PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO"

Transcript

1

2 COMUNE DI SONDRIO Provincia di Sondrio OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DELLA COPERTURA, SOLAIO SOTTOTETTO, RIPRISTINO FACCIATE ED ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO ED IGIENICO SANITARIE DELLA SCUOLA ELEMENTARE DI VIA CESARE BATTISTI PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO ANALISI STORICA ED INDIVIDUAZIONE DEGLI INTERVENTI 1

3 INDICE: 1) PREMESSE INQUADRAMENTO URBANISTICO...4 2) RICERCA STORICA DOCUMENTALE ESTRATTO DEL VERBALE DI SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DI SONDRIO - DELIBERA N. 575 DELL 11 FEBBRAIO SCELTA DELLA LOCALITÀ IN CUI DOVRÀ SORGERE IL NUOVO FABBRICATO SCOLASTICO ESTRATTO DALLA RELAZIONE ALLEGATA AL PROGETTO DI COSTRUZIONE DEL FABBRICATO AD USO GIARDINO D INFAZIA E SCUOLE DI TIROCINIO ANNESSI ALLE SCUOLE NORMALI DEL REDATTA DALL ING. MARCELLO GRAZZANI ESTRATTO DAL CAPITOLATO D APPALTO ALLEGATA AL PROGETTO DI COSTRUZIONE DEL FABBRICATO AD USO GIARDINO D INFAZIA E SCUOLE DI TIROCINIO ANNESSI ALLE SCUOLE NORMALI DEL REDATTO DALL ING. MARCELLO GRAZZANI ESTRATTO DALL ELENCO DEI PREZZI NUOVI ALLEGATO ALLA CONTABILITÀ DEI LAVORI DI COSTRUZIONE DEL FABBRICATO AD USO GIARDINO D INFAZIA E SCUOLE DI TIROCINIO ANNESSI ALLE SCUOLE NORMALI DEL REDATTO DALL ING. MARCELLO GRAZZANI ESTRATTO DALL ARTICOLO INAUGURAZIONE DEL PALAZZO SCOLASTICO TRATTO DA LA VALTELLINA DEL COSTRUZIONE DELL EDIFICIO ) DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DISTRIBUZIONE PLANIMETRICA AI VARI LIVELLI Piano seminterrato Piano terra Piano primo Piano secondo Sottotetto FRONTI MODIFICHE ALL EDIFICIO ORIGINARIO ) INTERVENTI IN PROGETTO ) RIFACIMENTO DELLA COPERTURA STATO DI FATTO Lattoneria Comignoli INTERVENTO IN PROGETTO ) RIFACIMENTO DEL SOLAIO DEL PIANO SOTTOTETTO

4 6.1 STATO DI FATTO INTERVENTO IN PROGETTO ) FORMAZIONE DEL NUOVO CONTROSOFFITTO A PIANO SECONDO ) SISTEMAZIONE DEI FRONTI ESTERNI STATO DI FATTO INTERVENTO IN PROGETTO ) ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA ANTINCENDIO INTERVENTI SULLA SCALA B - REALIZZAZIONE DEI FILTRI A PROVA DI FUMO AI VARI PIANI SISTEMAZIONE DELLE VIE DI USCITA ADEGUAMENTO IMPIANTI ) RIFACIMENTO DELL IMPIANTO ELETTRICO...34 Fig. 1 Stralcio della corografia della Citta di Sondrio con indicazione dell erigendo fabbricato scolastico 6 Fig. 2 Stralcio della planimetria con indicazione del nuovo edificio scolastico 7 Fig. 3 Manifesto dell inagurazione del nuovo edificio scolastico 13 Fig. 4 Prospetto principale verso via Cesare Battisti con indicazione dell ampliamento verso Sud 14 Fig. 5 Foto d epoca con particolare del prospetto 14 Fig. 6 Prospetto Nord verso cortile (ora p.za Quadrio) 15 Fig. 7 Pianta dei sotterranei (ora piano seminterrato) progetto Fig. 8 Pianta piano seminterrato stato di fatto Fig. 9 Pianta piano terra progetto Fig. 10 Pianta piano terra stato di fatto Fig. 11 Pianta piano primo progetto Fig. 12 Pianta piano primo stato di fatto Fig. 13 Pianta piano secondo progetto Fig. 14 Pianta piano secondo stato di fatto Fig. 15 Pianta della copertura progetto Fig. 16 Pianta della copertura stato di fatto Fig. 17 Foto d epoca dell edificio visto dallo spigolo Nord-Ovest 21 Fig Foto d epoca dell edificio visto dallo spigolo Sud-Ovest 22 Fig. 19 Vista dell ingresso a scendere dell edificio su p.za Quadrio 23 Fig. 20 Vista dell orditura principale e secondaria della copertura 24 Fig. 21 Sondaggio sulla capriata n.7 25 Fig. 22 Vista della copertura 25 Fig. 23 Vista della copertura e del canale di gronda 26 Fig. 24 Viste dei comignoli terminali esistenti 27 Fig. 25 Sezione trasversale pacchetto di copertura in progetto 28 Fig. 26 Vista del solaio del sottotetto in corrispondenza del sondaggio effettuato 29 Fig. 27 Stralcio piante di progetto ai vari piani della scala B 33 3

5 1) Premesse L Amministrazione Comunale di Sondrio ha affidato allo Studio di Ingegneria e Architettura Del Simone di Tirano l incarico per la progettazione e direzione delle Opere di ristrutturazione della copertura, solaio sottotetto, ripristino facciate ed adeguamento alle norme di sicurezza antincendio ed igienico sanitarie della scuola elementare Francesco Saverio Quadrio di via Cesare Battisti. L edificio è ubicato nel centro di Sondrio, in Via Cesare Battisti al civico 1/c, ed ha una distribuzione planimetrica a L composta da due blocchi: corpo su via Cesare Battisti; corpo contiguo alla scuola media Ligari. 1.1 Inquadramento urbanistico Il Piano regolatore Generate del comune di Sondrio individua l edificio scolastico in oggetto tra le costruzioni aventi rilevanza architettonica compiuta. Pertanto l edificio ricade nell applicazione del vincolo in materia di beni culturali ed ambientali ai sensi del D.lgs n ) Ricerca storica documentale E stata condotta una ricerca storica documentale sul progetto originale e su altri documenti disponibili, per ricavare informazioni utili nel procedere poi alla definizione degli interventi di ristrutturazione, di ripristino e di adeguamento dell edificio. Pertanto è stata presa visione, presso l archivio storico del comune di Sondrio, la documentazione esistente relativa all edificio in oggetto (delibere, progetto, Capitolati di appalto, perizie, certificato di collaudo del opere, fotografie dell epoca, ecc.). Di seguito vengono riportati alcuni passi significativi dei documenti consultati che riassumono l iter progettuale ed amministrativo dall ideazione dell intervento nel 1911 sino alla sua ultimazione ed inaugurazione nell anno

6 2.1 Estratto del verbale di seduta del Consiglio comunale di Sondrio - Delibera n. 575 dell 11 febbraio Scelta della località in cui dovrà sorgere il nuovo fabbricato scolastico a seguito della sospensiva sul progetto di ampliamento del fabbricato scolastico di via della Stazione presentato dalla Amministrazione allora in carica, per le principalissime ragioni che la nuova ala di fabbrica avrebbe ristretto eccessivamente il cortile già non troppo ampio, avrebbe tolta l armonia della linea architettonica e soprattutto per la considerazione che con una spesa non di molto superiore a quella preventivata si sarebbe potuta costruire una costruzione ex novo..si è pensato di adottare il suggerimento di cui all art.7 del regolamento 25 novembre 1900 n.484, per l esecuzione della Legge 15 luglio 1900 n.260. Per effetto di tale Art. possono i comuni preventivamente richiedere ed ottenere gratuitamente dal Ministero della P.I., per ogni caso particolare, uno o più tipi planimetrici che soddisfino ai bisogni scolastici, cui si intende di provvedere, e alle norme stabilite nelle istruzioni annesse al Regolamento suddetto; i quali tipi potranno servire di guida all ingegnere incaricato della compilazione del progetto...la Vostra Giunta, a seguito di accurate e diligenti indagini,si sarebbe formata il convincimento che il nuovo edificio dovesse sorgere sull area di proprietà Com/le adiacente al palazzo delle scuole femminili...la proposta della G.M. viene approva alla unanimità per alzata di mano Estratto dalla Relazione allegata al progetto di COSTRUZIONE DEL FABBRICATO AD USO GIARDINO D INFAZIA E SCUOLE DI TIROCINIO ANNESSI ALLE SCUOLE NORMALI del redatta dall ing. Marcello Grazzani La necessità della costruzione di un fabbricato per le scuole di tirocinio annesso alle scuole normali era già stata resa evidente nella relazione annessa al progetto di costruzione in data a firma dell ing. Vitali Enrico, progetto che già aveva avuta l approvazione dell autorità Tutoria ed il consenso al sussidio Governativo. L esecuzione di tale progetto fu dovuto sospendere sia per le subentrate forti variazioni nei prezzi di costo, sia per la pur sopravvenuta necessità di modificare e completare il progetto per far luogo anche ai locali ad uso Giardino di Infanzia resisi necessari per l abbandono forzato del fabbricato già a tale 5

7 scopo adibito. Il Consiglio Comunale poi studiata meglio la cosa trovò che al costruendo fabbricato si poteva dare una migliore dislocazione. Fig. 1 Stralcio della corografia della Citta di Sondrio con indicazione dell erigendo fabbricato scolastico Il Giardino di Infanzia per il quale anni fa si era costruito un apposito fabbricato lungo la Via Cesare Battisti e che con tale provvedimento si poteva ritenere definitivamente sistemato, oggi, anzi da anni non lo è più. Il progetto del fabbricato lodevole in sé come numero, ampiezza e distribuzione dei locali, e pure anche dal lato architettonico, fu malamente eseguito. La minima elevazione dal suolo e la mancanza di armamento sotterraneo ne rese i locali poco salubri; la cattiva costruzione delle coperture in forma di terrazze in cemento armato, non asfaltato ed insufficientemente protette, diede luogo ad infiltrazioni d acqua piovana, le quali irrimediabilmente penetrano nei locali e nei muri danneggiandoli e rendendo i locali ancor più umidi e tanto da renderli inabitabili. I danni ai muri e la loro cattiva costruzione li facevano cadere in sfacelo e nessun mezzo si trovò per ovviare che non fosse il rifacimento completo delle coperture e parziale delle murature con una spesa superiore a quella di nuova costruzione. 6

8 Per queste considerazioni in aggiunta a quelle della irrimediabilità all inconveniente dell umidità proveniente dalle fondazioni, venne deciso l abbattimento del cadente fabbricato. L Amministrazione del Giardino di Infanzia la quale aveva esaurito i suoi mezzi finanziari nella costruzione del fabbricato si trova ora nella impossibilità di procurarsi una sede propria e ricorre pertanto a locali presi in affitto in case private non costruite allo scopo e pertanto inadatte. Il problema della costruzione di nuovi locali per il Giardino di Infanzia s impone pertanto e di cio preoccupatosi il comune di Sondrio provvide ad includere il fabbisogno nell attuale progetto che appunto si intitola Progetto di Costruzione di Giardino di Infanzia e scuole di Tirocinio annesse alle Scuole Normali. DESCRIZIONE TECNICA Il fabbricato in costruzione sorgerà lungo la via Cesare Battisti fra via Scuole femminili e via Circonvallazione nell isolato attualmente occupato dal demolendo giardino di Infanzia ad occidente delle scuole normali. Fig. 2 Stralcio della planimetria con indicazione del nuovo edificio scolastico 7

9 Avrà forma ad L con ramo parallelo alla via Cesare Battisti e l altro normale o quasi al primo internantesi verso le Scuole Normali alle quali si attaccherà L area è già in partesi proprietà Comunale e in parte del Giardino d Infanzia dal quale verrà acquistata...omissis.. PORTE FINESTRE. i serramenti saranno in legno di larice o pik-pine (pino d America) verniciati; che le gelosie sono del tipo germanico e cioè avvolgibili sopra rullo comandato da fune munite di ferro per qualunque posizione. Gli antini a vetri, in due partite, hanno poi sulla parte superiore un mezzanino apribile a ribalta nell interno, comandato sia da catenella, sia da apposito bastone a rampino...omissis.. SOLAI Il sotteraneo è coperto con volte a botte semplici e con lunette o a crociera eseguite in calcestruzzo sopra apposite armature composte geometricamente estradossate poi in piano con calcestruzzo magro. Tale sistema, insieme coll economia, raggiunge lo scopo di isolare nel miglior modo il pianterreno dei locali sotteranei. Il piano terrano, il primo e secondo piano furono invece coperti con solaio composto di un armatutra di poutrelle sorreggenti il pavimento superiore ed il plafone. La camera d aria fra le due strutture verrà per maggior prudenza riempita di segatura di legno in modo da raggiungere la perfetta insonorità. Le poutrelles furono calcolate per un sovraccarico uniformemente distribuito di Kg. 300 per mq. FOGNA Tutte le acque luride, provenienti dalle latrine, docce, lavabi ecc. si scaricano a mezzo dei doccioni in gres in due fogne costruite con sistema Mourat e cioè a doppio fondo scomparto di cui al 1 con funzione anerobica ed il 2 in comunicazione col 1 a mezzo di sifone con funzione aerobica. Il liquame viene poi convogliato con una tubazione in gres in un apposito pozzo sperdente scavato nel cortile di nord. 8

10 Le acque pluviali provenienti dal terreno e dai cortili vengono raccolte da apposite tubazioni in cemento e convogliate in parte al pozzo sperdente suddetto ed in parte ad un altro pozzo sperdente scavato nel cortile di mezzogiorno. RISCALDAMENTO E VENTILAZIONE A provvedere il riscaldamento generale ed uniforme di tutti i locali e corridoi, si è provveduto un impianto centrale a vapore a bassa tensione 1/10 di atmosfera, costituito da due caldaie di cui una grande ed una piccola, funzionanti contemporaneamente nei freddi più intensi ed isolatamente (a seconda dei casi) nelle stagioni meno rigide o nei periodi intermedi autunnali o primaverili. Tale sistema riconosciuto il migliore per la brevità di tempo necessario alla messa in regime, è poi anche il più adatto non richiedendo esso la presenza di un macchinista patentato. E poi anche il più economico in confronto dei sistemi ad acqua calda (termosifoni) richiedendo esso minori superfici di riscaldamento e minori sezioni della rete di distribuzione. Come temperature ambienti si è prefisso per tutte le aule e corridoi un massimo di 15 centigradi quando la minima esterna sia di 5 e fra le latrine e sotterranei un massimo di 10. Ogni aula sarà provvista di due stufe radiatori ad alette collocate sotto i davanzali delle finestre. Esse saranno coperte da uno schermo lucchettato con registro tanto per la presa d aria esterna quanto pel regolamento dell aria calda. Per l estrazione dell aria viziata dalle aule, ogni locale è provvisto di un canale aperto nella muratura munito di due registri di cui uno da usarsi nel periodo invernale è alto sul pavimento m.1,50 e l altro, da servire per la ventilazione estiva è collocato sotto il plafone e formerà richiamo dell aria proveniente dalle vasistas sopra la finestra. Nelle latrine, dato il sistema a cacciata d acqua, e tutte le chiusure inodore a sifone, non si è creduto necessario di progettare alcuna canna di ventilazione. Ad essa però si provvederà utilmente regolando i vasistas di cui le finestre sono provviste nelle varie esposizioni di est=nord=ovest. DATI DI COSTO Il fabbricato completo in ogni parte, colla sistemazione del piazzale importa una spesa di L come risulta dall annesso preventivo. Non è il caso qui di confrontare il detto costo con quello di altri fabbricati analoghi già costruiti avanti la guerra,il rialzo enorme dei prezzi e la loro variabilità impedisce di fare confronti. 9

11 ESTRATTO DELLA RELAZIONE DELL ING. VITALI La scuola Normale che da trent anni si trova nell edificio posto in via Castelletto, ora Cesare Battisti, ex filanda Valaperta, presenta per il forte incremento che ebbe in questi ultimi anni, la necessità di un notevole ampliamento. Fino all anno scolastico questa Scuola era formata dalle sole tre classi Normali e dalle tre Complementari il che permetteva di raccogliere nello stesso edificio tutta la scuola di Tirocinio che deve essere annessa alla scuola stessa e di offrire locali sufficientemente decorosi nei diversi servizi. Ma con l anno 1910 incominciò per essa un periodo di straordinario incremento che nel volgere di pochi anni rese più che doppia la sua popolazione scolastica nonché il numero delle classi. Tale incremento appare evidente dal seguente : Prospetto Anno scolastico Numero delle Classi Popolazione Scolastica Dalle cifre suesposte risulta che l aumento degli alunni corrisponde ad una cifra media di 42 per anno e sebbene si preveda che per l avvenire l incremento non continuerà in tale proporzione, (essendo esso dovuto particolarmente alla spinta che alle scuole Normali venne data dalle ultime leggi scolastiche) pure è da ritenere che l aumento e quindi i bisogni di nuove classi si faranno continuamente sentire. 2.3 Estratto dal Capitolato d Appalto allegata al progetto di COSTRUZIONE DEL FABBRICATO AD USO GIARDINO D INFAZIA E SCUOLE DI TIROCINIO ANNESSI ALLE SCUOLE NORMALI del redatto dall ing. Marcello Grazzani Di seguito vengono riportati alcuni stralci del Capitolato d Appalto, che si ritengono di particolare interesse per ricavare le giuste informazioni di come sia stato realizzato l edificio, sia per quanto riguarda le parti esterne (facciate, decori, copertura, ecc.) che per la parte interna (pavimentazioni, porte, serramenti, ecc.). Art.30 Intonaco bugnato eseguito in opera con malta comune mista a cemento portland. Art.31 Intonaco idem in malta di cemento portland e graniglia ad imitazione di pietra artificiale e martellatura con bordi lisci sporgenza massima cm. 5. Art.32 Intonaco idem senza bugnati o sporgenze 10

12 Art.33 Art.34 Art.35 Art.36 Art.37 Art.63 Art.64 Art.65 Art.67 Art.71 Art.75 Art.82 Art.83 Art.84 Art.85 Contorni di porte o finestre, fasce, cornici e simili lavorate come sopra (art.31) ad imitazione di pietra artificiale misurato come alle prescrizioni di qualsiasi sporgenza sino a cm. 15. Idem in malta comune mista a cemento a rapida tirati a liscio con spigoli, gole, modanature in genere regolari. Pietra artificiale di qualunque dimensione eseguita in forme a disegno con graniglia a scelta della Direzione martellinata in opera. Zoccolatura in pietra artificiale come sopra eseguita in opera. Idem in pietra naturale granitica, ghiandone, serizzo o granito ordinario o di San Fedelino in pezzi obbligati lavorati alla martellina. Tetto completo con la grossa armatura in legname larice o castagno sgrossato, terzere e cantilli tondi con un piano, tavolato larice o castagno di ½ oncia con tolleranza di combacio, materiale di coperta in ardesia di Valmalenco inchiodate con sovrapposizione di metà impluvi e displuvi protetti con lamiera zincata 8/10 di mm. di spessore larghe non meno di m ed assicurate ala tavolato ad ogni metro. Tutto compreso chioderia, listelli di gronda, travetti squadrati 8x12 in sporgenza, ecc. Legname larice o castagno tondo sgrossato per composizione di capriate chioderia comprese. Serramenti di finestre in legno di larice ad una o due partite con traversa o mezzanino superiore a ribalta munito di apparecchio speciale a molla con catenella o bastone, telaio, controtelaio, scossino in basso, butt acqua esterno, lastre di vetro semidoppie. Il tutto a disegno sopra campione da approvarsi dalla Direzione. Porte fodrinate in larie in due, tre o quattro ante per l esterno completo, a disegno, di tutte le ferramenta e serrature egiziane. Griglie avvolgibili sopra rullo compensato racchiuso in cassetta senza sporgenza in abete a specchiatura con antino mobile unito a cerniera e pomino in opera sopra disegno previa campione come sopra. Cornicione di gronda limitato al frontalino formato con fondo in lastre di ardesia refilato a combacio, frontalino in mattoni con listello ed intonaco. Tinteggiatura esterna all acqua con due mani di indurin. Verniciatura con due mani di olio cotto agli avvolgibili. Mensole a sostegno del conicione costruite e lavorate come al n.35. Finto mosaico su intonaco di cemento 11

13 Art.86 Art.87 Art.101 Art.110 Atr.119 Lesene in malta comune compreso l intonaco ordinario. Specchiature in malta comune compreso l intonaco ordinario. Camignoli in gres diametro interno cm. 25 ovvero in mattoni. Architravi con cappelli cimasa in pietra artificiale. Zoccolatura com al n.36 in lastre di pietra artificiale con contorni alle finestre. 2.4 Estratto dall Elenco dei prezzi nuovi allegato alla contabilità dei lavori di COSTRUZIONE DEL FABBRICATO AD USO GIARDINO D INFAZIA E SCUOLE DI TIROCINIO ANNESSI ALLE SCUOLE NORMALI del redatto dall ing. Marcello Grazzani Art.127 Davanzali per finestre in pietra artificiale tirati a liscio. Art.128 Intonaco in malta comune mista a cemento per zoccoli e simili. Art.140 Copertine in cemento tirato liscio sopra muri larghezza cm. 60 e spessore cm Estratto dall articolo INAUGURAZIONE DEL PALAZZO SCOLASTICO tratto da LA VALTELLINA del Per la preparazione delle pietre finte impiegate per la decorazione del fabbricato si fece molto uso della polvere della pietra ollare, quale si ricava dalla lavorazione dei laveggi in Valmalenco, ed è dalla stessa che le pietre artificiali ricavano quel colore verdastro che fa assomigliare alla pietra di Tresivio che è tanto simpatica. 2.6 Costruzione dell edificio La costruzione dell edificio è avvenuta per successivi stralci, e precisamente: 1 stralcio negli anni , con il quale è stato realizzato un primo lotto del fabbricato a ridosso dell attuale scuola media Ligari, composto da n. 6 aule con scala di accesso e latrine ai piani; 2 stralcio negli anni con il quale sono state completate tutte le opere. La costruzione venne fatta in due riprese, perchè nel mentre le necessità del Comune spingevano a dare mano ai lavori, le condizioni del mercato dei materiali di fabbrica, era nel 1920 tale che nessuno imprenditore si voleva assumere un opera di così vasta mole nell incertezza dell oscillazione dei prezzi; per cui il Comune di Sondrio fu costretto a eseguire solo una parte in economia (La Valtellina del ). L edificio fu ultimato ed inaugurato nel mese di novembre

14 Fig. 3 Manifesto dell inagurazione del nuovo edificio scolastico Durante la costruzione dell edificio sono state apportate delle varianti rispetto al capitolato e al progetto iniziali, sia per quanto riguarda scelte di materiali (es. Cornicione di gronda limitato al frontalino formato con fondo in lastre di ardesia refilato a combacio, frontalino in mattoni con listello ed intonaco sostituito da elementi sagomati prefabbricati) sia per le strutture (introduzione delle capriate nel sottotetto, modifica delle falde, eliminazione dei pilastri nel salone lato sud). 13

15 3) Descrizione dell edificio Il progetto originale viene redatto sulla base di planimetrie tipo che il Ministero della Pubblica Istruzione metteva a disposizione ai sensi dell art.7 del regolamento 25 novembre 1900 n.484, in esecuzione della Legge 15 luglio 1900 n.260, per provvedere alla costruzione, ampliamenti e restauri degli edifici scolastici. L edificio dal punto di vista architettonico si presenta come esempio di architettura razionale per la simmetria e i rapporti tra i pieni e i vuoti determinati dalla successione delle aperture. Infatti, nonostante attualmente la planimetria sia disposta ad L, in origine il progetto prevedeva un ampliamento verso Sud che lo avvrebbe reso perfettamente simmetrico, come si vede chiaramente dal prospetto dell ing. Grazzani del Fig. 4 Prospetto principale verso via Cesare Battisti con indicazione dell ampliamento verso Sud Fig. 5 Foto d epoca con particolare del prospetto 14

16 Tuttavia la parte eseguita è simmetrica sia per il prospetto su via Battisti che per quello su p.za Quadrio. Fig. 6 Prospetto Nord verso cortile (ora p.za Quadrio) 3.1 Distribuzione planimetrica ai vari livelli Il complesso scolastico ha una distribuzione planimetrica conformata ad L ed occupa una superficie coperta di circa m², sviluppandosi su n. 4 piani (seminterrato, terra, primo e secondo). Di seguito vengono riportate le piante dei vari piani del progetto del 1920 a firma dell ing. Grazzani e quelle dello stato di fatto allegato al presente progetto. 15

17 3.1.1 Piano seminterrato Fig. 7 Pianta dei sotterranei (ora piano seminterrato) progetto 1920 Fig. 8 Pianta piano seminterrato stato di fatto

18 3.1.2 Piano terra Fig. 9 Pianta piano terra progetto 1920 Fig. 10 Pianta piano terra stato di fatto

19 3.1.3 Piano primo Fig. 11 Pianta piano primo progetto 1920 Fig. 12 Pianta piano primo stato di fatto

20 3.1.4 Piano secondo Fig. 13 Pianta piano secondo progetto 1920 Fig. 14 Pianta piano secondo stato di fatto

21 3.1.5 Sottotetto Fig. 15 Pianta della copertura progetto 1920 Fig. 16 Pianta della copertura stato di fatto

22 3.2 Fronti Le pareti perimetrali dell edificio sono realizzate in muratura in pietra e malta di calce, con spessori variabili ai vari piani. I fronti dell edificio sono caratterizzati da lavorazioni e decori differenti sui diversi prospetti e ai vari piani. Per sottolineare l importanza dell edificio e dell istituzione che rappresenta il progettista ha svolto un attenta ricerca estetica per dare un particolare rilievo ai fronti prospicenti sulla via Battisti e sulla p.za Quadrio, i più visibili ai cittadini di Sondrio, arricchendoli di fregi, architravi sagomate, lesene, marcapiani, ecc.. Nella stessa ottica particolare rilievo è stato dato allo studio delle aperture, alla loro sequenza e alla loro diversa tipologia. La parte interna affacciata sul cortile è priva di decori ma è comunque caratterizzata da una successione di aperture uguali che la rendono non priva di una sua caratteristica esteticamente valida. Fig. 17 Foto d epoca dell edificio visto dallo spigolo Nord-Ovest 21

23 Fig Foto d epoca dell edificio visto dallo spigolo Sud-Ovest 3.3 Modifiche all edificio originario Come si può dedurre dal raffronto tra la documentazione relativa al progetto del 1920 e lo stato di fatto attuale, l edificio ha mantenuto l impianto originale, con dei limitati interventi eseguiti nel corso degli anni che hanno riguardato modifiche a livello di distribuzione interna incidendo in minima parte sui fronti esterni. Le modifiche si possono così riassumere: Eliminazione del corpo scale e del blocco latrine adiacenti alla scuola media Ligari ai vari piani. Chiusura della porta di ingresso a piano terra sul fronte Nord nel corpo adiacente alla scuola media Ligari. Chiusura della porta di ingresso a piano terra su via Battisti in corrispondenza dell attuale sala riunioni. Inserimento dell ascensore nella scala principale A con la demolizione dell alloggio del bidello a piano secondo. Realizzazione della scala B di accesso ai vari piani. Consolidamento dei solai del piano primo e del piano secondo. Inserimento dei controsoffitti con pannelli in lana minerale pressata. 22

24 Rifacimento dei sevizi igienici ai vari piani. Realizzazione di un corpo servizi a piano seminterrato sul lato contiguo alla scuola media Ligari. Sostituzione dei serramenti negli anni 80. Sostituzione degli avvolgibili originali alla tedesca in legno con elementi in plastica. Apertura di una via di uscita dei locali adibiti a mensa nel piano seminterrato. Divisione dell aula speciale a piano primo in due vani per esigenze didattiche conseguenti l inagibilità del piano secondo Una modifica sostanziale e rilevante è stato il sovralzo del piano esterno sul fronte Nord, inizialmente cortile della scuola ora piazza Quadrio, in seguito agli interventi di realizzazione dei parcheggi interrati della Garberia. Questa sovralzo risulta evidente in corrispondenza dell ingresso sul fronte Nord, dove inizialmente erano presenti alcuni gradini a salire e attualmente esiste una gradonata a scendere. Fig. 19 Vista dell ingresso a scendere dell edificio su p.za Quadrio 23

25 4) Interventi in progetto A seguito dei rilievi e delle valutazioni dello stato di fatto dell edificio sono stati individuati gli interventi da eseguire con il presente progetto: 1. Rifacimento della copertura. 2. Rifacimento del solaio del piano sottotetto. 3. Formazione del nuovo controsoffitto a piano secondo. 4. Sistemazione dei fronti esterni. 5. Adeguamento alla normativa antincendio. 6. Rifacimento dell impianto elettrico. 5) Rifacimento della copertura 5.1 Stato di fatto La copertura è composta da una struttura principale formata da n.12 capriate, dai colmi, dalle terzere, dai compluvi, dai displuvi, ecc. il tutto in legno di larice. Fig. 20 Vista dell orditura principale e secondaria della copertura 24

26 Sono stati effettuati due sondaggi, sulla capriata n.2 nel corpo su via Battisti e sulla capriata n. 7 nel corpo contiguo alla scuola media Ligari, con la messa a nudo anche delle catene inferiori inserite nell impalcato. Le catene sono costituite da tronchi di larice, con le seguenti dimensioni: catena capriata n. 2 diam. 28 cm.; catena capriata n. 7 diam. 34 cm.. Fig. 21 Sondaggio sulla capriata n.7 Le capriate sono state lavorate ad ascia e si presentano ancora in buono stato di conservazione. Sotto il profilo statico al fine di ridurre l inflessione della catena, questa è stata collegata al puntone con dei piatti in ferro (regge) di dim. circa 25 x 1 mm.. L orditura principale sostiene quella secondaria costituita da travetti di larice a sezione circolare, di diametro variabile da cm., uno strato di tavole di spessore medio di 2,50 cm. parzialmente continue, sulle quali sono state posate le lastre in serpentino della Valmalenco. Fig. 22 Vista della copertura 25

27 Il pessimo stato del manto di copertura e della lattoneria ha determinato continue infiltrazioni d acqua che hanno danneggiato notevolmente tutta l orditura secondaria e parte delle travi principali ed il sottostante solaio Lattoneria I colmi, i displuvi e i canali di gronda sono realizzati con lattoneria in acciaio zincato ormai deteriorata dalla ruggine. Fig. 23 Vista della copertura e del canale di gronda I pluviali per lo scarico delle acque sono in lamiera in acciaio zincato; alcuni tratti sono stati sostituiti con elementi in plastica. I pluviali sono così posizionati: n.3 verso p.za Quadrio; n.2 verso via Battisti; n.4 verso il cortile interno. Attualmente i pluviali verso p.za Quadrio e via Battisti sono incassati nella muratura perimetrale, per tutta l altezza del piano terra, causando evidenti infiltrazioni sulle strutture, ed il distacco ed il degrado della zoccolatura Comignoli Dei comignoli originali è rimasta una sola testimonianza completa, mentre tutti gli altri sono stati parzialmente sostituiti o integrati con elementi diversi. Tuttavia anche l unico comignolo completo risulta in evidente stato di degrado che ne pregiudica la stabilità. 26

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

CREVALCORE SCUOLA G. LODI. Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI

CREVALCORE SCUOLA G. LODI. Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI SISMA MAGGIO 2012 CREVALCORE SCUOLA G. LODI Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI SISMA MAGGIO 2012: Scuola G.Lodi - Crevalcore Corpo laterale

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI DI

CHIUSURE ORIZZONTALI DI CHIUSURE ORIZZONTALI DI COPERTURA INCLINATE Chiusure orizzontali di copertura discontinue - Costituite da piani inclinati (falde) La geometria dipende della pianta dell edificio e della pendenza da conferire

Dettagli

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA PREMESSA La Stazione Marittima del Porto di Pescara è un edificio a pianta centrale di forma decagonale, dell altezza totale di m 6,00, ad un piano dell altezza interna di m 5,00, della superficie complessiva

Dettagli

Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione. Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing.

Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione. Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing. Il computo metrico estimativo: le norme di misurazione Seminario di approfondimento - II parte A cura di dott.ssa Ing. Sara Domini Venezia, 29 Aprile 2010 Norme di misurazione Definizione Sono delle convenzioni

Dettagli

MANUTENZIONE STRAORDINARIA CONDOMINIO VIA BANDINI N 9

MANUTENZIONE STRAORDINARIA CONDOMINIO VIA BANDINI N 9 MANUTENZIONE STRAORDINARIA CONDOMINIO VIA BANDINI N 9 art. DESCRIZIONE N. MISURE u.m. QUANT. lungh. largh. altez. OFFERTA ECONOMICA 1. INSTALLAZIONE CANTIERE PONTEGGI 1 1 Impianto elettrico di cantiere,

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale... PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...5 DESCRIZIONE INTERVENTO...6 Generalità...6 Motivazioni delle scelte

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

Documentazione Fotografica FOTO ESTERNE FABBRICATO STORICO 2! FOTO PROVE ESEGUITE SUL FABBRICATO STORICO 5! FOTO INTERNE FABBRICATO STORICO 12!

Documentazione Fotografica FOTO ESTERNE FABBRICATO STORICO 2! FOTO PROVE ESEGUITE SUL FABBRICATO STORICO 5! FOTO INTERNE FABBRICATO STORICO 12! Documentazione Fotografica Indice FOTO ESTERNE FABBRICATO STORICO 2! FOTO PROVE ESEGUITE SUL FABBRICATO STORICO 5! FOTO INTERNE FABBRICATO STORICO 12! FOTO SAGGI FABBRICATO STORICO 17! FOTO LESIONI FABBRICATO

Dettagli

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo.

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. 1 Descrizione morfologica e tipologica Villa de Bellat è posizionata all interno di una vasta area agricola, situata in destra

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE Costruzioni s.r.l. Via Boccaccio n 29 20123 MILANO P.IVA 06454770964 Oggetto: REALIZZAZIONE NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI IN COMUNE DI LENNO (CO) VIALE LIBRONICO DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE CAPITOLATO

Dettagli

ERRATA CORRIGE All Elenco Prezzi registrato a Milano il 18 giugno 2014 al n 2654 Serie 3 edizione 2014

ERRATA CORRIGE All Elenco Prezzi registrato a Milano il 18 giugno 2014 al n 2654 Serie 3 edizione 2014 ERRATA CORRIGE All Elenco Prezzi registrato a Milano il 18 giugno 2014 al n 2654 Serie 3 edizione 2014 Le pagine da 115 sino a 119 compresa e la pagina 196 si intendono sostituite da quelle di seguito

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

ELENCO DEI PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO

ELENCO DEI PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO 1.2.19.A 1.4.G.1.A 1.4.G.5 1.4.I.4.D1 Formazione di ponteggio tubolare di facciata per la realizzazione degli interventi interessanti la copertura dell'aula della scuola elementare (rif. intervento n.

Dettagli

1 STATO DI FATTO... 2. 1.1 Caratteri tipologici e costruttivi delle coperture... 2. 1.2 Consistenza e stato di manutenzione... 3

1 STATO DI FATTO... 2. 1.1 Caratteri tipologici e costruttivi delle coperture... 2. 1.2 Consistenza e stato di manutenzione... 3 Pag. 1/10 Sommario 1 STATO DI FATTO... 2 1.1 Caratteri tipologici e costruttivi delle coperture... 2 1.2 Consistenza e stato di manutenzione... 3 2 INTERVENTI ARCHITETTONICI... 4 2.1 Allestimento Sala

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA E PREVENTIVO DI SPESA

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA E PREVENTIVO DI SPESA Comune di MONTEBELLUNA Provincia di TREVISO Progetto PRELIMINARE di ADEGUAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLE SCUOLE ELEMENTARI DI PEDERIVA 1 RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA E PREVENTIVO DI

Dettagli

Strutture per coperture inclinate

Strutture per coperture inclinate Le strutture per coperture inclinate sono costituite da elementi o parti strutturali disposti secondo piani differenti da quello orizzontale (definiti falde), destinati a svolgere la funzione di copertura

Dettagli

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA In collaborazione con: COMUNE DI BOLOGNA GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA IL TOTAL LOOK DEGLI EDIFICI Bologna 15 aprile 2015 In partnership con: PRESUPPOSTI

Dettagli

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO Capitolato delle opere Premessa Il complesso e costituito da tre edifici a destinazione residenziale, di 2 piani fuori terra e da un piano interrato adibito

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Relazione tecnica descrittiva La presente relazione è stata redatta al fine di descrivere le verifiche affrontate e gli interventi che dovranno essere realizzati per la messa in sicurezza della Scuola

Dettagli

Appendice 4 Tecnologie di coibentazione

Appendice 4 Tecnologie di coibentazione AUDIT ENERGETICI DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI TRECATE Appendice 4 Appendice 4 Tecnologie di coibentazione SOMMARIO A. COIBENTAZIONE PARETI...3 B. COIBENTAZIONE COPERTURE...7 C. COIBENTAZIONE

Dettagli

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Report preliminare sui danni riscontrati in alcuni edifici pubblici dei comuni di San Pietro in Casale (BO),

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il sottoscritto è stato incaricato dall Amministrazione Comunale di

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

PREZZI, COSTI e DATI

PREZZI, COSTI e DATI SCUOLA MEDIA 29-02-2008 08:28 Pagina 50 PREZZI, COSTI e DATI PER COSTRUIRE Tipologie edilizie e costi Scuola Media Quanto costa costruire una scuola media composta da aule didattiche, aule speciali e spazi

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI 1 PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI... 6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO

Dettagli

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO FASCICOLO INFORMATIVO DELL'OPERA Responsabile del Procedimento: Arch.

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

989. Misurazione dei lavori di imbiancatura e di tinteggiatura su superfici interne.

989. Misurazione dei lavori di imbiancatura e di tinteggiatura su superfici interne. E) IMBIANCATURA, VERNICIATURA E STUCCATURA NELL EDILIZIA 989. Misurazione dei lavori di imbiancatura e di tinteggiatura su superfici interne. Le pareti e i soffitti piani si misurano deducendo solo i vani

Dettagli

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO Villa singola di pregio 35 1.22,00 382,00 TABELLA RIASSUNTIVA DEI COSTI E PERCENTUALI D INCIDENZA COD. OPERA PREZZI IN URO % 01 Impianto di cantiere e scavi 02 Struttura

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO VIA DELLA PIAGGIOLA, 176 GUBBIO (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

LINEEVITASYSTEM SRL. Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI

LINEEVITASYSTEM SRL. Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI lineavita IMP rifo_layout 1 18/11/13 11:48 Pagina 1 LINEE VITA E SISTEMI ANTICADUTA COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano LINEEVITASYSTEM

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia

VISTE ESTERNE. Dopo il restauro - Prospetto Ovest. Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia VISTE ESTERNE Prima del restauro - Prospetto Ovest Dopo il restauro - Prospetto Ovest Prima del restauro - Prospetto Sud Sagrestia Dopo il restauro - Prospetto Sud Sagrestia Prima del restauro - Ingresso

Dettagli

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI DESCRIZIONE Il sistema costruttivo degli edifici che si articolano su due piani si basa generalmente su uno schema di tipo ricorrente: - il piano seminterrato o piano terra,

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti:

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti: L INTERVENTO Le prime analisi di fattibilità hanno consigliato un radicale rifacimento dell impianto sportivo, considerando che l eventuale modesta incidenza della demolizione (in quanto riguarda per la

Dettagli

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE 29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE INTRODUZIONE L idea per la nuova biblioteca di maranello, nasce innanzitutto da due

Dettagli

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a servizio delle attività svolte all interno dell edificio

Dettagli

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO COMUNE DI NICHELINO SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICO-ARTISTICI E DEMOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE CNA - POLITECNICO DI TORINO IL

Dettagli

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE Al termine della fase di classificazione (o suddivisione in capitoli), è possibile redigere l elenco delle voci (o articoli) che rappresentano la lavorazione da

Dettagli

Perizia Valutazione danni

Perizia Valutazione danni Perizia Valutazione danni di un immobile a destinazione Residenziale sito in Roma, Via Mattia Battistini, 72 piano terzo int. 6 Premessa La presente perizia è stata elaborata dal sottoscritto ing. Daniele

Dettagli

Chiusure esterne: murature perimetrali verticali, coperture, chiusure inferiori

Chiusure esterne: murature perimetrali verticali, coperture, chiusure inferiori Chiusure esterne: murature perimetrali verticali, coperture, chiusure inferiori Chiusure perimetrali verticali In generale gli elementi di chiusura di un edificio hanno la funzione di separare le sue pareti

Dettagli

PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino.

PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino. PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino 1 2 3 4 5 6 ALLESTIMENTO ED INSTALLAZIONE DEL CANTIERE, recinzioni e segnalazioni

Dettagli

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante Pali trivellati Fondazioni profonde Pali battuti Micropali Verifica strutture Platea Fondazioni superficiali Plinti Manutenzione fondazioni Travi rovesce Verifica statica Pilastri Travi STRUTTURE IN C.A.

Dettagli

CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI

CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI Le aree di studio: - area a grande concentrazione urbana (zona di Napoli) 1 - area interna della provincia (zona di Terzigno) -

Dettagli

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

Descrizione delle voci e degli elementi U.M. Quantità Importo unitario

Descrizione delle voci e degli elementi U.M. Quantità Importo unitario N. Ord. Tariffa Descrizione delle voci e degli elementi U.M. Quantità Importo unitario Importo totale N.P.01 1C.01.080.0010.b Rimozione di controsoffitti in pannelli di gesso continui fissi pendinati e

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 SCAVI E REINTERRI ESECUZIONE DI SCAVO DI SBANCAMENTO ESEGUITO CON MEZZI MECCANICI, ESECUZIONE DI SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via ANZANI n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE EDILI ed AFFINI Il progettista Agosto 2011 Demolizioni Demolizione

Dettagli

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione.

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Nuovo sistema di interconnessione più calcestruzzi strutturali Leca. L unione fa il rinforzo.

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

MANUALE PER IL RECUPERO DEL PATRIMONIO ESISTENTE

MANUALE PER IL RECUPERO DEL PATRIMONIO ESISTENTE PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI PINZOLO VARIANTE AL PIANO REGOLATORE GENERALE PER LA CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO MONTANO ESISTENTE ( Art. 24 bis L.P. n.22/91 e successive modificazioni

Dettagli

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008 PROVINCIA DI LIVORNO Elenco dei materiali da impiegare e delle modalità per gli interventi sugli edifici inseriti nei centri storici e nelle schede del patrimonio edilizio esistente di particolare valore

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Provincia di Milano RISTRUTTURAZIONE VILLA BESOZZI Piazza Manzoni, 2 Proprietà: ASF & Servizi alla Persona - Carugate Rif. COMPUTO METRICO Unità di misura Quantità Prezzo Un.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALITA

RELAZIONE TECNICA GENERALITA RELAZIONE TECNICA GENERALITA L'Amministrazione del Comune di Gonnoscodina ha conferito all Ing. Elio Musa l'incarico della progettazione, direzione lavori, contabilità, per i lavori riguardanti MANUTENZIONE

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA, TURISTICO-SPORTIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI Completamento interventi di rifacimento

Dettagli

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva. Quello che viene qui presentato è un edificio industriale senza precedenti, un nuovo modello di sviluppo per i progetti

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

Arch. Vincenzo Antonio SERRAO Arch. Francesca ISAIA pag. 2 R I P O R T O

Arch. Vincenzo Antonio SERRAO Arch. Francesca ISAIA pag. 2 R I P O R T O Arch. Francesca ISAIA pag. 2 R I P O R T O LAVORI A MISURA opere edili (Cat 1) 1 / 1 Demolizione di pavimento in mattoni, marmette, ecc., compreso il R.02.060.050 sottofondo, anche con eventuale recupero

Dettagli

TIPOLOGIA COSTRUTTIVA E MODALITA' ESECUTIVE DEI SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE, ISOLAMENTO E RISCALDAMENTO.

TIPOLOGIA COSTRUTTIVA E MODALITA' ESECUTIVE DEI SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE, ISOLAMENTO E RISCALDAMENTO. INDICE INDICE... 1 RELAZIONE SANITARIA... 2 INQUADRAMENTO.... 2 TIPOLOGIA COSTRUTTIVA E MODALITA' ESECUTIVE DEI SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE, ISOLAMENTO E RISCALDAMENTO.... 2 DESTINAZIONI D'USO....

Dettagli

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE Le aperture praticate nelle facciate degli edifici, sin dall inizio dei tempi, hanno avuto sempre una particolarmente attenzione da parte dei costruttori e progettisti,

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca

PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca 1RIEMPIMENTI, ALLEGGERIMENTI, ISOLAMENTI Argilla espansa a Argilla espansa basso assorbimento antirisalita di Argilla espansa. d acqua. umidità. Leca Lecapiù

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

Comune di Pedara. Provincia Catania

Comune di Pedara. Provincia Catania Comune di Pedara Provincia Catania COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO Lavori di adeguamento del locale mensa e del locale caldaia presso la scuola materna di Piazza del popolo. ( PROGETTO ESECUTIVO) COMMITTENTE

Dettagli

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

Procedimento misto per la stima di costo

Procedimento misto per la stima di costo Procedimento misto per la stima di costo Venezia, 12 maggio 2005 Obiettivo e struttura della lezione L obiettivo della lezione è illustrare una metodologia di analisi del valore che consenta di pervenire

Dettagli

CASO DI STUDIO INDIVIDUALE: INFILTRAZIONE DALLA COPERTURA DELL EDIFICIO DI VIA CASCINA BAROCCO 7- MILANO

CASO DI STUDIO INDIVIDUALE: INFILTRAZIONE DALLA COPERTURA DELL EDIFICIO DI VIA CASCINA BAROCCO 7- MILANO CASO DI STUDIO INDIVIDUALE: INFILTRAZIONE DALLA COPERTURA DELL EDIFICIO DI VIA CASCINA BAROCCO 7- MILANO STUDENTE: Palermo Maria Elisabetta matricola n 786869 Indice 1 INQUADRAMENTO DELL AREA 3 2 DESCRIZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Nell ambito dell incarico ricevuto dall Amministrazione Comunale con Determinazione del Responsabile n.976 del 23/08/2005, è stato redatto il progetto esecutivo

Dettagli

Disegno del fabbricato magazzino base

Disegno del fabbricato magazzino base RELAZIONE DESCRITTIVA DEL FABBRICATO Piazzola sul Brenta fu obiettivo militare a causa proprio del ponte ferroviario della linea OstigliaTreviso. Fu oggetto di numerose incursioni aeree avvenute tra la

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI NOVENTA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI NOVENTA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DEL SEMINTERRATO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO A. FOGAZZARO A) RELAZIONE ILLUSTRATIVA Rev. 00 28

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture

COMUNE DI PRATO. Relazione specialistica delle strutture Gli interventi strutturali previsti sul Bastione delle Forche sono i seguenti: realizzazione di una nuova scala di accesso al Bastione in prossimità della scala esistente; realizzazione del parapetto lungo

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56. Capitolato di massima delle opere.

AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56. Capitolato di massima delle opere. AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56 Capitolato di massima delle opere. CAPITOLATO DI MASSIMA. L edificio è composto da un piano fuori terra di circa mq. 3.000 frazionabili. L aspetto architettonico,

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO PROGETTO ESECUTIVO Comune di ESCALAPLANO Provincia di CA OGGETTO: ADEGUAMENTO FABBRICATO ADIBITO A COMUNITA' ALLOGGIO PER ANZIANI COMMITTENTE: COMUNE DI ESCALAPLANO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Escalaplano,

Dettagli

Comitato locale di Monza

Comitato locale di Monza Una CASA per la CROCE ROSSA Comitato locale di Monza Progetto di Massima e stima per la manutenzione straordinaria di parte dell immobile sito in Via Pacinotti, 2 a MONZA (MB) Una CASA per la CROCE ROSSA

Dettagli

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante: - RISPONDERE a tutte le domande contenute nelle

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

Restauro della Casa al Parco settembre 2010 / settembre 2014 Relazione Tecnica

Restauro della Casa al Parco settembre 2010 / settembre 2014 Relazione Tecnica Restauro della Casa al Parco settembre 2010 / settembre 2014 Relazione Tecnica La casa è stata abitata dalle Tognella fino al 2006. Nel 2007 gli eredi decidono di realizzare un intervento di restauro e

Dettagli

Architetto Enzo Siligardi Studio di architettura Via San Martino, 3-38100 Trento Tel. 0461/ 982365 - Fax. 0461/239790 - E-mail: siligardi@tin.

Architetto Enzo Siligardi Studio di architettura Via San Martino, 3-38100 Trento Tel. 0461/ 982365 - Fax. 0461/239790 - E-mail: siligardi@tin. COMUNE DI TESERO PROVINCIA DI TRENTO PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI TESERO VARIANTE V2 VARIANTE AL PIANO REGOLATORE GENERALE PER LA CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO MONTANO

Dettagli