COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI"

Transcript

1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico

2 COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI Rischi di impresa e rischi di errate esposizioni Principi di revisione Accertamento iniziale dei rischi Fattori ambientali, strategici ed operativi Processo di gestione dei rischi d impresa Flusso informativo Conoscenza dell andamento patrimoniale, finanziario ed economico dell impresa 2

3 COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI Accertamento dei rischi di continuità aziendale e di frodi Principi contabili e metodi di applicazione Stime contabili e fair value Sistema di controllo interno Valutazione dei rischi di errori significativi Collegamento tra rischi ed aree del flusso informativo Conferma del livello di significatività 3

4 Rischi di impresa e rischi di errate esposizioni Caratteristiche delle imprese e specifici profili di rischio di errate esposizioni Rischi di errate esposizioni collegati ai rischi di impresa Rischi di impresa : eventi o iniziative con effetto avverso su raggiungimento obiettivi fissati RC: Enfasi posta ma non limitata ad obiettivo di attendibilità informazioni finanziarie Individuazione corretta dei rischi funzione delle informazioni relative ai diversi profili di rischio dell impresa 4

5 Principi di revisione Documento n. 315 individua i diversi profili di rischio : Settore di attività, normativa, ed altri fattori esterni Caratteristiche dell impresa Obiettivi, strategie, e rischi correlati Misurazione ed esame della performance economicofinanziaria Controllo interno Analisi dei diversi profili Procedure di valutazione del rischio Modalità definite dal revisore 5

6 Accertamento iniziale dei rischi Per incarichi ripetitivi. Conoscenza acquisita in precedenti incarichi 6

7 Fattori ambientali, strategici ed operativi Conoscenza ambiente esterno: Quadro economico generale Settore economico. Andamenti e tendenze Quadro normativo e regolamentare Sviluppi tecnologici Competitività Disponibilità di capitali 7

8 Fattori ambientali, strategici ed operativi Obiettivi e strategie dell impresa Visione della Direzione dei fattori critici di successo Obiettivi e strategie fonti di rischi di errate esposizioni( Ad es obiettivi aggressivi e rischi di frodi) Modalità di acquisizione flessibili 8

9 Fattori ambientali, strategici ed operativi Fattori operativi ( Elementi della dinamica dell impresa) Assetto proprietario Profili professionali, politiche e procedure del personale Processi dell impresa (attività operative, di controllo,di monitoraggio del SCI) Organizzazione, Direzione, e CdA Sistema Informativo Concorrenza Fornitori Clienti 9

10 Processo di gestione dei rischi di impresa Creazione di valore effetto della gestione dei rischi di impresa. Modelli e/o modalità di gestione di gestione diversi nella prassi Modello sistematico per la gestione dei rischi: Politiche Individuazione Valutazione Gestione Controllo e monitoraggio 10

11 Processo di gestione dei rischi di impresa Conoscenza, analisi e valutazione del modello necessari per la individuazione di errate esposizioni Adeguatezza del modello e analisi dei rischi individuati dall impresa Mancanza di un modello elemento di valutazione del sistema di controllo interno 11

12 Flusso informativo IL FLUSSO INFORMATIVO O SISTEMA INFORMATIVO: FLUSSI DI OPERAZI ONI AZIENDALI, EVENTI E FATTI DALLA LORO ORIGINE FINO ALL INCLUSIONE NEL BILANCIO E NEI RAPPORTI PER LA DIREZIONE LACUNE E RISCHI NEL FI SI RIFLETTONO SULL ATTENDIBILITA DEI DATI E DEL BILANCIO: INESISTENZA MANCATA AUTORIZZAZIONE INCOMPLETEZZA INESATEZZA INTEMPESTIVITA 12

13 Flusso informativo INDIVIDUARE I RISCHI DEL FLUSSO INFORMATIVO ANALISI RELATIVA AI PROCESSI AZIENDALI CRITICI PER LA RC: SCRITTURE CONTABILI E PROCESSO DI FORMAZIONE DEL BILANCIO OPERAZIONI TIPICHE CHE HANNO INFLUENZA SIGNIFICATIVA SUL BILANCIO FINANZIAMENTO DELL IMPRESA ACQUISIZIONE DELLE RISORSE TRASFORMAZIONE DEI PRODOTTI CESSIONE DEI BENI E SERVIZI PROCESSI DI SUPPORTO 13

14 Flusso informativo Processi operativi o cicli aziendali tipici di imprese manifatturiere: Tesoreria Spese ( acquisizione risorse beni e personale) Trasformazione Ricavi 14

15 Flusso informativo Cicli aziendali includono: Eventi economici o fatti aziendali Transazioni o operazioni aziendali Elaborazione Controlli fisici sulle attività Fasi( attività) di esecuzione Dati elaborati consentono la redazione del bilancio( ciclo aziendale specifico) 15

16 Flusso informativo Aspetti caratteristici del flusso informativo: Identificazione degli accadimenti aziendali/eventi Cattura ( raccolta) degli accadimenti/eventi Conversione dei dati ed informazioni in: Dati contabili( mastri) Informazioni per la Direzione Redazione del bilancio NB. Applicazioni informatiche pervasive 16

17 Flusso informativo Attività nella RC. Identificare i processi aziendali critici Ottenere una comprensione chiara del flusso delle informazioni e dei dati: Esame delle descrizioni del flusso disponibili Intervista del personale per integrare le informazioni raccolte Creazione o modifiche della documentazione dei flussi Individuare e localizzare i rischi del flusso informativo 17

18 Flusso informativo Comprensione dei flussi include: Natura e fonti delle operazioni aziendali Principali tipologie di operazioni e dati Uffici, personale, e sistemi informatici coinvolti Dati prodotti dal sistema ( contabili e per la Direzione) Documentazione 18

19 Flusso informativo Identificazione e localizzazione dei rischi: Raccolta dei dati Inputazione dei dati Trasferimento dei dati ad altri sistemi Elaborazione Rapporti e registrazioni contabili 19

20 Flusso informativo Rischi Raccolta dati Imputazione dati Trasferimen to dati rapporti e registrazioni Elaborazione Intempestività inesattezza Incompletez za Mancata autorizzazio ne Inesistenza 20

21 Flusso informativo Indicatori di rischio problemi riscontrati negli esercizi precedenti ed in quello corrente nei processi informativi, per rettifiche ed errori, per insufficiente controllo da parte della Direzione della società; insufficiente definizione o documentazione delle politiche delle procedure, e dei limiti di controllo; inadeguate risorse umane ( numero e profilo professionale) assegnate alle varie attività; cambiamenti nelle condizioni operative della società; modifiche rilevanti nei sistemi informatici; complessità delle elaborazioni, elevato volume delle operazioni. 21

22 Flusso informativo Processo di redazione del bilancio Conversione dei dati contabili nei dati di bilancio Preparazione nota integrativa 22

23 Flusso informativo Rischi Processo di consolidamento Rettifiche Preparazione dei documenti Elaborazione inesatta Difformità dai principi contabili Trasferimenti inesatti Inesattezza Incompletezza Mancata autorizzazione accuratezza aritmetica errata 23

24 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO. OBIETTIVI CONOSCERE L EFFICACIA DEL SISTEMA DI MISURAZIONI DELLE PRESTAZIONI ADOTTATO DALL IMPRESA; GLI ELEMENTI PIÙ RILEVANTI DELL ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO, ED ECONOMICO DELL IMPRESA PER INDIVIDUARE CONTI O CLASSI DI OPERAZIONI CHE POSSONO PRESENTARE RISCHI DI ERRATE ESPOSIZIONI E PROBLEMI DI CONTINUITÀ AZIENDALE 24

25 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO SISTEMA DI MISURAZIONI DELLE PRESTAZIONI ADOTTATO DALL IMPRESA: OBIETTIVI CONTROLLARE L ANDAMENTO DELL IMPRESA RISPETTO AI PIANI ED ALLE ASPETTATIVE DELLA DIREZIONE CONTROLLO DEI RISCHI; 25

26 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO ACCERTARE LA COMPLETEZZA E L ACCURATEZZA DEL SISTEMA RISPETTO AI RISCHI DI IMPRESA ED ALLE PRASSI ADOTTATE NEL SETTORE DI ATTIVITA INCOMPLETEZZA O INADEGUATEZZA INDICATIVO DELLA LIMITATA CAPACITA DI CONTROLLARE I RISCHI 26

27 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO ANALISI DELL ANDAMENTO CORRENTE ANALISI DELL ANDAMENTO PROSPETTICO. 27

28 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO TECNICHE CHE POSSONO ESSERE IMPIEGATE analisi delle variazioni dei saldi di bilancio (comparazione dei saldi); analisi per indici (valutazione relativa dei saldi di bilancio o delle statistiche operative); analisi dei flussi di cassa (fonti ed utilizzo dei flussi di cassa) analisi tendenziali (valutazione delle modifiche nei saldi e degli indici nei periodi futuri); 28

29 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO TECNICHE CHE POSSONO ESSERE IMPIEGATE analisi predittive (calcolo della stima dei saldi di bilancio o di statistiche operative chiave); analisi di sensitività (calcolo e valutazione dell impatto conseguente a cambiamenti nelle principali variabili operative e finanziarie sui risultati dell impresa); benchmarking (raffronti degli indici, dei saldi, delle statistiche operative con dati analoghi dei concorrenti o della media del settore economico dell impresa 29

30 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO ANALISI DELLE VARIAZIONI DEI SALDI DI BILANCIO EFFETTUATA UTILIZZANDO LE ANALISI E LE SPIEGAZIONI DELLE VARIAZIONI PREDISPOSTE DALLA DIREZIONE DELL IMPRESA. LA MANCANZA DI ANALISI SISTEMATICHE PERIODICHE COSTITUISCE UNA LACUNA DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO 30

31 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO L ANALISI PER INDICI È SVOLTA ATTRAVERSO INDICI DI BILANCIO CHE INTERESSANO LE SEGUENTI AREE: REDDITIVITÀ: UTILE LORDO SULLE VENDITE ROA (RETURN ON TOTAL ASSETS) ROE (RETURN ON EQUITY ) 31

32 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO LIQUIDITÀ. GLI INDICI DI LIQUIDITÀ MISURANO LA CAPACITÀ DELLA SOCIETÀ DI SODDISFARE LE OBBLIGAZIONI A BREVE. CAPITALE CIRCOLANTE NETTO (RAPPORTO TRA ATTIVITÀ BREVE TERMINE E PASSIVITÀ A BREVE TERMINE); INDICE SECCO DI LIQUIDITÀ (QUICK RATIO); RAPPRESENTA IL RAPPORTO TRA LE ATTIVITÀ A BREVE TERNINE, DEDOTTE LE RIMANENZE DI MAGAZZINO E LE PASSIVITÀ A BREVE TERMINE. CAPITALE CIRCOLANTE NETTO SUL TOTALE DELLE ATTIVITÀ. 32

33 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO GESTIONE DELLE ATTIVITÀ MISURANO L IMPIEGO EFFICIENTE DELLE ATTIVITÀ. INDICE DI ROTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO (RAPPORTO TRA COSTO DELLE VENDITE E GIACENZA MEDIA DELLE RIMANENZE) INDICE DI ROTAZIONE DEI CREDITI (RAPPORTO TRA RICAVI E MEDIA DEL SALDO CREDITI VERSO CLIENTI); GIORNI DI DILAZIONE CONCESSI AI CLIENTI NUMERO DEI GIORNI DELL ANNO DIVISO L INDICE DI ROTAZIONE INDICE DI ROTAZIONE DELLE ATTIVITÀ (RAPPORTO TRA RICAVI E TOTALE DELLE ATTIVITÀ). 33

34 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO LA LEVA FINANZIARIA MISURA LA CAPACITÀ DELL IMPRESA DI SODDISFARE GLI IMPEGNI PER IL RIMBORSO DEI FINANZIAMENTI (CAPITALE ED INTERESSI) ALLA SCADENZA: RAPPORTO TRA DEBITI ( A BREVE ED A LUNGO) E PATRIMONIO NETTO INDICE DI COPERTURA DEGLI INTERESSI( UTILE PIÙ AMMORTAMENTI,PIÙ IMPOSTE, PIÙ INTERESSI PASSIVI / INTERESSI PASSIVI. RAPPORTO TRA PASSIVITÀ TOTALI E PATRIMONIO NETTO 34

35 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO VALUTAZIONE DI MERCATO. INDICI RELATIVI ALLE QUOTAZIONI DI BORSA CORRELATI AGLI UTILI ED AI DIVIDENDI: PREZZO SU UTILI (RAPPORTO TRA QUOTAZIONE DI BORSA ED UTILI) DIVIDEND YELD (RAPPORTO TRA QUOTAZIONE DI BORSA E DIVIDENDI) 35

36 ANDAMENTO PATRIMONIALE, FINANZIARIO ED ECONOMICO ANALISI DELL ANDAMENTO PROSPETTICO. ACCERTARE EVENTUALI RISCHI DI CONTINUITÀ AZIENDALE DELL IMPRESA ANALISI PROSPETTICHE DEI FLUSSI DI CASSA,DELLA REDDITIVITÀ E DELLA LIQUIDITA (AUSPICABILE UN PERIODO DI TRE ESERCIZI) ANALISI PREDISPOSTE DALLA SOCIETA O DAL REVISORE ESSENZIALE PER LE IMPRESE CHE PRESENTANO INDICATORI DI RISCHIO DI CONTINUITÀ AZIENDALE 36

37 ACCERTAMENTO DEI RISCHI DI CONTINUITÀ AZIENDALE E DI FRODI Accertamento dei rischi di continuità aziendale. Accertamento dei rischi di frodi Modalità già descritte nell apposito capitolo 37

38 PRINCIPI CONTABILI E METODI DI APPLICAZIONE Norme fondate sull impostazione: normazione per principi Modalità applicative richiedono definizione di variabili ed elementi Sistema di controllo interno adeguato stabilisce modalità applicative Carenze producono rischi di errate esposizioni 38

39 PRINCIPI CONTABILI E METODI DI APPLICAZIONE Revisione contabile: Accertare e documentare adozione di corretti principi contabili e relativi metodi di applicazione Indicatori di rischio: problemi individuati in precedenti esercizi ed in quello corrente; dubbi espressi dagli amministratori, dai sindaci, dagli organi di regolazione dell attività, dagli analisti finanziari, sui principi contabili; insufficiente definizione e documentazione dei principi contabili relativi alle operazioni più significative; 39

40 PRINCIPI CONTABILI E METODI DI APPLICAZIONE Indicatori di rischio nuove o modifiche delle condizioni di operatività dell impresa; nuovi o modifiche rilevanti dei principi contabili esistenza di alcuni fattori che possono aumentare il rischio di errori (forti pressioni per raggiungere gli obiettivi previsti dal budget, aspettative degli investitori, compensi del personale collegati al raggiungimento di risultati, rispetto di clausole contrattuali dei finanziamenti); complessità delle operazioni aziendali e dei principi contabili 40

41 STIME CONTABILI E FAIR VALUE Conoscenza ed analisi dei principali processi di stima e di misurazione al fair value. Indicatori di rischio problemi emersi in precedenti esercizi o in quello in corso (errori e rettifiche, ipotesi formulate in precedenza che si sono poi rivelate inesatte, manipolazione degli utili per stime eccessive o inadeguate, ecc) insufficiente definizione e documentazione delle procedure di stima, delle ipotesi, delle politiche e dei limiti delle stime contabili; 41

42 STIME CONTABILI E FAIR VALUE Indicatori di rischio cambiamenti o nuove condizioni operative fattori che possono aumentare i rischi (inappropriato coinvolgimento di personale non amministrativo, forti pressioni sui risultati che devono essere conseguiti, ecc); natura delle ipotesi (elevato grado di complessità od incertezza degli eventi futuri, limitata disponibilità ed attendibilità delle informazioni di supporto). 42

43 STIME CONTABILI E FAIR VALUE Rischi localizzati nel processo ed identificati come natura Raccolta dei dati( inesistenza, mancata autorizzazione, incompletezza, inesattezza, intempestività) Formulazione ipotesi chiave( non documentate, non oggettive) Metodi e calcoli(incoerenza con i principi contabili, difformità rispetto al passato,inesattezza) Approvazione della Direzione ( registrazioni non autorizzate, incomplete, inesatte) 43

44 Sistema di controllo interno Documento n Principi di revisione Revisore deve comprendere gli aspetti del controllo interno rilevanti ai fini della revisione contabile Configurazione dei controlli( capacità dell attività di controllo di soddisfare gli obiettivi) Effettiva messa in atto dei controlli ( procedure di conformità) Attività svolta nelle fasi sin qui svolte dovrebbe consentire di avere una comprensione sufficiente del sistema. 44

45 Valutazione dei rischi di errori significativi Accertare la completezza dei rischi identificati Valutare la significatività e la probabilità di accadimento. Collegare i rischi a: Bilancio nel suo complesso Classi di operazioni Voci di bilancio Informativa Asserzioni delle classi di operazioni, voci di bilancio, informativa Natura delle errate esposizioni( errori, frodi, atti illegali) Valutare adeguatezza delle attività di controllo 45

46 Valutazione dei rischi di errori significativi Accertare la completezza dei rischi identificati. Strumenti: Modelli dei rischi Appendice 3 Documento n.315 dei principi di revisione Elenco cause errori frequentemente rilevati nei bilanci delle imprese 46

47 Modello dei rischi.esempio 47

48 Valutazione dei rischi di errori significativi Valutare la significatività e la probabilità di accadimento. Valutazioni quantitative non agevoli Valutazioni qualitative Basso Medio alto 48

49 Collegamento tra rischi ed aree del flusso informativo Effetti che possono produrre i rischi: Bilancio nel suo insieme: rischi pervasivi( ad es. gravi carenze del sistema di controllo interno) Classi di operazioni( modalità di elaborazione dei dati) Voci di bilancio ( rischi connessi al processo di stima del fondo crediti inesigibili) Informativa della nota integrativa. 49

50 Collegamento tra rischi ed aree del flusso informativo Collegamento tra rischi ed asserzioni Collegamento tra rischi e tipologie di errate esposizioni( errori, frodi, atti illegali) Necessari per stabilire le procedure di verifica più adatte. 50

51 Valutazione dei rischi di errori significativi Rischi che richiedono speciale considerazione Operazioni inusuali o con parti correlate Operazioni complesse non di routine Elevato grado di soggettività nella misurazione 51

52 Conferma del livello di significatività Conferma od aggiornamento del livello di significatività e dell errore accettabile 52

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Struttura del controllo sui rischi Valore delle rimanenze determinato

Dettagli

DEBITI VERSO FORNITORI

DEBITI VERSO FORNITORI DEBITI VERSO FORNITORI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Obbligazioni per acquisto di merci o servizi. Art. 2424 c.c. D)

Dettagli

Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche

Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Generalità Disposizioni del codice civile art. 2424 Disponibilità

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione dell impresa e del suo contesto e la valutazione dei rischi di errori significativi Ottobre 2013 Indice 1. La comprensione dell impresa e del suo contesto

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

Obiettivi generali del revisore

Obiettivi generali del revisore Obiettivi generali del revisore Acquisire una ragionevole sicurezza che il bilancio nel suo complesso non contenga errori significativi, dovuti a frodi o a comportamenti o eventi non intenzionali, che

Dettagli

TITOLI E PARTECIPAZIONI (RELATIVI AD IMPRESE MANIFATTURIERE E COMMERCIALI)

TITOLI E PARTECIPAZIONI (RELATIVI AD IMPRESE MANIFATTURIERE E COMMERCIALI) TITOLI E PARTECIPAZIONI (RELATIVI AD IMPRESE MANIFATTURIERE E COMMERCIALI) Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Generalità Classificazione: Titoli

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

DISPONIBILITÀ LIQUIDE E DEBITI VERSO BANCHE

DISPONIBILITÀ LIQUIDE E DEBITI VERSO BANCHE DISPONIBILITÀ LIQUIDE E DEBITI VERSO BANCHE GENERALITÀ DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE ART. 2424 DISPONIBILITÀ LIQUIDE: O. DEPOSITI BANCARI E POSTALI; O. ASSEGNI; O. DENARO E VALORI IN CASSA ( INCLUDONO

Dettagli

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO GENERALITÀ LE RIMANENZE DI MAGAZZINO febbraio 08 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO SONO COSTITUITE DA MERCI E PRODOTTI CHE SONO IN GIACENZA IN ATTESA DELLA VENDITA O PER ESSERE IMPIEGATI NEL PROCESSO PRODUTTIVO.

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA. Indice

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA. Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2014

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 315

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 315 PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 315 L IDENTIFICAZIONE E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

LA CRISI DI IMPRESA E LA CONTINUITA AZIENDALE. Bellaria, 18 aprile 2011. Prof. Dott. Francesco Rossi Ragazzi

LA CRISI DI IMPRESA E LA CONTINUITA AZIENDALE. Bellaria, 18 aprile 2011. Prof. Dott. Francesco Rossi Ragazzi LA CRISI DI IMPRESA E LA CONTINUITA AZIENDALE Bellaria, 18 aprile 2011 Prof. Dott. Francesco Rossi Ragazzi art. 2423 bis c.c. PRINCIPIO GENERALE DEL C.C. ( 2423 BIS) LA VALUTAZIONE DEVE ESSERE FATTA SECONDO

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Premessa La redazione del bilancio da parte degli amministratori rappresenta un attività di valutazione, ma soprattutto di

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

Relazione di revisione

Relazione di revisione COLLEGIO SINDACALE CON REVISIONE LEGALE NELLE PMI Relazione di revisione 24 novembre 2014 Claudio Mariani Membro della Commissione Controllo Societario ODCEC Milano Socio KPMG - Professore a contratto,

Dettagli

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... 6 1.4. Gli strumenti di analisi...

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno

La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno Servizio: Nome servizio Pag. 1 1 LA REVISIONE LEGALE (art. 14 D. LGS. 39/2010) Il revisore o la società di revisione incaricati

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

La normativa contabile bulgara

La normativa contabile bulgara 1 La normativa contabile bulgara Vanina Dangarska Rimini, 24 aprile 2013 2 Leggi sulla contabilità 1948-1950 - Prima legge sulla contabilità 1951-1989 - Contabilità regolata da norme secondarie 1989-1991

Dettagli

Bilancio separato di Salini Impregilo S.p.A. al 31 dicembre 2014

Bilancio separato di Salini Impregilo S.p.A. al 31 dicembre 2014 25. Strumenti Finanziari e gestione del rischio Classi di strumenti finanziari La tabella seguente espone le classi di strumenti finanziari detenuti da Salini Impregilo ed evidenzia le valutazioni a associate

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

Cassa e banche: quadro di riferimento

Cassa e banche: quadro di riferimento Cassa e banche: quadro di riferimento Art. 2426 c.c. n. 8. : valutazione al valore presumibile di realizzazione dei crediti Principi contabili CNDCeR: 14 Disponibilità liquide 26 Operazioni in valuta estera

Dettagli

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11 1. Le analisi di bilancio: note evolutive ed introduttive 1.1. Introduzione pag. 3 1.2. Le analisi di bilancio nella tradizione degli studi economicoaziendali italiani pag. 3 1.3. Le analisi di bilancio

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Valutazione del merito creditizio criteri generali

Valutazione del merito creditizio criteri generali Valutazione del merito creditizio criteri generali Corso: Analisi di bilancio per indici e il rendiconto finanziario 1 1) L impresa L e il suo business La banca vuole comprendere la capacità competitiva

Dettagli

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. IL BINOMIO CRISI E RISANAMENTO D IMPRESA 1.1. Il binomio crisi e risanamento pag. 5 1.2. Cause della crisi e ruolo del management pag. 7 1.3. Indicatori di performance e previsione della

Dettagli

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro Direttiva 2003/51/CE D.Lgs. 32/2007 Le società di capitali italiane sono tenute a seguire

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. XVII Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO SEZIONE PRIMA LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 1. GLI OBIETTIVI DELLE ANALISI PER INDICI 1.1. L

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

ISA 200 Obiettivi generali del revisore indipendente

ISA 200 Obiettivi generali del revisore indipendente Pianificazione del programma di revisione e determinazione del livello significatività dei controlli, materialità dell errore Relatore Prof. Marco Mainardi ISA 200 Obiettivi generali del revisore indipendente

Dettagli

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... pag. 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... pag. 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... pag. 6 1.4. Gli strumenti

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

Analisi dei finanziamenti

Analisi dei finanziamenti Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei finanziamenti Capitolo 9 Indice degli argomenti 1. Analisi dei finanziamenti: l approccio dinamico 2. Analisi dei finanziamenti:

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI INGEGNERIA GESTIONALE. I quozienti di bilancio

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI INGEGNERIA GESTIONALE. I quozienti di bilancio I quozienti di bilancio I quozienti di bilancio servono a valutare l andamento della redditività e dell economicità dell attività aziendale. I quozienti si possono comparare nel tempo e gli indici utili

Dettagli

IAS 18: Ricavi. Determinazione dei ricavi

IAS 18: Ricavi. Determinazione dei ricavi IAS 18 Ricavi Determinazione dei ricavi Il ricavo deve essere determinato in base al fair value del corrispettivo ricevuto o spettante, al netto di eventuali sconti commerciali e riduzioni legate alla

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO (adattato da: Guide to Quality Control for Small- and Medium-Sized Practices, Second Edition, IFAC, ottobre 2010) A. Premessa 1. Hai ottenuto

Dettagli

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE 1 FINALITA' LIABILITY

Dettagli

DATA ORA AULA TESTI DI RIFERIMENTO

DATA ORA AULA TESTI DI RIFERIMENTO PROGRAMMA DEL CORSO DI REVISIONE AZIENDALE 1. Presentazione del corso La revisione Obiettivi del corso Programma del corso Testi consigliati PARTE I: NORMATIVA E ASPETTI GIURIDICI DEL CONTROLLO LEGALE

Dettagli

Indice. Oggetto del presente principio di revisione internazionale (ISA Italia)... 1. Data di entrata in vigore... 2. Obiettivo... 3. Definizioni...

Indice. Oggetto del presente principio di revisione internazionale (ISA Italia)... 1. Data di entrata in vigore... 2. Obiettivo... 3. Definizioni... PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 315 L IDENTIFICAZIONE E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI MEDIANTE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL CONTESTO IN CUI OPERA (In vigore

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30%

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30% Aspetto finanziario Aspetto economico Grado Grado di di indebitamento indebitamento Cap. Cap. Investito Investito Patr. Patr.. Netto Netto Indice Indice di di redditività redditività operativa operativa

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

La dinamica economica, patrimoniale e finanziaria di impresa

La dinamica economica, patrimoniale e finanziaria di impresa Università degli Studi di Torino Laboratorio "Internazionalizzazione delle imprese: strategie di mercato e di investimento Le dinamiche economiche, patrimoniali e finanziarie dell impresa Massimo Battuello

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi.

Parimenti una gestione delle scorte in maniera non oculata può portare a serie ripercussioni sul rendimento sia dei mezzi propri che di terzi. Metodo per la stima del ROE e del ROI in un azienda operante nel settore tessile abbigliamento in funzione delle propria struttura di incasso e pagamento e della gestione delle rimanenze di magazzino.

Dettagli

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1 PARTECIPAZIONI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Art. 2424 b iii immobilizzazioni finanziarie. Partecipazioni Crediti Altri

Dettagli

Bilancio di esercizio

Bilancio di esercizio Barbara Scozzi bscozzi@poliba.it Contabilità direzionale Strumenti tecnico-contabili di supporto a rilevazione, organizzazione e interpretazione delle informazioni economico-finanziarie Budget Contabilità

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

ANALISI DEL CIRCOLANTE

ANALISI DEL CIRCOLANTE ANALISI DEL CIRCOLANTE QUOZIENTI DI SECONDO LIVELLO (INDICI DI ROTAZIONE) Gli indici di disponibilità e tesoreria permettono di comprendere solo in parte la situazione finanziaria dell azienda nel breve

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Sezione G => G100 Altri Crediti

Sezione G => G100 Altri Crediti 358 Sezione G => G100 Altri Crediti OBIETTIVI Verificare che i crediti verso altri non clienti: - accertare che i crediti verso altri esposti in bilancio siano relativi a reali transazioni e rappresentino

Dettagli

CORSO FORMAZIONE REVISORI

CORSO FORMAZIONE REVISORI CORSO FORMAZIONE REVISORI Strumenti, metodologie, tempistiche: regole contabili uniformi, piano dei conti integrato, schemi di bilancio, bilancio consolidato con enti, aziende e società, sperimentazione.

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Sistema di rilevazione: economicità, bilancio, indici di bilancio Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Agenda delle prossime lezioni Equilibrio

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 12 IAS 21: Effetti delle variazioni cambi delle valute estere: Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

Syllabus. Livello A. Vers. 1.0. Pag. 1. EBCL International - EBCL-Italia

Syllabus. Livello A. Vers. 1.0. Pag. 1. EBCL International - EBCL-Italia Syllabus Vers. 1.0 Livello A Pag. 1 Indice dei moduli MODULO 1: Redazione del Bilancio 3 MODULO 2: Analisi di Bilancio 5 MODULO 3: Analisi dei Costi 6 MODULO 4: Elementi di Diritto Commerciale 7 Pag. 2

Dettagli

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi -

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - 71 - Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - Il Titolo 3 delle uscite è costituito dai rimborsi di prestiti e dalle anticipazioni di cassa. La contrazione di mutui a titolo oneroso

Dettagli

Il bilancio per non addetti

Il bilancio per non addetti Il bilancio per non addetti Analisi di bilancio Relazione del Dr. Luca De Stefani info@studiodestefani.com Analisi di bilancio Il bilancio d esercizio non Å sufficiente ad esprimere tutte le informazioni

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE)

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) MODULO 1 REDAZIONE DEL BILANCIO Saper leggere un bilancio d esercizio (Stato Patrimoniale e Conto Economico). Conoscere e analizzare gli elementi fondamentali

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 402 CONSIDERAZIONI SULLA REVISIONE CONTABILE DI UN IMPRESA CHE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA Convegno Gli strumenti derivati di copertura Genova, 13 maggio 2010 Auditorium Confindustria Dott. Marcello Pollio ODCEC Genova Studio

Dettagli

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Database delle Prove scritte parte Teoria 1. La definizione di azienda, formulata da Giannessi, è complessa in termini dinamico- strutturali in quanto risponde

Dettagli

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese.

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese. Modulo N: 01 TECNICA TURISTICA classe V L serale Prof. Franco Denominazione: Il Capitale Argomento: Teoria e pratica inerenti al capitale di un impresa in generale. sviluppare la capacità di comprensione

Dettagli