Progetto ristrutturazione edilizia del nuovo Feltrinelli A cura del Settore Nuove Opere Scolastiche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto ristrutturazione edilizia del nuovo Feltrinelli A cura del Settore Nuove Opere Scolastiche"

Transcript

1 Direzione centrale istruzione ed edilizia scolastica Istituto Tecnico Industriale Statale G.Feltrinelli Progetto ristrutturazione edilizia del nuovo Feltrinelli A cura del Settore Nuove Opere Scolastiche 1

2 IL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA DEL NUOVO FELTRINELLI 1. I RIFERIMENTI STORICI DELL ISTITUTO I PRINCIPI INSPIRATORI DELLA PROGETTAZIONE LA QUESTIONE DELLA DISPONIBILITA DELL AREA IL RAPPORTO CON L EMIT LE VERIFICHE STATICHE IL RECUPERO DEI LABORATORI A SHED IL RECUPERO DEL CORPO AULE IL RECUPERO DEI CAPANNONI/LABORATORI LA PALESTRA E L AUTORIMESSA LE STRUTTURE CONNETTIVE LE SISTEMAZIONI ESTERNE E I NUOVI SPAZI L INTELLIGENT BUILDING E L UTILIZZO DI ENERGIE RINNOVABILI ANCHE COME RICERCA DI UN PERCORSO DIDATTICO E FORMATIVO LA NUOVA IMMAGINE DI CITTADELLA TECNOLOGICA L APPALTO DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE IN COMPRESENZA DELL ATTIVITA DIDATTICA (GANTT); ALLEGATI: - APPROFONDIMENTI DEL PROGETTISTA PIANTE CORPO AULE PROGETTO PIANTE CAPANNONI PROGETTO IL PROGETTO DI PIANIFICAZIONE, QUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI E DI ALLESTIMENTO

3 1. I RIFERIMENTI STORICI DELL ISTITUTO Nel 2008 l istituto Feltrinelli compirà 100 anni e l attuale Amministrazione Provinciale si pone l obbiettivo di poter festeggiare il centenario della scuola all interno di una rinata struttura in grado di rispondere alle sempre più nuove esigenze del mondo del lavoro. La storia dell istituto sorto nel 1908 è quanto mai ricca e ha accompagnato nel corso di quasi un secolo tutte le vicende storiche italiane. I padri fondatori di allora furono noti imprenditori dell epoca che vollero una scuola all interno della quale potessero essere indirizzati gli studi per la formazione di operai qualificati sulla esperienza di altre scuole già istituite in altri paesi europei. L istituto nato nel 1908 si trovava nell allora piazza Miani, nei pressi dell attuale p.zza Duca d Aosta ed era notoriamente chiamata scola de legn per le umili strutture di cui era costituita essendo originariamente destinate ai terremotati delle regioni meridionali colpite dal sisma noto come terremoto di Messina. Nei primi anni di vita la scuola attraversa una fase pionieristica, quanto mai difficoltosa, dove gli spazi non certo idonei ed i mezzi insufficienti non permettono all istituto di svilupparsi nel modo voluto. Solo nel 1914 grazie ad una cospicua donazione in denaro pervenuta dalla famiglia Feltrinelli, alla morte del comm. Giacomo Feltrinelli, viene individuata l area su cui sorgerà l attuale sede dell istituto in p.zza Tito Lucrezio Caro. I documenti raccontano che gli stessi studenti prendono parte attiva alla progettazione degli spazi, alla dislocazione degli impianti e allo stesso trasloco che avverrà tra l estate e l autunno del In tale periodo, che coinciderà anche con l inizio della prima guerra mondiale, l attività della scuola provvederà alla formazione e alla produzione militare. Durante il primo dopoguerra le sorti della scuola attraversano momenti di grande attivismo e i corsi didattici che ivi si svolgono sono legati alle necessità espresse dall industria. La popolazione studentesca inoltre è quantomai alta e a partire dagli anni trenta crescerà dai settecento ai studenti del secondo dopoguerra. 3

4 Durante la seconda guerra mondiale la scuola sarà sottoposta come gran parte della città ad intensi bombardamenti e prima nel febbraio del 43 e poi nel agosto dello stesso anno le strutture della scuola saranno in gran parte distrutte. Nel secondo dopoguerra con la ricostruzione la scuola conoscerà momenti difficili dovuti alla precarietà delle strutture provvisorie all interno delle quali saranno svolte le lezioni in attesa che si rendano disponibili le ricostruzioni dei fabbricati. Con la statalizzazione della scuola durante gli anni 50 l Amministrazione provinciale comincerà ad occuparsi della manutenzione e dell ampliamento dell istituto. Alla notorietà nazionale e internazionale dell Istituto Feltrinelli negli anni successivi ha contribuito in modo particolare la varietà degli indirizzi scolastici che hanno caratterizzato l attività didattica Feltrinelli e la ricchezza delle dotazioni in termini di macchine e laboratori. A tal proposito vale la pena ricordare gli indirizzi principali che hanno maggiormente contribuito alla fama dell Istituto: Sezione meccanica; Sezione elettrotecnica; Sezione aeronautica. Negli ultimi anni l Istituto ha subito un calo di interesse dovuto principalmente al rapido progredire della tecnologia applicata in contrapposizione alla vetustà delle dotazioni scolastiche in termini di mezzi e di inadeguatezza degli spazi. 2. I PRINCIPI INSPIRATORI DELLA PROGETTAZIONE La breve cronistoria sopra riportata oltre a rappresentare un premessa necessaria alla presentazione dell istituto consente anche di meglio inquadrare i principi ispiratori della filosofia progettuale che sono alla base del nuovo intervento di ristrutturazione edilizia e riqualificazione proposto dall attuale Amministrazione Provinciale. 4

5 Inoltre dalla stessa cronistoria della scuola appare evidente come l istituto Feltrinelli abbia contribuito in modo assolutamente significativo all innalzamento della cultura tecnicoscientifica della città. Nel corso degli ultimi venti anni l istituto è stato interessato da numerosi studi di ristrutturazione che sostanzialmente prevedevano la demolizione pressoché totale delle strutture e la ricostruzione di un nuovo plesso scolastico. L attuale Amministrazione Provinciale intende invece riconoscere all Istituto l importante ruolo svolto all interno della città valorizzando i luoghi simbolo della scuola attraverso un intervento di ristrutturazione edilizia e sostanziale riqualificazione in grado di restituire nuovi spazi più funzionali e quindi maggiormente rispondenti alle mutate esigenze della scuola moderna. A tal proposito lo sforzo progettuale mira alla riqualificazione dei volumi esistenti attraverso il mantenimento delle strutture edilizie e rappresenta un degno riconoscimento storico e culturale a quella intensa attività didattica che ha contraddistinto la vita dell istituto Feltrinelli. Inoltre il percorso progettuale già avviato, è quello della progettazione partecipata, intesa come raccolta ed elaborazione dei diversi contributi offerti dalle diverse realtà interne ed esterne interagenti con l istituto. In tal senso l Amministrazione provinciale ha già intrapreso innumerevoli incontri con le diverse rappresentanze istituzionali e associative coinvolte ed interessate a tale intervento (Consiglio di istituto, rappresentanze studentesche, Consiglio di Zona, associazioni e comitati presenti sul territorio). Anche nella fase successiva alla progettazione preliminare ampio spazio sarà riservato ai contributi che perverranno dalle istanze associative ed istituzionali interessate all intervento. 5

6 3. LA QUESTIONE DELLA DISPONIBILITA DELL AREA IL RAPPORTO CON L EMIT Come è noto è dal 1913 che si comincia a parlare di Ente Morale quale ente proprietario dell istituto così come voluto dagli eredi Feltrinelli. In seguito alla statalizzazione avvenuta negli anni 50 e con l intervento dell Amministrazione Provinciale nelle gestione degli edifici i rapporti tra Emit e Provincia sono stati codificati all interno di convenzioni. In data è stata sottoscritta l ultima convenzione che ha costituito il diritto di superficie a favore della Provincia di Milano con il trasferimento a quest ultima del diritto di proprietà degli edifici. L attuale Amministrazione Provinciale ha ritenuto opportuno rimettere in discussione i termini stabiliti da detta convenzione ritenendo che le condizioni poste al suo interno fossero sfavorevoli per la stessa Amministrazione Provinciale. 4. LE VERIFICHE STATICHE Dalle premesse introdotte circa la filosofia che ispira i criteri progettuali è scaturita l ovvia esigenza di valutare lo stato di salute delle strutture della scuola. L esame è stato condotto considerando i diversi volumi che compongono la scuola e le determinazioni a cui si è pervenuti vengono nel seguito brevemente riassunte. Il prof. F. Finzi ha rilasciato la certificazione di idoneità statica per quanto riguarda le strutture dell edificio in relazione all uso di scuola pubblica cui è destinata ad eccezione di alcune strutture. In particolare per quanto concerne le coperture dei capannoni/laboratori è stata accertato un fenomeno di degrado degli archi strutturali per cui si rende necessario intervenire attraverso la loro rimozione e rifacimento. Tra l altro questa ipotesi consentirebbe anche una più sicura rimozione delle coperture in eternit. Il consolidamento antisismico delle strutture, che la normativa ancora itinere imporrebbe, presuppone interventi assolutamente compatibili con le filosofia progettuale proposta. 6

7 5. IL RECUPERO DEI LABORATORI A SHED L attuale destinazione a laboratorio di questi ambienti permarrebbe ma nel contempo sarebbe prevista una diversificazione con una diversa distribuzione interna in grado di accogliere nuove funzioni e specializzazioni. 6. IL RECUPERO DEL CORPO AULE Il recupero di tali spazi avviene attraverso il miglioramento dei rapporti aeroilluminanti dei corpi aule attraverso l introduzione di modifiche distributive e lo spostamento di partizioni interne. Inoltre l introduzione di nuovi nuclei scale e nuovi servizi igienici permette di completare la dotazione funzionale dell istituto per quanto attiene la sicurezza antincendio e l ammodernamento funzionale dell istituto. 7. IL RECUPERO DEI CAPANNONI/LABORATORI Il recupero dei capannoni laboratori rappresenta uno degli elementi più qualificanti dell intervento di recupero proposto. Difatti con tale sistemazione si prevede un parziale recupero volumetrico di tali strutture. Pertanto all interno di tali ambienti è previsto l inserimento di spazi ad uso collettivo quali aule assembleari, laboratori nonché aule didattiche in stretto rapporto funzionale con tali laboratori. I laboratori sarebbero così meglio ricollocati all interno di tali ambienti riqualificandoli funzionalmente. 8. LA PALESTRA E L AUTORIMESSA Infine la nuova palestra dell istituto sorgerà accorpando in parte la sagoma dell ultimo capannone ampliandone l impronta verso lo spazio aperto per adeguarla alla vigente normativa scolastica. 7

8 Inoltre la collocazione della palestra all interno dell ultimo capannone permetterebbe l utilizzo del piano interrato ad uso autorimessa evitando così di occupare le preziose aree scoperte adiacenti la via Giambologna. 9. LE STRUTTURE CONNETTIVE La struttura connettiva della scuola che allo stato attuale risulta in gran parte fatiscente viene sostituita da una nuova rete di collegamenti fondata principalmente su due elementi tecnici fortemente caratterizzanti sul piano formale: La torre distributiva: trattasi di un elemento disposto in posizione baricentrica rispetto ai tre corpi principali: palazzina storica, corpo aule e capannoni; tale elemento è in grado di consentire il collegamento verticale delle strutture garantendo la totale accessibilità alla scuola. Nuovi percorsi in quota (le passerelle): tali elementi costituiscono i veri e propri collegamenti orizzontali tra le strutture della scuola; il loro sviluppo lineare in quota rappresenta un forte segno connotativo sul piano formale. 10. LE SISTEMAZIONI ESTERNE E I NUOVI SPAZI L eliminazione delle diverse superfetazioni succedutesi nel corso degli anni che risultano attualmente non più funzionali permettono il recupero di ampi spazi esterni in grado di migliorare l accessibilità alla scuola nonché di consentire una fruizione spaziale funzionale alla socializzazione all esterno. Pertanto con quanto sopra previsto, combinato con la valorizzazione volumetrica dei capannoni laboratorio, si ottiene il duplice scopo di poter utilizzare una maggiore volumetria ai fini scolastici e di poter fruire di maggiori spazi esterni da destinare alle attività di socializzazione. Inoltre la sistemazione delle aree verdi e la dotazione di impianti sportivi esterni quali piste per la pratica atletica e sportiva in genere completano l intervento all aperto. 8

9 11. L INTELLIGENT BUILDING E L UTILIZZO DI ENERGIE RINNOVABILI ANCHE COME RICERCA DI UN PERCORSO DIDATTICO E FORMATIVO Sul piano impiantistico particolare attenzione sarà destinata al risparmio energetico sia in termini passivi che attivi attraverso l impiego di materiali coibenti ecocompatibili e l utilizzo di impianti a basso impatto ambientale. A scopo formativo didattico sarà fatto uso di sistemi di captazione dell energia solare a scopo termico e fotovoltaico. Inoltre la scuola sarà cablata secondo la filosofia dell intelligent building così come tutte le aule e gli spazi laboratorio disporranno di collegamenti in rete. Sul piano dell illuminotecnica sono previsti impianti luminosi sensibili alle fonti esterne in modo da poter modulare automaticamente l intensità di luce e quindi ottimizzare gli assorbimenti di energia elettrica. 12. LA NUOVA IMMAGINE DI CITTADELLA TECNOLOGICA L immagine progettuale che può già scaturire da queste brevi premesse è quella di una scuola assolutamente rimodernata e riqualificata attraverso il rispetto del contesto esistente e l ampliamento dell ultimo capannone per accogliere la palestra e l autorimessa è condotta in un ambito di conformità architettonica rispetto ai capannoni ristrutturati. Il collegamento dei tre volumi attraverso la torre distributiva e i corridoi laterali rappresentano una forte connotazione formale in linea con una visione fortemente tecnologica che già si riesce a percepire con l immagine 3D allegata. Gli stessi pannelli fotovoltaici destinati al di sopra delle coperture risulterebbero perfettamente in linea con tale visione. 9

10 13. L APPALTO DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE IN COMPRESENZA DELL ATTIVITA DIDATTICA (GANTT); L ipotesi progettuale è basata sulla permanenza della attività didattica durante l intervento di ristrutturazione. A tal proposito è previsto il momentaneo recupero di un congruo numero di aule all interno della palazzina storica e l eventuale installazione all interno dell area a prato di un ulteriore struttura prefabbricata in grado di accogliere altre aule. La sistemazione dei corpi aula potrà pertanto essere effettuata utilizzando una riserva di aule. All interno dell allegato diagramma di Gantt è possibile individuare le diverse fasi di lavoro e la loro sequenzialità di massima. La durata ipotizzabile per i lavori è di mesi. 10

11 14. ALLEGATI: - APPROFONDIMENTI DEL PROGETTISTA 14.1 Le linee guida dell'intervento e i loro presupposti storico/culturali I criteri di intervento che stanno alla base del progetto qui presentato sono sostanzialmente due: il criterio conservativo e quello di riqualificazione. Essi sono strettamente correlati tra loro e trovano giustificazione nella constatazione che l Istituto Feltrinelli non è un istituto qualsiasi ma è la scuola tecnica per eccellenza di Milano e che questo sua prerogativa è a tutt'oggi riconosciuta dalla pubblica opinione e non deve andare perduta. La vicenda di questo istituto è nota. Nato quasi un secolo fa dallo spirito filantropico di alcuni industriali milanesi esso ha sviluppato in alcuni decenni un offerta didattica e formativa con taglio scientifico/applicato molto articolata e qualificata al punto di farne 11

12 uno dei riferimenti principali della realtà produttiva lombarda come centro di formazione dei propri tecnici. Oggi a Milano sono in molti ad essere convinti che un ruolo tanto importante non si sia esaurito e che abbia solo necessità di essere rinnovato e potenziato. Le esigenze del mercato peraltro cambiano e negli ultimi anni in modo anche repentino e con esse mutano di conseguenza i prodotti, le tecnologie i consumi e il ruolo e le competenze dei tecnici. Il rinnovamento perciò non è facile e la presenza di molti ostacoli, tra cui spiccano l incertezza delle indicazioni didattiche a livello ministeriale e gli iter burocratici sempre piuttosto lenti, non lo favoriscono di certo. Tuttavia l invito che viene dalle realtà produttive industriali e dal mondo sindacale è divenuto negli ultimi tempi esplicito e indica proprio nel rinnovo e nel potenziamento della formazione tecnica un insostituibile fattore di rilancio. Ma in questa prospettiva, fare tabula rasa dell esperienza passata sarebbe un grave errore. Eliminare preziosi ambiti di sperimentazione come i laboratori limitandosi ad esempio a simulare con l aiuto di tecniche virtuali non è certo la strada da percorrere. Perciò sono in molti a pensare, in particolare tra gli insegnanti, alla necessità non di eliminare ma di rinnovare i laboratori come momento insostituibile di esperienza didattica e da questa convinzione nasce anche l idea di conservare le strutture che li hanno per tanti anni ospitati. E una convinzione basata sulla constatazione di come esse mantengano (in particolare gli sheds lungo la via Tabacchi ed i 4 capannoni posti al centro del complesso), con il loro semplice assetto distributivo tipico dell architettura industriale, una notevole funzionalità e flessibilità anche alla luce delle mutate esigenze di didattica applicata e sperimentale. Con la loro inconfondibile fisionomia essi contribuiscono inoltre a conferire all'istituto l'immagine di una scuola sempre a contatto con la realtà produttiva a cui, fin da quando l'istituto fu realizzato, non si volle mai rinunciare al punto di creare ambienti didattici in tutto simili agli ambienti di lavoro. 12

13 Un'altra parte caratteristica del complesso del "Feltrinelli" è costituita dal- l'edificio a stecca posto lungo la via Tabacchi che, pur non avendo connotati tipologici particolarmente evidenti, è strettamente connesso alla storia dell'istituto ed ha svolto per anni un ruolo fondamentale accogliendo in parte laboratori e in parte la didattica tradizionale.e che ancora oggi, per quest' ultima in particolare, mostra di conservare una sostanziale validità. Considerazione a parte merita infine la Palazzina posta in fregio alla piazza T. Lucrezio Caro e alla via Baravalle. Essa è stata recentemente oggetto di un notevole intervento manutentivo che, se da un lato ha consentito di restiturle l'immagine di edificio fulcro dell'intero complesso, dall'altro ha visto ridurre la sua funzione didattica originaria a favore di quella amministrativa e di gestione. Sono in molti a ritenere che quest'ultima funzione debba essere confermata ma che anche l'utilizzo didattico debba tornare ad essere ospitato al suo interno perché il ruolo didattico sia la prerogativa principale che informa l'istituto Feltrinelli in tutte le sue parti Le verifiche di fattibilità Scegliere un'impostazione progettuale di tipo conservativo anziché sostitutivo delle strutture edilizie esistenti comporta in via preliminare la verifica del loro stato di salute. Essa è stata condotta dal Prof. Finzi ( alle relazioni del quale si rimanda per un maggiore dettaglio) ed ha fornito indicazioni positive per le parti fondamentali del complesso e più precisamente : - l'idoneità statica all'uso di scuola pubblica con necessità di revisione radicale delle parti di finitura (coperture, facciate, isolam.ecc.) per il corpo aule in fregio alla via Tabacchi - l'idoneità statica all'uso di laboratori didattici con necessità di revisione radicale delle parti di finitura (coperture, facciate,isolam. ecc.) per il capannone a shed - l'idoneità statica delle strutture portanti (travi e pilastri in c.a.) dei capannoni posti al centro del complesso e la non idoneità delle strutture ad arco della copertura per le quali,visti pure i fenomeni diffusi di 13

14 ammaloramento, viene prescritta la loro completa sostituzione 14.3 Le Caratteristiche spaziali e funzionali dell'intervento Il taglio fortemente conservativo/riqualificativo assunto a base dell'intervento ha indotto a limitare allo stretto necessario gli interventi di abbattimento per consentire di mantenere non solo dal punto di vista funzionale ma anche dal punto di vista spaziale l'integrità del complesso. Nel dettaglio esso viene ottenuto attraverso i seguenti interventi: a- conferma delle volumetrie esistenti costituite dai tre blocchi edilizi della Palazzina, del Corpo aule con l'annesso capannone a shed lungo la via Tabacchi, e del complesso dei quattro capannoni al centro dell'area. b- eliminazione delle parti di superfetazione rappresentati dai percorsi coperti addossati in epoche successive ai capannoni e al corpo aule i quali tra l'altro costituiscono un ostacolo alla aerazione diretta dei corpi aule cui sono addossati e rappresentano pertanto un serio limite igienico. Analoga considerazione vale per il piccolo capannone situato in posizione intermedia al corpo aule e ai capannoni sul quale pesa anche un responso statico negativo da parte del.prof. Finzi. (vedi precedente paragrafo) c- recupero parziale ad uso didattico della Palazzina recentemente ristrutturata e in particolare del primo piano essendo il piano rialzato stato oggetto di risistemazione interna ad uso prevalentemente amministrativo, ( soluzione che nel progetto viene confermata) d - realizzazione di un percorso connettivo il più possibile protetto ed ottimizzato per i collegamenti verticali e per quelli orizzontali. che faciliti il passaggio da un corpo all'altro del complesso non solo agli utenti ma anche ai portatori di handicap. e- rivisitazione completa della sistemazioni esterne sia per quanto riguarda le zone funzionali ( sportive, di relazione ecc.) che per il trattamento 14

15 delle superfici (pavimentazione, piantumazioni ecc.) f- realizzazione di un'autorimessa interrata mediante l'ampliamento dei locali interrati sotto il capannone aeronautica ( per maggiori dettagli si rimanda alle planimetrie allegate e alla successiva descrizione). Il Corpo Aule Per il Corpo aule l intervento sulle superfici esterne avrà carattere manutentivo e di restauro delle finiture originarie e riguarderà il ricorso delle coperture in tegole marsigliesi e la reimpermeabilizzazione delle gronde per la parte principale mentre per la parte secondaria ad un piano fuori terra ( denominata Siberia) si deve prevedere il rifacimento del manto impermeabile di copertura ed una nuova pavimentazione che ne consenta la pedonabilità. Per questa copertura infatti si ritiene opportuno un recupero ad uso impiantistico (posa di pannelli solari e/o fotovoltaici) ad integrazione della rete energetica ed elettrica principale da utilizzare anche a scopo didattico. Per quanto riguarda le facciate, viste le non buone condizioni manutentive, sono da prevedere il radicale rinnovo degli intonaci di facciata e il ripristino delle riquadrature delle finestre che conservano un connotato tipologico abbastanza definito. Inoltre per la facciata a Sud lungo la via Tabacchi dovranno essere previsti trattamenti coibentanti della parete esterna e schermature fisse o mobili delle finestre. Si tratta comunque di interventi che andranno a integrarsi con il complesso di soluzioni mirate al contenimento dei consumi per le quali si rimanda al successivo paragrafo. L interno dell edificio viene confermato all uso didattico ( aule e laboratori ) e dovrà prevedere, oltre all approntamento di tutti gli accorgimenti (porte tagliafuoco ecc.) per garantire l adeguamento alle normative di sicurezza, l inserimento di un nuovo corpo scala a prova di fumo onde garantire il deflusso. Un arretramento dei divisori interni delle aule in corrispondenza delle porte di ingresso consente un ampliamento del corridoio centrale. Tale soluzione dovrà peraltro andare ad integrarsi con il sistema di controventature che la recente normativa antisismica ha introdotto. 15

16 La creazione di locali accessori e il rinnovo e potenziamento dei blocchi servizi igienici vanno a completare la revisione distributiva. La sostituzione dei plafoni al primo piano con controsoffitti coibentati e la realizzazione di un vespaio aerato al piano terra completano il quadro degli interventi di tipo edilizio. Il Capannone a shed E' uno degli edifici più caratterizzanti del complesso e tipologicamente unitario. Per esso si prevede un intervento di tipo manutentivo e conservativo sia per l'esterno che per l'interno di tipo radicale ma rispettoso dei caratteri stilistici Per l'esterno riguarderà il ricorso della copertura il rinnovo delle impermeabilizzazioni e delle lattonerie, la sostituzione dei serramenti sulla copertura e laterali, il rinnovo delle superfici esterne intonacate. Per l'interno, oltre alla realizzazione su igloo di un vespaio aerato, gli interventi riguarderanno il ripristino degli intonaci e la loro riverniciatura., nonché il rinnovo impiantistico e di finitura del locale centrale sopraelevato. L'accesso avverrà direttamente dal piano terra del corpo aule e la sua destinazione dovrebbe confermare, se pur ridimensionato, l'attuale utilizzo per macchine utensili oltre che per nuovi laboratori affini. I Capannoni centrali La necessità di ottemperare alle prescrizioni del Prof. Finzi sostituendo gli archi di sostegno della copertura condiziona fortemente le scelte di intervento. Avendo ben presente la volontà di mantenere, sia dal punto di vista funzionale che da quello tipologico, le caratteristiche di questi edifici, si è ritenuto di sostituire l'attuale copertura ad arco con un'altra adottando però l'accorgimento di ruotarne il senso di sviluppo di 90. Si è ottenuto così il risultato di eliminare un elemento di forte limitazione all'uso degli spazi interni : la catena di collegamento. Essa infatti era presente nella soluzione originaria e creava vincoli all'eventuale realizzazione di solette intermedie oltre a costituire un serio problema di sicurezza in presenza di lavorazioni a caldo (saldature ecc.) e più in generale per il rispetto della normativa antincendio. 16

17 La nuova soluzione prevede un sistema di travi lamellari portanti e una soprastante copertura coibentata leggera. Essa risponde ai requisiti di sicurezza antincendio, ha peso contenuto e consente appunto un notevole grado di libertà per l'inserimento di solette intermedie. Per quanto riguarda le parti murarie esterne si pensa ad un ripristino degli intonaci con trattamenti protettivi da eseguirsi dopo le necessarie modifiche per l'inserimento di nuovi serramenti. Premesso, che per la collocazione definitiva dei laboratori, per la loro organizzazione spaziale interna, per l'inserimento di locali accessori e/o aule didattiche e quant'altro richiesto dalle nuove esigenze didattico/formative si confida di procedere in stretta collaborazione con docenti e responsabili dei suddetti laboratori durante la stesura del progetto definitivo, la distribuzione interna prevede in prima approssimazione: - l'inserimento nel primo capannone ( quello prossimo all'ingresso da p.zza T.L.Caro) di una soletta intermedia che consenta l'allestimento di una Aula Magna al piano superiore e laboratori al piano terra (Sistemi o Saldatura ) - l'inserimento nel secondo e terzo capannone dei laboratori di aeronautica e termotecnica con parziale soppalcatura ove ricavare aule didattiche e/o laboratori - l'ampliamento del quarto capannone che ospita attualmente i laboratori di aeronautica per ospitare la nuova palestra. Attualmente essa è ospitata all'interno del terzo capannone ma per rispondere ai requisiti previsti dalla normativa vigente ( Palestra di tipo B2 ex DM 18/12 /75) si rende necessario il suo ampliamento che è possibile appunto solo nel quarto ed ultimo capannone. Con il recupero del corridoio esistente tra terzo e quarto capannnone si potrà realizzare gli ingressi al piano terra per spogliatoi alunni ed insegnanti e per i locali infermeria e visita medica. Mediante la scala a prova di fumo posta all'estremo Nord del capannone si potrà accedere al piano primo alla tribuna soprastante gli spogliatoi oppure 17

18 accedere al sottostante vano autorimessa. L'Autorimessa Si prevede la realizzazione di un'autorimessa di tipo interrato onde evitare di sacrificare zone esterne per l'utilizzo delle quali si vuole privilegiare l'arredo a verde e ad attrezzature sportive all'aperto. Sfruttando i locali interrati compresi tra i capannoni e il confine Nord del complesso e i locali interrati sottostanti il capannone oggi utilizzato per i laboratori di aeronautica è possibile ricavare il suddetto vano autorimessa. Ampliando lo scavo in direzione est sarà possibile raggiungere ( nella zona sottostante la palestra) una discreta possibilità di parcamento per autovetture e/o motocicli. Utilizzando il passo carrabile situato in p.zza T.L.Caro, gli autoveicoli, superata la centrale termica interrata che si trova tra i capannoni e la recinzione lato Nord del complesso, si immetteranno con una rampa realizzata a fianco dei capannoni stessi nell'autorimessa. I veicoli in uscita utilizzeranno lo stesso percorso con possibilità di separare la carreggiata in uscita da quella in entrata. Il Percorso Connettivo Il carattere conservativo assunto a base dell'intervento pone come conseguenza la necessità di individuare un collegamento tra i singoli edifici del complesso che si prevede di conservare. Essendo edifici autonomi nate in anni differenti hanno piani interni le cui quote di calpestio non coincidono. In passato all'inconveniente si era ovviato con la realizzazione di collegamenti aerei coperti tra la Palazzina e il Corpo Aule che sono stati recentemente demoliti. Oggi, visto anche il potenziamento d'uso previsto dal progetto dei Capannoni centrali, si pone la necessità di un ripristino del collegamento tra la Palazzina e il Corpo Aule ma anche la realizzazione di un nuovo collegamento tra quest'ultimo e i Capannoni centrali. In prima approssimazione, con ulteriore definizione in sede di progetto definitivo, si è individuato un nuovo corpo scala collocato in posizione baricentrica tra i vari edifici del 18

19 complesso all'incirca nella posizione occupata dalla cabina elettrica dismessa, di cui il progetto prevede appunto la demolizione. Questo corpo scala, da realizzarsi prevedibilmente in c.a., avrà piani di sbarco a piano terra, al piano rialzato e primo della Palazzina, al piano primo del Corpo Aule e al nuovo piano soppalcato da realizzare nei Capannoni centrali la cui quota di calpestio coinciderà con quella del piano primo del Corpo Aule. Al suo interno esso conterrà un vano ascensore per un elevatore a norma portatori handicap progettato per consentire sbarchi a tutti i piani suddetti. Con passerelle da realizzare in carpenteria metallica si collegheranno gli sbarchi con i piani dei vari edifici. Le passerelle saranno di tipo coperto e chiuse lateralmente da serramenti vetrati anche apribili. Dalla Palazzina sarà pertanto possibile anche ai portatori di handicap, raggiungere con un percorso rettilineo coperto aereo a circa mt. 4,80 da terra il piano soppalcato di tutti i Capannoni centrali e la tribuna della Palestra. In prossimità di quest'ultima il percorso piega a 90 per raggiungere il primo piano del Corpo Aule nelle sua zona Est. Un secondo e più breve tratto aereo coperto collegherà la Palazzina con il primo piano della zona Ovest del Corpo Aule.In pratica quindi con questa soluzione sarà garantito un anello a quota piano primo di collegamento tra tutti gli edifici. Le Sistemazioni Esterne Il complesso necessita di un radicale intervento di riqualificazione degli spazi esterni di pertinenza. Pur rimandando alla successiva fase di progettazione definitiva il compito di dettagliarne l uso e le conseguenti soluzioni tecniche, già ora è possibile individuarne le caratteristiche funzionali in : - una zona esterna compresa tra la nuova palestra e il confine orientale del complesso con destinazione prevalente a verde e attrezzature sportive all aperto (pista a 4 corsie, campo sportivo polivalente ecc.) - una nuova zona pavimentata compresa tra i Capannoni ed il Corpo Aule 19

20 destinata a spazio di relazione esterno, piantumato e arredato. Le Integrazioni Impiantistiche e l Intelligent building E da prevedere il rinnovo totale della rete di distribuzione dell impianto di riscaldamento con la collocazione di nuovi corpi scaldanti in tutti gli edifici oggetto di intervento ad eccezione della Palazzina. Ciò sarà ovviamente accompagnato ad una verifica secondo la normativa vigente del contenimento dei consumi energetici e comporterà pertanto l inserimento di soluzioni coibentanti con particolare attenzione alla loro ecocompatibilità. La rete di distribuzione andrà collegata ai generatori a condensazione recentemente installati e andrà anche a integrarsi con sistemi di captazione dell energia solare a scopo termico e fotovoltaico per i quali è già stata individuata una possibile collocazione sulla copertura del corpo aule (vedi paragr. 3.1) In questo modo, oltre alla possibilità di conseguire risparmi nei consumi sarà possibile fornire agli studenti ( in particolare a quelli iscritti alla specializzazione di Termotecnica) un concreta esperienza di utilizzo delle più recenti tecnologie del settore. Infine, per quanto riguarda il rinnovo dell impianto elettrico il cablaggio necessario verrà effettuato secondo la filosofia dell intelligent building e con l uso di schermature orientabili, sensori a luce diurna, corpi illuminanti dimmerabili ecc. 20

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

Comune di LAURIA PROVINCIA DI POTENZA SETTORE GOVERNO DEL TERRITORIO

Comune di LAURIA PROVINCIA DI POTENZA SETTORE GOVERNO DEL TERRITORIO SETTORE Oggetto Decreto del Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca del 07/08/2015 prot. 593, relativo alla ripartizione delle risorse e definizione dei criteri per la costruzione di

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena

COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena SCUOLA PRIMARIA in via aldo moro a poggibonsi DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE RUP: Arch. Adriano Bartoli 1. DESCRIZIONE

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli

Edilizia Scolastica. Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara

Edilizia Scolastica. Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara Edilizia Scolastica Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara I Comuni Agrate Conturbia Borgo Ticino Borgolavezzaro Dormelletto Carpignano Sesia Casalino Fara N.se Grignasco Lesa

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Premessa

RELAZIONE GENERALE. Premessa RELAZIONE GENERALE Premessa La scuola dell infanzia con il Nido Integrato persegue la formazione integrale di bambini dai 12 ai 36 mesi offrendo opportunità per il raggiungimento di capacità e competenze

Dettagli

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE 29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE INTRODUZIONE L idea per la nuova biblioteca di maranello, nasce innanzitutto da due

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

Periodico informativo n. 103/2015

Periodico informativo n. 103/2015 Periodico informativo n. 103/2015 OGGETO: Alberghi: bonus per ristrutturazioni e riqualificazione energetica Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PRELIMINARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE O IN PROPRIETA DI UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI ORISTANO, DESTINATO AD ACCOGLIERE UFFICI E LABORATORI

Dettagli

Progetto Esecutivo. ELABORATO: RE_ Relazione opere edili. IL PROGETTISTA Arch. Mariangela Cimma

Progetto Esecutivo. ELABORATO: RE_ Relazione opere edili. IL PROGETTISTA Arch. Mariangela Cimma Progetto Esecutivo PON FESR Ambienti per l Apprendimento Asse II Qualità degli ambienti scolastici Obiettivo C Bando Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010 I.S.I.S. Gaetano Filangieri Via Sen. Pezzullo,7 FRATTAMAGGIORE

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180

Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180 Circolare n.64 IC Milano Spiga Milano, 22/11/2011 Ai Docenti IC Milano Spiga OGGETTO : P.e.r.l.e. a.r.t.i.s.t.i.c.h.e. Spiga, Santo Spirito, Porta Nuova, Solferino Percorsi di progettazione partecipata

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura.

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura. COMUNE DI FERRARA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICI ESISTENTI E TITOLI EDILIZI RICHIESTI Principali casistiche per gli interventi sull edilizia esistente, a partire dal 1 luglio 2008

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 LE SCUOLE PRIMARIE SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 La scuola primaria B. Ferrari è ospitata in un edificio storico di pregio la cui costruzione risale all anno 1927

Dettagli

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi Informativa per la clientela studio Aral Ai gentili Clienti OGGETTO: Decreto sblocca Italia: stop alla DIA Gentile Cliente, con il Decreto Legge Sblocca Italia gli interventi di ristrutturazione in casa

Dettagli

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO * Definiscono gli interventi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che nel rispetto

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli

Applicazioni fotovoltaiche

Applicazioni fotovoltaiche Applicazioni fotovoltaiche Frangisole I serramenti e le facciate continue negli edifici rappresentano un canale di passaggio per l apporto energetico gratuito proveniente dal sole. I frangisole si utilizzano

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI 5.1. Ambienti didattici 5.2. Aree per attività fisiche 5.3. Laboratori 5.4. Uffici Capitolo 5 - Rev. 02 26/09/2014 - pag. 1 di 5 5.1. AMBIENTI DIDATTICI

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio.

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Dott. Andrea Bruschi, Dott. Andrea Celentano 1. INTRODUZIONE Il quadro normativo per la caratterizzazione

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO PREMESSA La presente relazione è stata predisposta secondo quanto esplicitamente indicato, per la redazione del Progetto Esecutivo, dall art. 35. Relazioni specialistiche del D.P.R. 5 ottobre 2010, n.

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO)

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) 1 2 3 UNITA EDILIZIA N. 1 Sono

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO -.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO Comune di (Borgata/Frazione) CRAVEGGIA VOCOGNO Classificazione dell intervento RISTRUTTURAZIONE Opere interne ed esterne

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE

POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE SETTORE A ARCHITETTURA PROVA PRATICA E PRIMA PROVA SCRITTA

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

ficazione e valorizzazione

ficazione e valorizzazione RV GROUP RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE ficazione e valorizzazione RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PROJECT MANAGEMENT IMPRESA DI COSTRUZIONE impianti di climatizzazione e idrosanitari CHI SIAMO CHI

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2004/2005

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2004/2005 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2004/2005 Sommario 1. Storia del liceo Nomescuola... 1 2. Struttura del liceo... 2 3. Piano di studi del corso diurno... 4 Corso tradizionale... 5 Corso integrativo...

Dettagli

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica DIPLOMATO INDIRIZZO Elettronica ed Elettrotecnica FIGURA PROFESSIONALE Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica con specializzazione in domotica Denominazione della figura professionale Descrizione sintetica

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiglio comunale n. 92 in data 30.10.2012 approvato con deliberazione

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA...

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA... INDICE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA... 2 1.1 PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONE PER LA STESURA DEL PSC... 2 1.2 I CONTENUTI MINIMI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO... 2 1.3 IL

Dettagli

L edificio oggetto di intervento è situato a Pisa, in via San Benedetto n.10/12.

L edificio oggetto di intervento è situato a Pisa, in via San Benedetto n.10/12. Progetto di ricerca Dottorato in Scienze e Tecniche dell Ingegneria Civile dell Università di Pisa su proposta di APES scpa su un campione di edifici di Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia di

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATI: MULTISALA FITNESS OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 INQUADRAMENTO GENERALE I fabbricati oggetto dell attuale presentazione di variante

Dettagli

05.12.2013 Risparmio energetico: iter da seguire

05.12.2013 Risparmio energetico: iter da seguire Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 335 05.12.2013 Risparmio energetico: iter da seguire Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 55% I soggetti che intendono usufruire della

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE 1 Stato Attuale: La casa dello studente di che trattasi è sita in Via Asiago 2, all interno di un ampia area a verde individuata a Catasto Terreni alla Sezione GEC Foglio

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

SELEZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA COSTRUZIONE DI SCUOLE INNOVATIVE, AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 153, DELLA LEGGE 13 LUGLIO 2015, N. 107.

SELEZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA COSTRUZIONE DI SCUOLE INNOVATIVE, AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 153, DELLA LEGGE 13 LUGLIO 2015, N. 107. Allegato A alla DGR n. --- del --- SELEZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA COSTRUZIONE DI SCUOLE INNOVATIVE, AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 153, DELLA LEGGE 13 LUGLIO 2015, N. 107. Indice 1. Obiettivi

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda)

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda) Principali norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua ; Guida CEI 64-50 Guida

Dettagli

CONTEST: RIQUALIFICAZIONE DI UN EX MAGAZZINO AD USO UFFICI, SHOWROOM E SALA PROVE.

CONTEST: RIQUALIFICAZIONE DI UN EX MAGAZZINO AD USO UFFICI, SHOWROOM E SALA PROVE. CONTEST: RIQUALIFICAZIONE DI UN EX MAGAZZINO AD USO UFFICI, SHOWROOM E SALA PROVE. COMMITTENTE Eurotubi Europa è un azienda metalmeccanica con sede a Nova Milanese (nord Milano), specializzata nella produzione

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

C I T T À D I S A R Z A N A

C I T T À D I S A R Z A N A 1 AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO E DEI SERVIZI INTEGRATIVI (L. R. n 64 del 5.12.1994 Deliberazione G. R. n 2624 del 11.7.1997, n 1291 del 30.10.2001) ASILI NIDO Gli asili nido devono

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER IL RECUPERO DELL IMMAGINE STORICA DELL ABITATO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER IL RECUPERO DELL IMMAGINE STORICA DELL ABITATO UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER IL RECUPERO DELL IMMAGINE STORICA DELL ABITATO (deliberazione di Consiglio n. 31 del 20/07/2006, n 40 del 22/10/2007, n 11 del 24/03/2009

Dettagli

Insert BiM CONCORSO DI PROGETTAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

Insert BiM CONCORSO DI PROGETTAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE Insert BiM CONCORSO DI PROGETTAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE La cittadinanza è legata al proprio territorio da legàmi memoriali ed affettivi e quando la città si trasforma

Dettagli

Inquadramento territoriale 2 NOTE STORICHE 3 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 6. Allegato 1 - DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

Inquadramento territoriale 2 NOTE STORICHE 3 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 6. Allegato 1 - DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA INDICE Inquadramento territoriale 2 NOTE STORICHE 3 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 6 Allegato 1 - DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA Inquadramento territoriale NOTE STORICHE Il monastero benedettino

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1 HCA_Testalin_DOC.rev00.doc AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1 PALESTRE I.T.A. DALMASSO Via Claviere n. 10 - Pianezza Interventi di adeguamento funzionale e messa a norma finalizzati allo sviluppo

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

Valori ed esperienze antiche in uno spirito giovane, intraprendente e al passo coi tempi.

Valori ed esperienze antiche in uno spirito giovane, intraprendente e al passo coi tempi. Impresa Frigerio srl Specializzazione, grande capacità e flessibilità sono la chiave di un successo che consente all Impresa Frigerio di distinguersi per la valorizzazione di ogni progetto. Professionalità,

Dettagli

Certificazione acustica degli edifici

Certificazione acustica degli edifici ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Certificazione acustica degli edifici PREMESSA Il comfort acustico abitativo è uno dei requisiti che caratterizza la qualità ed il valore

Dettagli

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti:

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti: L INTERVENTO Le prime analisi di fattibilità hanno consigliato un radicale rifacimento dell impianto sportivo, considerando che l eventuale modesta incidenza della demolizione (in quanto riguarda per la

Dettagli

Cronoprogramma (Gantt)

Cronoprogramma (Gantt) Cronoprogramma (Gantt) Non potendo preventivare nel tempo e quindi programmare i lavori di manutenzione ordinaria, la predisposizione di un cronoprogramma lavori risulta di difficile realizzazione e soprattutto

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO.

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO. Provincia autonoma di Trento Servizio urbanistica e tutela del paesaggio. Incarico speciale di supporto in materia di paesaggio Legge provinciale 28 marzo 2009, n. 2 - articolo 4. Contributi per gli interventi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche COMUNE DI CANTU Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche dicembre 2015 REGOLAMENTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE ECONOMICA DEGLI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA COMUNE DI MONTIGLIO MONFERRATO Provincia di ASTI- OGGETTO : Progetto per la manutenzione straordinaria di edificio scolastico con interventi di adeguamento a normative vigenti PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

attività sociali per gli abitanti della zona.

attività sociali per gli abitanti della zona. L area ove è ubicato l immobile è individuata dal Piano Regolatore Generale del Comune di Firenze quale Zona G sottozona G1: aree destinate ad attrezzature sportive, esistenti. I lavori in oggetto riguardano

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: PRATICA N. 74057

Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: PRATICA N. 74057 Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: FONDAZIONE CLINICAL INDUSTRIAL RESEARCH PARK Fabbricato ad uso uffici e laboratori di ricerca, in comune

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di Gennaio 2015 Santa Lucia di Piave, lì 19 gennaio 2015 Oggetto: Finanziaria 2015 NOVITA E CONFERME PER IL 65% ( RISPARMIO ENERGETICO ) E 50 %( RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ) Con la Finanziaria

Dettagli

INSTALLAZIONE SULLE FACCIATE VETRATE ED SUGLI INFISSI ESPOSTI

INSTALLAZIONE SULLE FACCIATE VETRATE ED SUGLI INFISSI ESPOSTI Piano Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" FESR 2007-2013 Dipartimento per l'energia MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MiSe-DGENRE INSTALLAZIONE SULLE FACCIATE VETRATE

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

La Classe A non e' acqua

La Classe A non e' acqua La Classe A non e' acqua Tutto nasce, per fortuna, dal Protocollo di Kyoto che, firmato nel 1997, stabilisce una road map per l aumento dell efficienza energetica nei Paesi (160, Italia compresa) che lo

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Atti del Comune. Oggetto: CIRCOLARE N. 2/06 (progr. 36) - Art. 65 Regolamento Edilizio Interventi di Risanamento Conservativo INDICAZIONI OPERATIVE

Atti del Comune. Oggetto: CIRCOLARE N. 2/06 (progr. 36) - Art. 65 Regolamento Edilizio Interventi di Risanamento Conservativo INDICAZIONI OPERATIVE SETTORE SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DIREZIONE Protocollo1056357/2006 Milano, 10/11/06 Oggetto: CIRCOLARE N. 2/06 (progr. 36) - Art. 65 Regolamento Edilizio Interventi di Risanamento Conservativo INDICAZIONI

Dettagli

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota della Regione

Dettagli