INCONTRO DI FORMAZIONE PER I LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INCONTRO DI FORMAZIONE PER I LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI AMANDOLA E MONTEFORTINO INCONTRO DI FORMAZIONE PER I LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO AMANDOLA, 13 GIUGNO 2013

2 REQUISITI STRUTTURALI E DI SICUREZZA DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI

3 NORME TECNICHE RELATIVE ALL EDILIZIA SCOLASTICA CRITERI GENERALI RELATIVI ALLA LOCALIZZAZIONE ED ALLA DIMENSIONE DELLA SCUOLA CARATTERISTICHE GENERALI E DI SICUREZZA DELL AREA NORME RIFERITE SIA ALL OPERA IN GENERALE CHE AGLI SPAZI SPECIFICI NORME RIFERITE AGLI ARREDI ED ALLE ATTREZZATURE NORME RIFERITE ALLE CONDIZIONI DI ABITABILITA

4 NORME TECNICHE RELATIVE ALL EDILIZIA SCOLASTICA NORME RIFERITE SIA ALL OPERA IN GENERALE CHE AGLI SPAZI SPECIFICI 1. UNITA PEDAGOGICA (AULA) 2. LABORATORI 3. OFFICINE 4. ATTIVITA SPORTIVA 5. SERVIZIO SANITARIO 6. MENSA 7. AMMINISTRAZIONE 8. DISTRIBUZIONE 9. SERVIZI IGIENICI E SPOGLIATOI NORME RIFERITE ALLE CONDIZIONI DI ABITABILITA 1. ACUSTICA 2. ILLUMINAZIONE E COLORE 3. TERMOIGROMETRICHE E PUREZZA DELL ARIA 4. CONDIZIONI D USO 5. SICUREZZA

5 AULA ALTEZZA MINIMA LARGHEZZA MINIMA SUPERFICIE NETTA PER ALUNNO SCUOLE DELL OBBLIGO SUPERFICIE NETTA PER ALUNNO SCUOLE SUPERIORI NUMERO ALUNNI PER CLASSE 3 m 6m 1,80 m 2 1,96 m 2 25

6 AULA NON SI POSSONO ALLESTIRE AULE NEI LOCALI INTERRATI O SEMINTERRATI PAVIMENTAZIONE REGOLARE E ANTISDRUCCIOLO POSSIBILITA DI AREAZIONE E ILLUMINAZIONE NATURALI ASSENZA DI MATERIALI CHE POSSONO CREARE CONDIZIONI DI PERICOLO O NON FRUIBILITA DEGLI SPAZI ATTREZZATURE ADEGUATE ALLE NORME DI SICUREZZA (esperienze scientifiche) CORRETTA DISPOSIZIONE DI BANCHI ED ARREDI

7 REQUISITI ILLUMINOTECNICI DISTANZE TRA PERETI FINESTRATE ED OPPOSTE AD ALTRI EDIFICI PROFONDITA DELL AULA RISPETTO ALLE PARETI FINESTRATE SUPERFICIE FINESTRATA ARCHITRAVE DELLE FINESTRE DISTANZE TRA LE FINESTRE VETRI > 12 m < 6m Da 1/5 ad 1/7 ALTO IL PIU POSSIBILE NON TROPPO AMPIA BIANCHI

8 REQUISITI ILLUMINOTECNICI VALORI MINIMI DI ILLUMINAZIONE TAVOLI DA DISEGNO E LAVAGNE TAVOLI DI STUDIO, LABORATORI ED UFFICI SPAZI PER RIUNIONI E PALESTRE A 0.6 m DAL PAVIMENTO CORRIDOI, SCALE SERVIZI IGIENICI A 1.0 m DAL PAVIMENTO NATURALMENTE: PARETI E SOFFITTI TINTEGGIATI CON COLORI NEUTRI E CHIARI GARANTENDO ADEGUATI INDICI DI RIFLESSIONE 300 LUX 200 LUX 100 LUX 100 LUX

9 REQUISITI IGIENICI DEGLI AMBIENTI AULE ELEMENTARI MEDIE SUPERIORI CORRIDOI E UFFICI RICAMBI D ARIA SERVIZI IGIENICI, PALESTRE E MENSE 2,5 V/h 3,5 V/h 5 V/h 1,5 V/h 2,5 V/h

10 REQUISITI IGIENICI DEGLI AMBIENTI INVERNO ESTATE PARAMETRI TERMOIGROMETRICI MIN TEMPERATURA MAX UMIDITA TEMPERATURA UMIDITA MIN MAX MIN MAX MIN MAX 18 C 22 C 45 % 55 % < 26 C 40% 60%

11 DAL PUNTO DI VISTA STRUTTURALE, DIMENSIONALE ED IMPIANTISTICO BISOGNA FARE RIFERMENTO AI CORRISPONDENTI AMBIENTI DI TIPO LAVORATIVO ESEMPIO I LABORATORI DI MACCHINE UTENSILI, DI ELETTROTECNICA E CHIMICA, DOVRANNO AVERE LE STESSE CARATTERISTICHE DELLE OFFICINE PER MACCHINE UTENSILI, DELLE OFFICINE PER LETTROTECNICA E DEI LABORATORI DI CHIMICA

12 ALTEZZA > 3 m SUPERFICIE per lavoratore > 2 mq CUBATURA per lavoratore > 10 mc ILLUMINAZIONE NATURALE 1/10 AREAZIONE NATURALE 1/20

13 DOTATE DI ZONA DESTINATA AGLI INSEGNANTI UNO O PIU AMBIENTI CON SERVIZI IGIENICI E DOCCIA SERVIZI PER GLI ALLIEVI SPOGLIATOI, SERVIZI IGIENICI E DOCCIA ACCESSO ALLIEVI DAGLI SPOGLIATOI

14 PAVIMENTI E PARETI LAVABILI SUPERFICIE: 1,5 mq PER PERSONA ALTEZZA INTERNA: 2.70 m ILLUMINAZIONE ED AREAZIONE NATURALE: 1/10 SUP.

15 DIVISI PER SESSO NUMERO CONGRUO ALMENO 1 PER PIANO 1 GABINETTO OGNI 25 PERSONE PAVIMENTAZIONE ANTISDRUCCIOLO CHIUSINO DI SCARICO PER RACCOLTA ACQUE ILLUMINAZIONE E AREAZIONE PREFERIBILMENTE NATURALI CHIUSURE GABINETTI DALL INTERNO (escluse scuole materne) CON SICUREZZA DI APERTURA DALL ESTERNO

16 RISCHI CONNESSI ALL UTLIZZO DELLE STRUTTURE

17 CARENZE O INADEGUATEZZE STRUTTURALI INADEGUATEZZA DEGLI ARREDI INADEGUATEZZA DELLE STRUTTURE DI LAVORO RISCHIO INCENDIO NON CORRETTO COMPORTAMENTO

18 RISCHI ROTTURA DEL VETRO CONTATTO ACCIDENTALE ARRAMPICAMENTO MISURE DI PREVENZIONE SE APRIBILI VERSO L INTERNO NON DEBBONO INTERFERIRE CON I BANCHI O CON LE VIE DI FUGA L APERTURA VERSO L ESTERNO DA FISSARE CON SISTEMA DI BLOCCAGGIO PREFERIRE FINESTRE CON APERTURA A SCORRIMENTO E DISPOSITIVO DI BLOCCAGGIO POSSIBILI ANCHE FINESTRE A SALISCENDI CON SISTEMA DI BLOCCAGGIO VETRO ANTISFONDAMENTO (stratificato) O VETRO RETINATO

19 RISCHI SFONDAMENTO CONTATTO ACCIDENTALE MISURE DI PREVENZIONE VETRO STRATIFICATO SEGNALAZIONE MEDIANTE ADESIVI O ALTRA SEGNALETICA

20 RISCHI ROTTURA DEL VETRO (SE PRESENTE) CONTATTO ACCIDENTALE QUANDO APERTA ARRAMPICAMENTO ROTTURA DELLA MANIGLIA PER COMPORTAMENTO SCORRETTO O SCARSA MANUTENZIONE MISURE DI PREVENZIONE L APERTURA NON DEVE INTERFERIRE CON I PASSAGGI E SOPRATTUTTO CON LE VIE DI FUGA ADOTTARE MATERIALI INFRANGIBILI O NON FACILMENTE DEPERIBILI ADOTTARE PROFILI CON SPIGOLI ARROTONDATI FISSARE LA PORTA IN APERTURA CON SISTEMI A CALAMITA O ALTRO ESEGUIRE CONTROLLI MENSILI SULLO STATO DI EFFICIENZA E CONSERVAZIONE ADOTTARE PORTE DEI BAGNI CON SISTEMA DI APERTURA ANCHE DALL ESTERNO SENSIBILIZZAZIONE DEGLI OCCUPANTI AD UN CORRETTO USO

21 RISCHI SCIVOLAMENTO CADUTA IN PIANO (INCIAMPO) MISURE DI PREVENZIONE UTILIZZO DI MATERIALI ANTISDRUCCIOLO CONTROLLO MENSILE PER EVENTUALE DISTACCO DAL SOTTOFONDO CONTROLLO SUBITO DOPO LA POSA SEGNALARE O INTERDIRE LA ZONA IN CASO DI LAVAGGIO SENSIBILIZZAZIONE AD UN USO CORRETTO

22 RISCHI SCIVOLAMENTO MATERIALI SCIVOLOSI DISTRAZIONE DA ELEMENTI DI DISTURBO COMPORTAMENTI INDISCIPLINATI MISURE DI PREVENZIONE ALZATA E PEDATA REGOLARI (pedata min. 30 cm alzata max 16 cm) PEDATA IN MATERIALE ANTISDRUCCIOLO per scale esterne gomma a bolli o metallo zigrinato per scale interne striscia di materiale antisdrucciolo NON PULIRE CON PRODOTTI CHE AUMENTANO LA SCIVOLOSITA ILLUMINAZIONE ADEGUATA EVITARE LA POSA DI OSTACOLI O ELEMENTI DI DISTRAZIONE

23 RISCHI SCIVOLAMENTO COMPORTAMENTI INDISCIPLINATI FRETTA MISURE DI PREVENZIONE CONTROLLO ALL USCITA DEGLI ALLIEVI GESTIONE ORDINATA (ORGANIZZATA) DELL USCITA SENSIBILIZZAZIONE AD UN USO CORRETTO PERCORRERLE SEMPRE CON ANDATURA REGOLATA

24 RISCHI CADUTA DALL ALTO IMPIGLIAMENTO NELLA RINGHIERA MISURE DI PREVENZIONE ALTEZZA MINIMA: 1,00 m EVITARE RINGHIERE CHE FACILITINO L IMPIGLIAMENTO DI PARTI DEL CORPO O L ARRAMPICAMENTO SPAZI VUOTI CHE NON LASCINO PASSARE UNA SFERA DI 10 cm DI DIAMETRO MATERIALI CON TERMINALI E SPIGOLI ARROTONDATI SEMPRE AD ELEMENTI VERTICALI (AD ECCEZIONE DEL CORRIMANO) PREFERIRE PARAPETTI CHIUSI SENSIBILIZZARE L USO CORRETTO

25 RISCHI CADUTA MISURE DI PREVENZIONE POSIZIONAMENTO SU ENTRAMBE I LATI DELLA SCALA PRESA FACILE SIA PER ADULTI CHE BAMBINI (doppio corrimano) PREFERIRE ELEMENTI TUBOLARI SENSIBILIZZARE L USO CORRETTO

26 RISCHI CADUTA IN PIANO CONTATTO ACCIDENTALE CON GLI ARREDI SCIVOLAMENTO MISURE DI PREVENZIONE PRIVI DI OSTACOLI E MATERIALI INGOMBRANTI CHE OSTACOLINO CIRCOLAZIONE E PASSAGGIO ILLUMINAZIONE ADEGUATA DIMENSIONI ADEGUATE (larghezza min. 2 m 2,5 m se con appendiabiti) ESTINTORI E MANICHETTE AD ALTEZZA ADEGUATA

27 RISCHI CADUTA IN PIANO CONTATTO ACCIDENTALE CON GLI ARREDI SCIVOLAMENTO MISURE DI PREVENZIONE PAVIMENTATI CON MATERIALI ANTISCIVOLO PULITI CON PRODOTTI CHE NON AUMENTINO LA SCIVOLOSITA CONTROLLO DELL USCITA DEGLI ALLIEVI SENSIBILIZZAZIONE AD UN ADEGUATO COMPORTAMENTO

28 RISCHI CONTATTO ACCIDENTALE ARRAMPICAMENTO SCOTTATURE MISURE DI PREVENZIONE POSIZIONARLI POSSIBILMENTE INCASSATI NEL MURO PREDILIGERE CONTROLLO DEI COMPORTAMENTI DEGLI ALLIEVI SENSIBILIZZAZIONE AD UN USO CORRETTO

29 RISCHI CONTATTO ACCIDENTALE ARRAMPICAMENTO CADUTA DALL ALTO CADUTA SOPRA GLI OCCUPANTI L AMBIENTE MISURE DI PREVENZIONE FISSARE ALLA PARETE MOBILIA E ARREDI LEGGERI PREDILIGERE ARMADI CHIUSI (sempre fissati alla parete) NON COLLOCARE OGGETTI SOPRA GLI ARMADI USARE SCALE A NORMA E BEN ANCORATE PER RAGGIUNGERE I RIPIANI IN ALTO

30 BARRIERE ARCHITETTONICHE

31 LE BARRIERE ARCHITETTONICHE POSSONO ESSERE RAPPRESENTATE DA : ELEMENTI ARCHITETTONICI INADEGUATI PARCHEGGI PORTE SCALE CORRIDOI DA OGGETTI O ARREDI INADEGUATI LAVANDINI E WC ARMADI BANCHI DALLA MANCANZA DI ACCORGIMENTI SEGNALETICA OPPORTUNA CORRIMANO

32 L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE E UN DIRITTO DEL CITTADINO SANCITO DALLA COSTITUZIONE PER UNA QUESTIONE MORALE PERCHE SEMPLIFICA LE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE DEGLI EDIFICI IN CUI SONO PRESENTI PERSONE CON RIDOTTE CAPACITA MOTORIE PERCHE EVITA IL VERIFICARSI DI INCIDENTI ED INFORTUNI

33 NORMATIVA IN MATERIA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE HA INTRODOTTO TRE CONDIZIONICHE DOVREBBERO ESSERE RISPETTATE DA QUALSIASI EDIFICIO PUBBLICO O PRIVATO ACCESSIBILITA ADATTABILITA VISITABILITA

34 ACCESSIBILITA ESISTENZA DI ALMENO UN PERCORSO PER L ACCESSO ALL EDIFICIO, FRUIBILE ANCHE DA PARTE DI PERSONE CON RIDOTTE O IMPEDITE CAPACITA MOTORIE O SENSORIALI; POSSIBILITA DI FRUIRE DEGLI SPAZI INTERNI DELL EDIFICIO E DELLE SUE ATTREZZATURE IN CONDIZIONI DI ADEGUATA SICUREZZA ANCHE DA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. ADATTABILITA POSSIBILITA DI MODIFICARE NEL TEMPO LO SPAZIO COSTRUITO, ALLO SCOPO DI RENDERLO COMPLETAMENTE FRUIBILE ANCHE ALLE PERSONE DIVERSAMENTE ABILI VISITABILITA POSSIBILITA ANCHE DA PERSONE CON RIDOTTE O IMPEDITE CAPACITA MOTORIE O SENSORIALI, DI ACCEDERE AGLI SPAZI DI RELAZIONE E ALMENO UN SERVIZIO IGIENICO.

35 Sicurezza negli aspetti strutturali NORME TECNICHE AGGIORNATE RELATIVE ALL EDILIZIA SCOLASTICA NORMATIVE IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI Attività soggetta a controllo di prevenzione incendi REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI

36 REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI

37 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI ASPETTI STRUTTURALI REQUISITI DI UBICAZIONE DELL EDIFICIO E ACCESSO ALL AREA COMPORTAMENTO AL FUOCO DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI REI COMPORTAMENTO AL FUOCO DEGLI ARREDI DIMENSIONAMENTO DELLE VIE DI ESODO AFFOLLAMENTO ASPETTI PROGETTUALI DI SPAZI PER ESERCITAZIONI E ATTIVITA PARASCOLASTICHE ASPETTI PROGETTUALI DEI SERVIZI TECNOLOGICI APPARECCHIATURE ED IMPIANTI DI PROTEZIONE ANTINCENDIO SEGNALETICA DI SICUREZZA

38 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI AFFOLLAMENTO MASSIMO 26 PERSONE PER AULA 0,4 pers/mq REFETTORI E PALESTRE Persone effettive + 20% per SPAZI DESTINATI A SERVIZI PORTE DELLE AULE

39 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI USCITE Il numero delle uscite dai singoli piani dell'edificio non deve essere inferiore a due. Esse vanno poste in punti ragionevolmente contrapposti. Per ogni tipo di scuola i locali destinati ad uso collettivo (spazi per esercitazioni, spazi per l'informazione ed attività parascolastiche, mense, dormitori) devono essere dotati, oltre che della normale porta di accesso, anche di almeno una uscita di larghezza non inferiore a due moduli, apribile nel senso del deflusso, con sistema a semplice spinta, che adduca in luogo sicuro.(8) Le aule didattiche devono essere servite da una porta ogni 50 persone presenti; le porte devono avere larghezza almeno di 1,20 m(9) ed aprirsi nel senso dell'esodo quando il numero massimo di persone presenti nell'aula sia superiore a 25 e per le aule per esercitazione dove si depositano e/o si manipolano sostanze infiammabili o esplosive quando il numero di persone pre-senti sia superiore a 5. Le porte che si aprono verso corridoi interni di deflusso devono essere realizzate in modo da non ridurre la larghezza utile dei corridoi stessi.

40 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI SISTEMI DI VIE DI USCITA Ogni scuola deve essere provvista di un sistema organizzato di vie di uscita dimensionato in base al massimo affollamento ipotizzabile in funzione della capacità di deflusso ed essere dota-ta di almeno 2 uscite verso luogo sicuro. Gli spazi frequentati dagli alunni o dal personale docente e non docente, qualora distribuiti su più piani, devono essere dotati, oltre che della scala che serve al normale deflusso, almeno di una scala di sicurezza esterna o di una scala a prova di fumo o a prova di fumo interna.

41 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI SCALE Le caratteristiche di resistenza al fuoco dei vani scala devono essere congrue con quanto previ-sto al punto 3.0. La larghezza minima delle scale deve essere di m 1,20. Le rampe devono essere rettilinee, non devono presentare restringimenti, devono avere non meno di tre gradini e non più di quindici; i gradini devono essere a pianta rettangolare, devono avere alzata e pedata costanti, rispettivamente non superiore a 17 cm e non inferiore a 30 cm. sono ammesse rampe non rettilinee a condizione che vi siano pianerottoli di riposo e che la pedata del gradino sia almeno 30 cm, misurata a 40 cm dal montante centrale o dal parapetto interno. Il vano scala, tranne quello a prova di fumo o a prova di fumo interno, deve avere superficie netta di aerazione permanente in sommità non inferiore ad 1 mq. Nel vano di aerazione è consentita l'installazione di dispositivi per la protezione dagli agenti atmosferici.

42 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI SPAZI PER ESERCITAZIONI

43 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI SPAZI PER MAGAZZINI E DEPOSITI

44 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI SPAZI PER L INFORMAZIONE E L ATTIVITA PARASCOLASTICA Vengono definiti "spazi destinati all'informazione ed alle attività parascolastiche", i seguenti locali: - auditori; - aule magne; - sale per rappresentazioni. Detti spazi devono essere ubicati in locali fuori terra o al 1 interrato fino alla quota massima di - 7,50 m; se la capienza supera le cento persone e vengono adibiti a manifestazioni non scola-stiche, si applicano le norme di sicurezza per i locali di pubblico spettacolo. Qualora, per esigenze di carattere funzionale, non fosse possibile rispettare le disposizioni sull'isolamento previste dalle suddette norme, le manifestazioni in argomento potranno essere svolte a condizione che non si verifichi contemporaneità con l'attività scolastica; potranno essere ammesse comunicazioni unicamente nel rispetto delle disposizioni di cui al punto 2.4

45 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI SERVIZI TECNOLOGICI IMPIANTI DI PRODUZIONE DEL CALORE IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO E VENTILAZIONE IMPIANTI IMPIANTO ELETTRICO IMPIANTO ELETTRICO DI SICUREZZA

46 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI SISTEMA DI ALLARME Misure di protezione Le scuole devono essere munite di un sistema di allarme in grado di avvertire gli alunni ed il personale presenti in caso di pericolo. Il sistema di allarme deve avere caratteristiche atte a segnalare il pericolo a tutti gli occupanti il complesso scolastico ed il suo comando deve essere posto in locale costantemente presidiato durante il funzionamento della scuola. Il sistema di allarme può essere costituito, per le scuole di tipo dallo stesso impianto a campanelli usato normalmente per la scuola, purchè venga convenuto un particolare suono. Per le scuole degli altri tipi deve essere invece previsto anche un impianto di altoparlanti.

47 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI SISTEMI E MEZZI DI ESTINZIONE FISSI Misure di protezione Le scuole di tipo , devono essere dotate di una rete di idranti costituita da una rete di tubazioni realizzata preferibilmente ad anello ed almeno una colonna montante in ciascun vano scala dell'edificio; da essa deve essere derivato ad ogni piano, sia fuori terra che interrato, almeno un idrante con attacco UNI 45 a disposizione per eventuale collegamento di tubazione flessibile o attacco per naspo. [ ] Devono essere installati estintori portatili di capacità estinguente non inferiore 13 A, 89 B, C di tipo approvato dal Ministero dell'interno in ragione di almeno un estintore per ogni 200 mq di pavimento o frazione di detta superficie, con un minimo di due estintori per piano. Limitatamente agli ambienti o locali il cui carico d'incendio superi i 30 kg/mq, deve essere installato un impianto di rivelazione automatica d'incendio, se fuori terra, o un impianto di estinzione ad attivazione automatica, se interrato.

48 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI SEGNALETICA DI SICUREZZA Misure di protezione Si applicano le vigenti disposizioni sulla segnaletica di sicurezza, espressamente finalizzata alla sicurezza antincendi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 1982, n. 524 (G.U. n. 218 del 10 agosto 1982).

49 REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INDENDI PER EDIFICI SCOLASTICI INDICAZIONI STRUTTURALI MISURE DI PROTEZIONE PIANO DI EVACUAZIONE IMPORTANTE AI FINI DELLA LIMITAZIONE DEL DANNO POCHE INDICAZIONI INFLUISONO SULLA LIMITAZIONE DELLA PROBABILITA DI ACCADIMENTO DELL INCENDIO

50 LA COMBUSTIONE È UNA REAZIONE CHIMICA SUFFICIENTEMENTE RAPIDA DI UNA SOSTANZA COMBUSTIBILE CON UN COMBURENTE CHE DA LUOGO ALLO SVILUPPO DI CALORE, FIAMMA, GAS, FUMO E LUCE. LE CONDIZIONI NECESSARIE PER AVERE UNA COMBUSTIONE SONO: PRESENZA DEL COMBUSTIBILE PRESENZA DEL COMBURENTE PRESENZA DI UNA SORGENTE DI CALORE (sorgente di innesco) Solitamente il comburente è l ossigeno contenuto nell aria

51 Tipo di combustibile Sorgenti di innesco A - SOLIDI B - LIQUIDI C - GAS D - CHIMICI E METALLI E - NATURA ELETTRICA accensione diretta quando una fiamma, una scintilla o altro materiale incandescente entra in contatto con un materiale combustibile in presenza di ossigeno. Esempi: operazioni di taglio e saldatura, fiammiferi e mozziconi di sigaretta, lampade e resistenze elettriche, scariche statiche. accensione indiretta quando il calore d innesco avviene nelle forme della convezione, conduzione e irraggiamento termico. Esempi: correnti di aria calda generate da un incendio e diffuse attraverso un vano scala o altri collegamenti verticali negli edifici; propagazione di calore attraverso elementi metallici strutturali degli edifici. attrito quando il calore è prodotto dallo sfregamento di due materiali. Esempi: malfunzionamento di parti meccaniche rotanti quali cuscinetti, motori; urti; rottura violenta di materiali metallici. autocombustione o riscaldamento spontaneo quando il calore viene prodotto dallo stesso combustibile come ad esempio lenti processi di ossidazione, reazione chimiche, decomposizioni esotermiche in assenza d aria, azione biologica. Esempi: cumuli di carbone, stracci o segatura imbevuti di olio di lino, polveri di ferro o nichel, fermentazione di vegetali.

52 GAS DI COMBUSTIONE FIAMME Colore della fiamma Rosso nascente Rosso scuro Rosso ciliegia Giallo scuro Giallo chiaro Bianco Bianco abbagliante Temperatura ( C) ossido di carbonio anidride carbonica idrogeno solforato anidride solforosa acido cianidrico FUMO aldeide acrilica fosgene ammoniaca ossido e perossido di azoto acido cloridrico I fumi sono formati da piccolissime particelle solide (aerosol), liquide (nebbie o vapori condensati). Le particelle solide sono sostanze incombuste che si formano quando la combustione avviene in carenza di ossigeno e vengono trascinate dai gas caldi prodotti dalla combustione stessa. Normalmente sono prodotti in quantità tali da impedire la visibilità ostacolando l attività dei soccorritori e l esodo delle persone. Le particelle solide dei fumi che sono incombusti e ceneri rendono il fumo di colore scuro. Le particelle liquide, invece, sono costituite essenzialmente da vapor d acqua che al di sotto dei 100 C condensa dando luogo a fumo di color bianco. CALORE Il calore è la causa principale della propagazione degli incendi. Realizza l aumento della temperatura di tutti i materiali e i corpi esposti, provocandone il danneggiamento fino alla distruzione.

53

54 DIPENDONO DAL TIPO DI INCENDIO COMBUSTIBILE l estinzione dell incendio si ottiene per raffreddamento, sottrazione del combustibile e soffocamento. Tali azioni possono essere ottenute singolarmente o contemporaneamente mediante l uso delle sostanze estinguenti, che vanno scelte in funzione della natura del combustibile e delle dimensioni del fuoco. ACQUA SCHIUMA POLVERI IDROCARBURI ALOGENATI (HALON) GAS INERTI AGENTI ESTINGUENTI ALTERNATIVI ALL HALON

55 ANOSSIA (A CAUSA DELLA RIDUZIONE DEL TASSO DI OSSIGENO NELL ARIA) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA (EFFETTI DEL CALORE)

56 Il calore è dannoso per l uomo potendo causare la disidratazione dei tessuti, difficoltà o blocco della respirazione e scottature. Una temperatura dell aria di circa 150 C è da ritenere la massima sopportabile sulla pelle per brevissimo tempo, a condizione che l aria sia sufficientemente secca. Tale valore si abbassa se l aria è umida. Purtroppo negli incendi sono presenti notevoli quantità di vapore acqueo. Una temperatura di circa 60 C è da ritenere la massima respirabile per breve tempo. L irraggiamento genera ustioni sull organismo umano che possono essere classificate a seconda della loro profondità in: ustioni di I grado superficiali facilmente guaribili ustioni di II grado formazione di bolle e vescicole consultazione struttura sanitaria ustioni di III grado profonde urgente ospedalizzazione

57 OLTRE ALLE LESIONI ALLA SUPERFICIE CUTANEA, L'USTIONE PUÒ COMPORTARE ALTRE GRAVI PATOLOGIE CHE INTERESSANO ORGANI VITALI: Intossicazioni, dovute all'inalazione di ossido di carbonio, vapori o gas bollenti che possono provocare una compromissione delle vie aeree fino al tessuto polmonare; Infezioni, provocate dall'assenza di protezione esercitata dalla pelle contro l'ingresso di microrganismi; Insufficienza renale, per l'eccessivo sforzo a cui è sottoposto il rene per riassorbire i detriti metabolici provenienti dai tessuti di-strutti. Il primo soccorso ad un individuo ustionato consiste innanzitutto nell'allontanarlo dalla sorgente dell'ustione e nello spegnere o eliminare immediatamente indumenti ancora infiammati o eventualmente imbrattati da sostanze chimiche causa di causticazione.

58 CAUSE E PERICOLI DI INCENDIO PIÙ COMUNI deposito o manipolazione non idonea di sostanze infiammabili o combustibili; accumulo di rifiuti, carta o altro materiale combustibile che può essere facilmente incendiato (accidentalmente o deliberatamente); Negligenza nell'uso di fiamme libere e di apparecchi generatori di calore; inadeguata pulizia delle aree di lavoro e scarsa manutenzione delle apparecchiature; impianti elettrici o utilizzatori difettosi, sovraccaricati e non adeguatamente protetti; riparazioni o modifiche di impianti elettrici effettuate da persone non qualificate; apparecchiature elettriche lasciate sotto tensione anche quando inutilizzate; utilizzo non corretto di impianti di riscaldamento portatili; ostruire la ventilazione di apparecchi di riscaldamento, macchinari, apparecchiature elettriche e di ufficio;

59 CAUSE E PERICOLI DI INCENDIO PIÙ COMUNI fumare in aree ove è proibito, o non usare il posacenere; negligenze di appaltatori o di addetti alla manutenzione; etc. ;

60 LA SICUREZZA ANTINCENDIO È ORIENTATA ALLA SALVAGUARDIA DELL INCOLUMITÀ DELLE PERSONE ED ALLA TUTELA DEI BENI E DELL AMBIENTE, MEDIANTE IL CONSEGUIMENTO DEI SEGUENTI OBIETTIVI PRIMARI: 1. La riduzione al minimo delle occasioni di incendio. 2. La stabilità delle strutture portanti per un tempo utile ad assicurare il soccorso agli occupanti. 3. La limitata produzione di fuoco e fumi all'interno delle opere e la limitata propagazione del fuoco alle opere vicine 4. La possibilità che gli occupanti lascino l'opera indenni o che gli stessi siano soccorsi in altro modo. 5. La possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza.

61 OPERATIVAMENTE GESTIONE CORRETTA DELLE OPERAZIONI DI LAVORO DIMINUZIONE DELLA PROBABILITA DI ACCADIMENTO MANTENIMENTO IN EFFICIENZA E UTILIZZO ADEGUATO DI MEZZI DI PROTEZIONE ATTIVI E PASSIVI CORRETTO PIANO DI EVACUAZIONE DIMINUZIONE DEL DANNO CORRETTA GESTIONE DELL EMERGENZA

62 LE EMERGENZE sono fatti o eventi che possono verificarsi improvvisamente e cogliere di sorpresa; sono situazioni che possono costituire grave pericolo e perciò richiedono provvedimenti eccezionali. PIANO DELLE EMERGENZE

63 PIANO DELLE EMERGENZE IL PIANO CHE PREVEDE LE POSSIBILI SITUAZIONI DI PERICOLO E PRESCRIVE LE PROCEDURE DA APPLICARE PER FRONTEGGIARLE, RIDURLE O PREVENIRLE. IL PIANO PER LE EMERGENZE È, PERTANTO, UN DOCUMENTO IMPORTANTE CHE TUTTI DEVONO CONOSCERE. UNA COPIA DELLO STESSO, CORREDATA DALLE PLANIMETRIE E DALLE INDICAZIONI DELLE VIE DI FUGA, DEVE RESTARE SEMPRE AFFISSA IN TUTTI I LOCALI DELLA SCUOLA. Particolare importanza assume, in questo contesto, la prova pratica di evacuazione degli edifici, che deve essere eseguita sempre con serietà e senso di responsabilità.

64 OBIETTIVI DEL PIANO DI EMERGENZA 1 2 Affrontare l'emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica; Pianificare le azioni necessarie per proteggere le persone sia da eventi interni che esterni; 3 Coordinare i servizi di emergenza, lo staff tecnico e la direzione didattica; 4 Fornire una base informativa didattica per la formazione del personale docente, degli alunni e dei genitori degli alunni.

65 CONTENUTI DEL PIANO 1 le azioni che i lavoratori devono mettere in atto in caso di emergenza; 2 le procedure per l evacuazione del luogo di lavoro che devono essere attuate dai lavoratori e dalle altre persone presenti; le disposizioni per chiedere l intervento dei Vigili del Fuoco o dell ambulanza e fornire le necessarie informazioni al loro arrivo; le specifiche misure per assistere le persone disabili l identificazione di un adeguato numero di persone incaricate di sovrintendere e controllare l'attuazione delle procedure previste.

66 CRITERI ADOTTATI PER LA REDAZIONE 1 le caratteristiche dei luoghi con particolare riferimento alle vie di esodo; 2 La presenza o meno di un sistema di rivelazione e/o di allarme incendio; il numero delle persone presenti e la loro ubicazione all interno dello stesso plesso scolastico ; i lavoratori esposti a rischi particolari; il numero di addetti all'attuazione ed al controllo del piano, nonché all'assistenza per l'evacuazione (addetti alla gestione delle emergenze, evacuazione, lotta antincendio, primo soccorso); il livello di informazione e formazione fornito ai lavoratori.

67 IL PIANO DI EMERGENZA È BASATO SU CHIARE REGOLE SCRITTE CHE INCLUDONO: 1 i doveri del personale di servizio incaricato di svolgere specifiche mansioni; 2 i doveri del personale cui sono affidate particolari responsabilità in caso di incendio; i provvedimenti necessari per assicurare che tutto il personale sia informato sulle procedure da attuare; le specifiche misure da porre in atto nei confronti dei lavoratori esposti a rischi particolari; le specifiche misure per le aree ad elevato rischio di incendio; 6 le procedure per la chiamata dei Vigili del Fuoco o dell ambulanza, per informarli dell accaduto al loro arrivo e per fornire la necessaria assistenza durante l intervento.

68 IL PIANO DI EMERGENZA E UN DOCUMENTO DINAMICO CHE VA AGGIORNATO CONTINUAMENTE A seguito di variazioni avvenute negli edifici sia per quanto attiene agli edifici stessi ed agli impianti, sia per quanto riguarda le modifiche nell attività svolta; per nuove informazioni che si rendono disponibili Per tenere conto dell esperienza acquisita dalle figure addette all emergenza 4 delle mutate esigenze della sicurezza e dello sviluppo della tecnica e dei servizi disponibili.

69 PIANO DELLE EMERGENZE ORGANIZZAZIONE DELL EVACUAZIONE IN CASO DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO IN CASO DI MALORE INFORTUNIO GESTIONE INTERNA DELL EMERGENZA QUANDO LA SITUAZIONE E TALE CHE NON NECESSITA L INTERVENTO DI MEZZI DI SOCCORSO O DI EVACUAZIONE INCENDIO TERREMOTO ALLAGAMENTO SVERSAMENTO FUGA DI GAS FATTO CRIMINOSO

70 PIANO DI EVACUAZIONE

71 PIANO DI EVACUAZIONE LA FINALITÀ DI QUESTO DOCUMENTO, D INDIRIZZO GENERALE, È CONSENTIRE AGLI OPERATORI SCOLASTICI DI EFFETTUARE L EVACUAZIONE CON SEMPLICITÀ, UTILIZZANDO TUTTE LE RISORSE UMANE, ASSEGNANDO AD OGNI ADDETTO UNO O PIÙ COMPITI E LA RESPONSABILITÀ DERIVANTE. INOLTRE È UN DOCUMENTO DI FORMAZIONE INDIRETTO PER GLI ALUNNI CHE LI GUIDERÀ, SOTTO L OCCHIO VIGILE DELL INSEGNANTE, ANCHE FUORI DALLA SCUOLA. STRUMENTO OPERATIVO ATTRAVERSO IL QUALE POSSONO ESSERE STUDIATE E PIANIFICATE LE OPERAZIONI DA COMPIERE IN CASO DI EMERGENZA, AL FINE DI CONSENTIRE UN ESODO ORDINATO E SICURO DI TUTTI GLI OCCUPANTI DI UN EDIFICIO.

72 PIANO DI EVACUAZIONE PRESUPPOSTI FONDAMENTALI 1 CONOSCENZA DELLE CARATTERISTICHE SPAZIALI E DISTRIBUTIVE DELL EDIFICIO ATTRAVERSO IL REPERIMENTO DI PLANIMETRIE E PIANTE AGGIORNATE INDIVIDUAZIONE ZONE CON POSSIBILI SITUAZIONI DI PERICOLO INDIVIDUAZIONE STRUTTURE E IMPIANTI DI SICUREZZA INDIVIDUAZIONE LUOGHI SICURI 2 CONOSCENZA DELLA POPOLAZIONE PRESENTE ELL EDIFICIO, INDIVIDUAZIONE PER OGNI PANO IL NUMERO DI DOCENTI, ALLIEVI E PERSONALE NON DOCENTE SUDDIVISI PER FASCE ORARIE

73 PIANO DI EVACUAZIONE I POSSIBILI RISCHI La possibilità che si verifichi una situazione di pericolo che renda necessaria l evacuazione dell intera popolazione scolastica, o di una parte di essa, dall edificio scolastico e dagli spazi limitrofi può manifestarsi per le cause più disparate. La tipologia degli incidenti ipotizzabili è infatti piuttosto varia e dipende non solo dalla presenza di zone a rischio all interno della scuola, ma anche dalla sua collocazione nel territorio e dal verificarsi di eventi dolosi o calamità naturali. INCENDI ALL INTERNO DELL EDIFICIO SCOLASTICO INCENDI NELLE VICINANZE DELL EDIFICIO SCOLASTICO TERREMOTO CROLLI STRUTTURALI DELL EDIFICIO O DI EDIFICI ADIACENTI INQUINAMENTI PER CAUSE ESTERNE FUGHE DI GAS RISCHIO PER ATTENTATI PRESENZA O SOSPETTO DI ORDIGNI ESPLOSIVI ALLAGAMENTI ALLUVIONI O EVENTI METEORICI ECCEZIONALI

74 PIANO DI EVACUAZIONE LA SQUADRA DI GESTIONE DELL EVACUAZIONE COORDINATORE DELL EMERGENZA FIGURA, IN POSSESSO DI ATTITUDINI E CAPACITÀ PSICO-FISICHE ADEGUATE ED IN GRADO DI ASSUMERE DECISIONI AUTONOME CON IMMEDIATEZZA. DEVE ESSERE FACILMENTE REPERIBILE PER COORDINARE L'INTERVENTO DELLA SQUADRA D'EMERGENZA INTERNA. DIRIGENTE SCOLASTICO RESPONSABILE DI PLESSO SOSTITUTO COORDINATORE FIGURA, IN POSSESSO DI ATTITUDINI E CAPACITÀ PSICO-FISICHE ADEGUATE ED IN GRADO DI ASSUMERE DECISIONI AUTONOME CON IMMEDIATEZZA IN ASSENZA DEL COORDINATORE.

75 PIANO DI EVACUAZIONE LA SQUADRA DI GESTIONE DELL EVACUAZIONE ADDETTO ALLA PORTINERIA PERSONA INCARICATA DI AVERE IL REGISTRO DELLE PRESENZE DEGLI ESTERNI; PUÒ AVERE INCARICO DI APRIRE I CANCELLI PER FAR ENTRARE I SOCCORSI ESTERNI (SE L AREA DI RACCOLTA È INTERNA); PUÒ AVERE L INCARICO DI BLOCCARE LA STRADA (SE L AREA DI RACCOLTA È ESTERNA); RESPONSABILE DI CLASSE DOCENTE PRESENTE AL MOMENTO DELL EMERGENZA INCARICATO DI PORTARE LA CLASSE ALL AREA DI RACCOLTA E QUI FARE L APPELLO; RIEMPIRÀ IL MODULO TENUTO NEL REGISTRO CON IL RESOCONTO DELLE PRESENZE DELLA CLASSE. RESPONSABILE DI PIANO NON DOCENTE CHE PER OGNI PIANO SEGUE LE OPERAZIONI DI EVACUAZIONE

76 PIANO DI EVACUAZIONE LA SQUADRA DI GESTIONE DELL EVACUAZIONE RESPONSABILE DEL CENTRO DI RACCOLTA PERSONA INCARICATA DI RIEMPIRE IL MODULO GENERALE DI PRESENZA PER REDIGERE RESOCONTO FINALE DA CONSEGNARE AL CAPO DI ISTITUTO E AI VIGILI DEL FUOCO; FARÀ L APPELLO DEGLI ESTERNI PRESENTI IN QUEL MOMENTO NELL EDIFICIO SECONDO IL REGISTRO TENUTO IN PORTINERIA ASSISTENTI ALLE PERSONE CON DISABILITA PERSONA INCARICATA DI CONDURRE LE PERSONE CON DISABILITA MOTORIE O PSICHICHE VERSO IL PUNTO DI RACCOLTA O VERSO IL LUOGO SICURO QUANDO I PERCORSI NON CONSENTANO L USCITA DALL EDIFICIO 2 ADULTI PER CIASCUN DISABILE

77 PIANO DI EVACUAZIONE

78 PIANO DI EVACUAZIONE ALCUNI PICCOLI ACCORGIMENTI PER UN EFFICACE PIANO DI EVACUAZIONE LOCALIZZARE LE CLASSI CON ALUNNI DISABILI AL PIANO TERRENO QUANDO CIO NON E POSSIBILE LOCALIZZARLE IL PIU VICINO POSSIBILE ALLA SCALA DI EMERGENZA O A PROVA DI FUMO LOCALIZZARE LE CLASSI CON ALUNNI PIU PICCOLI AI PIANI BASSI DISPORRE I BANCHI IN MODO RAZIONALE SGOMBRARE GLI SPAZI DI TRANSITO VIE DI FUGA ASSEGNATE PER OGNI CLASSE TEMPI DI DEFLUSSO TESTATI E INFERIORI AL MINUTO INDIVIDUARE LE AREE DI RACCOLTA IN MODO CHE SIANO ACCESSIBILI AI MEZZI DI SOCCORSO

79 PIANO DI EVACUAZIONE È indispensabile che tra i banchi non vi siano cartelle zaini ecc. che possano creare intralcio o grave pericolo nelle fasi di evacuazione. Si ritiene opportuno creare spazi confinati per deposito di cartelle e zaini. È necessaria una corretta sistemazione degli arredi in modo da non creare ostacoli all evacuazione.

80 PIANO DI EVACUAZIONE IL RUOLO DELL ALUNNO IN OGNI CLASSE DOVRANNO ESSERE INDIVIDUATI DA DUE A QUATTRO RAGAZZI, PIÙ ALMENO UNA RISERVA PER CIASCUN RUOLO, CON LE SEGUENTI MANSIONI: 1 o 2 ragazzi/e apri-fila, incaricati di aprire la porta e condurre la fila verso l esterno o verso luogo sicuro; 1 o 2 ragazzi/e chiudi-fila, con l incarico di chiudere la porta e porre un segno diagonale con un gesso sulla porta della classe per indicare l avvenuta verifica di eventuali presenze in aula. NELL EVENTUALITÀ DI COMPAGNI IN DIFFICOLTÀ GLI ALUNNI CHIUDI FILA DOVRANNO SEGNALARE ALL INSEGNANTE TALE SITUAZIONE.

81 PIANO DI EVACUAZIONE LA PROCEDURA STANDARD Il coordinatore dell emergenza deve: ATTIVARE L ALLARME DI EVACUAZIONE AVVERTIRE GLI ENTI ESTERNI DI SOCCORSO E I RESPONSABILI DI PIANO COORDINARE LE OPERAZIONI Gli alunni devono: APPRESTARSI ALL ESODO ORDINATAMENTE SPINGERE LA SEDIA VERSO IL BANCO, LASCIARE LE CARTELLE SUL POSTO NON OSTACOLARE I COMPAGNI DISPORSI IN FILA TENENDOSI PER MANO UN ALUNNO APRI FILA ED UNO SERRA FILA DELIMITANO LA DISPOSIZIONE DELLA CLASSE. Il docente responsabile di classe deve: PRENDERE IL REGISTRO DELLE PRESENZE LASCIARE L AULA DOPO L ALUNNO SERRA FILA POSIZIONARSI SOLO IN SEGUITO IN TESTA

82 PIANO DI EVACUAZIONE LA PROCEDURA STANDARD Le classi devono: DIRIGERSI VERSO LE USCITE DI EMERGENZA RISPETTARE LA SEQUENZA DI ESODO STABILITA RAGGIUNGERE LE AREE DI RACCOLTA VERIFICARE LA PRESENZA DI EVENTUALI DISPERSI ATTENERSI ALLE DISPOSIZIONI DEI VIGILI DEL FUOCO E DEGLI ORGANI DI SOCCORSO Chi si trova fuori aula deve: UNIRSI ALLA FILA PIÙ VICINA E SEGUIRNE IL PERCORSO RAGGIUNTA L AREA DI RACCOLTA SEGNALARE AL DOCENTE DI CLASSE LA PROPRIA PRESENZA Il responsabile di piano deve: COORDINARE L ESODO DELLE CLASSI STABILIRE PERCORSI ALTERNATIVI IN CASO DI VIE DI FUGA INAGIBILI SEGUIRE LE INDICAZIONI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA.

83 Il personale ausiliario deve: PIANO DI EVACUAZIONE LA PROCEDURA STANDARD APRIRE I CANCELLI ESTERNI ATTENDERE I MEZZI DI SOCCORSO RIPORTARE L ASCENSORE A TERRA E BLOCCARLO CON LE PORTE APERTE ASSICURARSI CHE NON SIANO RIMASTE PERSONE NELL EDIFICIO INTERROMPERE ENERGIA ELETTRICA, GAS E CENTRALE TERMICA RACCORDARSI CON GLI UFFICI AMMINISTRATIVI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

84 PIANO DI EVACUAZIONE QUANDO SI E FUORI L EDIFICIO LA PROCEDURA STANDARD L INSEGNATE DEVE EFFETTUARE L APPELLO COMPILARE INSIEME AL CHIUDI FILA IL RAPPORTO DI EVACUAZIONE E CONSEGNARLO AL RESPONSABILE DELL EMERGENZA SEGNALARE TEMPESTIVAMENTE L EVENTUALE MANCANZA DI ALUNNI DELLA CLASSE AL CORRDINATORE ATTENDERE SENZA COMPIERE AZIONI EROICHE LA FINE DELL EMERGENZA

85 PIANO DI EVACUAZIONE COME DIFFONDERE IL PIANO IL PIANO DI EVACUAZIONE DEVE ESSERE DISPOSTO IN OGNI AULA, LABORATORIO, UFFICIO O MAGAZZINO PER ESSERE A DISPOSIZIONE DI DOCENTI, ALUNNI E EPERSONALE A.T.A. DEVE ESSERE SISNTETICO E SCHEMATICO PER UNA FACILE E IMMEDIATA LETTURA DEVE ESSERE ISOLATO SENZA ELEMENTI DI DISTRAZIONE CHE LO MIMETIZZINO E NON LO RENDANO VISIBILE SAREBBE OPPORTUNO FARLO REDIGERE DAGLI ALUNNI PER UN MIGLIORE EPPRENDIMENTO

86 COME DIFFONDERE IL PIANO PIANO DI EVACUAZIONE

87 PIANO DI EVACUAZIONE NELLA REALIZZAZIONE DI UN PIANO DI EVACUAZIONE LA DOCUMENTAZIONE CARTOGRAFICA GIOCA UN RUOLO FONDAMENTALE. CARTOGRAFIA SI TRATTA INFATTI DEL METODO PIÙ SEMPLICE ED IMMEDIATO PER RAPPRESENTARE LA REALTÀ AMBIENTALE IN CUI CI MUOVIAMO, CON LA POSSIBILITÀ DI EVIDENZIARE VARI ASPETTI CHE POSSONO INFLUENZARE PIÙ DA VICINO LA SICUREZZA; A QUESTO VA AGGIUNTO CHE LA POSSIBILITÀ GRAFICA OFFERTE DELLE VARIE TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE PERMETTONO SOLUZIONI ESPOSITIVE DI ESTREMA CHIAREZZA E LEGGIBILITÀ, CHE POSSONO GARANTIRE UNA CERTA IMMEDIATEZZA NELL INTERPRETAZIONE DI QUANTO SI VUOLE COMUNICARE.

88 PIANO DI EVACUAZIONE SCALA DI RAPPRESENTAZIONE 1 : 100 IN CASO DI EDIFICIO ESTESO RAPPRESENTAZIONE PER PARTI CARTOGRAFIA SIMBOLOGIA GRAFICA EVIDENZIARE LO SPESSORE DEI MURI PER EVIDENZIARE QUELLI PORTANTI SIMBOLI ESSENZIALI PER NON CREARE CONFUZIONE D.P.R. 542/82 IMPORTANTE IN CASO DI TERREMOTO

89 PIANO DI EVACUAZIONE SIMBOLOGIA GRAFICA VIE DI FUGA D.P.R. 542/82 CARTOGRAFIA

90 PIANO DI EVACUAZIONE SIMBOLOGIA GRAFICA VIE DI FUGA D.P.R. 542/82 PRESIDI ANTINCENDIO CARTOGRAFIA

91 PIANO DI EVACUAZIONE SIMBOLOGIA GRAFICA VIE DI FUGA D.P.R. 542/82 PRESIDI ANTINCENDIO CARTOGRAFIA DIVIETO

92 PIANO DI EVACUAZIONE SIMBOLOGIA GRAFICA VIE DI FUGA D.P.R. 542/82 PRESIDI ANTINCENDIO CARTOGRAFIA DIVIETO PERICOLO

93 PIANO DI EVACUAZIONE SIMBOLOGIA GRAFICA VIE DI FUGA D.P.R. 542/82 PRESIDI ANTINCENDIO CARTOGRAFIA DIVIETO PERICOLO PRESCRIZIONE

94 PIANO DI EVACUAZIONE CARTOGRAFIA

95 PIANO DI EVACUAZIONE CARTOGRAFIA

96 CARTOGRAFIA PIANO DI EVACUAZIONE

97 LE EMERGENZE PUR ESSENDO DI DIVERSA NATURA HANNO UNA GESTIONE DI TIPO STANDARD SOPRATTUTTO NELL EVAQUAZIONE LE SEQUENZE SONO MOLTO SIMILI

98 COME INTERVENIRE INTERVENIRE SUL FOCOLAIO DI INCENDIO CON ESTINTORI O GETTI DI ACQUA O SABBIA NON USARE MAI L ACQUA SULLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE CHIUDERE IL RUBINETTO DEL GAS DAL CONTATORE ESTERNO FARE EVACUARE ORDINATAMENTE LE CLASSI ED IL PERSONALE NON ADDETTO ALL EMERGENZA SECONDO QUANTO STABILITO DAL PIANO DI EVACUAZIONE NON USARE GLI ASCENSORI, MA UNICAMENTE LE SCALE VERIFICARE CHE AD OGNI PIANO, IN PARTICOLARE NEI SERVIZI IGIENICI E LOCALI ACCESSORI, NON SIANO RIMASTE BLOCCATE PERSONE

99 SE L INTERVENTO NON E DOMATO IN 5 MINUTI AVVERTIRE TELEFONICAMENTE I VIGILI DEL FUOCO SE VI SONO USTIONATI O INTOSSICATI AVVERTIRE TELEFONICAMENTE IL PRONTO SOCCORSO O 118 AL TERMINE DELL INCENDIO VERIFICARE I DANNI PROVOCATI AD IMPIANTI ELETTRICI, RETE GAS, MACCHINARI, ARREDI E STRUTTURE CIVILI, CHIEDENDO OVE NECESSARIO CONSULENZA A TECNICI VVF RIPRISTINARE CONDIZIONI DI AGIBILITÀ E SICUREZZA NEI LOCALI DICHIARARE LA FINE DELL EMERGENZA FARE RIENTRARE ORDINATAMENTE LE CLASSI

100 COME INTERVENIRE EVITARE DI PRECIPITARSI DISORDINATAMENTE ALL ESTERNO ADOTTARE LE MISURE DI AUTOPROTEZIONE APPRESE DURANTE LE ESERCITAZIONI (PROTEGGERSI SOTTO IL BANCO DALLA CADUTA DI OGGETTI) CHIUDERE IL RUBINETTO GENERALE DEL GAS E DELL ACQUA APRIRE L INTERRUTTORE GENERALE DELL ENERGIA ELETTRICA

101 IL COORDINATORE PER LE EMERGENZE DISPONE: FARE EVACUARE ORDINATAMENTE LE CLASSI SECONDO QUANTO STABILITO DAL PIANO DI EVACUAZIONE VERIFICARE CHE AD OGNI PIANO, IN PARTICOLARE NEI SERVIZI IGIENICI E LOCALI ACCESSORI, NON SIANO RIMASTE BLOCCATE PERSONE PRESIDIARE L INGRESSO IMPEDENDO L ACCESSO A CHIUNQUE NON SIA ADDETTO ALLE OPERAZIONI DI EMERGENZA VERIFICARE CHE NON VI SIANO PERSONE FERITE; IN CASO CONTRARIO AVVERTIRE IMMEDIATAMENTE IL PRONTO SOCCORSO RIMANERE IN ATTESA DI ISTRUZIONI, NON INTASARE LE LINEE TELEFONICHE, SINTONIZZARE UNA RADIO A BATTERIE SULLA FREQUENZA PRESTABILITA

102

103 COME INTERVENIRE Spegnere le fiamme libere Interrompere l erogazione di gas dal contatore esterno Aprire immediatamente tutte le finestre Aprire interruttore Energia Elettrica centralizzato solo se esterno al locale e non effettuare altre operazioni elettriche Fare evacuare ordinatamente le classi secondo quanto stabilito dal piano di evacuazione - Non usare gli ascensori, ma unicamente le scale Verificare che ad ogni piano, in particolare nei servizi igienici e locali accessori, non siano rimaste bloccate persone Presidiare l ingresso impedendo l accesso ai non addetti alle operazioni di emergenza Verificare se vi sono cause accertabili di fughe di gas

104 SI E IN GRADO DI DOMARE LA PERDITA? SI INDOSSARE LA MASCHERA A DISPOSIZIONE ED ELIMINARE LA PERDITA NO TELEFONARE DALL ESTERNO DEI LOCALI ALL AZIENDA GESTORE DEI SERVIZI GAS E AI VIGILI DEL FUOCO AL TERMINE DELLA FUGA DI GAS LASCIARE VENTILARE IL LOCALE FINO A CHE NON SI PERCEPISCA PIÙ L ODORE DEL GAS DICHIARARE LA FINE DELL EMERGENZA FARE RIENTRARE LE CLASSI ORDINATAMENTE

105 COME INTERVENIRE Interrompere l erogazione dell acqua dal contatore esterno Aprire interruttore EE centralizzato e non effettuare nessuna altra operazione elettrica Fare evacuare ordinatamente le classi secondo quanto stabilito dal piano di evacuazione - Non usare gli ascensori, ma unicamente le scale Verificare che ad ogni piano, in particolare nei servizi igienici e locali accessori, non siano rimaste bloccate persone Presidiare l ingresso impedendo l accesso a chiunque non sia addetto alle operazioni di emergenza Verificare se vi sono cause accertabili della perdita di acqua (rubinetti aperti, visibile rottura di tubazioni)

106 SI E IN GRADO DI DOMARE LA PERDITA? SI RIMUOVERE LA PERDITA NO TELEFONARE ALL AZIENDA GESTORE DEI SERVIZI IDRICI E AI VIGILI DEL FUOCO AL TERMINE DELLA PERDITA D ACQUA DRENARE L ACQUA DAL PAVIMENTO: ASSORBIRE CON SEGATURA E STRACCI VERIFICARE CHE IL PAVIMENTO SIA ASCIUTTO E NON SCIVOLOSO VERIFICARE CHE L ACQUA NON ABBIA RAGGIUNTO QUADRI, APPARECCHI ELETTRICI E SCATOLE DI DERIVAZIONE; SE QUESTO È AVVENUTO NON RICHIUDERE L INTERRUTTORE GENERALE FINO AL COMPLETAMENTO DELLE RELATIVE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE DICHIARARE LA FINE DELL EMERGENZA FARE RIENTRARE ORDINATAMENTE LE CLASSI

107 COME INTERVENIRE IN CASO DI GUASTO ELETTRICO ENTRANO IN FUNZIONE LE LUCI DI EMERGENZA Invitare le classi ed il personale non addetto all emergenza a rimanere nella posizione in cui si trovano Attendere qualche minuto, poi fare evacuare ordinatamente le classi secondo quanto stabilito dal piano di evacuazione Verificare che ad ogni piano, in particolare nei servizi igienici e locali accessori, non siano rimaste bloccate persone SE LE LUCI DI EMERGENZA NON FUNZIONANO Invitare le classi e il personale non addetto all emergenza a rimanere nella posizione in cui si trovano Procurarsi torce elettriche e fare evacuare ordinatamente le classi secondo quanto stabilito dal piano di evacuazione Verificare che ad ogni piano, in particolare nei servizi accessori, non siano rimaste bloccate persone

108 VERIFICHE PER IL RIPRISTINO DELLA NORMALITA Verificare se il black-out riguarda esclusivamente l edificio scolastico o l intero quartiere Verificare se il black-out è dovuto all intervento dell interruttore differenziale ( salvavita ) Non effettuare alcun intervento su parti elettriche e contattare un elettricista autorizzato

109 COME INTERVENIRE OVE SI RICEVA SEGNALAZIONE TELEFONICA O SI RISCONTRI LA PRESENZA DI CONTENITORI SOSPETTI: Avvertire immediatamente le autorità di pubblica sicurezza telefonando alla polizia ed ai carabinieri Non effettuare ricerche per individuare l ordigno Fare evacuare ordinatamente le classi secondo quanto stabilito dal piano di evacuazione - Non usare gli ascensori, ma unicamente le scale Verificare che ad ogni piano, in particolare nei servizi igienici e locali accessori, non siano rimaste bloccate persone Presidiare l ingresso impedendo l accesso a chiunque non sia addetto alle operazioni di emergenza

110 MISURE PRECAUZIONALI SORVEGLIARE SEMPRE GLI ACCESSI ALL EDIFICIO TENERE CHIUSI I CANCELLI DURANTE LE ORE DI LEZIONE DOTARE L EDIFICIO DI IMPIANTO ANTINTRUSIONE COLLEGATO ALLA CENTRALE DI PRONTO INTERVENTO INFORMAZIONI UTILI SI SONO VERIFICATI EPISODI CRIMINOSI IN PASSATO? LE FORZE DELL ORDINE NE SONO A CONOSCENZA? L ADDETTO ALLA GUARDIANIA E INFORMATO E ADDESTRATO SULLE AZIONI DA INTRAPRENDERE PER TRASMETTERE L ALLARME?

111 COME INTERVENIRE Evitare di uscire all esterno dell edificio e di utilizzare automezzi, se gli esterni sono già invasi da acque tumultuose Sospendere le attività ponendo in sicurezza le macchine dei laboratori e dei locali di servizio Chiudere il rubinetto generale del gas Aprire l interruttore generale dell energia elettrica Predisporre sacchetti di sabbia in corrispondenza delle porte Predisporre l evacuazione da locali interrati e seminterrati, ove possibile allontanare le classi ed il personale spostandoli dai piani bassi ai piani superiori Verificare che ad ogni piano, in particolare nei servizi igienici e locali accessori, non siano rimaste bloccate persone Rimanere in attesa di istruzioni, sintonizzando una radio a batterie sulla frequenza di una rete pubblica nazionale

112

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

(art. 22 comma 5 del D.Lgs. n. 626/94 ed All.VII del D.M.10.03.98) Organizzato e curato dal: Servizio di Prevenzione e Protezione UNIVERSITÁ di PISA

(art. 22 comma 5 del D.Lgs. n. 626/94 ed All.VII del D.M.10.03.98) Organizzato e curato dal: Servizio di Prevenzione e Protezione UNIVERSITÁ di PISA CORSO DI FORMAZIONE PER I LAVORATORI INCARICATI DELL ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO, EVACUAZIONE DEI LAVORATORI E GESTIONE DELLE EMERGENZE (art. 22 comma 5 del D.Lgs.

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli