INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA"

Transcript

1 Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1

2 Consorzio di progetto Vitrociset S.p.A. (Capofila) Grande Industria Italdata S.p.A. PMI Laboratorio Tevere S.r.l. CRATI S.c.r.l. - Consorzio per la Ricerca e le Applicazioni di Tecnologie Innovative Geo Lab S.r.l. evere.com PMI PMI PMI CID Software Studio S.p.A. AKREA S.p.A. - Azienda Crotonese Energia e Ambiente om PMI Azienda Municipalizzata CIRPS (Centro Interuniversitario di Ricerca per lo Sviluppo Sostenibile) Università degli Studi di Catania Università Università 2 Università Milano Bicocca Università Università Roma 2 Tor Vergata - CNR-IIA Istituto sull inquinamento atmosferico a2.it Università Università

3 Scopo Lo scopo del progetto è la progettazione, realizzazione, sperimentazione e validazione di un infrastruttura sensoristica (sistemi Lidar e sensori ad esso complementari sia su postazioni fisse che mobili), che analizzi il livello complessivo dell inquinamento atmosferico diffuso nell ambiente e che sia in grado di: misurare e rappresentare su piattaforma GIS i livelli degli inquinanti presenti nell area oggetto dello studio; quantificare le emissioni rilasciate delle singole sorgenti inquinanti presenti sul territorio oggetto dello studio (ad es. centrali, porti, aeroporti, impianti industriali); fornire un modello per la previsione del livello di inquinamento nel breve, medio e lungo periodo. 3

4 Obiettivi Sviluppare tecnologie sensoristiche innovative fisse e mobili per il monitoraggio dell inquinamento dell aria; Sviluppare campagne di acquisizione dati con: - sensori fissi, - sensori mobili terrestri, - sensori montati su vettori aerei UAV; Ricostruire in tempo reale la mappa delle emissioni di sostanze inquinanti; Dinamizzare la mappa di emissioni, in modo da consentire previsioni a breve, medio o lungo periodo delle emissioni in atmosfera; Fornire alle amministrazioni locali un nuovo strumento di governance ambientale per individuare chi, come, quando e quanto inquina. 4

5 Principali elementi innovativi (1/2) Nel campo del monitoraggio ambientale, le Amministrazioni Pubbliche Locali e gli Enti preposti alla vigilanza dello stato dell ambiente, alla prevenzione e alla repressione di azioni illegittime, necessitano di sostegno allo sviluppo del rispettive azioni istituzionali, che può essere espresso eventualmente anche in una logica di service sulla base di metodologie innovative e mediante infrastrutture complesse comprendenti sistemi di supporto alle decisioni, nuova sensoristica da progettare in varie dimensioni (terra, acqua, aria) e a bordo di vari vettori (terrestri, mobili, aerei anche unmanned). I risultati che si attendono dal progetto SNIFF saranno di assoluta avanguardia rispetto allo stato dell arte nazionale e internazionale. Le attività di ricerca e sviluppo in questo specifico settore sono finalizzate al consolidamento di una struttura progettuale protesa alla realizzazione di sensoristica innovativa, di sistemi di telerilevamento da piattaforme terrestri ed aeree, di sistemi di supporto alle decisioni, di infrastrutture cooperanti per la condivisione delle informazioni territoriali, di architetture per la disseminazione delle informazioni. 5

6 Principali elementi innovativi (2/2) Il programma di ricerca è fortemente caratterizzato da una notevole rilevanza tecnologica e da un conseguente rischio industriale, che lo distinguono nettamente dalle attività di ricerca e sviluppo considerate "routinarie" per l'impresa. Il progetto presenta infatti forti elementi di innovatività, con particolare riferimento ai seguenti campi di applicazione: - sistemi di monitoraggio dell inquinamento; - produzione delle sensoristica LIDAR miniaturizzata; - campo delle reti wireless e reti di sensori, con forte evoluzione delle tecniche di progettazione e di produzione di sistemi e apparati TLC. Il mercato nazionale dei sistemi per Monitoraggio dell inquinamento atmosferico non è occupato o dominato da alcun concorrente, in quanto SNIFF rappresenta una soluzione innovativa di cui il mercato oggi non dispone. 6

7 Principali elementi di R&S Il progetto SNIFF affronta una tematica di forte interesse applicativo ma anche di forte impatto scientifico e tecnologico. Le novità ed originalità delle conoscenze acquisibili sono nello specifico: Sviluppo del know-how e delle capability tecnologiche nazionali per la produzione di sensori LIDAR a basso costo e dimensioni (miniaturizzati). Queste tecnologie, utilizzate nell ambito del monitoraggio dell inquinamento atmosferico in questo progetto a bordi di postazioni fisse, vettori mobili terrestri e vettori aerei UAV (Unmanned Aerial Vehicle), potrebbero avere interessanti applicazioni nel settore del monitoraggio del dissesto idrogeologico e nel settore dei Beni Culturali (monitoraggio delle integrità strutturali ai fini della protezione e conservazione dei Beni architettonici e monumentali). Il trend tecnologico per i suddetti settori fa prevedere uno sviluppo significativo dell impiego di sensori LIDAR nell ambito di reti integrate di sensori. Sviluppo del know-how e delle capability tecnologiche nella definizione ed implementazione infrastrutture di communication wireless a supporto di reti avanzate di sensori multi-tipo e mobili. Il pieno sfruttamento di reti di sensori eterogenei ad alta risoluzione spazio/temporale e tecnologicamente avanzati consente di incrementare notevolmente le perfomance dei sistemi. Nel dettaglio, nel progetto si proporrà per la prima volta una rete di monitoraggio basata su mezzi mobili terrestri (il disegno è quello di rendere un autoparco di mezzi di trasporto pubblico esso stesso una rete pervasiva nel territorio urbano per il monitoraggio dell inquinamento atmosferico, in cui ogni mezzo rappresenta un nodo mobile della rete avente la duplice funzione di sensore e rooter. Sviluppo di nuovi sistemi ed applicativi a supporto della capacità di monitoraggio e di previsione dell inquinamento atmosferico. Nel dettaglio, il progetto prevede di definire e realizzare capacità di rappresentazione del territorio dell amministrazione comunale in uno scenario 3D. L aspetto innovativo di questa forma di rappresentazione 3D, risiede nella grande opportunità che questo tipo di tecnologia offre agli studiosi del settore nel comprendere velocemente il comportamento chimico-fisico degli agenti inquinanti in funzione della morfologia del territorio e urbanistico e delle condizioni meteorologiche; inoltre rappresenta un ottimo strumento per la verifica e validazione dei modelli numerici di simulazione previsionale che saranno sviluppati nell ambito di questo progetto. 7

8 Work Packages & Timing Work Package WP Leader WP Co-Leader Start End Duration 8 OR1 - Stato dell'arte e obiettivi OR2 - Definizione del sistema di riferimento per la validazione OR3 - Analisi e definizione di reti innovative di monitoraggio OR4 -Analisi e definizione di componenti innovative per il rilievo OR5 -Infrastrutturazione dell'osservatorio innovativo pilota dell'inquinamento atmosferico in ambito urbano comunale OR6 -Campagna dati da sensori fissi CNR-IIA, Università degli Studi di Catania, Akrea SPA, Geolab s.r.l., Crati s.c.r.l., Università degli Studi di Tor Vergata CNR-IIA, CIRPS-Sapienza Università di Roma (sedi di Roma, Palermo e Lecce), Akrea SPA, Crati s.c.r.l. Crati s.c.r.l., CNR-IIA, Università degli Studi di Milano Bicocca, Università degli Studi di Tor Vergata, Italdata SPA, Laboratorio Tevere s.r.l. Laboratorio Tevere s.r.l., Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Vitrociset SPA, Italdata SPA, Università degli Studi di Milano Bicocca Akrea SPA, Italdata SPA, Geolab, Crati s.c.r.l., CID Software, Laboratorio Tevere s.r.l., Università degli Studi di Tor Vergata, CNR-IIA Università di Milano Bicocca, Università degli Studi di Tor Vergata, Università degli Studi di Catania, Vitrociset SPA, Akrea, CNR-IIA T0 T0+5 5 mesi T0+1 T mesi T0+1 T0+6 5 mesi T0+4 T0+9 5 mesi T0+10 T mesi T0+19 T mesi

9 Work Packages & Timing Work Package OR7 -Campagna dati da sensori su mezzi mobili terrestri OR8 -Campagna dati da sensori su vettori aerei UAV OR9 -Creazione della mappatura di emissioni OR10 -Modellizzazione della mappa di emissioni per previsioni WP Leader WP Co-Leader Start End Università di Milano Bicocca, Università degli Studi di Tor Vergata, Università degli Studi di Catania, Vitrociset SPA, Italdata, Crati s.c.r.l., CNR-IIA Università di Milano Bicocca, Università degli Studi di Tor Vergata, Università degli Studi di Catania, Vitrociset SPA, CNRIIA Università degli Studi di Tor Vergata, Università degli Studi Milano Bicocca, CNR-IIA, Università degli Studi di Catania CNR-IIA, Università degli Studidi Roma Tor Vergata Duratio n T0+19 T mesi T0+19 T mesi T0+13 T mesi T0+13 T mesi OR11 -Divulgazione dei risultati scientifici Università degli Studi di Tor Vergata, Università degli Studi Milano Bicocca, CNR-IIA, Università degli Studi di Catania T0+11 T mesi 9

10 Diagramma degli Obiettivi Realizzativi OR 1- Stato dell arte e obiettivi OR 3 Analisi e definizione di reti innovative di monitoraggio OR 2 Definizione del sistema di riferimento per la validazione OR 4 Analisi e definizione di componenti innovative per il rilievo PROJECT MANAGEMENT OR 6 Campagna dati da sensori fissi OR 5 Infrastrutturazione dell osservatorio innovativo pilota dell inquinamento atmosferico in ambito urbano comunale OR 7 Campagna dati da sensori su mezzi mobili terrestri OR 9 Creazione della mappatura di emissioni OR 8 Campagna dati da sensori su vettori aerei UAV OR 10 Modellizzazione della mappa di emissioni per previsioni OR 11 Divulgazione dei risultati scientifici 10

11 OR1 - Stato dell'arte e obiettivi (Leader: CIRPS) Scopo dell OR Fornire un quadro completo delle metodologie in uso per la realizzazione di osservatori di inquinamento e delle tecnologie commerciali per l implementazione di sistemi di monitoraggio ambientale; individuare i limiti dei sistemi attuali di rilevamento per definire gli obiettivi di miglioramento della ricerca. Identif. dell attività RI/SS Titolo dell attività ATT 1.1 RI Analisi dello stato dell'arte di metodologie e tecnologie per la realizzazione di osservatori dell'inquinamento atmosferico in ambito urbano ATT 1.2 RI Analisi di vincoli e limiti dei sistemi attuali e definizione delle esigenze di improvement. ATT 1.3 RI Focalizzazione degli obiettivi della ricerca. Inizio Fine Deliverables T0 T0+3 T0+3 Analisi dello stato dell arte su metodologie e tecnologie per la realizzazione di osservatori dell'inquinamento T0 T0+4 T0+3 T0+5 atmosferico (Report) T0+4 Analisi dei limiti dei sistemi attuali di monitoraggio (Report) T0+5 Definizione obiettivi da perseguire (Report) 11

12 OR2 - Definizione del sistema di riferimento per la validazione (Leader: Università degli Studi di Roma Tor Vergata) 12 Scopo dell OR Individuazione dell area idonea per lo sviluppo del progetto in funzione della conoscenza del territorio e delle fonti inquinanti esistenti, implementazione delle campagne di monitoraggio Identif. dell attività ATT 2.1 ATT 2.2 ATT 2.3 ATT 2.4 ATT 2.5 RI/SS Titolo dell attività RI Definizione area urbana per il Sistema di Riferimento RI Individuazione delle presunte principali sorgenti inquinanti RI Definizione e realizzazione rete di monitoraggio basata su sensori e centraline tradizionali RI Implementazione campagne convenzionali di monitoraggio RI Implementazione sistema GIS di rappresentazione dei dati Inizio Fine Deliverables T0+2 T0+7 T0+7 Definizione dell area comunale per l applicazione del sistema di riferimento T0+8 T0+10 T0+10 Analisi sorgenti inquinanti presenti sull area oggetto di studio (Report) T0+6 T0+12 T0+12 Definizione e installazione di una rete di sensori convenzionali T0+13 T0+36 T0+36 Pianificazione delle campagne di monitoraggio (Report) T0+7 T0+36 T0+36 Progettazione dell architettura; Implementazione dei: database, server cartografico, sistema di catalogazione, webgis, sistema SWE

13 OR3 - Analisi e definizione di reti innovative di monitoraggio (Leader: Vitrociset SPA) Scopo dell OR Definizione reti innovative di monitoraggio basate su sistemi complessi e tecnologia LIDAR, per una definizione del fenomeno ambientale su scala bi e tridimensionale. Definizione dell architettura di riferimento per il sistema di comunicazione tra il bordo e la centrale di acquisizione e di storicizzazione delle informazioni con sistemi Wireless e reti pubbliche. Identif. dell attività RI/SS Titolo dell attività Inizio ATT 3.1 RI Analisi potenzialità e limiti della tecnologia LIDAR ATT 3.2 RI Individuazione e definizione sensori complementari alla tecnologia LIDAR ATT 3.3 RI Studio e architettura di una rete di postazioni fisse non convenzionali ATT 3.4 RI Studio e architettura di una rete di sensori a bordo di mezzi mobili terrestri ATT 3.5 RI Studio e architettura di una rete di sensori a bordo di vettori aerei UAV ATT 3.6 RI Studio e architettura di una infrastruttura di communication per la raccolta real time da sensori fissi e mobili Fine Deliverables T0+1 T0+3 T0+3 Analisi limiti potenzialità e limiti tecnoligia Lidar (Report) T0+2 T0+3 T0+3 - Installazione strumentazione innovativa per analisi composizione chimica PM in real time (Demo) T0+4 T0+ 6 T0+6 Definizione architettura rete sensori non convenzionale (Report) T0+5 T0+13 T0+13 Definizione architettura rete sensoristica a bordo di mezzi mobili terrestri (Report) T0+3 T0+6 T0+6 Analisi requisiti funzionali ed operativi; analisi di fattibilità per nuovi sensori, specifiche di Progetto di nuovo UAV (Report) Prototipi di nuovi sensori ingegnerizzati (Prototipo) T0+3 T0+6 T0+ 6 Specifiche Tecniche e Funzionali architettura infrastruttura di communication per la raccolta real time da sensori fissi e mobili, report analisi e studi condotti sulle reti wireless mesh (Report) 13

14 OR4 - Analisi e definizione di componenti innovative per il rilievo (Leader: Crati s.c.r.l) Scopo dell OR Studio di uno spettrometro miniaturizzato caratterizzato da massa e dimensioni di un ordine di grandezza inferiori a quelle di uno spettrometro convenzionale per poter essere integrato nelle varie famiglie di UAV in fase di sviluppo. Identif. dell attività RI/SS Titolo dell attività Inizio ATT 4.1 RI Progettazione e sviluppo di sensori LIDAR per postazioni fisse ATT 4.2 RI Progettazione di sensori LIDAR per mezzi mobili terrestri ATT 4.3 RI Progettazione e sviluppo di sensori LIDAR per vettori aerei UAV ATT 4.4 RI Progettazione e sviluppo di sensori complementari al LIDAR per postazioni fisse ATT 4.5 RI Progettazione e sviluppo di sensori complementari al LIDAR per mezzi mobili terrestri ATT 4.6 RI Progettazione e sviluppo di sensori complementari al LIDAR per vettori aerei UAV Fine Deliverables T0+4 T0+9 T0+9 - Realizzazione dimostratore di sensore Lidar miniaturizzato (Demo) T0+4 T0+9 T0+9 - Realizzazione dimostratore sensori LIDAR per mezzi mobili terrestri (Demo) T0+4 T0+9 T0+9 - Realizzazione dimostratore sensore Lidar per mezzi mobili UAV (Demo) T0+4 T0+7 T0+7 -Spettrometro a 360 a 12 canali operante nel visibile e predisposto per operare all aperto (Prototipo) T0+4 T0+9 T0+9 - Sensori complementari al Lidar integrati con MMS (Mobile Mapping Systems) (Prototipo) T0+4 T0+9 T0+9 - Minispettrometro ad alta risoluzione calibrato per applicazioni ambientali (Prototipo) 14

15 OR5 - Infrastrutturazione dell'osservatorio innovativo pilota dell'inquinamento atmosferico in ambito urbano comunale (Leader: Vitrociset SPA) 15 Scopo dell OR Realizzazione infrastruttura informativa per un centro di monitoraggio dell inquinamento urbano. Identif. dell atti vità RI/SS Titolo dell attività ATT 5.1 RI Progettazione e realizzazione con tecnologie innovative infrastruttura di communication per le reti di sensori terrestri fissi e mobili ATT 5.2 RI Progettazione e realizzazione tramite tecnologie innovative di infrastruttura di communication per reti di sensori su vettori aerei UAV ATT 5.3 RI Progettazione e realizzazione tramite tecnologie innovative del sistema di raccolta e cronogeoreferenziazione dei dati da sensori ATT 5.4 RI Progettazione e realizzazione tramite tecnologie innovative di architettura per la rappresentazione GIS anche 3D delle mappe di inquinamento ATT 5.5 RI Progettazione e realizzazione tramite tecnologie innovative di architettura per la disseminazione dei segnali/messaggi prodotti dall'osservatorio di Monitoraggio Inizio Fine Deliverables T0+10 T0+36 T0+36 Infrastruttura di comunicazione per le reti di sensori terrestri fissi e mobili (Demo) T0+10 T0+36 T0+36 Infrastruttura di comunicazione per le reti di sensori su vettori aerei UAV (Demo) T0+10 T0+36 T0+9 Requisiti e disegno dell architettura; Disegno della GUI; Modulo sw di raccolta ed elaborazione dati e di gestione e controllo delle centraline, documento dei test e collaudo(report) T0+16 T0+36 T0+36 Requisiti e disegno dell architettura; (Report) Moduli sw sistema di rappresentazione virtuale 3D, di pianificazione di I/O, implementazione della GUI(Prototipo) T0+16 T0+36 T0+36 Analisi contesto; Individuazione stakeholders; Modello casi d uso; Modello di progetto; Architettura del software; Modello dei dati e di implementazione; Documentazione Utente; Piano di Test; Specifiche dei Test Case; Test Summary Report Development Case (Report)

16 OR6 - Campagna dati da sensori fissi (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Definire un percorso analitico integrato per la completa caratterizzazione della qualità dell aria in linea con le analisi chimico-fisiche previste dalle vigenti norme di qualità dell aria Verifica della risposta della piattaforma di osservazione innovativa in relazione a quella del sistema convenzionale. Identif. dell attività RI/S S Titolo dell attività ATT 6.1 SS Raccolta di dati da sensori innovativi fissi ATT 6.2 RI Sincronizzazion e temporale, omogeneizzazi one spaziale e referenziazion e geometrica. Deliverables Inizio Fine T0+19 T0+36 T0+36 base dati da validare T0+19 T0+36 T0+36 base dati validati; Analisi procedura di validazione e analisi dei risultati (Report) 16

17 OR7 - Campagna dati da sensori su mezzi mobili terrestri (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Implementazione di una campagna raccolta dati su mezzi mobili terrestri al fine di validare l intero sistema di acquisizione dei dati meteo e di inquinamento. Allestimento di una centrale operativa in grado di storicizzare e referenziare sul territorio i dati acquisiti dai sistemi mobili provvedendo inoltre a correlare gli stessi con indicatori ambientali e di attendibilità del dato stesso. Identif. dell attivit à RI/S S Titolo dell attività ATT 7.1 SS Raccolta di dati da sensori innovativi su mezzi mobili terrestri ATT 7.2 RI Validazione della raccolta rispetto ai sensori convenzionali fissi Inizio Fine Deliverables T0+19 T0+36 T0+24 base dati da validare (Report) T0+19 T0+36 T0+24 Procedura di validazione dati; base validato, analisi dei risultati (Report) 17

18 OR8 - Campagna dati da sensori su vettori aerei UAV (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Registrazione dei dati e correlazione con i parametri ambientali posizionali ed operativi dei mezzi. Identif. dell attività ATT 8.1 ATT 8.2 RI/ Titolo dell attività SS RI Validazione della raccolta rispetto ai sensori convenzionali fissi RI Sviluppo di un sistema di rivelazione dello stato del mare a supporto alla navigabilità Deliverables Inizio Fine T0+19 T0+36 T0+36 base dati da validare (Report) T0+19 T0+36 T0+36 Procedura di validazione dati; base validato, analisi dei risultati (Report) 18

19 OR9 - Creazione della mappatura di emissioni (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Valutazione delle componenti delle varie fonti inquinanti presenti nell area di interesse, al fine di individuare un indice di impatto sia a livello di singola centralina che a livello territoriale complessivo Identif. dell atti vità ATT 9.1 ATT 9.2 ATT 9.3 RI/SS RI RI RI Titolo dell attività Analisi statistica dei dati di inquinamento rilevati Individuazione delle sorgenti attraverso l'analisi del particolato Individuazione dell impatto inquinante delle sorgenti attraverso Network Analysis Inizio Fine Deliverables T0+13 T0+36 T0+36 Analisi statistica andamento dell inquinamento (Report) T0+13 T0+36 T0+24 Mappatura concentrazioni e composizione chimica del particolato; identificazione principali sorgenti di particolato; quantificazione dei contributi delle diverse sorgenti in funzione della stagionalità e dei diversi momenti della giornata (Report) T0+13 T0+36 T0+24 Individuazione dell impatto inquinante sul territorio delle varie fonti inquinanti (Report) 19

20 OR10 - Modellizzazione della mappa di emissioni per previsioni (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Costruzione di un modello di simulazione dinamico dell andamento dell inquinamento nella zona di indagine. Identif. RI/ Titolo dell attività dell attività SS ATT 10.1 RI Creazione del modello previsionale dinamico dei livelli di inquinamento ATT 10.2 RI Test validazione del modello Deliverables Inizio Fine T0+13 T0+36 T0+24 Modello di simulazione computerizzata dei livelli di inquinamento finalizzato alla costruzione di previsioni a corto, medio e lungo raggio (Report) T0+13 T0+36 T0+36 Modello validato (Report) 20

21 OR11 - Divulgazione dei risultati scientifici (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Diffusione dei risultati del progetto a livello internazionale all interno della comunità scientifica e industriale, attraverso l'organizzazione di incontri, conferenze e convegni. Pubblicazioni su riviste specializzate e di settore e creazione di un sito web Identif. dell attività RI/SS Titolo dell attività Inizio Fine Deliverables ATT 11.1 SS Organizzazi T0+11 T0+36 T0+36 Workshop, one convegni seminari e convegni ATT 11.2 SS Pubblicazioni T0+11 T0+36 T0+36 Pubblicazioni 21

22 Gantt 22

23 Organizzazione (1/3) 23

24 Organizzazione (2/3) Comitato Direttivo (Presieduto dalla Capofila) Il Comitato Direttivo è l organo ultimo di decisione del progetto. All interno di esso verranno prese le decisioni strategiche. Ogni partecipante avrà un rappresentate nel Comitato Direttivo. Gli incontri verranno presieduti dal Coordinatore; nel caso un rappresentante fosse impossibilitato a partecipare potrà nominare un sostituto che avrà anche diritto di voto. Il Comitato Direttivo manterrà un link costante con i partecipanti e si riunirà ogni 12 mesi, salvo la possibilità di convocare riunioni straordinarie ogni qualvolta sia necessario prendere decisioni strategiche. Il processo decisionale all interno del Comitato si fonderà sulla discussione collegiale, seguito, se necessario, da una votazione (la maggioranza assoluta è richiesta). Ogni rappresentante avrà diritto a un voto. Nel caso una maggioranza non possa essere raggiunta, il voto decisivo spetterà al Coordinatore. Coordinamento di Progetto (a cura della Capofila) Gestione legale, contrattuale, finanziaria e amministrativa; Coordinamento delle attività tecniche di progetto, incluso il coordinamento delle riunioni e delle teleconferenze, raccolta dei rapporti tecnici dai Pannelli e dai responsabili di ogni singolo OR. Supervisione di tutti i documenti emessi verso l esterno e la stesura dei verbali di riunione e di teleconferenza. Presidenza delle riunioni di Management 24

25 Organizzazione (3/3) Pannello Scientifico/Tecnologico Il Pannello Scientifico/Tecnologico istituito per il progetto SNIFF verrà definito dal Coordinatore del progetto durante il Kick-Off Meeting. Esso avrà il compito di analizzare e verificare gli aspetti scientifici e tecnologici critici presenti nel progetto. Il Pannello sarà composto da esperti scientifici e tecnologici sia interni sia esterni al progetto con le seguenti responsabilità: Coordinamento scientifico-tecnologico delle attività e controllo dell avanzamento lavori; Supervisione della pianificazione delle attività e dei deliverables, con la possibilità di proporre cambiamenti nella pianificazione Rendere sinergiche attività afferenti a OR diversi. Pannello Utenti Finali (composto dagli utenti finali che hanno aderito al progetto) Il Pannello Utenti Finali istituito per il progetto SNIFF verrà definito dal Coordinatore del progetto durante il Kick-Off Meeting, attingendo i suoi membri dagli Utilizzatori Finali che hanno manifesto formalmente il loro interesse al progetto. La funzione principale di questo Pannello è quella di supportare i Coordinatori di OR nella definizione degli scenari e delle dimostrazioni sul campo, l analisi dei requisiti e la validazione del livello di appropriatezza dei requisiti per gli scenari definiti. Coordinatore di OR (a cura del partner responsabile dell OR) Il ruolo del Coordinatore di OR è quello di condurre, coordinare e supervisionare l avanzamento tecnico delle attività da parte di ogni partecipante all OR, così come coordinare la produzione dei deliverable. Il Coordinatore di OR è nominato dal partner leader della specifica OR. 25

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO

CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO CENTRO CORPORATE RICERCA & SVILUPPO Nell ambito del processo di rinnovamento aziendale avviato negli ultimi anni, si inserisce un sempre maggiore impegno nella Ricerca & Sviluppo (R&S) sia come motore

Dettagli

Centro Servizi e Sala Controllo

Centro Servizi e Sala Controllo Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1 Napoli,

Dettagli

Numero dipendenti e collaboratori: 81 ricercatori e tecnologi 31 tecnici e amministrativi 63 ricercatori a contratto e in formazione

Numero dipendenti e collaboratori: 81 ricercatori e tecnologi 31 tecnici e amministrativi 63 ricercatori a contratto e in formazione Attività e ricerche ISAC è il maggior istituto che opera sulle tematiche di scienze dell atmosfera e del clima nel CNR e in Italia. Le competenze dell Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima (ISAC)

Dettagli

CINECA - partner per l innovazione l Pubblica Amministrazione Locale

CINECA - partner per l innovazione l Pubblica Amministrazione Locale CINECA - partner per l innovazione l della Pubblica Amministrazione Locale Forlì,, 22 ottobre 2008 Alan Buda Indice Chi è CINECA La Mission Esigenze degli Enti Locali La risposta del CINECA Benefici Attesi

Dettagli

Ing. Fabio Nussio STA

Ing. Fabio Nussio STA Il progetto HEAVEN, suoi risultati e sviluppi della catena Traffico-Ambiente a Roma Ing. Fabio Nussio STA La S.T.A. S.p.A. ha partecipato in qualità di co-ordinatore e in collaborazione con il Dip. X del

Dettagli

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati 2012 Progetto Turismo Pisa Sommario dei risultati 0 Studio realizzato per il Comune di Pisa da KddLab ISTI-CNR Pisa Sommario 1 Progetto Turismo Pisa: Sintesi dei risultati... 1 1.1 L Osservatorio Turistico

Dettagli

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed AGENZIA SPAZIALE ITALIANA BANDO PERIODICO RISERVATO

Dettagli

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità:

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità: La società Esplora S.r.l. è una società di diritto italiano e sedi a Roma, Siena, Milano e Catania che opera nei settori del project management internazionale, per il governo di progetti complessi e in

Dettagli

LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA

LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA Ing. Sergio Marino Direttore Generale ARPA Sicilia Ogni Ente Pubblico deve garantire il diritto d accesso, la

Dettagli

2 Obiettivi di SMAT F1 Gli obiettivi di SMAT F1 possono essere riassunti come di seguito:

2 Obiettivi di SMAT F1 Gli obiettivi di SMAT F1 possono essere riassunti come di seguito: 1 SMAT F1 e SMAT: sorveglianza, monitoraggio e salvaguardia delle risorse ambientali e infrastrutturali del territorio SMAT-F1 è un progetto di ricerca finanziato dalla Regione Piemonte, nato nell ambito

Dettagli

Fruibilità dell Informazione Ambientale

Fruibilità dell Informazione Ambientale Fruibilità dell Informazione Ambientale Nicoletta Sannio, Mariano Casula Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Difesa Ambiente, Sevizio S.A.V.I Abstract Il Sistema Informativo Regionale Ambientale

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L L O D E L T E R R I T O R I O I N D I C E 5 S O

Dettagli

ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato

ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato Deliverable 1.3 Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato Preparato da: Comune di Padova (Alberto Corò) Membri: Firenze, Torino, Prato, CM Valle del Serchio, Abbadia San Salvatore,

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

PROGETTO SENSEable PISA. Sensing The City

PROGETTO SENSEable PISA. Sensing The City PROGETTO SENSEable PISA Sensing The City il gruppo Il gruppo proponente Noise Factor è costituito da: Luca Nencini, Paolo De Rosa, Elena Ascari e Bruna Vinci. Gruppo che si è costituito con l intento di

Dettagli

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS)

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Art. 1 Costituzione del Network Viene costituito, su iniziativa del Gruppo di Lavoro ICT operante all interno del Distretto Toscano Scienze della Vita,

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara STATUTO DEL CENTRO DI RICERCA E SERVIZI DENOMINATO CENTRO PER LO SVILUPPO DI PROCEDURE AUTOMATICHE INTEGRATE PER IL RESTAURO DEI MONUMENTI D.I.A.P.RE.M. (DEVELOPMENT OF

Dettagli

IL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO CON DRONE

IL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO CON DRONE IL RILIEVO U.A.V. IL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO CON DRONE Eseguiamo rilievi attraverso prodotti di alto contenuto tecnologico che si avvalgono di U.A.V. (Unmanned Aerial Vehicles, ovvero piccoli aerei senza

Dettagli

La valutazione di un processo aziendale

La valutazione di un processo aziendale efacile Come fare... La valutazione di un processo aziendale di Sara Giussani Strumenti Organizzazione per processi Aree di processo in azienda Valutazione dei processi Efficienza organizzativa Valutare

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring)

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) 2 Bando Tematico riservato alle P.M.I. Osservazione della Terra SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) INNOVA Consorzio per l Informatica e la Telematica srl Dott. Antonio Valentino 13 luglio

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale Il monitoraggio ambientale Qualità dell aria Obiettivo primario: garantire a tutto il territorio livelli di qualità dell aria compatibili con la salute umana e dell ambiente Il monitoraggio della qualità

Dettagli

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Le attività svolte dai tre partners italiani del progetto CESAPO, l Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

SERIT AWARD (1) SERIT rappresenta un Framework all interno del quale promuovere questo processo.

SERIT AWARD (1) SERIT rappresenta un Framework all interno del quale promuovere questo processo. Lo scopo è quello di promuovere e far conoscere le capacità dei laboratori di ricerca italiani afferenti ai diversi temi di Security trattati dalla Piattaforma, con l obiettivo di favorire maggiori sinergie

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

L Europa ci aspetta! BENVENUTI!

L Europa ci aspetta! BENVENUTI! Ufficio Europa & Ufficio Politiche Giovanili L Europa ci aspetta! Seminario - Workshop sulla Progettazione Europea e non. BENVENUTI! COME SCRIVERE UN PROGETTO EUROPEO Mini - Guida per ogni tipo di programma

Dettagli

Schema compilazione PROFILE

Schema compilazione PROFILE Schema compilazione PROFILE Nome del centro: PIN S.c.r.l. Servizi didattici e scientifici per l Università di Firenze web site: www.poloprato.unifi.it Direttore : Dr. Enrico Banchelli enrico.banchelli@pin.unifi.it;

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L.

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PROTOCOLLO D INTESA TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA E PROGETTI PER LO SVILUPPO

Dettagli

CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB

CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB Firenze 1 luglio 2009 Il sistema CMDBuild è una applicazione

Dettagli

Il Sistema di Gestione dei Programmi e Interventi di Controllo Ambientale (SPINA) Riassunto A) INTRODUZIONE

Il Sistema di Gestione dei Programmi e Interventi di Controllo Ambientale (SPINA) Riassunto A) INTRODUZIONE Il Sistema di Gestione dei Programmi e Interventi di Controllo Ambientale (SPINA)ing. V. Sambucini. APAT, Via Vitaliano Brancati 48, 00144 Roma sambucini@apat.it Riassunto L attività di collaborazione

Dettagli

WP01.DOC.D03. 25/01/2010 SAL e valutazione in itinere

WP01.DOC.D03. 25/01/2010 SAL e valutazione in itinere WP01.DOC.D03 25/01/2010 SAL e valutazione in itinere GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Assessorato all'università e Ricerca Scientifica,Innovazione Tecnologica e Nuova Economia SETTORE ANALISI, PROGETTAZIONE

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

Piattaforme UAV/RPAS per il monitoraggio di infrastrutture energetiche. Antonio D Argenio Panoptes srl Palermo

Piattaforme UAV/RPAS per il monitoraggio di infrastrutture energetiche. Antonio D Argenio Panoptes srl Palermo Piattaforme UAV/RPAS per il monitoraggio di infrastrutture energetiche Antonio D Argenio Panoptes srl Palermo the spatial way to small drones inspections Antonio D Argenio CEO Geologo, PhD UAV, GIS, management

Dettagli

FESR Fondo Europeo di Sviluppo Regionale PTA - Piattaforma Tecnologica Alpina

FESR Fondo Europeo di Sviluppo Regionale PTA - Piattaforma Tecnologica Alpina PTA - Piattaforma Tecnologica Alpina Il nostro partenariato Le azioni obiettivi delle azioni Azione 1 Gestione e monitoraggio del progetto È stata l azione di coordinamento e gestione pratica del progetto

Dettagli

Nuove tecnologie e piattaforme leggere per il monitoraggio del territorio e dell ambiente Luigi Di Prinzio - Unisky

Nuove tecnologie e piattaforme leggere per il monitoraggio del territorio e dell ambiente Luigi Di Prinzio - Unisky Nuove tecnologie e piattaforme leggere per il monitoraggio del territorio e dell ambiente Luigi Di Prinzio - Unisky Abstract City Sensing Negli ultimi anni recenti esperienze di ricerca e di impiego a

Dettagli

Sistema sperimentale di monitoraggio e comunicazione per il miglioramento della sicurezza stradale in contesto montano

Sistema sperimentale di monitoraggio e comunicazione per il miglioramento della sicurezza stradale in contesto montano Sistema sperimentale di monitoraggio e comunicazione per il miglioramento della sicurezza stradale in contesto montano Seconda versione 3 dicembre 2012 Partner del progetto Fondazione per l Università

Dettagli

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale PARTNER DI PROGETTO Il raggruppamento dei soggetti attuatori è altamente qualificato. Da una parte, la presenza di quattro aziende del settore ICT garantirà, ognuna per le proprie aree di competenza, un

Dettagli

Sommario. ELSE D 6.2 Pagina 2 di 10

Sommario. ELSE D 6.2 Pagina 2 di 10 Sommario 1 Aggiornamento del sito web... 3 2... 4 3 Piano di trasferimento... 5 3.1 Social Network... 5 3.2 Siti accademici... 7 3.3 Formazione professionale in ambito medico sanitario... 7 3.4 Comunità

Dettagli

Allegato 4 Manuale di Progetto

Allegato 4 Manuale di Progetto Telematica per la gestione integrata delle chiamate di emergenza Progetto Pilota Elemento di rilascio D1.1 Allegato 4 Manuale di Progetto Confidenzialità : Interna Partecipanti : TTS-Italia Autori : O.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio e della Sicurezza

Dettagli

Le possibilitá non hanno confini. Validazione di sistemi di monitoraggio satellitari e terrestri per deformazioni del suolo. Data: 04.

Le possibilitá non hanno confini. Validazione di sistemi di monitoraggio satellitari e terrestri per deformazioni del suolo. Data: 04. Le possibilitá non hanno confini Validazione di sistemi di monitoraggio satellitari e terrestri per deformazioni del suolo Deliverable D.6.01 PIANO DI COMMUNICAZIONE Data: 04.2012 Il progetto SloMove é

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NO.WA - No Waste

Dettagli

REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO, IL LAVORO E L INNOVAZIONE

REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO, IL LAVORO E L INNOVAZIONE UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO, IL LAVORO E L INNOVAZIONE "Living Labs Smartpuglia 2020" P.O. FESR Puglia 2007-13 - Asse I - Linea di

Dettagli

Dirigente - Ufficio sistemi di rete ed innovazioni tecnologiche

Dirigente - Ufficio sistemi di rete ed innovazioni tecnologiche INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 10/10/1970 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio BALDONI FRANCESCO II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - Ufficio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE

Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE Dott.ssa Stefania Betti Punto di Contatto Nazionale LIFE Ministero dell Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare Direzione generale

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Quadro di riferimento ambientale Allegato QAMB.A3. Interventi di adeguamento tecnico - funzionale del Porto commerciale di Salerno

Quadro di riferimento ambientale Allegato QAMB.A3. Interventi di adeguamento tecnico - funzionale del Porto commerciale di Salerno Interventi di adeguamento tecnico - funzionale Quadro di riferimento ambientale Allegato QAMB.A3 G i u g n o 2 0 1 3 In copertina: Vue de la ville de Salerno, (1763) disegno di Claude Louis Chatelet incisione

Dettagli

Requisiti specifici e modalità di valutazione

Requisiti specifici e modalità di valutazione AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI UN PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO NELL AMBITO DEL TRASPORTO MERCI CON VELIVOLI A PILOTAGGIO REMOTO Requisiti specifici e modalità di valutazione ALLEGATO A 1. Premessa

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

OSSERVAZIONE DELLA TERRA

OSSERVAZIONE DELLA TERRA OSSERVAZIONE DELLA TERRA Gestione del Territorio Monitoraggio Ambientale Prevenzione Rischi Naturali Le caratteristiche di unicità della Telespazio Telespazio ha sviluppato Servizi Applicativi che rispondono

Dettagli

Training workshop. Ferrara, 25 settembre 2015

Training workshop. Ferrara, 25 settembre 2015 Training workshop Ferrara, 25 settembre 2015 Il progetto Si parla sempre moltissimo della necessità di abbattere il consumo energetico, per mitigare l impatto che le attività umane hanno sull ambiente

Dettagli

Questo documento riporta informazioni generali sul progetto europeo QALL-ME. Il pubblico al quale si rivolge è ampio e generico e il suo scopo

Questo documento riporta informazioni generali sul progetto europeo QALL-ME. Il pubblico al quale si rivolge è ampio e generico e il suo scopo QALL-ME EXECUTIVE SUMMARY Autore: Bernardo Magnini Presso: ITC-irst, Trento, Italia Introduzione Questo documento riporta informazioni generali sul progetto europeo QALL-ME. Il pubblico al quale si rivolge

Dettagli

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

GESTIONE SMART DEI SISTEMI ACQUEDOTTISTICI

GESTIONE SMART DEI SISTEMI ACQUEDOTTISTICI WORKSHOP L ACQUEDOTTO ABC DI NAPOLI: GESTIONE DELLA RISORSA IDRICA, INNOVAZIONE E QUALITÀ GESTIONE SMART DEI SISTEMI ACQUEDOTTISTICI 11 Aprile 2015 - Mostra d Oltremare Principali criticità del Servizio

Dettagli

LUM&N. LUx Management & maintainer

LUM&N. LUx Management & maintainer Il sistema di telecontrollo su onde radio per una smart city Illuminazione Pubblica Servizio pubblico che consiste nell illuminazione di spazi di libera circolazione. Generalmente è offerto dal Comune

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

MILESTONES E DELIVERABLES

MILESTONES E DELIVERABLES MILESTONES E DELIVERABLES Paolo Masoni Laboratorio LCA and Eco-Progettazione UTVALAMB LCA COME PARTECIPARE AD UN PROGETTO E COME SCRIVERE UNA PROPOSTA 11 o5obre 2013 Aula Magna C.R. Bologna MMS 1 Costruire

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

PROGETTO SIMOB STRUTTURA E OBIETTIVI 1. SCHEDA PROGETTO

PROGETTO SIMOB STRUTTURA E OBIETTIVI 1. SCHEDA PROGETTO PROGETTO SIMOB STRUTTURA E OBIETTIVI 1. SCHEDA PROGETTO Progetto: SIMOB - Sistema Integrato per l infomobilità Finanziatore: Regione Toscana Asse di finanziamento: APQ Competitività dei territori e delle

Dettagli

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO ALLEGATO A SCHEDA PROGETTO per la creazione

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il Geomarketing I Mktg-L13 Il Geomarketing,

Dettagli

Articolo 1 Composizione

Articolo 1 Composizione Regolamento interno di organizzazione per il funzionamento della Conferenza nazionale per la garanzia dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Istituita dall art. 3, comma 7, della legge 12 luglio

Dettagli

Newsletter International Business & Technology Cooperation

Newsletter International Business & Technology Cooperation Enterprise Europe Network La nuova rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network.ec.europa.eu/index_en.htm N 14 Marzo 2010 Newsletter International Business & Technology Cooperation

Dettagli

Curriculum aziendale. Euroconsult s.a.s.

Curriculum aziendale. Euroconsult s.a.s. Curriculum aziendale Euroconsult s.a.s. aggiornato al 26/04/2011 Dati anagrafici Ragione sociale: Euroconsult s.a.s. Data di costituzione: 14 febbraio 1994 Rappresentante legale: ing. Armando Cannata Partita

Dettagli

Scheda 4 «Smart City» SMART ENVIRONMENT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Smart City» SMART ENVIRONMENT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il termine Smart Environment riguarda concetti quali lo sviluppo sostenibile e attività quali la riduzione dei rifiuti prodotti da una determinata

Dettagli

ATI SPEED AUTOMAZIONE

ATI SPEED AUTOMAZIONE DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI SPEED AUTOMAZIONE - SPEED AUTOMAZIONE Srl Milano - SALMOIRAGHI Spa Monza (MB) - SPEED R&D Srl (ex IICS Srl) Milano

Dettagli

Strategie di sviluppo per il settore aerospaziale: l esperienza del Piemonte. Dario Moncalvo Finpiemonte SpA

Strategie di sviluppo per il settore aerospaziale: l esperienza del Piemonte. Dario Moncalvo Finpiemonte SpA Strategie di sviluppo per il settore aerospaziale: l esperienza del Piemonte Dario Moncalvo Finpiemonte SpA ACARE-Italia e i Distretti Regionali, Roma, 9 luglio 2009 L aerospazio in Piemonte I numeri chiave:

Dettagli

Osservatorio ICT nel NonProfit. Claudio Tancini Novembre 2009

Osservatorio ICT nel NonProfit. Claudio Tancini Novembre 2009 Osservatorio ICT nel NonProfit Claudio Tancini Novembre 2009 1 Premessa (1/2): Il mercato ICT non ha focalizzato il NonProfit come un segmento specifico, da seguire con le sue peculiarità. In alcuni casi

Dettagli

Le Certificazioni di Project Management: Project Management Professional (PMP) Certified Associate in Project Management (CAPM)

Le Certificazioni di Project Management: Project Management Professional (PMP) Certified Associate in Project Management (CAPM) Le Certificazioni di Project Management: Project Management Professional (PMP) Certified Associate in Project Management (CAPM) Verona - 11 aprile 2006 Project Management Team Group Project Management

Dettagli

Progetto AIM. Air Improvement Management. Palmanova Sede centrale ARPA FVG Lunedì, 09 febbraio 2015

Progetto AIM. Air Improvement Management. Palmanova Sede centrale ARPA FVG Lunedì, 09 febbraio 2015 Copertina Progetto AIM Air Improvement Management Palmanova Sede centrale ARPA FVG Lunedì, 09 febbraio 2015 ARPA FVG CRMA Centro Regionale di Modellistica Ambientale crma@arpa.fvg.it Ordine del giorno

Dettagli

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano L azienda Estesa Giancarlo Stillittano L azienda estesa L azienda ha necessità di rafforzare le relazioni al suo interno (tra funzioni,uffici, stabilimenti produttivi e filiali di vendita) e si trova al

Dettagli

Verbale. Living Labs: imprese, p.a. ed utenti insieme per l innovazione

Verbale. Living Labs: imprese, p.a. ed utenti insieme per l innovazione Progetto Alcotra Innovazione Workshop regionale Attività 2.2 14.10.2011 Pépinière di Aosta (Aosta) Verbale Living Labs: imprese, p.a. ed utenti insieme per l innovazione PROGRAMMA 14.30 Registrazione dei

Dettagli

Strategic Research & Innovation Agenda - Italia

Strategic Research & Innovation Agenda - Italia Advisory Council for Aviation Research and Innovation in Europe - Italia Strategic Research & Innovation Agenda - Italia Executive Summary Marzo 2014 Realising Europe s vision for aviation Strategic Research

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Ciclo di Seminari sulle Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo Rev.1 del 30 maggio 2013 Il modello organizzativo INDICE 1. Premessa 2. Missione 3. Sistema di responsabilità 4. Mappa dei processi 5. Mansionario 1. Premessa Un laboratorio congiunto di ricerca sui temi

Dettagli

Innovazione tecnologica in Toscana Programma regionale di azioni innovative Sintesi

Innovazione tecnologica in Toscana Programma regionale di azioni innovative Sintesi Innovazione tecnologica in Toscana Programma regionale di azioni innovative Sintesi Obiettivo strategico Il Programma regionale di azioni innovative ha l obiettivo di stimolare i processi di diffusione

Dettagli

ALLEGATO n. 11 PIANO PROGETTUALE AZIENDALE

ALLEGATO n. 11 PIANO PROGETTUALE AZIENDALE ALLEGATO n. 11 PIANO PROGETTUALE AZIENDALE (ARTT. 8 E 11 DELL'AVVISO) Spett. le REGIONE CAMPANIA UOGP Unità Operativa Grandi Progetti e Grandi Programmi via S.Lucia 81 80132 Napoli AGC 06 - Ricerca scientifica,

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF

04/08/2011. MonSTEr GOLF. Monitoraggio Satellitare dei Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 04/08/2011 Tappeti Erbosi dei campi da GOLF 1 È un progetto di Ricerca e Sviluppo finanziato dalla Agenzia Spaziale Italiana nell ambito del Secondo Bando per l Osservazione della Terra destinato alle

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

Noi pensiamo al mondo dei nostri clienti e lo raffiguriamo come essi non l hanno visto mai

Noi pensiamo al mondo dei nostri clienti e lo raffiguriamo come essi non l hanno visto mai Soluzioni per l analisi e la rappresentazione del territorio Noi pensiamo al mondo dei nostri clienti e lo raffiguriamo come essi non l hanno visto mai L iniziativa imprenditoriale Geo4Map nasce come spin-off

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Premio per la P ubblica A mministrazione lucana che comunica e condivide M I G L I O R E P R O G E T T O I N T E R N E T Bando del Consiglio Regionale della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino

Dettagli

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System Progettazione e Sviluppo di un PROTOTIPO di Piattaforma Informatica per la Gestione Autonomica, Integrata e Collaborativa della Manutenzione RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA

Dettagli

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI MISURE DI RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI Elementi di sintesi ARPA PIEMONTE DIPARTIMENTO TEMATICO SISTEMI PREVISIONALI - Struttura Semplice Qualità dell Aria

Dettagli

CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA

CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA 39 Area di apprendimento STORIA E SCIENZE SOCIALI 1 anno 2 anno 3 anno 1 P.D. 2 P.D. 1 P.D. 2 P.D. 1 P.D. 2 P.D. Storia dell Architettura contemporanea Atelier

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

Sezione 2 SCHEDA PROGETTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE

Sezione 2 SCHEDA PROGETTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE Sezione 2 SCHEDA PROGETTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE La Sezione 2 Scheda Progetto - va redatta in conformità a quanto riportato in questa sezione in formato PDF e caricata (upload)

Dettagli