RICOSTRUZIONE DEL TEATRO DI RIMINI AMINTORE GALLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICOSTRUZIONE DEL TEATRO DI RIMINI AMINTORE GALLI"

Transcript

1

2 AL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO RIMINI RICOSTRUZIONE DEL TEATRO DI RIMINI AMINTORE GALLI PRATICA V.V.F. - POSIZIONE N RICHIESTA PARERE DI CONFORMITÁ ANTINCENDIO ATTIVITÁ SOGGETTA A CONTROLLO DEI VIGILI DEL FUOCO COMPRESA NELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16/02/1982: ATTIVITÀ N. 83: LOCALI DI SPETTACOLO E DI TRATTENIMENTO IN GENERE CON CAPIENZA SUPERIORE A 100 POSTI ATTIVITÀ N. 64: GRUPPI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA SUSSIDIARIA CON MOTORI ENDOTERMICI DI POTENZA COMPLESSIVA SUPERIORE A 25 kw RELAZIONE TECNICA Il Responsabile Unico di Procedimento Dott. Ing. MASSIMO TOTTI Il tecnico Dott. Ing. ADA SIMILI RN 414 I 138 Rimini, 22 febbraio 2011

3 Pagina 2 di 37

4 Pagina 3 di 37 INDICE 1. PREMESSA LE SCELTE DEL PROGETTO ARCHITETTONICO Il Teatro La macchina scenica Conformazione dei corpo platea e del corpo torre scenica Capienza sala platea e palchi Fossa orchestra Misure e caratteristiche del palcoscenico Dotazione di servizi Articolazione degli spazi secondari e camerini-spogliatoi funzionali alle attività e spettacoli del Teatro ATTIVITÀ 83: LOCALI DI SPETTACOLO E DI TRATTENIMENTO IN GENERE CON CAPIENZA SUPERIORE A 100 POSTI CLASSIFICAZIONE UBICAZIONE ACCESSO ALL AREA UBICAZIONE AI PIANI INTERRATI CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI Pavimenti Soffitti Stucchi, modanature e decorazioni Parapetti Poltroncine Tappezzeria Infissi MATERIALE SCENICO DISTRIBUZIONE DEI POSTI A SEDERE MISURE PER L ESODO DEL PUBBLICO PORTE SCALE GRADINI, RAMPE, PIANEROTTOLI VENTILAZIONE ASCENSORI OBIETTIVI DISPOSIZIONI GENERALI AERAZIONE DEL VANO DI CORSA MISURE DI PROTEZIONE ATTIVA NORME DI ESERCIZIO...23

5 Pagina 4 di DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER LA SCENA DISPOSIZIONI GENERALI CARATTERISTICHE DELLA SEPARAZIONE TRA SCENA E SALA ALTEZZA DELLA SCENA CORRIDOI, SCALE, PORTE, USCITE VERSO L ESTERNO SIPARIO DI SICUREZZA Caratteristiche Comando del sipario di sicurezza Protezione del sipario di sicurezza SISTEMA DI EVACUAZIONE FUMI E CALORE LOCALI DI SERVIZIO ALLA SCENA Camerini e cameroni Depositi e laboratori MEZZI ED IMPIANTI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI PER LA SCENA IMPIANTI TECNOLOGICI IMPIANTI DI PRODUZIONE CALORE IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO E VENTILAZIONE IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO LOCALE POMPE ANTINCENDIO IMPIANTI ELETTRICI GENERALITÀ IMPIANTI ELETTRICI DI SICUREZZA QUADRI ELETTRICI GENERALI E LOCALI IMPIANTI ELETTRICI (CEI 64-8) IMPIANTO DI RILEVAZIONE E SEGNALAZIONE DEGLI INCENDI SISTEMA DI ALLARME ESTINTORI SEGNALETICA DI SICUREZZA GESTIONE DELLA SICUREZZA GENERALITÀ PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE CHIAMATA DEI SERVIZI DI SOCCORSO ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE ISTRUZIONI DI SICUREZZA REGISTRO DEI CONTROLLI Attività n. 64: GRUPPI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA SUSSIDIARIA CON MOTORI ENDOTERMICI DI POTENZA COMPLESSIVA SUPERIORE A 25 kw CLASSIFICAZIONE UBICAZIONE Dimensioni Ventilazione Sistema di alimentazione Sistemi di scarico dei gas combusti Impianti...36

6 Pagina 5 di Mezzi di estinzione portatili Segnaletica di sicurezza...36

7 Pagina 6 di 37

8 Pagina 7 di PREMESSA 1.1 LE SCELTE DEL PROGETTO ARCHITETTONICO Il Teatro Il Teatro Galli avrà una capienza di 756 posti, sarà costituito da un edificio che, compreso il Foyer, avrà complessivamente una superficie coperta di circa mq ed una altezza massima in gronda, riferita alla quota 0 di piazza Cavour, di m 26.60, e comprenderà n 2 livelli interrati e n 7 livelli fuori terra: Piano secondo interrato: quota -5,64 Piano primo interrato: quota -2,17 Piano sottoplatea e sottopalco: quota 0,12 e +1,00 Piano platea e palcoscenico: quota minima + 1,13 (Foyer) e massima + 4,56 (retro palco) Primo ordine palchi: quota + 5,43 Secondo ordine palchi: quota + 10,06 Terzo ordine palchi: quota + 13,73 Quarto ordine loggione + 17,58 Soffitta Sala dei pittori - Sala Polifunzionale: quota + 23,54 Rispetto alla Piazza Cavour il piano interno del Foyer è rialzato di cm 113, mentre la platea del teatro sarà rialzata, nel punto più alto, di cm 284; la platea sarà raggiungibile dal Foyer attraverso tre aperture con scale. Una delle due scale laterali sarà dotata anche di servo-scala meccanizzato per garantire ai disabili motori l accesso alla platea. Nel Foyer, oggetto di un primo intervento di recupero, troveranno posto i servizi di ingresso al Teatro quali la biglietteria, il guardaroba, il bar ed i servizi igienici. Ai fini della prevenzione degli incendi ed allo scopo di raggiungere i primari obiettivi di sicurezza relativi alla salvaguardia delle persone e alla tutela dei beni, il nuovo Teatro Galli verrà realizzato e gestito in modo da minimizzare le cause di incendio, limitare la produzione e la propagazione di un incendio all'interno del locale, assicurare la possibilità che gli occupanti lascino il locale indenni, garantire la stabilità delle strutture portanti al fine di assicurare il soccorso agli occupanti, garantire la possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza La macchina scenica La macchina scenica è costituita da tre grandi elementi: - Palcoscenico - Torre scenica - Sottopalco Il palcoscenico (o palco) è l'elemento della scena sopra cui si svolge l'azione teatrale. In genere è costituito di tavole di legno. La torre scenica è quella parte di teatro posta dietro l'arco scenico. Ha uno sviluppo verticale pari o superiore all'altezza del boccascena e solitamente ha una superficie pari allo spazio usufruibile sul palcoscenico.

9 Pagina 8 di 37 Alla sommità della torre scenica sono posti uno o più piani di ballatoio e il graticcio, elementi fondamentali per la movimentazione ed il sollevamento in coperta delle scene. Il sottopalco è l'ambiente sottostante il palcoscenico di un teatro. Solitamente usato come luogo di servizio o come deposito per gli attrezzi, in alcuni teatri viene utilizzato dagli attori durante gli spettacoli come rifugio in cui scendere, passando attraverso le botole situate sul palcoscenico sovrastante. A loro volta palcoscenico, torre scenica e sottopalco sono costituiti da ulteriori sottoelementi. La graticcia è la struttura di palcoscenico che consente di installare e movimentare nel modo più comodo e funzionale i fondali, le scene e le macchine di scena sospese. E una struttura a travi di legno, di metallo o con soluzioni miste in cui le doghe di legno vengono rinforzate con dei profilati in metallo. Normalmente è posta ad una altezza di m 12 dal piano del palcoscenico. La graticcia richiede l'installazione di un'orditura primaria e di una secondaria sulle quali vengono fissate, parallelamente alla linea del boccascena, le doghe praticabili tra le quali vengono calati i tiri di scena Conformazione dei corpo platea e del corpo torre scenica Il corpo platea, per riproporre la sensazione di storico luogo del passato, sarà ricostruito, per quanto ammissibile dalle attuali norme di sicurezza, con le medesime misure e proporzioni ideate dal Poletti in continuità con il corpo Foyer, riproponendo i medesimi materiali e colori dell epoca. Il corpo torre scenica, in quanto spazio tecnico teatrale funzionale alle attività operative di scena e di spettacolo, sarà riproposto nel suo involucro originario esterno con il mantenimento dell esistente altezza massima del colmo. Allo scopo di consentire un moderno utilizzo della macchina scenica in sicurezza, saranno ricavati ulteriori mq di superfici che si troveranno nei due nuovi livelli, interrati, al di sotto del palcoscenico. Nel rispetto della ricostruzione filologica del Teatro e della sua immagine, per migliorare la visibilità del palcoscenico dai posti in platea, il solaio della sala del Teatro sarà inclinato verso il palcoscenico del 3,5 % ed il palcoscenico avrà una contropendenza del 4% Capienza sala platea e palchi Per un migliore utilizzo della sala con un numero maggiore di presenze (grazie all utilizzo dello spazio in platea occupato dalla fossa per l orchestra) sarà necessario realizzare 5 aperture atte a garantire l esodo dalla sala ad un numero maggiore di spettatori. Considerate inoltre le esigenze sceniche del Teatro sperimentale, grazie ad una differente distribuzione dei posti e dei settori, sarà anche possibile installare un allestimento in platea per svolgere performance artistiche contemporanee che necessitano dell utilizzo di parti della sala. La platea conterà 276 posti. Questi saranno suddivisi in due settori di 9 e 5 file distanziate tra loro di cm 90; altre poltrone saranno invece attestate al muro perimetrale con file al massimo di 4 posti. Inoltre, utilizzando lo spazio della fossa per l orchestra con poltrone per il pubblico, si avranno altri 72 posti distribuiti su 4 file distanziate di cm 110 e con n. 18 posti per fila. In platea n. 4 posti saranno riservati alle persone con impedite o ridotte capacità motorie. Il 1, 2 e 3 ordine conteranno, per ogni ordine, ventuno palchi e due palchi di proscenio, mentre il piano loggione sarà pensato completamente aperto con sedute a gradoni. I posti con visibilità dei 23 palchi per ogni ordine saranno:

10 Pagina 9 di 37 per il primo ordine n. 92 per il secondo ordine n. 92 per il terzo ordine n. 92 Le sedute del loggione poste su gradonate saranno n Per un totale di 684 sedute che potranno diventare 756 nel caso in cui si occupi lo spazio della fossa per l orchestra con l innalzamento della pedana mobile. Nei palchi e nel loggione non saranno previsti posti per persone con impedite o ridotte capacità motorie Fossa orchestra La fossa per orchestra avrà una superficie complessiva del golfo mistico di mq 95.00, con pedana mobile di mq mq 25,00 di golfo mistico ricavato dalla rientranza sotto il palcoscenico. La pedana mobile, oltre ad essere utilizzata per allestire sedute, potrà essere utilizzata come elevatore di materiali di scena attraverso l apertura centrale del sottopalcoscenico Misure e caratteristiche del palcoscenico Il palcoscenico sarà profondo m 20,91 e largo, fra le due pilastrate, m 22,16; altezza fino al boccascena m e altezza fino alla graticcia misurata a centro palcoscenico di m La scena sarà di tipo separato, cioè separata rispetto alla sala ed ai locali di servizio con strutture resistenti al fuoco; il boccascena sarà l unica apertura verso la sala. Ai fini della protezione antincendio la scena sarà dotata di un sistema di evacuazione di fumi e calore e di impianto di spegnimento automatico degli incendi (sprinkler). Ad ulteriore garanzia della protezione al fuoco tra la sala e la torre scenica sarà installato, anche se non richiesto dal D.M. 19/08/1996, un sipario taglia-fuoco Dotazione di servizi Lateralmente all ingresso della sala, all interno dei vani scala, saranno sistemati due ascensori che collegherannno la platea, gli ordini superiori ed il loggione. Saranno poi presenti altri due ascensori, distinti, per il superamento dell ultimo piano ed il collegamento tra il loggione e la soffitta. In questa soffitta sarà ubicata la cosiddetta sala dei pittori ; questa all epoca era funzionale alla predisposizione delle scenografie. Il progetto prevede ora di renderla funzionale a molti usi (sala prove, sala per coro e corpo di ballo, prove orchestrali ecc.); a questa sala si potrà accedere: - dal lato teatro, direttamente dal piano terra tramite due scale laterali larghe cm 120 (una su Via Poletti ed una su Piazza Malatesta); - tramite gli ascensori centrali dalla quota del piano sala platea. I servizi necessari alle varie attività di scena saranno ubicati ai vari piani del corpo torre scenica dal 2 livello interrato alla graticcia, questa comunicante con la soffitta/sala polifunzionale tramite strutture resistenti al fuoco. Tutti questi livelli saranno comunicanti tra loro tramite due scale poste alle estremità d angolo, con uscita sulla Piazza Malatesta a quota +1,60, e serviti da due ascensori nella parte retrostante della torre scenica che sbarcheranno ad ogni livello sino alla quota utile al piano sottograticcia.

11 Pagina 10 di 37 Sarà inoltre prevista una piattaforma elevatrice di dimensioni circa m 4.20 x 3.50 che collegherà i piani interrati al palcoscenico. Il collegamento tra il piano sottograticcia a quota e la graticcia posta a quota avverrà tramite una scala tecnica rettilinea posta nel volume ricavato dall innalzamento del muro del retro sino alla copertura. Per consentire il sollevamento di elementi al di sopra della graticcia sarà previsto che questa sia botolabile in una parte laterale con dimensioni almeno di m 2 x 2. Al primo piano interrato troveranno posto locali tecnici (locale cabina ENEL, locale UPS), depositi, spogliatoi, camerini, cameroni e servizi igienici oltre a superfici per disimpegni e collegamenti verticali. I depositi saranno separati dagli altri locali tramite strutture resistenti al fuoco (REI 60) e saranno accessibili direttamente dall esterno. Al secondo piano interrato saranno ubicati i locali tecnici per il trattamento aria, i locali per gli impianti idrici antincendio, la riserva idrica antincendio, la Cabina MT/BT Utente, oltre alle superfici necessarie ai collegamenti verticali. Il piano sottopalcoscenico, costituente il livello seminterrato, sarà posizionato alla quota , ribassato rispetto al piano di campagna attuale, che si presenta inclinato in quanto è posto a quote variabili rispetto a P.zza Cavour. A questo livello saranno ubicati spogliatoi, camerini per attori, sartoria, dotati di aerazione e illuminazione dall esterno, magazzini di servizio per il materiale di scena e laboratori, separati dagli altri locali tramite strutture resistenti al fuoco (REI 60) ed accessibili direttamente dall esterno. Altri camerini e spogliatoi troveranno inoltre posto ai primi quattro livelli situati sul retro della torre scenica al di sopra del palcoscenico Articolazione degli spazi secondari e camerini-spogliatoi funzionali alle attività e spettacoli del Teatro Il Teatro Amintore Galli sarà strutturato per ospitare diverse tipologie di spettacolo quali le opere liriche, gli spettacoli di danza, la concertistica e la prosa. Tutto questo ha portato ad un importante studio sulla macchina scenica, ed alla realizzazione di camerini - spogliatoi che vanno a soddisfare le esigenze legate a tutte le tipologie di spettacolo. - Il primo piano interrato riuscirà ad ospitare fino a 60 persone in vari camerini-spogliatoi con dimensioni diverse. I depositi presenti a questo piano potranno essere utilizzati per riporre materiale elettrico o anche solo per lo stoccaggio di quelle attrezzature poco utilizzate; la presenza della piattaforma montacarichi renderà rapido il trasferimento di questi materiali al palcoscenico. - Il piano del sottopalco è studiato in modo tale da contenere spogliatoi per circa 30/40 persone ed ogni camerino sarà facilmente raggiungibile. - Il piano palcoscenico avrà una sala trucco e un camerino per l attore principale. Nella sala sarà collocato il camerino per il direttore d'orchestra ed altri locali per vari scopi, come la Sala Controllo (continuamente presidiata e che, durante le manifestazioni, diventerà anche locale per il Vigili del Fuoco), il locale per la Direzione di palcoscenico, giustamente posto in prossimità del palcoscenico.

12 Pagina 11 di 37 - Al piano primo ordine avremo due camerini capaci di ospitare circa 4/6 persone: saranno perfetti per gli artisti principali degli spettacoli che avranno bisogno di tranquillità e di vicinanza al palco. Altri spazi utilizzabili all occorrenza si trovano nei diversi vani di disimpegno nella zona della sala. - Al piano secondo ordine avremo due camerini distinti e utilizzabili da circa 8/10 persone, perfetti per quelle realtà dello spettacolo come gli assistenti o collaboratori, o come spogliatoi e/o spazi a disposizione dei tecnici. Anche qui, nella zona della sala, si trovano diversi vani di disimpegno utilizzabili in vario modo. - Al piano terzo ordine abbiamo camerini per circa 8/10 persone, eventualmente suddivisibili tra uomini e donne per le situazioni di coro o figuranti, danzatori o mimi. - Al piano quarto loggione la presenza di un camerino capace di ospitare circa 8/10 persone può dare la possibilità di posizionare a questo piano i tecnici della compagnia o comunque quelle figure non legate direttamente allo spettacolo durante la sua andata in scena. Altri spazi di appoggio si trovano nei vani e disimpegni nella zona della sala. Con un rapido e approssimativo calcolo si può stimare una capacità di circa persone, quindi l esigenza di ospitalità è stata raggiunta e senza il sacrificio degli spazi tecnici indispensabili per lo svolgimento delle attività ordinarie e straordinarie del Teatro.

13 Pagina 12 di ATTIVITÀ 83: LOCALI DI SPETTACOLO E DI TRATTENIMENTO IN GENERE CON CAPIENZA SUPERIORE A 100 POSTI 2.1 CLASSIFICAZIONE All attività si applicano le prescrizioni di cui al D.M. 19/08/1996 recante Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo. Tale luogo di lavoro viene classificato tra le attività a rischio di incendio medio. 2.2 UBICAZIONE Il Teatro occuperà un intero edificio isolato dagli altri. L attività, quindi, non comunicherà con nessuna altra attività ad essa non pertinente. L ubicazione osserverà tutte le distanze di sicurezza stabilite dalle disposizioni vigenti ACCESSO ALL AREA Per consentire l intervento dei mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco, gli accessi all area ove sorgerà il Teatro avranno i seguenti requisiti minimi: - larghezza: 3,5 m; - altezza libera: 4 m; - raggio di volta: 13 m; - pendenza: non superiore al 10 %; - resistenza al carico: almeno 20 t (8 sull asse anteriore e 12 sull asse posteriore; passo 4 m). L eventuale utilizzo degli spazi esterni ai fini del parcheggio di autoveicoli non pregiudicherà l accesso e la manovra dei mezzi di soccorso e non costituirà ostacolo al deflusso del pubblico. Verrà assicurata la possibilità di accostamento all edificio delle autoscale dei Vigili del Fuoco, almeno ad una qualsiasi finestra o balcone che consenta l accesso ad ogni piano UBICAZIONE AI PIANI INTERRATI Il secondo piano interrato sarà ubicato a quota 5.64 m rispetto al piano di riferimento (Piazza Cavour), e quindi alla quota massima di 7.21 m rispetto al piano strada, dal momento che il piano strada, sul retro del Teatro, è rialzato di m rispetto al piano 0.00 di riferimento.

14 Pagina 13 di CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO TIPOLOGIA STRUTTURALE TORRE SCENICA La porzione di edificio denominata TORRE SCENICA sarà costituita da una struttura formata da telai di travi e pilastri - setti orditi nelle due direzioni ortogonali. Pilastri e setti verranno realizzati in cemento armato del tipo C 28/35. Gli orizzontamenti vengono qui di seguito descritti: solaio primo piano interrato (quota -2,17 mt ) : solaio in cls C28/35 TIPO BAUSTA solaio sottopalco (quota +1,00 mt) : solaio in cls C28/35 TIPO BAUSTA solaio palco (quota +3,73mt a 4,37mt) : orditura principale e secondaria in legno lamellare GL36H con tavolato in pioppo da 5cm camerini ai lati del palco (quota 7,60mt) : solaio in getto pieno s=16cm con C28/35 e acciaio B450C camerini ai lati del palco (quota 10,61mt) : solaio in getto pieno s=16cm con C28/35 e acciaio B450C passerelle laterali al palco (quota 10,06mt) : struttura principale realizzata con profili in acciaio S275 e impalcato costituito da grigliato metallico camerini/spogliatoi sul retro del palco (quota 13,73mt) : struttura principale realizzata con profili in acciaio S275 e impalcato costituito da lamiera grecata più getto cls H=12cm camerini/spogliatoi sul retro del palco (quota 16,76mt) : struttura principale realizzata con profili in acciaio S275 e impalcato costituito da lamiera grecata più getto cls H=12cm passerelle laterali al palco (quota 16,76mt) : struttura principale realizzata con profili in acciaio S275 e impalcato costituito da grigliato metallico locale tecnico sul retro del palco (quota 19,76mt) : struttura principale realizzata con profili in acciaio S275 e impalcato costituito da lamiera grecata più getto cls H=12cm vano tecnico accesso alla graticcia (quota 23,54mt) :

15 Pagina 14 di 37 struttura principale realizzata con profili in acciaio S275 e impalcato costituito da lamiera grecata più getto cls H=12cm graticcia (quota 23,54mt) : struttura in acciaio copertura falde inferiori : solaio in latero cemento 20+4 C28/35 copertura principale : capriate in legno lamellare GL36H+ tavolato tutte le scale di accesso ai piani verranno realizzate con soletta in getto pieno s=16cm C28/35 TIPOLOGIA STRUTTURALE PLATEA La porzione di edificio denominata PLATEA sarà costituita da una struttura formata da telai di travi e pilastri - setti orditi nelle due direzioni ortogonali. Pilastri e setti verranno realizzati in cemento armato del tipo C 28/35, ad esclusione dei pilastri che si affacciano dal secondo e terzo ordine che verranno realizzati in legno lamellare del tipo GL36H. Gli orizzontamenti vengono qui di seguito descritti: solaio di accesso alla platea (quota +2,33mt / 2,60mt) : solaio in latero cemento 20+4 solai primo ordine (quota 5,43mt) : - solaio in latero cemento 20+4 nella zona ai lati dei vani scala (ripostigli/servizi) e nel corridoio di accesso al primo ordine - solaio in getto pieno s=12cm nel solaio del primo ordine ad esclusione della porzione a sbalzo sulla platea che sarà in latero cemento 20+4 solai secondo ordine (quota 10,08mt) : - solaio in latero cemento 20+4 nella zona ai lati dei vani scala (ripostigli/servizi) e nel corridoio di accesso al secondo ordine - solaio palchetti secondo ordine realizzato con travi in legno GL36H, tavolato + 5cm di caldana collaborante in cls solai terzo ordine (quota 13,73mt) : - solaio in latero cemento 20+4 nella zona ai lati dei vani scala (ripostigli/servizi) e nel corridoio di accesso al terzo ordine - solaio palchetti terzo ordine realizzato con travi in legno GL36H, tavolato + 5cm di caldana collaborante in cls solai loggione (quota 17,56mt) : - solaio in latero cemento 20+4 nella zona ai lati dei vani scala (ripostigli/servizi) e nel corridoio di accesso al loggione solai vano tecnico (quota 20,64mt) :

16 Pagina 15 di 37 - solaio in latero cemento 20+4 nella zona ai lati dei vani scala - struttura realizzata con profili in acciaio S275 e impalcato costituito da lamiera grecata più getto cls H=12cm per la porzione di solaio che collega sul retro della platea i due vani tecnici - struttura realizzata in legno lamellare del tipo GL36H con impalcato costituita da travi +tavolato e caldana collaborante da 10cm per la porzione di solaio sospesa sul boccascena copertura falde inferiori : solaio in latero cemento 20+4 C28/35 ad esclusione della porzione soprastante le scale di accesso alla sala polifunzionale che verrà realizzato in legno lamellare sala polifunzionale (quota 23,54mt) : realizzata con struttura principale in travi di legno lamellare GL36H appese alla copertura, tavolato e caldana collaborante da 10cm vano tecnico sopra la zona di accesso alla sala polifunzionale : realizzato con struttura principale in legno lamellare e tavolato copertura principale : capriate in legno lamellare GL36H+ tavolato tutte le scale di accesso ai piani verranno realizzate con soletta in getto pieno s=16cm C28/35 TAMPONAMENTI ESTERNI Per quanto riguarda i tamponamenti esterni verranno realizzati in muratura faccia-vista sulla superficie esterna ed in poroton nella parte interna a ripristinare gli spessori originari delle pareti polettiane RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE ALTEZZA ANTINCENDIO DELL EDIFICIO L altezza antincendio dell edificio è inferiore a 24 m. Infatti le aperture più alte dell ultimo piano abitabile (vani tecnici esclusi) sono le finestre a mezza luna della sala polifunzionale situata al di sopra del Foyer. I livelli inferiori di tali aperture, lato Piazza Malatesta, si trovano, rispetto al piano strada, a quota inferiore a 24 m, tenendo conto delle tolleranze ammesse dal DM 30/11/1983. Nonostante ciò le strutture portanti avranno comunque caratteristiche di resistenza al fuoco R 120, come richiesto per edifici aventi altezza antincendio superiore a 24 m, e le strutture separanti avranno caratteristiche di resistenza al fuoco REI 90. Per le strutture di pertinenza delle aree a rischio specifico si applicano le disposizioni emanate nelle relative normative di prevenzione incendi, come specificato nei seguenti paragrafi.

17 Pagina 16 di REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI Pavimenti Soffitti Il pavimento della Sala sarà in listoni di legno naturale ad alta resistenza all usura, montati su supporti tali da non consentire scricchiolii al calpestio. Sarà del tipo galleggiante per una migliore risposta armonica. Il pavimento dei palchetti sarà in listoni di legno naturale stabilmente aderenti a strutture non combustibili. Nei corridoi verrà collocato un pavimento in cotto fatto a mano: sarà montato su supporti insonorizzanti onde evitare il trasmettersi del rumore dentro la Sala. Tutti i controsoffitti saranno realizzati in gesso con nervatura in maglia metallica a nido d ape zincata, ancorata ad una struttura con profili in lamiera zincata. Le centinature saranno tali da adattarsi alle diverse forme e curvature delle volte. La finitura sarà realizzata con uno strato sottile di scagliola. I controsoffitti avranno classe di reazione al fuoco non superiore ad 1 e saranno omologati tenendo conto delle effettive condizioni di impiego anche in relazione alle possibili fonti di innesco. La volta principale della Sala avrà una struttura portante, con profili in acciaio, autonoma rispetto al solaio del sottotetto, tale da evitare vibrazioni ed assestamenti Stucchi, modanature e decorazioni Negli atri, nei corridoi, nei disimpegni, nelle rampe, nei passaggi in genere e nelle vie di esodo, si impiegheranno materiali di classe 1 in ragione, al massimo, del 50% della loro superficie totale (pavimento + pareti + soffitti + proiezioni orizzontali delle scale); per le restanti parti saranno impiegati materiali di classe 0. In tutti gli altri ambienti sarà consentito che i materiali di rivestimento dei pavimenti siano di classe 2 e che gli altri materiali di rivestimento siano di classe Parapetti I parapetti del primo e del secondo ordine di palchetti saranno realizzati con struttura in legno tamburato, rifinito a stucco. Sarà sormontato da un cuscinetto lineare di velluto imbottito con schiuma poliuretanica autoestinguente; sarà sormontato da un tubo in ottone lucido per garantire l altezza di sicurezza ma anche la visibilità verso il Palcoscenico. I parapetti del terzo ordine di palchetti e del loggione saranno realizzati con transenne in fusione di ghisa placcata a bolo con fogli di similoro e lucidati con pietra d agata. La finitura superiore sarà completata da un corrimano in legno rivestito superiormente da un cuscinetto lineare di velluto imbottito con schiuma poliuretanica autoestinguente.

18 Pagina 17 di 37 Sarà anch esso sormontato da un tubo in ottone lucido per garantire l altezza di sicurezza ma anche la visibilità verso il Palcoscenico. I parapetti delle scale di servizio saranno realizzati con balaustrini in ghisa con inserti in ottone, secondo i disegni originali del Poletti Poltroncine Tutte le sedute della Sala saranno realizzate in legno massello sagomato; le sedute a ribaltina, i braccioli e lo schienale saranno rivestiti con velluto imbottito con schiuma poliuretanica autoestinguente in modo che complessivamente la seduta sia di classe 1 IM di RF ai fini antincendio. Le poltroncine della platea e del loggione saranno ancorate a pavimento, mentre quelle dei palchetti saranno mobili Tappezzeria Poltroncine I palchetti ed il loggione avranno le pareti rivestite in tappezzeria con tessuto damascato di classe antincendio 1. Avranno incorniciature con listelli di legno intagliato e stucchi, le parti a rilievo saranno rifinite con placcatura a bolo con fogli di similoro e lucidate con pietra d agata. Tutti i tendaggi, relativi agli ingressi alla sala, ai palchetti, di incorniciatura dei palchetti, la mantovana (arlecchino) ed il velario saranno realizzati in velluto pesante di classe antincendio 1; saranno rifiniti con guarnizioni e frange. Per il sipario dovrà essere recuperato l originale dipinto dal Coghetti. Il sipario, attualmente giacente presso i magazzini comunali, dovrà essere adeguatamente pulito, restaurato nella struttura e nella parte pittorica (tempera su tela); inoltre dovrà essere posto su di un adeguato supporto che consenta il suo utilizzo senza traumi per il dipinto ed in sicurezza, con adeguati meccanismi per la movimentazione scenica.

19 Pagina 18 di Infissi Le porte di accesso alla Sala, ai palchetti e al loggione saranno realizzate in legno massello con specchiature a rilievo, saranno laccate, le decorazioni e le cornici saranno su diverse tonalità di colore; le maniglie saranno in fusione in ottone dorato. Anche i telai e le cornici saranno in legno massello laccato MATERIALE SCENICO Per la realizzazione degli scenari fissi e mobili (quinte, velari, tendaggi e simili) verranno impiegati materiali combustibili di classe di reazione al fuoco non superiore a DISTRIBUZIONE DEI POSTI A SEDERE In platea i posti a sedere, di tipo fisso, saranno dunque distribuiti in settori con non più di 160 posti (118), con un massimo di 16 posti per fila (15) e di 10 file (9). La distanza tra lo schienale di una fila di posti ed il corrispondente schienale della fila successiva sarà di almeno di 0,8 m. Nello spazio della fossa per l orchestra, dove la distanza tra gli schienali delle file sarà di almeno 1,1 m, i posti a sedere saranno distribuiti con un massimo di 20 posti per fila (18) e di 15 file (4). La larghezza di ciascun posto (con braccioli) sarà almeno di 0,5 m. Le poltrone saranno saldamente fissate al suolo ed avranno sedile del tipo a ribaltamento per gravità. I settori saranno separati l uno dall altro mediante passaggi longitudinali e trasversali di larghezza non inferiore a 1,2 m. File di 4 posti saranno accostate alle pareti laterali della sala. Nel loggione tra la balaustra e la prima fila antistante di posti, sarà lasciato un passaggio di larghezza non inferiore a 0,6 m, misurato a sedile abbassato. L altezza della balaustra sarà non inferiore a 1 m. Non verranno collocati sedili mobili e sedie a ruote nei passaggi e nei corridoi. Non saranno previsti posti in piedi. 2.5 MISURE PER L ESODO DEL PUBBLICO L altezza dei percorsi sarà, in ogni caso, non inferiore a 2 m. La larghezza utile dei percorsi sarà misurata deducendo l ingombro di eventuali elementi sporgenti con esclusione degli estintori. Tra gli elementi sporgenti non verranno considerati quelli posti ad un altezza superiore a 2 m ed i corrimano con sporgenza non superiore ad 8 cm.

20 Pagina 19 di 37 Le uscite dalla sala saranno distribuite con criteri di uniformità e di simmetria rispetto all asse longitudinale della stessa. Le rampe ubicate lungo le vie di uscita, a servizio di aree ove è prevista la presenza di persone con ridotte o impedite capacità motorie, non avranno pendenza superiore all 8%. I pavimenti in genere ed i gradini in particolare non avranno superfici sdrucciolevoli. Superfici vetrate e specchi non saranno installati se possono trarre in inganno sulla direzione dell uscita. I guardaroba saranno ubicati in modo tale che il loro utilizzo da parte degli spettatori, non costituisca ostacolo alla normale circolazione ed al deflusso del pubblico. LARGHEZZA DELLE VIE DI USCITA La larghezza di ogni singola via di uscita sarà multipla del modulo di uscita (0,6 m) e comunque non inferiore a due moduli (1,2 m). La larghezza totale delle uscite da ogni piano, espressa in numero di moduli di uscita, è stata determinata dal rapporto tra l affollamento previsto al piano e la capacità di deflusso relativa. Dal momento che il Teatro occuperà più di due piani fuori terra, la larghezza totale delle vie di uscita che immettono su luogo sicuro all aperto, è stata calcolata sommando gli affollamenti previsti su due piani consecutivi, con riferimento a quelli aventi maggiore affollamento. LUNGHEZZA DELLE VIE DI USCITA - Per il Teatro (sala, primo, secondo, terzo ordine e loggione) la lunghezza massima del percorso di uscita fino a luogo sicuro (spazio scoperto o scala a prova di fumo), non sarà superiore a 70 m, essendo previsti, nella sala, efficaci impianti di smaltimento dei fumi asserviti ad impianti di rivelazione automatica degli incendi. - Per la sala polifunzionale nel piano soffitta la lunghezza massima del percorso di uscita fino a luogo sicuro (scala a prova di fumo), non sarà superiore a 70 m, essendo previsti, in tale sala, efficaci impianti di smaltimento dei fumi asserviti ad impianti di rivelazione automatica degli incendi (oltre all impianto di spegnimento automatico sprinkler). MISURE PER L ESODO DALLA PLATEA In platea sarà previsto un numero massimo di spettatori (compresa anche la zona della fossa per l orchestra) pari a 348. Le due uscite di emergenza laterali (una che conduce su Via Poletti ed una che conduce su P.zza Malatesta) avranno larghezza pari a 180 cm (pari a 3 moduli ciascuna). Da queste uscite potranno quindi evacuare =224 persone. Le rimanenti 124 persone potranno uscire dalle porte sul Foyer e per loro sarebbero sufficienti 4 moduli. A queste vanno sommate al massimo 92 pesone provenienti dal primo ordine, per un totale di 216 persone. Per l uscita di 216 persone dal Foyer verso l esterno sarebbero sufficienti 6 moduli. MISURE PER L ESODO DAI PALCHI In ciascun ordine di palchi saranno presenti 92 persone. Gli spettatori del primo ordine di palchi usciranno dalle uscite verso il Foyer, scenderanno le scale monumentali dello stesso per poi uscire dalle uscite di sicurezza del Foyer.

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Articolo 1 Campo di applicazione d) auditori e sale convegno; Allegato REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO Settore Patrimonio e Demanio Servizi Progettazione Manutenzione Fabbricati Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295111 Fax 0341.295444 AMPLIAMENTO I.P.S.S.C.T.S. G. FUMAGALLI IN CASATENOVO

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.148 del 27.06.1987

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987 DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n 246 Gazzetta Ufficiale n 148 del 27 giugno 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE 1.8 RELAZIONE ANTINCENDIO PROGETTAZIONE: DOTT. ING. GIANCARLO CASULA COLLABORATORI: DOTT. ING. BASILIO SECCI DOTT. ING. DAVIDE MARRAS Pag. 2 di 1.8 - RELAZIONE TECNICA

Dettagli

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile DECRETO MINISTERO DELL INTERNO 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2 marzo 2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

COMUNE DI CAORSO PROVINCIA DI PIACENZA. Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX

COMUNE DI CAORSO PROVINCIA DI PIACENZA. Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX COMUNE DI CAORSO PROVINCIA DI PIACENZA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RICHIESTA DI PARERE PREVENTIVO COMANDO VIGILI DEL FUOCO Relativo ai locali

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

RELAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI 1.1 Generalità I locali in oggetto, destinati a trattenimenti e pubblici spettacoli, ovvero concerti, conferenze, congressi, proiezioni cinematografiche e rappresentazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA TIPOLOGIE DI SPAZI DELLE PALESTRE All interno delle palestre si distinguono le seguenti tipologie minime di spazi: Locali principali (sempre presenti): 1.locale palestra

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari I SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. GENERALITÀ... 3 2.1. SCOPO... 3 2.2. DESTINAZIONE D USO... 3 2.3. CLASSIFICAZIONE... 4 3. UBICAZIONE... 4 3.1. GENERALITÀ... 4 3.2. ACCESSO ALL AREA... 4 4. SEPARAZIONI -

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero dell Interno 22 febbraio 2006 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici.

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA La relazione tecnica è redatta a dimostrazione dell'osservanza

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Centri commerciali e locali di vendita Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it Gli esercizi commerciali sono luoghi frequentati quotidianamente da

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: Legge 27 dicembre 2002, art. 80, comma 21. PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione

Dettagli

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI*

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI A distanza di più di vent anni dall emanazione delle norme di prevenzione

Dettagli

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2/03/2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983) Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO VISTA la

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Gli impianti di ascensori Ing. G. Sola 1 File: ascensori Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 28 novembre 2005 Attività specifica

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Caneva Provincia di Pordenone LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA CENTRO STUDI DI VIA MARCONI PROGETTO ESECUTIVO ALL. E: RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1 1 Edilizia scolastica e sicurezza nella scuola: lo stato degli adempimenti Le 10.798 scuole statali sono dislocate in 41.328 edifici ove studiano e lavorano oltre 10 milioni di persone. Come si sa, ai

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero dell interno 26 agosto 1992 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 16 settembre 1992) IL MINISTRO DELL INTERNO Vista

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

C. Scale e ascensori

C. Scale e ascensori Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre PREVENZIONE INCENDI 167 C. Scale e ascensori Scale Il numero e la larghezza delle scale a servizio di particolari attività (ad esempio alberghi o locali di pubblico spettacolo)

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI

LA PREVENZIONE INCENDI Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia LA PREVENZIONE INCENDI Prof. Ing. Marco Romagna PREVENZIONE INCENDI 1. Riduzione al minimo delle occasioni di incendio. Stabilità

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia Decreto del Ministero dell Interno 18 settembre 2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private.

Dettagli

DECRETO 22 ottobre 2007

DECRETO 22 ottobre 2007 DECRETO 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA Ordine degli Ingegneri della provincia di Taranto Corso di specializzazione in prevenzione incendi ai sensi della Legge 818/1984 e del D.M. 25/3/1985 MODULO C Tecnologie dei materiali e delle strutture

Dettagli

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DM 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere esistenti di cui al decreto 9 aprile

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA Materiale Il componente (o i componenti variamente associati) che può (o possono) partecipare alla combustione

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE UNIVERSITA PISA SCIENZA E TECNICA DELLA PREVENZIONE INCENDI LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE PISA, 28/03/2015 Dr Ing Fabio Bernardi Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette

Dettagli

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Palcoscenici 05.05.2003 / 107-03i

Dettagli

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli.

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli. Relazione tecnica relativa alla realizzazione di autorimessa annessa a nuovo edificio di civile abitazione (DM 1 febbraio 1986 G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) 1.1 Classificazione Trattasi di autorimessa

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI OPERE CIVILI 1 PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI...6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO

CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO DELLA SCUOLA MEDIA B. CROCE corso Novara 26 - Torino RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: BOWLING RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso di costruire è

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi)

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Istruzioni Canton Ticino nr. 02 Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Il presente formulario non è vincolante, ma rappresenta un mezzo ausiliario per le autorità di

Dettagli

Decreto Ministeriale 19 agosto 1996 (in Suppl. ordinario n. 149, alla Gazz. Uff. n. 214, del 12 settembre)

Decreto Ministeriale 19 agosto 1996 (in Suppl. ordinario n. 149, alla Gazz. Uff. n. 214, del 12 settembre) Decreto Ministeriale 19 agosto 1996 (in Suppl. ordinario n. 149, alla Gazz. Uff. n. 214, del 12 settembre) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed

Dettagli

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA Relazione prevenzione incendio Pag. 1 di 16 NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli PROPRIETA : OGGETTO: ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA ELABORATO: RELAZIONE TECNICA Relazione prevenzione incendio

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 15/09/2005 Gazzetta Ufficiale N. 232 del 05/10/2005

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 15/09/2005 Gazzetta Ufficiale N. 232 del 05/10/2005 Legge Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 15/09/2005 Gazzetta Ufficiale N. 232 del 05/10/2005 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attivita' ricettive turistico-alberghiere esistenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE INDICE 1) Premessa 2) Progetto edilizio 3) verifica norme antincendio 4) Attività 91 5) Mezzi ed impianti fissi di estinzione 6) Segnaletica di sicurezza 1 REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO UFFICI D.M.

TESTO COORDINATO E COMMENTATO UFFICI D.M. TESTO COORDINATO E COMMENTATO UFFICI D.M. 22 febbraio 2006 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad

Dettagli

Decreto del Ministero dell interno

Decreto del Ministero dell interno Decreto del Ministero dell interno Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina

Dettagli

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI VARESE VENERDI 07 Maggio 10 - ore 8,30 Sede: UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - Villa Toeplitz Relatore: Ing.

Dettagli

Decreto Ministeriale del 10/09/1986 Nuove norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio di impianti sportivi.

Decreto Ministeriale del 10/09/1986 Nuove norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio di impianti sportivi. Decreto Ministeriale del 10/09/1986 Nuove norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio di impianti sportivi. IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570; Vista la legge 13

Dettagli

Sede attuale: Impianto in progetto: PROGETTO DEFINITIVO. relativo al TRASFERIMENTO di un IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI METALLICI

Sede attuale: Impianto in progetto: PROGETTO DEFINITIVO. relativo al TRASFERIMENTO di un IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI METALLICI Il Progettista: Dott. iscritto al n. 1023 dell'ordine degli Ingegneri di Vicenza Provincia di Vicenza Comune di Tezze sul Brenta Consulenza tecnica: Per. Ind. Antonio Lovato iscritto al n. 1573 del Collegio

Dettagli

Ospedale "Cristo Re"

Ospedale Cristo Re ROMA CAPITALE Ospedale "Cristo Re" Ospedale CRISTO RE sito in Roma, Via delle Calasanziane n. 25 PREVENZIONE INCENDI PARERE DI CONFORMITA PROGETTO (D.M. 1/08/2011 n. 151) Relazione Tecnica SEIP srl Engineering

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

Studio di Architettura Urbanistica e Arredamento Arch. Aldo Cappelletti Via P. Frattini n 285, 00149 Roma, tel/fax 06/55287322 C.F.

Studio di Architettura Urbanistica e Arredamento Arch. Aldo Cappelletti Via P. Frattini n 285, 00149 Roma, tel/fax 06/55287322 C.F. 1 2 RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA VALUTAZIONE DEL PROGETTO AI SENSI DELL ART. 3 DEL D.P.R. 01/08/2011 COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO Settore LL.PP. Servizi Cimiteriali PROGETTO II AMPLIAMENTO

Dettagli

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 APPROVAZIONE DELLA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER

Dettagli