MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA - ATTILIO ODERO -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA - ATTILIO ODERO -"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA - ATTILIO ODERO - COSTRUIRSI IL FUTURO Genova Sestri Ponente - 4 Via Briscata Fax e mail - sito web PIANO DI EVACUAZIONE O ESODO 2014/15 Elaborato da Ing. Marco Natale ARVIGO e P.I. PUPPO Pier Giorgio rev.08/03/2015 1

2 NUMERI TELEFONICI DI UTILITA INCENDIO-CROLLO- VV.FF. 115 FUGA GAS ORDINE PUBBLICO CARABINIERI / 112 / 113 POLIZIA INFORTUNI PRONTO SOCCORSO 118 VIABILITA VIGILI URBANI 010/ Manutenzione Edile / ascensore Manutenzione Idraulica / riscaldamento Global Service SIRAM

3 DIRIGENTE SCOLASTICO (Datore di Lavoro) Giacobbe Andrea Medico Competente (MC) Barattini Riccardo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) Arvigo Marco Natale Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Simonetta Silvano Addetti Servizio Prevenzione e Protezione (ASPP) Ferraris Mauro Fracchia Marina Puppo Pier Giorgio Spinoglio Sergio Addetti gestione emergenza Primo Soccorso/ Evacuazione Bruzzone Marinella Ciurcovich Sonja Ieraci Carmela Terrile Angela Addetti gestione emergenza Antincendio / Evacuazione Berrino Santino Bombardieri Salvatore Desogus Angelo Pirlo Roberta 3

4

5 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O D EMERGENZA- MANSIONI AUSILIARI - ASSISTENTE TECNICI PIANO TERRA ( Locali L. FRIGORISTI LT0 OMU ) : Sig. re IERACI - ALOCCI e Sig. D ORO VINCENZO. Effettuare all avviso d emergenza da parte dell RSPP o delegati N. 03 suoni prolungati della SIRENA; 1. accertandosi preventivamente che non vi sia nessuna persona all interno dell ascensore, bloccare il suo funzionamento, azionando l interruttore ( IERACI - ALOCCI ); 2. aprire la porta di emergenza a loro assegnata; 3. disattivare i pulsanti di sgancio di forza motrice e illuminazione sul lato sinistro porta principale ( IERACI ALOCCI ); 4. interrompere l alimentazione del combustibile del locale caldaia e locali gas metano (IERACI ALOCCI ); 5. IL RESPONSABILE DI PIANO (D ORO per la scala principale) avvisa gli alunni delle aule/laboratori/officine e dirige il flusso degli evacuandi verso l uscita; 6. soccorrere chi si è infortunato o colto da malore; 7. accertarsi con sollecitudine che la zona assegnata risulti evacuata completamente, aprendo le porte delle aule/laboratori/officine, verificando che il locale sia effettivamente vuoto di persone, e, per ultimo, chiudendo la porta; 8. consegnare agli insegnanti provenienti dalla scala l elenco degli alunni della classe relativa. PIANO TERRA OMA LM - PORTA CARRAIA L evacuazione avviene indipendentemente tramite uscita sull ambiente esterno; mediante spinta maniglione antipanico della porta REI (ACQUILINO). 5

6 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O D EMERGENZA- MANSIONI AUSILIARI - ASSISTENTI TECNICI PRIMO PIANO SCALA PRINCIPALE (Locali Aula 1- OSA LT1- Aula 2 OAG - AREA STUDIO- BIBLIOTECA): ( Sig.ra MASCIARI ) posizionate sull angolo di discesa e viso rivolto verso il pianerottolo; SCALA SECONDARIA ( Locali LIT OE3 PALESTRA [*] ) : ( Sig. CONTARINO ) posizionato sull angolo della porta REI e viso rivolto verso il pianerottolo; 1. I RESPONSABILI DI PIANO (BERRINO per la scala principale e BOZZANO per la scala secondaria) avvisano gli alunni delle aule/laboratori/officine e dirigono il flusso degli evacuandi verso l uscita; 2. soccorrere chi si è infortunato o colto da malore; 3. accertarsi con sollecitudine che la zona assegnata risulti evacuata completamente, aprendo le porte delle aule/laboratori/officine, verificando che il locale sia effettivamente vuoto di persone, e, per ultimo, chiudendo la porta; 4. avviarsi in discesa per la scala loro assegnata; 5. uscire nel cortile nel punto di raccolta. [*] PALESTRA L evacuazione avviene indipendentemente tramite uscita sull ambiente esterno, mediante spinta maniglione antipanico della porta REI. 6

7 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O D EMERGENZA - MANSIONI AUSILIARI - ASSISTENTI TECNICI SECONDO PIANO SCALA PRINCIPALE Sig.ra GIGLIERI posizionate sull angolo di discesa della scala principale e viso rivolto verso il pianerottolo. CORRIDOIO SUD: (venendo da Ovest locali OEL1 VICEPRESIDENZA MGZ - SALA INSEGNANTI BAGNI PERSONALE - SALA MEDICA UTE - UFF. DIDATTICA - CONTABILITA D.S.G.A. - PRESIDENZA - UFF. PERSONALE; venendo da Est locali AULE ). SCALA SECONDARIA Sig.ra BOTTONI posizionata di fronte alla porta REI scala secondaria per la vigilanza e la discesa del personale e allievi. CORRIDOIO NORD- : (Locali CLASSE 2.0 -UFF. STAGES AULA 8 BIS- OEL4 SALA STAMPA AULE 7 8 AUDIOVISIVI OE2). 1. I RESPONSABILI DI PIANO (SIMONETTA per la scala principale e TERRILE per la scala secondaria) avvisano gli alunni delle aule/laboratori/officine e dirigono il flusso degli evacuandi verso l uscita; 2. soccorrere chi si è infortunato o colto da malore; 3. accertarsi con sollecitudine che la zona assegnata risulti evacuata completamente, aprendo le porte delle aule/laboratori/officine, verificando che il locale sia effettivamente vuoto di persone, e, per ultimo, chiudendo la porta; 4. avviarsi in discesa per la scala loro assegnata. 5. uscire nel cortile nel punto di raccolta. 7

8 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA - MANSIONI AUSILIARI - ASSISTENTE TECNICI TERZO PIANO SCALA PRINCIPALE (Sig.ra MORELLI) posizionata sull angolo di discesa della scala principale e viso rivolto verso il pianerottolo.; CORRIDOIO SUD : (venendo da Ovest locali SPOGLIATOIO AULA ; venendo da Est locali OE1-13) SCALA SECONDARIA: Sig.ra LOVERSO posizionata di fronte alla porta REI scala secondaria per la vigilanza e la discesa del personale e allievi. CORRIDOIO NORD-EST: ( Locali Aule OEL2 ). 1. I RESPONSABILI DI PIANO (DESOGUS per la scala principale e MEDRI per la scala secondaria) avvisano gli alunni delle aule/laboratori/officine e dirigono il flusso degli evacuandi verso l uscita; 2. soccorrere chi si è infortunato o colto da malore; 3. accertarsi con sollecitudine che la zona assegnata risulti evacuata completamente, aprendo le porte delle aule/laboratori/officine, verificando che il locale sia effettivamente vuoto di persone, e, per ultimo, chiudendo la porta; 4. avviarsi in discesa per la scala loro assegnata. 5. uscire nel cortile nel punto di raccolta. 8

9 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA - MANSIONI AUSILIARI - ASSISTENTI TECNICI QUARTO PIANO Sig. CANESI - FERRARIS(SCALA SECONDARIA): (AREA SERVER - UFFICIO STAGES Aula 17 UFFICIO ANTIDISPERSIONE - LS ) (Sig.ra PIRLO- AGUELI) (SCALA PRINCIPALE) dirige il flusso degli evacuandi verso l uscita dei lab.ri INFO2 INFO1; 1. I RESPONSABILI DI PIANO (PIRLO per la scala principale e CANESI per la scala secondaria) avvisano gli alunni delle aule/laboratori/officine e dirigono il flusso degli evacuandi verso l uscita; 2. soccorrere chi si è infortunato o colto da malore; 3. accertarsi con sollecitudine che la zona assegnata risulti evacuata completamente, aprendo le porte delle aule/laboratori/officine, verificando che il locale sia effettivamente vuoto di persone, e, per ultimo, chiudendo la porta; 4. avviarsi in discesa per la scala loro assegnata. 5. uscire nel cortile nel punto di raccolta. 9

10 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA - MANSIONI INSEGNANTI Insegnante presente in aula. A. dopo aver sentito l allarme deve mantenere la calma dentro aula/laboratorio/officina, aprire la porta, far chiudere le finestre, attendere il segnale d uscita dall aula da parte del RESPONSABILE di piano, consistente nella pronunciazione a voce alta della identificazione numerica o della SIGLA della aula/laboratorio/officina in cui si trova; B. con sottobraccio il foglio di identificazione del locale di provenienza, raccolto nel porta notebook, dopo il segnale d uscita dà la direzione di evacuazione agli allievi con il capofila avanti e attende che tutti siano usciti dall aula/laboratorio/officina con il chiudi fila per ultimo; C. deve chiudere la porta dell aula/laboratorio/officina e avviarsi dietro al chiudi fila alla scala di evacuazione; D. per ultimo, giunto insieme alla classe nel luogo sicuro del punto di raccolta fissato per la scala da cui è evacuato, provvede a fare l appello degli alunni e segnala tempestivamente i dispersi, avendo avuto cura di compilare il modulo di evacuazione, utile al fine di determinare se l evacuazione possa essere ritenuta conclusa, una volta raccolti tutti i moduli. 10

11 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA- MANSIONI:coordinatore di piano- ATA- COLLABORATORI SCOLASTICI ELENCO RESPONSABILI DI PIANO (capi scala) PIANO SCALA PRINCIPALE SCALA SECONDARIA TERRA IERACI SCAROLA D ORO- ALOCCI 1 BERRINO BOZZANO -MASCIARI - CONTARINO 2 SIMONETTA - TERRILE BOTTONI - GUGLIERI 3 DESOGUS - SANTAGADA LOVERSO MORELLI - MEDRI 4 PIRLO - AGUELI CANESI - FERRARIS a) attendere con accortezza il turno di evacuazione del piano; b) pronunciare a voce alta l identificazione numerica o a SIGLA della aula/laboratorio/officina da evacuare per prima; c) attendere che l insegnante di quell aula abbia iniziato a scendere le scale per pronunciare a voce alta l identificazione numerica o a SIGLA della aula/laboratorio/officina dell aula/laboratorio/officina successivo; d) far scendere il personale addetto; e) alla evacuazione di tutto il piano segnalare a voce alta il via all esodo del piano successivo; f) iniziare a scendere. 11

12 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA - MANSIONI personale addetto - SEGRETERIA Dopo l uscita degli allievi alla pronunciazione a voce alta segreteria da parte del coordinatore di piano, la D.S.G.A. dott.ssa CANEPA (PREPOSTO) coordina l uscita dagli uffici più lontani a quelli più vicini, in questo ordine: vicepresidenza, aula insegnanti, bagni personale, sala medica ( la segretaria ha aperto la porta per constatare la presenza o meno di allievi e/o personale, ufficio UTE, ufficio didattica, ufficio contabilità, ufficio economato, ufficio responsabile amministrativo, presidenza. PER I COLLABORATORI AMM.VI a) chiudere le finestre e aprire la porta, b) attendere la chiamata da parte della segretaria, c) uscire ordinatamente dall aprifila al chiudifila, che avrà accertato la completa evacuazione ( il personale stesso è chiamato ad organizzarsi i relativi compiti sequenziali d uscita.) 12

13 ORGANIZZAZIONE PER LA SIMULAZIONE DI UN EVACUAZIONE ESERCITAZIONE ANTINCENDIO E/O EMERGENZA - MANSIONI personale addetto - INSEGNANTI DI SOSTEGNO E AUSILIARI Le insegnanti di sostegno, se presenti, a nominativo di : INSEGNANTI CLAPS D ALTO COSTANZO DE GRADO MARIANI MARROSEDDU CLASSI DI SOSTEGNO 1EM-1AT 2AT-2EM-3AT-3BM 1BM-2DEL-1CE 1AT 2AT-2DEL 3B-4A-4D- 5TIM si occuperanno dell evacuazione degli allievi portatori di handicap; con l aiuto a richiesta e nella eventuale disponibilità del personale ausiliario. Gli allievi portatori di handicap non lieve o temporaneo dovranno lasciare l edificio per ultimi, comunque accuditi e assistiti e ricondotti nei loro gruppi di appartenenza. 13

14 QUARTO PIANO CORRIDOIO SUD SCALA PRINCIPALE INFO 2 INFO 1 CORRIDOIO NORD SCALA SECONDARIA AREA SERVER AULA 17 UFFICIO ANTIDISPERSIONE BAGNI - LS TERZO PIANO CORRIDOIO SUD SCALA PRINCIPALE CORRIDOIO NORD SCALA SECONDARIA SPOGLIATOIO AULA AULA OEL2 ( EX OET ) LF OE1 (EX OEMT) AULA ( AULA AUDIOVISIVI ) SECONDO PIANO SCALA PRINCIPALE CORRIDOIO NORD SCALA SECONDARIA CORRIDOIO SUD CLASSE 2.0 OEL1 ( EX LED) UFFICIO STAGES ( VICEPRESIDENZA) AULA 8 BIS MGZ OEL4 ( EX OELT / A ) AULA INSEGNANTI (SALA.INSEGN.) SALA STAMPA SALA.MEDICA AULA 8-7 UTE AUDIOVISIVI UFFICIO DIDATTICA OE2 ( EX OEM2 ) UFFICIO CONTABILITA SEGRETERIA (RESPONSABILE AMM.VO) PRESIDENZA UFFICIO PERSONALE CORRIDOIO SUD-EST AULA

15 PRIMO PIANO SCALA PRINCIPALE AULA 1 OSA LAB. TECNOLOGICO (LT1) AULA 2 OAG SPOGLIATOIO-BIBLIOTECA CORRIDOIO NORD SCALA SECONDARIA PALESTRA LABORATORIO IDRAULICA (LIT) OE3 PRIMO PIANO - PALESTRA L evacuazione avviene indipendentemente tramite uscita sull ambiente esterno mediante spinta maniglione antipanico della porta REI. PIANO TERRA SCALA PRINCIPALE LAB. FRIGORISTI LABORATORIO TECNOLOGICO PIANO TERRA (LT0) OFFICINA MACCHINE UTENSILI (OMU) PIANO TERRA - OMA - OFFICINA MACCHINE AUTO * (OMA ) LABORATORIO MACCHINE * (LM) * La via di fuga deve avvenire verso la porta carraia dell OMA; entro l officina devono rimanere sempre sgombri corridoi che permettano a chi proviene dal laboratorio macchine di imboccare il percorso d uscita rapida e spingere verso l esterno il maniglione antipanico della porta REI. Individuata la zona dove l inconveniente di rischio è avvenuto, l evacuazione viene così avviata: il primo piano a fuoriuscire è quello in cui è in atto il fatto di rischio, dopo di ché evacuano gli altri piani con la procedura qui sopra riportata, partendo dal quarto e via via i piani stanti inferiormente; nel caso che al piano in cui è in atto il fatto di rischio vi siano più di un corridoio da utilizzare per il deflusso (vedi secondo piano), gli addetti al piano dovranno rapidamente decidere se sia il caso che il punto di rischio sia quello che dividerà il deflusso verso Sud e/o verso Nord. 15

16 ESEMPIO. Punto di rischio con incendio secondo piano davanti al locale SALA STAMPA (con scala secondaria a prova di fumo inagibile). A) Le persone a defluire per prime sono quelle del laboratorio OEL4 lungo il corridoio Sud e via via scalando di locale in locale, che, man mano, sono più vicini alla scala (OEL4, A7, A8,OEL3, ); mentre contemporaneamente possono cominciare a defluire le persone a partire appunto dal locale stampa verso il corridoio Nord, e via via scalando di locale in locale, che, man mano, sono più vicini alla scala (STAMPA, A6, A5, ); B) accertata e segnalata la fuoriuscita di tutte le persone dal 2 piano, cominciano a defluire quelle del quarto piano: tenendo presente che il locale più lontano dalla scala verso Nord è l AREA SERVER, il deflusso avverrà partendo da tale locale, e via via scalando di locale in locale, che, man mano, sono più vicini alla scala (AREA SERVER, Uff. Stages, Lab. Reti, ); C) accertata e segnalata la fuoriuscita di tutte le persone dal 4 piano, cominciano a defluire quelle del terzo piano: tenendo presente che il locale più lontano dalla scala verso Nord è l aula 16, il deflusso avverrà partendo da tale locale, e via via scalando di locale in locale, che, man mano, sono più vicini alla scala (A16, A15, A14, ); che il locale più lontano dalla scala verso Sud è lo spogliatoio dei dipendenti ATA, il deflusso avverrà partendo da tale locale, e via via scalando di locale in locale, che, man mano, sono più vicini alla scala (Spogliatoio ATA, A12, A11,..); all incrocio dei due deflussi presso la scala, essa è sufficientemente larga perché in fila indiana le due colonne possano evacuare contemporaneamente; D) a riguardo dell evacuazione ai piani primo e terra, nulla muta in quanto, anche l ingresso secondario può essere comunque utilizzato. 16

17 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO - ATTILIO ODERO - COSTRUIRSI IL FUTURO Genova Sestri Ponente - 4 Via Briscata Fax e mail - sito web REGOLAMENTO PER LA MIGLIORE ATTIVAZIONE DI UNA EVACUAZIONE. Premesso che il piano di evacuazione, con il percorso conoscitivo necessario per la sua realizzazione, può dare un contributo fondamentale alla personale preparazione di ciascun individuo delle varie componenti scolastiche nel controllo di forti emozioni, quali panico, timore, paura, oppressione, ansia, in circostanze inattese, consentendo di essere preparati a situazioni di pericolo; stimolare la fiducia in se stessi; indurre un sufficiente autocontrollo per attuare comportamenti razionali e corretti; controllare la propria emozionalità e saper reagire all eccitazione collettiva. In altre parole tende a ridurre i rischi indotti da una condizione d emergenza e facilita le operazioni di allontanamento da luoghi pericolosi. ATTEGGIAMENTI DA ELIMINARE ANCHE NELLE SIMULAZIONI DI EVACUAZIONE DALL ISTITUTO. partecipare con sufficienza ( correre e/o chiacchierare ); trascurare profusione nel migliore impegno per contribuire alla buona riuscita dell operazione; essere convinti che i criteri di addestramento adottati non siano adeguati e motivanti per raggiungere gli obbiettivi proposti; trascinarsi stati d animo che limiterebbero la propria attenzione nei compiti impartiti e/o nella normale procedura di evacuazione; sentirsi a disagio, ovvero ridicolizzare e/o drammatizzare comportamenti da mantenere durante l esodo forzato; sopravvalutare le proprie conoscenze nei confronti delle mansioni da espletare secondo l appartenenza a componente scolastica; temere di non essere all altezza di rispondere adeguatamente alle mansioni richieste; 17

18 coinvolgere altre persone in atteggiamenti scorretti; irridere sugli imbarazzi degli altri ; simulare o strafare con falsi atteggiamenti di emozionalità; non credere nella collaborazione collettiva; distrarsi. Qualora le prove di evacuazione, che periodicamente verranno effettuate nell Istituto, di volta in volta, dessero risultati sempre più soddisfacenti, sarà per merito della collaborazione fornita da ciascun individuo, il quale personalmente sarà certamente arricchito e cresciuto sul problema della conoscenza del rischio, e quindi maturato nel controllo delle proprie emozioni, lasciandosi più guidare dalla razionalità, caratteristiche atte per una migliore conduzione dei propri rapporti sociali e sulle quali si fonda l educazione civile. POSSIBILI RISCHI IN ISTITUTO Gli eventi che potrebbero richiede l evacuazione parziale o totale dell Istituto, sono generalmente i seguenti : incendi che si sviluppano all interno dell edificio scolastico ( ad es. nelle officine, nei laboratori, nella centrale termica, nella biblioteca o negli archivi ); avviso o sospetto della presenza di ordigni esplosivi; fughe di gas ; ogni altra causa che sia ritenuta pericolosa dal Capo d Istituto. INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE. Si intende per risorsa tutto ciò che può essere messo a disposizione per fronteggiare un incidente o una calamità. Ogni individuo delle varie componenti scolastiche è tenuto a leggere attentamente le piante dell Istituto, poste in visione ad ogni piano nelle vicinanze delle scale principale e secondaria, sulle quali sono individuabili le posizioni di ciascuna delle dotazioni di sicurezza antincendio e/o antinfortunio. In questo Istituto sono presenti le seguenti risorse: IMPIANTO RILEVAZIONE ANTINCENDIO (IMPIANTO RILEVAZIONE FUMO E MAGNETI) PULSANTI CONVENZIONALI PER AVVISO MANUALE D INCENDIO SU OGNI PIANO CASSETTE NASPO CON MANICHETTE E LANCIA VICINO ATRII SCALA PRINCIPALE E SCALA SECONDARIA SU OGNI PIANO AVVISATORI ACUSTICI SU OGNI PIANO IMPIANTO AUTOMATICO SPLINKER OFFICINA OMA 18

19 Al fine di attivarsi nella ricerca delle dotazioni di primo intervento in caso di incendio, la normativa prescrive che nei corridoi delle scuole vi sia un estintore portatile rintracciabile almeno ogni mt 30. Pertanto, nel caso specifico secondo la configurazione di questo Istituto, in qualunque direzione si proceda lungo i corridoi non si percorrerà più di quella distanza per recuperare un mezzo di estinzione manuale. Le cassette di pronto soccorso sono ubicate in locali dove maggiore è il rischio d infortunio, soprattutto per elettrocuzione, ma tutti i laboratori sono dotati di cassetta di primo soccorso per interventi immediati su ferite, lacerazioni, lussazioni di danno limitato. ASSEGNAZIONE DEI COMPITI. All interno dell Istituto devono essere identificati i seguenti ruoli : A) PRESIDE; B) ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE; C) INSEGNANTI; D) INSEGNANTI DI SOSTEGNO; E) ASSISTENTI TECNICI E PERSONALE AUSILIARIO; F) COLLABORATORI AMM.VI; G) LA CLASSE. A) PRESIDE E il Responsabile dell Istituto in caso di emergenza. Ad egli spetta : la decisione di far scattare l allarme, al pari di chiunque responsabilmente prenda simile iniziativa, in quei casi dove sussiste un potenziale pericolo; il compito di coordinare le operazioni di evacuazione; la decisione, dopo le dovute attente osservazioni, di concludere l emergenza; è responsabile della corretta indicazione delle vie di esodo e degli apparati antincendio e contro gli infortuni; qualora constatasse eventuali anomalie o impedimenti alle vie di esodo e agli apparati succitati ne dovrà dare tempestiva segnalazione a chi di competenza. B) ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE. Ad essi spetta : suppliscono il Preside in determinati suoi compiti secondo le mansioni loro impartite: 1. esiste il Responsabile per l emanazione dell ordine di evacuazione che, al verificarsi di una situazione di emergenza, assume il coordinamento delle operazioni di evacuazione e di primo soccorso; 19

20 2. esiste personale incaricato per l addestramento, l informazione e la formazione circa la procedura d esodo sia del personale che deve assumere compiti specifici durante l evacuazione e sia di ogni individuo di tutte le componenti scolastiche; 3. esiste personale incaricato della diffusione dell ordine di evacuazione; 4. esiste personale di piano responsabile del controllo delle operazioni di evacuazione; 5. esiste personale incaricato di effettuare le chiamate di soccorso ai Vigili del Fuoco, alle Forze dell Ordine, al Pronto Soccorso e ad ogni altro organismo ritenuto necessario; 6. esiste personale incaricato dell interruzione della erogazione dell energia elettrica, del gas, e dell alimentazione della centrale termica; 7. esiste personale incaricato dell uso e del controllo periodico dell efficienza di estintori ed idranti; 8. esiste personale incaricato ad accudire ed assistere durante l evacuazione alunni portatori di handicap; 9. esiste personale addetto al controllo quotidiano della praticabilità delle uscite di sicurezza e dei percorsi per raggiungerle. C) INSEGNANTI. In particolare il coordinatore di classe assegna compiti agli alunni capofila - chiudifila, almeno due per ognuna delle mansioni. Gli insegnanti presenti al momento della diffusione del segnale dall allarme ( acustico e luminoso ) dell evacuazione coordinano le operazioni avvalendosi dell aiuto dei ragazzi individuati nel successivo punto LA CLASSE. Essi provvedono a : 1. informare gli alunni senza allarmismi, dei potenziali pericoli e delle motivazioni di una simulazione di evacuazione; 2. premunirsi di avere con sé il registro della classe con le presenze aggiornate; 3. condurre la scolaresca nel punto di sicurezza esterno e rimanere a disposizione nella posizione individuata, 4. effettuare l appello nominale e compilare, con l aiuto di un ragazzo chiudifila, l apposito modulo di evacuazione preso insieme al cartello individuatore recuperato entro l aula/officina/laboratorio; 5. non dimenticare nella confusione nessun alunno in zona pericolo ; 6. verificare l eventuale presenza di ragazzi appartenenti ad altre classi, ma evacuati con la classe oggetto del rapporto, al fine di ricondurlo nel gruppo di appartenenza. 20

21 D) INSEGNANTI DI SOSTEGNO. Se sono presenti si occuperanno dell evacuazione degli alunni portatori di handicap, con l aiuto del personale ausiliario opportunamente incaricato. Gli alunni portatori di handicap non lieve o temporaneo dovranno lasciare l edificio per ultimi, comunque accuditi e assistiti e ricondotti nei loro gruppi di appartenenza. E) ASSISTENTI TECNICI E PERSONALE AUSILIARIO. Agli operatori scolastici spetta : segnalare tempestivamente le situazioni di pericolo ( questo vale per chiunque responsabilmente ne avverta l esigenza ); dovrà portare l ascensore al piano verificando che non vi sia nessuna persona al suo interno, bloccandone il funzionamento azionando l apposito interruttore, dirigere il flusso verso l uscita; assistere i portatori di handicap, o chiunque si trovi in difficoltà secondo le indicazioni dell insegnante di sostegno se presente; soccorrere chi si è infortunato o colto da malore e accompagnarlo all esterno; accertarsi che la zona assegnata risulti evacuata completamente; accertarsi che tutte le porte delle classi siano state chiuse effettivamente e, nel contempo, subito dopo ritirare i cartelli indicatori rimanenti dei locali che evidentemente si trovavano vuoti al momento dell incidente, al fine di stabilire che tutti i locali siano stati visionati ed eliminare il rischio di dimenticanza di qualche individuo all interno del corpo di fabbrica; aprire la porta principale e/o secondaria a lui assegnata e far defluire ordinatamente le classi, uscendo dall edificio al seguito dell ultima classe evacuata essendo uscito anche l RSPP accertarsi che non ci sia più nessuno; disattivare l alimentazione generale dell energia elettrica; interrompere l alimentazione del combustibile del locale caldaia e del gas; F) COLLABORATORI AMM.VI. L UFFICIO DEL PERSONALE deve tenere uno schema aggiornato con la situazione del personale docente e non docente ed ausiliario presente nella scuola. L UFFICIO DIDATTICA deve tenere uno schema aggiornato delle classi eventualmente in gita scolastica e/o dedite ad altre attività fuori dell edificio. La SEGRETARIA istruisce un diario di presenza ed uscita di persone estranee alla scuola custodito ed aggiornato in portineria da parte del personale addetto. 21

22 G) LA CLASSE. E indispensabile che tra i banchi, macchine utensili, banchi da lavoro non vi siano cartelle, zaini ed attrezzi che possano creare intralcio o grave pericolo nelle fasi di evacuazione; creare spazio confinato in aula per deposito di cartelle e zaini; è necessaria una corretta sistemazione degli arredi in modo da non creare ostacoli all evacuazione; in ogni classe dovranno essere individuati quattro ragazzi, più almeno una riserva per ciascun ruolo, con le seguenti mansioni: 1. due ragazzi aprifila, incaricati di aprire la porta e condurre la fila con l apposito cartello precedentemente predisposto corrispondente all aula di appartenenza; 2. due ragazzi chiudifila, con l incarico di chiudere la fila, chiudere le finestre e nell eventualità di compagni in difficoltà segnalare all insegnante tale nuova situazione. 22

23 PROCEDURA STANDARD. Al suono dell allarme ( acustico, luminoso, svincolato dalla linea principale ), messo in modo strategico su tutti i piani, protetto, da tutti riconoscibile, gli alunni devono lasciare nell aula/laboratorio/officina tutto come si trova, preparandosi ad uscire dalla stessa in fila ordinata. I ragazzi incaricati per l apertura della fila aprono la porta della propria aula/laboratorio/officina, ed uno preso da fuori la porta il cartello individuatore del locale, conduce la fila ordinatamente. Al riguardo della PALESTRA e dell OMA, da cui l evacuazione avviene in modo indipendente, dovrà comunque essere rimosso prima dell esodo l apposito cartello individuatore del locale, di cui sono dotate, conservato nel porta note-book. I ragazzi incaricati di chiudere la fila assolvono a detto compito e segnalano al personale incaricato eventuali compagni in difficoltà o pericolo, confermando al ragazzo apri-fila l inizio della fase di uscita. L incaricato capo-piano fa uscire ordinatamente le scolaresche presenti al piano che dovranno recarsi nel punto stabilito all esterno, denominato punto di sicurezza. Lo stesso incaricato capo-piano lascerà l edificio al seguito dell ultima classe evacuata, accertandosi che non ci sia più nessuno presente nell area a lui assegnata, avendo atteso l uscita del personale addetto al piano che avrà ritirato i cartelli indicatori dei locali che al momento dell incidente erano vuoti. Al momento in cui il capo-piano si avvia all uscita, segnalerà a voce alta il completamento dell esodo a quel piano, per quella scala principale e/o secondaria. L insegnante, col registro di classe, in testa alla scolaresca segue il percorso di uscita assegnato alla classe, curando che gli alunni si mantengano compatti, in fila indiana, tenendosi la mano sulla spalla del compagno davanti e l altra mano contro il muro, intervenendo laddove si determinino situazioni critiche o si manifestino reazioni di panico. Appena raggiunto il punto di sicurezza esterno, l insegnante dovrà effettuare l appello e compilare con l aiuto di un ragazzo chiudifila il rapporto/modulo di evacuazione. Se l allarme è dato tempestivamente, non vi sarà alcun inconveniente nelle procedure di evacuazione che prevedono l uscita dall edificio per piani orizzontali e verticali. Ogni ambiente frequentato dagli alunni avrà una sigla identificativa progressiva relativamente all ordine di uscita, ricordando che la qualità del tempo utilizzato è più importante della quantità del tempo speso per l evacuazione. 23

24 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA - ATTILIO ODERO - COSTRUIRSI IL FUTURO Genova Sestri Ponente - 4 Via Briscata Fax e mail - sito web MODULO EVACUAZIONE o ESODO AULA 7 FAC-SIMILE RIMUOVERE QUESTO MODULO SOLO IN CASO DI EVACUAZIONE COMPILARE LA PAGINA SUL RETRO (COMPILAZIONE A CURA DEL DOCENTE PRESENTE NEL LOCALE AL MOMENTO DELL EMERGENZA O DEL CAPO-PIANO SE IL LOCALE E VUOTO) 24

25 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA - ATTILIO ODERO - COSTRUIRSI IL FUTURO Genova Sestri Ponente - 4 Via Briscata Fax e mail - sito web MODULO DI EVACUAZIONE COMPILATORE.. DATA. PERSONE PRESENTI AL MOMENTO DELL EVACUAZIONE CLASSE PRESENTE IN AULA/LABORATORIO LOCALE SITUATO AL PIANO SECONDO PERSONE EVACUATE PERSONE FERITE PERSONE DISPERSE ZONA DI RACCOLTA CORTILE POSTERIORE ANTISTANTE USCITA LATERALE NOTE N.B. Il modulo viene raccolto dall insegnante/personale ATA presente in aula/laboratorio/officina/ufficio al momento dell evacuazione e compilato dallo stesso; nel caso in cui al momento dell evacuazione l aula/laboratorio/officina/ufficio si trovasse vuota sarà il capo-piano a ritirare il cartello e a compilarlo. 25

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto di Scienze dell Alimentazione

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli