EDIFICIO PRIVATO AMBITO PRIMA TRAVERSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDIFICIO PRIVATO AMBITO PRIMA TRAVERSA"

Transcript

1 COMUNE DI CERVIA Provincia di Ravenna EDIFICIO PRIVATO AMBITO PRIMA TRAVERSA I DIRIGENTI DI SETTORE PROGETTO DEFINITIVO EDIFICIO PRIVATO PROGETTO PREVENZIONE INCENDI Relazione tecnica 12/09/2013 Rev 01 1:500 PTP004_000pdf PTP

2 INDICE PREMESSA 3 1 AUTORIMESSA (ATTIVITÀ N 754C) DM 01/02/ CLASSIFICAZIONE DELL ATTIVITA 6 12 AUTORIMESSE AVENTI CAPACITA DI PARCAMENTO SUPERIORE A NOVE AUTOVEICOLI ISOLAMENTO ALTEZZA DEI PIANI SUPERFICIE SPECIFICA DI PARCAMENTO STRUTTURE DEI LOCALI COMUNICAZIONI 8 13 SEZIONAMENTI COMPARTIMENTAZIONI 8 14 ACCESSI INGRESSI RAMPE 9 15 PAVIMENTI 9 16 VENTILAZIONE VENTILAZIONE NATURALE VENTILAZIONE MECCANICA MISURE PER LO SFOLLAMENTO DELLE PERSONE IN CASO DI EMERGENZA DENSITA DI AFFOLLAMENTO E CAPACITA DI DEFLUSSO VIE DI USCITA SCALE ED ASCENSORI IMPIANTI TECNOLOGICI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO IMPIANTI ELETTRICI MEZZI ED IMPIANTI DI PROTEZIONE ED ESTINSIONE DEGLI INCENDI IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO MEZZI DI ESTINZIONE PORTATILI IMPIANTO DI SPEGNIMENTO DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI VERIFICA CAPACITÀ VASCA DI ACCUMULO COMUNE ALLE ATTIVITA IMPIANTO DI RIVELAZIONE INCENDI E FUMI IMPIANTO FISSO DI SPEGNIMENTO AUTOMATICO (SPRINKLER) SEGNALETICA DI SICUREZZA ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA MISURE DI PREVENZIONE CONTROLLO E MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO REGISTRO DEI CONTROLLI PROCEDURE DA ATTUARE IN CASO DI INCENDIO INFORMAZIONE E FORMAZIONE ISTRUZIONI DI SICUREZZA 22 2 CIVILE ABITAZIONE (ATTIVITÀ N 77C) DM 01/02/1997 N CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE CLASSIFICAZIONE COMPORTAMENTO AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI SCELTA DELL AREA ACCESSO ALL AREA COMPARTIMENTI SCALE ASCENSORI VANO CORSA MISURE DI PROTEZIONE ATTIVA 26 File PTP004_000_REV1doc Pag 1

3 25 COMUNICAZIONI SCALE, ANDRONI E PASSAGGI COMUNI - REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI IMPIANTI DI PRODUZIONE CALORE E PRESENZA DI GAS COMBUSTIBILI IMPIANTI ELETTRICI IMPIANTO FOTOVOLTAICO 27 3 APPENDICE RELATIVA AD I REQUISITI DI REAZIONE AL FUOCO DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE INSTALLATI IN ATTIVITA DISCIPLINATE DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI 28 File PTP004_000_REV1doc Pag 2

4 PREMESSA L intervento prevede la realizzazione di un complesso residenziale e commerciale, comprensivo di una superficie dedicata a parcheggi a servizio degli stessi Nello specifico si prevede la realizzazione di una nuova piazza pedonale di uso pubblico e di un complesso architettonico di cui: mq SLP residenziale nuova edificazione (TORRE RESIDENZIALE) mq SLP commerciale, paracommerciale e servizi mq Parcheggio privato a servizio di residenze La torre residenziale prevede uno sviluppo in elevazione di 16 livelli (il 17 corrisponde alla copertura); il parcheggio pertinenziale si sviluppa nei due livelli interrati al di sotto della torre e della nuova piazza antistante l edificio La piazza accoglie la piastra di servizi commerciali ad solo livello fuori terra ed in corpo di fabbrica distinto rispetto alla torre Si specifica che per servizi commerciali si intendono attività di vendita aperte al pubblico <400 mq di superficie, che si affacciano direttamente su luogo sicuro identificato nella piazza antistante la quale non risulta coperta, quindi non può essere definita come galleria commerciale L intervento è localizzato nel Comune di Cervia, località Milano Marittima, in prossimità del canale di adduzione delle acque alle Saline di Cervia (denominato Canalino) nelle quali è compreso il complesso della Villa Idrovora L area di intervento complessiva, è interessata da un progetto che comprende le aree per gli interventi privati e per gli interventi pubblici ricadenti su aree di proprietà o nella disponibilità del Soggetto privato Il Piano urbanistico contestuale all approvazione del presente progetto definitivo, localizza i parcheggi pubblici (oggetto di altra istanza) nelle aree poste a Sud dell asta del Canalino da realizzare esclusivamente in interrato/seminterrato al fine di salvaguardare l area sottoposta a vincolo di tutela che in superficie risulta completamente sistemata a verde pubblico File PTP004_000_REV1doc Pag 3

5 INQUADRAMENTO TERRITORIALE AREA DI PROGETTO AMBITO PRIMA TRAVERSA File PTP004_000_REV1doc Pag 4

6 RENDER DI PROGETTO In particolare ricadono nel presente intervento le seguenti attività soggette ai controlli di prevenzione incendi, secondo il DPR 1 Agosto 2011: 1 Attività n 754C : Autorimesse con oltre 3000 mq 2 Attività n 77C: Edifici destinati ad uso civile con altezza antincendi >24 m File PTP004_000_REV1doc Pag 5

7 1 AUTORIMESSA (ATTIVITÀ N 754C) DM 01/02/1986 Nei piani interrati delle nuove residenze Il Canalino sarà dunque realizzata un autorimessa privata con più di 9 posti auto; essa risulterà pienamente rispondente ai dettami del DM 01/02/1986 Norme di sicurezza antincendio per la costruzione e l esercizio di autorimesse e simili L autorimessa con la realizzazione del presente intervento, avrà le seguenti caratteristiche: - numero di livelli (interrati) : 2 - numero di posti auto Primo Livello Interrato: BOX - numero di posti auto Secondo Livello Interrato: BOX - numero di posti auto complessivi: BOX Le corsie di manovra consentiranno il facile movimento degli autoveicoli e avranno ampiezza non inferiore a 5 metri nei tratti antistanti i posti auto, ortogonali alla corsia, e quindi rispondenti alla Normativa Vigente 11 CLASSIFICAZIONE DELL ATTIVITA Ai sensi dell Art 11 del DM 01/02/1986 l Autorimessa potrà essere classificata: - di tipo mista in quanto ubicata in edificio destinato ad altri usi/attività soggette; - di tipo interrata in quanto il primo dei due piani di parcamento (Primo Piano Interrato) è ubicato a quota relativa pari a -1,90 rispetto alla quota della piazza esterna assunto al valore relativo di +1,00; - di tipo chiusa in relazione alla configurazione delle pareti perimetrali, in quanto munita di aperture perimetrali su spazio libero che non realizzano una superficie di aerazione superiore al 15% della superficie in pianta, né realizzano una superficie di aerazione superiore al 60% delle superficie delle pareti; - di tipo sorvegliata in quanto saranno previsti per essa sistemi automatici di controllo ai fini antincendio per mezzo di un impianto di rivelazione incendi e fumi, ed impianto fisso di spegnimento automatico del tipo a pioggia (sprinkel); - di tipo a spazio aperto e a box in base all organizzazione degli spazi interni, essendo previsti sia box chiusi che posti auto liberi al suo interno File PTP004_000_REV1doc Pag 6

8 12 AUTORIMESSE AVENTI CAPACITA DI PARCAMENTO SUPERIORE A NOVE AUTOVEICOLI 121 ISOLAMENTO Ai sensi dell Art 31 del DM 01/02/1986 relativo all isolamento, l autorimessa risulta separata dai locali con differenti destinazioni d uso con strutture di tipo non inferiore a REI 120 Le caratteristiche delle strutture saranno tali da garantire una resistenza al fuoco non inferiore a R/REI 120 per il solaio, i pilastri, le travi, le pareti divisorie fra i due differenti compartimenti antincendio, i locali tecnici ed i filtri a prova di fumo 122 ALTEZZA DEI PIANI L altezza netta di ciascuno dei due piani è di 2,40 m secondo quanto prescritto nell Art 32 del citato decreto 123 SUPERFICIE SPECIFICA DI PARCAMENTO La superficie specifica di parcamento risulterà pari a: Compartimento 1= 29,88 m² (per correttezza è stato escluso dal calcolo il corsello che distribuisce al piano inferiore) Compartimento 2= 27,39 m² (considerando il singolo box come unico posto auto) Compartimento 3= 37,54 m² (considerando il singolo box come unico posto auto ed escludendo la rampa dal conteggio) Compartimento 4= 28,83 m² (considerando il singolo box come unico posto auto) tutte superiori a 10 m², secondo quanto specificato nell Art 33 del DM 01/02/1986, essendo l autorimessa del tipo sorvegliato 124 STRUTTURE DEI LOCALI Ai sensi dell Art 341 del DM 01/02/1986 relativo alle strutture dei locali, l autorimessa risulta realizzata con strutture non separanti non combustibili di tipo R 90 File PTP004_000_REV1doc Pag 7

9 Il solaio che divide l attività autorimessa dalla attività fuori terra civile abitazione e commercio sarà del tipo R/REI COMUNICAZIONI Ai sensi dell Art 353 del DM 01/02/1986 relativo alle comunicazioni, l autorimessa risulta comunicare attraverso filtri a prova di fumo di resistenza al fuoco R/RE120 con le attività n 77 e n SEZIONAMENTI 131 COMPARTIMENTAZIONI L autorimessa è stata suddivisa in 4 compartimenti antincendio denominati rispettivamente: Compartimento 1 : posto a quota -1,90 m rispetto al piano di riferimento +1,00 di superficie lorda pari a 1343,97 m², in cui saranno presenti n 30 posti auto di tipo aperto, con dimensioni mediamente pari a 2,50x5,00 m, corrispondenti ad una superficie di circa 12,50 m²; Compartimento 2 : posto a quota -1,90 m rispetto al piano di riferimento +1,00, di superficie lorda pari a 2712,50 m² in cui saranno presenti n 77 posti auto con dimensioni mediamente pari a 2,50x5,00 m, corrispondenti ad una superficie di circa 12,50 m² e n 22 box con dimensioni mediamente pari a 3,00 x 5,00 m, corrispondenti ad una superficie di circa 15,00 m²; Compartimento 3 : posto a quota -4,80 m rispetto al piano di riferimento +1,00, di superficie lorda pari a 1239,07 m² in cui saranno presenti n 13 posti auto con dimensioni mediamente pari a 2,50x5,00 m, corrispondenti ad una superficie di circa 12,50 m² e n 17 box con dimensioni mediamente pari a 3,00 x 5,00 m, corrispondenti ad una superficie di circa 15,00 m²; Compartimento 4 : posto a quota -4,80 m rispetto al piano di riferimento +1,00, di superficie lorda pari a 2969,70 m² in cui saranno presenti n 84 posti auto con dimensioni mediamente pari a 2,50x5,00 m, corrispondenti ad una superficie di circa 12,50 m² e n 19 box con dimensioni mediamente pari a 3,00 x 5,00 m, corrispondenti ad una superficie di circa 15,00 m²; File PTP004_000_REV1doc Pag 8

10 L Art 361 del DM 01/02/1986 prevede che le superfici dei compartimenti non siano superiori a 2500 m² per il Primo Livello Interrato e 2000 m² per il Primo Secondo Interrato; tali superfici possono essere raddoppiate in presenza di un impianto fisso di spegnimento automatico, come nel caso dell autorimessa in esame Tutti i compartimenti di progetto rispettano quindi i limiti imposti dalla normativa 14 ACCESSI 141 INGRESSI In conformità all Art 370 del citato decreto, l ingresso all autorimessa avverrà mediante una rampa aperta, scoperta in sommità, che collegherà l esterno piano di riferimento (quota + 2,47) e di circolazione della viabilità ordinaria comunale (Viale 2 Giugno alla quota di +1,57 m) con il piano di calpestio dell autorimessa a quota -0,43 coincidente con il Primo Piano Interrato 142 RAMPE In rispetto del Comma 372 del DM 16/02/1982, il Primo livello interrato sarà servito da una rampa a doppio senso di marcia di tipo aperto, rettilinea, con ampiezza pari a 6 m e pendenza pari al 15%, mentre il Secondo livello interrato sarà servita da una coppia di rampe a doppio senso di marcia, rettilinee, con ampiezza pari a 6 m e pendenza pari al 15%, quindi pienamente rispondenti ai dettami normativi In particolare il Compartimento 3 posto al livello -2, sarà servito esclusivamente da una rampa aperta a doppio senso di marcia che presenta il 30% della superficie in pianta della stessa di areazione laterale 15 PAVIMENTI I pavimenti, in conformità a quanto prescritto all Art 38 del DM 16/02/1982, saranno realizzati in materiale antisdrucciolo ed impermeabile, avranno una pendenza sufficiente per il convogliamento in collettori delle acque reflue, saranno provvisti di un dispositivo per la separazione di liquidi infiammabili dalle acque residue (pozzetto disoleatore) Le soglie dei vani di comunicazione fra il compartimento e il vano scala a prova di fumo e fra il compartimento e la rampa di accesso avranno un livello lievemente superiore (3-4 cm), a quello dei pavimenti contigui per evitare lo spargimento di liquidi da un compartimento ad un altro File PTP004_000_REV1doc Pag 9

11 16 VENTILAZIONE 161 VENTILAZIONE NATURALE Coerentemente ad i dettami dell Art 39 del DM 16/02/1982, la ventilazione naturale, essendo realizzata attraverso l apertura della rampa verso l esterno e da aperture grigliate a tutta luce ricavate sulle pareti perimetrali, in corrispondenza ad un intercapedine dedicata, risulterà non inferiore ad 1/25 della superficie lorda in pianta per ciascun compartimento antincendio, e più precisamente: Compartimento antincendio 1 S11 = 85,58 m² (intercapedini di ventilazione perimetrali); S12 = 2,00 m² (intercapedine di ventilazione perimetrale); S13 = 14,40 m² (rampa); per un totale di superficie di aerazione permanente e naturale pari a 101,98 m² maggiore di 1/25 della superficie in pianta (1343,97/25 = 53,75 m²) Compartimento antincendio 2 S21 = 16,72 m² (intercapedini di ventilazione perimetrali); S22 = = 34,43 m² (intercapedine di ventilazione perimetrali); S23 = = 55,00 m² (intercapedine di ventilazione centrale); S24 = = 3,5 m² (intercapedine di ventilazione perimetrali); per un totale di superficie di aerazione permanente e naturale pari a 109,65 m² maggiore di 1/25 della superficie in pianta (2712,50/25 = 108,50 m²) Compartimento antincendio 3 S31 = 3,50 m² (intercapedini di ventilazione centrale); S32 = = 85,02 m² (intercapedine di ventilazione perimetrali); per un totale di superficie di aerazione permanente e naturale pari a 8852 m² maggiore di 1/25 della superficie in pianta (123907/25 = 49,56 m²) Compartimento antincendio 4 S41 = 61,53 m² (intercapedini di ventilazione perimetrali); S42 = = 17,90 m² (intercapedine di ventilazione perimetrali); S43 = = 37,93 m² (intercapedine di ventilazione centrale); per un totale di superficie di aerazione permanente e naturale pari a 117,36 m² maggiore di 1/25 della superficie in pianta (2923,70/25 = 116,92 m²) File PTP004_000_REV1doc Pag 10

12 Il sistema di ventilazione è indipendente per ogni piano, come richiesto dalla normativa Per maggiori dettagli, si rimanda all Elaborato Grafico PTP (Planimetrie) Come già indicato l autorimessa, ai sensi dell Art 11 del DM 01/02/1986, è del tipo chiuso pur presentando una buona superficie di aerazione permanente e naturale superiore a quella richiesta dalla normativa all Art 390 del citato decreto La disposizione contrapposta delle superfici di aerazione, oltre a soddisfare il requisito di uniformità per l intera autorimessa, sarà garanzia di un efficace ricambio dell aria I box prevedono una superficie non inferiore ad 1/100 di quella in pianta dello stesso box destinata ad apertura priva di serramento direttamente sulla corsia di manovra 162 VENTILAZIONE MECCANICA Il sistema di areazione naturale risulta integrato con un sistema di ventilazione meccanica essendo presente un numero di autoveicoli per ogni piano, indipendentemente dalla suddivisone in compartimenti, superiore a quanto riportato nell art 392 del del DM 01/02/1986, ossia: - numero di posti auto Primo Livello Interrato: BOX (> di 125) - numero di posti auto Secondo Livello Interrato: BOX (> di 100) La portata dell'impianto di ventilazione meccanica sarà superiore a tre ricambi orari Il sistema di ventilazione meccanica sarà indipendente per ogni piano ed azionato con comando manuale o automatico, ubicato in prossimità delle uscite L'impianto deve essere azionato nei periodi di punta individuati dalla contemporaneità della messa in moto di un numero di veicoli superiore ad 1/3 o dalla indicazione di miscele pericolose segnalate da indicatori opportunamente predisposti Essendo l autorimessa oggetto della presente istanza di capienza minore ai 500 posti auto, è prevista l installazione di indicatori di miscele infiammabili, ubicati e in numero e in posizione congrua alla geometria delle superfici Il loro numero non sarà comunque inferiore a due per ogni piano Gli indicatori saranno inseriti in sistemi di segnalazione di allarme e di azionamento dell impianto di ventilazione ove necessario File PTP004_000_REV1doc Pag 11

13 17 MISURE PER LO SFOLLAMENTO DELLE PERSONE IN CASO DI EMERGENZA 171 DENSITA DI AFFOLLAMENTO E CAPACITA DI DEFLUSSO La densità di affollamento è stata calcolata in ragione di 0,01 persone/m², (come stabilito dal DM 01/02/1986 all Art 3100), in quanto l autorimessa risulterà del tipo sorvegliato ; con tali premesse si avrà una densità massima presunta di: 14 persone per il Compartimento 1 ; 28 persone per il Compartimento 2 ; 13 persone per il Compartimento 3 ; 30 persone per il Compartimento 4 La capacità di deflusso per il dimensionamento delle uscite di sicurezza per i quattro compartimenti antincendio è stata considerata pari a 37,5 persone/modulo poiché ubicata entro il terzo piano interrato (DM 01/02/1986 all Art 3101) Per il compartimento antincendio 1 occorrono 14/37,5 = 0,37 moduli; saranno presenti per il comparto, n 4 moduli antincendio per l esodo orizzontale e verticale, afferenti al vano scala S1 a prova di fumo e alla rampa aperta che adduce direttamente in esterno Per il compartimento antincendio 2 occorrono 28/37,5 = 0,74 moduli; saranno presenti per il comparto, n 4 moduli antincendio per l esodo orizzontale e verticale suddivisi su 2 uscite di sicurezza, afferenti verso i vani scala S2 ed S3, a prova di fumo Per il compartimento antincendio 3 occorrono 13/37,5 = 0,34 moduli; saranno presenti per il comparto, n 4 moduli antincendio per l esodo orizzontale e verticale suddivisi su 2 uscite di sicurezza, afferenti verso i vani scala S1 ed S2, a prova di fumo Per il compartimento antincendio 4 occorrono 13/37,5 = 0,34 moduli; saranno presenti per il comparto, n 4 moduli antincendio per l esodo orizzontale e verticale suddivisi su 2 uscite di sicurezza, afferenti verso i vani scala S2 ed S3, a prova di fumo 172 VIE DI USCITA Secondo i dettami dell Art 3102 e seguenti del DM 01/02/1986, le vie di esodo orizzontali saranno almeno 2 per ciascuna zona di ciascun singolo compartimento, poste in maniera ragionevolmente contrapposta ed adducenti verso l esterno o verso vani scala interni a prova di fumo File PTP004_000_REV1doc Pag 12

14 ed indi direttamente all esterno; le uscite di sicurezza sono state organizzate in maniera da garantire un deflusso rapido e ordinato degli occupanti verso l esterno con la richiesta sufficiente contrapposizione I percorsi di esodo per raggiungere l esterno saranno sempre inferiore a 50 m per ciascun singolo compartimento antincendio, pienamente rispondente alla Normativa (Art 3105 del DM 01/02/1986), che fissa la lunghezza massima in 50 m, nel caso di autorimesse protette da un impianto automatico di spegnimento; per maggiori dettagli, si rimanda all Elaborato Grafico PTP Ai sensi dell Art 353 del DM 16/02/1982 l autorimessa comunicherà con l esterno, mediante vani scala a prova di fumo, S1,S2 e S3 dotate ciascuna di filtri aerati naturalmente, con aperture verticali con superficie di ventilazione non inferiore a 1 m² o con canne di ventilazione indipendenti con superficie di ventilazione non inferiore a 0,1 m² (di cui al DM ) 173 SCALE ED ASCENSORI Secondo i dettami dell Art 3107 del DM 01/02/1986, essendo l autorimessa ubicata in edificio avente altezza antincendi maggiore di 32 m, le scale e gli ascensori sono a prova di fumo 18 IMPIANTI TECNOLOGICI 181 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Nell autorimessa non sarà previsto il riscaldamento 182 IMPIANTI ELETTRICI L impianto elettrico sarà realizzato secondo quanto disposto dalla legge del 1 marzo 1968 n 186 e secondo le principali norme CEI, e le successive modifiche ed integrazioni oltre che le regole di buona tecnica Ai sensi dell Art 52 del DM 01/02/1986 sarà necessario dotare l autorimessa di un sistema di illuminazione di sicurezza alimentato da energia indipendente da quello della rete di energia normale 19 MEZZI ED IMPIANTI DI PROTEZIONE ED ESTINSIONE DEGLI INCENDI 191 IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO Come già indicato e secondo i dettami dell Art 610 del DM 01/02/1986, l autorimessa sarà protetta da un impianto di spegnimento degli incendi; essa sarà, infatti, dotata di idranti UNI45 disposti File PTP004_000_REV1doc Pag 13

15 presso ogni uscita; saranno pertanto presenti n 2 idranti UNI45 per il Compartimento 1, n 5 idranti UNI45 per il Compartimento 2, n 2 idranti UNI45 per il Compartimento 3 e n 5 idranti UNI45 per il Compartimento 4, tutti custoditi in punto ben visibile, dotati di sportello in vetro trasparente, di larghezza e altezza non inferiore a 0,35 e 0,55 e una profondità che consenta di tenere a sportello chiuso, manichette e lancia permanentemente collegate La tubazione flessibile delle lance sarà costituita da un tratto di tubo di tipo approvato e di lunghezza che consenta di raggiungere col getto ogni punto dell area protetta La rete idrica antincendio, costituita da una rete di tubazioni ad anello, sarà realizzata con tubi di ferro zincato o materiali equivalenti protetti contro il gelo e sarà indipendente dalla rete dei servizi sanitari 192 MEZZI DI ESTINZIONE PORTATILI In ottemperanza all Art 62 del DM 01/02/1986 sarà necessario prevedere l installazione di estintori portatili di tipo approvato per fuochi delle classi A, B, C con capacità estinguente non inferiore a 21 A e 89 B I mezzi di estinzione portatili saranno di tipo approvato e conforme al DM 07/01/2005 Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili di incendio UNI EN3/7 Il numero di estintori sarà il seguente: uno ogni 5 autoveicoli per i primi 20 autoveicoli; per i rimanenti, fino a 200 autoveicoli, uno ogni 10 autoveicoli Gli estintori saranno disposti presso gli ingressi o comunque in posizione ben visibile e di facile accesso Pertanto si avranno: Compartimento antincendio 1 N posti auto = 30 N estintori portatili = 5 Compartimento antincendio 2 N posti auto = 72 N estintori portatili = 12 Compartimento antincendio 3 N posti auto = 72 N estintori portatili = 5 Compartimento antincendio 4 N posti auto = 103 N estintori portatili = 13 File PTP004_000_REV1doc Pag 14

16 110 IMPIANTO DI SPEGNIMENTO DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI Caratteristiche idrauliche L impianto sarà dimensionato in modo da garantire una portata sufficiente per il funzionamento contemporaneo del 50% degli idranti con autonomia non inferiore a 30 ; esso sarà in grado di garantire l'erogazione ai 5 idranti, corrispondenti al 100% del compartimento maggiore, in posizione idraulica più sfavorita, assicurando a ciascuno di essi una portata non inferiore a 120 l/min con una pressione al bocchello di 2 bar Il fabbisogno massimo della rete idranti risulta, quindi, pari a: 6 x 120 l/min = 720 l/min La capacità idraulica della vasca antincendio dovrà risultare non inferiore a: 720 l/min x 30 min= l pari a 21,6 m³ Conseguentemente la vasca di accumulo, comune per le diverse attività, con capacità idraulica pari a 64,8 m 3, garantirà un autonomia idraulica all impianto antincendio dell autorimessa pari a 90 La centrale di pompaggio sarà progettata e realizzata secondo la UNI La vasca di accumulo sarà realizzata del tipo in opera ubicata interrata al di sotto della rampa nord che porta al 2 interrato Le motopompe saranno del tipo sottobattente Il riempimento sarà continuo dalla rete dell acquedotto pubblico, con allacciamento diretto dedicato con la dotazione di disconnettere idraulico Collegamento delle autopompe VVF In corrispondenza dell ingresso carrabile dell autorimessa, saranno installati due attacchi di mandata per il collegamento con le autopompe VVF, uno per la rete idranti e un secondo per la rete sprinkler 111 VERIFICA CAPACITÀ VASCA DI ACCUMULO COMUNE ALLE ATTIVITA ATTIVITA 754C : AUTORIMESSA RETE SPRINKLER Normativa di riferimento: UNI EN File PTP004_000_REV1doc Pag 15

17 - AUTORIMESSA: Livello di pericolosità OH2 Area Operativa: 144 m 2 Densità di Scarica: 5 mm/min Tempo: 60 min Volume necessario per rete sprinkler autorimessa : 144 x 5 x 60 = 43,2 m 3 RETE IDRANTI - AUTORIMESSA: 50% di tutti gli idranti tot 12 idranti => 6 idranti Portata da garantire: 120 l/min Tempo: 30 min Volume necessario per rete idranti autorimessa : 6 x 120 x 30 = 21,6 m 3 ATTIVITA 77C : CIVILE ABITAZIONE Per i criteri di dimensionamento degli impianti, il livello di pericolo, con riferimento alla UNI 10779, è così stabilito: - Altezza antincendi = 57m categoria d - 3 idranti più sfavoriti Con gruppo di pressurizzazione con alimentazione alternativa (motopompa + elettropompa) Portata da garantire: Tempo: 120 l/min 30 min Volume necessario per rete idranti civile abitazione : 3 x 120 x 60 = 21,6 m 3 CAPACITÀ TOTALE DELLA VASCA: Come prescrive il punto 9322 della UNI EN la quota riservata allo sprinkler è da destinare esclusivamente allo sprinkler Il criterio di dimensionamento della vasca è quindi: Volume Invaso = Volume rete sprinkler + max Volume calcolato per le reti idranti Non viene considerato il caso di possibile contemporaneità tra le richieste delle diverse attività soggette Volume Invaso = 43,2 + 21,6 = 64,8 m 3 I VOLUMI SONO DA CONSIDERARE NETTI E RIFERITI PERTANTO ALLA CAPACITA EFFETTIVA DEL SERBATOIO DI ASPIRAZIONE File PTP004_000_REV1doc Pag 16

18 112 IMPIANTO DI RIVELAZIONE INCENDI E FUMI Ad integrazione e completamento dell impianto antincendio idrico ad idranti UNI45, si prevedrà la realizzazione di un impianto di rilevazione incendi gestito da un unica centrale implementata a 2 zone con microprocessore in modo da poter identificare correttamente le diverse tipologie di allarme e razionalizzare gli interventi necessari La centrale prevista per la gestione è del tipo modulare a rack e potrà controllare in modo continuo lo stato dei rilevatori previsti, di tipo indirizzato del complesso, è dotata di pannelli d allarme remoti, da installarsi nella zona da concordare con il gestore; la suddetta centrale sarà prevista con la possibilità di inserire nuovi moduli di rilevazione ed attuazione all interno dell armadio già previsto in questa fase I rilevatori saranno installati all interno in corrispondenza dei posti auto e nelle zone comuni coperte; essi saranno raggruppati per zone e dotati di indicatore luminoso che ne segnali l intervento e saranno del tipo a singolo indirizzamento L impianto sarà completato da pulsanti posti lungo le vie di fuga e/o sulle porte di uscita verso il vano scala a prova di fumo Le linee di collegamento dei rilevatori e pulsanti saranno costituite da cavo di tipo bus antifiamma a due conduttori più un conduttore per la determinazione dell indirizzo degli stessi, e saranno posate entro tubazioni in PVC antifiamma posato a vista o sottotraccia a parete I rilevatori saranno installati nelle zone comuni coperte, come previsto dalla Norma UNI 9795 Quanto sopra opportunamente riportato nel registro dei controlli, saranno inoltre presenti su ogni piano, bene in vista, le precise istruzioni relative al comportamento del personale e del pubblico in caso di emergenza, corredate da opportune planimetrie e dai percorsi da seguire per raggiungere le scale e le uscite e l ubicazione delle attrezzature antincendio 113 IMPIANTO FISSO DI SPEGNIMENTO AUTOMATICO (SPRINKLER) Per il dimensionamento dell impianto di estinzione automatico a pioggia di tipo sprinkler con alimentazione ad acqua si terrà conto delle norme UNI EN Apparecchiature per estinzioni incendi Impianti fissi di estinzione automatica a pioggia (sprinkler) 114 SEGNALETICA DI SICUREZZA Nell intera autorimessa saranno posizionati cartelli di facile comprensione per l individuazione delle vie di uscita in caso di pericolo, in modo tale da rispettare la Normativa Vigente in materia, ovvero il Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n 81 File PTP004_000_REV1doc Pag 17

19 In particolare la cartellonistica indicherà: - le uscite di sicurezza e i relativi percorsi di esodo; - i punti di raccolta e gli spazi calmi; - l ubicazione degli mezzi fissi e portatili di estinzione incendi; - i divieti di fumare e usare fiamme libere, - il divieto di usare ascensori e scale mobili, in caso di incendio, ad esclusione di quelli antincendio, - i pulsanti di sgancio dell alimentazione elettrica; - i pulsanti di allarme 115 ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Nell Autorimessa saranno applicate tutte le norme e le procedure organizzative per la gestione della sicurezza; sarà creato il piano di emergenza, inerente le misure di prevenzione, le procedure da attuarsi in caso di incendio, il registro periodico dei controlli e delle prove effettuate, la formazione e l informazione sia del personale sia delle squadre antincendio e di soccorso Sarà, quindi, realizzato il suddetto piano di emergenza con l affissione di appositi cartelli in punti strategici del sito A seguito della valutazione del rischio di incendio si procederà: - alla designazione degli addetti alla prevenzione incendi, alla lotta antincendio ed alla gestione delle emergenze nell ambito del servizio di prevenzione e protezione; - al programma per l attuazione ed il controllo delle misure di sicurezza poste in atti, con particolare riguardo a: 1) misure per prevenire il verificarsi di un incendio e la sua propagazione (divieti, precauzioni di esercizio, controlli); 2) controllo e manutenzione dei presidi antincendio; 3) procedure da attuare in caso d incendio; 4) informazione e formazione del personale 116 MISURE DI PREVENZIONE Sarà richiamata l attenzione del personale sui pericoli d incendio più comuni e saranno impartite al riguardo precise disposizioni, con particolare riferimento a: - deposito e manipolazione di materiali infiammabili; File PTP004_000_REV1doc Pag 18

20 - accumulo di rifiuti e scarti combustibili; - utilizzo di fiamme libere o apparecchi generatori di calore; - utilizzo di impianti ed apparecchiature elettriche, - divieto di fumare; - lavori di ristrutturazione e manutenzione; - aree non frequentate In particolare, ogni intervento di manutenzione e modifica di strutture ed impianti sarà avviato previo ottenimento di apposito permesso di lavoro rilasciato dal servizio di prevenzione e protezione, allo scopo di consentire l esecuzione dei lavori in condizioni di sicurezza prevedendo le possibili cause d incidenti, fornendo all esecutore del lavoro ed al servizio di prevenzione e protezione tutte le informazioni sui rischi specifici dell area e delle operazioni, stabilendo le misure precauzionali da adottare, conoscendo tempo di inizio e durata dei lavori Inoltre saranno attuati regolari controlli per garantire: - la sicura tenuta degli ambienti; - la fruibilità delle vie di esodo; - la funzionalità delle porte resistenti al fuoco; - la visibilità della segnaletica di sicurezza; - la sicurezza degli impianti elettrici 117 CONTROLLO E MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO Le attrezzature mobili (estintori), gli impianti di spegnimento manuali (idranti) ed automatici, gli impianti di segnalazione ed allarme incendio, l impianto di illuminazione di emergenza, saranno oggetto di regolari controlli e di interventi di manutenzione, in conformità a quanto previsto dalla normativa cogente e ove mancante dalla normativa tecnica e dalle istruzioni dei costruttori ed installatori Le centrali tecnologiche saranno affidate a personale qualificato, in conformità alle norme vigenti Saranno mantenuti costantemente in efficienza gli impianti elettrici, di comunicazione e diffusione sonora, di riscaldamento, ecc 118 REGISTRO DEI CONTROLLI Sarà predisposto un registro dei controlli periodici, dove saranno annotati tutti gli interventi ed i controlli relativi alla efficienza degli impianti elettrici, di illuminazione, di sicurezza, dei presidi antincendio, dei dispositivi di sicurezza e di controllo delle aree a rischio specifico e della osservanza File PTP004_000_REV1doc Pag 19

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli