Comunicazione scientifica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunicazione scientifica"

Transcript

1 Comunicazione scientifica Articolo scientifico (paper e paper-review) Capitolo di libro Tesi Progetto di ricerca Articolo divulgativo Presentazione a convegno (comunicazione, poster) Lezione

2 Comunicazione scientifica Obiettivo: condividere le conoscenze e contribuire all avanzamento della scienza 1)Apportare di nuove conoscenze oppure 2) Riassumere e chiarire le conoscenze in un settore

3 Chiara Comunicazione scientifica Precisa (terminologia adatta) Breve (economia delle parole) Adattata all audience (ricercatori, studenti, tecnici) Onesta e obiettiva

4 Title Abstract Introduction Materials and Methods Results Discussion Conclusions References Acknowledgements Tables and Figures Paper Results and Discussion IMRAD format In un paper-review possono mancare alcune parti come Materials and methods e Results

5 Il lavoro di pubblicazione deve iniziare già nell impostazione delle prove sperimentali

6 Title E la parte più letta di ogni lavoro Deve essere: preciso (non generico, deve differenziare il lavoro) conciso (7-12 parole) attrattivo Idealmente deve contenere le parole chiave Non deve contenere abbreviazioni o sigle Va abbozzato all inizio della stesura del paper ma ridefinito alla fine

7 Title Deve spiegare chiaramente l argomento del lavoro 1. Fattori manipolati (o controllati) 2. Parametri misurati 3. Organismo (o ambito) studiato Effects of Light and Temperature on Escherichia coli Effect of Environmental Factors on Growth of Escherichia coli Effects of Light and Temperature on the Growth of an Organism The Effects of Light and Temperature on the Growth of Escherichia coli If several factors were manipulated: Effects of Several Environmental Factors on Growth of Escherichia coli

8 Title In qualche caso un titolo che riassuma i risultati può essere più efficace: Effect of smoking on academic performance of students Students who smoke get lower grades Effects of dietary fatty acid sources on linoleic acid concentration in dairy cow milk Dietary fatty acid sources affect conjugated linoleic acid concentrations in dairy cow milk

9 Title Il titolo può anche essere spezzato in due parti: Studio psicosociale del comportamento violento in una popolazione di adolescenti a Milano Adolescenti e comportamento violento. Uno studio psicosociale Soluzione adottata di frequente per le reviews: Nutritional factors influencing the nitrogen composition of bovine milk: a review

10 Title Può anche essere espresso in forma interrogativa: Effects of milk intake during childhood on risk of osteoporotic fractures in later life Does milk intake in childhood protect against later osteoporosis?

11 Running title Appare in alto nelle pagine dell articolo: deve riassumere l essenziale in pochissime parole (4-6)

12 Numero degli autori Authors Il primo autore è in genere colui che ha seguito il lavoro in prima persona e normalmente anche colui che lo ha scritto Spesso l ultimo autore è colui che ha ottenuto i finanziamenti Corresponding author

13 Abstract Dopo il titolo è la sezione più letta di ogni lavoro Spesso determina se l articolo verrà letto o meno E di fatto l annuncio pubblicitario del lavoro

14 Abstract Meglio che sia informativo e che riporti i più importanti risultati numerici (non troppi) Non deve mai riportare informazioni che non siano presenti anche nel testo No citazioni, no tabelle o figure, meglio evitare sigle e abbreviazioni Generalmente si usa la terza persona: è stata effettuata una visita presso l azienda XY, e non abbiamo visitato l azienda XY ; si può concludere che i risultati e non posso concludere che i risultati

15 Abstract In genere l estensione è limitata a parole Con sufficiente spazio inserire la motivazione del lavoro al tempo presente Una frase per gli obiettivi al passato Approccio metodologico al passato Risultati al passato Una o due frasi di conclusione al presente E l ultima sezione che viene scritta

16 Abstract Behaviour, performance and health indicators of welfare for dairy cows housed in strawyard or cubicle systems Objective methods are required to assess the welfare of livestock in different environments. Two experiments were conducted to determine comparative indicators of welfare in the two most common loose-housing systems for dairy cows, strawyards and cubicles. Experiment I examined the animal responses to the two housing systems with 16 high- and 16 low-yielding Holstein Friesian cows in a changeover design over two, 4-week periods. Experiment II was carried out over 17 weeks to assess the longer-term responses to the two systems with 24 Holstein Friesian cows. In experiment I cows in the strawyard system had a significantly greater lying time, ruminating time and synchronisation of lying behaviour than the cubicle system. The cows were significantly cleaner in the cubicle system but there were no significant differences between systems in milk production, cell count or locomotion score. High yield cows had a shorter lying time but longer feeding time than low yield cows. The cows of different milk yield level responded similarly to the housing systems, indicating that cows of high milk yield do not require different housing systems from low yield cows. In experiment II there were no significant differences between housing systems in lying, ruminating or synchronisation of lying behaviour. Milk yields were significantly lower in the strawyard than in the cubicle system due to a significantly higher incidence of clinical mastitis. Cell-counts were significantly lower and cows were significantly cleaner in cubicles. There were no significant effects of housing system on hoof dimensions, locomotion score or clinical lameness. It was concluded that total lying time, lying synchrony, milk cell count and locomotion score are potential indicators for the assessment of dairy cow welfare in different housing environments

17 Summary Diverso dall abstract, a volte più lungo Richiesto talvolta per la valutazione dei lavori da ammettere a convegni A differenza dell abstract può in qualche caso contenere tabelle e figure Lo scopo principale è quello di convincere il valutatore dell importanza del lavoro

18 Introduction Parte dal generale per scendere nel particolare Deve: persuadere il lettore che l argomento della ricerca è importante riassumere brevemente le ricerche precedenti, evidenziando ciò che è stato fatto e ciò che non è stato fatto mostrare quali sono le domande aperte sull argomento (e a cui il lavoro spera di rispondere)

19 Introduction Non deve essere una review particolareggiata Inserire solo le informazioni relative all argomento in oggetto Per l introduzione è meglio usare il tempo presente L introduzione si conclude con l obiettivo, al tempo passato. L obiettivo deve essere conciso e chiarissimo

20

21

22

23 Materials and Methods Chiara e completa descrizione delle metodologie sperimentali, analitiche e statistiche adottate Idealmente in ordine cronologico (es.: scelta del gruppo sperimentale, modalità di campionamento, tecniche analitiche, elaborazione dati e analisi statistica) Può essere suddiviso in sottosezioni per maggiore chiarezza

24 Materials and Methods Inserire informazioni sufficienti a consentire la ripetizione del test da parte di un altro ricercatore (anche dati quantitativi) ma omettere i dettagli inutili Eventualmente citare procedure già pubblicate Generalmente si usa il tempo passato

25 Results and Discussion Possono essere separati o combinati Se sono separati, la sezione Results deve riportare solo i risultati della sperimentazione Riportare i risultati più importanti tra quelli mostrati nelle tabelle e nelle figure (eventualmente anche altri non mostrati in tabella) evidenziando differenze e andamenti e non solo i valori numerici Menzionare anche i risultati svantaggiosi per le ipotesi formulate In genere si usa il tempo passato

26 Results and Discussion La sezione Discussion deve: correlare i risultati con le premesse introduttive e con gli obiettivi di cui possono essere o meno la conferma confrontare i dati con altri risultati della letteratura cercare di interpretare i dati ottenuti indicare i limiti del lavoro Se staccata da Results, i risultati e la citazione di tabelle e figure non devono essere ripetuti in questa sezione In genere si usa il tempo presente

27 Conclusions Alle volte la sezione Conclusions può essere fusa con la sezione Discussion Se è staccata dalla discussione deve: riassumere i principali risultati della ricerca chiarire cosa significano per l avanzamento delle conoscenze indicare le applicazioni pratiche oppure suggerire l orientamento di ulteriori ricerche

28 Conclusions No citazioni, abbreviazioni e acronimi Meglio usare il tempo presente Attenzione alle libere interpretazioni o estrapolazioni eccessive: qualsiasi conclusione deve essere solidamente fondata sui risultati del lavoro

29 Conclusions

30 Aknowledgements Ringraziamenti generali: non dimenticate di nominare gli Enti finanziatori (alle volte è prevista una sezione apposita per i finanziamenti) Ringraziamenti specifici: tecnici, colleghi, persone coinvolte Appendix Materiale supplementare non necessario per la comprensione ma utile: questionari, dati, formule, dettaglio di procedure analitiche, ecc. Più frequente nelle tesi

31 Cole et al., 2009

32 References La maggior parte delle citazioni deve riguardare articoli pubblicati su riviste scientifiche peer reviewed Sono ammesse anche altre fonti ma devono essere la minima parte (libri, lavori presentati a convegni, ecc.) Meglio poche citazioni molto autorevoli che molte di basso livello Limitare le autocitazioni (Purtroppo) citare lavori della stessa rivista su cui si vuol pubblicare è ben visto dall editor perché contribuisce ad aumentare l IF della rivista

33 References Ogni rivista scientifica ha il suo formato specifico da rispettare rigorosamente J.Dairy Science Livestock Science

34 References Controllare sempre più e più volte che tutti i lavori citati nel testo siano elencati nella sezione References e viceversa Tipicamente ci sono più errori nella sezione References che in ogni altra sezione Esistono dei software per la gestione delle citazioni bibliografiche L Ateneo di Milano è abbonato a Endnote Web a cui si può accedere tramite credenziali di Ateneo

35 Endnote web Gestisce archivi personalizzati di citazioni scaricabili da banche dati o da riviste o inserite manualmente Consente di inserire la bibliografia all interno di un testo Permette la formattazione della bibliografia con lo stile richiesto dalla rivista Consente la condivisione della bibliografia con altri ricercatori

36

37 Tables and Figures Non presentare mai gli stessi risultati in forma tabulare e grafica contemporaneamente Tabelle quando si vuole dare enfasi ai valori numerici di dati o di parametri statistici Grafici quando si vogliono evidenziare andamenti, distribuzioni, relazioni tra parametri Tutte le tabelle e le figure devono essere citate nel testo. Nel testo evitare di ripetere semplicemente i numeri ma evidenziare andamenti, differenze,ecc.

38 Tables and Figures Non impiegare tabelle o figure per evidenziare risultati che possono essere scritti in breve nel testo Tutte le tabelle e le figure devono essere leggibili e interpretabili da sole Importanza del titolo di tabelle e figure: breve ma chiaro Impiegare le note per rendere tabelle e figure più chiare e meno piene di testo Usare meno abbreviazioni possibile

39 Tables Se è possibile evitare tabelle troppo larghe che obblighino a ruotare la pagina Evitare le linee verticali e ridurre al minimo quelle orizzontali Arrotondare i numeri (3 cifre) Indicare sempre le unità di misura e preferibilmente la numerosità Accompagnare le medie con una misura di dispersione

40 Tables

41 Scegliere accuratamente la migliore disposizione dei dati

42 Figures Devono dare informazioni utili e non ridondanti rispetto al testo o alle tabelle Non devono avere solo valore estetico Attenzione che siano chiare e leggibili, alle volte vengono molto rimpicciolite In genere sono pubblicate in bianco e nero Unità di misura

43 Literature review Literature review (=rassegna bibliografica): analisi dei risultati bibliografici in maniera aggregata, organizzata e critica in maniera tale da poter arrivare a nuove o più definite conclusioni Presentazione dei risultati in forma comparata con evidenza di risultati concordanti e contrastanti L introduzione delle tesi è un tipico esempio di Literature Review

44 Literature review Introduzione generale più varie sezioni che affrontano le diverse aree della tematica Le sezioni devono seguire una sequenza logica e devono andare dal generale al particolare Prima delle conclusioni può esserci un capitolo di General discussion Le conclusioni dovrebbero suggerire nuove aree di ricerca per colmare le lacune della conoscenza

45 Literature review Citare sempre, se possibile, i lavori originali, non altre review o libri a meno che le review non siano arrivate a conclusioni originali superando i lavori Meglio scegliere di riferirsi a pochi lavori molto significativi piuttosto che a molti secondari Attenzione all interpretazione corretta dei risultati dei lavori: non facciamo dire agli autori ciò che non hanno detto

46 Literature review Riportare anche qualche dato numerico, non soltanto le opinioni o le conclusioni degli autori Può essere utile combinare i dati derivanti da diversi lavori in un unica tabella o figura Hussein and Sakuma, 2004

47 Thesis L introduzione di una tesi segue le regole di una literature review L introduzione può essere molto ampia e divisa in sezioni Deve concludersi con l evidenza delle carenze della conoscenza sull argomento Colmare tali carenze sarà l obiettivo del lavoro

48 Thesis Il corpo centrale della tesi può essere diviso in più capitoli che illustrano i diversi esperimenti condotti Se gli esperimenti condotti sono diversi tra loro ciascuno avrà propri Materiali e metodi, propri Risultati e discussione e proprie Conclusioni Seguiranno Conclusioni generali (eventualmente precedute da Discussione generale) Se invece gli esperimenti sono simili è possibile fare un solo capitolo di Materiali e metodi e un solo capitolo di Conclusioni

49 Research proposal Simile ad un articolo scientifico Title, Summary, Introduction, Research objectives Research Plan (materiale e metodi) Time schedule (materiale e metodi) Expected outcomes (risultati) Dissemination Budget Collaborating institutions Literature references Competence of applicants (CV)

50 Articoli su riviste divulgative Adattamento all audience Meno dettagli e più spiegazioni rispetto ad un articolo scientifico Più attenzione nell attrarre l interesse Titolo breve e molto attraente Premessa che sottolinei l importanza del tema La descrizione dell approccio metodologico deve essere breve e essenziale

51 Scientific paper

52 Peer review (revisione paritaria) Invio del manoscritto al comitato editoriale della rivista Prima valutazione dell editor Quindi il manoscritto viene sottoposto a due o più referees (revisori), esperti nel settore scientifico e anonimi (e non pagati!) I referees redigono un parere motivatamente favorevole o contrario alla pubblicazione (referee's report), sulla base della correttezza, completezza, originalità e rilevanza del lavoro, nonché della conformità alle linee editoriali della rivista. il report (responso) di ciascun referee è inviato agli autori del lavoro

53 Peer review Report: Accepted Accepted with minor revision Accepted with major revision Rejected gli autori possono quindi inviare una nuova versione dell'articolo che tenga conto dei rilievi formulati, o anche contestare le obiezioni mosse Se alla fine di questo processo i pareri dei referees risultano contrastanti, la decisione finale sulla pubblicazione è presa dal comitato editoriale

54 Peer review E un processo lungo (6-12 mesi) che può rallentare il progresso delle conoscenze Non è detto che sia obiettivo e riproducibile A study of the most cited manuscripts in chemistry indicates that graded referee judgements were negatively correlated with later judgements of merit, as measured by citations (Campanario, 2000)

55 Peer review php.scripts.psu.edu

56 Paper su rivista scientifica Si stima che dal 50 al 90% dei papers inviati a riviste scientifiche non vengano accettati Veterinary Records: 25% of submissions rejected without external peer review Annals of Botany: average rejection rate 70% Nature: receives 10,000 papers/year, 60 % by editors; publishes about 7 % of submissions 14 Food Research journals (Meat Sci., Dairy Sci., ecc.): papers published 348 days after submission; 86% of manuscripts are corrected (Amat, 2007)

57 Paper su rivista scientifica Scegliere bene la rivista target (anche in funzione dell IF ma non solo) Leggere un po di abstract recenti di lavori pubblicati Ragionevolmente la rivista potrebbe/dovrebbe comparire nei lavori citati nel tuo paper E probabile che tra i referees ci sarà un autore che ha pubblicato spesso su quella rivista e che tu hai citato Scrivere seguendo attentamente le regole della rivista ma pensando anche allo stile e filosofia della rivista

58 Impact factor and rejection percentage 60 scientific journals in Ecology Aarsen et al., 2008

59 Impact factor IF - indicatore di natura bibliometrica, assai noto internazionalmente Detti: X: il numero di citazioni di articoli della rivista considerata, rilevate complessivamente nel biennio precedente all'anno di riferimento Y: il numero di articoli pubblicati dalla rivista considerata nel biennio precedente all'anno di riferimento il rapporto X/Y viene definito come "fattore di impatto" IF della rivista per l'anno considerato la variabile più importante che determina lo IF di una rivista è certamente il numero di citazioni che sono abituati ad inserire nei loro lavori gli autori che vi contribuiscono (Barbieri)

60 Impact factor Institute of Scientific Information (ISI), raccoglie i dati necessari per calcolare l IF (istituto privato!) Archivio elettronico delle citazioni Science Citation Index (SCI). Journal Citation Report accessibile biblioteca digitale di ateneo

61

62 Impact factor

63 Strumenti da ridere SCIgen is a program created by scientists at the Massachusetts Institute of Technology that randomly generates nonsense in the form of computer science research papers, including graphs, diagrams, and citations. One useful purpose for such a program is to auto-generate submissions to conferences that you suspect might have very low submission standards. In 2005 a paper generated by SCIgen, Rooter: A Methodology for the Typical Unification of Access Points and Redundancy, was accepted as a "non-reviewed" paper to the 2005 World Multiconference on Systemics, Cybernetics and Informatics and the authors were invited to speak.

64

65

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche di Laura Colombo Ultimo aggiornamento: marzo 2011 Sommario L analisi bibliometrica Indicatori bibliometrici o Impact Factor o Immediacy Index o

Dettagli

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 BOSCARO GIANNI 2 Analisi Statistica analisi descrittiva: descrizione dei dati campionari con grafici,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

METODI DI RICERCA E DI VALUTAZIONE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

METODI DI RICERCA E DI VALUTAZIONE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO METODI DI RICERCA E DI VALUTAZIONE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO LUMSA 2016-17 Dott.ssa Giulia Pecora giulia.pecora@uniroma1.it Il prodotto della ricerca E il principale mezzo che la comunità scientifica

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

FOCUS SU UTILIZZO, RISCHIO-BENEFICIO E COSTO-EFFICACIA DEI FARMACI E SULLE POLITICHE SANITARIE

FOCUS SU UTILIZZO, RISCHIO-BENEFICIO E COSTO-EFFICACIA DEI FARMACI E SULLE POLITICHE SANITARIE FOCUS SU UTILIZZO, RISCHIO-BENEFICIO E COSTO-EFFICACIA DEI FARMACI E SULLE POLITICHE SANITARIE SCOPI Il Giornale Italiano di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione (GIFF) è un periodico di aggiornamento

Dettagli

lo schema di partenza

lo schema di partenza COSTRUZIONE DELLA TESI DI LAUREA lo schema di partenza Inquadrare l argomento Individuare l oggetto della ricerca Argomentare ogni affermazione Documentare correttamente i supporti tecnologici e bibliografici

Dettagli

Banche dati, citazioni e indici bibliometrici

Banche dati, citazioni e indici bibliometrici Banche dati, citazioni e indici bibliometrici di Bonaria Biancu Corso per dottorandi e assegnisti di ricerca del DISCO Università degli Studi di Milano-Bicocca Milano, 18 febbraio 2009 Valutare la scienza

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

ProgettoFuori Corso TESI DI LAUREA

ProgettoFuori Corso TESI DI LAUREA Università degli Studi di Urbino Carlo Bo DIPARTIMENTO DI STUDI INTERNAZIONALI (DISTI) SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE ProgettoFuori Corso TESI DI LAUREA Cos èla tesi di laurea? Alla fine del

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

HyperJournal. Un software open source per l Open Publishing. Francesca Di Donato, Università di Pisa, didonato@sp.unipi.it

HyperJournal. Un software open source per l Open Publishing. Francesca Di Donato, Università di Pisa, didonato@sp.unipi.it HyperJournal Un software open source per l Open Publishing Francesca Di Donato, Università di Pisa, didonato@sp.unipi.it Seminario Dopo Berlin3: politiche di accesso aperto alla letteratura scientifica

Dettagli

Pensare prima di scrivere!

Pensare prima di scrivere! DISEI Dipartimento di scienze per l economia e l impresa Pensare prima di scrivere! Alcuni consigli su come preparare la tesi di dottorato Donato Romano Obiettivi Descrivere le diverse fasi attraverso

Dettagli

Periodici elettronici e banche dati

Periodici elettronici e banche dati Servizio civile nazionale volontario Università di Pavia Progetto Vivere la biblioteca: dalla gestione al servizio - 2009 Periodici elettronici e banche dati Caterina Barazia Periodici elettronici: definizione

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI SEDE DI «indicare la sede in cui si è frequentato il corso» Anno formativo «indicare l'ultimo anno di frequenza» [Digitare qui il titolo della

Dettagli

La valutazione della ricerca tra bibliometria e peer review: il ruolo dell open access Filippo Chiocchetti Università di Trieste

La valutazione della ricerca tra bibliometria e peer review: il ruolo dell open access Filippo Chiocchetti Università di Trieste tra bibliometria e peer review: il ruolo dell open access Filippo Chiocchetti Università di Trieste Quali politiche per l accesso aperto in Italia? Tavola rotonda - dibattito Università degli Studi di

Dettagli

STRUTTURA DELLE TESI

STRUTTURA DELLE TESI Master in: Management per Funzioni di Coordinamento delle Professioni Sanitarie Tecniche A.A. 2010/2011 STRUTTURA DELLE TESI La modalità di svolgimento della prova finale consiste nella presentazione orale

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Le ricerche di mercato I Mktg-L21 Il

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA NELL AREA DELL ONCOLOGIA CLINICA E DELLA CARDIOLOGIA ANNO 2011

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA NELL AREA DELL ONCOLOGIA CLINICA E DELLA CARDIOLOGIA ANNO 2011 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA NELL AREA DELL ONCOLOGIA CLINICA E DELLA CARDIOLOGIA ANNO 2011 La Fondazione Umberto Veronesi bandisce un pubblico concorso

Dettagli

Come si trova l Impact Factor di una rivista?

Come si trova l Impact Factor di una rivista? Journal Citation Report ovvero: Come si trova l Impact Factor di una rivista? a cura di Francesca De Rosa Biblioteca Dermatologica dell Istituto San Gallicano Indice: Che cos è l Impact Factor? Come si

Dettagli

Il tutoring peer to peer

Il tutoring peer to peer Il tutoring peer to peer Peer to peer 9 ore in presenza, alle quali deve essere aggiunta 1 ora dedicata alla rielaborazione dell'esperienza anche su piattaforma on-line interamente a carico delle scuole

Dettagli

Protocollo dello studio

Protocollo dello studio Protocollo dello studio Indagine su disturbi e malattie respiratorie e fattori ad essi correlati nella popolazione infantile residente nell area di S. Polo e nel resto del comune di Brescia Premessa A

Dettagli

Web of Science. Scheda riferimenti ISI WEB OF KNOWLEDGE SM. 1 Ricerca. Ricerca all'interno delle referenze citate

Web of Science. Scheda riferimenti ISI WEB OF KNOWLEDGE SM. 1 Ricerca. Ricerca all'interno delle referenze citate Web of Science Scheda riferimenti ISI WEB OF KNOWLEDGE SM È possibile effettuare ricerche in oltre 900 periodici e riviste in più di 5 lingue diverse nell'ambito di scienza, scienze sociali, arte e materie

Dettagli

Trovare nelle risorse della Biblioteca- per Infermieristica

Trovare nelle risorse della Biblioteca- per Infermieristica Trovare nelle risorse della Biblioteca- per Infermieristica di Laura Colombo Seminario per il primo anno del corso di laurea in Infermieristica Sede di Sesto Università degli studi di Milano-Bicocca Monza,

Dettagli

DATABASE SU EXCEL: I FILTRI

DATABASE SU EXCEL: I FILTRI DATABASE SU EXCEL: I FILTRI È possibile mettere in relazione i dati in base a determinati criteri di ricerca e creare un archivio di dati E necessario creare delle categorie di ordinamento in base alle

Dettagli

informarisorse Discovery service Summon InFormare sull uso delle risorse elettroniche Risorse multidisciplinari

informarisorse Discovery service Summon InFormare sull uso delle risorse elettroniche Risorse multidisciplinari informarisorse InFormare sull uso delle risorse elettroniche Discovery service Summon Risorse multidisciplinari informarisorse InFormaRisorse informa è il nuovo servizio del Sistema bibliotecario di Ateneo

Dettagli

LINEE GUIDA. per la partecipazione alla. LSE Digital Innovation Challenge

LINEE GUIDA. per la partecipazione alla. LSE Digital Innovation Challenge LINEE GUIDA per la partecipazione alla LSE Digital Innovation Challenge Condizioni di partecipazione La Sapienza Università di Roma partecipa alla seconda edizione 2014-2015 della competizione sull Innovazione

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La tesi di Laurea è parte integrante e conclusiva del percorso formativo dello studente.

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 10 Scienze dell Antichità, Filosofico- Letterarie e

VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 10 Scienze dell Antichità, Filosofico- Letterarie e VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 10 Scienze dell Antichità, Filosofico- Letterarie e Storico-Artistiche Versione 1.0 10/12/2015 Sommario Obiettivi del documento...

Dettagli

http://www.tutto.unito.it/

http://www.tutto.unito.it/ 1 CERCARE ATTRAVERSO TUTTO, IL DISCOVERY TOOL DI ATENEO TUTTO offre un punto d'accesso unificato alle risorse bibliografiche presenti in Ateneo, come ad esempio libri, articoli di riviste, oggetti digitali

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

3 Strumenti pratici INTRODUZIONE PROTEZIONE DATI INFORMAZIONI DI CARATTERE PERSONALE. 3.2 Questionario sul gradimento di siti e portali

3 Strumenti pratici INTRODUZIONE PROTEZIONE DATI INFORMAZIONI DI CARATTERE PERSONALE. 3.2 Questionario sul gradimento di siti e portali INTRODUZIONE Esempio: Grazie per aver dedicato del tempo prezioso per rispondere ad alcune domane su NOME SITO/PORTALE Per la compilazione del questionario saranno necessari circa minuti. I tuoi commenti

Dettagli

Linee guida per la proposta degli Abstract*

Linee guida per la proposta degli Abstract* 3 rd International Congress of Coaching Psychology, 2013 - Italy Rome, 16-17 May Linee guida per la proposta degli Abstract* Dopo aver preso visione del documento si prega di completare il modulo di proposta

Dettagli

"INFORMATION LITERACY": L'ESPERIENZA DIDATTICA NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE. Relatore: Maurizio Grilli

INFORMATION LITERACY: L'ESPERIENZA DIDATTICA NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE. Relatore: Maurizio Grilli "INFORMATION LITERACY": L'ESPERIENZA DIDATTICA NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Relatore: Maurizio Grilli Ambito infermieristico: Infermieristica, Ostetricia. Ambito della prevenzione: Assistenza

Dettagli

Fare il valutatore per la commissione europea: Chi e perchè. Chiara Petrioli. Department of Computer Science University of Rome Sapienza Italy

Fare il valutatore per la commissione europea: Chi e perchè. Chiara Petrioli. Department of Computer Science University of Rome Sapienza Italy Fare il valutatore per la commissione europea: Chi e perchè Chiara Petrioli Department of Computer Science University of Rome Sapienza Italy Il settimo programma quadro The specific programme on 'Cooperation'

Dettagli

VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 12 Scienze Giuridiche

VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 12 Scienze Giuridiche VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 12 Scienze Giuridiche Versione 1.0 10/12/2015 Sommario Obiettivi del documento... 3 Parte I: dati dell addetto alla ricerca...

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e del MIUR 3 tabelle, deliberate nel CD dell ANVUR del 13 agosto 2012, relative

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

Guida utente generale

Guida utente generale Guida utente generale Scopus vi offre strumenti per: Perfezionare la vostra ricerca Monitorare le citazioni al fine di misurare le performance della ricerca (Research Performance Measurement - RPM) Questa

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA RICERCA BIBLIOGRAFICA. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

INTRODUZIONE ALLA RICERCA BIBLIOGRAFICA. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche INTRODUZIONE ALLA RICERCA BIBLIOGRAFICA A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche La ricerca bibliografica: cos è? La ricerca bibliografica è quel complesso di attività volte ad accertare l'esistenza,

Dettagli

CENTRO DI BIOTECNOLOGIE SETTORE DOCUMENTAZIONE BIOMEDICA A.O.R.N. A.CARDARELLI - NAPOLI IL RIFERIMENTO BIBLIOGRAFICO: COSA CITARE, COME CITARE?

CENTRO DI BIOTECNOLOGIE SETTORE DOCUMENTAZIONE BIOMEDICA A.O.R.N. A.CARDARELLI - NAPOLI IL RIFERIMENTO BIBLIOGRAFICO: COSA CITARE, COME CITARE? CENTRO DI BIOTECNOLOGIE SETTORE DOCUMENTAZIONE BIOMEDICA A.O.R.N. A.CARDARELLI - NAPOLI IL RIFERIMENTO BIBLIOGRAFICO: COSA CITARE, COME CITARE? dott.ssa Barbara Andria IL RIFERIMENTO BIBLIOGRAFICO Sagone

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Trovare nelle risorse della Bibliotecaper Infermieristica

Trovare nelle risorse della Bibliotecaper Infermieristica Trovare nelle risorse della Bibliotecaper Infermieristica di Laura Colombo Seminario per il primo anno del corso di laurea in Infermieristica Sede di Monza Università degli studi di Milano-Bicocca Monza,

Dettagli

DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO DELLA QUALITÀ

DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO DELLA QUALITÀ FACOLTÀ DI TEOLOGIA DI LUGANO via Giuseppe Buffi 13, C.P. 4663, 6904 Lugano (CH) Tel: ++41-(0)58-6664555 Fax: ++41-(0)58-6664556 www.teologialugano.ch info@teologialugano.ch DIRETTIVE INTERNE D ACCERTAMENTO

Dettagli

Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice:

Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice: SCHEDA DI RILEVAZIONE SULLE RIVISTE DI SOCIOLOGIA ITALIANE Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice: Componenti il comitato di

Dettagli

Seconda conferenza diateneo sugli strumenti di valutazione della ricerca Ferrara, 18 maggio 2010

Seconda conferenza diateneo sugli strumenti di valutazione della ricerca Ferrara, 18 maggio 2010 Bibliometria i per la valutazione della ricerca: uso e abuso Alberto Baccini (Unisi) Seconda conferenza diateneo sugli strumenti di valutazione della ricerca Ferrara, 18 maggio 2010 Lo scontro sulla valutazione

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Regolamento recante Criteri di classificazione delle riviste ai fini dell Abilitazione Scientifica Nazionale

Regolamento recante Criteri di classificazione delle riviste ai fini dell Abilitazione Scientifica Nazionale Regolamento recante Criteri di classificazione delle riviste ai fini dell Abilitazione Scientifica Nazionale Il Consiglio direttivo dell ANVUR, visto l art. 16, comma 3, lettere a), b), c) e h) della legge

Dettagli

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Nell'intento di uniformare il metodo di stesura delle tesi di laurea vengono qui di seguito fornite a tutti gli studenti

Dettagli

Open Archives e motori di ricerca. di Ilaria Moroni

Open Archives e motori di ricerca. di Ilaria Moroni Open Archives e motori di ricerca di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: ottobre 2013 Sommario Open archives: Pleiadi SSRN Motori di ricerca: Google Books Google Scholar Scirus Open Archives per cercare

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

COME RECUPERARE IMPACT FACTOR E ALTRI INDICATORI BIBLIOMETRICI PER LA VALUTAZIONE DEI PERIODICI

COME RECUPERARE IMPACT FACTOR E ALTRI INDICATORI BIBLIOMETRICI PER LA VALUTAZIONE DEI PERIODICI 2013 Sistema Bibliotecario di Ateneo Polo di Scienze Sociali A cura di Micaela De Col COME RECUPERARE IMPACT FACTOR E ALTRI INDICATORI BIBLIOMETRICI PER LA VALUTAZIONE DEI PERIODICI IMPACT FACTOR E ALTRI

Dettagli

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 Abilità alunni Attività insegnante Attività alunno A. LEGGERE AD ALTA VOCE 1. Riattivare le competenze acquisite di lettura

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

Breve guida alla ricerca bibliografica on-line. A cura di Tilde Tocci

Breve guida alla ricerca bibliografica on-line. A cura di Tilde Tocci Breve guida alla ricerca bibliografica on-line 1 Breve guida alla ricerca bibliografica on-line Questa breve guida è indirizzata principalmente agli studenti dei corsi di laurea in Informatica e Tecnologie

Dettagli

Cercare documenti Web

Cercare documenti Web Pagine web (struttura html) Cercare documenti Web Motori di Ricerca I MOTORI DI RICERCA Sulla rete Web vi sono strumenti specifici chiamati motori di ricerca (research engines) per la ricerca di siti e

Dettagli

Bando di concorso per il conferimento di n. 1 borsa di studio di Euro 2.000,00, finanziato da MedComputer srl, Via Cluentina 35/B - 62100 Macerata

Bando di concorso per il conferimento di n. 1 borsa di studio di Euro 2.000,00, finanziato da MedComputer srl, Via Cluentina 35/B - 62100 Macerata Bando di concorso per il conferimento di n. 1 borsa di studio Via Cluentina 35/B - 62100 Macerata. Art. 1 E indetto un concorso per il conferimento di n. 1 borsa di studio di Euro 2.000,00 per progetti

Dettagli

Processo di referaggio collana punto org

Processo di referaggio collana punto org Caro Referee, grazie in anticipo per aver accettato di referare per la collana punto org. Il Suo è un ruolo delicato: appartiene a una comunità di studiosi, docenti e professionisti che forniscono ai colleghi

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2007-2008 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione Il è finalizzato a elevare il livello di competenza nell utilizzo del computer, del pacchetto Office e delle principali funzionalità di Internet. Il percorso formativo si struttura in 7 moduli Concetti

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Il progetto regionale ILB. Competenze informative in biomedicina: presentazione del corso in e-learning.

Il progetto regionale ILB. Competenze informative in biomedicina: presentazione del corso in e-learning. Il progetto regionale ILB. Competenze informative in biomedicina: presentazione del corso in e-learning. Valentina Comba Responsabile del Centro E-Learning Ateneo di Bologna Rita Iori Responsabile Biblioteca

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative Allegato al n. 4 2008 DI CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana Società Italiana BANDO DI CONCORSO NAZIONALE PER L ASSEGNAZIONE DI DUE PREMI PER ARTICOLI SCIENTIFICI SUL TEMA L APPROCCIO

Dettagli

Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida

Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida A cura del Gruppo Informazione e comunicazione della Biblioteca Biomedica Redazione: Tessa Piazzini Premessa: Solitamente parlando

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

ISLL Papers The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php?

ISLL Papers The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php? The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php?channel=papers ISLL - ITALIAN SOCIETY FOR LAW AND LITERATURE ISSN 2035-553X Submitting a Contribution

Dettagli

ANALISI DEI DATI EPIDEMIOLOGICI

ANALISI DEI DATI EPIDEMIOLOGICI ANALISI DEI DATI EPIDEMIOLOGICI Cenni di statistica Che cosa è la statistica Statistica descrittiva e statistica inferenziale Test statistici di ipotesi Intervalli di confidenza Analisi stratificata TEST

Dettagli

Gentile Dirigente Scolastico,

Gentile Dirigente Scolastico, Gentile Dirigente Scolastico, grazie per aver aderito al progetto Valutazione e Miglioramento, un progetto dell INVALSI finanziato con il contributo dei fondi europei PON. Come sa, l obiettivo del progetto

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

Project Management & Innovazione

Project Management & Innovazione Project Management & Innovazione Milano, 24 ottobre 2006 Antonio Bassi, PMP antonio.bassi@pmi-nic.org www.pmi-nic.org Agenda Il progetto La ricerca L evoluzione Il libro e poi Ambito e missione del progetto

Dettagli

ERC Starting Grant. la mia esperienza. Annalisa Buffa

ERC Starting Grant. la mia esperienza. Annalisa Buffa ERC Starting Grant la mia esperienza Annalisa Buffa Istituto di Matematica Applicata e Tecnologie Informatiche - Pavia Consiglio Nazionale delle Ricerche GeoPDEs : ERC Starting Grant A. Buffa (IMATI-CNR

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

La biblioteca digitale IOV - IRCCS Una guida rapida al sito web

La biblioteca digitale IOV - IRCCS Una guida rapida al sito web La biblioteca digitale IOV - IRCCS Una guida rapida al sito web PER INFORMAZIONI biblioteca@ioveneto.it Perché una biblioteca digitale Accesso 24 ore su 24 alle riviste ed ai servizi in abbonamento L accesso

Dettagli

Syllabus MODULO I. Periodo Date : 8 Febbraio 2013; 1 marzo 2013 Orari: 8 Febbraio: 15.00-17.30; 1 marzo 2013: 10.30-13.30

Syllabus MODULO I. Periodo Date : 8 Febbraio 2013; 1 marzo 2013 Orari: 8 Febbraio: 15.00-17.30; 1 marzo 2013: 10.30-13.30 Syllabus La ricerca scientifica sulle tematiche del lavoro: strumenti, metodologia e potenzialità dell'open access e dei social network nell'era della editoria digitale. MODULO I L informatica giuridica

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2006-2007 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

Possiamo raffinare la nostra ricerca utilizzando gli operatori booleani, che prendono il nome dal matematico che li teorizzò nell Ottocento

Possiamo raffinare la nostra ricerca utilizzando gli operatori booleani, che prendono il nome dal matematico che li teorizzò nell Ottocento Operatori booleani su Possiamo raffinare la nostra ricerca utilizzando gli operatori booleani, che prendono il nome dal matematico che li teorizzò nell Ottocento Gli operatori booleani su AND cane e

Dettagli

Italian Journal on Addiction & Droganews:

Italian Journal on Addiction & Droganews: Italian Journal on Addiction & Droganews: strumenti di informazione scientifica Open access Eugenio Francesco Valenzi Roma, 26 luglio 2011 www.italianjournalonaddiction.it www.droganews.it sono strumenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Che cos è la scrittura controllata La scrittura come tecnologia Il diritto all informazione I destinatari Il prodotto facile da leggere Alcune regole

Che cos è la scrittura controllata La scrittura come tecnologia Il diritto all informazione I destinatari Il prodotto facile da leggere Alcune regole Che cos è la scrittura controllata La scrittura come tecnologia Il diritto all informazione I destinatari Il prodotto facile da leggere Alcune regole per un testo di facile lettura Le immagini e la grafica

Dettagli

GdR Valutazione della ricerca nelle scienze sociali e politiche - ANVUR. Quale Valutazione per l area 14

GdR Valutazione della ricerca nelle scienze sociali e politiche - ANVUR. Quale Valutazione per l area 14 GdR Valutazione della ricerca nelle scienze sociali e politiche - ANVUR Quale Valutazione per l area 14 (documento predisposto dal Gruppo di Ricerca, Area 14) 22 ottobre 2015 Componenti: Franco Garelli

Dettagli

GESTIONE NEWSLETTER 2 CREAZIONE NEWSLETTER

GESTIONE NEWSLETTER 2 CREAZIONE NEWSLETTER GESTIONE NEWSLETTER 1 INTRODUZIONE In questa sezione vedremo come gestire la creazione e l invio delle Newsletter e come associarle alle Liste Clienti e alle Liste Email. Grazie a un editor avanzato è

Dettagli

Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca. Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca

Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca. Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca Quali aspetti considerare? Management Comunicazio ne Aspetti etici Gender Professionalizzazione della gestione

Dettagli

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing Marketing research Definition (AMA): Marketing research is the function that links the consumer, customer, and public to the marketer through information--information used to identify and define marketing

Dettagli

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLE DOMANDE IN RISPOSTA AL BANDO DELLA NATIONAL SCIENCE FOUNDATION: Materials World Network

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLE DOMANDE IN RISPOSTA AL BANDO DELLA NATIONAL SCIENCE FOUNDATION: Materials World Network MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLE DOMANDE IN RISPOSTA AL BANDO DELLA NATIONAL SCIENCE FOUNDATION: Materials World Network La procedura web consente la compilazione delle domande in risposta al bando della

Dettagli