AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA DI TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA DI TORINO"

Transcript

1 Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale di lavoro autonomo per l espletamento promemoria VERBALE PROVE SCALE MOBILI IDENTIFICAZIONE Scala Mobile situata presso N matricola dell Esercente N matricola del Costruttore CARATTERISTICHE GENERALI Funzionamento continuo discontinuo salita discesa Capacità teorica= Vx3600xK/0,4 Velocità Dislivello Inclinazione Viaggiatori per gradino Dispositivi antincendio Alimentazione unica doppia VERIFICHE GEOMETRICHE E FRANCHI (vedi fig. n 1,2,3,4,) Gradini altezza X 1 = <0,24 cm profondità Y 1 = >0,38 cm (0,40,42) larghezza Z 1 = 0,58 <Z 1 <1,10 m (0,55/0,65 e 0,90/1,10) larghezza scanalature b 7 = 5<b 7 <7 mm larghezza costola b 8 = 2,5<b 8 <5 mm (>2) profondità scanalature h 7 = >10 mm gioco tra gradini (y,z) = <6 mm gioco tra gradino e zoccolo = <4 mm (7 complessivamente) (Z 2 =Z 1 +7) Pettini larghezza denti = >2,5 mm denti arrotondati con raggio = >2 mm inclinazione = <40 profondità accoppiamento pettini gradini h 8 = >6 mm

2 Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale di lavoro autonomo per l espletamento gioco pettini gradini h 6 = <4 mm Zone di entrata/uscita larghezza spazio libero b 1 = larghezza corrimano (= larghezza corrimano+1m almeno da un lato) profondità spazio libero = >2,50 m (3,50 ) (dall estremità della balaustra) pavimento antisdrucciolo per una profondità = >0,85 m (0,50) (dal fondo dei pettini L 1 ) gradini orizzontali per almeno = >0,80 (0,60) (da L 1 ) (1,20 per dislivello >6 m) Balaustra altezza da gradino h 2 = >25 mm sporgenza l 2 = >0,6 m (da L 1 ) distanza tra gli zoccoli z 2 = m Corrimano lunghezza in orizzontale l 3 = > 0,3 m (da L 1 ) gioco corrimano guida b 6 = <8 mm franco corrimano ostacoli laterali b 10 = >80 mm larghezza corrimano b 2 = 70<b 2 <100mm distanza corrimano balaustra b 5 = <50 mm distanza assi corrimano b 1 = b 1 <Z 2 + 0,45 m altezza corrimano dal pavimento h 3 = 0,10<h 3 <0,25 m distanza sporgenza corrimano entrata l 4 = >0,3 m altezza corrimano dai gradini h 1 = 0,9<h 1 <1,10 m franco all intersezione dei piani o incrocio di scale b 9 = >0,5 m (se non occorre protezione liscia) superfici parallele al corrimano ostacoli SI/No altezza libera sopra i gradini h 4 = >2,30 m distanza bordi corrimano per scale adiacenti b>120mm ILLUMINAZIONE Intensità luminosa al livello del pavimento nelle zone di entrata e uscita = >50 lux Luce filtrante colorata nelle zone di accesso Luce lampeggiante nella zona di arrivo VANI MACCHINARIO Superficie di stazionamento = >0,30 m 2 (lato minore = >0,5 m)

3 Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale di lavoro autonomo per l espletamento Illuminazione mediante lampada portatile e presa nel vano Interruttore di arresto Interruttore generale Contatto di sicurezza per controllo apertura botola vano Protezione antinfortunistiche da parti rotanti Volantino per manovra normale cieco e giallo, con controllo elettrico Motore tipo I= V= n= P= Azionamento mediante due catene in tensione Freno di servizio elettromeccanico di tipo negativo 1/2 molle in compressione Carico di frenatura = distribuito su n gradini Distanza di arresto in discesa a vuoto = > 20 cm Distanza di arresto in discesa a carico = <100 cm Distanza di arresto in salita a vuoto = <100 cm Distanza di arresto in salita a carico = > 20 cm Freno di emergenza di tipo meccanico Interviene per sovravelocità = <1,4 V nominale Interviene per inversione del moto Interviene per rottura catena Interviene per mancanza corrente Interviene contemporaneamente al freno di servizio L intervento provoca l apertura del circuito di manovra Interviene con idonea decelerazione e blocca la scala APPARECCHIATURE ELETTRICHE Interruttore generale tipo bloccabile in apertura Interruttore differenziali I = Non interrompe l alimentazione delle prese e dell illuminazione Protezione dai contatti diretti su morsetti che restano in tensione dopo l apertura dell interruttore generale ed eventuale contrassegno Contrassegni morsetti e cavi Prese a spina 2P+T con interruttore separato Collegamento di terra del circuito di manovra Resistenza di terra Continuità delle masse metalliche Resistenza di isolamento > 1000 /v con minimo di 500 K per circuito di Forza Motrice e dispositivi di sicurezza, 250 K per altri circuiti Protezione del motore dai cortocircuiti = Protezione del motore dai sovraccarichi = Tipo avviamento Avviamento automatico comandato da visibilità scala Arresto automatico dopo t = Arresti di emergenza non automatici situati all ingresso e all uscita e intermedi per dislivello >12 m con scritto STOP a colore rosso altezza pulsanti h =

4 Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale di lavoro autonomo per l espletamento Pulsantiera di manutenzione con cavo lungo almeno 3 m con pulsante di arresto e pulsante di salita/discesa ad azione permanente. Tali comandi inibiscono ogni altro comando Arresto di emergenza automatico -assenza tensione nel circuito di manovra -guasto verso terra -sovraccarico o cortocircuito trazione -eccesso di velocità 120% e inversione accidentale del moto -freno di emergenza -rottura o allungamento catena azionamento dai gradini -rottura di dispositivo di trazione -riduzione della distanza tra i dispositivi di trazione e rinvio -introduzione di corpi nei pettini -arresto di una scala mobile successiva senza uscita intermedia -protezione di entrata nei corrimano -abbassamento gradini all entrata nei pettini -dispositivo di controllo rottura corrimano -dispositivo di controllo della velocità della scala -dispositivo di controllo della velocità del corrimano -dispositivo di controllo apertura freno -dispositivo di controllo usura freno -dispositivo di controllo allagamento INDICAZIONI Targa costruttore Cartelli monitori Simboli grafici Pulsanti STOP Sirena Segnali di senso di movimento della scala (per avviamento automatico) Istruzioni per la manovra a mano Schemi funzionali e istruzioni per la prova di isolamento SORVEGLIANZA Videosorveglianza

5 VISITA PER ASCENSORE IDRAULICO IN SERVIZIO PUBBLICO promemoria ELENCO DEI CONTROLLI E DELLE PROVE IDENTIFICAZIONE IMPIANTO Costruttore N di matricola N R.I.F. Installato presso Stazione Comune di Esercente Metropolitana Automatica di Torino CARATTERISTICHE GENERALI Tipo impianto Corsa Velocità nominale in salita Velocità nominale in discesa Velocità di livellamento Portata Capienza oleodinamico indiretto m m/s m/s m/s kg persone n VANO DI CORSA Tipo chiuso Pareti costruite in cemento armato/struttura metallica con vetri Presenza segnaletica di sicurezza Ventilazione Conforme ( 1% Sorizz.)/Non conforme Illuminazione normale: n.ro e disposizione delle lampade Illuminazione di riserva: Con sistema No Break Rispetto distanza prima lampada dal fondo fossa ( 0,5 m) Distanza ultima lampada dal soffitto ( 0,5 m) Intensità luminosa sopra il pavimento della fossa ( 50 lux ad h=1m) Intensità luminosa sopra il tetto di cabina ( 50 lux ad h=1m) Superficie del vano di corsa sotto la soglia dei piani FOSSA Altezza fossa h= m Pompa di aggottamento Accessibilità: tramite scala dalla porta di piano Dispositivi di arresto N Conforme (con indicazione Stop )/Non conforme Presa di corrente Dispositivo di comando illuminazione del vano Segnale di allarme Ammortizzatori cabina N Tipo Conformità CEE Distanza cabina ammortizzatori con cabina al piano inferiore cm 5

6 Distanza sic. cabina-fondo fossa con cabina su ammortizzatori compressi totalmente ( 50 cm) cm Spazio manutentore (0,5 m x 0,6 m x 1,0 m) Serbatoio raccolta olio TESTATA Altezza testata h= m Con cabina al piano superiore spazio extracorsa fino al comando m Con cabina nella posizione più alta possibile distanza soffitto tetto cabina distanza soffitto pattini distanza soffitto attacchi funi distanza soffitto dispositivi porte scorrevoli distanza soffitto altre parti cabina distanza soffitto sommità pistone lunghezza residua guide di cabina spazio manutentore (0,5 m x 0,6 m x 0,80 m) LOCALI DEL MACCHINARIO Locale macchinario: adiacente al vano corsa, situato al piano atrio/piano banchina Condizioni di accessibilità Conformi/Non conforme Presenza cartelli monitori/di siurezza Altezza locale (h 2,0 m) Profondità davanti ad armadi elettrici (d 0,7 m) Superficie di lavoro davanti a parti in movimento (0,5x0,6 m) Ventilazione Alim. illuminazione (indipend. da alimentaz. Macchinario) Intensità di illuminazione al pavimento ( 200 lux) Illuminazione di riserva: con sistema No Break Presa di corrente (almeno una) Dispositivi di rivelazione incendio Apparecchi per l estinzione (idonei per materiale elettrico) Apparecchiature per riscaldam./condizionamento locale Dispositivi per sollevamento materiale pesante PORTE DI PIANO Tipo: motorizzate, con apertura automatica, centrali, a due ante scorrevoli Altezza libera ( 2,0 m) Larghezza libera Accoppiate con porte di cabina SI/NO Dispositivo sensibile di protezione tipo Tempo di chiusura sec. Intensità di illuminazione soglie di piano ( 50 lux) Protezione contro i rischi di caduta Protezione contro il cesoiamento Dispositivo di blocco tipo meccanico modello Conformità CE Sbloccaggio di emergenza (mediante chiave a triangolo) Dispositivi elettrici di controllo chiusura Placca di riconoscimento di piano in caratteri Braille Pulsanti est. di comando con numer. in rilievo e scritte Braille 6

7 CABINA Altezza libera interna (h 2,0 m) Superficie utile S= m 2 Portata Kg Capienza persone N Targa Grembiule di soglia di cabina Porta di cabina: automatica centrale a due ante Dispositivo di protezione (contro urti) Contatti di sicurezza delle porte di cabina - Solo lungo di bloccaggio SI/NO - Lungo tutta la corsa SI/NO Distanza max soglia cabina-vano di corsa (d 15 cm) Dispositivo di blocco: Tipo Conformità CE Distanza max soglia cabina-soglia di piano (d 3,5 cm) Distanza max porte di cabina-porte di piano chiuse (d 12 cm) Botola di soccorso Tetto di cabina con superficie libera Parapetto (h 1,10 m) con arresto al piede ( 0,10 m) Corrente intermedio Rispetto distanza corrimano ostacoli Cartello monitorio Dispositivo di comando per manovra ispezione Dispositivo di arresto 2 Dispositivo di arresto per distanza > 1 m dall accesso Prese di corrente Velocità di ispezione m/s Sistema di esclusione altri comandi con manovra di ispezione Ventilazione di cabina Intensità luminosa ( 50 lux) Illuminazione di emergenza Sistema No Break Dispositivo di allarme Segnale luminoso di conferma avvenuta ricezione allarme Citofono collegato con Posto Operativo di Controllo/sala macchina Pulsanti interni di comando con scritte Braille Distanza pulsanti di comando porta cabina Telefono (collegato con ) Segnalazione sonora arrivo al piano Apriporta Controllo sovraccarico (per carico > 110% portata) con segnalazione ottico acustica SI/NO GUIDE Guide di cabina tipo Distanza ancoraggi mm 7

8 EXTRACORSA Superiore/Inferiore Tipo e modo di funzionamento Comando assicurato da interruttore a ripristino FUNI DI TRAZIONE Funi Tipo Diametro Classe di resistenza Certificazione Coefficiente di sicurezza Rapporto diametro pulegge/diametro fune Attacco delle funi tipo Ripartitore della tensione nelle funi Protezioni pulegge contro infortuni Protezioni pulegge contro scarrucolamento Protezioni pulegge contro introduzione corpi estranei Controllo allentamento funi N mm N/mmq Tirante a cuneo autobloccante Molle sulla cabina PARACADUTE Tipo Conformità CE Comandato da Controllo elettrico A presa istantanea/progressiva allentamento fune DISPOSITIVO PER MANCANZA DI FORZA MOTRICE Tipo: automatico con batteria tampone PROTEZIONE CONTRO L ABBASSAMENTO LENTO Ripescaggio Interviene a mm APPARECCHIATURE ELETTRICHE Interruttore Generale di alimentazione tipo Bloccabile in apertura Interruttore differenziale tipo Interruttore illuminazione e prese di cabina tipo Interruttore differenziale tipo Con comandi in sala macchina e fossa Tensione dei vari circuiti: Alimentazione Manovra Illuminazione SI/NO SI/NO 380 V 110 V 220 V 8

9 Circuito di manovra schema Segnalazioni Allarme 24 V 12 V N Contrassegni dispositivi, connettori, morsetti Tappeti isolanti Dispositivo di blocco che toglie alimentazione in caso di apertura porte armadi Segnalazione lampeggiante per armadi aperti in tensione Protezione dai contatti diretti Cartelli monitori/segnaletica di sicurezza APPARECCHIATURE IDRAULICHE Motore Tipo: asincrono trif./corrente continua Tensione V Pompa tipo Volumetrica a vite/altro Pistone lunghezza = mm diametro esterno = mm Cilindro lunghezza = mm diametro esterno = mm Diametro puleggia = mm Pilastro lunghezza = mm Tubaz. rigide diametro = mm Tubaz. flessibili diametro = mm marchio (da serbat. a scambiat.) Arresto ammortizzato pistone Protezione e ispezionabilità tubazioni flessibili Protezione e ispezionabilità tubazioni rigide Saracinesca Valvola di non ritorno (tra pompa e saracinesca) Manometro Valvola di sovrapress. (tra pompa e valvola di non ritorno) tarata a bar Valvola di blocco tipo tarata bar esame CE Valvola limitatrice di flusso (coincidente con valvola di blocco-caduta) Controllo livello liquido serbatoio Controllo elettrico temperatura liquido Manovra manuale di emergenza in discesa Manovra manuale di emerg. in salita con pompa a mano Controllo posizione cabina dalla sala macchine Filtri (tra serbatoio e pompa/tra saracinesca e valvola di discesa) SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDI Dispositivi rivelazione situati: - in sala macchine - in vano corsa Tipo dispositivi: sensori di fumo SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA Telecamere situate in: - cabina SI/NO - ai piani serviti SI/NO 9

10 - galleria SI/NO Citofono, allarme collegato con: Posto remoto ricevimento allarmi situato 10

11 PROVE E VERIFICHE Dispositivi elettrici di sicurezza controllati: - dispositivo di arresto in fossa - controllo del blocco delle porte di piano - controllo della chiusura delle porte di piano - controllo della chiusura delle ante non bloccate - controllo della chiusura delle porte di cabina - controllo del blocco della botola e della porta di soccorso della cabina - dispositivo di arresto sul tetto di cabina - controllo di allungamento funi (a carico) - controllo del funzionamento del paracadute - rilevamento dell eccesso di velocità (sistema con valvola di blocco) - controllo sui dispositivi di protezione contro l eccesso di velocità della cabina in salita - controllo del ritorno in posizione normale degli ammortizzatori - interruttore di extracorsa superiore - interruttore di extracorsa inferiore corsa limitata dagli ammortizzatori inferiori - controllo del bloccaggio delle porte di cabina - comando dell interruttore generale a mezzo di un contattore per l apertura del circuito - controllo del livellamento, del rilivellamento e dell antideriva - dispositivo di arresto in manovra di ispezione - arresto ammortizzato del pistone (limitazione corsa del pistone) - limitazione del movimento cabina nella manovra per fermata ausiliaria sopra il livello del piano - dispositivi di arresto nella manovra per la fermata ausiliaria sopra il livello del piano Controllo della velocità - Con P = 0% Velocità in salita = m/s ( 108% veloc. nom. in salita) - Con P = 100% Velocità in discesa = m/s ( 108% veloc. nom. in discesa) Verifica della continuità elettrica tra il morsetto di terra del locale macchinario ed i differenti organi suscettibili di essere messi accidentalmente in tensione Prova di messa a terra del circuito di manovra Verifica della resistenza di isolamento: - Terra trazione - Terra illuminazione - Terra segnalazione - Terra manovra - Terra allarme - Terra - motore porte - Trazione manovra - Trazione illuminazione - Trazione segnalazione - Trazione allarme - Trazione - motore porte - Illuminazione manovra - Illuminazione segnalazione - Illuminazione allarme 11

12 - Illuminazione - motore porte - Segnalazione manovra - Segnalazione allarme - Segnalazione - motore porte - Manovra allarme - Manovra - motore porte - Allarme - motore porte - Primario secondario trasformatore Prova del paracadute (a presa istantanea) P = 100% - in discesa con contatti elettrici cavallottati - verifica manovra emergenza in discesa (con cabina su paracadute non si deve verificare discesa e allentamento funi) - azionamento paracadute per rottura della sospensione o per mezzo fune di sicurezza - azionamento mediante leva del paracadute Prova degli ammortizzatori P = 100% Prova del dispositivo di protezione contro l eccesso di velocità della cabina in salita Prova del dispositivo di allarme, citofono Prova del sistema di controllo del sovraccarico Pressione statica massima (p.s. max) = Pressione max di lavoro = Taratura valvola sovrapressione ( 140% p.s. max) = bar bar bar Prova della valvola di blocco P = 100% - velocità max = m/s - sporgenza vite di regolazione = mm - prova Verifica della valvola limitatrice di flusso Prova di pressione (applicando p= 2 x p.s. max per t=5 ) Prova di abbassamento lento (con cabina al piano più alto P=100% per t=10 ) - abbassamento cabina ( 1 cm) - efficienza dispositivo di autolivellamento in salita Verifica della manovra di emergenza in discesa 12

13 - per ascensori indiretti verifica della mancata discesa con cabina su paracadute Verifica del dispositivo elettrico controllo temperatura fluido Verifica del sistema elettrico antideriva P = 100% Tempo di corsa in salita Tempo di corsa in discesa sec sec Verifica del temporizzatore sul motore < tempo corsa in salita + 10 (minimo 20 ) - con ritorno in servizio solo dopo intervento manuale - escluso nel caso di manovra di ispezione Verifica del ritorno automatico al piano e apertura porte in caso di assenza tensione Prova logica antincendio Prova telecontrollo 13

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Più sicuri Via C. Perazzi, 54-28100 Novara Tel. 0321 467313 Fax 0321 491434 Mail: info@allegraimpianti.it www.allegraimpianti.it In ascensore con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Decreto 23

Dettagli

Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti

Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti Ascensoristi 1INDICE DELLE SCHEDE 1 2 3 4 5 6 7 8 Possibile apertura porta, con cabina non al piano Assenza del dispositivo contro la velocità

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

Il presente documento è una norma di tipo C come stabilito nella norma EN 1070.

Il presente documento è una norma di tipo C come stabilito nella norma EN 1070. INTRODUZIONE Il presente documento è una norma di tipo C come stabilito nella norma EN 1070. Le installazioni di ascensori interessate e l'estensione con la quale sono trattati i pericoli, le situazioni

Dettagli

INDICE MANUALE ! ATTENZIONE

INDICE MANUALE ! ATTENZIONE PIATTAFORMA IDRAULICA UNIKA MANUALE DI USO E MANUTENZIONE INDICE MANUALE 1) dati di identificazione macchina e costruttore pag. 03 2) servizio assistenza pag. 03 3) descrizione della macchina pag. 04 4)

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO IMPIANTO LIFT

CONOSCERE IL PROPRIO IMPIANTO LIFT N Reg 22334 RS 819.13 Allegato 9 CONOSCERE IL PROPRIO IMPIANTO LIFT Con queste poche righe e con l aiuto di qualche illustrazione vogliamo attirare la sua attenzione nella complessa realtà del suo impianto

Dettagli

FOGLIO RIEPILOGATIVO PER MAGAZZINO

FOGLIO RIEPILOGATIVO PER MAGAZZINO FOGLIO RIEPILOGATIVO PER MAGAZZINO COMMESSA N.: AAAA IMPIANTO N.: AAAA N 2 Colonne guide tipo complete Fornitore Monteferro Tipo T 82/A (82,5 x 68,25 x 9mm) Lunghezza cad. colonna 25 m Composte complessivamente

Dettagli

Dati Tecnici Piattaforma Elevatrice Easy Move -E07- Sistema di sollevamento per persona con limitata capacità motoria

Dati Tecnici Piattaforma Elevatrice Easy Move -E07- Sistema di sollevamento per persona con limitata capacità motoria Dati Tecnici Piattaforma Elevatrice Easy Move -E07- Sistema di sollevamento per persona con limitata capacità motoria Omologazioni Omologazione TÜV per il paracadute; Omologazione TÜV per le serrature;

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE ISTITUTO SCOLASTICO OGGETTO D INTERVENTO LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI - CATANZARO CODICE MECCANOGRAFICO:

Dettagli

Dati Tecnici Piattaforma Elevatrice Easy Move -E07- Sistema di sollevamento per persona con limitata capacità motoria

Dati Tecnici Piattaforma Elevatrice Easy Move -E07- Sistema di sollevamento per persona con limitata capacità motoria Dati Tecnici Piattaforma Elevatrice Easy Move -E07- Sistema di sollevamento per persona con limitata capacità motoria Omologazioni Omologazione TÜV per il paracadute; Omologazione TÜV per le serrature;

Dettagli

Istruzione Operativa

Istruzione Operativa Redazione Verifica Coordinatori del Gruppo di lavoro: Alessandro Negri Responsabile Unità Operativa Semplice Sollevamento, Gruppo di lavoro: Alberto Fava, Piergiorgio Paggi, Franco Zanardi Firma Alfonso

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per lo sviluppo produttivo e per la competitivita'

IL DIRETTORE GENERALE per lo sviluppo produttivo e per la competitivita' Decreto Ministeriale del 16/01/2006 Regole per il miglioramento della sicurezza degli ascensori per passeggeri e degli ascensori per merci esistenti: UNI EN 81-80 Gazzetta Ufficiale 02/02/2006 n. 27 IL

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA REGISTRO D IMPIANTO Allegato 4 Gennaio 2014 SCHEDA TECNICA

Dettagli

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010 DOMUSLIFT XL Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto F17PA07 01/04/2010 Via Di Vittorio, 21 20060 Vignate Milano Italy Tel 0295127.1 Fax 029560423 IGV www.igvlift.com www.domuslift.com

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14)

VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14) ON n. 1791 VERBALE DI VERIFICA del / / Periodica Straordinaria (DPR 162/99, Artt. 13-14) 99999 precedente verifica con esito negativo a seguito di incidente modifiche costruttive PRD n 0138B Membro degli

Dettagli

Specifica tecnica di capitolato

Specifica tecnica di capitolato Specifica tecnica di capitolato La seguente specifica di capitolato fa riferimento ad un impianto standard; per ottenere una descrizione personalizzata di particolari opzioni e/o configurazioni Vi preghiamo

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO [Articolo 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.] Le check-list riportate di seguito riassumono,

Dettagli

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO PRESTAZIONALE IMPIANTI ELEVATORI E ASCENSORI, ANTINCENDIO, ANTIFURTO CITTOFONO E CONTROLLO ACCESSO 1. IMPIANTI ELEVATORI, ASCENSORI, Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002 Titolo: Elevatori per il superamento di barriere architettoniche Ing. David Rossi, Ceteco Elevatori per il superamento di barriere architettoniche Possibili soluzioni Ascensori Apparecchio che collega

Dettagli

OSPEDALE SAN LEOPOLDO MANDIC -MERATE PROGETTO DEFINITIVO COMPUTO METRICO ELEVATORI

OSPEDALE SAN LEOPOLDO MANDIC -MERATE PROGETTO DEFINITIVO COMPUTO METRICO ELEVATORI AENDA OSPEDALIERA OSPEDALE DI LECCO REGIONE LOMBARDIA Programma pluriennale degli investimenti in Sanità ex art. 20L. 67/1988 IV Atto integrativo dell accordo di programma quadro in sanità del 3/3/1999.

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 Cap. XII IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 12.2 OPERE COMPIUTE I prezzi comprendono fornitura dei materiali, trasporto in cantiere, prestazioni di tecnico specializzato montatore; gli accessori ed il fissaggio

Dettagli

INDICE MANUALE ATTENZIONE

INDICE MANUALE ATTENZIONE INDICE MANUALE 1) Dati di identificazione macchina e costruttore pag. 2 2) Servizio assistenza pag. 2 3) Descrizione della macchina pag. 3 4) Caratteristiche tecniche pag. 5 5) Usi previsti e non previsti

Dettagli

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI Per rendere più efficiente la collaborazione, per essere i più chiari e rapidi possibili abbiamo riassunto le principali regole di esecuzione dei lavori relativi agli ascensori. MANUALE DI COSTRUZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO IMPIANTO A FUNE

ISTRUZIONI PER L USO IMPIANTO A FUNE ISTRUZIONI PER L USO IMPIANTO A FUNE QUESTO MANUALE DEVE ESSERE A DISPOSIZIONE DEGLI UTENTI DELL ASCENSORE E CONSERVATO IN LUOGO SICURO, NOTO AL RESPONSABILE DELL ELEVATORE, PER TUTTA LA VITA DELL IMPIANTO.

Dettagli

Dati Tecnici Piattaforma Elevatrice elettrica E10 ECOVimec Sistema di sollevamento per persona adatto per persone con limitata capacità motoria

Dati Tecnici Piattaforma Elevatrice elettrica E10 ECOVimec Sistema di sollevamento per persona adatto per persone con limitata capacità motoria Dati Tecnici Piattaforma Elevatrice elettrica E10 ECOVimec Sistema di sollevamento per persona adatto per persone con limitata capacità motoria Omologazioni Omologazione TÜV per il paracadute Omologazione

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI 5 INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI PREMESSA Il presente paragrafo è stato elaborato a partire dalle situazioni di pericolo individuate dall

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO Le check-list riportate di seguito riassumono, per ciascuna delle figure coinvolte nei controlli

Dettagli

Gli interventi di adeguamento previsti dall allegato tecnico del Decreto Ministeriale 23 luglio 2009

Gli interventi di adeguamento previsti dall allegato tecnico del Decreto Ministeriale 23 luglio 2009 Gli interventi di adeguamento previsti dall allegato tecnico del Decreto Ministeriale 23 luglio 2009 Ing. Paolo Tattoli ISPESL Presidente della Commissione Ascensori del UNI Pubblicato sulla G.U. N 189

Dettagli

ALLEGATO III. Elenco prezzi. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria

ALLEGATO III. Elenco prezzi. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria S.C. Gestione Patrimonio Tecnologico ed Immobiliare Direttore : Arch. Claudio Pesce Tel. 0131 20 6749/ 6902 - Fax 0131 44 45 05 1 SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI ELEVATORI DELL AZIENDA

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO ASCENSORE IDRAULICO CONFORME ALLE NORME ARMONIZZATE UNI EN 81.2 EDIZIONE MAGGIO 1999

MANUALE D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO ASCENSORE IDRAULICO CONFORME ALLE NORME ARMONIZZATE UNI EN 81.2 EDIZIONE MAGGIO 1999 MANUALE D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO ASCENSORE IDRAULICO CONFORME ALLE NORME ARMONIZZATE UNI EN 81.2 EDIZIONE MAGGIO 1999 1 LE OPERAZIONI DI MANUTENZIONE A SEGUITO RIPORTATE FANNO RIFERIMENTO A MATERIALI

Dettagli

I N T E RVENTI IN CASO DI ASCENSORE GUASTO

I N T E RVENTI IN CASO DI ASCENSORE GUASTO I N T E RVENTI IN CASO DI ASCENSORE GUASTO Passo dopo passo, le fasi dell intervento d emergenza quando si verifica l arresto dell impianto di risalita. Dott. Ing. Maurizio Alivernini - Comandante provinciale

Dettagli

ASCENSORI ELETTRICI E IDRAULICI

ASCENSORI ELETTRICI E IDRAULICI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E ASCENSORI ELETTRICI E IDRAULICI Progettazione installazione, collaudo e manutenzione II edizione di GIACOMO GUERRIERO INDICE GENERALE Presentazione...11 CAPITOLO 1 PRINCIPALI

Dettagli

COMUNE DI VOLLA (Provincia di Napoli) Via Aldo Moro n 1 c.a.p. 80040

COMUNE DI VOLLA (Provincia di Napoli) Via Aldo Moro n 1 c.a.p. 80040 COMUNE DI VOLLA (Provincia di Napoli) Via Aldo Moro n 1 c.a.p. 80040 UFFICIO TECNICO LAVORI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI ASCENSORE COMUNALI PER ANNI UNO (2015-2016) PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

Programma Save. Programma SAVE. Ascensori senza locale macchina

Programma Save. Programma SAVE. Ascensori senza locale macchina Programma Save Programma SAVE Ascensori senza locale macchina IGV progetta e produce ascensori e componenti dal 1966 mettendo il cliente al centro della propria missione. Passione e competenza degli uomini

Dettagli

CERTIFICAZIONE SISTEMI QUALITÁ AZIENDALI MINIASCENSORE* Mod. OPLÁ PIATTAFORMA ELEVATRICE CON DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ

CERTIFICAZIONE SISTEMI QUALITÁ AZIENDALI MINIASCENSORE* Mod. OPLÁ PIATTAFORMA ELEVATRICE CON DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ CERTIFICAZIONE SISTEMI QUALITÁ AZIENDALI MINIASCENSORE* Mod. OPLÁ PIATTAFORMA ELEVATRICE CON DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ MINIASCENSORE* OPLÁ sistema di sollevamento verticale senza vano per persone sistema

Dettagli

Schindler 3100 Semplice e pratico. Il nostro ascensore per piccoli edifici residenziali vi stupirà.

Schindler 3100 Semplice e pratico. Il nostro ascensore per piccoli edifici residenziali vi stupirà. Schindler 3100 Semplice e pratico. Il nostro ascensore per piccoli edifici residenziali vi stupirà. Ascensori Schindler Manteniamo le nostre promesse. E promettiamo molto. Una scelta pratica State cercando

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA CAPITOLO 16

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA CAPITOLO 16 ANA REPV BBLICA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA ITALI CAPITOLO 16 IMPIANTI ASCENSORI MONTACARICHI MONTALETTIGHE

Dettagli

D.P.R. n. 1497, 29 maggio 1963.

D.P.R. n. 1497, 29 maggio 1963. D.P.R. n. 1497, 29 maggio 1963. Approvazione del regolamento per gli ascensori ed i montacarichi in servizio privato Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 16 novembre 1963, n. 298, S.O. 1. Sono approvate

Dettagli

Le Piattaforme elevatrici!

Le Piattaforme elevatrici! Le Piattaforme elevatrici Milo Patruno Ascensori www.miloascensori.it info@miloascensori.it INDICE Prefazione 4 La piattaforma elevatrice 4 Introduzione 4 La legislazione 4 Le caratteristiche del prodotto

Dettagli

Come funziona un ascensore: guida pratica!

Come funziona un ascensore: guida pratica! Come funziona un ascensore: guida pratica Milo Patruno Ascensori www.miloascensori.it info@miloascensori.it INDICE Prefazione 3 L ascensore 3 Introduzione 3 Tipologie di ascensori 3 L ascensore elettrico

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI Provincia di Genova ORDINE DEGLI ARCHITETTI CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PREVENZIONE INCENDI Ai fini dell iscrizione dei Professionisti Negli elenchi del Ministero dell Interno Di cui all art. 1 della Legge

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I Controlli degli Relatore: Sig. Giuseppe VEZZOLI Brescia, 23 Marzo 2015 1 - DEFINIZIONE Secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE un Accessorio di Sollevamento è definito come: componente o attrezzatura

Dettagli

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente . ing. Marina Ivano Corso Garibaldi, 42/C 87050 Piane Crati Tel. 0984 422789 Studio Professionale COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente PROGRAMMA STRAORDINARIO STRALCIO DI INTERVENTI

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica del 29 maggio 1963, n. 1497 Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana del 16 novembre 1963, n. 298, S.

Decreto del Presidente della Repubblica del 29 maggio 1963, n. 1497 Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana del 16 novembre 1963, n. 298, S. Decreto del Presidente della Repubblica del 29 maggio 1963, n. 1497 Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana del 16 novembre 1963, n. 298, S.O Approvazione del regolamento per gli ascensori ed i montacarichi

Dettagli

Specifiche modello 37

Specifiche modello 37 Elevatori a vuoto pneumatico Specifiche modello 37 Avp12_20_51 Versione 5.1-01/06/2015 Contenuti 1. Specifiche tecniche... 1 2. Versioni... 2 3. Spazio occupato e disponibile... 3 4. Apertura porte piani

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 42/86 13.2.2002 ALLEGATO VI PRESCRIZIONI SPECIALI RELATIVE AI VEICOLI DI CAPACÀ NON SUPERIORE A 22 PASSEGGERI 1.1 Dimensioni minime delle uscite I vari tipi di uscita devono avere le seguenti dimensioni

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U85000451 Modifiche ad ascensori elettrici preesistenti Modification of existing electric lifts ORGANO COMPETENTE Impianti di ascensori, montacarichi, scale mobili

Dettagli

Giuda ITALIANO 21-07-2006 12:24 Pagina 1 INDICE

Giuda ITALIANO 21-07-2006 12:24 Pagina 1 INDICE Giuda ITALIANO 21-07-2006 12:24 Pagina 1 INDICE 2 INTRODUZIONE pag. 2 3 PERCHE INSTALLARE Denis Lift pag. 2 4 RIFERIMENTI LEGISLATIVI pag. 2 5 NOTE IMPORTANTI pag. 2 6 CARATTERISTICHE IMPIANTO pag. 3 7

Dettagli

9V_R 6\[a_\Y. S i c u r e z z a i n. o n e. E v o. Elettromagneti di Trattenuta per Porte Tagliafuoco

9V_R 6\[a_\Y. S i c u r e z z a i n. o n e. E v o. Elettromagneti di Trattenuta per Porte Tagliafuoco 9V_R 6\[a_\Y Elettromagneti di Trattenuta per Porte Tagliafuoco elettromagneti ed accessori per porte tagliafuoco centraline e rivelatori per la gestione delle porte tagliafuoco S i c u r e z z a i n o

Dettagli

Preambolo SONO APPROVATE LE ANNESSE NORME PER GLI ASCENSORI ED I MONTACARICHI IN SERVIZIO PRIVATO.

Preambolo SONO APPROVATE LE ANNESSE NORME PER GLI ASCENSORI ED I MONTACARICHI IN SERVIZIO PRIVATO. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29 MAGGIO 1963, n. 1497 (GU n. 298 del 16/11/1963) APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER GLI ASCENSORI ED I MONTACARICHI IN SERVIZIO PRIVATO. (PUBBLICATO NEL SUPPLEMENTO

Dettagli

DECRETO 22 ottobre 2007

DECRETO 22 ottobre 2007 DECRETO 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice

Dettagli

Capitolo 20 ASCENSORI SM2 CON TESTATA E/O FOSSA RIDOTTE (IN DEROGA)

Capitolo 20 ASCENSORI SM2 CON TESTATA E/O FOSSA RIDOTTE (IN DEROGA) Capitolo 20 ASCENSORI SM2 CON TESTATA E/O FOSSA RIDOTTE (IN DEROGA) Moris Italia s.r.l. Via Per Cadrezzate, 21/C 21020 Brebbia (VA) Italy Tel. ++39 0332 984211 Fax ++39 0332 984280 e mail moris@moris.it

Dettagli

LISTINO IM - IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO

LISTINO IM - IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO IM.380.30 ASCENSORI PER EDIFICI PRIVATI, per nuove costruzioni non residenziali IM.380.30.10 ASCENSORE PER EDIFICI PRIVATI, per nuove costruzioni non residenziali PER EDIFICI PRIVATI, per nuove costruzioni

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione Linee Guida per la progettazione della sicurezza nelle Gallerie Stradali secondo la normativa vigente Ottobre 2009 Pag. 71 di

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO. a cura di Pasquale Petrella

GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO. a cura di Pasquale Petrella GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO a cura di Pasquale Petrella Giannini Napoli 2012 GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO a cura di Pasquale Petrella Giannini Napoli ISBN: 978-88-7431-620-5 2012 a cura di Pasquale Petrella

Dettagli

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA N Verifica Addetto al controllo 1 Gru a torre Verifica dei comandi, funi, freni, lubrificazione e microswitch di fine corsa

Dettagli

L ascensore innovativo, sicuro ed affidabile. Tanto risparmio di energia in poco spazio

L ascensore innovativo, sicuro ed affidabile. Tanto risparmio di energia in poco spazio L ascensore innovativo, sicuro ed affidabile Tanto risparmio di energia in poco spazio SICUREZZA CONFORTEVOLE Chiamata di soccorso In conformità alla Direttiva Ascensori 95/16 CE e alla norma EN 81-28,

Dettagli

del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013)

del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sulla sicurezza degli ascensori (Ordinanza sugli ascensori) 819.13 del 23 giugno 1999 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 4 capoverso 1 della legge federale

Dettagli

GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME

GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME pren 12650-1* - pren 12650-2*

Dettagli

Piattaforme di lavoro mobili elevabili

Piattaforme di lavoro mobili elevabili Agenzia del lavoro Via R. Guardini, 75 38100 Trento (TN) Corso di formazione per esperti verificatori Piattaforme di lavoro mobili elevabili dott. Matteo Bettega dott. Paolo Ducati D.Lgs. 9 aprile 2008,

Dettagli

Requisiti. per. la trasformazione e l'ammodernamento. degli impianti ascensori. secondo. l'ordinanza sulla sicurezza degli. ascensori RS 819.

Requisiti. per. la trasformazione e l'ammodernamento. degli impianti ascensori. secondo. l'ordinanza sulla sicurezza degli. ascensori RS 819. Requisiti per la trasformazione e l'ammodernamento degli impianti ascensori secondo l'ordinanza sulla sicurezza degli ascensori RS 819.13 e la SN EN 81-80 (SNEL) Nota: Il riferimento normativo del presente

Dettagli

dislivelli Per superare

dislivelli Per superare Per superare dislivelli Soluzioni ad hoc per ogni necessità con costi, vincoli installativi e di portata diversi. Ideali per l eliminazione delle barriere architettoniche Antonella Pirovano Le diverse

Dettagli

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag. ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.1 di 12 1A) QUADRO ELETTRICO GENERALE QUADRO ELETTRICO GENERALE DI BASSA TENSIONE SEZIONATORI

Dettagli

Sistemi di controllo idraulici ed elettronici garantiscono un maggior comfort di marcia ed un preciso livellamento ai piani della cabina.

Sistemi di controllo idraulici ed elettronici garantiscono un maggior comfort di marcia ed un preciso livellamento ai piani della cabina. MINIASCENSORE DE 07 ACCESSIBILITÀ E SOLUZIONI Quando i vincoli di un edifi cio non consentono l installazione di un tradizionale ascensore e quando la necessità di abbattere le barriere architettoniche

Dettagli

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT INDICE Caratteristiche principali pag. 3 Riferimenti normativi abbattimento delle barriere architettoniche pag. 4 Riferimenti

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO)

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) Per le parti non verificabili in progetto la costruzione si adeguerà: D.P.R. 27 aprile 1978, n.

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO. IMPIANTO MONTAUTO A PANTOGRAFO Modello DUO BOX Mod. PB1 con persona a bordo

DESCRIZIONE IMPIANTO. IMPIANTO MONTAUTO A PANTOGRAFO Modello DUO BOX Mod. PB1 con persona a bordo DESCRIZIONE IMPIANTO Ascensore per auto a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche per traslazione di autovetture tra piani definiti a pantografo senza coperchio di chiusura fossa e CON PERSONA

Dettagli

ANACAM EMILIA ROMAGNA FRIULI VENEZIA GIULIA TRENTINO ALTO ADIGE VENETO. La pren 81-20. Paolo Tattoli. Verona, 18 gennaio 2012

ANACAM EMILIA ROMAGNA FRIULI VENEZIA GIULIA TRENTINO ALTO ADIGE VENETO. La pren 81-20. Paolo Tattoli. Verona, 18 gennaio 2012 ANACAM EMILIA ROMAGNA FRIULI VENEZIA GIULIA TRENTINO ALTO ADIGE VENETO La pren 81-20 Verona, 18 gennaio 2012 Paolo Tattoli Titolo Safety rules for the construction and installation of lifts Examinations

Dettagli

PIATTAFORME. progettazione costruzione installazione manutenzione assistenza tecnica

PIATTAFORME. progettazione costruzione installazione manutenzione assistenza tecnica PIATTAFORME progettazione costruzione installazione manutenzione assistenza tecnica 1 LA CARTA D IDENTITÀ È nata da due fratelli la DUE.BI. ASCENSORI, azienda che opera nel settore degli impianti di elevazione

Dettagli

ATTESTATO DI ESAME PER LA CERTIFICAZIONE CE (Allegato V Direttiva 95/16/CE) 001/14

ATTESTATO DI ESAME PER LA CERTIFICAZIONE CE (Allegato V Direttiva 95/16/CE) 001/14 ATTESTATO DI ESAME PER LA CERTIFICAZIONE CE (Allegato V Direttiva 95/16/CE) 001/14 La sottoscritta CERTAT s.r.l. con unico socio avente sede in Terni - Via Mentana, 50, Organismo notificato dal Ministero

Dettagli

Esempio tipo di Lista controlli di manutenzione programmata

Esempio tipo di Lista controlli di manutenzione programmata Esempio tipo di Lista controlli di manutenzione programmata CAT. A Descrizione dell intervento Lavori di ispezione e pulizia G M S A 2A Note A1 Pulizia canaline A2 Ispezione ed eventuale pulizia di pozzetti

Dettagli

Conquistate i vostri spazi con i nostri mini elevatori.

Conquistate i vostri spazi con i nostri mini elevatori. Conquistate i vostri spazi con i nostri mini elevatori. L esperienza insegna. Garaventa Lift Leader nell accessibilità. La leadership tecnologica Garaventa arriva dall alto. Dalle vette più impegnative

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Normativa di riferimento. Dati tecnici principali e caratteristiche dimensionali

Normativa di riferimento. Dati tecnici principali e caratteristiche dimensionali 1 di 7 Specifica tecnica di capitolato scala mobile ad uso pubblico modello ITALMS H SPECIFICA TECNICA DI CAPITOLATO SCALA MOBILE ITALMS H AD USO PUBBLICO La seguente specifica di capitolato fa riferimento

Dettagli

CONTRATTO "A" - ABBONAMENTO ALLA MANUTENZIONE PREVENTIVA ORDINARIA

CONTRATTO A - ABBONAMENTO ALLA MANUTENZIONE PREVENTIVA ORDINARIA M 7.2.1.7.a "CONTRATTO DI MANUTENZIONE" - Ed. 4 del 25/08/08 pag. 1/4 GOODS & PASSENGER LIFTS Parma, 04/06/2010 Spett.le Amministrazione AZIENDA CON SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 29001 N. 1 SQ 0627-IT

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE 1 PIANO DI MANUTENZIONE rete fognaria Il presente Piano di Manutenzione della rete fognaria è stato redatto ai sensi dell art. 16, comma 5 (Attività di Progettazione) della Legge 109/94 e successive modifiche

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

EWORKER MEGA Veicolo elettrico Allestimento Vasca e voltabidoni

EWORKER MEGA Veicolo elettrico Allestimento Vasca e voltabidoni EWORKER MEGA Veicolo elettrico Allestimento Vasca e voltabidoni 1 AZIENDA CON PRODUZIONE DI SERIE 11000 veicoli prodotti per anno 250 dipendenti 2 fabbriche 100M turnover Produzione di serie Attività iniziata

Dettagli

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE COD. 11131104-11131106 INDICE NORME GENERALI DI SICUREZZA 3 SPECIFICHE 4 PROCEDURA STANDARD PER IL RECUPERO DI FLUIDI/VAPORI 4 PROCEDURA DI SCARICO AUTOMATICO

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Legge 22 aprile 1941 n 633 (e succ. agg.) UNI 9801

Legge 22 aprile 1941 n 633 (e succ. agg.) UNI 9801 Legge 22 aprile 1941 n 633 (e succ. agg.) UNI 9801 Sollevatori e trasportatori di tipo fisso per disabili (montascale o servoscale). Requisiti di sicurezza 1. Scopo La presente norma stabilisce a scopo

Dettagli

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 @ RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 2 RC 40 Dati tecnici. 3 Questa scheda tecnica indica soltanto i valori tecnici del carrello elevatore

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Comune di Capoterrra Provincia di Cagliari FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Legge 81/2008 D.P.R. 222/2003 OGGETTO: COMMITTENTE: Fornitura e montaggio di ascensore interno alla casa padronale in località Su

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti -

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 226 Azione d) (Acquisto di attrezzature e mezzi innovativi per il potenziamento degli interventi di prevenzione

Dettagli

OGGETTO: offerta per l installazione di un elevatore di costruzione AGOSTINETTO.

OGGETTO: offerta per l installazione di un elevatore di costruzione AGOSTINETTO. Cuneo lì, 29 agosto 2012 RIF.:12.08.57/INC Spett.le STUDIO CUNEO INGEGNERIA Alla c.a. geom. Andrea Asselle Alla c.a. geom. P. Politano OGGETTO: offerta per l installazione di un elevatore di costruzione

Dettagli

GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME

GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME pren 12650-1* - pren 12650-2*

Dettagli

Motore diesel a basso impatto ambientale e ad alte prestazioni: bassa rumorosità, basse emissioni, basso consumo di carburante.

Motore diesel a basso impatto ambientale e ad alte prestazioni: bassa rumorosità, basse emissioni, basso consumo di carburante. PALE GOMMATE VOLVO, Potenza lorda: SAE J1995 = 41.0 kw - 55.8 hp = 43.1 kw - 58.6 hp Potenza netta SAE: SAE J1349 - DIN ISO 1585 = 39.9 kw - 54.3 hp = 42 kw - 57.1 hp Peso in ordine di marcia: = 4.3-4.7

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

E.P. Elevatori Premontati srl. Stepper. montascale con pedana. Tecnologie in Elevazione

E.P. Elevatori Premontati srl. Stepper. montascale con pedana. Tecnologie in Elevazione E.P. Elevatori Premontati srl montascale con pedana Tecnologie in Elevazione Il montascale o servoscala è una macchina per il trasporto di persone lungo scale o percorsi inclinati, rivolto ad anziani o

Dettagli

Da un piano all altro con un dito. Piattaforma Elevatrice Oleodinamica

Da un piano all altro con un dito. Piattaforma Elevatrice Oleodinamica Da un piano all altro con un dito Piattaforma Elevatrice Oleodinamica HELEVA Liberi di muoversi PRATICA Basta premere un pulsante. La piattaforma elevatrice HELEVA, è la soluzione ideale per il superamento

Dettagli

TABELLA. ANALISI DEL RISCHIO relativa agli argomenti trattati nel D.P.R. 547/55 TITOLO V CAPO III Ascensori e Montacarichi

TABELLA. ANALISI DEL RISCHIO relativa agli argomenti trattati nel D.P.R. 547/55 TITOLO V CAPO III Ascensori e Montacarichi DPR TABELLA ANALISI DEL RISCHIO relativa agli argomenti trattati nel D.P.R. TITOLO V CAPO III Ascensori e Montacarichi ATTREZZATURE AZIONATE MEDIANTE PIGNONE E CREMAGLIERA INSTALLATE TEMPORANEAMENTE NEI

Dettagli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Funivie e funicolari D-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nelle funicolari e nelle funivie: requisiti funzionali Funivie e funicolari:

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli