ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE PIANO DI EMERGENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE PIANO DI EMERGENZA"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Silvano Fedi Enrico Fermi PIANO DI EMERGENZA DATA: 15 febbraio 2013 File:PIANOEM_ITTS nov 2013.doc Pag.1 di 10

2 ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO, GESTIONE DELLE EMERGENZE A.S Di Cianni Giovanni Melani Fiorenza ADDETTI EVACUAZIONE Antonelli Luca Bechini Mario Borsi Giancarlo Briganti Federico Buonincontri Domenico Della Greca Tiziano Nardini Fausto Pardini Piero Ventavoli Valerio Agostini Annalisa Alaimo Carmela Angini Norma Atzori M. Daniela Betti Fiorella Bisacci Patrizia Carro Angela Credi Guido Gagliardi Adalgisa Gherardini Stelio Menichini Stefania Melosi Paola Pillon Anna Puccianti Rossella Sciarra Rita Cioni Riccardo Vestri Luigi ADDETTI PUNTI RACCOLTA Nome P. raccolta Rondine Salvatore Umberto Giannellini Claudio Fermi Fermi Fermi Fermi Ambrosio Rosa 1 Barghini Manuela 3 Cappelli Manila 1 Di Cianni Giovanni 2 Melani Fiorenza 1 Monserrati Giovanna 3 Pratesi Maria Pia 1 Torchia Rosa 2 Ventavoli Valerio 3 Attala Mario 1 Biagini Bruno 3 Chiti Marisa 1 Colombino Pietro 2 Gori Erica 2 Menici Patrizia 1 Ricca Vincenzo 3 File:PIANOEM_ITTS nov 2013.doc Pag.2 di 10

3 ADDETTI PREVENZIONE INCENDI ADDETTI PRIMO SOCCORSO Cappelli Manila Monserrati Giovanna Torchia Rosa Agostini Annalisa Angini Norma Atzori M. Daniela Betti Fiorella Bisacci Patrizia Carro Angela Credi Guido Melosi Paola Pillon Anna Puccianti Rossella Sciarra Rita Cioni Riccardo Marchese Riccardo Ricca Vincenzo Monserrati Giovanna Pratesi Maria Pia Antonelli Luca Bechini Mario Borsi Giancarlo Briganti Federico Buonincontri Domenico Della Greca Tiziano Nardini Fausto Pardini Piero Ventavoli Valerio Agostini Annalisa Bisacci Patrizia Carro Angela Credi Guido Melosi Paola Pillon Anna Puccianti Rossella Sciarra Rita File:PIANOEM_ITTS nov 2013.doc Pag.3 di 10

4 INDICAZIONI GENERALI L attività in questione e soggetta ai controlli di prevenzione incendi da parte dei Vigili del Fuoco, in quanto catalogata al punto 67 (Scuole di ogni ordine e grado con oltre 100 persone presenti), con sub-attività relativa al punto 74 (Centrale Termica di potenza superiore a 116Kw alimentata a metano), del D.P.R. 151/2011 (punti 85 e 91 del D.M. 16 febbraio 1982), con normativa specifica di riferimento il D.M. 26 agosto Pertanto è da considerarsi come una attività a maggior rischio in caso d incendio elevato, soggetta alla redazione scritta del presente piano di emergenza, in considerazione dell elevato affollamento di persone in grande prevalenza giovani studenti. L attività ha presentato un Esame di Progetto al locale comando dei Vigili del Fuoco per l adeguamento alla normativa di riferimento ai fini dell ottenimento del CPI prima dell anno 2000: dopo le relative osservazioni e prescrizioni integrative, sono iniziati i lavori di adeguamento che sono tuttora in corso. Di conseguenza, nell attesa del completamento dei lavori suddetti, sono state adottate le procedure che la situazione strutturale/impiantistica attuale consentono, e cautele in parte complementari, in parte sostitutive per contenere i rischi a livelli comunque accettabili. I vari provvedimenti sono stati divisi in due gruppi: QUELLI CHE HANNO IL FINE DI RIDURRE LA PROBABILITÀ DELL INSORGERE DI UN INCENDIO (PREVENZIONE), e QUELLI CHE HANNO LO SCOPO DI RENDERE MINIMI I DANNI PRODOTTI DA UN INCENDIO UNA VOLTA CHE QUESTO SI SIA MANIFESTATO (PROTEZIONE). Quest ultima comprende sia i provvedimenti di protezione attiva che comportano un intervento (esodo delle persone, segnalazione od azione di spegnimento manuale) che quelli di protezione passiva (adozione di distanze di sicurezza, compartimentazioni resistenti al fuoco etc.). Inoltre le presenti note sono applicabili anche ad emergenze di altra natura, quali terremoti. Cio e di particolare rilievo, essendo localizzata l attivita in zona a rischio sismico, nella piena consapevolezza, comunque, che gli eventi tellurici sono a tutt oggi sostanzialmente imprevedibili. Tali provvedimenti non potranno tuttavia garantire in modo assoluto ed in ogni caso l incolumità delle persone e delle cose, anche se il rischio potrà essere ridotto a valori molto bassi; infatti non è possibile escludere che circostanze eccezionali e fortunatamente rare possano egualmente creare situazioni di pericolo provocate dal fuoco o da altre calamità. File:PIANOEM_ITTS nov 2013.doc Pag.4 di 10

5 PROVVEDIMENTI PER RIDURRE LE PROBABILITA DELL INSORGERE DELL INCENDIO (PREVENZIONE) - DIVIETO DI FUMARE, DI USARE FIAMME LIBERE E DI PRODURRE SCINTILLE evidenziato con regolamentare segnaletica; - Utilizzo di impianti elettrici a regola d arte, compresa la protezione dalle scariche atmosferiche: in particolare NON REALIZZARE ALBERI DI NATALE O ALTRI ADDOBBI CON CANDELINE, E POSSIBILMENTE ANCHE SENZA LAMPADINE; SE INDISPENSABILI, USARE ESCLUSIVAMENTE FILI DI LAMPADE DI QUALITA E OMOLOGATI, possibilmente a doppio isolamento o bassissima tensione di sicurezza (24Volt); - NON COLLEGARE TERMOVENTILATORI, STUFE, CONDIZIONATORI, FORNELLI, MACCHINE DEL CAFFE O ALTRE MACCHINE CON CARICHI ELEVATI A PRESE NON PROTETTE DA INTERRUTTORE E/O FUSIBILE (AD ES. CIABATTE, PRESE MULTIPLE ECC.); - Rispetto dell ordine e della pulizia: PULIRE REGOLARMENTE LE FERITOIE ED I CONDOTTI DI VENTILAZIONE DI APPARECCHI SCALDANTI, MACCHINARI, ATTREZZATURE ELETTRICHE E DA UFFICIO, TOGLIERE SACCHETTI, CARTA, STRACCI, RIFIUTI O ALTRI MATERIALI COMBUSTIBILI DALLE VICINANZE DELLE PRESE DI OGNI TIPO, E DA STUFE O ALTRI APPARECCHI SCALDANTI; - NON APPOGGIARE MAI NIENTE SOPRA O VICINO A QUESTI APPARECCHI AD ASCIUGARE O ANCHE SOLO IN DEPOSITO, PERCHE POSSIBILI INNESCHI D INCENDIO IN CASO DI RISCALDAMENTI ECCESSIVI O CORTOCIRCUITI; - Adozione di tempi e modalità organizzative razionali ed istruzione al Personale sui pericoli d incendio e le principali cautele per evitarne l insorgere, ad esempio distribuendo a tutti le precedenti indicazioni. PROVVEDIMENTI PER LA SALVAGUARDIA DELLE PERSONE E PER RENDERE MINIMI I DANNI PRODOTTI (PROTEZIONE) - MANTENERE SEMPRE SGOMBRE DA QUALSIASI MATERIALE CHE POSSA ESSERE DI OSTACOLO I PERCORSI DI ESODO E LE VIE DI FUGA VERSO LE USCITE DI SICUREZZA; - MANTENERE SEMPRE LIBERE DI APRIRSI DALL INTERNO E PRIVE DI OGNI INTRALCIO LE USCITE DI SICUREZZA; - MANTENERE SEMPRE IN EFFICIENZA I DISPOSITIVI ANTINCENDIO (ESTINTORI e IDRANTI) di cui al punto successivo; - ADDESTRARE UN CONGRUO NUMERO DI DIPENDENTI, FISICAMENTE PRESTANTI, PER L ASSISTENZA ED EVENTUALMENTE IL TRASPORTO DI EMERGENZA FINO AD UN LUOGO ADATTO (AD ESEMPIO, I BALLATOI DELLE SCALE A PROVA DI FUMO (plesso ex-iti S. Fedi ) o I BALLATOI DELLE SCALE ESTERNE O I VARI TERRAZZI SUL LATO EST (plesso ex-geometri E. Fermi ) DEI VARI ALUNNI CON RIDOTTA CAPACITA MOTORIA O COMUNQUE INVALIDI; - Formare una squadra interna antincendio/emergenza pronta per intervenire rapidamente allo spegnimento di un principio d incendio, composta da personale capace di utilizzare i mezzi antincendio presenti e costituiti da vari estintori e idranti; - Informare gli alunni, il personale, i visitatori ed i lavoratori autonomi o dipendenti di ditte esterne che debbano svolgere attivita lavorative all interno sulle ISTRUZIONI DI SGOMBERO ED I CASI DI EMERGENZA; - Avvertire tempestivamente i Vigili del Fuoco mediante il numero diretto 115, e/o l emergenza sanitaria mediante il numero diretto 118. File:PIANOEM_ITTS nov 2013.doc Pag.5 di 10

6 ORGANIZZAZIONE DELLA SQUADRA ANTINCENDIO Constatato che, seppure per motivi diversi, tutti i locali sono da considerarsi luoghi a maggior rischio in caso d incendio, la squadra antincendio dovra essere composta da circa 15 persone durante l attivita mattutina, di cui almeno 8-10 tra i lavoratori ai piani, piu una persona di coordinamento generale per ciascun dei due plessi presso la centrale operativa, prevista alla portineria/centralino degli edifici, che si occupi anche dei collegamenti con l esterno (avviso telefonico al Dirigente Scolastico, agli addetti antincendio di altri turni eventualmente reperibili, ai Vigili del Fuoco, Emergenza Sanitaria, ecc.), formata da personale con adeguata prestanza fisica, capacita operativa e conoscenza degli ambienti e dell attivita lavorativa, tenuto conto anche di orari di lavoro delle vari emansioni, ferie, permessi ecc.. Per le persone designate e necessaria la frequenza di un corso di formazione, a norma delle vigenti disposizioni, in materia di prevenzione incendi, uso dei mezzi di spegnimento, nozioni di pronto soccorso ecc.. COMPITI DEI COMPONENTI DELLA SQUADRA ANTINCENDIO Il primo e basilare compito di costoro dovrà essere quello di curare la prevenzione, accertandosi quotidianamente, al termine dell attività lavorativa, che tutti i macchinari e le apparecchiature elettriche che non devono restare attive siano spente, che non vi siano rifiuti o materiali combustibili lasciati in prossimità di fonti di innesco (come indicato al punto Misure di Prevenzione ), verificando l agibilita dei percorsi di esodo e delle uscite di sicurezza durante tutto il servizio, e, periodicamente, l efficienza e la manutenzione degli estintori e degli idranti, infine sensibilizzando i colleghi al rispetto delle corrette modalità operative, e sorvegliando circa la loro concreta attuazione. INOLTRE, ALL INSORGERE DI UN EVENTUALE PERICOLO, DOVRANNO: - AVVIARE LA PROCEDURA D EMERGENZA; - intervenire tempestivamente sul principio d incendio; - portare i primi soccorsi; - controllare il regolare svolgimento dell evacuazione dello stabile; - avvertire i Vigili del Fuoco per il loro intervento, coadiuvarli al loro arrivo dando informazioni sui percorsi di accesso alle varie zone degli edifici, sulla natura e quantità dei materiali combustibili presenti, ed eventualmente definendo congiuntamente le migliori modalità d azione; - infine mettere prudenzialmente fuori tensione gli impianti elettrici della centrale termica e chiudere la valvola di intercettazione del metano esterna. File:PIANOEM_ITTS nov 2013.doc Pag.6 di 10

7 PROCEDURE DA SEGUIRE ALL INSORGERE DELL EMERGENZA Stante la vastita, la particolare conformazione dei locali e la loro articolazione su vari piani, IN CASO DI SEGNALAZIONE DA PARTE DELL IMPIANTO DI ALLARME, O DI CHIUNQUE RILEVI UN PRINCIPIO D INCENDIO O ALTRO ELEMENTO DI RISCHIO, L ADDETTO AL PIANO PIU VICINO DOVRA IMMEDIATAMENTE ATTIVARSI E ACCORRERE SUL POSTO, ARMATO DELL ESTINTORE PIU PROSSIMO, PER L ESATTA VALUTAZIONE DELL ACCADUTO E L EVENTUALE TENTATIVO DI SPEGNIMENTO. INDIPENDENTEMENTE DALL ESITO DEL TENTATIVO DI SPEGNIMENTO, SI RACCOMANDA DI FAR USCIRE IMMEDIATAMENTE EVENTUALI PERSONE PRESENTI NEL LOCALE, E DI CHIUDERE, USCENDO, LA PORTA DEL LOCALE NEL QUALE SI E SVILUPPATO IL PRINCIPIO DI INCENDIO (se possibile, invece, aprire le finestre). QUALORA NECESSARIO, DOVRA AVVERTIRE PRONTAMENTE LA PORTINERIA O I COLLEGHI AI PIANI DI QUANTO STA AVVENENDO, PERCHE A LORO VOLTA POSSANO FAR SCATTARE GLI INTERVENTI DI LORO PERTINENZA PREVISTI DALLA PROCEDURA DI EMERGENZA. TALE ALLARME DOVRÀ ATTIVARE L EVACUAZIONE DEGLI STUDENTI E DEL PERSONALE (ALMENO IMMEDIATAMENTE DELLE PERSONE PRESENTI NEL COMPARTIMENTO INTERESSATO DALL EMERGENZA) con le modalità indicate nel seguito all apposito punto, e comunque per quanto possibile in modo calmo e ordinato, con l ausilio degli addetti della squadra di emergenza in servizio in quel momento, i quali dovranno inoltre avvertire tutto il personale e gli alunni, facendo il giro di tutti i locali ed in particolare dei vari bagni. I vari insegnanti in servizio nelle singole classi dovranno a loro volta condurre l evacuazione delle loro classi e verificare che tutti gli alunni siano effettivamente usciti (con l eventuale eccezione di quelli con impedimenti motori e dei compagni dedicati alla loro assistenza), mediante appello nominativo. Gli addetti alla squadra di emergenza dovranno valutare la natura e gravità dell evento segnalato, e rapidamente decidere se e come intervenire direttamente sul principio d incendio con i mezzi di spegnimento a disposizione (estintori e idranti). Cautelativamente saranno comunque sempre avvertiti i Vigili del fuoco. INDICAZIONE OPERATIVA FINALE SI SOTTOLINEA CHE E FONDAMENTALE INTERVENIRE NEL PIU BREVE TEMPO POSSIBILE SUL PRINCIPIO DI INCENDIO, MA UTILIZZANDO I MEZZI AGILI, EFFICACI E LEGGERI CHE SONO GLI ESTINTORI (EVENTUALMENTE PIU DI UNO), DA PARTE DI PERSONALE FORMATO E IN GRADO DI USARLI. GLI IDRANTI VANNO UTILIZZATI SOLO IN UNA FASE SUCCESSIVA, IN CUI, FALLITO IL PRIMO INTERVENTO CON GLI ESTINTORI, L EVENTUALE INCENDIO DEVE ESSERE CIRCOSCRITTO E TENUTO SOTTO CONTROLLO APPUNTO CON GLI IDRANTI, IL CUI IMPIEGO E OPPORTUNO CHE SIA COORDINATO DAI VIGILI DEL FUOCO. File:PIANOEM_ITTS nov 2013.doc Pag.7 di 10

8 ISTRUZIONI DI EVACUAZIONE PER TUTTO IL PERSONALE (da affiggere in bacheca e possibilmente da distribuire a tutto il personale, e ai lavoratori autonomi o dipendenti di ditte esterne che debbano svolgere attivita lavorative di qualsiasi tipo all interno). Durante i casi di gravità (incendio, terremoto ecc.) si verificano situazioni eccezionali, che possono richiedere interventi di emergenza allo scopo di controllarne e limitarne le conseguenze. Questi interventi richiedono il contributo di ognuno, nell ambito delle proprie mansioni e responsabilità, per conseguire la rapidità e l efficacia necassarie in queste situazioni. Tutti hanno l obbligo di segnalare le situazioni di pericolo e di agire secondo le disposizioni impartite per l occasione dai Capi e dagli addetti all emergenza. Chi non ha incarichi specifici per i casi di emergenza deve attenersi a queste disposizioni eseguendole in modo ordinato e senza alcun indugio; in particolare se diventa necessario abbandonare l edificio è opportuno e vitale osservare disciplinatamente le seguenti indicazioni: IN CASO DI INCENDIO: - Interrompere le attività, spegnere tutte le apparecchiature in funzione (ma non le luci!) e, senza creare panico, allontanarsi dai punti di pericolo, dirigendosi verso le vie di uscita/scale più vicine, SENZA TASSATIVAMENTE USARE GLI ASCENSORI; - Eventuali alunni che al momento dell emergenza si trovassero per qualunque motivo fuori dalla propria classe, se ormai vicini alla propria aula dovranno rientrarvi, altrimenti potranno intraprendere le vie di esodo in modo autonomo, ma con l obbligo di segnalare quanto prima la propria presenza all insegnante presso il punto di raccolta; - Se i locali si riempiono di fumo è opportuno portare al viso un fazzoletto e cercare di camminare tenendosi lungo il muro più vicino, in fila indiana e con la testa piegata verso il basso per poter respirare senza affanno, eventualmente abbassandosi fino a strisciare sul pavimento per evitare, per quanto possibile, di respirare i fumi; - Nel caso ci si trovi all interno di un locale adiacente al luogo di incendio e non si trovi una via di uscita è consigliabile non perdere la calma e proteggere il locale dal fuoco mettendo oggetti bagnati sugli interstizi delle porte, se possibile, e/o sbarrare la porta di comunicazione per fermare l avanzamento del calore e del fumo, e attendere i soccorsi presso una finestra, aprendola se non ci sono fiamme e fumo nelle vicinanze; - Mantenere sempre un comportamento calmo ed ordinato, e non fermarsi nelle zone di transito; - Una volta all esterno dell edificio dirigersi verso le zone di raccolta assegnate dalle istruzioni specifiche e riportate nelle planimetrie informative, restando discosti dall edificio stesso per mantenere una distanza di sicurezza da eventuali pericoli, e accertare che tutte le persone siano presenti; - Non eseguire interventi di emergenza se non si è in possesso di specifica esperienza; - Non ingombrare le aree prospicienti le uscite di sicurezza e i mezzi antincendio; - L attrezzatura antincendio può essere usata solo da personale con adeguata preparazione; - Le persone gravemente infortunate o in stato di incoscienza devono essere trasportate soltanto con l ausilio di barelle e possibilmente dagli addetti all emergenza. Si ricorda che si può considerare sicuro tutto lo spazio aperto esterno agli edifici stessi, a eventuale distanza di sicurezza da fonti di pericolo (crolli, calore, fiamme, fumo, esalazioni ecc.). In particolare per il plesso Fedi si indica pero di NON SOSTARE NEL CORTILE INTERNO, e per il plesso Fermi di USCIRE DALLA ZONA RECINTATA CON RINGHIERA. File:PIANOEM_ITTS nov 2013.doc Pag.8 di 10

9 IN CASO DI SCOSSA TELLURICA: RIPARARSI SOTTO I BANCHI, LA CATTEDRA, O LE SCRIVANIE, O, SE FUORI DALLE AULE, PRESSO PILASTRI (BEN VISIBILI NEGLI AMBIENTI EX-ITI), ARCHITRAVI (AD ES. NEI VANI DELLE PORTE) O MURI PORTANTI (IN GENERE QUELLI VICINI ALLE SCALE E AGLI ASCENSORI), LONTANO DA MOBILI ED ARMADI PESANTI, E DA FINESTRE, E ATTENDERE CHE LA SCOSSA SIA TERMINATA. DOPO DI CHE ALLONTANARSI CELERMENTE, MA SENZA PANICO, LUNGO LE VIE DI EMERGENZA, PRIVILEGIANDO, NEL PALAZZO EX-GEOMETRI LA SCALA ESTERNA LATO SUD, NEL PALAZZO EX-ITI LA SCALA E. PER NESSUN MOTIVO UTILIZZARE GLI ASCENSORI, E VERIFICARE COMUNQUE CHE LE SCALE SIANO AGIBILI PRIMA DI PERCORRERLE. INDICAZIONI PARTICOLARI PER I PORTATORI DI HANDICAP Allo scopo di tutelare gli alunni con problemi di mobilita di qualsiasi tipo, viene predisposta la seguente procedura: 1) - Gli alunni che manifestino problemi a muoversi per qualsiasi motivo, devono presentarsi all ingresso mattutino presso l ufficio del VicePreside e fare presente la propria problematica; EDIFICIO Silvano Fedi (EX-ITI) 2) Il VicePreside prendera nota dell handicap dell alunno, e disporra, per il tempo di durata prevedibile della situazione di difficolta, lo spostamento della classe di pertinenza dello studente in un aula al piano terra o, se non disponibile, del primo piano situata in prossimita di una delle scale a prova di fumo (scala A, C, E ); 3) Il VicePreside redigera un nota con la situazione degli alunni con handicap presenti quel giorno in Istituto (nome, classe, aula assegnata), e la fara pervenire entro le ore 9,30 anche alla Presidenza e alla Portineria di ognuno dei due plessi, ove sara tenuta in assoluta evidenza; 4) In caso di necessita di evacuazione per qualsiasi motivo, le classi degli alunni in questione dovranno attendere nella propria aula il passaggio degli altri gruppi, e poi inoltrarsi a loro volta lungo le vie di esodo; gli alunni rallentati nei movimenti, assistiti dai compagni nominati al loro supporto e, per quanto possibile, dai docenti in servizio nella classe, dovranno seguire percorsi lungo i muri dei corridoi per non intralciarli, e, se collocati ai piani superiori, almeno in questa fase transitoria, nell attesa che sia completata la fruibilita dell apposito ascensore antincendio collocato entro la scala E, gia richiesta, possono arrestarsi sui ballatoi delle scale a prova di fumo ( A, C, E ), e attendere l arrivo delle persone incaricate della loro assistenza, altrimenti, se a piano terra, possono fermarsi subito all esterno dell edificio, senza dover raggiungere i previsti luoghi di raccolta. EDIFICIO Enrico Fermi (EX-GEOMETRI) 2) Il VicePreside redigera un nota con la situazione degli alunni con handicap presenti quel giorno in Istituto (nome, classe, aule della mattina), e la fara pervenire entro le ore 9,30 anche alla Presidenza e alla Portineria di ognuno dei due plessi, ove sara tenuta in assoluta evidenza; 3) In caso di necessita di evacuazione per qualsiasi motivo, le classi degli alunni in questione dovranno attendere nella propria aula il passaggio degli altri gruppi, e poi inoltrarsi a loro volta lungo le vie di esodo; gli alunni rallentati nei movimenti, assistiti dai compagni nominati al loro supporto e, per quanto possibile, dai docenti in servizio nella classe, dovranno seguire percorsi lungo i muri dei corridoi per non intralciarli, e, se collocati ai piani superiori, almeno in questa fase transitoria, nell attesa che siano predisposti appositi spazi calmi e percorsi di esodo esterni supplementari, gia individuati e richiesti, possono arrestarsi sui ballatoi delle scale esterne subito dopo la porta di uscita, e attendere l arrivo delle persone incaricate della loro assistenza, altrimenti, se a piano terra, possono fermarsi subito all esterno dell edificio, senza dover raggiungere i previsti luoghi di raccolta. File:PIANOEM_ITTS nov 2013.doc Pag.9 di 10

10 ESERCITAZIONI DI SGOMBERO DI EMERGENZA COME DA DETTATO NORMATIVO PERIODICAMENTE DOVRA ESSERE ESEGUITA UNA ESERCITAZIONE A CUI PARTECIPINO TUTTO IL PERSONALE E GLI ALUNNI, PER METTERE IN PRATICA LE PROCEDURE DI ESODO E DI PRIMO INTERVENTO INDICATE AI PUNTI PRECEDENTI. IN PARTICOLARE E INDISPENSABILE AL MINIMO CHE IL PERSONALE PROVI E CAPISCA I SEGNALI DI ALLARME, PERCORRA LE VIE D USCITA, E IDENTIFICHI LA POSIZIONE DELLE PORTE RESISTENTI AL FUOCO (REI), DEI RIVELATORI D INCENDIO E DEI MEZZI DI SPEGNIMENTO (ESTINTORI E IDRANTI). Il Dirigente Scolastico Paolo Bernardi File:PIANOEM_ITTS nov 2013.doc Pag.10 di 10

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Progetto ideato e realizzato da

Progetto ideato e realizzato da PREFETTURA DI ENNA Progetto ideato e realizzato da CONSIGLI SULLA SICUREZZA Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Enna Comando Provinciale Vigili del Fuoco Enna Associazione Nazionale Vigili del

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er.

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er. Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co Tipo d. Incl. Po Posto Tip o Ris sto Cognome Nome Data Nascita Prov.

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli