboratore vicario Al DSGA Al personale docente Al personale ATA Sede Al RSPP Al RLS All Albo sicurezza Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria Lambruschini  Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15 Piano di Evacuazione Impariamo a difenderci dai rischi *** *** Linee guida per

Dettagli

DOCUMENTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA (D. L.vo N 81 del 9 aprile 2008)

DOCUMENTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA (D. L.vo N 81 del 9 aprile 2008) ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE M. Ciliberto A. Lucifero SETTORE TECNOLOGICO M. CILIBERTO C R O T O N E DOCUMENTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA (D. L.vo N 81 del 9 aprile 2008)

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SICURA

PROGETTO SCUOLA SICURA PROGETTO SCUOLA SICURA ( Rischi Educazione Stradale) anno scolastico 2012/2013 1 PRESENTAZIONE Il 3 Circolo Didattico di Gubbio, a seguito del decreto legislativo n. 626/94 che ha introdotto importanti

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA ANGELO CANOSSI Il Datore di Lavoro prof. Elia Ravelli Ospitaletto 1/09/2015 Pagina 1 PREMESSA Il piano di emergenza è uno strumento operativo

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ***

PIANO DI EMERGENZA *** OTTI *** PREMESSA DEL REGISTRO DEI REGISTRO DEI Con l entrata in vigore del DPR 12 gennaio 1998 n. 37 regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, ai sensi dell art.

Dettagli

IL PIANO DI EVACUAZIONE DELLA NOSTRA SCUOLA

IL PIANO DI EVACUAZIONE DELLA NOSTRA SCUOLA I S T I T U T O T E C N I C O S T A T A L E C O M M E R C I A L E E P E R G E O M E T R I ANNO Giovanni SCOLASTICO Maria Angioj 2014/2015 Via Costituente Tel 0781 660406 Fax 0781 62538 SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE

Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE Torino, 19/11/2014 Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE Consegna individuale Oggetto: istruzioni in

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6 Guida all Emergenza per il personale della scuola Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole 1 Definizione

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e S.M.I. ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N.123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345 D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA Versione 3.2 Novembre 2011 PIANO DI EMERGENZA PREMESSA

Dettagli

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO La persona che individua l incendio deve : 1) avvertire il collega più vicino rintracciabile 2) fare una prima stima dell incendio e decidere di: A) reperire l estintore più

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Quello che devi sapere per la tua sicurezza a scuola. «*** t>-.j^

Quello che devi sapere per la tua sicurezza a scuola. «*** t>-.j^ Quello che devi sapere per la tua sicurezza a scuola «*** t>-.j^ 1 8 REGOLE DA SEGUIRE PER PREVENIRE GLI INCIDENTI A SCUOLA IN CLASSE Disporre correttamente i banchi e gli altri arredi della classe in

Dettagli

ORGANIGRAMMA SICUREZZA a.a. 2014/2015 sede Piazza Mazzini n. 2

ORGANIGRAMMA SICUREZZA a.a. 2014/2015 sede Piazza Mazzini n. 2 ORGANIGRAMMA SICUREZZA a.a. 2014/2015 sede Piazza Mazzini n. 2 INCARICO PERSONALE INCARICATO COMPITI e RESPONSABILITA Datore di lavoro Dirigente scolastico Prof.ssa Girardina Volpe Il Datore di lavoro,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO PROT. N. 00001341/A.5.0. NAPOLI, 26 MARZO 2015 Docenti SEDE Personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE.

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE. PIANO DI EMERGENZA PREMESSA Per emergenza si intende un evento improvviso, un fatto o una circostanza imprevista tali da mettere in situazione di pericolo reale o potenziale persone o cose rappresentano

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98)

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) RISC_INC Rev. 1 Pagina 1 di 12 Sede direzionale / amministrativa NOMINATIVO AZIENDA

Dettagli

INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE OPUSCOLO N.C INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREPOSTO.. ADDETTO ANTINCENDIO.. ADDETTO PRONTO SOCCORSO.. INCARICATO.. LAVORATORE INCARICATO PER ASSISTERE

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Scopo e campo di applicazione INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA La presente procedura ha lo scopo di informare tutto il personale interno ed esterno all Amministrazione nonché gli allievi, i genitori

Dettagli

INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento 2015

INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE PAOLO BOSELLI ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI E SOCIO-SANITARI INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento

Dettagli

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO.. PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE Dirigente scolastico : dott.ssa Luisa Imbriani RSPP : Ing. Davide Riccardi Docenti : Robertina

Dettagli

Il piano di evacuazione, linee guida

Il piano di evacuazione, linee guida Il piano di evacuazione, linee guida di Cosimo Trullo Premessa In tutti gli edifici con alta concentrazione di persone si possono avere situazioni di emergenza che modificano le condizioni di agibilità

Dettagli

PIANO DI GESTIONE EMERGENZA

PIANO DI GESTIONE EMERGENZA PIANO DI GESTIONE EMERGENZA (ai sensi del D.lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) Direzione Didattica 3 Circolo di Limbiate Via Renato Cartesio, 12 20051 Scuola d Infanzia Via Filippo Turati, 38 1 Indice 1. Scopo...3

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli