INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA"

Transcript

1 Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1

2 Consorzio di progetto Vitrociset S.p.A. (Capofila) Grande Industria Italdata S.p.A. PMI Laboratorio Tevere S.r.l. CRATI S.c.r.l. - Consorzio per la Ricerca e le Applicazioni di Tecnologie Innovative Geo Lab S.r.l. evere.com PMI PMI PMI CID Software Studio S.p.A. AKREA S.p.A. - Azienda Crotonese Energia e Ambiente om PMI Azienda Municipalizzata CIRPS (Centro Interuniversitario di Ricerca per lo Sviluppo Sostenibile) Università degli Studi di Catania Università Università 2 Università Milano Bicocca Università Università Roma 2 Tor Vergata - CNR-IIA Istituto sull inquinamento atmosferico a2.it Università Università

3 Scopo Lo scopo del progetto è la progettazione, realizzazione, sperimentazione e validazione di un infrastruttura sensoristica (sistemi Lidar e sensori ad esso complementari sia su postazioni fisse che mobili), che analizzi il livello complessivo dell inquinamento atmosferico diffuso nell ambiente e che sia in grado di: misurare e rappresentare su piattaforma GIS i livelli degli inquinanti presenti nell area oggetto dello studio; quantificare le emissioni rilasciate delle singole sorgenti inquinanti presenti sul territorio oggetto dello studio (ad es. centrali, porti, aeroporti, impianti industriali); fornire un modello per la previsione del livello di inquinamento nel breve, medio e lungo periodo. 3

4 Obiettivi Sviluppare tecnologie sensoristiche innovative fisse e mobili per il monitoraggio dell inquinamento dell aria; Sviluppare campagne di acquisizione dati con: - sensori fissi, - sensori mobili terrestri, - sensori montati su vettori aerei UAV; Ricostruire in tempo reale la mappa delle emissioni di sostanze inquinanti; Dinamizzare la mappa di emissioni, in modo da consentire previsioni a breve, medio o lungo periodo delle emissioni in atmosfera; Fornire alle amministrazioni locali un nuovo strumento di governance ambientale per individuare chi, come, quando e quanto inquina. 4

5 Principali elementi innovativi (1/2) Nel campo del monitoraggio ambientale, le Amministrazioni Pubbliche Locali e gli Enti preposti alla vigilanza dello stato dell ambiente, alla prevenzione e alla repressione di azioni illegittime, necessitano di sostegno allo sviluppo del rispettive azioni istituzionali, che può essere espresso eventualmente anche in una logica di service sulla base di metodologie innovative e mediante infrastrutture complesse comprendenti sistemi di supporto alle decisioni, nuova sensoristica da progettare in varie dimensioni (terra, acqua, aria) e a bordo di vari vettori (terrestri, mobili, aerei anche unmanned). I risultati che si attendono dal progetto SNIFF saranno di assoluta avanguardia rispetto allo stato dell arte nazionale e internazionale. Le attività di ricerca e sviluppo in questo specifico settore sono finalizzate al consolidamento di una struttura progettuale protesa alla realizzazione di sensoristica innovativa, di sistemi di telerilevamento da piattaforme terrestri ed aeree, di sistemi di supporto alle decisioni, di infrastrutture cooperanti per la condivisione delle informazioni territoriali, di architetture per la disseminazione delle informazioni. 5

6 Principali elementi innovativi (2/2) Il programma di ricerca è fortemente caratterizzato da una notevole rilevanza tecnologica e da un conseguente rischio industriale, che lo distinguono nettamente dalle attività di ricerca e sviluppo considerate "routinarie" per l'impresa. Il progetto presenta infatti forti elementi di innovatività, con particolare riferimento ai seguenti campi di applicazione: - sistemi di monitoraggio dell inquinamento; - produzione delle sensoristica LIDAR miniaturizzata; - campo delle reti wireless e reti di sensori, con forte evoluzione delle tecniche di progettazione e di produzione di sistemi e apparati TLC. Il mercato nazionale dei sistemi per Monitoraggio dell inquinamento atmosferico non è occupato o dominato da alcun concorrente, in quanto SNIFF rappresenta una soluzione innovativa di cui il mercato oggi non dispone. 6

7 Principali elementi di R&S Il progetto SNIFF affronta una tematica di forte interesse applicativo ma anche di forte impatto scientifico e tecnologico. Le novità ed originalità delle conoscenze acquisibili sono nello specifico: Sviluppo del know-how e delle capability tecnologiche nazionali per la produzione di sensori LIDAR a basso costo e dimensioni (miniaturizzati). Queste tecnologie, utilizzate nell ambito del monitoraggio dell inquinamento atmosferico in questo progetto a bordi di postazioni fisse, vettori mobili terrestri e vettori aerei UAV (Unmanned Aerial Vehicle), potrebbero avere interessanti applicazioni nel settore del monitoraggio del dissesto idrogeologico e nel settore dei Beni Culturali (monitoraggio delle integrità strutturali ai fini della protezione e conservazione dei Beni architettonici e monumentali). Il trend tecnologico per i suddetti settori fa prevedere uno sviluppo significativo dell impiego di sensori LIDAR nell ambito di reti integrate di sensori. Sviluppo del know-how e delle capability tecnologiche nella definizione ed implementazione infrastrutture di communication wireless a supporto di reti avanzate di sensori multi-tipo e mobili. Il pieno sfruttamento di reti di sensori eterogenei ad alta risoluzione spazio/temporale e tecnologicamente avanzati consente di incrementare notevolmente le perfomance dei sistemi. Nel dettaglio, nel progetto si proporrà per la prima volta una rete di monitoraggio basata su mezzi mobili terrestri (il disegno è quello di rendere un autoparco di mezzi di trasporto pubblico esso stesso una rete pervasiva nel territorio urbano per il monitoraggio dell inquinamento atmosferico, in cui ogni mezzo rappresenta un nodo mobile della rete avente la duplice funzione di sensore e rooter. Sviluppo di nuovi sistemi ed applicativi a supporto della capacità di monitoraggio e di previsione dell inquinamento atmosferico. Nel dettaglio, il progetto prevede di definire e realizzare capacità di rappresentazione del territorio dell amministrazione comunale in uno scenario 3D. L aspetto innovativo di questa forma di rappresentazione 3D, risiede nella grande opportunità che questo tipo di tecnologia offre agli studiosi del settore nel comprendere velocemente il comportamento chimico-fisico degli agenti inquinanti in funzione della morfologia del territorio e urbanistico e delle condizioni meteorologiche; inoltre rappresenta un ottimo strumento per la verifica e validazione dei modelli numerici di simulazione previsionale che saranno sviluppati nell ambito di questo progetto. 7

8 Work Packages & Timing Work Package WP Leader WP Co-Leader Start End Duration 8 OR1 - Stato dell'arte e obiettivi OR2 - Definizione del sistema di riferimento per la validazione OR3 - Analisi e definizione di reti innovative di monitoraggio OR4 -Analisi e definizione di componenti innovative per il rilievo OR5 -Infrastrutturazione dell'osservatorio innovativo pilota dell'inquinamento atmosferico in ambito urbano comunale OR6 -Campagna dati da sensori fissi CNR-IIA, Università degli Studi di Catania, Akrea SPA, Geolab s.r.l., Crati s.c.r.l., Università degli Studi di Tor Vergata CNR-IIA, CIRPS-Sapienza Università di Roma (sedi di Roma, Palermo e Lecce), Akrea SPA, Crati s.c.r.l. Crati s.c.r.l., CNR-IIA, Università degli Studi di Milano Bicocca, Università degli Studi di Tor Vergata, Italdata SPA, Laboratorio Tevere s.r.l. Laboratorio Tevere s.r.l., Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Vitrociset SPA, Italdata SPA, Università degli Studi di Milano Bicocca Akrea SPA, Italdata SPA, Geolab, Crati s.c.r.l., CID Software, Laboratorio Tevere s.r.l., Università degli Studi di Tor Vergata, CNR-IIA Università di Milano Bicocca, Università degli Studi di Tor Vergata, Università degli Studi di Catania, Vitrociset SPA, Akrea, CNR-IIA T0 T0+5 5 mesi T0+1 T mesi T0+1 T0+6 5 mesi T0+4 T0+9 5 mesi T0+10 T mesi T0+19 T mesi

9 Work Packages & Timing Work Package OR7 -Campagna dati da sensori su mezzi mobili terrestri OR8 -Campagna dati da sensori su vettori aerei UAV OR9 -Creazione della mappatura di emissioni OR10 -Modellizzazione della mappa di emissioni per previsioni WP Leader WP Co-Leader Start End Università di Milano Bicocca, Università degli Studi di Tor Vergata, Università degli Studi di Catania, Vitrociset SPA, Italdata, Crati s.c.r.l., CNR-IIA Università di Milano Bicocca, Università degli Studi di Tor Vergata, Università degli Studi di Catania, Vitrociset SPA, CNRIIA Università degli Studi di Tor Vergata, Università degli Studi Milano Bicocca, CNR-IIA, Università degli Studi di Catania CNR-IIA, Università degli Studidi Roma Tor Vergata Duratio n T0+19 T mesi T0+19 T mesi T0+13 T mesi T0+13 T mesi OR11 -Divulgazione dei risultati scientifici Università degli Studi di Tor Vergata, Università degli Studi Milano Bicocca, CNR-IIA, Università degli Studi di Catania T0+11 T mesi 9

10 Diagramma degli Obiettivi Realizzativi OR 1- Stato dell arte e obiettivi OR 3 Analisi e definizione di reti innovative di monitoraggio OR 2 Definizione del sistema di riferimento per la validazione OR 4 Analisi e definizione di componenti innovative per il rilievo PROJECT MANAGEMENT OR 6 Campagna dati da sensori fissi OR 5 Infrastrutturazione dell osservatorio innovativo pilota dell inquinamento atmosferico in ambito urbano comunale OR 7 Campagna dati da sensori su mezzi mobili terrestri OR 9 Creazione della mappatura di emissioni OR 8 Campagna dati da sensori su vettori aerei UAV OR 10 Modellizzazione della mappa di emissioni per previsioni OR 11 Divulgazione dei risultati scientifici 10

11 OR1 - Stato dell'arte e obiettivi (Leader: CIRPS) Scopo dell OR Fornire un quadro completo delle metodologie in uso per la realizzazione di osservatori di inquinamento e delle tecnologie commerciali per l implementazione di sistemi di monitoraggio ambientale; individuare i limiti dei sistemi attuali di rilevamento per definire gli obiettivi di miglioramento della ricerca. Identif. dell attività RI/SS Titolo dell attività ATT 1.1 RI Analisi dello stato dell'arte di metodologie e tecnologie per la realizzazione di osservatori dell'inquinamento atmosferico in ambito urbano ATT 1.2 RI Analisi di vincoli e limiti dei sistemi attuali e definizione delle esigenze di improvement. ATT 1.3 RI Focalizzazione degli obiettivi della ricerca. Inizio Fine Deliverables T0 T0+3 T0+3 Analisi dello stato dell arte su metodologie e tecnologie per la realizzazione di osservatori dell'inquinamento T0 T0+4 T0+3 T0+5 atmosferico (Report) T0+4 Analisi dei limiti dei sistemi attuali di monitoraggio (Report) T0+5 Definizione obiettivi da perseguire (Report) 11

12 OR2 - Definizione del sistema di riferimento per la validazione (Leader: Università degli Studi di Roma Tor Vergata) 12 Scopo dell OR Individuazione dell area idonea per lo sviluppo del progetto in funzione della conoscenza del territorio e delle fonti inquinanti esistenti, implementazione delle campagne di monitoraggio Identif. dell attività ATT 2.1 ATT 2.2 ATT 2.3 ATT 2.4 ATT 2.5 RI/SS Titolo dell attività RI Definizione area urbana per il Sistema di Riferimento RI Individuazione delle presunte principali sorgenti inquinanti RI Definizione e realizzazione rete di monitoraggio basata su sensori e centraline tradizionali RI Implementazione campagne convenzionali di monitoraggio RI Implementazione sistema GIS di rappresentazione dei dati Inizio Fine Deliverables T0+2 T0+7 T0+7 Definizione dell area comunale per l applicazione del sistema di riferimento T0+8 T0+10 T0+10 Analisi sorgenti inquinanti presenti sull area oggetto di studio (Report) T0+6 T0+12 T0+12 Definizione e installazione di una rete di sensori convenzionali T0+13 T0+36 T0+36 Pianificazione delle campagne di monitoraggio (Report) T0+7 T0+36 T0+36 Progettazione dell architettura; Implementazione dei: database, server cartografico, sistema di catalogazione, webgis, sistema SWE

13 OR3 - Analisi e definizione di reti innovative di monitoraggio (Leader: Vitrociset SPA) Scopo dell OR Definizione reti innovative di monitoraggio basate su sistemi complessi e tecnologia LIDAR, per una definizione del fenomeno ambientale su scala bi e tridimensionale. Definizione dell architettura di riferimento per il sistema di comunicazione tra il bordo e la centrale di acquisizione e di storicizzazione delle informazioni con sistemi Wireless e reti pubbliche. Identif. dell attività RI/SS Titolo dell attività Inizio ATT 3.1 RI Analisi potenzialità e limiti della tecnologia LIDAR ATT 3.2 RI Individuazione e definizione sensori complementari alla tecnologia LIDAR ATT 3.3 RI Studio e architettura di una rete di postazioni fisse non convenzionali ATT 3.4 RI Studio e architettura di una rete di sensori a bordo di mezzi mobili terrestri ATT 3.5 RI Studio e architettura di una rete di sensori a bordo di vettori aerei UAV ATT 3.6 RI Studio e architettura di una infrastruttura di communication per la raccolta real time da sensori fissi e mobili Fine Deliverables T0+1 T0+3 T0+3 Analisi limiti potenzialità e limiti tecnoligia Lidar (Report) T0+2 T0+3 T0+3 - Installazione strumentazione innovativa per analisi composizione chimica PM in real time (Demo) T0+4 T0+ 6 T0+6 Definizione architettura rete sensori non convenzionale (Report) T0+5 T0+13 T0+13 Definizione architettura rete sensoristica a bordo di mezzi mobili terrestri (Report) T0+3 T0+6 T0+6 Analisi requisiti funzionali ed operativi; analisi di fattibilità per nuovi sensori, specifiche di Progetto di nuovo UAV (Report) Prototipi di nuovi sensori ingegnerizzati (Prototipo) T0+3 T0+6 T0+ 6 Specifiche Tecniche e Funzionali architettura infrastruttura di communication per la raccolta real time da sensori fissi e mobili, report analisi e studi condotti sulle reti wireless mesh (Report) 13

14 OR4 - Analisi e definizione di componenti innovative per il rilievo (Leader: Crati s.c.r.l) Scopo dell OR Studio di uno spettrometro miniaturizzato caratterizzato da massa e dimensioni di un ordine di grandezza inferiori a quelle di uno spettrometro convenzionale per poter essere integrato nelle varie famiglie di UAV in fase di sviluppo. Identif. dell attività RI/SS Titolo dell attività Inizio ATT 4.1 RI Progettazione e sviluppo di sensori LIDAR per postazioni fisse ATT 4.2 RI Progettazione di sensori LIDAR per mezzi mobili terrestri ATT 4.3 RI Progettazione e sviluppo di sensori LIDAR per vettori aerei UAV ATT 4.4 RI Progettazione e sviluppo di sensori complementari al LIDAR per postazioni fisse ATT 4.5 RI Progettazione e sviluppo di sensori complementari al LIDAR per mezzi mobili terrestri ATT 4.6 RI Progettazione e sviluppo di sensori complementari al LIDAR per vettori aerei UAV Fine Deliverables T0+4 T0+9 T0+9 - Realizzazione dimostratore di sensore Lidar miniaturizzato (Demo) T0+4 T0+9 T0+9 - Realizzazione dimostratore sensori LIDAR per mezzi mobili terrestri (Demo) T0+4 T0+9 T0+9 - Realizzazione dimostratore sensore Lidar per mezzi mobili UAV (Demo) T0+4 T0+7 T0+7 -Spettrometro a 360 a 12 canali operante nel visibile e predisposto per operare all aperto (Prototipo) T0+4 T0+9 T0+9 - Sensori complementari al Lidar integrati con MMS (Mobile Mapping Systems) (Prototipo) T0+4 T0+9 T0+9 - Minispettrometro ad alta risoluzione calibrato per applicazioni ambientali (Prototipo) 14

15 OR5 - Infrastrutturazione dell'osservatorio innovativo pilota dell'inquinamento atmosferico in ambito urbano comunale (Leader: Vitrociset SPA) 15 Scopo dell OR Realizzazione infrastruttura informativa per un centro di monitoraggio dell inquinamento urbano. Identif. dell atti vità RI/SS Titolo dell attività ATT 5.1 RI Progettazione e realizzazione con tecnologie innovative infrastruttura di communication per le reti di sensori terrestri fissi e mobili ATT 5.2 RI Progettazione e realizzazione tramite tecnologie innovative di infrastruttura di communication per reti di sensori su vettori aerei UAV ATT 5.3 RI Progettazione e realizzazione tramite tecnologie innovative del sistema di raccolta e cronogeoreferenziazione dei dati da sensori ATT 5.4 RI Progettazione e realizzazione tramite tecnologie innovative di architettura per la rappresentazione GIS anche 3D delle mappe di inquinamento ATT 5.5 RI Progettazione e realizzazione tramite tecnologie innovative di architettura per la disseminazione dei segnali/messaggi prodotti dall'osservatorio di Monitoraggio Inizio Fine Deliverables T0+10 T0+36 T0+36 Infrastruttura di comunicazione per le reti di sensori terrestri fissi e mobili (Demo) T0+10 T0+36 T0+36 Infrastruttura di comunicazione per le reti di sensori su vettori aerei UAV (Demo) T0+10 T0+36 T0+9 Requisiti e disegno dell architettura; Disegno della GUI; Modulo sw di raccolta ed elaborazione dati e di gestione e controllo delle centraline, documento dei test e collaudo(report) T0+16 T0+36 T0+36 Requisiti e disegno dell architettura; (Report) Moduli sw sistema di rappresentazione virtuale 3D, di pianificazione di I/O, implementazione della GUI(Prototipo) T0+16 T0+36 T0+36 Analisi contesto; Individuazione stakeholders; Modello casi d uso; Modello di progetto; Architettura del software; Modello dei dati e di implementazione; Documentazione Utente; Piano di Test; Specifiche dei Test Case; Test Summary Report Development Case (Report)

16 OR6 - Campagna dati da sensori fissi (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Definire un percorso analitico integrato per la completa caratterizzazione della qualità dell aria in linea con le analisi chimico-fisiche previste dalle vigenti norme di qualità dell aria Verifica della risposta della piattaforma di osservazione innovativa in relazione a quella del sistema convenzionale. Identif. dell attività RI/S S Titolo dell attività ATT 6.1 SS Raccolta di dati da sensori innovativi fissi ATT 6.2 RI Sincronizzazion e temporale, omogeneizzazi one spaziale e referenziazion e geometrica. Deliverables Inizio Fine T0+19 T0+36 T0+36 base dati da validare T0+19 T0+36 T0+36 base dati validati; Analisi procedura di validazione e analisi dei risultati (Report) 16

17 OR7 - Campagna dati da sensori su mezzi mobili terrestri (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Implementazione di una campagna raccolta dati su mezzi mobili terrestri al fine di validare l intero sistema di acquisizione dei dati meteo e di inquinamento. Allestimento di una centrale operativa in grado di storicizzare e referenziare sul territorio i dati acquisiti dai sistemi mobili provvedendo inoltre a correlare gli stessi con indicatori ambientali e di attendibilità del dato stesso. Identif. dell attivit à RI/S S Titolo dell attività ATT 7.1 SS Raccolta di dati da sensori innovativi su mezzi mobili terrestri ATT 7.2 RI Validazione della raccolta rispetto ai sensori convenzionali fissi Inizio Fine Deliverables T0+19 T0+36 T0+24 base dati da validare (Report) T0+19 T0+36 T0+24 Procedura di validazione dati; base validato, analisi dei risultati (Report) 17

18 OR8 - Campagna dati da sensori su vettori aerei UAV (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Registrazione dei dati e correlazione con i parametri ambientali posizionali ed operativi dei mezzi. Identif. dell attività ATT 8.1 ATT 8.2 RI/ Titolo dell attività SS RI Validazione della raccolta rispetto ai sensori convenzionali fissi RI Sviluppo di un sistema di rivelazione dello stato del mare a supporto alla navigabilità Deliverables Inizio Fine T0+19 T0+36 T0+36 base dati da validare (Report) T0+19 T0+36 T0+36 Procedura di validazione dati; base validato, analisi dei risultati (Report) 18

19 OR9 - Creazione della mappatura di emissioni (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Valutazione delle componenti delle varie fonti inquinanti presenti nell area di interesse, al fine di individuare un indice di impatto sia a livello di singola centralina che a livello territoriale complessivo Identif. dell atti vità ATT 9.1 ATT 9.2 ATT 9.3 RI/SS RI RI RI Titolo dell attività Analisi statistica dei dati di inquinamento rilevati Individuazione delle sorgenti attraverso l'analisi del particolato Individuazione dell impatto inquinante delle sorgenti attraverso Network Analysis Inizio Fine Deliverables T0+13 T0+36 T0+36 Analisi statistica andamento dell inquinamento (Report) T0+13 T0+36 T0+24 Mappatura concentrazioni e composizione chimica del particolato; identificazione principali sorgenti di particolato; quantificazione dei contributi delle diverse sorgenti in funzione della stagionalità e dei diversi momenti della giornata (Report) T0+13 T0+36 T0+24 Individuazione dell impatto inquinante sul territorio delle varie fonti inquinanti (Report) 19

20 OR10 - Modellizzazione della mappa di emissioni per previsioni (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Costruzione di un modello di simulazione dinamico dell andamento dell inquinamento nella zona di indagine. Identif. RI/ Titolo dell attività dell attività SS ATT 10.1 RI Creazione del modello previsionale dinamico dei livelli di inquinamento ATT 10.2 RI Test validazione del modello Deliverables Inizio Fine T0+13 T0+36 T0+24 Modello di simulazione computerizzata dei livelli di inquinamento finalizzato alla costruzione di previsioni a corto, medio e lungo raggio (Report) T0+13 T0+36 T0+36 Modello validato (Report) 20

21 OR11 - Divulgazione dei risultati scientifici (Leader: CIRPS Sapienza Università di Roma) Scopo dell OR Diffusione dei risultati del progetto a livello internazionale all interno della comunità scientifica e industriale, attraverso l'organizzazione di incontri, conferenze e convegni. Pubblicazioni su riviste specializzate e di settore e creazione di un sito web Identif. dell attività RI/SS Titolo dell attività Inizio Fine Deliverables ATT 11.1 SS Organizzazi T0+11 T0+36 T0+36 Workshop, one convegni seminari e convegni ATT 11.2 SS Pubblicazioni T0+11 T0+36 T0+36 Pubblicazioni 21

22 Gantt 22

23 Organizzazione (1/3) 23

24 Organizzazione (2/3) Comitato Direttivo (Presieduto dalla Capofila) Il Comitato Direttivo è l organo ultimo di decisione del progetto. All interno di esso verranno prese le decisioni strategiche. Ogni partecipante avrà un rappresentate nel Comitato Direttivo. Gli incontri verranno presieduti dal Coordinatore; nel caso un rappresentante fosse impossibilitato a partecipare potrà nominare un sostituto che avrà anche diritto di voto. Il Comitato Direttivo manterrà un link costante con i partecipanti e si riunirà ogni 12 mesi, salvo la possibilità di convocare riunioni straordinarie ogni qualvolta sia necessario prendere decisioni strategiche. Il processo decisionale all interno del Comitato si fonderà sulla discussione collegiale, seguito, se necessario, da una votazione (la maggioranza assoluta è richiesta). Ogni rappresentante avrà diritto a un voto. Nel caso una maggioranza non possa essere raggiunta, il voto decisivo spetterà al Coordinatore. Coordinamento di Progetto (a cura della Capofila) Gestione legale, contrattuale, finanziaria e amministrativa; Coordinamento delle attività tecniche di progetto, incluso il coordinamento delle riunioni e delle teleconferenze, raccolta dei rapporti tecnici dai Pannelli e dai responsabili di ogni singolo OR. Supervisione di tutti i documenti emessi verso l esterno e la stesura dei verbali di riunione e di teleconferenza. Presidenza delle riunioni di Management 24

25 Organizzazione (3/3) Pannello Scientifico/Tecnologico Il Pannello Scientifico/Tecnologico istituito per il progetto SNIFF verrà definito dal Coordinatore del progetto durante il Kick-Off Meeting. Esso avrà il compito di analizzare e verificare gli aspetti scientifici e tecnologici critici presenti nel progetto. Il Pannello sarà composto da esperti scientifici e tecnologici sia interni sia esterni al progetto con le seguenti responsabilità: Coordinamento scientifico-tecnologico delle attività e controllo dell avanzamento lavori; Supervisione della pianificazione delle attività e dei deliverables, con la possibilità di proporre cambiamenti nella pianificazione Rendere sinergiche attività afferenti a OR diversi. Pannello Utenti Finali (composto dagli utenti finali che hanno aderito al progetto) Il Pannello Utenti Finali istituito per il progetto SNIFF verrà definito dal Coordinatore del progetto durante il Kick-Off Meeting, attingendo i suoi membri dagli Utilizzatori Finali che hanno manifesto formalmente il loro interesse al progetto. La funzione principale di questo Pannello è quella di supportare i Coordinatori di OR nella definizione degli scenari e delle dimostrazioni sul campo, l analisi dei requisiti e la validazione del livello di appropriatezza dei requisiti per gli scenari definiti. Coordinatore di OR (a cura del partner responsabile dell OR) Il ruolo del Coordinatore di OR è quello di condurre, coordinare e supervisionare l avanzamento tecnico delle attività da parte di ogni partecipante all OR, così come coordinare la produzione dei deliverable. Il Coordinatore di OR è nominato dal partner leader della specifica OR. 25

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT PRISMA Progetto PRISMA SMART CITIES AND COMMUNITIES AND SOCIAL INNOVATION Cloud Computing per smart technologies PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Gaetano Trotta Responsabile Unico di Progetto Nata nel 1978, è una Società di Ingegneria

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Cognitive Adaptive Man Machine Interface for Cooperative Systems 19 Settembre 2012 ENAV ACADEMY Forlì (IT) Magda Balerna 1 ARTEMIS JU Sub Project 8: HUMAN Centred Design

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli