La prevenzione incendi nel settore turistico a cura di Giorgio Basile (Direttore Vicedirigente Comando VVF) e Domenico Simone (Direttore Ente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La prevenzione incendi nel settore turistico a cura di Giorgio Basile (Direttore Vicedirigente Comando VVF) e Domenico Simone (Direttore Ente"

Transcript

1 La prevenzione incendi nel settore turistico a cura di Giorgio Basile (Direttore Vicedirigente Comando VVF) e Domenico Simone (Direttore Ente Bilaterale Turismo Area Veneziana) Dicembre

2 Il Decreto Legislativo 81/08 all art. 43 comma 1 letera B stabilisce che il datore di lavoro è tenuto a designare uno o più lavoratori incaricat dell atuazione delle misure di prevenzione incendi, lota antncendio e gestone delle emergenze. Tut gli incaricat devono ricevere una formazione specifca rispeto al rischio incendio determinato in azienda (basso medio elevato) con corsi rispetvamente di 4, 8 o 16 ore, così come previsto dal DM In queste note cerchiamo di fornire uno strumento sui principali adempiment necessari per gli operatori del setore relatvamente al rischio incendio. Le present note non sosttuiscono, ovviamente, il percorso didatco e gli adempiment relatvi, ma vanno considerate come una sintetca documentazione di supporto a livello informatvo. 2

3 CORSI ANTINCENDIO per le principali attività nel turismo. Tutti i lavoratori esposti a particolari rischi di incendio correlati al posto di lavoro, devono ricevere una specifica formazione antincendio. Tutti i lavoratori che svolgono incarichi relativi alla prevenzione incendi, lotta antincendio o gestione delle emergenze, devono ricevere una specifica formazione antincendio. I contenuti dei corsi riferiti al livello di rischio individuabile all interno di una attività ricettiva, quale luogo di lavoro, sono definiti dall allegato IX al DM 10/03/98, mentre il tipo di attestato che deve essere conseguito è definito dagli allegati IX e X dello stesso decreto. 3

4 CORSI ANTINCENDIO per le principali attività nel turismo Tipo di corso di formazione che deve essere svolto da parte degli addetti alla squadra antincendio in un luogo di lavoro (DM 10/03/98). N POSTI LETTO LIVELLO DI RISCHIO N ORE DI CORSO TIPO DI ATTESTATO < 25 basso 4 frequenza medio 8 frequenza medio 8 idoneità tecnica > 200 elevato 16 idoneità tecnica 4

5 IL PROCEDIMENTO DI PREVENZIONE INCENDI: IL DPR 151/2011 E il nuovo regolamento di semplificazione dei procedimenti in materia di prevenzione incendi. Esso abroga il precedente regolamento di P.I., il DPR 37/1998 ed il DM 16/02/82, concernente le attività soggette al controllo dei VVF, introducendo con l allegato 1 un nuovo elenco di attività soggette ai controlli dei VVF, distinte in tre categorie A B C, in funzione della gravità del rischio e/o complessità dell attività. Di seguito vengono rappresentati sia lo schema delle procedure in funzione della categorizzazione, sia la sottoclassificazione delle attività ricettive. 5

6 IL PROCEDIMENTO DI PREVENZIONE INCENDI: IL DPR 151/2011 6

7 Le tipologie di rischio per le attività ricettive (all. 1 del DPR 151/2011) 7

8 Per le attività di categoria A la Segnalazione di Inizio Attività (SCIA) viene presentata al Comando Prov.le dei VVF, corredata della relativa documentazione tecnica prevista dal D. Lgs 139/06 art. 16 e dal DM 7/8/2012. Per le attività di categoria B e C dovrà prima essere richiesto il parere di conformità e solo successivamente presentata la SCIA. I sopralluoghi in azienda verranno effettuati dal competente Comando dei VVF a campione (almeno il 5%) per le attività tipo A e B, e puntuali (il 100 %) per le attività tipo C. 8

9 Il fuoco Scientificamente viene definito come un processo di ossidazione per cui un determinato materiale combustibile, a contatto con un comburente (p.e. ossigeno) grazie ad una ignizione (fonte di energia iniziale), sviluppa un processo chimico di trasformazione della materia con produzione di luce, fiamme, calore, fumo e gas. 9

10 L ossigeno è il principale comburente delle combustioni tradizionali (con le percentuali di presenza nell aria normalmente del 21% e, comunque, non inferiore al 14%) I materiali combustibili sono tutti quei materiali che, in presenza di ossigeno e sottoposti ad una energia, sviluppano la reazione chimica della combustione. 10

11 I materiali combustibili hanno come elementi fondamentali il carbonio e l idrogeno e possono essere: Solidi Liquidi Gassosi 11

12 Gli incendi Gli incendi vengono distinti in 4 classi (norma UNI EN 2:2005) e si identificano in base alla tipologia del combustibile: Classe A per incendi da combustibili solidi Classe B per incendi da combustibili liquidi Classe C per incendi da combustibili gassosi Classe D per incendi di metalli leggeri (sodio-potassio-magnesio) Classe F per fuochi che interessano mezzi di cottura (oli e grassi vegetali o animali) in apparecchi di cottura 12

13 Le sorgenti di innesco Le possibili sorgenti di innesco possono avvenire per: Accensione diretta (scintilla e/o fiamma libera) Accensione indiretta (convenzione, conduzione o irraggiamento termico) Attrito (quando l energia è prodotta dallo sfregamento di due materiali) Autocombustione (reazione chimico-biologica) 13

14 I sistemi di estinzione Le sostanze estnguent vanno, quindi, scelte in base alla tpologia del combustbile ed alla natura del fuoco. L estnguente efcace é quella partcolare sostanza in grado di interrompere la combinazione triangolare di Kinsley (comburente, combustbile e ignizione). I principali sistemi di estnzione sono i seguent: per esaurimento del combustbile per soffocamento per raffreddamento 14

15 Le principali sostanze estnguent e le loro modalità di uso : 15

16 La dinamica di un incendio La dinamica di un incendio si sviluppa generalmente in quatro fasi e cioè: 1) fase di ignizione, nella fase iniziale; 2) fase di propagazione, dove la temperatura dell ambiente interessato ha già raggiunto i 400 gradi centgradi e si conclude con il cosiddeto Flash over ; 3) fase di incendio generalizzato ove tuto all interno dell ambiente partecipa all incendio; 4) fase di estinzione che viene indicata al raggiungimento dei 300 gradi centgradi. 16

17 Gli efetti dell incendio su persone e cose I prodot più comuni della combustone sono il calore, le famme, i fumi e i gas. Il calore può provocare sul corpo umano oltre alle ustoni, processi di disidratazione, eventuali blocchi della respirazione ed arresto cardiaco. In partcolare l effeto delle famme sulla pelle dell uomo può provocare ustoni di primo, secondo o terzo grado con, in caso di ustoni che superino il 50% della superfcie totale del corpo, conseguenze anche mortali. La temperatura che un individuo può sopportare per tempi di esposizione massima di 5 ore va dai 40 ai 50 gradi centgradi. Esposizioni a temperature superiori provocano danni all apparato respiratorio, mentre superat i 100 gradi gli effet mortali per l uomo sono pratcamente immediat. 17

18 Gli efetti dell incendio su persone e cose I gas di combustone sono prodot di combustoni e le loro carateristche di nocività e/o tossicità dipendono dalla sostanza combustbile, dalla percentuale di ossigeno e dalla temperatura raggiunta. Inoltre, quanto più la combustone è incompleta per carenza di ossigeno, quanto maggiore sarà la produzione di fumi, catrami e partcelle di sostanze incombuste, con danni al nostro apparato respiratorio anche irreversibili. Infat se nell aria (costtuita per il 78% di azoto, 21% di ossigeno e 1% di altri gas) il volume percentuale di ossigeno, a causa dell aumento dei gas di combustone, raggiunge concentrazioni inferiori al 6%, nell uomo sopraggiunge la morte per asfssia (in periodi che vanno dai 5 agli 8 minut), ma si considera ambiente ostle per l uomo già al di soto del 17%. (DA RIVEDERE) 18

19 Gli efetti degli incendi sui materiali da costruzione Tut i materiali da costruzione espost al fuoco subiscono sollecitazioni tali da comprometerne la resistenza meccanica. Materiali con composizione eterogenea possono avere comportament diversi con conseguenze che portano al loro sgretolamento e frantumazione; bast pensare a metalli con coefcient di dilatazione termica diversi (cioè con different dilatazioni se sotopost alle medesime temperature) in comunione tra loro nella resistenza meccanica di una strutura, aggredit da un incendio. 19

20 Il legno, diversamente da quanto si immagina, ha una bassa conduttività termica.in caso di grande pezzatura (come travi o pilastri portanti) se aggredito da un incendio, il legno brucia rapidamente in superficie formando uno strato carbonizzato che, agendo da fattore protettivo, rallenta la velocità di combustione. In media la dimensione di riduzione degli elementi strutturali in legno sotto l azione di un incendio è di circa 1 mm/min. L acciaio, sebbene sia un ottimo materiale a freddo, oltre i 300 gradi centigradi di temperatura diminuisce la sua resistenza alla rottura e, oltre i 600 gradi la annulla completamente. I laterizi (i comuni mattoni) attaccati da un incendio hanno una buona resistenza meccanica in quanto, già durante il loro processo di fabbricazione, sono sottoposti a temperature che vanno dagli 800 ai 1000 gradi centigradi. Una struttura realizzata in laterizi resiste al fuoco di un incendio mantenendo per circa 1 ora la caratteristica di resistenza meccanica. 20

21 Il cemento armato è costituito da calcestruzzo e da barre di acciaio. Il cls ha una conduttività termica bassa per cui, in caso di incendio, l armatura in esso contenuta se protetta bene (per spessori uguali o superiori di 3 cm.) mantiene bene la sua resistenza meccanica. Diversamente se la parte di cls che ricopre il ferro si sgretola, l armatura direttamente esposta perde facilmente la sua capacità di tenuta meccanica in solidarietà con il calcestruzzo. Il cls, per temperature superiori ai 300 gradi centigradi, si colora di rosa; per cui in base alla colorazione rosa raggiunta in un edificio in calcestruzzo, colpito da un incendio, possiamo verificare dove si sono raggiunte le temperature superiori ai 300 gradi. 21

22 La prevenzione incendi Gli obietvi della prevenzione incendi sono riconducibili a: La prevenzione primaria che ha come scopo la tutela della vita umana La prevenzione secondaria che si pone l obietvo di tutelare i beni e l ambiente. Assunto che il rischio incendio, come tut i rischi, non può mai essere completamente azzerato, nella prevenzione incendi la prevenzione primaria rappresenta sempre l obietvo fondamentale. 22

23 23

24 PREVENZIONE INCENDI Le principali misure di prevenzione incendi, finalizzate alla riduzione della probabilità di accadimento di un incendio, possono essere individuate in due tipologie: A) MISURE DI TIPO TECNICO B) MISURE DI TIPO ORGANIZZATIVO - GESTIONALE 24

25 PREVENZIONE INCENDI A) MISURE DI TIPO TECNICO 1. Realizzazione di impianti elettrici a regola d'arte (Norme CEI) 2. Collegamento elettrico a terra di impianti, strutture e serbatoi 3. Installazione di impianti parafulmine. 25

26 PREVENZIONE INCENDI A) MISURE DI TIPO TECNICO 1. Realizzazione di impianti elettrici a regola d'arte (Norme CEI) 2. Collegamento elettrico a terra di impianti, strutture e serbatoi 3. Installazione di impianti parafulmine. 26

27 PREVENZIONE INCENDI I precedent punt si concretzzano con la realizzazione di tut impiant a regola d arte (eletrico, del gas, antncendio, ecc.), di messa a terra di part metalliche e di impiant parafulmine, ai sensi del DM 37/98, da parte di dite specializzate ed autorizzate. Il personale deve essere istruito sul correto utlizzo degli impiant eletrici e degli utlizzatori eletrici (ad es. le prese multple non vanno sovraccaricate per le possibili conseguenze di surriscaldamento). 27

28 PREVENZIONE INCENDI 4. Dispositivi di sicurezza degli impianti di distribuzione e di utilizzazione delle sostanze infiammabili. 5. Ventilazione dei locali. 6. Utilizzazione di materiali incombustibili. 7. Adozione di pavimenti ed attrezzi antiscintilla. 8. Segnaletica di Sicurezza, riferita in particolare ai rischi presenti nell ambiente di lavoro (es. vietato fumare ) 28

29 PREVENZIONE INCENDI A) 1. MISURE DI TIPO ORGANIZZATIVO - GESTIONALE Analisi delle cause di incendio più comuni. a) deposito di sostanze infiammabili o facilmente combustibili in luogo non idoneo o loro manipolazione senza le dovute cautele; b) accumulo di rifiuti, carta od altro materiale combustibile; c) negligenza relativamente all'uso di fiamme libere e di apparecchi generatori di calore; d) inadeguata pulizia delle aree di lavoro e scarsa manutenzione delle apparecchiature; e) uso di impianti elettrici difettosi o non adeguatamente protetti; f) riparazioni o modifiche di impianti elettrici effettuate da persone non qualificate; g) presenza di apparecchiature elettriche sotto tensione anche quando non sono utilizzate; h) utilizzo non corretto di apparecchi di riscaldamento portatili; i) ostruzione delle aperture di ventilazione di apparecchi di riscaldamento, macchinari, apparecchiature elettriche e di ufficio; j) presenza di fiamme libere in aree ove sono proibite, compreso il divieto di fumo o il mancato utilizzo di portacenere; k) negligenze di appaltatori o degli addetti alla manutenzione; l) inadeguata formazione professionale del personale sull'uso di materiali od attrezzature pericolose ai fini antincendio. 29

30 PREVENZIONE INCENDI A) MISURE DI TIPO ORGANIZZATIVO - GESTIONALE 2. Informazione antincendi. 3. Formazione antincendi. 30

31 PREVENZIONE INCENDI A) MISURE DI TIPO GESTIONALE 4. Controlli degli ambienti di lavoro e delle attrezzature. 5. Manutenzione ordinaria e straordinaria; Effettuare verifiche regolari e periodiche nei luoghi di lavoro relative ad accertare il mantenimento di tutte le misure di sicurezza antincendio; in tal senso è opportuno predisporre nel documento di valutazione del rischio incendio vere e proprie liste di controllo periodiche affidate a tecnici specializzati e/o agli addetti prevenzione incendi. 31

32 Le misure di protezione Per limitare le conseguenze di un incendio possiamo intervenire con misure di protezione passiva e protezione attiva Le protezioni passive sono l insieme delle misure di protezione che non richiedono l azione dell uomo o l azionamento di un meccanismo automatico, ed hanno l obiettivo di limitare gli effetti dell incendio nello spazio e nel tempo al fine di salvaguardare l incolumità degli addetti e degli utenti, contenere i danni alle strutture ed a limitare gli effetti della combustione. Le protezioni attive sono l insieme delle misure di protezione che richiedono l azione dell uomo o l azionamento di un meccanismo automaticoo e sono finalizzate alla rilevazione precoce dell incendio, alla sua segnalazione ed al suo controllo e/o spegnimento. 32

33 PROTEZIONE PASSIVA DISTANZE DI SICUREZZA RESISTENZA AL FUOCO REAZIONE AL FUOCO VENTILAZIONE VIE D'USCITA 33

34 Le Distanze di sicurezza distanze di sicurezza interne distanze di sicurezza esterne distanza di protezione 34

35 La Resistenza al fuoco delle strutture Per resistenza al fuoco di una struttura si intende la particolare attitudine di un elemento costruttivo a conservare in caso di incendi le seguenti caratteristiche: R = capacità di conservare la resistenza meccanica sotto l azione dell incendio E = capacità di non lasciar passare o produrre fuoco, vapori o gas sul lato non esposto all incendio I = capacità di Isolamento termico durante l azione di un incendio (la parte interessata deve garantire sul lato esterno una temperatura non superiore ai 150 ) Con il simbolo REI 60, quindi, si precisa che l elemento costruttivo identificato conserva (per un determinato tempo di esposizione all incendio in questo caso pari a 60 minuti primi) capacità di stabilità, tenuta di compartimentazione e isolamento termico. 35

36 La Reazione al fuoco dei materiali La Reazione al fuoco dei materiali rappresenta il comportamento al fuoco del medesimo materiale che per effetto della sua decomposizione alimenta un fuoco al quale è esposto, partecipando così all'incendio I materiali possono essere classificati nelle seguenti classi: (con l'aumentare della loro partecipazione alla combustione, a partire da quelli di classe 0 che risultano non combustibili). 36

37 La Ventilazione Le aperture (porte, finestre, etc.) e le prese d'aria proveniente dall'esterno, inserite in una struttura edilizia atte ad assicurare una ventilazione naturale dei vari ambienti 37

38 Le Vie di esodo Sistemi di vie d'uscita commisurate al massimo affollamento ipotizzabile Tutte le di vie d'uscita vengono progettate in funzione del modulo pari a 60 cm e, per le strutture ricettive di nuova realizzazione, la misura minima è pari al 2 moduli (120 cm) 38

39 PROTEZIONE ATTIVA ESTINTORI RETE IDRICA ANTINCENDIO IMPIANTI DI RIVELAZIONE AUTOMATICA IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AUTOMATICI DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE E ALLARME EVACUATORI DI FUMO E CALORE 39

40 Estintori portatili: Sono generalmente i primi mezzi di intervento utilizzati in un incendio. Si dividono in estintori portatili e carrellati (con peso superiore ai 20 Kg). Gli estintori portatili vengono classificati in base alla loro capacità estinguente e cioè: classe A quando vengono utilizzati per fuochi di combustibili solidi con formazione di brace; Ø Ø classe B quando vengono utilizzati per fuochi di liquidi infiammabili; Ø classe C quando vengono utilizzati per fuochi di gas infiammabili; Ø classe D quando vengono utilizzati per fuochi di metalli. 40

41 La scelta dell estintore va fatta in base al tipo di incendio ipotizzabile nel locale da proteggere e, ovviamente, in relazione alla valutazione del rischio incendio. Su ciascun estintore è applicata una etichetta dove sono indicate le classi di fuoco per cui va utilizzato e la relativa capacità estinguente. Gli estintori devono essere di colore rosso e riportare nella loro etichetta in modo chiaro istruzione e condizioni di utilizzo Nel caso di estintori di classe B il numero collegato corrisponde ai litri della sostanza combustibile contenuti nel recipiente del focolare tipo costituito in acciaio e che l estintore è in grado di estinguere. Devono essere collocati in evidenza ed in posizione idonea al loro utilizzo (poggiati a terra o attaccati alle pareti mediante attacchi che ne consentano un facile sganciamento). Negli alberghi le attuali normative ne prevedono almeno 1 ogni 250 metri quadrati o per piano. 41

42 Gli estintori possono essere: ad acqua (adat per materiali solidi combustbili, ma ormai in disuso) a schiuma (adat per materiali solidi combustbili e per liquidi infammabili) a polvere (adat allo spegnimento di ogni tpologia di materiale ma possono non essere ideali in ambient con apparecchiature eletriche) ad anidride carbonica (ideali per apparecchiature eletriche) 42

43 Osservazioni su impianti fissi antincendio Sono costituiti da una riserva di agente estinguente (acqua, schiuma, gas inerte e/o polvere), da una rete di distribuzione e da erogatori. La scelta del tipo di impianto è solitamente contestuale alla sua funzionalità rispetto all ambito di intervento. Gli impianti idrici antincendio (idranti e/o naspi) vengono progettati per edifici adibiti a civile abitazione e ad attività ricettive come gli alberghi e o i campeggi; la sua installazione non rappresenta un costo eccessivo ed ha una semplicità esecutiva. L impianto sprinkler, con utilizzo di acqua come sostanza estinguente, viene utilizzato in ambienti dove si prevede, in caso di incendio, una rapida espansione delle fiamme; ha un costo di installazione superiore all impianto per idranti ed è soggetto ad eventuali falsi allarmi. L impianto fisso a schiuma viene solitamente progettato per attività con deposito di liquidi infiammabili. L impianto fisso a polvere viene progettato per locali non presidiati dove vengono immagazzinati materiali di ogni tipo ed adatti per metalli speciali (sodio, potassio, magnesio); ha un costo superiore agli impianti ad acqua. L impianto ad anidride carbonica, viene progettato per locali non presidiati, dove vengono immagazzinati sostanze o materiali che non devono subire danni; viene usato 43 anche per locali con presenza di centraline elettriche.

44 Impianto idrico antincendio L impianto antincendio ad IDRANTI deve essere autonomo rispetto alla rete idrica sanitaria. Per gli alberghi, nel caso in cui l acquedotto non garantisca le prestazioni richieste, risulta necessaria una riserva idrica autonoma (DM 9/04/94). Le tubazioni devono essere preferibilmente ad anello perché, in questo modo, si assicura una alimentazione agli idranti da due direzioni diverse, ma non si esclude il sistema a rete aperta. Le tubazioni vanno protette dal gelo e dalla corrosione. Le pompe, per quanto possibile, devono essere installate sottobattente (cioè con il loro asse al di sotto del livello minimo dell acqua di almeno 60 centimetri, in caso di vasche o serbatoi, e di 85 cm in caso di alimentazione inesauribile) Tutti gli impianti fissi antincendio ad acqua debbono essere dotati di attacchi UNI 70 per l autopompa dei VVF. 44

45 Gli idranti UNI 45 e UNI 70 possono esser a muro, a colonna soprasuolo o sottosuolo (andrebbero utilizzati per le reti idriche antincendio urbane, installati ai bordi delle strade a distanza di 40 metri per edifici ad alto rischio e ad almeno 6 metri dagli stessi). Negli alberghi gli idranti da UNI 45 devono garantire 120 lt/minuto a 2 bar di pressione per 60 minuti. La loro custodia deve essere di dimensioni 0,35 cm per 0,55 cm e con profondità utile a tenere collegate manichetta e lancia. I NASPI (utilizzati nelle aziende alberghiere fino a 100 posti letto come richiesto dal DM 9/04/94) sono degli impianti idrici antincendio con tubazione semirigida UNI 25. Il NASPO non necessita di rete idrica autonoma purchè sia garantita una alimentazione di 35 lt/min a 1,5 bar per almeno 30 minuti. 45

46 Impianti automatici rilevazione incendio di Provvisti di rilevatori di fumo o di calore, il cui numero varia in relazione all inclinazione del soffitto ed hanno una superficie di controllo di circa metri quadrati (si dividono a loro volta in rilevatori termici, ottici, ionici, a raggi infrarossi, etc). Un impianto di segnalazione incendi è costituito da una centralina di allarme a cui sono collegati i rilevatori; l impianto di rivelazione antincendio può essere progettato in modo da azionare automaticamente l intervento di un impianto di estinzione o come allarme indirizzato ad presidio antincendio predeterminato (porte tagliafuoco, evacuatore fumo e calore, ecc). 46

47 Gli Impianti di illuminazione di emergenza Devono garantire in caso di mancata erogazione della fornitura di energia elettrica ordinaria, una illuminazione di emergenza sufficiente a permettere l evacuazione in sicurezza dei locali con una intensità minima di 5 lux e con autonomia (contestualmente al tipo di attività e circostanze) che và dai 30 minuti a 5 ore; in tal senso vanno illuminate le vie di esodo, i corridoi, le uscite di sicurezza e tutti i percorsi necessari a raggiungere un uscita su luogo sicuro. 47

48 Gli Evacuatori di fumo e calore Gli Evacuatori di fumo e calore vengono installati nella quantità di uno ogni 200 mq ed in base alla pendenza della copertura (possono essere manuali o automatici e la loro manutenzione deve essere almeno annuale). Si basano essenzialmente sulla movimentazione verso l alto delle masse di gas con temperature elevate (generate dall incendio) che attraverso le aperture appositamente predisposte vengono veicolate all esterno. La loro azione consente di ridurre i danni provocati dai gas di combustione (una delle più alte cause di mortalità negli incendi), sia quelli determinati dal fumo, legati alla mancanza di visibilità, agevolando, pertanto sia l evacuazione delle persone presenti sia l intervento dei soccorritori. 48

49 Gestione degli Impianti Il gestore dell attività ricettiva è responsabile del mantenimento in efficienza degli impianti anche in caso di ispezione periodica da parte della ditta installatrice o di altro organismo autorizzato. Il gestore terrà un apposito registro con l annotazione degli interventi fatti sugli impianti e delle relative verifiche periodiche (almeno 2 volte anno). 49

50 Il piano di emergenza in caso di incendio Lo strumento fondamentale per una corretta gestione degli incidenti (incendi, fughe di gas, etc) è il piano di emergenza; un documento in cui vengono definite informazioni, manovre e comportamenti finalizzati a: a) garantire la salvaguardia, l incolumità e l evacuazione delle persone presenti nell area di pericolo b) garantire la messa in sicurezza degli impianti di processo c) garantire la protezione dei beni ed attrezzature presenti nell area d) l estinzione completa dell incendio e) le operazioni di rimessa in servizio e ripristino ( in tempi ragionevoli) delle attività 50 lavorative.

51 La situazione peggiore non è non avere alcun piano, ma averne due. Infatti, indipendentemente dalle condizioni oggettive di un incendio (tipologia dei materiali combustibili, caratteristiche strutturali dell edificio, disposizioni logistiche delle attrezzature antincendio, etc) la gestione del come vengono affrontati i primi momenti dello stesso, in attesa dell arrivo dei VVF, può far la differenza tra evento contenuto ed evento catastrofico. 51

52 Un buon piano di emergenza deve Avere lo scopo di consentire la miglior gestione degli scenari incidentali ipotizzabili al fine di salvaguardare la sicurezza delle persone e cose coinvolte; Avere come strumento la raccolta, in un apposito documento, di tutte le informazioni e condizioni difficilmente effettuabile durante una emergenza; impartire le migliori procedure e comportamenti, rispetto al contesto aziendale, per una efficiente ed efficace azione antincendio; informare, formare ed addestrare il personale alla gestione del piano di emergenza; Pianificare le procedure con griglie metodologiche, di indicazioni operative e comportamentali, che coinvolgano per formazione ed informazione tutte le persone potenzialmente presenti all interno di una struttura ricettiva; Avere un responsabile aziendale dell emergenza in grado di decidere i modi migliori per realizzare scopo e obiettivi del piano in caso di emergenza. 52

53 Tutte le azioni previste in un piano di emergenza devono essere rapportate a capacità e condizioni delle persone a cui sono affidati i vari interventi. Non si possono attribuire compiti particolari a chi non ha ricevuto una adeguata formazione, un congruo addestramento e, altresì, non è in condizioni psico-fisiche coerenti con i compiti attribuiti. Tutte le indicazioni previste nel piano devono sempre tener conto del fatto che, in condizioni di panico o di stress, le persone tendono a perdere lucidità e capacità di controllo; pertanto le indicazioni dovranno attenersi sempre a regole di semplicità ed efficacia. 53

54 Piccolo glossario di prevenzione incendi Per facilitare sia la letura che la comprensione delle specifche espressioni utlizzate nella prevenzione incendi, forniamo in conclusione un breve elenco delle terminologie più utlizzate 54

55 A Glossario Agenti estinguenti sono tute quelle partcolari sostanze che, grazie alla loro composizione, arrestano la reazione chimica della combustone; Altezza ai fini antincendio degli edifici civili e cioè l altezza massima misurata dal livello inferiore dell apertura più alta dell ultmo piano abitabile e/o agibile, escluse quelle dei vani tecnici, al livello del piano esterno più basso Altezza dei piani altezza massima tra pavimento e intradosso del softo Aria è un composto di gas ( azoto 78%, ossigeno 21% altri 1%); Ascensore antincendio è un partcolare impianto che può essere utlizzato, da personale addestrato, in caso di incendio nelle operazioni di soccorso; Autoaccensione è un fenomeno di accensione senza specifca fonte di ignizione; si realizza con alcune sostanze in partcolari ambient e condizioni, partendo da un iniziale processo di ossidazione e autoincrementandosi sino alla combustone ( p. e. fosforo giallo); Autorespiratore è un dispositvo di protezione individuale costtuito di bombole di ossigeno e maschera, grazie al cui utlizzo un operatore è in grado di respirare indipendentemente dalla atmosfera esterna; viene usato per gli intervent in ambient saturi di gas, di vapori tossici, di gas asfssiant o, più semplicemente quando il contenuto dell ossigeno nell aria è inferiore al 16%. 55

56 C Glossario Campo di infiammabilità è un intervallo tra un valore minimo e uno massimo di presenza percentuale di gas combustbile nell aria, per cui al di sopra e al di soto di tali valori ci sono condizioni di saturazione o rarefazione che impediscono, anche in presenza di fonte di calore, l avvio del processo di combustone; Carico di incendio è il parametro di riferimento medio per il calcolo delle calorie sviluppabili in un incendio in base alle sostanze combustbili present nel locale; viene rapportato al numero di kg di legna corrispondent alle sostanze combustbili present; Classe di incendio è la suddivisione delle sostanze combustbili in quatro tpologia: classe A sostanze combustbili solide classe B sostanze combustbili liquide classe C sostanze combustbili gassose classe D sostanze combustbili metalloide Comburente è l elemento che entra in reazione con la sostanza combustbile grazie alla fonte di calore iniziale (ignizione); corrisponde all ossigeno contenuto nell aria; 56

57 C Glossario Combustibile è la sostanza in grado di sviluppare la combustone a contato con l aria e sollecitata da una fonte di calore iniziale; Combustione incompleta è quel processo di ossidazione che a causa della carenza di comburente (ossigeno) non sviluppa completamente l incendio; Combustione lenta si ha quando la sostanza combustbile ha un processo di sviluppo di famma e calore partcolarmente lento; Combustione veloce nel caso opposto al precedente; Compartimento antincendio è la delimitazione realizzata, con element costrutvi resistent al fuoco per periodi predeterminat, all interno di un edifcio o di un locale per contenere lo sviluppo di un incendio; 57

58 D Glossario Deflagrazione è una combustone che si sviluppa in modo velocissimo con un onda esplosiva di velocità inferiore a quella del suono; Detonazione è una combustone che si sviluppa in modo velocissimo con un onda esplosiva superiore alla velocità del suono; Dispositivi di sicurezza sono tut gli impiant, atrezzature e meccanismi che in modo preventvo e automatco entrano in azione per ridurre sia la probabilità di insorgenza che la diffusione di un incendio; Distanze di sicurezza interne ed esterne sono i valori minimi, normatvamente defnit, delle distanze (misurate orizzontalmente) tra il perimetro di edifcio o locale a rischio incendio e l edifcio o il locale limitrofo; Distanza di protezione è la distanza misurata orizzontalmente tra il perimetro esterno dell edifcio a rischio incendio e la recinzione eventualmente prevista; 58

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983) Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO VISTA la

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE -

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - La protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti al verificarsi di un incendio.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO Framinia Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO RISCHIO INCENDIO MODALITA DELLA DISCIPLINA PREVENZIONE riduzione delle

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI 1

PREVENZIONE INCENDI 1 PREVENZIONE INCENDI 1 COMBUSTIONE La combustione è la reazione chimica di due sostante (combustibile e comburente) con sviluppo di calore. Condizioni necessarie per la suddetta reazione chimica sono: presenza

Dettagli

Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch.

Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch. Università degli Studi di Bari Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch. Valentina Megna Triangolo del Fuoco 2 Combustibile (legno, carta, benzina,

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA Materiale Il componente (o i componenti variamente associati) che può (o possono) partecipare alla combustione

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

TESTO IL MINISTRO DELL INTERNO

TESTO IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto Ministeriale del 10/03/1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. PREVENZIONE INCENDI - Norme generali - Prevenzione e Protezione SOMMARIO

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo LA DECONTAMINAZIONE NBCR 30/03/2012 ing. V. Nocente- VVF 1 parleremo di: Misure di protezione contro gli incendi Vie di esodo Procedure da adottare

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI VARESE VENERDI 07 Maggio 10 - ore 8,30 Sede: UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - Villa Toeplitz Relatore: Ing.

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

Decreta: Articolo 1. Oggetto Campo di applicazione. Articolo 2. Valutazione dei rischi di incendio

Decreta: Articolo 1. Oggetto Campo di applicazione. Articolo 2. Valutazione dei rischi di incendio MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. (Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7/4/1998 - Suppl. Ordinario)

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA 1 IL RISCHIO INCENDIO NEL SETTORE CARTARIO Gilberto Giunti, Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Lucca 2 IL RISCHIO INCENDIO Che cos è

Dettagli

56331LFROD%$5,/( 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL. $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7

56331LFROD%$5,/( 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL. $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7 PREVENZIONE INCENDI e LOTTA ANTINCENDIO Mezzi di estinzione fissi o mobili e loro

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) Compartimentazione Distanze di sicurezza Ing. Silvano BARBERI Corpo Nazionale

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

Dott. Ing. Paolo PALOMBO

Dott. Ing. Paolo PALOMBO INCENDIO PREVENZIONE - PROTEZIONE Dott. Ing. Paolo PALOMBO Ordine dei Medici della provincia di Latina Incontro di aggiornamento STUDI SICURI 2012 E Obbligo del datore di lavoro l assicurare gli adempimenti

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO IL D.M. 10 MARZO 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro dott. ing. Emilio Milano pagina 1 IL D.M. 10 MARZO 1998 ART.

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi

Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione Pagina 1 di 7 PREVENZIONE INCENDI e LOTTA ANTINCENDIO Mezzi di estinzione fissi o

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

DECRETO 22 ottobre 2007

DECRETO 22 ottobre 2007 DECRETO 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ELABORATO N. 5 Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ALLEGATO 1 - PERCORSO FORMATIVO PER ADDETTO ANTINCENDIO (DECRETO MINISTERIALE 10/03/1998) Roma lì, GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO ANTINCENDIO

Dettagli

INFORMAZIONE ANTINCENDIO

INFORMAZIONE ANTINCENDIO INFORMAZIONE ANTINCENDIO Nozioni Utili per gli addetti Antincendio PREMESSA Nell ambito degli obiettivi di sicurezza antincendio e delle relative misure da adottare in caso di necessità per affrontare

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Perché possa insorgere un incendio occorre la contemporanea presenza di: - COMBUSTIBILE = la sostanza che brucia (può essere solida, liquida o gassosa) -

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche D.Lgs.81/2008 e seguenti D.M. 26 agosto 1992 D.M. 1 0 Marzo 1998 D.P.R. 151/2011 Anno 2012 Il luogo di lavoro LA SCUOLA Il Dirigente

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Termini e definizioni di prevenzione incendi v4.4 - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Termini e definizioni di prevenzione incendi v4.4 - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno TERMINI, DEFINIZIONI E SIMBOLI GRAFICI Testo del D.M. 30 novembre 1983 coordinato con le modifiche introdotte dal DM 9 marzo 2007 (in rosso scuro) relativo alle prestazioni di resistenza al fuoco delle

Dettagli

L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI

L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI L INCENDIO Rapida ossidazione di materiali con sviluppo di calore, fiamme, fumo e gas caldi. Effetti dell'incendio: Emanazione di energia (calore) Trasformazione dei

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO

ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO per VARIANTI AL FASCICOLO 29110: - ATTIVITA 54.B: OFFICINA MECCANICA PER LAVORAZIONI A FREDDO CON OLTRE 25 ADDETTI (FINO A 50 ADDETTI) - ATTIVITA 12.A: DEPOSITO

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

Articolo di Legge violato - tabella comparata -

Articolo di Legge violato - tabella comparata - _D. Lgs. 81 del 09.04.2008_ss. Mm.ii: PRINCIPALI SANZIONI Articolo di Legge violato - tabella comparata - (obblighi dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti) Omessa manutenzione e ripristino

Dettagli

C. Scale e ascensori

C. Scale e ascensori Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre PREVENZIONE INCENDI 167 C. Scale e ascensori Scale Il numero e la larghezza delle scale a servizio di particolari attività (ad esempio alberghi o locali di pubblico spettacolo)

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1 1 Edilizia scolastica e sicurezza nella scuola: lo stato degli adempimenti Le 10.798 scuole statali sono dislocate in 41.328 edifici ove studiano e lavorano oltre 10 milioni di persone. Come si sa, ai

Dettagli

Impianti e dispositivi antincendio

Impianti e dispositivi antincendio Gestione ambientale Impianti e dispositivi antincendio 1/2 Concetti base sugli incendi classificazione e cinetica degli incendi carico d incendio e REI 2 2005 Politecnico Torino 1 2/2 Interventi preventivi

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

La prevenzione incendi

La prevenzione incendi La prevenzione incendi I temi della presente giornata di studio saranno: La combustione. Classi d'incendio. Comportamento al fuoco. Protezioni antincendio: attiva e passiva. Evoluzione dal D.M. 16/02/1982

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze

prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze Collana Cultura della sicurezza prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze Quaderno informativo n. 2 Ufficio Speciale prevenzione e protezione Ufficio Speciale prevenzione e protezione Collana Cultura

Dettagli

Corso di formazione per addetti alla lotta antincendio e alla gestione delle emergenze

Corso di formazione per addetti alla lotta antincendio e alla gestione delle emergenze Corso di formazione per addetti alla lotta antincendio e alla gestione delle emergenze 1 PREVENZIONE DI EVENTI NON DESIDERATI TUTELA DELLA INTEGRITA FISICA DEI LAVORATORI E SALVAGUARDIA DEI BENI AZIENDALI

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE Corsi di formazione e modalità di accertamento dell idoneità tecnica del personale incaricato a svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni di addetto alla prevenzione

Dettagli

e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza

e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Rischio d incendio d e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza emergenza Rischio da esplosioni Ing. Sabrina

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti

ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI LA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI ED ADEGUAMENTI PIÙ URGENTI REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI ED IL CONTROLLO

Dettagli

IMPIANTI EVACUAZIONE FUMO e CALORE UNI 9194 1 UNI 9194-2. . dove, quando, 15/09/2013. Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco

IMPIANTI EVACUAZIONE FUMO e CALORE UNI 9194 1 UNI 9194-2. . dove, quando, 15/09/2013. Ing. Luigi Ferraiuolo Corpo Nazionale Vigili del Fuoco IMPIANTI EVACUAZIONE FUMO e CALORE UNI 9194 1 UNI 9194-2. dove, quando,. come 1 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19 agosto 1996 articolo 5.3 :"... la sala deve essere dotata di un efficace sistema di

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AI DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI RICADENTI NELLE SEGUENTI ATTIVITA DEL D.M. 16/02/1982 Punto 43) Depositi

Dettagli

1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG LQFHQGLR

1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG LQFHQGLR 1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG $WWHQ]LRQH: alle superfici vetrate: a causa del calore possono rompersi alle bombole/recipienti con gas o liquidi in pressione ai liquidi infiammabili: possono riaccendersi

Dettagli