LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015"

Transcript

1 Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE IVAN MELIS SIRAP INSULATION SRL Diritti d autore: la presente presentazione è proprietà intellettuale dell autore e/o della società da esso rappresentata. Nessuna parte può essere riprodotta senza l autorizzazione dell autore. IVAN MELIS

2 Da oggi al futuro: gli scenari virtuoso e dell indifferenza Earth Overshoot Day del Global Footprint Network (GFN)

3 Quadro normativo DIRETTIVA 2012/31/UE DEL PARLAMENTO E DEL CONSIGLIO EUROPEO del 19 maggio 2013 sulla prestazione energetica nell edilizia METODOLOGIE DI CALCOLO: LE NOVITA ALLEGATO I Quadro comune generale per il calcolo della prestazione energetica degli edifici (di cui articolo 3) Ai fini della determinazione della metodologia di calcolo si deve tener conto almeno dei seguenti aspetti: a) Le seguenti caratteristiche termiche effettive dell edificio, comprese le sue divisioni interne: a1. capacità termica; a2. isolamento; a3. riscaldamento passivo; a4. elementi di raffrescamento; a5. ponti termici; b) Impianto di riscaldamento e di produzione di acqua calda, comprese le relative caratteristiche di isolamento; c) Impianti di condizionamento d aria; d) Ventilazione naturale e meccanica, compresa eventualmente l ermeticità all aria; e) Impianto di illuminazione incorporato (principalmente per il settore non residenziale).../...

4 Nuove SOLUZIONI e nuovi ATTEGGIAMENTI OBJ: EFFICIENZA INVERNALE ED ESTIVA IN UN UNICO AMBIENTE Differenze climatiche del ns pianeta terra

5 Nuove SOLUZIONI e nuovi ATTEGGIAMENTI OBJ: EFFICIENZA INVERNALE ED ESTIVA IN UN UNICO AMBIENTE

6 Progettare edifici ad energia quasi zero in regime estivo ed invernale IVAN MELIS Gli ambienti caratterizzati da minore disponibilità e da condizioni climatiche estreme hanno da sempre stimolato la ricerca di soluzioni pratiche, efficaci e soprattutto passive

7 Effetti della capacità termica d involucro: DIFESA TERMICA Il valore dello smorzamento, riduzione d ampiezza o attenuazione dell onda termica si ottiene dal rapporto tra l ampiezza d onda interna e quella esterna, e si esprime come tale (valore adimensionale) o con la percentuale reciproca che gli compete IVAN MELIS

8 Effetti della capacità termica d involucro: DIFESA TERMICA IVAN MELIS COMPONENTI VERTICALI OPACHI COMPONENTI INCLINATI OPACHI COMPONENTI ORIZZONTALI OPACHI COMPONENTI TRASPARENTI sezioni opache In particolare, l attenuazione che una struttura è in grado di garantire, produce una riduzione del valore di temperatura verificatosi nel tempo; lo sfasamento invece ritarda, nel tempo quelle condizioni termiche. Se una struttura non garantisce uno sfasamento accettabile la temperatura di un ambiente interno risente in breve tempo dei valori raggiunti all esterno

9 Effetti della capacità termica d involucro: ACCUMULO TERMICO Una buona progettazione dell involucro in termini di inerzia termica consente di evitare il surriscaldamento dell aria nei mesi caldi. Nei nostri contesti è quindi auspicabile realizzare un involucro sia capacitivo che resistivo, consistente in murature aventi una elevata capacità termica associata ad una bassa trasmittanza termica.

10 E il progetto che fa la differenza, NON i materiali 1 ISO Pannello in fibra di legno 2 ISO Pannello in fibra di legno 3 ISO Pannello in fibra di legno 4 LEG Abete (flusso parallelo alle fibre) Soluzione 1 IVAN MELIS s [m] r [kg/m³] l [W/mK] c [J/kgK] m [-] M s [kg/m²] R [m²k/w] S D [m] a [m²/ms] 1 0, ,0 0, ,2 30,0 6,4 0,61 1,20 0, , ,0 0, ,2 30,0 6,4 0,61 1,20 0, , ,0 0, ,2 30,0 6,4 0,61 1,20 0, , ,0 0, ,6 20,0 9,9 0,12 0,44 0,147 Parametri stazionari Spessore totale Massa superficiale Massa superficiale esclusi intonaci Resistenza Trasmittanza 0,142 m 29,1 kg/m² 29,1 kg/m² 2,11 m²k/w 0,474 W/m²K Parametri dinamici Valori invernali Valori estivi Trasmittanza periodica 0,403 W/m²K 0,397 W/m²K Fattore di attenuazione 0,851 0,838 Sfasamento 3h 43' 3h 46' Capacità interna 31,2 kj/m²k 31,5 kj/m²k Capacità esterna 13,8 kj/m²k 13,4 kj/m²k Ammettenza interna 2,101 W/m²K 2,120 W/m²K Ammettenza esterna 0,867 W/m²K 0,847 W/m²K

11 E il progetto che fa la differenza, NON i materiali 1 ISO 2 ISO STYRHOLZ H 50 - pannelli in lana di legno e cemento - 50mm GEMATHERM XC 3 60mm - lastre di polistirene espanso estruso a Norma UNI EN LEG Abete (flusso parallelo alle fibre) Soluzione 2 IVAN MELIS s [m] r [kg/m³] l [W/mK] c [J/kgK] m [-] M s [kg/m²] R [m²k/w] S D [m] a [m²/ms] 1 0, ,0 0, ,4 4,0 19,5 0,79 0,20 0, ,060 35,0 0, ,7 150,0 2,1 1,76 9,00 0, , ,0 0, ,6 20,0 9,9 0,12 0,44 0,147 Parametri stazionari Spessore totale Massa superficiale Massa superficiale esclusi intonaci Resistenza Trasmittanza 0,132 m 31,5 kg/m² 31,5 kg/m² 2,82 m²k/w 0,355 W/m²K Parametri dinamici Valori invernali Valori estivi Trasmittanza periodica 0,291 W/m²K 0,266 W/m²K Fattore di attenuazione 0,820 0,750 Sfasamento 4h 8' 4h 40' Capacità interna 28,9 kj/m²k 27,3 kj/m²k Capacità esterna 22,9 kj/m²k 22,4 kj/m²k Ammettenza interna 1,919 W/m²K 1,816 W/m²K Ammettenza esterna 1,519 W/m²K 1,477 W/m²K

12 E il progetto che fa la differenza, NON i materiali 1 ISO STYRHOLZ H 50 - pannelli in lana di legno e cemento - 50mm 2 ISO GEMATHERM XC 3 80mm - lastre di polistirene espanso estruso a Norma UNI EN LEG Abete (flusso parallelo alle fibre) 4 LEG Abete (flusso parallelo alle fibre) Soluzione 3 IVAN MELIS s [m] r [kg/m³] l [W/mK] c [J/kgK] m [-] M s [kg/m²] R [m²k/w] S D [m] a [m²/ms] 1 0, ,0 0, ,4 4,0 19,5 0,79 0,20 0, ,080 35,0 0, ,7 150,0 2,8 2,22 12,00 0, , ,0 0, ,6 20,0 18,0 0,22 0,80 0, , ,0 0, ,6 20,0 9,9 0,12 0,44 0,147 Parametri stazionari Spessore totale 0,192 m Massa superficiale 50,2 kg/m² Massa superficiale esclusi intonaci 50,2 kg/m² Resistenza 3,50 m²k/w Trasmittanza 0,286 W/m²K Parametri dinamici Valori invernali Valori estivi Trasmittanza periodica 0,153 W/m²K 0,127 W/m²K Fattore di attenuazione 0,534 0,446 Sfasamento 7h 28' 8h 5' Capacità interna 48,0 kj/m²k 41,3 kj/m²k Capacità esterna 23,4 kj/m²k 22,4 kj/m²k Ammettenza interna 3,350 W/m²K 2,885 W/m²K Ammettenza esterna 1,555 W/m²K 1,505 W/m²K

13 Comparazione tra le soluzioni ISO Pannello in fibra di legno sp. 40 mm 2 ISO Pannello in fibra di legno sp. 40 mm 3 ISO Pannello in fibra di legno sp. 40 mm 4 LEG Abete (flusso parallelo alle fibre) sp. 22 mm 1 ISO 2 ISO STYRHOLZ H 50 - pannelli in lana di legno e cemento - 50mm GEMATHERM XC 3 60mm - lastre di polistirene espanso estruso a Norma UNI EN LEG Abete (flusso parallelo alle fibre) sp. 22 mm Trasmittanza Trasmittanza Parametri dinamici 0,474 W/m²K 0,474 Parametri dinamici Valori Valori estivi invernali Trasmittanza periodica 0,403 W/m²K 0,397 W/m²K Fattore di attenuazione 0,851 0,838 Sfasamento 3h 43' 3h 46' 0,355 W/m²K 0,355 Valori invernali Valori estivi Trasmittanza periodica 0,291 W/m²K 0,266 W/m²K Fattore di attenuazione 0,820 0,750 Sfasamento 4h 8' 4h 40' IVAN MELIS 1 ISO STYRHOLZ H 50 - pannelli in lana di legno e cemento - 50mm 2 ISO GEMATHERM XC 3 80mm - lastre di polistirene espanso estruso a Norma UNI EN LEG Abete (flusso parallelo alle fibre) sp. 40 mm 4 LEG Abete (flusso parallelo alle fibre) sp. 22 mm Trasmittanza Parametri dinamici Trasmittanza periodica Fattore di attenuazione 0,286 W/m²K Valori invernali 0,286 W/m²K Valori estivi 0,153 W/m²K 0,127 W/m²K 0,534 0,446 Sfasamento 7h 28' 8h 5'

14 Prodotti termoisolanti GEMATHERM XC3 STYRHOLZ H

15 Campagna misure a Gassino Torinese Dip. Energetica Politecnico di Torino ANALISI INVERNALE - ESTIVA

16 Campagna misure a Gassino Torinese Dip. Energetica Politecnico di Torino

17 I software professionali per professionisti

18 I software professionali per professionisti controllo igrometrico dettagliato

19 I software professionali per professionisti controllo igrometrico dettagliato

20 Sistema per isolamento termico e ventilazione di tetti a falde IVAN MELIS

21 Sistema per isolamento termico e ventilazione di tetti a falde IVAN MELIS

22 Contributo del rivestimento esistente Materiale riflettente (o basso emissivo): riduce la trasmissione di energia per irraggiamento riflettendo in larga parte la radiazione termica incidente sulla sua superficie

23 Contributo basso emissivo Un recente studio condotto con ANIT ha analizzato i benefici di superfici basso emissive sul prodotto Stirodach dal punto di vista del modello di calcolo e verificando in opera con misure qualitative il funzionamento estivo e la modellazione ipotizzabile.

24 Contributo basso emissivo

25 Contributo basso emissivo L intercapedine d aria che si forma tra le tegole e il rivestimento in alluminio all estradosso del pannello ha delle proprietà d isolamento termico invernale ed estivo grazie alla basso emissività dell alluminio. In inverno si riducono le dispersioni termiche per irraggiamento che la membrana emette verso le tegole; in estate invece, viene riflesso parte del flusso termico irradiato dalle tegole scaldate dal sole.

26 Contributo basso emissivo Le misure in opera confermano l affidabilità del modello predittivo in merito all aumento della resistenza termica dell intercapedine con il rivestimento in alluminio goffrato. I dati mostrano un maggiore del 10% incremento di resistenza termica complessiva E quindi possibile stimare la trasmittanza termica U, la trasmittanza termica periodica Yie, lo sfasamento e l attenuazione di una copertura tenendo conto del contributo positivo dato dalla basso emissività dell alluminio goffrato.

27 E il progetto che fa la differenza, NON i materiali Sol. A Tetto caldo zavorrato 1 CLS Calcestruzzo kg/m³ 2 PLA Polietilene/Politene. alta densità 3 IMP FLAGON SV sp. 1,8 mm, PVC, totale indipendenza, zavorrato ghiaia / pavimentazione fissa o mobile / tetto verde o giardino pensile 4 IMP Foglio in P.E. sp.1.6 mm. 5 VAR TNT da 500 gr/mq. 6 ISO GEMATHERM XC 3 140mm - lastre di polistirene espanso estruso a Norma UNI EN IMP VAPOR FLAG - membrana sintetica composta da un unico strato di polietilene bassa densità, ottenuta per estrusione di colore nero 8 SOL Laterocemento sp.26 cm.rif s [m] r [kg/m³] l [W/mK] c [J/kgK] m [-] M s [kg/m²] R [m²k/w] S D [m] a [m²/ms] 1 0, ,0 2, ,0 80,0 240,0 0,05 8,00 0, , ,0 0, , ,0 1,6 0,00 160,00 0, , ,0 0, , ,0 2,3 0,01 36,00 0, , ,0 0, , ,0 1,5 0,01 80,00 0, ,140 35,0 0, ,7 150,0 4,9 3,89 21,00 0, , ,0 0, ,4 240,0 0,3 0,00 0,07 0, , ,3 0, ,8 15,0 219,0 0,39 3,90 0,946 Parametri stazionari Spessore totale 0,505 m Massa superficiale 469,6 kg/m² Massa superficiale esclusi intonaci 469,6 kg/m² Resistenza 4,50 m²k/w Trasmittanza 0,222 W/m²K Parametri dinamici Valori invernali Valori estivi Trasmittanza periodica 0,043 W/m²K 0,026 W/m²K Fattore di attenuazione 0,195 0,119 Sfasamento 12h 11' 13h 23' Capacità interna 57,6 kj/m²k 46,7 kj/m²k Capacità esterna 170,5 kj/m²k 127,7 kj/m²k Ammettenza interna 4,151 W/m²K 3,375 W/m²K Ammettenza esterna 12,368 W/m²K 9,267 W/m²K Verifiche secondo DM 26/06/15 Provincia MILANO Comune MILANO Gradi giorno 2404 Zona E Verifica invernale Trasmittanza 0,222 W/m²K Trasmittanza limite 0,26 W/m²K Verifica superata Verifica estiva Irradianza media del mese di massima insolazione 278,0 W/m² < 290 W/m² Verifica inerziale non richiesta Struttura regolamentare secondo DM 26/06/15

28 E il progetto che fa la differenza, NON i materiali Verifica della condensa superficiale Mese Temperatur a esterna [ C] Pressione esterna [Pa] Temperatu ra interna [ C] Pressione interna [Pa] ottobre 14, , novembre 7, , dicembre 3, , gennaio 1, , febbraio 4, , marzo 9, , aprile 14, , maggio 17, , giugno 22, , luglio 25, , agosto 24, , settembre 20, , Mese Rischio condensa Temperatura minima superficiale [ C] Fattore di temperatura Rischio formazione muffe Temperatura minima superficiale [ C] Fattore di temperatura ottobre 15,8 0,477 19,4 0,919 novembre 13,6 0,547 17,1 0,794 dicembre 12,4 0,599 15,9 0,782 gennaio 12,0 0,605 15,4 0,774 febbraio 11,7 0,535 15,2 0,728 marzo 13,0 0,453 16,5 0,724 aprile 13,5 0,188 17,0 0,622 Rischio condensa Rischio formazione muffe Mese critico gennaio ottobre Fattore di temperatura 0,605 0,919 Resistenza minima accettabile 0,63 m²k/w 3,09 m²k/w Resistenza dell'elemento 4,50 m²k/w Regolamentare

29 E il progetto che fa la differenza, NON i materiali Sol. B Tetto rovescio zavorrato IVAN MELIS 1 CLS Calcestruzzo kg/m³ 2 PLA Polietilene/Politene. alta densità 3 ISO GEMATHERM XC 3 140mm - lastre di polistirene espanso estruso a Norma UNI EN PLA Polietilene/Politene. alta densità 5 IMP FLAGON SV sp. 1,8 mm, PVC, totale indipendenza, zavorrato ghiaia / pavimentazione fissa o mobile / tetto verde o giardino pensile 6 CLS CLS con aggregato naturale per pareti esterne non protette 7 SOL Laterocemento sp.26 cm.rif s [m] r [kg/m³] l [W/mK] c [J/kgK] m [-] M s [kg/m²] R [m²k/w] S D [m] a [m²/ms] 1 0, ,0 2, ,0 80,0 240,0 0,05 8,00 0, , ,0 0, , ,0 1,6 0,00 160,00 0, ,140 35,0 0, ,7 150,0 4,9 3,89 21,00 0, , ,0 0, , ,0 1,6 0,00 160,00 0, , ,0 0, , ,0 2,3 0,01 36,00 0, , ,0 1, ,6 100,0 132,0 0,04 6,00 0, , ,3 0, ,8 15,0 219,0 0,39 3,90 0,946 Parametri stazionari Spessore totale 0,565 m Massa superficiale 601,4 kg/m² Massa superficiale esclusi intonaci 601,4 kg/m² Resistenza 4,52 m²k/w Trasmittanza 0,221 W/m²K Parametri dinamici Valori invernali Valori estivi Trasmittanza periodica 0,019 W/m²K 0,012 W/m²K Fattore di attenuazione 0,085 0,053 Sfasamento 14h 12' 15h 24' Capacità interna 53,8 kj/m²k 44,2 kj/m²k Capacità esterna 169,0 kj/m²k 127,1 kj/m²k Ammettenza interna 3,901 W/m²K 3,210 W/m²K Ammettenza esterna 12,284 W/m²K 9,241 W/m²K Verifiche secondo DM 26/06/15 Provincia MILANO Comune MILANO Gradi giorno 2404 Zona E Verifica invernale Trasmittanza 0,221 W/m²K Trasmittanza limite 0,26 W/m²K Verifica superata Verifica estiva Irradianza media del mese di massima insolazione 278,0 W/m² < 290 W/m² Verifica inerziale non richiesta Struttura regolamentare secondo DM 26/06/15

30 E il progetto che fa la differenza, NON i materiali IVAN MELIS Verifica della condensa superficiale Mese Temperatura Pressione Temperatura Pressione esterna [ C] esterna [Pa] interna [ C] interna [Pa] ottobre 14, , novembre 7, , dicembre 3, , gennaio 1, , febbraio 4, , marzo 9, , aprile 14, , maggio 17, , giugno 22, , luglio 25, , agosto 24, , settembre 20, , Mese Rischio condensa Temperatura minima superficiale [ C] Fattore di temperatura Rischio formazione muffe Temperatura minima superficiale [ C] Fattore di temperatura ottobre 15,8 0,477 19,4 0,919 novembre 13,6 0,547 17,1 0,794 dicembre 12,4 0,599 15,9 0,782 gennaio 12,0 0,605 15,4 0,774 febbraio 11,7 0,535 15,2 0,728 marzo 13,0 0,453 16,5 0,724 aprile 13,5 0,188 17,0 0,622 Rischio condensa Rischio formazione muffe Mese critico gennaio ottobre Fattore di temperatura 0,605 0,919 Resistenza minima accettabile Resistenza dell'elemento 0,63 m²k/w 3,09 m²k/w 4,52 m²k/w Regolamentare

31 E il progetto che fa la differenza, NON i materiali Sol. A - Tetto caldo zavorrato Sol. B - Tetto rovescio zavorrato Parametri stazionari Spessore totale 0,505 m Massa superficiale 469,6 kg/m² Massa superficiale esclusi intonaci 469,6 kg/m² Resistenza 4,50 m²k/w Trasmittanza 0,222 W/m²K Parametri dinamici Valori invernali Valori estivi Trasmittanza periodica 0,043 W/m²K 0,026 W/m²K Fattore di attenuazione 0,195 0,119 Sfasamento 12h 11' 13h 23' Capacità interna 57,6 kj/m²k 46,7 kj/m²k Capacità esterna 170,5 kj/m²k 127,7 kj/m²k Ammettenza interna 4,151 W/m²K 3,375 W/m²K Ammettenza esterna 12,368 W/m²K 9,267 W/m²K Parametri stazionari Spessore totale 0,565 m Massa superficiale 601,4 kg/m² Massa superficiale esclusi intonaci 601,4 kg/m² Resistenza 4,52 m²k/w Trasmittanza 0,221 W/m²K Parametri dinamici Valori invernali Valori estivi Trasmittanza periodica 0,019 W/m²K 0,012 W/m²K Fattore di attenuazione 0,085 0,053 Sfasamento 14h 12' 15h 24' Capacità interna 53,8 kj/m²k 44,2 kj/m²k Capacità esterna 169,0 kj/m²k 127,1 kj/m²k Ammettenza interna 3,901 W/m²K 3,210 W/m²K Ammettenza esterna 12,284 W/m²K 9,241 W/m²K Verifiche secondo DM 26/06/15 Provincia MILANO Comune MILANO Gradi giorno 2404 Zona E Verifica invernale Trasmittanza 0,222 W/m²K Trasmittanza limite 0,26 W/m²K Verifica superata Verifica estiva Irradianza media del mese di massima insolazione 278,0 W/m² < 290 W/m² Verifica inerziale non richiesta Struttura regolamentare secondo DM 26/06/15 Verifiche secondo DM 26/06/15 Provincia MILANO Comune MILANO Gradi giorno 2404 Zona E Verifica invernale Trasmittanza 0,221 W/m²K Trasmittanza limite 0,26 W/m²K Verifica superata Verifica estiva Irradianza media del mese di massima insolazione 278,0 W/m² < 290 W/m² Verifica inerziale non richiesta Struttura regolamentare secondo DM 26/06/15

32 Grazie per l attenzione IVAN MELIS Technical Manager Sirap Insulation Srl Via Kennedy Verolanuova (BS) Diritti d autore: la presente presentazione è proprietà intellettuale dell autore e/o della società da esso rappresentata. Nessuna parte può essere riprodotta senza l autorizzazione dell autore. IVAN MELIS

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE IVAN MELIS SIRAP INSULATION Srl DA OGGI AL FUTURO: GLI SCENARI VIRTUOSO E DELL INDIFFERENZA IVAN MELIS Earth Overshoot Day del Global Footprint Network (GFN) DIRETTIVA

Dettagli

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE L EDILIZIA VERSO IL 2020 Nuove prestazioni, adempimenti burocratici e soluzioni tecniche ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE IVAN MELIS SIRAP INSULATION Srl Diritti d autore: la presente presentazione

Dettagli

Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro

Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro RISPARMIO ENERGETICO - COPERTURE DISPOSIZIONI DLGS 311/06 PER COPERTURE IN ZONA E REQUISITO SUL COMPORTAMENTO STAZIONARIO (TRASMITTANZE)

Dettagli

EDIFICI ENERGETICAMENTE EFFICIENTI: UN OPPORTUNITÀ Isolamento della copertura

EDIFICI ENERGETICAMENTE EFFICIENTI: UN OPPORTUNITÀ Isolamento della copertura EDIFICI ENERGETICAMENTE EFFICIENTI: UN OPPORTUNITÀ Isolamento della copertura - CELENIT SPA 2 CELENIT da oltre 50 anni, nello stabilimento sito ad Onara di Tombolo (PD), produce pannelli in lana di legno

Dettagli

Cenni sui parametri dinamici delle pareti perimetrali degli edifici e relativi obblighi di legge

Cenni sui parametri dinamici delle pareti perimetrali degli edifici e relativi obblighi di legge Cenni sui parametri dinamici delle pareti perimetrali degli edifici e relativi obblighi di legge Materiale didattico rielaborato da: - prof. ing. Francesco Minichiello (*) sulla base di materiale didattico

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO: TECNICHE DI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI

RISPARMIO ENERGETICO: TECNICHE DI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI RISPARMIO ENERGETICO: TECNICHE DI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI RISPARMIO ENERGETICO PONTI TERMICI PERDITE DI CALORE: FINO AL 20% DELLE TOTALI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI PREVISTA DALLA NORMATIVA (LEGGE

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 ECOCOMPATIBILITÀ E COMFORT: SOLUZIONI PER L INVOLUCRO AD ALTE PRESTAZIONI Diritti d autore: la presente presentazione

Dettagli

superficiale interna 7,692 superficiale interna 0,130

superficiale interna 7,692 superficiale interna 0,130 Tipo di struttura: muro pietra da 45 Codice struttura M1 N. DESCRIZIONE STRATO s C a x 10-12 u x 10-12 R 1 Intonaco di calce e sabbia 25 0,800 32,000 1600 20,000 33,333 0,031 2 Muratura in pietra naturale

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI CARATTERISTICHE TERMICHE DEI COMPONENTI TRASPARENTI

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI CARATTERISTICHE TERMICHE DEI COMPONENTI TRASPARENTI Nelle pagine successive sono riportate le tabelle relative alle: CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI CARATTERISTICHE TERMICHE DEI COMPONENTI TRASPARENTI LEGENDA s [m] Spessore

Dettagli

ENERGIA E RUMORE QUASI ZERO Nuove norme e soluzioni per gli edifici di domani

ENERGIA E RUMORE QUASI ZERO Nuove norme e soluzioni per gli edifici di domani Nuove norme e soluzioni per gli edifici di domani ECOBIOCOMPATIBILITA E CONFORT : Soluzioni per l involucro ad alte prestazioni Arch. Eddy Tiozzo CELENIT Spa Diritti d autore: la presente presentazione

Dettagli

TAMPONATURA CON ISOLANTE IN POLISTIRENE Caratteristiche termiche della struttura

TAMPONATURA CON ISOLANTE IN POLISTIRENE Caratteristiche termiche della struttura TAMPONATURA CON ISOLANTE IN POLISTIRENE Caratteristiche termiche della struttura STR.063 DESCRIZIONE ESTESA DELLA STRUTTURA Tamponatura con isolante in polistirene STRATIGRAFIA DELLA STRUTTURA s M.S. k1

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEI MATERIALI ISOLANTI: MAGGIOR BENESSERE ABITATIVO E MIGLIOR UTILIZZO DELLE RISORSE ENERGETICHE LUIGI ROVACCHI Diritti d autore:

Dettagli

CHE COS È IL CELENIT?

CHE COS È IL CELENIT? CHE COS È IL CELENIT? CERTIFICAZIONE ANAB ICEA Conformità ai requisiti dello Standard ANAB dei Materiali per la Bioedilizia: RISORSE VEGINI RINNOVABILI: Legno da foreste gestite in modo sostenibile SALUTE

Dettagli

Valutazioni sulla Prestazione Energetica

Valutazioni sulla Prestazione Energetica Valutazioni sulla Prestazione Energetica Efficienza energetica nelle costruzioni in laterizio Il Centro Servizi Comunali di Sulmona ENEA UTEE-ERT Gaetano Fasano Carlo Romeo Workshop ENEA Costruire in laterizio

Dettagli

R I E P I L O G O S T R U T T U R E U T I L I Z Z A T E

R I E P I L O G O S T R U T T U R E U T I L I Z Z A T E R I E P I L O G O S T R U T T U R E U T I L I Z Z A T E nr CODICE TRASMITTANZA RESISTENZA RES.VAPORE S PERMEANZA MASSA CAPACITA' TTCI TTCE W/m²K m²k/w sm²pa/kg m kg/sm²pa kg/m² kj/m²k ore ore 001 144 P.E

Dettagli

Verifica termoigrometrica.

Verifica termoigrometrica. Verifica termoigrometrica. Secondo le norme UNI 6946, UNI EN ISO 13788, UNI 10351, UNI 10355 ed UNI EN ISO 13786 Codice struttura: So0015 Nome: Solaio contro terra ca 10 Descrizione: Solaio contro terra

Dettagli

Le Tecnologie Innovative per un immobiliare più sostenibile

Le Tecnologie Innovative per un immobiliare più sostenibile Le Tecnologie Innovative per un immobiliare più sostenibile Inter-azione delle soluzioni tecnologiche e professionali nel Sistema Edificio per migliorare economia, efficienza e benessere degli utilizzatori

Dettagli

IL COMFORT ABITATIVO

IL COMFORT ABITATIVO IL COMFORT ABITATIVO ( sui concetti e sulle definizioni di base ) I RIFERIMENTI NORMATIVI legge 373 del 30/04/76 legge 10 del 09/01/91 direttiva 93/76 CEE del 13/09/93 direttiva 2002/91/CE D.L. 19/08/2005

Dettagli

Il benessere nella casa di legno

Il benessere nella casa di legno Freddo, caldo e risparmio energetico Il benessere nella casa di legno Erlacher Peter Naturno www.erlacher-peter.it Peter Erlacher, Naturno (BZ) Fisica tecnica & Edilizia sostenibile PromoLegno Milano Riccione

Dettagli

Il ruolo dell isolamento nel comportamento termico dell edificio

Il ruolo dell isolamento nel comportamento termico dell edificio KLIMAHOUSE 2007 CONVEGNO FAST Prestazioni estive dell involucro edilizio: soluzioni innovative per la progettazione Il ruolo dell isolamento nel comportamento termico dell edificio edificio durante la

Dettagli

METODI DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI TERMICHE DELL INVOLUCRO EDILIZIO

METODI DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI TERMICHE DELL INVOLUCRO EDILIZIO METODI DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI TERMICHE DELL INVOLUCRO EDILIZIO Lastra in fibrocemento Intercapedine d aria Spessore complessivo 22.5 cm Strato di lana di roccia Trasmittanza 0,29 W/(m 2 K) Massa

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL INVOLUCRO AD ELEVATE PRESTAZIONI

PROGETTAZIONE DELL INVOLUCRO AD ELEVATE PRESTAZIONI PROGETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL INVOLUCRO PROGETTAZIONE DELL INVOLUCRO AD ELEVATE PRESTAZIONI Ing. Daniele Frigerio Diritti d autore: la presente presentazione è proprietà intellettuale dell autore

Dettagli

Verifica termoigrometrica.

Verifica termoigrometrica. Verifica termoigrometrica. Secondo le norme UNI 6946, UNI EN ISO 13788, UNI 10351, UNI 10355 ed UNI EN ISO 13786 Codice struttura: Te_18 Nome: tetto in legno ventilato Descrizione: tetto in legno ventilato

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ED ECOCOMPATIBILITÀ PER IL COMFORT A 360 GRADI

RIQUALIFICAZIONE ED ECOCOMPATIBILITÀ PER IL COMFORT A 360 GRADI ROMA 5 MAGGIO geom. Andrea Carta RIQUALIFICAZIONE ED ECOCOMPATIBILITÀ PER IL COMFORT A 360 GRADI BENESSERE ABITATIVO ISOLAMENTO TERMICO Innalzamento delle temperature superficiali dell involucro INERZIA

Dettagli

I ponti termici possono rappresentare fino al 20% del calore totale disperso da un ambiente.

I ponti termici possono rappresentare fino al 20% del calore totale disperso da un ambiente. Isolamento termico dei componenti L isolamento termico di un componente di tamponamento esterno è individuato dalla resistenza termica complessiva: trasmittanza (U espressa in W/m 2 K) L isolamento termico

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS UNI EN ISO UNI EN ISO 13370

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS UNI EN ISO UNI EN ISO 13370 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 Descrizione della struttura: Parete esterna Codice: M1 Trasmittanza termica 0,262

Dettagli

(Ve) volume riscaldato edificio esistente comprensivo di palestra, mensa e auditorium: m

(Ve) volume riscaldato edificio esistente comprensivo di palestra, mensa e auditorium: m Con riferimento al DGR Lombardia n 8/8745 del 22/12/2008 paragrafo 5, si verificano di seguito i valori di trasmittanza termica (U) dell involucro, in funzione della fascia climatica di riferimento. (Ve)

Dettagli

CALCOLO PREVENTIVO DEL POTERE FONOISOLANTE E DEL LIVELLO DI CALPESTIO DI ELEMENTI DI EDIFICI

CALCOLO PREVENTIVO DEL POTERE FONOISOLANTE E DEL LIVELLO DI CALPESTIO DI ELEMENTI DI EDIFICI CALCOLO PREVENTIVO DEL POTERE FONOISOLANTE E DEL LIVELLO DI CALPESTIO DI ELEMENTI DI EDIFICI GRANDEZZE, SIMBOLI ED UNITÀ DI MISURA ADOTTATI Simbolo Unità di Descrizione misura C [db] Fattore di adattamento

Dettagli

Generalità. contenimento del fabbisogno energetico; - riduzione delle emissioni di CO 2 per tutta la durata di vita dell edificio.

Generalità. contenimento del fabbisogno energetico; - riduzione delle emissioni di CO 2 per tutta la durata di vita dell edificio. Sede e Amm.ne: Generalità. La direttiva 2002/91/CE, adottata dalla Comunità Europea sul rendimento energetico nell edilizia, è stata recepita in Italia con il Decreto Legislativo n. 192 del 19 Agosto 2005

Dettagli

Fabbisogni e Prestazioni Energetiche. Ing. Katiuscia De Angelis

Fabbisogni e Prestazioni Energetiche. Ing. Katiuscia De Angelis Fabbisogni e Prestazioni Energetiche i Ing. Katiuscia De Angelis LA PRESTAZIONE ENERGETICA SECONDO LA DIRETTIVA EUROPEA LA PRESTAZIONE ENERGETICA DI UN EDIFICIO ESPRIME LA QUANTITA DI ENERGIA STIMATA o

Dettagli

Alfonsina DI FUSCO Elisa DI GIUSEPPE INNOVANCE Gestione digitale delle informazioni relative all Efficienza Energetica e alla Sostenibilità Ambientale

Alfonsina DI FUSCO Elisa DI GIUSEPPE INNOVANCE Gestione digitale delle informazioni relative all Efficienza Energetica e alla Sostenibilità Ambientale Alfonsina DI FUSCO Elisa DI GIUSEPPE INNOVANCE Gestione digitale delle informazioni relative all Efficienza Energetica e alla Sostenibilità Ambientale Milano, 8 marzo 2017 In collaborazione con Compilazione

Dettagli

SISTEMA TETTO IN SARDEGNA

SISTEMA TETTO IN SARDEGNA PROGETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL INVOLUCRO SISTEMA TETTO IN SARDEGNA Diritti d autore: la presente presentazione è proprietà intellettuale dell autore e/o della società da esso rappresentata. Nessuna

Dettagli

NOTE di SINTESI D.P.R. n. 59 del 2/4/2009 Regolamento di attuazione dell art. 4 D.Lgs 19/08/2005 n.192

NOTE di SINTESI D.P.R. n. 59 del 2/4/2009 Regolamento di attuazione dell art. 4 D.Lgs 19/08/2005 n.192 Isolparma S.r.l. Capitale sociale 50.000 i.v. Sede legale, amministrativa e stabilimento : Via Mezzavia, 134 35020 Due Carrare (Pd) Part. I.v.a. 03682920289 R.E.A. PD e C.F. n. 03682920289 NOTE di SINTESI

Dettagli

solid Isolanti termoacustici in lana di roccia Catalogo edilizia 2009

solid Isolanti termoacustici in lana di roccia Catalogo edilizia 2009 solid Isolanti termoacustici in lana di roccia Catalogo edilizia 2009 1.1 Pareti perimetrali Isolamento a Cappotto Solai su locali non riscaldati (Piano piloti) Il cappotto, ovvero l isolamento termico

Dettagli

IL CAPPOTTO D ESTATE: ISOLAMENTO NEI CLIMI CALDI

IL CAPPOTTO D ESTATE: ISOLAMENTO NEI CLIMI CALDI PROGETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL INVOLUCRO IL CAPPOTTO D ESTATE: ISOLAMENTO NEI CLIMI CALDI - SETTEF Diritti d autore: la presente presentazione è proprietà intellettuale dell autore e/o della società

Dettagli

Generalità. contenimento del fabbisogno energetico; - riduzione delle emissioni di CO 2 per tutta la durata di vita dell edificio.

Generalità. contenimento del fabbisogno energetico; - riduzione delle emissioni di CO 2 per tutta la durata di vita dell edificio. Sede e Amm.ne: Generalità. La direttiva 2002/91/CE, adottata dalla Comunità Europea sul rendimento energetico nell edilizia, è stata recepita in Italia con il Decreto Legislativo n. 192 del 19 Agosto 2005

Dettagli

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale (D.I.E.N.C.A.) SCHEDE RIASSUNTIVE Prestazioni termiche ed idrometriche

Dettagli

ANALISI TERMICHE. Normative di riferimento

ANALISI TERMICHE. Normative di riferimento ANALISI TERMICHE Per lo studio del comportamento termico del sistema di fissaggio per edifici in legno Alufoot sono state eseguite sinora diverse analisi, tra cui: Test di conducibilità termica in laboratorio

Dettagli

Trasmittanza termica

Trasmittanza termica Trasmittanza termica Che cosa è la trasmittanza termica Trasmissione del calore e trasmittanza termica La trasmittanza termica secondo la norma UNI EN ISO 6946/2008 Il calcolo della trasmittanza secondo

Dettagli

Soluzioni Innovative per l Involucro Edilizio Efficiente

Soluzioni Innovative per l Involucro Edilizio Efficiente Soluzioni Innovative per l Involucro Edilizio Efficiente Vantaggi del Costruire a Secco Elevate Prestazioni termo-acustiche Rapidità di posa Leggerezza Elimina le assistenze murarie Flessibilità Libertà

Dettagli

Verifica termoigrometrica.

Verifica termoigrometrica. Verifica termoigrometrica. Secondo le norme UNI 6946, UNI EN ISO 13788, UNI 10351, UNI 10355 ed UNI EN ISO 13786 Codice struttura: TS1460 Nome: TS1460 A3 Muro di mattoni forati intonacato cm 20 Descrizione:

Dettagli

CELENIT COMFORT ESTIVO SOLUZIONI PER IL BENESSERE ABITATIVO

CELENIT COMFORT ESTIVO SOLUZIONI PER IL BENESSERE ABITATIVO CELENIT COMFORT ESTIVO SOLUZIONI PER IL BENESSERE ABITATIVO SOMMARIO COMFORT ESTIVO 3 6 9 11 14 LA LEGISLAZIONE NAZIONALE E REGIONALE Le leggi regionali Le linee guida nazionali e la valutazione qualitativa

Dettagli

Prof. Paola Ricciardi - Le basi del bilancio energetico del sistema edificio-impianto termico

Prof. Paola Ricciardi - Le basi del bilancio energetico del sistema edificio-impianto termico Accumulo termico Sfasamento, smorzamento, risposta dinamica degli edifici Prof. Paola Ricciardi Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale - Università di Pavia 1 Meccanismi combinati di scambio

Dettagli

Freddo, caldo e risparmio energetico

Freddo, caldo e risparmio energetico Freddo, caldo e risparmio energetico Il benessere nella casa di legno Erlacher Peter Naturno Libera Università Bolzano www.erlacher-peter.it Peter Erlacher, Naturno (BZ) Fisica tecnica & Edilizia sostenibile

Dettagli

borghi ed edifici rurali

borghi ed edifici rurali borghi ed edifici rurali un patrimonio da salvare mercoledì 18 maggio 2011 Pianoro Conservazione della tradizione, antisismica ed efficienza energetica: un connubio possibile i n g. M i r k o C i o n i

Dettagli

NORME PER IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO PER USI TERMICI NEGLI EDIFICI

NORME PER IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO PER USI TERMICI NEGLI EDIFICI Egregio Signor SINDACO del comune di Aosta, (AO) e p.c. all'ufficio tecnico del comune di Aosta, (AO) NORME PER IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO PER USI TERMICI NEGLI EDIFICI Legge 9 gennaio 1991,

Dettagli

TAMPONAMENTO U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO

TAMPONAMENTO U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO LECABLOCCO BIOCLIMA ZERO PER EDIFICI INTELAIATI Gli elementi della famiglia da tamponamento Bioclima Zero19T Spessore 36 cm. Bioclima Zero27T Spessore

Dettagli

Topografia dell area dell intervento Foto satellitari estratte da :

Topografia dell area dell intervento Foto satellitari estratte da : Topografia dell area dell intervento Foto satellitari estratte da : http://maps.google.it/maps?q=via+ridolfi+n%c2%b0+17+s.+mauro+torinese&um=1&ie=utf-8&sa=n&hl=it&tab=wl 12 5 Malta di calce o di calce

Dettagli

OVER-WALL ISOLAMENTO TERMOACUSTICO SCELTA D ISTINTO OVER-WALL PA N N E L L O R I F L E T T E N T E C O M P O S I T O

OVER-WALL ISOLAMENTO TERMOACUSTICO SCELTA D ISTINTO OVER-WALL PA N N E L L O R I F L E T T E N T E C O M P O S I T O B R E V E T TATO ISOLAMENTO TERMOACUSTICO SCELTA D ISTINTO OVER-WALL PA N N E L L O R I F L E T T E N T E C O M P O S I T O PA N N E L L O R I F L E T T E N T E C O M P O S I T O Over-wall è un pannello

Dettagli

ESEMPI COSTRUTTIVI CON SISTEMA A SECCO IN T O S C A N A

ESEMPI COSTRUTTIVI CON SISTEMA A SECCO IN T O S C A N A ESEMPI COSTRUTTIVI CON SISTEMA A SECCO IN T O S C A N A arch. Alessandro Panichi Docente di TECNICHE DEL CONTROLLO AMBIENTALE Dipartimento TAeD Universita di Firenze D. LEG.VI 192 2005 / 311 2006 Allegato

Dettagli

Il benessere nella casa di legno

Il benessere nella casa di legno Il benessere nella casa di legno Comfort termico nei climi caldi Erlacher Peter Naturno Erlacher Peter Naturno (BZ) Fisica tecnica & Edilizia sostenibile www.erlacher-peter.it www.erlacher-peter.it promo_legno

Dettagli

Polimuro Alu e Polimuro Reflex

Polimuro Alu e Polimuro Reflex , Novita Polimuro Alu e Polimuro Reflex L innovazione unita alla solidità della tradizione! Nuovi sistemi termoriflettenti a guadagno di calore radiante per l isolamento termico e acustico in intercapedini

Dettagli

PRODUZIONE DI SISTEMI PER L ISOLAMENTO TERMICO, ACUSTICO, IMPERMEABILI ED ALTRI COMPONENTI PER L EDILIZIA

PRODUZIONE DI SISTEMI PER L ISOLAMENTO TERMICO, ACUSTICO, IMPERMEABILI ED ALTRI COMPONENTI PER L EDILIZIA PRODUZIONE DI SISTEMI PER L ISOLAMENTO TERMICO, ACUSTICO, IMPERMEABILI ED ALTRI COMPONENTI PER L EDILIZIA Isosystem è un azienda dinamica che produce accoppiati isolanti termici, acustici, ventilati ed

Dettagli

Ing. Federico Mattioli

Ing. Federico Mattioli TECNOLOGIE PER L USO DI MATERIALI AD ELEVATO RISPARMIO ENERGETICO 23 GENNAIO 2007 Ing. Federico Mattioli SOMMARIO 1. Ambito di intervento 2. Trasmissione del calore 3. Classificazione degli isolanti 4.

Dettagli

CALCOLO TRASMITTANZA TERMICA U E DEL POTERE FONOISOLANTE R W DI PARETI REALIZZATE CON IL BLOCCO B20X20X50 A 4 PARETI

CALCOLO TRASMITTANZA TERMICA U E DEL POTERE FONOISOLANTE R W DI PARETI REALIZZATE CON IL BLOCCO B20X20X50 A 4 PARETI Richiedente: EDILBLOCK s.r.l. Zona Industriale Sett.5 07026 Olbia (SS) 6 aprile 2009 OGGETTO: CALCOLO TRASMITTANZA TERMICA U E DEL POTERE FONOISOLANTE R W DI PARETI REALIZZATE CON IL BLOCCO B20X20X50 A

Dettagli

Riqualificazione del Patrimonio Edilizio: L involucro termoisolato e ventilato

Riqualificazione del Patrimonio Edilizio: L involucro termoisolato e ventilato Riqualificazione del Patrimonio Edilizio: L involucro termoisolato e ventilato 1a Conferenza Nazionale Poliuretano Espanso Rigido 21 marzo 2013 Castelnuovo del Garda - VR Arch. Luca Furia Funzionario Tecnico

Dettagli

Associated with Italcementi Group STIRODACH. Per isolare e ristrutturare il tetto SCONTO FISCALE 55% (con Finanziaria)

Associated with Italcementi Group STIRODACH. Per isolare e ristrutturare il tetto SCONTO FISCALE 55% (con Finanziaria) Associated with Italcementi Group STIRODACH Per isolare e ristrutturare il tetto IL SISTEMATETTO SCONTO FISCALE 55% (con Finanziaria) STIRODACH IL SISTEMATETTO...dal 1988 STIRODACH: CHE COS E Stirodach

Dettagli

M A U R O M A N C I N I A R C H I T E T T O

M A U R O M A N C I N I A R C H I T E T T O M A U R O M A N C I N I A R C H I T E T T O PROGETTAZIONE INTEGRATA CONSENSO INTERDISCIPLINARE S T R U T T U R A F I B R O S A C E L L U L A R E P O R O S A N A N O C E L L U L E O R I G I N E V E G E

Dettagli

ISOVENT GRAFITE LV PR40/C ISOVENT LV PR50/C

ISOVENT GRAFITE LV PR40/C ISOVENT LV PR50/C ISOVENT GRAFITE LV PR40/C ISOVENT LV PR50/C I pannelli termoacustici per coperture inclinate e ventilate ISOVENT LV PR50/C ISOVENT GRAFITE LV PR40/C ISOVENT GRAFITE LV PR40/C ISOVENT GRAFITE LV PR40/C

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Condominio X Trento Paolo Rossi Via Trento Rif. Diagnosi tipo.e0001 Software

Dettagli

QUADERNO TECNICO N.2

QUADERNO TECNICO N.2 AFONTERMO RASANTE TERMICO RIFLETTENTE EFFICACIA - EFFICIENZA LA MANIERA PIU SEMPLICE DI ISOLARE TERMICAMENTE QUADERNO TECNICO N.2 ISOLARE, RIFLETTERE, TRASPIRARE REGIME STATICO E REGIME VARIABILE AFON

Dettagli

RELAZIONE TERMOGRAFICA

RELAZIONE TERMOGRAFICA RELAZIONE TERMOGRAFICA 1 Descrizione della guarnizione e dei cassonetti Le guarnizioni oggetto del calcolo sono in EPDM e presentano la geometria riportata nei disegni seguenti. Per la valutazione termica

Dettagli

CHIUSURE VERTICALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

CHIUSURE VERTICALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CHIUSURE VERTICALI In generale si definisce CHIUSURA l insieme delle unità tecnologiche e degli elementi del sistema edilizio aventi funzione di separare e di conformare gli spazi interni del sistema edilizio

Dettagli

Isolati due volte tanto

Isolati due volte tanto Isolati due volte tanto Isolanti acustici CELENIT e isolanti termici ISOTEC adesso uniti in un unico sistema. www.brianzaplastica.it www.celenit.com Isolati due volte tanto Dalla collaborazione di due

Dettagli

S/V. Superficie esterna tot. m 2. m 3. 8 unità separate ,2

S/V. Superficie esterna tot. m 2. m 3. 8 unità separate ,2 Requisiti progettuali ed operativi per la sostenibilità degli edifici Prof.Luigi Bruzzi Requisiti progettuali (Progetto) Fattore di forma Esposizione (punti cardinali) Isolamento termico (pareti opache

Dettagli

Laterizi Impredil s.r.l.

Laterizi Impredil s.r.l. Laterizi Impredil s.r.l. Catalogo SOLUZIONI COSTRUTTIVE Soluzioni su misura per qualsiasi intervento edilizio La progettazione dell involucro edilizio riveste importanza fondamentale nella determinazione

Dettagli

Flusso di calore in regime stazionario e monodimensionale (condizioni invernali)

Flusso di calore in regime stazionario e monodimensionale (condizioni invernali) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI ARCHITETTURA Lezioni del Laboratorio di progettazione tecnica e strutturale 2014-15 LE PRESTAZIONI TERMICHE E I DETTAGLI COSTRUTTIVI DELL INVOLUCRO OPACO Docente:

Dettagli

CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DELLE STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 6946:2008) VERIFICA DEL LORO COMPORTAMENTO TERMOIGROMETRICO (UNI EN ISO 13788:2003)

CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DELLE STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 6946:2008) VERIFICA DEL LORO COMPORTAMENTO TERMOIGROMETRICO (UNI EN ISO 13788:2003) CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DELLE STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 6946:28) VERIFICA DEL LORO COMPORTAMENTO TERMOIGROMETRICO (UNI EN ISO 3788:23) GRANDEZZE, SIMBOLI ED UNITÀ DI MISURA ADOTTATI DEFINIZIONE

Dettagli

NUOVI CRITERI PROGETTUALI DELL INVOLUCRO EDILIZIO

NUOVI CRITERI PROGETTUALI DELL INVOLUCRO EDILIZIO D.LGS 192/05 e D.LGS 311/06 Novità legislative e certificazione energetica: implicazioni sulla progettazione e sui costi di costruzione NUOVI CRITERI PROGETTUALI DELL INVOLUCRO EDILIZIO 1 ARGOMENTI Sistema

Dettagli

Chiusure Verticali opache

Chiusure Verticali opache D.A.D.I. L. Vanvitelli Corso di Laurea Magistrale in Architettura Laboratorio di Costruzione dell Architettura I A a.a. 2015/16 Prof. Sergio Rinaldi sergio.rinaldi@unina2.it 15_04_2016 5 Chiusure Verticali

Dettagli

Mod. 1. Conduttanza unitaria superficiale interna. Conduttanza unitaria superficiale esterna. TRASMITTANZA TOTALE (W/m²K) 0.

Mod. 1. Conduttanza unitaria superficiale interna. Conduttanza unitaria superficiale esterna. TRASMITTANZA TOTALE (W/m²K) 0. -0 Mod. secondo UNI EN - UNI - UNI EN ISO - UNI 0 - UNI 0 PARETE ESTERNA FACCIAVISTA M - (dall'interno verso l'esterno) [mm] [W/mK] [W/m²K] [Kg/m³] [0 - kg/mspa] [0 kg/mspa] [m²k/w] 0 Intonaco di gesso

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI Erlacher Peter Naturno (BZ) La situazione edilizia in Italia è particolarmente anziana. Circa due terzi degli edifici esistenti sono antecedenti al 1973;

Dettagli

LANA di VETRO: presenta proprietà termoisolanti molto buone (λ=0,035-0,04 W/mK), una buona resistenza all invecchiamento e una stabilità di forma esauriente se il materiale isolante è protetto contro l

Dettagli

EDIFICI A BASSO CONSUMO

EDIFICI A BASSO CONSUMO EDIFICI A BASSO CONSUMO LE 6 REGOLE DEL BUON COSTRUIRE 1) EDIFICIO COMPATTO LA FORMA DELL EDIFICIO INFLUISCE IN MODO SIGNIFICATIVO SULLE PERDITE DI CALORE DI UN EDIFICIO. LO SCAMBIO TERMICO TRA ESTERNO

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 1 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE :ULSS 5 - Ovest Vicentino EDIFICIO :Adeguamenti del Padiglione Monoblocco

Dettagli

Associazione Termoblocco

Associazione Termoblocco Richiedente: EDILBLOCK s.r.l. Zona Industriale Sett.5 07026 Olbia (OT) 1 dicembre 2009 OGGETTO: CALCOLO TRASMITTANZA TERMICA U DI PARETI REALIZZATE CON IL TERMOBLOCCO T30X20X50 A 4 PARETI (densità dell

Dettagli

Pannelli Accoppiati. PregyStyrene - PregyFoam PregyVer - PregyRoche

Pannelli Accoppiati. PregyStyrene - PregyFoam PregyVer - PregyRoche Pannelli Accoppiati PregyStyrene - PregyFoam PregyVer - PregyRoche GAMMA ACCOPPIATI LADURA Gamma accoppiati LaDura, il meglio per l isolamento termico ed acustico LADURAFOAM per l isolamento termico LaDura

Dettagli

TEKNOEDIL I.T. S.r.l. Via dell Industria TORTORETO (TE)

TEKNOEDIL I.T. S.r.l. Via dell Industria TORTORETO (TE) Settore sperimentale di laboratorio: Sezione: Identificazione del Cliente: Edilizia Materiali da Costruzione Manufatti in genere TEKNOEDIL I.T. S.r.l. Via dell Industria 64018 TORTORETO (TE) Identificazione

Dettagli

Articolo per Newsletter delle "Coperture", del "Faccia a Vista", Gazzetta dei Solai e IDL novembre 2008

Articolo per Newsletter delle Coperture, del Faccia a Vista, Gazzetta dei Solai e IDL novembre 2008 IL LATERIZIO AL SAIENERGIA 2008: gli involucri opachi per il comfort termico ed il risparmio energetico* R. Gulino, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi Grazie alla collaborazione

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA EFFICIENZA TERMICA COPERTURA

RELAZIONE SPECIALISTICA EFFICIENZA TERMICA COPERTURA RELAZIONE SPECIALISTICA EFFICIENZA TERMICA COPERTURA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO - Legge n. 90 del 3 agosto 2013 di conversione del D.L. n. 63/2013 - Decreto Legislativo n. 192 del 19 agosto 2005 "Attuazione

Dettagli

Soluzioni e aspetti prestazionali per l isolamenti di pareti perimetrali. ANPE - 2a Conferenza Nazionale. Arch. Maurizio Brenna

Soluzioni e aspetti prestazionali per l isolamenti di pareti perimetrali. ANPE - 2a Conferenza Nazionale. Arch. Maurizio Brenna 2 a Conferenza Nazionale Poliuretano Espanso Rigido Soluzioni e aspetti prestazionali per l isolamenti di pareti perimetrali Arch. Maurizio Brenna Isolamento termico per le pareti perimetrali Le pareti

Dettagli

3 Applicazione principali

3 Applicazione principali 3 Applicazione principali Le principali caratteristiche che identificano l XPS, al di fuori dagli aspetti di isolamento termico, sono l ottima resistenza meccanica e l impermeabilità all acqua. Da queste

Dettagli

Progettare il comfort: IL COMFORT TERMICO

Progettare il comfort: IL COMFORT TERMICO Convegno SICUREZZA E COMFORT NELLE ABITAZIONI CON STRUTTURE DI LEGNO Verona, 16 Giugno 2001 Progettare il comfort: IL COMFORT TERMICO Immagine: www.sips.org Dr. Paolo LAVISCI LegnoDOC srl Sommario Il comfort

Dettagli

Direttore dei lavori degli impianti di climatizzazione invernale edell isolamento termico: Ing. Fedora Giuseppa Lombardi

Direttore dei lavori degli impianti di climatizzazione invernale edell isolamento termico: Ing. Fedora Giuseppa Lombardi Riqualificazione energetica e ristrutturazioni importanti di secondo livello. Costruzioni esistenti con riqualificazione dell'involucro edilizio e di impianti termici Un edificio esistente è sottoposto

Dettagli

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo 1-Efficaci elementi di schermatura delle superfici vetrate ( esterni o interni) 2-Ottimizzare la ventilazione naturale 3-Eventuale ventilazione

Dettagli

PARETI ESTERNE. Cappotto EPS 16 + Legno 12 + LANA DI VETRO 12 DETTAGLI TECNOLOGICI

PARETI ESTERNE. Cappotto EPS 16 + Legno 12 + LANA DI VETRO 12 DETTAGLI TECNOLOGICI PARETI ESTERNE Codice: PE.i.C.eps+lv6+2.SL2.cgs Cappotto EPS 6 + Legno 2 + LANA DI VETRO 2 DETTAGLI TECNOLOGICI LEGENDA: IR = interno riscaldato - E = esterno E E IR 2 3 4 2 3 4 5 6 7 8 9 0 5 6 7 Pianta

Dettagli

I.T.I.S. A. PACINOTTI

I.T.I.S. A. PACINOTTI I.T.I.S. A. PACINOTTI PROJECT WORK L ECOSOSTENIBILITA NASCE NELLA SCUOLA Taranto 17/05/2012 Ranieri Francesco Litta Gianluigi Rondinone Francesco Attestato di Certificazione Energetica GRUPPO 1 Il presente

Dettagli

CALCOLO DELLA TEMPERATURA SUPERFICIALE E DELLA CONDENSA INTERSTIZIALE DI STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 13788:2003)

CALCOLO DELLA TEMPERATURA SUPERFICIALE E DELLA CONDENSA INTERSTIZIALE DI STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 13788:2003) CALCOLO DELLA TEMPERATURA SUPERFICIALE E DELLA CONDENSA INTERSTIZIALE DI STRUTTURE EDILIZIE (UNI EN ISO 13788:2003) GRANDEZZE, SIMBOLI ED UNITÀ DI MISURA ADOTTATI SIMBOLO DEFINIZIONE UNITÀ DI MISURA Ma

Dettagli

Descrizione di materiali ed elementi costruttivi

Descrizione di materiali ed elementi costruttivi Descrizione di materiali ed elementi costruttivi ISO 6946 ISO 10077 ISO 13370 ISO 10456 INDICE 1.- SISTEMA INVOLUCRO 4 1.1.- Solai a contatto con il terreno 4 1.1.1.- Chiusura orizzontale controterra 4

Dettagli

PROGETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL INVOLUCRO

PROGETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL INVOLUCRO PROGETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL INVOLUCRO NZEB e Riqualificazioni energetiche con sistemi in calcestruzzo cellulare, soluzioni innovative per l isolamento Domenico Chiacchio Responsabile tecnico centro

Dettagli

SOLUZIONI TECNICHE E LIVELLI PRESTAZIONALI

SOLUZIONI TECNICHE E LIVELLI PRESTAZIONALI SOLUZIONI TECNICHE E LIVELLI PRESTAZIONALI LIVELLI PRESTAZIONALI I livelli prestazionali dichiarati nelle schede sono stati attribuiti a ciascuna soluzione sulla base delle ricerche effettuate per i diversi

Dettagli

Analisi del progetto

Analisi del progetto Analisi del progetto Analisi del progetto Verificare la coerenza tra Relazione tecnica ed elaborati grafici (pareti esterne e verso vano scala, solari, coperture) Spessori dei materiali isolanti utilizzati

Dettagli

Prestazione Energetica attraverso la progettazione accurata e cura dei dettagli in opera. Arch. Alessandro SIBILLE

Prestazione Energetica attraverso la progettazione accurata e cura dei dettagli in opera. Arch. Alessandro SIBILLE Prestazione Energetica attraverso la progettazione accurata e cura dei dettagli in opera Arch. Alessandro SIBILLE Torino, 27 novembre 2016 Come abbiamo costruito fino a ieri/oggi? COME SI COMPORTANO GLI

Dettagli

COPERTURE A VERDE CON SUGHERO CORKPAN

COPERTURE A VERDE CON SUGHERO CORKPAN COPERTURE A VERDE CON SUGHERO CORKPAN Le coperture a verde rappresentano una alternativa sempre più diffusa rispetto alle soluzioni tradizionali. Anche a livello normativo, l'importanza di queste soluzioni

Dettagli

EDIFICI A CONSUMO ENERGETICO QUASI ZERO

EDIFICI A CONSUMO ENERGETICO QUASI ZERO ECO-CASE EDILCLIMA EDIFICI A CONSUMO ENERGETICO QUASI ZERO PLANIMETRIA PRELIMINARE Tenendo conto dei vincoli legati al lotto si è definita una soluzione planimetrica di massima. SCELTA DELLA TIPOLOGIA

Dettagli

CONDUZIONE CONVEZIONE IRRAGGIAMENTO. La trasmissione del calore avviene senza trasporto di massa.

CONDUZIONE CONVEZIONE IRRAGGIAMENTO. La trasmissione del calore avviene senza trasporto di massa. Il calore si propaga, fra corpi diversi o nello spazio, dalle zone a temperatura maggiore alle zone a temperatura minore, mediante i seguenti fenomeni: CONDUZIONE La trasmissione del calore avviene senza

Dettagli

La casa è la terza pelle dell uomo

La casa è la terza pelle dell uomo L interazione tra l ambiente interno, l involucro e l ambiente avviene attraverso le superfici esterne di un edificio. La definizione della loro composizione è di fondamentale importanza per la progettazione

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Hermann Maurizio EDIFICIO INDIRIZZO COMUNE : Edificio Agricolo / Agrituristico : Loc. Pianazzola :

Dettagli

LINEA SOFFITTO ECO GIPS C G031

LINEA SOFFITTO ECO GIPS C G031 ECO GIPS C G031 Conducibilità termica dichiarata EN12667 W/mK λd 0,030 Resistenza termica dichiarata 40 EN12667 m²k/w Rd 1,300 Resistenza termica dichiarata 50 EN12667 m²k/w Rd 1,650 Resistenza termica

Dettagli

SEMINARIO TECNICO ITINERANTE SOLUZIONI ECOBIOCOMPATIBILI PER L ISOLAMENTO ED IL COMFORT TERMOACUSTICO DELL INVOLUCRO EDILIZIO

SEMINARIO TECNICO ITINERANTE SOLUZIONI ECOBIOCOMPATIBILI PER L ISOLAMENTO ED IL COMFORT TERMOACUSTICO DELL INVOLUCRO EDILIZIO SEMINARIO TECNICO ITINERANTE SOLUZIONI ECOBIOCOMPATIBILI PER L ISOLAMENTO ED IL COMFORT TERMOACUSTICO DELL INVOLUCRO EDILIZIO A cura di: www.casariedilservice.it COSE IL CELENIT? MATERIE PRIME IL CELENIT

Dettagli