Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, Carloforte (Ci) C. F Cod. Min. CAIC82000T Tel. 0781/ Fax 0781/ Aggiornamento del documento: 26 maggio 2015

2 INDICE OBIETTIVI DEL PIANO DI EMERGENZA 4 ANAGRAFICA DELLA SCUOLA 5 CARATTERISTICHE GENERALI DELL EDIFICIO SCOLASTICO 5 Classificazione della scuola 6 CLASSIFICAZIONE DELLE EMERGENZE 8 ORGANIZZAZIONE DELL EMERGENZA 9 La squadra di emergenza 9 1. SQUADRA DI PREVENZIONE INCENDI 9 PRESIDI ANTINCENDIO 9 ESTINGUENTI E CLASSI DI INCENDIO 10 EFFETTI DEGLI ESTINGUENTI SULL ORGANISMO UMANO 11 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E DOTAZIONI LA SQUADRA DI EVACUAZIONE assegnazione degli incarichi SQUADRA DI PRIMO SOCCORSO 16 PRESIDI DI PRIMO SOCCORSO 16 SISTEMI DI COMUNICAZIONE DELL EMERGENZA dall interno delle aule tramite la campanella tramite comunicazione porta a porta Comunicazioni esterne 18 LE CHIAMATE DI SOCCORSO 18 In caso di incendio 18 In caso siano stati segnalati feriti o intossicati 19 PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE 19 Compiti della squadra di evacuazione per funzioni 19 SCHEDA 1 - COORDINATORE DELL EMERGENZA 19 SCHEDA 2 - RESPONSABILI DELL AREA DI RACCOLTA 20 SCHEDA 3 - PERSONALE DI SEGRETERIA 20 SCHEDA 4 - RESPONSABILE DI PIANO (PERSONALE NON DOCENTE) 20 SCHEDA 5 - PERSONALE DOCENTE IN AULA 21 SCHEDA 6 ALLIEVI APRI - FILA E SERRA-FILA 22 Compiti della squadra di prevenzione incendi 22 INCENDI DI RIDOTTE DIMENSIONI 22 INCENDI DI VASTE PROPORZIONI 24 NORME DI COMPORTAMENTO IN BASE AL TIPO DI EMERGENZA E MANSIONE 25 SCHEDA 1 NORME GENERALI PER L EVACUAZIONE - ALLIEVI 25 SCHEDA 2 NORME GENERALI DA APPLICARE IN CASO DI EMERGENZA INCENDIO 26 SCHEDA 3 NORME GENERALI DA APPLICARE IN CASO DI ALLAGAMENTO 27 SCHEDA 4 NORME GENERALI DA APPLICARE IN CASO DI EMERGENZA ELETTRICA 27 SCHEDA 5 NORME GENERALI DA APPLICARE IN CASO DI INFORTUNIO - MALORE 28 SCHEDA 6 NORME GENERALI DA APPLICARE IN CASO DI FUGA DI GAS 28 SCHEDA 7 NORME GENERALI DA APPLICARE IN CASO DI SVERSAMENTO 29 SCHEDA 8- NORME GENERALI PER LA SEGNALAZIONE DI UN ORDIGNO ESPLOSIVO 30 SCHEDA 9 NORME GENERALI DA APPLICARE IN CASO DI AGGRESSIONE 30 SCHEDA 10 NORME GENERALI DA APPLICARE IN CASO DI ESPLOSIONI/ATTENTATI/CROLLI/SOMMOSSE CHE INTERESSANO AREE ESTERNE 31 SCHEDA 11- NORME GENERALI DA APPLICARE IN CASO DI EMERGENZA SISMICA 31 SCHEDA 12- NORME GENERALI DA APPLICARE IN CASO DI EMERGENZA ALLUVIONE 33 SCHEDA 13- NORME GENERALI DA APPLICARE IN CASO DI EMERGENZA TOSSICA O CHE COMPORTI IL CONFINAMENTO (incendio esterno, trasporto, impedimento all uscita degli alunni) 33 SCHEDA 14 IMPRESE ESTERNE 34 SCHEDA 15 - GENITORI 34 INFORMAZIONE 34 AGGIORNAMENTO DEL PIANO DI EMERGENZA 35 MISURE DI AUTOPROTEZIONE 35 Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 2

3 SEGNALETICA DI SICUREZZA 35 SEGNALI PER LE ATTREZZATURE ANTINCENDIO 37 SEGNALI DI SALVATAGGIO 38 SEGNALI DI DIVIETO 40 SEGNALI DI AVVERTIMENTO 41 GLOSSARIO 42 RIFERIMENTI NORMATIVI 45 Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 3

4 OBIETTIVI DEL PIANO DI EMERGENZA Il presente piano d emergenza è redatto con lo scopo di informare tutto il personale docente e non docente, nonché gli studenti, sul comportamento da tenere nel caso si renda necessario un allontanamento rapido dall edificio scolastico. Attraverso questo documento sono perseguiti i seguenti obiettivi: Indicare le procedure da seguire per evitare l insorgere di un emergenza; Affrontare l emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti e riportare la situazione in condizione di normale esercizio; Prevenire situazioni di confusione e di panico; Pianificare le azioni necessarie a proteggere le persone sia all interno che all esterno dell edificio; Coordinare i servizi di emergenza, lo staff tecnico e la direzione didattica; Assicurare, se necessario, un evacuazione facile, rapida e sicura; Fornire uno strumento informativo per la formazione del personale docente, per gli alunni e per i genitori degli alunni. Per realizzare e mantenere adeguati livelli di sicurezza e per gestire in maniera ottimale eventuali emergenze è fondamentale rispettare le seguenti disposizioni : 1. Prevenire incendi ed esplosioni. 2. Mantenere in efficienza i mezzi di segnalazione e di spegnimento incendio. 3. Mantenere l agibilità delle vie e delle uscite di emergenza. 4. Individuare situazioni ad alto rischio di incendio. 5. Fornire al personale ed agli alunni le necessarie informazioni sulle norme comportamentali da seguire in caso di incendio o pericolo grave. 6. Individuare le persone a cui assegnare il compito di organizzare, programmare, attuare e verificare le attività di prevenzione. 7. Informare il personale e gli alunni. 8. Informare, formare e addestrare il personale con incarichi specifici di prevenzione incendi. 9. Assegnare gli incarichi ed i compiti al personale specificatamente individuato e addestrato. 10. Constatare e segnalare la presenza di un principio di incendio. 11. Adottare idonee misure per l estinzione o per il contenimento dell incendio. 12. Attuare l esodo. 13. Prestare soccorso alle persone in difficoltà. 14. Chiamare soccorso in caso di incendio rilevante (VV. F., Ambulanza, P. S.). 15. Collaborare con i VVF. Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 4

5 Sono parte integrante del presente piano di emergenza le schede comportamentali allegate e tutta la documentazione cartografica nella quale, secondo quanto previsto dalla vigente normativa in materia, sono riportate: - Ubicazione delle uscite d emergenza e\o luoghi sicuri; - Individuazione dei percorsi di fuga; - Ubicazione dei presidi antincendio (estintori, idranti, ecc.); - Individuazione dei punti di raccolta esterni; - Individuazione della cartellonistica di sicurezza; - Individuazione di tutti i locali del piano evidenziando i più pericolosi; - Individuazione dell interruttore elettrico di piano; I comportamenti che ogni figura deve tenere al fine di un ordinato allontanamento dall edificio in caso di pericolo sono indicati nelle rispettive schede di seguito riportate. ANAGRAFICA DELLA SCUOLA Edificio scolastico: plesso Scuola Primaria Istituto Comprensivo Statale Carloforte; Indirizzo: Salita S. Cristina n 88, Carloforte (CI); Telefono: 0781/ Fax: 0781/ Dirigente Scolastico: Prof. Valentino Pasquale Pusceddu RSPP: Prof. Valentino Pasquale Pusceddu RLS: Sig.a Maria Leone ASPP di plesso: Sig.a Gabriella Boccone CARATTERISTICHE GENERALI DELL EDIFICIO SCOLASTICO Il plesso Primaria dell Istituto Comprensivo Statale Carloforte è un vecchio caseggiato costituito da piano terra e primo piano, entrambi utilizzati per le attività didattiche. I due piani sono collegati, oltre che da scale interne, da un ascensore installato a cura dell Ente proprietario e mai entrato in funzione perchè non collaudato e non corredato delle certificazioni di legge. Il vano ascensore è comunque inaccessibile in quanto la porta risulta chiusa a chiave. Attraverso un cortile interno è possibile accedere al Plesso Secondaria che risulta comunque costituire un edificio indipendente e separato dal Plesso Primaria. Nella seguente tabella vengono indicate la distribuzione e la localizzazione della popolazione scolastica: Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 5

6 PIANO ALUNNI PERSONE CON DIFFICOLTA MOTORIA PERSONE CON LIMITAZIONI VISIVE O UDITIVE DOCENTI OPERATORI SCOLASTICI PERS AMMIN. TOTALE TERRA PRIMO TOTALE Classificazione della scuola Pertanto, in applicazione del D.M la scuola, in base alle presenze effettive contemporanee delle persone, è classificata di tipo 1 ( presenze contemporanee). Nella scuola si individuano 14 aule destinate alle attività didattiche ordinarie, di cui quattro al piano terra e nove al primo piano; un aula speciale per le attività di sostegno ubicata al primo piano ed i seguenti spazi a rischio specifico: DESCRIZIONE UBICAZIONE MASSIMO ATTREZZATURE/ SOSTANZE POSSIBILI RISCHI AREA AFFOLLAMENTO MATERIALI PRESENTI DEPOSITATE 3 aule adibite a Piano terra 140 Sono presenti Incendio per mensa solo gli arredi malfunzionamento (tavoli, sedie). I degli impianti pasti vengono elettrici o fumi forniti pronti da provenienti da impresa terza. incendio scoppiato in ambienti vicini palestra 24 Semplici attrezzi Come sopra ginnici Biblioteca Primo piano Scaffalature e libri Incendio (è presente un estintore) 1 Aula Scaffalature e Incendio (è archivio documenti presente un cartacei estintore) 1 Aula archivio Scaffalature e Incendio (è documenti presente un cartacei estintore) 1 Locale 1 fotocopiatore Incendio per fotocopiatore malfunzionamento (corridoi) degli impianti elettrici o fumi Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 6

7 1 Locale aula piccola 1 locale segreteria 1 Locale magazzino 1 Laboratorio teatro 1 Aula informatica Scaffalature oggetti didattici Piano terra Fotocopiatore, PC, stampanti, carta, archivio documenti. Piano terra Detergenti, DPI operatori scolastici, semplici attrezzature da lavoro provenienti da incendio scoppiato in ambienti vicini Incendio per malfunzionamento degli impianti elettrici o fumi provenienti da incendio scoppiato in ambienti vicini Incendio per malfunzionamento degli impianti elettrici o fumi provenienti da incendio scoppiato in ambienti vicini Incendio per malfunzionamento degli impianti elettrici e/o per errate procedure di immagazzinamento dei detergenti (gli operatori scolastici sono stati formatiinformati sui rischi e sulle modalità di conservazione e utilizzo dei detergenti forniti. Copia delle schede di sicurezza è depositata presso la Presidenza. Primo piano 50 Incendio di natura elettrica (è presente un estintore) Postazioni nessuna Incendio di natura VDT elettrica (sono Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 7

8 1 Laboratorio scientifico 1 locale magazzinodeposito 1 Centrale termica presenti due estintori di cui uno a CO 2 ) Scaffalature Incendio per oggetti didattici malfunzionamento degli impianti elettrici o fumi provenienti da incendio scoppiato in ambienti vicini cortile Oggetti vari Come sopra Cortile Incendio, scoppio. Le lezioni si svolgono dal lunedì al venerdì con orario 8,30-16,30 e il sabato dalle 8,30 alle 13,30. CLASSIFICAZIONE DELLE EMERGENZE Le emergenze sono classificate in funzione della provenienza (interna o esterna) e della tipologia dell'evento scatenante. Nella seguente tabella vengono indicate le principali tipologie di emergenze ragionevolmente prevedibili nell ambito delle attività scolastiche: EMERGENZE INTERNE Incendio Allagamento Infortunio/malore Guasto elettrico Fuga di gas Sversamento EMERGENZE ESTERNE Incendio Azione criminosa Alluvione Evento sismico Nube tossica Incidente trasporto-impatto Ordigno esplosivo Incidente trasporto Aggressione folle/rapinatore coinvolgente sostanze o preparati pericolosi/crolli/sommosse Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 8

9 ORGANIZZAZIONE DELL EMERGENZA La squadra di emergenza La squadra di emergenza è composta da tre gruppi: 1. SQUADRA DI PREVENZIONE INCENDI Prevenzione incendi Almeno due unità per piano Abilitati tramite corso di formazione di cui al D.M allo spegnimento con l uso di mezzi di estinzione Attestato di idoneità tecnica rilasciato dal Comando dei compiti Circoscrivere l incendio e ritardarne la propagazione; scelta dei mezzi di estinzione adeguati; spegnimento VVF N Nominativo Piano Tel Corso di cui al Attestato di note interno D.M Idoneità o tecnica VVF(data) cellulare 1 Porcu Maurizio T Corso di formazione per addetto antincendio Conseguito in data 28/06/ Mazzella T Corso di formazione per Conseguito in data Francesca addetto antincendio 22/08/ Cincotti Paola 1 Corso di formazione per addetto antincendio Conseguito in data 22/08/ Marongiu T Corso di formazione per Conseguito in data Donatella addetto antincendio 28/06/2007 Gli attestati di formazione e i verbali di designazione sono custoditi presso l ufficio di presidenza. PRESIDI ANTINCENDIO Nella seguente tabella viene indicata l ubicazione e la tipologia dei presidi antincendio disponibili: Ubicazione Tipologia N Caratteristiche Verifica Ditta/Ente Note estinguenti periodica responsabile Piano terra Estintori a 5.A..BC semestrale polvere Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 9

10 Piano terra Estintori a CO 2 Piano terra Idranti a naspo Primo Estintori a Piano polvere Primo Estintori a Piano CO 2 Primo Idranti a Piano naspo 1.A..BC semestrale 2 semestrale 4 semestrale 1 semestrale 2 semestrale Allo stato gli idranti di incendio risultano utilizzabili essendo stati rinnovati nel mese di aprile 2015, ma non è stata effettuata la verifica dell alimentazione idrica. ESTINGUENTI E CLASSI DI INCENDIO Nella seguente tabella, in forma schematica, vengono riportate le caratteristiche dei più comuni estinguenti rispetto alle diverse classi di incendio e al tipo di materiali coinvolti nell incendio: A B C CLASSE DI INCENDIO Incendi di materiali solidi, combustibili e Infiammabili, suscettibili di creare braci Incendi di materiali liquidi infiammabili MATERIALI INTERESSATI Getto pieno Acqua nebuliz vapore SOSTANZA ESTINGUENTE Schiu ma CO 2 Pol vere. Halon Legname,carta e 2 carboni Gomma e derivati 2 Tessuti naturali 2 Cuoio e pelle 2 Libri e documenti 2 Arredi di vario tipo 2 Alcool, eteri e sostanze solubili in acqua Benzina e oli minerali Petroli e oli pesanti Vernici e solventi automezzi Incendi di materiali Idrogeno Gassosi infiammabili Metano, propano, butano Etilene, propilene e acetilene Incendi di metalli e Nitrati, nitriti, metalloidi e loro clorati derivati, Alchilati di spontaneamente alluminio Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 10

11 D combustibili in presenza di aria, reattive alla schiuma con formazione di idrogeno e pericolo di esplosione E Incendi di apparecchiature elettriche sotto tensione Perossidi di bario, sodio e potassio Magnesio e manganese Alluminio in polvere Trasformatori e 3 alternatori Quadri e 3 interruttori Motori elettrici 3 Impianti telefonici LEGENDA: USO VIETATO SCARSAMENTE EFFICACE EFFICACE EFFICACE MA DANNEGGIA I MATERIALI 1: IN EDIFICI CON IMPIANTI FISSI 2:SPENGONO L INCENDIO MA NON ELIMINANO LE BRACI 3. PERMESSA PURCHE EROGATA DA IMPIANTI FISSI In generale valgono le seguenti regole: Usare estintori a CO 2 su: liquidi infiammabili, gas, apparecchiature elettriche ed elettroniche, solidi Usare estintori a polvere su: liquidi infiammabili, gas, solidi Usare acqua su: materiali solidi che non si sciolgono e per raffreddare recipienti e strutture in prossimità dell incendio. E assolutamente vietato utilizzare acqua su apparecchiature elettriche sotto tensione (rischio di elettrocuzione) EFFETTI DEGLI ESTINGUENTI SULL ORGANISMO UMANO Nella seguente tabella vengono riportati sinteticamente i principali effetti dei principali estinguenti sull organismo umano: ESTINGUENTE CARATTERISTICHE EFFETTI SULL UOMO ANIDRIDE CARBONICA (CO 2 ) Di relativa efficacia, richiede erogazioni abbondanti. Il costo è relativamente moderato. Utilizzata sia in mezzi fissi a saturazione d ambiente sia in mezzi mobili. Gli estintori portatili risultano pesanti a causa della robustezza imposta dall elevata pressione di conservazione allo stato liquido. Durante l espansione a pressione atmosferica (in fase di erogazione) si raffredda energicamente. Particolarmente indicata per spegnere incendi che interessano apparecchiature Possibili ustioni da freddo per contatto durante l erogazione (evitare di toccare le parti metalliche dell erogatore). Durante l erogazione con mezzi mobili in locali angusti o di impianti fissi a saturazione d ambiente pericolo di asfissia (non sostare nei locali dopo l erogazione e ventilare abbondantemente prima di consentire l accesso alle persone) Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 11

12 POLVERE elettriche ed elettroniche e materiali cartacei, in quanto non lascia tracce, al contrario degli estinguenti a polvere. Costo e prestazioni molto variabili in funzione del tipo di polvere e delle quantità impiegate. Esistono diversi tipi di polveri, adatti a tutte le classi di fuoco. Utilizzate in mezzi fissi e mobili. Tipo BC Tipo ABC (polivalente) per incendi di metalli (classe D) In locali angusti o in caso di investimento diretto possibili irritazioni alle vie respiratorie e agli occhi, raramente dermatosi. In caso di utilizzo, se necessario indossare protezione respiratoria e occhiali o schermo di protezione HALON Sono attualmente in commercio i cosiddetti nuovi Halon,che sostituiscono la prima generazione di prodotti messi fuori legge dal D.M Di costo molto elevato, particolarmente indicati per l estinzione di incendi di classe B,C,E. Di elevata efficacia, richiedono un erogazione minima. Utilizzati in impianti fissi a saturazione d ambiente e mobili La specifica tecnica di riferimento per la produzione dei nuovi Halon è la NFP 2001/1994, a ci rispondono per esempio: CEA 410 FE 24 NAF S-III INERGEN Alle concentrazioni di estinzione effetti reversibili di tipo anestetico e del ritmo cardiaco. Formazione di sostanze tossiche per decomposizione. Per l utilizzo di questi estinguenti (vietati in alcuni casi per gli ambienti chiusi) è necessario uno specifico addestramento. Non sono comunque in dotazione nella scuola. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E DOTAZIONI l'equipaggiamento della Squadra di Emergenza è costituito da: elmetto con visiera ribaltabile; coperta antifiamma; guanti anticalore; Maschere a cappuccio usa e getta con autonomia limitata (15 minuti) ma pienamente efficienti per interventi rapidi e sicuri volti al salvataggio delle persone; Tali dotazioni non sono presenti ma è impegno dell Istituto acquistarli. Esse saranno conservate nel gabbiotto al piano terra posto a fianco della presidenza. Come centro di coordinamento per la gestione delle emergenze è stato individuato il locale della presidenza in cui devono recarsi gli addetti alla squadra di emergenza per pianificare le azioni da Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 12

13 intraprendere in caso di emergenza; le dotazioni sono custodite nel gabbiotto a fianco della stessa presidenza, come il registro dei controlli periodici e le tabelle relative alla turnazione della squadra di emergenza. 2. LA SQUADRA DI EVACUAZIONE assegnazione degli incarichi (i numeri di telefono sono allegati nella scheda riassuntiva della squadra di evacuazione) INCARICO RUOLO NOMINATIVO TEL SOSTITUTO TEL PIANO Emissione ordine Coordinatore Testa Monica Dirigente Di evacuazione dell emergenza scolastico Trasmissione ordine Addetto Donatella Rossella Di evacuazione segreteria o Marongiu Ibba Operatore scolastico Chiamata di soccorso Addetto Donatella Rossella segreteria Marongiu Ibba Responsabile Docente Docente in Docente in dell evacuazione delle aula aula classi Studente apri-fila della classe 1x Studente serra-fila della classe 1x Studente apri-fila della classe 2x Studente serra-fila della classe 2x Studente apri-fila della classe 3x Studente serra-fila della classe 3x Studente apri-fila della classe 4x Studente serra-fila della classe 4x Studente apri-fila della classe 5x alunni Il piu lontano dalla porta Il piu vicino alla porta Il piu lontano dalla porta Il piu vicino alla porta Il piu lontano dalla porta Il piu vicino alla porta Il piu lontano dalla porta Il piu vicino alla porta Il piu lontano dalla porta Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 13

14 Studente serra-fila Il piu vicino della classe 5x alla porta Studente apri-fila Il piu lontano della classe 6x dalla porta Studente serra-fila Il piu vicino della classe 6x alla porta Studente apri-fila Il piu lontano della classe 7x dalla porta Studente serra-fila Il piu vicino della classe 7x alla porta Studente apri-fila Il piu lontano della classe 8x dalla porta Studente serra-fila Il piu vicino della classe 8x alla porta Studente apri-fila Il piu lontano della classe 9x dalla porta Studente serra-fila Il piu vicino della classe 9x alla porta Studente apri-fila Il piu lontano della classe 10x dalla porta Studente serra-fila Il piu vicino della classe 10x alla porta Studente apri-fila Il piu lontano della classe 10x dalla porta Studente serra-fila Il piu vicino della classe 10x alla porta Studente apri-fila Il piu lontano della classe 11x dalla porta Studente serra-fila Il piu vicino della classe 11x alla porta Studente apri-fila Il piu lontano della classe 12x dalla porta Studente serra-fila Il piu vicino della classe 12x alla porta Studente apri-fila Il piu lontano della classe 13x dalla porta Studente serra-fila Il piu vicino Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 14

15 della classe 13x Responsabili assistenza ai disabili Responsabili assistenza ai disabili alla porta Puggioni Rosella Luxoro Sara Leinardi Tonia Caredda Nicoletta Responsabile area di docente Cadello Boccone raccolta 1 Lisanna Gabriella Responsabile area di raccolta 2 Responsabile area di raccolta 3 Responsabile area di raccolta 4 Responsabile area di raccolta 5 Addetto segreteria o docente Puddu Greca Jesu Giuseppina docente Aste Rivano Mariangela Regina docente Grosso Pomata Nicoletta Antonella docente Schirra Maria Alimonda Rita Mariangela Interruzione energia Non docente di Rosso Stefano elettrica/gas del piano piano terra Interruzione energia elettrica/gas del primo piano Controllo operazioni di evacuazione piano terra Controllo operazioni di evacuazione primo piano Verifica giornaliera degli estintori/idranti/uscite e luci di emergenza piano terra Verifica giornaliera degli estintori/idranti/uscite e Non docente di Porcu Maurizio piano Non docente di Rosso Stefano Ibba piano Rossella Non docente di Dessì Maria Porcu piano Grazia Maurizio Non docente di Rosso Stefano Ibba piano Rossella Non docente di Dessì Maria Porcu piano Grazia Maurizio luci di emergenza primo piano Controllo Non docente di Rosso Stefano Porcu Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 15

16 apertura/chiusura cancelli esterni piano Maurizio Complessivamente la squadra di evacuazione si compone di 21 persone 3. SQUADRA DI PRIMO SOCCORSO Primo Soccorso Almeno due unità per piano Abilitati tramite corso di formazione di cui al D.M. 388/2003 Attestato di formazione conforme alla normativa di riferimento. compiti Attuazione delle misure di primo soccorso. Corretto utilizzo delle dotazioni minime di primo soccorso. Interventi di primo soccorso adeguati alla circostanza N Nominativo Piano Tel Corso di cui al Ente o professionista note interno D.M. Responsabile del o cellulare corso N Damele Anna 1 si ASL 7 Carbonia 2 Aste Pasqualina T ASL 7 Carbonia 3 Marongiu Donatella 1 si Dott. Sandro Caria In corso 4 Puddu Greca T si Dott. Sandro Caria In corso Gli attestati di formazione e i verbali di designazione sono custoditi presso l ufficio di presidenza. Complessivamente le persone formate per il Primo Soccorso sono PRESIDI DI PRIMO SOCCORSO Cassetta di Primo Soccorso N ubicazione Verifica almeno settimanale e su segnalazione degli utilizzatori del contenuto e richiesta di reintegro quando necessario (data) Nominativo incaricato Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 16

17 1 Piano terra c/o Gabriella Boccone 2 Primo Piano Gabriella Boccone c/o Pacchetto di Segreteria La verifica deve essere medicazione effettuata preventivamente da utilizzare all utilizzo per accertare la durante le gite presenza e l integrità di tutti i o gli presidi previsti spostamenti fuori sede Gabriella Boccone Gabriella Boccone Donatella Marongiu SISTEMI DI COMUNICAZIONE DELL EMERGENZA La comunicazione dell emergenza può avvenire: 1. dall interno delle aule: è prevista l installazione nelle classi di campanelli collegati ad un sistema luminoso esterno che permetterà al personale non docente di individuare immediatamente da quale aula avviene la chiamata, tramite cellulare dalle aule. Nelle more dell installazione di tali dispositivi la chiamata dovrà essere effettuata dal docente tramite cellulare con il quale verrà avvisata la segreteria o il coordinatore dell emergenza; 2. tramite la campanella utilizzata dal personale non docente per segnalare l inizio e la fine delle lezioni. Il sistema consentirà di avvisare automaticamente tutte le persone interessate attivando in tal modo il piano di emergenza con estrema rapidità ed eliminando inutili perdite di tempo. L attivazione della campanella è possibile dalla postazione del personale ausiliario, ubicato all ingresso della scuola, nell atrio. L attivazione della campanella avviene manualmente con un suono continuo di una durata tale da non poter essere in alcuna maniera confusa con il segnale di inizio e fine ora. La medesima campanella è utilizzata per il comando di evacuazione generale della scuola. I segnali convenzionali sono i seguenti : SITUAZIONE Inizio emergenza (stato preallarme) di SUONO CAMPANELLA RESPONSABILE Suono intermittente a intervalli di 2 secondi DELL ATTIVAZIONE In caso di evento interno Chiunque si accorga dell emergenza In caso di evento esterno RESPONSABILE DELLA DISATTIVAZIONRE Coordinatore dell emergenza Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 17

18 Inizio evacuazione Fine evacuazione Coordinatore dell emergenza Suono continuo Coordinatore dell emergenza Coordinatore dell emergenza Suono intermittente a Coordinatore dell emergenza Coordinatore intervalli di 10 secondi dell emergenza 3. tramite comunicazione porta a porta Per le comunicazioni in emergenza, l allarme può essere dato con il sistema porta a porta nel caso in cui siano necessarie comunicazioni diverse dall allarme generale o di evacuazione generale. 4. Comunicazioni esterne Per le chiamate verso l esterno degli Enti di Soccorso/intervento dovrà applicarsi un sistema codificato che permette la massima rapidità e chiarezza nella richiesta di soccorso esterno. Gli Enti di riferimento sono i seguenti: ENTE DI SOCCORSO/INTERVENTO N TELEFONICO Comando provinciale VVF 115 Polizia di Stato 113 Ospedale/Pronto Soccorso 118 Carabinieri 112 Ente responsabile delle manutenzioni Comune LE CHIAMATE DI SOCCORSO Nel caso in cui l emergenza sia tale da richiedere l intervento in soccorso di enti esterni a cura del Coordinatore dell Emergenza o di un suo delegato saranno effettuate le seguenti chiamate: In caso di incendio Vigili del Fuoco profferendo il messaggio: Pronto, qui è la scuola I.C.S. Carloforte ubicata in via S. Cristina 88 è richiesto il vostro intervento per un principio di incendio che si è sviluppato in Il mio nominativo è Il nostro numero di telefono è Ripeto, qui è la scuola I.C.S. Carloforte _ubicata in via S. Cristina 88 è richiesto il vostro intervento per un principio di incendio che si è sviluppato in Il mio nominativo è Il nostro numero di telefono è Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 18

19 In caso siano stati segnalati feriti o intossicati Pronto Soccorso Ospedale profferendo il messaggio: Pronto, qui è la scuola I.C.S. Carloforte ubicata in via S. Cristina 88 è richiesto il vostro intervento con autoambulanza per un assistenza ad una/più persone intossicate dal prodotto XXXXXXXX (se noto) ovvero ad una/più persone che presentano lesioni al corpo. Il mio nominativo è Il nostro numero di telefono è Ripeto, qui è la scuola I.C.S. Carloforte ubicata in via S. Cristina 88 è richiesto il vostro intervento con autoambulanza per un assistenza ad una/più persone intossicatedal prodotto XXXXXXXX (se noto) ovvero ad una/più persone che presentano lesioni al corpo. Il mio nominativo è Il nostro numero di telefono è La stessa impostazione deve essere utilizzata anche per chiamare gli altri Enti e lo schema sopra riportato dovrà essere tenuto in vista insieme all elenco dei numeri telefonici utili a tale scopo. PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE Compiti della squadra di evacuazione per funzioni Nelle seguenti schede vengono indicati i compiti dei vari componenti della squadra di evacuazione: SCHEDA 1 - COORDINATORE DELL EMERGENZA Ricevuta la segnalazione di pericolo il coordinatore dell'emergenza: attiva immediatamente gli altri componenti della squadra di emergenza, si reca immediatamente sul luogo dell'emergenza per valutare l'entità del pericolo: se l emergenza coinvolge solo una parte dell edificio e non può coinvolgerlo tutto (es. in aree isolate, ai piani superiori emergenza individuale non collettiva,...): avverte le classi che si trovano in pericolo immediato con sistema porta a porta; Fornisce le indicazioni necessarie per la messa in sicurezza delle classi (tipo di emergenza, attivazione piano di evacuazione, indicazione di vie di uscita alternative); se l emergenza coinvolge tutto l edificio scolastico (es. in aree collettive o affollate, ai piani inferiore, emergenza dovuta a cause ignote, emergenza di tipo territoriale,...): attiva il segnale di emergenza generale; se necessario attiva il segnale di evacuazione; se l evento è tale da richiedere l'intervento da parte di organizzazioni esterne provvede a convocarle direttamente, fornendo precise indicazioni; attiva immediatamente il personale incaricato di isolare le apparecchiature che possono essere interessate alla situazione di emergenza: Centrale Termica, Contatore di Energia Elettrica; coordina le operazioni della squadra di emergenza; definisce le azioni da intraprendere e l'eventuale evacuazione della scuola; Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 19

20 sovraintende a tutte le operazioni condotte sia dalla squadra di emergenza interna sia dagli Enti di Soccorso. Dispone la segnalazione di fine emergenza con il segnale acustico convenuto. SCHEDA 2 - RESPONSABILI DELL AREA DI RACCOLTA Al segnale di evacuazione dell edificio: I non docenti: Si dirigono verso il punto di raccolta seguendo l itinerario indicato dalle planimetrie di piano; Acquisiscono dai docenti di ogni classe la presenza dei loro studenti e la trascrivono nell apposito modulo (modulo 2); Nel caso in cui qualche persona risulti assente alla verifica, dopo aver raccolto ogni possibile informazione la trasmette al Dirigente Scolastico; Comunicano al Dirigente Scolastico la presenza complessiva degli studenti. I docenti: effettuano l evacuazione della loro classe come previsto dalla procedura di emergenza; giunti all area di raccolta acquisiscono dai docenti di ogni classe i moduli di evacuazione indicanti la presenza dei loro studenti (modulo 1) e la trascrivono nell apposito modulo (modulo 2); Nel caso in cui qualche persona risulti assente alla verifica, dopo aver raccolto ogni possibile informazione la trasmette al Dirigente Scolastico; Comunicano al Dirigente Scolastico la presenza complessiva degli studenti. SCHEDA 3 - PERSONALE DI SEGRETERIA Al segnale di evacuazione dell edificio il personale di segreteria: Attende il segnale del coordinatore dell emergenza per effettuare le chiamate di emergenza secondo le procedure previste; si i dirige verso il punto di raccolta seguendo l itinerario indicato dalle planimetrie di piano. SCHEDA 4 - RESPONSABILE DI PIANO (PERSONALE NON DOCENTE) All insorgere di un emergenza: individua la fonte di pericolo( principio di incendio, allagamento, ecc.), ne valuta l entità e, se necessario, suona la campanella di inzio emergenza (suono intermittente a intervalli di due secondi); Piano di Emergenza ed Evacuazione Istituto Comprensivo Statale Carloforte Plesso Primaria 20

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

(art. 22 comma 5 del D.Lgs. n. 626/94 ed All.VII del D.M.10.03.98) Organizzato e curato dal: Servizio di Prevenzione e Protezione UNIVERSITÁ di PISA

(art. 22 comma 5 del D.Lgs. n. 626/94 ed All.VII del D.M.10.03.98) Organizzato e curato dal: Servizio di Prevenzione e Protezione UNIVERSITÁ di PISA CORSO DI FORMAZIONE PER I LAVORATORI INCARICATI DELL ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO, EVACUAZIONE DEI LAVORATORI E GESTIONE DELLE EMERGENZE (art. 22 comma 5 del D.Lgs.

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli